REGOLAMENTO NIDO D INFANZIA E SERVIZI INTEGRATIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO NIDO D INFANZIA E SERVIZI INTEGRATIVI"

Transcript

1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO NIDO D INFANZIA E SERVIZI INTEGRATIVI Approvato con deliberazione Consiliare n. 14 del , modificato con deliberazioni Consiliari n. 11 del 15/02/2002, n. 32 del , n. 72 del 13/12/2008 e n. 1 del

2 ISTITUZIONI COMUNALI: NIDO D'INFANZIA PREMESSA: Il Nido d infanzia è un diritto educativo, anche se tale non viene ancora riconosciuto dalla legislazione nazionale, che continua a considerarlo un "servizio a domanda individuale". Il Nuovo Regolamento vuole essere la carta di identità istituzionale di un intervento pensato ed organizzato dalla parte dei bambini e delle bambine: un intervento intenzionalmente educativo, capace di integrare, arricchire, potenziare le esperienze di vita nell'ambito familiare. ART. 1 - ISTITUZIONE Il Comune di San Giorgio di Piano istituisce come primo comparto della scuola dell'infanzia il Nido d infanzia, servizio educativo pubblico che si rivolge ai bambini dai 12 mesi ai 3 anni di età. ART. 2 - FINALITA' ED OBIETTIVI ISTITUZIONALI. Il Nido d infanzia è un servizio sociale di interesse pubblico che si propone di essere uno spazio educativo tale da rispondere ai bisogni primari della vita dei bambini fino al terzo anno di vita ed alle esigenze sociali della cittadinanza. Nessuna motivazione può costituire motivo di discriminazione sociale e di esclusione. Il Nido d infanzia viene istituito per corrispondere alle finalità degli artt. 1 e 6 della legge 1044 del 1971 e legge regionale 14/4/2004 n. 8 Modifiche alla legge regionale 10/1/2001 n. 1 recante Norme in materia di servizi educativi per la prima infanzia. L'Amministrazione Comunale attraverso l'istituzione dei Nido d infanzia intende promuovere nel quadro di un rapporto famiglia - infanzia - società un processo di socializzazione omogeneo per i bambini provenienti da differenti condizioni socioculturali offrendo a tutti ampie opportunità di esperienze educative sul piano affettivo ed intellettivo, avviando la formazione di una personalità libera, autonoma, critica, ed affettivamente equilibrata. ART. 3 - RAPPORTO CON LE ALTRE ISTITUZIONI Al fine di realizzare una reale continuità educativa, si auspica la costruzione di saldi nodi di raccordo tra nido d infanzia e scuola dell infanzia, che implichino la individuazione di strategie ottimali per favorire il passaggio dei bambini dal nido d infanzia alla scuola dell infanzia e la sua elaborazione di un percorso formativo unitario fondato sul modo di esperienza dei bambini e sulle modalità di comunicazione caratteristiche di questa - fascia di età. Il collegamento fra asilo nido d infanzia e scuola dell infanzia sarà attuato attraverso incontri periodici tra operatori delle due scuole: in tale sede saranno concordate e 2

3 sperimentate ipotesi operative che prevedono l'introduzione nella programmazione didattica di progetti didattici che coinvolgano i bambini frequentanti le due istituzioni. Inoltre la promozione di corso di aggiornamento congiunti fra insegnanti della scuola materna e dell'asilo nido può essere oltre che un utile momento di confronto, anche un ulteriore strumento per una continuità pedagogica che intende superare di fatto le dichiarazioni di principio. ART. 4 - GESTIONE SOCIALE. La gestione sociale si realizza completamente in un contesto sociale che coinvolga la famiglia, gli operatori scolastici e la comunità locale. Non deve essere esercitata solamente sugli aspetti strettamente organizzativi, ma rivolta soprattutto ai contenuti educativi e pedagogici anche attraverso momenti di partecipazione quali attività aggregative e socializzanti al fine di favorire la conoscenza e la coesione tra genitori, bambini e personale. ART. 4/1 - ASSEMBLEA DI PLESSO. L'assemblea dei genitori costituisce l'istanza fondamentale di partecipazione e di gestione democratica delle istituzioni comunali per l'infanzia. E' costituita da tutti gli insegnanti, il personale ausiliario, i genitori dei bambini frequentanti il plesso ed il coordinatore pedagogico. L'assemblea di plesso si riunisce su convocazione del Presidente del Comitato di Gestione e l'ordine del giorno è integrato con eventuali altri argomenti proposti dall'assemblea di sezione e/o dall'assessorato alla Pubblica Istruzione. L'Assemblea di plesso svolge i seguenti compiti: - ratifica il Comitato di Gestione; - discute problemi di interesse comune a tutti i genitori; - promuove incontri su tematiche specifiche volti a diffondere ed affermare una cultura dell'infanzia. Il diritto di voto spetta esclusivamente alle componenti istituzionali e, in caso di votazioni, è necessario che sia presente la metà più uno degli aventi diritto al voto. All'Assemblea possono anche partecipare, con facoltà di parola, persone o Enti invitati dal C. di G. Un componente del C. di G. con funzioni di segretario verbalizza le riunioni dell'assemblea. ART. 4/2 - ASSEMBLEA DI SEZIONE. L'Assemblea di plesso si può articolare in assemblea di sezione istituita al fine di facilitare la comunicazione fra i genitori i cui bambini frequentano la stessa sezione e per rispondere alle esigenze specifiche di gruppo. L'Assemblea di sezione è costituita dalle insegnanti, dal personale ausiliario interessato alla sezione, e da tutti i genitori. L'Assemblea di sezione svolge i seguenti compiti: 3

4 - elegge i genitori rappresentanti la sezione durante l'assemblea di plesso convocata nella stessa data per la ratifica del comitato stesso; - costruisce un momento di confronto tra le diverse componenti su problemi specifici della sezione; - discute e verifica nella specifica realtà di sezione il programma educativo e didattico presentato dal collettivo; - promuove incontri su tematiche specifiche volti a diffondere ed affermare una cultura dell'infanzia. ART. 4/3 - COMITATO DI GESTIONE. Il Comitato di Gestione è l'organo esecutivo dell'assemblea di plesso ed è l'elemento di raccordo fra questa e gli organi che operano all'interno del plesso. Il Comitato di Gestione è costituito da: a) Uno o due rappresentanti dei genitori per ogni sezione; b) un educatore per sezione ed un operatore ausiliario; c) l'assessore alla P.I. o chi per lui delegato. Si riunisce su ordine del giorno predisposto dal Presidente anche su richiesta di un componente il Comitato stesso. I Componenti del Comitato di Gestione vengono eletti ogni anno scolastico. ART. 4/4 - NOMINA, DECADENZA E SOSTITUZIONE DEI COMPONENTI IL COMITATO DI GESTIONE. L'Assessore competente convoca la prima assemblea di plesso per illustrare e per discutere le funzioni, la composizione e le modalità di elezione del Comitato di Gestione. In seguito alle decisioni dell'assemblea nella stessa data, i genitori ed il Collettivo dovranno designare in sede separata i propri rappresentanti. Successivamente l'assemblea di plesso provvederà a ratificare il Comitato di Gestione. I componenti il Comitato di Gestione di cui alle lettere a) e b) durano in carica un anno. Decadono anticipatamente dalla carica i primi lettera a) quando cessano di usufruire del servizio nido e i secondi lettera b) quando cessano di prestare servizio alle dipendenze del Comune. L'Assemblea di sezione provvede alla sostituzione dei propri rappresentanti decaduti. I componenti di cui alla lettera c) durano in carica per periodo del loro mandato amministrativo. ART. 4/5 - COMPITI DEL COMITATO DI GESTIONE. Il Comitato di Gestione ha compiti promozionali, esecutivi ed operativi su tutti i problemi di gestione: - elegge nella prima riunione il proprio Presidente, scegliendo fra i genitori del Comitato; 4

5 - raccoglie e vaglia eventuali argomenti proposti riguardanti il funzionamento del Nido d infanzia, da inserire all' O.d.G., per la convocazione dell'assemblea di plesso; - convoca con almeno una settimana di anticipo le riunioni ordinarie, ne verbalizza la discussione e rende operative le decisioni adottate; - può convocare riunioni straordinarie; - può, su problemi di interesse generale, porre problematiche all'assessore o al coordinatore pedagogico ed ha il diritto ad una risposta motivata dagli interessati; - informa il coordinatore pedagogico della data, dell'ora e dell'ordine del giorno delle riunioni dell'assemblea; - propone e organizza iniziative atte a promuovere la partecipazione dei genitori alla vita della scuola, la sensibilizzazione delle famiglie ai problemi educativi, iniziative rivolte direttamente ai genitori; - propone, con il parere favorevole dei genitori interessati l'introduzione di attività a carattere educativo a conduzione esterna, purché compatibili con le finalità del Nido d infanzia e con l'organizzazione del lavoro scolastico ed autorizzate dal coordinatore pedagogico; - promuove incontri su tematiche specifiche volti a diffondere ed affermare una cultura dell'infanzia; - cura che il presente regolamento sia rispettato ed applicato su un piano di parità ed uguaglianza. ART. 4/6 - COLLETTIVO. Il collettivo è composto dal personale insegnante, con la partecipazione del personale ausiliario. E' uno strumento di estrema importanza per l'organizzazione del lavoro che si fonda sul principio del lavoro di gruppo, non solo nella fase progettuale, ma anche in quella operativa. Al collettivo possono partecipare, se invitati, animatori, consulenti o altri che prestino attività - anche temporanee - nel plesso e limitatamente al periodo in cui le prestano. Il coordinatore può, e deve se invitato, partecipare al collettivo. Il collettivo si riunisce settimanalmente e, all'inizio dell'anno scolastico, comunica per iscritto all'assessorato alla P.I. il giorno della settimana in cui si riunisce. Delle riunioni è redatto verbale che viene inviato, per conoscenza, al coordinatore pedagogico. Il Collettivo si riunisce settimanalmente e, all inizio dell anno scolastico, comunica per iscritto al Direttore dell Area Servizi alla Persona e al Responsabile del Servizio Scuola il giorno della settimana in cui si riunisce. Quando sia richiesto dall'o.d.g. dell'assemblea di plesso, il collettivo porta elementi per la verifica dell'andamento didattico del plesso, in rapporto al programma di attività svolto. ART. 5 - FUNZIONE DOCENTE. Il personale educatore concorre ai processi formativi del bambino nella prima infanzia. Questa funzione si esplica attraverso: la programmazione e la realizzazione delle attività educative, nella permanente verifica degli obiettivi e dei risultati, nell'assicurare al 5

6 bambino cure adeguate, nel rispetto dei suoi bisogni e dei suoi ritmi psico-biologici; il continuo aggiornamento professionale e culturale e la partecipazione al lavoro degli organismi di partecipazione. La libertà di scelta del metodo educativo è un diritto individuale degli educatori che viene esercitato collegialmente ed il cui esercizio deve promuovere la partecipazione dei genitori e degli operatori tutti alla funzione educativa. La libertà di scelta del metodo si esprime nel confronto delle diverse posizioni culturali, intesa a favorire il diritto delle famiglie di conoscere i contenuti educativi, viene esercitata nell'ambito degli organi di partecipazione, finalizzata alla formazione collegiale delle linee fondamentali dell'attività educativa. Gli educatori contribuiscono così alla formazione degli orientamenti pedagogici dei nidi d'infanzia. ART. 6 - FUNZIONE AUSILIARIA. Il personale ausiliario può contribuire con un'attiva partecipazione ai problemi e ai processi educativi nei limiti delle concrete possibilità operative. Al personale ausiliario sono attribuite le specifiche mansioni di pulizia e riassetto degli ambienti e la collaborazione per la preparazione, distribuzione e somministrazione dei pasti. ART. 7 - COORDINAMENTO PEDAGOGICO - DIDATTICO. Il coordinatore pedagogico costituisce un supporto tecnico per l'elaborazione di proposte riferite alle attività scolastiche, per assicurare il coordinamento nella programmazione educativa dei servizi, per l'aggiornamento del personale, la sperimentazione e l'innovazione nei servizi scolastici comunali. In particolare, il coordinatore pedagogico: - esercita l'attività propositiva riferita alla programmazione delle risorse per il servizio nido; - definisce, sentito il personale ed individuate eventuali proposte dell'assemblea di plesso e del Comitato di Gestione, il modello organizzativo della scuola; - fornisce supporti in ordine alla programmazione educativa e didattica delle insegnanti e ne controlla l'attuazione; - si rapporta e può partecipare alle attività degli organismi; - propone progetti di sperimentazione, secondo le modalità indicate nel presente regolamento e le direttive regionali e ne segue il percorso di realizzazione; - promuove la continuità educativa e favorisce lo scambio, assumendo le opportune iniziative di raccordo con le scuole materne presenti sul territorio comunale; - coordina la propria attività con altri servizi, ed in particolare coi competenti servizi dell'azienda Usl Bologna Nord per l'integrazione dei bambini in situazione di deficit o di svantaggio socio-culturale e per la più ampia attività di prevenzione della salute dei minori. Per l'espletamento delle funzioni di cui sopra, il coordinatore pedagogico si avvale dell'apporto del personale amministrativo dell'assessorato alla P.I. 6

7 ART. 8 - DIRITTI, DOVERI E DISCIPLINA. Il personale del Nido d infanzia opera secondo le modalità previste dalle leggi vigenti e dal contratto. Tutto il personale del nido è iscritto di norma negli organici del Comune ed è dipendente comunale a tutti gli effetti. Il suo stato giuridico ed economico, i requisiti e le forme della nomina ed ogni altro aspetto non esplicitato nel presente regolamento si intendono regolati dal regolamento generale dei dipendenti comunali e dal contratto nazionale di lavoro. ART. 9 - FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE. L'aggiornamento è un diritto/dovere fondamentale degli operatori scolastici. Gli aggiornamenti hanno lo scopo di fondare scientificamente l'azione educativa e garantire quindi razionalità nella pratica quotidiana. Sono previsti corsi di formazione con altre istituzioni scolastiche, al fine di concorrere ad una continuità ed integrazione delle strutture socio/educative del territorio. All'inizio dell'anno scolastico è prevista una settimana di aggiornamento, durante la quale possono essere svolte anche attività di organizzazione del servizio. La formazione culturale/professionale si ritiene essere permanente in quanto si esplica continuamente durante il corso dell'anno nei seguenti momenti: - collettivi finalizzati ad una trattazione di problematiche e riflessioni educative della realtà quotidiana; - corsi d'aggiornamento organizzati dagli enti locali e dal distretto scolastico n. 23 in collaborazione con l'università agli studi di Bologna e/o organismi di ricerca e sperimentazione regionale. La formazione permanente ed i temi di aggiornamento sono concordati dal collettivo con il coordinatore pedagogico. ART ISCRIZIONI. Il periodo in cui devono essere presentate le domande di iscrizione e le relative modalità sono definite nell'allegato B) del presente regolamento. ART. 11 FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA E AMMISSIONI. L'Amministrazione Comunale definirà una graduatoria al fine di formare sezioni predisposte secondo il piano educativo del nido, concordato con il Coordinatore Pedagogico. Per i bambini che compiono 1 anno nel mese di gennaio, dell anno scolastico di ingresso, verrà formata una graduatoria separata e si procederà all inserimento solo nel caso in cui sia esaurita la graduatoria generale e siano presenti posti vacanti al compimento dell anno del bambini. L'ordine di inserimento terrà pertanto conto della posizione del bambino in graduatoria. Analogamente si procederà, anche per la copertura dei posti resisi vacanti durante l'anno. 7

8 L'ufficio competente, su segnalazione degli insegnanti, provvederà alla copertura degli stessi attingendo dalla lista di attesa. La graduatoria verrà stilata dal Servizio Scuola in base ai requisiti di cui alla tabella A) del presente regolamento secondo i dati desumibili dalle domande di iscrizione. La graduatoria provvisoria è consultabile dagli interessati con facoltà di richiedere chiarimenti in merito alla propria posizione e formulare eventuali osservazioni. Entro 60 giorni dal termine del bando d iscrizione il Direttore dell Area Servizi alla Persona adotta con proprio atto la graduatoria definitiva. I richiedenti sono informati per iscritto della loro posizione in graduatoria e, se ammessi, delle modalità di inserimento. Sulla base della graduatoria degli aventi diritto e dei posti disponibili, i bambini sono ammessi alla frequenza del servizio previo pagamento di una quota in conto anticipo come previsto dal regolamento sulle tariffe dei servizi scolastici. I bambini non residenti nel Comune saranno ammessi solo dopo aver soddisfatto le domande dei residenti, come meglio specificato nell allegato B) del presente regolamento. L'inserimento dei bambini è programmato dal Coordinatore Pedagogico insieme al personale educativo, secondo modalità non standardizzate ma cercando di contemperare le esigenze educative con i bisogni dei singoli bambini e delle rispettive famiglie, prevedendo, di norma, la presenza iniziale dei genitori. Trascorsi dieci giorni dalla data fissata per l'inserimento, senza che il bambino sia stato accompagnato al nido e senza che la famiglia abbia comunicato i motivi dell'assenza, la famiglia sarà considerata rinunciataria al posto. La data ultima per gli inserimenti è fissata al 31 marzo di ogni anno; ART FREQUENZA. I bambini frequentanti il nido d infanzia che restino assenti cinque giorni ed oltre (di calendario) devono essere riammessi in conformità a quanto disposto dal servizio di medicina scolastica (allegato C). I bambini che, senza giustificato motivo scritto, restino assenti a lungo (oltre 30 giorni) o mostrino una frequenza gravemente irregolare, possono essere dimessi su proposta del Comitato di Gestione. Il collettivo, sentite le assemblee di sezione, stabilisce tempi, modi, inizi dell'inserimento, tenendo presente le domande accolte e le esigenze del servizio anche attraverso passaggi interni di sezione. ART INSERIMENTO BAMBINI CON SVANTAGGIO PSICO-FISICO. Tutti i bambini portatori di svantaggio psico-fisico residenti nel territorio comunale hanno diritto di frequentare il nido d infanzia e sono accolti nella scuola stessa con il concetto della piena integrazione. Al fine di consentire la loro piena integrazione scolastica e sociale, si possono prevedere, seconda dei casi, sempre in collaborazione con l'azienda Usl Bologna Nord, anche i seguenti provvedimenti: - abbassare il numero dei bambini frequentanti la sezione; - affiancare personale adeguato a seguire, ma non in un rapporto di delega esclusiva, l'inserimento e la più proficua integrazione sociale del portatore di svantaggio. Il personale si impegna a: 8

9 - mantenere una stretta collaborazione con il servizio materno infantile dell'azienda USL Bologna Nord e la famiglia del bambino portatore di svantaggio; - coordinare all'insieme delle attività educative gli interventi specialistici dei tecnici della riabilitazione; - elaborare per il bambino con svantaggio psico-fisico una programmazione educativadidattica individualizzata sulla base delle indicazioni dell'equipe medica specialistica dell'azienda U.S.L. e verificarne gli esiti; - collegare ed integrare gli obiettivi ed i contenuti della programmazione educativa e didattica individualizzata con quella più complessiva del plesso. ART DOTAZIONE ORGANICA. Il rapporto numerico educatore/bambini nei nidi è fissato dalle normative regionali vigenti e dal contratto nazionale di lavoro. Ad ogni sezione di nido vengono assegnate due educatrici (numero necessario per garantire l'apertura della sezione per l'intera giornata). Le due educatrici entro tale orario devono prevedere la rotazione mattino-pomeriggio e fasce di compresenza. Ad ogni sezione del nido è previsto un operatore scolastico per l'espletamento di funzioni necessarie per il funzionamento delle sezioni stesse. L'organico del personale docente ed ausiliario, assegnato ad ogni plesso scolastico è rispettoso delle leggi nazionali e regionali e può diversamente articolarsi anche numericamente secondo precise intese da codificarsi a livello del sindacato d'ente e Amministrazione Comunale. L'intesa definita diventa parte integrante del presente regolamento. ART CALENDARIO SCOLASTICO. Il Nido d infanzia è aperto come da calendario scolastico, concordato annualmente dall'amministrazione Comunale e dalle R.S.U.; l'amministrazione si impegna a siglare tale calendario entro il 30 novembre di ogni anno scolastico; qualora il calendario non fosse ritrattato, valgono gli indirizzi dell'anno precedente. Le vacanze e le attività di aggiornamento e programmazione sono nel corso dell'anno stabilite dall'assessorato alla P.I. nel rispetto della norme contrattuali. Il nido è aperto dal lunedì al venerdì ed osserva di norma il seguente orario di funzionamento: dalle ore 7,30 alle ore 17,30. L entrata dalle ore 7,30 alle ore 8,00 e l uscita posticipata dalle ore 16,30 alle ore 17,30 è consentita solo per i bambini i cui genitori ne facciano specifica richiesta comprovando, mediante dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, gli orari di lavoro; Tale certificato va rinnovato ogni anno scolastico. E' prevista l'entrata al nido fino alle ore 9,00. Dietro richiesta dei genitori il bambino può frequentare mezza giornata e può essere ritirato dalle ore alle ore con pagamento dell'intera retta. La continua mancata osservanza degli orari stabiliti potrà essere oggetto di valutazione da parte del Comitato di Gestione. 9

10 ART. 16 DOTAZIONE STRUMENTI E MATERIALI DIDATTICI. Al termine dell'anno scolastico, ogni collettivo farà pervenire all'ufficio Pubblica Istruzione, una lista sia di materiale di rapido consumo, sia di materiale didattico che ritiene necessario acquistare per svolgere i propri interventi educativi nell'anno scolastico entrante. Per ogni integrazione di materiale per attività specifiche o impreviste, o per il reintegro di materiali di rapido consumo, il collettivo potrà anche durante l'anno scolastico rivolgersi all'ufficio Pubblica Istruzione. Gli acquisti verranno effettuati dalle insegnanti in accordo con l'ufficio Pubblica Istruzione nel rispetto dei regolamenti vigenti. ART REFEZIONE SCOLASTICA. Il momento del pasto rappresenta un momento educativo fondamentale nella giornata del bambino: attraverso il rapporto con il cibo, il bambino viene a conoscenza del suo valore nutrizionale e delle sue caratteristiche. La condivisione del pasto contribuisce alla acquisizione di corretti comportamenti sociali. Le norme igienico-sanitarie in riferimento all'assunzione di cibi e bevande non strettamente incluse nella refezione scolastica è da concordare con il servizio sanitario competente (pediatra Azienda Usl Bologna Nord). ART ASSISTENZA MEDICO-SANITARIA. La struttura sanitaria dell'azienda Usl Bologna Nord assicura un organico intervento di prevenzione e assistenza igienico-sanitaria secondo i piani approvati dagli Enti competenti e le competenze delegate per legge. E' compito del personale sanitario dell'azienda Usl Bologna Nord regolamentare sulle norme vigenti, la riammissione dei bambini assenti per un periodo superiore ai cinque giorni (allegato C). In caso di malattie contagiose o sospettate tali, le educatrici informano tempestivamente il servizio di medicina scolastica o il consultorio pediatrico. ART. 19 SERVIZI INTEGRATIVI I servizi integrativi per l infanzia hanno l obiettivo di assicurare risposte flessibili e differenziate alle esigenze delle famiglie e dei bambini e rispondono alle esigenze di coloro che non necessitano di un servizio continuato per tutto il giorno e per tutta la settimana. Possono essere caratterizzati da una fase sperimentale che ne individua i contenuti e le norme di organizzazione e/o gestione. L orario e il calendario di funzionamento dei servizi integrativi sono strutturati in modo da rispondere ai bisogni dei bambini e delle famiglie e saranno precisati all interno del calendario scolastico dei servizi educativi tradizionali. La L.R. 14/4/2004 n. 8 recante modifiche alla legge regionale n. 10/1/2000 n. 1 Norme in materia di servizi per la prima infanzia individua i seguenti servizi integrativi: 10

11 i centri per bambini e genitori gli spazi bambini. I centri per bambini e genitori offrono accoglienza ai bambini insieme ai loro genitori, o adulti accompagnatori, in un contesto di socialità e di gioco per i bambini, e di incontro e comunicazione per gli adulti. ART SPAZIO BAMBINI Gli spazi bambini hanno finalità educative e di socializzazione e offrono accoglienza giornaliera ai bambini in età dodici-trentasei mesi, affidati ad educatori, per un tempo massimo di cinque o sei ore giornaliere, consentendo una frequenza diversificata, in rapporto alle esigenze dell utenza, secondo modalità stabilite di fruizione. L ambiente educativo dello spazio bambino è molto simile al nido d infanzia, ma se ne differenzia per alcune specificità che rendono più semplificato il suo funzionamento. E previsto un pasto leggero e non sono richiesti locali adibiti specificatamente per il riposo dei bambini. L attività si svolge in uno spazio organizzato ed attrezzato per consentire alle bambine ed ai bambini opportunità educative, di socialità e di comunicazione con i propri coetanei, anche degli altri servizi. Può accogliere fino a 8 bambini di età non inferiore ai 12 mesi, per ogni educatrice. Per quanto attiene alle modalità di iscrizione, di accesso e di fruizione si fa riferimento al presente regolamento, ivi compresi gli allegati A), B) e C). La frequenza dello spazio bambino non contempla l ammissione di diritto alla Scuola dell Infanzia comunale. Sarà comunque riconosciuto un punteggio pari a n. 6 punti, per la provenienza dal servizio spazio bambini. ART DISPOSIZIONI FINALI L accettazione del posto in un servizio, nido o spazio bimbo, comporta la cancellazione dalle liste d attesa nell altro. Si precisa che il genitore potrà comunque scegliere di restare in lista d attesa in un servizio, non accettando il posto nell altro. Per quanto qui non contemplato, fa fede il Regolamento dei Servizi per l infanzia, scolastici ed extrascolastici. 11

12 ALLEGATO A CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L'AMMISSIONE AL NIDO D INFANZIA 1 - Bambino portatore di handicap: precedenza assoluta 2 - Bambino con un genitore invalido, con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura uguale o superiore ai 2/3 p Bambino appartenente a famiglie in condizioni economiche o sociali fortemente disagiate, attestate da relazione dei servizi sociali dell'ausl ed attestante la necessità di inserimento scolastico 4 - Bambino in affido, in pre adozione p. 10 p Nucleo familiare in grave difficoltà nei suoi compiti di assistenza ed educazione: a) - bambini conviventi con un solo genitore esclusivamente nei casi in cui il riconoscimento sia di un solo genitore o un genitore sia deceduto, detenuto in carcere o abbia perso la potestà genitoriale b) - Coniuge o familiare convivente, risultante nello stato di famiglia, bisognoso di assistenza continuativa, documentata da strutture sanitarie pubbliche p. 18 p Lavoro della madre a) fuori casa meno di 30 ore settimanali più di 30 ore settimanali p. 14 p. 16 (non si considerano eventuali ore di straordinario) b) in casa ( a piena occupazione) con regolare contratto, per i liberi professionisti con iscrizione all'albo c) - lavori parziali, occasionali, supplenze, in cerca di occupazione (con iscrizione all'ufficio di collocamento) p. 6 p. 4 d) - casalinga p Lavoro del padre (uguale al punto 6) 8 - Lavoro disagiato del padre e/o della madre (punteggio da aggiungere ai punti 6 e 7) - lavoro con orario organizzato su turni continuativi sulle 24 ore p. 2 12

13 9 - Altri figli : a) - gravidanza (certificata) p. 3 b) fratello portatore di handicap p. 5 c) fratello gemello p. 4 d) fratelli da 0 a 3 anni (non scolarizzato) (scolarizzato) p. 3 p. 2 e) - fratelli da 3 a 10 anni p. 2 f) - fratelli da 11 a 14 anni p Bambino che ha presentato domanda nel corso del precedente bando ma che non è stato inserito per carenza di posti (sono pertanto esclusi coloro che hanno volontariamente rinunciato) 11 - Richiedente non residente che lavora a San Giorgio di Piano (unico punteggio per i non residenti). p. 2 p Residente richiedente che proviene da altro nido p. 2 Qualora si dovessero verificare punteggi uguali, si darà priorità nella graduatoria in ordine alla data di nascita del bambino. 13

14 ALLEGATO B MODALITA' PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL NIDO D'INFANZIA I genitori possono presentare la domanda di iscrizione al Nido d'infanzia per i bambini che hanno compiuto o compiranno 1 o 2 anni nell'anno solare alla data della comunicazione da parte dell'amministrazione Comunale di apertura delle iscrizioni. Le iscrizioni si presentano secondo i termini e le modalità che vengono indicate in appositi bandi e nei moduli prestampati da utilizzare per la compilazione della domanda di ammissione. La richiesta va protocollata e presentata all'urp o all'ufficio competente indicato nel bando. I richiedenti dovranno certificare il possesso dei requisiti al momento della presentazione della domanda e presentare ogni documentazione utile (vedi criteri per la formazione della graduatoria). La graduatoria per le ammissioni verrà definita entro 45 giorni dalla chiusura delle iscrizioni, nel rispetto dei criteri allegati alla domanda, e comprenderà anche coloro che, per mancanza di posti, resteranno in lista di attesa e che potranno essere inseriti qualora si rendessero disponibili nuovi posti. Le domande presentate oltre il termine saranno inserite in una graduatoria di riserva che verrà redatta, sulla base dei criteri di cui all Allegato A), in caso di esaurimento della graduatoria ordinaria a fronte di posti ancora disponibili. I posti sono assegnati prioritariamente ai bambini residenti nel Comune di San Giorgio di Piano. I residenti in altri Comuni potranno essere inseriti, indicativamente dalla metà del mese di febbraio, solo previo esaurimento delle graduatorie compresa quella di riserva, con precedenza per coloro che hanno presentato domanda entro i termini stabiliti. 14

15 ALLEGATO C SETTORE SALUTE TUTELA INFANZIA E ASSISTENZA PEDIATRICA NORME SANITARIE PER I NIDI D INFANZIA DEL DISTRETTO SAN GIORGIO DI PIANO AZIENDA USL BOLOGNA NORD Al fine di tutelare la salute dei bambini che frequentano il nido si ritiene opportuno osservare alcune semplici regole. Il personale del nido sospende il bambino per: - stato febbrile (da 37,5 in poi) - turbe gastroenteriche: diarrea (3 scariche di feci liquide) - manifestazioni cutanee contagiose - mucositi (afte, secrezioni congiuntivali) - incidenti. Nei casi su elencati la riammissione al nido viene effettuata con certificato di riammissione anche se l'assenza è stata di durata inferiore ai 5 giorni. Per assenze superiori ai 5 giorni occorre sempre il certificato di riammissione. Il certificato di riammissione, potrà essere redatto dal medico curante. Il certificato di riammissione non è necessario qualora il bambino sia stato assente per motivi precedentemente comunicati alla scuola (ferie ecc...). Per malattie infettive i periodi contumaciali sono quelli previsti dalla legge e la riammissione è a cura del medico curante. Nel corso di diete speciali (es. turbe gastroenteriche, allergie alimentari) è opportuna la certificazione del pediatra di base, con l'indicazione della durata della dieta e degli alimenti da non somministrare e convalidata dal pediatra di comunità se la durata della dieta è superiore ai 7 giorni. La somministrazione di farmaci all'interno del nido d infanzia deve essere limitata ai casi di assoluta necessità con autorizzazione del pediatra di base ed esatta indicazione di dosi, orario, durata del trattamento, vidimata dal pediatra di comunità. 15

16 "PARTE RISERVATA ALL'UFFICIO SCHEDA PER L'ASSEGNAZIONE DEL PUNTEGGIO DOMANDE NIDO D'INFANZIA ANNO SCOLASTICO COGNOME/NOME DATA DI NASCITA Punto 1 - Bambino portatore di handicap p. Punto 2 - Bambino con genitore invalido p. Punto 3 Punto 4 Punto 5 - Famiglia disagiata - Bambino in affido - Nucleo familiare in difficoltà p. p. p. Punto 6 - Lavoro della madre p. Punto 7 - Lavoro del padre p. Punto 8 - Lavoro disagiato p. Punto 9 - Altri figli p. Punto 10 Punto 11 Punto 12 - Richiedente già inserito nella graduatoria anno precedente - Richiedente non residente che lavora a San Giorgio di Piano - Richiedente residente proveniente da altro Nido d'infanzia p. p. p. TOTALE PUNTI San Giorgio di Piano, li 16

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LINEE REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO E L ACCESSO APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17/02/2010.

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

Comune di Castelnuovo di Garfagnana

Comune di Castelnuovo di Garfagnana Comune di Castelnuovo di Garfagnana REGOLAMENTO NIDO D INFANZIA Indice ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART. 2 - FINALITA' DEL SISTEMA... 2 ART. 3 - ELEMENTI SOSTITUTIVI DEL SISTEMA... 2 ART. 4 -

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza Regolamento per il funzionamento dell asilo nido Testo approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 25.5.2005 Modificato con Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Allegato alla Deliberazione Consiliare n. 7 del 03/02/2014 REGOLAMENTO DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

Allegato alla Deliberazione Consiliare n. 7 del 03/02/2014 REGOLAMENTO DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Allegato alla Deliberazione Consiliare n. 7 del 03/02/2014 REGOLAMENTO DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA PARTE 1 ISTITUZIONI COMUNALI DELL INFANZIA Nidi d infanzia e Servizi integrativi Art.1

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO

REGOLAMENTO ASILO NIDO REGOLAMENTO ASILO NIDO (ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 3 DEL 24/1/2011 ) TITOLO I GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Finalità del servizio 1. L asilo nido è un luogo di accoglienza e cura, di crescita,

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel.

COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel. COMUNE DI CORBETTA Provincia di Milano 20011 Via C. Cattaneo, 25 SETTORE SERVIZI SOCIALI C.F. / P.I. 03122360153 Tel. 0297204201-210 REGOLAMENTI ASILO NIDO GIANNI RODARI ART.1 - FINALITÀ DELL ASILO NIDO

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO COMUNALE ART. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Lauria istituisce un servizio di Asilo Nido per i bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. Il numero minimo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino Approvato con atto C.C. n. 11 del 30.3.2006 1 INDICE Art. 1 - FINALITA Art. 2 RICETTIVITA

Dettagli

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai tre mesi fino a tre anni, quale primo servizio educativo

Dettagli

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA COMUNALE IL MELOGRANO ARTICOLO 1 FINALITÀ DEL NIDO

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi.

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. FUNZIONAMENTO Art. 1 Principi generali del servizio. L Asilo Nido è un servizio di interesse pubblico rivolto

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DI GESTIONE DEI NIDI D INFANZIA COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 15.04.1992 Revisioni: C.C. n. 133 del 30.09.1992

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova ART 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione dei servizi educativi pubblici, privati sociali e privati per l infanzia

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO

CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO CITTÀ DI BAGHERIA Provincia di Palermo REGOLAMENTO COMUNALE ASILI-NIDO Approvato con Deliberazione consiliare n. 49 del 2012 in vigore dal 30 luglio 2012 REGOLAMENTO ASILI NIDO TITOLO I : FINALITA E ACCESSO

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Emanuela Setti Carraro Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai nove mesi fino a tre anni, quale primo

Dettagli

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO Premesso che copia integrale del regolamento comunale deli Asilo Nido è depositato presso l asilo nido e l ufficio servizi sociali ed è a disposizione

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO DELLE SCUOLE COMUNALI PER L INFANZIA

Comune di Padova REGOLAMENTO DELLE SCUOLE COMUNALI PER L INFANZIA Comune di Padova REGOLAMENTO DELLE SCUOLE COMUNALI PER L INFANZIA Approvato con deliberazione consiliare n. 95 del 18 febbraio 1977 Modificato con deliberazione consiliare n. 146 del 18 maggio 1977 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA COMUNE DI PIANORO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 28.02.2011 1 Art. 1- Orientamenti e principi generali L Amministrazione

Dettagli

! "# $%%$&""! "#$%%$&""!

! # $%%$&! #$%%$&! ! "# $%%$&""! "#$%%$&""! TITOLO I FINALITA DEL SERVIZIO Art. 1 Premessa Art. 2 Caratteristiche INDICE Art. 3 Sistema territoriale dei servizi Art. 4 Disagio e integrazione TITOLO II MODALITA ED ORGANISMI

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA D I D C I D I REGOLAMENTO ELL AS LO NI O OMU NALE L GELS O ANNA Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 05/02/2007 e modificato

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEL NIDO D INFANZIA CARMEN ZANTI

COMUNE DI BRESCELLO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEL NIDO D INFANZIA CARMEN ZANTI COMUNE DI BRESCELLO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DEL NIDO D INFANZIA CARMEN ZANTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 47 del 27.09.2007 ISTITUZIONE E FINALITÀ Il Nido

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO (Comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO Art.1 TIPOLOGIA

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008 COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Settore Sociale Servizi Sociali e Servizio Pubblica Istruzione Piazza S.Fedele n.1 24033 Calusco d Adda (Bg) Tel. 0354389051 Fax 0354389076 e-mail mina.mendola@comune.caluscodadda.bg.it

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE I N D I C E CAPO I - PRINCIPI GENERALI... ART. 1 - FINALITÀ... ART. 2 - UTENZA... ART. 3 - INTEGRAZIONE UTENTI DISABILI... CAPO II - AMMISSIONE AL SERVIZIO... ART. 4 - INSERIMENTI...

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di C.C. n 30 del 30.05.2007 Articolo 1 - OBIETTIVI E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Articolo 2 - CAPIENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE TITOLO I FINALITÀ, STRUTTURA ED ORGANIZZAZIONE ART. 1 FINALITÀ L'asilo nido, è un servizio educativo e sociale d interesse pubblico che il Comune

Dettagli

ANNO EDUCATIVO 2015/2016

ANNO EDUCATIVO 2015/2016 ANNO EDUCATIVO 2015/2016 REGOLAMENTO Art. 1 - Finalità 1.1. Garantire la piena espressione della soggettività dei bambini e delle bambine dando spazio, in un contesto adeguatamente strutturato, alla motivazione

Dettagli

DELL ASILO NIDO COMUNALE

DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 6 del 14/0/201 1 FINALITA E GESTIONE Art. 1Finalità L asilo nido è un servizio socio-educativo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE

CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE CARTA DEI SERVIZI DELL ASILO NIDO COMUNALE UN.DUE..TRE STELLA! VIA EINAUDI 5 Approvata con Deliberazione C.C. n. 8 del 27.02.2006 ANNO EDUCATIVO 2013/2014 ART. 1 - FINALITA Il Comune di Casorezzo, a conferma

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO SCUOLE DELL INFANZIA

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO SCUOLE DELL INFANZIA TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 750 DEL 26/11/2010 E INTEGRATO CON LE MODIFICHE APPORTATE CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 371 DEL 23/08/2012.

Dettagli

L asilo nido comunale di via Monte Nero

L asilo nido comunale di via Monte Nero Comune di Casale sul Sile Provincia di Treviso L asilo nido comunale di via Monte Nero Per le iscrizioni ed informazioni gli interessati possono rivolgersi direttamente all asilo nido (tel. 0422.821773)

Dettagli

PARTE PRIMA ISCRIZIONI. Art. 1 Accesso alla scuola dell infanzia

PARTE PRIMA ISCRIZIONI. Art. 1 Accesso alla scuola dell infanzia MODALITA OPERATIVE PER RACCOLTA ISCRIZIONI E FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L ACCESSO ALLE SCUOLE DELL INFANZIA STATALI E COMUNALI DEL COMUNE DI BUDRIO (BO) Il Consiglio d Istituto nella seduta del 12/01/2015

Dettagli

Regolamento. di gestione. dell asilo nido comunale

Regolamento. di gestione. dell asilo nido comunale Regolamento di gestione dell asilo nido comunale 1 ART. 1 FINALITÀ L asilo nido è un servizio educativo di interesse pubblico che favorisce l armonico sviluppo psico-fisico e sociale del bambino nei primi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 15 in data 31.03.2009 Esecutivo dal 19 aprile 2009 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 30.3.2015 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO Il nido d infanzia è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28/10/2004 COMUNE

Dettagli

Regolamento Comunale dell Asilo Nido

Regolamento Comunale dell Asilo Nido Città di Troia Regolamento Comunale dell Asilo Nido Approvato con deliberazione di C.C. n. 8 del 08/04/2014 Modificato con deliberazione di C.C. n. 30 del 26/11/2015 Articolo 1 Finalità del servizio Mediante

Dettagli

COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE PARITARIA G. NASCIMBENI

COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE PARITARIA G. NASCIMBENI COMUNE DI FLERO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE PARITARIA G. NASCIMBENI Approvato con delibera del C. C. n. 23 del 28/07/2009 Divenuto esecutivo in data 26/08/2009 Divenuto

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano 20061 Carugate (MI) - via XX settembre 4 tel. 02921581 fax 029253207 C.F. 02182060158 P.I. 00730970969 COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO DI AMMISSIONE AI NIDI E ALLE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO DI AMMISSIONE AI NIDI E ALLE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO DI AMMISSIONE AI NIDI E ALLE SCUOLE DELL INFANZIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale P.G./P.V n. 112464/166 del 01/12/2008, esecutiva dal 16/12/2008 e modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA DEI NIDI D INFANZIA E DEGLI SPAZI-BAMBINI DELL UNIONE TERRE DI CASTELLI

REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA DEI NIDI D INFANZIA E DEGLI SPAZI-BAMBINI DELL UNIONE TERRE DI CASTELLI Allegato alla delibera di consiglio UTC n. 55 del 30/11/2009 con modifiche come da delibera di consiglio UTC n. 9 del 27/02/2014 e delibera di giunta UTC n.93 del 08/10/2015 REGOLAMENTO PER LA FREQUENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI ALESSANDRIA DIREZIONE EDUCAZIONE e SPORT Servizio Educazione Prescolare REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI Approvato dal Consiglio Comunale in data 29.12.2005 con deliberazione n. 150/410/939

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNITARIO E AZIENDALE DELLA COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNITARIO E AZIENDALE DELLA COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNITARIO E AZIENDALE DELLA COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO Approvato con deliberazione Assembleare n. 36 del 26/9/2011 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI...3

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007 Titolo I Principi Generali Il presente Regolamento stabilisce, nel rispetto delle normative nazionali e regionali

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO (Approvato con delibera di C.C. n. 88/97)

REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO (Approvato con delibera di C.C. n. 88/97) REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO (Approvato con delibera di C.C. n. 88/97) ART. 1 FINALITA L asilo nido è un servizio educativo socio assistenziale di pubblico interesse, rivolto ai bambini fino al terzo anno

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE ED INTERNO DELL ASILO NIDO COMUNALE. COMUNE DI FORNO CANAVESE Provincia di Torino

REGOLAMENTO DI GESTIONE ED INTERNO DELL ASILO NIDO COMUNALE. COMUNE DI FORNO CANAVESE Provincia di Torino COMUNE DI FORNO CANAVESE Provincia di Torino Approvato con deliberazione C.C. n. 6 del 29/05/2012 e successivamente modificato con deliberazioni C. C. n. 24 del 2/10/2012, n. 14 del 10/07/2013 e n. 40

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE STELLA STELLINA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE STELLA STELLINA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE STELLA STELLINA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N. 39 DEL 28/11/2014 ARTICOLO 1 Norme di Principio 1. L'asilo nido comunale Stella stellina,

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ approvato con delibera consiliare n. 41 del 28/07/2003 modificato con delibera consiliare

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA ASILO INFANTILE DI SIZIANO REGOLAMENTO DELLA SCUOLA MATERNA PARTE PRIMA FINALITA E CARATTERI DELLA SCUOLA MATERNA Art. 1 La Scuola dell Infanzia Paritaria gestita dall Ente Morale Asilo Infantile di Siziano

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI. Regolamento per la gestione dei nidi d'infanzia. Struttura e organizzazione

COMUNE DI NAPOLI. Regolamento per la gestione dei nidi d'infanzia. Struttura e organizzazione COMUNE DI NAPOLI Regolamento per la gestione dei nidi d'infanzia ( Testo coordinato approvato con del. Cons. n 120 del 10 aprile 1997) Titolo I Art. 1 Struttura e organizzazione Finalità Art. 2 Art. 3

Dettagli

Comune di Boissano. P r o v i n c i a d i S a v o n a ---------------------------------------------

Comune di Boissano. P r o v i n c i a d i S a v o n a --------------------------------------------- Comune di Boissano P r o v i n c i a d i S a v o n a --------------------------------------------- P.zza G. Govi n.1 - tel. 0182/98010 - fax.0182/98487 Codice Fiscale 81001410091 - Partita I.V.A. 00416850097

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS

COMUNE DI RONZO-CHIENIS COMUNE DI RONZO-CHIENIS PROVINCIA DI TRENTO C.A.P.38060 Via Teatro 13/B info@comune.ronzo-chienis.tn.it PARTITA I.V.A. N. 00342900222 TEL. 0464/802915 FAX 0464/802045 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO

COMUNE DI ALBIGNASEGO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 61 DEL 30.07.2004 MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL 18.06.2009 MODIFICATO

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA

REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA f.i.s.m. PIEMONTE Federazione Italiana Scuole Materne REGIONE PIEMONTE Maggio 2012 Pag. 1 PARTE PRIMA Finalità e caratteri della scuola dell

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNE DI ASTI Settore Politiche Sociali,Istruzione, Servizi Educativi REGOLAMENTO ASILI NIDO Approvato con D.C.C. n. 63 del 10 aprile 2002 successivamente modificato con D.C.C. n. 20 del 12 giugno 2013

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 TITOLO I MENSA SCOLASTICA Art. 1 Finalità La mensa scolastica è un servizio a domanda individuale

Dettagli

Regolamento del Servizio Educativo Domiciliare PICCOLO PRINCIPE di Marciano della Chiana

Regolamento del Servizio Educativo Domiciliare PICCOLO PRINCIPE di Marciano della Chiana Regolamento del Servizio Educativo Domiciliare PICCOLO PRINCIPE di Marciano della Chiana ART.1 OGGETTO 1- Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del servizio educativo domiciliare Piccolo

Dettagli

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza

Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza Carta dei Servizi degli Asili Nido del Comune di Potenza (Approvata con Delibera di Giunta n. 220 del 09/12/2008) INDICE Parte I PRINCIPI GENERALI :Che cos è la Carta del Servizio? La sua validità Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO ALLEGATO A) alla delibera di C.C. N.73 del 29/11/2012 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO TITOLO I ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO: ART. 1 CARATTERE E FINALITÀ DEL SERVIZIO ART. 2 REGOLAMENTO ART.

Dettagli

CITTA DI CONEGLIANO REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI. di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi

CITTA DI CONEGLIANO REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI. di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO) REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 70-440 DEL 19.09.2005

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI

COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI COMUNE DI ASSEMINI SERVIZI SOCIO-CULTURALI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA (Deliberazione del Consiglio Comunale n. 72 del 08.07.2009) PARTE I - OGGETTO, DESTINATARI,

Dettagli

ASILO NIDO INTERCOMUNALE DI MIAGLIANO REGOLAMENTO. Approvato dall'assemblea Consortile con deliberazione n. 13 del 29.04.2015

ASILO NIDO INTERCOMUNALE DI MIAGLIANO REGOLAMENTO. Approvato dall'assemblea Consortile con deliberazione n. 13 del 29.04.2015 ASILO NIDO INTERCOMUNALE DI MIAGLIANO REGOLAMENTO Approvato dall'assemblea Consortile con deliberazione n. 13 del 29.04.2015 I.R.I.S. CONSORZIO INTERCOMUNALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI 13900 BIELLA -

Dettagli

COMUNE di TODI Provincia di Perugia Piazza del Popolo Telefono 075/89561 Telefax: 075/8943862 Codice Fiscale n. 00316740547

COMUNE di TODI Provincia di Perugia Piazza del Popolo Telefono 075/89561 Telefax: 075/8943862 Codice Fiscale n. 00316740547 Allegato delib. C.C. n. 145 del 19.08.1999 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO E DEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA MODIFICHE: - Delib. Consiglio Comunale n. 111 del 22.09.2003 -

Dettagli

Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido

Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido Approvato con D.C.C. n. 78 del 9.10.2001 così come modificata dalla D.C.C. n. 52 del 30.09.2008 così come modificata dalla D.C.C. n. 15 del

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Capriano del Colle Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 1 Art. 1 Principi fondamentali Con riferimento alla Legge 176/91 Ratifica

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena

Comune di Cavezzo Provincia di Modena Comune di Cavezzo Provincia di Modena REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con atto C.C. n. 43 del 5.06.2005 e successive modificazioni ( atti C.C. n.n. 45 del 21.07.2005 27 del 26.04.2007 79 del

Dettagli

Regolamento della scuola pubblica comunale dell'infanzia

Regolamento della scuola pubblica comunale dell'infanzia O.D.G: 178 P.G.N. 53327/1994 Data seduta: 1306/1994 Data inizio vigore: 07/07/1994 Il provvedimento è stato modificato dalle seguenti delibere: OdG n. 293 PG N. 202083/2014 Data seduta: 28/07/2014 Data

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA -

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNALI - AMBITO TERRITORIALE - VALLE SERIANA - Art. 1 Finalità del Regolamento Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 29.02.2012) Art. 1 Finalità del servizio L asilo nido è un servizio di interesse

Dettagli

COMUNE DI GAVIRATE Varese. P.zza Matteotti n. 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121 REGOLAMENTO. SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Prof.Paolo Crosta GAVIRATE

COMUNE DI GAVIRATE Varese. P.zza Matteotti n. 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121 REGOLAMENTO. SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Prof.Paolo Crosta GAVIRATE COPIA COMUNE DI GAVIRATE Varese P.zza Matteotti n. 8 21026 Gavirate C.F. 00259850121 REGOLAMENTO SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Prof.Paolo Crosta GAVIRATE Parificata con Decreto 73 del 6.02.2003 MIUR Milano

Dettagli

Comune di Vicenza Settore Servizi Scolastici ed Educativi

Comune di Vicenza Settore Servizi Scolastici ed Educativi Comune di Vicenza Settore Servizi Scolastici ed Educativi REGOLAMENTO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.14/30968 del 15/04/2014 TITOLO I - INDIRIZZI GENERALI

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO

STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO STATUTO CONSULTA GIOVANILE DI SAMUGHEO FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente Statuto trovano il loro fondamento giuridico nell'art. 8 del D.Lgs. n. 267 del 18.08.2000 T.U. sull' Ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASILI NIDO Nuovo testo coordinato (deliberazioni di C.C. n. 149/2004, 5/2009 e 26/2011) CAPO I PRINCIPI GENERALI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASILI NIDO Nuovo testo coordinato (deliberazioni di C.C. n. 149/2004, 5/2009 e 26/2011) CAPO I PRINCIPI GENERALI REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASILI NIDO Nuovo testo coordinato (deliberazioni di C.C. n. 149/2004, 5/2009 e 26/2011) CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE E NATURA Il Comune di Aosta, in conformità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C.n. 47 del 24/09/2014 ARTICOLO I DEFINIZIONE L asilo nido è un servizio socio-educativo

Dettagli

COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO

COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNE DI CASTAGNOLE DELLE LANZE PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO 1 Art. 1 ISTITUZIONE E istituito dall Amministrazione Comunale, con deliberazione del Consiglio Comunale nr. 17

Dettagli

COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia

COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia COMUNE DI ROÉ VOLCIANO Provincia di Brescia Via G. Frua, 2 Roè Volciano 25077 tel 0365.563611- fax 0365.63230 REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale del

Dettagli