Regolamento Asilo Nido Comunale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento Asilo Nido Comunale"

Transcript

1 COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) SERVIZI SOCIO EDUCATIVI Regolamento Asilo Nido Comunale Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del

2 INDICE DEL REGOLAMENTO PREMESSA - Finalità e funzioni e denominazione dell Asilo Nido TITOLO I: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Articolo 1. Utenza Articolo 2. Ciclo di gestione Articolo 3. Modalità di accesso Articolo 4. Graduatoria delle ammissioni Articolo 5. Inserimenti Frequenza - Dimissioni Articolo 6. Disciplina delle assenze TITOLO II: COSTI DEL SERVIZIO Articolo 7. Modalità di calcolo della retta di frequenza Articolo 8. Riduzioni ed agevolazioni Articolo 9. Mancato pagamento delle fatture TITOLO III: COMUNI CONVENZIONATI Articolo 10. Norme generali Articolo 11. Modalità inserimento utenti Articolo 12. Modalità di calcolo della retta di frequenza TITOLO IV: GESTIONE E PARTECIPAZIONE Articolo 13. Personale dipendente Articolo 14. Organi Articolo 15. Comitato di Gestione Articolo 16. Funzioni Comitato di Gestione Articolo 17. Assemblea dei Genitori Articolo 18. Disciplina operazioni elettorali organi TITOLO V: NORME TRANSITORIE E FINALI Articolo 19. Vigilanza igienico-sanitaria Articolo 20. Rinvio alle convenzioni Articolo 21. Pubblicità del Regolamento Articolo 22. Entrata in vigore 2

3 PREMESSA Finalità, funzioni e denominazione dell Asilo Nido L asilo nido comunale è un servizio pubblico che integra la funzione educativa e assistenziale della famiglia e concorre, quale obiettivo principale del suo funzionamento, ad un equilibrato sviluppo psicofisico del bambino nel pieno rispetto dell identità individuale, culturale e religiosa. Il Comune, nell ambito delle funzioni istituzionali, si pone promotore di attività educative e sociali volte al sostegno del nucleo familiare, quale soggetto sociale politicamente rilevante, così come definito nella Legge Regionale 23/99. Il servizio fornito dal Comune di Carnago si propone di mettere a disposizione dei bambini un luogo di formazione, di cura e di socializzazione nella prospettiva del loro benessere, della promozione della loro autonomia e dello sviluppo delle potenzialità cognitive, affettive, psicomotorie e sociali, nonché nel rispetto dei loro ritmi individuali di crescita e di apprendimento. A tal fine, l asilo nido si articola in gruppi di bambini tenendo conto del loro sviluppo psico-motorio ed in modo tale da agevolare l interscambio tra i gruppi. L asilo nido comunale assume il nome di SCATOLONE BLU. TITOLO I: ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO Articolo 1. Utenza 1. L Asilo Nido comunale può ospitare fino ad un massimo di 45 bambini in età compresa tra zero e tre anni, suddivisi in gruppi in base allo sviluppo psico-motorio individuale. 2. L asilo nido è pubblico ed aperto a bambini senza distinzione di sesso, religione, etnia, cultura, lingua, condizioni personali e sociali. 3. Il servizio favorisce la frequenza e la piena integrazione dei bambini portatori di handicap. 4. Il limite reale di ricettività dell asilo nido è dato dal rapporto personale educativo bambini effettivamente frequentanti che di norma è determinato in un educatrice per ogni 5 bambini di età inferiore all anno e di un educatrice per ogni 8 bambini di età superiore ad un anno. 5. Nel rispetto del rapporto di cui sopra ed al fine di ottimizzare il livello di efficienza del servizio potranno essere concordate sessioni di inserimento straordinarie. Articolo 2. Ciclo di gestione 1. Il ciclo di gestione dell Asilo Nido di norma inizia il primo di settembre e termina il 31 luglio del successivo anno; i giorni esatti di inizio e termine verranno tempestivamente comunicati agli interessati, insieme alle date di chiusura per festività natalizie e pasquali, festa patronale di Carnago e tutti gli altri giorni considerati festivi agli effetti civili. 2. Durante il ciclo di gestione la struttura è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle ore Per i giorni in cui l asilo nido rimarrà chiuso, non è prevista alcuna riduzione di pagamento della quota base. Articolo 3. Modalità di accesso 1. Le domande di ammissione all asilo nido dovranno essere presentate direttamente presso l Ufficio (Protocollo/Servizi Socio Educativi) del comune di Carnago nei seguenti casi: - bambini residenti nel Comune; 3

4 - bambini non residenti nel Comune di Carnago e/o in comuni non convenzionati; - bambini figli di genitori che dimostrino la residenza lavorativa a Carnago. 2. I bambini residenti in Comuni convenzionati dovranno presentare la domanda di ammissione presso il Comune di residenza secondo le modalità di seguito riportate. 3. Le domande di ammissione, corredate da opportuna documentazione richiesta, dovranno essere presentate senza limiti temporali e saranno prese in considerazione in relazione ai periodi di inserimento di cui al successivo art.5 del presente regolamento. 4. Le riconferme delle presenze per i bambini già frequentanti dovranno essere presentate entro il giorno 30 di giugno di ogni anno. 5. Qualora le date indicate cadessero in un giorno di chiusura degli uffici comunali la scadenza verrà prorogata al 1 giorno lavorativo seguente. 5. La modulistica relativa alla domanda di ammissione potrà essere reperita presso la sede dell asilo nido o presso la sede comunale o scaricabile dal sito internet del comune di Carnago. Articolo 4. Graduatoria delle ammissioni 1. I criteri di ammissione sono formulati tenendo conto dell ordine cronologico di presentazione delle domande, nonché della priorità riconosciuta rispettivamente: - ai bambini residenti nel comune di Carnago; - ai bambini residenti in comuni convenzionati; - ai figli di genitori con residenza lavorativa nel comune di Carnago; - ai bambini residenti in altri comuni. 2. Le eventuali domande di iscrizione ai cicli successivi, per coloro che non sono in regola con i pagamenti verranno accolte soltanto se verrà dimostrato l avvenuto pagamento delle rette arretrate. 3. In caso di richieste superiori al numero di posti disponibili, ferma restando la priorità riconosciuta ai residenti di Carnago e dei comuni convenzionati, sarà formata, per ogni periodo di inserimento, una graduatoria che garantisca l accesso riguardo ai seguenti casi: - richieste di inserimento a tempo pieno - bambini portatori di handicap o in situazioni di grave disagio socio-psicologico del nucleo familiare (richiesta certificazione medica o relazione dei Servizi Sociali competenti) - bambini orfani di uno o entrambi i genitori - bambini appartenenti a nuclei familiari monoparentali - bambini appartenenti a nuclei familiari con un genitore portatore di handicap o con grave infermità con invalidità superiore al 66% - bambini appartenenti a nuclei familiari in precarie condizioni economiche - bambini figli di genitori entrambi lavoratori - bambini appartenenti al nucleo familiare più numeroso In caso di ulteriore parità si procederà ad assegnare il posto tramite sorteggio. 4. La graduatoria dei bambini ammessi sarà approvata dal comitato di gestione entro la fine del mese di giugno, e sarà tempestivamente comunicata agli interessati a cura del comune di Carnago. 5. I genitori dei bambini ammessi in graduatoria dovranno procedere al perfezionamento dell iscrizione tramite il versamento della relativa quota entro e non oltre il 20 luglio successivo. 6. Il mancato versamento della quota di iscrizione e la mancata produzione presso gli sportelli comunali della documentazione idonea comprovante il pagamento entro il suddetto termine, comporterà l esclusione dalla graduatoria, con subentro del successivo bambino avente diritto. 4

5 Articolo 5. Inserimenti Frequenza Dimissioni 1. Gli inserimenti di nuovi utenti dell asilo nido avviene nei periodi di settembre e gennaio, con possibilità di sessioni straordinarie per meritevoli esigenze di servizio o in caso di posti vacanti. 2. Il primo inserimento nella struttura avverrà con la presenza del genitore o di persona per lui/lei significativa, secondo i tempi e i modi concordati tra la famiglia e l asilo nido. 3. La rinuncia all inserimento, da effettuare per iscritto, comporta la cancellazione dalla graduatoria, e presuppone una nuova iscrizione per inserimenti in periodi successivi e futuri. 4. La frequenza può avvenire a tempo pieno o part-time con i seguenti orari: TEMPO PIENO: ingresso dei bambini dalle ore 7.30 alle ore 9.30 uscita dalle ore alle ore 18.00; PART-TIME MATTUTINO: ingresso dei bambini dalle ore 7.30 alle ore 9.30 uscita dalle ore alle ore 13.00; PART-TIME POMERIDIANO: ingresso dei bambini dalle ore alle ore uscita dalle ore alle ore All uscita i bambini saranno consegnati solo ai genitori o a persone da questi delegate per iscritto. 6. La cessazione della frequenza durante il ciclo di gestione dovrà essere comunicata per iscritto entro venti giorni dalla data dell evento; diversamente verrà posta in carico all utente anche la quota base relativa al mese successivo la dimissione. Le cessazioni per casi straordinari e non prevedibili saranno valutate singolarmente. 7. Casi eccezionali e non previsti dal presente regolamento inerenti gli inserimenti, le frequenze, le rinunce e le dimissioni saranno esaminati dal Responsabile del Settore Socio Educativo, dall assistente sociale sentito il parere del Presidente del Comitato di Gestione. Articolo 6. Disciplina delle assenze 1. L assenza del minore dall asilo nido dovrà essere comunicata dai genitori entro le ore 9.30 del giorno stesso e dovrà essere motivata e giustificata. 2. La riammissione del bambino nella struttura avverrà secondo le disposizioni della normativa vigente in materia. 3. E opportuno dare preavviso di qualsiasi assenza; l assenza non giustificata che si protragga oltre i 10 giorni lavorativi comporta la perdita del posto e la sostituzione con un altro minore in lista d attesa. TITOLO II: COSTI DEL SERVIZIO Articolo 7. Modalità di calcolo della retta di frequenza 1.La tabella per il calcolo della quota base, l ammontare della quota giornaliera, il corrispettivo di iscrizione al servizio e la quota a carico degli utenti non residenti e dei comuni convenzionati verrà deliberata annualmente in sede di approvazione delle tariffe e dei corrispettivi da parte della Giunta Comunale di Carnago. 2. Per il pagamento della retta verrà emessa fattura posticipata mensile, sulla quale sarà indicata la data di scadenza del pagamento. 3. Il comune si riserva in ogni momento la facoltà di procedere a controlli su quanto dichiarato dagli utenti, anche mediante la collaborazione con altri enti (intendenza di finanza, INPS, etc..). 4. Fatta salva la perseguibilità nelle opportune sedi di chiunque rilasci dichiarazioni mendaci, formi atti falsi o ne fa uso ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia, così come previsto dall art. 76 5

6 del D.P.R. 445/2000, sarà discrezione dell Amministrazione l applicazione a detti utenti della retta massima a partire dal mese successivo e comunque fino alla data di permanenza del minore presso l asilo nido. Articolo 8. Riduzioni ed agevolazioni 1. Eventuali riduzioni ed agevolazioni verranno deliberate annualmente in sede di approvazione delle tariffe e dei corrispettivi da parte della Giunta Comunale di Carnago. 2. Per comprovate situazioni di grave disagio sociale degli utenti residenti potranno essere valutate dall Amministrazione ulteriori riduzioni, su proposta dell Assistente Sociale o di altri enti competenti in materia (Tribunale dei Minori, Servizio di Tutela dei Minori, etc..). Articolo 9. Mancato Pagamento delle fatture Il mancato pagamento della fattura comporterà il recupero coattivo del credito e l applicazione degli interessi relativi; l insolvenza verrà valutata, con effetti preclusivi, ai fini dell inserimento in graduatoria dei bambini già frequentanti l Asilo Nido e dei fratelli e/o famigliari conviventi. TITOLO III: COMUNI CONVENZIONATI Articolo 10. Norme generali 1. Il Comune di Carnago può stipulare convenzioni con altri comuni per garantire la precedenza di inserimento dei minori ivi residenti rispetto a quelli residenti in comuni non convenzionati. 2. Le modalità di frequenza, la gestione delle assenze e le modalità per il versamento delle rette verranno regolamentate dalle specifiche convenzioni. Articolo 11. Modalità di inserimento utenti 1. I comuni convenzionati devono accogliere le domande di ammissione presentate dagli utenti ivi residenti, ai quali dovranno fornire le informazioni relative agli inserimenti, alla modalità di frequenza e alla disciplina delle assenze. 2. Le domande dovranno venir trasmesse al Comune di Carnago e verranno prese in considerazione in base ai periodi di inserimento rimandando a quanto previsto dall art. 4 del presente regolamento. Articolo 12. Modalità di calcolo retta di frequenza 1. La retta di frequenza per gli utenti residenti in comuni convenzionati verrà deliberata annualmente dalla Giunta Comunale. 2. L importo della retta verrà comunicata ai comuni convenzionati entro il di ogni anno. 6

7 TITOLO IV : GESTIONE E PARTECIPAZIONE Articolo 13. Personale dipendente 1. Il personale dell Asilo Nido è composto dalla Coordinatrice, dal Personale Educativo e dal personale ausiliario addetto al servizio; oltre a questi, nella gestione dell Asilo Nido interviene il personale dipendente assegnato ai servizi socio-educativi del Comune di Carnago. 2. Le attività del nido vengono programmate collegialmente da tutti gli operatori assegnati, al fine di realizzare i processi formativi e di cura del minore espressi in premessa. 3. Il personale è determinato numericamente in conformità alla vigente normativa in materia ed è disciplinato da specifico regolamento comunale di organizzazione del personale. 4. La Coordinatrice viene nominata dal Sindaco, sentito il Comitato di Gestione; allo stesso modo si procederà per la revoca della nomina; la Coordinatrice svolge le seguenti funzioni: - organizza il lavoro di gruppo insieme alle altri educatrici, collaborando con il Responsabile dell area Socio-Eduativa nella gestione del personale; - vigila sul buon andamento della refezione ed in generale sullo stato igienico sanitario dell Asilo Nido, comunicando al Responsabile dell Area Socio-Educativa ogni anomalia riscontrata; - cura la custodia delle attrezzature e del materiale in dotazione all Asilo Nido, nonché la custodia degli atti ufficiali; - al termine di ogni ciclo di gestione presenta al Comitato di Gestione una relazione sull andamento generale dell Asilo Nido; - attua ogni disposizione dell Amministrazione Comunale per il buon funzionamento dell Asilo Nido. 5. In caso di assenza della Coordinatrice, le funzioni vicarie verranno svolte dall educatrice designata dallo stesso personale educativo. Articolo 14. Organi L Amministrazione Comunale si avvale della collaborazione dei seguenti organi di gestione: - Comitato di Gestione - Assemblea dei genitori. Articolo 15. Comitato di Gestione 1. Il comitato di gestione è composto da: - tre consiglieri comunali del Comune di Carnago, designati dai capigruppo consiliari, di cui uno rappresentante la minoranza; - un rappresentante del personale educativo eletto al suo interno; - cinque rappresentanti dei genitori, indicati dall Assemblea dei Genitori; - la coordinatrice dell Asilo Nido; - il responsabile dell area Socio-Educativa del Comune di Carnago; - l assessore della stessa area; - i sindaci (o loro delegati) dei comuni convenzionati. 2. I consiglieri comunali, l assessore e i sindaci restano in carica fino al termine del proprio mandato nelle amministrazioni competenti e comunque in regime di proroga fino alla nomina dei subentranti. 3. I rappresentanti dei genitori restano in carica fino alla dimissione dei propri figli dall Asilo Nido. 7

8 4. Il rappresentante del personale resta in carica un biennio. 5. I componenti del comitato decadono qualora, senza giustificato motivo, non partecipino alle riunioni per tre volte consecutive; gli stessi vengono tempestivamente sostituiti. 6. Il Sindaco, preso atto dell avvenuta composizione del comitato di gestione, comunica tale atto ai comuni convenzionati. Il Responsabile dell area Socio-Educativa convoca la prima seduta, durante la quale verrà eletto il Presidente, a maggioranza assoluta dei voti dei componenti il comitato. L elezione deve avvenire a scrutinio segreto. 7. Le funzioni di segretario verranno svolte dalla coordinatrice nella prima seduta e in quelle successiva da un componente designato dal Presidente all inizio di ciascuna seduta. Il presidente dura in carica fino all elezione del successore; potrà decadere anticipatamente per i seguenti motivi: - scioglimento anticipato del Comitato di Gestione; - censura del Consiglio Comunale per gravi ed espliciti motivi; - sfiducia del Comitato di Gestione, espressa da almeno due terzi dei componenti con votazione a scrutinio segreto; - decesso od infermità tale da impedire il normale svolgimento delle funzioni; - dimissioni. 8. Il Comitato di Gestione viene convocato dal suo Presidente di norma ogni tre mesi e ogni qualvolta lo riterrà opportuno, in rapporto alle esigenze del servizio e della sua gestione; in deroga, per eventi straordinari, potrà venir convocato dal Responsabile dell area Socio-Educativa. 9. La convocazione avverrà mediante comunicazione scritta a cura dell amministrazione comunale di Carnago; detta comunicazione conterrà data, ora e luogo della seduta. 10. Il segretario di turno dovrà redigere il verbale di ciascuna seduta, il cui contenuto, al termine della riunione, verrà comunicato ai componenti il comitato presenti che provvederanno ad approvarlo; nei successivi cinque giorni il segretario che ha redatto il verbale provvederà a trasmetterne copia all Ufficio Segreteria del comune che dovrà tempestivamente trasmetterlo ai comuni convenzionati. 11. Gli originali dei verbali verranno custoditi a cura della Coordinatrice dell Asilo Nido, la quale provvederà ad affiggere una copia degli stessi nella bacheca posta all interno dell asilo, riservata alle comunicazioni degli organismi di gestione. 12. Ciascun componente può presentare proposte al Comitato di Gestione, chiedendo che le stesse vengano messe all ordine del giorno, prima della convocazione della seduta. 13. In ogni seduta, su iniziativa di un componente e a maggioranza assoluta dei presenti, il comitato può decidere la discussione immediata di un argomento non all ordine del giorno. Articolo 16. Funzioni Comitato di Gestione 1. Fermo restando la responsabilità ultima della gestione dell Asilo Nido in capo all Amministrazione Comunale, il Comitato di Gestione ha le seguenti funzioni: - in collaborazione con la Coordinatrice, le educatrici e l Assistente Sociale, concorre a elaborare gli indirizzi pedagogico-assistenziali ed organizzativi; - coordinandosi con il personale dell area Socio-Educativa, valuta le domande di ammissione, le richieste di frequenza a tempo determinato e forma la graduatoria degli ammessi, qualora le richieste eccedano i posti disponibili; - esprime parere in ordine alle variazioni del periodo di durata del ciclo di gestione o dell orario giornaliero di funzionamento dell Asilo Nido; - propone al Responsabile dell area Socio-Educativa nuove iniziative o modifiche di quelle esistenti; - promuove iniziative atte ad accrescere i rapporti tra l Asilo Nido e le famiglie; 8

9 - esamina osservazioni e suggerimenti riguardanti la gestione dell asilo. 2. Per lo svolgimento delle proprie funzioni, il Comitato di Gestione può avvalersi dell organizzazione amministrativa comunale. Articolo 17. Assemblea dei genitori 1. I genitori o gli esercenti la patria potestà dei bambini iscritti all Asilo Nido costituiscono l Assemblea dei Genitori. 2. L Assemblea è convocata dal Presidente del Comitato di Gestione almeno due volte all anno: all inizio ed al termine del ciclo di gestione;straordinariamente può essere convocata anche su richiesta di un terzo dei genitori o dei rappresentanti dei genitori nel Comitato di Gestione. 3. L Assemblea si considera validamente costituita se i componenti presenti rappresentano almeno un terzo delle famiglie degli alunni iscritti all asilo nido. 4. L Assemblea dei Genitori svolge le seguenti funzioni: - formula proposte per l elaborazione del programma educativo e indica eventuali carenze nella sua attuazione; - propone al Comitato di Gestione iniziative per un miglior andamento dell Asilo Nido. Articolo 18. Disciplina operazioni elettorali organi 1. Le elezioni dei rappresentanti dei genitori si svolgeranno presso l Asilo Nido in un giorno di frequenza dalle ore alle ore e dalle ore alle ore Il personale del Nido comunicherà entro lo stesso giorno il nominativo del proprio rappresentante; in caso di mancato accordo sul nome da segnalare si procederà alle elezioni con le stesse modalità previste per i genitori. 3. Alla convocazione dell assemblea per l elezione dei rappresentanti dei genitori provvederà la Coordinatrice mediante avvisi da affiggere all interno dell Asilo Nido almeno 10 giorni prime delle elezioni. 4. Ciascun genitore o titolare della patria potestà del bambino iscritto all Asilo Nido ha diritto all elettorato attivo e passivo. 5. Entro il lunedì antecedente il giorno delle elezioni qualsiasi genitore può presentare la propria candidatura presso l Asilo Nido; sulla base delle comunicazioni ricevute, la Coordinatrice provvederà alla formazione degli elenchi dei candidati in ordine alfabetico. 6. Gli elenchi saranno affissi entro il mercoledì antecedente il giorno delle elezioni nella bacheca riservata agli organi di gestione e nei luoghi dell Asilo Nido di maggior affluenza di pubblico. 7. Le schede elettorali saranno consegnate a cura del Responsabile dell Area Socio-Educativa il giorno precedente le elezioni; le stesse saranno distribuite, prima dell inizio delle votazioni, a cura della Coordinatrice a ciascun Presidente di seggio. 8. Agli elettori verrà consegnata una sola scheda; prima di votare ciascun elettore apporrà la propria firma sull elenco dei votanti precedentemente predisposto. 9. Il seggio elettorale sarà allestito presso l Asilo Nido; dovrà essere garantita la segretezza del voto. 10. Il seggio sarà composto da tre rappresentanti dei genitori non candidati di cui uno svolgerà funzioni di presidente. 11. Alla chiusura del seggio si procederà immediatamente alle operazioni di scrutinio. 12. La validità dei voti contenuti nella scheda deve essere ammessa ogni qualvolta se ne desume la volontà effettiva dell elettore. 13. Sono nulli i voti contenuti in schede: - non vidimate dal comune; 9

10 - che presentano scritture o segni tali da far ritenere, in modo inoppugnabile, che l elettore abbia voluto far conoscere il proprio voto. 14. Si intende eletto quale membro effettivo il candidato che ha riportato il maggior numero di voti e a parità di voti il maggiore di età. 15. Di tutte le operazioni elettorali verrà redatto un verbale a cura del Presidente di seggio e secondo il modello che verrà predisposto dell Ufficio dei Servizi Sociali. 16. I verbali e il materiale elettorale verranno consegnati alla Coordinatrice che provvederà al successivo deposito presso la Segreteria Comunale. 17. Gli atti saranno depositati per 15 giorni; al termine di tale periodo si provvederà ad archiviare i verbali mentre le schede verranno distrutte. 16. Chiunque entro il suddetto termine può proporre reclami al Sindaco che deciderà in merito entro tre giorni. 17. Alla sostituzione di eventuali membri dichiarati decaduti o dimissionari provvederà il Responsabile dell Area Socio-Educativa, tenuto conto dei risultati elettorali; i nuovi membri durano in carica per il tempo necessario al compimento del biennio di carica del membro surrogato. TITOLO V: NORME TRANSITORIE E FINALI Articolo 19. Vigilanza igienico-sanitaria La vigilanza igienico-sanitaria è di garantita dall ASL competente; la somministrazione dei farmaci è ammessa solo se effettuata direttamente dai genitori. Articolo 20. Rinvio alle convenzioni Per quanto non espressamente previsto dal presente regolamento e per la disciplina dei rapporti tra il Comune di Carnago e gli enti convenzionati si rimanda alle relative convenzioni. Articolo 21. Pubblicità del regolamento 1. Copia del presente regolamento resterà depositata presso l Asilo Nido; ugualmente ogni anno verrà depositata copia della Delibera consigliare nella quale vengono approvate la tabella per il calcolo della quota base, l ammontare della quota giornaliera, il corrispettivo di iscrizione al servizio e la quota a carico degli utenti non residenti e dei comuni convenzionati. 2. In base al diritto di accesso agli atti chiunque potrà chiedere di prendere visione o copia del Regolamento o della Delibera di approvazione delle tariffe presso l Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Carnago. Articolo 22. Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore il primo giorno del mese successivo a quello della sua pubblicazione all albo pretorio, abrogando contestualmente quello vigente fino a tale data. 2. Per quanto non contemplato nel presente Regolamento si rimanda alle leggi contenute nella normativa vigente regionale e nazionale. 10

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS

COMUNE DI RONZO-CHIENIS COMUNE DI RONZO-CHIENIS PROVINCIA DI TRENTO C.A.P.38060 Via Teatro 13/B info@comune.ronzo-chienis.tn.it PARTITA I.V.A. N. 00342900222 TEL. 0464/802915 FAX 0464/802045 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Città di Somma Lombardo REGOLAMENTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione CC n. 38 del 20 giugno 2008 Ultima modifica con deliberazione CC n. 52 del 26 luglio 2014 Ripubblicato all Albo

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO

CITTÀ DI VITTORIO VENETO CITTÀ DI VITTORIO VENETO Errore. Il segnalibro non è definito. VICTORIA NOBIS VITA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n 8 del 21.04.2010 - Entrato in vigore il

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali

REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007. Titolo I Principi Generali REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Modificato con delibera di G.M n. 100 in data 04.07.2007 Titolo I Principi Generali Il presente Regolamento stabilisce, nel rispetto delle normative nazionali e regionali

Dettagli

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO

ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO ACCETTAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DELL ASILO NIDO Premesso che copia integrale del regolamento comunale deli Asilo Nido è depositato presso l asilo nido e l ufficio servizi sociali ed è a disposizione

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008 COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Settore Sociale Servizi Sociali e Servizio Pubblica Istruzione Piazza S.Fedele n.1 24033 Calusco d Adda (Bg) Tel. 0354389051 Fax 0354389076 e-mail mina.mendola@comune.caluscodadda.bg.it

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari -

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - UFFICIO SERVIZI SOCIALI 1^ Ripartizione REGOLAMENTO CENTRO SOCIALE POLIVALENTE PER ANZIANI (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.67 del 14.12.2010) Regolamento generale Centro Sociale Polivalente

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LENDINARA PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 15 in data 31.03.2009 Esecutivo dal 19 aprile 2009 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi.

REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e via Cacciatori delle Alpi. FUNZIONAMENTO Art. 1 Principi generali del servizio. L Asilo Nido è un servizio di interesse pubblico rivolto

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE (Approvato dalla Direzione del 7 Ottobre 2013) PREMESSA Il

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

COMUNE DI ALBIGNASEGO

COMUNE DI ALBIGNASEGO COMUNE DI ALBIGNASEGO Provincia di Padova REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 61 DEL 30.07.2004 MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERA DI C.C. N. 36 DEL 18.06.2009 MODIFICATO

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE. R.S.A.-R.A. per anziani. San Romualdo GESTIONE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE. R.S.A.-R.A. per anziani. San Romualdo GESTIONE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE R.S.A.-R.A. per anziani San Romualdo GESTIONE REGOLAMENTO ORGANO DI RAPPRESENTANZA DEGLI OSPITI E DEI LORO FAMILIARI Sommario ART. 1 - COSTITUZIONE DEGLI ORGANISMI DI

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE ENTE NON COMMERCIALE SENZA FINI DI LUCRO DENOMINATA CIRCOLO DI CULTURA FOTOGRAFICA PHOTOLIFE Denominazione e scopi Art. 1 In data 10 agosto 2002 è costituito in Lucca,

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo

Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo Comune di CASIRATE D ADDA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E COMMISSIONE MENSA Approvato con deliberazione del C.C. n.43 del 28.11.2000 Modificato con deliberazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL DIRETTORE (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 15/9/2014) Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento detta le norme per

Dettagli

CITTA DI CONEGLIANO REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI. di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi

CITTA DI CONEGLIANO REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI. di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi CITTA DI CONEGLIANO (PROVINCIA DI TREVISO) REGOLAMENTO DI SERVIZIO DEGLI ASILI NIDO COMUNALI di Via Veneto e Via Cacciatori delle Alpi APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 70-440 DEL 19.09.2005

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

Comune di Cesano Maderno

Comune di Cesano Maderno Comune di Cesano Maderno Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CENTRI SOCIALI ANZIANI approvato con deliberazione del C.C. N. 82 dell 11.9.1997 modificato con deliberazione del C.C. N. 33

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO Mons. Capetti Don Bellino Approvato con atto C.C. n. 11 del 30.3.2006 1 INDICE Art. 1 - FINALITA Art. 2 RICETTIVITA

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova

REGOLAMENTO PER ASILI NIDO COMUNALI VALLE SERIANA Albino, Alzano Lombardo, Fiorano al Serio, Nembro, Leffe e Vertova ART 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Questo Regolamento è finalizzato alla realizzazione del processo di coordinamento e d integrazione dei servizi educativi pubblici, privati sociali e privati per l infanzia

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TORRE ANNUNZIATA REGOLAMENTO 1. COSTITUZIONE. In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - promuovere le politiche di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Città di Pomezia Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.72 DEL 30DICEMBRE2014 REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

STATUTO. Associazione Il Larice Club

STATUTO. Associazione Il Larice Club STATUTO Associazione Il Larice Club Art. 1 - L associazione non riconosciuta denominata Associazione IL LARICE CLUB con sede in Carezzate (VA), Via al Lago n.449, è retta dal seguente statuto. La denominazione

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE F.I.S.M. - VICENZA F.I.S.M. - VICENZA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE C.Fiscale 80025120249 P.Iva 01922310246 Viale Verona, 108 36100 Vicenza tel. 0444/291.360 fax 0444/291.448 e-mail segreteria@fismvicenza.it STATUTO

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ABILMENTE CON TUTTI PREMESSA L Associazione ABILMENTE CON TUTTI vuole essere una risposta alla situazione di profondo disagio in cui vengono a trovarsi le persone

Dettagli

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto)

Parte I. Votazione delle delibere dell Assemblea Paritetica (Art. 15 dello Statuto) REGOLAMENTO ELETTORALE PER LE VOTAZIONI DELLE DELIBERE DELL ASSEMBLEA PARITETICA, PER LE ELEZIONI, LA NOMINA E LA REVOCA DEI COMPONENTI L ASSEMBLEA DEI DELEGATI, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ED IL COLLEGIO

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Consulta per lo sport e le attività ricreative e del tempo libero. Statuto

CITTÀ DI FOLIGNO. Consulta per lo sport e le attività ricreative e del tempo libero. Statuto CITTÀ DI FOLIGNO Consulta per lo sport e le attività ricreative e del tempo libero. Approvato con D.C.C. n. 150 del 30/10/2001 Modificato con D.C.C. n. 160 del 16/11/2004 con D.C.C. n. 120 del 22/12/2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI BRENTONICO P R O V I N C I A D I T R E N T O REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE **** Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 18 dd. 31/03/2009 Modificato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012)

STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012) STATUTO Piccola Famiglia onlus (versione definitiva 18 gennaio 2012) Art. 1 E costituita una associazione denominata La Piccola Famiglia Organizzazione non lucrativa di Utilità Sociale la cui denominazione

Dettagli

(Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015)

(Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015) ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DEL MACHIAVELLI STATUTO SOCIALE (Approvato con atto del 12 ottobre 2001 e modificato dall Assemblea dei soci in data 1 ottobre 2010 e 14 dicembre 2015) Articolo 1. Finalità

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI GARLASCO PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione di C.C. n 30 del 30.05.2007 Articolo 1 - OBIETTIVI E CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO Articolo 2 - CAPIENZA

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione. scolastica Scuola Elementare E.Fermi COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di refezione scolastica Scuola Elementare E.Fermi Approvato con deliberazione di C.C. n. 44 del 20.12.2005 e modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Regolamento approvato delibera di Consiglio Comunale n. 25 del 30.06.2008 e modificato con delibera di C.C. n. 12 del 9.03.2010, delibera di C.C. n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 29.02.2012) Art. 1 Finalità del servizio L asilo nido è un servizio di interesse

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA.

STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA. STATUTO DEL CIRCOLO RICREATIVO TRA GLI ISCRITTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DI ROMA E PROVINCIA. DENOMINATO ALOA Associazione Ludica Ordine Architetti Costituzione

Dettagli

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE COMUNE DI CIMONE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO CIMONE E DEFINIZIONE DELLE GRADUATORIE (approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.38 dd. 10.06.2015) 1. SEDE La gestione del servizio

Dettagli

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE. 2. L attività dell Associazione

Dettagli

Art. 5 Il patrimonio del Club deve essere destinato esclusivamente alle finalità per le quali il Club è stato costituito.

Art. 5 Il patrimonio del Club deve essere destinato esclusivamente alle finalità per le quali il Club è stato costituito. CLUB MAGICO BARTOLOMEO BOSCO DI TORINO STATUTO Art. 1 E costituita un associazione prettamente apolitica denominata: Club Magico Bartolomeo Bosco di Torino» con Sede Legale in Torino, Via Borgomanero n

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Città di Somma Lombardo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 63 del 15 ottobre 2007 ) P.zza Vittorio

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE. (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007)

STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE. (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007) STATUTO GENOA CLUB DIPENDENTI GRUPPO BANCA CARIGE (Modificato dall Assemblea Straordinaria in seduta del 13.6.2007) Art. 1 Su iniziativa di alcuni dipendenti della Cassa Di Risparmio di Genova e Imperia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Comune di Povegliano Veronese Piazza IV Novembre, 3 - CAP 37064 - Codice Fiscale e Partita IVA 00658760236 Settore Servizi alla Popolazione Servizio Sociale tel. 045/6334126 fax 045/6334119 e-mail: sociale@comune.poveglianoveronese.vr.it

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNALE GESTIONE GESTIONE RERASILO ASILO - NIDO - NIDO TEL. ASILO NIDO: O434/81310 COORDINATRICE: CENTIS FRANCA (REGOLAMENTO APPROVATO

Dettagli

Regolamento Iscrizioni a. s. 2015 / 2016 (Delibera C.I. del 07/01/2015) Scuola dell Infanzia. Classi prime scuola Primaria

Regolamento Iscrizioni a. s. 2015 / 2016 (Delibera C.I. del 07/01/2015) Scuola dell Infanzia. Classi prime scuola Primaria Regolamento Iscrizioni a. s. 2015 / 2016 (Delibera C.I. del 07/01/2015) Scuola dell Infanzia Classi prime scuola Primaria Classi prime scuola Secondaria di I Grado Istituto Comprensivo G. Montelucci Via

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

U.D.A.I. REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA UNIONE DEGLI AVVOCATI D ITALIA SEZIONE DISTRETTUALE DI BARI

U.D.A.I. REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA UNIONE DEGLI AVVOCATI D ITALIA SEZIONE DISTRETTUALE DI BARI REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA SEZIONE DISTRETTUALE DI BARI Art. 1- Indizione delle elezioni. Il Presidente dell Associazione, su delibera del consiglio direttivo distrettuale, indice le elezioni per il

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione)

ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione) ASSOCIAZIONE GENITORI SI DIVENTA - ONLUS Regolamento del Collegio dei Probiviri (art. 19 Statuto dell Associazione) Art. 1 Composizione, elezione e durata in carica del Collegio Il Collegio dei Probiviri

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi

COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi COMUNE DI TORCHIAROLO Provincia di Brindisi Via C. Colombo n. 1 72020 Tel. 0831/622085 Fax 0831/620672 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSOCIAZIONISMO LOCALE Approvato con deliberazione di CC n. 46 del 04/12/2012

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNITARIO E AZIENDALE DELLA COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNITARIO E AZIENDALE DELLA COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNITARIO E AZIENDALE DELLA COMUNITA MONTANA VALLI DEL VERBANO Approvato con deliberazione Assembleare n. 36 del 26/9/2011 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI...3

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI ALL. A) PROVINCIA DELL OGLIASTRA ASSESSORATO Lavoro Politiche Giovanili e Femminili e Formazione Professionale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

Dettagli

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE

N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE N. 57 REGOLAMENTO ASILO NIDO COMUNALE Art.1 Istituzione E funzionante nel Comune di Trezzo sull Adda il Servizio di Asilo Nido per i bambini dai tre mesi fino a tre anni, quale primo servizio educativo

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Regolamento per il servizio di refezione scolastica

Regolamento per il servizio di refezione scolastica Regolamento per il servizio di refezione scolastica Approvato con deliberazione di C.C. n. 24 del 26.06.2003 Modificato con deliberazione di C.C. n. 10 del 16.03.2004-1 - Indice pag. ART. 1 - FINALITA...3

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte

Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte Sede legale: via Bertoni, 224 Faenza (RA) C.F.: 90033970394 P.I.: 02527530394 www.fattidarteassociazione.it info@fattidarteassociazione.it Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte Sede, costituzione,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

Regolamento. di gestione. dell asilo nido comunale

Regolamento. di gestione. dell asilo nido comunale Regolamento di gestione dell asilo nido comunale 1 ART. 1 FINALITÀ L asilo nido è un servizio educativo di interesse pubblico che favorisce l armonico sviluppo psico-fisico e sociale del bambino nei primi

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)

REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) REGOLAMENTO del Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR) Premessa I Consigli Comunali dei ragazzi (CCR) sono una realtà in diversi Paesi Europei. Queste forme di rappresentanza dei giovani si stanno diffondendo

Dettagli