Capitolato speciale descrittivo e prestazionale del progetto preliminare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato speciale descrittivo e prestazionale del progetto preliminare"

Transcript

1 Capitolato speciale descrittivo e prestazionale del progetto preliminare Premessa L amministrazione Comunale intende procedere al completamento dell area Campus sportivo Beata Giuliana attraverso la realizzazione dei seguenti interventi: - Completamento del palazzo del ghiaccio; - Costruzione di due campi da tennis/calcetto coperti; - Costruzione di un impianto per il calcio a 7 giocatori; - Costruzione delle aree a parcheggio. Lo stato attuale Le opere ad oggi realizzate sull area del Campus sportivo Beata Giuliana sono una parte delle opere previste dall originario progetto redatto dal Settore Edilizia e Servizi Scolastici della Provincia di Varese. Tra di esse emerge la struttura del Palazzo del ghiaccio e sono riconoscibili la pavimentazione del fontanile ad esso adiacente; mentre le cordolature a delimitazione dei piazzali e dei vialetti interni sono oggi quasi completamente soffocati dalla vegetazione. Lo stato di consistenza delle opere realizzate è comunque documentato dal verbale Stato di consistenza dei lavori eseguiti redatto in contraddittorio dal Settore Edilizia e Servizi Scolastici della Provincia di Varese e dall impresa appaltatrice; si rimanda pertanto alla lettura di tale documento, che comprende anche una esaustiva documentazione fotografica relativa alle parti interne ed alle reti di sottoservizi realizzate, per una più puntuale informazione sulle opere effettivamente eseguite. A parziale completamento dei lavori e per salvaguardare le grandi travi in legno posate a sostegno della copertura del palazzo del ghiaccio, è stato posto in opera il manto di copertura realizzato mediante la posa di elementi in lamiera grecata con interposto materiale isolante. 1

2 Occorre considerare che la posa della copertura è stata eseguita concordemente alle previsioni del progetto esecutivo originario che prevedeva la realizzazione di una struttura ospitante il palaghiaccio, coperta ma aperta sui quattro lati. Pertanto non vi era alcuna esigenza di prevedere sistemi impiantistici che garantissero il ricambio ed il trattamento dell aria ambiente destinata al gioco ed al pubblico, né vi era necessità di prevedere una resistenza termica dello strato di copertura tale da raggiungere performance funzionali ad un obiettivo di contenimento dei consumi energetici. Sotto il profilo impiantistico, nessun impianto tra quelli previsti dal progetto originario è stato realizzato: sono presenti esclusivamente alcuni passaggi nelle solette e nelle murature per consentire il passaggio delle canalizzazioni orizzontali e verticali previste nei locali tecnici e negli spogliatoi. Come si rileva dal citato verbale sullo stato di consistenza delle opere realizzate, è stata posata la linea di scarico delle acque meteoriche del palazzo del ghiaccio, con recapito in pozzi perdenti, ed alla quale sono stati successivamente allacciati i pluviali di scarico della copertura. Il citato verbale fornisce indicazione circa ulteriori sottoservizi posati. 2

3 Il Progetto Criteri progettuali La necessità di inserire nell area le nuove funzioni richieste dall Amministrazione Comunale, ha indotto ad un approfondimento dei temi urbanistici del progetto, in particolare legandoli alla morfologia urbana la cui trama rimanda direttamente alla centuriazione di epoca romana come già rilevato nel capitolo impostazione metodologica e concettuale della Relazione descrittiva del progetto originario del Settore Edilizia e Servizi Scolastici della Provincia di Varese. Il progetto propone quindi una impostazione morfologica connotata da percorsi pubblici e semi pubblici disposti perpendicolarmente tra loro ed orientati come gli assi cartesiani, che distribuiscono le diverse funzioni sportive previste. Tale impostazione morfologica risponde pienamente ai dettami normativi CONI circa la giacitura dei campi sportivi: l impianto del rugby viene introdotto, secondo l asse nord sud e viene posto di fronte alla struttura del palaghiaccio. Analogo orientamento è previsto anche per i campi da tennis e per il campo da calcio a 7. I percorsi interni al comparto e che distribuiscono le varie funzioni, materializzano gli assi cardo e decumano che l orinaria impostazione progettuale indicava come gli assi generatori del tessuto urbano limitrofo ed ancora oggi in parte ben visibili nel tessuto urbano più prossimo all area oggetto di intervento. Il sistema degli accessi viene ridefinito anche attraverso una completa rilettura degli spazi di accesso del pubblico al palaghiaccio, all interno del quale verrà a trovarsi un area destinata all accoglienza degli utenti di tutto il nuovo comparto sportivo. L immagine architettonica del palaghiaccio viene completamente rivista definendo un organismo edilizio compatto ma in grado di meglio inserirsi nel contesto ambientale e paesaggistico, fornendo al contempo una valida soluzione progettuale relativamente alla chiusura di tutti i quattro fronti che attualmente sono aperti. Il segno architettonico utilizzato per le ridefinizione dei prospetti ha il primario obiettivo di attenuare l impatto del palazzo del ghiaccio nel paesaggio rendendo più morbida e fluida la percezione di un oggetto edilizio che oggi pare fuori scala e non è in grado di essere percepito come un volume ma piuttosto come un insieme di parti legate tra loro unicamente da una funzione statica. Lungo il lato nord dell edificio e staccato da esso di m 1,50 rispetto al filo esterno dei pilastri esistenti, è proposta una quinta da realizzare in pannelli metallici di lamiera di alluminio preverniciati che consentono la formazione di un nuovo spazio aperto destinato alla installazione delle macchine per il trattamento dell aria che, per dimensione, non saranno più collocabili all interno degli spazi previsti dal progetto originario e ricavati sotto le tribune. Tali spazi ospiteranno gruppi pompe e quadri elettrici di servizio a dette nuove installazioni impiantistiche. 3

4 Tutte le funzioni sportive di seguito descritte sono distribuite da precorsi interni che, come nel caso della zona prevista per il terzo tempo e localizzata di fronte al bar del palaghiaccio, possono essere utilizzati come spazi di aggregazione e incontro. Necessità funzionali, specifiche prestazionali Sotto il profilo strettamente funzionale il progetto prevede: a) completamento della struttura del palaghiaccio. - Ridefinizione compositiva, architettonica e funzionale degli spazi destinati all accesso del pubblico. Tale obiettivo si raggiunge attraverso il ridisegno dell accesso al palaghiaccio: un nuovo e ampio portale di ingresso avrà la funzione di sottolineare sotto il profilo percettivo e compositivo la posizione dell ingresso alla struttura introducendo il visitatore e l utente in uno spazio ampio all interno del quale troverà la reception (per il controllo di tutti gli accessi e con funzione di biglietteria ove richiesta), il sistema di salita verticale al piano superiore, il sistema di accesso alla pista del ghiaccio e l area di noleggio attrezzatura. La reception controllerà direttamente la possibilità di accesso a tutte le nuove funzioni sportive e che avverrà da apposito varco protetto situato proprio lungo il percorso principale. - Possibilità di ampliamento della zona tribuna. Tale obiettivo, se ritenuto consono a più generali necessità gestionali, potrà essere raggiunto attraverso il prolungamento sino ai pilastri portanti della copertura, delle gradinate attualmente realizzate. Questo intervento incrementa i posti a sedere fruibili dal potenziale pubblico che potrebbe assistere alle manifestazioni sul piano del ghiaccio. - Chiusura delle pareti e conseguente ridefinizione complessiva dell immagine architettonica della struttura e degli impianti di trattamento aria. La chiusura delle pareti e la ridefinizione del sistema di copertura rispondono ad una duplice esigenza: architettonica (di cui abbiamo sommariamente trattato) e funzionale / gestionale. Rispetto a quest ultima occorre rilevare come il mantenimento di una pista per il ghiaccio in uno spazio coperto ma aperto situato in una zona completamente pianeggiante di una località come Busto Arsizio, pone alcune problematiche di gestione delle temperature e quindi di mantenimento del ghiaccio soprattutto nei periodi autunnali e primaverili. I sopralluoghi effettuati nei primi giorni dell attuale stagione invernale, hanno consentito, tra l altro, di verificare quanto profonda sia la penetrazione dei raggi solari all interno della struttura esistente. Ciò rileva negativamente per le temperature a livello dello strato di ghiaccio costringendo l impianto di refrigeramento ad un lavoro energeticamente assai dispendioso, cui si aggiungerebbe un significativo costante impegno per la cura della superficie del ghiaccio. Inoltre le ampie aperture nei fronti ovest ed est espongono la stessa pista del ghiaccio, data la sua prossimità soprattutto alla parete est, alla negativa incidenza delle intemperie (piogge) eventualmente sospinte dal vento. La chiusura delle facciate è ottenuta sui fronti nord e sud sia facendo risvoltare verso il basso la copertura, sia tramite la realizzazione di una parete serramento a doppia pelle realizzata con lastre di policarbonato maschiate spess. 40 mm colore bianco trasparente posate su struttura di sostegno in acciaio zincato e listellatura in legno di cedro all esterno posata a disegno. All interno della parete a doppia pelle sono ricavate tutte le aperture per le uscite di sicurezza costituite da portoni a due ante dotati di maniglioni antipanico. Al fine di garantire un adeguato sfruttamento dell impianto, è quindi necessario provvedere alla chiusura del palazzo del ghiaccio rivoluzionando il concetto impiantistico ed introducendo un sistema di ventilazione meccanica e trattamento aria con controllo dell umidità e con recupero del calore in modo da garantire un clima adatto allo svolgersi delle manifestazioni sportive ed alla loro osservazione. L immissione e l estrazione dell aria avverrà tramite canalizzazioni a vista sospese alla copertura; le macchine saranno disposte in parte all interno degli spazi esistenti e già ricavati al di sotto delle tribune, in parte al loro esterno nell area che si è ricavata attraverso la proposizione della una quinta che contribuisce a ridisegnare il fronte nord. 4

5 Sotto il profilo energetico la struttura dovrà rispondere ai requisiti dettati dalla DGR 8745 del 22/12/2008 avendo cura, per quanto possibile, di introdurre nuovi elementi strutturali (pareti e ricoprimento copertura) che possiedano una elevata resistenza termica. Quanto alla nuova copertura, il progetto prevede l incremento dello strato isolante mediante la posa di lana minerale con spessore di 10 cm e posa di un nuovo manto di copertura metallica in lega di alluminio colore naturale a giunti drenanti per tetti a lieve pendenza, posata in continuo, pedonabile e predisposta per l installazione di pannelli fotovoltaici, profilate in cantiere per consentire la continuità dell elemento copertura/facciata. Infatti la copertura avvolge parzialmente il fronte sud ed il fronte nord dell edificio contribuendo a ridefinire la percezione del palazzo del ghiaccio. La connessione tra due lastre adiacenti sarà conformata in modo da includere un canale di drenaggio per eliminare qualsiasi rischio di infiltrazioni di acqua nell'edificio sottostante. Sulla copertura saranno posati, integrati nel sistema di copertura, dispositivi anti caduta. b) costruzione di un nuovo campo da calcio a 7. - Formazione di campo in erba sintetica avente su un area di dimensioni 45 x 70 m (compresa di area di rispetto laterale e retrostante le porte). Il campo avrà manto in erba artificiale con intaso prestazionale organico composto da filati a struttura monofilo monoestruso, composto da fili verdi dritti in due diverse tonalità di colore, anti-abrasivi con speciale trattamento anti-uv, tessuti su supporto drenante in polipropilene rivestito in poliuretano bicomponente compatto esente da SBR. La segnaletica sarà eseguita con strisce intarsiate del medesimo prodotto di larghezza variabile nel colore bianco. Sistema di incollaggio con collante bicomponente a base poliuretanica e idonea banda di giunzione in polietilene di larghezza 30 cm. Intaso di stabilizzazione costituito da sabbia tipo quarzifero naturale a spigolo arrotondato con funzione di stabilizzazione nella quantità di kg/m² Intaso prestazionale composto da particelle di materiale organico di origine vegetale al 100%, naturale, derivante dalla sfibratura di parti di piante arboree, completamente esente da materiali estranei e da parti gommose o elastomeriche. Il prodotto deve essere imputrescibile ed avere proprietà antimuffa, elevata resistenza all'invecchiamento, assenza di emissione di odori sgradevoli anche alle alte temperature in conformità al test di concentrazione dell'odore a norma EN 13725:2004, con un valore = a 35 Cod. Caratteristiche ignifughe con conseguente assenza di fumi nocivi in caso di incendio con rispondenza ai requisiti IMO Res. MSC 61(67) Annex 1-Part 2 di tossicità ai gas e infiammabilità. Non contiene ammine aromatiche, metalli pesanti in conformità alla norma EN71-parte Quantità pari a kg/m² Per campi a drenaggio verticale: manto erboso con fibre di altezza mm Formazione di tribune con struttura in carpenteria metallica senza copertura. Tribuna prefabbricata metallica su gradoni con scocche in pvc e alzata da cm 40/50. La struttura è composta da più telai gradonati (capriate) che, con i relativi supporti, formano le sezioni trasversali poste ad interasse di m 1,80 collegate tra loro longitudinalmente dalle strutture verticali, dai piani di calpestio e dai fermpiedi. - Impianto di irrigazione Programmatore con modulo base da 4 stazioni, espandibile fino a 24 stazioni con moduli da 4 a 8 settori - 16 partenze totali - Tempi di lavoro per stazione da 1 sec. a 8 ore - Monitoraggio fino a 3 sensori di flusso - Programmazione a giorni pari o dispari - Preimpostazione dei dati di fabbisogno idrico di tutti i 12 mesi - Funzione "riempimento cisterna" fino a 60 minuti - Sensore pioggia abbinabile al singolo programma, versioni per montaggio esterno con trasformatore 230/24V incorporato: programmatore completo di moduli a 4 settori. Sensore di pioggia base collegabile a tutti i programmatori attraverso il cavo in dotazione, resistente ai raggi UVA. Sensibilità: regolabile da 3 a 20 mm di pioggia. Disco igroscopico senza necessità di manutenzione. Sensore con cavo premontato. Contatore di flusso per acqua in PVC con diametri da ½" a 4" adatto per misure da 5 l/m a 1900 l/m per proteggere gli impianti da rotture o perdite dei tubi: da 1" 1/2 filettato per acqua a turbina. Elettrovalvole in nylon rinforzato in fibra di vetro. Attacco: 1" - 1-1/2" - 2" - 3" F/F Pressione: 0,7-15 bar - montaggio in linea/angolo. Serie di valvole che lavorano con una pressione 5

6 massima di 15 bar. Possibilità di utilizzare il regolatore di pressione in uscita, montabile anche su valvola già installata e controllare la pressione regolata tramite apposita valvola Schrader. Resistenza al cedimento: 52 bar - dispositivo per apertura manuale. Comando Elettrico 24V 50Hz. Qmax = Portata massima (LPM = litri per minuto): Qmax=265 LPM - Attacco: 1 1/2" F/F - Pressione: 0,7-15 bar. 1"1/2 F/F con regolatore 114/265 l/min. Irrigatore dinamico lunga gittata: da 16,2 a 30 m. Portata: LPM; Attacco: 1" F. Irrigatori con regolazione semplificata dell'angolo di rotazione da 0 a 360 con rotazione monodirezionale se regolato a 360. Sistema di regolazione dell'angolo di gittata da 5 a 25. Possibilità di montare l'ugello posteriore, dispositivo di regolazione a scatti dell'intero angolo di lavoro senza dover intervenire sul corpo dell'irrigatore. Rivestimento protettivo per interramento sotto il livello del piano di calpestio: pop up 83 mm con set di 9 ugelli 1"F. - Spogliatoio, funzionale anche alle altre strutture sportive di nuova formazione, comprendente: Due spogliatoi utilizzabili per il tennis/calcetto e per il calcio a 7; Locale per il primo soccorso; Ufficio; Deposito; Locale tecnico; Spogliatoio addetti manutenzione Il fabbricato avrà struttura portante costituita da pilastri e travi in c.a. gettato in opera, opportunamente dimensionate secondo le normative vigenti; solaio contro terra costituito da casseri prefabbricati in materia plastica altezza cm 50 posati su sottofondo in calcestruzzo magro per sottofondazioni e sovrastante getto in calcestruzzo leggermente armato. Edificio prefabbricato in legno a telaio, copertura a vista costituita da travi in legno lamellare GL28 e travetti in legno C24, pannelli sandwich in lamiera grecata di alluminio con interposto isolante in poliuretano spess. complessivo cm 15, trasmittanza pacchetto < 0,24 W/mqK. Pareti perimetrali in legno a telaio con interposto isolante spess. cm 18 e rivestimento sul paramento esterno con sistema a cappotto in EPS spess. cm 6, finitura con rasante colorato in pasta; trasmittanza del pacchetto < 0,24. Preti divisorie interne in lastre di gessofibra spess cm 1,2 montate su strutture ad U in ferro zincato, complete di verniciatura in materiale lavabile e rivestimento in piastrelle nelle zone doccia e sanitari. Impianto elettrico eseguito le vigneti normative di settore; impianto termico dipendente da caldaia a gas metano termosifoni; produzione di acqua calda sanitaria da caldaia e sistema di accumulo di acqua calda pari a 1500 litri. Serramenti in pvc con vetrocamera aventi trasmittanza Uw < 1,4 W/mqK; porte di accesso in pvc con senso di apertura verso l esterno trasmittanza Uw < 1,4 W/mqK. c) campi da tennis/calcetto coperti aventi dimensione m 20 x 40 ciascuno. - Formazione da tennis/calcetto con anto in erba artificiale per campo a drenaggio verticale e orizzontale in teli di larghezza non inferiore a m 3,50 composto da fibre dritte in polipropilene di lunghezza mm 12 dotate di una fibrillazione controllata, anti-abrasive con speciale trattamento anti-uv, tessute su supporto rinforzato drenante in polipropilene/feltro rivestito in lattice di gomma imputrescibile. La segnaletica sarà eseguita con strisce intarsiate del medesimo prodotto di larghezza variabile e disponibile nel colore bianco o giallo. Il manto deve essere prodotto in accordo alla norma UNI EN ISO 9001:2008. Sistema di incollaggio con collante bicomponente a base poliuretanica e idonea banda di giunzione in polietilene di larghezza 30 cm. Intaso di stabilizzazione realizzato con un primo strato di sabbia a componente silicea, di granulometria controllata, lavata ed essiccata, arrotondata e priva di spigoli e da un secondo strato di finitura realizzato con sabbia ceramizzata rossa atta a garantire un comportamento prestazionale sovrapponibile alla terra rossa in quantità pari a kg/m² 18,00. - Copertura campi da tennis/calcetto. Involucro pressostatico costituito membrana a doppia curvatura confezionata in tessuto di poliestere bispalmato in PVC traslucido ignifugo in accordo alle normative vigenti, resistenza alle temperature -30 / +70 C, resistenza alla fiamma secondo norma DIN EN Classe B-s1,d0. A seconda delle tipologie e dimensioni dell'edificio la membrana 6

7 sarà di: TIPO 1 - Peso g/m² 720/750, res. a traz. Da N/5 cm 270/300, res. a lacerazione da N 25/30; TIPO M - Peso g/m² 500, res. a traz. da N/5 cm 225, res. a lacerazione da N Compresi tunnel d'ingresso alla copertura dotati di n. 2 porte finestrate a doppia anta, munite di maniglione e chiavistello di chiusura. Negli impianti natatori sono comprese strutture in acciaio zincato per sostegno di sicurezza della copertura in caso di afflosciamento e l'incremento della spalmatura di PVC sui tessuti interni delle membrane. Il collegamento con la copertura avviene per mezzo di apposito soffietto predisposto sulla copertura. Impianto completo di segnalazione luminosa "USCITA DI SICUREZZA" con indicazione delle vie di fuga, autoalimentata, ad intervento automatico in caso di mancanza di corrente, costituito da lampade da 18 W - grado di protezione IP65 - autonomia 3 h - funzionamento non permanente - doppio isolamento. Incluso ancoraggio dell'involucro al suolo. Esclusa soletta di base in c.a. Involucro valutato per m³ di edificio. Membrana doppia (TIPO 1 esterno - TIPO M interno). - Impianto di illuminazione. Impianto di illuminazione costituito da proiettori a ioduri metallici, con lampade da 400 Watt composto da: proiettori costruiti nel rispetto delle norme IEC598 apparecchi di classe 1; corpo e coperchio posteriore in pressofusione di lega di alluminio con verniciatura con polveri poliuretaniche previo trattamento anticorrosivo; staffa in acciaio zincato per fissaggio alle strutture, con dispositivo goniometrico di regolazione dell'inclinazione; riflettore in alluminio puro trattato con procedimento di brillantatura elettrolitica e anodizzazione; rifrattore in cristallo temperato; lampade a vapori di alogenuri con elevata efficienza luminosa; completo di collegamenti elettrici con cavi autoestinguenti ed interruttore automatico di comando a norme CEI su idoneo quadro elettrico compreso. - Impianto di riscaldamento. Generatore d'aria con bruciatore a metano costituito da: telaio in profilato di acciaio zincato verniciato con doppio strato di vernice epossidica; pannelli a doppia parete in acciaio zincato con parte a vista in preverniciato (fondo "primer" più verniciatura a forno), isolante interno termoacustico - Classe 1 - spessore mm 25; griglie di aspirazione con alette di alluminio e rete di protezione; camera di combustione costruita in acciaio inox Aisi spessore mm 2; scambiatore di calore composto da due collettori di raccolta ispezionabili dall'esterno; fascio tubiero in acciaio inox Aisi 430 e deflettori dinamici interni - rendimento termico e potenza nominale come da DPR 412/93 all. E.; gruppo ventilazione con basamento in acciaio zincato a supporto del ventilatore centrifugo mosso da motore elettrico IP 65 classe F 4 poli - puleggia di trasmissione in ghisa - cinghie trapezoidali dentate; quadro elettrico costituito da una cassetta esterna in IP 65 - completa di tutti gli organi di supervisione e controllo a norme UNI - CEI; sicurezza garantita da un termostato di sicurezza a bulbo "limit" tarato a 70 C e termostato di regime temperatura tarato a 40 C; canna fumaria in acciaio inox lucido Aisi 304 a doppia parete con isolante termico completo di tee di raccolta condensa e residui di combustibile (per i modelli superiori a Kcal/h è previsto un portello antiscoppio e la stazione di prelievo fumi con pirometro); kit regolazione temperatura composto da termostato elettronico sistemato sopra il quadro elettrico in cassetta stagna. Dotato di capillare collocato nel condotto di aspirazione dell'aria; serranda tagliafuoco REI 120 con certificato di prova, con fusibile tarato a 72 C ed interruttore fine corsa di sgancio tensione, cablato nel quadro elettrico; sacca con manica di mandata e manica di ripresa aria; bruciatore a gas metano monostadio e/o bistadio con rampa gas standard per media pressione 30/360 mbar; La macchina è realizzata così come previsto dal DM del : potenza 168 kw. e) parcheggi e viabilità interna: - Completamento e nuova formazione di spazi a parcheggio sia nelle aree adiacenti la viabilità comunale, sia nelle aree interne al comparto sportivo. Formazione di camminamenti e passaggi comprensivi di: - scavo di scotico dello strato superficiale con macchina di precisione fino a una profondità media di 20/25 cm; - livellamento meccanico e rullatura del piano di cassonetto; - fornitura e posa in opera di geogriglia tessuta con polipropilene coesionato mediante agugliatura meccanica, 7

8 calandrata, per rinforzo pavimentazioni, da posizionarsi a contatto con il terreno precedentemente livellato ed estesa per una lunghezza di almeno 30 cm oltre i bordi dello scavo; - fornitura e posa in opera di cordoli prefabbricati in calcestruzzo vibrocompresso dalle caratteristiche prestazionali conformi alla norma UNI EN 1340, posati su sottofondo di calcestruzzo; - fornitura stesa e cilindratura con rullo di peso adeguato di misto inerte a granulometria stabilizzata, per la formazione del sottofondo e per un'altezza di circa 15 cm, dalle caratteristiche prestazionali conformi alle norme UNI CN 10006; - massetto in calcestruzzo spessore 10 cm C12/15 - X0 - S3 completo di rete in acciaio qualità B450C elettrosaldata Foglio standard 2.25 x 4.00 m, filo diametro 5 mm. maglia 200 x 200 mm, secondo norma UNI EN e finitura superficiale del massetto a scelta della D.LL.. Formazione di aree di sosta, parcheggi e corselli di viabilità interna comprensivi di: - scavo di scotico dello strato superficiale con macchina di precisione fino a una profondità media di 20/25 cm; - livellamento a giuste quote, compresi sterri e riporti in minima quantità e rullatura con rulli di peso adeguato, onde ottenere un perfetto piano di posa; - fornitura e posa in opera di geogriglia tessuta con polipropilene coesionato mediante agugliatura meccanica, calandrata, per rinforzo pavimentazioni, da posizionarsi a contatto con il terreno precedentemente livellato ed estesa per una lunghezza di almeno 30 cm oltre i bordi dello scavo; - fornitura e posa in opera di cordoli prefabbricati in calcestruzzo vibrocompresso dalle caratteristiche prestazionali conformi alla norma UNI EN 1340, posati su sottofondo di calcestruzzo per contenimento aiuole, defizione aree di sosta, ecc; - fornitura stesa e cilindratura con rullo di peso adeguato di misto inerte a granulometria stabilizzata, per la formazione del sottofondo e per un'altezza di circa 20 cm, dalle caratteristiche prestazionali conformi alle norme UNI CN 10006; - fondazione in conglomerato bituminoso sabbio/ghiaioso (tout-venant), spessore 10 cm, con bitume penetrazione oppure , compresi materiali, stendimento con vibrofinitrice e rullatura con rullo di peso adeguato, per il raggiungimento della percentuale di vuoti corrispondente alle Norme Tecniche, con spessori finiti non inferiori a 6 cm, misurati per spessori finiti, per superfici fino a 2500 m² al 3,50% - 4,50% di bitume sul peso degli inerti con pezzatura massima degli inerti di 30 mm; - tappeti di usura in conglomerato bituminoso con bitume penetrazione 50-70, oppure , al 5,5% - 6,5% sul peso dell'inerte, spessore finito 30 mm con graniglia in pezzatura fino a 0/6 mm, confezionato con graniglia e sabbia, compresi materiali, stendimento con vibrofinitrice e rullatura con rullo di peso adeguato, per il raggiungimento della percentuale di vuoti corrispondente alle Norme Tecniche; - pulizia o lavaggio finale a fondo dei camminamenti; - realizzazione di sistema per il deflusso delle acque meteoriche con la posa di nuove reti fognarie in pvc rigido, con giunzione a bicchiere, anello elastico preinserito e sistemi di captazione delle acque superficiali costituiti da fornitura e posa di nuovi pozzetti in calcestruzzo prefabbricato completi di griglia (caditoia) in ghisa sferoidale classe C250 carrabile. - Recinzione dell area e dei campi da gioco. Recinzione in rotoli di rete elettrosaldata con filo zincato (in accordo alla EN ) e successivamente rivestito in PVC, in accordo con la EN , EN ed ISO 9227). La recinzione dovrà possedere un diametro dei fili non inferiore a 1,8 mm interno ed 2,7 mm, le dimensioni della maglia dovranno essere non superiori a 45x45 mm e la modalità di collegamento (torsione) tra i fili che compongono la rete, dovrà essere tale da consentire alla recinzione di assorbire gli urti senza deformarsi. Esclusa fondazione: rete H 2200 mm. Peso complessivo = 2,1 kg/m - Piantumazione a verde delle aree di sosta. Messa a dimora di piante compresa l'esecuzione dello scavo, la piantagione, il reinterro, la formazione di conca, trasporto del materiale di risulta alla discarica e fornitura di tutti i materiali necessari (3 tutori in legno diam. 6 cm lunghezza 2,5 m; fornitura e distribuzione di ammendante, di concimi q.b. e di prima bagnatura con acqua. Messa a dimora di specie erbacee perenni ed annuali, in vaso 9x9 o simili, densità piante per m², compresa la fornitura di 40 litri di ammendante a m², la preparazione del terreno, l'impianto ed una innaffiatura con 30 litri d'acqua a m² (pacciamatura e piantine escluse): densità d'impianto 15 piantine m². 8

9 Formazione siepi: a) ligustrum ovalifolium, (h cm, radice scossa), 5-6 piante per metro disposte a fila semplice, previo scavo, messa a dimora e reinterro, per uno sviluppo non inferiore a 300 m. f) individuazione di un area ove sarà possibile insediare una struttura commerciale di mq 1.000,00, attualmente destinabile al commercio di vicinato ed alla somministrazione di alimenti e bevande. Tale area è oggetto di variante urbanistica. 9

Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball -

Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball - Stima dei costi per la riqualificazione del centro sportivo di via Verdi Senza Spogliatoio tennis e recupero spogliatoi Baseball - N descrizione costo un. Quantità totale Costo totale Demolizione strutture

Dettagli

N Elementi U.M. Quantità. ora 0,25 26,35 6,59 operaio qualificato. ora 0,25 24,53 6,13 operaio comune. ora 0,00 22,17 0,00 Noli e trasporti:

N Elementi U.M. Quantità. ora 0,25 26,35 6,59 operaio qualificato. ora 0,25 24,53 6,13 operaio comune. ora 0,00 22,17 0,00 Noli e trasporti: NP 1 Pavimento costituito da uno strato di usura superficiale vinilico omogeneo calandrato e pressato, opaco ed antrisucciolo, accoppiato ad un sottostrato elastico espanso in schiuma poliuretanica con

Dettagli

1. S T R U T T U R A PREMESSA

1. S T R U T T U R A PREMESSA PREMESSA I fabbricati in oggetto saranno realizzati con caratteristiche costruttive edili e impiantistiche finalizzate all ottenimento della classificazione energetica in Classe B, ai sensi della vigente

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno

OPERE DI URBANIZZAZIONE Area Osteria San Biagio Casalecchio di Reno OPERE DI URBANIZZAZIONE Area "Osteria San Biagio" Casalecchio di Reno Unità Descrizione dei Lavori di misura 1 Struttura stradale della nuova Via Bolsenda comprendente: - Scavo di sbancamento eseguito

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI

OPERE A MISURA. Articolo unità di misura ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI ASSISTENZA OPERE EDILI PER RIPARAZIONE SOTTOSERVIZI - IMPREVISTI 11,0,611 spostamento e o sostituzione di sottoservizi esistenti e/o allacciamenti utenze, ivi compresa ogni opera provvisionale accessoria

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere

EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO. Capitolato delle opere EDILIZIA A PREZZI CONVENZIONATI ERBA VIA COPERNICO Capitolato delle opere Premessa Il complesso e costituito da tre edifici a destinazione residenziale, di 2 piani fuori terra e da un piano interrato adibito

Dettagli

1. Introduzione 1. 2. L area di intervento 1. 3. Il progetto realizzato 3. 4. Il progetto della copertura 4. 5. Quadro economico 6

1. Introduzione 1. 2. L area di intervento 1. 3. Il progetto realizzato 3. 4. Il progetto della copertura 4. 5. Quadro economico 6 INDICE 1. Introduzione 1 2. L area di intervento 1 3. Il progetto realizzato 3 4. Il progetto della copertura 4 5. Quadro economico 6 6. Documentazione fotografica 7 7. Elenco elaborati 14 1. Introduzione

Dettagli

INDICE GENERALITÀ... 2

INDICE GENERALITÀ... 2 INDICE GENERALITÀ... 2 DESCRIZIONE DEL FABBRICATO... 2 DATI GENERALI... 2 ACCESSI AL FABBRICATO... 2 STRUTTURE PORTANTI... 3 COPERTURA... 3 DESCRIZIONE INTERVENTO PROPOSTO... 3 IMPIANTO TERMICO.... 3 ISOLAMENTO

Dettagli

computo metrico estimativo esecutivo

computo metrico estimativo esecutivo PREPARAZIONE DEL SOTTOFONDO E IRRIGAZIONE 1 Rimozione delle porte esistenti compresa la rimozione dei plinti e allontanamento dal cantiere con relativo smaltimento alle pubbliche discariche n, 2,0 2,00

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO RIFACIMENTO MARCIAPIEDI VIA MORA n. Rif. C.C.I.A.A. Descrizione N. Unità Quantità Prez. Unit. Totale FORMAZIONE MARCIAPIEDE 1 n.c. 2 n.c. 3 C2.4.23

Dettagli

UNITA TRATTAMENTO ARIA PALESTRA (UTA 1)

UNITA TRATTAMENTO ARIA PALESTRA (UTA 1) UNITA TRATTAMENTO ARIA PALESTRA (UTA 1) 1 SCHEMA FUNZIONALE UTA 1 2 DATI GENERALI UNITA' TRATTAMENTO ARIA UTA 1 Tipo di esecuzione Dimensioni indicative: interno Lunghezza 8.85 m Larghezza 1.95 m Altezza

Dettagli

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO SEDE CROCE ROSSA - VERGATO STUDIO DI FATTIBILITA RELATIVO ALL APPLICAZIONE DI SISTEMI PASSIVI PER IL RISPARMIO ENERGETICO IPOTESI DI MASSIMA DELLA DISTRIBUZIONE INTERNA Dall analisi delle esigenze degli

Dettagli

Fabb. "B1" MQ. 59.97 BAGNO MQ. 4.95 BAGNO MQ. 4.95 SOGGIORNO/ CUCINA. SOGGIORNO/ CUCINA MQ. 49.84 Pianta Piano Terra mq. 82.00

Fabb. B1 MQ. 59.97 BAGNO MQ. 4.95 BAGNO MQ. 4.95 SOGGIORNO/ CUCINA. SOGGIORNO/ CUCINA MQ. 49.84 Pianta Piano Terra mq. 82.00 residence RioTorto A1 B1 C1 A2 B2 C2 Fabb. "B1" SOGGIORNO/ CUCINA MQ. 59.97 MQ. 4.95 MQ. 4.95 SOGGIORNO/ CUCINA MQ. 49.84 Pianta Piano Terra mq. 82.00 Fabb. "B1" MATRIMONIALE MQ. 16.90 MQ. 10.94 MQ. 15.14

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE _ SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TERMO-MECCANICI INDICE 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...

Dettagli

1. RELAZIONE ILLUSTRATIVA

1. RELAZIONE ILLUSTRATIVA L'impianto sportivo è stato progettato per essere accessibile dalle persone disabili in base alla Legge in vigore per l'abbattimento delle barriere architettoniche. L'impianto sportivo è stato progettato

Dettagli

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA

CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO  OLGIATE OLONA CAPITOLATO OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA PIANO LOTTIZZAZIONE CORSO SEMPIONE/SILVIO PELLICO " OLGIATE OLONA Art. Descrizione u.m. Qt. / Unità / Totale 1,00 OPERE DI ALLESTIMENTO CANTIERE 1,01 Oneri relativi

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO VIA DELLA PIAGGIOLA, 176 GUBBIO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO

REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO UFFICIO SPECIALE PER L EDILIZIA COMUNE DI VARESE UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA VARESE COMO REALIZZAZIONE DI UN LOCALE DI BAR-RISTORO Via Monte Generoso n. 71 - VARESE PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE

Dettagli

-PROGETTO ESECUTIVO-

-PROGETTO ESECUTIVO- STUDIO TECNICO Geom.Carlo Bizzarri Provincia di Terni Comune Di San Venanzo RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL POLO SCOLASTICO DI SAN VENANZO POR FESR 2007-2013 REGIONE UMBRIA ASSE III - ATTIVITA' A3 e B3

Dettagli

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l.

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l. 1A OPERE URBAN. PRIMARIA AREE IN CESSIONE 1 1.5.1.1.s Demolizione parziale di strutture di fabbricati fuori terra, escluso: l'eventuale ponteggio, le operazioni necessarie per líabbassamento dei materiali

Dettagli

ARCH BUERO KALTENEGGER. Uffici. Grosswilfersdorf (A)

ARCH BUERO KALTENEGGER. Uffici. Grosswilfersdorf (A) ARCH BUERO KALTENEGGER Uffici Grosswilfersdorf (A) _1 L entrata all edificio. È ben evidente la struttura portante a telaio, soprattutto in questa parte vetrata _2 Vista sud-est 2 Form follows climate

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione di massima per

Dettagli

GENERATORI D ARIA GBI/GBO

GENERATORI D ARIA GBI/GBO DESCRIZIONE PER CAPITOLATO I generatori d aria calda GBI e GBO sono costituiti da un telaio in alluminio e da una pannellatura esterna in lamiera preverniciata: i pannelli sono isolati all interno con

Dettagli

Computo Metrico Estimativo indicativo dello spazio pedonale ad uso pubblico tra il corpo "B" e la via Ghilini

Computo Metrico Estimativo indicativo dello spazio pedonale ad uso pubblico tra il corpo B e la via Ghilini Computo Metrico Estimativo indicativo dello spazio pedonale ad uso pubblico tra il corpo "B" e la via N. 1 A.01.04.035 Scavo generale completo fino a 5m di profondità su aree non soggette a bonifica. Eseguito

Dettagli

AMPLIAMENTO EDIFICIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

AMPLIAMENTO EDIFICIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO COMUNE DI GRAVEDONA ED UNITI AMPLIAMENTO EDIFICIO SCOLASTICO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ART. DESCRIZIONE U.M. PREZZO IMPORTO 1 DEMOLIZIONE MURI DI CONTENIMENTO piazzale (6,00+40,00)*1,50*0,40 27,60

Dettagli

Conferimento a discarica autorizzata per lo smaltimento dei seguenti rifiuti: macerie inerti provenienti da demolizioni, rimozioni, scavi t 10,57

Conferimento a discarica autorizzata per lo smaltimento dei seguenti rifiuti: macerie inerti provenienti da demolizioni, rimozioni, scavi t 10,57 L'Elenco prezzi unitari è stato redatto secondo: - Prezzi Informativi Opere Edili, Camera di Commercio Milano - 2014 - Listino prezzi per l'esecuzione di opere pubbliche e manutenzioni, Comune di Milano

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO UFFICIO LAVORI PUBBLICI

REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO UFFICIO LAVORI PUBBLICI REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MANZANO UFFICIO LAVORI PUBBLICI PROGETTO O.P. N^ 7/011 OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA MARCIAPIEDI E SISTEMAZIONI VIARIE PROGETTO

Dettagli

SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE. Condizionamento Termoventilanti Zeus ICIM

SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE. Condizionamento Termoventilanti Zeus ICIM Condizionamento Termoventilanti ICIM ISO Cert. n 4/2 Aerotermi Termostrisce radianti Ventilconvettori Unità trattamento aria Canne fumarie SABIANA IL COMFORT AMBIENTALE Condizionamento SABIANA IL COMFORT

Dettagli

6 Settore Servizi al Territorio e al Patrimonio. Comune di Campi Bisenzio. (Provincia di Firenze)

6 Settore Servizi al Territorio e al Patrimonio. Comune di Campi Bisenzio. (Provincia di Firenze) 6 Settore Servizi al Territorio e al Patrimonio Comune di Campi Bisenzio (Provincia di Firenze) Gestione e conduzione dell area a verde denominata Parco Iqbal di proprieta del Comune di Campi Bisenzio

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE

CHIUSURE VER VER ICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE CHIUSURE VERTICALI PORTATE Hanno funzione portante t secondaria cioè non garantiscono la sicurezza statica complessiva dell edificio ma devono assicurare la protezione e l incolumità

Dettagli

a corpo 1,00 2.000,00 2.000,00

a corpo 1,00 2.000,00 2.000,00 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO REALIZZAZIONE TRATTO PISTA CICLOPEDONALE E AIUOLA SPARTITRAFFICO IMBOCCO VIA L. ARIOSTO VOCE Cod. voce DESCRIZIONE U.M. quantità A 0.1 CANTIERE ALLESTIMENTO Allestimento cantiere,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA OPERE DI URBANIZZAZIONE Il P.R.G.C. vigente del Comune di Orbassano, approvato G.R. con delib. N. 14-25592 del 7/10/1998, così come integrato dalle successive varianti parziali, individua

Dettagli

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE

Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE Proposta di variante al PGT, via Postale Vecchia COMPUTO METRICO ESTIMATIVO, LAVORI DI PUBBLICO INTERESSE in colore nero i lavori da realizzare, senza possibilità di scomputo dagli oneri di urbanizzazione

Dettagli

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE

DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE Costruzioni s.r.l. Via Boccaccio n 29 20123 MILANO P.IVA 06454770964 Oggetto: REALIZZAZIONE NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI IN COMUNE DI LENNO (CO) VIALE LIBRONICO DESCRIZIONE INDICATIVA DELLE OPERE CAPITOLATO

Dettagli

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Studio di Ingegneria e Consulenza 01P COMUNE DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA SOMMARIO PREMESSA... 3 IRRIGAZIONE DI SUPERFICI SPORTIVE...

Dettagli

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO

Art. 1 - PREMESSE. Art. 2 - INVOLUCRO EDILIZIO Art. 1 - PREMESSE La presente relazione ha lo scopo di descrivere i parametri che dovranno essere presi come basi per la stesura della progettazione definitiva ed esecutiva, e stabilisce la tipologia impiantistica

Dettagli

Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria "A.T.U. 4"

Computo metrico estimativo opere di urbanizzazione primaria A.T.U. 4 Ambito di Trasformazione Urbanistica n. 4 OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA totale Euro A INSTALLAZIONE CANTIERE.000,00 B SISTEMAZIONE ED ALLARGAMENTO STRADA.37,59 C NUOVA CONDUTTURA DI FOGNATURA 2.040,2

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

Aelle-S 190 STH Capitolato

Aelle-S 190 STH Capitolato 77 136 190 1/5 AELLE-S 190 STH Descrizione del sistema I serramenti dovranno essere realizzati con il sistema METRA AELLE-S190STH. I profilati saranno in lega di alluminio UNI EN AW 6060 (UNI EN 573-3

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE

SERIE DOPPIA SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE SERIE DP CANNA FUMARIA INOX DOPPIA PARETE Le canne fumarie della serie DP rappresentano la soluzione piu avanzata per l evacuazione dei fumi di generatori di calore alimentati con qualsiasi tipo di combustibile.

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

sistema SOLARE TERMICO PLUS DI PRODOTTO VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE Produzione acqua calda sanitaria a circolazione naturale

sistema SOLARE TERMICO PLUS DI PRODOTTO VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE Produzione acqua calda sanitaria a circolazione naturale SOLARE TERMICO 9.11 2.2008 sistema Produzione acqua calda sanitaria a circolazione naturale Sistema CSN 20 PLUS 150 P (parallelo) Sistema CSN 20 PLUS 150 45 (45 inclinazione) Sistema CSN 20 PLUS 300 P

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

Casa Brio Quarona frazione Doccio

Casa Brio Quarona frazione Doccio INQUADRAMENTO URBANISTICO - TERRITORIALE Comune di (VC) Fraz. DOCCIO N.A.F. Nuclei di Antica Formazione zona climatica: E GG: 2798 Altitudine: 406 mt s.l.m. STRUTTURA PRE-ESISTENTE Muratura in pietra verso

Dettagli

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento 66 ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento VANTAGGI E CARATTERISTICHE GENERALI PREDISPOSTA PER FUNZIONAMENTO INDIPENDENTE O IN CASCATA ARES Condensing 32 può essere

Dettagli

L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione.

L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione. L originale edificio in stato di abbandono da diversi decenni, di conseguenza in uno pessimo stato di conservazione. Progetto di demolizione con ripristino tipologico in ampliamento di fabbricato abitativo

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 13 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, DI CONDIZIONAMENTO, DI VENTILAZIONE 13.01 Prezzi a corpo di impianti

Dettagli

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere.

AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56. Capitolato di massima delle opere. AREA COMMERCIALE VERCELLI Corso Torino 56 Capitolato di massima delle opere. CAPITOLATO DI MASSIMA. L edificio è composto da un piano fuori terra di circa mq. 3.000 frazionabili. L aspetto architettonico,

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE. Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato

SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE. Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato SISTEMI PER RADIO E TELEDIFFUSIONE SHELTERS CABINE STAZIONE MOBILI Progettati per custodire al meglio qualsiasi apparato è predisposta per l installazione di una struttura interna o esterna a sostegno

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

L Amore per il Clima! Unità di trattamento aria. Sezione riscaldamento integrata con scambiatore di calore a gas a condensazione

L Amore per il Clima! Unità di trattamento aria. Sezione riscaldamento integrata con scambiatore di calore a gas a condensazione AH Unità di trattamento aria Sezione riscaldamento integrata con scambiatore di calore a gas a condensazione Organi di controllo e regolazione pre-cablati L Amore per il Clima! Componenti dell Unità di

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione

SISTEMA SOLARE BSTD. Manuale di montaggio e messa in funzione SISTEMA SOLARE BSTD Manuale di montaggio e messa in funzione 1 INDICE AVVERTENZE PER LA SICUREZZA 3 ELENCO DEI COMPONENTI 4 INFORMAZIONI GENERALI 4 ACCUMULO BSTD 4 Descrizione generale 4 Dati tecnici 5

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RELAZIONE TECNICA IMPIANTO TERMICO RIFERIMENTI NORMATIVI Tutti gli impianti dovranno essere forniti completi in ogni loro singola parte e perfettamente funzionanti, con tutte le apparecchiature ed accessori

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

COMUNE DI PIEDIMONTE ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGIONE SICILIA

COMUNE DI PIEDIMONTE ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGIONE SICILIA Motta Engineering S.r.l. COMUNE DI PIEDIMONTE ETNEO PROVINCIA DI CATANIA REGIONE SICILIA PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO DITTA COMMITTENTE: ISTITUTO COMPRENSIVO MACHERIONE DI CALATABIANO Sede di PIEDIMONTE

Dettagli

...2 3. LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO

...2 3. LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO INDICE INDICE...1 1. OGGETTO...2 2. UBICAZIONE...2 3. LEGGI E NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO...3 4. COMPONENTI STRUTTURALI...4 5. STRUTTURA DI SOSTEGNO MODULI...4 5.1 Carico meccanico degli agenti atmosferici

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

C.C.I.A.A. MILANO LISTINO 3.2013

C.C.I.A.A. MILANO LISTINO 3.2013 C.C.I.A.A. MILANO LISTINO 3.2013 Progressivo C.C.I.A.A. B.07 opere di sistemazione esterna pavimentazione e fognature Voce C.C.I.A.A u.m Altezza Lunghezza Profondità totale prezzo unit. Euro prezzo totale

Dettagli

COMUNE DI COLLESALVETTI

COMUNE DI COLLESALVETTI COMUNE DI COLLESALVETTI PIANO DI LOTTIZZAZIONE COMPARTO VICARELLO SUD PROPRIETA : SOC. FONTE ALLEGRA ED ALTRI A) STRADE E PARCHEGGI 1) Preparazione dei piani di posa con rullatura del terreno. mq 3.700,00

Dettagli

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche)

Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Massetti riscaldanti e raffrescanti e impianti radianti di nuova generazione (funzionamento e applicazioni pratiche) Ing. Clara Peretti Coordinatrice Consorzio Q-RAD 2 Contenuti della presentazione Il

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO COMMITTENTE: OPERA: LUOGO: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO LOC. CANALE- CITTA DELLA PIEVE (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

COMPUTO METRICO. Olbia OT. adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 OGGETTO: COMUNE DI OLBIA COMMITTENTE: Data, 11/05/2015

COMPUTO METRICO. Olbia OT. adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 OGGETTO: COMUNE DI OLBIA COMMITTENTE: Data, 11/05/2015 Olbia OT pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: adeguamento dello svincolo di accesso ad Olbia S.S. 199 S.S. 125 COMMITTENTE: COMUNE DI OLBIA Data, 11/05/2015 IL TECNICO PriMus by Guido Cianciulli - copyright

Dettagli

FIBRANgeo BP-ETICS. Utilizzo e specifiche d installazione del cappotto termico esterno su supporto in legno

FIBRANgeo BP-ETICS. Utilizzo e specifiche d installazione del cappotto termico esterno su supporto in legno FIBRANgeo BP-ETICS Utilizzo e specifiche d installazione del cappotto termico esterno su supporto in legno Luglio 2015 Sistema a cappotto esterno con FIBRANgeo BP-ETICS su supporto in legno Specifiche

Dettagli

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema:

In particolar modo, nel caso di intervento sull esistente, il sistema: S I S T E M I A C A P P O T T O D E S C R I Z I O N E L'isolamento a cappotto consiste nell'applicazione, sull'intera superficie esterna verticale di un edificio, di pannelli isolanti che vengono poi coperti

Dettagli

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE Fornitura ed installazione delle apparecchiature elettromeccaniche delle stazioni di trasferimento dei rifiuti urbani ubicate nei comuni di La Thuile e Villeneuve 1 FASE

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO COMUNE DI ODERZO PROVINCIA DI TREVISO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO DI INIZIATIVA PUBBLICA INERENTE ALL AREA DENOMINATA EX-EUROPA SITA IN VIA DELLE GRAZIE A ODERZO in adeguamento all'app3 in Variante COMMITTENTE:

Dettagli

Geometra Carlo Cecchetelli

Geometra Carlo Cecchetelli STUDIO CECCHETELLI Piazza XX Settembre n. 27/2-61032 FANO - tel. 0721/827780 Ditta : SORCINELLI GIANFRANCO SANTINI LUCIANA Oggetto : PIANO ATTUATIVO DEL COMPARTO DENOMINATO ST6_52 Comparto residenziale

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

IH/HS 100.1 IH/HS 100.2 IH/HS 200.1 IH/HS 200.2 IH/HS 200.3

IH/HS 100.1 IH/HS 100.2 IH/HS 200.1 IH/HS 200.2 IH/HS 200.3 ORIZZONTALI INDUSTRIALI MOD. IH/AR ORIZZONTALI SCHEDA TECNICA GENERATORE DI ARIA CALDA PER IMPIANTI SPORTIVI IH/HS 100.1 IH/HS 100.2 IH/HS 200.1 IH/HS 200.2 IH/HS 200.3 nº 6660192 Aggiorn. 02/2008 INDICE

Dettagli

Vulcan Pro. Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite. Unità di Trattamento Aria

Vulcan Pro. Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite. Unità di Trattamento Aria Vulcan Pro Unità di Trattamento Aria Le unità di trattamento aria Vulcan Pro sono costruite in conformità alle normative e direttive Europee e sono adatte a soddisfare tutte le esigenze progettuali degli

Dettagli

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50 RELAZIONE GENERALE Oggetto del presente progetto è la messa a norma dell impianto di ricambio d aria dei locali di Didattica degli edifici sportivi siti in Via Montelungo e Via Casorati. Attualmente, infatti,

Dettagli

SigmaIsol Nodi architettonici.

SigmaIsol Nodi architettonici. EDILIZIA PROFESSIONALE SigmaIsol Nodi architettonici. SigmaIsol. Manuale tecnico. Un corretto isolamento termico a cappotto, mantiene l involucro esterno dell edificio in condizioni termoigrometriche stazionarie.

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO (PROVINCIA DI MODENA) 41026 Pavullo n/f. - Piazza R. Montecuccoli, 1 AREA SERVIZI TECNICI - SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Tel. 0536/29932 - Fax. 0536/324307 OGGETTO D.L. 1010/48

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 4 - ZONA 6 - SCUOLA N 5267-25/8 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO ANTINCENDIO PRESSO LA SCUOLA

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA - Complesso Biotecnologico - Istituti Biologici COMPLETAMENTO PALAZZINE D e E Nr. PREZZIARIO CODICE DESCRIZIONE U. M. Prezzo % Incid. Man.

Dettagli

FT UNITANK / SISTEMA INTEGRATI ANTINCENDIO DA ESTERNO

FT UNITANK / SISTEMA INTEGRATI ANTINCENDIO DA ESTERNO Scheda Tecnica FT UNITANK / SISTEMA INTEGRATI ANTINCENDIO DA ESTERNO Sistema integrato per uso antincendio da esterno FTUNITANK composto da serbatoio di riserva idrica in acciaio al carbonio di prima scelta

Dettagli

INTRODUZIONE I SIDERSHED modulari si propongono all industria come risposta ad una duplice esigenza: la semplicità di costruzione unita alla

INTRODUZIONE I SIDERSHED modulari si propongono all industria come risposta ad una duplice esigenza: la semplicità di costruzione unita alla 2 INTRODUZIONE I SIDERSHED modulari si propongono all industria come risposta ad una duplice esigenza: la semplicità di costruzione unita alla versatilità di impiego ed il basso costo rispetto alle soluzioni

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

ASPIRATORI - COMPONENTI PER CANNE FUMARIE GRIGLIE DI VENTILAZIONE

ASPIRATORI - COMPONENTI PER CANNE FUMARIE GRIGLIE DI VENTILAZIONE ASPIRATORI COMPONENTI PER CANNE FUMARIE GRIGLIE DI VENTILAZIONE 171 PLACCA CONTROLLO FUMI Verniciata rossa. Foro per sonda prelievo fumi Foro Ø 50 per deprimometro e analizzatore PIROMETRO Per 3501.00.

Dettagli

Linee guida per la connessione di utenze domestiche ad una mini rete di teleriscaldamento

Linee guida per la connessione di utenze domestiche ad una mini rete di teleriscaldamento Linee guida per la connessione di utenze domestiche ad una mini rete di teleriscaldamento Il teleriscaldamento contribuisce al riscaldamento delle abitazioni e dell acqua calda per usi sanitari. In Italia,

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO E RISCALDAMENTO SPOGLIATOI. Premessa.

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO E RISCALDAMENTO SPOGLIATOI. Premessa. IMPIANTO IDRICO-SANITARIO E RISCALDAMENTO SPOGLIATOI Premessa. Trattasi di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio da realizzarsi presso la zona PIP di ORIA (BR), costituita

Dettagli

New Dedalo parete divisoria

New Dedalo parete divisoria New Dedalo parete divisoria Modulo standard cieco L 100 P 10 da 104 al mq. (esclusa posa) PRONTA CONSEGNA Finiture arredi e pareti CARATTERISTICHE TECNICHE Struttura portante La struttura interna della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 4 - ZONA 6 - SCUOLA N 5269/5 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO ANTINCENDIO PRESSO LA SCUOLA MATERNA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE

CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE CATALOGO GENERALE RISCALDAMENTO MULTIBLUE 15 SISTEMI DI CALDAIE IN CASCATA MODULI MULTIBLUE La semplicità della modularità 1 2 14 11 10 3 14 17 6 9 15 4 13 8 5 16 12 7 COMPONENTI PRINCIPALI 1. Kit collettore

Dettagli

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione

Caso applicativo 1: Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile. edificio di nuova realizzazione Caso applicativo 1: edificio di nuova realizzazione Sistema di rivestimento a parete ventilata con lastra composita sottile Primo caso applicativo - edificio di nuova realizzazione I sistemi di rivestimento

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli