Pronto soccorso e interventi d urgenza in medicina veterinaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pronto soccorso e interventi d urgenza in medicina veterinaria"

Transcript

1 Pronto soccorso e interventi d urgenza in medicina veterinaria Dr vet Davide Lafranchi Acquarossa Dr Roger Gfeller DVM, Dipl ACVECC First Aid: Emergency Care for Dogs and Cats

2 Contenuti Misure di prevenzione Valutazione della situazione Primi soccorsi Trasporto in una struttura veterinaria!!riconoscere i sintomi anomali trattare disturbi e malattie, apportare cure sanitarie efficaci

3 Regole generali Osservare il proprio animale quando è sano In caso di intervento assicurarsi che il cane non possa morderci (museruola) Nel dubbio non intervenire In caso di necessità chiamare il veterinario di picchetto Nr vet di picchetto

4 Esame clinico Per poter individuare anomalie nello stato clinico è necessario riconoscere i parametri fisiologici Prima di visitare il paziente osservarne il comportamento Visita clinica Naso-tartufo umido e pulito! secco, escoriazioni, secreto, sangue Occhi normalmente aperti, chiari, umidi!! pupille asimmetriche, congiuntive pallide o iperemiche, prolasso 3 palpebra, secrezioni anomale, colorazioni anomale della sclera, riflesso pupillare e riflesso di minaccia anomali

5 Esame clinico Pelle è un indicatore importantissimo dello stato di salute! masse, zone alopeciche, prurito, seborrea, cattivo odore Turgore cutaneo indica lo stato di idratazione dell animale normalmente la cute è elastica alterato in pazienti anziani e molto magri

6 Esame clinico Orecchie asciutte e pulite! dolore, prurito e scuotimento della testa, ematomi secrezioni maleodoranti, ferite, eritemi, gonfiori infezioni batteriche e fungine possono originare da allergie, intolleranze alimentari o problemi ormonali Denti bianchi e puliti! alitosi, tartaro, difficoltà nella masticazione Mucose (congiuntive e orali) umide e rosa controllo CRT (capillary refill time )! Temperatura T: C temperatura rettale con termometro digitale assenza di muco e sangue

7 Esame clinico Frequenza cardiaca pulsazioni/min nei soggetti atletici e rilassati può essere inferiore normalmente forte e regolare Frequenza respiratoria atti respiratori/min normalmente la respirazione è regolare e costoaddominale!! Anomalie nel ritmo o nella frequenza!! Rumori strani, respiro irregolare, movimenti addominali anormali In caso di difficoltà respiratoria il paziente non può sdraiarsi e tiene i gomiti allargati Polso normalmente forte e regolare arteria femorale: frequenza cardiaca 15 sec x 4,

8 Urgenze veterinarie Principali problemi di salute del cane che richiedono un pronto intervento

9 Febbre La febbre è l aumento della temperatura corporea che si verifica in risposta ad una infiammazione o ad un infezione a prescindere dalla temperatura esterna. (Temp. normale ). Va misurata con termometro digitale elettronico per via rettale. Se la temperatura supera i 40 C, in assenza di farmaci e indicazioni mediche, raffreddare l animale con compresse o spugnature fredde, somministrare piccole quantità di liquidi. La febbre è un sintomo comune a molte malattie con disturbi variabili: apatia, brividi, convulsioni, vomito, tosse, scolo nasale, diarrea.

10 Ipertermia (colpo, prostrazione da calore) Aumento della temperatura corporea a causa dell alta temperatura e dall alta umidità esterna Cause principali - Stazionamento in luoghi caldi/umidi senza adeguata protezione dal sole - Stazionamento in veicoli senza adeguata ventilazione ( aumento di +20 /1ora anche con T esterne mod) - Attività fisica con temperature e umidità elevate!!!! T > 40.5 potenzialmente pericolosa/ mortale Fattori predisponenti Obesità, razze brachicefale, qualità e colore del mantello, crisi epilettiche, eclampsia e convulsioni

11 Sintomatologia tachipnea, agitazione, mancanza di coordinazione, atassia, salivazione da naso e bocca, decubito, perdita di conoscenza, coma morte!! La colorazione delle mucosegengive varia progressivamente dal blu/porpora al rosso intenso a causa dell ipossia e della disidratazione spostare l animale in un luogo fresco, ventilato misurare la temperatura corporea raffreddare progressivamente con impacchi o acqua fresca (collo, inguine, ascelle, zampe) centro veterinario!!!! non usare ghiaccio (vasocostrizione periferica ) non forzare l animale a bere

12 Insolazione Lesioni tissutali/ ustioni dovute a prolungata esposizione ai raggi solari o ultravioletti - Normalmente gli animali hanno una sufficiente protezione: pelo, pigmento scuro - In casi particolari usare creme protettive atossiche prevenzione!! gel Aloa vera dentifricio menta flammazyne

13 Ipotermia Discesa della temperatura corporea sotto i 38 C (misurazione rettale) Sintomi: apatia, letargia, inappetenza, tremito, ipoglicemia convulsioni! Cause: temperature esterne estreme con apporto alimentare inadeguato, malattie metaboliche ( renali, cardiache, ormonali: ipotiroidismo, DM) veterinario! Riscaldare l animale in luogo adeguato, usare coperte calde (asciugatrice) o water bottle, miele Evitare ustioni e vasodilatazione periferica

14 Disidratazione Perdita eccessiva di liquidi (vomito/diarrea) o assunzione insufficiente. Riduzione della prestazione fisica, apatia e prostrazione Mucose bocca asciutte, occhi infossati, controllo del turgore-plica cutanea Digiuno forzato, idratare con piccole quantità di acqua (1 cucchiaino/ 1 tazza) ogni 2-3 ore, In caso di vomito profuso, anoressia + 24 ore, letargia, dolore: veterinario! Cibi solidi, grandi quantità di acqua/liquidi.

15 Punture di api o altri insetti Possono causare reazioni locali come: dolore, rossore gonfiore o reazioni allergiche sistemiche con nausea, vomito, difficoltà respiratorie e collasso. Togliere il pungiglione (carta di credito o pinzetta) Impacchi freddi, pomata al bicarbonato Se gonfiore del viso o problemi respiratori vet! (Apis omeo, antiistaminici, cortisone) Non incidere o schiacciare la ferita

16 Morso di serpente - Nel dubbio considerare il morso come velenoso - Doloroso, (museruola!) mantenere la calma, immobilizzare l arto ferito, trasportare l animale, identificare il serpente - Veleno neuro e/o ematotossico - Complicanze batteriche Non incidere la ferita Non applicare lacci emostatici Non fare impacchi con ghiaccio Non iniettare siero antiveleno

17 Diarrea e vomito Diarrea: espulsione frequente di feci acquose Vomito: espulsione forzata del contenuto dello stomaco Vomito e diarrea hanno lo scopo di liberare il corpo da sostanze dannose ingerite In alcuni casi il vomito può essere il sintomi di problemi ad altri organi (reni, fegato) Togliere ogni tipo di alimento e acqua verificare i segni di disidratazione! Cuccioli e animali anziani! Perdita di liquidi e scompensi di elettroliti In assenza di vomito x 6-8 ore,iniziare con i liquidi (acqua, gatorede ) 1 cucchiaino/kg pc ogni 2-3 ore, giorno e notte. Dopo 24 ore cibi solidi e pasti frazionati. In presenza di d/v febbre e prostrazione Vet!

18 Diarrea e vomito Non somministrare medicamenti senza avviso vet. né alimentazione forzata. La sintomatologia GIT può essere associata a disturbi alimentari, intossicazione, infezione batteriche, virali, infestazioni parassitarie!! potenzialmente infettiva Prevenzione: dieta corretta, vaccinazioni, cure antiparassitarie

19 «Straining to eliminete» tenesmo Incapacità di urinare o defecare, può essere confuso con diarrea o emissioni frequenti di urina Cause cane: corpi estranei, colite, blocco uretrale gatto: FLUDT (M/F, stress), urolitiasi, infetto urinario, colite,! Iperplasia prostatica, infiammazioni GIT, tumori, polipi Insufficienza renale acuta (anziani %) Un blocco urinario può essere mortale in ore

20 Dilatazione - torsione gastrica Dilatazione dello stomaco causata dalla presenza di aria, può essere complicata dalla torsione dello stomaco su se stesso Tensione - gonfiore addominale, salivazione, tentativi di vomito a vuoto, apatia, prostrazione, collasso Contattare urgentemente il veterinario!!!!!!!! Evitare zuppe o alimenti che si gonfiano somministrare la razione giornaliera in due pasti Gastropessi preventiva in razze a rischio (torace profondo: DSH, alano, akita bloodhound, bassethound, deerhound) Prevenzione: riposo prima e dopo il pasto: 2 ore

21 Avvelenamento Condizione indotta da ingestione, inalazione, assorbimento o iniezione di sostanze che possono causare danni funzionali o strutturali all organismo es. metaldeide, cianuro, stricnina, anfetamine Nr tel 145 (24 h) Ev. indurre vomito con acqua ossigenata 2% Non indurre vomito 3 h post ingestione, in animali incoscienti, con vomito, difficoltà respiratorie o crisi convulsive, nel caso di ingestione di derivati del petrolio, detergenti, sostanze acide o alcaline forti

22

23 Prodotti chimici: lesioni simili a ustioni, proteggere mani e occhi, museruola, ventilare x evitare inalazioni. Lavare la zona contaminata con abbondante acqua o soluzione salina ( 9 gr sale/1 l acqua) x 15 minuti, in caso di prodotti secchi spazzolare il pelo Non immergere il paziente in acqua o usare detergenti secchi

24 Problemi al parto La gestazione nei cani e gatti dura giorni Le doglie all inizio possono essere poco frequenti, deboli o incomplete. Visita vet dopo 3 ore, o in caso di prostrazione. In presenza di contrazioni forti e regolari i cuccioli nascono entro min. Parto gatto fino a 24 ore, cane 4-6 ore. Lochie verdastri 5-10 min prima del primo cucciolo. Dopo 42 giorni di gestazione XR Perdite vaginali bruno rossastre per varie settimane pp

25 Preparare un posto tranquillo, caldo e facile da pulire, controllare senza disturbare la fattrice. Nel caso di cuccioli bloccati, tirare leggermente con un panno durante le contrazioni, rimuovere le membrane fetali, tenere al caldo (thermos avvolta in teli, lasciare spazio di fuga), tagliare il cordone ombelicale a 2 cm dopo averlo legato, disinfettare Non infilare le dita nelle vie genitali, non usare pinze! ossitocina o farmaci, non tirare la testa o il cordone ombelicale, non usare cuscini o piastre elettriche La maggior parte dei parti non richiede cure!!! Eclampsia, ipocalcemia 2-4 settimane pp: tremore, spasmi, convulsioni Ipoglicemia dei cuccioli: poppata insufficiente, agitazione, pianto, apatia

26

27 Lesioni oculari Sfregamento o lacrimazione eccessiva, impossibilità a chiudere le palpebre, arrossamento, spurgo di pus o sangue, sospetto di corpo estraneo, trauma, sostanze irritanti, protrusione del bulbo ottico ( proptosis) panoftalmia da neve, erosione della cornea veterinario!

28 Lesioni oculari Ferite/ traumi, proteggere la parte con compresse umide Sostanze irritanti: lavare con acqua o soluzione salina ( 9 gr/l) x 15 minuti, con una spugna o siringa, compresse di camomilla o tè nero Non cercare di rimuovere i corpi estranei da soli, Non mettere pomate o colliri senza avviso medico, Non riposizionare un occhio lussato

29 Folgorazione - elettrocuzione La folgorazione è potenzialmente mortale a causa dei danni tessutali, e complicanze quali aritmie cardiache e edema polmonare. Richiede sempre un controllo veterinario e l ospedalizzazione Spegnere o allontanare la fonte elettrica, ev spostare l animale con una scopa o materiale non conduttore, se non respira CPCR, impacchi freddi Non somministrare medicamenti o liquidi senza preavviso del veterinario

30 Convulsioni - crisi epilettiche - movimenti involontari causati da attività cerebrale alterata: focale o totale, perdita o meno di feci e urina, animale cosciente +/- responsivo, durata variabile -!!!+ 3-5 min: edema polmonare /cerebrale, ipossia, ipertermia, con lesioni irreversibili - Cause comuni: epilessia, ipoglicemia, eclampsia, tumori cerebr, tossine, epatopatie, colpo di calore - assicurare un ambiente sicuro, allontanare bambini o altri animali, non mettere le mani in bocca ( non ingoiano la lingua) - osservare sintomi frequenza e durata - medicamenti: Valium rettale (epilessia), miele, sciroppo ( DM)

31 Ferite Interruzione dei tessuti causata da agenti esterni: morsi, fili di ferro delle recinzioni, vetro, spighe, arma da fuoco, incidenti d automobile, cadute.. Valutare la profondità e la localizzazione -!danno cutaneo può non corrispondere al danno sottostante - ferite al collo al torace e all addome possono avere conseguenza più gravi Verificare la presenza di un corpo estraneo all interno! pericolo di migrazione del corpo estraneo in tutto il corpo con sintomi che appaiono dopo settimane!!!

32 Ferite Valutare il pericolo di infezioni secondarie causate dai batteri introdotti Diagnosi veterinaria (Radiologia, Sonografia, MRI) sedazione o anestesia generale Tosare il pelo circostante, pulire con acqua, disinfettare con Betadine Proteggere la ferita da contaminazioni esterne

33 Presenza di un corpo estraneo Calmare, eventualmente coprire l animale Immobilizzare l animale Cercare di fissare il corpo estraneo Nel caso di ferite aperte al torace (suoni d aria, fischi, risucchio) sigillare-coprire la ferita con vaselina, plastica e bendaggio Richiedere sempre un consulto veterinario Non rimuovere il corpo estraneo da soli, se possibile accorciare la parte esterna senza muoverlo!

34 Ascesso Accumulo localizzato di pus causato da batteri introdotti dall esterno: ++ morsi o corpi estranei

35 Ascesso Dimensioni variabili, alla palpazione caldo e dolente Animale depresso, spesso febbre Possono aprirsi spontaneamente: es. sacche anali con sanguinamento! Emorragia rettale. Ascesso ai denti inizia in genere con gonfiore alla mascella fino alla zona perioculare Veterinario entro 24 ore, drenaggio, antibiotici cure a casa (pulizia, farmaci, igiene ) impacchi caldi 5-10 min con pressione 3-5 x dì. Non incidere l ascesso,! dolore dell animale Non somministrare farmaci o applicare pomate inadeguate, senza prescrizione veterinaria

36 Emorragia Perdita di sangue dai vasi sanguigni visibile: tagli, lacerazioni non visibile: emorragia interna, trauma, neoplasia, infetto, avvelenamento.. Sintomi: tachicardia, polso femorale debole, mucose pallide, estremità fredde, respiro accelerato, collasso, tosse con sangue, (emoptisi) epistassi, apatia Sangue circa 7% del peso corporeo (donatore di sangue 40 kg, 250 ml /sangue) Stato di shock: perdita di ml/ kg peso

37 Pressione diretta: garza, tampone, ovatta, fare più strati, non togliere il coagulo, fasciatura compressiva, fasciatura addome, asciugamani Elevazione: sollevare l arto sopra il cuore Blocco diretto dell arteria coinvolta, es femorale Laccio emostatico:! Salva vita, amputazione, min max poi lasciare 20 sec, laccio largo,elastico

38 Epistassi Sanguinamento o emorragia dal naso Mantenere la calma, l eccitazione aumenta la pressione sanguigna e peggiora il sanguinamento Applicare une ice-pack, vasocostrizione Ispezionare la bocca e le mucose Sangue da narici? Emorragia + 5 min!! Veterinario che Non mettere niente sul e nel naso ( starnuti da corpo estraneo espellono il coagulo di sangue) DD: corpi estranei, polipi, infezioni, intossicazioni, disturbi della coagulazione,

39 Lesioni chimiche Contatto di pelle e mucose con: liscive, prodotti di pulizia, sostanze chimiche, lesioni simili a bruciature. L intervento tempestivo basilare Lavare con acqua o soluzione salina (9gr/l) x 15 min spazzolare accuratamente il pelo Ventilare il locale Proteggere occhi, naso, bocca e mani Non immergere in acqua (reazione chimica/ calore) Non applicare agenti neutralizzanti su pelle o occhi

40 Ustioni e bruciature Calore, fiamma, sostanze chimiche, elettricità, Ustioni di 1,2,3 grado: arrossamento, superficiale, vesciche, lesioni profonde con perdita di tessuto!!!! Spegnere le fonti di calore/ folgorazione/ Museruola Veterinario Impacchi freddi 30 min (flammazine + fasciatura) Debridment, olio, grasso

41 Bendaggio Utile per proteggere le ferite dall ambiente o l ambiente dalle ferite e per impedire all animale di leccarsi e/o irritare la ferita Pulire accuratamente la ferita (acqua), rasare la parte se necessario Materiale necessario: livello di contatto (sterile non aderente), strato assorbente, strato esterno, pomata antibiotica

42 Bendaggio Strato di contatto: pomata AB + garza ad es. telfa Strato assorbente: ovatta sintetica da distale a prossimale Strato esterno: elastico e respirante, Eventualmente nastro tesa protettivo, pelo

43 Fratture e infortuni Frattura, rottura o fissurazione di un osso. Spesso richiede intervento chirurgico/immobilizzazione. - chiusa: senza ferita connessa - aperta: ferita connessa alla frattura, osso visibile o meno - dislocazione: spostamento di un osso a livello articolare (lussazione) - distorsione: lesione ai tessuti molli, ligamenti (lacerazione o allungamento)

44 Paralisi Coprire il paziente, effetto calmante e previene l ipotermia Prevenire la struttura veterinaria del vostro arrivo, le prime cure prestate e le informazioni sono determinanti per migliorare la prognosi Non stimolare il paziente a muoversi, non somministrare farmaci senza autorizzazione, evitare perdite di tempo, reagire subito!!

45 Paralisi Impossibilità di movimenti volontari di una parte o più parti del corpo. La parte colpita (schiena, collo..) può essere rigida o flaccida e rilassata. Di regola molto dolorosa, necessita di cure immediate specialistiche e/o chirurgiche. Calmare l animale, museruola Trasporto secondo la tecnica descritta - muovere il meno possibile l animale e con attenzione, evitare altre complicanze (emorragie, lesioni ai tessuti molli, frattura) - se possibile posizionare in decubito laterale, su una superficie dura e liscia, fissare in modo stabile con cinghie o scotch, «coperta» - evitare pressioni su addome e torace (vomito, arresto respiratorio) - collo e colonna «dovrebbero» essere allineate - posizionare la testa in posizione fisiologica (garantire il normale flusso sanguigno) in caso di vomito allineare in posizione inferiore rispetto al cuore per evitare aspirazione polmonare

46

47 Paralisi Cause Immediata x rottura di un disco intervertebrale o infarto del midollo, spontaneo o traumatico a seguito di incidenti con fratture Lesioni dei tessuti molli, emorragie, edema e ematomi compressivi, Gradi di deficit neurologico : atassia, deficit propiocettivo, assenza di movimento volontario, assenza di dolore profondo, paralisi vescicale Riabilitazione post chirurgica!!!!! -

48

49 Dispnea: difficoltà respiratoria Inusuali sforzi inspiratori o espiratori, rumori atipici, presenza di saliva, colorazione delle labbra e congiuntive bluastre ++ razze brachicefale (naso corto e lume tracheale stretto ) il palato molle Interferisce con la respirazione (giornate afose con tachipnea) OP?? Mantenere la calma, in presenza di corpi estranei: Manovra di Heimlich o «finger sweep», resp artificiale Se necessario raffreddare il paziente ( zampe, orecchie)

50

51

52 Diagnostica spesso complessa Mai sottovalutare le difficoltà respiratorie Cardiopatie congestive, edema polmonare Asma, bronchite, tumori, Tumori, corpi estranei, ostruzione/collasso della trachea Paralisi laringe ( pazienti anziani )

53 Soffocamento Corpi estranei, trauma collasso trachea, asma, edema laringe, lesioni polmonari gravi, spesso confuso con tracheobronchite o tosse (respiro normale/difficoltà espiratorie) Animale non cosciente: liberare le vie aeree Finger Sweep ( pomo d adamo),rianimazione o eventualmente manovra di Heimlich ( pressione dall addome verso lo sterno per liberare le vie aeree) Animale cosciente: liberare le vie aeree! morsi! se ipertermia (scambio di calore non possibile) raffreddare le estremità

54 Annegamento (soffocamento) L annegamento per soffocamento è causato dal riempimento dei polmoni con acqua o altri fluidi. Edema polmonare, polmonite ab ingestis, ipotermia, bilancio elettrolitico, convulsioni, ipoglicemia Allontanare l animale dall acqua, posizionare in decubito laterale, con la testa più bassa, estrarre la lingua e fare pressione sul torace per favorire l espulsione dei liquidi, CPCR, caldo, Veterinario!

55 Annegamento Prevenzione Se gli animali hanno accesso ad una piscina, istruirli sul modo di uscire ( bordo o scaletta)

56 Svenimento, capogiro, sincope Corrisponde alla perdita improvvisa di coscienza o ad un episodio di debolezza marcata. Le cause sono molteplici: ipoglicemia, malattie metaboliche, neurologiche o cardiache +/- gravi. Richiede sempre accertamenti diagnostici. Mettere l animale in decubito laterale con la testa più in basso per favorire la circolazione cerebrale, coprire per mantenere il calore corporeo, in caso di vomito prevenire l aspirazione.

57 Schock Grave scompenso circolatorio, con compromissione delle funzioni vitali più importanti, causato da insufficiente apporto di ossigeno ai tessuti o dall incapacità dei tessuti ad utilizzarlo. Shock e sistema cardiocircolatorio - - sistema chiuso : pompa (cuore) rete di vasi - arterie, capillari, vene, / garantisce il - trasporto di O2,CO2, e metaboliti - - politrauma, diarrea, vomito, cardiopatie, - ostruzione vie aeree, setticemia, asfissia - avvelenamento

58 Shock Sintomi iniziali - Stato di eccitazione o depressione anomala - Tachicardia, polso normale, mucose rosa pallide Sintomi tardivi - Mucose estremamente pallide o cianotiche - Spesso tachiarritmia o bradicardia finale - Polso debole e/o non reperibile - Ipotermia, arti freddi, occhi opachi e assenza di riflesso pupillare - Progressivo deterioramento dello stato mentale da depressione a stupore, coma

59

60

61 liberare le vie respiratorie, controllare l emorragia, CPR, coprire l animale, preparare il trasporto, museruola! non somministrare liquidi (polmonite d aspirazione) non somministrare medicamenti (emorragie FANS) non forzare al movimento ( emorragie, lesioni organi int ) dopo un incidente non sottovalutare i sintomi e richiedere assistenza veterinaria

62 Rianimazione cardiopolmonare CPCR Arresto cardiocircolatorio: fornire un sufficiente flusso di sangue e ossigeno agli organi vitali in attesa del vet ( prognosi 2-3%) Compressioni toraciche e respirazione artificiale arresto? liberare le vie aeree,rianimazione compressioni min cp-g/ cg pressione 1-4 cm, respirazione 1/12

63 Prevenzione e sicurezza

64

65 Alimentazione Essenziale nella prevenzione e cura di malattie, deficit o scompensi digestivi Malattie correlate: obesità, patologie dentali, malattie cardiovascolari, epatopatie, diabete mellito, ICR, pancreatiti, osteoartrite, infiammazioni, ulcere intestinali garantire una dieta appropriata alle esigenze individuali e un sufficiente apporto di acqua (cuccioli e cani anziani, disidratazione e complicanze circolatorie e renali)

66

67 Evitare esercizio intenso +/- 2 ore dal pasto Controllare il cane nel suo ambiente, prevenire le situazioni pericolose, assicurare svago e esercizio fisico adeguato Cuccioli:!! Corpi estranei, legni, sassi, giochi, rifiuti, sostanze tossiche ( lesioni esofago, stomaco, intestino) - fertilizzanti, insetticidi, pesticidi - piante fresche o secche (es cipolle) - monetine ( Zinco, vomito, anemia) - cioccolata ( pura-nera 30 gr/ tossici x 10 kg pv) - antigelo (sapore dolciastro 5-20 ml, causa danni renali irreversibili cane e gatto ) Medicamenti ( paracetamolo, ibuprofen, ansiolitici)

68

69 Trasporto, vacanze all estero, seguire le prescrizioni di legge specifiche Check-up veterinari regolari Cure dentali: infezioni ascendenti a gengive, cavità sinusali, occhi, forme setticemiche via cuore, fegato, reni Vaccinazioni: parvovirus, cimurro, leptospirosi, epatite, rabbia, tosse da canile, leucemia, rinotracheite, gastroenterite

70

71

72 Contenuto farmacia 1 set 2 compresse sterili 10 x 10 cm 1 benda di garza elastica fixeflast 6 x 4 cm 1 benda elastica nova extra pressata 6 cm x 2.5 m 1 cartuccia di fasciatura sterile 8 cm x 4 1 Coperta termica / 1 sacchetto x acqua 1 Cerotti ipoallergenici 50 x 97 mm / cerotti di varie misure 1 fascia triangolare 1 forbice / 1 pinzetta / 2 siringhe 5/10 ml 1 set agraffe / spille di sicurezza 1 Bepanthen plus spray 30 ml / Collirio Euphrasia monodose 5 pastiglie Novalgin 500 mg / 5 Prednisolon 20 mg 1 tubo dose Arnica 200 k / Nux Vomica 200 k / Belladonna 200 k

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita

Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita Trattamento dei casi in cui vi è pericolo di vita EMORRAGIE CHE 1 Proteggersi dalle infezioni. Indossare i guanti di lattice. Se i guanti non sono disponibili usare diversi strati di tamponi di ganza o

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE?

GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? GUIDA PRATICA ALLE GRANDI E PICCOLE EMERGENZE COME SI AFFRONTA UN'EMERGENZA? COSA POSSO FARE? Il modo per aiutare una persona spesso dipende dal problema che ha. A volte, il sistema più rapido per soccorrere

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI)

1 - PERDITE DI COSCIENZA (SVENIMENTI) Il PRIMO PRONTO SOCCORSO Chi pratica attività sportiva molte volte si trova nelle condizioni di dover prestare interventi urgenti di assistenza ad altri. Verranno fornite in maniera sintetica alcune nozioni

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat.

Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005. sottoscrit nat. Al Coordinatore dei Servizi Veterinari ASL RM A SEDE Oggetto : Segnalazione colonia felina L.R. 34/97 Reg, Comunale sulla tutela degli animali del 24 Ottobre 2005 Il/la a il residente sottoscrit nat a

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica

Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Quello che Dovete Sapere Quando Salta la Corrente Elettrica Sicurezza del Cibo Se rimanete senza corrente per meno di 2 ore, il cibo nel vostro frigorifero e congelatore si potrà consumare con sicurezza.

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DELL ATTIVITA SUBACQUEA y = -10x +10,33 1 atm = colonna di 0.762 m di mercurio (Torricelli) a quanti metri di acqua corrisponde? 0.762 x 13.5 = 10.33 m, ~ 10m (13.5 : approx

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata

alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 7. alcoliche alcoliche: Bevande se sì, solo in quantità controllata 53 7. Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 1. DEFINIZIONE DI UNITÀ ALCOLICA (U.A.) Una Unità Alcolica (U.A.) corrisponde

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età

Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Anni d argento, anni di valore. Piccoli consigli per vivere al meglio la terza e quarta età Beata vecchiaia. Nel nostro paese è in corso una grande sfida: trasformare la vecchiaia in un periodo della vita

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli