Istituto Comprensivo Salvo d Acquisto Scuola Secondaria I grado Lonate Ceppino (Va) School Energy Management Team Report

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Comprensivo Salvo d Acquisto Scuola Secondaria I grado Lonate Ceppino (Va) School Energy Management Team Report"

Transcript

1 Istituto Comprensivo Salvo d Acquisto Scuola Secondaria I grado Lonate Ceppino (Va) School Energy Management Team Report Lonate Ceppino (Va) 26 giugno

2 Partner del Progetto Teach Two: Ecoazioni Consultancy (Italy) Severn Wye Energy Agency (UK) G. Falcone School (Italy) Tecnica Economia Trasporti S.r.l (Italy) Centre of Social Intervention of Cyclades (Greece) National Centre for Education (Latvia) Disclaimer: While every attempt has been made to ensure that the information contained in this report is accurate, the authors are unable to accept any liability for any loss or damage that might be incurred as a result of any action taken by the readers. The sole responsibility for the content of this paper lies with the authors. 2

3 Indice Credits...pag. 4 Introduzione... pag.5 English abstract.. pag.6 Descrizione generale della scuola... pag.7 Performance energetiche della scuola... pag.8 Percezione dell ambiente scolastico (indagine Percettiva)... pag.10 Sintesi delle abitudini volte al risparmio energetico... pag.11 Analisi energetica della scuola (indagine Critica) Illuminazione naturale...pag.13 Illuminazione artificiale... pag.13 Apparecchi elettrici... pag.13 Impianto di riscaldamento... pag.14 Ventilazione e isolamento... pag.14 Acqua... pag.15 Energia rinnovabile... pag.15 Bilancio energetico (indagine Analitica)... pag.15 La nostra strategia: idee, azioni e misure per un uso razionale dell energia... pag.16 3

4 Credits Il presente report è stato realizzato nell Istituto Comprensivo Salvo d Acquisto di Lonate Ceppino (Va) dallo School Energy Management Team composto dagli alunni della classe IIIA della Scuola Secondaria di I grado: Alberto, Alessia, Asia L., Asia T., Aurora, Brenda, Chiara, Clarissa, Davide, Elena, Emanuele M., Emanuele R., Greta, Marko, Mattia, Noccolò, Paul, Perla, Ruben, Tatiana, Vittorio. I 21 ragazzi, tutti tredicenni, hanno dimostrato interesse, entusiasmo e impegno nello svolgere i compiti assegnati. La responsabile del progetto, Prof.ssa Speroni, insegnante di matematica e di scienze, ha coordinato i lavori dei ragazzi, fornendo le informazioni necessarie e guidandoli nel lavoro di sintesi finale. I nostri ringraziamenti vanno innanzi tutto al Dirigente Scolastico, Dott. ssa Adele Olgiati, sempre disponibile nel fornirci informazioni inerenti la scuola e nel reperimento di dati presso enti esterni. Tutta la scuola è stata comunque coinvolta nel progetto, per rispondere ai test (alunni delle altre classi, docenti, personale ATA, segreteria) o per darci consigli e pareri. I nostri ringraziamenti vanno dunque anche a tutti loro, disponibili e pazienti nell aiutarci. In conclusione, la Prof.ssa Speroni vuole mettere in evidenza la maturità dimostrata da alcuni alunni di terza, capaci di portare avanti un lavoro in modo autonomo, approfondito e indubbiamente eccellente che, spera, li porterà a compiere scelte eco-compatibili per tutta la vita. 4

5 Introduzione Questo report è stato prodotto nell'ambito del Progetto europeo di risparmio energetico per le scuole denominato 'Teach Two'. Il finanziamento per questo Progetto è stato fornito dal Leonardo Da Vinci Lifelong Learning Programme. Nel presente report verranno riassunti i risultati delle tre indagini condotte tra il 04 aprile 2013 e il 06 giugno L indagine Percettiva L indagine Percettiva è finalizzata a determinare come le persone percepiscono la struttura scolastica e come si sentono lavorandovi all interno. L indagine Critica L indagine Critica analizza, in termini di risparmio energetico, i comportamenti adottati nella scuola e come gli utilizzatori interagiscono con la struttura. L indagine Analitica L indagine Analitica è finalizzata allo studio nel dettaglio della natura della struttura scolastica e del calcolo dell energia necessaria a riscaldarne adeguatamente gli ambienti. Questo Progetto è stato concepito in modo che le indagini possano essere ripetute su base annuale. Ciò consentirà di valutare annualmente l impatto delle misure apportate e permetterà inoltre agli studenti di accrescere le loro conoscenze contemporaneamente all avanzamento del Progetto. Ci auguriamo che troviate utile questo report e che alcune delle misure di risparmio energetico possano essere attuate, così da poter migliorare l'efficienza energetica dell edificio riducendo di conseguenza costi ed impatto ambientale. recenti 5

6 English abstract The Salvo d Acquisto Institute is a small school located in Lonate Ceppino, a village between the cities of Varese and Milan, in the North of Italy. The Teach TWO Project has been performed by a 3 rd year class, made of year-old students. The perceptive survey was carried out interviewing students, teachers, caretakers and staff of our school, in order to analyze their ecological behaviour at school and at home and their perception of our school environment; the results reveal a generally respectful way of living, even if the school building shows lots of faults. The building was originally built as the local Town Hall at the end of the 19 th century, so it is old and has an obsolete and impaired structure. Six rooms were added to the original building in 1970, in order to accommodate the ancient elementary school. The most of the defects we found during the critical survey are due to the old age of the structural elements: drafts from doors and windows, not-well isolated pipes, old showers and toilets in the bathrooms, not-isolated floors and roofs. There are some other faults in the school heating, which can t be controlled directly from the school, but needs the assistance of a technician from an external society; as a result, internal temperature is often too high (sometimes too low), so that we need to open the windows even if radiators are working. We often found radiators covered by cupboards, shelves or school items such as books, notebooks and so on Many rooms are well lit and have good-working shielding systems for windows (in a few cases the plastic venetian blinds have been replaced with black tissue curtains). As regards the electric devices, our school is deficient in energy-saving options, such as timer switches on printers and vending machines or sleep/hibernate and automatic shut-down software on pc; we sometimes found the lights on in empty rooms or with good natural light. Light fittings (diffusers and reflectors) are generally dusty, so the school cleaners should organize dusting shifts. A great part of the improvements needed by our school are not feasible, as the Lonate Ceppino City Council has deliberated to build a new school in the near future; we all hope that the new building will be an Energy Smart School and that our Energy Team will help to reach such a result. Up to now, our most important achievement has been the spread of an ecological, energy-saving, earthrespectful change in the behaviour of the members of our school (students, teachers, caretakers and school staff). From April to June (the survey period) we have perceived a general improvement in some of the most common wasting mistakes: artificial lights are now often switched off when natural light is enough; pc are off whenever not in use; some flow regulators have been added in the bathrooms; light fittings will be dusted and draught-proofing will be installed during the summer time break; cupboards (wherever possible), books and whatever was placed on radiators have been removed The energy estimated balance resulting by the analytic survey reflects the large energy waste found during the critical test. It therefore gives an idea of the ways of savings that might be achieved and even suggests measures that could be taken further on, maybe in the design of our future Smart-school. 6

7 Descrizione generale della scuola La Scuola Secondaria di Primo Grado Salvo d Acquisto fa parte dell omonimo Istituto Comprensivo di Lonate Ceppino (Va), che comprende un altro plesso di Scuola Secondaria di Primo grado, situato a Gornate olona, e quattro plessi di Scuola Primaria, due a Lonate Ceppino, uno a Gornate Olona e uno a Castelseprio). Lonate Ceppino è un piccolo comune di abitanti della provincia di Varese in Lombardia, situato nel Parco Comunale del Medio Olona, costituito da sei Comuni limitrofi bagnati dal fiume Olona. 7

8 La Scuola Secondaria di I grado di Lonate Ceppino è una piccola scuola di circa 4300m 2 posizionata nella piazza del paese; nell anno scolastico gli alunni totali sono stati 144 (tre classi, due sezioni), di età compresa tra gli 11 e i 13 anni. L edificio Scolastico è stato costruito alla fine del 19esimo secolo, per ospitare il Municipio e le prime classi della scuola elementare. Nel 1970 circa è stata ampliata la zona Sud-Est, con l aggiunta di un ala a due piani. Il progetto Teach Two è stato realizzato dai 21 alunni della classe terza sezione A, coordinati e supportati dalla docente di Matematica e Scienze, Prof.ssa Raffaella Speroni, nel periodo tra marzo e maggio L ala Sud, più recente L entrata secondaria a Sud-Est Performance energetiche della scuola Utilizzo attuale dell energia Anno Consumo totale Costo Elettricità kwh Media baseline Anno Consumo totale Costo Gas (Metano) kwh , , , , , ,79 Media baseline

9 Anno Consumo totale Costo Consumo totale kwh (Elettricità+ riscaldamento) Media baseline Consumo baseline della scuola relativo agli anni : kWh Costo energetico della scuola relativo all anno 2012: Dati sulle emissioni di CO 2 (media anni ) Fonte energetica Consumo baseline annuo kwh Emissioni baseline di CO 2 annue - tonnes Elettricità Metano Totale Emissioni medie annue per l utilizzo di energia per la scuola per gli anni : tons Contatori della scuola Nella nostra scuola c è un unico contatore del gas, collocato nei sotterranei e un unico contatore dell elettricità, collocato nel sottoscala a piano terra. Le letture dei contatori vengono effettuate con cadenza saltuaria; solo un tecnoco esterno alla scuola può accedere al locale caldaia. 9

10 Percezione dell ambiente scolastico (indagine Percettiva) Area A: rosso Area B: blu L analisi percettiva è stata svolta a fine marzo da tutti gli alunni della classe 3 a A, che, a coppie, hanno intervistato altri alunni, docenti e membri del personale (segretari e ATA) nei locali dell edificio presi in esame, precedentemente suddivisi in due zone: - area A, comprendente le stanze con orientamento Nord-Est - area B, comprendente le stanze con orientamento Sud-Ovest. E importante sottolineare che nelle giornate in cui abbiamo svolto l indagine il clima era particolarmente caldo e soleggiato, non tipico di una giornata di inizio primavera; tale circostanza è da tenere presente nella complessiva lettura dei risultati riguardanti l ambiente. 10

11 Qualità dell aria La ventilazione delle stanze è risultata essere scarsa al piano terra e sufficiente al primo piano in entrambe le aree. Temperatura La temperature al primo piano è considerate giusta per la maggior parte degli intervistati in entrambe le aree, perché in riparazione, quindi notevoli problemi sia di mentre a piano terra per tutti gli intervistati la temperatura era troppo alta. In un aula a Sud-Ovest, inoltre, si segnala la mancanza di tende alle finestre caldo sia di abbagliamento. Dalle interviste svolte di mattina, intorno a mezzogiorno, inoltre, si rivela un caldo fastidioso, soprattutto dovuto ai caloriferi accesi in una giornata calda (non è possibile manovrare le valvole dei caloriferi). Avendo realizzato le indagini al pomeriggio, le aure a S-O risultavano molto calde, quelle a S-E più fresche. Illuminazione Le stanze esaminate sono valutate ben illuminate sia naturalmente sia artificialmente, tranne in due casi di due stanze molto buie, perché piccole e oscurate da tende di tessuto grigio. Benessere fisico Le situazioni di malessere più ricorrenti sono in entrambe le aree, sonnolenza, cefalee e difficoltà di concentrazione, ma bisogna considerare che la gran parte delle indagini sono state svolte o nel pomeriggio o in tarda mattinata, quindi i malesseri sono probabilmente poco imputabili a cause solo ambientali. Le condizioni di lacrimazione, secrezione nasale e tosse possono essere dovute ad asma allegico, viste la giornate primaverili, le finestre aperte e il clima secco. Le maggiori problematiche legate a fattori ambientali sono state la rumorosità, dovuta alle finestre aperte, (essendo la scuola affacciata su una piazza nel lato S/O e nel cortile di un bar sul lato N/E), le polveri e gli abbagliamenti nell area B. Sintesi delle abitudini volte al risparmio energetico Abitudini degli studenti Gli studenti valutano le proprie abitudini di risparmio energetico buone sia a scuola sai a casa, ma considerano quelle degli altri studenti solo sufficienti. I comportamenti corretti più diffusi sono quelli di spegnere le luci all uscita dalla stanza e quando la luce naturale è adeguata; anche lo spegnimento dei pc a fine utilizzo è un abitudine diffusa, mentre non sempre (33%mai) mettono il pc in stand-by. Il 100% scollega sempre o spesso il caricabatterie dei cellulari. Questi dati sono però in opposizione a quanto gli intervistati pensano degli altri studenti: il 42% pensa che gli studenti non spengono mai le luci quando escono da una stanza, che spengono i pc a volte (50%), i monitor a volte (50%) e i monitor a volte (42%). Le abitudini dei docenti sono invece ritenute dalla maggior parte degli studenti buone (44%) o eccellenti (42%). 11

12 Le abitudini a casa riguardanti il risparmio dell acqua sono buone: il 50% degli intervistati preferisce la doccia al bagno e la maggior parte riempie le pentole con la giusta quantità di acqua e fa andare lavatrici e lavastoviglie solo a pieno carico. Abitudini di docenti e personale ausiliario I docenti e il personale ausiliario considerano sia il proprio comportamento sia quello dei colleghi buono. I risultati evidenziano che spengono le luci spesso, i pc sempre (50%), li mettono in stand-by a volte (42%). Il quesito relativo allo spegnimento del riscaldamento è non applicabile, poiché i termosifoni sono sprovvisti di valvole manovrabili (per questioni di sicurezza). Analisi energetica della scuola (indagine Critica) I risultati riportati in questa sezione del report provengono dall analisi energetica della scuola effettuata il 16 e il 17 aprile. L indagine è stata effettuata da tutti gli alunni della classe IIIA, suddivisi in 4 gruppi da cinque alunni ciascuno; l indagine è stata realizzata per tutto l edificio scolastico, suddiviso in area A e area B. A ciascun elemento di ogni gruppo è stata affidata una o più funzioni secondo il seguente schema: Gruppo1 Gruppo2 Gruppo3 Gruppo4 Funzione Piano terra AreaA Piano terra Area B Primo piano Zona A Piano terra Zona B Alunni Stanze Alunni Stanze Alunni Stanze Alunni Stanze Asia T.* Aula scienze Emanuele R.* Aula pc Atrio Emanuele M.* Biblioteca IIB Brenda* -Aula insegnanti 1)Illuminazione naturale e acqua Chiara IIA Aula Ruben Bagno maschi Alberto Bagno maschi Asia -Bagno insegnanti 2)Illuminazione artificiale Clarissa sostegno Bagni Nicolò Corridoio Davide Bagno femmine Aurora -Corridoio -Bidelleria 3)Dispositivi elettrici Elena femmine Mattia Marco Aula Greta -IIIB 4)Riscaldamento IA sostegno Perla Vittorio Alessia IIIA Tatiana 5)Ventilazione e Segreteria isolamento Sono state analizzate le seguenti tematiche: 1. Illuminazione naturale 2. Illuminazione artificiale 3. Apparecchi elettrici 4. Impianto di riscaldamento 5. Ventilazione e isolamento 6. Acqua 7. Energia rinnovabile 12

13 1. Illuminazione naturale In generale, gli ambienti sono ben illuminate, grazie alle vetrate e finestre con tende veneziane regolabili; solo le stanze ad orientamento Nord/Est al piano terra hanno illuminazione scarsa a causa degli edifici dirimpetto che ostacolano la luce. In alcune stanze mancano tende, in attesa di riparazione/sostituzione, per cui nelle giornate soleggiate si segnalano abbagliamenti fastidiosi. In alcune stanze, inoltre si trovano tende scure fisse, ma congrue alla funzione della stanza. Gli ambienti, inoltre, risultano luminosi anche grazie al colore caldo delle pareti. 2. Illuminazione artificiale Tipologia di corpi illuminanti La luce artificiale utilizza soprattutto luci a fluorescenza del tipo T8 con riflettenti; in alcuni casi si è notata la presenza di polvere e se ne è consigliato quindi la pulizia più frequente (normalmente avviene durante la pausa estiva per necessità logistiche). Abitudini In alcuni casi si sono trovate luci accese in stanze vuote o in ambienti già ben illuminati naturalmente. Si è quindi raccomandato lo spegnimento delle luci ogni volta che si esce dalla stanza o in caso di adeguata luce solare. Sistemi di controllo dell illuminazione La maggior parte degli interruttori sono multipli, permettendo di accendere le luci solo nelle aree meno illuminate (luntano dalle finestre). Spesso però sono state trovate accese tutte le luci, anche se le zone già illuminate dalla luce solare non necessitavano di ulteriore illuminazione. Illuminazione esterna Durante la notte le luci dell edificio restano spente e non ci sono luci esterne (la scuola si affaccia su una piazza nel lato S/O; nella nostra scuola non ci sono sistemi di controllo addizionali: essendo una scuola piccola il personale ATA spegne luci e dispositivi elettrici a fine giornata con efficienza e puntualità. 3. Apparecchi elettrici Abitudini e sistemi di controllo La maggior parte deli apparecchi elettrici rimangono accesi, anche se non utilizzati e non hanno sistemi di controllo autmatici: pc, schermi, distributore automatico sono spesso stati trovati accesi. Si raccomanda quindi l installazione di un sistema di stand-by o di ibernazione nei pc. La fotocopiatrice invece è dotata di sistema di autospegnimento. 13

14 Apparecchi di riscaldamento/refrigerazione La scuola non ha condizionatori, in piena estate viene utilizzato a volte un ventilatore, ma solo quando le giornate sono torride e l aria naturale non è sufficiente. E inoltre presente un radiatore elettrico, utilizzato solo in caso di necessità. 4. Impianto di riscaldamento Caldaie e locali caldaie L edificio scolastico ha una sola caldaia centralizzata installata cinque anni fa; la caldaia si accende nei mesi invernali dalle 6.00 alle 16.00, mentre nei week-end il riscaldamento è ridotto al minimo. Le impostazioni della cladaia (temperature e orari) possono essere modificate solo da un tecnico esterno, ovvero l unico che può entrare nel locale caldaia; di conseguenza il controllo manuale al bisogno può essere effettuato solo mediante le valvole termostatiche, che però sono assenti nei radiatori delle aule, per sicurezza. Tipologia di riscaldamento e controlli Il riscaldamento avviene mediante radiatori; tutti sono dotati di mensole di copertura. In alcuni casi, però si sono trovati oggetti vari (libri, quaderni, ) o mobilio (banchi, sedie, )che coprono i radiatori. Non sempre l isolamento dei tubi è efficiente. Nelle giornate primaverili ma particolarmente calde (come quelle in cui sono avvenute alcune indagini), molte finestre erano aperte con il riscaldamento attivo. Temperatura e comfort La tabella sottostante mostra le temperature suggerite per le diverse tipologie di spazi presenti nella scuola. Inserire nella seconda colonna le temperature medie rilevate. Se esse sono più elevate di quelle suggerite, è possibile determinare il potenziale risparmio energetico; si ricorda come i consumi totali si riducono di un 8% per ogni grado in meno impostato nel termostato. Stanza/tipologia Temperatura suggerita Temperatura media rilevata Aule C 22 24% Direzione/segreteria C 20 8% Aula assemblea 16 C 18 16% Spogliatoi/corridoi 15 C 18 24% Laboratori C 18 0% Potenziale risparmio energetico 5. Ventilazione e isolamento Ventilazione Nelle aule scolastiche la ventilazione non è sempre adeguata: spesso nemmeno lasciare la porta aperta resolve la situazione; nei mesi a temperatura media/calda le finestre sono aperte già di prima mattina. 14

15 Isolamento struttura dell edificio I muri dell edificio sono costituiti da mattone pieno (40cm di spessore) nell area originaria, risalente ai primi dl 1900; nel 1970 è stata aggiunta l ala a Sud, costituita da muratura con intercapedini, senza isolante. Il tetto è a spiovente, senza isolante. Porte e finestre Le finestre hanno struttura in metallo e doppi vetri; i corridoi dell ala Sud hanno una parete di vetrate. In alcuni casi le porte sono danneggiate e le finestre hanno spifferi. Nelle giornate primaverili ma particolarmente calde (come quelle in cui sono avvenute alcune indagini), molte finestre erano aperte con il riscaldamento attivo. 6. Acqua Acqua calda L acqua calda è distribuita attraverso la caldaia centralizzata che distribiusce acua con una temperatura adeguata, inferiore a 60 C. Il boiler è correttamente isolato. Rubinetti e docce I rubinetti non sono dotati di regolatore di flusso: se ne raccomanda l installazione, dove possibile. Sono stati trovati rubinetti con perdite. Toilets Nei bagni non ci sono sistemi dual flush. 7. Energia rinnovabile La scuola non è dotata di impianti di energia rinnovabile e non se ne prevede l installazione, perché è previsto un cambio di sede; per la costruzione del nuovo edificio scolastico il Site Manager auspica la messa in atto di sistemi di costruzione eco-compatibili e a basso impatto ambientale. Bilancio energetico (indagine Analitica) Durante il periodo maggio-giugno 2013 abbiamo realizzato il bilancio energetico dell intera scuola, considerando i dati relativi agli anni I risultati emersi mostrano quanto calore entra nell edificio e quanto calore abbandona l edificio durante i mesi invernali. Partendo da questo risultato, siamo in grado di stabilire quanta energia è necessaria fornire all impianto di riscaldamento per mantenere, nell edificio scolastico, una temperatura confortevole. Principali risultati dell indagine: La quantità totale di energia che entra nell edificio, durante il periodo invernale, è pari a MJ. La quantità totale di energia che abbandona l edificio, durante il periodo invernale, è pari a MJ. Questo significa che abbiamo un deficit di energia pari a MJ. 15

16 Questa è l'energia richiesta dai nostri sistemi di riscaldamento per mantenere la scuola alla temperatura attualmente impostata: Gudagni di calore Guadagni calore solare Guadagni calore interno Guadagni di calore totali Perdite di calore MJ Perdite di calore attraverso i MJ muri MJ Perdite di calore attraverso le MJ finestre Perdite di calore attraverso i MJ solai Perdite di calore per MJ Bilancio ventilazione energetico MJ Perdite di calore totali MJ MJ La nostra strategia: idee, azioni e misure per un uso razionale dell energia A seguito delle indagini effettuate, è stato possibile costruire la nostra strategia attraverso la quale sono state proposte idee, azioni e misure per una gestione sostenibile dell edificio scolastico da un punto di vista energetico. Con alcune semplici misure, si possono avere impatti significativi nella riduzione della quantità di energia utilizzata dalla nostra scuola. Molti dei cambiamenti suggeriti nel presente report permetteranno di aumentare anche il livello di comfort all interno degli ambienti scolastici. Ci auguriamo pertanto che la direzione della scuola sia d accordo nell implementare alcune delle soluzioni di seguito proposte, in modo da rendere la scuola un ambiente che sia più confortevole, che promuova l apprendimento di pratiche energeticamente sostenibili, che sia meno costosa da gestire e che abbia un minore impatto sull ambiente! La nostra strategia è divisa in due linee d azione: - la prima prevede misure di risparmio energetico a costo basso o nullo, che possono essere realizzate in un tempo breve/medio e che incideranno principalmente sui nostri comportamenti; - la seconda prevede misure basate sull introduzione di misure a costo maggiore e anche con l ausilio tecnologico e dell innovazione a costo più elevato da realizzarsi nel medio/lungo termine. Al termine delle tre indagini i ragazzi del School Energy Management Team hanno lavorato in piccoli gruppi sul seguente esercizio di visione, attingendo idee e spunti dai dati raccolti, dagli appunti presi durante lezioni e dibattiti in classe e da articoli di giornale raccolti negli ultimi mesi da riviste e giornali: Immaginate come potrebbe essere gestita l energia nella vostra scuola nel 2025/2030 Di seguito sono riportati alcuni stralci dei lavori più significativi: 16

17 Analizzando attentamente le caratteristiche della nostra scuola si è riscontrato che la sua struttura non permette un risparmio energetico, in quanto ha delle perdite di calore e molti altri aspetti che non contribuiscono a limitare le spese energetiche. Secondo me bisogna apportare diverse modifiche all'interno della nostra scuola per migliorarne l'isolamento, il riscaldamento e l'illuminazione. Ecco alcune proposte: - Partendo dall'isolamento bisognerebbe modificare i serramenti, installando serramenti in pvc o legno in quanto hanno un alto potere isolante e bisognerebbe sostituire i vetri esistenti con vetri a triplo strato inserendoci all'interno del gas inertizzante. - Per quanto riguarda il riscaldamento ci sono molte cose da correggere in quanto noi non possiamo regolare la temperatura dell'ambiente a causa della mancanza delle valvole termostatiche nei termosifoni e ciò comporta gravi perdite di calore perché la temperatura dei caloriferi rimane costante nonostante non ce ne sia bisogno. - Per diminuire la perdita di calore bisognerebbe evitare di posizionare i termosifoni sotto le finestre, sotto davanzali o coperti da qualsiasi altro mobile d'arredo in quanto limitano la dispersione del calore. Per l'illuminazione bisognerebbe sostituire le attuali lampadine con lampadine a led perché più conveniente in quanto consuma molto meno. Oltre ad alcune spese per il cambiamento di alcuni apparecchi, per rendere la nostra scuola più efficiente bisognerebbe cambiare anche diverse abitudini e comportamenti degli alunni e dei docenti e del personale della scuola. Ecco alcuni consigli: spegnere le luci artificiale quando c'è abbastanza luce naturale da permettere di vedere tranquillamente ricordarsi di spolverare le lampadine in quanto lampadine impolverate emettono circa il 20% in meno di luce non lasciare accesi i computer dopo averli utilizzati ma metterli in stand-by o preferibilmente spegnerli finito l'utilizzo di qualsiasi apparecchio elettronico staccare la presa dalla corrente perché nonostante siano spenti i loro trasformatori assorbono energia evitare di aprire le finestre con i termosifoni accesi ma abbassare il riscaldamento una volta finito di utilizzare l'acqua nei bagni ricordarsi di chiuderla Per coinvolgere maggiormente gli alunni ed avere una scuola più efficiente si potrebbero organizzare alcune iniziative, dei progetti e dei concorsi. Si potrebbe eleggere una persona abbastanza responsabile per classe che controlli che i comportamenti sopra indicati vengano rispettati dai propri compagni, altre persone che si preoccupino di diffondere il messaggio del risparmio energetico tramite cartelloni sparsi per la scuola. Si potrebbero organizzare concorsi che spingano i ragazzi a pensare a come migliorare la propria scuola, facendoli immaginare e descrivere o disegnare la scuola sostenibile. Queste sono solo poche delle possibili cose che si potrebbero fare a livello scolastico per rendere consapevoli gli alunni della condizione di inquinamento del nostro mondo, ma anche solo sforzandosi di compiere queste iniziative si potrebbe avere una scuola più efficiente al cui interno studiano ragazzi maturi e capaci di comprendere ciò che succede attorno a loro. A me personalmente prendere parte a questo progetto è piaciuto molto. Secondo me è stata una cosa alternativa, che mai prima d'ora avevamo fatto nelle ore di lezione, ma che è stata utile in quanto mi ha fatto comprendere diverse cose molto importanti. È inoltre stato un modo diverso per apprendere il risparmio energetico coinvolgendo molto più che una normale lezione. Durante lo svolgimento di questo progetto ho imparato: che cos'è un risparmio energetico quali comportamenti mettere in atto per un risparmio energetico distinguere le componenti energetiche di un edificio Lo scopo di questo progetto era insegnare agli alunni a risparmiare energia, in quanto ormai, come tutti sappiamo, la sua disponibilità è sempre minore, e secondo me è stato utile perché adesso noi siamo consapevoli di cosa bisogna fare per migliorare le perdite energetiche di un edificio e siamo chiamati a metterle in atto. ASIA T. 17

18 ~ ~ ( ) Anche la nostra scuola può diventare più efficiente: utilizzando il programma Excel del test analitico abbiamo provato a variare i parametri che potrebbero essere causa di grande dispedio energetico, osservando come cambia di conseguenza il bilancio energetico. Variando, ad esempio il valore di temperatura interna da 22 C a 18 C, il bilancio energetico passa da MJ a MJ; abbiamo inoltre osservato che ciò che varia sono solo i dati relativi alle perdite di energia, e non ai guadagni, portando dunque a un notevole risparmio. Basterebbe quindi poter variare i valori di temperatura impostati sulla caldaia, diminuendo la temperatura media; visto che a volte però la scuola potrebbe risultare fredda, l ipotesi migliore sarebbe quella di poter intervenire direttamente, fornendo un termostato o rendendo possibile l accesso alla caldaia ad un membro dello staff scolastico. Abbiamo anche provato a variare il valore di trasmittanza termica (U) dei muri: valori più alti determinano una maggiore perdita di calore. Abbiamo quindi capito che il materiale utilizzato è importante e che bisognerebbe prediligere i materia li con U bassa, come muratura in mattoni pieni o cemento, entrambe con isolamento. Anche variando la trasmittanza delle finestre (U fin ), il bilancio energetico migliora; impostando i valori, ad esempio, relativi a finestre di legno con tripli vetri (Ufin= 1,4, contro i nostri 3,4) le perdite di calore relative alle finestre passano da MJ a MJ. I cambiamenti ipotizzati sono possibili sono nel primo caso, ovvero la diminuzione della temperature interne nei mesi invernali; negli altri casi il lavoro fatto è stato utile per capire quanto i materiali e le strutture siano determinanti per ottenere edifici con bassi sprechi energetici. ~ ~ 18

19 Asia, Chiara, Clarissa ed Elena hanno realizzato questo cartellone che illustra la Smart School di Lonate Ceppino nel La scuola è dotata di pannelli fotovoltaici e di ampie vetrate, protette da un tettuccio verde per impedire abbagliamenti e troppo calore. In corrispondenza di cinque finestre sono stati aggiunti disegni ripiegati, che, una volta aperti, illustrano cinque stanze fornite di accorgimenti volti al risparmio energetico: tripli vetri alle finestre; raccoglitori per la raccolta differenziata; radiatori con valvole termostatiche; pc in modalità sleep se non in uso; sistemi dual flush e sensori di flusso nei bagni; LIM, TV e tutti i dispositivi elettronici non in uso hanno prese di corrente staccate. 19

20 Abbiamo trasformato questa scuola in una scuola ecologicamente perfetta! La regola è consumare energia solo dove serve ~ ~ 20

21 Questo disegno raffigura una scuola del futuro, con accorgimenti strutturali che limitino gli sprechi e favoriscano il risparmio energetico: impianto fotovoltaico, pannelli per l acqua calda, tetto isolato per caldo e freddo, sistema di raccolta delle acque piovane per annaffiare il giardino, grosse finestre con doppi vetri e un locale caldaia accessibile. Non ho circondato la scuola né da altri edifici, né da alberi, per permettere una estesa illuminazione naturale. Ho anche immaginato l interno di un aula, con pareti chiare e luminose, riscaldamento a pavimento, luci a risparmio energetico e tablet su ogni banco (permettono il risparmio di carta), contenitori per la raccolta differenziata. Perla ~ ~ 21

22 .tutto questo dovrebbe insegnare a noi, generazione futura, che bisogna considerare tutto quello che è stato detto per avere un consumo energetico e un impatto ambientale accettabili. Certo ogni modifica apportata ha un suo costo ma si ottengono comunque buoni risultati. Ognuno di noi dovrebbe imparare a consumare solo l energia necessaria per soddisfare una esigenza, senza sprechi. Lasciare attive delle apparecchiature inutilizzate fa aumentare i consumi senza produrre nessun vantaggio. Questo è sprecare. Elena ~ ~ ( ) Secondo me trattare l argomento sul risparmio energetico è stato molto utile, perché ci ha aiutato a capire quali sono i comportamenti che andrebbero adottati e quali no. E stato anche molto importante insegnare queste cose a noi, che siamo la nuova generazione e potremmo mettere in atto tutti questi accorgimenti che aiuterebbero molto l ambiente a migliorare. Clarissa ~ ~ 22

TEACH 2: Report finale scuole IT

TEACH 2: Report finale scuole IT TEACH 2: Report finale scuole IT pag. 2 Indice 1. IL PROGETTO TEACH TWO ITALIA... 04 2. LE INDAGINI ENERGETICHE... 06 2.1 L indagine percettiva.... 07 2.2 L indagine critica..... 09 2.3 L indagine analitica.....

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore INTRODUZIONE Il lavoro svolto nel corso dell anno scolastico 2011/2012 da parte del Consiglio Comunale

Dettagli

Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro

Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro Manuale per un corretto uso dell energia negli ambienti di lavoro Il costo annuale dell energia per il Comune di Genova rappresenta oggi una delle voci più rilevanti del bilancio di parte corrente. La

Dettagli

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES

Risparmio Energetico. Manuale per il cittadino. Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES Risparmio Energetico Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES RISPARMIO ENERGETICO L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche di

Dettagli

LEZIONI CON GLI ESPERTI

LEZIONI CON GLI ESPERTI IL SOLE A SCUOLA PREMESSA In riferimento al Programma per la promozione dell energia solare del Ministero dell ambiente e della tutela del territorio e del mare-misura 2- Il sole a scuola l Istituto Comprensivo

Dettagli

Audit energetico termico della nostra scuola

Audit energetico termico della nostra scuola Audit energetico termico della nostra scuola Questionario di raccolta dati dell involucro e degli impianti termici del nostro edificio scolastico Il questionario qui riportato è destinato a raccogliere

Dettagli

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06

leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind1 1 21/02/2011 15.11.06 leaflet risparmio in casa OK.ind2 2 21/02/2011 15.11.06 IL RISPARMIO ENERGETICO IN CASA piccoli gesti, grandi vantaggi Il risparmio energetico è

Dettagli

PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA. In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi:

PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA. In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi: PARTE PRIMA: ANALISI ENERGETICA In particolare l attività è stata organizzata nelle seguenti fasi: Fase 1 : rilevazione dei consumi energetici termici ed elettrici; Fase 2 : rilevazione dei volumi e delle

Dettagli

Politiche locali per l efficienza negli edifici

Politiche locali per l efficienza negli edifici Politiche locali per l efficienza negli edifici LO STRUMENTO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO Giuliano Dall O Direttore Associazione Rete Punti Energia Milano Giovedi 11 novembre 2004 Centro Congressi Palazzo

Dettagli

CONOSCIAMO L'ENERGIA

CONOSCIAMO L'ENERGIA CONOSCIAMO L'ENERGIA dedicato alle scuole per far conoscere ai più piccoli l'energia, come usarla, come risparmiarla. Progetto ideato da: Marta Oriola Claudia Camera Deborah D'Emey LE FONTI DI ENERGIA

Dettagli

Contesto di riferimento. Descrizione

Contesto di riferimento. Descrizione EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI CONTENUTI: Contesto di riferimento. Descrizione delle tecnologie. Interventi sull involucro. Interventi sui dispositivi di illuminazione.

Dettagli

UNA CITTA DISERIE A++ Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli?

UNA CITTA DISERIE A++ Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli? UNA CITTA DISERIE A++ Classi 3B, 3 E LS, 4B LM, 3A LS Istituto Superiore Gobetti- Volta Come migliorare l efficienza energetica a scuola e nel Comune di Bagno a Ripoli? UNA CITTA DISERIE A++ Classi 3B,

Dettagli

Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2

Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2 Le regole per ridurre i consumi di energia e l emissione di CO2 Quanto male stiamo facendo al nostro bellissimo pianeta azzurro? Dagli ettari di foreste decapitate, alle stragi di tonni, all ennesima petroliera

Dettagli

come risparmiare... portello dell Energia Come risparmiare Sportello dell Ener sportello dell energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23

come risparmiare... portello dell Energia Come risparmiare Sportello dell Ener sportello dell energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 portello dell Energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 E Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 (Perugia) CONTATTI SPORTELLO: CONTATTI SPORTELLO: Mail: info.energia@comune.perugi Mail: info.energia@comune.perugia.it

Dettagli

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO

COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO COMFORT TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO NELLE CASE IN LEGNO Convegno PromoLegno Lecce 2 ottobre 2009 Erlacher Peter Naturno (BZ), Scuola Professionale per l Artigianato, Bolzano ISOLAMENTO E BENESSERE.

Dettagli

USO DELL ENERGIA ELETTRICA

USO DELL ENERGIA ELETTRICA USO DELL ENERGIA ELETTRICA Che cos è l energia elettrica? L'energia elettrica, in natura, si presenta sotto forma di scariche elettriche dei fulmini, e come tale non è sfruttabile per le attività umane,

Dettagli

AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO

AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO FASE 1a bollette e planimetrie AUDIT ENERGETICO EDIFICIO SCOLASTICO Scheda raccolta dati bollette del gas Inserire nelle caselle della tabella i dati di consumo di m 3 di gas metano per ciascuno dei mesi

Dettagli

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare

ITALTEC. Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici. Comune di. Scuola Elementare ITALTEC E N E R G I A S O S T E N I B I L E Programma per l ottimizzazione dei consumi energetici Comune di Scuola Elementare 2 di 13 Indice 1. La domanda 2. Il risparmio in 3 punti 2.1. Il controllo 2.2.

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2

trasporti il kit del risparmio trasporti dell effetto serra. Si calcola che negli ultimi 10 anni, le emissioni di CO 2 trasporti il kit del risparmio trasporti L automobile è, per il singolo come per la famiglia, la seconda voce di spesa dopo l abitazione, sia per l acquisto che per i consumi energetici. Rappresenta generalmente

Dettagli

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Gennaio 2010 GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Questa Guida è

Dettagli

+35 CLIMA INTERNO +30 +25 +20 +15 +10 -10 -15

+35 CLIMA INTERNO +30 +25 +20 +15 +10 -10 -15 +35 +30 +25 +20 +15 +10 +5 0-5 -10 CLIMA INTERNO -15 come calcolare il consumo mensile annotare su un quaderno le cifre NERE indicate nel contatore e sottrarre quelle segnate il mese precedente = 0,75

Dettagli

LE 10 REGOLE D'ORO DEL RISPARMIO ENERGETICO DOMESTICO

LE 10 REGOLE D'ORO DEL RISPARMIO ENERGETICO DOMESTICO LE 10 REGOLE D'ORO DEL RISPARMIO ENERGETICO DOMESTICO Come risparmiare energia in casa con piccoli gesti quotidiani DEI PICCOLI COMUNI DELL'OGLIO PO Premessa L allarmismo sulla salute del pianeta e sull

Dettagli

MODELLO DI ENERGY AUDIT

MODELLO DI ENERGY AUDIT MODELLO DI ENERGY AUDIT Modello di Energy Audit Work Package n : 4 Deliverable nº: 13 Partner coordinatore di questo deliverable: A.L.E.S.A. Srl The sole responsibility for the content of this publication

Dettagli

STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA. Provincia Regionale di Catania. Il Project Work

STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA. Provincia Regionale di Catania. Il Project Work STAFF DEL PRESIDENTE ASSESSORATO Ufficio Energia ALLE POLITICHE DELLA SCUOLA Provincia Regionale di Catania Il Project Work PROPOSTE PER IL PROJECT WORK N. TITOLO ATTIVITA Gli studenti effettueranno un

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. RIVA. School Energy Management Team Report

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. RIVA. School Energy Management Team Report ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. RIVA School Energy Management Team Report Saronno, 31/10/2013 1 Partner del Progetto Teach Two: Ecoazioni Consultancy (Italy) Severn Wye Energy Agency (UK) G. Falcone

Dettagli

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini

La bioclimatica nella storia. Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini La bioclimatica nella storia Corso Probios Carrara 16 settembre 2006 Arch. M. Grazia Contarini Le tecnologie solari attive e passive La prima crisi petrolifera mondiale (anni 70) ha portato a molte sperimentazioni

Dettagli

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale

CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CHECK LIST A SOSTENIBILITA DELLA VAS Art. 5.10 del Rapporto Ambientale CRITERI EDILIZI 1. Involucro Componenti dell involucro dotati di caratteristiche atte alla limitazione degli apporti solari estivi

Dettagli

INDICE. Gestione energia MY HOME 227

INDICE. Gestione energia MY HOME 227 226 MY HOME Gestione energia INDICE MY HOME Gestione energia Caratteristiche generali..................228 Termoregolazione..................... 236 Climatizzazione...................... 287 Visualizzazione

Dettagli

Liceo Scientifico statale F.Vercelli. Classe 1b PROGETTO ENERG/IO

Liceo Scientifico statale F.Vercelli. Classe 1b PROGETTO ENERG/IO Liceo Scientifico statale F.Vercelli Classe 1b PROGETTO ENERG/IO Un incrocio con tante strade domino Un puzzle in tanti pezzi, non ne devono mancare ENERG/IO è come... Una famiglia allargata Una pianta

Dettagli

Presentiamo adesso alcuni esempi di bioarchitettura con l utilizzo di sistemi solaripassivi

Presentiamo adesso alcuni esempi di bioarchitettura con l utilizzo di sistemi solaripassivi Alcuni esempi di sistemi solari passivi Il costruire ecosostenibile sta lentamente contribuendo a consolidare una nuova etica del fare moderno e a garantire il cosiddetto sviluppo sostenibile, in quanto

Dettagli

Il fenomeno condensa

Il fenomeno condensa Il fenomeno condensa La condensa è un fenomeno naturale molto frequente e presente in vari tipi di abitazioni; è un fenomeno piuttosto fastidioso ed insidioso, anche perché comporta effetti negativi dannosi

Dettagli

A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI!

A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI! A CORTO DI IDEE? LASCIATEVI ISPIRARE DA QUESTI ESEMPI! Questa lista è uno strumento creato per aiutarvi a realizzare la vostra campagna ENGAGE. Essa contiene esempi di impegni per ispirare i partecipanti

Dettagli

sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio

sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio Una giornata da lavoratore sostenibile Cosa può fare ognuno di noi per il risparmio energetico in ufficio Una giornata da lavoratore sostenibile La partenza da casa In ufficio La pausa pranzo Si torna

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE SINTETICA

RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE SINTETICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI FISICA TECNICA RISULTATI DELLA RICERCA CONDOTTA PER CPFILMS SOLUTIA UK LTD: ANALISI ENERGETICA E DI COMFORT SULL EDIFICIO MG TOWER DI PADOVA. RELAZIONE

Dettagli

CORSO E-LEARNING. (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni

CORSO E-LEARNING. (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni CORSO E-LEARNING LEZIONE 9 Indice (2) Esercitazione generale: osserva, calcola, intervieni Note sui diritti d autore Il presente manuale contiene materiale didattico realizzato per il Progetto IUSES Intelligent

Dettagli

MERCOLEDI 26 GIUGNO 2013

MERCOLEDI 26 GIUGNO 2013 Comune di Mirano Provincia di Venezia MERCOLEDI 26 GIUGNO 2013 LE LEGGI DELLA FISICA E DELLA TERMODINAMICA CI INSEGNANO CHE IL CALORE VA DA UN CORPO PIU CALDO AD UNO PIU FREDDO 20 C 26 C LO SCAMBIO

Dettagli

Diagnosi energetica degli edifici

Diagnosi energetica degli edifici Diagnosi energetica degli edifici Che fare? Consigli preliminari Prima di qualsiasi intervento rivolto a migliorare l edificio si consiglia di compiere una diagnosi completa delle prestazioni energetiche

Dettagli

Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare...

Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare... Non sprecare vuol dire innanzitutto risparmiare... Alcuni consigli pratici su come ridurre i consumi energetici in casa risparmiando sulla bolletta ma soprattutto rispettando il nostro ambiente. www.gesiservizi.it

Dettagli

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA Il futuro è nelle vostre mani Cosa si intende per efficienza energetica? La definizione efficienza energetica indica una serie di azioni di programmazione, pianificazione

Dettagli

PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO

PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO PIANO DI RISPARMIO ENERGETICO AZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LA SOSTENIBILITÀ DEI CONSUMI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO E LA SOSTENIBILITÀ DEI CONSUMI NELLA PUBBLICA

Dettagli

ELABORAZIONE DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO PER L ANALISI DEGLI STILI DI VITA ENERGETICI DEI CITTADINI DI ROMANO DI L. E CIVIDATE AL P.

ELABORAZIONE DELLE RISPOSTE AL QUESTIONARIO PER L ANALISI DEGLI STILI DI VITA ENERGETICI DEI CITTADINI DI ROMANO DI L. E CIVIDATE AL P. COMUNE DI ROMANO DI LOMBARDIA COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) PER I COMUNI DI ROMANO DI LOMBARDIA E CIVIDATE AL PIANO NEL CONTESTO DELL ADESIONE AL PATTO DEI

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

VALVOLE TERMOSTATICHE E RIPARTITORI DI CALORE.

VALVOLE TERMOSTATICHE E RIPARTITORI DI CALORE. 2016 VALVOLE TERMOSTATICHE E RIPARTITORI DI CALORE. NOSTRI CLIENTI CHIEDONO Due fra le domande più frequenti che vengono sottoposte al nostro ufficio tecnico da parte dei nostri clienti sono le seguenti:

Dettagli

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF

I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF I.C. Sorelle Agazzi Scuola secondaria di primo grado Rodari Via Gabbro 6/a MI Classe 1 C A.S. 2011/2012 Progetto: Cart anchio a cura del WWF Se Tutto Fosse Costruito Così... La nostra classe con la Professoressa

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

ENERGICA-MENTE! Per scoprire l impatto ambientale dei nostri comportamenti. Classe 5 B Scuola Primaria di Villamarina, Cesenatico

ENERGICA-MENTE! Per scoprire l impatto ambientale dei nostri comportamenti. Classe 5 B Scuola Primaria di Villamarina, Cesenatico ENERGICA-MENTE! Per scoprire l impatto ambientale dei nostri comportamenti Classe 5 B Scuola Primaria di Villamarina, Cesenatico Campagna M ILLUMINO DI MENO Radio 2 CATTERPILLAR 2011 18 febbraio 2011:

Dettagli

Schwank riscaldatori a raggi infrarossi Principio e funzionamento

Schwank riscaldatori a raggi infrarossi Principio e funzionamento Schwank riscaldatori a raggi infrarossi Principio e funzionamento Il sole: il riscaldatore più naturale del mondo Calore a infrarossi per il massimo comfort Noi abbiamo derivato il principio dei nostri

Dettagli

Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve. Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico

Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve. Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico Istituto Superiore Ernesto Balducci Pontassieve Il sole a scuola: Un occasione per promuovere il risparmio energetico Analisi della situazione attuale Fra le fonti di spreco energetico all interno della

Dettagli

Principali aspetti del Progettare una scuola

Principali aspetti del Progettare una scuola Principali aspetti del Progettare una scuola Contesto ambientale e orientamento dell edificio Aspetti distributivi e funzionali Comfort e benessere psico-fisico Aspetti gestionali di un edificio scolastico

Dettagli

Con una CasaClima: Le spese di riscaldamento sono più basse; Il benessere abitativo aumenta; Si contribuisce alla tutela del clima e dell ambiente.

Con una CasaClima: Le spese di riscaldamento sono più basse; Il benessere abitativo aumenta; Si contribuisce alla tutela del clima e dell ambiente. Con CasaClima si intende un abitazione progettata e costruita per ottenere un significativo risparmio energetico, rispetto ad un edificio tradizionale. Oltre al benessere CasaClima comporta anche risparmio

Dettagli

M illumino di meno 2012

M illumino di meno 2012 M illumino di meno 2012 Anche per il corrente anno scolastico la Scuola Media aderisce all iniziativa Mi illumino di meno finalizzata al risparmio energetico. La sostenibilità infatti non è soltanto una

Dettagli

SEMPLICE MENTE ENERGIA

SEMPLICE MENTE ENERGIA SEMPLICE MENTE ENERGIA NOI SIAMO ENERGIA L affermazione siamo fatti di energia è ormai diventata assunto scientifico. Ed al di là di quanto affermato da scienziati e filosofi, conosciamo molto bene, per

Dettagli

Impianto di ventilazione: la casa respira da sola

Impianto di ventilazione: la casa respira da sola minergie Impianto di ventilazione: la casa respira da sola I moderni edifici provvisti di sistemi di aerazione garantiscono un clima abitativo o lavorativo confortevole, sano e aria sempre fresca nei locali;

Dettagli

Progetto Risparmio Enegetico. Progetto Risparmio Enegetico

Progetto Risparmio Enegetico. Progetto Risparmio Enegetico Sommario 1.Tempi di riscaldamento 2.Tipologie 3.Installazione 4.Benefici 5.L irraggiamento 6.L Isolamento Termico 7.Dati Lo scopo principale del Pannello Solare Termico è quello di trasformare l energia

Dettagli

adesso riparmierete il 30% con le nuove apparecchiature Ecofanseason 60-100 - 150

adesso riparmierete il 30% con le nuove apparecchiature Ecofanseason 60-100 - 150 basta buttare soldi per riscaldarsi e rinfrescarsi adesso riparmierete il 30% con le nuove apparecchiature Ecofanseason 60-100 - 150 detraibile al 100% consumano?(quando in funzione) meno di una lampadina

Dettagli

All attenzione di Tutti i Docenti della Scuola Secondaria di Primo Grado E. Pistelli In particolare ai docenti di Tecnologia, Matematica e Scienze

All attenzione di Tutti i Docenti della Scuola Secondaria di Primo Grado E. Pistelli In particolare ai docenti di Tecnologia, Matematica e Scienze Circ... All attenzione di Tutti i Docenti della Scuola Secondaria di Primo Grado E. Pistelli In particolare ai docenti di Tecnologia, Matematica e Scienze Oggetto: Adesione dell Istituto all iniziativa

Dettagli

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI

Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI Capitolo 5 AULE DIDATTICHE, UFFICI ED AMBIENTI DIVERSI 5.1. Ambienti didattici 5.2. Aree per attività fisiche 5.3. Laboratori 5.4. Uffici Capitolo 5 - Rev. 02 26/09/2014 - pag. 1 di 5 5.1. AMBIENTI DIDATTICI

Dettagli

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella Sede centrale I Guzzini Giorni/ Ore d impiego: 9 ore Progettisti: Studio di Architettura Mario Cucinella Ingegneri: Studio di Architettura Mario Cucinella Sorgenti di energia: Ventilazione naturale Copertura

Dettagli

ITALTEC E N E R G I A S O S T E N I B I L E

ITALTEC E N E R G I A S O S T E N I B I L E ITALTEC E N E R G I A S O S T E N I B I L E ENERGIA SOSTENIBILE REV. 00 2 di 8 I N D I C E La domanda.. 3 Il risparmio in 3 punti. 3 Il controllo.. 3 La manutenzione. 3 Il rendimento.. 3 La gestione energia

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

La Produzione e distribuzione dell energia

La Produzione e distribuzione dell energia ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI - PLESSO B.Croce - TORINO APPUNTI DI TECNOLOGIA La Produzione e distribuzione dell energia A.S. 2015-2016 LUMINOSA TERMICA LE FORME DELL ENERGIA MECCANICA ELETTRICA CHIMICA

Dettagli

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI

MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI MANUALE DEI COMPORTAMENTI ECO-SOSTENIBILI Come tutelare l ambiente ed accrescere lo sviluppo sostenibile attraverso i nostri comportamenti quotidiani Il manuale che state per leggere intende promuovere

Dettagli

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO

ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO ALLEGATO 2 REQUISITI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO 1. Requisiti in capo al Responsabile ambientale 1.1 Generale REQUISITI OBBLIGATORI SI NO O1 O2 O3 O4 È stato nominato un responsabile ambientale

Dettagli

ANPE - 2a Conferenza Nazionale

ANPE - 2a Conferenza Nazionale 2a Conferenza Nazionale Poliuretano Espanso Rigido ISOPA Passive House Vanessa Pereira Technical Officer Bologna, 26 Maggio 2015 Passive House I vantaggi chiave Progettata come nearly zero energy building

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO Edifici comunali in rete CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA La riqualificazione

Dettagli

prima della ristrutturazione 3.172 m² dopo la ristrutturazione

prima della ristrutturazione 3.172 m² dopo la ristrutturazione Buone pratiche: realizzazione in Polonia "Dąbka" dopo la ristrutturazione prima della ristrutturazione Informazioni generali Tipica costruzione degli anni settanta realizzata a blocchi, con struttura in

Dettagli

Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento

Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento Introduzione alla contabilizzazione del calore Il riscaldamento è una fra le più rilevanti

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

COME RISPARMIAME ENERGIA. Con il gran caldo la domanda più ricorrente è: Come è possibile risparmiare con il condizionatore?

COME RISPARMIAME ENERGIA. Con il gran caldo la domanda più ricorrente è: Come è possibile risparmiare con il condizionatore? COME RISPARMIAME ENERGIA Alcuni consigli sull uso del climatizzatore: Con il gran caldo la domanda più ricorrente è: Come è possibile risparmiare con il condizionatore? La maggior parte delle persone,

Dettagli

Guida per risparmiare con il teleriscaldamento. Utenze domestiche

Guida per risparmiare con il teleriscaldamento. Utenze domestiche Guida per risparmiare con il teleriscaldamento Utenze domestiche Che cos è il teleriscaldamento Il teleriscaldamento è un moderno sistema per fornire il riscaldamento, l acqua calda e, in certi casi, il

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%.

Tetto isolato e ventilato. Tutti questi interventi possono beneficiare delle detrazioni fiscali del 55%. 1. Diagnosi energetica La prima cosa da fare è ovviamente la diagnosi energetica dell edificio, sia sotto il profilo energetico che del comfort ambientale. La diagnosi dell edificio è necessaria per valutare

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI. A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato

GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI. A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato GREEN SCHOOLS DUCA DEGLI ABRUZZI A cura di: Marco Scremin, Marco Nieri, Nicolò Boato Illuminazione e risparmio energetico a scuola In cosa è consistita l attività? Nell ambito del progetto Green Schools

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

AUTODIAGNOSI ENERGETICA

AUTODIAGNOSI ENERGETICA AUTODIAG ENERGETICA Puoi fare una prima verifica delle prestazioni energetiche della tua impresa attraverso un autodiagnosi. Ecco una check list per identificare abitudini e comportamenti non corretti

Dettagli

eihp Sistemi integrati con pompa di calore

eihp Sistemi integrati con pompa di calore eihp Sistemi integrati con pompa di calore CHI SIAMO Eneray è una innovativa iniziativa di impresa con solide basi industriali alle spalle. Eneray è stata fondata da un team di ingegneri e imprenditori

Dettagli

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO Si valuta tramite un indice di prestazione energetica, EPi, definito come: L unità di misura indicata, kwh/(m²

Dettagli

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia

Qualità ambientale esterna. Qualità degli ambienti di vita. Salute. Tutela delle risorse. Pratiche e regolamenti per una buona edilizia Pratiche e regolamenti per una buona Regolamento per l l sostenibile ed il risparmio energetico Comune di Altopascio Arch. Lucia Flosi Cheli 20 novembre 2013 Aspetti relativi alla buona previsti dal regolamento

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

Scuola: Classe: Data:

Scuola: Classe: Data: L Agenda 21 Locale dei Comuni di Gorle, Nembro, Ranica e Torre Boldone Questionario di indagine ambientale Scuola: Classe: Data: Di solito in che modo o con che mezzo vieni a scuola? (scegliere max 1 risposta)

Dettagli

Comportamenti Sostenibili

Comportamenti Sostenibili Comportamenti Sostenibili Manuale per il cittadino Piano d Azione per l Energia Sostenibile PAES COMPORTAMENTI SOSTENIBILI L Amministrazione Comunale di Cinisello Balsamo persegue ormai da molti anni politiche

Dettagli

Chi l ha detto che la qualità costa cara?

Chi l ha detto che la qualità costa cara? Chi l ha detto che la qualità costa cara? al giusto prezzo bella e green Casadieci è il frutto di un lungo e attento studio delle migliori tecniche e materiali che è oggi possibile impiegare nelle costruzioni

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 2011-2012

Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 2011-2012 Quanto risparmi ABILE sei? Esiti totali del questionario proposto agli alunni della terza media delle tre sedi nell anno scolastico 211-212 La Scuola Media, da sempre sensibile alla difesa dell ambiente

Dettagli

- - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - -

- - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - - - - NATALE E RISPARMIO ENERGETICO - - Nel periodo compreso tra i mesi di novembre e gennaio di ogni anno vengono ormai sempre più gioiosamente installate nelle nostre case decorazioni luminose natalizie

Dettagli

La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto

La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto La casa domotica: i vantaggi e i costi di realizzazione dell impianto Oggi si sente parlare sempre più spesso di case domotiche. Ma cos è esattamente la casa domotica? Come funziona? Quali sono i suoi

Dettagli

Il risparmio energetico 10 interventi per risparmiare energia

Il risparmio energetico 10 interventi per risparmiare energia ECONOMIE DI SOPRAVVIVENZA Il risparmio energetico 10 interventi per risparmiare energia Casale Monferrato, 19 02 2015. ing. Paola Capra COSA FA L EUROPA? Consumo finale di energia per abitante (2009) La

Dettagli

Guida per principianti all Illuminazione a basso consumo

Guida per principianti all Illuminazione a basso consumo Guida per principianti all Illuminazione a basso consumo Perché informarsi sull illuminazione a basso consumo nella vostra casa? È stato stimato che trascorriamo fino al 90% della nostra vita al chiuso

Dettagli

Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare...

Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare... EZZOLOMBARDO Una filosofia costruttiva che guarda al futuro Cos è liberi nel verde Progettiamo e costruiamo per farvi vivere ed abitare... È una filosofia d avanguardia, per un abitazione che guarda al

Dettagli

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 Indice Efficienza Energetica negli Edifici o Infissi esterni o Progettazione bioclimatica o Consigli per incrementare l efficienza energetica Note sui diritti d autore Il presente

Dettagli

LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO Novembre 2013 LA DOMOTICA PER IL RISPARMIO ENERGETICO Con i dispositivi domotici del sistema Chorus di GEWISS è possibile ridurre il consumo di elettricità, gas e acqua del 30% e aumentare il livello di

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO

IL RISPARMIO ENERGETICO IL RISPARMIO ENERGETICO L aumento della popolazione e lo sviluppo del benessere pongono il problema di una crescente richiesta di energia. La società umana esige per la sua stessa esistenza un flusso affidabile

Dettagli

Aumentando la temperatura del condizionatore d aria di un solo grado puoi ridurre il consumo energetico fino al 15 per cento.

Aumentando la temperatura del condizionatore d aria di un solo grado puoi ridurre il consumo energetico fino al 15 per cento. Question & Answer Sheet on cooling this summer Italian Domande e risposte sul raffreddamento questa estate Invece di usare i condizionatori d aria per raffreddare gli ambienti, quale sarebbe un alternativa

Dettagli

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente.

Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Smart grids e contatori elettronici. La rete elettrica del futuro è intelligente. Come funzionano le smart grids Le smart grids La rete elettrica intelligente In un futuro non troppo lontano la rete elettrica

Dettagli

ALLEGATO A Descrizione dei percorsi

ALLEGATO A Descrizione dei percorsi ALLEGATO A Descrizione dei percorsi I percorsi proposti si sono differenziati a seconda del livello scolastico, mantenendo lo scopo di sensibilizzare i giovani (e indirettamente le loro famiglie) e di

Dettagli

9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA

9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA 9. PARCO AUTOSUFFICIENTE E FONTE ENERGETICA Dal punto di vista energetico si prevede che il Centroparco oltre ad essere autosufficiente, sia anche fonte di energia per i nuovi insediamenti residenziali

Dettagli

Questionario di consapevolezza

Questionario di consapevolezza Questionario di consapevolezza Il presente questionario è stato ideato come strumento per permettere al cittadino di acquisire consapevolezza sulle prestazioni energetiche di massima della propria abitazione.

Dettagli

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi

Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Un modello per la riqualificazione energetica dell edilizia pubblica: opportunità, applicazioni e risultati attesi Luigi Guerra, Ufficio Energia di Acer Reggio Emilia Alcuni numeri Il settore civile è

Dettagli