ICRAM Istituto Centrale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica Applicata al Mare, Via di Casalotti, Roma, Italia.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ICRAM Istituto Centrale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica Applicata al Mare, Via di Casalotti, 300-00166 Roma, Italia. am.cicero@icram."

Transcript

1 Biol. Mar. Medit. (2006), 13 (1): A. Scarpato, P. Giordano, E. Calabretta, G. Romanelli, M. Amici, E. Amato, A.M. Cicero ICRAM Istituto Centrale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica Applicata al Mare, Via di Casalotti, Roma, Italia. SVILUPPO DI UNA RETE DI SORVEGLIANZA DELLA QUALITÀ DELLE ACQUE MARINO-COSTIERE DEL MEDITERRANEO NORD OCCIDENTALE ATTRAVERSO L USO DI BIOINDICATORI (MUSSEL WATCH ATTIVO): APPROCCIO METODOLOGICO E RISULTATI PRELIMINARI DELLE INDAGINI SVOLTE LUNGO LE COSTE LIGURI E TOSCANE DEVELOPMENT OF A SURVEILLANCE NETWORK OF COASTAL MARINE WATER QUALITY OF THE NORTH WEST MEDITERRANEAN SEA THROUGH BIOINDICATORS (ACTIVE MUSSEL WATCH): A METHODOLOGICAL APPROACH AND PRELIMINARY RESULTS OBTAINED FROM THE INVESTIGATIONS ALONG LIGURIAN AND TUSCANIAN COASTS Abstract ICRAM with IFREMER and other European Institutes of Research is working on an Internationl Research Project, MYTILOS, whose purpose is to evaluate chemical contamination in marine costal water of the North West Mediterranean Sea. This study is carried out using a sentinel organism such as mussel (Mytilus galloprovincialis). One time a year during the sexual dormiency, mussels are transplanted from a contamination-free area to the survey stations along the West mediterranean coast. They are immersed in cages for twelve weeks in the investigation sites. Once the mussels are recovered biometric measures and chemical analyses are performed. Chemical analyses are regarding to the determination of pollutants strictly connected to the industrial activity (TPH, PAH, PCBs and heavy Metals), agriculture (Pesticides and Metals) and urban wastes (Surfactants). A methodological approach and the preliminary results regarding PCBs and pesticides analyses are presented. Key-word: bioaccumulation, Mytilus galloprovincialis, PCBs, pesticides. Introduzione L ICRAM in collaborazione con IFREMER ed altri istituti di ricerca Francesi, Spagnoli ed Italiani è impegnato in un Progetto di Ricerca Internazionale denominato MYTILOS, per la valutazione dei livelli di contaminazione da agenti chimici delle acque marino-costiere del Mar Mediterraneo Occidentale attraverso l impiego di organismi sentinella quali i mitili (Mytilus galloprovincialis Lam.). Tale attività si inserisce all interno del programma multidisciplinare di ricerca denominato MEDICIS che ha l obiettivo di individuare le sorgenti, lo stato e il divenire dei contaminanti, coerentemente con quanto indicato nella Direttiva Quadro sulle acque dell UE (2000/60/CE) per la protezione dell ambiente marino contro l inquinamento da sostanze chimiche. Il progetto MYTILOS consiste nel trapianto di mitili da aree imperturbate a

2 424 A. Scarpato, P. Giordano, E. Calabretta, G. Romanelli, M. Amici, E. Amato, A.M. Cicero siti di indagine posizionati lungo le coste del Mediterraneo Occidentale al fine di effettuare, su questi, indagini biologiche e chimiche. Quest ultime riguardano la determinazione analitica di inquinanti connessi alle attività industriali (Idrocarburi Totali, IPA, PCB s e Metalli), alle attività agricole (Pesticidi e Metalli) e agli scarichi urbani (Tensioattivi) nei tessuti di questi organismi. Il Mussel Watch è un approccio metodologico, introdotto negli anni 70 da Goldberg (Goldberg, 1975), da anni utilizzato nell ambito di programmi internazionali di monitoraggio (Phillips e Segar, 1986; de Kock e Kramer, 1994; O Connor et al., 1994). Il Mussel Watch Attivo (Andral, 2004), applicato in questo progetto di ricerca, contiene dei caratteri di innovazione riassumibili in quattro punti fondamentali: 1. il trapianto Monitoraggio dei mitili delle avviene acque marino-costiere modo altamente mediante standardizzato Mussel Watch Attivo utilizzando metodi di posa e recupero veloci ed efficaci; 2. tutti i mitili provengono da allevamenti situati in aree imperturbate risultando omogenei in termini di taglia e stato metabolico; 3. gli organismi vengono trapiantati in gabbie, affondate al di sotto della quota di navigazione riducendone il rischio di perdita connesso alla navigazione ed al vandalismo. Possono, inoltre, essere immersi anche a grandi profondità (fino a 100 m) dando risultati attendibili sotto il punto di vista della capacità di biaccumulo come evidenziato nell ambito del programma RINBIO (Andral e Stanisière, 1999); Fig. 1 - Fig Stazioni 1 - Stazioni di posa di posa Laying Laying sites. sites. 4. i dati di concentrazione vengono elaborati statisticamente sulla base dei dati biometrici rilevati alla fine del periodo di posa (12 settimane) e attraverso la

3 Monitoraggio delle acque marino-costiere mediante Mussel Watch Attivo 425 determinazione analitica del contenuto lipidico. Questo permette di considerare la variabilità dovuta al diverso stato trofico delle acque dei siti d indagine. Vengono qui presentati i risultati relativi ai PCB s e ai Pesticidi della campagna 2004 che ha interessato per l Italia le coste liguri e toscane (Fig. 1). Sono state posizionate 13 gabbie in siti significativi per la diversa tipologia di possibile contaminazione, tra cui uno corrispondente al relitto della VLCC (very large crude carrier) Haven ed uno di bianco corrispondente all isola di Giannutri. Materiali e metodi Organismi Tutti i lotti di mitili (Mytilus galloprovincialis Lam.) sono stati prelevati da un allevamento marino francese in località Aresquiers in Languedoc-Roussillon, zona indenne dall impatto antropico come risulta dalle precedenti attività di monitoraggio. Per garantire l omogeneità dei lotti, è stata scelta una taglia per individuo di circa 50 mm corrispondente ad individui di circa 18 mesi. Ogni lotto, composto da 3 kg di mitili, è stato stoccato all interno di una gabbia costituita da una sacca da molluschicoltura A. SCARPATO, P. (Fig. P. GIORDANO, 2). Ogni E. CALABRETTA, gabbia è G. stata ROMANELLI, posizionata M. AMICI, nello E. AMATO, specifico sito di indagine rimanendo in immersione A.M. per CICERO un periodo di 12 settimane. Il periodo prescelto per l immersione è stato tra la fine di aprile e le prime due settimane di luglio. Tale periodo è ritenuto ottimale in quanto gli animali in tarda primavera dispongono di sufficienti riserve energetiche e sono quindi meno suscettibili agli stress ambientali. Inoltre, si trovano nella fase di dormienza sessuale che garantisce una maggiore stabilità metabolica (l accrescimento gonadico può infatti rappresentare un fattore in grado di influenzare fortemente la concentrazione tissutale di molti contaminanti). Fig Gabbie di di posa. Fig. 2 - Gabbie di posa. Laying sites. Laying sites. Fig Vasca vivaio. Fig. 3 - Vasca vivaio. Vivaio tank. Vivaio tank. Allestimento delle strutture di immersione Ciascuna struttura (gabbia) è costituita da una sacca da molluschicoltura legata ad una zavorra di 30 Kg, mantenuta a mezza acqua ad una profondità di

4 426 A. Scarpato, P. Giordano, E. Calabretta, G. Romanelli, M. Amici, E. Amato, A.M. Cicero 10 m tramite una boa galleggiante di 10 litri di volume (Fig. 4). Le esperienze precedenti hanno dimostrato che questo tipo di struttura resiste bene alle varie condizioni meteo-marine. Per contro risulta evidentemente vulnerabile alla pesca a Monitoraggio strascico delle e quindi acque marino-costiere alcuni mediante casi le Mussel strutture Watch Attivo sono state triplicate nelle aree considerate a rischio privilegiando, dove possibile, pose in ambienti protetti (es. relitti). Operazione di posa Il posizionamento delle strutture (Fig. 4) è stato effettuato con l ausilio della Nave Oceanografica L EUROPE (IFREMER/ICRAM), sul cui ponte era posizionata una vasca vivaio (Fig. 3) di 3.5 m 3 che garantiva le idonee condizioni di vita degli animali per tutta la durata della campagna. Fig. 4 - Struttura di immersione. Fig. 4 - Struttura Structure di immersione. of immersion. Structure of immersion. Operazione di recupero L individuazione della posizione precisa delle gabbie è stata realizzata mediante l utilizzo integrato della strumentazione di bordo (GPS differenziale, carte georeferenziate e pinger). Il recupero è stato effettuato mediante operatore subacqueo o tramite tangoni laterali ai quali è stata assicurata una cima zavorrata (Fig. 5). Trattamento dei campioni Per ciascuna gabbia si è proceduto alle seguenti operazioni: - misura della percentuale di mortalità dei mitili recuperati; - prelievo casuale di 15 molluschi per le misure biometriche (misurazione della Fig. 5 - Ricostruzione schematica del recupero. Schematic reconstruction of the cages recovery.

5 Monitoraggio delle acque marino-costiere mediante Mussel Watch Attivo 427 lunghezza e dell altezza della conchiglia mediante un calibro); - gli stessi 15 molluschi, prelevati per le misure biometriche sono stati utilizzati per il calcolo dell Indice di Condizione: le sole conchiglie pulite internamente ed esternamente sono state essiccate in stufa a 60 C per 48 ore e quindi pesate. Le carni separate sono state anch esse seccate e pesate. Preparazione di pool di mitili per le analisi chimiche: separazione delle carni dalle conchiglie di un numero di individui (15-20) tali da raggiungere la quantità necessaria Fig. 4 - Struttura per di effettuare immersione. le analisi; stoccaggio dei mitili a 20 C fino al trasporto in laboratorio; Structure of liofilizzazione immersion. delle carni; pesata delle carni prima e dopo la liofilizzazione per calcolare il contenuto d acqua. Fig. 5 - Ricostruzione schematica del recupero. Fig. 5 - Schematic Ricostruzione reconstruction schematica of the cages del recupero. recovery. Schematic reconstruction of the cages recovery. Analisi dei composti organoclorurati I PCB s ed i Pesticidi clorurati analizzati sono stati: PCB 31, 28, 52, 35, 101, 118, 153, 105, 138, 156, 180, γ-hch, DDT, DDD, DDE. L estrazione dei composti organici è stata effettuata sul liofilizzato mediante Estrattore Accelerato con Solvente (Dionex, Application note 322) e l estratto è stato purificato su Florisil (EPA Method 3620b). La determinazione strumentale è stata effettuata mediante un Gas-cromatografo con rivelatore ECD HP 5890 serie II con colonna Ultra 2 e un Gas Cromatografo Agilent Technologies 6890 con rivelatore a Spettrometria di Massa MSD 5973 N EI con colonna DB XLB. La validazione del metodo è stata effettuata mediante l utilizzo di Materiali Standard di Riferimento: SRM NIST e IAEA 142 (organics in mussel tissue). Analisi della frazione lipidica A causa della spiccata tendenza dei composti organici analizzati di accumularsi nei tessuti grassi è stata effettuata la determinazione gravimetrica della frazione lipidica estraibile (Dionex, Application note 337). Un aumento della frazione lipi-

6 428 A. Scarpato, P. Giordano, E. Calabretta, G. Romanelli, M. Amici, E. Amato, A.M. Cicero dica, infatti, può accrescere la capacità di bioaccumulo di tali composti da parte degli organismi in esame (Hess et al., 1995). Indice di condizione Il rapporto tra il peso secco della carne e il peso secco delle conchiglie è stato calcolato per determinare l Indice di Condizione (IC). Lo stato di crescita degli individui è stato valutato attraverso l analisi dell IC che risulta positivamente correlato con le concentrazioni rilevate di questo tipo di contaminanti (Andral et al., 2004). Risultati Il contenuto lipidico nei pool di campioni analizzati risulta piuttosto omogeneo tra le varie stazioni. Ciò ci consente di analizzare i dati tal quali senza normalizzarli rispetto alla frazione lipidica (Tab. 1). Tab. 1 - Concentrazioni di PCB s e pesticidi in ng/g di carne secca rilevate lungo le coste liguri e toscane. Levels of PCB s and DD s in ng/g of dry flesh along Ligurian and Tuscanian marine coasts. Imperia Zinola Haven Cornigliano Santa Margherita Punta S. Pietro Forte dei Marmi Livorno Porto Porto Ferraio Piombino Ombrone Porto S. Stefano Giannutri PCB 28 n.d. n.d. n.d. 0,80 0,79 n.d. n.d. n.d. 0,89 n.d. n.d. 0,47 0,24 PCB 31 0,48 0,72 0,28 0,34 0,53 0,64 0,81 n.d. 0,80 0,85 n.d. 0,61 0,93 PCB 52 2,68 3,58 3,55 2,31 1,07 1,91 0,95 0,63 0,63 n.d. n.d. n.d. n.d. PCB 35 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 0,46 n.d. n.d. n.d. PCB 101 3,15 6,96 4,97 3,77 2,86 3,38 4,47 3,26 1,63 2,50 0,50 0,99 0,55 PCB 118 n.d. 5,95 n.d. 3,75 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 0,41 n.d. n.d. n.d. PCB 153 6,23 15,02 13,64 7,94 6,90 8,85 8,90 7,27 7,35 5,60 2,60 2,07 3,58 PCB 105 1,04 1,88 1,62 1,22 0,81 1,04 1,16 0,86 0,60 0,13 n.d. 0,48 0,62 PCB 138 4,85 12,45 8,56 6,32 5,55 1,99 8,60 4,21 4,90 4,23 1,90 2,67 3,42 PCB 156 0,24 0,74 0,46 0,32 n.d. 0,30 0,49 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. PCB 180 0,52 1,34 0,79 0,62 0,46 0,59 0,55 0,67 0,65 0,68 0,26 n.d. 1,26 PCBtot 19,19 48,64 33,86 27,39 18,97 18,70 25,93 16,91 17,46 14,88 5,26 7,28 10,60 LINDANE n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 0,54 0,55 0,57 0,34 1,23 0,94 0,65 0,82 o, p DDE 0,32 n.d. n.d. 0,15 0,19 0,37 0,26 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. p, p DDE 2,76 2,70 2,80 1,62 2,50 2,76 5,08 2,30 1,50 1,25 1,09 1,18 2,21 o, p DDD 0,93 n.d. n.d. 0,63 1,01 n.d. 1,55 0,71 0,94 0,95 0,26 0,35 0,86 p, p DDD 2,01 2,61 1,93 2,41 2,27 1,87 2,96 1,80 1,71 2,30 1,26 1,39 0,67 o, p DDT n.d. n.d. 0,79 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 4,42 <0,10 n.d. p, p DDT n.d. <0,10 n.d. n.d. <0,10 <0,10 3,13 <0,10 <0,10 n.d. n.d. n.d. n.d. Σ DD s 6,01 5,41 5,51 4,81 6,08 5,10 12,98 4,91 4,25 4,51 7,03 3,02 3,74 Contenuto d acqua % 79,2 79,3 77,7 79,8 79,0 76,8 75,5 81,6 82,0 88,4 80,0 80,8 82,4 Contenuto Lipidico % 7,4 6,9 7,6 6,3 7,2 7,0 7,1 5,9 6,2 8,9 6,2 6,3 6,5 n.d.= <0,01 ng/g p.s.

7 PCB 52 2,68 3,58 3,55 2,31 1,07 1,91 0,95 0,63 0,63 n.d. n.d. n.d. n.d. PCB 35 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 0,46 n.d. n.d. n.d. PCB 101 3,15 6,96 4,97 3,77 2,86 3,38 4,47 3,26 1,63 2,50 0,50 0,99 0,55 PCB 118 n.d. 5,95 n.d. 3,75 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. 0,41 n.d. n.d. n.d. PCB 153 6,23 Monitoraggio 15,02 13,64 delle acque 7,94 marino-costiere 6,90 mediante 8,85 Mussel Watch 8,90 Attivo 7,27 7,35 5,60 2,60 2, ,58 PCB 105 1,04 1,88 1,62 1,22 0,81 1,04 1,16 0,86 0,60 0,13 n.d. 0,48 0,62 PCB 138 4,85 12,45 8,56 6,32 5,55 1,99 8,60 4,21 4,90 4,23 1,90 2,67 3,42 La sommatoria dei PCB varia da 5,26 (Ombrone) a 48,64 (Zinola) ng/g p.s. PCB 156 0,24 Zinola 0,74 0,46 risulta 0,32 il sito più n.d. contaminato 0,30 da 0,49 PCB s; n.d. si nota n.d. comunque n.d. una n.d. contaminazione 1,34 0,79 da policlorobifenili 0,62 0,46 più 0,59 marcata 0,55 nelle stazioni 0,67 Forte 0,65 dei 0,68Marmi, 0,26 Haven n.d. 1,26 n.d. n.d. PCB 180 0,52 PCBtot 19,19 e Cornigliano 48,64 33,86 (rispettivamente 27,39 18,97 25,93 18,70 ng/g 25,93 p.s.; 33,86 16,91 ng/g 17,46 p.s.; 14,88 27,395,26 ng/g p.s.) 7,28 10,60 LINDANE n.d. rispetto n.d. agli n.d. altri n.d. siti. Porto n.d. Ferraio, 0,54 Livorno 0,55 porto, 0,57 Imperia, 0,34 1,23 Punta 0,94 S. Pietro, 0,65 0,82 o, p' DDE 0,32 Piombino n.d. n.d. mostrano 0,15 una contaminazione 0,19 0,37 intermedia 0,26 n.d. che va n.d. dai 14 n.d. ai 20 n.d. ng/g p.s.; n.d. n.d. Isola di Giannutri, Ombrone e Porto S. Stefano mostrano invece livelli di contaminazione intorno ai 10 ng/g p.s. o inferiori. Da notare che il sito prescelto come p, p' DDE 2,76 2,70 2,80 1,62 2,50 2,76 5,08 2,30 1,50 1,25 1,09 1,18 2,21 o, p' DDD 0,93 bianco, n.d. Isola n.d. di Giannutri, 0,63 1,01 risulta lievemente n.d. 1,55 più contaminato 0,71 0,94 rispetto 0,95 a 0,26 Ombrone 0,35 0,86 p, p' DDD 2,01 e Porto 2,61 S. 1,93 Stefano. 2,41 L analisi 2,27 del congenere 1,87 2,96 coplanare 1,80 PCB 1,7135, 2,30 tossico 1,26 anche 1,39 a 0,67 o, p' DDT p, p' DDT n.d. basse n.d. concentrazioni 0,79 n.d. in virtù n.d. della n.d. sua capacità n.d. di n.d. oltrepassare n.d. n.d. le membrane 4,42 cellulari, <0,10 mostra n.d. risultati n.d. sempre <0,10 al disotto <0,10 del 3,13 limite <0,10 di rivelabilità <0,10 n.d. del metodo n.d. (pari n.d. <0,10 n.d. n.d. n.d. Σ DD's 6,01 a 0,01 5,41 ng/g 5,51 p.s.) ad 4,81 eccezione 6,08 del sito 5,10 di Piombino 12,98 4,91 (0,46 ng/g 4,25 p.s.). 4,51 Le 7,03 concentrazioni rilevate dei diversi congeneri di PCB mostrano una prevalenza dei congeneri 3,02 3,74 Contenuto 79, ,3 (2,07-15,02 77,7 ng/g 79,8 p.s.) 79,0 e 138 (1,90-12,45 76,8 75,5 ng/g p.s.) 81,6 (Fig. 82,0 6). Ciò 88,4è in 80,0 linea con 80,8 82,4 d' acqua % Contenuto quanto normalmente osservabile in campioni biologici, nei quali questi congeneri 7,4 risultano 6,9 tra 7,6 quelli 6,3 presenti 7,2 Lipidico % in maggiori 7,0 quantità 7,1 (Bayarri 5,9 et 6,2 al., 8,9 2001). 6,2 6,3 6,5.d.= <0,01 ng/g p.s. ng/g p.s. Siti d indagine ig. 6 - Concentrazioni di PCB 138, 153 e PCBtot in ng/g di carne secca rilevate lungo le coste Liguri e Toscane. Fig. 6 - Concentrazioni di 138, 153 e PCBtot in ng/g di carne secca rilevate lungo le coste Levels of PCB 138, liguri PCB e toscane. 153 e PCBtot in ng/g of dry flesh along Ligurian and Tuscanian marine coasts. Levels of PCB 138, PCB 153 e PCBtot in ng/g of dry flesh along Ligurian and Tuscanian marine coasts.

8 430 A. Scarpato, P. Giordano, E. Calabretta, G. Romanelli, M. Amici, E. Amato, A.M. Cicero La sommatoria dei DD s varia da 3,02 (Porto Santo Stefano) a 12,98 (Forte dei Marmi) ng/g p.s. (Fig. 7). DD's ng/g p.s. Siti d indagine Fig. 7 - Concentrazioni di DD s in ng/g di carne secca rilevate lungo le coste Liguri e Toscane. Fig. 7 Levels - Concentrazioni of DD s in ng/g di DD s of dry in ng/g flesh di along carne Ligurian secca rilevate and Tuscanian lungo le coste marine liguri coasts. e toscane. Levels of DD s in ng/g of dry flesh along Ligurian and Tuscanian marine coasts. Analizzando i singoli isomeri, si nota che l o,p DDT viene rilevato nei mitili prelevati in corrispondenza della Haven (0,79 ng/g p.s.) e in corrispondenza della foce del fiume Ombrone (4,42 ng/g p.s.); il p,p DDT risulta compreso tra n.d. e <0,10 ng/g p.s. (pari al limite di quantificazione del metodo) con l unica eccezione dei mitili recuperati a Forte dei Marmi dove si registra una concentrazione di 3,13 ng/g p.s.. In tutti i campioni i metaboliti corrispondenti, DDE e DDD, sono invece presenti (range: n.d.-5,07 e n.d.-2,96 ng/g p.s. rispettivamente). In particolare gli isomeri o,p DDD e o,p DDE sono presenti in quantità inferiore rispetto agli isomeri p,p DDD e DDE. Il γ HCH o Lindano ha un range compreso tra n.d. e 1,23 ng/g p.s. (Piombino). Il bioaccumulo dei contaminanti organici aumenta in funzione dell accrescimento degli animali ed in particolare della quantità del loro tessuto grasso. Sebbene i mitili abbiano un basso contenuto lipidico, che limita la possibilità di bioaccumulo degli organici, da questo dipende la possibilità di rilevare questi contaminanti nei loro tessuti. L accrescimento dei mitili nel periodo di posa viene

9 Monitoraggio delle acque marino-costiere mediante Mussel Watch Attivo 431 valutato attraverso l Indice di Condizione (rapporto tra il peso secco della carne e il peso secco delle conchiglie) che indirettamente riflette il diverso livello trofico delle acque dove i mitili sono stati trapiantati. La ricerca di una correlazione tra concentrazione dei contaminanti rilevata nei tessuti (PCB s, Lindano, DD s) ed IC è finalizzata a verificare la diretta corrispondenza tra queste variabili e all individuazione di eventuali anomalie. Una correlazione, di tipo lineare, è risultata statisticamente significativa solo per la sommatoria dei DD s (Fig. 8), indicando che ai diversi valori di concentrazione rilevati corrispondono organismi con un diverso contenuto lipidico e quindi ad uno specifico stato trofico delle acque. Il Fig. solo 7 - dato Concentrazioni di Forte dei di DD s marmi in ng/g è risultato di carne anomalo, secca rilevate anche lungo se le all interno coste Liguri dell intervallo Levels di confidenza, of DD s in a ng/g dimostrare of dry flesh che along il livello Ligurian di and concentrazione Tuscanian marine riscontrato coasts. non e Toscane. è completamente spiegato in termini di accrescimento del mollusco. Ciò potrebbe quindi indicare che nell area indagata il livello di DD s presente nelle acque sia superiore a quello degli altri siti. Linear Regression with 95,00% Individual Prediction Interval S DD's = 1, ,47* ic R-Square = 0,45 DD's Tot IC Fig. 8 Regressione lineare concentrazione DD s in ng/g di carne secca in funzione dell Indice di Condizione (IC). Fig. Linear 8 - Regressione lineare DD s concentrazione levels in ng/g DD s of dry in flesh ng/g versus di carne the secca Condition in funzione Index dell Indice (IC). di Condizione (IC). Linear Regression DD s levels in ng/g of dry flesh versus the Condition Index (IC). I dati ottenuti in questa prima campagna sono stati confrontati coi dati di letteratura, ed in particolare con quelli forniti dall Agenzia Europea per l Ambiente (EEA, 2003) che ha elaborato una classificazione basata sui livelli di contaminanti presenti in un numero elevato di campioni di Mytilus galloprovincialis del Mar Mediterraneo. Per la Sommatoria dei congeneri di PCB 28, 52, 101, 118, 138, 153 e 180 espressi in mg/kg p.u., i livelli di contaminazione sono classificati come segue:

10 432 A. Scarpato, P. Giordano, E. Calabretta, G. Romanelli, M. Amici, E. Amato, A.M. Cicero <0,003 bassa contaminazione, 0,003-0,03 moderata, >0,03 elevata. Per i pesticidi la classificazione si basa sui livelli di concentrazione del Lindano e della sommatoria degli isomeri p,p DDE + p,p DDD ed è la seguente: 0,001-0,01 mg/kg p.u., contaminazione moderata. Convertendo i dati qui presentati in modo da poterli confrontare con questa classificazione, si delinea per i PCB una situazione di contaminazione classificabile come bassa per le stazioni Porto Ferraio, Giannutri, Piombino, Ombrone, Porto Santo Stefano e moderata per tutte le altre; per quanto riguarda la contaminazione da DDT presentano livelli di concentrazione classificabile come bassa le stazioni di Santa Margherita, Porto Ferraio, Livorno Porto, Cornigliano, Giannutri, Piombino, Ombrone, Porto Santo Stefano, mentre le altre stazioni presentano un livello di contaminazione di poco superiore definibile come moderata ; il Lindano presenta livelli di concentrazione bassa in tutti i siti considerati. Conclusioni I risultati ottenuti mostrano che l approccio metodologico adottato nel programma Mytilos è idoneo ai fini del monitoraggio della qualità chimica delle acque marine costiere. Le indagini condotte nelle coste liguri e toscane evidenziano, in tutti i siti di posa, una probabile corrispondenza tra gli inquinanti rilevati ed il tipo di impatto antropico presente sul territorio. Il Mussel Watch, in particolare come applicato in questo programma di ricerca, risulta di facile esecuzione producendo, a costi relativamente modesti, risultati attendibili, riproducibili ed internazionalmente riconosciuti. Sulla base dei risultati di Mytilos sarà possibile quindi caratterizzare, dal punto di vista chimico, le aree di indagine, fornendo agli amministratori uno strumento di analisi per una corretta gestione delle acque marino-costiere del Mediterraneo Occidentale (definizione degli interventi di tutela e risanamento) coerentemente con quanto indicato dalla Direttiva Quadro sulla qualità delle acque 2000/60 CE. Per il 2005 Mytilos sposterà il suo interesse in altre aree del Mediterraneo Occidentale comprendendo, per l Italia, Lazio, Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna, ed estendendo le indagini ai radionuclidi. Summary Mytilos is an Interational Project with the aim of developing a surveillance network of coastal marine water quality of the North West Mediterranean Sea through bioindicators. This work describes the methodology used: the transplation of sentinel organisms (Mytilus galloprovincialis), the laying and the recovery of the cages containing mussels, the integration between the results of the chemical analyses and the biometric parameters measured. Active Mussel Watch turned out to be a suitable methodology to find the chemical contaminants present along Ligurian and Tuscanian marine coasts. Infact the levels of PCBs and pesticides are higher where there are anthropical activities connected to these types of pollutants. PCB levels are high in Zinola, an industrial area, pesticides have been found particularly in an area like Forte dei Marmi characterized by an intense agricultural activity. The next year surveys will be doing along the coasts of Sicily, Campania, Lazio and Sardinia; radioactive contaminants will be investigated too.

11 Monitoraggio delle acque marino-costiere mediante Mussel Watch Attivo 433 Bibliografia ANDRAL B., STANISIERE J.Y., SAUZADE D., DAMIER E., THEBAULT H., GALGANI F., BOISSERY P. (2004) - Monitoring chemical contamination levels in the Mediterranean based on the use of mussel caging. Mar. Pollut. Bull., 49: ANDRAL B., STANISIERE J.Y. (1999) - Réseau Intégrateurs Biologiques RINBIO. Agence de L Eau Rhône Méditerranée: 70 pp. BAYARRI S., BALDASSARRI L.T., IACOVELLA N., FERRARA F., DOMENICO A.D. (2001) - PCDDs, PCDFs, PCBs and DDE in edible marine species from the Adriatic Sea. Chemosphere, 43: DE KOCK W.C., KRAMER K.J.M. (1994) - Active biomonitoring (ABM) by translocation of bivalve molluscs. In: K.J.M. Kramer (ed), Biomonitoring of coastal waters and estuaries. CRC Press Inc.: DIONEX - Application note 322: Selective extraction of PCBs from fish tissue using Accelerated Solvent Extraction (ASE). DIONEX - Application note 337: Extraction of Lipids and Polychlorinated Biphenyls from fish tissue in a single run using Accelerated Solvent Extraction (ASE). ENVIRONMENTAL PROTECTION AGENCY (1996) - Method 3620B, Florisil Cleanup. EUROPEAN ENVIRONMENT AGENCY (2003) - WHS6 Hazardous Substances Biota Rap. Tec. GOLDBERG E.D. (1975) - The Mussel Watch. Mar. Pollut. Bull., 6: O CONNOR T.P., CANTILLO A.Y., LAUENSTEIN G.G. (1994) - Monitoring of temporal trends in chemical contamination by the NOAA National Status and Trends Mussel Watch Project. In: K.J.M. Kramer (ed), Biomonitoring of coastal waters and estuaries, CRC Press Inc.: PHILLIPS D.J.H., SEGAR D.A. (1986) - Use of bio-indicators in monitoring conservative contaminants: programme design imperatives. Mar. Pollut. Bull., 1:

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

analitica degli idrocarburi nell'ambiente: 26 novembre 2014 Il controllo e il monitoraggio ambientale degli idrocarburi: l esperienza in ARPA Toscana

analitica degli idrocarburi nell'ambiente: 26 novembre 2014 Il controllo e il monitoraggio ambientale degli idrocarburi: l esperienza in ARPA Toscana Determinazione analitica degli idrocarburi Determinazione nell'ambiente: analitica degli idrocarburi nell'ambiente: e problematiche e risposte 26 novembre 2014 26 novembre ISPRA 2014 ISPRA Il controllo

Dettagli

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI

MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI MONITORAGGIO DEI POLICLOROBIFENILI: NELLE CARNI Bologna 14 Settembre 2006 Simonetta Menotta Reparto di Merceologia degli Alimenti di Origine Animale- Istituto Zooprofilattico della Lombardia e Emilia Romagna

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS Direzione generale PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DELLA LAGUNA DI SANTA GILLA E DELLO STAGNO DI CAPOTERRA FASE I CAMPIONATURA ED

Dettagli

PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM

PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM PROVE INTERLABORATORIO UNICHIM Idrocarburi policiclici aromatici in matrici ambientali (IPA) 6 ciclo Inquinanti organoclorurati (PCB) 6 ciclo Arpa Umbria UOLM Sezione Chimica Suolo e Rifiuti Responsabile:

Dettagli

Studio su incidenza e mortalità di alcune neoplasie nel Comune di Fabriano (2004-2009)

Studio su incidenza e mortalità di alcune neoplasie nel Comune di Fabriano (2004-2009) Studio su incidenza e mortalità di alcune neoplasie nel Comune di Fabriano (2004-2009) Approfondimenti ecologici sui ricoveri ospedalieri per tumore maligno del fegato a cura di Katiuscia Di Biagio, Marco

Dettagli

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze:

Sulle matrici indagate sono stati determinati i livelli di concentrazione delle seguenti sostanze: 1 La Relazione sui risultati preliminari dei Piani di monitoraggio sugli inquinanti ambientali nell area del Poligono interforze del salto di Quirra, predisposta dall Istituto zooprofilattico della Sardegna

Dettagli

CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE

CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE Introduzione e obiettivi della campagna Nel 1996 il Laboratorio cantonale aveva determinato una grave contaminazione da paradiclorodifeniltricloroetano

Dettagli

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze

Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Il sistema integrato Mar Ligure : l idrodinamica 3D come base per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze Rosella Bertolotto (ARPAL) Andrea Pedroncini (DHI Italia) Torino,

Dettagli

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre

Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Caratterizzazione morfologica e chimica di polveri fini in alcune realtà umbre Progetto Ottobre 2007 1 Pag / indice 03 / INTRODUZIONE 03 / OBIETTIVI DEL PROGETTO 04 / PROGRAMMA ATTIVITÀ Gruppo di Lavoro

Dettagli

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution

Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico. Blue World Insititution Principali pericoli per i Cetacei nel Mare Adriatico Blue World Insititution Un mare allungato, semi chiuso, connesso al resto del Mediterraneo dal Canale di Otranto, largo 70 km Il ricambio dell acqua

Dettagli

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE:

ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: Dipartimento Prevenzione Medico ESPOSIZIONE A PCB NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI BRESCIA, CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE: PCB SIERICI NELLA POPOLAZIONE DEI COMUNI DI CASTEL MELLA E CAPRIANO DEL COLLE

Dettagli

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi

Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Individuazione e classificazione dei rifiuti pericolosi Paolo Pipere Responsabile Servizio Ambiente ed Ecosostenibilità Camera di Commercio di Milano Classificazione dei rifiuti I criteri di classificazione

Dettagli

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1 Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). 1 : misura in cui i dati prodotti da un processo di misurazione consentono a un utente di prendere tecnicamente ed amministrativamente

Dettagli

Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari. Alessandro Franchi ARPA Toscana

Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari. Alessandro Franchi ARPA Toscana Fitofarmaci Un indicatore di pressione elaborando proprietà ambientali e dati di utilizzo dei prodotti fitosanitari Alessandro Franchi ARPA Toscana L'uso di pesticidi in agricoltura produce un impatto

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Direttiva Habitat mantenere l habitat naturale prioritario

Dettagli

LOMBARDIA E DELL'EMILIA Staff - Reparto Chimica degli Alimenti di Origine Animale

LOMBARDIA E DELL'EMILIA Staff - Reparto Chimica degli Alimenti di Origine Animale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Gasparini Mara Data di nascita 17/01/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Chimico Dirigente Staff - Reparto Chimica degli Alimenti

Dettagli

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1 BONIFICA - intervento necessario al risanamento di situazioni di contaminazione create da eventi accidentali o a seguito dell individuazione di fenomeni di inquinamento derivanti da attività lavorative.

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

14.2 Studio ISS su matrici ambientali e. biologiche. nella zona Cascine a sud della Caffaro

14.2 Studio ISS su matrici ambientali e. biologiche. nella zona Cascine a sud della Caffaro 14.2 Studio ISS su matrici ambientali e biologiche nella zona Cascine a sud della Caffaro (Studio di livelli e profili di PCDD, PCDF e PCB in campioni di carne bovina provenienti da allevamenti interessati

Dettagli

CHEMI LAB LABORATORIO DI ANALISI CHIMICO-ECOLOGICHE. Con l attività del nostro laboratorio contribuiamo alla salvaguardia del territorio

CHEMI LAB LABORATORIO DI ANALISI CHIMICO-ECOLOGICHE. Con l attività del nostro laboratorio contribuiamo alla salvaguardia del territorio Con l attività del nostro laboratorio contribuiamo alla salvaguardia del territorio CHEMI LAB LABORATORIO DI ANALISI CHIMICO-ECOLOGICHE Utilizziamo strumentazioni innovative e tecnologicamente avanzate

Dettagli

Trivelle fuorilegge. Uno studio sull'inquinamento provocato dalle attività estrattive in Adriatico. Marzo 2016. www. greenpeace.

Trivelle fuorilegge. Uno studio sull'inquinamento provocato dalle attività estrattive in Adriatico. Marzo 2016. www. greenpeace. Trivelle fuorilegge Uno studio sull'inquinamento provocato dalle attività estrattive in Adriatico Marzo 2016 www. greenpeace. it Quando si parla di trivellazioni offshore, si discute molto delle future

Dettagli

dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia

dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia Whorkshop Acqua e Pro Acqua Bolzano, venerdì 16 novembre 212 dall Acqua all Uomo: POPs nella Laguna di Venezia Stefano Raccanelli - Consorzio INCA Consorzio Interuniversitario Nazionale La Chimica per

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità

Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Il punto sulla direttiva IPPC Palazzo Medici Riccardi Firenze 27 novembre 2013 Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Mauro Rotatori Direttiva IED (2010/75/CE) La

Dettagli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli

I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli I risultati del PASSI d Argento per la prevenzione Benedetta Contoli Convegno Active and Healthy Ageing: il ruolo della sorveglianza epidemiologica PASSI d Argento Roma - 26 settembre 2013 La prevenzione

Dettagli

Eleonora Agostini, Alessandro Manetti

Eleonora Agostini, Alessandro Manetti La Cooperazione al cuore del Mediterraneo La Coopération au coeur de la Méditerranée Sistema integrato per il monitoraggio e il controllo dell ambiente marino Schedario procedure e tecnologie di monitoraggio

Dettagli

Meccanismi di Trasporto delle Diossione e PCB s nei Corsi d Acqua.

Meccanismi di Trasporto delle Diossione e PCB s nei Corsi d Acqua. Meccanismi di Trasporto delle Diossione e PCB s nei Corsi d Acqua. CHIESE MELLA MINCIO Anno 2015 Stefano Tenini ; Stagista: Laura Arietti Università di Ingegneria di Brescia European Monitoring and Evaluation

Dettagli

Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia

Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia Il Biochar: un opportunità per il settore agricolo ed energetico Stato dell arte della certificazione del biochar in Europa e in Italia Costanza Zavalloni Università di Udine Giustino Tonon Libera Università

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino Un valore che influenza la qualità nutrizionale, tecnologica e soprattutto organolettica dei prodotti finiti di Giuseppe Delle Donne, Antonio Marcolini, Giorgio Zanardi, Giuseppe Bolzoni Studio dell Istituto

Dettagli

REPORT. Valutazione delle distribuzioni di pressione registrate su 2 materassi di Overbed Srl

REPORT. Valutazione delle distribuzioni di pressione registrate su 2 materassi di Overbed Srl REPORT Valutazione delle distribuzioni di pressione registrate Responsabile scientifico: Prof. Guglielmo Antonutto (Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomediche, ) (Dipartimento di Scienze Mediche e

Dettagli

5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE

5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE PERDITA FISICA 5.1 Perdita fisica 5.1.1 AREA DI VALUTAZIONE Nella sottoregione Mar Adriatico sono state scelte 2 assessment area o AA (A1PL, A2PL). Per la scelta delle aree di assessment si è tenuto conto

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESENTAZIONE DELLA FLOTTA ARPAS

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PRESENTAZIONE DELLA FLOTTA ARPAS PRESENTAZIONE DELLA FLOTTA ARPAS Le attività di ARPAS in MARE > Controllo della balneazione > Monitoraggio marino-costiero su acqua, sedimenti e biota > Controllo delle movimentazioni di materiale in ambito

Dettagli

Contaminazione dell olio di girasole con prodotti di oli minerali

Contaminazione dell olio di girasole con prodotti di oli minerali Contaminazione dell olio di girasole con prodotti di oli minerali Conclusioni del Gruppo esperti del 6 Giugno 2008 e del 20 Giugno 2008, approvate dal Comitato Permanente del 20 Giugno 2008 Requisiti dei

Dettagli

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono

Risultati ante operam o prima dell assunzione presso l impianto (T0) I 55 lavoratori coinvolti nello studio di biomonitoraggio al T0 hanno un buono Biomonitoraggio dei lavoratori addetti all impianto di termovalorizzazione dei rifiuti di Torino Risultati sui livelli di bioaccumulo di metalli e inquinanti organici dopo un anno dall avvio dell impianto

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

Analisi multitossina: potenzialità, problematiche, prospettive - prime esperienze

Analisi multitossina: potenzialità, problematiche, prospettive - prime esperienze Analisi multitossina: potenzialità, problematiche, prospettive - prime esperienze Mauro De Paoli Servizio fitosanitario, chimico-agrario, analisi e certificazione Laboratorio fitofarmaci e contaminanti

Dettagli

Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, CNR, Lecce 2

Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, CNR, Lecce 2 Source Apportionment del particolato atmosferico campionato con un impattore multistadio in un sito di fondo urbano D. Cesari 1, A. Genga 2, M. Siciliano 2, P. Ielpo 1,3 M. R. Guascito 2, D. Contini 1

Dettagli

Determination of asbestos in water by FT-IR technique:

Determination of asbestos in water by FT-IR technique: International Conference Determination of asbestos in water by FT-IR technique: a proposal for an analytical routine method 7 dicembre 2005 Asbestos Monitoring and Analytical Methods Aurora Brancia B.e.t.a

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali PROGETTO SISTEMA IRRIGUO VALLI GIRALDA-GAFFARO-FALCE PROGETTO ESECUTIVO Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Salvaguardia ambientale e riassetto irriguo del comprensorio

Dettagli

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856

UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 GNGTS Atti del 17 Convegno Nazionale 06.01 A. Zirizzotti e M. Marchetti Istituto Nazionale di Geofisica, Roma UN DISPLAY GRAFICO PER IL MAGNETOMETRO GEOMETRICS G856 Riassunto. Le tecniche magnetometriche

Dettagli

Utilizzo dei molluschi bivalvi nel programma di monitoraggio dell ambiente costiero (Protocollo Mussel Watch)

Utilizzo dei molluschi bivalvi nel programma di monitoraggio dell ambiente costiero (Protocollo Mussel Watch) Utilizzo dei molluschi bivalvi nel programma di monitoraggio dell ambiente costiero (Protocollo Mussel Watch) INTRODUZIONE L impiego dei molluschi bivalvi nel monitoraggio della contaminazione chimica

Dettagli

Campionamento e analisi delle micotossine

Campionamento e analisi delle micotossine Campionamento e analisi delle micotossine Emma Tealdo, Veneto Agricoltura 5.1 Introduzione Un corretto campionamento è il presupposto essenziale per un metodo analitico affidabile, tenendo presente che

Dettagli

La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque

La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque Liana Gramaccioni- Ministero della Salute Acque di balneazione: una risorsa da valorizzare Termoli 15 giugno 2012 Normativa di riferimento Acque di balneazione

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

ACQUE MARINE E EROSIONE COSTIERA

ACQUE MARINE E EROSIONE COSTIERA FINALITÀ Gestire in maniera integrata la fascia costiera e il mare INDICATORE UNITÀ DI MISURA DPSIR FONTE DEI DISPONIBILITÀ DEI COPERTURA TEMPORALE LIVELLO MASSIMO DI DISAGGREGAZIONE DISPONIBILE TREND

Dettagli

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA

IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA IL CASO DIOSSINE IN CAMPANIA L allarme Diossina ha rappresentato in Campania uno dei più diffusi motivi di preoccupazione tra i cittadini, in gran parte a causa delle implicazioni sulla salute e sulla

Dettagli

Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero

Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero Provincia di Livorno Influenza del sistema costiero sulle praterie

Dettagli

L IDROGENO COME CARRIER GAS

L IDROGENO COME CARRIER GAS Copyright Claind srl For more information www.claind.eu 2013-1-IT White Paper L IDROGENO COME CARRIER GAS Le nuove frontiere della gascromatografia: può l idrogeno sostituire l elio? Claind, azienda italiana

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione

In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione sono generalmente di tipo geografico; l esposizione e l effetto vengono solitamente valutati a livello di popolazione.

Dettagli

23a. Solventi organici clorurati

23a. Solventi organici clorurati Maggio 1990 23a. Solventi organici clorurati 23a.l Principio del metodo II metodo si basa sull'analisi gascromatografica di un estratto, ottenuto da un campione di fango o di rifiuto solido, utilizzando

Dettagli

UTILIZZO DELLE API PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE (APEBIOMA) NELLE AREE PROTETTE DELLE MARCHE

UTILIZZO DELLE API PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE (APEBIOMA) NELLE AREE PROTETTE DELLE MARCHE Università Politecnica delle Marche Agenzia Servizi Settore Agroalimentare delle Marche UTILIZZO DELLE API PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE (APEBIOMA) NELLE AREE PROTETTE DELLE MARCHE S. Ruschioni, N. Isidoro,

Dettagli

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori

Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Materiali di riferimento, Armonizzazione di metodi ed Accreditamento dei laboratori Roma 25-26 giugno 2009 Gli idrocarburi: aspetti critici e procedure di misura in matrici ambientali Patrizia Bolletti

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

STATISTICHE SUI RIFIUTI

STATISTICHE SUI RIFIUTI STATISTICHE SUI RIFIUTI 1 Rifiuti: comportamento virtuoso dell Isola nella gestione dei rifiuti urbani. Le ultime statistiche mostrano come il comparto della gestione dei rifiuti urbani in Sardegna sia

Dettagli

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10

Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10 Arpa LINEA GUIDA-DIREZIONE TECNICA LG09/DT Emilia-Romagna Prelievo, trasporto e consegna di campioni di fango per verifica D. Lgs 99/92 Revisione 2 del 13/03/08 Pagina 1 di 10 PRELIEVO, TRASPORTO E CONSEGNA

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Il Divulgatore N.1-2/ 2003 Il censimento dell'agricoltura Dati e tendenze della realtà bolognese Ristrutturazioni in corso A livello regionale Bologna vanta un primato in termini di superficie destinata

Dettagli

-AIM MAGAZINE- Dal mondo della tecnologia

-AIM MAGAZINE- Dal mondo della tecnologia Dal mondo della tecnologia Plastificanti monomerici e polimerici: il caso del PVC nel settore medicale e nel food packaging. Limitazioni, criticità e possibili scenari futuri G. Boschello, P. Molon, S.

Dettagli

m/n COSTA CONCORDIA: Il Progetto di raddrizzamento e rimozione

m/n COSTA CONCORDIA: Il Progetto di raddrizzamento e rimozione m/n COSTA CONCORDIA: Il Progetto di raddrizzamento e rimozione A.I.C. (GN) Stefano TORTORA, Università di Bologna AIOM 8 Novembre 2013 Situazione della Costa Concordia al 13 Gennaio 2012 - Il relitto poggiava

Dettagli

Monitoraggio ambientale di un area di sversamento a mare per materiale di dragaggio del porto di Ancona (Mar Adriatico)

Monitoraggio ambientale di un area di sversamento a mare per materiale di dragaggio del porto di Ancona (Mar Adriatico) Monitoraggio ambientale di un area di sversamento a mare per materiale di dragaggio del porto di Ancona (Mar Adriatico) A. Gomiero 1, A. de Biasi 2, E. Punzo 1, A. Santelli 1, P. Strafella 1, A. Spagnolo

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva. Introduzione. I. ACCURATEZZA Metodo

Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva. Introduzione. I. ACCURATEZZA Metodo Prestazioni di accuratezza e precisione del sistema Accu-Chek Aviva Introduzione L accuratezza del sistema è stata valutata in base allo standard ISO 15197:2003. Il sangue capillare di soggetti a cui è

Dettagli

Valutazione dell apporto di DDT dal Fiume Toce al Lago Maggiore

Valutazione dell apporto di DDT dal Fiume Toce al Lago Maggiore Valutazione dell apporto di DDT dal Fiume Toce al Lago Maggiore Relazione Finale - aprile 2010 Struttura Qualità delle Acque Data: aprile 2010 Relazione a cura di: Elio Sesia Le attività sono state realizzate

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE

CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE Dipartimento della sanità e della socialità LABORATORIO CANTONALE CONTAMINANTI AMBIENTALI NEI PESCI DEL LAGO MAGGIORE Introduzione e obiettivi della campagna Dal 1996 con frequenza annuale il Laboratorio

Dettagli

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ

La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ La Fitorimediazione integrata nelle attività di bonifica in situ Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) - Italy Direttore Scientifico Dott. Stefano Danini Team

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI

LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI LABORATORIO DI CHIMICA TOSSICOLOGICA AMBIENTALE E TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DI REFLUI INDUSTRIALI 12 CFU 1 e 2 Semestre Prof.ssa Milena Rizzo A.A. 2013-2014 Obiettivi Il corso fornisce gli strumenti teorici

Dettagli

Ingestione di residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati dell indagine effettuata negli anni 2005 2006

Ingestione di residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati dell indagine effettuata negli anni 2005 2006 7 Convegno Nazionale Fitofarmaci e Ambiente Torino 6-7 dicembre 2007 gruppo di lavoro APAT ARPA APPA Fitofarmaci Ingestione di residui di fitofarmaci attraverso la dieta: risultati dell indagine effettuata

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510

2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510 2,5 ESANDIONE URINARIO FREE in FLUORIMETRIA Codice Z05510 BIOCHIMICA Il 2,5 Esandione o Acetonylacetone è un dichetone alifatico prodotto dalla trasformazione biochimica dell idrocarburo alifatico Esano.

Dettagli

RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL. M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013

RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL. M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013 RESIDUI ALL EVAPORAZIONE NEL GPL M.Alpini Milano, 13 Novembre 2013 Residui all evaporazione nel GPL: Contenuti Contaminanti nel GPL Specifica di prodotto EN589 Nuove tecniche analitiche Nuovo metodo pren16423

Dettagli

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici

Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici "Focus su sicurezza d'uso e nutrizionale degli alimenti" 21-22 Novembre 2005 Applicazione dei metodi rapidi alla microbiologia alimentare: Real Time PCR per la determinazione dei virus enterici Simona

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure

Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure Il moto ondoso e l idrodinamica 3D come basi per la previsione della qualità delle acque e la gestione delle emergenze nel Mar Ligure Andrea Pedroncini DHI Italia Origini e obiettivi della collaborazione

Dettagli

Il settore estrattivo in Italia

Il settore estrattivo in Italia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Sala del Consiglio 9 aprile 2013 Il settore estrattivo in Italia Analisi e valutazione delle strategie competitive per lo sviluppo sostenibile Francesca CERUTI

Dettagli

Dott.ssa F. Colonna Dott. GC. Leveratto Dott. R. Cresta Dott. R. Gazzolo V.Stabielli

Dott.ssa F. Colonna Dott. GC. Leveratto Dott. R. Cresta Dott. R. Gazzolo V.Stabielli Dott.ssa F. Colonna Dott. GC. Leveratto Dott. R. Cresta Dott. R. Gazzolo V.Stabielli COMPETENZE ARPAL Raccolta dati in materia ambientale Controllo e sicurezza nei luoghi di lavoro Controllo ambientale

Dettagli

SINTESI DELLA RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO

SINTESI DELLA RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO SINTESI DELLA RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO Il problema emergente delle Microplastiche nel Mar Mediterraneo II anno: potenziale impatto sulla Balenottera comune come modello di descrittore ambientale Ente

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1

Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1 Tecniche di monitoraggio chimico ed isotopico di manifestazioni di fuga da serbatoi di stoccaggio di CO2 in ambiente terrestre IGG-CNR 1 Meccanismi di fuga e di trasporto della CO2 iniettata IGG-CNR 2

Dettagli

MSOffice1 REGIONE LAZIO

MSOffice1 REGIONE LAZIO MSOffice1 La Tutela dell Ambiente garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo L impatto sulla sicurezza alimentare. dall autocontrollo al controllo ufficiale Ugo Della Marta Dirigente Area Sanità

Dettagli

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo

I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo I CRITERI END-OF-WASTE Francesco Mundo Premessa Il concetto di End-of-Waste è stato introdotto dalla Strategia tematica sulla prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti, adottata dalla Commissione europea

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007

Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007 Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007 a cura di Alessandro Franchi, ARPA - Toscana 1 Introduzione Fin dal 1997 il Gruppo di lavoro APAT-ARPA-APAT Fitofarmaci,

Dettagli

Protocolli di emergenza per il controllo della radioattività nelle acque

Protocolli di emergenza per il controllo della radioattività nelle acque Arpa Lombardia Dipartimento di Milano Protocolli di emergenza per il controllo della radioattività nelle acque Pietro Badalamenti Silvia Maltese LE EMERGENZE Arpa Lombardia ha condotto una verifica delle

Dettagli

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico mbq/m3 Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV PARTICOLATO ATMOSFERICO Ogni giorno (con eventuale integrazione nei fine settimana

Dettagli

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270)

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEZIONE DI PISA S.S. dell Abetone e del Brennero, 4 56123 PISA Responsabile: dott. Riccardo Forletta email:

Dettagli

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA :

RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : RELAZIONE CONCLUSIVA SULL ATTIVITÀ DI SVOLTA RELATIVA AL PRO- GETTO DI RICERCA : Metodologie a basso impatto ambientale per il miglioramento della qualità dei suoli e delle produzioni agricole oggetto

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 293/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.11.2005 DECISIONE DELLA COMMISSIONE dell 8 novembre 2005 relativa a talune misure sanitarie di protezione contro la malattia vescicolare dei suini in Italia

Dettagli

Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR

Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR Analisi del caffè mediante spettroscopia NIR 1 Introduzione I metodi analitici conventionali sono stati usati per monitorare i principali parametri del caffé. Normalmente, i costi ed il lavoro necessario

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Ufficio III - Igiene degli alimenti di origine animale

DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Ufficio III - Igiene degli alimenti di origine animale DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE Ufficio III - Igiene degli alimenti di origine animale Loredana Candela I TRATTAMENTI ORMONALI ILLECITI AL MICROSCOPIO ROMA,

Dettagli

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma

Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN) Via di Vallerano, 139-00128 - Roma Programma di Ricerca sulla sicurezza per il triennio 2006-2008 Rapporto INSEAN 2006-017 Previsione

Dettagli

Le nuove aree agricole indagate

Le nuove aree agricole indagate Caffaro e Brescia I nuovi dati Dott.ssa Geol. Maria Luigia Tedesco Dott. Geol. Enrico Alberico Brescia, 20 Ottobre 2015 Le campagne di indagini precedenti svolte da ARPA 2002 2005 2003 2006 Metodo delle

Dettagli