UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA DI AREZZO. Corso di Laurea in Scienze della formazione e dell educazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA DI AREZZO. Corso di Laurea in Scienze della formazione e dell educazione"

Transcript

1 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA DI AREZZO Corso di Laurea in Scienze della formazione e dell educazione Indirizzo EDUCATORE PER L INFANZIA PRONTUARIO PER IL TIROCINANTE Gentili Studentesse e Studenti, nell accingervi ad iniziare il percorso di tirocinio, la prima operazione da fare riguarda la scelta della struttura, che può essere un ente, una cooperativa, un azienda, un agenzia, ed altro ancora, dove svolgere il tirocinio, coerentemente con il vostro iter didattico. Per aiutarvi in questo, siete invitati a prendere visione dell elenco, comprendente le strutture ritenute idonee ad accogliervi e con le quali è stata attivata una specifica convenzione. Tale elenco è scaricabile dal sito seguendo il percorso: Offerta formativa Tirocinio tra gli allegati il documento Elenco strutture (specifico per ogni indirizzo) Per ogni struttura troverete indicato il sito nel quale potrete trovare tutte le informazioni che vi saranno necessarie per meglio effettuare il tirocinio. Una volta effettuata la scelta, siete invitati a prendere contatti sia con il docente del vostro corso di laurea che assumerà la funzione di tutor universitario, sia con il referente della struttura, che diventerà il vostro tutor aziendale. Completate queste operazioni preliminari, dovrete scaricare il modulo Progetto Formativo al seguente indirizzo seguendo il percorso: Offerta formativa Tirocinio tra gli allegati il documento Progetto formativo che dovrà essere compilato e corredato delle firme richieste (in duplice copia originale), e consegnato al Prof. Sergio Angori per il Corso di Laurea il Scienze dell educazione e della formazione, al Prof. Claudio Melacarne per il Corso di Laurea Magistrale in Pedagogia dei Processi formativi e Ricerca filosofica indicativamente un mese prima dell inizio del tirocinio, per l inoltro al Placement Office e l attivazione della copertura assicurativa 1. 1 L Ufficio Placement Office una volta ricevuto il progetto formativo ed attivata la copertura assicurativa invierà all ente ospitante del tirocinante un documento in cui sono indicate le date di inizio e termine della copertura assicurativa.

2 Prima di iniziare il periodo di tirocinio è necessario prendere visione del documento Linee guida per effettuare il tirocinio che è riportato di seguito a pagina 3. Le Linee guida vi saranno utili sia durante lo svolgimento del tirocinio che per la stesura della relazione finale. La relazione finale deve essere discussa e condivisa con il vostro tutor universitario. I criteri per redigere tale documento sono reperibili alla pagina 17 di questo prontuario. Una volta terminato il tirocinio, dovrete inoltre consegnare la seguente documentazione finale: 1. Modulo ore effettuate, firmato da voi e controfirmato dal vostro tutor aziendale. Il modulo è scaricabile al seguente indirizzo seguendo il percorso: Offerta formativa Tirocinio tra gli allegati il documento Modulo ore effettuate 2. Certificazione di tirocinio, da sottoporre alla firma sia del tutor aziendale che del tutor universitario e scaricabile al seguente indirizzo seguendo il percorso: Offerta formativa Tirocinio tra gli allegati il documento Certificazione di tirocinio triennale 3. Questionario di valutazione, da stampare dopo essere stato compilato on line. Per la compilazione, si accede dal sito cliccando su Portale e-learning e seguendo il percorso: I miei corsi Tirocinio laurea triennale Materiali Questionario di valutazione Per informazioni Corso di laurea in Scienze dell educazione e della formazione: Prof. Sergio Angori mercoledì dalle 9,00 alle 12,00 tel.: Corso di Laurea Magistrale in Pedagogia dei processi formativi e Ricerca filosofica: Prof. Claudio Melacarne martedì dalle ore 11,00 alle ore 13,00 tel.: 0575/ N.B.: il tirocinante che conclude il tirocinio prima della data di scadenza della copertura assicurativa deve chiedere al tutor aziendale di inviare una all indirizzo in cui si dichiari che il tirocinante ha concluso in anticipo il tirocinio con la relativa motivazione (es.: perché il progetto si è concluso, ecc.). 2

3 LINEE GUIDA PER EFFETTUARE IL TIROCINIO IL TIROCINIO Dispositivi metodologici Educatore professionale - Educatore dell infanzia A cura del Prof. Claudio Melacarne e della Dott.ssa Valentina Mucciarelli Università degli Studi di Siena 3

4 Il tirocinio come esperienza formativa e professionalizzante Le esperienze di tirocinio orientativo sono destinate a facilitare l incontro con realtà lavorative (imprese, amministrazioni pubbliche, enti pubblici e privati ivi compresi quelli del terzo settore, ordini e collegi professionali) stimate necessarie per la conoscenza di determinate figure professionali, delle modalità di lavoro e delle dinamiche del mercato del lavoro nonché per una prima sperimentazione/valutazione delle soggettive capacità e dei propri interessi professionali e per lo sviluppo progressivo di una cultura del lavoro che implichi la consapevolezza del significato e dell importanza del lavoro nell esistenza personale, ma anche per farsi conoscere dall azienda mediante la valutazione del proprio potenziale e della propria affidabilità. È da considerare rilevante il contributo che l esperienza del tirocinio è in grado di offrire alla impegnativa impresa della costruzione di un progetto professionale personale, pensando soprattutto alla sua capacità di espletamento della funzione di verifica di eventuali scelte progettuali, di percorrimento di territori inediti e di esplorazione di alternative. L incontro e la relazione con l esperienza lavorativa, insieme alla ridefinizione del campo cognitivo, contribuiscono alla generazione di nuove modalità di rappresentazione e valutazione di sé, degli altri, della realtà. Nel luogo di lavoro è da trovare un contesto grazie al quale allo studente è concesso di mettersi alla prova, verificare l insieme delle conoscenze/competenze possedute, validare saperi/abilità/capacità, valutarsi, confrontarsi con un esperienza in virtù della quale scoprirsi, finanche sorprendersi, in fatto di motivazioni, attitudini, aspettative, competenze e per questo individuare le componenti essenziali della personale traiettoria lavorativa. Il tirocinio può rappresentare anche una preziosa opportunità in termini di valutazione del divario di competenze, vale a dire dello scarto esistente in fatto di sapere, fare, essere, tra quello che si conosce e si sa e quello che si dovrebbe conoscere e sapere, tra quello che si fa e quello che si dovrebbe saper fare, tra quello che si è e quello che si dovrebbe essere, e quindi della eventuale sostanziale corrispondenza tra le risorse possedute e le necessità lavorative richieste da un ruolo professionale. In questo senso il tirocinio sollecita processi di rielaborazione/riorganizzazione dei personali schemi interpretativi, codici di comportamento, modelli concettuali utilizzati nonché verifiche di aspettative e valori soggettivi. Nel tirocinio occorre trovare altresì un attività significativa in tema di apprendimento della conoscenza esplicita e implicita mediante l esperienza, di interazione tra conoscenza formale e conoscenza empirica, tra conoscenza decontestualizzata e conoscenza contestuale, di percezione di sé come studente attivo, di verifica di sé in un contesto concreto e dinanzi ad una situazione operativa reale, di consolidamento del senso di autonomia e di canalizzazione efficace di risorse sul personale progetto formativo, di comparazione delle rappresentazioni sulle professioni e di co-costruzione eventuale di nuove rappresentazioni su un lavoro professionale. Nella medesima attività di tirocinio è da individuare anche una significativa esperienza di incremento della consapevolezza su uno specifico ruolo professionale allo scopo di poter affrontare meglio la scelta del proprio futuro lavorativo, di sperimentazione dell utilizzo di teorie, metodi e strumenti di base di una pratica professionale, di riflessione sull esperienza vissuta come motivazione e stimolo all acquisizione di ulteriori apprendimenti teorici, nonché di ricognizione della necessità di formazione aggiuntiva o di formazione continua che è strutturale allo svolgimento di un lavoro qualificato e di consapevolezza delle realtà lavorative come luoghi di produzione della conoscenza. La valenza formativa e orientativa della partecipazione ad un contesto lavorativo dipende non poco dalla rielaborazione dell esperienza e dalla codificazione delle conoscenze/capacità guadagnate. Tale valenza è tanto più consistente quanto più l esperienza è progettualmente strutturata e dunque articolata in una serie di attività in grado di destare curiosità, interesse, appassionamenti, riflessione nel corso dell azione. Bruno Rossi 4

5 Il tirocinio come partecipazione ad una comunità di pratiche Soprattutto a partire dalla fine degli anni 80 si può registrare in ambiti disciplinari diversi una diffusa attenzione e valorizzazione del sapere pratico. La pratica è riconosciuta come contesto epistemologico e storico in cui si trasmettono e al contempo si generano conoscenze, luogo sociale e fisico in cui si compie l apprendimento e il lavoro, costrutto analitico che contribuisce a chiarire come si apprende e si sviluppa la conoscenza professionale. Molti ambiti di ricerca convergono così nel riconoscere nella pratica un luogo in grado di produrre epistemologicamente conoscenza e nell interpretare i professionisti come soggetti epistemici che apprendono da ciò che fanno, che producono dei saperi capaci di interpretare e risolvere i problemi, che elaborano costrutti con cui conversare con le situazioni che incontrano. La conoscenza prodotta dalla pratica è una forma di conoscenza che si situa dentro le azioni, è una conoscenza che si dispiega negli schemi corporei, senza passare attraverso una comprensione esplicita. Le competenze che i professionisti mettono in evidenza in situazioni di pratica non corrispondono alla capacità di descrivere come saper intervenire o al possedere un pensiero consapevole riguardo alla conoscenza rivelata dalle nostre azioni. La conoscenza che il professionista sviluppa nel corso dell azione rimane per lo più implicita. La pratica infatti trova il suo radicamento nella dimensione inespressa e agita della conoscenza. Il tirocinio si configura così come esperienza di avvicinamento all esperienza nella quale lo studente può apprendere, osservando e partecipando a pratiche differenti, sia delle conoscenze esplicite, sia delle conoscenze tacite. La conoscenza tacita infatti è fortemente radicata nel contesto nel quale si sviluppa e nelle azioni in cui si materializza Non si organizza in logiche formali e sistematiche, non si esprime in termini simbolici o verbali. Il carattere tacito e inespresso della conoscenza è il tratto che distingue la conoscenza dei pratici da quella dei teorici. Apprendere nella pratica non significa quindi affermare che tutto ciò che facciamo è apprendimento. Parlare di un apprendimento nella pratica significa chiamare in causa un costrutto, che, per l importanza che ricopre negli studi riguardanti la formazione e l apprendimento in età adulta, richiede precisazioni e definizione di confini. Perché avvenga apprendimento è necessario che sia garantito ai partecipanti, ai tirocinanti, l accesso alla pratica come risorsa per imparare, e questo sia che si parli di novizi che entrano a far parte di una comunità, sia che si parli di membri di una comunità che, rispetto a determinate pratiche, si riconoscono come novizi. Nel dettaglio apprendere nella pratica non significa apprendere un oggetto, ma una struttura emergente prodotta dai membri di una determinata comunità attraverso una negoziazione di significato che si muove tra continuità e discontinuità. La negoziazione di significato è un processo aperto, potenzialmente sempre in grado di includere nuovi elementi. Il tirocinio permette di confrontarsi con storie, riflessioni, artefatti che nel loro insieme definiscono una comunità di professionisti (siano questi formatori, educatori o animatori) e ne incorporano i saperi. Per il tirocinante, l analisi di un documento, le domande che può rivolgere a dei testimoni privilegiati, le mansioni routinarie che inizialmente può essere chiamato a svolgere, diventano conseguentemente dei momenti di formazione in quanto sono potenzialmente attività che generano conoscenza professionale. Apprendere la conoscenza pratica significa quindi confrontarsi, osservare con attenzione dei particolari significativi, partecipare alle pratiche, chiedere e domandare informazioni su aspetti specifici della professione, mantenersi in una posizione di ricerca verso l esperienza. Loretta Fabbri 5

6 IL TIROCINIO Permette di avvicinare I LUOGI DELLA FORMAZIONE ALLA PROFESSIONE (Università) IL MONDO DEL LAVORO (Istituzioni, associazioni, agenzie formative,...) Offre l opportunità allo studente di: Osservare e partecipare ad una realtà lavorativa, organizzativa, professionale Apprendere dall esperienza. I luoghi del tirocinio diventano testi e contesti da leggere e su cui riflettere Verificare le proprie rappresentazioni, aspettative, attitudini, i propri interessi, la propria predisposizione a svolgere una professione Orientarsi nel mondo del lavoro 6

7 1. Il ruolo del tirocinante Il tirocinio può definire esperienze di quantità e di qualità molto diverse. A tal proposito, uno degli elementi fondamentali da prendere in considerazione, a fianco del dibattito sul contenuto formativo di tale esperienza, riguarda le diverse possibili tipologie di approccio e di inserimento nei servizi educativi, nelle agenzie formative, nei progetti di intervento nei quali lo studente compie il tirocinio stesso. In linea teorica, sono ipotizzabili diverse tipologie di tirocinio che corrispondono ad un diverso ruolo del tirocinante. Per gli studenti di Scienze dell Educazione e della Formazione è possibile individuarne almeno due: 1) tirocinio osservativo : prevede che lo studente svolga la sua esperienza nel servizio compiendo una raccolta sistematica di dati oggettivi (documenti, materiali, artefatti, elementi di sviluppo storico dell istituzione e di anamnesi della situazione, ecc.) e soggettivi (protocolli osservativi raccolti con l uso di tecniche e supporti differenziati) che lo mettono in grado di conoscere e di descrivere il servizio stesso, o sue parti significative, sul piano sia qualitativo che quantitativo; 2) tirocinio partecipativo : prevede che lo studente venga inserito strutturalmente nell équipe degli operatori del servizio affiancando in ogni momento l azione del personale già esperto. In questo tipo di tirocinio si riproducono le logiche di una bottega artigiana, in cui l inserimento del tirocinante ( novizio ) è legittimo periferico e può essere accompagnato gradualmente alla conoscenza di metodi e strumenti difficilmente oggetto di apprendimento in sede teorica. Ogni tirocinante entra quindi in un contesto dove è legittimato dai membri dell organizzazione a partecipare soltanto ad alcune pratiche, quelle semplici da svolgere e comprensibili per un novizio. La partecipazione quindi è inizialmente periferica (si osserva, si partecipa a piccole esperienze) e con il tempo può divenire, rispetto alla complessità del contesto e dei compiti, più centrale (fare ed essere responsabile di alcune attività). Tirocinante Pratiche periferiche Pratiche centrali he 7

8 Il tirocinio partecipativo prevede che il tirocinante conduca direttamente alcune attività offrendogli la possibilità di misurarsi direttamente con la realtà, di impegnarsi e verificare di persona gli apprendimenti derivanti dai corsi universitari frequentati e le conoscenze apprese nei momenti guidati del tirocinio. In tal senso, si potrebbe ipotizzare che il tirocinio, proprio perché è una partecipazione periferica e legittima ad una struttura educativa o formativa, dovrebbe prevedere: 1) un momento iniziale osservativo, ossia finalizzato alla conoscenza del servizio che la struttura ospitante offre; 2) un momento partecipativo per meglio comprendere le proprie rappresentazioni, aspettative, attitudini, potenzialità, predisposizioni rispetto ad una realtà lavorativa che si dovrà incontrare dopo la laurea, verificare e mettere in pratica gli apprendimenti acquisiti; 3) un momento riflessivo sull esperienza vissuta che permetta di transitare dal conoscere per comprendere al riflettere per apprendere. 2. Entrare dentro un contesto organizzativo Entrare in un organizzazione significa confrontarsi con un contesto che ha una sua storia, una struttura, delle procedure di lavoro e dei linguaggi specifici. Una scuola, un agenzia formativa, un istituzione, una cooperativa, un associazione sono organizzazioni che, pur distinguendosi per obiettivi, modalità di lavoro e competenze dei professionisti, si caratterizzano per presentarsi al tirocinante come ambiti strutturati non immediatamente comprensibili da uno sguardo esterno. Un organizzazione si configura così come un contesto complesso e ambiguo, nel quale vengono a intrecciarsi più piani. Per questo motivo, comprendere per esempio quali sono le attività più importanti che caratterizzano una professione, che tipo di competenze richiede quel particolare lavoro, quali pratiche eccellenti si adottano in quel contesto, implica per il tirocinante l adozione di lenti di interpretazione specifiche. Alcuni esempi tratti da colloqui informali con degli studenti possono fornire un esempio dei problemi incontrati quando si entra in un nuovo contesto: Esempio ripreso da un esperienza personale Quando sono entrata all Università...non mi aspettavo che fosse tutto così caotico. [ ] sembrava tutto abbastanza difficile, non sapevo a chi rivolgermi, chi poteva aiutarmi... Mancanza di esperienza e di strumenti per orientarsi nell esperienza. Esempio ripreso da un esperienza professionale Sono entrata in un asilo...nessuno mi diceva cosa dovevo fare o dove andare [ ] ho avuto bisogno di osservare La tirocinante trova una prima strategia per apprendere dall esperienza: l osservazione. Esempio ripreso da un esperienza in ambito non formale Quando sono entrato a far parte del gruppo degli sbandieratori... avevo delle aspettative [ ] quando sono entrato ho sentito una forte responsabilità [ ] ripetevo all infinito ogni esercizio per paura di sbagliare una volta che sarei uscito in 8

9 pubblico Il tirocinante trova una seconda soluzione: la partecipazione ad attività semplici per preparasi ad attività più complesse. Un compito specifico del tirocinante è quello di comprendere il contesto organizzativo, approfondire la conoscenza di alcune specifiche attività, sperimentarsi come novizio in piccole e marginali attività in un ambiente controllato. Metaforicamente entrare in un organizzazione come tirocinante significa aprire un breve processo di ricerca finalizzato al prendere contatto con alcune realtà lavorative. La prima operazione che viene richiesta ad un tirocinante è quella di decentrarsi dal proprio punto di vista e di utilizzare delle lenti di interpretazione dell esperienza capaci di offrire spunti di riflessione e di approfondimento su: 1) l organizzazione; 2) le attività specifiche svolte (le pratiche); 3) i profili professionali. 1. L organizzazione La ricostruzione dello sfondo nel quale si entra a fare tirocinio permette di comprendere i vincoli che definiscono la specificità del contesto ed i limiti entro cui coloro che vi lavorano possono esercitare la propria professione. Al riguardo, possono essere individuati alcuni indicatori per comprendere il contesto organizzativo: - il mandato istituzionale è generalmente formalizzato nei documenti ufficiali come lo statuto. L analisi del mandato istituzionale permette di comprendere lo sfondo culturale specifico di quell organizzazione, gli obiettivi generali che l organizzazione si prefigge di perseguire; - i servizi erogati formalizzati spesso in una carta dei servizi. Possono essere erogati dentro e fuori l organizzazione e definiscono ciò che viene prodotto da un particolare contesto organizzativo, sia questo un ufficio, un gruppo di lavoro, un reparto, una scuola, una classe. Per esempio un organizzazione può fornire attività di consulenza esterna, servizi offerte alle famiglie, ai bambini, agli adolescenti, alla cittadinanza, servizi di cura e di assistenza, servizi di formazione, ecc.. Per il tirocinante l obiettivo di questa prima fase informativo-conoscitiva non si limita soltanto ad individuare gli aspetti giuridico-istituzionali che caratterizzano ciascun ente, ma dovrebbe essere anche quello di sollecitare una riflessione formativa a valenza professionalizzante favorendo la comprensione delle modalità con cui i diversi professionisti: 1) interpretano il contesto nel quale lavorano; 2) traducono nella pratica un mandato istituzionale e le finalità dichiarate in progetti educativi/formativi; 3) rendono chiari i vincoli entro cui la professione viene esercitata. 9

10 Strumenti Di seguito si propone una scheda da utilizzare come griglia di interpretazione del contesto nel quale si entra come tirocinante. L organizzazione formale Fase conoscitiva descrittiva Questa fase si realizza solitamente nel primo contatto con l'ente. Può essere approfondita in corso d opera utilizzando le conoscenze che emergono dai colloqui con esperti e dai documenti consultati Denominazione e natura giuridica dell'ente Es: ente pubblico, azienda privata (industria, commercio, artigianato, ecc.) servizi alle persone e terzo settore (volontariato, cooperative sociali, ecc.) Descrizione dell'ente o dell'azienda Ambito d'intervento Domanda di formazione, produzione di risposte formative, qualità della formazione, sistemi di erogazione, gestione delle competenze e valutazione delle risorse, ecc. Tipologia professionale degli operatori Profili, ruoli professionali (operatori e responsabili di uffici di formazione, tutor, coordinatori, esperti consulenti, esperti in gestione delle competenze, direttori didattici, ecc.) Compiti istituzionali Possono essere evidenziati finalità e compiti connessi con il settore di intervento considerato (le informazioni possono essere ricavate, secondo i casi, dalla legge istitutiva e successive modifiche, dallo statuto e dall'eventuale regolamento, da delibere, direttive, ordini di servizio, ecc.) Struttura Organizzazione interna, organi, numero e profilo professionale degli addetti, con rapporto di lavoro stabile o a contratto, come collaborazione esterna, come attività di volontariato... Sinergie con altri enti Delimitazione territoriale, collaborazioni, sinergie, possibili interferenze con altri enti, servizi aventi analoghe competenze o finalità Storia dell ente La storia può estendersi, a partire dai dati cronologici e dalle vicende essenziali, all'entità e qualità dei servizi resi, ai controlli e alle verifiche operanti, ai cambiamenti di indirizzi e metodi, con particolare riguardo all'ultimo triennio. 10

11 2. La pratica Entrare dentro un contesto organizzativo non significa soffermarsi soltanto su ciò che l organizzazione ed i suoi membri dichiarano di perseguire, ma implica la capacità di osservare la pluralità di pratiche di lavoro che vi si riscontrano. Una pratica può essere intesa come ciò che i professionisti fanno in uno specifico contesto e aiuta a definire quindi che tipo di professionisti sono (pratica=attività=insieme di azioni specifiche). Per comprendere la professionalità di un educatore professionale, di un educatore dell infanzia, di un animatore socio-culturale è necessario quindi prendere in considerazione le attività che vengono svolte e come queste vengono interpretate dalle persone che le gestiscono (es: un educatore dell infanzia gestisce il rapporto con i genitori e gli attribuisce un suo specifico significato. Il tirocinante può osservare come questa attività viene svolta dai diversi educatori e come questi la interpretano in modo differente). La pratica indica quindi ciò che gli attori organizzativi fanno e che significato danno a quello che fanno in quello specifico contesto (schema 1). Per un tirocinante può essere proficuo provare ad intercettare le pratiche che caratterizzano il contesto nel quale è inserito. Per esempio: - pratiche di cura; - pratiche di progettazione; - pratiche formative (formazione d aula); - pratiche di accompagnamento; - pratiche di valutazione; - pratiche di ascolto; - pratiche di amministrative; - pratiche di controllo; - pratiche di insegnamento; - ecc. Ciò che fanno i professionisti Pratica lavorativa Il significato che attribuiscono a quello che fanno Con chi negoziano quello che fanno E quindi chiara la complessità di un organizzazione, anche piccola, in cui i professionisti possono partecipare a molte pratiche di lavoro, pur avendo ruoli diversi e competenze differenti. Per il tirocinante si tratta di comprendere alcuni aspetti: quali pratiche caratterizzano il contesto osservato, quali sono ritenute più importanti e significative dagli attori coinvolti, con chi devono confrontarsi, quali sono i problemi che incontrano. Schema 1 Possiamo distinguere una lettura delle pratiche significative che caratterizzano il contesto (per esempio, dentro un asilo nido si riconoscono più pratiche: pratiche di accoglienza, pratiche ludiche, pratiche narrative, pratiche di comunicazione con la famiglia) e una descrizione specifica di ogni pratica (le modalità con cui ogni pratica, ogni attività individuata si realizza). 11

12 Strumenti Di seguito si propongono due schede da utilizzare come griglia per: 1) classificare le pratiche caratterizzanti un contesto (Scheda 1); 2) descrivere ogni singola pratica (Scheda 2). Scheda 1 Pratiche caratterizzanti il contesto Nome pratica 1: (es: pratica di accoglienza)... Nome pratica 2: (es: pratica di progettazione)... Nome pratica 3: (es: pratica di ascolto)... Nome pratica 4:... Nome pratica 5:... Nome pratica 6:... Nome pratica 7:... Nome pratica 8:... 12

13 Nome pratica 1: Scheda 2 Descrivere una singola pratica Nome Nome Nome pratica 2: pratica 3: pratica 4: Nome pratica 5: Nome pratica 6: Nome pratica 7: Chi vi partecipa? Che ruolo gioca l educatore, animatore o altro professionista? Che ruolo hanno gli altri soggetti coinvolti (bambini, adulti)? Che strumenti utilizza l educatore, animatore? Che problemi incontra l educatore, animatore durante l attività? Come tenta di risolverli? Quali competenze ritieni siano necessarie per svolgere questa pratica? Quanto tempo richiede per essere svolta? Quali obiettivi persegue? 13

14 3. I professionisti Comprendere che cosa significa diventare un professionista implica prendere contatto con l esperienza di chi già è esperto: della sua storia di formazione e di ciò che fa in uno specifico contesto. Questo comporta interrogarsi su: qual è la storia formativa del professionista con cui sto facendo tirocinio? A quali pratiche partecipa/non partecipa in questo particolare contesto di lavoro? Si tratta di descrivere quello che le persone fanno e come si collocano rispetto al contesto di lavoro. Infatti, il significato che assume una pratica dipende in parte dal singolo professionista (per esempio un animatore può interpretare la sua principale attività come quella di gestire le attività ludiche piuttosto che attività di gestire la dimensione progettuale) e chiama in causa parallelamente anche il contributo degli altri professionisti che nel lavoro quotidiano legittimano o minimizzano la significatività di tale pratica (gli altri possono interpretare la stessa attività in modo differente). Osservare un professionista al lavoro significa quindi rubare con gli occhi un sapere che altrimenti resterebbe patrimonio del singolo soggetto (esperto). Entrare dentro un organizzazione richiede di potersi soffermare e riflettere sulla figura professionale che a noi interessa. Strumenti Di seguito si propone una scheda da utilizzare come griglia per descrivere una figura professionale (Scheda 1). Esempio di come la scheda 1 può essere compilata dal tirocinante A quali pratiche partecipa? Pratiche di organizzazione: organizzazione dell intervento di formazione Pratiche di progettazione: attività di progettazione Pratiche narrative: negoziazione degli obiettivi, metodologie e contenuti con il committente Descrizione della figura professionale: educatore professionale Che ruolo gioca in queste attività? E il responsabile Che ruolo hanno gli altri soggetti coinvolti (bambini, adulti)? Che strume nti utilizza? Saperi person ali e derivati dall esp erienza Che problemi incontra il durante l attività? Incertezza nel comprendere il bisogno dell utente Come tenta di risolverli? Parla con alcuni colleghi e familiari Compartecipano Tenta di capire come soddisfare una bisogno Quali competenze dimostra di possedere per svolgere questa pratica? Capacità di ascolto e di interpretazione 14

15 (Scheda 1) A quali pratiche partecipa? Che ruolo gioca in queste attività? Descrizione della figura professionale:... Che ruolo hanno gli altri soggetti coinvolti (bambini, adulti)? Che strumenti utilizza? Che problemi incontra durante l attività? Come tenta di risolverli? Quali competenze dimostra di possedere per svolgere questa pratica? 15

16 3. Il tirocinio come esperienza di apprendimento riflessivo Valutare l attività di tirocinio costituisce indubbiamente un operazione complessa per la molteplicità delle variabili in campo e per la conseguente difficoltà di disporre di sufficienti strumenti e di adeguati criteri di valutazione. Per valutazione non si deve intendere la sola attività finale in cui si fa il bilancio dell esperienza, ma può essere interpretata come un processo di ricerca e di validazione in corso d opera dei saperi personali. Al riguardo, le schede presentate in precedenza possono essere utilizzate come promemoria per stendere la relazione finale ma anche come lenti di interpretazione da utilizzare durante il tirocinio. La relazione finale infatti non è un atto formale che testimonia una competenza acquisita, ma è un momento per il tirocinante di riflessione sull esperienza vissuta e di comprensione della portata formativa e orientativa. Esempio di traccia 1. Parte descrittiva: descrizione del contesto. a) Dimensione istituzionale b) Obiettivi dichiarati c) Pratiche significative che lo caratterizzano d) Professionalità coinvolte nell attività e) Ruolo e compiti di tali professionalità 2. Parte riflessiva: che cosa ho imparato. a) Descrizione delle attività a cui si è partecipato b) Come tirocinante novizio che cosa pensi ti differenzi dall /dagli esperto/i che hai incontrato? c) L evento, la situazione, l attività che mi ha fatto riflettere di più. Perché? d) Quali idee, rappresentazioni del contesto o/e della professione ho cambiato rispetto a quando sono entrato come tirocinante? e) Che cosa ho imparato dalle pratiche a cui ho assistito o partecipato? 16

17 CRITERI PER LA STESURA DELLA RELAZIONE FINALE DI TIROCINIO La relazione finale di tirocinio descrive in modo sintetico l attività svolta dallo studente all interno dell azienda/organizzazione. Lo standard di lunghezza per la relazione finale di tirocinio è pari a massimo 10 cartelle di circa 2000 battute per pagina spazi inclusi. La relazione deve contenere: 1) un introduzione in cui si espongono gli obiettivi formativi del tirocinio; 2) la descrizione dell ente ospitante; 3) la descrizione degli incarichi svolti dal tirocinante durante il periodo di stage; 4) la descrizione dei risultati raggiunti. Per un esempio di traccia vedere la pagina 16. Nella relazione occorre che: le informazioni siano complete e, per quanto è possibile, chiare; le informazioni principali siano fornite in modo sintetico, essenziale, nel testo del documento; le informazioni secondarie (interviste, note, materiali documentari raccolti, siti internet consultati, ecc.) siano reperibili in Appendici od in altri documenti, di cui vengono, citati gli estremi; Nella copertina e nel frontespizio saranno indicati: Ente od organizzazione (in questo caso è l Università degli Studi di Siena, Corso di Laurea magistrale in Pedagogia dei processi formativi e ricerca filosofica) Titolo: sintetico, generalmente meno di tre righe Autore del documento (rendendo evidenti Nome e COGNOME) e relativa firma i nomi e le firme dei Tutor, con l indicazione della loro rispettiva affiliazione (es.: Dpt. universitario XYZ o Ditta ABC) Data di emissione (in questo caso sarà: Anno Accademico - ); Numero di pagine da cui è composto il documento (numerazione a piede pagina del tipo: 1 di 52, 2 di 52, ecc.). Un esempio di frontespizio è riportato nell allegato 1, pagina

18 Allegato 1 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI LETTERE E FILOSOFIA DI AREZZO Corso di Laurea in Scienze della formazione e dell educazione Indirizzo. RELAZIONE DI TIROCINIO SU (QUI TITOLO SINTETICO) Candidato: Nome COGNOME firma: Tutor universitario Dott./Prof.. Nome COGNOME Dipartimento di Tutor interno all organizzazione Dott. / Sig. Nome COGNOME Luogo: Anno Accademico

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione Seminari metodologici propedeutici al tirocinio A.A. 2009/2010 II seminario: Come si articola

Dettagli

Regolamento del Tirocinio formativo in regime di convenzione

Regolamento del Tirocinio formativo in regime di convenzione Corso di Laurea triennale in Scienze dell'educazione e dei processi formativi Corso di Laurea Magistrale in Progettazione e coordinamento dei servizi educativi Regolamento del Tirocinio formativo in regime

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO *******

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE REGOLAMENTO DI TIROCINIO ******* [Regolamento di Tirocinio del Corso di Laurea Magistrale in 1 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Programmazione e Gestione delle Politiche e dei Servizi Sociali (LM87) REGOLAMENTO DI TIROCINIO La declaratoria

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015

VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 VADEMECUM PER IL TIROCINIO CURRICULARE CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE PSICOLOGICHE Approvato nella riunione di Dipartimento del 20 febbraio 2015 Presentazione dei tirocini Nel Corso di Studi in Scienze

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

Bando per l ammissione al Corso di formazione

Bando per l ammissione al Corso di formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE, SOCIALI E DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN POLITICHE SOCIALI Bando

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE E SOCIALI Corso di Laurea Triennale in Scienze del Servizio Sociale Regolamento attività di Stage 1. Lo Stage L attività di Stage del terzo

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Vademecum per i tirocini

Vademecum per i tirocini Vademecum per i tirocini CORSO DI STUDI TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN SCIENZE PEDAGOGICHE Approvato dal Consiglio di Dipartimento del 19 maggio 2015 PRESENTAZIONE E

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA La società è profondamente cambiata e la scuola non riesce a rispondere ai bisogni emergenti dei vari componenti del sistema creando, a volte, essa stessa situazioni

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale Università degli Studi del Molise Corso di Laurea in Economia Aziendale REGOLAMENTO PER I TIROCINI FORMATIVI E DI ORIENTAMENTO E GLI STAGE (approvato nella seduta 9 luglio 2013) Art. 1 Scopo Il presente

Dettagli

Lo Stage Estivo e il Tirocinio Curricolare

Lo Stage Estivo e il Tirocinio Curricolare Istituto d Istruzione Superiore Lo Stage Estivo Vincenzo Capirola Leno/Ghedi Lo Stage Estivo e il Tirocinio Curricolare Marzia Vacchelli Nell attuale riforma scolastica si è attribuita grande importanza

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Calendario degli incontri in aula

Calendario degli incontri in aula Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione (DM 270/2004) Programma di tirocinio a. a. 2011/2012 Referente universitario: Dott.ssa Maria Grazia Di

Dettagli

I partecipanti, le valutazioni

I partecipanti, le valutazioni Progetto Regionale "I disturbi dello spettro autistico 0/6 anni" Corso di primo e secondo livello rivolto ad insegnanti, educatori, coordinatori pedagogici della Provincia di Ravenna a.s. 2011-2012 I partecipanti,

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE COMPLETO DI ASOLA (MN) Via Raffaello Sanzio 4, Asola (MN) tel. 0376/710279 : fax 0376/720953 www.istitutocomprensivoasola.gov.it

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTI PON

RELAZIONE FINALE PROGETTI PON Unione Europea Fondo Sociale Europeo P.O.N Competenze per lo Sviluppo Con l Europa, investiamo nel vostro futuro Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA

ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE. ATTIVITA di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2015 / 2016 PROPOSTE FORMATIVE di AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA I tre ordini di scuola, in accordo fra loro per garantire una continuità dalla scuola dell Infanzia alla scuola Superiore

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Scuola Primaria e Secondaria di I Grado e Biennio Secondaria di II Grado D-5-FSE-2010-1

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO

MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO MPSI LAUREE MAGISTRALI in PSICOLOGIA REGOLAMENTO TIROCINIO CURRICULARE INTERNO A.A. 2015/2016 INDICE 1. Tirocinio curriculare MPSI... 3 1.1 Tirocinio curriculare esterno... 3 1.2 Tirocinio curriculare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro

Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro Fase 2 Analisi Strumenti di lavoro COMPETENZE ATTITUDINALE La mia storia di vita Nome.Cognome.. Data. LA MIA STORIA SCHEDA 2 Questa scheda ha l intento di farla riflettere sugli avvenimenti fondamentali

Dettagli

Con l occasione si porgono cordiali saluti.

Con l occasione si porgono cordiali saluti. Roma, 23 maggio 2007 Prot. n. 1517/2007 Al Ministro on. Fabio Mussi Al Sottosegretario on. Luciano Modica Ministero dell Università e Ricerca LORO SEDI OGGETTO: Consultazione telematica. Gentile Ministro,

Dettagli

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla

Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla Insegnare per sviluppare competenze: dal significato alla valutazione e alla certificazione della competenza Progetto di ricerca-formazione I nuovi Licei. Una guida a partire dalle pratiche USR Puglia

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO INCISA Azioni per l autovalutazione formativa MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA Definizione condivisa del concetto di standard Si tratta della individuazione di comportamenti

Dettagli

Visita il sito www.epc.it

Visita il sito www.epc.it Guarda tutti i titoli in collana Visita il sito www.epc.it seguono diapositive di esempio del corso selezionato Durante la proiezione di questa diapositiva il relatore si presenta ed effettua un rapido

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

SCHEDA DI ATTIVITÀ LICEO COPERNICO

SCHEDA DI ATTIVITÀ LICEO COPERNICO SCHEDA DI ATTIVITÀ LICEO COPERNICO Progetto / Attività Titolo PROGETTO INTERCULTURA 2011-2012 Coordinatore/ referente di Progetto Prof./Prof.ssa Saura Lascialfari Presentazione Il Progetto Intercultura

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione ALLEGATO 3 SCHEDA DI AUTOANALISI: SIAMO UNA SCUOLA INCLUSIVA? Contesto: CLASSE Azioni : DIDATTICA Esperienze/oggetti : STRATEGIE INTEGRANTI E RELAZIONI D AIUTO Quali attività/esperienze servono a favorire

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29 PROGETTO INSIEME E MEGLIO! SPORTELLO DSA E BES SCUOLA PRIMARIA SPORTELLO DI ASCOLTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Progetto Insieme è meglio! - Sportello DSA e BES Scuola primaria. Finalità generali

Dettagli

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013

MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLO IN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2012/2013 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58)

REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58) REGOLAMENTO PER I TIROCINI PER LA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (34) E DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN PSICOLOGIA (58) Art. 1 Definizione Il tirocinio è un periodo di formazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA MASTER I LIVELLOIN MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTOPER LE PROFESSIONI SANITARIE A.A. 2009/2010 1 MASTER I LIVELLO MANAGEMENT SANITARIO PER LE FUNZIONI

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete

Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione. Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Monitoraggio fasi finali del progetto e valutazione Elementi di caratterizzazione del progetto della rete Oggetto problema Osservazioni rispetto all autoanalisi Oggetto definito e area di riferimento Coerenza

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo Autismo a Bergamo 2001 2013 "Il punto di vista del mondo scolastico: come si è attrezzata la scuola negli ultimi dieci anni per dare risposte adeguate ai bisogni speciali degli alunni con autismo" intervento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!!

SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013. Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! SCUOLA DELL INFANZIA SORBANO DEL VESCOVO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Progetto annuale UNA FIABA.. A COLORI!!! Il tempo dell accoglienza Accogliere i bambini significa, in primo luogo, predisporre un ambiente

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Area Servizi Sociali Servizi Educativi

COMUNE DI NOVARA Area Servizi Sociali Servizi Educativi Progetto La ComuneArte Premesse L del Comune di Novara, con il decisivo contributo della Provincia di Novara, attraverso il Progetto La ComuneArte ha intenzione di proporre un percorso di formazione triennale

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di attività formative e/o professionali esterne al Corso di Laurea, ai fini del Tirocinio

Regolamento per il riconoscimento di attività formative e/o professionali esterne al Corso di Laurea, ai fini del Tirocinio Corso di Laurea triennale in Scienze dell educazione e della formazione (ord. 270 classe L-19) Corso di laurea magistrale interclasse in Scienze pedagogiche e dei servizi educativi (ord. 270 classe LM/50-

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA

ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA ATTIVITA DI ACCOGLIENZA E CONOSCENZA IN CLASSE I nomi e le presentazioni; Leggo un altra lingua: attività di lettura, da parte della classe, di parole in lingua madre dell alunno neoarrivato, dedotte dalle

Dettagli

QUESTIONARIO PER PSICOLOGI Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER PSICOLOGI Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata A1/13 IRRE BASILICATA e CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE DEGLI PSICOLOGI QUESTIONARIO PER PSICOLOGI Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof. ssa Maria Donata La Rocca L IRRE

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze

Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze Avviso per la presentazione di proposte formative rivolte al personale della rete dei Servizi alla prima infanzia del Comune di Firenze Il Servizio Servizi all infanzia del Comune di Firenze, si propone

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli