LE ISTITUZIONI METROPOLITANE IN EUROPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ISTITUZIONI METROPOLITANE IN EUROPA"

Transcript

1 LE ISTITUZIONI METROPOLITANE IN EUROPA Tra government e governance Firenze, 29 Agosto 2014 Massimo Allulli

2 L UE e le aree metropolitane Non esiste una politica esplicitamente metropolitana dell Unione Europea (oltre a politica urbana e regionale) ma policy advisorship e networking: Cities of tomorrow Il Rapporto Cities of Tomorrow (2011) evidenzia the need for a level of government that reflects the de facto city rather than the de jure city (p.68). La conseguenza è che good government and governance structures at a metropolitan level are also a key condition for cities competitiveness. Urbact Networking dei governi metropolitani

3 Metropolizzazione: un fenomeno europeo Fonte:

4 Il dibattito (non solo) in Europa Opzione strutturale Riforma istituzionale Ridefinizione dei livelli di governo Governo metropolitano elettivo Opzione funzionale Coordinamento spontaneo degli attori Governo a mezzo di agenzie Governance inclusiva

5 I dilemmi del governo metropolitano il numero dei livelli di governo (uno o due?) la forma di governo (eletto o di secondo grado?) le caratteristiche dell autorità metropolitana (di tipo unitario o associativo?) le funzioni da attribuire a tale autorità (strategiche o operative?) la delimitazione territoriale dell area

6 Le soluzioni nei paesi europei Francia, Germania, Spagna, Regno Unito

7 Una soluzione strutturale: il caso francese La Francia più di altri paesi ha prodotto nel corso del tempo politiche per il governo delle aree metropolitane. Le prime e più consolidate forme di governo metropolitano in Francia sono state le communautè urbaines (uno degli EPCI previsti dall ordinamento francese, etablissement de cooperation intercommunale), introdotte con la legge del Più recentemente, la legge ha istituito anche le metropoli, che possono vedersi delegate non solo funzioni di rilievo comunale ma anche funzioni di rilievo regionale e dipartimentale. L ultima tappa è quella che nel Gennaio 2014 ha portato all approvazione della Loi n du 27 janvier 2014 de modernisation de l'action publique territoriale et d'affirmation des métropoles (MAPAM).

8 Una soluzione strutturale: il caso francese Quante sono le città metropolitane? Al 1 Gennaio 2013 esistevano 15 comunità urbane e una metropoli. La legge determinerà entro il 1 gennaio 2015 l istituzione di 9 metropoli, e due a «statuto particolare» entro il 1 Gennaio le caratteristiche dell autorità metropolitana (di tipo unitario o associativo?) Le metropoli rimarranno EPCI, saranno dunque istituzioni di tipo associativo (diverso il caso delle metropoli a statuto speciale). le funzioni da attribuire a tale autorità (strategiche o operative?) Le metropoli manterranno le funzioni degli EPCI, più altre funzioni comunali e regionali. Si tratta di un elevato numero funzioni non solo strategiche ma anche e soprattutto operative (piano locale urbanistico, strade, politiche sanitarie, gestione dei rifiuti etc). il numero dei livelli di governo (uno o due?) Si conferma il modello basato su due livelli: comuni e metropoli. Secondo il noto modello del millefoglie istituzionale francese, restano anche Dipartimenti e Regioni (tranne nel caso di Lione che assumerà le funzioni del Dipartimento) la forma di governo (eletto o di secondo grado?) Gli organismi di governo sono il consiglio metropolitano, la conferenza metropolitana, il conseil de développement. Il consiglio metropolitano sarà eletto direttamente a suffragio universale (dal 2017) e a propria volta eleggerà il Presidente metropolitano. la delimitazione del territorio La delimitazione del territorio delle istituzioni metropolitane francese si basa sui confini istituzionali degli EPCI esistenti, tranne nei casi di Parigi (con la creazione ex novo dell EPCI) e Marsiglia (con la fusione di più EPCI).

9 Una soluzione strutturale: il caso francese Fonte:

10 Una soluzione funzionale: il caso tedesco Il sistema tedesco del governo locale si basa su distretti e comuni (nelle città principali il sistema prevede un unico livello: «città senza distretto»). Coerentemente con l ordinamento federale, la produzione di norme sulla materia è demandata ai Länder. Alla base della creazione delle cosiddette «Regioni Metropolitane Europee» vi sono le risoluzioni delle conferenze dei ministri per la pianificazione territoriale. Esistono tuttavia diverse autorità di livello metropolitano quali città stato (Amburgo, Berlino, Brema) e regioni (Hannover, Stoccarda).

11 Una soluzione funzionale: il caso tedesco Quante sono le autorità metropolitane? Le Metropolregionen della Germania sono 11. le caratteristiche dell autorità metropolitana forme associative di diversa tipologia. le funzioni attribuite a tali autorità nelle 11 «regioni metropolitane europee» prevalgono funzioni di tipo strategico in materia di pianificazione territoriale, sviluppo economico, cultura, marketing, turismo, trasporti. il numero dei livelli di governo si possono trovare casi che presentano tutte le diverse soluzioni al problema del governo metropolitano. la forma di governo si trovano in Germania casi di istituzioni metropolitane a elezione diretta, casi di elezione di secondo livello e casi di forme di governo di natura associativa. la delimitazione del territorio La delimitazione delle aree avviene su risoluzione della Conferenza dei Ministri della Pianificazione Territoriale, in base alla volontaria adesione dei comuni (o dei privati) alle istituzioni metropolitane, o a quanto previsto dagli accordi tra Lander. Nel loro complesso coprono gran parte del territorio e quasi 60 milioni di abitanti sugli 80 totali del Paese.

12 Regione Metropolitana Caratteristiche dell'autorità metropolitana Organismi di governo Berlin-Brandenburg Trattati tra stati Quattro corti aventi giurisdizione sull intero territorio Bremen-Oldenburg Associazione pubblico-privato Assemblea dei Soci, Consiglio di Amministrazione, Commissione di Controllo Funzioni principali Giustizia, parchi, previdenza sociale, accademie, pianificazione territoriale Sviluppo Economico FrankfurtRheinMain Ente associativo di diritto pubblico Assemblea dei Soci Pianificazione territoriale, sport, cultura Hamburg, Hannover Metropolregion Hannover Braunschweig Göttingen Wolfsburg Mitteldeutschland Trattato tra 4 stati + Accordo Amministrativo Società per Azioni Consiglio (2o livello) e Comitato Direttivo CdA eletto da 3 associazioni: città senza distretto, distretti, privati Sviluppo Economico Ente associativo di diritto pubblico Comitato misto (sindaci) e comitato direttivo Cultura, turismo, trasporti, politiche per la famiglia. München Associazione di diritto privato Assemblea dei Soci e CdA Sviluppo Economico, Nürnberg Ente associativo di diritto pubblico Consiglio eletto direttamente, forum tematici con attori pubblici e privati, comitato direttivo Rhein-Neckar Trattato tra stati Assemblea (2o livello), Consiglio di Gestione, Presidente Rhein-Ruhr Stuttgart Ente associativo di diritto pubblico Assemblea (2o livello), Comitato direttivo, Amministratore Ente associativo di diritto pubblico Consiglio eletto direttamente, Direttore Generale ambiente Economia, trasporti, sport, turismo, marketing Pianificazione territoriale, sviluppo economico, turismo, mobilità, energia Commercio, Turismo, Sport Pianificazione territoriale, trasporti, rifiuti, sviluppo, turismo

13 Germania: European Metropolitan Regions

14 Soluzioni «ibride»: il caso britannico Con la riforma del 1972 si introduce una struttura a doppio livello (two-tier system contee e distretti) e si istituiscono sei contee metropolitane suddivise a loro volta in metropolitan boroughs. Nel 1985 vengono abolite le contee metropolitane, si abolisce il sistema a doppio livello e si creano i cosiddetti enti unitari (unitary authorities single tier system) in virtù dei quali i boroughs assommano le competenze di distretti e contee.

15 Il caso di Londra Nel 1963 viene istituita la Grande Londra (Greater London) a cui segue un complessivo riordino degli enti coinvolti in 32 boroughs (oltre la City). Il modello di governo della Greater London è basato su un doppio livello: Consigli dei borough (oltre all autorità locale della City) Greater London Council (GLC) 1985 abolizione della GLC e dei county councils delle contee metropolitane il Governo si impegna per l approvazione del Greater London Authority Act si tengono le elezioni del nuovo sindaco e dell assemblea. La normativa è integrata dal Greater London Authority Act del Gli organi (a elezione diretta) della Greater London Authority (GLA) sono: Sindaco (Mayor of London) Assemblea (London Assembly)

16 Il caso di Manchester Il Local Democracy, Economic Development and Construction Act del 2009 ha disciplinato le Combined authorities, enti che possono essere creati (al di fuori di Londra) per la gestione di servizi su aree comprendenti territori soggetti a diversi enti locali. I distretti metropolitani della disciolta contea metropolitana di Manchester hanno costituito la Greater Manchester Combined Authority, entrata in attività nel Le 10 istituzioni coinvolte agiscono sulla base di un accordo operativo condiviso. Contestualmente con la GMCA, è stata costituita una agenzia specifica per i trasporti: il Transport for Greater Manchester Committee.

17 Soluzioni «ibride»: il caso spagnolo Lo Stato è organizzato su base territoriale in Comuni, Province e Comunità autonome (art. 137 Cost. Spagnola 1978) L art. 43 della l. 7/85 disciplina la formazione delle città metropolitane stabilendo che le Comunità autonome, sentito lo Stato, i consigli comunali e provinciali interessati, possono creare, modificare, sopprimere (con legge) le aree metropolitane in conformità ai rispettivi statuti. Le aree metropolitane sono enti locali formati dai comuni caratterizzati da grandi agglomerazioni urbane tra i cui nuclei abitativi esistano legami economici e sociali che rendano necessaria la pianificazione congiunta e il coordinamento di determinati servizi e opere per rispondere alle esigenze comuni.

18 Le istituzioni metropolitane in Spagna In Spagna esistono le seguenti autorità di scala metropolitana: Area di Barcellona (AMB) A Barcellona è stata istituita nel 1974 la Corporació Metropolitana de Barcelona, soppressa nel La l. catalana 31/2010 crea l AMB (Àrea Metropolitana de Barcelona) definendola come un ente locale sovra comunale di carattere territoriale i cui confini coincidono con quelli dei 36 comuni coinvolti. La AMB è dotata di poteri amministrativi e normativi di secondo livello. Gli organi di governo sono il Consiglio metropolitano (con elezione di secondo livello), il Presidente (eletto in seno al consiglio), la Giunta, la conferenza dei sindaci e la Commissione speciale dei Conti. Galizia L Area metropolitana di Vigo è definita come ente locale sovracomunale di carattere territoriale creata con l. 4/2012. La struttura di governo è composta da Assemblea metropolitana, Presidente, Giunta di Governo, comitato di cooperazione e la commissione speciale dei conti. Comunidad Valenciana Due enti metropolitani sono stati istituiti con l. 2/2001 per servizi idrici e gestione dei rifiuti. Madrid La Ley Organica 3/1983 di approvazione dello Statuto della Comunità Autonoma di Madrid stabilisce che Madrid, in quanto espressione dell interesse nazionale, è una Comunità Autonoma che si organizza conformemente alla Costituzione e allo Statuto che ne rappresenta la norma istitutiva fondamentale. La Comunità governa un territorio di scala metropolitana, esposta però al rischio di dualismo con la municipalità (ayuntamiento) di Madrid.

19 Alcune caratteristiche comuni delle autorità metropolitane in Europa Sviluppo economico al centro delle politiche pubbliche. Forte propensione al networking e alle relazioni internazionali. Se non in casi eccezionali, l autorità metropolitana si aggiunge e non sostituisce livelli istituzionali esistenti. Pur nella differenza nei modelli di rappresentanza, enfasi sul coinvolgimento di attori non istituzionali (attori economici, società civile e singoli cittadini) nei processi di governance.

20 Note comparative: la rappresentanza metropolitana Comparando la popolazione e il numero di componenti dei consigli metropolitani (eletti direttamente o meno) è possibile individuare modelli differenti che possono privilegiare la rappresentatività (con alto numero di membri) o, in alternativa, lo snellimento dei processi decisionali (con numero limitato di membri). Lione Stoccarda (2 o livello) (1 o livello) Barcellona Londra (2 o livello) (1 o livello) Milano (2 o livello) Popolazione (m. abitanti) 1,3 2,8 3,2 7,6 3,8 Consiglieri

21 Le entrate dei governi metropolitani Fonte: adattamento da Kübler, Daniel. "Governing the metropolis: towards kinder, gentler democracies." European Political Science 11.3 (2012): Una comparazione (sia pur priva di valore scientifico, in quanto prende in esame anni diversi e autorità di natura differente) tra le entrate di alcune autorità metropolitane mette in evidenza la rilevanza dei trasferimenti diretti nei relativi bilanci. Fonte: adattamento da (2013)

22 Alcune conclusioni Non esistono soluzioni univoche in relazione ai «dilemmi» della governance metropolitana, in particolare per quanto concerne la perimetrazione. Non esistono soluzioni univoche anche per quanto concerne il numero di governi metropolitani da istituire in un contesto nazionale. Emerge l assenza di un framework comune per il governo metropolitano in Europa.

23

METROPOLITANA. Daniela Gasparini 24 settembre 2013. AREA Metropolitana MILANESE: UNA CITTA DI CITTA

METROPOLITANA. Daniela Gasparini 24 settembre 2013. AREA Metropolitana MILANESE: UNA CITTA DI CITTA 1 MILANO CITTA METROPOLITANA Daniela Gasparini 24 settembre 2013 AREA Metropolitana MILANESE: UNA CITTA DI CITTA MILANO: VEDUTA NOTTURNA DALLE PREALPI LOMBARDE (D. Necchi) 2 2 DAL SATELLITE... Nel 1970

Dettagli

La governance metropolitana nella regione londinese. Michele Talia Università di Camerino

La governance metropolitana nella regione londinese. Michele Talia Università di Camerino La governance metropolitana nella regione londinese Michele Talia Università di Camerino the Greater London Authority (GLA) I primi esperimenti di governo metropolitano risalgono al 1855 con l istituzione

Dettagli

prof. Ing. Ennio Cascetta Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti L. Tocchetti Università degli Studi di Napoli Federico II Presidente della Società

prof. Ing. Ennio Cascetta Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti L. Tocchetti Università degli Studi di Napoli Federico II Presidente della Società prof. Ing. Ennio Cascetta Dipartimento di Ingegneria dei Trasporti L. Tocchetti Università degli Studi di Napoli Federico II Presidente della Società Italiana Politica Trasporti (S.I.Po.Tra.) Popolazione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE

Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello. Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Parlamenti nazionali e Unione europea nella governance multilivello Roma 28 gennaio 2016, I SESSIONE Il ruolo dei Parlamenti nazionali in materia di libertà, sicurezza e giustizia e in materia di adesione

Dettagli

4. Uno sguardo sul governo di alcune aree metropolitane in Europa. 15. 6. La cooperazione intercomunale nell area metropolitana torinese 23

4. Uno sguardo sul governo di alcune aree metropolitane in Europa. 15. 6. La cooperazione intercomunale nell area metropolitana torinese 23 Indice Premessa 3 1. Il concetto di metropoli e area metropolitana 5 2. Modelli di governo metropolitano 8 3. L assetto istituzionale delle Città metropolitane in Italia 11 4. Uno sguardo sul governo di

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

1. LE AREE METROPOLITANE: ASPETTANDO GODOT

1. LE AREE METROPOLITANE: ASPETTANDO GODOT 1. LE AREE METROPOLITANE: ASPETTANDO GODOT 1.1. I PROCESSI DI METROPOLIZZAZIONE Il tasso di urbanizzazione sta crescendo rapidamente a livello mondiale: dalla metà del 1900 al 2000 la quota di popolazione

Dettagli

1 di 32 XVI LEGISLATURA

1 di 32 XVI LEGISLATURA 1 di 32 XVI LEGISLATURA N. 21 - Settembre 2010 2 di 32 Servizio responsabile: SERVIZIO BIBLIOTECA - Ufficio Legislazione Straniera tel. 06 6760. 2278 06 6760. 3242 mail: LS_segreteria@camera.it I dossier

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

FRANCIA: IL NUOVO MODELLO DI DECENTRAMENTO E LA RIFORMA DELL AZIONE PUBBLICA * di Valentina Corneli ** (9 marzo 2014)

FRANCIA: IL NUOVO MODELLO DI DECENTRAMENTO E LA RIFORMA DELL AZIONE PUBBLICA * di Valentina Corneli ** (9 marzo 2014) FRANCIA: IL NUOVO MODELLO DI DECENTRAMENTO E LA RIFORMA DELL AZIONE PUBBLICA * di Valentina Corneli ** (9 marzo 2014) Nell introduzione al progetto di legge di Modernisation de l action publique territoriale

Dettagli

-significati. -modalità -impatti. 1) come capire i significatidelle pratiche di partecipazione / inclusione nel policy-making?

-significati. -modalità -impatti. 1) come capire i significatidelle pratiche di partecipazione / inclusione nel policy-making? 1) come capire i significatidelle pratiche di partecipazione / inclusione nel policy-making? Di che parliamo? Pratiche top-down (iniziativa politica) Disambiguazione: l «inclusione» può avere differenti

Dettagli

La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione

La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione La Città metropolitana: riferimenti normativi, competenze, stato di attuazione Pietro Lembi Centro Studi PIM Progettare il welfare nella città metropolitana Forum Terzo Settore Lombardia Milano, 21/05/2014

Dettagli

CAT MED Change Mediterranean Metropolises Around Time

CAT MED Change Mediterranean Metropolises Around Time Undici città del Mediterraneo hanno deciso di concentrare le loro riflessioni e i loro sforzi per prevenire i rischi climatici attraverso la promozione di un modello urbano sostenibile, compatto e multifunzionale.

Dettagli

LE PROVINCE IN EUROPA

LE PROVINCE IN EUROPA LE PROVINCE IN EUROPA L organizzazione delle istituzioni territoriali nei Paesi Ue Numero, dimensioni, funzioni, modelli elettorali e costi delle Province in Francia, Germania e Spagna Roma 3 ottobre 2013

Dettagli

RILEGGERE I TERRITORI PER DARE IDENTITÀ E GOVERNO ALL AREA VASTA

RILEGGERE I TERRITORI PER DARE IDENTITÀ E GOVERNO ALL AREA VASTA C E N S I S RILEGGERE I TERRITORI PER DARE IDENTITÀ E GOVERNO ALL AREA VASTA IL GOVERNO DELLE AREE METROPOLITANE IN EUROPA (Report di ricerca) Roma, febbraio 2014 1. SCELTE EUROPEE, CONTINGENZE ITALIANE

Dettagli

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà City Act Linee Guida per una Milano Metropolitana primi passi del piano strategico per la Milano che verrà Il Secolo Urbano Ormai oltre il 50% della popolazione mondiale vive in zone fortemente urbanizzate.

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ^^^^^^^^^^^^^^ INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 - PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA 2 - REQUISITI FONDAMENTALI

Dettagli

LA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO

LA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO LA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO ANALISI TECNICA DEI PROSSIMI STEP POLITICO-AMMINISTRATIVI PREVISTI DALLA LEGGE DELRIO Relazione di Daniele Vittorio Comero analista politico elettorale Mail: d.comero@gmail.com

Dettagli

Zone omogenee e governance territoriale

Zone omogenee e governance territoriale Zone omogenee e governance territoriale Laboratorio Formez-ANCI-UPL 9 novembre 2015 Martino Mazzoleni professore associato di Scienza Politica Università Cattolica del Sacro Cuore INDICE 1. L attuazione

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

APPALTI di INNOVAZIONE per Torino Smart City. Gianfranco PRESUTTI Direttore Direzione Lavoro, Sviluppo, Fondi Europei e Smart City

APPALTI di INNOVAZIONE per Torino Smart City. Gianfranco PRESUTTI Direttore Direzione Lavoro, Sviluppo, Fondi Europei e Smart City APPALTI di INNOVAZIONE per Torino Smart City Gianfranco PRESUTTI Direttore Direzione Lavoro, Sviluppo, Fondi Europei e Smart City Le Città: ambiti di sperimentazione e innovazione Le Smart Cities and communities

Dettagli

Un confronto europeo. ASSTRA UITP Transport Economic Commission

Un confronto europeo. ASSTRA UITP Transport Economic Commission Il Trasporto Pubblico Locale Un confronto europeo Emanuele Proia ASSTRA UITP Transport Economic Commission Cagliari, 13 novembre2015 Finalità Finalità, struttura e nota metodologia (1/2) La presente analisi

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto Il Progetto Dalla qualità dei dati alla qualità dell informazione statistica Trieste Palazzo Comunale, Sala del Consiglio Comunale 25-26 settembre 2014 Oltre il PIL si inserisce nell ampio dibattito volto

Dettagli

Indice. Introduzione. Gli indicatori Policy. Offerta e domanda di trasporto pubblico Produttività Efficacia. Equità. Fonti. Trasporti Viabilità

Indice. Introduzione. Gli indicatori Policy. Offerta e domanda di trasporto pubblico Produttività Efficacia. Equità. Fonti. Trasporti Viabilità 18 Indice Introduzione Gli indicatori Policy Trasporti Viabilità Offerta e domanda di trasporto pubblico Produttività Efficacia Qualità Accessibilità Equità Fonti 19 Offerta di trasporto Qual è l estensione

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE

COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE UNA PROPOSTA ALL ASSEMBLEA DEI SINDACI DELLA BRIANZA COSTRUIRE E ATTUARE UN PATTO PER UN WELFARE TERRITORIALE EFFICACE E SOSTENIBILE Il contesto territoriale Il territorio della Provincia di Monza e della

Dettagli

MAYORS ADAPT LA CAMPAGNA EUROPEA PER LA RESILIENZA DELLE CITTÀ. Città Resilienti nel 21 secolo. 17.09.2015, Desenzano del Garda

MAYORS ADAPT LA CAMPAGNA EUROPEA PER LA RESILIENZA DELLE CITTÀ. Città Resilienti nel 21 secolo. 17.09.2015, Desenzano del Garda MAYORS ADAPT LA CAMPAGNA EUROPEA PER LA RESILIENZA DELLE CITTÀ Città Resilienti nel 21 secolo 17.09.2015, Desenzano del Garda Laura Creazzo, Ufficio di Coordinamento di Mayors Adapt Sommario 1 2 Il Quadro

Dettagli

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ.

Dettagli

RASSEGNA ESSENZIALE DELLA NORMATIVA SETTORIALE DELLE REGIONI OB. CONVERGENZA

RASSEGNA ESSENZIALE DELLA NORMATIVA SETTORIALE DELLE REGIONI OB. CONVERGENZA Programma Operativo Governance e Azioni di Sistema FSE 2007 2013 Obiettivo 1 Convergenza Asse E Capacità istituzionale Progetto di supporto e affiancamento operativo in favore degli Enti Pubblici delle

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE

LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE LA PROGRAMMAZIONE DELL ASSISTENZA SOCIALE E I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA SOCIALE A cura di Amedeo Di Filippo Dirigente del Comune di Perugia 1) MODELLO ORGANIZZATIVO 2) PROGRAMMAZIONE SOCIALE 3)

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. RAFFAELLA FLORIO Coordinatrice ReCS e Firenze 2010 12 maggio 2006 Buongiorno a tutti. Io sono chiamata

Dettagli

LE CITTA METROPOLITANE: una nuova prospettiva per il governo dell area vasta.

LE CITTA METROPOLITANE: una nuova prospettiva per il governo dell area vasta. LE CITTA METROPOLITANE: una nuova prospettiva per il governo dell area vasta. 1 INTRODUZIONE 2 LE RAGIONI SOCIALI ED ECONOMICHE 3 L ESPERIENZA EUROPEA 4 LA STORIA NORMATIVA 5 LA LEGGE 56/2014 6 PROFILI

Dettagli

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione

REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE. della Regione REGOLAMENTO CONVOL REGIONALE della Regione Art. 1 Costituzione E costituita su delibera della ConVol nazionale la Rete regionale ConVol della Regione come articolazione regionale della ConVol nazionale,

Dettagli

Seminario sulle Città metropolitane Torino, mercoledì 10 aprile 2013 Sintesi degli interventi 1

Seminario sulle Città metropolitane Torino, mercoledì 10 aprile 2013 Sintesi degli interventi 1 EUROCITIES Economic Development Forum Seminario sulle Città metropolitane Torino, mercoledì 10 aprile 2013 Sintesi degli interventi 1 Nell ambito dell Economic Development Forum di Eurocities, che ha avuto

Dettagli

L autonomia speciale del Distretto di Roma capitale Proposta di legge di revisione costituzionale

L autonomia speciale del Distretto di Roma capitale Proposta di legge di revisione costituzionale L autonomia speciale del Distretto di Roma capitale Proposta di legge di revisione costituzionale di Alberto Stancanelli, Tommaso Di Nitto, Federica Grandi 1. Le ragioni della proposta. - 2. Il modello

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 INDICE TITOLO I Principi generali Art. 1 Principi generali Pag. 3 Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Territorio, sede

Dettagli

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale

Documenti internazionali sulla mobilità, la sicurezza stradale e lo sviluppo sostenibile Raccolta curata dal sito web mobilita&sicurezzastradale ACCORDO di BRISTOL Incontro informale tra i Ministri europei della Politica Urbana CREARE delle COMUNITA SOSTENIBILI in EUROPA Conclusioni della Presidenza Britannica dell UE BRISTOL Dicembre 2005 Meeting

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

Convegni e congressi:

Convegni e congressi: Convegni e congressi: - Partecipazioni al Congresso U.A.E. Aspetti sull ordinamento giuridico comunicato e l ordinamento giuridico degli Stati Membri Roma, giugno 1987 - Partecipazione al Congresso U.A.E.

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

Verso le città metropolitane: il percorso nel 2014 stabilito dalla legge 7 aprile 2014, n.56. Pietro Barrera, 11 giugno 2014

Verso le città metropolitane: il percorso nel 2014 stabilito dalla legge 7 aprile 2014, n.56. Pietro Barrera, 11 giugno 2014 Verso le città metropolitane: il percorso nel 2014 stabilito dalla legge 7 aprile 2014, n.56. Pietro Barrera, 11 giugno 2014 Indice: 1. Le tappe. 2. Le elezioni. 3. Il funzionamento degli organi collegiali.

Dettagli

La governance delle università: uno sguardo comparato

La governance delle università: uno sguardo comparato La governance delle università: uno sguardo comparato Marino REGINI (Università Statale di Milano) Seminario EconomEtica e POLIS, Vercelli, 2 Marzo 2012 Le riforme della governance universitaria in Europa

Dettagli

Caratteristiche del sistema elettorale comunale della Bassa Sassonia

Caratteristiche del sistema elettorale comunale della Bassa Sassonia - Traduzione giurata dalla lingua tedesca - Niedersächsischer Landeswahlleiter Informazioni del presidente della commissione elettorale regionale della Bassa Sassonia Caratteristiche del sistema elettorale

Dettagli

UNIONE POPOLARE CRISTIANA STATUTO

UNIONE POPOLARE CRISTIANA STATUTO UNIONE POPOLARE CRISTIANA STATUTO Art.1 E costituita, ai sensi degli artt. 18 e 49 della Costituzione, e dell art. 36 e ss. del Codice Civile, l Associazione UNIONE POPOLARE CRISTIANA (UPC), successivamente

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino

Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino Esperienze e prospettive di cooperazione territoriale nell arco alpino UDINE ITALY 15 Settembre 2015 La Strategia Macroregionale Alpina (EUSALP) Roberta Negriolli REGIONE LOMBARDIA Delegazione di Bruxelles

Dettagli

INCONTRO CON I CITTADINI. Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento

INCONTRO CON I CITTADINI. Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento INCONTRO CON I CITTADINI Comune Unico, una scelta per essere protagonisti del cambiamento Comune di Campegine, 1 luglio 2015 Di cosa parliamo stasera? Cosa cambierebbe per i cittadini e per le amministrazioni

Dettagli

European Spatial Planning Observation Network

European Spatial Planning Observation Network European Spatial Planning Observation Network Graziella Guaragno geografia e risorse ESPON 2020 FESR 41,377 Meuro priorità Mission Continuare il consolidamento di una Rete Europea di Osservazione Territoriale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE. della Regione Puglia. Leggi e Regolamenti regionali

REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE. della Regione Puglia. Leggi e Regolamenti regionali 2015.11. 02 13:21:48 +01'00' REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Puglia ANNO XLVI BARI, 2 NOVEMBRE 2015 Leggi e Regolamenti regionali n. 142 Il Bollettino Ufficiale della Regione Puglia

Dettagli

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012

TORINOSMARTCITY. ROMA - 9 Febbraio 2012 TORINOSMARTCITY DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY: IL PERCORSO DELLA CITTA DI TORINO ROMA - 9 Febbraio 2012 1 LE TAPPE 29 gennaio 2008 nell ambito della seconda edizione della Settimana Europea dell energia

Dettagli

Cronologia progetto Tempi della scuola

Cronologia progetto Tempi della scuola Progetto pilota Tempi della Scuola Cronologia progetto Tempi della scuola progettazione studi attuazione gennaio 1998 marzo - aprile 1998 aprile 1998 Interviste a sindaco, assessori, segretario comunale

Dettagli

Il ruolo delle sezioni locali del Corpo dei vigili del fuoco nella pianificazione dei servizi di emergenza

Il ruolo delle sezioni locali del Corpo dei vigili del fuoco nella pianificazione dei servizi di emergenza Il ruolo delle sezioni locali del Corpo dei vigili del fuoco nella pianificazione dei servizi di emergenza Vice Direttore Generale del Corpo dei vigili del Fuoco Mike Davis Sezione di Somerset 1 Quadro

Dettagli

Associazione Europea degli Enti Paritetici di Protezione Sociale

Associazione Europea degli Enti Paritetici di Protezione Sociale Associazione Europea degli Enti Paritetici di Protezione Sociale Cos è l AEIP? (Associazione Europea degli Enti Paritetici di Protezione Sociale) Organizzazione di lobbying basata a Brussels, fondata nel

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI) * Traduzione a cura dell Ufficio Relazioni Internazionali e Comunitarie maggio 2007 INTOSAI STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

Dettagli

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA Genova, gennaio 2015 T BRIDGE NEI PROGETTI EUROPEI Dal 2009 T Bridge è attiva nell ambito dei Progetti Europei, sia in modo

Dettagli

Convegno di ANCI Toscana su Pianificazione strategica e Città Metropolitane Sesto Fiorentino, 1 dicembre 2014

Convegno di ANCI Toscana su Pianificazione strategica e Città Metropolitane Sesto Fiorentino, 1 dicembre 2014 Convegno di ANCI Toscana su Pianificazione strategica e Città Metropolitane Sesto Fiorentino, 1 dicembre 2014 La Pianificazione Strategica nella nuova dimensione metropolitana e nello scenario europeo

Dettagli

Il Sindaco sottopone alla Giunta Comunale l allegata proposta di delibera avente per oggetto:

Il Sindaco sottopone alla Giunta Comunale l allegata proposta di delibera avente per oggetto: Il Sindaco sottopone alla Giunta Comunale l allegata proposta di delibera avente per oggetto: ADESIONE ALL ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE DEL SISTEMA CULTURALE INTEGRATO

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi delle Disposizioni di Vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle Banche di Banca d Italia, nonché

Dettagli

NEWSLETTER CITYREGIONS NUMERO 1

NEWSLETTER CITYREGIONS NUMERO 1 NEWSLETTER CITYREGIONS NUMERO 1 Un progetto dedicato alle cooperazioni metropolitane Nell area del programma CENTRAL EUROPE circa il 70 per cento della popolazione vive in aree urbane dove si concentrano

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT)

RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) RAPPORTO ANNUALE 2013 Sintesi (IT) Sintesi Sintesi Nel 2013 l EIOPA ha continuato a sviluppare il suo ruolo e profilo nel panorama europeo della vigilanza. La relazione annuale 2013 definisce i principali

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 1 del 28.01.2006 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE COORDINAMENTO PROVINCIALE BERGAMASCO ENTI LOCALI PER LA PACE

Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 1 del 28.01.2006 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE COORDINAMENTO PROVINCIALE BERGAMASCO ENTI LOCALI PER LA PACE Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 1 del 28.01.2006 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE COORDINAMENTO PROVINCIALE BERGAMASCO ENTI LOCALI PER LA PACE Premessa L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa

Dettagli

TRA. qui di seguito denominate le Parti PREMESSO CHE

TRA. qui di seguito denominate le Parti PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA per l'attivazione di azioni di progettazione e gestione di progetti di innovazione e sviluppo socio economico a valere sulla programmazione regionale, nazionale ed europea 2014-2020

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it. Tiziana Ianniello. (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012)

Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it. Tiziana Ianniello. (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012) Il brevetto europeo unico per 25 Stati membri e' realta' Ipsoa.it Tiziana Ianniello (Risoluzione Parlamento europeo 11/12/2012) Il Parlamento Europeo approva il nuovo sistema di protezione unitaria del

Dettagli

LE AREE INTERNE FINALMENTE, UN OPPORTUNITA.

LE AREE INTERNE FINALMENTE, UN OPPORTUNITA. 24 GIUGNO 2013 CB Micaela Fanelli - Sindaco di Riccia (CB) - Delegato per le politiche Comunitarie - Membro dell Ufficio di Presidenza ANCI LE AREE INTERNE FINALMENTE, UN OPPORTUNITA. GLI SCENARI PER LE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI Allegato ART. 1 Funzione dei CCM Le funzioni fondamentali dei Comitati Consultivi Misti stabilite al 2 comma, lettere a), b), c), d) della

Dettagli

Il riassetto delle funzioni degli enti di area vasta: Principi e e ipotesi di metodologia per l ottimizzazione di un percorso in itinere.

Il riassetto delle funzioni degli enti di area vasta: Principi e e ipotesi di metodologia per l ottimizzazione di un percorso in itinere. Il riassetto delle funzioni degli enti di area vasta: Principi e e ipotesi di metodologia per l ottimizzazione di un percorso in itinere. di Daniela Bolognino Giugno 2015 Il cammino delle riforme: dagli

Dettagli

Contratti di fiume strategie e prospettive. Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume

Contratti di fiume strategie e prospettive. Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume Contratti di fiume strategie e prospettive Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume Contratti di Fiume come Patti per i beni collettivi Agricoltura e prodotti tipici Fruizione

Dettagli

Dalle Province alle Città metropolitane. Firenze 22 ottobre 2013

Dalle Province alle Città metropolitane. Firenze 22 ottobre 2013 Dalle Province alle Città metropolitane Firenze 22 ottobre 2013 1 Il caos del Disegno di legge del Governo: una legge in attesa di Il Disegno di Legge sulle Città metropolitane riscrive le leggi su queste

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA DEL TURISMO

L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA DEL TURISMO L ORGANIZZAZIONE PUBBLICA DEL TURISMO CENNI STORICI LE ISTITUZIONI Fino ai primi anni del 900 la promozione turistica era affidata: ad enti di diritto privato operanti su tutto il territorio e dotati di

Dettagli

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Trento ottobre 2009 a cura di Manuela Cumerlotti e Nicoletta Funaro Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Premessa La Provincia Autonoma di Trento(*)

Dettagli

(Marche, BUR 2 dicembre 2013, n. 94) LA GIUNTA REGIONALE. omissis. Delibera

(Marche, BUR 2 dicembre 2013, n. 94) LA GIUNTA REGIONALE. omissis. Delibera Deliberazione Giunta Regionale 11 novembre 2013 n. 1534 Modifica ed integrazione della Delib.G.R. n. 747/2004 - Riordino del sistema regionale dei servizi per le dipendenze patologiche. (Marche, BUR 2

Dettagli

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004

statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 statuto Testo approvato dalla XXXI Assemblea Generale congressuale Roma, 1 dicembre 2004 Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È costituita dal 1908 l Unione delle Province d Italia (U.P.I.). Essa ha sede in Roma.

Dettagli

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali

Consultazione how-to. Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali Consultazione how-to Guida alla consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali 1 2 3 4 5 Autonomie Territoriali Forma di Governo e Parlamento Parlamentarismo o Presidenzialismo? Secondo te, l attuale

Dettagli

1. Quadro legislativo

1. Quadro legislativo 1. Quadro legislativo Le Direttive Comunitarie relative agli appalti pubblici costituiscono la base della legislazione nazionale irlandese sugli appalti pubblici. Le Direttive entrano legalmente in vigore

Dettagli

LE CITTÀ METROPOLITANE NELLA NUOVA LEGGE DI DELEGAZIONE SUL C.D. FEDERALISMO FISCALE

LE CITTÀ METROPOLITANE NELLA NUOVA LEGGE DI DELEGAZIONE SUL C.D. FEDERALISMO FISCALE LE CITTÀ METROPOLITANE NELLA NUOVA LEGGE DI DELEGAZIONE SUL C.D. FEDERALISMO FISCALE 1. Le città metropolitane sono state per la prima volta previste dalla legge n. 142 del 1990 di riforma dell ordinamento

Dettagli

LA TASSAZIONE NEL REGNO UNITO Alex Wild

LA TASSAZIONE NEL REGNO UNITO Alex Wild LA TASSAZIONE NEL REGNO UNITO Alex Wild In questa serie di paper mettiamo a confronto il sistema fiscale di diversi Paesi europei. Questo capitolo è dedicato al sistema fiscale del Regno Unito. Siamo interessati

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte prima - N. 30 Anno 46 30 luglio 2015 N. 187 LEGGE REGIONALE 30 LUGLIO

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia

Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia Bari 18 Gennaio 2016 Gal e Gac: una nuova politica di sviluppo locale in Puglia LE NOVITA DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 INTRODUZIONE APPROCCIO PLURIFONDO FEASR - FEAMP INTRODUZIONE STRATEGIA AREE INTERNE

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Introduzione al concetto di governance Quello della governance è un concetto maturato nella cultura inglese e statunitense, il quale ha successivamente

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL

PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL PROTOCOLLO D INTESA INTER-ISTITUZIONALE PER IL COORDINAMENTO E IL SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ DELLA RETE DI INCUBAZIONE POLICENTRICA FIORENTINA Tra Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

Pianificazione strategica e sviluppo delle aree metropolitane: l esperienza di Barcellona

Pianificazione strategica e sviluppo delle aree metropolitane: l esperienza di Barcellona Pianificazione strategica e sviluppo delle aree metropolitane: l esperienza di Barcellona Joan Trullén IERMB Presidente del Comitato Esecutivo del Piano Strategico Metropolitano di Barcellona Bologna Piano

Dettagli

Contratti di Fiume: quale ruolo all interno delle politiche regionali e nazionali

Contratti di Fiume: quale ruolo all interno delle politiche regionali e nazionali VIII TAVOLO NAZIONALE CONTRATTI DI FIUME DISSESTO IDROGEOLOGICO ED EMERGENZE IDRICHE AL TEMPO DEI F CAMBIAMENTI CLIMATICI Contratti di Fiume: quale ruolo all interno delle politiche regionali e nazionali

Dettagli