Lavoro non remunerato misurato per la prima volta quale aggregato economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro non remunerato misurato per la prima volta quale aggregato economico"

Transcript

1 Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Swiss Federal Statistical Office COMMUNIQUÉ DE PRESSE MEDIENMITTEILUNG COMUNICATO STAMPA 20 Revenus et qualité de vie de la population Einkommen und Lebensqualität der Bevölkerung Reddito e qualità di vita della popolazione N Neuchâtel, 1 novembre 2004 Conto satellite della produzione delle economie domestiche: progetto pilota per la Svizzera Lavoro non remunerato misurato per la prima volta quale aggregato economico Sono circa 8 miliardi le ore che nel 2000 in Svizzera sono state destinate al lavoro non remunerato da parte della popolazione di almeno 15 anni. Questa cifra è nettamente superiore a quella rilevata nello stesso anno per il lavoro remunerato (6,7 miliardi di ore). Quasi i due terzi delle ore sono state effettuate dalle donne (65%). Il lavoro non remunerato (produzione delle economie domestiche) è stimato per la Svizzera a oltre il 70 per cento del valore aggiunto lordo risultante dai conti economici nazionali. Questo è quanto emerge dal progetto pilota sul conto satellite della produzione delle economie domestiche nazionali elaborato per la prima volta dall Ufficio federale di statistica (UST). Il conto satellite della produzione delle economie domestiche elenca sia dati monetari che non monetari quali, per esempio, le ore di lavoro complessive investite nel lavoro non remunerato. Il presente studio rappresenta un importante tappa per una considerazione integrale del lavoro non remunerato nell analisi statistica dell economia nazionale. Nonostante sussistano ancora alcuni interrogativi e la qualità dei dati richieda qualche ulteriore miglioramento, lo studio si rivela un buon approccio all analisi sulla portata economica del lavoro non remunerato. In futuro, s'intende analizzare periodicamente l'importanza economica del lavoro non remunerato e consolidare il metodo utilizzato. Risultati non monetari Con 31 ore la settimana in media, le donne dedicano ai lavori domestici e familiari quasi il doppio del tempo rispetto agli uomini (17 ore). Il maggior carico di lavoro si rileva, con 54 ore per le donne e 24 per gli uomini, nelle economie domestiche familiari con figli sotto i 15 anni. Presa la società nel suo insieme, nel 2000 circa 8 miliardi di ore sono state destinate al lavoro non remunerato da parte della popolazione residente permanente di almeno 15 anni. Quasi i due terzi delle ore sono state effettuate dalle donne (65%). I tre quarti del volume totale del lavoro non remunerato, ossia 6 miliardi di ore, sono assorbiti dai lavori domestici, mentre il 15,5 per cento dello stesso, ovvero 1,25 miliardi di ore annue, è preso dai lavori di assistenza all interno dell economia domestica. Espace de l Europe 10 CH-2010 Neuchâtel

2 Le ore destinate al volontariato ammontano a 741 milioni (9,2 % del volume globale), ripartite per metà sui due tipi di volontariato (372 milioni di ore per il volontariato istituzionalizzato e 369 milioni di ore per il volontariato informale). Il valore monetario del lavoro non remunerato Il valore complessivo del lavoro non remunerato prestato nel 2000 è stimato intorno ai 250 miliardi di franchi, di cui la parte più cospicua, ossia 172 miliardi di franchi, è attribuibile al lavoro domestico. Per le attività di assistenza sono stimati circa 49 miliardi di franchi e per il volontariato preso nel suo insieme quasi 27 miliardi di franchi. Il contributo delle donne costituisce complessivamente quasi i due terzi del valore totale (63%). Questa percentuale varia a seconda del campo di attività: per i lavori domestici essa ammonta ai due terzi esatti (66%), per i compiti di assistenza al 60 per cento e quasi alla metà (49%) per il volontariato. La valutazione monetaria del lavoro non remunerato avviene secondo il metodo dei costi di mercato con l ausilio dell'aliquota salariale degli specialisti (cfr. riquadro). Vengono utilizzate le retribuzioni lorde, inclusi i contributi dei datori di lavoro, perché esse indicano i flussi economici che sarebbero generati e le ripercussioni che si avrebbero sugli aggregati economici dei conti nazionali se la produzione delle economie domestiche fosse effettivamente trasferita al mercato. Il conto satellite della produzione delle economie domestiche Il conto satellite della produzione delle economie domestiche, incentrato sul lavoro non remunerato, mira a creare un legame con i conti economici nazionali al fine di valutare correttamente dal punto di vista metodologico il lavoro non remunerato in rapporto al valore aggiunto lordo complessivo del Paese. Il presente studio quantifica il valore aggiunto lordo delle economie domestiche a poco più del 40 per cento di quello dell'economia nazionale(inclusa la produzione delle economie domestiche non remunerata). Detto altrimenti: in rapporto al valore aggiunto complessivo registrato dai conti economici nazionali escluso quello non remunerato delle economie domestiche (economia modificata), il valore aggiunto delle economie domestiche ammonta a oltre il 70 per cento. UFFICIO FEDERALE DI STATISTICA Servizio stampa 2

3 Informazioni: Ueli Schiess, UST, Sezione conti economici nazionali, tel. : Jacqueline Schön-Bühlmann, UST, Sezione analisi socioeconomiche, tel. : Nuova pubblicazione: Compte satellite de production des ménages. Projet pilote pour la Suisse. Neuchâtel 2004, n. di ordinazione: , Prezzo: Fr. 10. Servizio stampa UST, tel.: ; fax: Per ordinazioni: tel.: , fax: , Per ulteriori informazioni si rimanda al sito Internet dell UST all indirizzo: Servizio abbonamenti ai comunicati stampa per . Sottoscrizione all indirizzo: 3

4 Modello di valutazione monetaria del lavoro non remunerato La valutazione monetaria è effettuata con il metodo dell input, considerando i costi di mercato che tengono conto dell aliquota salariale degli specialisti. La scelta del modello, in particolare quello dell aliquota salariale, incide fortemente sui risultati della valutazione monetaria. Metodo dell input: il punto di partenza è dato dalle ore investite nel lavoro non remunerato. Metodo dei costi di mercato: a quanto ammonterebbero i costi complessivi del lavoro non remunerato se questo venisse effettuato da una forza lavoro sul mercato? Concetto salariale: salari lordi al lordo (salari lordi + contributi dei datori di lavoro alle assicurazioni sociali). Aliquota salariale oraria: diversi sostituti sul mercato a seconda del tipo di lavoro non remunerato, vale a dire considerando i salari degli specialisti in base a gruppi di equivalenza per attività economica scelta (NOGA). Volume annuo del lavoro non remunerato in milioni di ore, nel 2000 Donne Uomini Totale 1 Totale lavori domestici 4 077, , ,2 Cucinare 1 133,6 375, ,4 Lavare le stoviglie 425,4 216,1 641,4 Fare acquisti 449,4 270,5 719,9 Pulire 821,2 207, ,4 Fare il bucato 432,4 42,6 475,1 Lavori manuali 176,9 286,4 463,3 Giardinaggio / animali domestici 500,3 391,4 891,7 Lavori amministrativi 138,1 178,8 316,9 Assistenza dei figli / cura 752,0 492, ,9 Dare da mangiare / lavare 211,3 93,1 304,4 Fare i compiti / giocare 468,4 343,7 812,1 Accompagnare i figli 53,4 40,8 94,2 Assistenza agli adulti 18,9 15,2 34,1 Volontariato totale 415,3 325,9 741,2 istituzionalizzato 136,1 236,3 372,4 informale 279,2 89,6 368,8 Totale 5 244, , ,2 1) Popolazione residente permanente di almeno 15 anni UST, Rilevazione sulle forze di lavoro in Svizzera (RIFOS): lavoro non remunerato 4

5 Integrazione della produzione delle economie domestiche nei conti economici nazionali Le tappe più importanti per la costituzione di un conto satellite della produzione delle economie domestiche sono in primo luogo la riorganizzazione degli elementi contenuti nella struttura centrale dei conti economici. In secondo luogo, vengono considerati tutti quegli elementi la cui natura non permetterebbe di includerli nella struttura centrale (dati non monetari). Infine, si esaminano con attenzione le parti del lavoro non remunerato già contemplate nei conti economici nazionali e le si trasferiscono nel conto satellite della produzione delle economie domestiche al fine di evitare doppi conteggi. Il presente modello determina il valore di produzione delle economie domestiche in base ai costi di produzione, vale a dire sommando: il consumo intermedio la remunerazione del lavoratore dipendente gli ammortamenti le altre imposte sulla produzione meno le altre sovvenzioni La struttura centrale dei conti economici nazionali è riorganizzata nel seguente modo: Economia nazionale (conti economici) adeguamenti = economia nazionale senza la produzione delle economie domestiche + produzione delle economie domestiche (non contemplata nei conti economici) + produzione delle economie domestiche (contemplata nei conti economici) = economia nazionale inclusa la produzione delle economie domestiche Parte del valore aggiunto lordo delle economie domestiche sull'economia nazionale Parte sull'economie nazionale incl. la produzione delle economie domestiche 41,9% 41,2% Parte sull'economia nazionale senza la produzione delle economie domestiche 72,1% 70,1% 5

Prime stime dei costi del lavoro in Svizzera

Prime stime dei costi del lavoro in Svizzera Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Swiss Federal Statistical Office COMMUNIQUÉ DE PRESSE MEDIENMITTEILUNG COMUNICATO STAMPA

Dettagli

Situazione economica e sociale della popolazione 427-1100. Neuchâtel, 2011

Situazione economica e sociale della popolazione 427-1100. Neuchâtel, 2011 20 Situazione economica e sociale della popolazione 427-1100 Il volontariato in Svizzera 2010 Neuchâtel, 2011 Impressum Editore: Elaborazione: Grafica / layout: Traduzione: Lingue: Settore: Ufficio federale

Dettagli

L accessibilità ai servizi non è uguale per tutti

L accessibilità ai servizi non è uguale per tutti Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Swiss Federal Statistical Office COMMUNIQUÉ DE PRESSE MEDIENMITTEILUNG COMUNICATO STAMPA

Dettagli

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013

ridotti per i figli fino ai 18 anni compiuti (art. 61 cpv. 3 LAMal). 0.5 0.0 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Fatti Premi costi motivazioni curafutura illustra i principali fatti e meccanismi relativi al tema dei premi dell assicurazione malattie, spiega come si arriva alla definizione del premio della cassa malati,

Dettagli

Più di 1500 franchi se ne vanno per abitazione ed energia

Più di 1500 franchi se ne vanno per abitazione ed energia Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 14.07.2015, 9:15 20 Situazione economica e sociale della popolazione N. 0352-1506-60 Indagine sul budget

Dettagli

Uguaglianza tra donna e uomo: la Svizzera nel contesto internazionale. Marcate differenze nelle modalità di conciliare lavoro e famiglia

Uguaglianza tra donna e uomo: la Svizzera nel contesto internazionale. Marcate differenze nelle modalità di conciliare lavoro e famiglia Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 03.09.2009, 9:15 20 Situazione economica e sociale della popolazione N. 0352-0909-10 Uguaglianza tra

Dettagli

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa

Communiqué de presse Pressemitteilung Comunicato Stampa Office fédéral de la statistique Bundesamt für Statistik Ufficio federale di statistica Uffizi federal da statistica Service d information Informationsdienst Servizio informazioni Servetsch d infurmaziun

Dettagli

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO L ESL correlato alla concessione di garanzie a valere sul Fondo è calcolato come differenza tra il costo teorico di mercato di una garanzia

Dettagli

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO L ESL correlato alla concessione di garanzie a valere sul Fondo è calcolato come differenza tra il costo teorico di mercato di una garanzia

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche Indice delle tavole statistiche Pagina Tavola 1 - Conto economico delle risorse e degli impieghi - Valori assoluti... 19 Tavola 1.1 - Conto economico delle risorse e degli impieghi - Variazioni percentuali...

Dettagli

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO L ESL correlato alla concessione di garanzie a valere sul Fondo è calcolato come differenza tra il costo teorico di mercato di una garanzia

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita

Nel 2012 i consumi finali delle economie domestiche hanno sostenuto la crescita Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 29.08.2013, 9:15 4 Economia N. 0352-1309-30 Conti economici nazionali della Svizzera nel 2012 Nel 2012

Dettagli

Il volontariato in Svizzera

Il volontariato in Svizzera Il volontariato in Svizzera 8,5 mm 88 mm 105 mm 8,5 mm 8,5 mm 110 mm 5 mm 8,5 mm Neuchâtel, 2008 6,5 mm 88 mm 105 mm 8,5 mm 8,5 mm Impressum Edito da: Ufficio federale di statistica (UST) Settore: 20 Situazione

Dettagli

2.08 Stato al 1 gennaio 2011

2.08 Stato al 1 gennaio 2011 2.08 Stato al 1 gennaio 2011 Contributi all assicurazione contro la disoccupazione L assicurazione contro la disoccupazione è obbligatoria 1 Come l assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS),

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT

RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT RACCORDO TRA LE SPESE IN CONTO CAPITALE REGISTRATE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI E NEI CONTI NAZIONALI ELABORATI DALL ISTAT Da alcuni anni l ISTAT e il DPS hanno avviato un attività sistematica di raffronto

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Capitolo Contabilità. nazionale

Capitolo Contabilità. nazionale 12 Capitolo Contabilità nazionale 12. Contabilità nazionale Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. Istat. Pil e indebitamento

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010

Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 8 aprile 2011 Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società IV trimestre 2010 Direzione centrale comunicazione ed editoria Tel. +39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Situazione professionale delle persone che hanno conseguito un titolo di studio presso una scuola universitaria svizzera nel 2013

Situazione professionale delle persone che hanno conseguito un titolo di studio presso una scuola universitaria svizzera nel 2013 Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 23.06.2014, 9:15 15 Formazione e scienza N. 0352-1405-50 Situazione professionale delle persone che

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Le risorse pubbliche e il modello per tornare a crescere

Le risorse pubbliche e il modello per tornare a crescere Il bilancio delle risorse in Piemonte: recuperare il federalismo fiscale per tornare a crescere Non consiste tanto la prudenza della economia nel sapersi guardare dalle spese, perché sono molte volte necessarie,

Dettagli

Ripartizione equa dei redditi in Svizzera

Ripartizione equa dei redditi in Svizzera SCHEDA D INFORMAZIONE N 1: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Ripartizione equa dei redditi in Svizzera Le questioni sulla ridistribuzione, da anni oggetto di discussione in Svizzera, sono alimentate dalle

Dettagli

Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica

Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica Roma, 30 marzo 2015 Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica 1. Determinazione e alimentazione del Fondo di Solidarietà Comunale per le Regioni a Statuto

Dettagli

20 Situazione economica e sociale della popolazione

20 Situazione economica e sociale della popolazione 0 Situazione economica e sociale della popolazione Introduzione Panorama Redditi e spese delle economie domestiche Povertà e privazioni 5 Valutazioni soggettive della qualità di vita 5 Debiti 6 Parità

Dettagli

Circolare sui contributi all assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione (AD)

Circolare sui contributi all assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione (AD) Circolare sui contributi all assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione (AD) Valida dal 1 gennaio 2004 Stato: 1 gennaio 2007 318.102.05 i AD 4.08 2 Premessa Con l entrata in vigore della LADI,

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Certificato di previdenza

Certificato di previdenza www.allianz.ch Certificato di previdenza Marzo 2014 Scheda informativa per l assicurato Il certificato di previdenza del singolo lavoratore viene creato annualmente. Il documento fornisce importanti informazioni

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef)

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10. Esercizi svolti (Irpef) Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2009/10 Esercizi svolti (Irpef) Esercizio 1 Nel corso del 2009, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle ritenute

Dettagli

Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale.

Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza. Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza, allestito e spedito dal vostro istituto di previdenza del personale (fondazione) ogni

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale Rapporto dell UFAP sul rilevamento dei dati e sulla pubblicazione dei conti d esercizio 2005 della previdenza professionale delle imprese svizzere di assicurazione sulla vita 1. Primo conto d esercizio

Dettagli

FIAS. Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali. Commissione centrale d esame. Esame professionale 2013

FIAS. Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali. Commissione centrale d esame. Esame professionale 2013 FIAS Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali Commissione centrale d esame Esame professionale 03 Assicurazione vecchiaia e superstiti (AVS) Numero della/del candidata/o: Durata

Dettagli

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1

Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Il valore economico del Volontariato in provincia di Bergamo 1 Premessa La valutazione economica del volontariato richiede una precisa definizione del fenomeno e una chiara identificazione dell unità di

Dettagli

2 pilastro, LPP Previdenza professionale

2 pilastro, LPP Previdenza professionale 2 pilastro, LPP Previdenza professionale La previdenza professionale è parte integrante del secondo pilastro e serve a mantenere il tenore di vita abituale. 1. Contesto In Svizzera la previdenza per la

Dettagli

FIAS. Indennità di perdita di guadagno (IPG), Indennità di maternità (IPG-mat), Assegni familiari (AF)

FIAS. Indennità di perdita di guadagno (IPG), Indennità di maternità (IPG-mat), Assegni familiari (AF) FIAS Federazione svizzera degli impiegati delle assicurazioni sociali Commissione centrale d esame Esame professionale 204 Indennità di perdita di guadagno (IPG), Indennità di maternità (IPG-mat), Assegni

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esercizi sull Irpef Esercizio 1 Nel corso del 2007, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle

Dettagli

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO

PARTE VII METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO METODOLOGIA DI CALCOLO DELL EQUIVALENTE SOVVENZIONE LORDO I valori dell ESL per il Fondo sono stati calcolati tenendo conto dei costi della garanzia, diversi per area d intervento e dimensione del soggetto

Dettagli

Crescita delle cifre d affari dell 1 per cento in termini reali

Crescita delle cifre d affari dell 1 per cento in termini reali Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 16.09.2009, 9:15 6 Industria e servizi N. 0352-0909-80 Cifre d affari del commercio al dettaglio nel

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli

Risanamento? Informativa per i membri dei Consigli di Fondazione del secondo pilastro

Risanamento? Informativa per i membri dei Consigli di Fondazione del secondo pilastro Risanamento? Informativa per i membri dei Consigli di Fondazione del secondo pilastro Colophon Redazione: Aldo Ferrari, Sabino Di Mambro Layout : Carole Lonati, Isabelle Laugery Editore: Sindacato Unia

Dettagli

Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni)

Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni) Service level agreement prestazioni generali (SLA prestazioni) concernente il contratto di affiliazione alla Cassa di previdenza della Confederazione Allegato II 2007-1963 5229 SLA prestazioni generali

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

Il volontariato nella produzione familiare

Il volontariato nella produzione familiare Il volontariato nella produzione familiare Monica Montella ISTAT - CONTABILITA NAZIONALE Seminario Nazionale Misurazione del volontariato e del suo sociale" Roma, 25-ottobre 2011 Contenuti 2 1. La produzione

Dettagli

Circolare sui contributi all assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione (AD)

Circolare sui contributi all assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione (AD) Circolare sui contributi all assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione (AD) Valida dal 1 gennaio 2004 Stato: 1 gennaio 2011 318.102.05 i AD 9.12 2 di 17 Premessa Con l entrata in vigore della

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SULLE STIME PROVINCIALI DEI PRINCIPALI AGGREGATI DELL ATTIVITA COMMERCIALE PER GLI ANNI 2007-2012

NOTA METODOLOGICA SULLE STIME PROVINCIALI DEI PRINCIPALI AGGREGATI DELL ATTIVITA COMMERCIALE PER GLI ANNI 2007-2012 NOTA METODOLOGICA SULLE STIME PROVINCIALI DEI PRINCIPALI AGGREGATI DELL ATTIVITA COMMERCIALE PER GLI ANNI 2007-2012 Premessa Parallelamente alle valutazioni sull andamento semestrale delle vendite al dettaglio

Dettagli

Statistica del valore aggiunto 2014

Statistica del valore aggiunto 2014 Indagine online: www.esurvey.admin.ch/ews Utente: Password: OID NOGA SAB FB REF Indicare il numero OID in tutti i contatti con il nostro ufficio. Statistica monetaria sulle imprese (MON) Espace de l Europe

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Calcolo e pagamento dell indennità giornaliera

Calcolo e pagamento dell indennità giornaliera Calcolo e pagamento dell indennità giornaliera 1. Basi 2. Come calcola la Suva l indennità giornaliera? 1.1 Il guadagno assicurato massimo ammonta a 126 000 franchi all anno. 1.2 L indennità giornaliera

Dettagli

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione 2.08 Contributi Contributi all assicurazione contro la disoccupazione Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione contro la disoccupazione (AD) è un assicurazione sociale svizzera obbligatoria come

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

SISTEMA PREVIDENZIALE PER LA VECCHIAIA Scheda di lavoro

SISTEMA PREVIDENZIALE PER LA VECCHIAIA Scheda di lavoro Esercizio 1: Domande di controllo sul testo. a. A che età le persone attive sono obbligate a versare i contributi AVS? b. A che età i giovani che NON svolgono alcuna attività professionale devono pagare

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere

Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere Mauro Marè, Fabio Pammolli Maggio 2013 In Italia, l aliquota di contribuzione obbligatoria al sistema pensionistico pubblico per il lavoro

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2008/09. Esercizi su Ires e Irap

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2008/09. Esercizi su Ires e Irap Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2008/09 Esercizi su Ires e Irap Esercizio 1 Nell anno 2008, la società Rape rosse S.p.a., che ha alle sue dipendenze solo lavoratori a tempo indeterminato,

Dettagli

Costi attribuibili all'alcol in Svizzera

Costi attribuibili all'alcol in Svizzera Costi attribuibili all'alcol in Svizzera Sintesi Barbara Fischer Dr. Harry Telser Dr. Philippe Widmer Dr. Karolin Leukert L'essenziale in breve Scopo: rilevamento dei costi sociali attribuibili al consumo

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

Guida alla compilazione del questionario della statistica dell'assistenza e cura a domicilio

Guida alla compilazione del questionario della statistica dell'assistenza e cura a domicilio Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST 14 Sanità versione marzo 2015 Guida alla compilazione del questionario della statistica dell'assistenza e cura a domicilio 1 INTRODUZIONE...

Dettagli

Lezione 18 1. Introduzione

Lezione 18 1. Introduzione Lezione 18 1 Introduzione In questa lezione vediamo come si misura il PIL, l indicatore principale del livello di attività economica. La definizione ed i metodi di misura servono a comprendere a quali

Dettagli

Produzione e reddito

Produzione e reddito Corso di Economia italiana AA 2013-2014 Prima parte Produzione e reddito Prof. Silvia Nenci silvia.nenci@uniroma3.it Produzione e prodotto interno lordo, PIL Prodotto interno lordo di una nazione (PIL)

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

Come compilare la dichiarazione del reddito e della sostanza

Come compilare la dichiarazione del reddito e della sostanza Dipartimento federale delle finanze DFF Centrale di compensazione CdC Cassa svizzera di compensazione CSC Assicurazione facoltativa Contributi Come compilare la dichiarazione del reddito e della sostanza

Dettagli

Le attività culturali in Svizzera analisi approfondita dell indagine 2008. Attività culturali diffuse, ma praticate in modo eterogeneo

Le attività culturali in Svizzera analisi approfondita dell indagine 2008. Attività culturali diffuse, ma praticate in modo eterogeneo Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 11.04.2011, 9:15 16 Cultura, media, società dell'informazione, sport N. 0352-1102-70 Le attività culturali

Dettagli

Schede dei salari 2013 in formato Excel

Schede dei salari 2013 in formato Excel Schede dei salari 2013 in formato Excel ISTRUZIONI 1 File Excel 1.1 Informazioni generali La legislazione in materia di AVS obbliga i datori di lavoro a iscrivere continuamente i salari, nella misura in

Dettagli

Finanze del sistema formativo

Finanze del sistema formativo 15 Formazione e scienza 1502-1500 Finanze del sistema formativo Edizione 2015 Neuchâtel, 2015 Introduzione Il presente opuscolo offre una panoramica sulle finanze del sistema formativo. Si basa essenzialmente

Dettagli

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro)

Tab. 1 La spesa finale per lo sport in Italia nel 2001 (valori in euro) Il quadro macroeconomico Il fatturato del sistema sportivo italiano può essere valutato nel 2001 in circa 31,6 miliardi di euro. Tale cifra rappresenta la somma di quanto è speso dalle famiglie italiane,

Dettagli

Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza

Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale. Il certificato di previdenza Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale Il certificato di previdenza Chiarezza sulle prestazioni di previdenza professionale Il certificato di previdenza contiene molte informazioni preziose

Dettagli

Unia, Segretariato centrale, reparto politica contrattuale e dei gruppi d interesse, GI giovani

Unia, Segretariato centrale, reparto politica contrattuale e dei gruppi d interesse, GI giovani Rapporto Unia sugli apprendisti Risultati del sondaggio 2013 / 2014 sugli apprendisti Unia, Segretariato centrale, reparto politica contrattuale e dei gruppi d interesse, GI giovani Rapporto Unia sui tirocinanti

Dettagli

Rilevazione omnibus 2010 : Internet nelle economie domestiche della Svizzera. Gli internauti svizzeri preoccupati per i pericoli di Internet

Rilevazione omnibus 2010 : Internet nelle economie domestiche della Svizzera. Gli internauti svizzeri preoccupati per i pericoli di Internet Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 04.02.2011, 9:15 16 Cultura, media, società dell'informazione, sport N. 0352-1101-10 Rilevazione omnibus

Dettagli

IL PRESTITO PENSIONISTICO DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIO CONFEDERALE UIL DOMENICO PROIETTI

IL PRESTITO PENSIONISTICO DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIO CONFEDERALE UIL DOMENICO PROIETTI IL PRESTITO PENSIONISTICO DICHIARAZIONE DEL SEGRETARIO CONFEDERALE UIL DOMENICO PROIETTI La via maestra è la reintroduzione di una flessibilità di accesso alla pensione a 62 anni. Il sindacato è pronto

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Risultati della rilevazione svizzera della struttura dei salari 2010. Nel 2010, salario lordo mediano pari a 5979 franchi al mese

Risultati della rilevazione svizzera della struttura dei salari 2010. Nel 2010, salario lordo mediano pari a 5979 franchi al mese Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 28.11.2011, 9:15 3 Lavoro e reddito N. 0352-1111-80 Risultati della rilevazione svizzera della struttura

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

3.03 Stato al 1 gennaio 2011

3.03 Stato al 1 gennaio 2011 3.03 Stato al 1 gennaio 2011 Rendite per superstiti dell AVS Rendite per superstiti 1 Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, del padre o della madre, i superstiti

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

Competenze connesse. Regolamento di previdenza

Competenze connesse. Regolamento di previdenza Regolamento di previdenza Versione abbreviata Indice Qual è lo scopo del presente opuscolo? 3 Primo, secondo, terzo pilastro: Cosa significa per voi personalmente? 3 Il primo pilastro: l AVS / AI Il secondo

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

Elementi di finanza pubblica

Elementi di finanza pubblica Elementi di finanza pubblica (III parte) a cura di Monica Montella -montella.monica@gmail.com Franco Mostacci-frankoball@hotmail.com Indice 1) La struttura dei conti 2) Il debito pubblico 3) L andamento

Dettagli

Ufficio di coordinamento della mobilità sostenibile COMO

Ufficio di coordinamento della mobilità sostenibile COMO Ufficio di coordinamento della mobilità sostenibile COMO Ufficio di coordinamento della mobilità sostenibile COMO Bando di concorso Termine di chiusura: 30 aprile 2016 febbraio 2016 Bundesamt für Energie

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

La classificazione delle imprese in classi e parti di sottoclasse

La classificazione delle imprese in classi e parti di sottoclasse La classificazione delle imprese in classi e parti di sottoclasse L attribuzione tecnica La struttura delle classi L attribuzione delle imprese alle classi avviene in base all attività svolta. A cosa serve

Dettagli

Comunicato stampa. Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile

Comunicato stampa. Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile Comunicato stampa Media Relations communication@axa-winterthur.ch Winterthur, 18 febbraio 2010 Esercizio 2009 di AXA Winterthur: risultato positivo in un contesto difficile Nel 2009 AXA Winterthur ha conseguito

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di risparmio supplementare 1 valido dal 1 0 gennaio 2015

Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich. Regolamento Piano di risparmio supplementare 1 valido dal 1 0 gennaio 2015 Cassa pensioni del gruppo assicurativo Zurich Regolamento Piano di risparmio supplementare valido dal 0 gennaio 05 Indice DISPOSIZIONI GENERALI... 3. Cerchia delle persone assicurate... 3. Scopo... 3.3

Dettagli

Studenti in Svizzera: scarsità di sussidi per gli studi e di alloggi in case per studenti

Studenti in Svizzera: scarsità di sussidi per gli studi e di alloggi in case per studenti Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 26.09.2008, 16:30 15 Formazione e scienza N. 0352-0809-60 Condizioni di studio nelle scuole universitarie

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Le spese per la cultura delle economie domestiche in Svizzera

Le spese per la cultura delle economie domestiche in Svizzera 16 Cultura, media, società dell informazione, sport 1398-1100 Le spese per la cultura delle economie domestiche in Svizzera 2006 2011 Neuchâtel, 2013 Introduzione A quanto ammontano le spese per la cultura

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

ALLEGATO A. della proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

ALLEGATO A. della proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.12.2010 COM(2010) 774 definitivo Allegato A/Capitolo 14 ALLEGATO A della proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO relativo al Sistema europeo

Dettagli

Disoccupati registrati (-444, -7.2%)

Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Persone in cerca di impiego registrate (-556, -5.7%) Tasso di disoccupazione (-0.3 punti percentuali) Disoccupati ai sensi dell Organizzazione Internazionale del Lavoro

Dettagli

Previdenza per la vecchiaia. Dossier per altre scuole

Previdenza per la vecchiaia. Dossier per altre scuole Previdenza per la vecchiaia Dossier per altre scuole Indice Fondamenti... 3 Obiettivi didattici... 3 Introduzione... 3 Dal salario lordo al netto... 4 Il modello a tre pilastri della previdenza per la

Dettagli