L UOMO CHE UCCISE LIBERO VALLE Un romanzo di Federico Conti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UOMO CHE UCCISE LIBERO VALLE Un romanzo di Federico Conti"

Transcript

1

2 L UOMO CHE UCCISE LIBERO VALLE Un romanzo di Federico Conti

3 Venite pure avanti, voi con il naso corto, signori imbellettati, io più non vi sopporto, infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio perché con questa spada vi uccido quando voglio. Cirano Francesco Guccini. Chamonix Mont Blanc, 7 gennaio Sono rimasto in casa, fuori nevica, il camino è acceso. Dicono che saper accendere il fuoco sia come far l amore. Io da bambino, nella casa di campagna, usavo decine di fogli di carta e l alcol, poi il camino si accendeva. Adesso è una cosa che non faccio quasi mai, se capita e proprio devo, non uso additivi, con pazienza mi siedo davanti e non mi alzo finchè la fiamma non è alta. Sophie è in negozio con il padre. La madre è in ufficio. Stasera arrivano i bambini. La cosa buffa è che i genitori hanno l'abitudine di chiamarli bambini anche quando crescono, così come si continua a chiamare ragazzi i propri coetanei anche a cinquant anni. Qualcuno li chiama cuccioli, lo detesto, è un odioso termine che usa Monica. Ogni volta che qualcuno la nomina, oppure io penso a lei, subisco quella reazione di catalessi che aveva Roberto Benigni nell edipico Johnny Stecchino quando nominava la madre. Ogni qualvolta mi fermo a riflettere sul mio trascorso credo di aver vissuto due vite. Guardando fuori dalla finestra di questa lussuosa baita, l'aiguille du Midi sembra la punta di un iceberg che le divide. E un muro di ghiaccio che separa le mie due esistenze terrene. Gli eventi che mi hanno portato qui sono stati rapidi, ma imponenti quanto il Mer de Glace. Vivere dall'altra parte del Bianco è come guardare tutto all'incontrario. Mi piace ogni tanto andare sulla cima francese, è una sensazione strana. L'Italia la guardi all'ingiù o, perlomeno, se non la guardi, la immagini rivoltata che sgambetta verso il vuoto diversa 3

4 dallo stivale sicuro che poggia nella cartina appesa nelle aule delle scuole elementari. Ho sempre avuto questa abitudine di localizzarmi in un punto geografico preciso, come fossi una trasmittente gps, forse questa sensazione di vivere dentro alla cartina geografica è dovuta alle ore passate a guardare l'atlante De Agostini regalatomi alla prima comunione. Lucrezia e Ludovica hanno sei anni, sono gemelle o meglio, come direbbero in Spagna, sono mezillas, infatti sono nate da due ovuli differenti, però in Italia si chiamano comunque gemelle, per sempre. Edoardo ha undici anni. Arrivano in auto. La prima discussione ci sarà al momento di salire nell auto di mamma: chi dovrà sedere davanti, al posto del morto! Anche se usare questo termine pensando che lì ci sieda una delle bimbe mi fa venire una morsa allo stomaco. Fin da bambino ho sempre avuto il terrore degli incidenti d auto, ma non era una paura diretta, adoravo e adoro viaggiare, quando sedevo al fianco di mio padre senza cinture né seggiolini, mi sentivo come il protagonista di un film cui non può succedere nulla di brutto. L ansia era solo per i viaggi dei miei cari, quando mi trovavo ad aspettarli a casa guardando le lancette dell orologio. Ricordo che stavo con mia sorella nel lettone con mamma aspettando mio papà che frequentava le scuole serali a Carrara. Usciva dalla banca e con il cinquino turchese,era l epoca della non globalizzazione delle vernici per auto, partiva alle cinque per ritornare dopo le dieci. Ricordo un film francese dove il protagonista moriva in un incidente stradale. Lo stendevano vicino all'auto in un prato in bianco e nero e gli mettevano una coperta addosso come se sentisse freddo. Quest uomo immaginava di nuotare vicino alla sua barca, a bordo c'erano i suoi familiari, lo chiamavano.lui andava sott'acqua in una sorta di apnea non voluta e tutto si ovattava. Era una sorta di flashback onirico ampiamente usato nelle convenzionali regie. Si capiva poi che sarebbe morto quando, con abile taglio di montaggio, i familiari comparivano davanti a qualcuno che restituiva loro gli effetti personali. Ero un precoce malato d ansia, una malattia che generalmente colpisce le persone adulte. Già all età di nove anni temevo per l'incolumità del mio papà che, inscatolato nella sua fiat turchina, slalomava fra i tir dell'a12. Adesso che tutti i miei parenti e vecchi amici vivono al di là del confine è un ansia di tipo differente. Ora poi ci sono i videotelefoni, i portatili e le auto con mille dispositivi di sicurezza. Ora la mia ansia si è evoluta verso una diligente patofobia per tutti quelli che mi circondano. La cosa ridicola è che la madre dei bimbi quando c'è qualsiasi problema chiama in Francia per chiedermi un parere. Sono sempre rimasto il medico di famiglia. Non è raro che le notizie riguardanti la salute dei miei cari viaggino nell'etere: tra Parma,e Chamonix facendo tappa alla Spezia per tornare a Chamonix dove viene rispedita di nuovo in quel di Parma in forma di diagnosi. Tutto rigorosamente telefonico, preceduto da un dibattito fra me e Gino su tumori, virus africani, sclerosi varie e tutte le malattie infantili mortali. Il mio amico Gino abita in una casa colonica sull Aurelia a pochi km da Spezia, i miei bambini vivono felicemente nella villetta di Varano. Io vivo a Chamonix dal La parentesi parigina è stata breve, non tanto da impedirmi di incontrare Sophie. 4

5 Vivevo ancora in albergo ed ero occupato ancora nel far perdere le mie tracce a parenti e amici, l'hotel era in zona Bastiglia, Parigi era una città che avevo avuto occasione di conoscere bene in gioventù, di sera uscivo e andavo a bere qualcosa nel solito locale buio e fumoso in Rue de Rivoli. Fu lì che seduto al bancone vidi vicino a me una ragazza di colore ma con lineamenti piuttosto delicati. Aveva le labbra carnose ma il naso era alla francese. Ricordo ancora com'era vestita. L abbigliamento è uno dei particolari a cui presto attenzione mio malgrado, delle persone che per me contano qualcosa ricordo sempre i vestiti indossati nel momento in cui le ho conosciute. E come se la mia memoria tendesse a scartare informazioni importanti quale sguardi, sorrisi e dinamiche espressive per lasciar posto a cose effimere e senza importanza. Ricordo bene che aveva dei jeans stretti e degli stivali bassi o comunque erano stivali che mi piacevano, perché mi diede l'impressione di essere un tipo alla moda o se non altro catalogabile nel genere non troppo antico e non troppo francese. Ebbi la strana convinzione che stesse parlando italiano con l'amica vicino. Le chiesi se fosse italiana avvicinando la mia bocca verso il suo orecchio, la musica era a quel volume dove si legge solo il labiale. Lei sorrise e scosse il capo, rispose qualcosa in francese, all'epoca di francese sapevo poco e anche adesso stranamente non amo parlarlo e talvolta faccio pure finta di non capire. In verità quando mi parlano velocemente non è una grande prova di recitazione. Rispose sorridendo, le chiesi poi se avesse una sigaretta da offrirmi, mi porse il pacchetto di Marlboro Light, uscimmo a fumare, e prima di avviarci verso la porta il barista le chiese "ca va bien Sophie?" lei annui, per un attimo pensai che fosse il suo ragazzo. Non era così. Ad ogni modo avevo capito che Sophie era una cliente abituale. Scambiammo qualche parola in inglese, lei viveva a Parigi in zona hotel de ville, mi domandò se fossi lì per turismo e risposi laconicamente di no. Mi piacque subito perché, nonostante un evidente interesse, non fece altre domande, e nella mia situazione le domande, erano piuttosto scomode. Rientrammo nel locale e la persi di vista. Erano giorni difficili, ero solo, ma non una solitudine normale, dietro avevo come quella scia piatta che lasciano gli open quando con i loro motori da 500 hp ti superano sul tuo gozzetto, quella scia che presto si trasforma in onde anomale che devi giocoforza prendere di prua. L'unico contatto personale lo avevo con un giornalista free lance specializzato in cronaca nera. Egli non aveva creduto a nulla di quello che avevano scritto i giornali ed era riuscito a contattarmi via dopo la rivendicazione avvenuta con degli indirizzi, a detta di Giovanni, più che anonimi e non rintracciabili. Il rapporto con questo mio connazionale mi aiutava a recidere il cordone ombelicale che mi legava ancora alla famiglia e all Italia, malgrado lui tentasse solo di capire meglio quello che era successo quel giorno di dicembre a Brunico. Era l unica persona con cui avevo un qualcosa che si possa chiamare dialogo. I miei compagni di avventura, soci, se non semplicemente amici, erano non so dove, e non so neppure se a quel punto erano o erano stati. Del resto dopo l'operazione sapevamo di doverci separare e se ci fossimo rivisti insieme, sarebbe stato dentro l'aula di un tribunale ingabbiati come i brigatisti negli anni ottanta. Ma il nostro non fu mai neppure per un secondo un progetto politico, solo un disperato gesto di rifiuto verso un'ingiustizia che, alla luce delle informazioni che a mano a mano recuperavamo, non ci dava pace. 5

6 La settimana successiva tornai nel locale dove avevo conosciuto Sophie.Dopo la seconda birra la vidi avvicinarsi verso di me, era sola, si sedette al mio fianco, ricordo ancora la sensazione delle sue labbra morbide e carnose, è l'unica donna in vita mia che mi abbia mai baciato di sua iniziativa. Da quella sera non dormii più in albergo. Furono mesi trascorsi in un atmosfera rohmeriana, leggeri e insostenibili come l'essere di Kundera, pomeriggi passati al parco di Monceau, nei locali a mangiare crepes con coltello e forchetta bagnati da una kronenburg da 20 cl. Mi ritrovai in un aula della Sorbona ad applaudire la tesi di laurea di Sophie, e dopo due mesi ero il sommelier del negozio di enogastronomia più in voga a Chamonix. Il lavoro era bellissimo, quanto la clientela. D estate andavamo alla ricerca delle etichette più strane nelle colline dello Champagne. Passavamo giorni in Borgogna alla ricerca del più perfetto dei perfetti pinot neri che avrebbe riscaldato la cena degli sciatori parigini. Sembrava una sorta di paradiso terreno, ma sapevo che era fasullo, perché le mie radici io le avevo eccome, i bambini erano in Italia, tutta la mia vita passata era in Italia. Ero una sorta di fantasma che campava alla giornata, con la sofferenza di avere rinunciato alle persone che amava di più al mondo. La rinuncia ai sentimenti cari era una frustrazione che conoscevo bene, vissuta nel corso degli anni in cui la mia amante lavorava nel corridoio adiacente al mio... Monica e i baci rubati nell'antibagno dell'ufficio, Monica e la fatica del fingere, del contenersi, nel recitare indifferenza. Continua a nevicare, fra poco andrò in negozio, sorrido perché penso che tutto sia assolutamente casuale. E ridicolo, se solo quella sera di luglio non avessi cambiato canale adesso probabilmente sarei ancora a fare il funzionario alla provincia di Parma. Non riesco proprio a capire come io possa essere qui, adesso, in questo momento, con il mio piumino monastero di Clermont, i guanti e la voglia di raccontare perché il Bollinger Vieilles Vignes Françoises sia l'unico champagne rimasto francese. 6

7 7

8 Capitolo 1. La studentessa. Mi piacerebbe conoscere qualcuno che stia studiando legge o scienze politiche, potrebbe essere il punto di vista importante di una generazione differente dalla nostra. Mi piacerebbe anche capire che atmosfera politica si respira negli atenei adesso. Voglio sapere se esiste ancora qualcuno disposto a sacrificare tutto per un progetto come il nostro, sapere se e cosa ricordano i giovani di oggi della strage. Potremo arruolare nel gruppo una persona che non desti sospetto quando consulta certe cose, quando fa insistenti ricerche sul web su determinati argomenti, nulla deve essere lasciato al caso. Bisogna usare la massima precauzione, l ideale sarebbe trovare una laureanda in fase di tesi, chissà perché immagino sempre che sia di sesso femminile, e la tesi dovrebbe riguardare qualcosa che abbia a che fare con i presidenti della repubblica, in modo da fare senza problemi ricerche sul primo ministro dell'epoca. Il Fugazza forse conosce qualche professore universitario o forse è in grado di trovare un contatto utile. Certo se l ingegnere fosse quello di qualche mese fa, sarebbe molto più facile, ma se fosse ancora l'amministratore delegato di un importante società non starebbe con noi a giocare alla roulette russa facendo il finto terrorista. E già perché il Fugazza non l'ha ancora capito che differenza c'è... gliel ho spiegato subito: questo non è un progetto politico, qui non si costruisce nulla, qui semmai si disfa. 11 luglio 2007 Ore 15. Sms to Giuliano. che fai? a che ora aprite? Voglio capire cosa ne pensa lui riguardo alla possibilità di cercare adepti in una facoltà universitaria. Ma di luglio alla Feltrinelli fanno orario continuato? Boh... forse no. Non mi ricordo mai nulla. Il problema è che quando faccio le domande non sto mai ad ascoltare la risposta, e mentre il mio interlocutore sta lì a spiegarmi questo e quello io sono già partito per la mia tangente di pensieri su chissà cosa. Abitudine che fa sempre andare in bestia il mio amico Pigi. Anche Chiara me lo dice sempre, anzi, mia moglie mi dice spesso che le cose me le ha appena dette... secondo me ne trae pure vantaggio. Conosce questo mio difetto del distrarmi in un batter d occhio, quindi è facile che si approfitti del fatto che io non ricordi assolutamente se le cose le abbia ascoltate o meno. Mi servirebbero due o tre teste, una sorta di co-processori che siano in grado nello stesso istante di... 8

9 Vibrazione. Giuliano sms. CHIAMAMI STASERA STO ANDANDO IN LIBERIA. Ovviamente Giuli non sta partendo per il golfo di Guinea. Non sa usare il t9 e adopera sempre il maiuscolo. Conoscendolo da quando eravamo bambini è già un miracolo che sappia usare il cell, anzi, è un miracolo che lo abbia, il cell! La cosa bella è che almeno gli sms li legge. Non sopporto quelli che non leggono gli sms, che poi li dici ti ho mandato un sms e questi rispondono sempre "ah... non li leggo mai... ". Si! E dove caspita vanno a finire dico io. Questi soggetti sono quasi allo stesso livello di quelli che non rispondono alle chiamate... quelli veramente andrebbero fucilati o attaccati al posto del cellulare in carica alla presa elettrica di Randy Taguchi. E difficile capire se siano i 15 centesimi o un po di ginnastica delle dita il problema. Poi esistono quelli che rispondono tre ore dopo, quelli che se non conservi il messaggio speditogli, non ti ricordi un beato nulla di quello che avevi chiesto loro... così le risposte diventano una specie di esercizio enigmistico. Sera. Casa di Varano. «Chiara vado di sopra a telefonare a Giuli». Siamo a tavola. Edoardo sopporta con siddhartiana pazienza (aspettare... che finisca, digiunare... perché fa schifo quello che c'è nel piatto... pensare... beatamente agli affari suoi) il palinsesto di Disney Channel dove le gemelle stanno guardando qualcosa di colorato che mi passa davanti agli occhi come se non ne sentissi l'audio. Sono sempre un po avulso all'ambiente che mi circonda. Mia moglie sta leggendo un giornale, anzi, il giornale dei programmi di Sky, come se poi avesse una reale possibilità di decidere cosa guardare... Cell. Squilli. «Pronto»... quando risponde al telefono giuliano sembra sempre stia dormendo (cosa di cui spesso anche io sono accusato). «Giuli sono Fede» «Allora?» «A che ora avete chiuso?» «Alle otto come tutte le sere»... sembra stia mangiando... ma pare non sia in casa, forse è in fase aperitivo/buffet milanese. 9

10 «Ho pensato che ci volevo andare un po, all'università» «Ti vuoi ri-iscrivere?...stai bene?» «Vabbè dai ne parliamo di persona, vengo su a Milano in settimana. Ciao» «Ah...» pausa. «Ho capito fede... cioè, non ho capito un cazzo dell'università, ma ho capito che se ne vuoi parlare di persona riguarda» ride. «Ciao Fede...» «Ci vediamo presto, ciao». Quando riscendo le scale e vado in sala da pranzo la situazione è la medesima di prima: forse sono stato vittima di una parentesi extratemporale perché giurerei che Chiara sia sempre sulla stessa pagina e la tv trasmetta le solite immagini. Edoardo sembra guardare la il televisore perduto nei suoi pensieri... e già mi somiglia le gemelle masticano non so cosa, ipnotizzate dallo schermo lcd da 28"... 10

11 Capitolo luglio. Giovedì. Arrivo in ufficio, sono le nove. Chiudo la porta e mi appresto al solito rito: appoggio occhiali da sole, portafoglio e chiavi... detesto marsupi e borselli vari, infilo tutto in tasca senza ordini particolari, ma quando ci sono 30 gradi, come oggi, vorrei levarmi anche i pantaloni. Prendo la chiavetta gialla del distributore di bevande che qualche giorno fa mi ha regalato Monica dopo la mia ennesima richiesta di spiccioli. Vado al distributore e quando inserisco la di plastica cosetta vedo che il credito è insufficiente a comprare la mia quotidiana e prima bottiglietta d acqua da 50 cl. Lode al signore. Torno in ufficio e guardo dentro il portafoglio... ovviamente ho solo delle monete di rame e dei pezzi da 50 euro. Come faccio a caricare questa maledetta chiavetta gialla di marcia plastica? Ho l'impulso di andare da Monica e chiederle altri spiccioli, ma per vergogna mi dirigo verso l'ufficio dell'economo che ha una bella cassettina di monete. L economo non è ancora arrivato. Apro la cassettiera dove c'è una chiavetta che apre un altro cassetto. Lì c è il "salvadanaio": trattasi di un contenitore di plastica non a forma di porcellino. Prendo 50 centesimi. Scrivo su un post-it 0,50 Federico e lo caccio nel porcellino a forma di contenitore di plastica. Breve riflessione su cosa contenesse quel di recipiente in origine. Il distributore, dotato come tutte le macchine d intelligenza artificiale, è situato nei pressi dell'ufficio di Monica... così ci scappa un salutino dal corridoio e uno sguardo che dice "quando scopiamo? L'occhiata di rimando risponde "tesoro anche subito ma dove?". Una volta presi da delirio sessuale mattutino ci stavamo chiudendo nella stanza del server, e mentre stavamo per farlo entrarono dei colleghi... e non se ne fece nulla. Sono davanti all Hal9000 delle colazioni prêt-à-porter... comincia la battaglia: infilo la chiavetta (che sia una metafora?...monica è un genio!), butto giù la monetina con la speranza che il display lcd incrementi il credito. Rumore metallico interrotto ( anche questa una metafora sessuale?) credito sempre a 0,20: la bottiglietta è un lontano miraggio. Passo alle maniere forti. Trattasi di spostare inclinando a chissà quali gradi il parallelepipedo ostile, lasciandolo poi cadere per inerzia secondo la forza di gravità. Bel tonfo. Scendono due succhi di passion fruit e agrumi. Una sorta di ricetta infallibile per stimolare i succhi gastrici. L'acqua resta un miraggio. Torno all'ufficio con i due succhini in tetrapak, c'è stato un guadagno ma Hal ha vinto come sempre ed io non ho la mia bottiglietta d'acqua. Apro Outlook. Un della CartaSì all interno un link che mi vorrebbe trasportare su Explorer, ma non ho ancora aperto il collegamento ad internet così il proxy server mi propone la richiesta password per dieci volte finché a colpi di escape torno sulla posta da leggere. Nessun messaggio. Scrivo a Monica. to Oggetto: bg 11

12 Bg Sei bellissima... almeno per la parte sopra la scrivania... beh anche i sandali non sono male... Alle 14 che fai? Alle 10 ho una conferenza di servizi con il Direttore Generale, grandissimo rompi scatole. Porterò il cell e starò a messaggiare quasi per tutta la durata. Nella barra si è accesa la bustina di Outlook. Sicuramente è Monica. Leggo. Monica to Federico Oggetto: re bg Ciao bellissimo... che cos'è quell'aria corrucciata? Hai fatto brutti sogni? Tesoro alle 13,30 scappo e porto i bimbi a salso. Ti voglio tanto... ieri sera ti ho "pensato"... bacissimi Moni Anche oggi non si tromba. Suona l'interno... segretaria del direttore generale... Tutti nella sala giunta. La nomina dei direttori generali, secondo la legge Bassanini, è diventata per le amministrazioni pubbliche un favore di lusso. La cosa triste è che i soldi che si spendono sono quelli dei cittadini, come si dice spesso o meglio come dicono gli omofobi son tutti finocchi con il culo degli altri. E un'ora che sono seduto con i miei colleghi, il dg e il presidente. Giocherello con il cell. Mi sovviene una riunione condominiale che si tenne al secondo piano del palazzo dove abitano i miei genitori a Spezia. Era qualche anno fa, ma eravamo già nell'epoca degli sms. Mio padre aveva l'influenza e mi aveva pregato di andare all assemblea delegandomi a partecipare al suo posto. Morivo dalla felicità: da Varano a Spezia per una noiosissima riunione condominiale, sembrava una scusa per una sortita nei night club versiliani. Persino Chiara faceva spallucce come se mi dicesse: E vai a divertirti, ma smettila di trovare patetiche scuse. Invece era la triste verità. Fu un'assemblea molto più interessante delle conferenze dei servizi a cui sono obbligato a partecipare in provincia: mentre facevo finta di ascoltare mi soffermavo ad analizzare il campionario di cariatidi presenti al tavolo del geom.felice Torinesi. Egli aveva avuto il buon cuore di mettere a disposizione il suo salone arredato in perfetto stile anni sessanta. In realtà il fatto di ospitare una riunione di quel genere mette un po a disagio i partecipanti: chi si sente poi di contraddire il padrone di casa? Il personaggio più interessante fu l'ingegnere che abitava all'ultimo piano il quale, 12

13 mentre relazionava come tecnico in previsione di modifiche e manutenzioni strutturali e annuendo alle più improbabili osservazioni dei convenuti, continuava a mandare sms con una maschera di inespressività che rivelava l'importanza degli short messagges.quella mancanza di dinamica facciale che nasconde il riverso di un sorriso mentale spacca labbra. Io mi domandavo Strano che un ingegnere gaudente e cinquantenne mandi messaggi alla moglie che sta tre piani sopra, strano pure che alle undici di sera messaggi per lavoro in modo assiduo. Sentenziai che l'inge aveva una tresca. Alla cena di famiglia per Santo Stefano, successiva alla riunione, seppi che il di fatto gaudente ingegnere aveva sganciato moglie e prole per andare altrove... mi sentii una sorta di Nostradamus. sms to chiara. oggi vado a milano con l'arch.fini. ritorno per le otto.ci sentiamo sms to giuliano. alle 16 sono da te in negozio.beviamo qualcosa.organizzati. bmw x5 3.0d, df xxx mp autostrada a1.casello di Parma. Biiiip. Non so perché ma non riesco mai a godermi pienamente il mio telepass: è un sorta di telepass interruptus. Prima del beep iniziale ho un attimo in cui rallento e dopo aver sentito il segnale di aggancio ho sempre l'impressione della barra che non si voglia aprire. Invidio quello davanti che ci passa ai 60 km/h come ho sempre invidiato la capacità di rottura che hanno i protagonisti dei romanzi di De Carlo. Ho una lieve pulsazione alla tempia sinistra, segno che la conferenza dei servizi di due ore fa ha lasciato il segno. Sono diventato un topo da riunione. C'è una specie di decalogo che impari dopo anni,in realtà non so se i postulati siano dieci,però alcune regole sono semplici. Primo. La riunione è fissata con una mezz'ora di anticipo rispetto a quando comincerà ad arrivare il primo malcapitato. Secondo. I primi due che arrivano vanno a fumare sulla terrazza(uno dei due fuma sicuramente)e cominciano una conversazione di forma, parlano del tempo: ci si lamenta sempre, o è troppo caldo, o piove o c'è freddo o c'è nebbia se c'è poca nebbia è troppo che non piove. Si rimpiangono i tempi nebbiosi degli anni settanta come se fossero i Led Zeppelin disciolti. Poi, arriva il terzo e se c è la necessaria confidenza si comincia a parlare 13

14 di colleghe di bell aspetto. Io non arrivo né primo né secondo né terzo niente podio sono troppo esperto. Sono passati 45 minuti ed io sono sempre nel mio ufficio. Telefonano per chiedere se arrivo. Risposta: Arrivo imme-di-a-ta-mente, ma ho una persona e non posso buttarla fuori dall'ufficio. Terzo. Presentarsi quando già gran parte dei partecipanti è seduta al tavolo, scegli dove stare e tatticamente è importante. Eviti quelli con l'alito cattivo. Nel frattempo gli argomenti, visto la promiscuità di sesso, sono passati a: malattie dei bambini, se è autunno/ inverno, malattie dei bambini esantematiche, se è primavera, vacanze al mare o settimana bianca, calcio e televisione o politica. Accoppiamenti rigorosi, i dispari per un po ascoltano e annuiscono. Quando si accorgono, dopo qualche minuto, che sono tagliati fuori, cominciano a far finta di mandare messaggi anche se nemmeno la loro moglie risponderebbe. Io arrivo per penultimo o terzultimo. Scusandomi dopo aver seguito i dettami sopraesposti. L'ultimo è sempre qualcuno dell'ufficio tecnico. Viene comunque accolto con simpatiche rimostranze, in pratica fa sempre la parte dell idiota, però, visto che le conversazioni sono piacevoli, tutto sommato non importa a nessuno. Si cominicia. Il segreto è far finta di essere distratti, soprattutto funzionava quando facevo trattativa sindacale, ora sono passato dall altra parte della barricata. In realtà non guardando i "commensali" ci si concentra su ciò che dicono e facendo finta di messaggiare con il cell, di fare disegnini o di prendere appunti, si evita di distrarsi guardando l'improbabile abbigliamento dei funzionari, l'occhio strabico della verbalizzante o le unghie sporche del dirimpettaio. Peggio ancora se si guarda sotto il tavolo, dove vicino alle Hogan stazionano dei mocassini da bancarella della fiera con i calzini corti in dicembre. Pochi interventi, ma al punto giusto, per far capire ai convenuti che anche a testa china li ascolto e li posso fregare. Nel caso della riunione di oggi devo ammettere che la mia testa era al progetto e non avrei potuto nuocere davvero a nessuno. Tempo di queste riflessioni e sono già a Melegnano. Tangenziale e uscita. Lascio l'auto in garage e consegno le chiavi ad un uomo in tuta. Dieci minuti e sono alla Feltrinelli Duomo. Giuliano sta parlando con una cliente. Muovo in aria il dito indice come fosse un tergicristallo di un immaginario parabrezza mimando con le labbra un fischiettio. Sorriso di Giuliano. Lo aspetto una decina di minuti passeggiando e curiosando fra gli scaffali. Usciamo. Caffè in galleria. Lo sai che non fumo, ma mi offri una siga?". Ho l'accendino e do l'impressione del malefico scroccatore, Sennonché con Giuli siamo cresciuti insieme e di impressioni non ce ne diamo più, ci conosciamo e basta; lui sa bene che per me comprare un pacchetto di siga è più una sconfitta morale che un esborso vero e proprio. Del resto il papà di Chiara è il classico industrialotto del fornovese e i soldi è un po che non so neppure cosa siano. Non che il vecchio foraggi direttamente i miei vizi, ma fa fare alla sua bimba e ai nipoti una vita da principi monegaschi; per quanto mi riguarda il mio stipendio è ampiamente sufficiente a coprire vizi e stravizi. 14

15 "Ti dicevo dell'università..." "Mmm si, eh si "...oddio il Giuli non è sintonizzato. "Giuli abbiamo bisogno di qualcuno che faccia ricerche senza dare nell'occhio, non mi pare il caso di avere la polizia postale che ci fa domande e..." "Ho capito Fede..." il Giuli si è temporaneamente riavuto. "Vai tu a Parma e vedi un po... tanto con la tua aria da trentenne eterno, dai nell'occhio il giusto" il Giuli sogghigna. "Si, avevo pensato in effetti di andare qualche mattina vestito in maschera ma a Parma rischio di incontrare figli di miei colleghi o comunque gente conosciuta a sto punto vado direttamente a Bologna che è anche più attinente al progetto e politicamente più interessante. Tieni presente che il Fugazza a Bologna conosce di fisso qualche pezzo importante, mentre a Parma zero, buio assoluto." "Mi sembra una cosa divertente e quasi quasi al lunedì vengo pure io..." ecco che il Giuli si è già fatto il film di scoparsi qualche studentella. "Giuli se parti da Spezia alla mattina e alle 15 devi essere in negozio beh lascia stare va'" il Giuli lavora alla Feltrinelli in galleria duomo e abita sui navigli in una casa che ha ereditato dai suoi parenti. I grandissimi pezzi di merda erano anni che non avevano a che fare con lui e la sua famiglia, però zio e cugino se ne sono dipartiti in un bel frontale sulla nebbia e la mamma era già morta anni prima. Paradossalmente la casa l'ha ereditata la madre del Giuli... punizione divina per degli esseri spregevoli e velenosi. Ora il Giuli se ne sta a Milano dal lunedì al venerdì ben pagato dalla Feltrinelli con la sua casetta a la page sul naviglio. Torna a Spezia il venerdì sera per odorare un po di salmastro e per portare fuori il suo cane Che Guevara, spezzino doc. Io Chiara e i bimbi torniamo a Spezia nei week end d'estate o comunque saltuariamente. Io torno per quella forma che Kundera definisce nel suo romanzo L'Ignoranza, "nostalgia", dal greco nostos "ritorno" e algos "sofferenza". Per quanto riguarda i bimbi, che hanno pure la erre strascicata e sembrano una sorta di francesi della val di vara, la sofferenza è nello stare inscatolati nella bmw per circa un'ora. La mia saudade si manifesta soprattutto quando mi faccio 200 km per vedere tutte le partite dello Spezia e per questo non mi sento l' Ulisse che torna a casa, anche perché grazie ai kw della x5 in pratica impiego a raggiungere lo stadio Picco quanto ad andare al Tardini. Il Giuli concorda che l'inviato sul set dell'ateneo bolognese sarò io travestito da studente lavoratore fuori corso, del resto con il mio capello lungo e con l'aria e lo sguardo da tossicomane, sarò certo più credibile che nelle stanze del palazzo della provincia. 15

16 Capitolo 3 13 luglio venerdì ore 15.Sarzana (Sp). Ho posteggiato la x5 davanti alla stazione, ovviamente è in divieto. Bisogna solo fare attenzione che non sia in una zona rimozione. Le multe da divieto di sosta quando hai poche spese te le puoi proprio permettere, viceversa, il tempo ha un prezzo difficilmente quantificabile. Entro nell'atrio del palazzo della psichiatra. Basta suonare il campanello a fianco di un anonima targhetta che recita un "studio medico" non meglio specificato.un portone di ferro si apre automaticamente con uno spettrale rumore-movimento. Ovviamente al primo appuntamento la doc ti spiega tutto, è come se ci fosse una parola d'ordine e ti senti l'eletto che partecipa ad un misterioso ed irraggiungibile rave party, in realtà stai banalmente andando da un medico. Questo dottore ti dovrebbe curare i nervi e la psiche e comunque aiutarti a fare una vita normale. Anche questo ha a che fare con il tenore di vita come il cell o la 4x4 una volta lo psichiatra era una prerogativa dei matti, adesso ci vanno pure quelli che si fanno le cosiddette seghe mentali. Devo ammettere che la prima volta se non fosse stato per Gino e mia moglie Chiara non sarei mai venuto da questa Barbara Chiesa psichiatra. La diagnosi che attribuì al mio caso fu quella di sofferente di attacchi di panico con polarizzazioni ipocondriache (il fatto di avere delle polarizzazioni già mi riempì di orgoglio). Ad oggi vorrei tanto sapere cosa sono diventato, ormai ciclicamente ci vediamo e io le vomito addosso i miei problemi. E tante volte più che di problemi mentali sono crucci che in "osteria" verrebbero definiti problemi di figa.comunque sia la Barbara mi aiuta, fra un messaggio e una chiamata al suo cellulare. Praticamente la signora vive in simbiosi con il suo cellulare, la cosa ridicola è che ne ha uno solo che fa da privato e da lavoro immaginatevi voi il ritmo: considerando che il numero lo hanno a loro disposizione gli schizofrenici,i lievemente depressi passando per le amiche arrivando al fidanzato(da tutti i pazienti maschi e lesbiche invidiato). L'ambiente è arredato con gran gusto e con cose economiche che talvolta ritrovi nel catalogo Ikea. Una forma di educazione quasi imbarazzante e sofisticata ti fa trovare portaceneri in ogni dove, quando è noto che la doc sia evidentemente non fumatrice. Mentre te ne stai in sala d'aspetto una musica anonimissima jazz viene diffusa da due microscopiche casse che se ne stanno tipo guardie svizzere davanti alla porta dello studio e ti fanno solo percepire la presenza di un altro paziente. La porta si apre ed esce lei che stringe la mano al "cliente" dell'ora prima. In modo inquietante lei si divide tipo campo da tennis in precisissime ore, talvolta i più logorroici ti strappano dieci minuti che la Barbara recupera abilmente per evitare di andare a casa fuori orario. La cosa buffa è che questa doc è abbastanza carina e più giovane di me ed io, per quanto mi sia d'aiuto, non riesco a non assumere un atteggiamento da flirt o da competizione. Talvolta la sfido, pure vincendo, raccontandole di patologie che per lei sono solo una reminiscenza di studi pisani. La ragazza mi cura sempre a suon di scatole di paroxetina, io mi impegno sempre a 16

17 spiegarle gli effetti collaterali sulla sfera sessuale, ma con delle parafrasi arzigogolate è difficile far capire che la sostanza ritarda o meglio mi ritarda l'orgasmo in un modo atroce, facendomi fare maratone sessuali pericolose per il cuore. Quando esco dallo studio sono rinfrancato; ho pochi soldi in meno e una nuova terapia, autorizzato a bere quel poco di vino in più e a farmi le canne. Comunque sia e a parte tutto, quando mi trovavo sommerso nella melma delle miei sinapsi la Barbara mi ha tirato fuori e per me resta sempre la dottoressa che tutti invidiano e che mi tengo stretto. 17

18 Capitolo 4. L antefatto. 2 luglio lunedì Nella vita di ciascuno di noi ci sono degli eventi esiziali. Sono sostanzialmente casuali. Sono a volte piccole cose, a volte più grandi, ma sono quelle cose che determinano un brusco cambiamento, un angolo di 90 gradi sul percorso che stiamo facendo. Nel mio caso, probabilmente, qualcosa covava sotto. C erano delle braci accese, una combustione lenta che durava da chissà quando, sopita, aspettava dell ossigeno per divampare in fiamme. O forse l esempio più calzante è quello del detonatore. Ero una sorta di tritolo biologico che aspettava la scintilla per esplodere. E il paradosso fu che le immagini di un esplosione reale fecero da miccia ai miei pensieri sovversivi e cominciò tutto Stavamo a tavola come tutte le sere: Chiara con il suo immancabile giornale dei programmi di Sky, le due gemelle con il loro Disney Channel mentre Edoardo leggeva un fumetto che, mi vergogno ad ammetterlo, non saprei cosa fosse, ma di certo non Lando né Il Montatore e né L'oltretomba, quei fumetti che hanno accompagnato la mia scoperta del sesso negli anni settanta. Non era neppure un manga, altrimenti l'avrei poi letto io stesso. Alle 21,30 accompagnai Lucrezia e Ludovica nella loro camera, le aiutai a mettersi in pigiama e rimboccai loro il lenzuolo. Le bimbe vogliono sempre, che racconti loro la favola dei tre porcellini. Ovviamente la conoscono a memoria, ma io credo che si divertano a vedere ogni sera cosa invento e cosa distorco rispetto alla sera precedente. Il gioco sta ovviamente nell'aggiungere buffi particolari anacronistici tipo orologi o telefoni cellulari o cose e animali che per la loro naturale origine non dovrebbero stare nel contesto fiabesco. In questo denotano un' intelligenza ed uno spirito non proprio della loro giovane età e, sarò patetico, ma io mi diverto moltissimo. Quando scendo nella sala da pranzo Chiara mi chiede sempre se si sono addormentate facilmente o se abbiano faticato a prendere sonno. Io non le confesso mai che, quando ritardo, è perché la favola mi ha portato chissà dove con la fantasia. Quella sera non ricordo quali furono le variazioni al tema però tornai a tavola alle 10 e qualche minuto (ora lo posso dire con precisione perché ricordo l'esatto punto del documentario che cominciava alle dieci; non si sa perché, ma i format e i programmi di ogni genere del palinsesto satellitare di Murdoch durano o mezz'ora o un'ora con una precisione svizzera, frutto di abili tagli e pause pubblicitarie). Visto l'assenza di Chiara ed Edoardo, assenza mentale che si palesava nell aver lasciato la tv su Disney Channel, mi impadronii del telecomando e dopo una rapida occhiata al menù mi fermai su History Channel. Trasmettevano la prima del documentario girato da due giovani cameraman dell'epoca, pochi minuti dopo lo scoppio della bomba alla stazione di Rimini. Era il luglio 1980 capii solo dopo che era il 27 anniversario della strage. Il ricordo che ho di quella giornata era solo legato alla mia villeggiatura nella casa di campagna di Fosdinovo, ricordo lo sdegno dei miei nonni e dei miei genitori e ricordo che guardavo i telegiornali con quella curiosità morbosa che si ha davanti agli eventi nefasti, la 18

19 stessa strana forma di attenzione che tutti rivolgemmo, adulti e bambini, al dramma di Alfredino e del pozzo artesiano di Vermicino, la stessa forma di innata curiosità che ci spinge a fermarci quando vediamo un incidente, la stessa sensazione che genera noia inconfessabile, dopo la partenza senza incidenti in una gara di formula uno. Ricordo i servizi sui giornali dell'epoca, le foto dei sopravvissuti che rilasciavano interviste sul settimanale Gente, qualcuno che al telegiornale diceva di aver sentito un grande vento. I miei genitori che mi spiegavano che di una bomba uccide anche lo spostamento d'aria. Io che non capivo come una ventata d'aria potesse uccidere 100 persone, ma quando sei un bambino è più probabile che tu rimanga impressionato dal fantasma del Louvre che da una serie di corpi anonimi ricoperti da lenzuoli bianchi. Il documentario attirò l'attenzione di Chiara ed Edoardo. Per un'ora nessuno fiatò, è difficile descriverlo anche perché vi giuro che l'ho visto solo quella sera e malgrado tutto il materiale che stiamo mettendo insieme noi del... gruppo di studio (ma si per adesso lo chiameremo così) non abbiamo ancora avuto occasione di vederlo tutti insieme. Io so solo che quella strage ogni tanto me la trovo davanti quando meno me l'aspetto: o citata nel film del rocker diventato abile regista o inserita nel film sulla banda della Magliana. Ogni volta mi provoca una sensazione strana. Ogni volta mi vergogno. Ma la sera del 2 luglio è stata differente. C'è uno strano silenzio nel documentario, le interviste sono fatte a persone di varie regioni, tutti dicono la loro, ma tutti capiscono subito che non si tratta di un incidente. Il silenzio e la mancanza di una colonna sonora di sottofondo conferiscono al documentario una sorta di realismo che ti riporta indietro negli anni e ti fa sentire presente, vorresti entrare nel video, vorresti scavare le macerie con le tua mani. Aiutare quei portantini vestiti di bianco con quelle improbabili ambulanze che sembrano uscite da un film con Maurizio Merli. Io mi sono emozionato come non succedeva da anni. Mi sono vergognato di essere italiano Noi sappiamo bene che quella, allo stato attuale, fu una strage senza colpevoli. Alla fine del filmato come in Schindler s list, dove gli ebrei sopravvissuti portano una pietra sulla tomba di Oskar, senza musica né rumore compare la lista dei nomi con a fianco l'età delle vittime. Avevo le lacrime agli occhi e ancora adesso a pensarci mi commuovo. Immagini le famiglie in vacanza, l'unico sopravvissuto con la vita segnata per sempre, i genitori che non hanno più il loro unico figlio, il bambino che non ha più i genitori, un paese colpito nel cuore delle vacanze, nel cuore della famiglia in quell'attimo di felicità che precede il viaggio delle sospirate ferie, la felicità e la serenità di un ritorno a casa eh si, chi lo architettò fu davvero un genio del terrorismo. Perché quello fu il gesto terroristico per antonomasia, fatto da italiani contro italiani, fatto da chi sa dove colpire e come colpire nel cuore della gente. Una cosa che genera terrore nella vita di tutti i giorni. Sorrido amaramente alla luce della strage di Rimini quando sento parlare di terrorismo nel commentare le azioni della lotta armata degli anni settanta o degli omicidi delle nuove o vecchie brigate rosse. Il terrorismo è la politica del terrore e si genera colpendo le persone normali nella loro quotidianità. Forse è terrorismo quello dei palestinesi e forse lo è quello dei musulmani di Al-Quaida, le radici comunque sono differenti ci sono delle diversità di etnie e delle guerre religiose che malgrado non giustifichino tali atti possono persino essere comprese, ma la strage di Rimini 19

20 e le altre stragi definite di stato", sono un paradosso che difficilmente potrete trovare nei paesi occidentali. Mi vergognai di essere italiano. Avrei voluto prendere tutto e andarmene, consapevole dell'impotenza di cambiare questo paese. Consapevole di essere in mano ad una classe politica che, qualunque colore rappresenti, continua a comportarsi nel modo medesimo da anni con il succedersi dei vari governi. Almeno negli anni settanta gli ideali della sinistra politica erano davvero una specie di utopia forse realizzabile, erano un sogno che si poteva perseguire e sostenere, si manifestava e si pensava che qualcosa potesse cambiare, proprio attraverso una parte di classe politica. Oggi no. Oggi lo sappiamo. Oggi siamo impotenti e ci hanno tolto anche i sogni di fantapolitichese. Il giorno dopo chiamai Giuliano. Chiesi se ci potevamo vedere. Mandai una anche a Giovanni. 20

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007

Tempi che corrono. Ore 8.30. Ore 8.32. Milano, giugno 2007 Milano, giugno 2007 Tempi che corrono Ore 8.30 Maria si siede al tavolo con la sua colazione: cappuccio, brioche e una spremuta d'arancia. Comincia a sfogliare il giornale, ma è distratta... Non dalla

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così:

Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: Racconto inviato da Monica Chiesura email di riferimento: mcshogun62@gmail.com QUANDO SI DICE IL DESTINO! La nostra storia inizia così: in una bella giornata di ottobre, quando la mia migliore amica Sabrina

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli