d Italia Monti contro il nepotismo. Ma i figli di papà tecnici non se la passano così male

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "d Italia Monti contro il nepotismo. Ma i figli di papà tecnici non se la passano così male"

Transcript

1 CON IL PDL d Italia ANNO LXI N.15 Registrazione Tribunale di Roma N del 23/2/76 sabato 19/1/2013 Uniti, ma solo per colpire (e copiare) il Cavaliere Girolamo Fragalà Monti contro il nepotismo. Ma i figli di papà tecnici non se la passano così male Si sono riempiti la bocca con una parolina magica, il nuovo, per ripresentarsi agli elettori come le verginelle della politica. Allʼinizio sembravano tutti convertiti al dialogo, Monti era pacato e (artificialmente) sobrio, Bersani costruiva su di sé unʼimmagine seria, foto in giacca e cravatta, sguardo rassicurante. Persino alcune toghe sembravano più serene nei confronti del Cavaliere e i grandi giornali si dedicavano alle analisi senza eccedere nella partigianeria. Una specie di miracolo. Che cosʼera successo? Ma sì, dicevano, hanno ascoltato i ripetuti appelli fatti da Napolitano, il grande saggio, e hanno avviato una nuova stagione. Poi, tuttʼa un tratto, la situazione si è capovolta con una controffensiva mediatica che di nuovo non ha nulla, perché ci ha riportato allo stesso clima delle ultime campagne elettorali, alle stesse armi usate contro lʼavversario, agli articoli costruiti per demolire chi è scomodo. Un repentino cambio di rotta, che ha una sola chiave di lettura: da giorni i sondaggi danno Berlusconi in forte rimonta (lʼultimo è quello Swg) e a molti sono saltati i nervi. La vittoria non è più in cassaforte e potrebbero esserci problemi anche alle regionali e alle comunali. Da qui la decisione di rimettere in moto la macchina da guerra e di fango. Monti inchiodato dalle cifre al ruolo di piccolo leader a caccia di alleanze postume e compromessi più o meno storici ha iniziato a scalciare, disconoscendo i suoi figli (quei provvedimenti che hanno svuotato i portafogli a ricchi e poveri) e tornando ai metodi della peggiore Dc, ereditati dai suoi alleati. Il Pd dovendo più o meno rispettare il patto di non belligeranza con il Professore ha rispolverato lʼantiberlusconismo, arrivando a mettere sulla graticola persino Santoro, colpevole di aver ospitato il nemico nella sua trasmissione. Le toghe hanno ricominciato con i processi e le sentenze promesse alla vigilia del voto, su alcuni quotidiani è risuonato il tamtam scandalistico, spariamo sul mucchio, qualche vittima ci sarà. Ultimi sfottò dal web: Casini nel cofano di Monti (come ruota di scorta) Francesco Signoretta Chiama buffoni gli altri, perché a suo dire fanno promesse mentre lui e i suoi alleati no (sono sobri come il capo ). Vede tante Alici nel Paese delle Meraviglie in politica, mentre lui e i suoi alleati restano sempre coi piedi per terra (sono concreti come il capo ). Dice che gli altri sono smemorati mentre lui e i suoi alleati hanno una memoria di ferro (sono lucidi come il capo ). Casini rimasto alla periferia di una campagna elettorale che sognava invece di fare da protagonista cerca di guadagnarsi cinque minuti di notorietà con frasi a suo dire efficaci, ma che vengono subito sbeffeggiate sul web. Parla di Berlusconi Non hanno calcolato che gli elettori ormai sono abituati a tutto questo, è difficile che possano cascarci. Ma un risultato il Cavaliere ha ottenuto: Monti ha scoperto che lʼimu non è buona e giusta come invece lui voleva far credere. Bersani ha scoperto che la patrimoniale, forse, non sʼha da fare. Monti e Bersani, insieme, hanno ammesso che in Scrittori al voto: niente impegno per le grandi firme GOLETTI PAG.2 Storace: con me alla presidenza niente auto blu DELLE DONNE PAG.5 Paolo Villaggio, ottantʼanni allʼombra di Fantozzi DEL NINNO PAG.7 Italia ci sono troppe tasse e forse è il caso di pensare a un rimedio. Fino a pochi giorni fa, però, dicevano il contrario. Ora, almeno a parole, hanno cambiato idea. Ne consegue un dettaglio non indifferente: Berlusconi aveva ragione. Ma Monti e Bersani non lo ammetteranno mai. Non per pudore, ma per paura. senza nominarlo, è «il signore che cinque anni fa salì sul predellino», si prende il (de)merito di aver portato il governo tecnico, «siamo stati io e Fini a evitare che lʼitalia saltasse in aria», convinto che così facendo e dicendo torna nelle grazie del Professore dopo gli attriti scoppiati a causa delle liste. A sentire le sue parole, solo lui offre prodotti caserecci e di qualità, un poʼ come la salumeria che garantisce, a Roma o a Milano, la mozzarella di bufala proveniente direttamente dal Casertano: «Non affidiamoci ai piazzisti che propongono un vino contraffatto», afferma con chiaro riferimento al suo nemico, di cui teme la rimonta. E di Monti cosa dice? «Non ha la bacchetta magica ammette il leader dellʼudc dopo che, per mesi, lo ha descritto come lʼuomo della provvidenza, «ma è una persona seria». Il repertorio è identico, Casini non sposta nemmeno una virgola, ma il gioco non gli riesce. Ha paragonato gli altri (in primis Berlusconi) ad Alice delle Meraviglie? E su facebook abbondano gli sfottò sul trio delle meraviglie destinato a strangolare gli italiani. e Casini è uno dei tre. Ha parlato del predellino? Ecco le vignette sul leader dellʼudc infilato nel bagagliaio dellʼauto di Monti, come ruota di scorta. A volte è meglio un sano silenzio. Perché poi gli italiani si rendono conto che Casini non offre mozzarelle di bufala doc, ma rifila bufale. E in politica questo si paga a caro prezzo.

2 2 Scrittori al voto: saranno elezioni senza l'impegno delle grandi firme Valerio Goletti Sembrano ormai definitivamente tramontati i tempi in cui gli intellettuali firmavano appelli e manifesti per supportare battaglie e volti della politica. Oggi non è più così, oggi i partiti si affannano a cercare nomi della società civile, imprenditori o sportivi o giornalisti non ha importanza purché non abbiano alcuna pratica delle vicende parlamentari. E i letterati? Sono rimasti indietro, appartati e forse anche un po' schifati dal "teatrino", ad eccezione del premio Strega Edoardo Nesi, candidato alla Camera per la lista Monti. Ieri il quotidiano "Europa" ha voluto stilare un elenco degli scrittori impegnati e di quelli disimpegnati dopo il "gran rifiuto" di Alessandro Baricco di candidarsi con Bersani. "Europa" avverte che, intanto, il Pd non riconferma al Senato Gianrico Carofiglio, il magistrato romanziere che fu mesi fa al centro di una feroce polemica perché aveva querelato per diffamazione un editor che su Fb lo aveva chiamato "scribacchino mestierante". Ne è nato un caso sulla solita libertà di critica ma ormai è acqua passata. E Carofiglio a parte, che fanno gli altri? Ci sono quelli che dichiarano apertamente di votare Bersani ma non sembrano, tuttavia, molto entusiasti. Come ad esempio Romana Petri: "Sono sempre stata per i gusti classici. Quando vado a prendere un gelato finisco sempre con lo scegliere gli stessi: crema, zabaglione, fior di latte. E che si deve fare? Non resta che unirsi intorno a Bersani". La segue Sandro Veronesi: "Voterò Pd perché la mia massima aspettativa è che Berlusconi perda nettamente, ma risalire è tutta un'altra faccenda". Poi ci sono gli indecisi come Mario Desiati e gli indifferenti come la giovane Viola di Grado, che pensa di non andare neanche a votare e quelli che sbattono la porta come Massimo Carlotto deluso da Ingroia e dalla sua Rivoluzione civile. In pratica non vedremo illustri penne schierate di qua o di là in questa tornata elettorale. Forse per chi scrive libri di successo la politica è diventata solo una noiosa pratica per tecnocrati o per politici chiacchieroni. Ma non disdegnano del tutto i ludi elettorali. Chi non ricorda infatti che all'ultima tornata amministrativa Federico Moccia, quello di "Tre metri sopra il cielo", è stato eletto sindaco di Resello in provincia di Chieti? Scalata non difficile ma quasi unanime: prese 142 voti su 158 votanti. Formigoni in lista al Senato, Maroni "benedice" l'accordo con il Pdl Si delinea il quadro delle candidature in Lombardia, mentre la campagna elettorale, di fatto, è già partita da tempo, con programmi contrapposti. Roberto Formigoni, via Twitter, ha sciolto la riserva: «Sarò candidato per il Pdl al Senato in Lombardia nella testa di lista con Silvio Berlusconi». E Roberto Maroni ha ribadito la bontà" dell'accordo siglato con il Pdl: «Abbiamo convinto i nostri a puntare sulla grande macroregione del Nord: la battaglia per la Lombardia sarà la madre di tutte le battaglie. Del resto andare da soli senza l'alleanza con Berlusconi sarebbe stata una battaglia romantica per perdere». Il segretario leghista ha snocciolato le promesse: «Con i 16 miliardi che guadagneremo trattenendo il 75% delle tasse cancelleremo l'irap alle imprese e daremo gratis i libri di testo agli studenti» e ha assicurato che non si candiderà al Parlamento: «Se torno nei palazzi" della politica per negoziare lo farò con il pieno sostegno dei territori del Nord per costringere il potere centrale a cambiare le regole". In difficoltà Gabriele Albertini, costretto a lanciare il progetto Movimento Lombardia Civica. Sondaggi: continua la rimonta del Pdl, cala il Pd, Monti arranca Gloria Sabatini In quaranta giorni tutto può ancora succedere e le urne potrebbero rivelare brutte sorprese a chi crede di aver già sbaragliato gli avversari. Fa bene chi, come Enrico Letta, da via del Nazareno invita alla cautela e a non sentirsi già a Palazzo Chigi. Lʼultimo sondaggio in esclusiva per Agorà realizzato da Swg fotografa, numeri alla mano, un calo del centrosinistra, una notevole rimonta del centrodestra e una lista Monti che fatica a decollare. Con il 33 per cento, la coalizione guidata da Bersani si conferma prima, ma perde quasi due punti rispetto alla settimana scorsa mentre cresce di quasi due punti il centrodestra, che si attesta al 27,2 per cento, una soglia insperata fino a qualche settimana fa. Nel dettaglio il Pd perde un punto e scende al 28,8 per cento mentre Sel passa dal 4,4 al 3,8. Sul fronte opposto, la crescita del Pdl (che sfiora il 18 per cento) bilancia la flessione della Lega Nord+Lista Tremonti. Stabili i consensi ancora virtuali per il tecnopremier, la coalizione centrista che fa capo a Monti si ferma al 13,7 per cento (con Monti allʼ8,6, lʼudc al 4,1 e Fli, fanalino di coda, allʼ1). Cresce lievemente il partito di Grillo che, dopo un periodo di flessione, sale di quasi un punto raggiungendo il 16,8 per cento. Da sottolineare la salita di Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia, che superando la soglia del 5 per cento e impensierisce sempre di più il partito di Bersani. Una nota di Swg precisa che si tratta di un sondaggio telefonico e on line su un campione casuale probabilistico di 1500 soggetti maggiorenni (su 4800 contatti complessivi). Pochi i commenti, il segretario dei democratici mantiene il consueto profilo basso e si dice poco preoccupato ma calano i consensi e si rispolverano le vecchie armi di una volta, al primo posto la crociata ammuffita contro il Cavaliere. «Lʼallarme populismo legato a Berlusconi non è un tema secondario e vale soprattutto in alcune regioni chiave come Lombardia e Sicilia dove il lavoro dei centristi rischia di aiutare il Pdl», dice un moderato come Letta che abbaia alla luna ma non si sbilancia sul day after. «È prematuro e impossibile parlare ora di possibili alleanze».

3 Bini Smaghi serba rancore e fa la Cassandra sull'italia 3 «I leader dei maggiori partiti politici si accusano l'un l'altro per lo stato di disordine del Paese. Comunque nessuno di loro sta proponendo misure che potranno risolvere i problemi reali dell'italia». Sul Financial Times, l'economista Lorenzo Bini Smaghi, ex membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea sale in cattedra e boccia la classe dirigente italiana (nessuno escluso). Secondo Bini Smaghi, in Italia c'è stato un fallimento totale di politici, accademici, giornalisti che non hanno compreso le origini della crisi, che dipende prima di tutto dalla mancanza di competitività del Paese. «L'unico modo per sfuggire a questa situazione - ha aggiunto l'economista - è adottare misure per dare impulso alla competitività e aumentare il potenziale di crescita dell'italia. Comunque, queste misure richiedono la determinazione nel combattere l'opposizione di molteplici gruppi di interesse, che proteggono privilegi e i cosiddetti diritti acquisiti». «L'economia in Italia ha perso competitività negli ultimi dieci anni», dice Bini Smaghi, «dalla creazione dell'euro, in Italia il costo del lavoro unitario è aumentato di circa il 30% in più rispetto alla media dell'eurozona». Per uscire da questo percorso di declino, bisogna ritrovare competitività e questo impone - è il punto dolente per ogni politico in Italia - provvedimenti che incontrano fortissime resistenze corporative e di chi protegge diritti acquisiti». Per Bini Smaghi, «Il nuovo governo dovrà affrontare decisioni difficili. A meno che non si voglia provare a tornare alle politiche degli anni 1970 e 1980, il che non può avvenire all'interno della zona euro, l'esecutivo dovrà iniziare a prendere decisioni senza aspettare che siano d'accordo tutte le parti sociali», un po' come fatto da Hollande in Francia con la riforma del mercato del lavoro. Azione «politicamente costosa, ma che sarà inevitabile», conclude. Bini Smaghi ha più di un motivo per serbare rancore nei confronti della nostra classe politica, Con la nomina di Draghi a presidente della Bce i membri di nazionalità italiana nel direttorio erano saliti a due su sei, azzerando la rappresentanza francese, dopo l'uscita di Jean Claude Trichet. Per questo era stato chiesto un passo indietro a Bini Smaghi, che non era arrivato, se non dopo fortissime insistenze e pressioni di Palazzo Chigi e del Quirinale. Dall'intervento di ieri sul Financial Times, l'arrabbiatura non gli è ancora passata. Consiglio d'europa: sulla giustizia, l'italia sorvegliato speciale Il sistema giudiziario in Italia ha preoccupanti e persistenti problemi strutturali che minano in modo grave lo stato di diritto: se ne sono accorti anche a Strasburgo. E così, nel rapporto sul funzionamento della giustizia nei 47 Paesi membri del Consiglio d'europa, che sarà discusso e votato martedì prossimo alla presenza del ministro Severino, si fa riferimento alla lentezza della giustizia in Italia e all'inefficacia di quanto finora fatto per porvi rimedio, come ai due motivi principali per cui l'italia è finita sulla lista nera, nel gruppo di nove Paesi per i quali, nel rapporto, si evidenziano gravi carenze che mettono a repentaglio l'intero sistema di protezione dei diritti umani garantito dalla Corte di Strasburgo e dal Consiglio d'europa. Un rapporto che diventa un pesante atto d'accusa nei confronti dell'italia, descritto come un Paese in cui lo stato di diritto è gravemente minacciato dall'incapacità dimostrata sino ad ora dalle autorità italiane a risolvere i preoccupanti problemi strutturali della giustizia legati ai processi troppo lunghi. Gli altri paesi che hanno suscitato la preoccupazione dell'assemblea parlamentare sono Bulgaria, Grecia, Moldova, Polonia, Romania, Russia, Turchia e Ucraina. Tra questi l'italia tuttavia ha una innegabile maglia nera: è il Paese con più condanne già emesse della Corte di Strasburgo pendenti davanti al Comitato dei ministri in attesa che le autorità italiane attuino le misure necessarie per risolvere la violazione riscontrata. Quasi tutte le condanne riguardano un unico problema, quello della lentezza della giustizia, una questione che il Consiglio d'europa chiede all'italia di risolvere da almeno vent'anni. E forse è per questo che nel corso dell'ultimo anno il pressing si è fatto più forte. Il comitato dei ministri, che garantisce l'esecuzione delle sentenze della Corte di Strasburgo, ha messo l'italia tra i sorvegliati speciali, mentre il commissario dei diritti umani ha posto la lentezza della giustizia tra le questioni da monitorare. E ora si aggiunge anche questo rapporto dell'assemblea parlamentare, che già nel 2000 sollevò il problema della lentezza della giustizia italiana e considerava l'italia un caso particolare. Sinora l'italia non ha soddisfatto, se non in parte, le richieste fatte, e per questo la pressione non è mai stata cosi intensa.

4 4 Roma capitale, Alemanno: «Così si affronta l'emergenza» Bianca Conte Rapidità d'intervento e disponibilità immediata di risorse nella gestione dei problemi che maggiormente affliggono la città, trasporto pubblico ed emergenza traffico: questi gli importanti risultati conseguiti con l'approvazione del Terzo decreto su Roma Capitale. Con le nuove disposizioni approvate dal governo, ha spiegato dunque il sindaco Alemanno, «è possibile modificare in maniera molto semplice, con una nostra delibera, la rimodulazione dei fondi che sono attualmente in bilancio per la vecchia legge su Roma Capitale. Inoltre, sul trasporto pubblico locale, d'intesa con la Regione, e non scavalcandola come era in origine, si ripartiscono le risorse per il Tpl». Ultimo atto di un procedimento innescato con la norma attuativa del 2009 e che, come dichiarato dallo stesso Alemanno, completa l'opera di applicazione della legge delega su Roma Capitale, la firma del terzo decreto permette alla città di avere una governance più forte e più adeguata al rango di grande capitale europea. «Questo ha spiegato Alemanno non è più solo un decreto correttivo rispetto al secondo, verso il quale c'erano stati dei pregiudizi di incostituzionalità da parte della Regione Lazio. Quindi, nonostante siano state cancellate le norme di protezione civile sulle varie emergenze ha poi aggiunto il sindaco capitolino noi siamo l'unica città che mantiene i poteri sull'emergenza traffico; inoltre, i fondi su Roma Capitale sono direttamente disponibili e le risorse del Tpl vengono ripartite coinvolgendo Roma Capitale che non vive più in una situazione passiva rispetto a queste risorse», con una conseguente «maggiore facilità di gestire finanziamenti». La firma del decreto è stata accolta da un coro di consensi: «Rappresenta una grande vittoria per tutti i cittadini», ha commentato, tra gli altri, il capogruppo del Pdl dellʼassemblea capitolina, Luca Gramazio, aggiungendo che «il sindaco Alemanno si è impegnato e ha mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale e ora, con i nuovi poteri stabiliti dal decreto, l'amministrazione potrà affrontare con maggiore incisività quei problemi storici della nostra città e risolverli definitivamente», concludendo poi che «questo è un altro traguardo raggiunto dal centrodestra. Bisogna fare, non immaginare». All'università di Firenze cori e insulti contro Ignazio Visco Antonella Ambrosioni Clima d'altri tempi all'università di Firenze. Mezz'ora di insulti e contestazioni da parte degli studenti dei Collettivi all'indirizzo di Ignazio Visco. A parlare dello stato dell'economia, di spread e di recessione gli animi si infiammano, in concomitanza della diffusione del Bollettino di guerra diffuso ieri dall'istituto di via Nazionale. Il Governatore della Banca d'italia è chiamato a tenere una lectio magistralis. È bastato pronunciare le parole «anche il 2013 sarà un anno difficile» per far deflagrare una protesta che era già nell'aria, già bella e preparata con tanto di striscioni issati, Voi la chiamate crescita, noi sfruttamento. Fuori Bankitalia. Non sono scoccate ancora le 16 che una trentina di studenti dei collettivi di sinistra tra spintoni e insulti tentano di fare irruzione nell'aula Magna per interrompere il relatore. Per cercare di calmare gli studenti, bloccati sulla porta dalle forze dell'ordine è uscito dall'aula Magna anche il rettore Alberto Tesi. Alcuni studenti entrano, mentre il rettore continua a trattare con alcuni studenti. In quei dieci minuti nell'aula è successo di tutto, con cori, insulti e spintoni e alcuni di loro che volevano prendere la parola. Visco è costretto ad interrompersi, poi gli agenti della Digos decidono per la soluzione di spingere tutti fuori. La lezione riprende. Ai cronisti che al termine gli chiedevano un commento, il governatore rispondeva laconicamente: «Devono leggere la relazione». Un po' come dire che i dati sconforntanti su Pil e disoccupazione non li ha creati lui o Bankitalia. Per contestare si rivolgano ad altri indirizzo... Gli studenti, poi, usciti dal padiglione, si sono poi fermati davanti alla struttura continuando il presidio che avevano peraltro annunciato già nei giorni scorsi contro la presenza del governatore nellʼuniversità fiorentina. «Contro la crisi e lʼausterità fuori Bankitalia dallʼuniversità», questo uno degli slogan scanditi dagli studenti che hanno anche diffuso alcuni volantini in cui spiegavano i motivi della contestazione contro Visco ma soprattutto contro le banche, contro la Bce e il governo di Mario Monti.

5 Storace: «Con me governatore cancellate tutte le auto blu» Valter Delle Donne «Io credo che bisognerà intervenire anche su altri aspetti della politica come la proposta che ho lanciato sull'abolizione totale delle auto blu». Francesco Storace torna sul tema dell'abolizione dei privilegi in un intervista a TgCom24 «Solo nel Lazio ha ricordato il candidato governatore del centrodestra si sono ridotti da 70 a 50 i consiglieri regionali e questo per la tenacia della presidente uscente della Regione. A differenza di qualunque altra istituzione del nostro Paese i cittadini del Lazio pagheranno 20 stipendi con annessi in meno. È un segnale importante quello lanciato dalla Polverini». Dopo aver parlato dello scandalo dei fondi ai gruppi regionali, alla giornalista che gli chiede se «Il dubbio sulla "Polverini che non poteva non sapere può penalizzarla nella campagna elettorale?", Storace è categorico: «Se questo fosse vero sarebbe stata indagata anche lei, invece non lo è stata. Credo sarebbe davvero ingeneroso continuare a prendersela con lei». Il leader de La Destra parla anche della nuova candidatura di Giulia Mazzocchi non si ricandida: largo ai giovani, raddoppio lʼimpegno sul territorio 5 Bongiorno, l'avvocato di Andreotti e di Sollecito che si presenta con il sostegno di Fini e di Casini: «Ormai tutti i sondaggi stanno testimoniando che la partita è tra me e Zingaretti, credo che la Bongiorno sia una rispettabile parlamentare, una donna di valore, ma insomma la Regione bisogna conoscerla e saperla governare». In queste ore Storace ha incassato anche il via libera di Marco Pannella alla candidatura di due consiglieri radicali nelle liste di centrodestra: «Io vorrei governare la Regione avendo voi (i Radicali, ndr) con il compito di controllarmi». Parlando dello scandalo dei fondi ai gruppi del Lazio osserva: «È stata una questione che ha coinvolto vari esponenti politici. Anche grazie ai radicali é stata scoperchiata la pentola, non è che una forza politica si debba vendicare nei loro confronti». C'é un rischio vendetta in questo momento? Il comportamento di Zingaretti è incredibile: mette il veto proprio alla presenza dei consiglieri regionali del partito radicale e non si capisce perché». La sorpresa lieta è stata l'ipotesi di apertura nei miei confronti». Ieri è arrivato il via libera ufficiale di Marco Pannella: «Ufficialmente è stato deciso che noi accogliamo l'invito, la proposta di Storace anche come risposta, per un minimo di rivolta morale, contro i vergognosi comportamenti del Pd». Franco Bianchini «I grandi valori oltre ad essere annunciati devono essere testimoniati con azioni concrete. È inutile che tutti dicano largo ai giovani" ma poi non siano pronti a fare un passo indietro al momento delle candidature. È per questo che ho deciso in accordo con i vertici del Pdl di non ricandidarmi in Parlamento, ma ho anche promesso ai 350 amministratori e ai iscritti dei Cristiano Riformisti di non abbandonare la politica». Lo afferma Antonio Mazzocchi. «Anzi voglio raddoppiare l'impegno sul territorio partecipando con maggiore assiduità ai tantissimi incontri che vengono organizzati in tutta Italia per diffondere le nostre battaglie. Voglio ringraziare sia il presidente Berlusconi, al quale garantisco il nostro appoggio sincero per queste elezioni, il segretario politico, Angelino Alfano che ha fortemente voluto la presenza del sottoscritto nell'esecutivo del Pdl e Mariastella Gelmini che si è impegnata a portare in Parlamento per i prossimi anni le battaglie dei Cristiano Riformisti. il momento di fare un passo indietro dalla Camera dopo diciotto anni di lavoro nel partito e soprattutto nell'ufficio di presidenza, ma nessuno intende ritirarsi. Abbiamo i nostri candidati tanto alla regione Lazio quanto al comune di Roma e soprattutto abbiamo ancora tante cose da dire e tante battaglie da affrontare». Palermo: chiesta la conferma della condanna per Dell'Utri Una condanna di sette anni di reclusione per il senatore del Pdl Marcello Dell'Utri, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa, è stata richiesta dal procuratore generale Luigi Patronaggio, a conclusione della sua requisitoria davanti alla Corte di appello di Palermo. Il magistrato ha sollecitato la conferma della pena che era stata già inflitta a Dell'Utri da un'altra sezione della Corte di appello il 29 giugno del 2010 con una sentenza poi annullata dalla Cassazione. Nel concludere, Patronaggio ha detto che la condotta dell'imputato «è grave». I pubblici ministeri di primo grado avevano proposto appello incidentale, ritenendo che la pena di 7 anni non fosse adeguata alle responsabilità di Dell'Utri: «Anch'io ha sostenuto Patronaggio- penso che la capacità di inquinamento della vita politica e imprenditoriale del senatore sia stata ben più grave, ma non posso per legge chiedere di più rispetto alla pena inflitta nel 2010». Il magistrato della Procura di Palermo (la stessa diantonio Ingroia, fresco leader di Rivoluzione civile), ha parlato di un «rapporto trentennale tra Cosa nostra e Dell'Utri» e di un «patto scellerato» stipulato prima tra il senatore e i capimafia di Santa Maria di Gesù e poi tra il politico e Totò Riina. Negli anni '90 «il patto si arricchisce di una componente politica. Si vuole trovare un nuovo referente che Cosa nostra trova in Forza Italia». Secondo l'accusa, poi, Dell'Utri sarebbe stato in contatto con i fratelli Graviano, spietati boss di Brancaccio. Una vicinanza che, secondo l'accusa, sarebbe stata confermata da numerosi pentiti. L'udienza è stata rinviata al 4 febbraio per l'avvio delle arringhe difensive. Comincerà l'avvocato Giuseppe Di Peri, uno dei legali di Dell'Utri.

6 6 A Genova notti da Bronx. Il Comune è lʼunico a... dormire Sandro Forte Abuso di alcol, schiamazzi, commercio abusivo nel centro storico di Genova specialmente nelle ore serali e notturne: per porvi rimedio la capogruppo del Pdl al Comune, Lilli Lauro, ha rivolto una mozione al sindaco chiedendo di convocare una apposita seduta del Consiglio comunale. La Lauro ricorda l'atto di impegno unilaterale di convivenza civile predisposto per il Municipio II di Sampierdarena, laddove si impegnano gli esercizi pubblici svolgenti attività di somministrazione di alimenti e bevande che, aperti nelle ore serali e notturne, creano disturbi e disagi per i cittadini residenti nelle aree limitrofe, a porre in essere tutta una serie di iniziative volte ad eliminare gli insopportabili disagi che spesso sfociano in azioni violente per la conseguente reazione di cittadini esasperati da situazioni non più tollerabili. Fra le iniziative contenute in questo Atto di impegno «alcune, come i cartelli dissuasori per clienti rumorosi, seppur sperimentati da anni sostiene l'esponente del Pdl non hanno mai prodotto risultati, e altre, come la presenza di personale che inviti al rispetto del sacrosanto diritto al riposo notturno, risultano impraticabili per tutti quegli esercizi quali il kebab, dove opera quasi sempre un solo addetto, per non parlare della disponibilità del telefono del titolare per sensibilizzarlo sul disagio arrecato: una pura follia». Il problema della vivibilità, specie notturna, di intere zone della città prima fra tutti il centro storico, «necessiterebbe che simili iniziative estemporanee portate avanti unilateralmente venissero seriamente discusse in una apposita commissione al fine di ricevere il maggior contributo di iniziative e di idee». Pertanto la capogruppo del Pdl chiede che venga convocata «una seduta monotematica nella quale affrontare in maniera compiuta a 360 tutte le problematiche connesse con lʼabuso di alcool, lʼapertura di locali rumorosi, kebab e minimarket durante le ore serali e notturne tenendo conto della morfologia urbanistica delle diverse realtà territoriali della città». Terremoto in Emilia: la Regione non paga le aziende coinvolte nella ricostruzione Le imprese edili e i professionisti interessati alla ricostruzione delle infrastrutture colpite dal sisma del maggio 2012 in Emilia lamentano ritardi nellʼerogazione dei fondi pubblici a saldo dei lavori eseguiti. La Regione denuncia Fabio Filippi, consigliere regionale del Popolo della Libertà, che sul tema ha presentato unʼinterpellanza «ha imposto agli imprenditori vincoli particolarmente stringenti; in particolare, relativamente alla ricostruzione degli edifici scolastici, termini rigidi per la consegna degli immobili e penali elevate in caso di ritardi. Le imprese hanno rispettato i patti, ma purtroppo, per ora, di essere saldati non cʼè verso. La Regionenon paga. Per motivi di trasparenza nei confronti della collettività aggiunge Filippi sarebbe corretto rendere nota la somma dei fondi rivolti alla ricostruzione, impiegati dal maggio 2012 a tuttʼoggi, elencando le opere ripristinate e quelle in fase di ripristino, e informare i cittadini sulle cause dei ritardi per lʼerogazione dei fondi alle imprese coinvolte nella ricostruzione, peraltro attualmente a rischio di fallimento. Eʼ indispensabile che la Regione provveda, in tempi rapidi, ad erogare quei finanziamenti governativi, finora solo promessi, per la ricostruzione e a garantire le aziende sane dal rischio dellʼinfiltrazione mafiosa. Per queste motivazioni conclude l'esponente del Pdl ho chiesto alla Giunta di intervenire, provvedendo al saldo delle imprese edili e dei professionisti. Ho chiesto, inoltre, di rendere nota la somma dei fondi rivolti alla ricostruzione, elencando in modo dettagliato gli appalti pubblici, relativi ai vari Comuni colpiti dal sisma, già affidati o in fase di affidamento, lʼentità economica di ogni singolo intervento, i nominativi delle imprese alle quali sono stati commissionati i lavori e Latina: il piano per i senzatetto Tutto pronto a Latina per lʼemergenza freddo, ormai arrivata. L'amministrazione di centrodestra che governa la città ha predisposto un apposito piano: «Abbiamo allestito dichiara lʼassessore Gianluca Di Cocco della Protezione civile in collaborazione con i servizi sociali e in sintonia e sinergia con la cooperativa Il Quadrifoglio" e i suoi tanti volontari sensibili alla problematica, il punto di accoglienza sulla via Bassianese, che garantirà un riparo ai meno fortunati, là dove non si potesse sopperire alle richieste di ospitalità da parte dei senza fissa dimora nel dormitorio di via Aspromonte». Questa sistemazione, attrezzata con criteri e di tipologia ministeriale in similitudine a quanto realizzato nelle zone interessate dagli eventi sismici verificatisi in Emilia e in Abruzzo, fa parte del progetto "Emergenza freddo 2013" ed intende migliorare la rete di servizi e interventi, offrendo accoglienza, anche temporanea, e igiene personale collegati alla povertà e alla vita di strada. Considerato che alcuni senzatetto non sono stanziali e si trovano in più parti della città, per incrementare maggiormente il già efficace monitoraggio costante delle uscite serali nei luoghi a maggiore frequenza dei senza fissa dimora, grazie al supporto di altri volontariati e del gruppo Croce Medical, è partito dal 17 gennaio il servizio Navetta accoglienza che, percorrendo uno specifico tragitto, più volte durante la serata, condurrà i meno fortunati presso la via Bassianese, e la mattina li riaccompagnerà in città. Quotidianamente, dalle 18,30 alle 22,30 e dalle 6 alle 7,30, la Protezione civile e i volontari organizzeranno le corse serali, in contatto radio telefonico con gli operatori. I mezzi di trasporto avranno un equipaggio di alta professionalità che, oltre allʼautista e un addetto alla Protezione civile, avrà anche un assistente sanitario. Vorrei ringraziare il sindaco Giovanni Di Giorgi conclude Di Cocco per la sua sensibilità nel voler affrontare la questione concretamente, ma anche un grazie particolare lo vorrei rivolgere ai tanti volontari e ai dipendenti degli uffici comunali, che hanno dimostrato attaccamento alla problematica e che subito si sono messi a disposizione per trovare una risoluzione della stessa»

7 Gli ottant'anni di Paolo Villaggio all'ombra di Fantozzi 7 Priscilla Del Ninno Paolo Villaggio gli ottant'anni li ha già compiuti lo scorso 30 dicembre, ma i festeggiamenti pubblici si sono celebrati ufficialmente ieri sera con una festa a Genova, sua città natale, organizzata nel salone di rappresentanza di Palazzo Tursi, sede del Comune, aperta ad un parterre degno di un evento hollywoodiano: dal sindaco Marco Doria a Renzo Piano, da Dori Ghezzi ad Antonio Ricci, tra vecchi amici e compagni di scuola, per l'occasione era chiamato a riunirsi il meglio delle conoscenze storiche dell'attore genovese. Eppure in questi decenni di immagine pubblica e di scelte d'autore, il festeggiato si è fatto conoscere soprattutto per il suo anticonformismo, gemello ideale e comportamentale di quel proverbiale cinismo a cui l'attore ha sempre di- mostrato di declinare tanto l'atteggiamento quanto la lettura di accadimenti privati e scelte professionali: non è un caso se il suo successo più grande, il personaggio del ragionier Fantozzi, sia nato sotto il segno dell'antiretorica, figlio artistico di un "genitore", oggi ottantenne, da sempre dichiarato nemico giurato del buonismo e delle sue degenerazioni. Dissacrante fino alla spietatezza, Villaggio ha riletto con gli occhi di Fantozzi ipocrisie e bluff della società italiana, raccontando la storia del nostro costume con la lucidità di un'indagine Istat e l'ironia malinconica di un cineasta consumato, cresciuto alla scuola di Fellini, Monicelli, Ferreri, Olmi (tutti maestri con cui Villaggio ha lavorato nel corso della sua carriera d'attore), ma promosso al rango di autore dal ragionier Fantozzi. Impiegato sfortunato e antieroe suo malgrado, che si aggiunge all'immaginario di celluloide italico, popolato da americani a Roma, vitelloni, poveri ma belli e soliti ignoti, e che, nel solco della lezione appresa alla scuola della commedia all'italiana, ha contribuito a raccontare la maschera, e il volto che celava, dell'italiano medio, vittima della frustrazione ma alla perenne ricerca di riscatto, e in fondo capace comunque di una sua intima dignità. Un perdente alla riscossa, il ragionier Fantozzi, che ha rinverdito il dizionario della lingua italiana, che nelle sue pagine ha aggiunto di diritto il termine fantozziano, sinonimo di catastrofico e patetico; raccontato le evoluzioni della storia del nostro costume e aggiornato tempi e modi comici al sarcasmo tagliente e all'ironia cattiva. Una figura che da decenni accompagna come un'ombra il suo creatore, Paolo Villaggio che a lui, in ore di bilanci come quelle del compleanno, deve molto. Lettere Gli investitori fuggono e non per la instabilità L'Italia fa paura agli investitori, i capitali fuggono a gambe levate o proprio non pensano neanche di avvicinarsi alla penisola. Ufficialmente la colpa sarebbe di una generica e poco chiara instabilità politica, tesi tutta da dimostrare se è vero che il precedente governo Berlusconi sarebbe durato l'intera legislatura non ci fosse stata la parentesi montiana, e quello precedente sempre targato Berlusconi è durato 5 anni. Fatto mai accaduto nella storia della Repubblica. Leo Pignoni Il caso del voto per gli studenti Erasmus Sono una studentessa italiana che al momento si trova in Erasmus in Germania. Vi scrivo perché vorrei sollevare una questione che tocca da vicino me e altre centinaia di migliaia di connazionali. Dal momento che a fine febbraio si terranno le elezioni, tempo fa ho iniziato a informarmi riguardo le possibili modalità di voto dall'estero per noi italiani e, con grande rammarico, ho scoperto che può esercitare questo diritto solo chi è residente all'estero e regolarmente iscritto all'aire, o appartiene a ristrette categorie di cittadini. Elisa Panassiti La caccia ai prodotti a basso costo Sono capitata in un ipermercato in corrispondenza di uno di quei periodi in cui una buona parte dei prodotti vengono offerti a un euro, a prezzo di costo. Lo scenario che ho potuto ammirare è quello di una folla che si aggirava esclusivamente tra le corsie dove erano presenti le offerte, ho visto gruppi di zombie sconsolati alla ricerca del prezzo basso, dei pochi prodotti che si potevano permettere. Monti dovrebbe rendersene conto. Vanna Mazzati Piccoli Le riforme non vanno solo enunciate Apprezzo i politici, sia di destra che di sinistra, che parlano di riduzione del numero di parlamentati e senatori, di riforma della Costituzione e di ridefinizione dei poteri del Presidente del Consiglio dei Ministri. Però le riforme non basta enunciarle, bisogna anche realizzarle. Mario Pulimanti Ma dei programmi in tanti non parlano... Tempi moderni, aria di attese politiche e di fumose pubblicità e dibattiti televisivi, che tendono a scoprire solo vezzi e lazzi dei candidati e della alleanze: e i programmi? Dove si pongono le reali attese degli italiani che vogliono, in un momento di crisi economica insostenibile, vedere a cosa servono i propri sacrifici e se i requisiti da essi imposti collimano con le promesse secondo punti operativi dettagliati? Bruno Russo I Maya non avevano previsto la fine di Monti... Quei simpaticoni dei Maya avevano previsto la Fine dei Giochi nel 2012, perciò non ci hanno informato che nel 2013 ci sarebbe stata l'altrettanto rovinosa caduta ditutti i palloni gonfiati. Da noi il sobrio Professore. Arturo Gaitti d Italia Quotidiano della Fondazione di Alleanza Nazionale Registrazione Tribunale di Roma N del 23/2/76 Direttore Politico Marcello De Angelis Vicedirettore Responsabile Girolamo Fragalà Editore SECOLO DʼITALIA SRL Fondatore Franz Turchi Consiglio di Amministrazione Tommaso Foti (Presidente) Alberto Dello Strologo (Amministratore delegato) Alessio Butti Antonio Giordano Mario Landolfi Ugo Lisi Via della Scrofa Roma tel. 06/ mail: Amministrazione Via della Scrofa Roma tel. 06/ mail: Abbonamenti Via della Scrofa Roma tel. 06/ mail: La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990 n. 250

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23

Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 1-23 1 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 38 2 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 38 3 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 27 4 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 36 5 Venerdì 10 Luglio 2015 P. 36 6 Venerdì 10 Luglio

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon

Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Le slide che Renzi non vi farà vedere sui due anni di governo di Giulio Marcon Ci sono delle slide che Renzi in occasione dei due anni dall insediamento del suo governo (22 gennaio 2014) non vi farà certamente

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo

Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Femminicidio, da Bongiorno e Carfagna proposta di legge per l ergastolo Le parlamentari di Fli e Pdl propongono di modificare le aggravanti dell'omicidio quando la violenza nasce da un atteggiamento discriminatorio".

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

XLV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani LA BUONA SCUOLA

XLV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani LA BUONA SCUOLA XLV Osservatorio sul Capitale Sociale degli Italiani LA BUONA SCUOLA Rapporto maggio 2015 NOTA INFORMATIVA L Osservatorio sul Capitale Sociale è realizzato da Demos & Pi in collaborazione con Coop. Il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

VERSO LE REGIONALI 2015

VERSO LE REGIONALI 2015 VERSO LE REGIONALI 2015 COMMITTENTE SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO IL SONDAGGIO NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE METODOLOGIA DATE IN CUI È STATO EFFETTUATO IL SONDAGGIO LIGURIA CIVICA DIGIS SRL 1.000 CASI CATI 13-14

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 06 marzo 2014 Giovedì, 06 marzo 2014 06/03/2014 Pagina 14 Salute, sport e divertimento in pillole per passare dal divano allo stile... 1 06/03/2014 Pagina 18

Dettagli

OSSERVATORIO RENZI Il Rottamatore da rottamare

OSSERVATORIO RENZI Il Rottamatore da rottamare a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 1/10 OSSERVATORIO RENZI Il Rottamatore da rottamare 20 giugno 2013 INDICE 2 Perché l osservatorio

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

Il Comune di Ravenna a-

Il Comune di Ravenna a- "Sicurezza dei pedoni": ecco la risposta di Ravenna LA CAMPAGNA REGIONALE II Comune aderisce a "Nati per Camminare" e il sindaco scrive una lettera che verrà distribuita nelle scuole: "L'auto non deve

Dettagli

LA GRANDE GUERRA sui media

LA GRANDE GUERRA sui media LA GRANDE GUERRA sui media 1 IL CENTRO http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2015/11/21/news/marini-la-grande-guerra-e-il-terrorismo- 1.12485624 Il CENTRO 22 novembre 2015 2 Il Messaggero 22 novembre

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

21 marzo 2012: Il Consiglio Comunale incontra i ragazzi dell'istituto Comprensivo

21 marzo 2012: Il Consiglio Comunale incontra i ragazzi dell'istituto Comprensivo 21 marzo 2012: Il Consiglio Comunale incontra i ragazzi dell'istituto Comprensivo Mercoledì 21 marzo u.s. si è svolto presso il nostro istituto l'incontro tra gli studenti della scuola secondaria e primaria

Dettagli

INTERVENTO ON. BERGAMINI

INTERVENTO ON. BERGAMINI Informativa urgente del Governo sul trattamento riservato ai migranti nel Centro di soccorso e di prima accoglienza di Lampedusa, come emerso in un recente filmato trasmesso dalla RAI 21 dicembre 2013

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami"

Università, paradossale guerra ai fuori corso Gli atenei finiranno per regalare gli esami INCHIESTA Università, paradossale guerra ai fuori corso "Gli atenei finiranno per regalare gli esami" Il ministero, nell'erogare i fondi, adesso penalizza i centri con troppi studenti in ritardo con le

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 4 GLI UFFICI COMUNALI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 GLI UFFICI COMUNALI DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Scusi

Dettagli

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili

Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Associazione Professionale Nazionale Educatori Cinofili Regione TOSCANA Il giorno 12 del mese di maggio 2013, si è riunita a Collesalvetti, alle ore 18.00 l Assemblea Soci APNEC Toscana per discutere i

Dettagli

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti'

Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Ist. Viganò: i ragazzi di 3^ e 4^ G raccontano con una mostra Corleone e la lotta alla mafia di cui sono stati 'testimoni diretti' Merate Hanno deciso di condividere con studenti, professori, amici e parenti

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle:

Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: Le tre componenti del successo del Movimento 5 Stelle: 1) l assunzione di un ruolo di imprenditore politico da parte di une comico conosciuto e affermato. 2) la costruzione di un movimento a partire dal

Dettagli

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i

Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti. Presenta. Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i Adotta anche Tu una legge per i bambini di Haiti Presenta Modificare la legge sulle adozioni e adottare in via d emergenza i bambini dei paesi devastati da terremoti e altri disastri. Perché? Il terremoto

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta 661 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ALITALIA: PARLA IL MINISTRO LUPI 16 ottobre 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 L intervista al Corriere della Sera Sull entrata di Poste

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

La parola agli addetti ai lavori.

La parola agli addetti ai lavori. La parola agli addetti ai lavori. Il parere degli Amministratori condominiali sulla riforma. Commenti, critiche e consigli degli amministratori. (a cura dell Avv. Nicola Nicodemo Damiano) Intervista all

Dettagli

Lamezia: le scarpe rosse contro la violenza sulle donne

Lamezia: le scarpe rosse contro la violenza sulle donne Lamezia: le scarpe rosse contro la violenza sulle donne Mercoledì, 25 Novembre 2015 13:3 Lamezia Terme Una cascata di scarpe rosse ha colorato la scalinata dell edificio Scolastico Maggiore Perri di Lamezia.

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00 Il Mattinale Roma, mercoledì 27 novembre 2013 27/11 ore 18.00 a cura del Gruppo Forza Italia-Pdl alla Camera Speciale Manifestazione Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Mentre

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 836 INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO 1 giugno 2015 Analisi dei flussi di voto in LIGURIA 1 giugno 2015 LIGURIA i flussi di voto tra 2014 e 2015 Come si sono mossi gli elettori liguri rispetto

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

F.N.A.A.R.C. FONDAZIONE ENASARCO: UNA RIFORMA DELLA PREVIDENZA IN FAVORE DEGLI AGENTI DI COMMERCIO.

F.N.A.A.R.C. FONDAZIONE ENASARCO: UNA RIFORMA DELLA PREVIDENZA IN FAVORE DEGLI AGENTI DI COMMERCIO. F.N.A.A.R.C. Federazione Nazionale Associazioni Agenti e Rappresentanti di Commercio AI SIGNORI PRESIDENTI DELLE ASSOCIAZIONI ADERENTI AI SIGNORI CONSIGLIERI DELLA F.N.A.A.R.C. LORO SEDI Prot. 229/2010/LS/lm

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni

PIANO DI ETTURA Dai 9 anni PIANO DI ETTURA Dai 9 anni Le arance di Michele Vichi De Marchi Illustrazioni di Vanna Vinci Grandi Storie Pagine: 208 Codice: 566-3270-5 Anno di pubblicazione: 2013 l autrice Vichi De Marchi è giornalista

Dettagli

NEWSLETTER N. 26 maggio 2014

NEWSLETTER N. 26 maggio 2014 2222222222222222222222222222222222222222 2222222222222222222222222222222222222222 NEWSLETTER N. 26 maggio 2014 Un benvenuto ai nuovi lettori e ben ritrovato a chi ci segue da tempo. Buona lettura a tutti

Dettagli

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO Dal fallimento al successo La storia di un uomo che affronta la vita, estratto del libro in anteprima È il 1990: ho 42 anni e sono praticamente fallito. Sono con l acqua

Dettagli

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1

29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 29-SET-2015 pagina 1 foglio 1 26-SET-2015 pagina 1 foglio 1 25-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 25-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 1 / 2 27-SET-2015 pagina 1 foglio 2 / 2 27-SET-2015

Dettagli

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30.

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Proto Tilocca Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Intanto permettetemi di ringraziare, a nome del CTM, la Regione non solo per averci

Dettagli

Una pesca sostenibile per il futuro del mare

Una pesca sostenibile per il futuro del mare Una pesca sostenibile per il futuro del mare Contatti : Giorgia Monti, responsabile campagna Mare, 345.5547228 giorgia.monti@greenpeace.org Serena Bianchi, ufficio stampa Greenpeace, 342.5532207 serena.bianchi@greenpeace.org

Dettagli

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI

C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI C O M U N E DI S P I N E A 30038 Prov.di Venezia SETTORE SERVIZI AI CITTADINI PROTOCOLLO D INTESA Fra i seguenti soggetti: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SPINEA : Responsabile Settore Servizi Ai Cittadini

Dettagli

Rassegna stampa giugno-luglio 2011. per. Patto per il Nord Ovest Milano. rassegna_stampagiugno/luglio2011_koinoé_tuttiidirittiriservati

Rassegna stampa giugno-luglio 2011. per. Patto per il Nord Ovest Milano. rassegna_stampagiugno/luglio2011_koinoé_tuttiidirittiriservati Rassegna stampa giugno-luglio 2011 per Patto per il Nord Ovest Milano Il Giorno 11 giugno La Prealpina 11 giugno Cinquegiorni 14 giugno Assesempione.info TERRITORIO/Romano eletto presidente dell'assemblea

Dettagli

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201

RASSEGNA STAMPA &DQRQH 5$, 23 IHEEUDLR 201 RASSEGNA STAMPA 23 201 Agenzia Dire (ER) RAI. CNA: DIETROFRONT SU CANONE PER PC, LA PROTESTA PAGA ALLA SODDISFAZIONE SI SOMMA STOP SENATO A NORMA RISARCIMENTO AUTO (DIRE) Bologna, 22 feb. - "La dura presa

Dettagli

Due idee di base per cominciare

Due idee di base per cominciare FAMIGLIE INDEBITATE: VIENE DAL SOCIALE UNA PROPOSTA DI AIUTO Hanno superato il milione i nuclei che non riescono a far fronte ai debiti. Dall associazione Pro.seguo viene la proposta di una gestione concordata.

Dettagli

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra)

GLORIA GAGGIOLI. (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) GLORIA GAGGIOLI (Comitato internazionale della Croce Rossa, Ginevra) L INTERRELAZIONE FRA DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO E DIRITTI UMANI La questione della relazione tra il diritto umanitario e i diritti

Dettagli

I caregiver familiari raccontano la loro vita agli "arresti domiciliari"

I caregiver familiari raccontano la loro vita agli arresti domiciliari I caregiver familiari raccontano la loro vita agli "arresti domiciliari" Parte la campagna #maipiùsoli : uno spot video, lanciato oggi in rete e prossimamente su reti Rai e Mediaset, racconta la quotidianità

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Prot. n. 3104/P5 Roma, 21 giugno 2007 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di T R E N T O Al Sovrintendente Scolastico per la scuola in

Dettagli