Caratteristiche generali tempi dell'impero persiano (538 a.c.) "purim" Autore e ambiente storico Schema

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caratteristiche generali tempi dell'impero persiano (538 a.c.) "purim" Autore e ambiente storico Schema"

Transcript

1 Caratteristiche generali Il libro di Ester racconta una vicenda che sarebbe accaduta ai tempi dell'impero persiano. Alla fine dell'esilio (538 a.c.) molte famiglie ebraiche non erano ritornate in patria, ma erano rimaste nei territori dove erano state deportate. Qui sorgevano spesso contrasti con le popolazioni locali, perché gli Ebrei seguivano usanze e modi di vivere diversi dagli altri. Spesso queste rivalità sfociavano in vere e proprie persecuzioni. Il libro di Ester parla appunto del successo ottenuto dagli Ebrei in una di queste. Ester, una ragazza ebrea, fu presa in sposa dal re di Persia e divenne regina. In quel tempo il primo ministro persiano, Aman, per rivalità contro un funzionario ebreo, aveva organizzato una persecuzione antiebraica. Ester riuscì a ottenere dal re che gli Ebrei potessero resistere con le armi. La data del loro sterminio era stata fissata da Aman estraendola a sorte. Ma, per merito di Ester, la situazione si capovolse e il giorno sorteggiato vide il trionfo degli Ebrei sui loro persecutori. A ricordo di questo evento - dice il finale del libro - fu istituita una festa, chiamata dei "purim" cioè delle "sorti", che gli Ebrei celebrano in primavera. Autore e ambiente storico Secondo alcuni studiosi, il libro di Ester fu scritto verso la fine del Il secolo a.c. Il suo scopo è quello di infondere coraggio negli Ebrei, invitandoli, quando sono perseguitati con violenza e senza ragione, a tentare ogni via umanamente possibile per difendersi. L'aiuto di Dio non è escluso (vedi 4,14), ma il libro incoraggia soprattutto l'impegno umano di resistenza. Ricorda agli Ebrei, che in quel tempo avevano perduto ogni speranza di indipendenza, il diritto alla libertà alla difesa della loro identità. Ma la vicenda narrata fa anche riflettere su dramma della violenza che genera violenza. Schema - Antefatto:Vasti offende il re Assuero cap. 1 - Ester diventa regina di Persia 2,23 - Aman decide la rovina degli Ebrei 3, Ester ottiene dal re la salvezza degli Ebrei 4,1-6,1 - Il trionfo degli Ebrei 7,1-10

2 Personaggi: - Mardocheo, lo zio di Ester (lavorava a corte del re) - Ester (nome ebraico: Adassa, mirto) - Assuero, il re persiano successore di Nabucodonossor - Aman, promosso dal re a più alta carica dell Impero Capitolo 2 (Ester nell harem del re) A quel tempo abitava in Susa un Ebreo della tribù di Beniamino, di nome Mardocheo, discendente di Iair, di Simei e di Kis. 6 Era uno di quelli che il re di Babilonia Nabucodonosor aveva deportato da Gerusalemme insieme con il re di Giuda Ieconia. 7 Egli era il tutore di una ragazza, orfana di padre e di madre, figlia di un suo zio. Il nome della ragazza era Adassa, ma tutti la chiamavano Ester. Essa era bellissima e affascinante. Dopo la morte del padre e della madre, Mardocheo l'aveva presa con sé come una figlia. 8 Quando fu dato l'ordine di radunare a Susa ragazze per l'harem, anche Ester fu portata a corte e affidata a Egai, il sorvegliante delle donne. 9 Ester gli piacque molto e conquistò le sue simpatie. Egai le diede subito l'occorrente per curare la sua bellezza, le assegnò un trattamento speciale, le mise a disposizione sette serve, scelte fra le migliori della corte, e la sistemò con loro nella parte più confortevole dell'harem. 10Ester non aveva detto che era Ebrea e non aveva parlato della sua famiglia, perché Mardocheo le aveva ordinato di non dire niente. 11 Lui poi passava ogni giorno davanti al cortile dell'harem per sapere come stava Ester e se la trattavano bene. 12 Secondo il regolamento dell'harem, ogni ragazza andava dal re Assuero quando era il suo turno, alla fine di dodici mesi di preparazione. Per sei mesi doveva fare massaggi con olio di mirra, per altri sei doveva far uso d balsamo e altri cosmetici. 13 Quando finalmente la ragazza lasciava l'harem per andare da re, le venivano dati tutti gli ornamenti che chiedeva di portare con sé. 14 Andava alla sera la mattina ritornava in un altro reparto del l'harem diretto dall'eunuco di corte Saasgaz, i quale sorvegliava le donne che erano già stata con il re. Esse non tornavano più dal re; solo se una gli piaceva molto la mandava a chiamare per nome. 15 Quando venne il suo turno, Ester (figlia d Abicail, zio di Mardocheo che l'aveva adottata) prese soltanto quello che le aveva consigliato Egai, l'eunuco custode delle donne. Essa conquistava l'ammirazione di tutti quelli che li vedevano. Ester fu 16 condotta alla corte del re Assuero nel settimo anno del regno, nel decimo mese, o mese di Tebet. 17 Il re preferì Ester a tutte le donne che erano già state con lui. Essa conquistò la sua benevolenza e la sua simpatia più di ogni altra ragazza. Perciò il re le mise in testa il turbante regale e la nominò regina al posto di Vasti. In onore di 18 Ester il re fece un grande banchetto per tutti i principi e funzionari, proclamò un giorno di festa in tutte le province e distribuì molti doni con generosità regale. Capitolo 3 (Aman decide la morte degli ebrei) 2Per ordine del re tutti i funzionari in servizio a corte dovevano riverire Aman con la genuflessione e l'inchino. Solo Mardocheo non si inginocchiava e non si inchinava mai. 3 Gli altri funzionari di corte chiedevano a Mardocheo: "Perché trasgredisci gli ordini del re?". 4 Essi gli facevano questa osservazione tutti i giorni, ma lui non li ascoltava

3 dichiarandosi Ebreo. Allora lo denunziarono ad Aman per vedere se questa giustificazione era valida. 5 Aman vide che davvero Mardocheo non si inginocchiava e non si inchinava al suo passaggio, e si irritò moltissimo. 6 Quando seppe a quale popolo apparteneva Mardocheo, Aman non si accontentò più di volere la morte di lui solo, ma progettò di sterminare tutti gli Ebrei dell'impero insieme con lui. FILM: al minuto 57 Capitolo 5 (Ester invita a banchetto il re ed Aman) 1Tre giorni dopo Ester si vestì da regina e si recò nel cortile interno della reggia, davanti alla sala del trono. Il re era seduto su trono di fronte alla porta d'ingresso. 2 Appena vide la regina Ester, in piedi nell'atrio, fu beni impressionato dalla sua presenza e stese verso di lei lo scettro d'oro. Ester si avvicinò e toccò la punta dello scettro. 3 Il re le disse: - Ester, mia regina, che desideri? Avrai quel che vuoi, fosse anche la metà del mio regno. 4 Essa rispose: - Ti prego di accettare l'invito al banchetto che oggi ho preparato per te e Aman. 5Il re ordinò: - Avvertite subito Aman di prepararsi per l'invito di Ester. Così il re e Aman andarono al banchetto preparato da Ester. 6Mentre si bevevano gli ultimi bicchieri di vino il re disse: - Ester, chiedi quel che vuoi e l'avrai! Qual'è il tuo desiderio? Per farti contenta ti darei anche metà del mio regno! 7Ma Ester rispose: - Che cosa posso chiedere? 8 Se vuoi farmi piacere, o mio re, se proprio vuoi accontentarmi, ebbene, domani, tu e Aman tornate a banchetto da me. Ti dirò domani quel che desidero. (Aman vuole far uccidere Mardocheo ma mentre va dal re per dirglielo lo stesso re sta pensando come ringraziare Mardocheo per avergli salvato la vita) Capitolo 7 1 Il re e Aman andarono al banchetto della regina Ester. 2 Anche questa volta, alla fine del pranzo, il re domandò a Ester: - Mia regina, allora qual'è la tua richiesta? Quel che desideri te lo darò. Per farti contenta ti darei anche la metà del mio regno. 3 La regina Ester rispose: - Se mi vuoi accontentare e ti pare giusto, ecco quel che ti chiedo: salva la mia vita e la vita del mio popolo, perché ci hanno venduti e destinati allo sterminio! Se io e il mio 4 popolo fossimo venduti come schiavi, la cosa non sarebbe così grave. Non avrei disturbato il re, avrei taciuto. Ma c'è uno che ci vuole rovinare e far morire! 5Subito il re domandò a Ester: - Ma chi ha osato decidere una cosa simile? Dov'è quest'uomo? 6 - Eccolo! - rispose la regina. - Il nostro nemico, l'uomo che ci odia è il perfido Aman. Sotto lo sguardo del re e della regina Aman era sconvolto. Il re si alzò da tavola 7 infuriato e uscì in giardino. Aman capì che il re aveva ormai deciso di condannano e si fermò a supplicare Ester di salvargli la vita. 8 Ester era sdraiata sul divano. Aman le si era appena avvicinato quando il re rientrò nella sala. Lo vide e gridò: "Quest'uomo vuole

4 addirittura far violenza alla regina in casa mia, davanti ai miei occhi!". Con questa parola del re, Aman era ormai condannato. 9Un funzionario del re, un certo Carbona, aggiunse: "C'è di più: Aman ha fatto piantare in casa sua un palo alto venticinque metri. Voleva farvi impiccare Mardocheo, che aveva salvato la vita al re". Il re ordinò: "Impiccate Aman su quel palo!". 10 Così impiccarono Aman al palo che lui stesso aveva innalzato per Mardocheo e l'ira del re si calmò.

5 Insegnaci dunque a contar bene i nostri giorni, per acquistare un cuore saggio. Come molti grandi della storia, Ester si presenta come una figura molto umile, un'orfana ebrea vissuta durante la deportazione di Israele. In quattro anni la sua posizione cambia radicalmente ed Ester raggiunge il massimo del livello sociale: diventa la regina di una grande potenza mondiale, un ruolo che riesce a vivere saggiamente. Il racconto che troviamo nella Bibbia è ambientato al tempo delle guerre tra i persiani ed i greci nel palazzo suntuoso dell'impero persiano al tempo di Serse I ( a.c.). Arazzi di cotone finissimo, bianchi e viola, stavano sospesi, con cordoni di bisso e di porpora, ad anelli d'argento e a colonne di marmo. C'erano divani d'oro e d'argento sopra un pavimento di porfido, di marmo bianco, di madreperla e di pietre nere. Si offriva da bere in vasi d'oro di svariate forme, e il vino alla corte era abbondante, grazie alla liberalità del re. Tutto questo viene descritto nel libro di Ester 1:6-7. Grande è l'importanza data a questa donna: il suo nome viene citato nella Bibbia ben 55 volte. Il nome di nessun'altra donna è ripetuto così spesso. Soltanto Sara si avvicina; il suo nome appare come Sara 35 volte e come Sarai 16,. La regina che ha preceduto Ester si chiamava Vasti, una bella donna nobile che ha avuto l'audacia di contraddire un ordine irragionevole del marito. Durante una lunga festa nella quale aveva bevuto molto, il re Assuero ordinò a sette eunuchi di convocare la regina Vasti davanti a lui per far sfoggia di fronte ai principi della sua bellezza. Vasti rifiutò e il re ne fu irritatissimo... l'ira divampò in lui. Ma proprio il rifiuto di Vasti ha permesso l'entrata di Ester nella storia. La ragazza (allevata dal cugino Mardoccheo, un Beniaminita, addetto alle porte del palazzo del re) viene notata per la sua bellezza e condotta con le altre giovani vergini di bell'aspetto nell'harem del re, come aspirante al posto della regina Vasti. Tra tutte le ragazze radunate a Susa, probabilmente solo Adassa (nome ebraico di Ester) non adorava gli idoli. Istruita come una figlia da Mardoccheo probabilmente aveva conosciuto da lui le verità riguardanti l'iddio Altissimo, l'eterno. Una volta davanti al re, Assuero amò Ester più di tutte le altre donne. La ragazza trovò grazia e favore agli occhi di lui più di tutte le altre vergini. Egli le pose in testa la corona reale e la fece regina al posto di Vasti. Divenuta regina, il suo nome è stato cambiato da Adassa, (il mirto) in Ester (la

6 stella). E ben presto ha svolto un ruolo non comune nelle vite della sua gente, minacciata dalla distruzione. Ester si è dedicata, non al piacere, alle comodità ed ai lussi del più suntuoso palazzo del tempo, ma alle aspirazioni, alle speranze ed alle ambizioni della sua gente. Quando Ester è diventata regina, il re Assuero ignorava che fossa giudea, per lei fa una grande festa e sgrava di tasse i popoli dominati. Tutto questo perché è stato attratto dall'amabilità e dalla bellezza di Ester. Pensando a lei, possiamo supporre che in questo palazzo magnifico si muovesse con dignità e splendore, portando abiti d'oro, gioielli di ogni sorta che spiccavano tra i suoi capelli e accanto agli occhi raggianti dalla meraviglia per ciò che le stava capitando. Possiamo immaginare che presto ha ipotizzato di essere stata posta a tale condizione non a caso, ma per un grande scopo. La regina Ester ha guadagnato il favore della gente che la circondava, per: la sua saggezza, l'autocontrollo la capacità pensare ad altri prima che a se stessa. Nel frattempo Ester scoprire che Aman, il favorito del marito, odia la sua gente. Da scrittori ebrei moderni Aman è stato descritto come un tipico Hitler, pieno di odio al punto da ordire un diabolico piano per distruggere tutto un popolo solo per orgoglio ed ambizione personale. Di fronte alla malvagità di Aman si oppone ed agisce il coraggioso di Ester, pronta a difendere la sua gente anche a costo della propria vita. Ester è afflitta per lo scontro in corso tra lo Mardoccheo e Aman, ma si rende però conto che deve agire subito e con saggezza. Un messaggio da parte del cugino la mette infatti di fronte alla sua responsabilità: "Infatti se oggi tu taci, soccorso e liberazione sorgeranno per i Giudei da qualche altra parte; ma tu e la casa di tuo padre perirete; e chi sa se non sei diventata regina appunto per un tempo come questo?" (Ester 4:I4) Ester è risoluta: donna saggia e prudente, digiuna per tre giorni e coinvolge in questo non solo le sue serve, ma anche tutto il popolo ebreo che si trova nella città di Susa. Di fronte alla distretta tutto il popolo digiuna e, senz'altro anche se non è scritto, prega. Poi, Ester si prepara ad andare da suo marito per adoperarsi per la sua gente. Se il re, un uomo molto volubile, fosse stato di buon umore, ce l'avrebbe fatta, sennò, avrebbe potuto perdere oltre alla causa anche la sua stessa vita. Mentre Ester si preparata a comparire davanti al re, fa la dichiarazione più coraggiosa mai fatta da una donna nella Bibbia: "Se io debbo perire, che io perisca! " (Ester 4:16),

7 L'Eterno ricompensa l'abnegazione e l'ubbidienza. Tutto è nelle Sue mani; il piano di salvezza e la forza di compierlo viene solo da Lui. Ester è una donna coraggiosa, ferma ma soprattutto possiede una fede sincera e una dedizione alla causa della sua gente.

8

9 INTERVISTA ALLA PROF.SSA Cettina Militello STUDENTESSA: Ringraziamo la professoressa Cettina Militello per essere qui con noi. Ora introduciamo l'argomento con una scheda filmata. È una collocazione rigidamente definita quella della donna nell'antico Testamento? E rigidamente definita, entro i limiti di una cultura patriarcale, è la sua subordinazione all'uomo? D'altra parte, anche il Nuovo Testamento ha non poche ombre a questo riguardo. Suonano davvero inquietanti molte delle parole pronunciate da San Paolo nel tempo della sua predicazione. Una per tutte, perentoria come una sentenza, nella Prima Lettera ai Corinzi: "Capo della donna è l'uomo". Ma è lo stesso San Paolo, in un altro passo, a riconoscere "l'uguaglianza di natura e dignità dei due sessi": "Come la donna deriva dall'uomo, così l'uomo ha vita dalla donna". Nel racconto evangelico la presenza della donna è significativa, spesso rivelatrice. Non solo le donne sono al seguito della predicazione di Gesù, come si legge, ad esempio, nel Vangelo di Luca, ma diventano assolutamente fondamentali nei giorni della sua Passione e Resurrezione. Ai piedi della Croce, estrema compagnia del Cristo in agonia, c'è un piccolo gruppo di donne. Queste testimoni della Passione di Gesù custodiscono le sue ultime parole, raccolgono il suo grido: "Dio mio! Dio mio! Perché mi hai abbandonato?". E, come racconta il Vangelo di Giovanni, è a Maria di Magdala, prima di chiunque altro, che appare il Cristo Risorto: "Donna perché piangi?". Dunque, l'interrogazione sul posto delle donne nelle Sacre Scritture non finisce, al contrario si arricchisce di nuovi problemi, di nuove domande, e di nuovi contributi. Quelli, ad esempio, di un'esegesi e di una teologia femminile che va ripensando la collocazione della donna nella Bibbia e soprattutto il suo posto nella comunità cristiana. STUDENTESSA: Quanto, secondo Lei, questa figura della donna così sottomessa, che emerge dalla Bibbia, ha influenzato la cultura moderna e soprattutto ha legittimato l'atteggiamento di alcuni uomini nei confronti delle donne. MILITELLO: Bisogna rovesciare la domanda, perché il fatto religioso non condiziona la cultura. È piuttosto la cultura all'interno della quale si vive il fatto religioso. E allora, se mai, dal mio punto di vista, l'esperienza religiosa ha pagato un eccessivo tributo ad una cultura androcentrica e patriarcale. Detto altrimenti, noi potremmo pensare che la subordinazione e la soggezione della donna dipende da quanto la Scrittura afferma. La Scrittura traduce quello che è la considerazione culturale che della donna si ha in quel determinato tempo. Difatti a una lettura più attenta si constaterà come sovente la Scrittura contraddice la cultura e apre delle interpretazioni, delle prospettive di lettura, che poi sono quelle sulla cui base, speriamo, prima o poi, secondo gli antropologi da qui a un trecento anni, se la tendenza non subisce mutazioni, finalmente dovremmo arrivare ad una parità tra uomo e donna.

10 STUDENTESSA: Possiamo individuare delle tipologie femminili ricorrenti nell'antico Testamento? MILITELLO: Certamente. Nell'Antico Testamento noi abbiamo fondamentalmente una tipologia che si iscrive nelle cosiddette strutture di "mediazione salvifica", cioè all'interno dell'esperienza del popolo d'israele abbiamo alcune figure che sono chiamate ad esercitare la profezia, la regalità, il sacerdozio. Fatta eccezione per il sacerdozio, che non prevede neanche il vocabolo femminile, abbiamo profetesse e abbiamo regine. La figura più interessante è quella delle profetesse, il che sta a dire che la gratuità dello spirito, che sta a monte della profezia, viene elargita, come dice la Bibbia - e vuole dire su tutte le persone, senza distinzione - viene elargita "a suon di carne". La Scrittura usa il termine "carne" (basar), per dire la totalità dell'essere umano. Però un capitolo molto interessante, per quanto riguarda l'antico Testamento, è dato dalle matriarche, queste figure singolari delle compagne dei patriarchi, la cui epopea la Bibbia ci narra, e che acquisiscono un ruolo di vere e proprie protagoniste, soprattutto nel passaggio che va da Abramo a Giacobbe. Queste donne contano. C'è la stupenda figura di Sara, la mamma di Isacco, la quale addirittura ci testimonia quell'ironia che la letteratura contemporanea riconosce come caratteristica delle donne del porsi nei confronti del reale. E Sara ha il coraggio di ridere. Ormai è in menopausa, le dicono che aspetta un figlio, giustamente dice: '"Ma questo è matto!" e ride tranquillamente. Quindi non figure ingessate, ma figure capaci, appunto, di ridere di se stesse: "Il mio Signore verrà da me, adesso che sono così vecchia, così avanti negli anni, che il mio grembo ormai è sterile?". Per dire, questa capacità di autoleggersi, con tutta franchezza, appunto con ironia. Così come è interessantissima la figura di Rebecca, che, prediligendo il figlio Giacobbe, fa passare su di lui la linea della primogenitura. E, diciamo, meno forti delle matriarche, ma riconducibili a questo ruolo di partnership, troviamo anche altre donne all'interno della Scrittura. La stessa cosa potremmo dire proiettandoci anche nel Nuovo Testamento, anche se le tipologie sono meno chiare e meno evidenti. STUDENTESSA: Quali sono le novità introdotte dal Nuovo Testamento? C'è una rottura con la visione passata? MILITELLO: Allora, la rottura c'è, però bisogna mettersi nell'ottica delle diverse fasi che ci testimonia lo stesso Antico Testamento. Io ho una mia teoria: cioè i momenti di fondazione o di rifondazione del fatto religioso sono sempre nel segno di una partnership, mentre la codificazione "legalistica", comporta la rottura di questa partnership, che poi è quello che vediamo anche nei momenti forti dell'umanità, non so rivoluzioni, guerre. Nel momento forte o rifondativo dell'ethos di un popolo, uomini e donne stanno a fianco, poi, appena si finisce, si esce dall'emergenza, gli uomini si riprendono il posto che, secondo loro, è loro dovuto. Quindi bisognerebbe, nell'antico Testamento, verificare come va cambiando in realtà questo modello. Non è un modello univoco. Certamente nella fase che prepara il Nuovo Testamento, negli ultimi libri dell'antico Testamento, malgrado emergano dei modi femminili di dire Dio, per esempio la sapienza, per esempio lo spirito, tutte e due sono termini femminili nel lessico di Israele, diciamo che le donne ormai sono ingessate in tutta una rete di

11 precetti che veramente le chiudono e impediscono loro una soggettualità dal punto di vista religioso. Pensate, per esempio, che nella prassi della Sinagoga le donne stanno separate dagli uomini e non è qualcosa che abbiamo inventato adesso, ma è qualcosa appunto di originario nel segno di questa separzione. Quello che Gesù innova è il fatto che - ma qualcosa del genere avviene nel giudaismo extratestamentario, per esempio, a suo modo, anche nelle comunità esseniche - accetta le donne alla sua sequela. Noi sappiamo, è stato ricordato nella presentazione, il testo di Luca: 8; 1-3, che c'erano delle donne che lo seguivano, ma queste donne che lo seguivano, non soltanto prestavano, diciamo, il supporto che le donne, soprattutto ricche, prestavano alle strutture religiose ebraiche - una sorta di protettorato, erano degli sponsor, mettevano a disposizione mezzi, eccetera -, ma queste donne partecipano proprio del ministero, soprattutto del ministero galilaico, cioè dell'incedere di Gesù, predicando il regno di Dio, per le strade della Galilea. E queste donne salgono con lui a Gerusalemme e poi, soprattutto nei fatti della Passione e della Resurrezione, noi vediamo emergere la parità di queste donne. Se vogliamo poi riandare ad uno schema e dire, così, in un modo molto sintetico, che cosa Gesù innova, sono tre i tabù che Gesù praticamente demolisce: il tabù dell'impurità sessuale. Credo che sappiate che una donna mestruata era considerata impura. La legge regolava rigorosamente i rapporti. Sappiamo tutti, uomini e donne, quanto sia utopico il modello di una donna perfettamente regolare. Quindi pensate di quanti problemi, non solo a livello di sfera religiosa, ma anche a livello di sfera familiare e civile, comportasse una donna che era in condizione di impurità. Non poteva far da mangiare, non poteva avere rapporti anche verbali. Quindi dal punto di vista del rapportarsi era il caos. E l'episodio dell'emoroissa, detta così per pruderie, in realtà è una donna che ha perdite di sangue, e il fatto che la potenza di Gesù la guarisca sta a significare che questo tabù è spezzato. L'altro tabù è quello della minorità della donna. Tutto il mondo antico ha considerato la donna nel segno della imbecillitas, per usare una parola latina, o astenia, come la chiamano i Greci. La donna è fragile, è debole, eccetera, eccetera. Lo è per natura. Bene, le donne che stanno con Gesù, dimostrano che non sono fragili né dal punto di vista intellettuale, né dal punto di vista fisico, visto che compartecipano questa vita, che è quella di un gruppo carismatico, di un gruppo che procede senza particolari comfort, o senza particolari "riguardi" per le donne. E poi infine vede riconosciuta la soggettività giuridica delle donne. Le donne nel mondo ebraico non potevano rendere testimonianza. E paradossalmente ad esse si mostra il Risorto dicendo:"andate a dire a ai fratelli, ai discepoli, l'evento della Resurrezione". Per cui diciamo che la triplice sfera della minorità femminile, nell'atteggiamento di Gesù di Nazareth, è completamente sconfitta. Un'altra cosa molto simpatica ci viene dal linguaggio che usa Gesù. Per esempio, proprio ieri, mentre mi occupavo di un'altra cosa, riflettevo sulla Parabola della chioccia. Gesù dice a un certo punto di avere voluto radunare Israele come la chioccia fa con i suoi pulcini: una immagine poverella, addirittura indecorosa per un profeta, per un rabbi. Cioè, voglio dire che il linguaggio di cui si serve Gesù è un linguaggio che attraverso le parabole assegna una soggettualità alle donne e addirittura arriva a servirsi di metafore femminili, pure risibili e discutibili, visto che la chioccia non è esattamente un paradigma con il quale si stabilisce normalmente un confronto, un paragone.

12 STUDENTESSA: Come possiamo interpretare il fatto che il primo miracolo di Gesù alle Nozze di Cana, secondo il Vangelo di Giovanni, sia stato sollecitato proprio da una donna? MILITELLO: Il racconto delle Nozze di Cana è un racconto enormemente complesso, dove la teologia biblica, che mette al centro dell'episodio la figura di Maria, costruendo, così, il tema del ruolo della Madre di Gesù. Infatti, l'episodio comincia con il verso iniziale: "E c'era la madre di Gesù". Però, in realtà, il brano di Cana è uno dei più interessanti perché mostra il superato contrasto uomo-donna. Quelle di Cana sono le nozze che il Messia, il Re, stringe definitivamente con il suo popolo. Allora noi abbiamo Maria, la Madre, gli sposi per i quali si fa la festa, a cui Gesù, che non è una persona di quelle allampanate, non è un'asceta alla maniera di Giovanni, va con i suoi discepoli e quindi partecipa alla loro gioia. Però, in questo gioco di protagonisti reali, c'è anche il gioco di protagonisti simbolici, e cioè il popolo di Dio, che è il nuovo popolo che partecipa al banchetto messianico, gioisce del vino, che è segno della gioia delle nozze e Gesù che ripropone la figura veterotestamentaria di Dio come sposo di Israele. Intendiamoci, non è che tutto sia così pacifico, perché l'immagine delle nozze è una immagine ambigua, perché la cultura patriarcale elegge la donna nel segno della soggezione. Però, per il momento, fermiamoci a considerare il fatto gioioso, perché anche in una cultura di soggezione, le nozze sono sempre un fatto di gratuità e di dono. C'è una poesia delle nozze che la Bibbia attesta. Pensate, per esempio, al Cantico dei cantici. Comunque, in particolare, lì c'è Maria che Giovanni interpreta, sì, come la madre di Gesù, ma soprattutto come simbolo della comunità messianica, come simbolo della chiesa, e interloquisce con lui. Ed è molto bello questo dialogo tra personaggi, che apparentemente non parlano tra di loro o addirittura che non si comprendono. Gesù usa addirittura quell'espressione forte, che, per quanto ci si sforzi di interpretare, rimane sempre di una crudezza pazzesca: "Che cosa c'è tra me e te, o donna?". In realtà il problema di Gesù è che non vuole ancora dare inizio, non vuole svelare la sua identità di Messia. Ma il tempo è pronto. E Maria di Nazareth viene scelta da Giovanni proprio per significare - come devo dire - l'elemento catalizzante, dirompente, quello che quasi costringe Gesù ad operare il primo dei due segni. Difatti, malgrado apparentemente Gesù sembra aver deciso di andare per la sua strada, poi, di fatti, fa quello che la Madre gli chiede, cioè venire incontro, pensate, ad un bisogno minimo, perché che il vino ci fosse o non ci fosse, visto che avevano già bevuto abbondantemente, poteva pure sembrare un piccolo dettaglio, ma non nella compiutezza della gioia, non nella compiutezza delle nozze messianiche, nelle quali il vino che, per la sua trasformazione, per la sua fermentazione, simboleggia la presenza dello spirito, viceversa è necessario, ed è necessario in grande quantità. STUDENTESSA: Le citazioni di San Paolo, nelle Lettere, non fanno un passo indietro rispetto alla nuova visione espressa nel Vangelo da Gesù? MILITELLO: Allora, consentitemi una premessa, che, se fatta con termini tecnici, sarebbe un poco complicata, quindi la faccio in modo più semplice. Noi non dobbiamo metterci davanti alla Scrittura - probabilmente lo sapete già -

13 leggendola in modo piatto. Ma nella Scrittura vanno ricercate quelle che chiamiamo "le tradizioni", cioè le diverse fasi compositive, la stratificazione del testo. È un lavoro che ormai facciamo anche con i testi classici. Bene, questa lettura delle tradizioni ci mette di fronte, nel Nuovo Testamento, ad una constatazione, che vale, in parte, anche per l'antico Testamento: c'è quella che potremmo chiamare una tradizione delle donne, che i testi non sempre recepiscono così come ci sono giunti. Però, siccome le donne ci sono sempre state e per quanto si prova a cancellarle, non ci si riesce a cancellarle del tutto veramente, allora, ad un esame più attento, noi scopriamo queste tradizioni delle donne, che poi sono quelle che ci hanno tramandato, per esempio, gli episodi della Passione, della Resurrezione, e così via. Per quanto riguarda Paolo intanto noi ci troviamo non ad un corpo, che è scritto dalla medesima persona, ma ci troviamo di fronte, ad un crescendo di fasi che ci mettono dinanzi un primo periodo, un secondo periodo e un periodo addirittura postpaolino, che è quello de Le lettere pastorali. Allora noi abbiamo attestato il momento nel quale Paolo è testimone della parità di uomini e donne, di quella che si chiama con parola propria la partnership missionaria, cioè uomini e donne sedotti dall'annuncio di Gesù, convinti che Gesù è risorto, e insieme testimoniano lo zelo per il Vangelo, la passione per il Vangelo. Per esempio, che queste donne ci fossero e fossero importantissime lo troviamo al Capitolo XVI della Lettera ai Romani, che non soltanto ci raccoglie un elenco straordinario di donne, ma per queste donne degli aggettivi, delle espressioni di stima, che, se fossero state dette per maschi, li avrebbero fatti considerare dei personaggi eminentissimi della Chiesa delle origini. A questa fase, che è quella in fondo sintetizzata dalla Lettera ai Galati Capitolo 3,versetto 28: "In Cristo Gesù non c'è più né giudeo né greco, né schiavo né libero, né uomo e donna", noi abbiamo il manifesto della libertà cristiana, della parità cristiana. Tra l'altro, una cosa molto interessante è che nella Scrittura uomo e donna sono espressi con tre termini diversi. Abbiamo un termine che è quello, si dice, eziologico, cioè spiega il significato del nome: Eva, madre dei viventi, Adamo il terroso. C'è quello che io dico indica l'identità di sesso ed è il nome con il quale la Scrittura dice la conformazione: la donna è la perforata, l'uomo è il puntuto. Quindi più chiaro di così si muore. Bene, in Galati 3; 28, Paolo usa proprio questo termine, che fa riferimento, diciamo, al discorso della morfologia sessuale. C'è ancora un'altra distinzione nominale, che è quella che io chiamo della identità di genere, ed è uomo - "uoma"(ovvero, alla lettera: "uomo dalla forma femminile"), ossia, in ebraico, la distinzione 'ish - 'ishsha che, nel linguaggio di Paolo, nella fattispecie, viene ad essere tradotto allorché Paolo parla dell'uomo come ahnèr o come antropos. "Antropos" è il termine più totalizzante. Dunque in Galati 3; 28 abbiamo indicato il discorso della identità sessuale con una piccola variante. Mentre prima è detto "né... né", "né greco né giudeo, né schiavo né libero", la differenza, secondo Paolo, rimane: "Né... e". Abbiamo un uch - 'hai, cioè viene sancito il principio che non si dissolve la differenza, ma la differenza rimane a significare in fondo il dono fondamentale che l'uomo e la donna sono l'uno nei confronti dell'altro nel piano di Dio. Questo orizzonte che accetta la differenza, anche se poi la argomenta secondo queste forme, se vogliamo, pittoresche, cede invece in un'ulteriore periodo, che è quello nel quale la comunità cristiana accetta il modulo culturale dominante. Lì arrivano i brani che abbiamo visto scorrere e che forse sono quelli sui quali ci sarà ancora

14 qualche altra domanda. Non vorrei anticiparvi. Se viceversa, non ci sono domande, relative alle frasi di Paolo, circa la soggezione della donna, allora, se volete, posso anche continuare con questo discorso. Ho visto scorrere tra le tante frasi quella che dice che la donna viene dall'uomo e che l'uomo è il capo della donna. Paolo sta seguendo un'interpretazione rabbinica, che si lega alla lettura di Genesi 1 e 2. Genesi 1 dice: "A immagine di Dio lo creò, maschio e femmina li creò". E dunque mette di fronte la differenza di genere nella reciprocità ed è stupendo. Mentre il testo di Genesi 2 racconta questa fatica di Dio che prima plasma l'uomo, poi l'uomo non trova reciprocità, gli animali sono tutti accoppiati, lui dà loro il nome, ma non trova uno che gli sia simile. Allora la narrazione dell'operazione chirurgica, dal suo porre su Adamo e dell'uomo tratto dalla costola. Bene, non si sa perché, nella interpretazione il primo racconto, che è molto bello, molto liturgico, molto ottimistico - ritorna continuamente il tema del bello e del buono -, è stato messo da parte, mentre si è tutto costruito su questo secondo, tra l'altro immaginando che, per il fatto che Eva è stata creata per seconda, per ciò stesso, sia, per natura, sottoposta all'uomo. In realtà si è proiettato nel racconto quello che era la presunzione che l'uomo aveva di sé. Difatti esiste - ed è simpaticissima - una cosiddetta tradizione alternativa, che per esempio troviamo anche in Ambrogio di Milano, che sostiene che la donna invece è superiore all'uomo, perché l'uomo è stato fatto dalla terra, la donna è stata fatta dalla carne di Adamo. Adamo fu creato fuori dal giardino, Eva è stata creata nel giardino, eccetera, eccetera. Vi risparmio per dire come lo stesso fatto si prestava a interpretazioni diverse. E comunque Paolo assume questa che è una delle interpretazioni rabbiniche relative al rapporto uomo e donna. STUDENTESSA: "Le donne sono sotto la croce del Golgota": è una donna che annuncia la Resurrezione. Non crede che nella storia della Chiesa la donna abbia un po' perso in qualche modo questa sua centralità? MILITELLO: Allora, la centralità dello stare al Golgota le donne non l'hanno persa. Sono crocifisse e stanno con i crocifissi. Vedevo pocanzi, le abbiamo viste insieme, le stupende immagini della madre di Pasolini, perché sapete che il regista scelse la madre per interpretare Maria ai piedi della croce. E proprio mentre guardavo le immagini pensavo che era una sorta di anticipazione di quello che questa donna avrebbe poi sofferto quando, anziana, avrebbe dovuto vedere il figlio morto tragicamente. Il Golgota le donne non lo hanno perso. Lo hanno però, forse, ricevuto nella sua negatività, cioè nel peso di dolore, non nella speranza di resurrezione che comporta. Quanto alla resurrezione, beh, forse, di annunciare alla resurrezione hanno perso o per lo meno è difficile che ci ricordiamo di loro come annunciatrici di resurrezione. Esco fuori dalla donna nella Bibbia. Voglio dire che noi facciamo tutta una retorica della donna e della vita, però, in realtà, non siamo poi coerenti. Ancora quindici giorni fa ascoltavo a Roma Rigoberta Manciù, che narrava della strage che ha subito il suo popolo, in particolare la sua famiglia. Ed era un moltiplicarsi di croci. Certo una donna come Rigoberta Manciù a questo punto è anche figura dell'annuncio della resurrezione. Con ciò voglio dire che purtroppo la retorica della vita, retorica, spesso finisce con l'essere una sorta di catena, obbligata per le donne, le circoscrive alla cura del corpo altrui e non assegna loro una soggettualità di

15 parola, una soggettualità di testimonianza, una soggettualità che incida nella storia. Allora, a me va bene che ci siano state le donne al Golgota, tanto più che tutti registrano che gli uomini se l'erano battuta e che stavano a guardare da lontano, tranne Giovanni, che ovviamente colloca se stesso ai piedi della croce, nel dialogo tra lui, Gesù e nell'affidamento a Maria. Ma è l'unico racconto nel quale sappiamo della presenza, diciamo, di un maschio ai piedi della croce. Per quanto riguarda la resurrezione credo sia rimasta come regola l'attitudine dei discepoli che le prendono per matte. Dicono: "Il dolore ha fatto loro perdere il senno". Vaneggiano, hanno visto un fantasma. Mi piacerebbe molto, non soltanto come lettura della Scrittura, ma come traduzione quotidiana della Scrittura, che le donne non incarnassero soltanto il dolore, dello stare ai piedi della croce, ma fossero anche, significativamente e incisivamente, testimoni, banditrici della Resurrezione. STUDENTE: Ma in che cosa si differenziano le altre confessioni cristiane rispetto alla visione della donna nelle gerarchie ecclesiastiche? Ad esempio, nella Chiesa Valdese, la donna non ha un ruolo fondamentale? MILITELLO: Allora, è già stato detto qual è la differenza. Il ruolo fondamentale è quello del ministero. La Chiesa Cattolica ritiene, per antica e veneranda tradizione, che le donne non siano state chiamate da Gesù a far parte del gruppo dei dodici e dunque, a seguire, del gruppo dei successori dei dodici, e cioè degli apostoli, i vescovi e i loro collaboratori, i presbiteri. Per le chiese evangeliche che, all'epoca della Riforma, hanno negato la sacramentalità istituzionale del ministero - episcopato, presbiteriato, diaconato -, non è stato poi così difficile, sia pure dopo secoli, mutata la condizione culturale, riconoscere le donne come soggetti capaci del pastorato. Ma il pastore non è nella comunità protestante, quello che il presbitero è nella comunità cattolica. Il pastore è un fratello tra i fratelli, anche se c'è un rito di ordinazione, che in qualche modo lo mostra alla comunità in questo suo ruolo. La teologia cattolica legge altrimenti la teologia del sacerdozio. E dunque è questa la differenza fondamentale. Però consentitemi di notare che, anche per quanto riguarda le chiese protestanti, sono arrivate in questo nostro secolo ad ammettere le donne al pastorato, cioè nel momento in cui, con il femminismo e con le sue rivendicazioni, con l'acquisizione alle donne di diritti civili, è obbligatoriamente cambiata anche la contestualità culturale. In particolare la Chiesa Valdese ha messo le donne al pastorato solo dopo la Riforma del Diritto di famiglia, perché, sino a quando stava scritto, nella nostra legislazione, che la moglie segue il marito là dove egli decida di porre la sua residenza, Voi capite bene che mancava la condizione perché una donna potesse essere pastore. Nel momento in cui non è stato fatto più obbligo ai coniugi di avere la medesima residenza e non è più vincolante l'opinione del marito relativamente a questo fatto, allora anche le comunità valdesi, che sono state tra le ultime, peraltro, hanno ammesso le donne al pastorato. La chiesa antica - ed è biblica la figura - ha conosciuto le diaconesse, cioè delle donne le quali non sappiamo bene che ruolo svolgessero nella comunità. Proprio la Lettera ai Romani comincia citando una diaconessa. Non sappiamo quale fosse esattamente il ruolo di queste figure, diaconi e diaconesse, nel Nuovo Testamento, e facciamo anche fatica a capire il ruolo di questi diaconi e diaconesse, poi, nelle comunità dei padri. Di

16 certo - ed è interessante -, il diacono, alla lettera, è colui che serve, il servitore. Quando scompare il diaconato maschile scompare anche il diaconato femminile. E nella storia del cattolicesimo molto presto esiste un solo ministero, che è quello presbiterale, e lo stesso vescovo è differente dal punto di vista - come devo dire - giuridico, non dal punto di vista del sacramento ricevuto. Tutto questo sarà poi, in parte, cambiato dal Concilio Vaticano II. STUDENTE: Possiamo sostenere che la Chiesa Cattolica abbia avuto uno sviluppo misogino nei confronti delle donne? Come e quando è accaduto? MILITELLO: La Chiesa Cattolica è un campione storico di misoginia come lo sono altre religioni, che esistono sulla faccia della terra. Ho detto prima che il problema è quello della cultura, e la Chiesa si adegua alla cultura, interpreta la cultura. È molto difficile che la Chiesa viva in un rapporto conflittuale con la cultura. Tra l'altro non dovete intendere qui cultura come lo sto usando, nel senso in cui abitualmente lo si intende, di persone colte o di tendenza. Dovete intenderlo nel senso antropologico-culturale, cioè come insieme organico di temi, modelli e istituzioni. La Chiesa si esprime nelle forme della cultura. Pensate, per esempio, che, quando, diventando il Cristianesimo religio licita, viene meno la religione pagana, le insegne dei sacerdoti pagani passano quasi immediatamente e naturalmente ai vescovi. Le prerogative che quella determinata classe aveva nell'impero Romano diventano le prerogative della nuova classe. Quindi questo deve esser chiaro. Bisogna dire che il Cristianesimo ha una sua parola colta, irresolubile aporia, cioè è contraddittorio, perché mentre nega alle donne una visibilità, un protagonismo sul piano della storia, riconosce l'assoluta parità di uomini e donne sul piano della grazia. Ed è qui che il discorso fa corto circuito, perché proprio la citazione di Galati 3; 28 : "In Cristo Gesù non c'è più né uomo né donna", sta a significare che, di fronte alla redenzione, alla salvezza, che poi è la grande categoria interpretativa del Cristianesimo, come di ogni fenomeno religioso, non c'è differenza tra uomini e donne. Le donne hanno salvezza né più né meno come ce l'hanno i maschi. E, siccome per i cristiani la salvezza è diventare Cristo, le donne diventano Cristo né più né meno come ci diventano i maschi. Per esempio, c'è una grossa differenza rispetto all'islam, che non considera la donna nella sua soggettualità religiosa. Anche Israele considerava la donna come soggetto religioso, anche se non gli dava una soggettualità religiosa pubblica. Però, a fronte di questa considerazione, che non c'è differenza in ordine alla grazia, la differenza c'è poi in ordine alla storia, per cui i grandi protagonisti saranno soltanto i maschi e le donne dovranno rosicchiarsi uno spazio fondamentalmente in due modi: attraverso la santità, o attraverso il riferimento al dono dello spirito. Saranno la mistica e la santità il banco di prova delle donne e il modo in cui le donne faranno la storia. Guardate che la fanno molto seriamente, perché tra l'altro la mistica e la santità sono anche esercizio di sapienza. Bisogna pure dire un'altra cosa. Voi siete ragazzi colti e dunque mi posso permettere queste battute: che senza il Cristianesimo probabilmente noi non avremmo avuto le donne soggetto di cultura, perché la forma che ci può sembrare più paradossale di segregazione femminile e di riproposizione della esclusione o del marchio iscritto nella loro sessualità - l'ascesi, la verginità, eccetera, eccetera -, diventa per le donne l'occasione di

17 vivere in una sorta di gineceo filosofico. Le donne studiano la Scrittura, le donne scrivono, commentano, talora predicano. C'è Ildegarde de Duby, che fu una grande predicatrice medioevale. Senza il Cristianesimo probabilmente questi lussi non se li sarebbero permessi. Paradossalmente, quando le donne nella storia della comunità cristiana escono dal chiostro e cominciano la vita attiva allora viene negata loro la scienza e la sapienza. La loro mistica diventa mistica di diavoli e di miracoli. Non so se mi sono spiegata. Cioè c'è una mistica che è di tipo sapienziale, è fatta, sì, di esperienza con Dio, ma di conoscenza di Dio. E, viceversa, c'è un'esperienza, che è quella del vedere da per tutto miracoloso, immaginoso, diabolico, eccetera eccetera. Ora noi dobbiamo, paradossalmente, alla misoginia culturale se le donne hanno messo a profitto tanta risorsa culturale. Oggi la situazione è, per grazia di Dio, molto diversa, ma non ci si può illudere che la partita sia vinta. Certo siamo lontani, almeno dalle forme invereconde di misoginia, che, ripeto, una cultura fondamentalmente misogina si poteva permettere. STUDENTESSA: Vorrei tornare al ruolo della donna nel Nuovo Testamento e chiederle come può essere vista e letta la figura di Maria, che da una parte può rappresentare comunque la prescelta, ma dall'altra, in quanto donna, è subordinata. MILITELLO: Sì, in effetti Maria è un bel rompicapo. Le teologhe femministe, quando scoprirono Maria, dissero che era una donna da liberare. Ci sono delle pagine molto belle di Catharina Alkes, una olandese, che è una sorta di grande madre delle teologhe europee, grande madre della teologia femminista, la quale proprio scrivendo: La teologia femminista, ne La teologia della liberazione, venne fuori con lo slogan che Maria era anzi tutto "una donna da liberare". In effetti quello che ci hanno detto di Maria e la Maria che ci hanno presentata è il massimo del nascondimento e della sottomissione. Quando io ero ragazzina libri di pietà parlavano del silenzio di Maria, dimenticando che Luca pone sulle sue labbra il Magnificat, cioè un lungo componimento, che sicuramente non l'ha composto Maria, ma il fatto che Luca glielo attribuisca dice una presa di parola, a parte che la costruzione letteraria di Luca, la vede dialogare con l'angelo per essere fatta convinta, mentalmente convinta di quello che le sta capitando. Allora bisogna liberarsi della figura della statuina o del santino Maria, perché francamente non ha nessun referente biblico. La Maria della sottomissione, della passività, la Maria, quella che va per la maggiore nei santini che corrono in certi ambienti pii, cioè vestita di bianco, col velo azzurro, gli occhioni grandi, tipo, non so, Barbie o non so chi, guardate, ecco, quella è la Barbie mariana, cioè questa Maria nascosta, di cui non si vede mai il corpo, per carità, la Scrittura non ci presenta assolutamente questa donna. Ci presenta una donna che il figlio tratta con durezza, che fa difficoltà a capire il figlio. "Che c'è tra me e te, o donna!" è una di queste. Gesù arriva a dire - e lo registrano Marco e Luca - che quegli è sua madre, quelli sono i suoi fratelli e le sue sorelle: "Quelli che fanno la volontà del Padre mio". E a chi dice: "Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha nutrito", dice ancora una volta:" Non beati questi, ma quelli che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica". Allora bisogna capire Maria come una donna, che vive un qualcosa di incomprensibile, al di sopra di quello che è compatibile con le regole, diciamo, della esistenza umana e che per di più, anziché essere, per

18 così dire, premiata, deve rinnegare la maternità, secondo la carne, per diventare madre e sorella al figlio nel discepolato. Luca presenta Maria come la perfetta discepola. Se vogliamo essere maliziosi, dobbiamo dire pure che per Luca le donne, perfette discepole, devono stare anche zitte. Ma lì entra lui in contraddizione. Sono dettagli nei quali cade anche un agiografo. Però, ripeto, quello che a noi importa adesso non è il discorso del silenzio, ma è il discorso del discepolato. Maria, come tutti i credenti, deve mettersi alla sequela del figlio. Questa è l'immagine di Maria, l'immagine teologica, che troviamo tanto nel Vangelo di Luca che nel Vangelo di Giovanni. Il Vangelo di Giovanni è apparentemente quello che dà a Maria il massimo del protagonismo, perché la pone all'inizio del Libro dei Segni e poi la pone lì nel contesto del Libro della Passione del Signore. Non è l'unica donna, ci sono anche altre donne, perché Giovanni usa le donne come figure prolettiche, cioè quello che sta per avvenire lo fa vivere simbolicamente attraverso figure femminili che precedono la scansione dei libri. Però, ripeto, sia Luca, con la sua concezione un po' strettina del discepolato femminile, sia Giovanni, che invece è molto femminista, perché ha un'enorme considerazione delle donne, della loro presenza nella Chiesa, concordano in questa figura di Maria come discepola. E, credetemi, è una cosa molto seria, perché il problema vero e forte non è quello dell'esser madre, ma è quello dell'essere discepola. Alla fin fine, Maria non ci mette niente. "Sì, d'accordo", dice il suo sì, tutto quello che volete, non voglio minimizzare la sua vocazione, ma, forse proprio per questo, diventa estremamente difficile accettare la sconfitta, accettare d'essere rinnegata nei suoi diritti di madre, accettare che questo figlio, anziché preoccuparsi di lei, se ne vada tranquillamente. Io sono convinta che Maria ha seguito Gesù e faceva parte del gruppo delle donne della sequela. In realtà noi troviamo Maria soltanto nel contesto della Passione. Non abbiamo una testimonianza della presenza di Maria durante il ministero. Comunque non è senza significato questa presenza di Maria, che è testimoniata dal Vangelo di Giovanni. Ammesso pure che sia teologia, diciamo non storia - d'altra parte la Scrittura non è mai storia -, ma quello che importa è il messaggio, ciò che il messaggio comporta. Quindi Maria è una figura positiva tutta da riscoprire, ma da riscoprire in questa sua genuina originalità. D'altra parte, guai se le donne si chiudessero nel carcere del loro grembo. Avremmo soltanto una funzionalità di tipo biologico. Anche la maternità come fatto personale importa una dialogia, un riconoscimento del rispetto del figlio. Se io non taglio il cordone ombelicale - ma davvero! - non ho diritto di interloquire con mio figlio. Il figlio va preso nella sua gratuità. Questa parabola umana è quella che Maria fa e proprio per ciò la comunità cristiana negli Atti degli Apostoli, 1; 14, la addita, mostrandola in preghiera con i discepoli altezza dello spirito come il modello della perfetta credente, che non è cosa da poco. STUDENTE: Volevo sapere se esiste una particolare ragione per cui la misoginia può sembrare una costante delle tre grandi religioni monoteiste. MILITELLO: Ripeto ancora: l'affermazione da cui sono partita è una costante perché da quando (secondo quelli che sostengono questa tesi) tribù che venivano dalla steppa hanno cambiato la nostra cultura, da matriarcale che era, in patriarcale, quello che ha dominato nella storia è il principio di una

19 supremazia del maschio, acquisita sul campo, non vi so dire di che, probabilmente del tipo di struttura e dunque di funzione, che egli esercitava per la sopravvivenza del gruppo umano. Le tre grandi religioni nelle loro contraddizioni attestano tuttavia, tutte indistintamente, compresa l'islam, ed è un'affermazione che faccio, diciamo, con sofferenza, visto quello che è il quadro e i problemi che oggi l'islam pone, tutte le religioni hanno germi di filogenia e hanno invece, fortemente emergente, soprattutto nei loro interpreti, questo filone di misoginia. Ma guardate che misogina è anche la cultura in cui viviamo. Occorre veramente promuovere una cultura inclusiva, una cultura della reciprocità. Bisogna veramente riconoscere l'altro nella reciprocità di genere. E, credetemi, non è una cosa così semplice. Chiudo con un aneddoto che mi riguarda. Prima di accostarci alla Comunione noi diciamo una preghiera, che abbiamo detto da tanto tempo, da quando è in italiano, ma era così in latino, con il genere maschile: "Signore non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma dì soltanto una parola ed io sarò salvato/a". Bene, io, Cettina Militello, la comincio al maschile e la finisco al femminile. Il che dice quanto per me stessa è difficile usare un linguaggio inclusivo. Il condizionamento culturale è molto forte. Bisognerebbe, con passione, trarre dalla Scrittura e dalle Scritture delle grandi religioni il messaggio di liberazione che esse realmente possiedono, ma che i detentori maschili della interpretazione delle Scritture stesse non hanno permesso lievitasse e fermentasse. Oggi abbiamo donne ebree che accostano la thorà con criteri di ispirazione femminista. Abbiamo donne musulmane che accostano il Corano con criteri parimenti ispirati al femminismo. Abbiamo, per grazia di Dio, teologhe cristiane che accostano l'antico e il Nuovo Testamento con nuove metodologie. È un piccolo tassello che, unito allo sforzo di filosofe, sociologhe, antropologhe, scienziate, eccetera, porta in sé il germe di una cultura finalmente rispettosa degli uomini e delle donne. Puntata registrata il 4 aprile 2001 Biografia di Cettina Militello Trasmissioni sul tema Leggere la Bibbia Leggere la Bibbia di Piero Stefani La Bibbia come racconto di Remo Ceserani Partecipa al forum "I contemporanei"

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri?

GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? GESU' CRISTO E RISORTO possiamo esserne sicuri? L annuncio della resurrezione di Gesù dai morti è il cuore della buona novella (vangelo) che gli apostoli hanno diffuso attraverso il mondo e per la quale

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20

Luca 2, 8-20 PREMESSA. IL TESTO di Lc 2, 8-20 1 Luca 2, 8-20 PREMESSA Luca prosegue il suo racconto di natale. Lui è uno storico, ce lo dice all'inizio del suo vangelo (Lc 1,1-4), ma il suo intento non è quello di riportarci dei fatti freddi, così

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger

Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Non Io, Ma Cristo di Jim Hohnberger Dio ha un piano di salvezza e redenzione per l'uomo caduto e Satana ha un piano per mantenere l'uomo caduto in questo stato. L'intero piano di Satana è costruito attorno

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Castel Madama, 8 novembre 2013 Il racconto In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

La santità al femminile

La santità al femminile Chiavari, 25 settembre 2010. La santità al femminile Introduzione Prima di parlare di santità al femminile, vorrei dedicare la prima parte della nostra riflessione alla santità e alla sua condizione nella

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria

SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT. Adorazione Eucaristica. A Gesù... per Maria SEMINARIO ARCIVESCOVILE PIO XI PEREGRINATIO ICONA MADRE DEL FIAT Adorazione Eucaristica A Gesù... per Maria Guida: In occasione della Peregrinatio della Statua della Madonna di Lourdes, lasciamoci illuminare

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11)

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corinzi (15,1-11) QUATTORDICESIMO INCONTRO CRISTO È VERAMENTE RISORTO : QUESTA È LA FEDE DI PAOLO, QUESTA È LA NOSTRA FEDE 1 Cor 15,1-11 ACCOGLIENZA E PRESENTAZIONE DELL INCONTRO PREGHIERA INIZIALE Lettore: Dio nostro,

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Marta, una vera discepola di Gesù. Prof.ssa Nuria Calduch-Benages, MN

Marta, una vera discepola di Gesù. Prof.ssa Nuria Calduch-Benages, MN Marta, una vera discepola di Gesù Prof.ssa Nuria Calduch-Benages, MN La nostra protagonista è Marta di Betania. Come mai questa scelta? La risposta si trova in Gv 11,27, dove Marta confessa la sua fede

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25)

Lectio divina (4) 1. L'annuncio della nascita di Giovanni Battista (1, 5-25) 1 Lectio divina (4) Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Mat.5:17: «Abolire» la Legge

Mat.5:17: «Abolire» la Legge Mat.5:17: «Abolire» la Legge (IL PRESENTE ARTICOLO È TRATTO E SVILUPPATO DAL LIBRO DI QUINTAVALLE ARGENTINO, ELEMENTI ESSENZIALI DELLA FEDE GIUDEO CRISTIANA, CAP. 9: CHE COS È LA TORAH) http://www.messiev.altervista.org/elementiessenziali.pdf

Dettagli