Sommario rassegna stampa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario rassegna stampa"

Transcript

1 Sommario rassegna stampa Gennaio/febbraio 2014 Pagina Articolo Giornale del Popolo, 7 gennaio 2014 Padroncini, quale ruolo gioca il fisco? Giornale del Popolo, 14 gennaio 2014 Nuove regole fiscali per le vincite alle lotterie Giornale del Popolo, 22 gennaio 2014 Il fisco come arma anti-padroncini laregioneticino, 22 gennaio 2014 La leva fiscale contro gli abusi Rivista di Lugano, 24 gennaio 2014 Imposizione delle imprese Giornale del Popolo, 21 febbraio 2014 Mostra studenti della SUPSI Rivista di Lugano, 21 febbraio 2014 Farma industria Ticino Corriere del Ticino, 22 febbraio 2014 Più armi per i magistrati Corriere del Ticino, 22 febbraio 2014 Faro sugli sconti fiscali laregioneticino, 22 febbraio 2014 A scuola di reati finanziari Giornale del Popolo, 24 febbraio 2014 Crimine economico, ora c è un Master Giornale del Popolo, 24 febbraio 2014 Fiscalità e aziende: ecco la Riforma III SUPSI Rassegna stampa, gennaio/febbraio 2014

2 Giornale del Popolo, Martedì 7 gennaio 2014 Padroncini, quale ruolo gioca il fisco? Il Centro di competenze tributarie della SUPSI organizza un incontro pubblico sul tema «La fiscalità può davvero costituire uno strumento efficace per arginare il fenomeno dei padroncini e dei frontalieri in Ticino? L incontro si svolgerà martedì 21 gennaio dalle 17 alle 19 al Centroeventi a Cadempino. Iscrizione gratuita ma obbligatoria entro venerdì 17 gennaio. Interverranno Luca Albertoni, direttore della Camera di commercio; Marco Bernasconi, professore SUPSI, Giordano Macchi, vicedirettore della Divisione delle contribuzioni del Canton Ticino; Marco Chiesa, capogruppo UDC in Gran Consiglio; Mario Tenore, dottore di ricerca in diritto tributario. Modera il pomeriggio il direttore del GdP Claudio Mésoniat. SUPSI Rassegna stampa, gennaio 2014

3 Giornale del Popolo, Sabato 19 gennaio 2014 NUOVE REGOLE FISCALI PER LE VINCITE ALLE LOTTERIE Dal 1. gennaio di quest anno sono entrate in vigore le nuove disposizioni riguardanti l imposizione delle vincite alle lotterie e alle manifestazioni analoghe. Tra le più conosciute al pubblico, rientrano nella definizione lo Sport-Toto, il Toto-X, il Bingo, i giochi d azzardo simili alla lotteria come la lotteria di biglietti, il lotto a numeri (Swiss Lotto, Euro Millions, ecc.), la tombola, le scommesse sulle corse dei cavalli. Fra le manifestazioni analoghe rientrano invece tutte le estrazioni a sorte che non presuppongono alcuna puntata e concorsi a premi, come quelli organizzati da imprese commerciali a scopi pubblicitari. Per tale motivo le manifestazioni analoghe si differenziano dalle lotterie, per il fatto che sono gratuite, ma hanno tuttavia in comune il fatto che il guadagno dipende dalla casualità. Il sistema impositivo in vigore sino allo scorso anno ai fini dell imposta federale diretta era stato da più parti criticato per la possibilità di frodare il fisco facendo valere sproporzionate spese per il conseguimento della vincita. Ciò era dovuto al fatto che i giustificativi non essendo nominativi, non potevano essere verificati dalle autorità fiscali al fine di sapere se fossero stati effettivamente acquistati dal contribuente oppure da qualcun altro. Per evitare simili abusi, il legislatore federale ha deciso di sostituire con l inizio del 2014 la deduzione delle spese comprovate con una deduzione delle spese stabilita forfettariamente nella misura del 5% della vincita, ritenuto un importo massimo deducibile di franchi; il tetto massimo si attiva quando la singola vincita conseguita dal contribuente oltrepassa i franchi (il 5% di franchi è infatti uguale a franchi). Parimenti, per allineare l imposta federale diretta all imposta preventiva, è previsto un (nuovo) limite di esenzione per le singole vincite inferiori ai franchi che esclude in ogni modo il cumulo delle vincite inferiori a questo importo. Se per esempio un contribuente dovesse vincere nel corso di quest anno 500 franchi, poi 200 franchi, poi 900 franchi alla stessa lotteria, queste tre vincite, nonostante l importo complessivo sia superiore ai franchi, sarebbero esenti sia dall imposta federale diretta sia da quella preventiva. In caso contrario, in presenza di una singola vincita superiore ai franchi, la stessa sarà soggetta ad imposizione ordinaria insieme agli altri conseguiti dal contribuente. Anche il Canton Ticino dovrà adeguare la propria Legge tributaria entro il 1. gennaio 2016 sulla base della Legge federale sull armonizzazione, la quale impone a tutti i Cantoni di stabilire un limite di esenzione e una deduzione forfettaria per le singole vincite, i cui importi saranno però decisi autonomamente dai singoli Cantoni conformemente al principio del federalismo fiscale. L attuale sistema ticinese, che prevede (I) un imposizione separata dagli altri redditi dei proventi da lotterie e da manifestazioni analoghe, (II) l applicazione delle aliquote dei coniugi (aliquota minima del 5%) e (III) che non ammette alcun tipo di deduzione, dovrà quindi essere forzatamente adeguato. Innanzitutto si dovrà ammettere una deduzione forfettaria per la giocata come previsto a livello federale, nonché si dovrà prevedere un limite di esenzione per ogni singola vincita. Alla luce di queste modifiche, non è escluso che anche l imposizione delle vincite in Ticino venga armonizzata con quella della Confederazione. *Responsabile del Centro di competenze tributarie della SUPSI SUPSI Rassegna stampa, gennaio 2014

4 Giornale del Popolo, Mercoledì 22 gennaio 2014 CONVEGNO SUPSI A CADEMPINO METTE SOTTO LA LENTE I FENOMENI DI FRONTALIERATO CHE DISTORCONO IL MERCATO IN TICINO Il fisco come arma anti-padroncini Numerose ma di difficile attuazione le proposte per arginare il fenomeno delle aziende con sede in Italia che operano da noi e per recuperare l intero gettito fiscale dei frontalieri. Urge un autentica svolta politica di Berna per rivedere trattati ormai desueti. di CLAUDIO MÉSONIAT Ci stiamo piangendo addosso da mesi su questa benedetta storia dei padroncini che, in un certo senso -fatte le debite proporzioni con il Paese da cui essi provengono e che versa in condizioni assai più gravi delle nostre-, sta dissanguando centinaia di piccole aziende ticinesi (si veda qui sotto), mentre i lavoratori frontalieri, in buona parte collaboratori indispensabili del nostro benessere, si insediano spesso anche là dove non sarebbe necessario, a detrimento della manodopera locale (e sempre -ricordiamolo- con la nostra complicità). Non si può dire che i nostri cervelli cantonali, studiosi, politici, giornalisti non si stiano attivando per cercare di combattere la piaga. Contro i mulini a vento Ma l impressione invincibile è davvero quella di combattere contro i mulini a vento, con le nostre belle alabarde e i nostri scudi rossoblu, mentre la fatidica Berna federale potrebbe risolvere il problema con un paio di bombe (passatemi la metafora bellicosa) che spazzerebbero via il problema alle fondamenta: bombe che si chiamano Accordo sui frontalieri e Convenzione italo-svizzera sulla doppia imposizione. L impressione non è stata dissipata neppure ieri sera al Centroeventi di Cadempino, dove un centinaio di attenti uditori ivi convocati dal Centro competenze tributarie della SUPSI, ha potuto assistere a una brillante tavola rotonda animata da competenti personalità dell accademia, della politica e dell amministrazione cantonale che hanno offerto una carrellata di proposte ingegnose per cercare di arginare l invasione (tema, appunto, «Padroncini e frontalieri alla prova del fisco»). Vediamone alcune per brevi accenni. Proviamo con l IVA Il vicedirettore della Camera di commercio, Marco Passalia, ha lanciato l idea di assoggettare tutte le aziende estere che vengano ad operare in Ticino alla tassa dell IVA (oggi nella gran parte dei casi bypassata). Complessa la modalità di attuazione proposta, con la creazione di un rappresentante fiscale per ogni operatore estero, coinvolgendo, ad esempio, alcuni fiduciari locali (che in Ticino, notoriamente, attraversano una grave crisi). Frontalieri tassati in Italia Giordano Macchi, vicedirettore della Divisione cantonale delle contribuzioni, ha esposto alcune delle misure immaginate dai funzionari fiscali del Governo. Interessante quella di imporre fiscalmente i frontalieri anche in Italia, affinché non godano più del privilegio attuale rispetto ai loro concittadini, sottraendo poi ovviamente gli importi (molto meno gravosi) versati al fisco ticinese, che non dovrebbe però più ristornare il 40% di questi introiti fiscali a Roma. Risultato: maggiori entrate per il Cantone (circa 40 milioni l anno) e per l erario italiano; uguaglianza di tutti i cittadini della Penisola di fronte al loro fisco. C è anche il moltiplicatore L idea di far ricorso alla leva fiscale comunale -la creatività non manca- è stata presentata da Marco Chiesa, capogruppo UDC in Gran Consiglio. Tassiamo i frontalieri, propone Chiesa, anziché in base all attuale aliquota media del 78%, applicando loro il moltiplicatore comunale al 100%, come già accade per molti ticinesi. Beneficio stimato per le casse cantonali: circa una ventina di milioni. A noi pare che sia stato il professor Marco Bernasconi, che i lettori del GdP conoscono bene, a portare la scure alla radice di entrambi i problemi, alluvione di padroncini e salasso all introito fiscale dei frontalieri dovuto al ristorno del 40% all Italia. La scure alla radice: i trattati Le sue proposte -più volte esposte sul nostro giornale- sono tutte indirizzate al Consiglio federale, unico attore politico in grado di interloquire con Roma. Ma spetta al Ticino politico non allentare la pressione su Berna, fintanto che i nostri governanti non si impegnino seriamente a modificare i vetusti trattati che non corrispondono ormai più alla realtà e ci penalizzano in modo beffardo. Infatti, l Accordo sui frontalieri, entrato in vigore nel 1974, non ha più ragione di esistere, giacché «la nozione di frontaliere è stata cancellata nel 2003, quando l Italia si è dotata di leggi tributarie che consentono l imposizione dei frontalieri stessi». La trattativa andrebbe condotta, come fu a suo tempo, abbinando l Accordo alla Convenzione sulla doppia imposizione. Qui il risultato potrebbe essere stupefacente: concedendo all Italia lo scambio di informazioni spontaneo, insieme a quello su richiesta (che non hanno nulla a che vedere con lo scambio automatico, vera tomba del segreto bancario), le nostre autorità fiscali otterrebbero la facoltà di segnalare al fisco italiano ogni traccia di attività dei beneamati padroncini sul nostro territorio. Com è noto, il vantaggio che consente loro di praticare prezzi stracciati, con grave distorsione del mercato, dipende dal fatto che i lavori compiuti all estero non vengono notificati al fisco italiano. Ma se la segnalazione fosse puntuale da parte di Bellinzona...il fenomeno dei padroncini si sgonfierebbe rapidamente. La parola conclusiva, ieri sera a Cadempino, è spettata al tributarista italiano Mario Tenore. Molti i suoi dubbi sulle proposte formulate dai relatori ticinesi. Ma molte le speranze riposte sulla possibilità che il 30 gennaio la visita di Saccomanni a Berna dia la stura a un nuovo trattato fiscale tra Italia e Svizzera. Nell ottica auspicata da Marco Bernasconi. Chi vivrà, vedrà. Ma in fondo, i padroncini chi li chiama in T ic in o? (foto Crinari) SUPSI Rassegna stampa, gennaio 2014

5 laregioneticino, Mercoledì 22 gennaio 2014 Comunicare i redditi dei padroncini alle autorità italiane per ristabilire la parità di trattamento La leva fiscale contro gli abusi È una delle proposte scaturite dal seminario organizzato dalcentrodicompetenze tributarie della Supsi sulla fiscalità dei non residenti di Generoso Chiaradonna Usare la fiscalità per contrastare la concorrenza sleale estera dei padroncini. Da anni se ne parla. L afflusso di artigiani italiani è in aumento e l uso della leva fiscale per frenare gli abusi di mercato potrebbe essere una soluzione. Ricordiamo che il Consiglio nazionale ha approvato praticamente all unanimità poche settimane fa la cosiddetta mozione Cassis per assoggettare alla Legge federale sull Iva gli operatori economici residenti all estero che operano in Svizzera. Il Consiglio federale dovrà chinarsi sulla questione e proporre una soluzione tecnico-amministrativa praticabile. Suggerimenti in questo senso non mancano, soprattutto provenienti dal Ticino dove la pressione e la concorrenza di artigiani italiani sono particolarmente sentite. Marco Passalia, vicedirettore della Camera di commercio, ha illustrato ieri a un seminario, organizzato dal Centro di competenze tributarie della Supsi a Lamone, la proposta di introdurre la cosiddetta rappresentanza fiscale in Svizzera. Un idea che non dispiace, per esempio, all Amministrazione federale delle contribuzioni per quanto riguarda la riscossione dell Iva. In sostanza per semplificare a ogni notifica di un impresa estera dovrebbe essere associato automaticamenteunnumeroivaenelcontempodovrebbe essere nominato un rappresentante fiscale (per esempio un fiduciario) che si interfaccerebbe con l ufficio Iva competente. Sarebbe un modo per evitare disparità di trattamento tra chi opera in Svizzera perché residente e chi proviene dall estero. Un principio quello dell uguglianza giuridica statuito anche nella Costituzione federale. Ed è a questo principio che bisognerebbe ispirarsi ha spiegato Giordano Macchi, vicedirettore della Divisione delle contribuzioni del Cantone Ticino per eliminare le disparità tra frontalieri storici (residenti entro i 20 chilometri dal confine svizzero), quelli di nuova generazione (oltre i 20 chilometri dal confine), i residenti e i padroncini. La norma in realtà ci sarebbe A questo proposito Macchi ha sottolineato come l articolo 4 della Legge tributaria cantonale affermi esplicitamente che le persone fisiche senza domicilio o dimora fiscali in Svizzera sono assoggettate all imposta in virtù della loro appartenenze economica se esercitano un attività lucrativa nel cantone. Potrebbe essere questa l eventuale base legale per tassare in Ticino anche i padroncini, in quanto non si differenzia tra lavoro dipendente e indipendente e non si tiene conto della durata (distaccati e artigiani possono lavorare in Svizzera senza permesso fino a 90 L uguaglianza giuridica dovrebbe essere un principio universale giorni per anno civile, ndr). Secondo la Convenzione Ocse, però, i lavoratori indipendenti senza stabile organizzazione e lavoratori dipendenti per breve durata sono imponibili nello Stato di residenza. Questo conflitto tra diritto interno e Convenzione ha spiegato Macchi potrebbe essere risolto in due modi: restituendo KEYSTONE l imposta pagata in Svizzera dopo aver dimostrato di averla pagata all estero o evitando l imposizione subito a patto di dimostrare di pagarla all estero. In entrambi i casi ci sarebbe una circolazione internazionale di informazioni a cui i padroncini italiani sarebbero particolarmente sensibili. E proprio a questa sensibilità ha fatto accenno il professor Marco Bernasconi. Siccome il timore di incorrere in un accertamento fiscale italiano è diffuso, la trasmissione di informazioni fiscali potrebbe ristabilire un minimo di parità. La Convenzione di Strasburgo, firmata dalla Svizzera, potrebbe servire proprio a questo scopo. SUPSI Rassegna stampa, gennaio 2014

6 Rivista di Lugano, Venerdì 24 gennaio 2014 Pubblicazione della Supsi sulla riforma III Imposizione delle imprese Il centro di competenze tributarie della Supsi ha pubblicato un edizione speciale della rivista «Novità fiscali» sul tema della riforma III dell imposizione delle imprese. Questa voluminosa pubblicazione, di circa 300 pagine, si compone di 43 articoli e 48 autrici/autori diversi. Numeri importanti, ma necessari per spiegare le origini, i contenuti, i punti forti e quelli deboli, i rischi e le opportunità della riforma III dell imposizione delle imprese, una riforma che senz altro segnerà il futuro della piazza economica svizzera. La pubblicazione ha lo scopo di rendere il più trasparente possibile il dibattito che ruoterà attorno alla riforma III delle imprese: per questo sono state coinvolte persone con esperienze diverse e conoscenze specialistiche. Per altre informazioni telefonare allo o scrivere a SUPSI Rassegna stampa, gennaio 2014

7 Giornale del Popolo, Venerdì 21 febbraio 2014 IL 27 FEBBRAIO A TREVANO Mostra di studenti della SUPSI Il Master of Advanced Studies in Interaction Design della SUPSI annuncia l apertura della mostra dei suoi studenti che si terrà giovedì 27 febbraio, alle ore 16.30, presso il Campus Trevano SUPSI. La mostra sarà attiva solo il giorno 27 febbraio fino alle circa ed è aperta al pubblico. Saranno esposti i risultati del corso Progettazione di ambienti interattivi tenuto da Bill Keays, designer e docente consulente scientifico del Cirque du Soleil. La mostra affronta il concetto di interattività quale esperienza coinvolgente dove le azioni di causa ed effetto tra soggetti e oggetti si estendono fino a comprendere l ambiente, sia esso naturale, urbano o architettonico. Prima dell inaugurazione della mostra, Alessandro Masserdotti, filosofo e interaction designer presso lo studio milanese dotdotdot (www.dotdotdot.it) terrà una Open Lecture. Filosofi, architetti, designer, ingegneri e grafici lavorano insieme, superando le separazioni disciplinari e fondendo perciò arte, architettura, design espositivo con le nuove tecnologie e i nuovi media.

8 Rivista di Lugano, Venerdì 21 febbraio 2014 Farma industria Ticino È terminato il quarto e ultimo modulo della prima edizione del corso di formazione Farma industria Ticino (Fit), l associazione delle industrie chimiche e farmaceutiche. Il corso, sul budget & cost control, organizzato in collaborazione con la Supsi, è dedicato al middle management delle aziende associate e pensato per sviluppare capacità di gestione del personale, dei progetti e di controllo dei costi. Augusto Mitidieri (membro di comitato Fit e corporate Ceo della Sintetica Sa di Mendrisio) e Piero Poli (membro di comitato Fit e Ceo della Rivopharm Sa di Manno) hanno consegnato ai partecipanti l attestato di partecipazione. Tutti i moduli danno diritto all acquisizione di diversi crediti Ects. Dopo l estate sarà organizzata una cerimonia di consegna dei certificati Supsi ai partecipanti ai vari moduli. Per ulteriori informazioni consultare il sito

9 Corriere del Ticino, Sabato 22 febbraio 2014

10 Corriere del Ticino, Sabato 22 febbraio 2014

11 laregioneticino, Sabato 22 febbraio 2014 Ecco il nuovo master della Supsi rivolto a chi combatte e a chi cerca di prevenire questi crimini A scuola di reati finanziari Il percorso di studi nasce dalla collaborazione tra Supsi, Cantone e Magistratura. Tutti concordi: per far fronte aquestogeneredireatioccorre essere formati e continuamente aggiornati. di Paolo Ascierto Il crimine non dorme mai. Quello finanziario, poi, cresce e cambia pelle di continuo. E in un cantone come il Ticino, che annovera quella che è pur sempre la terza piazza finanziaria elvetica, chi si impegna a combattere o a prevenire questo genere di reati deve stare al passo coi tempi. Essere adeguatamente formato e continuamente aggiornato su determinati aspetti: da quelli tecnici a quelli contabili, passando ovviamente per quelli giuridici. È quanto offre il Master of advanced studies (Mas) in diritto economico e business crime. Un percorso formativo che da settembre si potrà seguire alla Scuola universitaria della Svizzera italiana (Supsi) e che si rivolge a chi orbita intorno alla galassia dei colletti bianchi : fiduciari, banchieri, avvocati, magistrati, agenti della polizia giudiziaria e via dicendo. Insomma, tutti quelli che in qualche modo sentivano o sentiranno bisogno di approfondire le conoscenze in tale ambito. Perché anche questo master, ha spiegato ieri in una conferenza stampa il direttore della Supsi Franco Gervasoni, nasce dagli «stimoli presenti sul nostro territorio» ed è stato costruito «con particolare attenzione alla flessibilità e alla qualità dei contenuti». Flessibilità, ha precisato Gervasoni, poiché si permette «ai corsisti di conciliare nella massima misura possibile lo studio con l attività lavorativa». Qualità che è invece necessaria per «soddisfare le esigenze sempre più elevate» dei potenziali partecipanti. Tra questi ci saranno verosimilmente dei magistrati. «Servono ha infatti rilevato il procuratore generale John Noseda formazione e aggiornamento» per far fronte ai crimini economici. «E in Ticino ha aggiunto Noseda ci sono carenze in questo settore». Benvenga dunque il nuovo Mas fortemente voluto da Magistratura e Dipartimento istituzioni (Di) che a detta del procuratore generale ha due obiettivi. Il primo: combinare «conoscenze teoriche» ad «applicazioni pratiche». Il secondo: «Mettere in relazione chi deve reprimere i reati con chi dovrebbe prevenirli». Tra questi ultimi, ha detto il giudice del Tribunale d appello Mauro Mini, cisono«purei fiduciari» e gli altri professionisti attivi nel settore finanziario. «Chi non si specializza ha infatti ricordato Mini avrà sempre più difficoltà». Lo stesso vale per chi conduce le indagini. «La lotta a questi reati ha osservato Norman Gobbi, direttore del Di dev essere all altezza di questi crimini». E quindi il Cantone intende «aiutare i suoi collaboratori», sostenendoli finanziariamente qualora decidessero di seguire il nuovo master della Supsi. Un corso che potrebbe risultare utile pure agli agenti della polizia giudiziaria. Ma oltre alla qualità, serve pure la quantità. E quando ieri Gobbi ha parlato di «un adeguamento degli effettivi» di polizia giudiziaria, il Pg Noseda si è lasciato scappare un sorriso d approvazione. Ma questa è un altra storia. Il denaro e i criminali non dormono mai TI-PRESS

12 Giornale del Popolo, Lunedì 24 febbraio 2014 È STATO PRESENTATO DALLA SUPSI Crimine economico, ora c è un Master Venerdì 21 febbraio 2014 è stato presentato il nuovo Master organizzato dal Centro di competenze tributarie della SUPSI in Diritto Economico e Business Crime. Il Procuratore generale John Noseda, ha sottolineato l esigenza crescente, per combattere una criminalità sempre più sofisticata e internazionalizzata, di investire nella formazione specializzata, coniugando conoscenze teoriche e applicazioni pratiche. Il direttore della SUPSI, Franco Gervasoni, ha inserito la nuova proposta formativa nell ambito delle attività della SUPSI, mentre il direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, ha salutato con favore la nuova proposta nell interesse della sicurezza della cittadinanza nonché dell integrità della piazza economica. È toccato quindi al responsabile del Master Mauro Mini, Professore SUPSI, esporre i tratti salienti della nuova proposta formativa, come l approccio interdisciplinare ed integrato che concilia elementi di diritto, ma anche di economia, informatica, criminalistica, «insomma, un vestito su misura per le esigenze, tanto dei reparti finanziari della Magistratura che dei servizi legali e di compliance di banche e imprese, nonché per avvocati specializzati». Infine, il coordinatore del Master, Giovanni Molo, ha esposto a grandi linee il programma del Master nel suo percorso triennale.

13 Giornale del Popolo, Lunedì 24 febbraio 2014 ALLA SUPSI PRESENTATE LE CONSEGUENZE PER IL CANTONE TICINO E NEI RAPPORTI CON L ITALIA, L OCSE E L UE Fiscalità e aziende: ecco la Riforma III I relatori dell incontro tenutosi lo scorso venerdì. di SABINA RIGOZZI* Sono state un centinaio le persone che hanno partecipato alla conferenza pubblica di venerdì scorso, promossa dal Centro di competenze tributarie della SUPSI, sul progetto di riforma del Consiglio federale volto principalmente ad abolire le tassazioni speciali a livello cantonale a favore delle società cosiddette holding, di amministrazione e miste. Questi particolari regimi fiscali sono infatti considerati dall UE, ormai da anni, aiuti di Stato che causano distorsioni nella concorrenza e sono pertanto incompatibili con l Accordo di libero scambio del 1972, stipulato tra la Svizzera e UE. Il tema è evidentemente importante e complesso, come ha ribadito più volte il direttore della Divisione delle contribuzioni del Cantone Ticino, Lino Ramelli, che ha presentato il progetto di riforma e le sue possibili conseguenze per il Cantone Ticino; Cantone in cui hanno sede società a statuto speciale, il cui gettito fiscale si situa tra il 10 e il 20% del gettito totale derivante dalla tassazione delle persone giuridiche. Quindi, numeri non indifferenti. Particolarmente delicata è la ricerca di un equilibrio fra i vari obiettivi della Riforma III, vale a dire il consenso internazionale, anzitutto, ma anche il mantenimento di una piazza imprenditoriale elvetica (ticinese) attrattiva e parimenti una sostenibilità finanziaria delle misure. Sulle misure da adottare, non c è una posizione unanime da parte dei Cantoni. Un ruolo determinante lo gioca la concorrenza fiscale intercantonale, come ha evidenziato Samuele Vorpe, responsabile del Centro di competenze tributarie della SUPSI. I Cantoni con le aliquote fiscali più basse sull utile delle società, sono Lucerna e Zugo, i quali sono molto concorrenziali anche su scala internazionale. Ciò significa che in questi Cantoni, anche con l abolizione dell agevolazione fiscale cantonale, le società che oggi ne usufruiscono (e che verrebbero quindi tassate con le aliquote ordinarie) avrebbero comunque un vantaggio a rimanere. Viceversa, nei Cantoni come Basilea Città o Ginevra, ma anche in Ticino, le società che oggi usufruiscono dell agevolazione, domani potrebbero andarsene, dato che le aliquote ordinarie sull utile in questi Cantoni sono di molto superiori a quelle di Lucerna e Zugo. Paolo Arginelli, professore all Università Cattolica e collaboratore scientifico SUPSI, ha poi illustrato il quadro in Italia e a livello internazionale, che negli ultimi anni è mutato velocemente a causa (anche) della crisi finanziaria ed economica che ha portato ad una focalizzazione estrema al contrasto dell evasione fiscale, alla trasparenza fiscale e alle norme anti-abuso a livello internazionale. Fondamentale sarà quindi per la Svizzera attuare una riforma che sia compatibile con questa politica fiscale internazionale e, in un ottica più ticinese, con quella italiana; in questo modo si potranno evitare le misure di ritorsione che attualmente sono messe in atto dall Italia ( black-list, CFC, ecc.). Infine, Pasquale Pistone, presidente accademico dell IBFD di Amsterdam e professore all Università di Vienna, e Robert Danon, professore ordinario all Università di Losanna, si sono focalizzati su due punti chiave della Riforma III: il regime fiscale di transizione che la Svizzera dovrà adottare per quelle società che perderanno il diritto alle agevolazioni fiscali e l introduzione di nuove misure in grado di rimpiazzare queste vecchie agevolazioni fiscali. In particolare, il regime di transizione dovrà evitare di concedere altre agevolazioni fiscali inaccettabili agli occhi dell UE, mentre la nuova misura risultante dalla riforma, per esempio il cd. Licence Box, non dovrà invece risultare come un semplice cambiamento di forma, ovvero togliere un agevolazione per introdurne un altra che, nella sostanza, è la medesima. *Collaboratrice scientifica SUPSI

La disciplina fiscale dei lavoratori dipendenti stranieri in Svizzera

La disciplina fiscale dei lavoratori dipendenti stranieri in Svizzera 1 La disciplina fiscale dei lavoratori dipendenti stranieri in Svizzera Convegno Università di Novedrate 9 ottobre 2013 Sabina Rigozzi, Collaboratrice scientifica SUPSI 2 Sommario 1 Una panoramica dei

Dettagli

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online.

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online. Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione della Conferenza stampa Padroncini e distaccati, una situazione da correggere 26 luglio 2013 Fa stato il discorso orale Pagina 1

Dettagli

Master of Advanced Studies in Tax Law

Master of Advanced Studies in Tax Law Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento scienze aziendali e sociali Centro di competenze tributarie Master of Advanced Studies in Tax Law Centro di competenze tributarie

Dettagli

Sommario rassegna stampa

Sommario rassegna stampa Sommario rassegna stampa Luglio/agosto 2013 Pagina Articolo 2 laregioneticino, 1. luglio 2013 Advanced Studies SUPSI 3 Giornale del popolo, 3 luglio 2013 Ditte dall Italia al Ticino: i retroscena del trasloco

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN. e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari

MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN. e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN e-t@x. La gestione telematica dei rapporti tributari Il primo master universitario di diritto tributario totalmente in rete a.a. 2006-2007 1.Finalità Il Master

Dettagli

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA

CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA CONFRONTO TRA STABILE ORGANIZZAZIONE, SOCIETA E UFFICIO DI RAPPRESENTANZA L attuale contesto economico, sempre più caratterizzato da una concorrenza di tipo internazionale e da mercati globali, spesso

Dettagli

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA TAX L@b 2015 Laboratorio di Fiscalità Internazionale Corso teorico-pratico per Professionisti, Fiscalisti d impresa, Tax Risk Manager, Tax Compliance Officer,

Dettagli

Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge

Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge con considerevoli semplificazioni amministrative l articolo 127 capoverso 3 della Costituzione

Dettagli

LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE

LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE LA SVIZZERA SULLE BLACK LIST ITALIANE Di seguito illustreremo le normative italiane che, riferendosi alle cosiddette blacklists hanno conseguenze importanti, in termini di oneri burocratici e perdita di

Dettagli

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento scienze aziendali e sociali Centro competenze tributarie SUPSI Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime 1

Dettagli

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime 1 Informazioni tecniche Ammissione

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Perché bisogna rifiutare l iniziativa popolare. «Basta privilegi fiscali ai milionari (Abolizione dell imposizione forfettaria)»

Perché bisogna rifiutare l iniziativa popolare. «Basta privilegi fiscali ai milionari (Abolizione dell imposizione forfettaria)» LA FINE DELLA PROSPERITA SVIZZERA!! Perché bisogna rifiutare l iniziativa popolare «Basta privilegi fiscali ai milionari (Abolizione dell imposizione forfettaria)» Il doppio obiettivo dell iniziativa I

Dettagli

Foglio informativo: l assicurazione contro la disoccupazione

Foglio informativo: l assicurazione contro la disoccupazione Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Segreteria di Stato dell economia SECO Mercato del lavoro / Assicurazione contro la disoccupazione Foglio informativo: l assicurazione

Dettagli

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione

Argomenti Pro 13.107. Dokumentation Documentation Documentazione Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi 13.107 del Parlamento Servetschs dal parlament Argomenti Pro Tassare le eredità milionarie per finanziare la nostra AVS (Riforma dell imposta sulle successioni).

Dettagli

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con della società René Faigle AG La René Faigle AG svolge la sua attività con successo da più di ottant anni. L azienda svizzera a conduzione familiare

Dettagli

FAQ per i datori di lavoro

FAQ per i datori di lavoro FAQ per i datori di lavoro - Perché io, imprenditore, dovrei aspettarmi aiuto da un istituzione come l ufficio AI? L ufficio AI si impegna a mantenere o reinserire nel mondo del lavoro le persone diversamente

Dettagli

Offerta formativa Seminari e corsi di diritto tributario

Offerta formativa Seminari e corsi di diritto tributario Offerta formativa Seminari e corsi di diritto tributario 23 La tassazione delle eredità nascoste. Quali conseguenze per gli eredi? Gli ordinamenti svizzero e italiano a confronto nelle procedure di recupero

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

i dossier ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it

i dossier ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI www.freefoundation.com www.freenewsonline.it 318 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL MERCATO DEGLI AFFITTI 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 ECCO COME L IMU HA DISTRUTTO ANCHE IL

Dettagli

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale)

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) di minoranza 4802 R2 17 novembre 1999 FINANZE E ECONOMIA della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) Il Consiglio

Dettagli

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL

OGGETTO: SEPARAZIONE BANCARIA E RIFORMA NORMATIVA SECONDO IL MODELLO DELLA LEGGE GLASS - STEAGALL REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale Gruppo Consiliare Gruppo Misto Firenze, 7 maggio 2013 Al Presidente del Consiglio della Regione Toscana On. Alberto Monaci MOZIONE (ai sensi dell art. 167 Reg. Interno)

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

Newsletter: Maggio Luglio 2014

Newsletter: Maggio Luglio 2014 Newsletter: Maggio Luglio 2014 ORDINE EUROPEO DI INDAGINE PENALE Direttiva 2014/41/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 relativa all ordine europeo di indagine penale, pubblicata

Dettagli

Donatella Ferrari. Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano

Donatella Ferrari. Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano Donatella Ferrari Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano 1 Art. 3 Federalismo Cost. Fed. I Cantoni sono sovrani per quanto la loro sovranità non sia limitata dalla Costituzione federale

Dettagli

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Sommario della presentazione 1) Il ruolo delle restrizioni della concorrenza

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10.

05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10. 05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10. Altre imposte 11. Accordi bilaterali Svizzera UE I dati contenuti

Dettagli

0.672.963.62. Traduzione 1. (Stato 9 gennaio 1952)

0.672.963.62. Traduzione 1. (Stato 9 gennaio 1952) Traduzione 1 0.672.963.62 Convenzione tra la Confederazione Svizzera e il Regno dei Paesi Bassi intesa a evitare i casi di doppia imposizione in materia di imposte sulle successioni Conclusa il 12 novembre

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

La politica dell entrata

La politica dell entrata La politica dell entrata Le entrate dello Stato si classificano in: 1.Entrate tributarie: rappresentano la parte più consistente delle entrate statali e sono costituite da: Imposte=sono prelievi obbligatori

Dettagli

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità TESTATA: 247.LIBERO.IT TITOLO: Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità 23/11/12 Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali

Dettagli

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice Linee guida strategiche e policy operativa in tema di valorizzazione della ricerca e di diritti di proprietà intellettuale all Università degli Studi di Brescia dicembre 2014 - ver.1.0 Indice 1. Premessa

Dettagli

La necessità di un adeguamento dei valori di stima degli immobili ticinesi

La necessità di un adeguamento dei valori di stima degli immobili ticinesi La necessità di un adeguamento dei valori di stima degli immobili ticinesi Adeguamento dei valori di stima degli immobili: neutralizzare o riformare? Samuele Vorpe 15.01.2015 Responsabile del Centro di

Dettagli

Consultazione sul progetto di nuova Legge sulla pedagogia speciale

Consultazione sul progetto di nuova Legge sulla pedagogia speciale Consultazione sul progetto di nuova Legge sulla pedagogia speciale Il Partito Socialista prende posizione sul progetto di Legge sulla pedagogia speciale, elaborato dalla commissione ad hoc incaricata dal

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

2010 Strategia della piazza finanziaria 2015

2010 Strategia della piazza finanziaria 2015 2010 Strategia della piazza finanziaria 2015 La piazza finanziaria è il settore più importante per il benessere in Svizzera, in quanto genera un buon 12% del prodotto interno lordo, contribuisce nella

Dettagli

Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento

Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento Promemoria: trattamento fiscale delle spese di perfezionamento Osservazione preliminare Questo promemoria si prefigge di agevolare agli studenti degli esami modulari, quelli professionali federali e quelli

Dettagli

Norme attuative. della. Scuola di Dottorato Internazionale in Sviluppo Locale e Dinamiche Globali

Norme attuative. della. Scuola di Dottorato Internazionale in Sviluppo Locale e Dinamiche Globali Scuola sullo Sviluppo Locale Università di Trento School on Local Development University of Trento Norme attuative della Scuola di Dottorato Internazionale in Sviluppo Locale e Dinamiche Globali 1 Indice

Dettagli

CONTI DELLO STATO PER IL CITTADINO COMPRENSIBILI E INTERESSANTI

CONTI DELLO STATO PER IL CITTADINO COMPRENSIBILI E INTERESSANTI CONTI DELLO STATO PER IL CITTADINO COMPRENSIBILI E INTERESSANTI Associazione Civicum www.civicum.it info@civicum.it 1/3 Viale Monte Santo, 20124 Milano tel. 02 89954458 OBIETTIVI Rendere conto ai cittadini:

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

Semplificati la vita. manuale d uso

Semplificati la vita. manuale d uso Semplificati la vita manuale d uso Introduzione. Nel mondo del lavoro rendere le cose semplici è uno degli obiettivi più complicati da perseguire. La complessità dei problemi è una costante che scoraggia

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Diritto penale dell impresa

Diritto penale dell impresa Centro Studi Federico Stella sulla Giustizia penale e la Politica criminale Master di II livello 1 Destinatari Il master si rivolge a laureati in discipline giuridiche ed economico-giuridiche, professionisti,

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995)

Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del 3 ottobre 1995) Legge sull Università della Svizzera italiana e sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (del ottobre 995) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE DEL TICINO visti il messaggio

Dettagli

I mercati assicurativi

I mercati assicurativi I mercati NB: Questi lucidi presentano solo parzialmente gli argomenti trattati ttati in classe. In particolare non contengono i modelli economici per i quali si rinvia direttamente al libro di testo e

Dettagli

Corporate Social Responsibility

Corporate Social Responsibility Corporate Social Responsibility Prof. Gianluca Colombo Professore Ordinario di Economia aziendale, all Università Svizzera Italiana e all Università degli Studi dell Insubria. MBCF. Il panorama delle imprese

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE

COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE ID 991877645 COMUNE DI RAVENNA MEDAGLIA D ORO AL VALOR MILITARE PARTITA IVA 00354730392 SERVIZIO SUAP ED ATTIVITA ECONOMICHE P.G. n. 30154/2014 ORDINANZA TL n. 299/2014 DISCIPLINA COMUNALE DEGLI ORARI

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

Parma, 14 gennaio 2016. OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia

Parma, 14 gennaio 2016. OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia CIRCOLARE DI STUDIO 4/2016 Parma, 14 gennaio 2016 OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia La circolare esamina il trattamento fiscale dei redditi percepiti da una

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Istituzione di una Zona Economica Speciale (ZES)

Dettagli

VADEMECUM PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA

VADEMECUM PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA VADEMECUM PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA Questo breve vademecum costituisce una sintesi degli adempimenti conseguenti all entrata in vigore, in data 1 gennaio 2008, del regolamento per la formazione

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI Intervento dell avv. Sandra Maraia 1. Brevi cenni sul regolamento n. 6/2014 Il nuovo regolamento per la formazione continua, approvato

Dettagli

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE

LE GRANDI RIFORME. Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE LE GRANDI RIFORME Una giustizia più efficiente LA RIFORMA DEL DIRITTO CIVILE Il sistema giudiziario inefficiente penalizza fortemente cittadini e imprese I PUNTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA Semplificazione

Dettagli

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. http://softwarelibero.it

I brevetti software. Una minaccia per il Software Libero. Simo Sorce. <simo@softwarelibero.it> http://softwarelibero.it I brevetti software Una minaccia per il Software Libero Simo Sorce http://softwarelibero.it Perchè i brevetti sulle idee sono dannosi per lo sviluppo e la libera impresa Coypright

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento Milano, 15 febbraio 2013 Il Libro Bianco sul Turismo per Tutti in Italia è il risultato di un processo di lunga deriva, che ha presupposti, basi e svolgimento, attualità e certamente anche futuro. Perché

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

Compliance management

Compliance management Compliance management Presentazione I requisiti postulati dalla sorveglianza prudenziale, l orientamento ai rischi e l affermarsi progressivo di una cultura della trasparenza, hanno contribuito a valorizzare

Dettagli

Master europeo in Storia dell Architettura

Master europeo in Storia dell Architettura Area Servizi per gli studenti e relazioni con il pubblico. Divisione segreterie studenti Master europeo in Storia dell Architettura Bando 2008-2009 Il Rettore visto l art. 3 del D.m. 509/99, ora integrato

Dettagli

Investire nella formazione

Investire nella formazione Repubblica e Cantone Ticino Investire nella formazione Concetto 2006 per la formazione dei Segretari comunali, dei Quadri dirigenti e dei Funzionari amministrativi Dipartimento dell educazione, della cultura

Dettagli

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172 81,9(56,7 '(*/,678',',6,(1$ ',3$57,0(172',',5,772'(// (&2120,$ )$&2/7 ',(&2120,$³5,&+$5'0*22':,1 In convenzione con UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA DIPARTIMENTO DI DIRITTO PUBBLICO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Sviluppo di applicazioni mobili

Sviluppo di applicazioni mobili Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Sviluppo di applicazioni mobili Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc La rapida diffusione di dispositivi

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E TERMINE DI PRESENTAZIONE BANDO DI CONCORSO PER IL CONFERIMENTO DI 10 PREMI PER TESI DI LAUREA SPECIALISTICA E DI DOTTORATO IN MATERIA DI CONCORRENZA DEL MERCATO E DIRITTI DEI CONSUMATORI La Direzione Generale Armonizzazione del

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente

Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente Regolamento per la Formazione e l Aggiornamento professionale permanente Associazione Italiana per la Pianificazione ed il Controllo di Gestione nelle Banche, nelle Società Finanziarie e nelle Assicurazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011

Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 Seminario Impatto della crisi economica su università e ricerca in Europa Roma, 25-26 ottobre 2011 L Impatto della Crisi Economica sull Educazione Superiore in Turchia Anno Numero di Università Pubbliche

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Accordo SNA -CRUI- COINFO

Accordo SNA -CRUI- COINFO Accordo SNA -CRUI- COINFO Corso specialistico per Responsabili e Referenti Anticorruzione nelle Università Programma di dettaglio INDICE 1. Premessa...3 2. Obiettivi...3 3. Destinatari...4 4. Coordinamento

Dettagli

Assicurazione crediti. La protezione delle perdite sul fatturato/

Assicurazione crediti. La protezione delle perdite sul fatturato/ Assicurazione crediti La protezione delle perdite sul fatturato/ Spesso la fiducia non paga/ Il pericolo di perdere il proprio denaro è in agguato in ogni fattura emessa. Le cose possono andare bene per

Dettagli

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR?

Introduzione. Cos è EPIQR? A chi si rivolge EPIQR? La Comunità Europea presenta EPIQR. Questo software nasce per ripensare e migliorare la gestione degli immobili, sensibilizzando in particolare sugli aspetti energetici e di qualità dell ambiente interno

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA DI NAPOLI L AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

CONVENZIONE QUADRO TRA L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA DI NAPOLI L AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI Allegato A alla delibera n. 458/15/CONS CONVENZIONE QUADRO TRA L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA DI NAPOLI E L AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI La presente convenzione quadro regola

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2015. OGGETTO: Crediti per imposte pagate all estero, aspetti fiscali e modalità di calcolo.

NOTA OPERATIVA N. 7/2015. OGGETTO: Crediti per imposte pagate all estero, aspetti fiscali e modalità di calcolo. NOTA OPERATIVA N. 7/2015 OGGETTO: Crediti per imposte pagate all estero, aspetti fiscali e modalità di calcolo. - Introduzione E sempre più frequente che le imprese italiane svolgano la propria attività

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Corso di Economia Politica. ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18-04- 2011

Facoltà di Giurisprudenza Corso di Economia Politica. ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18-04- 2011 ESERCITAZIONE N.1: Equilibrio di mercato 18042011 1) La seguente tabella mostra i prezzi e le quantità di un ipotetico mercato dei popcorn. Tracciate le curve di domanda e offerta Prezzo Q.tà domandata

Dettagli

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7)

REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA (cf Regolamenti art. 82 7) PONTIFICIA FACOLTÀ DI SCIENZE DELL EDUCAZIONE «AUXILIUM» via Cremolino, 141-00166 ROMA tel. 06.61564226 fax. 06.61564640 e-mail: segreteria@pfse-auxilium.org ALLEGATO 1 REGOLAMENTO DI DOTTORATO DI RICERCA

Dettagli

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi

STATUTO. Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia. Art. 4) La fondazione si propone di promuovere studi ed analisi sui temi STATUTO Art. 1) E costituita una fondazione denominata Centro Siciliano di Studi sulla Giustizia Art. 2) La fondazione ha sede in Palermo, in Via Messina n. 15 Art. 3) La fondazione ha durata illimitata.

Dettagli

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA ***

USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** USURA E FAMIGLIA SOSTEGNO DELLO STATO ALLE VITTIME DELL USURA PROSPETTIVE DI MODIFICA NORMATIVA *** La legislazione antiusura e antiracket (leggi 108/96 e 44/99) sottolinea l impegno dello Stato nel sostegno

Dettagli

L idea del Legislatore è semplice quanto geniale : sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di R&S.

L idea del Legislatore è semplice quanto geniale : sviluppare imprenditorialità facendo leva su tecnologia e attività di R&S. Start up innovative, tutte le agevolazioni fiscali Una delle colonne portanti del nuovo D.L. Sviluppo è costituita dall introduzione di una nuova figura di società, le c.d. start up innovative (e i relativi

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2010

RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2010 Associazione dei Laureati in Economia dell Università degli Studi di Udine RELAZIONE PROGRAMMATICA ANNO 2010 Sede Legale: Via Tomadini 30/a 33100 Udine C.F. 94078730309 info: 0432249960 - e-mail: info@aule.it

Dettagli

Più opportunità dal tuo fondo pensione

Più opportunità dal tuo fondo pensione fondo pensione per il personale del gruppo helvetia e del gruppo nationale suisse Più opportunità dal tuo fondo pensione Più adesioni con i fiscalmente a carico, più contribuzione da parte del datore di

Dettagli

Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999)

Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999) Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999) 5.3.2.3.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti la Legge della scuola del 1 febbraio 1990;

Dettagli

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 Servizio Politiche Fiscali UIL Il 15 luglio 2011 il Parlamento

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME CONSIGLIO REGIONALE DELLA LOMBARDIA X LEGISLATURA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE 'RAPPORTI TRA LOMBARDIA, CONFEDERAZIONE ELVETICA E PROVINCE AUTONOME Seduta del 20 febbraio 2014 Processo verbale n. 4

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

LE PARTITE IVA - L'intervento di Giovanni Fanni al circolo Me-Ti

LE PARTITE IVA - L'intervento di Giovanni Fanni al circolo Me-Ti LE PARTITE IVA - L'intervento di Giovanni Fanni al circolo Me-Ti Author : admin Mi è stato chiesto da di fare un intervento sulle partite IVA, nello specifico sui giovani professionisti senza cassa previdenziale

Dettagli