SCHEDA DI AUTOVERIFICA:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA DI AUTOVERIFICA:"

Transcript

1 mettiti alla prova Unità 1 Il sistema neurormonale SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 1 - Il sistema endocrino 1 Rispondi alle domande. Qual è la funzione del sistema endocrino? Il sistema endocrino, insieme al sistema nervoso, controlla le funzioni dei vari apparati per mezzo di messaggeri chimici, gli ormoni, prodotti dalle ghiandole endocrine di cui è costituito. Come mai il sistema endocrino e il sistema nervoso sono in stretta collaborazione? Sono in stretta collaborazione perché devono mantenere l omeostasi, cioè devono mantenere costanti le condizioni chimico-fisiche interne, anche se variano le condizioni esterne; tale proprietà è una condizione indispensabile per la sopravvivenza dell organismo. Il sistema endocrino, attraverso gli ormoni prodotti dalle ghiandole endocrine, è responsabile del controllo di molte funzioni. Le ghiandole però ricevono ordine, per la loro secrezione, dal sistema nervoso centrale. Sistema endocrino e sistema nervoso lavorano dunque in stretta collaborazione: il primo agisce su base chimica, il secondo su base elettrochimica. Quali sono i principali ormoni prodotti dall ipofisi? L ipofisi produce molti ormoni: l ormone antidiuretico (ADH), che regola la pressione sanguigna; l ossitocina, che determina le contrazioni dell utero durante il parto; l ormone somatotropo o ormone della crescita, che provoca l accrescimento corporeo agendo soprattutto sulle ossa lunghe; l ormone gonadotropo, che stimola lo sviluppo delle ghiandole sessuali; la prolattina, che dopo il parto stimola e mantiene la produzione del latte; l ormone tireotropo (TSH), che ha come organo bersaglio la tiroide, di cui stimola la produzione degli ormoni tiroidei; l adrenocorticotropo (ACTH), che stimola il surrene a produrre ormoni che controllano la quantità di acqua e sali nel sangue (aldosterone) e il metabolismo glucidico (cortisolo). 2 Cancella il termine non corretto tra i due proposti. Gli ormoni sono secreti da ghiandole esocrine/ghiandole endocrine; l epifisi è posta tra i due emisferi cerebrali; le cellule di questa ghiandola producono tirosina/melatonina; il timo è una ghiandola che controlla il sistema immunitario/metabolismo del glucosio. 3 Collega in modo corretto tra loro i termini della colonna di sinistra con quelli di destra. 1. Ipofisi 2. Epifisi 3. Tiroide 4. Isole del Langerhans 5. Chiamandole surrenali 6. Paratiroidi a. Aldosterone b. Ossitocina c. ADH d. Melatonina e. Adrenalina f. Paratormone g. Glucagone h. T3 1

2 Unità 1 Il sistema neurormonale 4 Completa le frasi scegliendo l alternativa esatta. 1. L ipofisi è una ghiandola che è unita per mezzo di un peduncolo: a. all epifisi; b. all ipotalamo; c. alla tiroide. 2. Il cortisolo è un ormone prodotto da: a. timo; b. epifisi; c. surrene. 3. I messaggeri chimici che agiscono sulle cellule che li producono sono detti: a. autocrini; b. paracrini; c. ormoni. 4. Gli ormoni che mantengono costante l ambiente interno dell organismo si dicono: a. dello sviluppo; b. regolatori; c. neurotrasmettitori. 2

3 mettiti alla prova Unità 1 Il sistema neurormonale SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 2 - Il sistema nervoso 1 Rispondi alle domande. Qual è la funzione del sistema nervoso? Ha molteplici funzioni: capta gli stimoli interni ed esterni, li elabora, fornisce risposte coordinate, possiede i centri della memoria, della parola, del pensiero, permette la visione e l ascolto, coordina i movimenti, controlla l equilibrio e le funzioni interne dei vari apparati. In che modo puoi suddividere il sistema nervoso? In sistema nervoso centrale con encefalo e midollo spinale, e in sistema nervoso periferico con i fasci motori e i fasci sensoriali. Come si chiamano e come sono strutturate le cellule che costituiscono il tessuto nervoso? Sono i neuroni, formati da un corpo cellulare, da brevi ramificazioni dette dendriti e da un lungo filamento detto assone o neurite. Che cos è la guaina mielinica e quale funzione svolge? È una particolare sostanza prodotta dalle cellule di Swann, specifiche cellule che circondano l assone; la presenza della guaina mielinica permette un trasporto più veloce degli impulsi. 2 Guarda la figura e descrivi in che modo funzionano le sinapsi. terminazione nervosa o bottone sinaptico impulso in arrivo vescicole sinaptiche con mediatore chimico (neurotrasmettitore) spazio intersinaptico canali ionici L assone termina con un rigonfiamento, il bottone sinaptico, che si trova a una piccola distanza, spazio sinaptico, dal dendrite della cellula successiva a cui trasmetterà l impulso. Il bottone sinaptico libera nello spazio sinaptico dei mediatori chimici, detti neurotrasmettitori, permettendo il passaggio dell impulso. I neurotrasmettitori, una volta finito il processo di trasmissione dell impulso, vengono riassorbiti. neurotrasmettitore recettore 3

4 Unità 1 Il sistema neurormonale 3 Completa i seguenti grafici. ENCEFALO MIDOLLO SPINALE pia madre aracnoide dura madre talamo DIENCEFALO ipotalamo TRONCO ENCEFALICO mesencefalo Ponte midollo allungato 4 Completa le frasi. Gli emisferi sono rivestiti dalla corteccia cerebrale che è costituita da sostanza grigia formata di neuroni. L emisfero destro controlla la parte sinistra del corpo, mentre l emisfero sinistro controlla la parte destra. Il midollo spinale è la parte terminale del SNC ed è contenuto nella colonna vertebrale. Dal midollo spinale hanno origine i nervi spinali ed è a livello della sua sostanza grigia che avvengono le prime integrazioni nervose. Sul percorso di ogni radice dorsale c è un rigonfiamento, detto ganglio spinale, costituito dai corpi cellulari dei neuroni sensitivi. Il sistema nervoso periferico è costituito dall insieme dei nervi spinali e dei nervi cranici e dai gangli nervosi, situati lungo i nervi, che non appartengono al sistema nervoso centrale. 5 Completa il seguente schema. SISTEMA NERVOSO PERIFERICO sistema nervoso volontario sistema nervoso autonomo sistema parasimpatico sistema simpatico 4

5 Unità 1 Il sistema neurormonale 6 Completa le frasi scegliendo l alternativa esatta. 1. Nervi motori trasmettono impulsi nervosi dal: a. SNC agli organi interni e ai muscoli; b. midollo spinale agli organi di senso; c. dal SNC alle aree sensitive. 2. I nervi cranici provvedono all innervazione: a. motoria della testa e del collo; b. motoria e sensoriale della testa e del collo; c. motoria dei visceri. 3. I gangli spinali sono costituiti dai: a. neuroni del cervelletto; b. corpi dei neuroni sensitivi; c. neuroni presenti nella corteccia. 4. Le sinapsi inibitorie: a. promuovono la trasmissione del segnale elettrico; b. bilanciano il segnale in uscita dall assone; c. bloccano la trasmissione del segnale elettrico. 5

6 mettiti alla prova Unità 2 La riproduzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 1 - La riproduzione nell uomo 1 Completa le frasi. Nei vertebrati gli organi che producono le cellule sessuali sono detti gonadi. I gameti sono cellule aploidi. I gameti maschili sono detti spermatozoi e quelli femminili cellule uovo o ovuli. Le gonadotropine secrete dall ipofisi favoriscono la maturazione delle gonadi. L uomo, come tutti i mammiferi, si riproduce per via sessuata con fecondazione interna. 2 Completa la frase scegliendo l alternativa esatta. 1. Gli spermatozoi si formano: a. nella prostata; b. nei dotti deferenti; c. nelle vescicole seminali: d. nei tubuli seminiferi. 2. Gli spermatozoi acquistano la capacità di muoversi: a. nella prostata; b. nei dotti deferenti; c. nell epididimo; d. nell uretra. 3. Il progesterone viene secreto durante la fase: a. follicolare; b. ovulatoria o ovulazione: c. luteinica; d. mestruale. 4. L ovulo e lo spermatozoo fondendosi originano: a. l embrione; b. il gamete; c. lo zigote; d. l oocita. 6

7 Unità 2 La riproduzione 3 Cancella il termine sbagliato. Il progesterone ha la funzione di inibire/influenzare l ovulazione e di mantenere ispessito/grosso l endometrio preparandolo, così, ad accogliere l uovo fecondato/fecondo. Se avviene la fecondazione/inseminazione, l embrione si annida/attacca nell endometrio. 4 Segna con una crocetta le affermazioni esatte. a. Lo spermatozoo è in grado di muoversi autonomamente. X b. Gli spermatozoi si formano nella prostata. c. Gli oociti vengono quotidianamente prodotti a milioni. d. Gli estrogeni sono ormoni sessuali femminili. X e. La comparsa delle mestruazioni indica la mancata fecondazione dell uovo. X f. L ovulo è spesso fecondato da più di uno spermatozoo. g. Le gonadotropine sono secrete dalle gonadi. 5 Collega con una freccia i termini tra i quali si può stabilire una relazione. Indica la relazione, come nell esempio. 1. spermatozoi 2. ovuli 3. ciclo ovarico fecondo 4. ciclo ovarico infecondo a. ovaie b. utero c. testicoli d. mestruazione e. vagina f. zigote Esempio: Gli spermatozoi si formano nei testicoli Gli ovuli si formano nelle ovaie. Il ciclo ovarico fecondo si conclude con la formazione dello zigote. Il ciclo ovarico infecondo si conclude con le mestruazioni. 6 Individua le frasi sbagliate. a. Il ciclo ovarico dura 14 giorni. b. La fecondazione avviene nelle tube. c. I gameti sono aploidi. d. Il corpo luteo produce progesterone. e. Le mestruazioni indicano che non è avvenuta l ovulazione. 7

8 Unità 2 La riproduzione 7 Completa le frasi. Se avviene la fecondazione, l embrione, annidatosi nella parete dell utero, produce un ormone che mantiene in attività il corpo luteo. In assenza di tale segnale il corpo luteo cessa di produrre progesterone e degenera. Di conseguenza, l endometrio non può più mantenersi ispessito: una sua parte si sfalda e le cellule morte vengono eliminate attraverso la vagina. Poiché la mucosa uterina è ricca di vasi sanguigni, il suo distacco è accompagnato da un emorragia. Tale flusso di sangue, misto a cellule morte, è detto mestruazione. 8

9 mettiti alla prova Unità 2 La riproduzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 2 - Lo sviluppo e la crescita 1 Completa le frasi. Nell uomo lo sviluppo dell embrione è di tipo diretto e avviene nell utero materno, durante un arco di tempo che è detto gestazione. Nel corso di questo periodo, che dura circa 40 settimane, l utero della donna aumenta di volume per poter contenere il futuro bambino, le ghiandole mammarie s ingrossano in previsione di secernere il latte, lo zigote, prima cellula del nuovo individuo, va incontro a una serie di modificazioni che lo porteranno a diventare da embrione a feto. 2 Completa la frase scegliendo l alternativa esatta. 1. Durante lo sviluppo embrionale lo stadio di morula avviene nella fase di: a. segmentazione; b. gastrulazione; c. neurulazione; d. organogenesi. 2. I tre foglietti embrionali si formano allo stadio di: a. zigote; b. morula; c. blastocisti; d. gastrula. 3. Le strutture che daranno origine al sistema nervoso si formano durante il processo di: a. segmentazione; b. gastrulazione; c. neurulazione; d. organogenesi. 4. Il feto assume anticorpi materni durante: a. i primi tre mesi di gravidanza; b. gli ultimi tre mesi di gravidanza; c. tutta la gravidanza; d. l ultimo mese di gravidanza. 9

10 Unità 2 La riproduzione 3 Cancella il termine sbagliato. Durante la fase di dilatazione/contrazione del parto il collo dell utero e la vagina/vulva si dilatano/ contraggono. Tale fenomeno è accompagnato da contrazioni ritmiche e dolorose della muscolatura addominale/uterina (doglie), provocate dall ossitocina/dopamina, un ormone secreto dalla neuroipofisi. 4 Segna con una crocetta le affermazioni esatte. a. Quando l uovo viene fecondato, si forma lo zigote che inizia lo sviluppo embrionale. X b. Verso il 7 giorno la morula, arrivata nella cavità uterina, effettua l annidamento. c. Dai tre foglietti embrionali hanno origine tutti i tessuti che a loro volta formeranno gli organi e gli apparati. X d. Dalla nona settimana di gravidanza in poi l embrione è chiamato feto. X e. L amnios è una membrana che circonda l embrione e dà origine alla placenta. f. Le ghiandole mammarie secernono latte subito dopo il parto. g. Il feto mantiene il collegamento con la placenta attraverso il cordone ombelicale. X 5 Collega con una freccia i termini tra i quali si può stabilire una relazione. Indica la relazione, come nell esempio. 1. Ghiandole mammarie 2. Gonadi 3. Pubertà 4. Secondamento 5. Endometrio a. caratteri sessuali primari b. caratteri sessuali secondari c. ossitocina d. colostro e. taglio cesareo f. placenta g. blastocisti h. gastrula Esempio: Le gonadi costituiscono i caratteri sessuali primari. Nei primi giorni dopo il parto, le ghiandole mammarie secernono il colostro. Durante la pubertà si manifestano i caratteri sessuali secondari. Durante la fase di secondamento del parto viene espulsa la placenta. Nell endometrio si annida la blastocisti. 10

11 Unità 2 La riproduzione 6 Individua le frasi sbagliate. a. Le ghiandole mammarie entrano in funzione subito dopo il parto. b. Appena nato, il bambino esegue il suo primo atto respiratorio con il pianto. c. Allo stadio di gastrula tutte le cellule sono totipotenti. d. L organogenesi termina verso la fine della dodicesima settimana di gravidanza. e. La segmentazione inizia dopo circa un ora dalla fecondazione. 7 Completa le frasi. Prima della pubertà, l ipofisi inizia a secernere le gonadotropine che hanno la funzione di portare a maturazione le gonadi, cioè i caratteri sessuali primari. La maturazione di tali organi si rende evidente nelle femmine con la comparsa delle prime mestruazioni e nei maschi con le prime polluzioni. Le gonadi, una volta mature, iniziano a loro volta a produrre gli estrogeni e gli androgeni. Sia l uomo sia la donna producono entrambi i tipi di ormoni sessuali, ma nella femmina prevale la produzione di estrogeni, mentre nel maschio quella di androgeni. Sono proprio questi ormoni che determinano i cambiamenti fisici che si osservano durante la pubertà e rappresentano i cosiddetti caratteri sessuali secondari. 11

12 mettiti alla prova Unità 3 Genetica ed evoluzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 1 - L ereditarietà dei caratteri 1 Completa ogni frase scegliendo l alternativa esatta. 1. Secondo Mendel la percentuale degli eterozigoti nella F1 è: a. 100%; b. 50%; c. 75%; d. 25%. 2. Un individuo che presenta entrambi gli alleli o dominanti o recessivi è detto: a. omologo; b. omozigote; c. ibrido; d. eterozigote. 3. La probabilità di avere figli maschi è del: a. 75%; b. 50%; c. 25%; d. 10%. 4. Grazie al Progetto Genoma si è scoperto che i geni umani che utilizziamo sono circa il: a. 2%; b. 10%; c. 50%; d. 95%. 2 Scrivi il termine esatto con cui si indica: a. l aspetto esteriore di un carattere: fenotipo b. caratteri che nascondono il manifestarsi di altri: dominanti c. individui eterozigoti della F 1 : ibridi d. individuo eterozigote sano che possiede l allele che provoca una malattia: portatore sano e. malattia ereditaria legata al sesso che si manifesta con gravi emorragie: emofilia 12

13 Unità 3 Genetica ed evoluzione 3 Osserva le figure e rispondi alla domanda. P F 1 F 2 F 1 75% di fiori viola 25% di fiori bianchi Come spiega Mendel la scomparsa di un carattere nella F 1 e la sua ricomparsa nella F 2? Secondo Mendel ogni carattere è determinato da una coppia di fattori e non da una sola entità; inoltre alcuni caratteri, che chiamò dominanti, coprono altri che chiamò recessivi. Egli dedusse che gli individui della F1 possedevano entrambi i fattori che determinavano il carattere, sia quello dominante che quello recessivo; in tal modo, incrociandoli tra loro, trasmettevano entrambi gli alleli e nella F2 poteva riapparire il carattere recessivo. 4 Collega tra loro le caselle della colonna di sinistra con quelle centrali e quelle di destra in modo da ottenere l esatta enunciazione delle tre leggi di Mendel. 1 Gli individui della F 1 sono tutti uniformi poiché uno dei due caratteri scompare. A Legge della segregazione dei caratteri. α Terza legge di Mendel. 2 Quando si formano i gameti, gli alleli di un carattere si distribuiscono indipendentemente dagli alleli dell altro carattere. B Legge dell uniformità degli ibridi della prima generazione. β Seconda legge di Mendel. 3 Ogni carattere è individuato da una coppia di fattori che si separano durante la formazione dei gameti. C Legge dell indipendenza dei caratteri. γ Prima legge di Mendel. 13

14 Unità 3 Genetica ed evoluzione 5 Considera il carattere colore del seme della pianta di pisello, con allele giallo (G) e allele verde (g) e compila i seguenti quadrati di Punnett. Scrivi, sotto ad ogni genotipo, il corrispondente fenotipo. Pianta a seme giallo G g Piante a seme verde g g Gg giallo Gg giallo gg verde gg verde Pianta a seme giallo G G Piante a seme verde g g Gg giallo Gg giallo Gg giallo Gg giallo Pianta a seme giallo G g Piante a seme giallo G g GG giallo Gg giallo Gg giallo gg verde Nei primi due casi si sono incrociate piante di pisello con semi verdi con piante di pisello con semi gialli: perché si sono ottenuti risultati diversi? Perché nel primo caso la pianta a semi gialli è eterozigote, mentre nel secondo caso è omozigote dominante. La pianta a semi verdi è necessariamente sempre omozigote recessiva. 6 Indica con una crocetta i caratteri mendeliani dell uomo. colore degli occhi X forma lobo dell orecchio X forma del naso X colore dei capelli altezza X forma degli occhi gruppo sanguigno X fossetta del mento colore della pelle Perché alcuni caratteri dell uomo sono detti mendeliani? Perché si presentano come alternativi e quindi possono essere dominanti o recessivi.

15 Unità 3 Genetica ed evoluzione 7 Completa le frasi. Il genoma umano è formato da 46 cromosomi, che si possono raggruppare in 22 coppie di cromosomi omologhi, detti anche autosomi, e una coppia di cromosomi sessuali. I cromosomi omologhi hanno la stessa forma e la stessa grandezza; inoltre, portano le informazioni per lo stesso carattere. I cromosomi sessuali nel maschio sono costituiti dal cromosoma X e dal cromosoma Y molto più corto e di conseguenza vengono indicati con XY. Nella femmina, invece, i cromosomi sessuali sono rappresentati da una coppia di cromosomi uguali: i due cromosomi X e vengono indicati con XX. 15

16 mettiti alla prova Unità 3 Genetica ed evoluzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 2 - Il DNA e le biotecnologie 1 Trascrivi ogni affermazione falsa correggendola. a. L RNA ha una catena doppia. singola b. L RNA ha come zucchero il glucosio. ribosio c. Le proteine sono sostanze prodotte dalle cellule. d. Gli enzimi di restrizione tagliano la molecola di RNA in punti specifici. DNA e. Il DNA ricombinante contiene DNA proveniente da cellule diverse. f. Per trasportare il DNA ricombinante si usano i cloroplasti. plastidi 2 Completa la frase scegliendo l alternativa esatta. 1. Il codice genetico è formato da: a. 4 triplette; b. 16 triplette; c. 32 triplette; d. 64 triplette. 2. Ogni tripletta o codon del codice genetico individua: a. una proteina; b. una vitamina; c. un amminoacido; d. un nucleotide. 3. Nella cellula sono presenti: a. 1 solo tipo di molecola di trna; b. 2 tipi di molecole di trna; a. 10 tipi di molecole di trna; a. più di 20 tipi di molecole di trna. 4. Il processo di formazione dell mrna è detto: a. traduzione; b. duplicazione; c. trascrizione; d. decodificazione. 16

17 Unità 3 Genetica ed evoluzione 3 Completa le frasi. Il modello di molecola di DNA, proposto da Watson e Críck, è costituito da una doppia catena avvolta a spirale, detta doppia elica. Le singole unità del DNA, cioè i monomeri, sono detti nucleotidi e sono costituiti da una base azotata, uno zucchero (deossiribosio) e un gruppo fosfato. Esistono quattro tipi di base azotata: l adenina, la citosina, la guanina e la timida. Le due eliche sono tenute assieme da legami che permettono l appaiamento delle basi azotate. L adenina può legarsi solo con la timina e la citosina solo con la guanina. Generalmente si indica ogni nucleotide con la lettera iniziale della base azotata che contiene. 4 Completa le frasi scritte in tabella. Mitosi La attuano le cellule somatiche per generare nuove cellule. Meiosi La attuano le cellule riproduttive per generare i gameti. Da una cellula madre si originano due cellule figlie. Le cellule figlie sono uguali tra loro e anche alla cellula madre. Le cellule figlie sono diploidi, cioè possiedono lo stesso numero di cromosomi della cellula d origine. Da una cellula madre si originano quattro cellule figlie. Le cellule figlie sono diverse tra loro e anche dalla cellula madre. Le cellule figlie sono aploidi, cioè possiedono la metà del numero di cromosomi della cellula d origine. 5 Metti nella giusta sequenza le fasi della duplicazione del DNA. A. I nucleotidi si uniscono tra loro formando un nuovo filamento di DNA e ogni vecchio filamento serve quindi come stampo per la formazione di uno nuovo. B. La doppia elica di DNA piano piano si svolge e si apre come una cerniera lampo. C. Le due catene, ognuna formata da un vecchio filamento (quello utilizzato come stampo) e da uno nuovo, ottenuto dall unione dei vari nucleotidi, si riavvolgono a spirale formando così due nuove molecole di DNA identiche all originale. D. Un enzima, la DNA polimerasi, appaia alle basi rimaste scoperte i nucleotidi che si trovano liberi nel nucleo. B D A - C 17

18 Unità 3 Genetica ed evoluzione 6 Metti nella giusta sequenza le fasi della sintesi delle proteine. A. L mrna si lega ai ribosomi e presenta la prima tripletta o codone alla quale si unisce l anticodone complementare di un trna che porta legato un particolare amminoacido, quindi alla seconda tripletta si unisce un secondo trna con agganciato il suo specifico amminoacido. B. Nel nucleo si forma una molecola di mrna su stampo di un tratto di DNA (trascrizione). C. L rrna favorisce il legame tra i due amminoacidi che rimangono legati al secondo trna, mentre il primo trna lascia il posto ad uno nuovo che possiede l aticodone complementare alla nuova tripletta presente nell mrna. D. L mrna esce dal nucleo e, entrato nel citoplasma, si dirige verso i ribosomi. E. Il processo si ripete, gli amminoacidi si uniscono seguendo la sequenza riportata dall mrna e in tal modo si forma la proteina. F. Le molecole di trna si agganciano agli amminoacidi specifici e si dirigono verso i ribosomi. G. Quando giunge la tripletta del mrna che corrisponde a un segnale di stop, poiché non corrisponde ad alcun anticodone portato dagli trna, la proteina si stacca dal ribosoma e termina il processo. B D F A C E - G 7 Spiega il significato dei seguenti termini. Cromosomi omologhi: cromosomi che portano gli stessi geni e sono simili nell aspetto. Aploidi: cellule che possiedono la metà del numero di cromosomi caratteristico della specie. Ingegneria genetica: tecnica che consiste nell isolare uno o più geni, cioè estrarli dai cromosomi di una cellula, e inserirli in una cellula diversa, di un individuo della stessa specie o di specie diversa, dove potranno duplicarsi ed esprimere la loro funzione nel nuovo ospite. Enzimi di restrizione: enzimi in grado di tagliare la molecola del DNA in punti specifici, cioè solo in corrispondenza di determinate sequenze di basi azotate. 18

19 mettiti alla prova Unità 3 Genetica ed evoluzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 3 - Le teorie evoluzionistiche e l origine delle specie 1 Trascrivi ogni affermazione falsa correggendola. a. Si può stabilire l età assoluta delle rocce per mezzo dei fossili in esse contenuti. relativa b. La selezione naturale favorisce la sopravvivenza degli individui più deboli. più adattati all ambiente c. La teoria di Darwin si basa sulle variazioni casuali e sull uso e spinta interna. selezione naturale d. Per Darwin una variazione casuale può essere trasmessa ereditariamente. e. Linneo era un sostenitore della teoria evoluzionista. fissista f. Secondo Lamarck le giraffe avevano, originariamente, tutte il collo corto. 2 Completa le frasi. Le teoria fissiste asserivano che i vari organismi, dall inizio della loro creazione ad oggi e fino alla fine dei secoli, non cambiano, quindi sono immutabili. Le teorie evolutive, viceversa, asserivano che gli organismi viventi, partendo da progenitori comuni, hanno subito delle modificazioni nel tempo per adattarsi all ambiente. 3 Completa la tabella in cui si confronta la teoria di Lamarck e quella di Darwin. Teoria di Lamarck Teoria di Darwin Tempo e velocità dell evoluzione lungo lenta e graduale lungo lenta e graduale Ruolo dell ambiente genera le variazioni seleziona le variazioni vantaggiose Ruolo dell organismo spinte interiori al cambiamento nessun ruolo 19

20 Unità 3 Genetica ed evoluzione 4 Completa le frasi. La teoria evoluzionistica espressa da Darwin si basa su due importanti osservazioni: all interno delle popolazioni avvengono delle variazioni casuali spontanee che sono in seguito trasmesse alle generazioni successive; i fattori ambientali selezionano quelle variazioni casuali che favoriscono l adattamento, e quindi la sopravvivenza, di una popolazione in quel determinato ambiente. 5 Segna con una crocetta quali, tra quelle elencate, sono prove a sostegno della teoria evolutiva. la presenza degli organi vestigiali x la forma del corpo un alimentazione simile lo sviluppo embrionale dei vertebrati x la presenza degli organi omologhi x le sequenze proteiche simili x i fossili x la presenza degli organi analoghi 6 Completa ogni frase scegliendo l alternativa appropriata. 1. L isolamento riproduttivo è all origine della: a. speciazione; b. identità; c. biodiversità; d. selezione naturale. 2. L evoluzione filetica si verifica quando una specie: a. si modifica nel tempo, porta ad un aumento del numero di specie e non si estingue; b. si modifica nel tempo e viene sostituita totalmente da una nuova; c. si modifica nel tempo, porta ad un aumento del numero di specie e si estingue; d. rimane sempre uguale e non si estingue. 3. Secondo la teoria degli equilibri punteggiati: a. la speciazione avviene in modo lento e graduale; b. quando una specie originaria si è scissa in due gruppi, questi si dividono alla stessa velocità; c. le nuove specie si sviluppano rapidamente; d. solo grandi popolazioni possono originare cambiamenti che conducono a nuove specie. 20

21 Unità 3 Genetica ed evoluzione 7 Scrivi il termine esatto con cui si indica: a. resto di una pianta (fusto, foglie, frutti) o di un animale (ossa, denti) o la loro impronta, conservati all interno di una roccia: fossile b. processo che favorisce la sopravvivenza e il perdurare nel tempo di quelle variazioni che si manifestano negli organismi e che meglio si adattano all ambiente: selezione naturale c. processo mediante il quale da una specie possono, nel tempo, formarsi specie diverse di organismi viventi: speciazione d. organi rudimentali, residui di quelli che in origine svolgevano una funzione ben precisa, ma andata persa: organi vestigiali e. organi con forma simile che, pur avendo struttura diversa, hanno la stessa funzione: organi analoghi f. organi che, pur avendo la stessa struttura, svolgono funzioni diverse: organi omologhi 21

22 mettiti alla prova Unità 3 Genetica ed evoluzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 4 - L origine della Terra, le Ere geologiche e l evoluzione dell uomo 1 Trascrivi ogni affermazione falsa correggendola. a. Si ritiene che la vita sia iniziata nell Era Paleozoica. Periodo Precambriano b. Le Ere si suddividono in Periodi. c. Nell atmosfera primitiva non c era ossigeno. d. Le prime cellule erano aerobiche. anaerobiche e. Il genere Homo è comparso nell Era Cenozoica. Neozoica f. I primi anfibi compaiono nell Era Paleozoica. g. Le prime forme di vita si sono evolute nell aria. acqua h. Gli anfibi si diversificano dai rettili. pesci 2 Completa ogni frase scegliendo l alternativa esatta. 1. I fossili guida dell Era Paleozoica sono: a. i trilobiti; b. le nummuliti; c. le ammoniti; d. i dinosauri. 2. L Archaeopteryx costituisce l anello di passaggio tra: a. pesci e anfibi; b. pesci e rettili; c. rettili e uccelli; d. anfibi e dinosauri. 3. La catena alpina si forma durante l Era: a. Paleozoica; b. Mesozoica; c. Cenozoica; d. Neozoica. 4. Si sono intervallati periodi glaciali a periodi interglaciali durante l Era: a. Paleozoica; b. Mesozoica; c. Cenozoica; d. Neozoica. 22

23 Unità 3 Genetica ed evoluzione 3 Cancella il termine sbagliato. a. L Era Paleozoica è iniziata 570/350 milioni di anni fa e ha avuto termine 335/225 milioni di anni fa. b. Durante l Era Mesozoica si è formata/divisa la Pangea. c. Durante l Era Paleozoica prendono il sopravvento le conifere/felci. d. La Pangea si divise in Gondwana e Panthalassa/Laurasia. e. La conquista delle terre emerse avviene durante l Era Paleozoica/Mesozoica. 4 Scrivi il termine esatto con cui si indica: a. superfamiglia che comprende grandi scimmie come gibboni, orangutan, gorilla, scimpanzé: Ominoidi b. Ominoidi dai quali si ritiene si sia evoluto il genere Homo: Australopitechi c. scimpanzè pigmeo: bonobo d. contesa tra individui per occupare lo stesso spazio o per accaparrarsi lo stesso cibo: competizione ecologica e. invertebrati ritenuti i fossili guida dell Era Paleozoica: trilobiti f. camminare solo usando gli arti inferiori: bipedismo 5 Segna con una crocetta quali, tra quelle elencate, sono caratteristiche delle varie specie del genere Homo. Fisico robusto Statura 100/110 cm Statura 180/190 cm Riti funerari Linguaggio Uso del fuoco Utensili pietra Volume cranio 400/500 cm 3 Homo rudolfensis X Homo habilis X Homo ergaster X X X Homo erectus X X Homo heidelbergensis Homo neanderthalensis X X X X X X Homo floresiensis X X 23

24 Unità 3 Genetica ed evoluzione 6 Completa le frasi. L uomo moderno è il risultato di una lunga e graduale storia evolutiva che potrebbe essere iniziata circa tra i 6 e i 4 milioni di anni fa in Africa orientale. Durante il percorso evolutivo, nelle varie specie che si sono differenziate da un progenitore comune, sono apparse delle nuove caratteristiche nella struttura del corpo che sono state poi trasmesse alle generazioni successive poiché permettevano, a chi le possedeva, un maggiore e migliore adattamento all ambiente in cui vivevano. Le caratteristiche che si possono ritenere determinanti per l evoluzione dell uomo sono: la postura eretta, il bipedismo, la riduzione dei canini, l espansione del cervello e la conseguente abilità nel costruire utensili. 24

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a:

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Raccolta degli stimoli esterni ed interni Memorizzare i dati della sensibilità Coordinare e sviluppare le attività psichiche

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli

(es.: AA, aa, BB, bb ) 2 Alleli: si tratta di geni che si trovano su cromosomi omologhi e che controllano lo stesso carattere in modo eguale (alleli 1 ELEMENTI DI GENETICA LA GENETICA È: LA DISCIPLINA (= LA SCIENZA) CHE INDAGA SUI MECCANISMI DELLA TRASMISSIONE DEI CARATTERI DA UNA GENERAZIONE ALL ALTRA. RICORDIAMO 2 CONCETTI FONDAMENTALI: A) GENOTIPO:

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE

IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE IL SISTEMA SOLARE E LA SUA ORIGINE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA SOLARE 1. Il Sistema Solare è isolato e composto principalmente di "spazio vuoto" con il 99% della massa concentrata nel Sole. 2. Le orbite

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Versione A Libretto Test

Versione A Libretto Test LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 2 Linguaggio Matematico di Base LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 1. La media aritmetica di due numeri s e t è 2 3. Allora t è uguale a A. B. C. D. E. 4 2s 3 3 2s 2 4 3s 2 4 3s

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna

IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca. INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna IL LATO OSCURO DELL UNIVERSO dov e` la materia che non vediamo? Elena Zucca INAF - Osservatorio Astronomico di Bologna Ma l Universo è costituito solo da materia luminosa? La forza di gravità Galileo

Dettagli

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi

La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi La fisica delle particelle nello Spazio Andrea Vacchi Alle sei di mattina del 7 agosto 1912 da un campo presso la città austriaca di Aussig si levò in volo un pallone che trasportava tre uomini, uno di

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli