Contributo di. GenovaBeneComune Levante e Medio Levante

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contributo di. GenovaBeneComune Levante e Medio Levante"

Transcript

1 Contributo di GenovaBeneComune Levante e Medio Levante al Gli obiettivi del progetto Il Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale, costituito dal Municipio IX Levante, delibera n.27 del 5 novembre 2012 ha, come obiettivo generale, la valorizzazione è la tutela del.litorale individuato dagli otto ambiti territoriali indicati nel PRO.u.d.,(progetto utilizzo demanio) Il territorio è caratterizzato prevalentemente da una costa di alto valore paesaggistico ed ambientale in un area fortemente antropizzata. Si ritiene strategico il coinvolgimento del Municipio 8 Medio Levante, al fine di determinare delle linee guida comuni. Per condividere, responsabilizzare e coinvolgere la comunità nei processi decisionali, i cittadini sono stati invitati a diventare parte attiva nell individuare proposte capaci di tutelare e valorizzare le risorse economiche sociali ambientali di questa parte importante del territorio Comunale Organizzazione del lavoro Il percorso partecipativo si avvale del sostegno logistico e organizzativo del Municipio 9 levante..rapportandosi in primo luogo con al Divisione Territoriale ed i competenti Uffici Comunalistabilendo rapporti con gli altri Enti e/o uffici pubblici a vario titolo competenti sul litorale. Il Gruppo di lavoro si articola in sedute plenarie e Gruppi di Progetto per approfondire problematiche territoriali specifiche.(borghi storici marinari, piani di bacino, mobilità, infrastrutture ecc.) Per favorire scelte consapevoli si predisporranno incontri di approfondimento con gli Amministratori, i tecnici del Comune e della Provincia di Genova, e specialisti del settore ecc. Particolare cura sarà dedicata agli incontri con i rappresentanti delle associazioni territoriali di volontariato e con i cittadini che saranno adeguatamente preparate con volantini, locandine, e altri mezzi. Al fine di favorire la partecipazione attiva dei cittadini si prevedono delle passeggiate di quartiere organizzate per ambito territoriale volte a comporre una prima mappatura di tutto il litorale. Il Gruppo di lavoro si riunirà una volta al mese in seduta plenaria, altri incontri verranno programmati in base alle esigenze di volta in volta riscontrate. Tutte le riunioni sono aperte ai cittadini. Metodologia Il Municipio, in base al regolamento, ha attivato il Gruppo di lavoro temporaneo, per facilitare la realizzazione, di iniziative e la definizione di strategie atte a garantire la difesa del litorale, la valorizzazione dell ambiente e la nascita di attività economiche ecocompatibili. Altro obiettivo è quello di definire i criteri per l identificazione di priorità in materia gestione, manutenzione, e rilascio di concessioni. Il Gruppo di lavoro, si pone l obiettivo di adottare i metodi dell urbanistica partecipata, che garantiscono il più alto livello di inclusione e partecipazione democratica. E nello specifico attivare tutte le azioni affinché la comunità locale sia sensibilizzata e possa rafforzare il proprio senso di responsabilità e d appartenenza verso il territorio. Particolare attenzione sarà rivolta all inclusione di figure «deboli» e di soggetti non organizzati, portatori di esigenze diffuse e di interessi non capaci di rendersi visibili. GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 1

2 Il PUC ha individuato i: Criteri guida di orientamento per la riqualificazione del parco litoraneo della città Definire il grado di valore paesaggistico del litorale Garantire la visibilità pubblica del mare dai percorsi pubblici Assicurare la fruibilità pedonale della battigia Confermare l'utilizzo balneare e per il tempo libero della costa, riconoscendo alle attività svolte un'importante funzione sociale e di aggregazione per le diverse fasce di età Definire criteri guida di orientamento alla progettazione degli interventi, coinvolgendo tutti i soggetti gli obiettivi generali dell'azione di riqualificazione del litorale del levante sono stati così selezionati: 1. la spiaggia urbana/ piazza pubblica sul mare, quale spazio flessibile per eventi e belvedere sul mare; 2. l'estensione delle passeggiate a mare, come avvicinamento della città al mare, mediante percorsi paralleli alla costa caratterizzati da successivi traguardi visivi sul paesaggio marittimo; 3. terrazzamenti e giardini, costituiti da nuovi spazi verdi e percorsi pedonali; 4. discesa al mare, quale modo per aprire la città al mare attraverso nuovi percorsi di accesso alla battigia; 5. percorribilità della battigia, da realizzare attraverso il collegamento della linea di costa e dei percorsi pedonali di accesso al mare; 6. percorsi pedonali perpendicolari al mare, mediante la valorizzazione dei percorsi storici esistenti di accesso al mare; 7. visuali libere, da ottenere mediante la riduzione delle costruzioni che impediscono la vista del mare; 8. barriere vegetali, in sostituzione del costruito e sfruttando i dislivelli naturali; 9. composizione delle funzioni ammesse, in modo da introdurre nuove opportunità di fruizione della costa in grado di superare la stagionalità estiva. GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 2

3 Che cos è un percorso di urbanistica partecipata, come si caratterizza, strumenti. la finalità è quella di favorire la formulazione di nuove idee attraverso la discussione e la creazione di una conoscenza collettiva condivisa. Pertanto la partecipazione non si deve, né si può, ridurre alla difesa di interessi di parte o alla ricerca, strumentale e demagogica del consenso su scelte già definite. Mettere i partecipanti intorno ad un tavolo, farli esprimere per raccoglierne i bisogni, non equivale ad un progetto partecipato. il coinvolgimento dei cittadini in forme di democrazia partecipata non sostituisce ma integra le scelte istituzionali; In Italia, la Costituzione riconosce un preciso contenuto valoriale e normativo al principio di partecipazione, in connessione con quello di eguaglianza sostanziale (art. 3, co. 2 della Carta Costituzionale). la partecipazione ha come fine l ampliamento della capacità di tutti di condividere delle scelte. Accresce la credibilità delle istituzioni. Può prevenire forme di pressione, non trasparenti, sui decisori per promuovere interessi di parte o di corporazione. la partecipazione valorizza il «capitale sociale» della comunità. camminata o passeggiata di quartiere: è una metodologia utilizzata nei processi di progettazione partecipata nei paesi anglosassoni. consiste nell andare fuori a incontrare gruppi di interesse locali e singole persone, nel proprio ambiente, per conoscere e discutere i vari punti di vista sulle criticità e opportunità presenti sul territorio e per ascoltare i loro suggerimenti. permette di coinvolgere soggetti che altre pratiche non consentono di coinvolgere. valorizza e riconoscere le competenze degli abitanti riguardo al proprio ambiente di vita: conoscenza ordinaria, non professionale e non tecnica, ma che deriva dal fatto che essi quotidianamente vivono quel territorio, ne fruiscono in socialità. La percezione che un abitante ha del proprio quartiere, in quanto ambiente di vita, è fondamentale, è quello il posto dove abita, lavora e si relaziona è dunque un tipo di conoscenza di cui non si può fare a meno in un processo di trasformazione territoriale, perché è una conoscenza che il professionista non può possedere. GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 3

4 risponde ai requisiti della pianificazione democratica : le trasformazioni urbanistiche non possono essere solo affidate ai tecnici e professionisti; Il processo decisionale non è concentrato al centro; la pianificazione territoriale deve essere comunicata con un linguaggio non specialistico; molte persone sono coinvolte direttamente nel processo decisionale, specialmente quelle che rappresentano un interesse per il futuro del quartiere. Fasi e tempi - proposta fasi periodo attività 1 tappa febbraio Comunicazione/informazione: -creare un Google Group -attivare il servizio Dropbox per la condivisione di documenti pesanti -censire tutte le realtà presenti sul litorale: Ass.Concess. ecc. incontri da programmare -Ufficio tutela del paesaggio - Marina Caviglione PUC, PRO.u.d., SOI ecc -Ufficio Demanio: concessioni, rinnovo dei criteri di assegnazione -Riunione congiunta Municipi 8 e 9, modalità da definire 2 tappa marzo 1 camminata di quartiere ambito 9 Vernazzola - Gaslini 2 camminata di quartiere ambito 10 Quarto-dei Mille 11 Quarto-Priaruggia Riunione Plenaria 3 tappa aprile 3 camminata di quartiere ambito 12 Bagni Europa-Quartara 13 Quarto-Frati 4 camminata di quartiere ambito 14 Depur.Quinto-Bagnara Riunione Plenaria 4 tappa maggio 5 camminata di quartiere ambito 15 Quinto Port.Nervi 6 camminata di quartiere ambito 16 Passeggiata Nervi 5 tappa giugno Riunione Plenaria Riunione Plenaria Organizzazione Camminata di Quartiere prima Prendere contatto e attivare i portatori di interessi collettivi Distribuire materiale informativo sull iniziativa, comunicando motivi e orari; volantini, locandine, ecc. Fare interviste durante dopo Rendere evidente la presenza sul campo attraverso un gazebo attrezzato con pannelli esplicativi e materiale informativo Somministrare un questionario Produrre una documentazione fotografica Sintetizzare in un breve report l esito della camminata Inviare a tutti i soggetti anche a coloro che non possono/vogliono partecipare ma che possono esser interessati Restituire la sintesi della riunione plenaria GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 4

5 SCHEDE D AMBITO E OSSERVAZIONI PRO.U.D. ELABORATE DEL GRUPPO DI LAVORO SUL LITORALE SCHEDA d Ambito n. 9 Vernazzola - Gaslini CARATTERISTICHE GENERALI Profondità media ml 20 Lunghezza fronte mare ml 1015 Litorale balneabile ml 670 Litorale balneabile libero ml 430 Scogliera naturale ml 120 Scogliera artificiale ml 225 Concessioni presenti Tip. delle conc.ni Stabilimento balneare n 6 Associazione e società sportiva n 12 Attività commerciale n 1 Magazzino n - Interesse pubblico n 2 Colonia marina n 1 Attività diverse n 5 Descrizione: Tratto di litorale che si estende dalla baia di Vernazzola fino al promontorio a levante del complesso ospedaliero "Gaslini". Il Litorale è caratterizzato dalla presenza di un susseguirsi di stabilimenti balneari e società sportive. La continuità del tratto costiero è interrotta a ponente dalla presenza del depuratore Comunale di Sturla e verso levante da scogliera naturale che degrada verso il mare. La presenza di arenile balneabile è abbastanza diffusa, in particolare nel tratto centrale e di ponente della zona d'ambito, e garantisce in modo discretamente continuo la possibilità di transitabilità della battigia. I manufatti presenti sono generalmente costituiti da strutture di difficile rimozione, in gran parte inseriti tra i beni di pertinenza dello Stato. Fatta eccezione per l'area alla foce del torrente Sturla, che presenta una discreta profondità di spiaggia, il restante tratto di litorale risulta compresso tra il mare ed il nastro stradale a monte della dividente demaniale. VINCOLI - PIANIFICAZIONE DI RIFERIMENTO Vincolo paesaggistico D.Lgs. N.42/2004 si Corsi d'acqua si Rio Vernazza, Torrente Sturla Riferimenti di pianificazione si Ambito soggetto a progettazione di riqualificazione unitaria per il quale valgono le indicazioni proposte sugli elaborati di Studio Organico di Insieme "Progetto partecipato-sperimentale per il miglioramento della viabilità di Boccadasse" del fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante PROBLEMATICHE Zone di litorale limitrofe al Depuratore e al torrente Sturla sono permanentemente interdette alla balneazione. PREVISIONI PRO.U.D. Aree in concessione: nessuna nuova concessione. Sostanziale conferma delle attività e degli spazi in concessione già presenti. I nuovi interventi sugli spazi e manufatti in concessione dovranno essere incentrati sulla conservazione dei valori paesaggistici e prevedere la sostituzione dei materiali incompatibili con elementi e materiali prescritti dai criteri di orientamento. Progetto di riodino delle zone di spiaggia utilizzate per la sosta imbarcazioni in località Vernazzola. Riqualificazione degli spazi a copertura del depurature di Sturla da progettarsi sulla scorta della indicazioni dello Studio Organico di Insieme "Progetto partecipato sperimentale per il miglioramento della viabilità di Boccadasse" consultabili nel fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante. La previsione di riqualificazione della copertura del depuratore potrà essere attuata da soggetti pubblici e privati secondo le modalità stabilite dal Cod. Nav. e, nella seconda ipotesi, attraverso l'indizione di bandi ad evidenza pubblica Non vengono riconfermate le concessioni per usi non compatibili con le attività balneari. Prevista, dal piano regolatore comunale, la trasformazione in parcheggio pubblico dell'area attualmente interessata dalla concessione demaniale angolo Via dei Mille - Via del Tritone. Litorale balneabile: Nessuna nuova concessione. Progressiva eliminazione dei materiali incompatibili. Le spiagge devono essere mantenute libere da strutture anche rimovibili quali cabine ed ombrelloni. Accessi pubblici: Conferma e adeguamento normativo degli accessi esistenti. Osservazioni PRO.U.D - Incremento posti auto disabili. - Richiesta spiaggia attrezzata per cani foce torrente Sturla. GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 5

6 - Demolizione strutture ed infrastrutture costruite sull alveo del Torrente Sturla adeguamento ai piani di bacino. - Riqualificazione funzionale ed adeguamento tecnologico dei manufatti sul mare dalla foce dello Sturla alla sportiva Sturla, dalla Sportiva Sturla al Monumento di Quarto. - salvaguardia creuza via Pietro Chiesa tra Ospedale Gaslini e via Carrara. - riqualificazione e completamento del percorso pedonale da Boccadasse a Sturla. - Opere di protezione macchi della corona del depuratore Sturla e costruzione di un pennello verso ponente per la protezione del litorale dalle mareggiate di libeccio (sud ovest) e del deflusso dello Sturla nei momenti di piena. - Accesso lato est Depuratore (concessione Gozzi). - Riqualificazione appropriate dell area del Depuratore. - Accesso Gaslini (estensione ascensore ed uso spiaggia attrezzata a tutti i disabili). - Riduzione barriere visive. - Proporre un area per realizzare un parcheggio di interscambio per il borgo di Sturla a mare (considerata la concentrazione di 19 punti di ristoro) nell area del demanio militare delle caserme. GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 6

7 SCHEDA d Ambito n. 10 Profondità media ml 18 Lunghezza fronte mare ml 529 Litorale balneabile ml 529 Litorale balneabile libero ml 241 Scogliera naturale ml 0 Scogliera artificiale ml 0 Concessioni presenti - Tipologia delle concessioni Stabilimento balneare n 2 Associazione e società sportiva n 2 Attività commerciale n 1 Magazzino n - Interesse pubblico n 1 Attività legate alla pesca n - Attività diverse n - CARATTERISTICHE GENERALI Quarto dei Mille Questa porzione del litorale è caratterizzata dalla presenza di un'unica spiaggia che si colloca nell'ansa delimitata a ponente da un tratto di scogliera disomogenea, stretta tra le arcate di sostegno alla viabilità cittadina ed il mare, a levante dal promontorio con forte valenza storico/commemorativa conosciuto come Scoglio dei Mille, e a monte dal nastro stradale della viabilità urbana. Nel complesso l'ambito di Quarto dei Mille costituisce una emergenza ambientale e paesistica di eccezionale valore. Il monumento dei Mille è stato recentemente restaurato. L'intervento, che ha riguardato una risistemazione generale dell'area, ha consolidato la vocazione a sito di interesse pubblico. VINCOLI - PIANIFICAZIONE DI RIFERIMENTO Vincolo paesaggistico D.Lgs. N.42/2004 si Corsi d'acqua no Riferimenti di pianificazione si Ambito soggetto a progettazione di riqualificazione unitaria per il quale valgono le indicazioni proposte sugli elaborati di Studio Organico di Insieme "Progetto partecipato-sperimentale per il miglioramento della viabilità di Boccadasse" del fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante PROBLEMATICHE Fragilità dei fronti rocciosi a sostegno della viabilità comunale. PREVISIONI PRO.U.D. Aree in concessione: nessuna nuova concessione. Prevista la realizzazione di nuova accessibilità idonea alla fruizione di persone disabili, mediante la riduzione degli spazi in uso allo stabilimento balneare ubicato nel tratto levante della zona d'ambito. Sostanziale conferma delle attività e degli spazi in concessione già presenti. I nuovi interventi sugli spazi e manufatti in concessione dovranno essere incentrati sulla conservazione dei valori paesaggistici e prevedere la sostituzione dei materiali incompatibili con elementi e materiali prescritti dai criteri di orientamento. Litorale balneabile: nessuna nuova concessione. Progressiva eliminazione dei materiali incompatibili. Le spiagge devono essere mantenute libere da strutture anche rimovibili. Accessi pubblici: Conferma e adeguamento normativo degli accessi esistenti. Previsione di realizzazione di nuova accessibilità da parte di soggetti disabili che potrà interessare zone attualmente oggetto di c.d.m. con conseguente revisione dei confini Percorribilità della battigia: Il tratto di litorale presenta ostacoli naturali alla continua percorribilità della battigia. L'attuale elemento di discontinuità presente a confine tra l'area libera del monumento e l'area per attività balneari del tratto di levante deve essere superato con intervento da porsi a carico del concessionario. Osservazioni PRO.U.D - Richiesta di utilizzo spiaggia libera lato ponente Monumento. - Collegamento pedonale sul mare fra lo Stelo di Quarto e il Monumento di Quarto. - Riqualificazione delle arcate Stele scoglio Quarto e studio dell area circostante, rendendo questo spazio fruibile e integrabile nella percentuale del conteggio delle spiagge libere. - zona Monumento Quarto dei Mille bonifica ambientale del promontorio antistante il monumento e vincolo ad uso pubblico dell area di grande memoria storica e vincoli di non edificabilità. - potenziamento parcheggio di interscambio in piazza Sivelli (stazione Quarto), con ripristino del capolinea del creazione nuova spiaggia con ripascimento presso l area del Monumento di Quarto. - Accesso sito Monumento ai disabili. GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 7

8 SCHEDA d Ambito n. 11 Profondità media ml 15 Lunghezza fronte mare ml 350 Litorale balneabile ml 213 Litorale balneabile libero ml 213 Scogliera naturale ml 137 Scogliera artificiale ml 0 Concessioni presenti - Tipologia delle concessioni Stabilimento balneare n 1 Associazione e società sportiva n 3 Attività commerciale n 2 Magazzino n 8 Interesse pubblico n 1 Attività legate alla pesca n - Attività diverse n CARATTERISTICHE GENERALI Quarto Priaruggia Ambito del litorale individuato come Baia di Priaruggia. E' costituito dall'arco costiero che termina con il promontorio di capo San Rocco. La baia di Priaruggia è posta alla foce dell'omonimo rio, ha una buona profondità ed è prevalentemente interessata dalla sosta di piccole imbarcazioni. Proteggono la baia dall'azione del mare due pennelli artificiali che ne inquadrano l'imboccatura. Il tratto di ponente è sostanzialmente costituito da scogliera degradante verso il mare stretta dalla viabilità cittadina. A levante è presente, a ridosso del pennello artificiale, un modesto tratto di spiaggia separata dalla viabilità urbana da un distacco a verde con vegetazione di tipo spontaneo. Il promontorio di Capo San Rocco è costituito da un tratto di scogliera naturale che termina in quota con la strada veicolare. Sono presenti edifici architettonicamente disomogenei con caratteristiche di difficile rimozione. VINCOLI - PIANIFICAZIONE DI RIFERIMENTO Vincolo paesaggistico D.Lgs. N.42/2004 si Corsi d'acqua si Rio Priaruggia Riferimenti di pianificazione si Ambito soggetto a progettazione di riqualificazione unitaria per il quale valgono le indicazioni proposte sugli elaborati di Studio Organico di Insieme "Progetto partecipato-sperimentale per il miglioramento della viabilità di Boccadasse" del fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante PROBLEMATICHE 1. Pennello artificiale di ponente danneggiato dalle mareggiate; 2. La piccola spiaggia libera nel tratto di ponente, accessibile attraverso lo stabilimento balneare limitrofo, è attualmente interdetta all'uso pubblico a causa del distacco di materiale dal fronte roccioso a sostegno della viabilità cittadina. PREVISIONI PRO.U.D. Aree in concessione: nessuna nuova concessione. Sostanziale conferma delle attività e degli spazi in concessione già presenti. I nuovi interventi sugli spazi e manufatti in concessione dovranno essere improntati ad una riconversione dei manufatti edilizi, connotata da una maggiore qualità architettonica ricorrendo all'utilizzo di materiali congrui. Nella zona indicata con la lettera f è possibile il rilascio di concessione per spiaggia libera attrezzata che preveda un progetto di riordino complessivo, la realizzazione di una nuova possibilità di accesso da Capo San Rocco e, nei limiti delle oggettive possibilità di utilizzo, la realizzazione di uno spazio pubblico attrezzato (belvedere, verde, aree di sosta,...) sull'area naturale del promontorio roccioso. Litorale balneabile: possibilità di realizzazione di spiaggia libera attrezzata mediante il riordino e la riqualificazione di Capo San Rocco. Progressiva eliminazione dei materiali incompatibili. Le spiagge devono essere mantenute libere da strutture anche rimovibili quali cabine ed ombrelloni. Accessi pubblici: Conferma e adeguamento normativo degli accessi esistenti. Realizzazione in prossimità del promontorio di Capo San Rocco di un nuovo accesso pubblico alla spiaggia nell'ambito di un progetto di Percorribilità della battigia: I tratti balneabili risultano percorribili con continuità riqualificazione complessivo. Osservazioni PRO.U.D - Potenziamento pennello di protezione da libeccio della spiaggia di Priaruggia. - Si propone la realizzazione di una piattaforma in legno adeguata al contesto storico e naturale del sito, sopraelevata sopra le sponde del rio Priaruggia nel rispetto del piano di Bacino del rio stesso come già concessa alla foce del rio S.Pietro a Bagnara. Tale richiesta è conseguente alla prevista riduzione dello spazio posizionamento barche previsto dal Proud per l ampliamento della spiaggia pubblica. riorganizzazione e riqualificazione della spiaggia e dei servizi connessi al fine di renderla agibile a tutti i cittadini, in particolare per il lato levante - realizzazione passeggiata eco-compatibile con relativi accessi a tutti i cittadini e che colleghi la spiaggia di Priaruggia al capo S.Rocco. - Accesso spiaggia Priaruggia ai disabili con servizi adeguati GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 8

9 SCHEDA d Ambito n. 12 Profondità media ml 25 Lunghezza fronte mare ml 432 Litorale balneabile ml 432 Litorale balneabile libero ml 145 Scogliera naturale ml 0 Scogliera artificiale ml 0 Concessioni presenti Tip.delle conces. Stabilimento balneare n 2 Associazione e società sportiva n 2 Attività commerciale n 1 Attività diverse n 1 CARATTERISTICHE GENERALI Bagni Europa - Quartara Ambito costituito da due insenature caratterizzate dalla cornice a monte dell'attuale viabilità pubblica. I tratti di spiaggia presentano una discreta profondità media e sono attualmente interamente occupati da due stabilimenti balneari. Il complesso degli stabilimenti è caratterizzato da strutture in c.a. poste a ridosso del muro di sostegno della strada pubblica e contengono, oltre alle funzioni prettamente di servizio, anche le cabine. L'elemento qualificante per il paesaggio costiero è rappresentato dalla cornicie di ville e palazzine contornate da vegetazione di pregio. VINCOLI - PIANIFICAZIONE DI RIFERIMENTO Vincolo paesaggistico D.Lgs. N.42/2004 si Corsi d'acqua si Rio Castagna Riferimenti di pianificazione si Ambito soggetto a progettazione di riqualificazione unitaria per il quale valgono le indicazioni proposte sugli elaborati delle linee guida del fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante PROBLEMATICHE PREVISIONI PRO.U.D. Aree in concessione: nessuna nuova concessione. Sostanziale conferma delle attività e degli spazi in concessione già presenti. I nuovi interventi sugli spazi e sulle strutture in concessione dovranno essere improntati ad una riconversione dei manufatti edilizi, connotata da una maggiore qualità architettonica ricorrendo all'utilizzo di materiali congrui. Riordino delle aree in concessione mediante: a) la predisposizione di progetti atti a ridefinire l'utilizzo degli spazi che devono essere strettamente connessi alle attività di balneazione; b) la progressiva sostituzione degli elementi in cls con materiali compatibili con l'ambiente costiero e comunque conformi alle indicazioni degli strumenti Regionali; c) la sostituzione rimozione degli elementi non compatibili posti a confine tra le concessioni con quanto indicato dalle norme tecniche del presente progetto, finalizzati a garantire, in particolare, la transitabilità lungo il litorale ; d) l'arretramento della tombinatura alla foce del rio Castagna. Litorale balneabile: nessuna nuova concessione. Progressiva eliminazione degli elementi di interruzione della continuità del profilo litoraneo e dei materiali presenti ed incompatibili. Le aree comprese tra la linea a tratteggio rosso e la linea di battigia dovranno essere lasciate libere da qualsivoglia struttura anche di facile rimozione; sulle stesse potranno essere unicamente posizionati ombrelloni e lettini di supporto alla balneazione. L'area compresa tra la linea a tratteggio rossa e la linea a tratteggio di colore blu potrà essere occupata unicamente durante la stagione balneare da attrezzature di tipo smontabile, piscine, campi e giochi per bambini; i manufatti già presenti in questa fascia potranno essere oggetto unicamente di manutenzione ordinaria. L'area compresa tra la linea a tratteggio blu e la linea di dividente demaniale è già allo stato attuale occupata dall'edificato degli stabilimenti balneari: in tale fascia d'ambito è possibile attuare interventi di edificazione per riordino e ristrutturazione. Percorribilità della battigia: Il tratti di litorale dell'ambito sono percorribili. In particolare si prescrive l'arretramento della tombinatura alla foce del rio Castagna nei limiti indicativamente evidenziati in cartografia. Osservazioni PRO.U.D - smantellamento cabine Doria che impediscono accesso alla spiaggia - smontaggio manufatto Società Pegaso (dopo averne verificato l attività) - percorribilità della battigia con continuità - Rendere accessibili le spiagge degli stabilimenti Europa e Doria durante il periodo invernale - Bagni Doria Albicocca - Bai (cala dei Montani) - rivedere i volumi dei locali pubblici con particolar riguardo all uso di materiali eco-compatibili - Salvaguardia cannocchiale visivo e corridoio verde Villa Quartara e Rio Castagna - Accesso disabili con libero transito presso Ristorante Bai - rinaturalizzazione del Rio Castagna - GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 9

10 SCHEDA d Ambito n. 13 Profondità media ml 15 Lunghezza fronte mare ml 363 Litorale balneabile ml 219 Litorale balneabile libero ml 76 Scogliera naturale ml 143 Scogliera artificiale ml 0 Concessioni presenti - Tipologia delle concessioni Stabilimento balneare n 1 Associazione e società sportiva n 2 Attività commerciale n - Magazzino n - Interesse pubblico n - Attività legate alla pesca n - Attività diverse n - CARATTERISTICHE GENERALI Quarto Frati Ambito costiero compreso tra il promontorio a levante dei giardini S. Bolivar e il depuratore di Quinto. Il tratto di ponente è caratterizzato da scogliera naturale stretta tra il mare e la viabilità cittadina. L'insenatura compresa tra la scogliera naturale e il depuratore è protetta a mare da due pennelli. Questo tratto è prevalentemente occupato da uno stabilimento balneare. Il complesso dello stabilimento è caratterizzato da strutture in c.a., poste a ridosso del muro di sostegno della strada pubblica, che contengono, oltre alle funzioni prettamente di servizio, anche le cabine. L'elemento qualificante per il paesaggio costiero è rappresentato dalla cornicie di ville e palazzine contornate da vegetazione di pregio. La copertura del depuratore è stata recentemente oggetto di risistemazione a giardino pubblico. L'area occupata dallo stabilimento balneare 7NASI è interessato da un progetto approvato di riqualificazione. VINCOLI - PIANIFICAZIONE DI RIFERIMENTO Vincolo paesaggistico D.Lgs. N.42/2004 si Corsi d'acqua no Riferimenti di pianificazione si Ambito soggetto a progettazione di riqualificazione unitaria per il quale valgono le indicazioni proposte sugli elaborati delle linee guida del fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante PROBLEMATICHE PREVISIONI PRO.U.D. Aree in concessione: nessuna nuova concessione. Sostanziale conferma delle attività e degli spazi in concessione già presenti. I nuovi interventi sugli spazi e sulle strutture in concessione dovranno essere improntati ad una riconversione dei manufatti edilizi, connotata da una maggiore qualità architettonica e ricorrendo all'utilizzo di materiali congrui. Riordino delle aree in concessione mediante: a) la predisposizione di progetti atti a ridefinire l'utilizzo degli spazi che devono essere strettamente connessi alle attività di balneazione; b) la progressiva sostituzione degli elementi in cls con materiali compatibili con l'ambiente costiero e comunque conformi alle indicazioni degli strumenti Regionali; c) la sostituzione rimozione degli elementi non compatibili posti a confine tra le concessioni con quanto indicato dalle norme tecniche del presente progetto, finalizzati a garantire, in particolare, la transitabilità lungo il litorale. Litorale balneabile: nessuna nuova concessione. Progressiva eliminazione degli elementi di interruzione della continuità del profilo litoraneo e dei materiali presenti ed incompatibili. Le aree scoperte dovranno essere lasciate libere da qualsivoglia struttura anche di facile rimozione, sulle stesse potranno essere unicamente posizionati ombrelloni e lettini di supporto alla balneazione. Accessi pubblici: Gli accessi dovranno essere permanentemente garantiti attraverso le aree in concessione, in particolare i concessionari dovranno predisporre gli accorgimenti necessari a consentire il transito libero verso la battigia. Direzione Patrimonio Demanio e Sport Percorribilità della battigia: Devono essere superate le barriere di interruzione alla continua percorribilità della battigia attraverso la realizzazione, da parte dei concessionari confinati, di percorsi pubblici secondo indicazioni progettuali da concordarsi con la c.a., la cui posizione è stata evidenziata sull'elaborato cartografico di riferimento. Gli attraversamenti dovranno essere sempre percorribili, con larghezza e pendenza adeguata alla fruibilità anche da parte di soggetti disabili. Osservazioni PRO.U.D - Rivedere in chiave paesaggistica i manufatti delle numerose associazioni presenti sul litorale - Prevedere accesso disabili - GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 10

11 SCHEDA d Ambito n. 14 Profondità media ml 10 Lunghezza fronte mare ml 583 Litorale balneabile ml 355 Litorale balneabile libero ml 206 Scogliera naturale ml 0 Scogliera artificiale ml 0 Concessioni presenti - Tipologia delle concessioni Stabilimento balneare n 1 Associazione e società sportiva n 6 Attività commerciale n - Magazzino n - Interesse pubblico n - Attività legate alla pesca n - Attività diverse n 1 CARATTERISTICHE GENERALI Depuratore Quinto - Nervi Ambito costiero compreso tra il depuratore di Quinto e il sito di S.Erasmo. Tratto di litorale caratterizzato da profilo disomogeneo per la presenza del nastro della viabilità cittadina molto ravvicinata alla spiaggia, che ha una profondità ridotta intervallata da tratti di scogliera naturale e dal promontorio a levante del rio Bagnara. La cornice urbana a monte risente da un punto di vista paesaggistico della disomogenità delle espansioni edilizie del dopoguerra, pur mantenendo una discreta presenza di verde. Di particolare interesse è il sito della Chiesa di S.Erasmo posto in posizione dominante sul promontorio di Piazza De Simoni (ex Tiro al Volo). VINCOLI - PIANIFICAZIONE DI RIFERIMENTO Vincolo paesaggistico D.Lgs. N.42/2004 si Corsi d'acqua si Rio Bagnara Rio S.Pietro Riferimenti di pianificazione si Ambito soggetto a progettazione di riqualificazione unitaria per il quale valgono le indicazioni proposte sugli elaborati delle linee guida del fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante - Ambito paesaggistico del litorale di levante - ambito territoriale Quinto Sito interesse storico S.Erasmo PROBLEMATICHE 1. Scarsa possibilità di transitabilità lungo il litorale, per la presenza di scogliera degradante verso il mare su cui insistono costruzioni di difficile rimozione; 2. Utilizzazione disomogenea e disordinata degli spazi di risulta al di sotto della sede stradale per rimessaggio imbarcazioni; 3. presenza di manufatti removibili di tipo precario. PREVISIONI PRO.U.D. Aree in concessione: nessuna nuova concessione. Sostanziale conferma delle attività e degli spazi in concessione già presenti. I nuovi interventi sugli spazi e sulle strutture in concessione dovranno essere improntati ad una riconversione dei manufatti edilizi,connotata da una maggiore qualità architettonica e ricorrendo all'utilizzo di materiali congrui. Riordino delle aree in concessione mediante: a) la predisposizione di progetti atti a ridefinire l'utilizzo degli spazi che devono essere strettamente connessi alle attività di balneazione; b) la progressiva sostituzione degli elementi in cls con materiali compatibili con l'ambiente costiero e comunque conformi alle indicazioni degli strumenti Regionali; c) la sostituzione degli elementi non compatibili posti a confine tra le concessioni con quanto indicato dalle norme tecniche del presente progetto; d) eliminazione dei manufatti precari e fatiscenti. Gli interventi dovranno essere conformi alle indicazioni e previsioni di ipotesi progettuale per la valorizzazione dell'area costiera di Quinto e Nervi, illustrata nel fascicolo "Pianificazione del Litorale di Levante " allegato al Pro.U.D. E' prevista la possibilità di ampliamento della concessione posta a levante del depuratore di Quinto, al concretizzarsi degli interventi previsti per la creazione di pennelli di protezione e del conseguente ripascimento. In tale area si prevede la realizzazione di uno scalo di alaggio pubblico Litorale balneabile: nessuna nuova concessione. Progressiva eliminazione, ove oggettivamente possibile, degli elementi di interruzione della continuità del profilo litioraneo e dei materiali presenti ed incompatibili. Le aree scoperte dovranno essere lasciate libere da qualsivoglia struttura anche di facile rimozione, sulle stesse durante la stagione balneare potranno essere unicamente posizionati ombrelloni e lettini di supporto alla balneazione. Si prevede la realizzazione di nuovi pennelli di protezione che dovranno contribuire al ripascimento naturale delle porzioni di litorale interessate. Direzione Patrimonio Demanio e Sport Accessi pubblici: Oltre agli accessi liberi già esistenti dovrà essere permanentemente garantita la possibilità di raggiungere la battigia attraverso le aree in concessione, in particolare i concessionari dovranno predisporre gli accorgimenti necessari a consentire tale transito. Percorribilità della battigia: Le porzioni di spiaggia esistenti presentano discrete condizioni di percorribilità GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 11

12 della battigia Osservazioni PRO.U.D - scalo pubblico con alaggio protetto lato levante Depuratore accessibile al pubblico dal livello stradale. - realizzazione di pennelli di protezione come da soluzione progettuale n.12 pag 148 indicata nello studio dell ambito costiero Punta Vagno Golfo Paradiso pubblicato dalla Provincia di Genova luglio Operazione di mitigazione di impatto visivo e paesaggistico del nuovo manufatto sul depuratore Quinto. - Riduzione barriere visive siepi Villa S.Francesco - valorizzazione borgo storico di Via al Mare di Bagnara. - Risanamento Rio Bagnara. - costruzione passerella pedonale che colleghi depuratore di Quinto, scalo pubblico di alaggio con foce rio Bagnara e via al mare, con relativo Recupero paesaggistico e funzionale del contesto limitrofo, in particolare lato ponente depuratore. - Rivedere i manufatti esistenti in chiave paesaggistica presenti sul litorale (bagni in concessione alla Polizia di Stato). - Ex area Tiro al volo: riqualificazione e valorizzazione di Piazza De Simone e dell area fronte mare evitando interventi di tipo invasivo che svaluterebbe il paesaggio costiero. - Conservazione del Promontorio della chiesa di S.Erasmo. - Accesso disabili spiaggia Bagnara da rendere più agevole. - Intervento di protezione della tubazione fognaria e del sovrastante camminamento che collega la spiaggia di Bagnara con le vasche di raccolta della stazione di sollevamento al depuratore. - sollecitare la trasformazione della spiaggia libera a ponente dei giardini di Quinto, in Spiaggia Libera Attrezzata - GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 12

13 SCHEDA d Ambito n. 15 Profondità media ml 15 Lunghezza fronte mare ml 1609 Litorale balneabile ml 880 Litorale balneabile libero ml 759 Scogliera naturale ml 577 Scogliera artificiale ml 128 Concessioni presenti - Tipologia delle concessioni Stabilimento balneare n - Associazione e società sportiva n 11 Attività commerciale n 4 Magazzino n 7 Interesse pubblico n 7 Attività legate alla pesca n 11 Attività diverse n 6 CARATTERISTICHE GENERALI scalo Quinto Port.lo Nervi Ambito costiero compreso tra l'ex "Tiro al Volo" ed il porticciolo di Nervi. Litorale prevalentemente caratterizzato da scogliera naturale stretta tra il mare e l'abitato. L'omogeneità morfologica è interrotta da tre piccole baie con spiaggia e dal porticciolo. Sotto il profilo paesaggistico il tratto litoraneo presenta pregevoli esempi dell'edilizia storica a stretto contatto con il mare. VINCOLI - PIANIFICAZIONE DI RIFERIMENTO Vincolo paesaggistico D.Lgs. N.42/2004 si Corsi d'acqua si Torrente Nervi Riferimenti di pianificazione si Ambito soggetto a progettazione di riqualificazione unitaria per il quale valgono le indicazioni proposte sugli elaborati delle linee guida del fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante - Ambito paesaggistico del litorale di levante - ambito territoriale: Quinto porticciolo di Nervi PROBLEMATICHE 1.Utilizzazione disomogenea e disordinata degli spazi di risulta al di sotto della sede stradale per rimessaggio imbarcazioni; 2. presenza di manufatti removibili di tipo precario; 3. disuniformità dei manufatti leggeri presenti che contrastano con l'omogeneità dei caratteri naturali e del costruito. PREVISIONI PRO.U.D. Aree in concessione: nessuna nuova concessione. Sostanziale conferma delle attività e degli spazi in concessione già presenti. I nuovi interventi sugli spazi e sulle strutture in concessione dovranno essere improntati ad una riconversione dei manufatti edilizi incompatibili, connotata da una maggiore qualità architettonica e ricorrendo all'utilizzo di materiali congrui. Riordino delle aree in concessione mediante: a) la predisposizione di progetti atti a ridefinire l'utilizzo degli spazi che devono essere strettamente connessi alle attività di balneazione; b) la progressiva sostituzione degli elementi in cls con materiali compatibili con l'ambiente costiero e comunque conformi alle indicazioni degli strumenti Regionali; c) sostituzione degli elementi non compatibili posti a confine tra le concessioni con quanto indicato dalle norme tecniche del presente progetto; d) eliminazione dei manufatti precari e fatiscenti. Gli interventi dovranno essere conformi con le indicazioni della previsione progettuale per la valorizzazione dell'area costiera di Quinto e Nervi illustrata nel fascicolo "Pianificazione del Litorale di Levante " allegato al Pro.U.D. E' prevista la generale revisione delle concessioni presenti all'interno dell'area del porticciolo di Nervi (lettera "h" tav.9) che dovranno essere ricollocate, sulla base di un progetto strutturale, sull'arenile di nuova formazione. Possibile trasformazione della spiaggia libera indicata con la lettera "g", con eventuale interessamento delle concessioni esistenti, in Spiaggia Libera Attrezzata che non potrà comunque interessare più del 50% del fronte balneabile. Litorale balneabile: nessuna nuova concessione. Progressiva eliminazione, ove oggettivamente possibile, degli elementi di interruzione della continuità del profilo litioraneo e dei materiali presenti ed incompatibili. Le aree scoperte dovranno essere lasciate libere da qualsivoglia struttura anche di facile rimozione, sulle stesse durante la stagione balneare potranno essere unicamente posizionati ombrelloni e lettini di supporto alla balneazione. Si prevede la realizzazione di nuovi pennelli di protezione che dovranno contribuire al ripascimento naturale delle porzioni di litorale interessate. Ogni intervento previsto dovrà essere conforme alle ipotesi progettuali di indirizzo contenute nell'allegato fascicolo sulla Pianificazione del Litorale di Levante - Criteri di riqualificazione. Si prevede la formazione di una nuova spiaggia alla foce del Torrente Nervi, con interramento dello specchio acqueo del porticciolo, che dovrà comunque prevedere il mantenimento di un punto di approdo (lettera h - tav. 9). Accessi pubblici: Oltre agli accessi liberi già GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 13

14 esistenti dovrà essere permanentemente garantita la possibilità di raggiungere la battigia attraverso le aree in concessione, in particolare i concessionari dovranno predisporre gli accorgimenti necessari a consentire tale transito. Percorribilità della battigia: I tratti di litorale balneabile presentano continuità di percorribilità della battigia. Osservazioni PRO.U.D - Giardini di Quinto: recupero antico percorso fronte mare interrotta e danneggiata dalle ultime mareggiate. - Recupero paesaggistico e funzionale delle spiagge pubbliche Murcarolo, Liggia, Caprafico. - intervento di messa in sicurezza e riqualificazione tratto levante (scuola Da Verrazzano). - Prevedere un adeguato impianto di illuminazione del molo e della scogliera; - rinaturalizzazione torrenti. - torrente Nervi vincolo a parco regionale bacino e area - Proposta presso l area a mare dell Istituto Emiliani: tre macchi frangiflutti a difesa della cala della darsena data; - Foce torrente Nervi: regimare le acque reflue con relativo convogliamento verso impianti di depurazione; - Porticciolo di Nervi: a protezione delle civili abitazioni prospicienti il porticciolo (che non si ottiene con la proposta della insabbiatura parziale ma attraverso) si prevede: -realizzazione di barriere sofolte a pettine in mare per fronteggiare le mareggiate di libeccio e scirocco -Posa di massi frangi frutto a protezione passeggiata; - ambito territoriale previsto dal PUC (Monte Fasce torrente Nervi) : si condivide l obiettivo principale di migliorare lo stato di conservazione dei manufatti ( colonna infame, mulini etc) e recuperare alcuni siti (laghetti e foce torrente); si evidenzia la coerenza con quanto sostenuto dalle linee del piano del verde del Comune di Genova (eco-parco) - Accessi disabili - Il porticciolo di Nervi deve servire per l'attracco delle imbarcazioni e dei battelli turistici, della piccola nautica sportiva. - No a grossi ripascimenti. Lo spostamento delle barche potrà essere fatto dopo la costruzione delle piscina della Sportiva Nervi nell'area di via del Commercio (ex Aura) - Qualsiasi tipo di intervento deve essere coerente con l obiettivo di salvaguardare e valorizzare il sito storico di Nervi e del suo Porticciolo. - Prevedere servizi igienici pubblici - GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 14

15 SCHEDA d Ambito n. 16 Profondità media ml - Lunghezza fronte mare ml 2128 Litorale balneabile ml 1145 Litorale balneabile libero ml 781 Scogliera naturale ml 364 Scogliera artificiale ml 0 Concessioni presenti - Tipologia delle concessioni Stabilimento balneare n 3 Associazione e società sportiva n 1 Attività commerciale n 3 Magazzino n 2 Interesse pubblico n 2 Attività legate alla pesca n - Attività diverse n 7 CARATTERISTICHE GENERALI Passeggiata Nervi Ambito costiero compreso tra il Porticciolo di Nervi ed il confine con il comune di Bogliasco. Il litorale è caratterizzato dalla presenza di scogliera degradante verso il mare di elevato valore paesaggistico. Interesse paesaggistico è rappresentato dalla presenza della passeggiata Anita Garibaldi e, in particolare, dal Parco di Nervi a monte della stessa. La passeggiata, con partenza dal porticciolo, termina a levante nell'antico porgo di Capolungo che rappresenta l'ultimo nucleo edificato del litorale genovese. Il contesto ambientale e paesaggistico è di elevato valore. VINCOLI - PIANIFICAZIONE DI RIFERIMENTO Vincolo paesaggistico D.Lgs. N.42/2004 si Corsi d'acqua si Torrente Nervi Riferimenti di pianificazione si Ambito soggetto a progettazione di riqualificazione unitaria per il quale valgono le indicazioni proposte sugli elaborati delle linee guida del fascicolo allegato al Pro.U.D. relativo alla Pianificazione del Litorale di levante - Ambito paesaggistico del litorale di levante - ambito territoriale: Quinto - porticciolo di Nervi PROBLEMATICHE 1. presenza, in particolare a levante della piscina Groppallo, di manufatti removibili di tipo precario e di interventi con caratteri di disomogeneità e scarsamente dialoganti con il contesto; 2. periodica ridotta agibilità dello specchio acqueo interno al porticciolo, a causa dei fenomeni d'insabbiamento dovuti alla presenza della foce del torrente Nervi e dell'azione delle mareggiate. PREVISIONI PRO.U.D. Aree in concessione: nessuna nuova concessione. Sostanziale conferma delle attività e degli spazi in concessione già presenti. I nuovi interventi sugli spazi e sulle strutture in concessione dovranno essere improntati ad una riconversione dei manufatti edilizi incompatibili, connotata da una maggiore qualità architettonica e ricorrendo all'utilizzo di materiali congrui. Riordino delle aree in concessione mediante: a) la predisposizione di progetti atti a ridefinire l'utilizzo degli spazi che devono essere strettamente connessi alle attività di balneazione; b) la progressiva sostituzione degli elementi in cls e di cementificazione delle scogliere con materiali compatibili con l'ambiente costiero e comunque conformi alle indicazioni degli strumenti Regionali; c) sostituzione degli elementi non compatibili posti a confine delle concessioni con quanto indicato dalle norme tecniche del presente progetto; d) eliminazione dei manufatti precari e fatiscenti. Gli interventi dovranno essere conformi con le indicazioni della previsione progettuale per la valorizzazione dell'area costiera di Quinto e Nervi illustrata nel fascicolo "Pianificazione del Litorale di Levante " allegato al Pro.U.D. Litorale balneabile: nessuna nuova concessione. Progressiva eliminazione, ove oggettivamente possibile, degli elementi di interruzione della continuità del profilo litoraneo e dei materiali presenti ed incompatibili. Le aree scoperte dovranno essere lasciate libere da qualsivoglia struttura anche di facile rimozione, sulle stesse durante la stagione balneare potranno essere unicamente posizionati ombrelloni e lettini di supporto alla balneazione. Si prevede la realizzazione di un nuovo pennello di protezione della baia di Capolungo che dovrà contribuire al ripascimento del tratto di litorale libero interessato. Ogni intervento previsto dovrà essere conforme alle ipotesi progettuali di indirizzo contenute nell'allegato fascicolo sulla Pianificazione del Litorale di Levante - Criteri di riqualificazione. Accessi pubblici: Oltre agli accessi liberi già esistenti dovrà essere permanentemente garantita la possibilità di raggiungere la battigia attraverso le aree in concessione, in particolare i concessionari dovranno predisporre gli accorgimenti necessari a garantire il transito Percorribilità della battigia: I tratti di litorale balneabile presentano continuità di percorribilità, anche se con differenti condizioni di agibilità determinate dalle caratteristiche dei diversi tratti di scogliera. GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 15

16 Osservazioni PRO.U.D - salvaguardia alberature centenarie e verde lungo la passeggiata. - Accesso disabili parco/passeggiata, e spiaggia. - verifica dei corsi d acqua deviati dovuti alle costruzioni a monte dei Parchi, con relativi danni provocati sull ambiente. - prevedere servizi pubblici igienici su tutta l area. - Le opere di restauro e consolidamento della passeggiata e la messa in sicurezza delle scogliere devono essere sempre improntate al massimo rispetto di quanto presente, mediante tecniche tipiche e storicamente consolidate che connotano l opera. Le opere ed i percorsi sulle scogliere con i rari e angusti approdi devono essere mantenuti nella loro attuale conformazione. L accessibilità alla costa e al mare non è favorita dalle impervie condizioni naturali ma potrà essere resa possibile attraverso piccoli adattamenti rispettosi della configurazione attuale. L unica protezione dei percorsi esistenti sulle scogliere potrà essere costituto da paletti metallici e corrimano in corda di juta. Al fine di conservare l immagine consolidata della passeggiata e della costa, le attrezzature e gli arredi dei pubblici esercizi, ristoranti e stabilimenti balneari devono essere di qualità, improntata alla massima sobrietà nel rispetto di scelte anche cromatiche non prevalenti sul paesaggio, e senza l introduzione di elementi occasionali e pubblicitari. Le insegne saranno ammesse solo in metallo o in legno dipinti. - GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 16

17 Questionario 1 - fruitori non residenti MUNICIPIO 9 LEVANTE AMBITO TERRITORIALE ZONA Abitualmente si reca sul litorale cittadino? Spesso di rado mai Solo in estate o durante tutto l anno? In estate In primavera / autunno Tutto l anno Come valuta l accesso stesso ben agibile scarsamente agibile poco agibile Come valuta l accesso per: disabili / famiglie con carrozzine / persone anziane Buono migliorabile inadeguato Quali barriere architettoniche ha riscontrato Come reputa il livello di mantenimento del litorale? Se riscontra degrado, a cosa è ascrivibile Ritiene la parte di litorale libero adeguata alle esigenze della città? scale Salite /discese Terreno molto sconnesso Buono migliorabile inadeguato Mancanza manutenzione Incuria da parte dei cittadini vandalismo Buono migliorabile inadeguato Se la ritiene troppo esigua, dove ha riscontrato questo problema Che cosa Le manca sul litorale: attrezzature a noleggio: Per fruire di una spiaggia attrezzata, sarebbe disposto a pagare una cifra minima al giorno per finanziare pulizia, impianti docce? Se si, quanto? poltrone sdraioombrelloni Impianti docce Impianti igienici 2, - 3,- 5,- Che cosa La disturba maggiormente scarsa pulizia Schiamazzi e cani maleducazione Come raggiunge il litorale mezzi pubblici Mezzi privati A piedi Se con mezzi pubblici, quanto dista la poco abbastanza troppo fermata del Bus dal litorale Se con mezzi privati, come valuta le possibilità di parcheggio Buone e convenienti piuttosto care Troppo care GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 17

18 Scheda di rilevamento passeggiata di quartiere da completare e rivedere MUNICIPIO 9 LEVANTE AMBITO TERRITORIALE Criticità/opportunità Parcheggi autovetture Parcheggi moto Parcheggi bici Parcheggi bike sharing Parcheggi car sharing Parcheggi disabili Accesso con trasporto pubblico Pulizia spiaggia Presenza contenitori raccolta diff. in spiaggia Presenza cicche su spiaggia Deiezioni canine su spiaggia Balneazione libera Accesso alla spiaggia libera Accesso litorale stabilimenti balneari Qualità degli stabilimenti balneari Costo stabilimenti balneari Vigilanza Agenti Municipali Guardia Costiera, altro Accesso disabili Inquinamento marino Inquinamento acustico Rispetto delle norme che regolano l uso dei motori dei natanti in fase di alaggio Presenza di corridoi per alaggio natanti Sicurezza percepita Arredi urbani Docce spogliatoi Punti ristoro Frequentazione bambini fascia 0-3 Frequentazione adolescenti Frequentazione dopo il tramonto Manufatti abusivi Stazionamento natanti abusivi sulla spiaggia Stazionamento natanti abusivi strade limitrofe Regolarità dell uso delle concessioni demaniali Segnaletica orizzontale e verticale Pulizia spiaggia/scogliera Presenza telecamere sicurezza ZONA Priorità da 1 a 10 Descrizione / proposte abitanti GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 18

19 Interlocutori istituzionali Comune di Genova Marco Doria Sindaco deleghe: Organi istituzionali, Comunicazione, Avvocatura, Attuazione di metodi e strumenti per la partecipazione attiva dei cittadini, Progetto di riforma istituzionale della Città metropolitana, Politiche europee ed internazionali Stefano Bernini Vicesindaco Urbanistica deleghe: Pianificazione e Attuazione Urbanistica. Approvazione Piano Urbanistico Comunale e relativi strumenti attuativi. Attuazione Grandi progetti ferroviari e viari e grandi progetti di riqualificazione urbana e attuazione degli strumenti di partecipazione alle fasi di progettazione definitiva e realizzazione. Rapporti con il piano regolatore portuale, Urban Center, Centro storico. Anna Maria Dagnino Mobilità e Traffico deleghe: Politiche relative alla Mobilità, alla Logistica ed al Trasporto pubblico, al Trasporto su ferro e metropolitana. Indirizzo e controllo AMT S.p.A. (azienda mobilità e trasporti). Pianificazione, Regolazione e Gestione della Mobilità Urbana, Sosta e Progetti correlati. Adeguamento PUM nuovo PUC, raccordo dei grandi progetti ferroviari e viari con il PUM e coordinamento, definizione e gestione cantieri su strada. Attuazione percorso di partecipazione su progetti di mobilità.indirizzo e controllo Ge. Parcheggi S.p.A. Pino Boero Scuole, Sport e Politiche Giovanili deleghe: Politiche formative e rapporti con gli Enti di Programmazione e Gestione dei Servizi Educativi nell ambito dello sviluppo della città. Coordinamento dei programmi e delle azioni per l'edilizia Scolastica.Servizi educativi 0/6 anni.diritto allo studio.sviluppo rapporti con l Università.Rapporti con Fondazione Fulgis.Politiche giovanili.promozione ed educazione allo Sport e progettazione e coordinamento eventi sportivi. Indirizzi per modelli efficaci di gestione degli impianti sportivi. Relazioni con Enti e Società dello Sport. Indirizzo e controllo di Sporting Genova S.p.A. (in liquidazione). Elena Fiorini Legalità e Diritti deleghe: Città sicura, patto per la sicurezza e relazioni con le istituzioni competenti sul territorio. Polizia municipale.sicurezza stradale.accessibilità per tutti. Progetto sistema regolazione spazi pubblici. Rimozione carcasse. Prevenzione inquinamento acustico. Servizi civici, demografici e cimiteriali.indirizzo e controllo di Asef S.R.L. Promozione delle pari opportunità. Giovanni Crivello Lavori Pubblici e Manutenzioni deleghe: Lavori Pubblici.Formulazione del Piano triennale Opere pubbliche, comprensivo degli interventi di sistemazione idrogeologica e di difesa del litorale. Coordinamento POR.Indirizzo e controllo di Aster S.p.A.Protezione civile e valorizzazione del volontariato in materia.sviluppo delle manutenzioni articolate sul territorio e riqualificazione arredo urbano.rapporti con Enti e Società operanti nel settore. Gestione dei rapporti con i Municipi in una politica di integrazione dei due livelli di governo. Carla Sibilla Cultura e Turismo deleghe: Politiche culturali e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale della città. Indirizzo e controllo delle istituzioni culturali: Fondazione cultura, teatri, musei, biblioteche. Indirizzi per modelli efficaci di gestione dei Musei civici. Politiche per lo sviluppo del turismo e promozione della città. Rapporti con Enti e Società operanti nel settore, in particolare con Fiera di Genova, Porto antico, Marina Fiera di Genova, e Sistema turistico locale del genovesato. Francesco Oddone Sviluppo Economico deleghe: Programmazione dello sviluppo economico: attività produttive, commerciali, artigianali, agricole ed ittiche.edilizia Privata. Sportello Unico delle attività produttive.politiche del Lavoro e strumenti per il suo sviluppo.indirizzo e controllo di Sviluppo Genova, Job center SRL. Rapporti con FILSE e Società per Cornigliano.Politiche di integrazione città porto.statistica.rapporti con Enti e Imprese.Coordinamento GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 19

20 Progetti europei e Progetto Genova Smart City. Coordinamento progetti innovativi e sviluppo infrastrutture immateriali (Banda Larga). Valeria Garotta Ambiente deleghe: Studio dell assetto idrogeologico e coordinamento delle politiche per la tutela del territorio e della difesa idrogeologica. Regolazione della Gestione Ciclo dei Rifiuti Urbani, graffiti e discariche. Indirizzò e controllo di AMIU.Ciclo integrato acque e rapporti con IRIDE.Relazione con gli Ambiti Territoriali Ottimali. Politiche Ambientali ed attività per la riduzione e gestione dell'inquinamento atmosferico, idrico e dei suoli. Attuazione progetti politiche energetiche. Piano e regolamento del verde, coordinamento del progetto straordinario per la riqualificazione dei parchi, Parco urbano delle Mura e coordinamento progetti Acquedotto storico ed progetto Forti. Politiche per il benessere degli animali. Piano d'azione per il Patto dei Sindaci: definizione del piano energetico comunale e progetti pilota per la riduzione dei rifiuti, per gli acquisti verdi e per la decrescita dei consumi. Cura e promozione del Demanio marittimo e (difesa) del litorale cittadino. Indirizzi e controllo di Bagni Marina. Municipio 9 Levante GIUNTA MUNICIPALE FARINELLI Nerio Presidente Rapporti istituzionali con il Sindaco e l'amministrazione comunale Comunicazione Verifica e controllo dell'attuazione del Decentramento Cultura (rapporti con le scuole di ogni ordine e grado, con l'università, con le Associazioni e Fondazioni culturali, con il CNA in ordine alla conservazione e allo sviluppo dei mestieri e dei vecchi saperi) MACCAGNO Paola Assessore con funzioni di Vice Presidente del Municipio Verifica e controllo delle pari opportunità e delle politiche femminili Bilancio Servizi alla persona Strutture sanitarie Sport e tempo libero Patrimonio (la sua gestione ad uso civico ed associativo) RAFFAELLI Michele Assessore Assetto del territorio Protezione civile Tutela dell'ambiente Interventi manutentivi, ivi compresa la manutenzione del patrimonio istituzionale e scolastico TOSCANINI Stefano Assessore Affari istituzionali e generali Sviluppo economico Viabilità su base locale Servizi civici Promozione musicale del territorio GenovaBeneComune - Gruppo di lavoro temporaneo sul litorale Pag. 20

133 1 0 - DIREZIONE PATRIMONIO E DEMANIO - SETTORE TECNICO Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-181 del 10/06/2013

133 1 0 - DIREZIONE PATRIMONIO E DEMANIO - SETTORE TECNICO Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-181 del 10/06/2013 133 1 0 - DIREZIONE PATRIMONIO E DEMANIO - SETTORE TECNICO Proposta di Deliberazione N. 2013-DL-181 del 10/06/2013 PROGETTO DI UTILIZZO DEL DEMANIO MARITTIMO (Pro.U.D.) DELLA CITTA' DI GENOVA. PRESA D

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

Soluzioni volte a migliorare l accessibilità e la fruizione dell arenile da parte di soggetti diversamente abili

Soluzioni volte a migliorare l accessibilità e la fruizione dell arenile da parte di soggetti diversamente abili EIL Baretto EME S.n.c. di Manuelli E. : Progetto di allestimento delle aree esistenti Soluzioni volte a migliorare l accessibilità e la fruizione dell arenile da parte di soggetti diversamente abili Sono

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI CASTROLIBERO (Provincia di Cosenza) PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI Delibera di C.C. n. 25 del 11/12/2011 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini P.IVA 00343840401

Comune di Cattolica Provincia di Rimini P.IVA 00343840401 Comune di Cattolica Provincia di Rimini P.IVA 00343840401 http://www.cattolica.net email:info@cattolica.net PEC: protocollo@comunecattolica.legalmailpa.it SETTORE 2: URBANISTICA EDILIZIA PRIVATA AMBIENTE

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI COMUNE DI RIMINI DIREZIONE PATRIMONIO UNITA ORGANIZZATIVA DEMANIO MARITTIMO E PORTI TURISTICI Prot. 2882010 Rimini, 4-4-2013 ORDINANZA BALNEARE COMUNALE N. 1/2013 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

LA «PROMENADE» DI CIRCONVALLAZIONE A MONTE

LA «PROMENADE» DI CIRCONVALLAZIONE A MONTE Proposta per la valorizzazione di Circonvallazione a Monte e la sua trasformazione in nuova «promenade» genovese, con l'eliminazione dei posti auto lato mare, l'allargamento del marciapiede esistente e

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ; OGGETTO: PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DEL LITORALE DEL LAZIO, DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE N.1 DEL 5 GENNAIO 2001 - AZIONE I.1.4. RAFFORZAMENTO DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

PIANO COMUNALE DI SPIAGGIA ADEGUAMENTO AL PIR

PIANO COMUNALE DI SPIAGGIA ADEGUAMENTO AL PIR INDICE 1 Materiali da utilizzare 2 Dimensioni e particolari cabine spogliatoio 3 Dimensioni locale pronto soccorso 4 Servizi igienici 5 Caratteristiche dei locali destinati al servizio di ristoro 6 Materiali

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

ZCD ZONA per CONCESSIONI DEMANIALI ad uso turistico-ricreativo SOTTOZONA NUOVE CONCESSIONI DEMANIALI

ZCD ZONA per CONCESSIONI DEMANIALI ad uso turistico-ricreativo SOTTOZONA NUOVE CONCESSIONI DEMANIALI ZCD ZONA per CONCESSIONI DEMANIALI ad uso turistico-ricreativo (Articolo 3, Comma 2, lettera b delle N.T.A.) SOTTOZONA NUOVE CONCESSIONI DEMANIALI Nella zona demaniale marittima comunale compresa tra il

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

Tipo EA1a Strada rurale di pianura

Tipo EA1a Strada rurale di pianura Schede dei tipi di percorso Percorso EA1a Foglio 1 di 10 DEFINIZIONE DEL TIPO DESCRIZIONE SINTETICA Ambito: Sistema funzionale: Extraurbano Sistema insediativo diffuso Percorso su Strada rurale di pianura

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E CONSEGUENTE ADOZIONE DELLA VARIANTE N. 86 AL P.R.G.C. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: -

Dettagli

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI Oggetto del bando Il bando mira a selezionare 12 persone al fine di costruire un gruppo che possa partecipare con motivazione, interesse

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA PROGETTO INTEGRATO SAMPIERDARENA I Progetti Integrati nel

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE INDICE 1. Premesse...2 2. Manuale d uso delle opere...3 2.1. Descrizione delle opere...3 2.2. Modalità d uso delle opere progettate...4 3. Monitoraggio delle opere...5 4. Manutenzione...6 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

Risultato (%) Obiettivo. Peso % Obiettivo di Performance Performance attesa Non Avviato Avviato Perseguito

Risultato (%) Obiettivo. Peso % Obiettivo di Performance Performance attesa Non Avviato Avviato Perseguito Scheda Valutazione Responsabili PO ENTE Golfo Aranci SERVIZIO: Finanziario ANNO 2013 DIRIGENTE/RESPONSABILE Simona Lai PERFORMANCE INDIVIDUALE Valutazione del risultato ottenuto - Percentuali di conseguimento

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA

GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA GLI INDIRIZZI DI PIANIFICAZIONE: PIANO REGOLATORE DEL PORTO E RIQUALIFICAZIONE DELL INTERFACCIA PORTO CITTA CITTA ELIO CIRALLI, dr. eng. Obiettivi del Piano Regolatore del Porto, definiti nei documenti

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica COMUNE DI PISA PIANO DI RECUPERO COLONIA GOFFREDO NANNINI CALAMBRONE VIA DEL CASONE Relazione paesaggistica Richiedente: Società Immobiliare FAB srl p.zza D Azeglio, 39 Firenze 1. Tipologia di intervento

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Deliberazione del Consiglio. del 08-09-2008 n. 26

Deliberazione del Consiglio. del 08-09-2008 n. 26 Deliberazione del Consiglio del 08-09-2008 n. 26 OGGETTO: MODIFICA ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL RECUPERO PAESISTICO- AMBIENTALE DEL BORGO DI SAN FRUTTUOSO DI CAMOGLI. AUTORIZZAZIONE AL PRESIDENTE ALLA SOTTOSCRIZIONE

Dettagli

Giuseppe Persia Autorizzazioni e Concertazione Direzione Sviluppo Rete

Giuseppe Persia Autorizzazioni e Concertazione Direzione Sviluppo Rete Lo sviluppo sostenibile della rete elettrica: le esperienze di successo della gestione degli impatti sulla biodiversità e le prospettive verso un infrastruttura verde Giuseppe Persia Autorizzazioni e Concertazione

Dettagli

In relazione al Piano delle Regole si formulano le istanze di cui in appresso SI CHIEDE L INTEGRAZIONE DEI COMMI 6 E 7 DELL ART. 1 NEI TERMINI DI SEGUITO INDICATI IN ROSSO: 6. Il Piano delle Regole non

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA FASE DI ASCOLTO

RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA FASE DI ASCOLTO Autorità Portuale Regionale della Toscana Nuovo PRP_Fase di ascolto Processo partecipativo per l'aggiornamento del Quadro Conoscitivo del Piano Regolatore Portuale del porto di Isola del Giglio Fase di

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO SUI PROCESSI PARTECIPATIVI (parte I)

SEMINARIO FORMATIVO SUI PROCESSI PARTECIPATIVI (parte I) Progetto RIMPIAZZA SEMINARIO FORMATIVO SUI PROCESSI PARTECIPATIVI (parte I) ITGC G. Salvemini - E. F. Duca d Aosta Firenze, 14-16 Dicembre 2011 Cos è il progetto RIMPIAZZA? è un processo partecipativo

Dettagli

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998)

(Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio 1998) COMUNE DI NAPOLI Carta dei Parchi Urbani della Città di Napoli (Approvato dalla Giunta Municipale con deliberazione n 3244 del 16 luglio 1997 e dal Consiglio comunale con delibera n 46 del 12 febbraio

Dettagli

Programma delle misure da attivare per la sicurezza della balneazione

Programma delle misure da attivare per la sicurezza della balneazione Area Economico/Finanziaria - Unità Organizzativa Patrimonio - Ufficio Demanio Marittimo File: demaniointranetcopia Le misure per la sicurezza della balneazione - Premessa Nell ambito del conferimento agli

Dettagli

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2

INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 INDICE 1 OGGETTO 2 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 2.1 PARCHEGGIO PUBBLICO 3 2.2 IL PROGETTO DEL VERDE E LE SISTEMAZIONI ESTERNE 5 2.3 RETI INFRASTRUTTURALI 6 File PT_OO.UU.G.2_RELAZIONE DESCRITTIVA.docx

Dettagli

Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità

Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Giornata d d informazione Riduzione dell inquinamento luminoso e relativo risparmio energetico: compiti e opportunità Piani della Luce e l energyl saving nell illuminazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA

PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Allegato A alla Delibera Consiglio comunale n. 157 del 16/12/02 COMUNE DI PERUGIA PIANO GENERALE DELLA PUBBLICITA Relazione INDICE 1. Fonti normative e finalità 2. Situazione attuale 3. Obiettivi operativi

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE Regolamento urbanistico Appendice 4 Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche 16 maggio 2008 1. Premessa

Dettagli

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 18 febbraio 2015)

REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA IX LEGISLATURA DOCUMENTI PROPOSTE DI LEGGE E DI ATTO AMMINISTRATIVO RELAZIONI. (Seduta del 18 febbraio 2015) REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA Relazione della IV Commissione permanente ASSETTO TERRITORIALE ED AMBIENTALE; URBANISTICA; ECOLOGIA; ACQUEDOTTI; LAVORI PUBBLICI; VIABILITA E TRASPORTI; CAVE E TORBIERE

Dettagli

persona fisica società impresa ente

persona fisica società impresa ente SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2) : persona fisica

Dettagli

Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali.

Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali. Campania - L.R. 18-11-1995, n. 24 L.R. 18 novembre 1995, n. 24(1). Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali. (1) Pubblicata nel B.U. 21 novembre 1995, n.

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139

Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139 STU-EDI-SEMPL/0 Pagina 1 di 5 Protocollo Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139 Il sottoscritto richiedente autorizzazione

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT A cura di Giulia Oriani, Franco Beccari Redazione Ciessevi Con la collaborazione di Legambiente Milano Si ringrazia il Comune di Milano per il contributo

Dettagli

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA Progetto Integrato SESTRI CHIARAVAGNA INTERVENTI PROGETTO INTEGRATO 1. Realizzazione polo mercatale via Ferro 4 5 1 3 2 7 2. Riqualificazione piazza dei Micone 3. Riqualificazione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PIANO DISCIPLINANTE L USO DEL DEMANIO IDRICO LACUALE (L.R. 2/2008 art. 6 e D.P.G.R. 28/07/2009, n. 13/R art. 7)

PIANO DISCIPLINANTE L USO DEL DEMANIO IDRICO LACUALE (L.R. 2/2008 art. 6 e D.P.G.R. 28/07/2009, n. 13/R art. 7) CITTÀ DI BAVENO (Provincia del Verbano Cusio Ossola) PIANO DISCIPLINANTE L USO DEL DEMANIO IDRICO LACUALE (L.R. 2/2008 art. 6 e D.P.G.R. 28/07/2009, n. 13/R art. 7) RELAZIONE TECNICA - NORME DI ATTUAZIONE

Dettagli

Standard qualitativi per la pianificazione delle zone produttive. Tagung am 24.10.2014

Standard qualitativi per la pianificazione delle zone produttive. Tagung am 24.10.2014 Standard qualitativi per la pianificazione delle zone produttive Tagung am 24.10.2014 Punto di partenza: Nuova definizione della politica di gestione delle zone produttive» Riforma delle zone produttive:

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI Comune di Empoli INDAGINE CONOSCITIVA FINALIZZATA ALLA COSTRUZIONE DI UN QUADRO DI CONOSCENZA DEL TERRITORIO PRELIMINARE ALLA REVISIONE DELLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3. Clima e atmosfera 4

PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3. Clima e atmosfera 4 PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3 Clima e atmosfera 4 Biodiversità e paesaggio 4 Qualità del sistema insediativo 4 Uso delle risorse

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

attività sociali per gli abitanti della zona.

attività sociali per gli abitanti della zona. L area ove è ubicato l immobile è individuata dal Piano Regolatore Generale del Comune di Firenze quale Zona G sottozona G1: aree destinate ad attrezzature sportive, esistenti. I lavori in oggetto riguardano

Dettagli

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI

ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI ATTIVITA SVOLTE DAL WWF TRIESTE ONLUS NEL PROGETTO COASTNET ADOTTA UN TRATTO DI COSTA E SCOPRILO INSIEME A NOI Bando progetti speciali a.s. 2014-2015 INDICE I. ELENCO DEI PARTNER DI PROGETTO... 2 II. PERIODO

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità

Partecipazione. Pianificazione. Responsabilità Programma Elezioni Comunali Rimini 2011 Partecipazione Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città Pianificazione Si condivide un progetto complessivo, si attua per

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

CRITICITA E SCELTE STRATEGICHE: PROPOSTE DI INTERVENTO

CRITICITA E SCELTE STRATEGICHE: PROPOSTE DI INTERVENTO E SCELTE STRATEGICHE: 2 3 4 2 5 1 5 4 7 7 6 6 8 1) INTERVENTO SU AREA SPORTIVA - CREAZIONE DI NUOVO GIARDINO, PARCHEGGIO E LOCALI DI SERVIZIO PER LE MANIFESTAZIONI SVOLTE IN PROSSIMITA DELLA ROCCA NUOVA

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

ART. 29 - ZONA S (servizi ed attrezzature collettive)

ART. 29 - ZONA S (servizi ed attrezzature collettive) ART. 29 - ZONA S (servizi ed attrezzature collettive) A - STATO DI FATTO La zona comprende le parti del territorio comunale destinate ai servizi ed alle attrezzature pubbliche o di uso pubblico. B - OBIETTIVI

Dettagli

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO 1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO Il Comune di Rimini con finanziamento della Giunta Regionale dell Emilia Romagna (delibere G.R. n. 2552/2003 del 09/12/2003 e n. 2334/2005 del 29/12/2005)

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente

Comune. Santa Maria Maggiore. Siti RN2000. ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande. PRGC vigente Comune Siti RN2000 Santa Maria Maggiore ZPS Val Formazza SIC/ZPS/Parco Nazionale della Val Grande PRGC vigente Varchi SM1 INCONTRO CON IL COMUNE Comune di Santa Maria Maggiore 21/12/2010 L espansione edilizia

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

LA STRUTTURA DEL RAV

LA STRUTTURA DEL RAV GUIDA PRATICA ALLA ELABORAZIONE DEL RAV IN FUNZIONE DEL MIGLIORAMENTO Dino Cristanini Vico Equense 30 Gennaio 2015 LA STRUTTURA DEL RAV 1 CONTESTO E RISORSE Quali vincoli presentano? Quali leve positive

Dettagli

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO

Gruppo di Lavoro. Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO. Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Introduzione Gruppo di Lavoro Le scelte urbanistiche TERZO INCONTRO Sala Polifunzionale della Biblioteca del Comune di Nembro, 20-02-2008 SCHEDE PROGETTO Il terzo incontro, a cui erano presenti 12 partecipanti,

Dettagli