REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI"

Transcript

1 CITTA DI ALESSANDRIA DIREZIONE EDUCAZIONE e SPORT Servizio Educazione Prescolare REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI Approvato dal Consiglio Comunale in data con deliberazione n. 150/410/939 Doc. n Rev.2 Progettazione ed Erogazione del Sistema Educativo Comunale (Servizi di Asili Nido e di Scuola dell Infanzia) con Certificazione di Qualità ISO 9001:2000. Certificato n. 6352/01/S. Design and supply of a Municipal Educational System (Nursery and Pre-school Services)

2 INDICE Titolo I Disposizioni Generali Art. 1 Principi pag. 3 Art. 2 Sistema Formativo Integrato pag. 3 Art. 3 Indirizzi di Programmazione pag. 4 Titolo II Finalità Struttura Organizzazione Art. 4 - Finalità pag. 4 Art. 5 - Utenza pag. 5 Art. 6 - Iscrizioni pag. 5 Art. 7 - Graduatorie e criteri di ammissione pag. 5 Art. 8 - Pubblicazione graduatorie e liste di attesa pag. 8 Art. 9 - Inserimento pag. 8 Art Frequenza pag. 8 Art Rinuncia pag. 9 Art Riconferme/trasferimenti pag. 9 Art Assenze e sostituzioni pag. 9 Art Rette di frequenza/refezione pag. 9 Art Calendario e orario di funzionamento pag. 10 Titolo III Organi Collegiali e di partecipazione Art Comitato di Gestione pag. 10 Art Collegio degli Educatori pag. 11 Art Assemblea dei Genitori pag. 11 Titolo IV Professionalità Art Il personale: organizzazione e funzione pag. 12 Art Coordinatori socio educativi pag. 13 Art Assistenti all infanzia pag. 13 Art Collaboratori/Esecutori educativi pag. 14 Titolo V Formazione ed aggiornamento Art. 23 Formazione pag. 14 Art Centro di ricerca e consultazione pag. 15 Art Entrata in vigore del Regolamento pag. 15 1

3 REGOLAMENTO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI Art. 1 - Principi TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina le modalità di funzionamento degli asili nido comunali in armonia con le disposizioni contenute nel progetto complessivo del Comune che nel suo Statuto si è impegnato a tutelare i diritti dei bambini e delle bambine (art. 2 Della persona umana ). I nidi del Comune di Alessandria parte integrante dei servizi educativi per i bambini e le bambine compresi nella fascia 0-6 anni gestiti direttamente o tramite terzi in convenzione sono servizi formativi di interesse pubblico che ispirano la propria funzione e i principi educativi alla Costituzione della Repubblica Italiana e alla Convenzione Internazionale sui Diritti per l Infanzia (New York 1989). In tal senso il Comune si impegna a qualificare il servizio in funzione dello sviluppo culturale di tutti i cittadini in modo tale che ciascuno abbia diritto di trovare nella sua città tutte le occasioni e gli stimoli necessari allo sviluppo della sua personalità. Art. 2 Sistema formativo integrato L Amministrazione Comunale di Alessandria istituisce e gestisce direttamente o in convenzione gli asili nido unitamente agli altri servizi del sistema educativo, nell ottica della costruzione di un sistema formativo integrato, dimensionato in ambito territoriale, e in rapporto con tutte le agenzie educative presenti, in particolare con le scuole dell infanzia comunali e statali. Gli altri servizi del sistema educativo, gestiti direttamente o dal privato sociale o da privati regolati dai criteri di convenzionamento e che assieme ai nidi costituiscono i servizi per l infanzia sono: i servizi alle famiglie, i nidi famigliari, i centri gioco, le sezioni di raccordo per i bambini dai due ai tre anni, le ludoteche, i laboratori. Le convenzioni di cui sopra devono garantire, sinergicamente tra tutti gli interessati, lo svolgimento delle politiche comunali per l infanzia. Nel rispetto delle indicazioni regionali devono, pertanto, essere attivate nuove tipologie di servizio che diano risposta a nuovi e particolari bisogni, anche di contenuto sociale, espressi dalle famiglie, quali il servizio di asilo nido part time. Tali servizi devono comunque offrire ai bambini opportunità di incontro o socializzazione, percorsi educativi in spazi opportunamente attrezzati, e favorire il coinvolgimento di adulti famigliari, infatti, la visione pedagogica che ispira l azione educativa degli asili nido della Città di Alessandria si fonda sul concetto di un bambino protagonista e soggetto attivo, che costruisce i suoi saperi e significati insieme ai pari e agli adulti. 2

4 La decisione di istituire nuovi nidi o di chiudere quelli esistenti, è assunta nell ambito degli indirizzi programmatici del Consiglio Comunale, della Giunta Comunale, valutando le domande in lista d attesa, le caratteristiche del territorio e gli eventuali progetti sperimentali, sentiti il Consiglio Circoscrizionale e i Comitati di Gestione. Art. 3 Indirizzi di programmazione Il Consiglio Comunale nell ambito delle finalità di cui in premessa, ogni anno definisce le linee di indirizzo e di programmazione per la gestione ed il funzionamento del servizio, tenendo conto della rete degli altri servizi integrativi (della Carta dei Servizi, delle proposte dei Consigli Circoscrizionali), delle risorse e delle priorità emerse dalle diverse realtà territoriali. TITOLO II Art. 4 - Finalità FINALITA STRUTTURA - ORGANIZZAZIONE Il nido si caratterizza come un servizio educativo e sociale di interesse pubblico che accoglie i bambini in età compresa tra i tre mesi e i tre anni, che concorre con le famiglie alla loro crescita e formazione nel rispetto del diritto di ogni soggetto all educazione, alla propria identità individuale e culturale. Gli obiettivi dei nidi comunali sono: offrire ai bambini un luogo di formazione, di cura e socializzazione nella prospettiva del loro benessere psico-fisico e dello sviluppo delle loro potenzialità cognitive, affettive e sociali nell ottica del loro protagonismo attivo; prevenire ed intervenire precocemente su eventuali condizioni di svantaggio psico-fisico e socio-culturale; promuovere la continuità dei comportamenti educativi con l ambiente famigliare e la scuola dell infanzia sostenendo le famiglie nella cura dei figli e delle loro scelte educative; svolgere nella comunità locale funzioni di formazione permanente sulle problematiche della prima infanzia. L asilo nido persegue le proprie finalità nel quadro della massima integrazione con gli altri servizi educativi, sociali e sanitari. Art. 5 UTENZA Hanno diritto ad usufruire dei nidi i bambini residenti nel Comune di Alessandria, in età compresa fra i tre mesi ed i tre anni, indipendentemente dall origine nazionale, etnica, socio - economica, di sesso religione, lingua, disabilità o da qualsiasi altra caratteristica del bambino o dei genitori. 3

5 Art. 6 ISCRIZIONI Le iscrizioni agli asili nido comunali sono aperte dal 1 marzo al 31 maggio di ogni anno. Dell apertura delle iscrizioni viene curata l informazione a tutta l utenza potenziale attraverso adeguati canali. Il servizio di Asilo Nido viene suddiviso in zone definite dalla Giunta Comunale annualmente prima dell apertura delle iscrizioni. L utente potrà inoltrare la domanda di iscrizione scegliendo una delle zone indicate. L iscrizione ha validità fino al 31 maggio dell anno successivo. Art. 7 GRADUATORIE E CRITERI DI AMMISSIONE I bambini portatori di handicap debitamente certificato dai servizi competenti dell A.S.L. (Legge n. 104/92), hanno diritto all inserimento a prescindere dalla attribuzione di punteggi, al fine di usufruire di una attività sinergica, parallela con gli interventi assistenziali e riabilitativi del caso, utile al miglioramento della condizione del bambino, Le graduatorie per ciascuna zona sono suddivise in due gruppi omogenei relativamente all età dei bambini iscritti: da 3 mesi ad 11 mesi; da 12 mesi a 36 mesi. Sono, conseguentemente, compilate due graduatorie per ciascuna zona. Qualora si esaurisca la graduatoria di una delle zone e nella stessa vi siano ancora posti liberi, questi possono essere offerti agli utenti primi esclusi nelle restanti graduatorie. La Giunta Comunale definisce da quale graduatoria saranno attinti gli utenti a cui assegnare i posti liberi. Le graduatorie sono compilate secondo criteri che salvaguardino: entrambi i genitori lavoratori; famiglie mono parentali (genitore celibe o nubile, separato, divorziato, vedovo); presenza di fratelli o sorelle già frequentanti un asilo nido comunale e per il quale è richiesta domanda di riconferma; bambini il cui nucleo famigliare presenti una situazione socio/ambientale, segnalata e documentata dai Servizi Sociali, tale da essere di serio pregiudizio per un sano sviluppo psico - fisico del bambino stesso; tramite l assegnazione di punteggi come di seguito riportato: 4

6 a) punteggi di salvaguardia Attribuzione dei punteggi presenza di fratelli o sorelle già frequentanti un asilo nido comunale e per il quale è richiesta domanda di riconferma PUNTI 20 entrambi i genitori lavoratori PUNTI 3 famiglie mono parentali (genitore celibe o nubile, separato, divorziato, vedovo) ** hanno inoltre diritto al raddoppio del punteggio di cui ai successivi punti b) e c) bambini il cui nucleo famigliare presenti una situazione socio/ambientale, segnalata e documentata dai Servizi Sociali, tale da essere di serio pregiudizio per un sano sviluppo psico-fisico del bambino stesso PUNTI 2 PUNTI da 1 a 20, stabiliti in sinergia con i Servizi Sociali b) punteggi per posizione lavorativa di ciascun genitore (nel caso di più attività lavorative si considera l attività prevalente) lavoratori precari (con contratto di lavoro inferiore a 6 mesi, negli ultimi 12 mesi precedenti la data di iscrizione) e studenti (in regola con gli esami) PUNTI 20 lavoratori dipendenti PUNTI 17 lavoratori parasubordinati PUNTI 16 lavoratori autonomi PUNTI 15 c) punteggi per orario di lavoro settimanale di ciascun genitore (nel caso di più attività lavorative si considera la somma dei punteggi fino al massimo previsto di 3 punti) fino a 20 ore PUNTI 1 da 21 a 36 ore PUNTI 2 oltre 36 ore PUNTI 3 5

7 d) altri criteri: Domanda presente in lista di attesa nella precedente graduatoria dell anno PUNTI 1 A parità di punteggio si considera prioritario il minor reddito ISEE. Il Sindaco può procedere alla sostituzione di bambini rinunciatari con bambini appartenenti ad un nucleo famigliare in cui si sia verificato un comprovato caso di eccezionale gravità (come ad esempio la morte di uno dei genitori o la perdita dell autosufficienza di uno dei genitori debitamente certificata dai servizi competenti dell ASL) indipendentemente dalla loro iscrizione o meno nelle liste di attesa, a prescindere dalla attribuzione dei punteggi di cui al presente articolo, ma in coerenza con i principi ispiratori del regolamento. Art. 8 PUBBLICAZIONE GRADUATORIE E LISTE D ATTESA Le domande di iscrizione al Servizio di Asilo Nido sono esaminate dagli Uffici della Direzione Servizi Educativi e Pubblica Istruzione. La valutazione delle stesse è effettuata sulla base della documentazione allegata. Il Dirigente della Direzione Servizi Educativi e Pubblica Istruzione approva le graduatorie con apposita determinazione e le stesse sono rese pubbliche. Dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria gli utenti hanno a disposizione quindici giorni per l eventuale ricorso. Questo, redatto in carta semplice, e completo dei motivi che lo determinano, deve essere presentato presso gli Uffici Protocollo del Comune. Esaminati gli eventuali ricorsi entro 8 giorni dalla scadenza del termine per la loro presentazione, si provvede a renderne noto l esito attraverso la pubblicazione della graduatoria definitiva. Sono così assegnati, secondo l ordine di punteggio, tanti posti quanti sono quelli disponibili e viene formulato, contestualmente, un elenco degli ammessi alla lista di attesa. Si ricorre alla lista di attesa per eventuali sostituzioni di bambini rinunciatari. Tale lista di attesa perde la sua efficacia ogni 31 maggio, data dopo la quale non sono più possibili sostituzioni/inserimenti. 6

8 Art. 9 INSERIMENTO La Direzione Servizi Educativi e Pubblica Istruzione comunica alle famiglie la data di inizio inserimento. In caso il bambino non si presenti entro due settimane dalla data comunicata, senza comprovata giustificazione, la Direzione Servizi Educativi e Pubblica Istruzione provvede alla sua sostituzione, senza ulteriore avviso. Art. 10 FREQUENZA La frequenza al nido ha carattere di continuità. Ogni assenza deve essere comunicata tempestivamente. In caso di assenza per malattia, superiore a quattro giorni consecutivi, per la riammissione deve essere presentato il certificato medico. Per motivi di altro genere, in caso di assenza superiore a quattro giorni consecutivi, è sufficiente presentare un auto certificazione compilata dai genitori. Art. 11 RINUNCIA Il genitore che intende rinunciare al servizio deve compilare un apposito modulo, disponibile presso gli Uffici della Direzione Servizi Educativi e Pubblica Istruzione. Non vengono accettate rinunce verbali o telefoniche. In caso di assenza ingiustificata durante il periodo di inserimento, dopo due settimane, si procede alla sostituzione del bambino, chiedendo il pagamento di quanto eventualmente dovuto. Art. 12 RICONFERME/TRASFERIMENTI I bambini frequentanti gli asili nido comunali hanno il diritto al completamento del ciclo previsto all interno del nido assegnato. Non si accettano domande di trasferimento salvo motivazioni giustificate valutate di volta in volta dai coordinatori socio - educativi. Art. 13 ASSENZE E SOSTITUZIONI Terminato il periodo di inserimento, le assenze ingiustificate, superiori a 15 giorni, sono comunicate tempestivamente dal Coordinatore socio - educativo agli Uffici della Direzione Servizi Educativi e Pubblica Istruzione, i quali, contattato l interessato, dopo 5 giorni procedono alla eventuale sostituzione, chiedendo il pagamento di quanto eventualmente dovuto. 7

9 Art. 14 RETTE DI FREQUENZA/REFEZIONE Le famiglie sono tenute alla corresponsione di una retta mensile di frequenza stabilita dalla Giunta Comunale, con l applicazione dell ISEE. Nel caso di frequenza part time la retta è determinata dalla Giunta Comunale. Il servizio di refezione prevede una contribuzione obbligatoria da parte degli utenti la cui misura è stabilita dalla Amministrazione Comunale, con l applicazione dell ISEE. Art. 15 CALENDARIO E ORARIO DI FUNZIONAMENTO Il calendario scolastico del servizio è stabilito dalla Giunta Comunale entro il mese di giugno e concertato con le Organizzazioni Sindacali. Gli asili nido sono aperti dal lunedì al venerdì, dalle ore 07,30 alle Il servizio part time si svolge dalle 7,30 alle 12,30 e sarà comprensivo del pranzo. Nel periodo di chiusura dei nidi, viene offerto un servizio alle famiglie di tipo ludico, con corresponsione aggiuntiva; per tale servizio, l Amministrazione Comunale può avvalersi di soggetti terzi. Art COMITATO DI GESTIONE TITOLO III ORGANI COLLEGIALI E DI PARTECIPAZIONE Per ogni asilo nido è istituito un Comitato di Gestione con il compito di: - potenziare e coordinare i rapporti con la famiglia; - collaborare alla realizzazione dei programmi educativi; - promuovere incontri su temi specifici; - proporre ed organizzare iniziative atte a promuovere la partecipazione dei genitori; - alla vita del nido e la sensibilizzazione delle famiglie ai problemi educativi; - assumere tutte le iniziative che si rivelino idonee ad un ampliamento degli orizzonti educativi del nido, anche in collaborazione con il Consiglio di Circoscrizione. Il Comitato di Gestione è così composto: - nei nidi a più sezioni: da un insegnante per sezione, un genitore per sezione, un esecutore servizi educativi, un rappresentante del Consiglio di Circoscrizione; - nei nidi a sezione unica: da due insegnanti, due genitori, un esecutore servizi educativi, un rappresentante del Consiglio di Circoscrizione. I genitori, gli esecutori ed il Consiglio di Circoscrizione eleggono i loro rappresentanti entro il 31 ottobre di ogni anno. 8

10 I genitori e gli esecutori eleggono i loro rappresentanti nel corso di una assemblea appositamente convocata. Non possono essere nominati come rappresentanti dei genitori gli operatori dei nidi, ove essi esplicano la loro attività, ed i rispettivi coniugi. L elezione avviene con il metodo della votazione segreta, su una o più liste, presentate all interno di ciascuna delle suddette componenti e secondo norme che verranno appositamente emanate dall Amministrazione Comunale nel rispetto delle composizioni numeriche sopra indicate. Il Comitato di Gestione dura in carica un anno e si riunisce non meno di due volte l anno e, comunque, ogniqualvolta lo si ritenga opportuno con richiesta di almeno il 50% dei genitori. Alle riunioni del Comitato partecipano i coordinatori socio - educativi. Il Comitato di gestione viene convocato dal Presidente che è eletto nel suo seno a maggioranza assoluta dei suoi membri, scelto tra la componente genitori. Le funzioni di componente il Comitato sono gratuite. Art. 17 COLLEGIO DEGLI EDUCATORI Le attività del nido si fondano sul lavoro collegiale di tutti gli operatori ad esso assegnati, nel rispetto delle diverse professionalità e delle responsabilità individuali. In ogni nido è costituito il Collegio degli Educatori, composto da tutto il personale insegnante, si riunisce periodicamente ed è presieduto dal Coordinatore. Si occupa della programmazione didattica, delle strategie di verifica e degli strumenti di valutazione, degli esiti educativi, individua i criteri di organizzazione interna dell asilo nido, propone tematiche relative alla formazione e all aggiornamento, provvede alla scelta delle attrezzature e del materiale ludico - didattico. Art. 18 ASSEMBLEA DEI GENITORI L assemblea dei genitori è composta da tutti i genitori dei bambini ammessi. Viene convocata almeno due volte l anno al fine di operare come momento di confronto - verifica dell attività educativa, nonché di accoglimento di eventuali proposte, da inoltrare al Comitato di Gestione, finalizzate al miglioramento del benessere dei bambini, e più precisamente : 1) all inizio dell anno per la presentazione del programma e la illustrazione della organizzazione interna dell asilo e dell organizzazione complessiva del servizio (da parte delle educatrici); 2) in chiusura dell anno per il consuntivo delle attività svolte e per la elaborazione di proposte per l anno successivo. 9

11 Alle assemblee partecipano gli assistenti all infanzia ed i coordinatori socio - educativi. L assemblea è convocata ed è presieduta dal Presidente del Comitato di Gestione. Può inoltre essere convocata: 1) su richiesta del personale educativo; 2) su richiesta di almeno 1/3 dei genitori; Per problemi specifici possono essere convocate assemblee di singole sezioni. TITOLO IV PROFESSIONALITA Art. 19 IL PERSONALE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI Il personale è costituito dalle seguenti figure professionali: coordinatori socio educativi; assistente all infanzia; collaboratore/esecutore educativi. L orario di servizio è stabilito dal contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti degli enti locali. I doveri, i diritti e lo stato giuridico del personale sono disciplinati dalla normativa prevista dal CCNL degli Enti Locali. Art. 20 COORDINATORI SOCIO EDUCATIVI Nell ambito della Direzione Servizi Educativi e Pubblica Istruzione è istituita una equipe di Coordinamento che svolge le proprie funzioni a livello centrale assicurando il Coordinamento socio - pedagogico ed organizzativo dei servizi. Le competenze di tale Equipe includono la responsabilità gestionale e socio - pedagogica del servizio di asilo nido, il collegamento, la valorizzazione e la conoscenza tra le diverse realtà educative della città, il raccordo con le strutture operative del Comune, il supporto metodologico alle attività di sperimentazione, la ricerca e la elaborazione di nuovi orientamenti educativi e di attivazione di servizi integrativi a quelli del nido. La professionalità del Coordinatore prevede inoltre di: organizzare il funzionamento dell asilo nido e di tutto il personale; garantire l omogeneità di indirizzo tra gli asili nido; 10

12 curare i rapporti con le famiglie e gestire riunioni periodiche; coordinare ed elaborare la programmazione didattica e pedagogica con gli operatori educativi; favorire la circolazione delle informazioni tra i diversi servizi e le altre agenzie educative presenti sul territorio; promuovere iniziative che favoriscano il confronto con esperienze diverse; valorizzare le risorse umane e professionali; curare la progettazione e l attuazione dell aggiornamento e la formazione permanente del personale; stimolare nuovi percorsi sperimentali; collaborare a progetti di ricerca con istituzioni convenzionate (Università, Scuole di Formazione Professionale etc.). Art. 21 ASSISTENTI ALL INFANZIA Sono operatori qualificati con titolo previsto dalla normativa statale e regionale vigente che, nel loro ruolo educativo e formativo, esprimono professionalità e competenza, più precisamente si occupano di: cura dei bambini e loro benessere psico - fisico; organizzazione dell ambiente per renderlo rispondente ai bisogni del bambino, in funzione delle attività programmate; strutturazione di attività didattiche in piccolo e grande gruppo; privilegio dell ascolto, dell attenzione, della relazione, della comunicazione nei rapporti con i bambini e le famiglie; elaborazione della programmazione educativa, assicurandone l attuazione e verificandone il risultato; elaborazione di metodologie che tengano conto dei bisogni e delle differenze di bambini; realizzazione di progetti di continuità in collaborazione con la Scuola Comunale dell Infanzia; attività di educazione permanente nei confronti dei genitori e dei bambini, in collaborazione con altri servizi presenti sul territorio (A.S.L., CISSACA etc.); ricerca-azione, sperimentando nuovi percorsi educativi; presa in carico di situazioni di svantaggio o disagio di varia natura, predisponendo, collegialmente, un progetto di intervento in relazione ai bisogni specifici del bambino; coordinano l operato dei collaboratori / esecutori servizi educativi. Le assistenti all infanzia osservano un orario commisurato in modo tale da garantire, anche con situazione di compresenza, la migliore qualità del servizio. Art COLLABORATORI/ESECUTORI EDUCATIVI I collaboratori/esecutori servizi educativi cooperano con il personale educativo e partecipano all attività complessiva del nido. In particolare svolgono le seguenti attività: 11

13 confezionamento dei cibi, in ottemperanza a quanto stabilito dai menù, e loro distribuzione; adempimento norme H.A.C.C.P.; prestazioni di pulizia ordinaria e straordinaria di tutti i locali e degli spazi esterni del nido; operazioni di lavanderia e guardaroba; compilazione richieste, nonché controllo e registrazione carico/scarico derrate alimentari e generi di pulizia. TITOLO V FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Art. 23 FORMAZIONE La formazione permanente culturale e professionale del personale degli asili nido, prevista dal CCNL, è strumento indispensabile per la realizzazione delle finalità educative, della partecipazione e della continuità educativa. La formazione si propone: l acquisizione e l arricchimento degli elementi culturali indispensabili per rispettare ritmi, storia, identità dei bambini e delle bambine; la valorizzazione e la diffusione di competenze, professionalità ed esperienze acquisite, sia all interno che all esterno (altre agenzie educative e sociali); il coinvolgimento ed il sostegno alle famiglie nella progettazione educativa; l approfondimento di tematiche connesse con la convivenza tra più culture ed il rispetto delle differenze e delle identità; la ricerca sui processi emotivi ed intellettuali connessi alle diverse età dello sviluppo dei bambini; l osservazione dei bambini basata sulla conoscenza delle diverse teorie scientifiche di riferimento; il miglioramento la qualità degli spazi e dei servizi; la documentazione permanente; la progettazione educativa comune fra i diversi servizi educativi, sociali e sanitari. Art. 24 CENTRO DI RICERCA E CONSULTAZIONE Il Centro di ricerca e consultazione, costituito presso l asilo nido Arcobaleno e riservato ai coordinatori socio - educativi ed al personale insegnante, garantisce, all interno del servizio, la presenza di adeguate documentazioni ed informazioni relativamente alle esperienze educative e didattiche trascorse, nonché la raccolta di testi, riviste specialistiche, videocassette e cdrom riguardanti le attività degli asili nido e delle scuole dell infanzia. I suoi obiettivi principali sono: creare continuità tra nido e scuola dell infanzia; 12

14 fornire supporti metodologici alle attività di sperimentazione e ricerca svolte nei nidi; mantenere il collegamento con i principali Centri di Documentazione e Ricerca a livello regionale per l organizzazione di aggiornamenti professionali e per approfondire le conoscenze nel settore socio - educativo. Il Centro di Ricerca e Consultazione sarà a disposizione anche dell utenza, di studenti e laureandi. Art. 25 ENTRATA IN VIGORE DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento entra in vigore il quindicesimo giorno successivo alla sua pubblicazione all Albo Pretorio del Comune. 13

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

ART. 1 - PREMESSA ART. 2 ISTITUZIONE E FINALITA

ART. 1 - PREMESSA ART. 2 ISTITUZIONE E FINALITA CITTA' DI CASTANO PRIMO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con Deliberazione di C.C. n. 13 del 20.05.2005 Modificato con Deliberazione di C.C. n. 16 del

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 43 bis DEL 30/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 IL SERVIZIO CIVICO L Amministrazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011.

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO E LE SCUOLE DELL INFANZIA PERIODO 1 SETTEMBRE 2008/30 GIUGNO 2011. Premesso: Che l articolo 33, comma 4 della Costituzione assicura un trattamento equipollente

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO COMUNALE ART. 1 ISTITUZIONE Il Comune di Lauria istituisce un servizio di Asilo Nido per i bambini di età compresa tra i tre mesi ed i tre anni. Il numero minimo

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi.

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. FUNZIONAMENTO Art. 1 Principi generali del servizio. L Asilo Nido è un servizio di interesse pubblico rivolto

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER L ASILO NIDO PARTE PRIMA ART. 1)- ISTITUZIONE E istituito a cura dell Amministrazione Comunale, il servizio di Asilo Nido per bambini, di età inferiore ai 3 anni, divisi in lattanti,

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di C.C. n 30 del 30.05.2007 Articolo 1 - OBIETTIVI E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Articolo 2 - CAPIENZA

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL ISTRUZIONE DALLA NASCITA FINO A SEI ANNI 1 IL DIRITTO DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI ALL EDUCAZIONE E ALL

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LINEE REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO E L ACCESSO APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17/02/2010.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE

COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE COMUNE DI ANCONA REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE Delibera Consiglio Comunale n. 51 del 10.06.2015 1 REGOLAMENTO TEMPO PER LE FAMIGLIE ART. 1 DEFINIZIONE Il Tempo per le famiglie rientra nella tipologia

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008 COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Settore Sociale Servizi Sociali e Servizio Pubblica Istruzione Piazza S.Fedele n.1 24033 Calusco d Adda (Bg) Tel. 0354389051 Fax 0354389076 e-mail mina.mendola@comune.caluscodadda.bg.it

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT COMUNE di BRUGHERIO Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 04/02/2005 Modificato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE0 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C.n. 47 del 24/09/2014 ARTICOLO I DEFINIZIONE L asilo nido è un servizio socio-educativo

Dettagli

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido

Asilo nido. Carta dei servizi ALBANO LAZIALE. Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Asilo nido ALBANO LAZIALE Carta dei servizi Requisiti e Modalita per L accesso al servizio Asilo Nido Premessa I servizi educativi rivolti alla prima infanzia rappresentano una delle priorità dell Amministrazione

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

REGOLAMENTO ASILI NIDO

REGOLAMENTO ASILI NIDO COMUNE DI ASTI Settore Politiche Sociali,Istruzione, Servizi Educativi REGOLAMENTO ASILI NIDO Approvato con D.C.C. n. 63 del 10 aprile 2002 successivamente modificato con D.C.C. n. 20 del 12 giugno 2013

Dettagli

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO

IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO IL NIDO AZIENDALE NEL PARCO PRINCIPALI REGOLE DI FUNZIONAMENTO 1. Premessa Il nido Nel parco nasce come servizio interaziendale in partnership tra Asl e il Consorzio di Cooperative Sociali Sol.Co Mantova

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MALNATE Provincia di Varese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNALE ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ approvato con delibera consiliare n. 41 del 28/07/2003 modificato con delibera consiliare

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 15 in data 31.03.2009 Esecutivo dal 19 aprile 2009 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL SERVIZIO Il servizio di refezione scolastica è realizzato dal Comune nell ambito delle proprie competenze. Il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007 Titolo I Principi Generali Il presente Regolamento stabilisce, nel rispetto delle normative nazionali e regionali

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

PARTE PRIMA ISCRIZIONI. Art. 1 Accesso alla scuola dell infanzia

PARTE PRIMA ISCRIZIONI. Art. 1 Accesso alla scuola dell infanzia MODALITA OPERATIVE PER RACCOLTA ISCRIZIONI E FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L ACCESSO ALLE SCUOLE DELL INFANZIA STATALI E COMUNALI DEL COMUNE DI BUDRIO (BO) Il Consiglio d Istituto nella seduta del 12/01/2015

Dettagli

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005;

REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE. - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; CITTA DI CONEGLIANO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE - Approvato con del. C.C. n. 71-446 del 3.10.2005; - Data entrata in vigore: 14.10.2005 1 REGOLAMENTO LUDOTECA COMUNALE ARTICOLO 1

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Premessa Il Comune di Monte Urano riconosce, nelle numerose Associazioni e organismi di volontariato che senza fini di lucro operano

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia

Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia Città di Pomigliano d Arco Assessorato alle Politiche Educative, Istruzione e Infanzia Regolamento Asilo Nido (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 33 del 3.05.2007) Art. 1 Finalità del Servizio

Dettagli

CRITERI PER L AMMISSIONE DELLE ISCRIZIONI ALLA SCUOLA DELL INFANZIA- PRIMARIA- SECONDARIA di 1 GRADO.

CRITERI PER L AMMISSIONE DELLE ISCRIZIONI ALLA SCUOLA DELL INFANZIA- PRIMARIA- SECONDARIA di 1 GRADO. ISTITUTO COMPRENSIVO COMO LAGO Scuola Infanzia Primaria Secondaria I Via Brambilla 49-22100 Como tel. 031/308552 e-mail: COIC809002@PEC.ISTRUZIONE.IT uffici coic809002@istruzione.it c.f. 95064880131 CRITERI

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO (Comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO Art.1 TIPOLOGIA

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS

COMUNE DI RONZO-CHIENIS COMUNE DI RONZO-CHIENIS PROVINCIA DI TRENTO C.A.P.38060 Via Teatro 13/B info@comune.ronzo-chienis.tn.it PARTITA I.V.A. N. 00342900222 TEL. 0464/802915 FAX 0464/802045 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA CON I COMUNI DI TROFARELLO, MONCALIERI E CARMAGNOLA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA CON I COMUNI DI TROFARELLO, MONCALIERI E CARMAGNOLA COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n. 3 Tel. 011 8609218/9- Fax 011 8609073 e mail: info@pec.comune.pecetto.to.it - info@comune.pecetto.to.it Partita

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova ART 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione dei servizi educativi pubblici, privati sociali e privati per l infanzia

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE "ADRIANO BANCHIERI" DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n.

STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE ADRIANO BANCHIERI DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n. STATUTO DELLA SCUOLA DI MUSICA COMUNALE "ADRIANO BANCHIERI" DI MOLINELLA. * Approvato con deliberazione di C.C. n. 65 del 30/09/2015 STATUTO TITOLO I NORME GENERALI ARTICOLO 1 - Oggetto e finalità dello

Dettagli

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO

Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO Allegato alla delibera di C.C. n. 14 del 3.4.2014 Il Segretario Comunale (Dr. Giuseppina Crisci) COMUNE DI MONTERENZIO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA COMUNALE IL MELOGRANO ARTICOLO 1 FINALITÀ DEL NIDO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido

Regolamento per il funzionamento dell asilo nido COMUNE DI CAORSO Provincia di Piacenza Regolamento per il funzionamento dell asilo nido Testo approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 25.5.2005 Modificato con Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido

Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido Comune di Tivoli Regolamento sul funzionamento dell Asilo Nido Approvato con D.C.C. n. 78 del 9.10.2001 così come modificata dalla D.C.C. n. 52 del 30.09.2008 così come modificata dalla D.C.C. n. 15 del

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO SCUOLE DELL INFANZIA

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO SCUOLE DELL INFANZIA COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO SCUOLE DELL INFANZIA TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 750 DEL 26/11/2010 E INTEGRATO CON LE MODIFICHE APPORTATE CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 371 DEL 23/08/2012.

Dettagli

Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE

Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE ART. 1 IL DISTRETTO SANITARIO SOCIALE Il distretto sanitario sociale è la struttura tecnico-funzionale di base per la erogazione dei servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ Istituto Statale di Istruzione Superiore Devilla Dessì La Marmora - Giovanni XXIII Via Donizetti, 1 Via Monte Grappa, 2-07100 Sassari, Tel 0792592016-210312 Fax 079 2590680 REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE/INCLUSIONE

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo

Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo Convenzione tra il Comune di Casatenovo e le Scuole dell Infanzia Paritarie di Casatenovo TRA Il Comune di Casatenovo (C.F. 00631280138) con sede a Casatenovo (LC), Piazza della Repubblica 7, legalmente

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO GIOCO EDUCATIVO COMUNALE Settore Socio-Culturale Approvato con Del. Del Consiglio Comunale n. 10 del 05/03/2010 Art. 1 FINALITÀ 1. Il Centro Gioco Educativo

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Città di Portogruaro Provincia di Venezia REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con deliberazione del C.C. n. 120 del 28.11.2005 1 INDICE Titolo I - Registro delle associazioni

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL GARANTE DEI DIRITTI PER L INFANZIA E L ADOLESCENZA. TITOLO I Disposizioni generali Allegato 1 parte integrante della proposta di Deliberazione di Consiglio Comunale n. 603 avente ad oggetto: Istituzione del Garante dei Diritti per l Infanzia e l Adolescenza e contestuale approvazione

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE COMUNE DI CIMONE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO CIMONE E DEFINIZIONE DELLE GRADUATORIE (approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.38 dd. 10.06.2015) 1. SEDE La gestione del servizio

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28/10/2004 COMUNE

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

CITTA DI CONEGLIANO REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI. di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi

CITTA DI CONEGLIANO REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI. di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO) REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 70-440 DEL 19.09.2005

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 125 del 29/07/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI ORZINUOVI E LA SOCIETA BABY BIRBA di BENEDUCI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LONDA Provincia di Firenze REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N. 35 del 29.04.2010 1 INDICE ART. 1: Oggetto del regolamento ART. 2: Valorizzazione della partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvata con deliberazione C.C. n. 4 del 18.02.1999 integrata con deliberazione C.C. n. 18 del 09.03.1999. ART. 1 FINALITA ART. 2 FUNZIONAMENTO ART. 3 MODALITA

Dettagli

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni

Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Regolamento sull Albo e l Assemblea delle associazioni Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 16 del 31.03.2014 Immediatamente esecutivo I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLO D ALBA - Provincia di Cuneo- REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 41 DEL 22/12/2010 MODIFICATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO

Dettagli

ANNO EDUCATIVO 2015/2016

ANNO EDUCATIVO 2015/2016 ANNO EDUCATIVO 2015/2016 REGOLAMENTO Art. 1 - Finalità 1.1. Garantire la piena espressione della soggettività dei bambini e delle bambine dando spazio, in un contesto adeguatamente strutturato, alla motivazione

Dettagli