STANDARD SIBERIAN HUSKY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STANDARD SIBERIAN HUSKY"

Transcript

1 PREMESSA Per la traduzione dello standard riportiamo da Il Siberian Husky di Filippo Cattaneo - Manuali Sonzogno, da Il Grande Libro dei Cani da Slitta di Valeria Rossi e da Il Grande Libro del Siberian Husky di Jessica Vallerino - entrambi De Vecchi Editore, quanto segue: Lo standard della razza attualmente in vigore è quello approvato dall American Kennel Club il 28 novembre 1990 e adottato dalla Federazione Cinologica Internazionale (Fci) e dall Ente Nazionale della Cinofilia Italiana (ENCI). Non eistendo una traduzione ufficiale dello standard in italiano (l ENCI riconosce solo quella nelle lingue ufficiali della Fci - inglese e francese), e poichè le traduzioni esistenti (quella del Club Italiano Razze Nordiche, quella del testo Il Siberian Husky di D.Grandjean e quella presente ne I cani del Gande Nord di Piero Renai della Rena) sono tra loro differenti anche in alcuni punti qualificanti, è stata tentata, da alcuni allevatori (Valeria Rossi all.to di Ferranietta, Maura Bensi Allegri all.to del Gran Canyon, Jessica Nazarri Vallerino all.to delle Ombre Lunghe, Adele Oldani e Filippo Cattaneo all.to del Keral ghin in un incontro cui erano stati convocati anche alltri allevatori: Marginone, Navajos, Vanisella...), una nuova traduzione il più fedele possibile all originale. Per il commento allo standard è stato utilizzato il testo di Mr.Michael Jennings - allevatore e giudice americano (trad.tony Vajani) riportato nel suo libro The New Complete Siberian Husky pubblicato in seconda edizione nel 1991 dall Howell Book House. GENERAL APPARENCE The Siberian Husky is a medium-sized working dog, quick and light on is feet and free and graceful in action. His moderately compact and well-furred body, erect ears and brush tail suggest his Northern heritage. His characteristic gait is smooth and seemingly effortless. He performs his original function in harness most capably, carrying a light load at moderate speed over great distances. His body proportions and form reflect this basic balance of power, speed and endurance. The males of the Siberian Husky breed are masculine but never coarse; the bitches are feminine but without weakness of structure. In proper condition, with muscle firm and welldeveloped, the Siberian Husky does not carry excess weight. A S P E T T O G E N E R A L E Il Siberian Husky è un cane da lavoro di media taglia, dall aspetto generale scattante e agile e dal movimento sciolto ed elegante. Il suo corpo moderatamente compatto e ben fornito di pelo, le orecchie erette e la coda a spazzola ricordano l eredità del Nord. Il suo movimento è scorrevole e apparentemente senza sforzo. E in grado di svolgere ottimamente la sua funzione di cane da slitta trainando per lunghe distanze un carico leggero a moderata velocità Le proporzioni e la forma del suo corpo riflettono questo basilare equilibrio di forza, velocità e resistenza. I maschi della razza Siberian Husky sono mascolini ma mai rozzi, le femmine sono femminili, ma senza debolezza di struttura. In buone condizioni, con muscoli solidi e ben sviluppati, il Siberian Husky non deve avere peso superfluo. : Il Siberian Husky è, in poche parole, un cane inventato da un indiano, un animale estremamente frugale, allevato per un ambiente duro; in questa semplice descrizione è contenuta l essenza di quella moderazione che farebbe piacere al più rigido degli aristotelici. Nello spazio di poche righe troviamo che il Siberian è di media taglia moderatamente compatto, riflette un equilibrio di potenza, velocità e resistenza, che i maschi sono mascolini ma non rozzi e le femmine femminili senza debolezza di struttura, che entrambi devono essere asciutti e non avere eccesso di peso. Troviamo anche le ragioni di queste prescrizioni: la funzione originaria del Siberian Husky era quella di trasportare un carico leggero a velocità moderata su lunghe distanze. Questa frase è tremendamente importante per comprendere la conformazione del Siberian, poiché, sebbene abbia guadagnato grande fama nel campo dell eplorazioni artiche ed antartiche e nel mondo delle corse di sleddog, esso non è stato creato né come cane da tiro né come sprinter (da velocità). E stato allevato per trainare carichi leggeri per lunghe distanze, spesso fino a 100 miglia al giorno: un lavoro che richiedeva un cane che fosse veloce e leggero sui piedi, libero e aggraziato nel movimento. Qualunque cosa fosse pesante o rozza nel movimento non riuscirebbe a mantenere il passo che si richiede a questi cani; qualunque cosa fosse troppo raffinata mancherebbe della necessaria potenza di traino e di robustezza. 1

2 S I Z E - P R O P O R T I O N - S U B S T A N C E Height Dogs, 21 to 23 ½ inches at the withers. Bitches, 20 to 22 inches at the withers. Weight Dogs, 45 to 60 pounds. Bitches, 35 to 50 pounds. Weight in proportion to height. The measurements mentioned above represent the extreme height and weight limits, with no preference given to either extreme. In profile, the length of the body from the point of the shoulder to the rear point of the croup in slightly longer than the height of the body from the ground to the top of the withers. Disqualification: Dogs over 23 ½ inches and bitches over 22 inches. T A G L I A - P R O P O R Z I O N I - S O S T A N Z A Altezza Maschi: da 53,34 cm. a 59,69 al garrese Femmine: da 50,80 cm. a 55,88 cm. al garrese. Peso Maschi: 20,43 Kg. a 27,24 Kg. Femmine: da 15,87 Kg. a 22,68 Kg. Il peso è proporzionato all altezza. Le misure menzionate sopra rappresentano i limiti estremi di altezza e di peso e tra questi due estremi non ve ne è uno da preferire. Di profilo, la lunghezza del corpo dalla punta della spalla alla punta ischiatica della natica è leggermente superiore all altezza del corpo dal terreno al punto più alto del garrese. Squalifica: maschi più alti di 59,69 cm. e femmine più alte di 55,88 cm La taglia è una caratteristica fondamentale per il Siberian Husky ed è altrettanto importante per la sua funzionalità quanto l inserzione delle orecchie o la tessitura del mantello. Un cane più piccolo di quello previsto dallo standard mancherà della potenza necessaria ad un buon cane da slitta, mentre un cane più grande mancherà di velocità e resistenza. Così, ancora una volta, è la moderazione il requisito necessario per valutare un soggetto e non vi sarà alcuna preferenza per nessuno dei due estremi indicati dallo standard. E importante tener presente questo fatto dato che, in una classe di numerosi soggetti, gli esemplari più grandi balzano subito all occhio grazie alla loro mole. Comunque un maschio di 59,69 cm. al garrese non è assolutamente preferibile in una muta ad uno alto 55,88 cm. Non dobbiamo dimenticarci che Togo pesava solamente 48 pounds (nemmeno 22 Kg.) E anche interessante notare come, grazie al costante mantenimento della taglia media, gli appassionati siano riusciti fino ad ora ad evitare quella miriade di problemi comuni ad altre razze di taglia maggiore, come la displasia e l osteocondrite, che rimangono abbastanza rare nella nostra razza. H E A D Expression:Is keen, but friendly; interested and even mischievous. Eyes: Almond shaped, moderately spaced and set a trifle obliquely. Eyes may be brown or blue in color; one of each or parti-colored are acceptable. Faults: Eyes set too obliquely; set too close together. Ears: Of medium size, triangular in shape, close fitting and set high on the head. They are thick, well-furred, slightly arched at the back, and strongly erect, with slightly rounded tips pointing straight up. Faults: Ears too large in proportion to the head; to wide set; not strongly erect. TESTA Espressione: L espressione è viva ma amichevole, interessata e perfino maliziosa. Occhi: A forma di mandorla, moderatamente distanziati e inseriti appena obliquamente. Gli occhi possono essere marroni o azzurri; sono ammessi occhi di colore diverso o con entrambi i colori nello stesso occhio. Difetti: occhi inseriti troppo obliquamente; inseriti troppo vicini. Orecchie: Di media grandezza, di forma triangolare, impiantate vicine e posizionate alte sulla testa. Sono spesse, ben fornite di pelo, un po arcuate nella parte posteriore, decisamente erette, con le punte un po arrotondate dirette verso l alto Difetti: Orecchie troppo grandi in proporzione della testa; troppo distanziate; non decisamente erette. 2

3 Skull: Of medium size and in proportion to the body; slightly rounded on top and tapering gradually from the widest point to the eyes. Faults: Head clumsy or heavy; head too finely chiseled. Stop: The stop is well-defined and the bridge of the nose is strainght from the stop to the tip. Faults: Insufficient stop. Muzzle: Of medium length; that is, the distance from the tip of the nose to the stop is equal to the distance from the stop to the occiput. The muzzle is of medium width, tapering gradually to the nose, with the tip neither pointed nor square. Faults: Muzzle either too snipy or too coarse; muzzle too short or too long. Nose: Black in gray, tan or black dogs; liver in copper dogs, may be flesh-colored in pure white dogs. The pink-streaked snow nose is acceptable. Lips: Are well-pigmented and close fitting. Teeth: Closing in a scissors bite. Faults: Any bite other than scissors Cranio: Di media grandezza e proporzionato al corpo; leggermente tondeggiante alla sommità, si restringe gradatamente dal punto più largo verso gli occhi. Difetti: Testa rozza o pesante, testa cesellata troppo finemente. Stop: Lo stop è ben definito e la canna nasale dallo stop alla punta del muso è dritta. Difetti: Stop insufficiente. Muso: Di media lunghezza; la distanza tra la punta del tartufo e lo stop è uguale alla distanza dallo stop all occipite. Il muso è di media lunghezza e si restringe gradatamente verso il tartufo, con la punta né appuntita, né squadrata. Difetti: muso troppo appuntito o troppo rozzo; muso troppo corto o troppo lumgo. Tartufo: Nero in cani grigi, marrone scurissimo o nero negli altri; fegato in cani copper (rosso, rame fulvo e marrone); può essere color carne in cani con mantello bianco puro. La striscia rosa naso da neve è ammessa. Labbra: sono ben pigmentate e combaciano perfettamente Denti: si chiudono a forbice. Difetti: Ogni altra chiusura che non sia a forbice Insieme alle proporzioni del corpo, alla taglia complessiva ed alla tessitura del mantello, la testa è l indicatore primario del tipo di una razza ed è una componente molto importante nel giudizio di qualunque cane di razza. Questo comunque non sempre è vero, per esempio un Siberian sarebbe molto in difficoltà se dovesse vivere in una zona con clima artico con il solo ausilio di un paio di orecchie ben fornite di pelo e si potrebbero scrivere interi romanzi sul fatto che un orecchio piccolo, a differenza di quello del pastore tedesco, risulta più protetto dal freddo, o come un orecchio eretto è generalmente più efficiente e meno soggetto ad infezioni di un orecchio pendente. Inoltre è stato ipotizzato da Richard e Alice Fiennes, nel loro libro The Natural History of Dogs, che lo stop ben definito richiesto dallo standard del Siberian consente il massimo sviluppo dei seni (cavità) frontali che intrappolano l aria calda esalata formando così un cuscinetto tiepido a protezione degli occhi e della parte frontale del cervello e nel contempo riscaldano l aria inalata dal naso. Diversi mushers veterani come Roland Lombard hanno sostenuto che un muso più corto di quello richiesto dallo standard non riuscirebbe sufficientemente a riscaldare l aria prima del suo ingresso nei seni frontali. La necessità di labbra ben aderenti sarebbe dettata dal fatto che il cane, con temperature al di sotto dello zero, è capace di lavorare con la bocca chiusa, come hanno notato i primi appassionati della razza, evitando così di far gelare i polmoni. La chiusura a forbice è la più efficace per strappare, lacerare e mangiare e forse, cosa ancor più importante, per recidere il cordone ombelicale durante il parto. La testa di medie proporzioni, come la lunghezza media del collo richiesta più tardi dallo standard, è ottimale per la resistenza, poiché testa e collo svolgono una funzione importante nel mantenimento dell equilibrio nel movimento dell anteriore del cane. Si può inoltre affermare che l occhio a mandorla richiesto dallo standard è il tipo di occhio che viene più facilmente protetto trovandosi tra l osso frontale e l arco zigomatico (osso della guancia), infatti questo tipo di occhio è quello che si riscontra più comunemente nei canidi selvatici; l inserzione leggermente obliqua dell occhio e quella molto alta delle orecchie risiedono nell ambito del puro gradimento estetico. Ma poiché sono queste le caratteristiche che furono riscontrate nei primissimi esemplari e poiché esse si annoverano tra le caratteristiche che distinguono i Siberian dai cugini Malamute e dai Samoiedo, il richiedere che vengano conservate trova una certa giustificazione. 3

4 NECK, TOPLINE, BODY COLLO, LINEA DORSALE, TRONCO Neck: Medium in legth, arched and carried proudly erect when dog is standing. When moving at a trot, the neck is extended so that the head is carried slightly forward. Faults: Neck too short and thick; neck too long. Chest: Deep and strong, but not too broad, with the deepest point being just behind the level with the elbows. The ribs are well-sprung from the spine but flat-tened on the sides to allow for freedom of action. Faults: Chest too broad; barrel ribs ; ribs too flat or weak. Back : The back is straight and strong, with a level topline from whithers to croup. It is of medium length, neither cobby nor slack from excessive length. The loin in taut and lean, narrower than the rib cahìge, and with a slight turck-up. The croup slopes away from the spine at an angle, but never so steeply as to restrict the rearward thrust of the hind legs. Faults: Weak or slack back; roached back: sloping topline. Collo: Di media lunghezza, arcuato e portato orgogliosamente eretto quando il cane è in stazione. Quando inizia a trottare il collo si estende e quindi la testa è portata leggermente in avanti. Difetti: Collo troppo corto e grosso; collo troppo lungo. Torace: Profondo e forte, ma non troppo largo, con il punto più basso che deve essere appena dietro e allo stesso livello del gomito. Le costole escono ben arrotondate dalla colonna vertebrale, ma si appiattiscono sui fianchi per consentire libertà di movimento. Difetti: Torace troppo largo; torace a botte; costole troppo piatte o deboli. Schiena: La schiena è dritta e solida, con la linea dorsale orizzontale dal garrese alla groppa. E di media lunghezza, né troppo corta né cedevole per l eccessiva lunghezza del rene. Il rene è teso e asciutto, più stretto della cassa toracica, leggermente retratto. La groppa degrada dalla spina dorsale (è leggermente inclinata rispetto alla colonna vertebrale N.d.T.), ma non è mai così cascante da limitare la spinta delle gambe posteriori. Difetti: Schiena debole o cedevole; dorso di capra; linea dorsale discesa. Il collo è di primaria importanza perché impedisce al cane di cadere in avanti mentre il posteriore lo spinge. I muscoli attaccati proprio alla base del cranio sollevano gli arti anteriori e li spingono avanti e indietro. La forza di questi muscoli è visibile nel collo arcuato quando il cane è fermo in stazione in attenzione ed entrano in gioco quando il cane lavora in quanto è necessario che testa e collo si tendano in avanti per una resa ottimale. Nel Siberian si richiede un collo di media lunghezza semplicemente perché, come il cranio medio, l ossatura media, etc. questa è la misura più efficiente per velocità e resistenza. Il petto ospita il cuore e i polmoni e perciò deve essere sufficientemente ampio per concedere loro un buon spazio: in una razza destinata ad una grande agilità durante il galoppo, il petto non deve essere però troppo largo e il torace ha costole che escono ben arrotondate appiattendosi sui fianchi per non ostacolare il movimento degli arti anteriori. Questo vale anche per la profondità del petto; secondo Roland Lombard, probabilmente, non c è mai stato un cane da slitta con il petto più basso dei suoi gomiti. Infatti, in un Siberian Husky ben costruito, è probabilmente soltanto il pelo che fa sembrare il suo petto a livello del gomito, mentre il petto vero e proprio è ben più in alto e distante. La linea dorsale del cane dalla base del collo alla parte terminale della groppa forma una specie di S aperta che, quando il cane è in movimento, permette all energia di correre avanti come una sorta di doppia onda ascendente attraverso la groppa, il rene e la parte centrale della schiena fin su al collo. Così, sebbene lo standard richieda una linea dorsale orizzontale (dando ovviamente per scontata l esistenza delle curve fisiologiche della colonna vertebrale - n.d.t.) ciò che s intende è in realtà la somiglianza con una linea dorsale orizzontale, poiché in effetti la spina dorsale si infossa in avanti partendo dal garrese sopra le spalle prima di innalzarsi a formare quell arco della spina dorsale che crea quella ritrazione a livello del rene. Quest arco è il fulcro del trasferimento di energia dal posteriore all anteriore, e nel vero galoppatore quei muscoli saranno assai potenti. La seconda e ultima parte dello standard sarà pubblicata sul prossimo numero del bollettino, completa di tutti i disegni illustrativi di Richard K.La Branche, tratti da Siberian Husky Illustrated pubblicato nel 1981 dal Siberian Husky Club of America. 4

5 T A I L The well-furred tail of fox-brush shape is set on just below the level of the topline, and is usually carried over the back in a graceful sickle curve when the dog is at attention. When carried up, the tail does not curl to either side of the body, nor does it snap flat against the back. A trailing tail is normal for the dog when working or in repose. Hair on the tail is of medium length and approximately the same length on top, sides and bottom, giving the appearance of a round brush. Faults: A snapped or tightly curled tail; highly plumed tail; tail set too low or too high. CODA A coda di volpe ben fornita di pelo, è inserita appena sotto la linea dorsale e, quando il cane è in attenzione, è normalmente portata alta formando una graziosa curva a forma di falce. Quando è portata alta la coda non si curva né da una parte né dall altra del corpo, e neppure deve appoggiarsi piatta sul dorso. Una coda abbandonata, lasciata cadere (trailing) è normale quando il cane lavora o è in riposo. Il pelo della coda è di media lunghezza ed è approssimativamente della medesima lunghezza nella parte superiore, inferiore e di lato, dall aspetto di una spazzola rotonda. Difetti: Coda appoggiata sul dorso o arrotolata; coda frangiata; coda attaccata troppo alta o troppo bassa. Capita sovente, a bordo ring, di sentire questo commento: un cane non corre con la coda, ma trascurare l inserzione della coda o il suo portamento nel giudizio del cane, è come saltare l ultimo capitolo di un romanzo. Sono pochi i bei romanzi che hanno un brutto capitolo finale e pochi i romanzi mediocri che hanno finali particolarmente belli. L esigenza di una coda a strascico è quindi intimamente collegata a quanto si richiede per le parti più ovviamente funzionali del corpo. L inserzione della coda a strascico, per esempio, dipende dall angolo della groppa, poiché una groppa dolcemente digradante pone le basi per una coda inserita proprio appena al di sotto della linea dorsale. Il portamento della coda d altra parte, dice molto sulle condizioni dei muscoli della spina dorsale, poiché una coda sfilata o storta da una parte o dall altra è causata da scarsa muscolatura. E poiché questi muscoli che controllano il portamento della coda influiscono anche sulla propulsione del cane, è improbabile che muscoli non efficienti per una funzione, lo siano di più per un altra. La coda perciò è molto di più che una parte decorativa; piuttosto è una specie di commento a quanto l ha preceduta. Così, anche se è vero che un cane non corre con la coda, è ugualmente vero che un cane che corre bene esibirà normalmente una buona inserzione e un buon portamento della coda. Inoltre la caratteristica forma e portamento della coda del Siberian Husky hanno anche un altra funzione specifica; sappiamo infatti che questa spazzola fitta era necessaria per coprire il naso del cane quando dormiva a temperature sotto lo zero e inoltre che il particolare portamento al di sopra della schiena o dritto come una scia evitava alla coda di rimanere impigliata nelle imbragature (molti cani, frutto di incroci, dovevano aver la coda mozzata per evitare questo problema). La richiesta di una forma a spazzola piuttosto che di una coda piumata è semplicemente coerente con la lunghezza media del mantello che in seguito fu richiesta dallo standard. FOREQUARTERS Shoulders: The shoulder blade is well laid back. The upper arm angles slightly backward from point of shoulder to elbow, and is never perpendicular to the ground. The muscles and ligaments holding the shoulder to the rib cage are firm and well-developed. Faults: Straight shoulders; loose shoulders. A N T E R I O R I Spalle: La scapola è ben inclinata all indietro. Il braccio forma un angolo leggermente arretrato dalla punta della spalla al gomito, e non è mai perpendicolare al terreno. I muscoli e i legamenti che uniscono la spalla alla cassa toracica sono solidi e ben sviluppati. Difetti: Spalle dritte; spalle cedevoli. 5

6 Forelegs: When standing and viewed from the front, the legs are moderately spaced, parallel and straight, with elbows close to the body and turned neither in nor out. Viewed from the side, pasterns and slightly slanted, with pastern joint strong, but flexible. Bone is substantial but never heavy. Length of the leg from elbow to ground is slightly more than the distance from the elbow to the top of withers. Dew-claws on forelegs may be removed. Faults: Weak pasterns; too heavy bone; too narrow or too wide in the front; out at the elbows. Feet: Oval in shape, but not long. The paws are medium in size, compact and wellfurred between the toes and pads. The pads are tough and thickly cushioned. The paws neither turn in nor out when dog is in natural stance. Faults: Soft or splayed toes; paws too large and clumsy; paws too small and delicate; toeing in or out. Arti Anteriori: Quando il cane è in stazione e visto di fronte, le gambe sono moderatamente distanziate, parallele e dritte, con i gomiti aderenti al corpo e non sono girate né all interno né all esterno. Visti lateralmente, i metacarpi sono leggermente inclinati, con un articolazione carpo-meta-carpica forte ma flessibile. La lunghezza dell arto dal gomito a terra è appena superiore alla distanza dal gomito al punto più alto del garrese. Gli speroni delle zampe anteriori possono essere amputati. Difetti: Metacarpi deboli; ossatura troppo pesante; anteriori troppo stretti o troppo larghi; gomiti in fuori. Piedi: Di forma ovale ma non allungati. Sono di media grandezza, compatti e ben forniti di pelo tra le dita e i cuscinetti plantari. I cuscinetti plantari sono forti e spessi. Quando il cane è in stazione i piedi non devono essere girati né all interno né all esterno. Difetti: Piedi cedevoli o con dita aperte; piedi troppo grandi o di brutta forma; piedi troppo piccoli o delicati; piedi rivolti all interno o all esterno. Nel richiedere una spalla ben arretrata, lo standard intende una scapola che formi approssimativamente un angolo di gradi con la perpendicolare al terreno, e forse quella di 35 gradi è l angolazione ideale. Questo angolo ottimale dai 30 ai 35 gradi poi si riscontra quando il calcagno è collocato proprio sotto il centro della scapola e non quando i piedi sono molto in avanti come si vede talvolta nei rings quando l handler sistema l appiombo anteriore. Ecco perché si richiede anche che l omero formi un angolo all indietro verso il gomito e che non sia perpendicolare al terreno, poiché un cane con la spalla dritta può venir presentato in modo tale da far sembrare che la spalla sia ben retratta portandogli la zampe anteriori in avanti e ruotando così la spalla all indietro. Il risultato sarà comunque quello di portare l omero perpendicolare al terreno. Ma sono i muscoli, i tendini e i legamenti e il loro modo di funzionare ad avere un enorme importanza. Un assetto anteriore è buono soltanto quando funziona ed è mentre il cane si muove che si può apprezzarne la spalla, la sua scioltezza, la rotazione della scapola, l assorbimento dell impatto e la fluidità della linea dorsale. Al tatto una buona spalla ha buona muscolatura, più grande è la scapola, più grande è l area di aderenza per il muscolo. E quanto più fluidamente il collo si fonde con la linea dorsale tanto meglio è, sia in stazione che in moto. Le ossa delle zampe anteriori del Siberian Husky dovrebbero essere come talvolta vengono chiamate, cioè blended (appiattite come una lama N.d.T.) ossia di forma ovale come i piedi e un po spigolose frontalmente. Sono moderatamente distanziate /più o meno la misura di un pugno chiuso della mano) per avere la massima efficienza. I pasturali sono leggermente in avanti per la massima resistenza e flessibilità e l osso è di media grandezza. I piedi del Siberian sono a loro volta la sua vita e devono essere forti, ovali e assolutamente né piccoli né rotondi, benché alcuni giudici trovino attraenti dei piedi piccoli come quelli di un gatto. I piedi piccoli si feriscono facilmente e i piedi piccoli con le dita più corte offrono meno flessibilità e resistenza e di solito anticipano pasturali corti e diritti. E naturalmente, anche se i cani possono essere piazzati nei ring con le zampe ben diritte in avanti, la posizione più naturale del piede di un Siberian ben costruito ha circa un angolo di 10 gradi in fuori, altrimenti quando i piedi convergono durante il movimento, le forti dita centrali non si appoggiano al suolo puntando diritto in avanti e assorbendo tutto lo sforzo. 6

7 H I N D Q U A R T E R S P O S T E R I O R I When standing and viewed from the rear, the hind legs are moderately spaced and parallel. The upper thighs are well-muscled and powerful, the stifles well-bent, the hock joint well-defined and set low to the ground. Dew-claws, if any, are to be removed. Faults: Straight stifles, cowhocks, too narrow or too wide in the rear. In stazione e viste dal di dietro le gambe posteriori sono moderatamente distanziate e parallele. Le cosce sono ben muscolose e potenti, il ginocchio ben angolato, l articolazione del garretto ben definita e bassa sul terreno. Gli speroni, se presenti, devono essere rimossi. Difetti: Ginocchio diritto, posteriori vaccini, troppo chiusi o troppo aperti. La descrizione del treno posteriore è ancora una volta nell interesse della velocità e della resistenza. Gli animali con i garretti più alti, come i conigli, corrono veloci ma si stancano facilmente. I pasturali corti significano resistenza. Ma se lo standard richiede un garretto basso, val la pena di notare che Doc Lombard ammonisce contro un pasturale posteriore troppo corto e contro un articolazione del garretto troppo bassa, poiché si perde troppa velocità. COAT The coat of the Siberian Husky is double and medium in length, giving a well-furred appareance, but is never so long as to obscure the clean-cut outline of the dog. The undercoat is soft and dense and of sufficient length to support the outer coat. The guard hairs of the outer coat are straight and somewhat smooth-lying, never harsh nor standing straight off from the body. It should be noted that the absence of the undercoat during the shedding season in normal. Trimming of the whiskers and fur between the toes and around the feet to present a neater apparence is permissible. Trimming of the fur on any other part of the dog is not to be condoned and should be severely penalized Faults: Long, rough, or shaggy coat; texture too harsh or too silky; trimming of the coat, except as permitted above. COLOR All colors from black to pure white are allowed. A variety of markings on the head is common, including many striking patterns not found in other breeds. M A N T E L L O Il mantello del Siberian Husky è doppio e di media lunghezza simile ad una folta pelliccia, ma mai così lungo da nascondere il profilo nitido del cane. Il sottopelo è soffice è denso, di una lunghezza sufficiente a sostenere il pelo di guardia. I peli di guardia del mantello esterno sono lisci e leggermente coricati, mai ispidi né ritti in fuori rispetto al corpo. L assenza di sottopelo durante la muta è normale. E permesso pareggiare i mustacchi e il pelo tra le dita e intorno ai piedi. Non deve essere permesso pareggiare il mantello in ogni altra parte del cane e ciò deve essere severamente penalizzato. Difetti: Pelo lungo, ruvido o ispido; tessitura troppo dura o troppo setosa; pareggiare il pelo ad eccezione di dove è permesso. COLORE Sono ammessi tutti i colori dal nero al bianco puro. E comune riscontrare diverse maschere sulla testa, compresi molti disegni tipici che non si trovano in altre razze. Il mantello del Siberian Husky è unico tra le razze nordiche per la sua media lunghezza, perché sia i Malamute sia i Samoiedo hanno un pelo un po più lungo e frangiato; la ragione di questa differenza sta prima di tutto nella differenza di clima delle regioni in cui questi cani furono originariamente allevati. Nel caso del Siberian le condizioni specifiche del clima e del terreno facevano si che la formazione di grumi di neve su un mantello lungo fosse un pericolo frequente. Così, volutamente o no, i Chukchi selezionarono per i loro cani un mantello che potesse contrastare sia il gelo dell artico sia prevenire la formazione di grumi di neve. Ed è per questa ragione che il mantello lungo, frangiato o ruvido è particolarmente penalizzato dallo standard.ciononostante esiste un limite alla lunghezza del mantello, probabilmente da 2,54 cm. circa a 7,62, che è considerato tipico del Siberian finché la linea del cane non viene a mancare di nitidezza e la tessitura rimane corretta. 7

8 G A I T The Siberian Husky s characteristic gait is smooth and seemingly effortless. He is quick and light on his feet, and when in the show ring should be gaited on a loose lead at a moderately fast trot, exhibiting good reach in the forequarters and good drive in the hindquarters. When viewed from the front to rear while moving at a walk, the Siberian Husky does not single-track, but as the speed increases the legs gradually angle inward until the pads are falling on a line directly under the longitudinal center of the body. As the pad marks converge, the forelegs and hing legs are carried straight forward, with neither elbows nor stifles turned in or out. Each hind leg moves in the path of the foreleg on the same side. While the dog is gaiting, the topline remains firm and level. Faults: Short, prancing or choppy gait, lumbering or rolling gait; crossing or crabbing. M O V I M E N T O Il movimento caratteristico del Siberian Husky è regolare e apparentemente senza sforzo. E scattante e leggero sugli arti e quando è nel ring deve essere condotto a guinzaglio molle ad un trotto moderatamente veloce in modo da mostrare una buona estensione degli anteriori e una buona spinta dei posteriori. Visto al passo mentre viene verso di noi il Siberian Husky non realizza il single-track, ma man mano che la velocità aumenta, gli arti si inclinano gradualmente verso l interno fino a quando i piedi si allineano sotto l asse longitudinale del corpo. Quando le impronte convergono, le zampe anteriori e le zampe posteriori vengono portate dritte in avanti con i gomiti e le ginocchia che non girano né all interno né all esterno. Ogni arto posteriore si pone sull orma dell arto anteriore dello stesso lato. Quando il cane trotta, la linea dorsale è ferma e dritta. Difetti: Movimento corto, saltellante, arti che si muovono a scatti verso l esterno, andatura pesante o che rolla; passo che incrocia o andatura a granchio. Ad eccezione di pochi compromessi fatti nell interesse del tipo e del suo miglioramento, tutto nello standard ha portato finora all esigenza di un movimento fluido e apparentemente senza sforzo. In altre parole, ecco dove la frase l intero equivale alla somma delle parti è particolarmente importante, anzi fondamentale, il cane in movimento è tutto il cane. L equilibrio è la chiave del movimento, in altre parole un cane che sia leggermente scarso di angoli ma ben bilanciato, davanti e dietro, si muoverà probabilmente meglio e sarà preferibile ad un cane più angolato davanti e dietro. L esigenza del single tracking e la richiesta che le zampe posteriori seguano sulla stessa linea quelle anteriori è nell interesse dell efficienza. Un cane più angolato davanti che dietro per esempio, probabilmente muoverà a granchio, specialmente se ha una schiena corta e rigida. In altre parole tenderà a muoversi diagonalmente rispetto alla linea di percorso, piazzando i suoi piedi posteriori da una parte o dall altra rispetto ai suoi piedi anteriori per evitare che i piedi posteriori colpiscano quelli davanti. Le andature corte, rampanti o incostanti sono di solito causate da insufficienti angolazioni o da pasturali diritti e poiché questo fa si che il cane saltelli su e giù piuttosto che muoversi correttamente sulla LINEA di lavoro, il cane è inevitabilmente più lento e si stanca più rapidamente. Un andatura pesante o ondeggiante è causata dalla incapacità di un cane a compiere una corretta single tracking o per un ereditaria debolezza di struttura o per scarso tono muscolare. Spesso i cani sovrappeso mostrano questa tendenza e i cuccioli spesso tendono ad ancheggiare un po prima di sviluppare muscoli e coordinazione adeguati. Poiché questo tipo di movimento produce anche movimento in una direzione al di fuori della linea di percorso, esso è meno che efficiente. Lo stesso dicasi per qualunque movimento delle gambe diverso da quello che porta diritto in avanti verso un punto che sta direttamente sotto il centro longitudinale del corpo. Ricordo che lo standard richiede equilibrio e potenza, velocità e resistenza, e che questo equilibrio si rifletterà in un cane che è leggero e veloce sui piedi e il cui movimento è apparentemente senza sforzo. T E M P E R A M E N T 8

9 The characteristic temperament of the Siberian Husky is friendly and gentle, but also alert and outgoing. He does not display the possessive qualities of the guard dog, nor is he overly suspicious of strangers or aggressive with other dogs. Some measure of reserve and dignity may be expected in the mature dog. His intelligence, tractability and eager disposition make him an agreeable companion and willing worker. T E M P E R A M E N T O Il temperamento del Siberian Husky è amabile e amichevole, ma nello stesso tempo attento e curioso. Non dimostra le qualità possessive del cane da guardia né è eccessivamente sospettoso con gli estranei o aggressivo con gli altri cani. Nel cane adulto si può riscontrare una certa riservatezza e dignità. La sua intelligenza, docilità e disponibilità fanno di lui un compagno amabile e un lavoratore generoso. Il temperamento è della massima importanza nel Siberian Husky. Un cane aggressivo non è un cane da muta e poiché il Siberian è un cane da slitta qualunque segno di aggressività verso gli altri cani dovrebbe essere severamente penalizzato. E stato notato in difesa dei cani più aggressivi che la maggioranza delle antiche mute dei Chukchi erano formate da cani tutti castrati eccetto il cane di testa. Ci sono consistenti prove comunque che questi cani non fossero castrati per evitare le risse ma perché un cane castrato, avendo un metabolismo più lento, richiede relativamente meno cibo. Questo inoltre fa si che solo i cani migliori siano adibiti alla riproduzione. S U M M A R Y The most important breed characteristics of the Siberian Husky are medium size, moderate bone, well balanced proportions, ease anf freedom of movement, proper coat, pleasing head and ears, correct tail and good disposition. Any appearance of excessive bone or weight, constricted or clumsy gait, or long, rough coat should be penalized. The Siberian Husky never appears so heavy or coarse as to suggest a freighting animal; nor is he so light and fragile as to suggest a sprint-racing animal. In both sexes the Siberian Husky gives the appearance of being capable of great endurance. In addition to the faults already noted, obvious structural faults common to all breeds are as undesirable in the Siberian Husky as in any other breed, even though they are not specifically mentioned herein. R I A S S U N T O Le caratteriste di razza più importanti del Siberian Husky sono la taglia media, l ossatura media, le proporzioni ben bilanciate, facilità e libertà di movimento, mantello corretto, testa e orecchie piacevoli, coda corretta e un buon temperamento. Ogni segno di eccesso di peso o di ossatura, di movimento legato e grossolano, di mantello lungo e ispido deve venire penalizzato. Il Siberian Husky non ha mai un aspetto così pesante e grossolano da ricordare un animale che traina grossi pesi, ma neppure così leggero e fragile da ricordare un animale concepito per le corse di velocità su brevi distanze. In entrambi i sessi il Siberian Husky dà l impressione di essere capace di grande resistenza. In aggiunta ai difetti precedentemente ricordati, gli evidenti difetti strutturali comuni a tutte le razze sono indesiderabili nel Siberian Husky come nelle altre razze anche se non sono stati qui specificatamente ricordati. IL GIUDIZIO I cani di razza vengono giudicati nel ring in base ad un criterio comparativo per cui ogni cane rispetto ad un altro viene giudicato più o meno corrispondente allo standard. Il giudice poi deve ricorrere al confronto con le aree più indefinibili dell estetica canina come portamento ed andatura, alla ricerca di quello che il famoso giudice William Kendrick ama chiamare la maestosità dell aquila, oppure può far ricorso a parametri più tecnici e strutturali e scegliere tra un certo numero di cani che muovono bene e sono armoniosi quello che gli sembra il miglior esemplare in quanto a movimento. Questa vastità di criteri nella scelta di un vincitore è l essenza di un esposizione canina, ed è proprio questo insieme di criteri che viene riportato in uno standard di razza. 9

10 Orecchie di giusta forma e posizione Testa corretta Testa corretta Linea dorsale diritta e solida Linea dorsale eccessivamente lunga Linea dorsale troppo corta Code corrette: in attenzione a riposo quando lavora Movimento corretto: del posteriore dell anteriore visto lateralmente I disegni sono di Richard K.La Branche, tratti da Siberian Husky Illustated pubblicato nel 1981 dal SIBERIAN HUSKY CLUB OF AMERICA 10

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 296 / 19.09.2013 CANE DA PASTORE SCOZZESE A PELO CORTO (Collie Smooth) L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco

Dettagli

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 287 / 05.09.2013 AUSTRALIAN CATTLE DOG La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI

Dettagli

Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo CANE CORSO

Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo CANE CORSO Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo FCI Standard N 343 pubblicazione del 17.12.2015 in vigore dal 1 gennaio 2016 CANE CORSO Questa illustrazione non è necessariamente a dimostrazione

Dettagli

Il terranova: lo standard lunedì 01 febbraio 2010

Il terranova: lo standard lunedì 01 febbraio 2010 Il terranova: lo standard lunedì 01 febbraio 2010 Origine: Canada Patronato F.C.I. Data di pubblicazione dello standard originale valido: 24.07.1996 Funzione : Cane da slitta per carichi pesanti, cane

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998 FCI Standard N 97 / 05.03.1998 SPITZ TEDESCHI ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 05.03.1998 UTILIZZAZIONE: Cane da guardia e da compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 FCI Standard N 183 / 18.04.2007 ZWERGSCHNAUZER ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 UTILIZZAZIONE: Cane di casa e di compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo

Dettagli

Italia 27.11.1989. Cane da compagnia. Gruppo 9: Cani da compagnia Sezione 1: Bichon e affini Senza prova di lavoro

Italia 27.11.1989. Cane da compagnia. Gruppo 9: Cani da compagnia Sezione 1: Bichon e affini Senza prova di lavoro BOLOGNESE fci-standard n 196 Con commenti allo standard di francesco cochetti giudice all rounder ENCI fci / italia origine Italia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 27.11.1989 UTILIZZAZIONE

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991. UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio polivalente

DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991. UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio polivalente FCI Standard N 166 / 30.08.1991 CANE DA PASTORE TEDESCO ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991 UTILIZZAZIONE: Cane di utilità, cane da pastore e cane di servizio

Dettagli

Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO

Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO Testo redatto dal Dott. Vincenzo Ferrara STANDARD DEL SEGUGIO MAREMMANO NOME DELLA RAZZA SEGUGIO MAREMMANO ORIGINE: ITALIA UTILIZZAZIONE Cane da caccia da seguita utilizzato prevalentemente nella caccia

Dettagli

F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A.

F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A. Lo Standard F.C.I. Standard Nr. 235/ 02 04 2001 Alano Tedesco (Deutsche Dogge) Traduzione Italiana Dott. A. Bottero, Dott. M.L. Marchese, Dott. A. Murante Origini: Germania Data della pubblicazione dello

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: Cane per la caccia a vista, la corsa e il coursing.

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: Cane per la caccia a vista, la corsa e il coursing. FCI Standard N 193 / 02.04.2001 LEVRIERO RUSSO (Borzoi) ORIGINE: Russia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001 UTILIZZAZIONE: Cane per la caccia a vista, la corsa e il coursing.

Dettagli

FCI Standard N 37 / 06.09.2013 CÃO DE AGUA PORTUGUÊS. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 37 / 06.09.2013 CÃO DE AGUA PORTUGUÊS. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 37 / 06.09.2013 CÃO DE AGUA PORTUGUÊS L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Portogallo DATA DI

Dettagli

Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto

Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto Introduzione alle andature classiche (II): l ambio e il trotto [02000007] ABSTRACT In questa breve serie (4) di articoli, vengono presi in considerazioni alcuni concetti di base sulle andature canine e

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 22.01.1999

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 22.01.1999 FCI Standard N 311 / 04.10.2000 CANE LUPO DI SAARLOOS ORIGINE: Olanda DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 22.01.1999 UTILIZZAZIONE: Il Cane lupo di Saarloos non è stato allevato per

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001. UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno FCI Standard N 148 / 09.05.2001 BASSOTTI ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.03.2001 UTILIZZAZIONE: cane da caccia sopra e sotto il terreno CLASSIFICAZIONE F.C.I.-

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 01.04.2008

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 01.04.2008 FCI Standard N 144 / 09.07.2008 DEUTSCHER BOXER ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE 01.04.2008 UTILIZZAZIONE: Cane di utilità e di compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I.

Dettagli

FCI Standard N 101 / 17.04.2015 BOULEDOGUE FRANCESE

FCI Standard N 101 / 17.04.2015 BOULEDOGUE FRANCESE NOME: Bouledogue Français ORIGINE: Francia FCI Standard N 101 / 17.04.2015 BOULEDOGUE FRANCESE Data di pubblicazione dello standard originale vigente: 03.11.2014 UTILIZZAZIONE: Cane da compagnia e da guardia

Dettagli

ABC AMICI BASSOTTO CLUB ITALIA

ABC AMICI BASSOTTO CLUB ITALIA ABC AMICI BASSOTTO CLUB ITALIA Società Specializzata di Razza riconosciuta dall E.N.C.I. Federazione Cinologica Internazionale FCI Standard n 148 Edizione del 09-05-2001 - D DACHSHUNDE BASSOTTO TEDESCO

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 FCI Standard N 172 / 18.04.2007 BARBONI (Caniche) ORIGINE: Francia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 06.03.07 UTILIZZAZIONE : Cane da compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I.: Gruppo 9 Cani

Dettagli

Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza

Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza llegato Standard di razza Volume V Standard IV categoria In accordo con la edizione 01.01.2014 de FIFe-Standard : ategory IV ll.

Dettagli

INC - GENNAIO 2007 Border Collie oggi: l'articolo di Karen Dalglish Nel 1975 fu avanzata richiesta al Kennel Club affinché i Border Collie fossero

INC - GENNAIO 2007 Border Collie oggi: l'articolo di Karen Dalglish Nel 1975 fu avanzata richiesta al Kennel Club affinché i Border Collie fossero INC - GENNAIO 2007 Border Collie oggi: l'articolo di Karen Dalglish Nel 1975 fu avanzata richiesta al Kennel Club affinché i Border Collie fossero riconosciuti ufficialmente come una razza canina. Tale

Dettagli

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere)

Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Fulvo di Borgogna (direttive d allevamento svizzere) Redatto da: Urban Hamann Storia della razzahte Nascita relativamente sconosciuta Conigli selvatici giallo rossi furono incrociati con diverse razze

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA

Associazione Lombarda Avicoltori www.ala-avicoltori.it info@ala-avicoltori.it MOROSETA MOROSETA I GENERALITA Origine: Asia dell'est, probabilmente la Cina. Per alcuni ricercatori è stata selezionata in Giappone, secondo altri è originaria dell' Africa del Sud. Nei trattati letterari è menzionata

Dettagli

Italian Section 30 - Online activitites

Italian Section 30 - Online activitites No. 01 Il corpo The body la testa The head The eye The The nose The mouth The The neck The il dente The tooth The il petto The chest The The il dito The finger la pancia The stomach The The foot il dito

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Capra di Saanen ( 1 )

Capra di Saanen ( 1 ) Stato: 20.02.2008 Capra di Saanen ( 1 ) m f m f 90 80 85 60 fine bianca con corto, ben aderente bianca, tollerate piccole macchie pigmentate; Colore bianco impuro Becchi più severo macchie nere, più grandi

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE FIBS I MANUALI DEL CNT Tratto da The Pitching Edge di Tom House Tom House BASEBALL FIBS-CNT 1 L Allenamento con i Pesi per i Lanciatori non è Body Building L obiettivo è ottenere una forza bilanciata e

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO

CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO 3^ Parte Associazione di Volontariato del Cane Lupino del Gigante Località Costa de Grassi, Castelnovo

Dettagli

I...Imbragature ABC Guldmann

I...Imbragature ABC Guldmann I..........Imbragature ABC Guldmann I.........Imbragature ABC Guldmann Codice Articolo xxxxx-xxx ACTIVE Micro Plus Poliestere Dimensione: XS-XXL ACTIVE Trainer Poliestere Dimensione: Kid (bambino) -XXL

Dettagli

Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale. Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA

Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale. Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA CODA Appendice situata all estremo superiore del tronco con la quale termina la colonna vertebrale Vertebre coccigee (18-22) CARATTERE DI RAZZA coda Funzioni: -timone direzionale ed organo di equilibrio

Dettagli

Toelettatura del Flat Coated Retriever

Toelettatura del Flat Coated Retriever Toelettatura del Flat Coated Retriever Come altri cani a pelo semilungo frangiato, il flat coated retriever non ha bisogno di eccessive e partcolari cure del mantello. Il manto di copertura è costituito

Dettagli

Commento allo standard del cane da pastore tedesco

Commento allo standard del cane da pastore tedesco I caratteri somatici generali Il cane da pastore tedesco è di taglia media, leggermente allungato, forte e ben muscoloso, con ossatura asciutta e struttura solida. Questi suggerimenti impongono una struttura

Dettagli

ARTI. ARTI ANTERIORI = TORACICI = BIPIDE ANTERIORE Funzione di sostegno. ARTI POSTERIORI = PELVICI = BIPIDE POSTERIORE Funzione di propulsore

ARTI. ARTI ANTERIORI = TORACICI = BIPIDE ANTERIORE Funzione di sostegno. ARTI POSTERIORI = PELVICI = BIPIDE POSTERIORE Funzione di propulsore ARTI ARTI ANTERIORI = TORACICI = BIPIDE ANTERIORE Funzione di sostegno ARTI POSTERIORI = PELVICI = BIPIDE POSTERIORE Funzione di propulsore -Spalla -Braccio -Gomito -Avambraccio -Carpo o polso -Metacarpo

Dettagli

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici Test di nuoto 1 8 Distintivi d incoraggiamento I test svizzeri negli sport acquatici Test 1 Balena Crawl con movimento delle anche Bracciata crawl. Nel momento dell immersione della mano le anche si sollevano.

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

Stretching 1. Polmoni e Intestino Crasso

Stretching 1. Polmoni e Intestino Crasso Stretching 1 Polmoni e Intestino Crasso Elemento: Metallo mano biancastra come colorito della pelle, viso allungato con labbra a fessura, occhi chiari acquosi e tristi, spalle strette e gambe lunghe, andatura

Dettagli

STRETCHING PER GLI ARTI

STRETCHING PER GLI ARTI STRETCHING PER GLI ARTI INFERIORI E SUPERIORI... 1] Stretching attivo del polpaccio (gastrocnemio) In piedi rivolti verso il muro Mantenere ben dritta la gamba posteriore Mantenere il tallone a terra Mantenere

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Antropometria e posture. Nicola Magnavita

Antropometria e posture. Nicola Magnavita Antropometria e posture Nicola Magnavita Antropometria E la scienza che misura le dimensioni del corpo dall arte all industria Le misurazioni antropometriche consentono di progettare macchine e arredi

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA

ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA CIRCOLARE 1 / 2012 Considerazioni e disposizioni di giudizio 1 ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA CIRCOLARE 1 / 2012 Considerazioni

Dettagli

Valutazione dello stile di corsa

Valutazione dello stile di corsa Valutazione dello stile di corsa Lo scopo principale della scheda di valutazione per lo stile di corsa è quello di fornire ai tecnici e all'osservatore arbitrale uno strumento utile per una presa di conoscenza

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli

MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009

MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009 MiPAAF.SVIRIS.REGISTRO UFFICIALE.0024281.21-10-2009 ALLEGATO 1 Norme tecniche dei libri genealogici dei cavalli delle razze: Anglo-Araba e Sella italiano A. Libro II : Anglo Arabo 1. Standard di razza

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi

Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA. Esercizi per la scoliosi Dipartimento Neuro-Motorio Medicina Fisica e Riabilitativa Dott. Gian Battista Camurri - Direttore IN... FORMA Esercizi per la scoliosi Medicina Fisica e Riabilitativa 2 Esercizi per la scoliosi 1) Supini;

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Standard morfologico dello Spinone italiano

Standard morfologico dello Spinone italiano Standard morfologico dello Spinone italiano Segreteria Nazionale Via Cavour, 15 21100 VARESE Tel: 0332-285189 Fax: 0332-283328 www.spinone-italiano.it mail: info@spinone-italiano.it 1 Standard Morfologico

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore

tessuto muscolare 600 l apparato locomotore SISTEMA MUSCOLARE INDICE Muscolo striato Muscolo liscio Muscolo cardiaco Come si contrae un muscolo I muscoli scheletrici lavorano in coppia I muscoli del capo e del collo I muscoli del tronco I muscoli

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE. Prof.

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE. Prof. SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE Prof. Paolo Moisè LA CORSA (KOLTAI) È UN ESPRESSIONE FONDAMENTALE DELL ATLETICA

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

Pratica della velocita

Pratica della velocita Training B Ticino 2011 l. Di Tizio Pratica della velocita 1. Riscaldamento intensive con eserzitazioni dinamiche - corricchiare e saltellare sugli avampiedi differenti velocita e direzioni - slanci rimbalzati

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE

DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA NORME TECNICHE CAPITOLO I. Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE DISCIPLINARE PER IL LIBRO GENEALOGICO DELLA RAZZA GRIGIO ALPINA CAPITOLO I Articolo 1 FINALITÀ DELLA SELEZIONE La selezione dei bovini della razza Grigio Alpina ha lo scopo di produrre soggetti precoci

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX

RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX RELAZIONE TECNICA SULLO SVILUPPO SCHELETRICO DEL DOGUE DE BORDEAUX Dottor Thomas Karl Roth Del Dogue de Bordeaux oltre le tipiche forme del molossoide molto vistosa è la sua forte e caratteristica struttura

Dettagli

UN MODELLO PER L OSSERVAZIONE E LA DESCRIZIONE A CURA DELL EQUIPE TUTORIALE

UN MODELLO PER L OSSERVAZIONE E LA DESCRIZIONE A CURA DELL EQUIPE TUTORIALE UN MODELLO PER L OSSERVAZIONE E LA DESCRIZIONE A CURA DELL EQUIPE TUTORIALE L OSSERVAZIONE NON È MAI BANALE L OSSERVAZIONE PUÒ ESSERE: spontanea o mirata/sistemica globale o analitica volta a cogliere

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (Titolo VI del D. Lgs. 81/2008 s.m.i.) INDICE 1. SOLLEVARE E TRASPORTARE 3 1.1. LA RMATIVA 3 2. EFFETTI SULLA SALUTE 4 3. PRINCIPI DI PREVENZIONE 4 3.1. MOVIMENTI 4 3.2.

Dettagli

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO LO STEP L allenamento con lo step è una delle attività cardiovascolari che offre maggiori benefici muscolari. Questo grazie ad un azione ciclica caratterizzata dal continuo salire e scendere dal gradino

Dettagli

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO

ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO ESERCIZI PER IL DORSO E IL PETTO Testo e disegni di Stelvio Beraldo ESERCIZI PER IL DORSO TRAZIONI DELLE BRACCIA ALLA SBARRA BASSA (a carico naturale o con cintura zavorrata) - Esegui col corpo sempre

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

Zoognostica. (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici. v i. esteriori FENOTIPO

Zoognostica. (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici. v i. esteriori FENOTIPO Zoognostica (scienza applicata) Conoscere e valutare i caratteri: -morfologici - fisiologici -patologici esteriori v i FENOTIPO Valutazione morfo-funzionale del cane CINOGNOSTICA Cino=cane Gnostica=conoscenza

Dettagli

ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI )

ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI ) ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI ) 1. Gigante (G.) DESCRIZIONE PUNTI 1. Tipo e forma del corpo 20 2. Peso 10 3. Pelliccia 20 4. Testa e pelliccia 15 5. sovracolore e lucentezza

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

Il Setter Inglese Standard morfologico

Il Setter Inglese Standard morfologico Il Setter Inglese Standard morfologico Utilizzazione: Cane da caccia e compagnia. Classificazione: Gruppo 7 cani da ferma Sezione 2 cani da ferma Britannici. Soggetti a prova di lavoro. Testa Dolicocefala:

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Preatletismo generale,

Preatletismo generale, Preatletismo Con il termine preatletismo molto spesso indichiamo quello generale, cioè una serie di esercitazioni che sviluppano la forza a carico naturale in età giovanile, favorendo lo sviluppo armonico

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

PAESE D ORIGINE GRAN BRETAGNA CANE DA CERCA

PAESE D ORIGINE GRAN BRETAGNA CANE DA CERCA PAESE D ORIGINE GRAN BRETAGNA CANE DA CERCA L origine del suo nome è woodcock che in inglese significa beccaccia, in effetti questo cane, risulta essere un esperto cacciatore di questo pennuto. Il cocker

Dettagli

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni 28 10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni Muoversi di più Chi lavora abitualmente al videoterminale deve approfittare di qualsiasi occasione per muoversi e cambiare la posizione

Dettagli

GUARDIE ECOZOOFILE PROTEZIONE CIVILE

GUARDIE ECOZOOFILE PROTEZIONE CIVILE American bulldog Origine: USA. Classificazione F.C.I.: RAZZA NON RICONOSCIUTA Cane di media taglia. E un cane che da l impressione di grande potenza e dinamicità. Grande forza. Razza dalla costruzione

Dettagli

Abbigliamento/equipaggiamento aggiuntivo per i giocatori

Abbigliamento/equipaggiamento aggiuntivo per i giocatori Abbigliamento/equipaggiamento aggiuntivo per i giocatori (Polsino, Canottiera lunga, pantaloncino corto/lungo, calze lunghe fino al ginocchio; calze) Accertamento Nella stagione 2012/2013 è stato notato

Dettagli