SIstema TAngenziali VEnete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIstema TAngenziali VEnete"

Transcript

1 MITIGAZIONE COMPENSAZIONE. S I T A V E. RICOSTRUZIONE RESTAURO AMBIENTE SIstema TAngenziali VEnete Un opportunità unica e irripetibile per la salvaguardia dell Ambiente e della Qualità della Vita della Popolazione? Se realizzata nel posto giusto e nel giusto modo Art. 19 P.A.Q.E. MIRABILIA QUADRANTE EUROPA SI-TA-VE di PROGETTO Tracciato ALTERNATIVO Art. 27 P.A.Q.E. PORTA DI SOMMACAMPAGNA AEROPORTO V. CATULLO

2 Estratto dalla Relazione Tecnica del P.A.T. del Comune di Sommacampagna Ambito Territoriale Omogeneo n. 7. Infrastrutture della pianificazione sovra ordinata. Descrizione La perimetrazione proposta individua un area caratterizzata dalla presenza e/o vicinanza di importanti infrastrutture di interesse sovra comunale e/o da indicazioni progettuali dettate da strumenti urbanistici di livello superiore, già recepite nel P.R.G. vigente, ma non ancora progettate e/o realizzate. In particolare ci si riferisce al P.A.Q.E. che qui prevede il Mirabilia (art. 19) e La Porta di Sommacampagna (art. 27), quali rispettivamente: _ sistema di spazi e strutture legate alla fruizione turistica sportiva, della cultura e del tempo libero, delle annesse strutture ricettive e per la ristorazione, nonché da un centro multimediale di informazione e conoscenza turistica; _ spazio per la realizzazione di strutture in grado di caratterizzare la Porta come nodo attrezzato di informazioni sul sistema turistico, culturale e ricreativo, in relazione con quanto specificato all articolo 19 per il Mirabilia. Va ricordato che il recepimento delle direttive dettati dai piani urbanistici sovra comunali è obbligatorio e che Sommacampagna è attraversata da ovest ad est dal Corridoio 5, vero e proprio cordone ombelicale di tutta la futura economia padana e direttrice importantissima per la movimentazione delle merci in direzione dei paesi dell est europeo in fase di grande espansione economica. L ambito è infatti interessato dai progetti dell Alta Capacità ferroviaria, di nuove future infrastrutture viarie (variante alla SS 11 - sistema delle tangenziali), di riqualificazione degli assi viari locali nord-sud (S.P. n. 26 Morenica), di riqualificazione del casello autostradale. Tali previsioni, ancorché in fase progettuale, debbono perciò essere posti al centro dell attenzione della pianificazione - programmazione comunale, poiché costituiscono scelte ineluttabili nel quadro geografico - territoriale di riferimento, nell ottica di governare le trasformazioni al fine di limitare gli impatti sul territorio e (per quanto possibile) contrattare le mitigazioni - compensazioni necessarie, nonché le eventuali ricadute economiche dovute ad un territorio al quale vengono chiesti importanti sacrifici in nome di uno sviluppo economico e dell interesse nazionale.

3 P.A.T. Carta delle Trasformabilità Ferrovia MI-VE Art. 19 PAQE Art. 27 PAQE AEROPORTO Nel P.A.T. del Comune di Sommacampagna non vi è traccia della nuova Autostrada denominata: SI-TA-VE Sistema Tangenziali Venete se non una generica fascia di rispetto lungo la linea della Ferrovia MI-VE, dove doveva essere realizzata la Variante S.R. n 11. Al fine di permettere la realizzazione della SI.TA.VE (e della Discarica delle Siberie) rispetto al P.R.G. precedentemente in vigore, è stata ridotta la superficie dell area destinata a Mirabilia (art. 19 PAQE) ed è stata vincolata un area per il nuovo Casello sulla A4 che dovrebbe caratterizzarsi come la Porta di Sommacampagna (Art. 27 PAQE).

4 Estratto dalle Norme Tecniche di Attuazione del P.A.T. Polo Funzionale Mirabilia. Il PAT conferma la previsione di un ambito da destinare al Mirabilia, in sintonia con quanto previsto dall Art. 19 delle Norme di Attuazione del Piano d Area del Quadrante Europa e dalla relativa cartografia progettuale. La realizzazione di questo importante insediamento, che si caratterizza quale servizio di scala territoriale sovra comunale in quanto ad elevata specializzazione funzionale, nel quale sono concentrate una o più funzioni strategiche, o servizi ad alta specificazione economica, scientifica, culturale sportiva, ricreativa e della mobilità, tale da poter essere definito Polo Funzionale di valenza metropolitana, andrà verificata e valutata attraverso il confronto con gli Enti Territoriali coinvolgibili, per garantire da un lato il necessario richiamo di massa, che alimenti il volano economico all attività, dall altro una qualità culturale elevata che eviti lo scadimento nel fieristico commerciale. I Poli Funzionali sono caratterizzati dalla forte attrattività di persone e di merci e da un bacino di utenza di carattere sovra comunale, tali da comportare un forte impatto sugli altri sistemi territoriali, come ipotizzato per l insediamento in esame. Obiettivi del P.A.T.: ridisegno dell area da destinare al Polo Mirabilia tenendo conto delle necessarie connessioni viabilistiche identificare alla scala territoriale di interesse, gli obiettivi di qualità e le condizioni di sostenibilità ambientale e territoriale; individuare degli interventi di trasformazione e qualificazione funzionale, urbanistica ed edilizia necessari, con particolare attenzione ai collegamenti viari con il casello autostradale, l aerostazione, la futura variante alla statale 11 e la strada provinciale Bussolengo-Villafranca; definire le caratteristiche morfologiche, dell organizzazione funzionale e del sistema delle infrastrutture e delle dotazioni territoriali necessarie; verificare e dettagliare le norme e le destinazioni d uso.

5 A MIRABILIA B Porta di Sommacampagna C SI-TA-VE in trincea coperta Tracciato Alternativo della SI-TA-VE B A H C D E D SI-TA-VE in Galleria Artificiale E Nuovo Casello: Aeroporto Nord F Casello: Quadrante Europa G Tangenziale Sud di Caselle H Tangenziale Est di Caselle G F Il tracciato della SI-TA-VE (come previsto da progetto), va ad interessare un area che oggi è lontana dagli impatti ambientali creati dalle attuali Autostrade: A4 e A22 e dall Aeroporto: Catullo e che pertanto questa parte del territorio deve rimanere libera dal nuovo traffico Autostradale creato dalla SI-TA-VE. Il tracciato alternativo della SI-TA-VE in aderenza (e sotto) la A4 crea importanti vantaggi ambientali e migliora la fluidifichità del traffico qualora fossero adottate metodologie per abbattere gli inquinanti prodotti anche dalla A4 ricoprendo il tratto in trincea della SI-TA-VE con un Parco Fotovoltaico.

6 Estratti dallo S.I.A. della SI-TA-VE L inquinamento come qui è stato cosi rappresentato riguarda solo il traffico autostradale e in queste elaborazioni NON è stato quantificato e/o rappresentato l inquinamento generato dall Aeroporto Valerio Catullo di Verona

7 Casello di Sommacampagna Verona Ovest che crea la Porta di Sommacampagna (art. 27 P.A.Q.E.)

8 La realizzazione della SI-TA-VE in aderenza con la A4 crea degli innumerevoli vantaggi e il principale riguarda il nuovo e l unico Casello Autostradale che sarebbe a servizio delle due Autostrade, per la A4 e per la SI-TA-VE permettendo cosi che il traffico in uscita ed in entrata dalle due autostrade non abbia da interferire con la viabilità locale. Con questo unico Casello, tutto l attuale traffico, da e per l Aeroporto di Verona, (che impatta sulla viabilità locale) verrebbe totalmente e completamente eliminato. Con questo unico Casello, sarebbe realizzato anche un collegamento diretto tra le autostrade e le aree di Mirabilia senza nessuna e altra interferenza con la viabilità locale. La viabilità locale, costituita dalla Strada Provinciale: Villafranca- Bussolengo, verrebbe interessata solo ed esclusivamente dal traffico locale a servizio delle comunità residenti nei comuni di Sommacampagna, Sona, Bussolengo e Villafranca, realizzando un by pass a Nord e a Sud del nuovo e unico Casello A4 e SI-TA-VE. Il tratto della SI-TA-VE (modificato) dal nuovo e unico Casello, verso Ovest, sarà realizzato in trincea aperta (con un minore impatto acustico sui territori limitrofi) e le opere di ingegneria ambientale qui realizzate potranno essere finalizzate ad abbattere anche gli inquinanti sia dell esistente autostrada A4 nonché della NUOVA autostrada: SI-TA-VE in modo da mitigare e compensare l impatto creato dalle due infrastrutture. Il tratto della SI-TA-VE (modificato) dal nuovo e unico Casello, verso EST, oltre ad essere realizzato ancora in aderenza con l esistente A4, verrà realizzato in trincea, ma che verrà poi ricoperta con una struttura adatta a sopportare un Parco Fotovoltaico ottenendo con questa copertura, tre innegabili vantaggi: 1 il rumore generato dal traffico della nuova autostrada verrebbe eliminato completamente 2 l inquinamento dell aria verrebbe mitigato utilizzando filtri e sistemi di abbattimento delle polveri 3 il territorio consumato per la nuova Autostrada verrebbe recuperato per realizzare un Parco Fotovoltaico A compensazione per la realizzazione del Nuovo Casello, le aree oggi utilizzate dall esistente casello sulla A4 potrebbero essere trasformate per realizzare degli insediamenti alberghieri a servizio di Mirabilia.

9 Casello di Aeroporto Nord che diventa anche il Casello di Caselle Est (o Sud) sottopassando la A4

10 Con la realizzazione della SI-TA-VE in aderenza con la A4 il centro abitato che avrebbe una diminuzione esponenziale dell inquinamento generato dalle infrastrutture viarie, questo sarebbe l abitato di Caselle dove vivono 5000 persone, paese che oltre a subire gli inquinamenti autostradali deve subire anche quelli generati dall Aeroporto: Valerio Catullo. La NON realizzazione della SI-TA-VE dove è stata progettata (ad Est e a Nord di Caselle), protegge delle aree che oggi sono le meno inquinate dell intorno di questo centro abitato che potrà trarre altri benefici ambientali dalla realizzazione di un tratto autostradale dentro l abitato, in galleria artificiale con conseguente zero impatto da rumore. Tutto il traffico in uscita (e viceversa) proveniente dal nuovo Casello di Sommacampagna, che assumerà cosi il ruolo di Porta Ovest della Città di Verona, verrà convogliato attraverso la SI-TA-VE verso due nuovi Caselli Autostradali, il primo a servizio dell Aeroporto che, come è stato ipotizzato e posizionato permette un agevole accesso sia alle aree poste a sud della pista che come alle aree a nord dell attuale aerostazione. Il Casello Aeroporto Nord che diventa anche il Casello: Caselle EST (o Sud) permette la realizzazione di due sistemi di Tangenziali da realizzare a Sud e ad Est di Caselle che come opere di compensazione possono essere utili a diminuire gli impatti ambientali generati dal traffico di attraversamento del centro abitato. Con il Casello Aeroporto Nord, il previsto nuovo Casello della SI-TA-VE a servizio del Quadrante Europa, potrà essere meglio organizzato e strutturato per un miglior suo funzionamento e con un notevole risparmio di risorse economiche recuperando cosi importanti aree da destinare alla mitigazione ambientale degli impatti da inquinamento già esistenti e di quelli nuovi creati dal potenziamento delle nuove infrastrutture. L area su cui è stato ipotizzato il cantiere di lavoro che, è stato qui previsto, potrebbe essere abbassata di quota, per recuperare del materiale ghiaioso utile alla costruzione della SI-TA-VE che andrebbe ad aggiungersi alla ghiaia recuperata realizzando la nuova Autostrada in trincea e non sopraelevata come previsto per più della metà del tratto che avrebbe interessato il comune. Alla dismissione del Cantiere, a compensazione l area potrà essere destinata a Parcheggi low cost a servizio dell Aeroporto Catullo.

11 Tratto in trincea con Parco Fotovoltaico Tratto in galleria artificiale realizzato sotto la A4 Con questo Tracciato Alternativo che prevede che la nuova SI-TA-VE sia realizzata in aderenza alla A4, diventano inutili delle opere infrastrutturali che sarebbero già state previste e approvate (ma a quanto pare non ancora finanziate) che sono state progettate dall Autostrada del Brennero. Diventa cosi inutile la realizzazione del nuovo svincolo tra la A4 e A22 e diventa inutile realizzare il nuovo casello sulla A22 che era stato previsto essere a servizio dell Aeroporto: Catullo. La non realizzazione del Nuovo Casello sulla A22 e del relativo svincolo tra le due Autostrade permette un notevole risparmio di risorse economiche che possono essere impiegate alla realizzazione di opere compensative, quali la Tangenziale Sud di Caselle e la Tangenziale Est, quest ultima tra l altro potrebbe essere coincidente con la strada di Cantiere necessaria alla realizzazione della 3^ corsia sull Autostrada A22. La strada di cantiere della T.A.V. che era destinata alla realizzazione della Variante alla S.R. n 11, potrebbe essere poi destinata a diventare la Tangenziale Sud di Lugagnano al fine cosi di migliorare le condizioni di vita di quel centro abitato e finalizzata anche a raccogliere il traffico che da Sommacampagna si dirige verso Verona Nord e la parte ad Ovest di Verona. Nuovo Casello sulla A22 per l Aeroporto Catullo? Un opera inutile

12 Un opportunità unica e irripetibile per la salvaguardia dell Ambiente e della Qualità della Vita della Popolazione? NO SI-TA-VE di PROGETTO S I Tracciato ALTERNATIVO SI-TA-VE Sistema Tangenziali Venete [tracciato alternativo] E ovvio che per dove e come progettata la nuova SI-TA-VE, nessun vantaggio reale vi è per il territorio di Sommacampagna, se non inquinare un area agricola, che oggi non è interessata da traffico autostradale. Realizzare la SI-TA-VE come proposta nel tracciato alternativo non solo costerebbe meno di quanto è stato progettato fino ad ora, ma la qualità della vita della popolazione avrebbe da migliorare perché la qualità e la quantità degli agenti inquinanti sull ambiente verrebbero ad essere mitigati e compensati.

13 E evidente che anche-qualora fossero espressi una serie di pareri contrari, la Nuova Autostrada: SI-TA-VE, nonostante che l Abitato di Caselle sia uno dei più inquinati dell intera provincia di Verona verrà realizzata bisogna vedere se una nuova posizione potrebbe trasformare una negatività in positività per i nostri paesi. Che la nuova Autostrada sia inutile alla nostra popolazione questo è evidenziato nella sottostante immagine dove il percorso Capoluogo Stazione se fosse utilizzato servendosi della nuova Autostrada risulterebbe essere lungo quasi il doppio che utilizzando le strade locali, siano queste strade comunali che provinciali. Lo schema qui riportato evidenzia i tre diversi percorsi e quello più corto attraversa l abitato di Caselle

14 Il territorio di Caselle è le infrastrutture esistenti e quelle nuove!! Per sintetizzare la quantità e la qualità delle infrastrutture che NON interessano l abitato di Caselle, si farebbe prima a scrivere NON c è un Porto per le Navi, perché in realtà poi c è già tutto quello che può creare e/o generare del traffico veicolare di qualsiasi tipo esso sia: Stradale, Ferroviario e Aereo. CASELLE Oltre a quello che oggi c è già, si stanno progettando altre opere e infrastrutture che creeranno ulteriori e NUOVI IMPATTI AMBIENTALI. La Ferrovia c è già 2 binari, a cui verranno aggiunti altri 4 della TAV. Un Aeroporto c è già e oltre alla pista attuale ne vogliono un altra. Di Autostrade c è ne sono già 2 che incrociandosi creano un incrocio. Un Interporto c è già e questo continua ad ampliarsi di anno in anno. Una Tangenziale c è già e altre sono in progetto o in fase di appalto. Poi c è la 3^ corsia della Brennero, il nuovo Incrocio A4-A22, un nuovo Casello sulla A22 per l Aeroporto, l ampliamento e il potenziamento delle infrastrutture del Quadrante Europa e una nuova autostrada denominata: S.T.L.V. - Sistema Tangenziali Lombardo Venete.

15 -Trincea - SI-TA-VE un opera D A N N O S A per Caselle? Un Cittadino-Automobilista che da Verona volesse recarsi a Peschiera utilizzando la nuova Autostrada SI-TA-VE inquinerebbe per 3 volte il Centro Abitato di Caselle, in quanto transiterebbe primo- sulla Tangenziale Ovest (verso sud), poi dopo un giretto nella rotonda davanti al Centro AgroAlimentare, -secondo- transiterebbe di nuovo ad Est di Caselle (ritornando verso nord), per poi terzo- dopo una ampia curva per recarsi verso Ovest: Peschiera-Sommacampagna, si transiterebbe - a Nord di Caselle - per la T E R Z A volta. La stessa Auto e/o Autocarro, per andare da Verona a Peschiera, e/o da Verona a Sommacampagna (e/o viceversa) transiterebbe per TRE volte vicino al centro abitato di Caselle, TRIPLICANDO - di fatto - lo stesso inquinamento generato da ogni singolo veicolo Auto o Camion. Il traffico veicolare, generato dalla SI-TA-VE andrebbe poi ad interessare un area agricola, fino ad oggi preservata dall inquinamento automobilistico, che è ubicata a lato della Ferrovia Storica: Milano Venezia a lato della quale verrà poi realizzata la nuova Ferrovia T.A.V. che porterà a: 6 binari ferroviari questo tratto. Una parte del territorio che vede la presenza di cave in esercizio e che potrebbe essere l embrione di un Parco Naturalistico delle Cave che potrebbe essere distrutto dalla presenza di una nuova Autostrada che renderebbe vano questa azione mitigatrice come ipotizzata, ma già resa inefficace dalla Discarica Comunale -Galleria - -Viadotto- -Rilevato- -Trincea-

16 Una nuova Autostrada, può essere ad impatto tendente a ZERO? Realizzare un autostrada in trincea è evidente che crea minori impatti ambientali che non un autostrada che sia stata realizzata in rilevato. Poi se la nuova Autostrada oltre ad essere realizzata in trincea, con asfalto mangia smog, viene anche ricoperta da una struttura sufficiente a sostenere un Parco Foto- Voltaico, allora gli impatti ambientali possono tendere a zero soprattutto se poi si installano dei moduli per poter lavare l aria e altri sistemi per filtrare ed abbattere gli agenti inquinanti creati dal traffico.

17 Autostrada A4: L Emergenza Ambientale per Caselle [da risolvere?] L Autostrada A4 Brescia-Padova, è una delle EMERGENZE AMBIENTALI che impattano sulla qualità della vita e sulla salute dei cittadini di Caselle che dovrebbe essere risolta con interventi strutturali e non con dei palliativi, come ipotizzati nella bozza del P.A.T. - Piano di Assetto del Territorio, che ha previsto due aree a verde: una a Nord e una a Sud di detta infrastruttura. E necessaria un opera di MITIGAZIONE di COMPENSAZIONE, di RICOSTRUZIONE al fine di ottenere un: RESTAURO AMBIENTALE..Un intervento per..migliorare la QUALITA URBANA e TERRITORIALE e per GARANTIRE una QUALITA di VITA dei Cittadini.. Tratto A4, in galleria artificiale. AEROPORTO C A S E L L E Realizzare due aree a verde pubblico dove inserire anche degli impianti sportivi (come previsto dal P.A.T.) senza un vero tentativo di eliminare o diminuire gli impatti negativi generati dall Autostrada è un modo sbagliato di risolvere un problema che, nel tempo, diventerà sempre più grave. Sono necessarie della azioni decisive e strutturali: quelle di mitigazione, di compensazione e di ricostruzione per ottenere un restauro ambientale e, l unico modo è quello di progettare per proteggere la qualità di vita della popolazione ricoprendo la A4 con una: Galleria Artificiale.

18 Esempi di gallerie artificiali già realizzate, possono essere qui richiamati al fine di poter dimostrare la fattibilità di un intervento anche per Caselle. A Bologna un tratto della A14 è stato ricoperto con una specie di grigliato al fine di poter mitigare il rumore. In alcuni tratti del Passante di Mestre sono stati realizzati dei tratti di gallerie artificiale, poi ricoperti di verde.

19 Un intervento per il miglioramento della Qualità Urbana e Territoriale Al centro di Caselle, non si può lasciare un Autostrada com è e con tutti i problemi ambientali che crea e che creerà in futuro e per sempre con l aumento del traffico autostradale, sommato all aumento del traffico Aeroportuale. Bisogna coprire quel tratto autostradale - di circa 900 metri - con l obiettivo di poter progettare un intervento per il miglioramento della qualità urbana e territoriale realizzando un opera che sia di MITIGAZIONE, di COMPENSAZIONE, di RICOSTRUZIONE per ottenere poi un RESTAURO AMBIENTALE. E evidente che un PROGETTO cosi COMPLESSO andrà a coinvolgere una serie di: ENTI e di PRIVATI ed in particolare questi ULTIMI potranno intervenire solo e se avranno un tornaconto economico che permetta di recuperare le spese sostenute per partecipare alla proposta come illustrata nelle pagine seguenti e che ipotizzano come potrebbe diventare il Nuovo Centro di Caselle: un area Verde recuperata all Autostrada. Quasi tutti gli edifici che verranno qui ipotizzati, dovranno essere progettati in modo che tutti i loro tetti possano diventare dei giardini pensili alla stessa quota della Galleria Artificiale sull Autostrada A4 - BS-PD.

20

21

22

23

24 Quanto qui proposto, potrebbe rappresentare un opera di compensazione che nello stesso tempo diventa un opera di mitigazione degli impatti ambientali dell Autostrada che se realizzata è un opera una ricostruzione di una parte degradata del territorio diventando cosi un restauro ambientale per poter migliorare la qualità della vita di un centro abitato pesantemente inquinato quale è il luogo dove vive la popolazione di Caselle. Se la realizzazione della SI-TA-VE è autorizzata a patto che siano realizzate delle opere di compensazione, di mitigazione, di ricostruzione e di restauro ambientale come cosi ipotizzata che possano diventare opere strutturali finalizzate ad abbattere gli inquinamenti oggi esistenti è un opera da realizzare.

25 Una SI-TA-VE che possa permettere che siano realizzati i due NUOVI Caselli autostradali e le opere di compensazione e di mitigazione come qui ipotizzati in questo documento, potrebbe essere un occasione unica che potrebbe salvare il centro abitato di Caselle. 23 aprile 2009 Cittadino nativo di Caselle Beniamino Sandrini

OBIETTIVI: MENO INQUINAMENTO AL:

OBIETTIVI: MENO INQUINAMENTO AL: 1^ FASE: 2011 VERIFICA STATO INQUINAMENTO DEL: 2^ FASE: 1999 TORNARE ALL INQUINAMENTO DEL: 3^ FASE: 2015 OBIETTIVI: MENO INQUINAMENTO AL: SOMMACAMPAGNA 2015 1^ FASE: VERIFICA STATO INQUINAMENTO DEL:

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel Consorzio Zai Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel 1948 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Verona ed

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza

I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada. Ilaria Bramezza I recenti interventi normativi per le infrastrutture: la Finanza di Progetto applicata ad un autostrada Ilaria Bramezza 1. Il project financing Il project financing è una tecnica per la realizzazione di

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

LE AREE OGGETTO DI STUDIO

LE AREE OGGETTO DI STUDIO Comune di SARMATO Provincia di PIACENZA PROGETTO DI RECUPERO E VALORIZZAZIONE AREE EX ZUCCHERIFICIO ERIDANIA REALIZZAZIONE DI UN PARCO FOTOVOLTAICO ALL INTERNO DEL COMPARTO APEA LE AREE OGGETTO DI STUDIO

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO DEL NORD EST

CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO DEL NORD EST Città di Venezia Comune di Padova con la collaborazione della Regione Veneto CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DI MONZA PARCO DELLA CAVALLERA PARCO DI CINTURA

IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DI MONZA PARCO DELLA CAVALLERA PARCO DI CINTURA PARCHI REGIONALI PLIS IL PARCO DI CINTURA TAV.1 IL PARCO DI CINTURA PARCO DELLA VALLE DEL LAMBRO PARCO DELL ADDA PARCO DELLE COLLINE BRIANTEE PARCO DELLE GROANE PARCO DELLA BRIANZA CENTRALE PARCO DI MONZA

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture PRIORITÀ INFRASTRUTTURALI NELLE REGIONI REGIONE LIGURIA SISTEMI STRADALI E AUTOSTRADALI Tunnel sottomarino/sotterraneo Genova Nel sistema della grande viabilità urbana di Genova si inserisce il progetto

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST

8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST Tavola 8.10: CONFRONTO SCENARIO TENDENZIALE CANTIERE B VISTA SUD EST - Flussi di traffico sulla rete viaria locale. Fascia oraria 7:30 8:30. Veicoli equivalenti Pagina 135/145 Tavola 8.11: CONFRONTO SCENARIO

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Presentazione della richiesta per la realizzazione di interventi di riqualificazione territoriale e di adeguamento del sistema della mobilità

Presentazione della richiesta per la realizzazione di interventi di riqualificazione territoriale e di adeguamento del sistema della mobilità Presentazione della richiesta per la realizzazione di interventi di riqualificazione territoriale e di adeguamento del sistema della mobilità connessi alla realizzazione di un intervento a carattere commerciale

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

la ditta ITALFERR, subentrata a IRICAV DUE per la progettazione degli interventi e in data 06.07.2001 chiedeva al comune d individuare il punto d

la ditta ITALFERR, subentrata a IRICAV DUE per la progettazione degli interventi e in data 06.07.2001 chiedeva al comune d individuare il punto d Adozione variante al vigente Piano Regolatore Generale Territorio Esterno ai sensi della L.R. 61/85 art. 50 comma 4 lett. g) per la previsione di un percorso ciclopedonale fino al nuovo parcheggio a servizio

Dettagli

PADOVA VENETO. Venezia 35 km // 20 min Bologna 120 km // 80 min Trieste 200 km // 110 min Milano 220 km // 140 min 00-15 15-30 VIABILITA

PADOVA VENETO. Venezia 35 km // 20 min Bologna 120 km // 80 min Trieste 200 km // 110 min Milano 220 km // 140 min 00-15 15-30 VIABILITA PORTA NORD Roma PADOVA localizzazione VENETO bacino d utenza Venezia 35 km // 20 min Bologna 120 km // 80 min Trieste 200 km // 110 min Milano 220 km // 140 min 00-15 15-30 Limena MILANO A 4 Cadoneghe

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

Studio di pre-fattibilità

Studio di pre-fattibilità Studio di pre-fattibilità Oggetto: Progetto per la realizzazione, in regime di Project Financing, di un parcheggio multipiano in Tricase Piazza Card. Panico. Premessa Il presente studio riguarda la realizzazione,

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE

ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2011/2012 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE 30 aprile e 7 maggio 10,30-13,30

Dettagli

Modifiche in materia Commerciale

Modifiche in materia Commerciale PROVINCIA DI BOLOGNA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Modifiche in materia Commerciale VARIANTE NON SOSTANZIALE AL PTCP ai sensi dell art.27bis della L.R. 20/2000 e s.m.i. RECEPIMENTO DEI

Dettagli

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 12. LE NORME DI ATTUAZIONE CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Art. 1 Natura giuridica Il Piano della Viabilità costituisce parte del

Dettagli

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015

GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 ESTRATTO GUIDA AL MERCATO DEGLI UFFICI DI MILANO E HINTERLAND 2013-2015 Domanda, offerta e rating di zona per investire e vendere al meglio Il mercato degli uffici di Milano e hinterland è il più importante

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1

Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 Var. 24 Var. 58 Var.168 D.D. 53 Scheda norma D/1 Ex scalo merci V.le Fratti (Tav. P.R.G.23) Sub ambito di Trasformazione 02 SN1 PARTE I STATO DI FATTO 1. DESCRIZIONI DELLE CONDIZIONI ATTUALI DELL AREA

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

LAND Milano srl arch. Andreas Kipar

LAND Milano srl arch. Andreas Kipar LA NUOVA RETE DEI PAESAGGI DELLA PROVINCIA DI GORIZIA Contributo della Provincia di Gorizia alla candidatura a Venezia e Nordest capitale della cultura 2019 LAND Milano srl arch. Andreas Kipar 3 settembre

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Veneto e gli strumenti di pianificazione Contenuti della comunicazione: Il PRUSST della Riviera

Dettagli

Un progetto per il Paese

Un progetto per il Paese Un progetto per il Paese ASSISE 2011 La funzione di Unindustria Introduzione Lo sviluppo dell 'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino rappresenta uno degli obiettivi più importanti per la crescita

Dettagli

Il Distretto Logistico Portuale di Marghera nell ambito del Sistema Logistico Regionale

Il Distretto Logistico Portuale di Marghera nell ambito del Sistema Logistico Regionale Il Distretto Logistico Portuale di Marghera nell ambito del Sistema Logistico Regionale A.A. 2013-14 Dipartimento di Progettazione e Pianificazione di Ambienti Complessi Corso di Laurea magistrale: Architettura

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Milano: Via Quintiliano

Milano: Via Quintiliano Milano: Via Quintiliano Memorandum Maggio 2011 IPM Srl Confidenziale 1 Indice Il contesto di riferimento L immobile IPM Srl Confidenziale 2 Il contesto di riferimento L immobile è situato nella zona sud

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC

VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia Provincia di Udine Comune di Cervignano del Friuli VARIANTE N. 85 AL VIGENTE PRGC VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC Oggetto : - Relazione Tecnica e Grafici Responsabile

Dettagli

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

Sindaco di Sommacampagna sommacampagna.vr@cert.ip-veneto.net

Sindaco di Sommacampagna sommacampagna.vr@cert.ip-veneto.net Beniamino Sandrini Via del Fante, n. 21 37066 CASELLE di Sommacampagna T. 0458581200 Cell. 3485214565 Mail: beniaminosandrini@virgilio.it PROJECT TO PROTECT www.vivicaselle.eu PROGETTARE PER PROTEGGERE

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale

08LUALAN RELAZIONE. 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale 08LUALAN RELAZIONE 1. illustrazione sintetica della proposta progettuale La principale caratteristica dell area oggetto di intervento è la forte presenza dell area boscata, è l essere quasi estranea rispetto

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

Amm. Unico di RECIS srl realestatecis@legalmail.it

Amm. Unico di RECIS srl realestatecis@legalmail.it Beniamino Sandrini Via del Fante, n. 21 37066 CASELLE di Sommacampagna T. 0458581200 Cell. 3485214565 Mail: beniaminosandrini@virgilio.it PROJECT TO PROTECT www.vivicaselle.eu PROGETTARE PER PROTEGGERE

Dettagli

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C.

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. adottata dalla Giunta Regionale con Dgr. n 427 del 10.04.2013 Sono trascorsi quattro

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE PER IL POLO FUNZIONALE AEROPORTO

ACCORDO TERRITORIALE PER IL POLO FUNZIONALE AEROPORTO Comune di Calderara di Reno ACCORDO TERRITORIALE PER IL POLO FUNZIONALE AEROPORTO Conferenza stampa Bologna 15 luglio 2008 La strategia metropolitana 6 Accordi Territoriali sottoscritti per i Poli Funzionali

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Verifiche di impatto sulla viabilità

Verifiche di impatto sulla viabilità Verifiche di impatto sulla viabilità (ai sensi della D.C.R. n 563-13414 e s.m.i.) Relazione allegata al P.E.C. del Comparto S25 per la realizzazione di nuovo insediamento commerciale-residenziale Premessa

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Con riferimento alla richiesta di pronuncia di compatibilità ambientale ai sensi dell art.26 del D.lgs 152/06 e

Con riferimento alla richiesta di pronuncia di compatibilità ambientale ai sensi dell art.26 del D.lgs 152/06 e .., /.. /.. Al Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. OGGETTO : Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi dell art.26 del D.lgs 152/06 e s.m.i. relativa al nuovo Master Plan

Dettagli

M.usica I. A rte CITTA M.I.A. EXPO 4 EVER. mmagine M I R A B I L I A? rimontarli a. e riusati possiamo SOMMACAMPAGNA - VERONA - VENETO - ITALIA - E.U.

M.usica I. A rte CITTA M.I.A. EXPO 4 EVER. mmagine M I R A B I L I A? rimontarli a. e riusati possiamo SOMMACAMPAGNA - VERONA - VENETO - ITALIA - E.U. CITTA M.I.A. M.usica I. mmagine Se i Padiglioni dell EXPO 2015 vanno smantellati e riusati possiamo rimontarli a M I R A B I L I A? EXPO 4 A rte EVER SOMMACAMPAGNA - VERONA - VENETO - ITALIA - E.U. Stato

Dettagli

Peschiera Borromeo - Via Trieste 39 c/o Il Truciolo Bar Caffetteria OSSERVAZIONI E PROPOSTE

Peschiera Borromeo - Via Trieste 39 c/o Il Truciolo Bar Caffetteria OSSERVAZIONI E PROPOSTE OSSERVAZIONI E PROPOSTE OSSERVAZIONI E PROPOSTE AL PGT ADOTTATO IN DATA 27/02/2012 OSSERVAZIONI 1) Gli elaborati del PGT propongono la realizzazione di una strada posta tra il Castello della Longhignana

Dettagli

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini

SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE. 1. Brescia e Comuni Vicini SISTEMA URBANO SOVRACOMUNALE 1. Brescia e Comuni Vicini Brescia Quadro sintetico del sistema insediativo ed ambientale comunale Comune BRESCIA Viabilità Le aree industriali si trovano sull asse nord-ovest

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Alla Provincia di Verona Settore Ecologia Via delle Franceschine, 10 37122 Verona

Alla Provincia di Verona Settore Ecologia Via delle Franceschine, 10 37122 Verona Beniamino Sandrini - Via del Fante 21 37066 CASELLE di Sommacampagna Cell. 348 521 45 65 sandriben@tin.it Sito: http://vivicaselle.blogspot.com Alla Regione Veneto Unità Complessa Valutazione Impatto Ambientale

Dettagli

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto 16/01/2015 1 Contesto nazionale e locale Utile premessa: nessuna linea ferroviaria italiana supera gli standard internazionali

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

e per conoscenza: Dipartimento Provinciale di Verona

e per conoscenza: Dipartimento Provinciale di Verona Beniamino Sandrini Via del Fante, n 21 37066 CASELLE di Sommacampagna T. 0458581200 Cell. 3485214565 Mail: beniaminosandrini@virgilio.it PROJECT TO PROTECT COME SALVARE C A S E L L E PROGETTARE PER PROTEGGERE

Dettagli

Il sistema del trasporto privato

Il sistema del trasporto privato Il sistema del trasporto privato 1. Introduzione e inquadramento generale "La Provincia attraverso il PTCP definisce la dotazione di infrastrutture per la mobilità di carattere sovracomunale, ed individua

Dettagli

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo MOBILITY CONFERENCE 2014 Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo Avv. Marzio Agnoloni Amministratore Delegato Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. 11 Febbraio 2014 1 Indice Inquadramento

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

1 - IL CONTESTO REGIONALE

1 - IL CONTESTO REGIONALE 1 - IL CONTESTO REGIONALE P A R M A 2 0 2 0 1 1.1 Accessibilità dell area Padana 1.1.1 Accessibilità della popolazione residente al 2008 tempo 30 1.1.2 Stranieri accessibili per 1000 residenti accessibili

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE

GLI INVESTIMENTI SULLA RETE AUTOSTRADALE WORKSHOP Metodologie di gestione e politiche di investimento per il patrimonio stradale nazionale esistente: attuale insostenibilità, ipotesi di nuovi scenari e linee di intervento GLI INVESTIMENTI SULLA

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA»

«VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» «VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DI UN PANNELLO A MESSAGGIO VARIABILE LOCALIZZATO NELLA PIANA DI LUCCA» SISTEMI DI INFORMAZIONE I sistemi di informazione sono apparati costituiti da strumentazione connessa

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO

18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO 18/11/2009 Ore 14.30-17.30 Sala Verdi SEMINARIO La Comunità Sostenibile: una soluzione partecipata per gli obiettivi della Direttiva 20-20-20 Clima Energia. Nuove opportunità di coesione sociale e di sviluppo

Dettagli

NODO METROPOLITANO DI TORINO

NODO METROPOLITANO DI TORINO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO FONTE: http://www.barrieracentro.it/mobilita/pdf/mobilita.pdf Dicembre 2013 1. STATO DI AVANZAMENTO DEGLI INTERVENTI

Dettagli