CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA DOMENICO CIMAROSA - AVELLINO Istituzione di Alta Cultura. Anno Accademico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA DOMENICO CIMAROSA - AVELLINO Istituzione di Alta Cultura. Anno Accademico 2010-2011"

Transcript

1 CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA DOMENICO CIMAROSA - AVELLINO Istituzione di Alta Cultura Anno Accademico Biennio di II Livello per formazione docenti (classe concorso A077) Programmi di studio Insegnamenti prof. Renato Colella

2 Indice Didattica dell'improvvisazione (per la didattica strumentale) Tecnologie e tecniche della ripresa e della registrazione audio

3 pag. 1 di 3 CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA D. CIMAROSA AVELLINO Istituzione di Alta Cultura Anno Accademico Biennio di II Livello per formazione docenti classe concorso A077-2 anno Corso di Didattica dell improvvisazione (per la didattica strumentale) durata del corso: 60 ore - docente: prof. Renato Colella Obiettivi del corso Sulla base di quanto già acquisito nel corso di Didattica della composizione circa la comprensione delle strutture di formazione del discorso musicale e della loro articolazione in forme storicamente codificate e non, del senso di struttura/forma in musica, della creazione di schemi temporali tramite segmentazione percettiva e della strutturazione sequenziale del tempo e organizzazione gerarchizzata degli eventi sonori, il corso intende porre la ricerca sonora, le idee musicali e la elaborazione formale ad imprescindibili presupposti per l improvvisazione - vista soprattutto come sperimentazione nella prima fase del processo compositivo -, approfondendo quindi gli strumenti di conoscenza, analisi, comprensione e pratica dei principali percorsi alla base della creatività in musica, con prevalente attenzione a sistemi e grammatiche non-tonali ed a linguaggi meta- ed extra-musicali, al fine di concepire, organizzare e realizzare materiali e percorsi didattici volti al raggiungimento - per gli allievi delle scuole strumentali - della conoscenza/coscienza formale nonché all esercizio ed all acquisizione di abilità improvvisative. Programma del corso Immaginazione, invenzione, improvvisazione sui confini dell organizzazione. Poiesis e didattica della musica; scoperta ed invenzione per la creatività formale. Ambivalenza versus polarità; connessione vs opposizione; ordine vs disordine. Il caos: una necessità palingenetica? Ordine dall ordine: assemblaggi orizzontale e verticale; phasing. Trasformazione e tempo lineare: ordine dal disordine; dall ordine al disordine (entropia e degradazione). Tempo sincretico: ordine e disordine. Binomi fantastici. Organizzare e realizzare percorsi didattici sull improvvisazione: esplorare, ricercare, inventare, comporre. Fare musica, improvvisare e comporre a scuola; dai modelli alle cornici; la creatività come base del curricolo scolastico e dell insegnamento/apprendimento tecnico-strumentale e dell attività interpretativa. La musica contemporanea per un approccio creativo alla didattica. Ascolto passivo e ascolto creativo. Dal semplice suono alla struttura per una realtà esprimibile oltre le parole; dall imitazione alla stilizzazione ri-creativa per un autonomia dell espressione musicale. La lezione come laboratorio: risorse, brainstorming, ruolo dell insegnante e valore dell improvvisazione. Il materiale sonoro nella musica. Ascolto ed esplorazione dei suoni: risorse dal silenzio. Comprensione ed imitazione delle caratteristiche morfologiche del suono; statistica e stilizzazione nella rappresentazione sonora; dal reale all immaginazione. Natura e suono; registrazione delle fonti; discriminazione e rielaborazione dei materiali. I suoni della natura nel repertorio di musica colta: tecniche di rappresentazione, stilizzazione, elaborazione e sviluppo. Il suono dagli oggetti quotidiani; rapporto tra selezione e composizione; improvvisazione ad esplorazione sonora. Oggetti come materiali per costruire nuovi strumenti; gamelan scolastici; sculture sonore. L organologia strumentale e il suo sviluppo in rapporto all attività improvvisativa e compositiva; gli esempi nel repertorio di musica colta; pianoforte preparato e suoni inusuali su strumenti classici. segue a pag. 2

4 continua Programma di Didattica dell improvvisazione - pag. 2 di 3 La ίδέα in musica: vedere qualcosa nel suo presentarsi e divenire. Requisiti di caratterizzazione di un idea musicale; parametri di riferimento per un elaborazione del materiale di partenza; l idea come germe per l intera struttura. Il gesto musicale. Memoria individuale e collettiva di idee musicali. Spunti per laboratori sulla memoria musicale del proprio territorio o attingendo a patrimoni di generi di larga diffusione. Musica-esperanto? Nuovi linguaggi. Idee e sviluppo; stimolo e azione. Proporzioni del brano come risultato del carattere delle idee e dei suoi elementi o pre-requisito. L elaborazione d idea in altri linguaggi. Improvvisazione come fare e seme delle idee; improvvisazione/composizione/interpretazione come ciclo del fare musica. Idee di musica : i titoli. L ideazione di nuove grammatiche per le nostre idee: suggestioni da altri contesti etno-musicali fino a stimoli meta- ed extra-musicali; haiku e climi aforistici. Dall ίδέα al pensiero formale: pensare e realizzare un improvvisazione o un brano completo. Ascoltare - dal suono al brano - per andare oltre, conoscendo, assumendo, negando: suoni insoliti, peculiarità parametriche tradite. Sistemi di controllo e disciplina; rottura di modelli ed auto-limitazioni. Tecnica e stile. Unità e varietà: requisiti imprescindibili nella creatività. Tecniche, sistemi e modelli per generare logica e coerenza di melodia, armonia, forma: ostinati, armonie derivate dalla melodia, strutture fisse (blues), altri sistemi di riferimento (cromatismo, serialità, dodecafonia). Sangita e gagaku. La Sezione Aurea in musica. Il tutto è più della somma delle sue parti. Rapporti e dinamiche interne nella costruzione improvvisativa e formale; elementi progressivi e regressivi nello sviluppo e nel finale, anche in merito agli strumenti utilizzati. Dal controllo totale alla componente del caso nei materiali sonori e negli strumenti, nell improvvisazione e nella composizione: musica aleatoria, musica indeterminata, forme aperte; dall I-Ching alla minimal-music. La musica: un architettura nel/del tempo a strumento di creatività ed improvvisazione. Cura degli elementi progressivi e regressivi nella strutturazione formale. Paradigmi formali classici di dinamiche e meccanismi di processo strutturale applicati a materiali de-classicizzati spinti fino a fonemi puri. Un altra idea di forma: monoliti nel tempo, elementi privi di ripetizione, elaborazione, sviluppo o apparente relazione; idee per una sua utilizzazione in ambito improvvisativo e compositivo. Un altro elemento strutturante auto-sufficiente: la melodia. Una chiave di lettura per la forma-canzone? Rapporto tra testo e linea melodica. Equilibri di struttura; schemi formali; modelli di slanci e regressioni. Un ultimo elemento strutturante: relazione tra le proporzioni delle sezioni di un brano; un semplice intuito, un preciso calcolo. Approfondimento della Sezione Aurea nell improvvisazione e nella composizione. - Al fine di esercitare l individuazione degli elementi strutturali/formali di un brano attraverso la sola percezione uditiva e di elementi utili alla realizzazione di percorsi improvvisativi, durante il corso viene praticata analisi modale, dodecafonica e seriale, tonale, melodica, armonica, ritmica, strutturale e formale di brani tratti dalla specifica esperienza nel campo della didattica musicale nonché da letterature musicali e repertori attinenti ai più vari sistemi di riferimento, generi e culture, con l ausilio di materiali audio-video ed anche in assenza di spartiti o partiture. Libri di testo, altri materiali di studio e spunti metodologici. 1. AA.VV., Capire la forma - Idee per una didattica del discorso musicale, Torino, EDT PAYNTER John, Suono e struttura, Torino, EDT Dispense e materiale audio-video a cura del Docente - Al fine di acquisire ulteriori materiali di studio ed approfondimento, esercitare abilità telematiche e maturare senso critico nella selezione di materiali di possibile utilizzo didattico, gli Allievi sono invitati a reperire e scegliere sulla rete Internet elementi utili allo studio, al compimento del programma del corso, all elaborazione di unità didattiche/di apprendimento e di improvvisazione ed alla preparazione dell esame di fine corso, valutandone qualità e proponibilità in un contesto di apprendimento personale e di fruibilità didattica. segue a pag. 3

5 continua Programma di Didattica dell improvvisazione - pag. 3 di 3 Prove d esame L esame, come da indicazioni della Direzione, va prenotato presso il docente entro il termine di sette giorni antecedenti la data dello stesso. Gli Allievi hanno facoltà di scegliere il grado di complessità ed impegno del proprio esame, optando di limitarsi alla preparazione di quanto previsto al solo punto 1. o di preparare anche quanto indicato ai punti 2. e 3., tenendo presente che la valutazione finale d esame, oltre che dal grado di preparazione, sarà determinata da tale scelta e che si passerà al punto successivo solo dopo il superamento di quanto previsto al punto precedente. 1. Conoscenza dei libri di testo indicati (per quanto riguarda AA.VV. Capire la forma, oltre ad un approfondimento dell intero testo, va particolarmente studiato il capitolo VI Al margine del caos. Ordine, disordine, organizzazione ), dei materiali didattici forniti dal Docente e degli argomenti di studio previsti dal programma del corso. 2. (Oltre a quanto previsto al punto 1.) Presentazione e discussione di un proprio lavoro di ricerca - operata anche solo per via telematica - su un argomento a scelta tra quelli previsti dal programma o desunto dal testo in adozione. Il lavoro, da consegnare al Docente almeno 15 giorni prima dell esame (come da indicazioni della Direzione), dovrà essere redatto in forma non eccedente le 5 cartelle (corpo 12 - interlinea 1,5 - spaziatura paragrafo 6 ) e dovrà contenere sole argomentazioni personali, escludendo l inserimento di estratti, immagini, stampe di pagine web o quant altro d altrui elaborazione, materiali questi che possono comunque essere allegati a corredo del proprio lavoro ma solo esplicitandone rigorosamente la fonte; possono altresì essere prodotti in allegato propri elaborati notazionali, musicali, ipertestuali, ipermediali o di presentazione. 3. (Oltre a quanto previsto ai punti 1. e 2.) Presentazione e discussione di un unità didattica/di apprendimento di propria originale concezione, realizzata secondo i princìpi dettati dal corso e chiaramente volta ad un possibile utilizzo didattico, su un argomento a scelta tra quelli indicati dal programma o desunto dai testi in adozione. Gli elaborati, da consegnare al Docente almeno 15 giorni prima dell esame (come da indicazioni della Direzione), saranno formulati nei modi che l Allieva/o riterrà più utili ed opportuni per il conseguimento dell obiettivo dichiarato nell unità. N.B.: agli esami è possibile presentare i propri elaborati su un proprio laptop. Il Docente prof. Renato Colella

6 pag. 1 di 2 CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA D. CIMAROSA AVELLINO Istituzione di Alta Cultura Anno Accademico Biennio di II Livello per formazione docenti classi concorso A077-2 anno Corso di Tecnologie e tecniche della ripresa e della registrazione audio durata del corso: 30 ore - docente: prof. Renato Colella Obiettivi del corso Fornire elementi di conoscenza e repertorio terminologico relativi alle tecnologie ed alle tecniche utilizzate per la ripresa, la registrazione e l editing audio, con particolare attenzione all uso dell informatica, al fine di offrire spunti operativi e suggestioni utili all ideazione di una attività didattica - rivolta agli alunni della scuola dell obbligo e di strumento musicale che impegni le conoscenze acquisite non solo per affrontare gli aspetti pratici più rilevanti legati a progetti audio realizzati sia in home-studio che in ambiente scolastico, ma anche per proseguire nella necessaria revisione dell impianto epistemologico dell insegnamento musicale in relazione al pensiero tecnicoinformatico ed all impatto delle nuove tecnologie sulla didattica. Programma del corso Fisica acustica e registrazione Onde sonore e loro caratteristiche: ampiezza, frequenza, lunghezza d onda; fase, spostamento di fase ed interferenza di fase; le armoniche. Inviluppo del suono e sue sezioni. Diffusione, riflessione, eco e riverbero. Catena e tipi di registrazione: caratteristiche ed equipaggiamenti. Live stereo e live-mix su due tracce: HD-recorder, DAT, MiniDisc, CD-recorder, Flash, Computer. Multitrack-rec con e senza mixer: MDM, Mini-studio, DAW standalone, computer DAW. Hardware studio DAW: PC, schede audio e DSP, interfacce I/O (breakout-box) e MIDI, superficie di controllo. Hardware studio MIDI: interfaccia, synth, controller-midi (master-keyboard, breath-controller, drum-pad), modulo sonoro/expander, drum-machine, campionatore, sequencer, workstation-keyboard. Mixer analogico: inputs mic, line e track; phantom e pre-amp; insert per aux (EQ e processori di segnale) e potenziometri aux; mute, solo, trim/gain, fader, pan-pot, channel assign, master-fader, VU-meter, LED e ledclipping; gli output. Altri mixer: digitale, software e superfici di controllo nei sistemi DAW. Microfoni: phantom e pre-amp. Direct-Box per strumenti musicali. Rack/patch bay e multicore. Cavi bilanciati/sbilanciati; differenti tipi di cavi e connettori per il segnale audio analogico (XLR, TRS/TS, RCA), il segnale audio digitale (AES/EBU, S/PDIF, Tascam TDIF, ADAT Alesis Lightpipe) ed il MIDI. Monitoraggio del suono. Monitor attivi, passivi, powered; amplificatore di potenza; monitor nearfield; posizionamento dei monitor. Cuffie e cue-system. Microfoni e Tecniche di microfonaggio Tipi di trasduttore microfonico: dinamico, a condensatore, a nastro; loro caratteristiche. Differenti tipi di diagramma polare (omni- e bi-direzionale, direzionale cardiode, sub-, super-, iper-cardioide, direzionale spot/shotgun/mezzofucile) e relative caratteristiche. Risposta in frequenza, picco di presenza ed effetto prossimità, impedenza, SPL massimo, sensibilità, self-noise, rumore, rapporto S/N, polarità. Tipi di microfono: a condensatore con diaframma largo e con diaframma piccolo, dinamico per strumenti, per voce, ribbon, boundary, micro-mic, ad archetto; stereo-mic e digital-mic; mic multi-pattern. Accessori per mic: filtro anti-pop, aste e giraffe, shock-mount, splitter. Gamme di frequenza degli strumenti musicali in rapporto alla scelta del mic. Microfonaggio individuale e d insieme; distanza di posizionamento; regola del 3 a 1; colorazione fuori asse; gain, clipping, livello ottimale di registrazione, headroom; l hum; leakage e riflessione del suono.

7 Principali tecniche di registrazione stereofonica: con coppia coincidente (XY, MS, Blumlein), distanziata (AB), quasi coincidente (ORTF, NOS), con baffle (OSS). Microfonaggi specifici per registrazioni in studio oppure on location di singoli strumenti, voce, gruppi pop, ensemble classici, coro e orchestra. Processamento del segnale audio Effettistica sia hardware che software come insert/plug-in di programma host in una DAW. EQ e suo utilizzo: LF, MF e HF EQ; differenti tipologie di EQ (a 2 e 3 bande, sweepable, parametrico e grafico, peaking e shelving); tagli di frequenza e filtri; compensazione dell effetto Fletcher-Munson. Compressore di segnale; compression ratio o slope; threshold; gain reduction; attack/release time. Limiter e Noise gate. Delay (eco, doubling, chorus, flanger); riverbero e pre-verb. Altri tipi di signal-processor: Enhancer, Octave divider, Harmonizer, Vocal processor, Automatic pitch correction,tube processor, Rotary speaker simulator, Analog tape simulator, Spatial processor, Microphone modeler, Guitar amp modeler, De-click e De-noise. Digital Audio Workstation: Audio e MIDI nella computer-recording Registrazione digitale: frequenza di campionamento, clock, dither, jitter. Principali software di registrazione/sequencer. Impostazione di una sessione di lavoro, creazione tracce di differente natura, editing audio di base, recording, overdubbing e mixdown in digital-realm; punch-in e punch-out; bouncing e tracce composite; automazione del mix; mastering; assegnazione di patch a MIDI-track. I Plug-in: Virtual-Instruments, effettistica e strumenti per l editing. Software notazionale MIDI e editor/librarian. Per un impiego didattico delle competenze acquisite Le valenze didattiche e operative del computer nell educazione musicale / Software musicali e Didattica della Musica / Educazione musicale e multimedialità / Reti telematiche ed educazione musicale / Il computer in classe: proposte operative. Libri di testo, altri materiali di studio e spunti metodologici. 1. BARTLETT Bruce / Jenny (ediz. it. a cura di Pier CALDERAN), Tecniche di Registrazione, Milano, Apogeo GAGGIOLO Amedeo, Educazione Musicale e Nuove Tecnologie, Torino, EDT Al fine di acquisire ulteriori materiali di studio ed approfondimento, esercitare abilità telematiche e maturare senso critico nella selezione di materiali di possibile utilizzo didattico, gli Allievi sono invitati a reperire e scegliere sulla rete Internet elementi utili allo studio, al compimento del programma del corso, all elaborazione di unità didattiche/di apprendimento ed alla preparazione dell esame di fine corso, valutandone qualità e proponibilità in un contesto sia di apprendimento personale che di operatività didattica. Prove d esame L esame, come da indicazioni della Direzione, va prenotato presso il docente entro il termine di sette giorni antecedenti la data dello stesso. Gli Allievi hanno facoltà di scegliere il grado di complessità ed impegno del proprio esame, optando di limitarsi alla preparazione di quanto previsto al solo punto 1. o di preparare anche quanto indicato ai punti 2. e 3., tenendo presente che la valutazione finale d esame, oltre che dal grado di preparazione, sarà determinata da tale scelta e che si passerà al punto successivo solo dopo il superamento di quanto previsto al punto precedente.. 1. Conoscenza dei libri di testo indicati e degli argomenti di studio previsti dal programma del corso. 2. Presentazione e discussione di un proprio lavoro di ricerca - operata anche solo per via telematica - su un argomento a scelta tra quelli previsti dal programma o desunto dai testi in adozione. Il lavoro, da consegnare al Docente almeno 15 giorni prima dell esame (come da indicazioni della Direzione), dovrà essere redatto in forma non eccedente le 5 cartelle (corpo 12 - interlinea 1,5 - spaziatura paragrafo 6 ) e dovrà contenere sole argomentazioni personali, escludendo l inserimento di estratti, immagini, stampe di pagine web o quant altro d altrui elaborazione, materiali questi che possono comunque essere allegati, a corredo del proprio lavoro, in aggiunta alle 5 cartelle, ma solo esplicitandone rigorosamente la fonte; possono altresì essere prodotti in allegato propri elaborati notazionali, musicali, ipertestuali, ipermediali o di presentazione. 3. Presentazione e discussione di un lavoro di registrazione o di un unità didattica/di apprendimento (su un argomento a scelta tra quelli previsti dal programma o desunto dai testi in adozione) di propria originale concezione, elaborato chiaramente volto ad un possibile utilizzo didattico. In considerazione della specificità del Corso, l Allieva/o potrà scegliere di presentare un elaborato che prescinda dal diretto impegno degli alunni della scuola di strumento nella fase di registrazione, purché esso abbia valenza operativa - che va argomentata - in un contesto scolastico. L elaborato, da consegnare al Docente almeno 15 giorni prima dell esame (come da indicazioni della Direzione, sarà formulato nei modi che l Allieva/o riterrà più utili ed opportuni per il conseguimento dell obiettivo dichiarato nel lavoro di registrazione, nell unità o nella proposta operativa. N.B.: agli esami è possibile presentare i propri elaborati su un proprio laptop. pag. 2 di 2 Il Docente prof. Renato Colella

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA DOMENICO CIMAROSA - AVELLINO Istituzione di Alta Cultura. Anno Accademico 2008-2009

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA DOMENICO CIMAROSA - AVELLINO Istituzione di Alta Cultura. Anno Accademico 2008-2009 CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA DOMENICO CIMAROSA - AVELLINO Istituzione di Alta Cultura Anno Accademico 2008-2009 Biennio di II Livello per formazione docenti (classi concorso A031/A032 - A077) Programmi

Dettagli

PROGRAMMA CORSO TECNICO DEL SUONO

PROGRAMMA CORSO TECNICO DEL SUONO 1. ACUSTICA Studio di Registrazione - Formazione Professionale Relazioni di Acustica Ambientale - D.P.G.R. Lombardia n.3872/2007 PROGRAMMA CORSO TECNICO DEL SUONO Il suono come fenomeno fisico Emissione

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 MUSICA D INSIEME A CURA DEL RESPONSABILE DELL AMBITO Prof.ssa Gloria Mazzi Prof. Giovanni Lorenzo Cardia L ambito disciplinare MUSICA D INSIEME STABILISCE CHE: ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA LICEO STATALE G. CARDUCCI Via S.Zeno 3-56127 Pisa Scienze Umane, Linguistico, Economico-sociale, Musicale telefono: +39 050 555 122 fax: +39 050 553 014 codice fiscale: 80006190500 codice meccanografico:

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 TECNOLOGIE MUSICALI A CURA DEL RESPONSABILE DELL AMBITO Prof.GLORIA MAZZI L ambito disciplinare TECNOLOGIE MUSICALI STABILISCE CHE: 1. i docenti prevedono un congruo numero di ore per il

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Musica: Scuola Primaria Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Musica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : L alunno esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali,

Dettagli

DISCIPLINA: MUSICA SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE

DISCIPLINA: MUSICA SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA VERIFICA E VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Padroneggia le potenzialità musicali del proprio corpo. 2. Discrimina l alternanza suono silenzio per imitazione. 3. Esegue semplici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO ISTITUTO COMPRENSIVO S. FARINA - SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA SASSOFONO CLASSE SECONDA - COMPETENZE SPECIFICHE DA ACQUISIRE L insegnamento del Sassofono, attraverso una programmata integrazione con

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA CLASSE PRIMA DELLA CLASSE PRIMA Percepisce il paesaggio sonoro in cui vive Usa la voce nelle più svariate forme di espressione

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI DIPARTIMENTO DI MUSICA. Anno scolastico 2014-2015 LICEO MUSICALE

LICEO STATALE TERESA CICERI DIPARTIMENTO DI MUSICA. Anno scolastico 2014-2015 LICEO MUSICALE LICEO MUSICALE DISCIPLINA Tecnologie Musicali CLASSE I COMPETENZE Sapere analizzare sommariamente i brani musicali proposti individuando gli elementi formali (altezza, intensità, timbro e altri aspetti

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III

Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura. Scuola PRIMARIA. Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III Istituto Scolastico Paritario Vincenza Altamura Scuola PRIMARIA Anno scolastico 2015/2016 Progettazione Didattica Disciplinare per la classe III MUSICA Docente: Milena Giannoni Preliminarmente alla presentazione

Dettagli

Il primo anno Il secondo anno

Il primo anno Il secondo anno Cenni Introduttivi Il Tecnico del Suono (o Fonico o Sound Engineer) da mestiere è sempre più professione. Con l avvento del digitale, e il suo normale utilizzo oggi nell ambito del trattamento del suono,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Multimedia Audio Editing. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Multimedia Audio Editing. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Multimedia Audio Editing Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Multimedia Modulo 1 Audio Editing. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del

Dettagli

Guida. dello. Studente

Guida. dello. Studente Guida dello Studente L ACCADEMIA Centro Studi Musicali L Associazione culturale Accademia C.S.M. ha come finalità l insegnamento delle discipline musicali e la diffusione della cultura musicale mediante

Dettagli

PROF. MAURIZIO BORGIONI Prof. Maurizio Borgioni Titolare della Cattedra di LETTURA DELLA PARTITURA presso il Conservatorio di Musica di Perugia Via del Lavoro, 13 06124.Perugia tel. 075/50.036.74-368/43.24.97

Dettagli

PROGRAMMA CORSO TECNOLOGIE AUDIO. Di Gianni Campatelli

PROGRAMMA CORSO TECNOLOGIE AUDIO. Di Gianni Campatelli PROGRAMMA CORSO TECNOLOGIE AUDIO Di Gianni Campatelli CORSO DI TECNOLOGIE AUDIO PER LO SPETTACOLO di Gianni Campatelli 1. Cenni di Fisica 1.1. Composizione della materia 1.2. Fisica del suono 1.3. Propagazione

Dettagli

IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA

IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA IC BOSCO CHIESANUOVA - CURRICOLO UNITARIO SCUOLA PRIMARIA MUSICA Classe Prima COMPETENZE SPECIFICHE ABILITÁ CONOSCENZE E ATTIVITÀ TRAGUARDI DI COMPETENZA L alunno: A. Esplora, discrimina eventi sonori

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE

CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE CRESCERE CON IL RITMO GIUSTO LABORATORIO DI PROPEDEUTICA MUSICALE Docente Responsabile: Prof. Marco Carnevale A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 2 ALBINO BERNARDINI SINISCOLA PROGETTO POTENZIAMENTO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO E TEATRALITA' CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/16

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO E TEATRALITA' CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/16 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Istituto Onnicomprensivo annesso al Convitto Nazionale C. Colombo 16124 Genova Via Dino Bellucci, 4 - tel. 010.2512421 fax 010.2512408 Sede Via Dino Bellucci,

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori, dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte. L alunno esplora diverse

Dettagli

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME

MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME MUSICA SCUOLA PRIMARIA CLASSI PRIME Ascoltare, analizzare e rappresentare fenomeni sonori e linguaggi musicali - Classificare i fenomeni acustici in base ai concetti di silenzio, suono, rumore - Individuare

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 ESECUZIONE ED INTERPRETAZIONE PIANOFORTE 1 A CURA DEL RESPONSABILE DELL AMBITO Prof.ssa Gloria Mazzi L ambito disciplinare ESECUZIONE ED INTERPRETAZIONE (PIANOFORTE,) STABILISCE CHE: 1. i

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docenti Plessi SBRANA-LAMBRUSCHINI-TENUTA Classe III Disciplina MUSICA Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino

Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI LOVERE VIA DIONIGI CASTELLI, 2 - LOVERE Scuola Primaria Statale Falcone e Borsellino PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Le programmazioni didattiche sono state stese in base

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO Progettazione disciplinare di dipartimento Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI DIPARTIMENTO MUSICA classe prima FINALITA OBIETTIVI GENERALI La musica, componente fondamentale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA DE GASPERI. Codice Meccanografico MIIC86100V - C.F. 83010540157 SEDE VIA A. DE GASPERI, 5-20822 SEVESO (MB)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA DE GASPERI. Codice Meccanografico MIIC86100V - C.F. 83010540157 SEDE VIA A. DE GASPERI, 5-20822 SEVESO (MB) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA DE GASPERI Codice Meccanografico MIIC86100V - C.F. 83010540157 SEDE VIA A. DE GASPERI, 5-20822 SEVESO (MB) TEL. 0362/501796 FAX 0362/526989 - E- Mail: MIIC86100V@istruzione.it

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

Conservatorio Statale di Musica Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari. Corso di Formazione sul Linguaggio Musicale

Conservatorio Statale di Musica Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari. Corso di Formazione sul Linguaggio Musicale Conservatorio Statale di Musica Giovanni Pierluigi da Palestrina di Cagliari Scuola di Didattica della Musica e dello Strumento Corso di Formazione sul Linguaggio Musicale A cura della Prof.ssa ALESSANDRA

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA BONPORTI TRENTO Via S. Maria Maddalena 1 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO BIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE

CONSERVATORIO DI MUSICA BONPORTI TRENTO Via S. Maria Maddalena 1 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO BIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE CONSERVATORIO DI MUSICA BONPORTI TRENTO Via S. Maria Maddalena CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO BIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE DISCIPLINE MUSICALI AD INDIRIZZO INTERPRETATIVO-COMPOSITIVO

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza.

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. CLASSE 1^ altri. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. Esprimersi attraverso la musica utilizzando diverse modalità. Cogliere all ascolto gli aspetti espressivi

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2013/2014 ESECUZIONE ED INTERPRETAZIONE PIANOFORTE 2 A CURA DEL RESPONSABILE DELL AMBITO Prof.ssa Gloria Mazzi L ambito disciplinare ESECUZIONE ED INTERPRETAZIONE (PIANOFORTE,) STABILISCE CHE: 1. i

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

INTRODUZIONE E NOZIONI BASE BANCO MIXER E H.D. RECORDING. INTRODUZIONE IL BANCO MIXER - CANALI-GAIN-EQUALIZZATORE-PAN-EFFETTI-SEND/RETURN- INSERT-AUX I GRUPPI. GLI "00"DECIBEL COME PARAMETRO DI REGISTRAZIONE.

Dettagli

MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA - CLASSE PRIMA Discriminare sonorità e ascoltare brani musicali interpretandoli con diversi linguaggi espressivi. L alunno sa esplorare e discriminare eventi sonori. Gestisce possibilità espressive

Dettagli

AREA MUSICA E TECNOLOGIA

AREA MUSICA E TECNOLOGIA 1. PRESENTAZIONE 2. TEAM DI PROGETTO 3. AREE DI INTERVENTO 4. AREA DANZA 4.1 DREAM ON SHOW 2004 4.2 DREAM ON CASTING 2005 4.3 DREAM ON SHOW 2005 4.4 MASTERSTAGE E BORSE DI STUDIO 5. AREA MUSICA E TECNOLOGIA

Dettagli

PREMESSA REGOLAMENTO CORSO DI STRUMENTO MUSICALE

PREMESSA REGOLAMENTO CORSO DI STRUMENTO MUSICALE PREMESSA L insegnamento di uno strumento musicale nella scuola media si colloca all interno di un progetto complessivo di formazione della persona, secondo i principi generali della scuola secondaria di

Dettagli

COMPOSIZIONE PER TEATRO E CINEMA

COMPOSIZIONE PER TEATRO E CINEMA CONSERVATORIO DI MUSICA BONPORTI TRENTO Via S. Maria Maddalena CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI SECONDO LIVELLO BIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE COMPOSIZIONE PER TEATRO E CINEMA PIANO DEGLI STUDI biennio_compos_teatro_cinema.rtf

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

SAFFIRE 6 USB. Tel. 0717211340 - Fax 0717211349 - info@grisby.it - www.grisbymusic.it

SAFFIRE 6 USB. Tel. 0717211340 - Fax 0717211349 - info@grisby.it - www.grisbymusic.it SAFFIRE 6 USB La Focusrite Saffire 6 USB è l ultima delle interfacce audio Focusrite di nuova generazione, ad oggi la meno costosa e con un suono che risulta il migliore nella sua categoria. Venticinque

Dettagli

BIENNIO. Per i corsi di FONICO SOUND DESIGNER hai tre opzioni:

BIENNIO. Per i corsi di FONICO SOUND DESIGNER hai tre opzioni: CORSI DI FONICO Per i corsi di FONICO SOUND DESIGNER hai tre opzioni: BIENNIO: per chi inizia ANNO UNICO: per chi ha già esperienza ANNO UNICO FULL : per chi vuole concludere l'anno unico in 5 mesi 1 ANNO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MUSICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in riferimento alla loro fonte. Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumentali musicali, imparando

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA - MUSICA (Classe 1ª) Ascoltare in modo consapevole eventi sonori e brani musicali. Produrre e rappresentare eventi sonori con la voce, il corpo, strumenti musicali e tecnologici. Individuare

Dettagli

Progetto MUS.E (MUSica per l Eccellenza)

Progetto MUS.E (MUSica per l Eccellenza) Progetto MUS.E (MUSica per l Eccellenza) Euterpe musa della musica Prot. n. 3778/A 22b 08.07.2015 1 Il progetto di educazione musicale e pratica strumentale-corale, attuato dall Istituto prevede un percorso

Dettagli

DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI II LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI

DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI II LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI II LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI INDIRIZZO INTERPRETATIVO-COMPOSITIVO (Decreto M.I.U.R. dell 8 gennaio 2004 Autorizzazione A.F.A.M. prot. 4114 del 9 Settembre 2004)

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

CLASSE 32/A - EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA. Ambito Disciplinare 3. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

CLASSE 32/A - EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA. Ambito Disciplinare 3. Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 32/A - EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA Ambito Disciplinare 3 Programma d'esame CLASSE 31/A - EDUCAZIONE MUSICALE NEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI SECONDO GRADO CLASSE 32/A - EDUCAZIONE

Dettagli

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica Prodotti Progetto e prototipo di scultura dinamica 1 A - Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle

Dettagli

Italiano a classi aperte

Italiano a classi aperte Italiano a classi aperte Liberare molte energie creative Favorire il successo formativo degli alunni Combattere l individualismo Favorire la socializzazione Sperimentare modalità di tutoring nel gruppo

Dettagli

! Un percorso per insegnanti ed educatori della scuola d'infanzia e primaria.!

! Un percorso per insegnanti ed educatori della scuola d'infanzia e primaria.! Sentire il corpo, capire la musica Un percorso per insegnanti ed educatori della scuola d'infanzia e primaria. Realizzato dall'associazione Italiana Jaques-Dalcroze Corso di formazione per docenti riconosciuto

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2014/ 2015 I.P.I.A. G. PLANA

PIANO di LAVORO A. S. 2014/ 2015 I.P.I.A. G. PLANA Nome docente Vessecchia Laura Materia insegnata T.I.C. Classe I A/B Manutenzione Ore complessive di insegnamento 2 ore sett. ( tot. 66) Clippy extra - Corso di informatica per il primo biennio - Vol.1

Dettagli

SCUOLA DI MUSICA ELETTRONICA

SCUOLA DI MUSICA ELETTRONICA DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI MUSICA ELETTRONICA DCPL 34 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN MUSICA ELETTRONICA Indirizzo regia del suono Obiettivi formativi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MUSICA a.s. 2010-2011

ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MUSICA a.s. 2010-2011 ISTITUTO COMPRENSIVO DI LOGRATO SCUOLA SECONDARA DI PRIMO GRADO G. CERUTI Docente : DE LUCIA ANTONIETTA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MUSICA a.s. 2010-2011 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO E SPECIFICI (CONOSCENZE

Dettagli

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare MUSICA COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno : Osserva, esplora, descrive

Dettagli

SCUOLA DI COMPOSIZIONE

SCUOLA DI COMPOSIZIONE DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE DCSL1 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI SECONDO LIVELLO IN COMPOSIZIONE Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI METODOLOGIE E STRATEGIE

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE

DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE Approvato con DDG 169/013 DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI COMPOSIZIONE DCPL15 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO IN COMPOSIZIONE OBIETTIVI FORMATIVI Al

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 1 VILLAREALE Sede: Piazza Matteotti, 1 85024 LAVELLO (PZ) - Tel. e Fax: 0972 88143 Programmazione annuale per l insegnamento di strumento musicale Corso di Sassofono Disciplina:

Dettagli

Materia: Musica Interventi degli insegnanti di Lettere, Arte, Tecnologia e della Funzione Strumentale per le NT.

Materia: Musica Interventi degli insegnanti di Lettere, Arte, Tecnologia e della Funzione Strumentale per le NT. COMPORRE CON I BIT LABORATORIO DI COMPOSIZIONE MUSICALE Scuola Insegnanti coinvolti Classe Abstract Istituto comprensivo G.Rodari Via Stazione 12/A 36028 Rossano Veneto (VI) Tel: 0424540082 Sito web: http://www.rodari

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 24/03/2015 - LE ZI ON E 5 1. INTRODUZIONE AGLI AMBIENTI MULTITRACCIA In linea di massima

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente

Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Sceneggiare un unità di lavoro LIM centrata sullo studente Titolo UN VIAGGIO DI..ISTRUZIONE Argomento Attività didattica interdisciplinare preliminare al Viaggio d Istruzione a Roma: posizione geografica,

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3^ ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

SCUOLA DI MUSICA CORALE E DIREZIONE DI CORO

SCUOLA DI MUSICA CORALE E DIREZIONE DI CORO DIPARTIMENTO DI TEORIA E ANALISI, COMPOSIZIONE E DIREZIONE SCUOLA DI MUSICA CORALE E DIREZIONE DI CORO DCSL33 CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI SECONDO LIVELLO IN DIREZIONE DI CORO E COMPOSIZIONE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Primaria - Musica - Classe Prima COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Profilo dello studente al termine del Primo ciclo

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare.

AUTORIZZAZIONE DELLA SUITE DI PLUG IN SAFFIRE VST/AU Dovrete autorizzare la vostra suite di plug-in Saffire, prima di poterla utilizzare. GUIDA VELOCE INTRODUZIONE Questa Guida è stata scritta per offrirvi le informazioni necessarie per iniziare ad utilizzare Saffire LE, installare il software fornito, autorizzare la suite di plug-in VST/AU

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF)

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto Il Progetto, denominato Educare con l arte, si articola in due Sezioni :

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE 5AM QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE CLASSE 5AM QUINTO ANNO MATERIA INSEGNANTE TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO Melocco Efrem Mattiuzzi Erminio ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE CLASSE 5AM QUINTO ANNO PRESENTAZIONE DELLA CLASSE A cura del

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Curricolo verticale di Musica scuola primaria

Curricolo verticale di Musica scuola primaria Curricolo verticale di Musica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (1) L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA AL. 2.1.2

MANUALE DELLA QUALITA SCHEDA DI PROGETTAZIONE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE EDUCATIVE PER DISCIPLINA AL. 2.1.2 Pag 1 di 7 MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO I.I.S. Crocetti - Cerulli - Giulianova SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE

Dettagli

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA

CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale CONSERVATORIO STATALE DI MUSICA BRUNO MADERNA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI CORSO PREACCADEMICO PROGRAMMA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ANDREA FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace, 17 40010 Sala Bolognese (BO) Tel. 051-6821302 Fax 051-6822294

ISTITUTO COMPRENSIVO ANDREA FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace, 17 40010 Sala Bolognese (BO) Tel. 051-6821302 Fax 051-6822294 M. P. I. U. S. R. E M I L I A R O M A G N A U. S. P. B O L O G N A ISTITUTO COMPRENSIVO ANDREA FERRI SALA BOLOGNESE Via della Pace, 17 40010 Sala Bolognese (BO) Tel. 051-6821302 Fax 051-6822294 C.F. 91201290375

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

CORSO DI POST-PRODUZIONE AUDIO E SOUND DESIGN PROGRAMMA 2014/2015

CORSO DI POST-PRODUZIONE AUDIO E SOUND DESIGN PROGRAMMA 2014/2015 CORSO DI POST-PRODUZIONE AUDIO E SOUND DESIGN PROGRAMMA 2014/2015 MODULO 1 FONDAMENTI DI AUDIO E PROCESSORI DI SEGNALE Acustica di base Digitalizzazione Cavi e cablaggi Microfoni e speaker Preamplificatori

Dettagli

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale

Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale Corso di aggiornamento sul metodo di propedeutica musicale L ora di Musica Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il corso è indirizzato a musicisti, insegnanti di educazione musicale nella scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE : TECNOLOGIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE : TECNOLOGIA Scuola Media Statale "Nievo-Matteotti" - Torino PIANO DI LAVORO ANNUALE : TECNOLOGIA FINALITA DELLA DISCIPLINA Compito della Tecnologia è di far comprendere agli allievi con quali mezzi e con quali tecniche

Dettagli