Caratteristiche generali tempi dell'impero persiano (538 a.c.) "purim" Autore e ambiente storico Schema

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caratteristiche generali tempi dell'impero persiano (538 a.c.) "purim" Autore e ambiente storico Schema"

Transcript

1 Caratteristiche generali Il libro di Ester racconta una vicenda che sarebbe accaduta ai tempi dell'impero persiano. Alla fine dell'esilio (538 a.c.) molte famiglie ebraiche non erano ritornate in patria, ma erano rimaste nei territori dove erano state deportate. Qui sorgevano spesso contrasti con le popolazioni locali, perché gli Ebrei seguivano usanze e modi di vivere diversi dagli altri. Spesso queste rivalità sfociavano in vere e proprie persecuzioni. Il libro di Ester parla appunto del successo ottenuto dagli Ebrei in una di queste. Ester, una ragazza ebrea, fu presa in sposa dal re di Persia e divenne regina. In quel tempo il primo ministro persiano, Aman, per rivalità contro un funzionario ebreo, aveva organizzato una persecuzione antiebraica. Ester riuscì a ottenere dal re che gli Ebrei potessero resistere con le armi. La data del loro sterminio era stata fissata da Aman estraendola a sorte. Ma, per merito di Ester, la situazione si capovolse e il giorno sorteggiato vide il trionfo degli Ebrei sui loro persecutori. A ricordo di questo evento - dice il finale del libro - fu istituita una festa, chiamata dei "purim" cioè delle "sorti", che gli Ebrei celebrano in primavera. Autore e ambiente storico Secondo alcuni studiosi, il libro di Ester fu scritto verso la fine del Il secolo a.c. Il suo scopo è quello di infondere coraggio negli Ebrei, invitandoli, quando sono perseguitati con violenza e senza ragione, a tentare ogni via umanamente possibile per difendersi. L'aiuto di Dio non è escluso (vedi 4,14), ma il libro incoraggia soprattutto l'impegno umano di resistenza. Ricorda agli Ebrei, che in quel tempo avevano perduto ogni speranza di indipendenza, il diritto alla libertà alla difesa della loro identità. Ma la vicenda narrata fa anche riflettere su dramma della violenza che genera violenza. Schema - Antefatto:Vasti offende il re Assuero cap. 1 - Ester diventa regina di Persia 2,23 - Aman decide la rovina degli Ebrei 3, Ester ottiene dal re la salvezza degli Ebrei 4,1-6,1 - Il trionfo degli Ebrei 7,1-10

2 Personaggi: - Mardocheo, lo zio di Ester (lavorava a corte del re) - Ester (nome ebraico: Adassa, mirto) - Assuero, il re persiano successore di Nabucodonossor - Aman, promosso dal re a più alta carica dell Impero Capitolo 2 (Ester nell harem del re) A quel tempo abitava in Susa un Ebreo della tribù di Beniamino, di nome Mardocheo, discendente di Iair, di Simei e di Kis. 6 Era uno di quelli che il re di Babilonia Nabucodonosor aveva deportato da Gerusalemme insieme con il re di Giuda Ieconia. 7 Egli era il tutore di una ragazza, orfana di padre e di madre, figlia di un suo zio. Il nome della ragazza era Adassa, ma tutti la chiamavano Ester. Essa era bellissima e affascinante. Dopo la morte del padre e della madre, Mardocheo l'aveva presa con sé come una figlia. 8 Quando fu dato l'ordine di radunare a Susa ragazze per l'harem, anche Ester fu portata a corte e affidata a Egai, il sorvegliante delle donne. 9 Ester gli piacque molto e conquistò le sue simpatie. Egai le diede subito l'occorrente per curare la sua bellezza, le assegnò un trattamento speciale, le mise a disposizione sette serve, scelte fra le migliori della corte, e la sistemò con loro nella parte più confortevole dell'harem. 10Ester non aveva detto che era Ebrea e non aveva parlato della sua famiglia, perché Mardocheo le aveva ordinato di non dire niente. 11 Lui poi passava ogni giorno davanti al cortile dell'harem per sapere come stava Ester e se la trattavano bene. 12 Secondo il regolamento dell'harem, ogni ragazza andava dal re Assuero quando era il suo turno, alla fine di dodici mesi di preparazione. Per sei mesi doveva fare massaggi con olio di mirra, per altri sei doveva far uso d balsamo e altri cosmetici. 13 Quando finalmente la ragazza lasciava l'harem per andare da re, le venivano dati tutti gli ornamenti che chiedeva di portare con sé. 14 Andava alla sera la mattina ritornava in un altro reparto del l'harem diretto dall'eunuco di corte Saasgaz, i quale sorvegliava le donne che erano già stata con il re. Esse non tornavano più dal re; solo se una gli piaceva molto la mandava a chiamare per nome. 15 Quando venne il suo turno, Ester (figlia d Abicail, zio di Mardocheo che l'aveva adottata) prese soltanto quello che le aveva consigliato Egai, l'eunuco custode delle donne. Essa conquistava l'ammirazione di tutti quelli che li vedevano. Ester fu 16 condotta alla corte del re Assuero nel settimo anno del regno, nel decimo mese, o mese di Tebet. 17 Il re preferì Ester a tutte le donne che erano già state con lui. Essa conquistò la sua benevolenza e la sua simpatia più di ogni altra ragazza. Perciò il re le mise in testa il turbante regale e la nominò regina al posto di Vasti. In onore di 18 Ester il re fece un grande banchetto per tutti i principi e funzionari, proclamò un giorno di festa in tutte le province e distribuì molti doni con generosità regale. Capitolo 3 (Aman decide la morte degli ebrei) 2Per ordine del re tutti i funzionari in servizio a corte dovevano riverire Aman con la genuflessione e l'inchino. Solo Mardocheo non si inginocchiava e non si inchinava mai. 3 Gli altri funzionari di corte chiedevano a Mardocheo: "Perché trasgredisci gli ordini del re?". 4 Essi gli facevano questa osservazione tutti i giorni, ma lui non li ascoltava

3 dichiarandosi Ebreo. Allora lo denunziarono ad Aman per vedere se questa giustificazione era valida. 5 Aman vide che davvero Mardocheo non si inginocchiava e non si inchinava al suo passaggio, e si irritò moltissimo. 6 Quando seppe a quale popolo apparteneva Mardocheo, Aman non si accontentò più di volere la morte di lui solo, ma progettò di sterminare tutti gli Ebrei dell'impero insieme con lui. FILM: al minuto 57 Capitolo 5 (Ester invita a banchetto il re ed Aman) 1Tre giorni dopo Ester si vestì da regina e si recò nel cortile interno della reggia, davanti alla sala del trono. Il re era seduto su trono di fronte alla porta d'ingresso. 2 Appena vide la regina Ester, in piedi nell'atrio, fu beni impressionato dalla sua presenza e stese verso di lei lo scettro d'oro. Ester si avvicinò e toccò la punta dello scettro. 3 Il re le disse: - Ester, mia regina, che desideri? Avrai quel che vuoi, fosse anche la metà del mio regno. 4 Essa rispose: - Ti prego di accettare l'invito al banchetto che oggi ho preparato per te e Aman. 5Il re ordinò: - Avvertite subito Aman di prepararsi per l'invito di Ester. Così il re e Aman andarono al banchetto preparato da Ester. 6Mentre si bevevano gli ultimi bicchieri di vino il re disse: - Ester, chiedi quel che vuoi e l'avrai! Qual'è il tuo desiderio? Per farti contenta ti darei anche metà del mio regno! 7Ma Ester rispose: - Che cosa posso chiedere? 8 Se vuoi farmi piacere, o mio re, se proprio vuoi accontentarmi, ebbene, domani, tu e Aman tornate a banchetto da me. Ti dirò domani quel che desidero. (Aman vuole far uccidere Mardocheo ma mentre va dal re per dirglielo lo stesso re sta pensando come ringraziare Mardocheo per avergli salvato la vita) Capitolo 7 1 Il re e Aman andarono al banchetto della regina Ester. 2 Anche questa volta, alla fine del pranzo, il re domandò a Ester: - Mia regina, allora qual'è la tua richiesta? Quel che desideri te lo darò. Per farti contenta ti darei anche la metà del mio regno. 3 La regina Ester rispose: - Se mi vuoi accontentare e ti pare giusto, ecco quel che ti chiedo: salva la mia vita e la vita del mio popolo, perché ci hanno venduti e destinati allo sterminio! Se io e il mio 4 popolo fossimo venduti come schiavi, la cosa non sarebbe così grave. Non avrei disturbato il re, avrei taciuto. Ma c'è uno che ci vuole rovinare e far morire! 5Subito il re domandò a Ester: - Ma chi ha osato decidere una cosa simile? Dov'è quest'uomo? 6 - Eccolo! - rispose la regina. - Il nostro nemico, l'uomo che ci odia è il perfido Aman. Sotto lo sguardo del re e della regina Aman era sconvolto. Il re si alzò da tavola 7 infuriato e uscì in giardino. Aman capì che il re aveva ormai deciso di condannano e si fermò a supplicare Ester di salvargli la vita. 8 Ester era sdraiata sul divano. Aman le si era appena avvicinato quando il re rientrò nella sala. Lo vide e gridò: "Quest'uomo vuole

4 addirittura far violenza alla regina in casa mia, davanti ai miei occhi!". Con questa parola del re, Aman era ormai condannato. 9Un funzionario del re, un certo Carbona, aggiunse: "C'è di più: Aman ha fatto piantare in casa sua un palo alto venticinque metri. Voleva farvi impiccare Mardocheo, che aveva salvato la vita al re". Il re ordinò: "Impiccate Aman su quel palo!". 10 Così impiccarono Aman al palo che lui stesso aveva innalzato per Mardocheo e l'ira del re si calmò.

5 Insegnaci dunque a contar bene i nostri giorni, per acquistare un cuore saggio. Come molti grandi della storia, Ester si presenta come una figura molto umile, un'orfana ebrea vissuta durante la deportazione di Israele. In quattro anni la sua posizione cambia radicalmente ed Ester raggiunge il massimo del livello sociale: diventa la regina di una grande potenza mondiale, un ruolo che riesce a vivere saggiamente. Il racconto che troviamo nella Bibbia è ambientato al tempo delle guerre tra i persiani ed i greci nel palazzo suntuoso dell'impero persiano al tempo di Serse I ( a.c.). Arazzi di cotone finissimo, bianchi e viola, stavano sospesi, con cordoni di bisso e di porpora, ad anelli d'argento e a colonne di marmo. C'erano divani d'oro e d'argento sopra un pavimento di porfido, di marmo bianco, di madreperla e di pietre nere. Si offriva da bere in vasi d'oro di svariate forme, e il vino alla corte era abbondante, grazie alla liberalità del re. Tutto questo viene descritto nel libro di Ester 1:6-7. Grande è l'importanza data a questa donna: il suo nome viene citato nella Bibbia ben 55 volte. Il nome di nessun'altra donna è ripetuto così spesso. Soltanto Sara si avvicina; il suo nome appare come Sara 35 volte e come Sarai 16,. La regina che ha preceduto Ester si chiamava Vasti, una bella donna nobile che ha avuto l'audacia di contraddire un ordine irragionevole del marito. Durante una lunga festa nella quale aveva bevuto molto, il re Assuero ordinò a sette eunuchi di convocare la regina Vasti davanti a lui per far sfoggia di fronte ai principi della sua bellezza. Vasti rifiutò e il re ne fu irritatissimo... l'ira divampò in lui. Ma proprio il rifiuto di Vasti ha permesso l'entrata di Ester nella storia. La ragazza (allevata dal cugino Mardoccheo, un Beniaminita, addetto alle porte del palazzo del re) viene notata per la sua bellezza e condotta con le altre giovani vergini di bell'aspetto nell'harem del re, come aspirante al posto della regina Vasti. Tra tutte le ragazze radunate a Susa, probabilmente solo Adassa (nome ebraico di Ester) non adorava gli idoli. Istruita come una figlia da Mardoccheo probabilmente aveva conosciuto da lui le verità riguardanti l'iddio Altissimo, l'eterno. Una volta davanti al re, Assuero amò Ester più di tutte le altre donne. La ragazza trovò grazia e favore agli occhi di lui più di tutte le altre vergini. Egli le pose in testa la corona reale e la fece regina al posto di Vasti. Divenuta regina, il suo nome è stato cambiato da Adassa, (il mirto) in Ester (la

6 stella). E ben presto ha svolto un ruolo non comune nelle vite della sua gente, minacciata dalla distruzione. Ester si è dedicata, non al piacere, alle comodità ed ai lussi del più suntuoso palazzo del tempo, ma alle aspirazioni, alle speranze ed alle ambizioni della sua gente. Quando Ester è diventata regina, il re Assuero ignorava che fossa giudea, per lei fa una grande festa e sgrava di tasse i popoli dominati. Tutto questo perché è stato attratto dall'amabilità e dalla bellezza di Ester. Pensando a lei, possiamo supporre che in questo palazzo magnifico si muovesse con dignità e splendore, portando abiti d'oro, gioielli di ogni sorta che spiccavano tra i suoi capelli e accanto agli occhi raggianti dalla meraviglia per ciò che le stava capitando. Possiamo immaginare che presto ha ipotizzato di essere stata posta a tale condizione non a caso, ma per un grande scopo. La regina Ester ha guadagnato il favore della gente che la circondava, per: la sua saggezza, l'autocontrollo la capacità pensare ad altri prima che a se stessa. Nel frattempo Ester scoprire che Aman, il favorito del marito, odia la sua gente. Da scrittori ebrei moderni Aman è stato descritto come un tipico Hitler, pieno di odio al punto da ordire un diabolico piano per distruggere tutto un popolo solo per orgoglio ed ambizione personale. Di fronte alla malvagità di Aman si oppone ed agisce il coraggioso di Ester, pronta a difendere la sua gente anche a costo della propria vita. Ester è afflitta per lo scontro in corso tra lo Mardoccheo e Aman, ma si rende però conto che deve agire subito e con saggezza. Un messaggio da parte del cugino la mette infatti di fronte alla sua responsabilità: "Infatti se oggi tu taci, soccorso e liberazione sorgeranno per i Giudei da qualche altra parte; ma tu e la casa di tuo padre perirete; e chi sa se non sei diventata regina appunto per un tempo come questo?" (Ester 4:I4) Ester è risoluta: donna saggia e prudente, digiuna per tre giorni e coinvolge in questo non solo le sue serve, ma anche tutto il popolo ebreo che si trova nella città di Susa. Di fronte alla distretta tutto il popolo digiuna e, senz'altro anche se non è scritto, prega. Poi, Ester si prepara ad andare da suo marito per adoperarsi per la sua gente. Se il re, un uomo molto volubile, fosse stato di buon umore, ce l'avrebbe fatta, sennò, avrebbe potuto perdere oltre alla causa anche la sua stessa vita. Mentre Ester si preparata a comparire davanti al re, fa la dichiarazione più coraggiosa mai fatta da una donna nella Bibbia: "Se io debbo perire, che io perisca! " (Ester 4:16),

7 L'Eterno ricompensa l'abnegazione e l'ubbidienza. Tutto è nelle Sue mani; il piano di salvezza e la forza di compierlo viene solo da Lui. Ester è una donna coraggiosa, ferma ma soprattutto possiede una fede sincera e una dedizione alla causa della sua gente.

8

9 INTERVISTA ALLA PROF.SSA Cettina Militello STUDENTESSA: Ringraziamo la professoressa Cettina Militello per essere qui con noi. Ora introduciamo l'argomento con una scheda filmata. È una collocazione rigidamente definita quella della donna nell'antico Testamento? E rigidamente definita, entro i limiti di una cultura patriarcale, è la sua subordinazione all'uomo? D'altra parte, anche il Nuovo Testamento ha non poche ombre a questo riguardo. Suonano davvero inquietanti molte delle parole pronunciate da San Paolo nel tempo della sua predicazione. Una per tutte, perentoria come una sentenza, nella Prima Lettera ai Corinzi: "Capo della donna è l'uomo". Ma è lo stesso San Paolo, in un altro passo, a riconoscere "l'uguaglianza di natura e dignità dei due sessi": "Come la donna deriva dall'uomo, così l'uomo ha vita dalla donna". Nel racconto evangelico la presenza della donna è significativa, spesso rivelatrice. Non solo le donne sono al seguito della predicazione di Gesù, come si legge, ad esempio, nel Vangelo di Luca, ma diventano assolutamente fondamentali nei giorni della sua Passione e Resurrezione. Ai piedi della Croce, estrema compagnia del Cristo in agonia, c'è un piccolo gruppo di donne. Queste testimoni della Passione di Gesù custodiscono le sue ultime parole, raccolgono il suo grido: "Dio mio! Dio mio! Perché mi hai abbandonato?". E, come racconta il Vangelo di Giovanni, è a Maria di Magdala, prima di chiunque altro, che appare il Cristo Risorto: "Donna perché piangi?". Dunque, l'interrogazione sul posto delle donne nelle Sacre Scritture non finisce, al contrario si arricchisce di nuovi problemi, di nuove domande, e di nuovi contributi. Quelli, ad esempio, di un'esegesi e di una teologia femminile che va ripensando la collocazione della donna nella Bibbia e soprattutto il suo posto nella comunità cristiana. STUDENTESSA: Quanto, secondo Lei, questa figura della donna così sottomessa, che emerge dalla Bibbia, ha influenzato la cultura moderna e soprattutto ha legittimato l'atteggiamento di alcuni uomini nei confronti delle donne. MILITELLO: Bisogna rovesciare la domanda, perché il fatto religioso non condiziona la cultura. È piuttosto la cultura all'interno della quale si vive il fatto religioso. E allora, se mai, dal mio punto di vista, l'esperienza religiosa ha pagato un eccessivo tributo ad una cultura androcentrica e patriarcale. Detto altrimenti, noi potremmo pensare che la subordinazione e la soggezione della donna dipende da quanto la Scrittura afferma. La Scrittura traduce quello che è la considerazione culturale che della donna si ha in quel determinato tempo. Difatti a una lettura più attenta si constaterà come sovente la Scrittura contraddice la cultura e apre delle interpretazioni, delle prospettive di lettura, che poi sono quelle sulla cui base, speriamo, prima o poi, secondo gli antropologi da qui a un trecento anni, se la tendenza non subisce mutazioni, finalmente dovremmo arrivare ad una parità tra uomo e donna.

10 STUDENTESSA: Possiamo individuare delle tipologie femminili ricorrenti nell'antico Testamento? MILITELLO: Certamente. Nell'Antico Testamento noi abbiamo fondamentalmente una tipologia che si iscrive nelle cosiddette strutture di "mediazione salvifica", cioè all'interno dell'esperienza del popolo d'israele abbiamo alcune figure che sono chiamate ad esercitare la profezia, la regalità, il sacerdozio. Fatta eccezione per il sacerdozio, che non prevede neanche il vocabolo femminile, abbiamo profetesse e abbiamo regine. La figura più interessante è quella delle profetesse, il che sta a dire che la gratuità dello spirito, che sta a monte della profezia, viene elargita, come dice la Bibbia - e vuole dire su tutte le persone, senza distinzione - viene elargita "a suon di carne". La Scrittura usa il termine "carne" (basar), per dire la totalità dell'essere umano. Però un capitolo molto interessante, per quanto riguarda l'antico Testamento, è dato dalle matriarche, queste figure singolari delle compagne dei patriarchi, la cui epopea la Bibbia ci narra, e che acquisiscono un ruolo di vere e proprie protagoniste, soprattutto nel passaggio che va da Abramo a Giacobbe. Queste donne contano. C'è la stupenda figura di Sara, la mamma di Isacco, la quale addirittura ci testimonia quell'ironia che la letteratura contemporanea riconosce come caratteristica delle donne del porsi nei confronti del reale. E Sara ha il coraggio di ridere. Ormai è in menopausa, le dicono che aspetta un figlio, giustamente dice: '"Ma questo è matto!" e ride tranquillamente. Quindi non figure ingessate, ma figure capaci, appunto, di ridere di se stesse: "Il mio Signore verrà da me, adesso che sono così vecchia, così avanti negli anni, che il mio grembo ormai è sterile?". Per dire, questa capacità di autoleggersi, con tutta franchezza, appunto con ironia. Così come è interessantissima la figura di Rebecca, che, prediligendo il figlio Giacobbe, fa passare su di lui la linea della primogenitura. E, diciamo, meno forti delle matriarche, ma riconducibili a questo ruolo di partnership, troviamo anche altre donne all'interno della Scrittura. La stessa cosa potremmo dire proiettandoci anche nel Nuovo Testamento, anche se le tipologie sono meno chiare e meno evidenti. STUDENTESSA: Quali sono le novità introdotte dal Nuovo Testamento? C'è una rottura con la visione passata? MILITELLO: Allora, la rottura c'è, però bisogna mettersi nell'ottica delle diverse fasi che ci testimonia lo stesso Antico Testamento. Io ho una mia teoria: cioè i momenti di fondazione o di rifondazione del fatto religioso sono sempre nel segno di una partnership, mentre la codificazione "legalistica", comporta la rottura di questa partnership, che poi è quello che vediamo anche nei momenti forti dell'umanità, non so rivoluzioni, guerre. Nel momento forte o rifondativo dell'ethos di un popolo, uomini e donne stanno a fianco, poi, appena si finisce, si esce dall'emergenza, gli uomini si riprendono il posto che, secondo loro, è loro dovuto. Quindi bisognerebbe, nell'antico Testamento, verificare come va cambiando in realtà questo modello. Non è un modello univoco. Certamente nella fase che prepara il Nuovo Testamento, negli ultimi libri dell'antico Testamento, malgrado emergano dei modi femminili di dire Dio, per esempio la sapienza, per esempio lo spirito, tutte e due sono termini femminili nel lessico di Israele, diciamo che le donne ormai sono ingessate in tutta una rete di

11 precetti che veramente le chiudono e impediscono loro una soggettualità dal punto di vista religioso. Pensate, per esempio, che nella prassi della Sinagoga le donne stanno separate dagli uomini e non è qualcosa che abbiamo inventato adesso, ma è qualcosa appunto di originario nel segno di questa separzione. Quello che Gesù innova è il fatto che - ma qualcosa del genere avviene nel giudaismo extratestamentario, per esempio, a suo modo, anche nelle comunità esseniche - accetta le donne alla sua sequela. Noi sappiamo, è stato ricordato nella presentazione, il testo di Luca: 8; 1-3, che c'erano delle donne che lo seguivano, ma queste donne che lo seguivano, non soltanto prestavano, diciamo, il supporto che le donne, soprattutto ricche, prestavano alle strutture religiose ebraiche - una sorta di protettorato, erano degli sponsor, mettevano a disposizione mezzi, eccetera -, ma queste donne partecipano proprio del ministero, soprattutto del ministero galilaico, cioè dell'incedere di Gesù, predicando il regno di Dio, per le strade della Galilea. E queste donne salgono con lui a Gerusalemme e poi, soprattutto nei fatti della Passione e della Resurrezione, noi vediamo emergere la parità di queste donne. Se vogliamo poi riandare ad uno schema e dire, così, in un modo molto sintetico, che cosa Gesù innova, sono tre i tabù che Gesù praticamente demolisce: il tabù dell'impurità sessuale. Credo che sappiate che una donna mestruata era considerata impura. La legge regolava rigorosamente i rapporti. Sappiamo tutti, uomini e donne, quanto sia utopico il modello di una donna perfettamente regolare. Quindi pensate di quanti problemi, non solo a livello di sfera religiosa, ma anche a livello di sfera familiare e civile, comportasse una donna che era in condizione di impurità. Non poteva far da mangiare, non poteva avere rapporti anche verbali. Quindi dal punto di vista del rapportarsi era il caos. E l'episodio dell'emoroissa, detta così per pruderie, in realtà è una donna che ha perdite di sangue, e il fatto che la potenza di Gesù la guarisca sta a significare che questo tabù è spezzato. L'altro tabù è quello della minorità della donna. Tutto il mondo antico ha considerato la donna nel segno della imbecillitas, per usare una parola latina, o astenia, come la chiamano i Greci. La donna è fragile, è debole, eccetera, eccetera. Lo è per natura. Bene, le donne che stanno con Gesù, dimostrano che non sono fragili né dal punto di vista intellettuale, né dal punto di vista fisico, visto che compartecipano questa vita, che è quella di un gruppo carismatico, di un gruppo che procede senza particolari comfort, o senza particolari "riguardi" per le donne. E poi infine vede riconosciuta la soggettività giuridica delle donne. Le donne nel mondo ebraico non potevano rendere testimonianza. E paradossalmente ad esse si mostra il Risorto dicendo:"andate a dire a ai fratelli, ai discepoli, l'evento della Resurrezione". Per cui diciamo che la triplice sfera della minorità femminile, nell'atteggiamento di Gesù di Nazareth, è completamente sconfitta. Un'altra cosa molto simpatica ci viene dal linguaggio che usa Gesù. Per esempio, proprio ieri, mentre mi occupavo di un'altra cosa, riflettevo sulla Parabola della chioccia. Gesù dice a un certo punto di avere voluto radunare Israele come la chioccia fa con i suoi pulcini: una immagine poverella, addirittura indecorosa per un profeta, per un rabbi. Cioè, voglio dire che il linguaggio di cui si serve Gesù è un linguaggio che attraverso le parabole assegna una soggettualità alle donne e addirittura arriva a servirsi di metafore femminili, pure risibili e discutibili, visto che la chioccia non è esattamente un paradigma con il quale si stabilisce normalmente un confronto, un paragone.

12 STUDENTESSA: Come possiamo interpretare il fatto che il primo miracolo di Gesù alle Nozze di Cana, secondo il Vangelo di Giovanni, sia stato sollecitato proprio da una donna? MILITELLO: Il racconto delle Nozze di Cana è un racconto enormemente complesso, dove la teologia biblica, che mette al centro dell'episodio la figura di Maria, costruendo, così, il tema del ruolo della Madre di Gesù. Infatti, l'episodio comincia con il verso iniziale: "E c'era la madre di Gesù". Però, in realtà, il brano di Cana è uno dei più interessanti perché mostra il superato contrasto uomo-donna. Quelle di Cana sono le nozze che il Messia, il Re, stringe definitivamente con il suo popolo. Allora noi abbiamo Maria, la Madre, gli sposi per i quali si fa la festa, a cui Gesù, che non è una persona di quelle allampanate, non è un'asceta alla maniera di Giovanni, va con i suoi discepoli e quindi partecipa alla loro gioia. Però, in questo gioco di protagonisti reali, c'è anche il gioco di protagonisti simbolici, e cioè il popolo di Dio, che è il nuovo popolo che partecipa al banchetto messianico, gioisce del vino, che è segno della gioia delle nozze e Gesù che ripropone la figura veterotestamentaria di Dio come sposo di Israele. Intendiamoci, non è che tutto sia così pacifico, perché l'immagine delle nozze è una immagine ambigua, perché la cultura patriarcale elegge la donna nel segno della soggezione. Però, per il momento, fermiamoci a considerare il fatto gioioso, perché anche in una cultura di soggezione, le nozze sono sempre un fatto di gratuità e di dono. C'è una poesia delle nozze che la Bibbia attesta. Pensate, per esempio, al Cantico dei cantici. Comunque, in particolare, lì c'è Maria che Giovanni interpreta, sì, come la madre di Gesù, ma soprattutto come simbolo della comunità messianica, come simbolo della chiesa, e interloquisce con lui. Ed è molto bello questo dialogo tra personaggi, che apparentemente non parlano tra di loro o addirittura che non si comprendono. Gesù usa addirittura quell'espressione forte, che, per quanto ci si sforzi di interpretare, rimane sempre di una crudezza pazzesca: "Che cosa c'è tra me e te, o donna?". In realtà il problema di Gesù è che non vuole ancora dare inizio, non vuole svelare la sua identità di Messia. Ma il tempo è pronto. E Maria di Nazareth viene scelta da Giovanni proprio per significare - come devo dire - l'elemento catalizzante, dirompente, quello che quasi costringe Gesù ad operare il primo dei due segni. Difatti, malgrado apparentemente Gesù sembra aver deciso di andare per la sua strada, poi, di fatti, fa quello che la Madre gli chiede, cioè venire incontro, pensate, ad un bisogno minimo, perché che il vino ci fosse o non ci fosse, visto che avevano già bevuto abbondantemente, poteva pure sembrare un piccolo dettaglio, ma non nella compiutezza della gioia, non nella compiutezza delle nozze messianiche, nelle quali il vino che, per la sua trasformazione, per la sua fermentazione, simboleggia la presenza dello spirito, viceversa è necessario, ed è necessario in grande quantità. STUDENTESSA: Le citazioni di San Paolo, nelle Lettere, non fanno un passo indietro rispetto alla nuova visione espressa nel Vangelo da Gesù? MILITELLO: Allora, consentitemi una premessa, che, se fatta con termini tecnici, sarebbe un poco complicata, quindi la faccio in modo più semplice. Noi non dobbiamo metterci davanti alla Scrittura - probabilmente lo sapete già -

13 leggendola in modo piatto. Ma nella Scrittura vanno ricercate quelle che chiamiamo "le tradizioni", cioè le diverse fasi compositive, la stratificazione del testo. È un lavoro che ormai facciamo anche con i testi classici. Bene, questa lettura delle tradizioni ci mette di fronte, nel Nuovo Testamento, ad una constatazione, che vale, in parte, anche per l'antico Testamento: c'è quella che potremmo chiamare una tradizione delle donne, che i testi non sempre recepiscono così come ci sono giunti. Però, siccome le donne ci sono sempre state e per quanto si prova a cancellarle, non ci si riesce a cancellarle del tutto veramente, allora, ad un esame più attento, noi scopriamo queste tradizioni delle donne, che poi sono quelle che ci hanno tramandato, per esempio, gli episodi della Passione, della Resurrezione, e così via. Per quanto riguarda Paolo intanto noi ci troviamo non ad un corpo, che è scritto dalla medesima persona, ma ci troviamo di fronte, ad un crescendo di fasi che ci mettono dinanzi un primo periodo, un secondo periodo e un periodo addirittura postpaolino, che è quello de Le lettere pastorali. Allora noi abbiamo attestato il momento nel quale Paolo è testimone della parità di uomini e donne, di quella che si chiama con parola propria la partnership missionaria, cioè uomini e donne sedotti dall'annuncio di Gesù, convinti che Gesù è risorto, e insieme testimoniano lo zelo per il Vangelo, la passione per il Vangelo. Per esempio, che queste donne ci fossero e fossero importantissime lo troviamo al Capitolo XVI della Lettera ai Romani, che non soltanto ci raccoglie un elenco straordinario di donne, ma per queste donne degli aggettivi, delle espressioni di stima, che, se fossero state dette per maschi, li avrebbero fatti considerare dei personaggi eminentissimi della Chiesa delle origini. A questa fase, che è quella in fondo sintetizzata dalla Lettera ai Galati Capitolo 3,versetto 28: "In Cristo Gesù non c'è più né giudeo né greco, né schiavo né libero, né uomo e donna", noi abbiamo il manifesto della libertà cristiana, della parità cristiana. Tra l'altro, una cosa molto interessante è che nella Scrittura uomo e donna sono espressi con tre termini diversi. Abbiamo un termine che è quello, si dice, eziologico, cioè spiega il significato del nome: Eva, madre dei viventi, Adamo il terroso. C'è quello che io dico indica l'identità di sesso ed è il nome con il quale la Scrittura dice la conformazione: la donna è la perforata, l'uomo è il puntuto. Quindi più chiaro di così si muore. Bene, in Galati 3; 28, Paolo usa proprio questo termine, che fa riferimento, diciamo, al discorso della morfologia sessuale. C'è ancora un'altra distinzione nominale, che è quella che io chiamo della identità di genere, ed è uomo - "uoma"(ovvero, alla lettera: "uomo dalla forma femminile"), ossia, in ebraico, la distinzione 'ish - 'ishsha che, nel linguaggio di Paolo, nella fattispecie, viene ad essere tradotto allorché Paolo parla dell'uomo come ahnèr o come antropos. "Antropos" è il termine più totalizzante. Dunque in Galati 3; 28 abbiamo indicato il discorso della identità sessuale con una piccola variante. Mentre prima è detto "né... né", "né greco né giudeo, né schiavo né libero", la differenza, secondo Paolo, rimane: "Né... e". Abbiamo un uch - 'hai, cioè viene sancito il principio che non si dissolve la differenza, ma la differenza rimane a significare in fondo il dono fondamentale che l'uomo e la donna sono l'uno nei confronti dell'altro nel piano di Dio. Questo orizzonte che accetta la differenza, anche se poi la argomenta secondo queste forme, se vogliamo, pittoresche, cede invece in un'ulteriore periodo, che è quello nel quale la comunità cristiana accetta il modulo culturale dominante. Lì arrivano i brani che abbiamo visto scorrere e che forse sono quelli sui quali ci sarà ancora

14 qualche altra domanda. Non vorrei anticiparvi. Se viceversa, non ci sono domande, relative alle frasi di Paolo, circa la soggezione della donna, allora, se volete, posso anche continuare con questo discorso. Ho visto scorrere tra le tante frasi quella che dice che la donna viene dall'uomo e che l'uomo è il capo della donna. Paolo sta seguendo un'interpretazione rabbinica, che si lega alla lettura di Genesi 1 e 2. Genesi 1 dice: "A immagine di Dio lo creò, maschio e femmina li creò". E dunque mette di fronte la differenza di genere nella reciprocità ed è stupendo. Mentre il testo di Genesi 2 racconta questa fatica di Dio che prima plasma l'uomo, poi l'uomo non trova reciprocità, gli animali sono tutti accoppiati, lui dà loro il nome, ma non trova uno che gli sia simile. Allora la narrazione dell'operazione chirurgica, dal suo porre su Adamo e dell'uomo tratto dalla costola. Bene, non si sa perché, nella interpretazione il primo racconto, che è molto bello, molto liturgico, molto ottimistico - ritorna continuamente il tema del bello e del buono -, è stato messo da parte, mentre si è tutto costruito su questo secondo, tra l'altro immaginando che, per il fatto che Eva è stata creata per seconda, per ciò stesso, sia, per natura, sottoposta all'uomo. In realtà si è proiettato nel racconto quello che era la presunzione che l'uomo aveva di sé. Difatti esiste - ed è simpaticissima - una cosiddetta tradizione alternativa, che per esempio troviamo anche in Ambrogio di Milano, che sostiene che la donna invece è superiore all'uomo, perché l'uomo è stato fatto dalla terra, la donna è stata fatta dalla carne di Adamo. Adamo fu creato fuori dal giardino, Eva è stata creata nel giardino, eccetera, eccetera. Vi risparmio per dire come lo stesso fatto si prestava a interpretazioni diverse. E comunque Paolo assume questa che è una delle interpretazioni rabbiniche relative al rapporto uomo e donna. STUDENTESSA: "Le donne sono sotto la croce del Golgota": è una donna che annuncia la Resurrezione. Non crede che nella storia della Chiesa la donna abbia un po' perso in qualche modo questa sua centralità? MILITELLO: Allora, la centralità dello stare al Golgota le donne non l'hanno persa. Sono crocifisse e stanno con i crocifissi. Vedevo pocanzi, le abbiamo viste insieme, le stupende immagini della madre di Pasolini, perché sapete che il regista scelse la madre per interpretare Maria ai piedi della croce. E proprio mentre guardavo le immagini pensavo che era una sorta di anticipazione di quello che questa donna avrebbe poi sofferto quando, anziana, avrebbe dovuto vedere il figlio morto tragicamente. Il Golgota le donne non lo hanno perso. Lo hanno però, forse, ricevuto nella sua negatività, cioè nel peso di dolore, non nella speranza di resurrezione che comporta. Quanto alla resurrezione, beh, forse, di annunciare alla resurrezione hanno perso o per lo meno è difficile che ci ricordiamo di loro come annunciatrici di resurrezione. Esco fuori dalla donna nella Bibbia. Voglio dire che noi facciamo tutta una retorica della donna e della vita, però, in realtà, non siamo poi coerenti. Ancora quindici giorni fa ascoltavo a Roma Rigoberta Manciù, che narrava della strage che ha subito il suo popolo, in particolare la sua famiglia. Ed era un moltiplicarsi di croci. Certo una donna come Rigoberta Manciù a questo punto è anche figura dell'annuncio della resurrezione. Con ciò voglio dire che purtroppo la retorica della vita, retorica, spesso finisce con l'essere una sorta di catena, obbligata per le donne, le circoscrive alla cura del corpo altrui e non assegna loro una soggettualità di

15 parola, una soggettualità di testimonianza, una soggettualità che incida nella storia. Allora, a me va bene che ci siano state le donne al Golgota, tanto più che tutti registrano che gli uomini se l'erano battuta e che stavano a guardare da lontano, tranne Giovanni, che ovviamente colloca se stesso ai piedi della croce, nel dialogo tra lui, Gesù e nell'affidamento a Maria. Ma è l'unico racconto nel quale sappiamo della presenza, diciamo, di un maschio ai piedi della croce. Per quanto riguarda la resurrezione credo sia rimasta come regola l'attitudine dei discepoli che le prendono per matte. Dicono: "Il dolore ha fatto loro perdere il senno". Vaneggiano, hanno visto un fantasma. Mi piacerebbe molto, non soltanto come lettura della Scrittura, ma come traduzione quotidiana della Scrittura, che le donne non incarnassero soltanto il dolore, dello stare ai piedi della croce, ma fossero anche, significativamente e incisivamente, testimoni, banditrici della Resurrezione. STUDENTE: Ma in che cosa si differenziano le altre confessioni cristiane rispetto alla visione della donna nelle gerarchie ecclesiastiche? Ad esempio, nella Chiesa Valdese, la donna non ha un ruolo fondamentale? MILITELLO: Allora, è già stato detto qual è la differenza. Il ruolo fondamentale è quello del ministero. La Chiesa Cattolica ritiene, per antica e veneranda tradizione, che le donne non siano state chiamate da Gesù a far parte del gruppo dei dodici e dunque, a seguire, del gruppo dei successori dei dodici, e cioè degli apostoli, i vescovi e i loro collaboratori, i presbiteri. Per le chiese evangeliche che, all'epoca della Riforma, hanno negato la sacramentalità istituzionale del ministero - episcopato, presbiteriato, diaconato -, non è stato poi così difficile, sia pure dopo secoli, mutata la condizione culturale, riconoscere le donne come soggetti capaci del pastorato. Ma il pastore non è nella comunità protestante, quello che il presbitero è nella comunità cattolica. Il pastore è un fratello tra i fratelli, anche se c'è un rito di ordinazione, che in qualche modo lo mostra alla comunità in questo suo ruolo. La teologia cattolica legge altrimenti la teologia del sacerdozio. E dunque è questa la differenza fondamentale. Però consentitemi di notare che, anche per quanto riguarda le chiese protestanti, sono arrivate in questo nostro secolo ad ammettere le donne al pastorato, cioè nel momento in cui, con il femminismo e con le sue rivendicazioni, con l'acquisizione alle donne di diritti civili, è obbligatoriamente cambiata anche la contestualità culturale. In particolare la Chiesa Valdese ha messo le donne al pastorato solo dopo la Riforma del Diritto di famiglia, perché, sino a quando stava scritto, nella nostra legislazione, che la moglie segue il marito là dove egli decida di porre la sua residenza, Voi capite bene che mancava la condizione perché una donna potesse essere pastore. Nel momento in cui non è stato fatto più obbligo ai coniugi di avere la medesima residenza e non è più vincolante l'opinione del marito relativamente a questo fatto, allora anche le comunità valdesi, che sono state tra le ultime, peraltro, hanno ammesso le donne al pastorato. La chiesa antica - ed è biblica la figura - ha conosciuto le diaconesse, cioè delle donne le quali non sappiamo bene che ruolo svolgessero nella comunità. Proprio la Lettera ai Romani comincia citando una diaconessa. Non sappiamo quale fosse esattamente il ruolo di queste figure, diaconi e diaconesse, nel Nuovo Testamento, e facciamo anche fatica a capire il ruolo di questi diaconi e diaconesse, poi, nelle comunità dei padri. Di

16 certo - ed è interessante -, il diacono, alla lettera, è colui che serve, il servitore. Quando scompare il diaconato maschile scompare anche il diaconato femminile. E nella storia del cattolicesimo molto presto esiste un solo ministero, che è quello presbiterale, e lo stesso vescovo è differente dal punto di vista - come devo dire - giuridico, non dal punto di vista del sacramento ricevuto. Tutto questo sarà poi, in parte, cambiato dal Concilio Vaticano II. STUDENTE: Possiamo sostenere che la Chiesa Cattolica abbia avuto uno sviluppo misogino nei confronti delle donne? Come e quando è accaduto? MILITELLO: La Chiesa Cattolica è un campione storico di misoginia come lo sono altre religioni, che esistono sulla faccia della terra. Ho detto prima che il problema è quello della cultura, e la Chiesa si adegua alla cultura, interpreta la cultura. È molto difficile che la Chiesa viva in un rapporto conflittuale con la cultura. Tra l'altro non dovete intendere qui cultura come lo sto usando, nel senso in cui abitualmente lo si intende, di persone colte o di tendenza. Dovete intenderlo nel senso antropologico-culturale, cioè come insieme organico di temi, modelli e istituzioni. La Chiesa si esprime nelle forme della cultura. Pensate, per esempio, che, quando, diventando il Cristianesimo religio licita, viene meno la religione pagana, le insegne dei sacerdoti pagani passano quasi immediatamente e naturalmente ai vescovi. Le prerogative che quella determinata classe aveva nell'impero Romano diventano le prerogative della nuova classe. Quindi questo deve esser chiaro. Bisogna dire che il Cristianesimo ha una sua parola colta, irresolubile aporia, cioè è contraddittorio, perché mentre nega alle donne una visibilità, un protagonismo sul piano della storia, riconosce l'assoluta parità di uomini e donne sul piano della grazia. Ed è qui che il discorso fa corto circuito, perché proprio la citazione di Galati 3; 28 : "In Cristo Gesù non c'è più né uomo né donna", sta a significare che, di fronte alla redenzione, alla salvezza, che poi è la grande categoria interpretativa del Cristianesimo, come di ogni fenomeno religioso, non c'è differenza tra uomini e donne. Le donne hanno salvezza né più né meno come ce l'hanno i maschi. E, siccome per i cristiani la salvezza è diventare Cristo, le donne diventano Cristo né più né meno come ci diventano i maschi. Per esempio, c'è una grossa differenza rispetto all'islam, che non considera la donna nella sua soggettualità religiosa. Anche Israele considerava la donna come soggetto religioso, anche se non gli dava una soggettualità religiosa pubblica. Però, a fronte di questa considerazione, che non c'è differenza in ordine alla grazia, la differenza c'è poi in ordine alla storia, per cui i grandi protagonisti saranno soltanto i maschi e le donne dovranno rosicchiarsi uno spazio fondamentalmente in due modi: attraverso la santità, o attraverso il riferimento al dono dello spirito. Saranno la mistica e la santità il banco di prova delle donne e il modo in cui le donne faranno la storia. Guardate che la fanno molto seriamente, perché tra l'altro la mistica e la santità sono anche esercizio di sapienza. Bisogna pure dire un'altra cosa. Voi siete ragazzi colti e dunque mi posso permettere queste battute: che senza il Cristianesimo probabilmente noi non avremmo avuto le donne soggetto di cultura, perché la forma che ci può sembrare più paradossale di segregazione femminile e di riproposizione della esclusione o del marchio iscritto nella loro sessualità - l'ascesi, la verginità, eccetera, eccetera -, diventa per le donne l'occasione di

17 vivere in una sorta di gineceo filosofico. Le donne studiano la Scrittura, le donne scrivono, commentano, talora predicano. C'è Ildegarde de Duby, che fu una grande predicatrice medioevale. Senza il Cristianesimo probabilmente questi lussi non se li sarebbero permessi. Paradossalmente, quando le donne nella storia della comunità cristiana escono dal chiostro e cominciano la vita attiva allora viene negata loro la scienza e la sapienza. La loro mistica diventa mistica di diavoli e di miracoli. Non so se mi sono spiegata. Cioè c'è una mistica che è di tipo sapienziale, è fatta, sì, di esperienza con Dio, ma di conoscenza di Dio. E, viceversa, c'è un'esperienza, che è quella del vedere da per tutto miracoloso, immaginoso, diabolico, eccetera eccetera. Ora noi dobbiamo, paradossalmente, alla misoginia culturale se le donne hanno messo a profitto tanta risorsa culturale. Oggi la situazione è, per grazia di Dio, molto diversa, ma non ci si può illudere che la partita sia vinta. Certo siamo lontani, almeno dalle forme invereconde di misoginia, che, ripeto, una cultura fondamentalmente misogina si poteva permettere. STUDENTESSA: Vorrei tornare al ruolo della donna nel Nuovo Testamento e chiederle come può essere vista e letta la figura di Maria, che da una parte può rappresentare comunque la prescelta, ma dall'altra, in quanto donna, è subordinata. MILITELLO: Sì, in effetti Maria è un bel rompicapo. Le teologhe femministe, quando scoprirono Maria, dissero che era una donna da liberare. Ci sono delle pagine molto belle di Catharina Alkes, una olandese, che è una sorta di grande madre delle teologhe europee, grande madre della teologia femminista, la quale proprio scrivendo: La teologia femminista, ne La teologia della liberazione, venne fuori con lo slogan che Maria era anzi tutto "una donna da liberare". In effetti quello che ci hanno detto di Maria e la Maria che ci hanno presentata è il massimo del nascondimento e della sottomissione. Quando io ero ragazzina libri di pietà parlavano del silenzio di Maria, dimenticando che Luca pone sulle sue labbra il Magnificat, cioè un lungo componimento, che sicuramente non l'ha composto Maria, ma il fatto che Luca glielo attribuisca dice una presa di parola, a parte che la costruzione letteraria di Luca, la vede dialogare con l'angelo per essere fatta convinta, mentalmente convinta di quello che le sta capitando. Allora bisogna liberarsi della figura della statuina o del santino Maria, perché francamente non ha nessun referente biblico. La Maria della sottomissione, della passività, la Maria, quella che va per la maggiore nei santini che corrono in certi ambienti pii, cioè vestita di bianco, col velo azzurro, gli occhioni grandi, tipo, non so, Barbie o non so chi, guardate, ecco, quella è la Barbie mariana, cioè questa Maria nascosta, di cui non si vede mai il corpo, per carità, la Scrittura non ci presenta assolutamente questa donna. Ci presenta una donna che il figlio tratta con durezza, che fa difficoltà a capire il figlio. "Che c'è tra me e te, o donna!" è una di queste. Gesù arriva a dire - e lo registrano Marco e Luca - che quegli è sua madre, quelli sono i suoi fratelli e le sue sorelle: "Quelli che fanno la volontà del Padre mio". E a chi dice: "Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha nutrito", dice ancora una volta:" Non beati questi, ma quelli che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica". Allora bisogna capire Maria come una donna, che vive un qualcosa di incomprensibile, al di sopra di quello che è compatibile con le regole, diciamo, della esistenza umana e che per di più, anziché essere, per

18 così dire, premiata, deve rinnegare la maternità, secondo la carne, per diventare madre e sorella al figlio nel discepolato. Luca presenta Maria come la perfetta discepola. Se vogliamo essere maliziosi, dobbiamo dire pure che per Luca le donne, perfette discepole, devono stare anche zitte. Ma lì entra lui in contraddizione. Sono dettagli nei quali cade anche un agiografo. Però, ripeto, quello che a noi importa adesso non è il discorso del silenzio, ma è il discorso del discepolato. Maria, come tutti i credenti, deve mettersi alla sequela del figlio. Questa è l'immagine di Maria, l'immagine teologica, che troviamo tanto nel Vangelo di Luca che nel Vangelo di Giovanni. Il Vangelo di Giovanni è apparentemente quello che dà a Maria il massimo del protagonismo, perché la pone all'inizio del Libro dei Segni e poi la pone lì nel contesto del Libro della Passione del Signore. Non è l'unica donna, ci sono anche altre donne, perché Giovanni usa le donne come figure prolettiche, cioè quello che sta per avvenire lo fa vivere simbolicamente attraverso figure femminili che precedono la scansione dei libri. Però, ripeto, sia Luca, con la sua concezione un po' strettina del discepolato femminile, sia Giovanni, che invece è molto femminista, perché ha un'enorme considerazione delle donne, della loro presenza nella Chiesa, concordano in questa figura di Maria come discepola. E, credetemi, è una cosa molto seria, perché il problema vero e forte non è quello dell'esser madre, ma è quello dell'essere discepola. Alla fin fine, Maria non ci mette niente. "Sì, d'accordo", dice il suo sì, tutto quello che volete, non voglio minimizzare la sua vocazione, ma, forse proprio per questo, diventa estremamente difficile accettare la sconfitta, accettare d'essere rinnegata nei suoi diritti di madre, accettare che questo figlio, anziché preoccuparsi di lei, se ne vada tranquillamente. Io sono convinta che Maria ha seguito Gesù e faceva parte del gruppo delle donne della sequela. In realtà noi troviamo Maria soltanto nel contesto della Passione. Non abbiamo una testimonianza della presenza di Maria durante il ministero. Comunque non è senza significato questa presenza di Maria, che è testimoniata dal Vangelo di Giovanni. Ammesso pure che sia teologia, diciamo non storia - d'altra parte la Scrittura non è mai storia -, ma quello che importa è il messaggio, ciò che il messaggio comporta. Quindi Maria è una figura positiva tutta da riscoprire, ma da riscoprire in questa sua genuina originalità. D'altra parte, guai se le donne si chiudessero nel carcere del loro grembo. Avremmo soltanto una funzionalità di tipo biologico. Anche la maternità come fatto personale importa una dialogia, un riconoscimento del rispetto del figlio. Se io non taglio il cordone ombelicale - ma davvero! - non ho diritto di interloquire con mio figlio. Il figlio va preso nella sua gratuità. Questa parabola umana è quella che Maria fa e proprio per ciò la comunità cristiana negli Atti degli Apostoli, 1; 14, la addita, mostrandola in preghiera con i discepoli altezza dello spirito come il modello della perfetta credente, che non è cosa da poco. STUDENTE: Volevo sapere se esiste una particolare ragione per cui la misoginia può sembrare una costante delle tre grandi religioni monoteiste. MILITELLO: Ripeto ancora: l'affermazione da cui sono partita è una costante perché da quando (secondo quelli che sostengono questa tesi) tribù che venivano dalla steppa hanno cambiato la nostra cultura, da matriarcale che era, in patriarcale, quello che ha dominato nella storia è il principio di una

19 supremazia del maschio, acquisita sul campo, non vi so dire di che, probabilmente del tipo di struttura e dunque di funzione, che egli esercitava per la sopravvivenza del gruppo umano. Le tre grandi religioni nelle loro contraddizioni attestano tuttavia, tutte indistintamente, compresa l'islam, ed è un'affermazione che faccio, diciamo, con sofferenza, visto quello che è il quadro e i problemi che oggi l'islam pone, tutte le religioni hanno germi di filogenia e hanno invece, fortemente emergente, soprattutto nei loro interpreti, questo filone di misoginia. Ma guardate che misogina è anche la cultura in cui viviamo. Occorre veramente promuovere una cultura inclusiva, una cultura della reciprocità. Bisogna veramente riconoscere l'altro nella reciprocità di genere. E, credetemi, non è una cosa così semplice. Chiudo con un aneddoto che mi riguarda. Prima di accostarci alla Comunione noi diciamo una preghiera, che abbiamo detto da tanto tempo, da quando è in italiano, ma era così in latino, con il genere maschile: "Signore non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma dì soltanto una parola ed io sarò salvato/a". Bene, io, Cettina Militello, la comincio al maschile e la finisco al femminile. Il che dice quanto per me stessa è difficile usare un linguaggio inclusivo. Il condizionamento culturale è molto forte. Bisognerebbe, con passione, trarre dalla Scrittura e dalle Scritture delle grandi religioni il messaggio di liberazione che esse realmente possiedono, ma che i detentori maschili della interpretazione delle Scritture stesse non hanno permesso lievitasse e fermentasse. Oggi abbiamo donne ebree che accostano la thorà con criteri di ispirazione femminista. Abbiamo donne musulmane che accostano il Corano con criteri parimenti ispirati al femminismo. Abbiamo, per grazia di Dio, teologhe cristiane che accostano l'antico e il Nuovo Testamento con nuove metodologie. È un piccolo tassello che, unito allo sforzo di filosofe, sociologhe, antropologhe, scienziate, eccetera, porta in sé il germe di una cultura finalmente rispettosa degli uomini e delle donne. Puntata registrata il 4 aprile 2001 Biografia di Cettina Militello Trasmissioni sul tema Leggere la Bibbia Leggere la Bibbia di Piero Stefani La Bibbia come racconto di Remo Ceserani Partecipa al forum "I contemporanei"

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Matrimonio e Divorzio

Matrimonio e Divorzio Matrimonio e Divorzio Dio creò l uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina (Genesi 1 :27). È evidente dal testo citato che Dio considera l uomo e la donna legati l uno all

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA DI RELIGIONE CATTOLICA Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento al termine

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME

PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME PROGETTAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I. C. di San Cipirello SCUOLA PRIMARIA C. A. Dalla Chiesa DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA CLASSI PRIME OBIETTIVI: Scoprire che per la religione cristiana

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 01/4/2013 LUNEDÌ DELL ANGELO Letture: Atti 2, 14. 22-23 Salmo 16 (15) Vangelo: Matteo 28, 1-15 NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN! Ci mettiamo alla Presenza del Signore,

Dettagli

CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO

CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO CREDENTI CHE FANNO SUL SERIO Dio è alla ricerca di credenti che fanno sul serio, credenti responsabili che prendano a cuore l opera di Dio, disposte a rinunciare, a dare il meglio di loro, persone disposte

Dettagli

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC)

Monastero S. Maria del Monte Carmelo Concenedo di Barzio (LC) Un colpo di frusta produce lividure, ma un colpo di lingua rompe le ossa. Tutto si può dire del libro del Siracide, tranne che non sia chiaro ed efficace nelle sue immagini: questa è forte. E non solo

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze.

DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI. Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. DOMENICA 2 NOVEMBRE 2014 COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI Beato Angelico, Giudizio universale, 1431 circa, Museo nazionale di San Marco, Firenze. La liturgia di oggi, con la commemorazione di tutti i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO SCIASCIA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BRISIGHELLA A.S. 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA PRIMARIA INTRODUZIONE L insegnamento della Religione Cattolica non si può ridurre ad una semplice

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 SCUOLA PRIMARIA: T. FALASCA PANTANO INSEGNANTI : GIAPPECHINI STEFANIA, DI MURRO MARTA CLASSE PRIMA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE

Dettagli

Quarta Domenica del Tempo di Avvento / b

Quarta Domenica del Tempo di Avvento / b sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 18 dicembre 2011 Liturgia delle ore della quarta settimana Quarta Domenica del Tempo di Avvento / b Il Vangelo nella tua casa-luca:

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola!

per il solo crimine di desiderare che la Bibbia fosse tradotta nella lingua del suo paese. Dio ha sempre protetto la Sua Parola. Studiamola! Che cos'è la Chiesa Gesù disse: "Edificherò la mia chiesa" (Matteo 16:18).Cosa intendeva dire parlando di "chiesa"? Che significato aveva questa parola per i discepoli? Avrete notato che la parola chiesa

Dettagli