STANDARD SIBERIAN HUSKY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STANDARD SIBERIAN HUSKY"

Transcript

1 PREMESSA Per la traduzione dello standard riportiamo da Il Siberian Husky di Filippo Cattaneo - Manuali Sonzogno, da Il Grande Libro dei Cani da Slitta di Valeria Rossi e da Il Grande Libro del Siberian Husky di Jessica Vallerino - entrambi De Vecchi Editore, quanto segue: Lo standard della razza attualmente in vigore è quello approvato dall American Kennel Club il 28 novembre 1990 e adottato dalla Federazione Cinologica Internazionale (Fci) e dall Ente Nazionale della Cinofilia Italiana (ENCI). Non eistendo una traduzione ufficiale dello standard in italiano (l ENCI riconosce solo quella nelle lingue ufficiali della Fci - inglese e francese), e poichè le traduzioni esistenti (quella del Club Italiano Razze Nordiche, quella del testo Il Siberian Husky di D.Grandjean e quella presente ne I cani del Gande Nord di Piero Renai della Rena) sono tra loro differenti anche in alcuni punti qualificanti, è stata tentata, da alcuni allevatori (Valeria Rossi all.to di Ferranietta, Maura Bensi Allegri all.to del Gran Canyon, Jessica Nazarri Vallerino all.to delle Ombre Lunghe, Adele Oldani e Filippo Cattaneo all.to del Keral ghin in un incontro cui erano stati convocati anche alltri allevatori: Marginone, Navajos, Vanisella...), una nuova traduzione il più fedele possibile all originale. Per il commento allo standard è stato utilizzato il testo di Mr.Michael Jennings - allevatore e giudice americano (trad.tony Vajani) riportato nel suo libro The New Complete Siberian Husky pubblicato in seconda edizione nel 1991 dall Howell Book House. GENERAL APPARENCE The Siberian Husky is a medium-sized working dog, quick and light on is feet and free and graceful in action. His moderately compact and well-furred body, erect ears and brush tail suggest his Northern heritage. His characteristic gait is smooth and seemingly effortless. He performs his original function in harness most capably, carrying a light load at moderate speed over great distances. His body proportions and form reflect this basic balance of power, speed and endurance. The males of the Siberian Husky breed are masculine but never coarse; the bitches are feminine but without weakness of structure. In proper condition, with muscle firm and welldeveloped, the Siberian Husky does not carry excess weight. A S P E T T O G E N E R A L E Il Siberian Husky è un cane da lavoro di media taglia, dall aspetto generale scattante e agile e dal movimento sciolto ed elegante. Il suo corpo moderatamente compatto e ben fornito di pelo, le orecchie erette e la coda a spazzola ricordano l eredità del Nord. Il suo movimento è scorrevole e apparentemente senza sforzo. E in grado di svolgere ottimamente la sua funzione di cane da slitta trainando per lunghe distanze un carico leggero a moderata velocità Le proporzioni e la forma del suo corpo riflettono questo basilare equilibrio di forza, velocità e resistenza. I maschi della razza Siberian Husky sono mascolini ma mai rozzi, le femmine sono femminili, ma senza debolezza di struttura. In buone condizioni, con muscoli solidi e ben sviluppati, il Siberian Husky non deve avere peso superfluo. : Il Siberian Husky è, in poche parole, un cane inventato da un indiano, un animale estremamente frugale, allevato per un ambiente duro; in questa semplice descrizione è contenuta l essenza di quella moderazione che farebbe piacere al più rigido degli aristotelici. Nello spazio di poche righe troviamo che il Siberian è di media taglia moderatamente compatto, riflette un equilibrio di potenza, velocità e resistenza, che i maschi sono mascolini ma non rozzi e le femmine femminili senza debolezza di struttura, che entrambi devono essere asciutti e non avere eccesso di peso. Troviamo anche le ragioni di queste prescrizioni: la funzione originaria del Siberian Husky era quella di trasportare un carico leggero a velocità moderata su lunghe distanze. Questa frase è tremendamente importante per comprendere la conformazione del Siberian, poiché, sebbene abbia guadagnato grande fama nel campo dell eplorazioni artiche ed antartiche e nel mondo delle corse di sleddog, esso non è stato creato né come cane da tiro né come sprinter (da velocità). E stato allevato per trainare carichi leggeri per lunghe distanze, spesso fino a 100 miglia al giorno: un lavoro che richiedeva un cane che fosse veloce e leggero sui piedi, libero e aggraziato nel movimento. Qualunque cosa fosse pesante o rozza nel movimento non riuscirebbe a mantenere il passo che si richiede a questi cani; qualunque cosa fosse troppo raffinata mancherebbe della necessaria potenza di traino e di robustezza. 1

2 S I Z E - P R O P O R T I O N - S U B S T A N C E Height Dogs, 21 to 23 ½ inches at the withers. Bitches, 20 to 22 inches at the withers. Weight Dogs, 45 to 60 pounds. Bitches, 35 to 50 pounds. Weight in proportion to height. The measurements mentioned above represent the extreme height and weight limits, with no preference given to either extreme. In profile, the length of the body from the point of the shoulder to the rear point of the croup in slightly longer than the height of the body from the ground to the top of the withers. Disqualification: Dogs over 23 ½ inches and bitches over 22 inches. T A G L I A - P R O P O R Z I O N I - S O S T A N Z A Altezza Maschi: da 53,34 cm. a 59,69 al garrese Femmine: da 50,80 cm. a 55,88 cm. al garrese. Peso Maschi: 20,43 Kg. a 27,24 Kg. Femmine: da 15,87 Kg. a 22,68 Kg. Il peso è proporzionato all altezza. Le misure menzionate sopra rappresentano i limiti estremi di altezza e di peso e tra questi due estremi non ve ne è uno da preferire. Di profilo, la lunghezza del corpo dalla punta della spalla alla punta ischiatica della natica è leggermente superiore all altezza del corpo dal terreno al punto più alto del garrese. Squalifica: maschi più alti di 59,69 cm. e femmine più alte di 55,88 cm La taglia è una caratteristica fondamentale per il Siberian Husky ed è altrettanto importante per la sua funzionalità quanto l inserzione delle orecchie o la tessitura del mantello. Un cane più piccolo di quello previsto dallo standard mancherà della potenza necessaria ad un buon cane da slitta, mentre un cane più grande mancherà di velocità e resistenza. Così, ancora una volta, è la moderazione il requisito necessario per valutare un soggetto e non vi sarà alcuna preferenza per nessuno dei due estremi indicati dallo standard. E importante tener presente questo fatto dato che, in una classe di numerosi soggetti, gli esemplari più grandi balzano subito all occhio grazie alla loro mole. Comunque un maschio di 59,69 cm. al garrese non è assolutamente preferibile in una muta ad uno alto 55,88 cm. Non dobbiamo dimenticarci che Togo pesava solamente 48 pounds (nemmeno 22 Kg.) E anche interessante notare come, grazie al costante mantenimento della taglia media, gli appassionati siano riusciti fino ad ora ad evitare quella miriade di problemi comuni ad altre razze di taglia maggiore, come la displasia e l osteocondrite, che rimangono abbastanza rare nella nostra razza. H E A D Expression:Is keen, but friendly; interested and even mischievous. Eyes: Almond shaped, moderately spaced and set a trifle obliquely. Eyes may be brown or blue in color; one of each or parti-colored are acceptable. Faults: Eyes set too obliquely; set too close together. Ears: Of medium size, triangular in shape, close fitting and set high on the head. They are thick, well-furred, slightly arched at the back, and strongly erect, with slightly rounded tips pointing straight up. Faults: Ears too large in proportion to the head; to wide set; not strongly erect. TESTA Espressione: L espressione è viva ma amichevole, interessata e perfino maliziosa. Occhi: A forma di mandorla, moderatamente distanziati e inseriti appena obliquamente. Gli occhi possono essere marroni o azzurri; sono ammessi occhi di colore diverso o con entrambi i colori nello stesso occhio. Difetti: occhi inseriti troppo obliquamente; inseriti troppo vicini. Orecchie: Di media grandezza, di forma triangolare, impiantate vicine e posizionate alte sulla testa. Sono spesse, ben fornite di pelo, un po arcuate nella parte posteriore, decisamente erette, con le punte un po arrotondate dirette verso l alto Difetti: Orecchie troppo grandi in proporzione della testa; troppo distanziate; non decisamente erette. 2

3 Skull: Of medium size and in proportion to the body; slightly rounded on top and tapering gradually from the widest point to the eyes. Faults: Head clumsy or heavy; head too finely chiseled. Stop: The stop is well-defined and the bridge of the nose is strainght from the stop to the tip. Faults: Insufficient stop. Muzzle: Of medium length; that is, the distance from the tip of the nose to the stop is equal to the distance from the stop to the occiput. The muzzle is of medium width, tapering gradually to the nose, with the tip neither pointed nor square. Faults: Muzzle either too snipy or too coarse; muzzle too short or too long. Nose: Black in gray, tan or black dogs; liver in copper dogs, may be flesh-colored in pure white dogs. The pink-streaked snow nose is acceptable. Lips: Are well-pigmented and close fitting. Teeth: Closing in a scissors bite. Faults: Any bite other than scissors Cranio: Di media grandezza e proporzionato al corpo; leggermente tondeggiante alla sommità, si restringe gradatamente dal punto più largo verso gli occhi. Difetti: Testa rozza o pesante, testa cesellata troppo finemente. Stop: Lo stop è ben definito e la canna nasale dallo stop alla punta del muso è dritta. Difetti: Stop insufficiente. Muso: Di media lunghezza; la distanza tra la punta del tartufo e lo stop è uguale alla distanza dallo stop all occipite. Il muso è di media lunghezza e si restringe gradatamente verso il tartufo, con la punta né appuntita, né squadrata. Difetti: muso troppo appuntito o troppo rozzo; muso troppo corto o troppo lumgo. Tartufo: Nero in cani grigi, marrone scurissimo o nero negli altri; fegato in cani copper (rosso, rame fulvo e marrone); può essere color carne in cani con mantello bianco puro. La striscia rosa naso da neve è ammessa. Labbra: sono ben pigmentate e combaciano perfettamente Denti: si chiudono a forbice. Difetti: Ogni altra chiusura che non sia a forbice Insieme alle proporzioni del corpo, alla taglia complessiva ed alla tessitura del mantello, la testa è l indicatore primario del tipo di una razza ed è una componente molto importante nel giudizio di qualunque cane di razza. Questo comunque non sempre è vero, per esempio un Siberian sarebbe molto in difficoltà se dovesse vivere in una zona con clima artico con il solo ausilio di un paio di orecchie ben fornite di pelo e si potrebbero scrivere interi romanzi sul fatto che un orecchio piccolo, a differenza di quello del pastore tedesco, risulta più protetto dal freddo, o come un orecchio eretto è generalmente più efficiente e meno soggetto ad infezioni di un orecchio pendente. Inoltre è stato ipotizzato da Richard e Alice Fiennes, nel loro libro The Natural History of Dogs, che lo stop ben definito richiesto dallo standard del Siberian consente il massimo sviluppo dei seni (cavità) frontali che intrappolano l aria calda esalata formando così un cuscinetto tiepido a protezione degli occhi e della parte frontale del cervello e nel contempo riscaldano l aria inalata dal naso. Diversi mushers veterani come Roland Lombard hanno sostenuto che un muso più corto di quello richiesto dallo standard non riuscirebbe sufficientemente a riscaldare l aria prima del suo ingresso nei seni frontali. La necessità di labbra ben aderenti sarebbe dettata dal fatto che il cane, con temperature al di sotto dello zero, è capace di lavorare con la bocca chiusa, come hanno notato i primi appassionati della razza, evitando così di far gelare i polmoni. La chiusura a forbice è la più efficace per strappare, lacerare e mangiare e forse, cosa ancor più importante, per recidere il cordone ombelicale durante il parto. La testa di medie proporzioni, come la lunghezza media del collo richiesta più tardi dallo standard, è ottimale per la resistenza, poiché testa e collo svolgono una funzione importante nel mantenimento dell equilibrio nel movimento dell anteriore del cane. Si può inoltre affermare che l occhio a mandorla richiesto dallo standard è il tipo di occhio che viene più facilmente protetto trovandosi tra l osso frontale e l arco zigomatico (osso della guancia), infatti questo tipo di occhio è quello che si riscontra più comunemente nei canidi selvatici; l inserzione leggermente obliqua dell occhio e quella molto alta delle orecchie risiedono nell ambito del puro gradimento estetico. Ma poiché sono queste le caratteristiche che furono riscontrate nei primissimi esemplari e poiché esse si annoverano tra le caratteristiche che distinguono i Siberian dai cugini Malamute e dai Samoiedo, il richiedere che vengano conservate trova una certa giustificazione. 3

4 NECK, TOPLINE, BODY COLLO, LINEA DORSALE, TRONCO Neck: Medium in legth, arched and carried proudly erect when dog is standing. When moving at a trot, the neck is extended so that the head is carried slightly forward. Faults: Neck too short and thick; neck too long. Chest: Deep and strong, but not too broad, with the deepest point being just behind the level with the elbows. The ribs are well-sprung from the spine but flat-tened on the sides to allow for freedom of action. Faults: Chest too broad; barrel ribs ; ribs too flat or weak. Back : The back is straight and strong, with a level topline from whithers to croup. It is of medium length, neither cobby nor slack from excessive length. The loin in taut and lean, narrower than the rib cahìge, and with a slight turck-up. The croup slopes away from the spine at an angle, but never so steeply as to restrict the rearward thrust of the hind legs. Faults: Weak or slack back; roached back: sloping topline. Collo: Di media lunghezza, arcuato e portato orgogliosamente eretto quando il cane è in stazione. Quando inizia a trottare il collo si estende e quindi la testa è portata leggermente in avanti. Difetti: Collo troppo corto e grosso; collo troppo lungo. Torace: Profondo e forte, ma non troppo largo, con il punto più basso che deve essere appena dietro e allo stesso livello del gomito. Le costole escono ben arrotondate dalla colonna vertebrale, ma si appiattiscono sui fianchi per consentire libertà di movimento. Difetti: Torace troppo largo; torace a botte; costole troppo piatte o deboli. Schiena: La schiena è dritta e solida, con la linea dorsale orizzontale dal garrese alla groppa. E di media lunghezza, né troppo corta né cedevole per l eccessiva lunghezza del rene. Il rene è teso e asciutto, più stretto della cassa toracica, leggermente retratto. La groppa degrada dalla spina dorsale (è leggermente inclinata rispetto alla colonna vertebrale N.d.T.), ma non è mai così cascante da limitare la spinta delle gambe posteriori. Difetti: Schiena debole o cedevole; dorso di capra; linea dorsale discesa. Il collo è di primaria importanza perché impedisce al cane di cadere in avanti mentre il posteriore lo spinge. I muscoli attaccati proprio alla base del cranio sollevano gli arti anteriori e li spingono avanti e indietro. La forza di questi muscoli è visibile nel collo arcuato quando il cane è fermo in stazione in attenzione ed entrano in gioco quando il cane lavora in quanto è necessario che testa e collo si tendano in avanti per una resa ottimale. Nel Siberian si richiede un collo di media lunghezza semplicemente perché, come il cranio medio, l ossatura media, etc. questa è la misura più efficiente per velocità e resistenza. Il petto ospita il cuore e i polmoni e perciò deve essere sufficientemente ampio per concedere loro un buon spazio: in una razza destinata ad una grande agilità durante il galoppo, il petto non deve essere però troppo largo e il torace ha costole che escono ben arrotondate appiattendosi sui fianchi per non ostacolare il movimento degli arti anteriori. Questo vale anche per la profondità del petto; secondo Roland Lombard, probabilmente, non c è mai stato un cane da slitta con il petto più basso dei suoi gomiti. Infatti, in un Siberian Husky ben costruito, è probabilmente soltanto il pelo che fa sembrare il suo petto a livello del gomito, mentre il petto vero e proprio è ben più in alto e distante. La linea dorsale del cane dalla base del collo alla parte terminale della groppa forma una specie di S aperta che, quando il cane è in movimento, permette all energia di correre avanti come una sorta di doppia onda ascendente attraverso la groppa, il rene e la parte centrale della schiena fin su al collo. Così, sebbene lo standard richieda una linea dorsale orizzontale (dando ovviamente per scontata l esistenza delle curve fisiologiche della colonna vertebrale - n.d.t.) ciò che s intende è in realtà la somiglianza con una linea dorsale orizzontale, poiché in effetti la spina dorsale si infossa in avanti partendo dal garrese sopra le spalle prima di innalzarsi a formare quell arco della spina dorsale che crea quella ritrazione a livello del rene. Quest arco è il fulcro del trasferimento di energia dal posteriore all anteriore, e nel vero galoppatore quei muscoli saranno assai potenti. La seconda e ultima parte dello standard sarà pubblicata sul prossimo numero del bollettino, completa di tutti i disegni illustrativi di Richard K.La Branche, tratti da Siberian Husky Illustrated pubblicato nel 1981 dal Siberian Husky Club of America. 4

5 T A I L The well-furred tail of fox-brush shape is set on just below the level of the topline, and is usually carried over the back in a graceful sickle curve when the dog is at attention. When carried up, the tail does not curl to either side of the body, nor does it snap flat against the back. A trailing tail is normal for the dog when working or in repose. Hair on the tail is of medium length and approximately the same length on top, sides and bottom, giving the appearance of a round brush. Faults: A snapped or tightly curled tail; highly plumed tail; tail set too low or too high. CODA A coda di volpe ben fornita di pelo, è inserita appena sotto la linea dorsale e, quando il cane è in attenzione, è normalmente portata alta formando una graziosa curva a forma di falce. Quando è portata alta la coda non si curva né da una parte né dall altra del corpo, e neppure deve appoggiarsi piatta sul dorso. Una coda abbandonata, lasciata cadere (trailing) è normale quando il cane lavora o è in riposo. Il pelo della coda è di media lunghezza ed è approssimativamente della medesima lunghezza nella parte superiore, inferiore e di lato, dall aspetto di una spazzola rotonda. Difetti: Coda appoggiata sul dorso o arrotolata; coda frangiata; coda attaccata troppo alta o troppo bassa. Capita sovente, a bordo ring, di sentire questo commento: un cane non corre con la coda, ma trascurare l inserzione della coda o il suo portamento nel giudizio del cane, è come saltare l ultimo capitolo di un romanzo. Sono pochi i bei romanzi che hanno un brutto capitolo finale e pochi i romanzi mediocri che hanno finali particolarmente belli. L esigenza di una coda a strascico è quindi intimamente collegata a quanto si richiede per le parti più ovviamente funzionali del corpo. L inserzione della coda a strascico, per esempio, dipende dall angolo della groppa, poiché una groppa dolcemente digradante pone le basi per una coda inserita proprio appena al di sotto della linea dorsale. Il portamento della coda d altra parte, dice molto sulle condizioni dei muscoli della spina dorsale, poiché una coda sfilata o storta da una parte o dall altra è causata da scarsa muscolatura. E poiché questi muscoli che controllano il portamento della coda influiscono anche sulla propulsione del cane, è improbabile che muscoli non efficienti per una funzione, lo siano di più per un altra. La coda perciò è molto di più che una parte decorativa; piuttosto è una specie di commento a quanto l ha preceduta. Così, anche se è vero che un cane non corre con la coda, è ugualmente vero che un cane che corre bene esibirà normalmente una buona inserzione e un buon portamento della coda. Inoltre la caratteristica forma e portamento della coda del Siberian Husky hanno anche un altra funzione specifica; sappiamo infatti che questa spazzola fitta era necessaria per coprire il naso del cane quando dormiva a temperature sotto lo zero e inoltre che il particolare portamento al di sopra della schiena o dritto come una scia evitava alla coda di rimanere impigliata nelle imbragature (molti cani, frutto di incroci, dovevano aver la coda mozzata per evitare questo problema). La richiesta di una forma a spazzola piuttosto che di una coda piumata è semplicemente coerente con la lunghezza media del mantello che in seguito fu richiesta dallo standard. FOREQUARTERS Shoulders: The shoulder blade is well laid back. The upper arm angles slightly backward from point of shoulder to elbow, and is never perpendicular to the ground. The muscles and ligaments holding the shoulder to the rib cage are firm and well-developed. Faults: Straight shoulders; loose shoulders. A N T E R I O R I Spalle: La scapola è ben inclinata all indietro. Il braccio forma un angolo leggermente arretrato dalla punta della spalla al gomito, e non è mai perpendicolare al terreno. I muscoli e i legamenti che uniscono la spalla alla cassa toracica sono solidi e ben sviluppati. Difetti: Spalle dritte; spalle cedevoli. 5

6 Forelegs: When standing and viewed from the front, the legs are moderately spaced, parallel and straight, with elbows close to the body and turned neither in nor out. Viewed from the side, pasterns and slightly slanted, with pastern joint strong, but flexible. Bone is substantial but never heavy. Length of the leg from elbow to ground is slightly more than the distance from the elbow to the top of withers. Dew-claws on forelegs may be removed. Faults: Weak pasterns; too heavy bone; too narrow or too wide in the front; out at the elbows. Feet: Oval in shape, but not long. The paws are medium in size, compact and wellfurred between the toes and pads. The pads are tough and thickly cushioned. The paws neither turn in nor out when dog is in natural stance. Faults: Soft or splayed toes; paws too large and clumsy; paws too small and delicate; toeing in or out. Arti Anteriori: Quando il cane è in stazione e visto di fronte, le gambe sono moderatamente distanziate, parallele e dritte, con i gomiti aderenti al corpo e non sono girate né all interno né all esterno. Visti lateralmente, i metacarpi sono leggermente inclinati, con un articolazione carpo-meta-carpica forte ma flessibile. La lunghezza dell arto dal gomito a terra è appena superiore alla distanza dal gomito al punto più alto del garrese. Gli speroni delle zampe anteriori possono essere amputati. Difetti: Metacarpi deboli; ossatura troppo pesante; anteriori troppo stretti o troppo larghi; gomiti in fuori. Piedi: Di forma ovale ma non allungati. Sono di media grandezza, compatti e ben forniti di pelo tra le dita e i cuscinetti plantari. I cuscinetti plantari sono forti e spessi. Quando il cane è in stazione i piedi non devono essere girati né all interno né all esterno. Difetti: Piedi cedevoli o con dita aperte; piedi troppo grandi o di brutta forma; piedi troppo piccoli o delicati; piedi rivolti all interno o all esterno. Nel richiedere una spalla ben arretrata, lo standard intende una scapola che formi approssimativamente un angolo di gradi con la perpendicolare al terreno, e forse quella di 35 gradi è l angolazione ideale. Questo angolo ottimale dai 30 ai 35 gradi poi si riscontra quando il calcagno è collocato proprio sotto il centro della scapola e non quando i piedi sono molto in avanti come si vede talvolta nei rings quando l handler sistema l appiombo anteriore. Ecco perché si richiede anche che l omero formi un angolo all indietro verso il gomito e che non sia perpendicolare al terreno, poiché un cane con la spalla dritta può venir presentato in modo tale da far sembrare che la spalla sia ben retratta portandogli la zampe anteriori in avanti e ruotando così la spalla all indietro. Il risultato sarà comunque quello di portare l omero perpendicolare al terreno. Ma sono i muscoli, i tendini e i legamenti e il loro modo di funzionare ad avere un enorme importanza. Un assetto anteriore è buono soltanto quando funziona ed è mentre il cane si muove che si può apprezzarne la spalla, la sua scioltezza, la rotazione della scapola, l assorbimento dell impatto e la fluidità della linea dorsale. Al tatto una buona spalla ha buona muscolatura, più grande è la scapola, più grande è l area di aderenza per il muscolo. E quanto più fluidamente il collo si fonde con la linea dorsale tanto meglio è, sia in stazione che in moto. Le ossa delle zampe anteriori del Siberian Husky dovrebbero essere come talvolta vengono chiamate, cioè blended (appiattite come una lama N.d.T.) ossia di forma ovale come i piedi e un po spigolose frontalmente. Sono moderatamente distanziate /più o meno la misura di un pugno chiuso della mano) per avere la massima efficienza. I pasturali sono leggermente in avanti per la massima resistenza e flessibilità e l osso è di media grandezza. I piedi del Siberian sono a loro volta la sua vita e devono essere forti, ovali e assolutamente né piccoli né rotondi, benché alcuni giudici trovino attraenti dei piedi piccoli come quelli di un gatto. I piedi piccoli si feriscono facilmente e i piedi piccoli con le dita più corte offrono meno flessibilità e resistenza e di solito anticipano pasturali corti e diritti. E naturalmente, anche se i cani possono essere piazzati nei ring con le zampe ben diritte in avanti, la posizione più naturale del piede di un Siberian ben costruito ha circa un angolo di 10 gradi in fuori, altrimenti quando i piedi convergono durante il movimento, le forti dita centrali non si appoggiano al suolo puntando diritto in avanti e assorbendo tutto lo sforzo. 6

7 H I N D Q U A R T E R S P O S T E R I O R I When standing and viewed from the rear, the hind legs are moderately spaced and parallel. The upper thighs are well-muscled and powerful, the stifles well-bent, the hock joint well-defined and set low to the ground. Dew-claws, if any, are to be removed. Faults: Straight stifles, cowhocks, too narrow or too wide in the rear. In stazione e viste dal di dietro le gambe posteriori sono moderatamente distanziate e parallele. Le cosce sono ben muscolose e potenti, il ginocchio ben angolato, l articolazione del garretto ben definita e bassa sul terreno. Gli speroni, se presenti, devono essere rimossi. Difetti: Ginocchio diritto, posteriori vaccini, troppo chiusi o troppo aperti. La descrizione del treno posteriore è ancora una volta nell interesse della velocità e della resistenza. Gli animali con i garretti più alti, come i conigli, corrono veloci ma si stancano facilmente. I pasturali corti significano resistenza. Ma se lo standard richiede un garretto basso, val la pena di notare che Doc Lombard ammonisce contro un pasturale posteriore troppo corto e contro un articolazione del garretto troppo bassa, poiché si perde troppa velocità. COAT The coat of the Siberian Husky is double and medium in length, giving a well-furred appareance, but is never so long as to obscure the clean-cut outline of the dog. The undercoat is soft and dense and of sufficient length to support the outer coat. The guard hairs of the outer coat are straight and somewhat smooth-lying, never harsh nor standing straight off from the body. It should be noted that the absence of the undercoat during the shedding season in normal. Trimming of the whiskers and fur between the toes and around the feet to present a neater apparence is permissible. Trimming of the fur on any other part of the dog is not to be condoned and should be severely penalized Faults: Long, rough, or shaggy coat; texture too harsh or too silky; trimming of the coat, except as permitted above. COLOR All colors from black to pure white are allowed. A variety of markings on the head is common, including many striking patterns not found in other breeds. M A N T E L L O Il mantello del Siberian Husky è doppio e di media lunghezza simile ad una folta pelliccia, ma mai così lungo da nascondere il profilo nitido del cane. Il sottopelo è soffice è denso, di una lunghezza sufficiente a sostenere il pelo di guardia. I peli di guardia del mantello esterno sono lisci e leggermente coricati, mai ispidi né ritti in fuori rispetto al corpo. L assenza di sottopelo durante la muta è normale. E permesso pareggiare i mustacchi e il pelo tra le dita e intorno ai piedi. Non deve essere permesso pareggiare il mantello in ogni altra parte del cane e ciò deve essere severamente penalizzato. Difetti: Pelo lungo, ruvido o ispido; tessitura troppo dura o troppo setosa; pareggiare il pelo ad eccezione di dove è permesso. COLORE Sono ammessi tutti i colori dal nero al bianco puro. E comune riscontrare diverse maschere sulla testa, compresi molti disegni tipici che non si trovano in altre razze. Il mantello del Siberian Husky è unico tra le razze nordiche per la sua media lunghezza, perché sia i Malamute sia i Samoiedo hanno un pelo un po più lungo e frangiato; la ragione di questa differenza sta prima di tutto nella differenza di clima delle regioni in cui questi cani furono originariamente allevati. Nel caso del Siberian le condizioni specifiche del clima e del terreno facevano si che la formazione di grumi di neve su un mantello lungo fosse un pericolo frequente. Così, volutamente o no, i Chukchi selezionarono per i loro cani un mantello che potesse contrastare sia il gelo dell artico sia prevenire la formazione di grumi di neve. Ed è per questa ragione che il mantello lungo, frangiato o ruvido è particolarmente penalizzato dallo standard.ciononostante esiste un limite alla lunghezza del mantello, probabilmente da 2,54 cm. circa a 7,62, che è considerato tipico del Siberian finché la linea del cane non viene a mancare di nitidezza e la tessitura rimane corretta. 7

8 G A I T The Siberian Husky s characteristic gait is smooth and seemingly effortless. He is quick and light on his feet, and when in the show ring should be gaited on a loose lead at a moderately fast trot, exhibiting good reach in the forequarters and good drive in the hindquarters. When viewed from the front to rear while moving at a walk, the Siberian Husky does not single-track, but as the speed increases the legs gradually angle inward until the pads are falling on a line directly under the longitudinal center of the body. As the pad marks converge, the forelegs and hing legs are carried straight forward, with neither elbows nor stifles turned in or out. Each hind leg moves in the path of the foreleg on the same side. While the dog is gaiting, the topline remains firm and level. Faults: Short, prancing or choppy gait, lumbering or rolling gait; crossing or crabbing. M O V I M E N T O Il movimento caratteristico del Siberian Husky è regolare e apparentemente senza sforzo. E scattante e leggero sugli arti e quando è nel ring deve essere condotto a guinzaglio molle ad un trotto moderatamente veloce in modo da mostrare una buona estensione degli anteriori e una buona spinta dei posteriori. Visto al passo mentre viene verso di noi il Siberian Husky non realizza il single-track, ma man mano che la velocità aumenta, gli arti si inclinano gradualmente verso l interno fino a quando i piedi si allineano sotto l asse longitudinale del corpo. Quando le impronte convergono, le zampe anteriori e le zampe posteriori vengono portate dritte in avanti con i gomiti e le ginocchia che non girano né all interno né all esterno. Ogni arto posteriore si pone sull orma dell arto anteriore dello stesso lato. Quando il cane trotta, la linea dorsale è ferma e dritta. Difetti: Movimento corto, saltellante, arti che si muovono a scatti verso l esterno, andatura pesante o che rolla; passo che incrocia o andatura a granchio. Ad eccezione di pochi compromessi fatti nell interesse del tipo e del suo miglioramento, tutto nello standard ha portato finora all esigenza di un movimento fluido e apparentemente senza sforzo. In altre parole, ecco dove la frase l intero equivale alla somma delle parti è particolarmente importante, anzi fondamentale, il cane in movimento è tutto il cane. L equilibrio è la chiave del movimento, in altre parole un cane che sia leggermente scarso di angoli ma ben bilanciato, davanti e dietro, si muoverà probabilmente meglio e sarà preferibile ad un cane più angolato davanti e dietro. L esigenza del single tracking e la richiesta che le zampe posteriori seguano sulla stessa linea quelle anteriori è nell interesse dell efficienza. Un cane più angolato davanti che dietro per esempio, probabilmente muoverà a granchio, specialmente se ha una schiena corta e rigida. In altre parole tenderà a muoversi diagonalmente rispetto alla linea di percorso, piazzando i suoi piedi posteriori da una parte o dall altra rispetto ai suoi piedi anteriori per evitare che i piedi posteriori colpiscano quelli davanti. Le andature corte, rampanti o incostanti sono di solito causate da insufficienti angolazioni o da pasturali diritti e poiché questo fa si che il cane saltelli su e giù piuttosto che muoversi correttamente sulla LINEA di lavoro, il cane è inevitabilmente più lento e si stanca più rapidamente. Un andatura pesante o ondeggiante è causata dalla incapacità di un cane a compiere una corretta single tracking o per un ereditaria debolezza di struttura o per scarso tono muscolare. Spesso i cani sovrappeso mostrano questa tendenza e i cuccioli spesso tendono ad ancheggiare un po prima di sviluppare muscoli e coordinazione adeguati. Poiché questo tipo di movimento produce anche movimento in una direzione al di fuori della linea di percorso, esso è meno che efficiente. Lo stesso dicasi per qualunque movimento delle gambe diverso da quello che porta diritto in avanti verso un punto che sta direttamente sotto il centro longitudinale del corpo. Ricordo che lo standard richiede equilibrio e potenza, velocità e resistenza, e che questo equilibrio si rifletterà in un cane che è leggero e veloce sui piedi e il cui movimento è apparentemente senza sforzo. T E M P E R A M E N T 8

9 The characteristic temperament of the Siberian Husky is friendly and gentle, but also alert and outgoing. He does not display the possessive qualities of the guard dog, nor is he overly suspicious of strangers or aggressive with other dogs. Some measure of reserve and dignity may be expected in the mature dog. His intelligence, tractability and eager disposition make him an agreeable companion and willing worker. T E M P E R A M E N T O Il temperamento del Siberian Husky è amabile e amichevole, ma nello stesso tempo attento e curioso. Non dimostra le qualità possessive del cane da guardia né è eccessivamente sospettoso con gli estranei o aggressivo con gli altri cani. Nel cane adulto si può riscontrare una certa riservatezza e dignità. La sua intelligenza, docilità e disponibilità fanno di lui un compagno amabile e un lavoratore generoso. Il temperamento è della massima importanza nel Siberian Husky. Un cane aggressivo non è un cane da muta e poiché il Siberian è un cane da slitta qualunque segno di aggressività verso gli altri cani dovrebbe essere severamente penalizzato. E stato notato in difesa dei cani più aggressivi che la maggioranza delle antiche mute dei Chukchi erano formate da cani tutti castrati eccetto il cane di testa. Ci sono consistenti prove comunque che questi cani non fossero castrati per evitare le risse ma perché un cane castrato, avendo un metabolismo più lento, richiede relativamente meno cibo. Questo inoltre fa si che solo i cani migliori siano adibiti alla riproduzione. S U M M A R Y The most important breed characteristics of the Siberian Husky are medium size, moderate bone, well balanced proportions, ease anf freedom of movement, proper coat, pleasing head and ears, correct tail and good disposition. Any appearance of excessive bone or weight, constricted or clumsy gait, or long, rough coat should be penalized. The Siberian Husky never appears so heavy or coarse as to suggest a freighting animal; nor is he so light and fragile as to suggest a sprint-racing animal. In both sexes the Siberian Husky gives the appearance of being capable of great endurance. In addition to the faults already noted, obvious structural faults common to all breeds are as undesirable in the Siberian Husky as in any other breed, even though they are not specifically mentioned herein. R I A S S U N T O Le caratteriste di razza più importanti del Siberian Husky sono la taglia media, l ossatura media, le proporzioni ben bilanciate, facilità e libertà di movimento, mantello corretto, testa e orecchie piacevoli, coda corretta e un buon temperamento. Ogni segno di eccesso di peso o di ossatura, di movimento legato e grossolano, di mantello lungo e ispido deve venire penalizzato. Il Siberian Husky non ha mai un aspetto così pesante e grossolano da ricordare un animale che traina grossi pesi, ma neppure così leggero e fragile da ricordare un animale concepito per le corse di velocità su brevi distanze. In entrambi i sessi il Siberian Husky dà l impressione di essere capace di grande resistenza. In aggiunta ai difetti precedentemente ricordati, gli evidenti difetti strutturali comuni a tutte le razze sono indesiderabili nel Siberian Husky come nelle altre razze anche se non sono stati qui specificatamente ricordati. IL GIUDIZIO I cani di razza vengono giudicati nel ring in base ad un criterio comparativo per cui ogni cane rispetto ad un altro viene giudicato più o meno corrispondente allo standard. Il giudice poi deve ricorrere al confronto con le aree più indefinibili dell estetica canina come portamento ed andatura, alla ricerca di quello che il famoso giudice William Kendrick ama chiamare la maestosità dell aquila, oppure può far ricorso a parametri più tecnici e strutturali e scegliere tra un certo numero di cani che muovono bene e sono armoniosi quello che gli sembra il miglior esemplare in quanto a movimento. Questa vastità di criteri nella scelta di un vincitore è l essenza di un esposizione canina, ed è proprio questo insieme di criteri che viene riportato in uno standard di razza. 9

10 Orecchie di giusta forma e posizione Testa corretta Testa corretta Linea dorsale diritta e solida Linea dorsale eccessivamente lunga Linea dorsale troppo corta Code corrette: in attenzione a riposo quando lavora Movimento corretto: del posteriore dell anteriore visto lateralmente I disegni sono di Richard K.La Branche, tratti da Siberian Husky Illustated pubblicato nel 1981 dal SIBERIAN HUSKY CLUB OF AMERICA 10

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

Guida di lavoro per gli studenti

Guida di lavoro per gli studenti Guida di lavoro per gli studenti LIFE08 NAT IT/000325 WOLFNET Development of coordinated protection measures for Wolf in Apennines Sviluppo di misure coordinate di protezione per il lupo in Appennino Carta

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply

Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply Bollettino Istruzioni 5.31 Aprile 2003 Applicazione delle grafiche con caratteristiche Comply Informazioni generali I films 3M a tecnologia Comply rendono le applicazioni più facili per raggiungere un

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E

1865 SARDINIA 1. COMPONENTI DEL GIOCO 2. PREPARAZIONE. 1865: Sardinia Rules Summary. Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E 1865 SARDINIA Sunto del regolamento in italiano; Versione regole originali E Attenzione: il regolamento originale va comunque letto. Il presente sunto ha il solo scopo di fare da introduzione e veloce

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri

Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri Gel Tip Overlay bianco e rosa Regole, istruzioni per i giudici e criteri 1 Regole 3 ore per completare 2 mani. Queste sono unghie da competizione quadrate tradizionali. Alle unghie devono essere applicati

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO. DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP

REGOLAMENTO TECNICO. DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP REGOLAMENTO TECNICO DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP 1 SEZIONE 1 1. ANNO DI ATTIVITA 1.1 L anno di attività è il periodo in cui vengono svolte tutte le attività di carattere Propedeutico, Formativo,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI. Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali.

DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI. Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali. DAI DINOSAURI AI RETTILI ATTUALI Analogie e differenze tra dinosauri e rettili attuali. Temi sviluppati: Lucertole o dinosauri? Grandi differenze e analogie tra rettili attuali e dinosauri Grado di parentela

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED

Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Così lo screening cutaneo diventa rapido, semplice e chiaro. HEINE DELTA 20 Plus Dermatoscopio a LED Era considerato insuperabile. Ora lo abbiamo reso ancora migliore. MIGLIORE IN OGNI PARTICOLARE, IMBATTIBILE

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli