SCHEDA DI AUTOVERIFICA:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA DI AUTOVERIFICA:"

Transcript

1 mettiti alla prova Unità 1 Il sistema neurormonale SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 1 - Il sistema endocrino 1 Rispondi alle domande. Qual è la funzione del sistema endocrino? Il sistema endocrino, insieme al sistema nervoso, controlla le funzioni dei vari apparati per mezzo di messaggeri chimici, gli ormoni, prodotti dalle ghiandole endocrine di cui è costituito. Come mai il sistema endocrino e il sistema nervoso sono in stretta collaborazione? Sono in stretta collaborazione perché devono mantenere l omeostasi, cioè devono mantenere costanti le condizioni chimico-fisiche interne, anche se variano le condizioni esterne; tale proprietà è una condizione indispensabile per la sopravvivenza dell organismo. Il sistema endocrino, attraverso gli ormoni prodotti dalle ghiandole endocrine, è responsabile del controllo di molte funzioni. Le ghiandole però ricevono ordine, per la loro secrezione, dal sistema nervoso centrale. Sistema endocrino e sistema nervoso lavorano dunque in stretta collaborazione: il primo agisce su base chimica, il secondo su base elettrochimica. Quali sono i principali ormoni prodotti dall ipofisi? L ipofisi produce molti ormoni: l ormone antidiuretico (ADH), che regola la pressione sanguigna; l ossitocina, che determina le contrazioni dell utero durante il parto; l ormone somatotropo o ormone della crescita, che provoca l accrescimento corporeo agendo soprattutto sulle ossa lunghe; l ormone gonadotropo, che stimola lo sviluppo delle ghiandole sessuali; la prolattina, che dopo il parto stimola e mantiene la produzione del latte; l ormone tireotropo (TSH), che ha come organo bersaglio la tiroide, di cui stimola la produzione degli ormoni tiroidei; l adrenocorticotropo (ACTH), che stimola il surrene a produrre ormoni che controllano la quantità di acqua e sali nel sangue (aldosterone) e il metabolismo glucidico (cortisolo). 2 Cancella il termine non corretto tra i due proposti. Gli ormoni sono secreti da ghiandole esocrine/ghiandole endocrine; l epifisi è posta tra i due emisferi cerebrali; le cellule di questa ghiandola producono tirosina/melatonina; il timo è una ghiandola che controlla il sistema immunitario/metabolismo del glucosio. 3 Collega in modo corretto tra loro i termini della colonna di sinistra con quelli di destra. 1. Ipofisi 2. Epifisi 3. Tiroide 4. Isole del Langerhans 5. Chiamandole surrenali 6. Paratiroidi a. Aldosterone b. Ossitocina c. ADH d. Melatonina e. Adrenalina f. Paratormone g. Glucagone h. T3 1

2 Unità 1 Il sistema neurormonale 4 Completa le frasi scegliendo l alternativa esatta. 1. L ipofisi è una ghiandola che è unita per mezzo di un peduncolo: a. all epifisi; b. all ipotalamo; c. alla tiroide. 2. Il cortisolo è un ormone prodotto da: a. timo; b. epifisi; c. surrene. 3. I messaggeri chimici che agiscono sulle cellule che li producono sono detti: a. autocrini; b. paracrini; c. ormoni. 4. Gli ormoni che mantengono costante l ambiente interno dell organismo si dicono: a. dello sviluppo; b. regolatori; c. neurotrasmettitori. 2

3 mettiti alla prova Unità 1 Il sistema neurormonale SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 2 - Il sistema nervoso 1 Rispondi alle domande. Qual è la funzione del sistema nervoso? Ha molteplici funzioni: capta gli stimoli interni ed esterni, li elabora, fornisce risposte coordinate, possiede i centri della memoria, della parola, del pensiero, permette la visione e l ascolto, coordina i movimenti, controlla l equilibrio e le funzioni interne dei vari apparati. In che modo puoi suddividere il sistema nervoso? In sistema nervoso centrale con encefalo e midollo spinale, e in sistema nervoso periferico con i fasci motori e i fasci sensoriali. Come si chiamano e come sono strutturate le cellule che costituiscono il tessuto nervoso? Sono i neuroni, formati da un corpo cellulare, da brevi ramificazioni dette dendriti e da un lungo filamento detto assone o neurite. Che cos è la guaina mielinica e quale funzione svolge? È una particolare sostanza prodotta dalle cellule di Swann, specifiche cellule che circondano l assone; la presenza della guaina mielinica permette un trasporto più veloce degli impulsi. 2 Guarda la figura e descrivi in che modo funzionano le sinapsi. terminazione nervosa o bottone sinaptico impulso in arrivo vescicole sinaptiche con mediatore chimico (neurotrasmettitore) spazio intersinaptico canali ionici L assone termina con un rigonfiamento, il bottone sinaptico, che si trova a una piccola distanza, spazio sinaptico, dal dendrite della cellula successiva a cui trasmetterà l impulso. Il bottone sinaptico libera nello spazio sinaptico dei mediatori chimici, detti neurotrasmettitori, permettendo il passaggio dell impulso. I neurotrasmettitori, una volta finito il processo di trasmissione dell impulso, vengono riassorbiti. neurotrasmettitore recettore 3

4 Unità 1 Il sistema neurormonale 3 Completa i seguenti grafici. ENCEFALO MIDOLLO SPINALE pia madre aracnoide dura madre talamo DIENCEFALO ipotalamo TRONCO ENCEFALICO mesencefalo Ponte midollo allungato 4 Completa le frasi. Gli emisferi sono rivestiti dalla corteccia cerebrale che è costituita da sostanza grigia formata di neuroni. L emisfero destro controlla la parte sinistra del corpo, mentre l emisfero sinistro controlla la parte destra. Il midollo spinale è la parte terminale del SNC ed è contenuto nella colonna vertebrale. Dal midollo spinale hanno origine i nervi spinali ed è a livello della sua sostanza grigia che avvengono le prime integrazioni nervose. Sul percorso di ogni radice dorsale c è un rigonfiamento, detto ganglio spinale, costituito dai corpi cellulari dei neuroni sensitivi. Il sistema nervoso periferico è costituito dall insieme dei nervi spinali e dei nervi cranici e dai gangli nervosi, situati lungo i nervi, che non appartengono al sistema nervoso centrale. 5 Completa il seguente schema. SISTEMA NERVOSO PERIFERICO sistema nervoso volontario sistema nervoso autonomo sistema parasimpatico sistema simpatico 4

5 Unità 1 Il sistema neurormonale 6 Completa le frasi scegliendo l alternativa esatta. 1. Nervi motori trasmettono impulsi nervosi dal: a. SNC agli organi interni e ai muscoli; b. midollo spinale agli organi di senso; c. dal SNC alle aree sensitive. 2. I nervi cranici provvedono all innervazione: a. motoria della testa e del collo; b. motoria e sensoriale della testa e del collo; c. motoria dei visceri. 3. I gangli spinali sono costituiti dai: a. neuroni del cervelletto; b. corpi dei neuroni sensitivi; c. neuroni presenti nella corteccia. 4. Le sinapsi inibitorie: a. promuovono la trasmissione del segnale elettrico; b. bilanciano il segnale in uscita dall assone; c. bloccano la trasmissione del segnale elettrico. 5

6 mettiti alla prova Unità 2 La riproduzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 1 - La riproduzione nell uomo 1 Completa le frasi. Nei vertebrati gli organi che producono le cellule sessuali sono detti gonadi. I gameti sono cellule aploidi. I gameti maschili sono detti spermatozoi e quelli femminili cellule uovo o ovuli. Le gonadotropine secrete dall ipofisi favoriscono la maturazione delle gonadi. L uomo, come tutti i mammiferi, si riproduce per via sessuata con fecondazione interna. 2 Completa la frase scegliendo l alternativa esatta. 1. Gli spermatozoi si formano: a. nella prostata; b. nei dotti deferenti; c. nelle vescicole seminali: d. nei tubuli seminiferi. 2. Gli spermatozoi acquistano la capacità di muoversi: a. nella prostata; b. nei dotti deferenti; c. nell epididimo; d. nell uretra. 3. Il progesterone viene secreto durante la fase: a. follicolare; b. ovulatoria o ovulazione: c. luteinica; d. mestruale. 4. L ovulo e lo spermatozoo fondendosi originano: a. l embrione; b. il gamete; c. lo zigote; d. l oocita. 6

7 Unità 2 La riproduzione 3 Cancella il termine sbagliato. Il progesterone ha la funzione di inibire/influenzare l ovulazione e di mantenere ispessito/grosso l endometrio preparandolo, così, ad accogliere l uovo fecondato/fecondo. Se avviene la fecondazione/inseminazione, l embrione si annida/attacca nell endometrio. 4 Segna con una crocetta le affermazioni esatte. a. Lo spermatozoo è in grado di muoversi autonomamente. X b. Gli spermatozoi si formano nella prostata. c. Gli oociti vengono quotidianamente prodotti a milioni. d. Gli estrogeni sono ormoni sessuali femminili. X e. La comparsa delle mestruazioni indica la mancata fecondazione dell uovo. X f. L ovulo è spesso fecondato da più di uno spermatozoo. g. Le gonadotropine sono secrete dalle gonadi. 5 Collega con una freccia i termini tra i quali si può stabilire una relazione. Indica la relazione, come nell esempio. 1. spermatozoi 2. ovuli 3. ciclo ovarico fecondo 4. ciclo ovarico infecondo a. ovaie b. utero c. testicoli d. mestruazione e. vagina f. zigote Esempio: Gli spermatozoi si formano nei testicoli Gli ovuli si formano nelle ovaie. Il ciclo ovarico fecondo si conclude con la formazione dello zigote. Il ciclo ovarico infecondo si conclude con le mestruazioni. 6 Individua le frasi sbagliate. a. Il ciclo ovarico dura 14 giorni. b. La fecondazione avviene nelle tube. c. I gameti sono aploidi. d. Il corpo luteo produce progesterone. e. Le mestruazioni indicano che non è avvenuta l ovulazione. 7

8 Unità 2 La riproduzione 7 Completa le frasi. Se avviene la fecondazione, l embrione, annidatosi nella parete dell utero, produce un ormone che mantiene in attività il corpo luteo. In assenza di tale segnale il corpo luteo cessa di produrre progesterone e degenera. Di conseguenza, l endometrio non può più mantenersi ispessito: una sua parte si sfalda e le cellule morte vengono eliminate attraverso la vagina. Poiché la mucosa uterina è ricca di vasi sanguigni, il suo distacco è accompagnato da un emorragia. Tale flusso di sangue, misto a cellule morte, è detto mestruazione. 8

9 mettiti alla prova Unità 2 La riproduzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 2 - Lo sviluppo e la crescita 1 Completa le frasi. Nell uomo lo sviluppo dell embrione è di tipo diretto e avviene nell utero materno, durante un arco di tempo che è detto gestazione. Nel corso di questo periodo, che dura circa 40 settimane, l utero della donna aumenta di volume per poter contenere il futuro bambino, le ghiandole mammarie s ingrossano in previsione di secernere il latte, lo zigote, prima cellula del nuovo individuo, va incontro a una serie di modificazioni che lo porteranno a diventare da embrione a feto. 2 Completa la frase scegliendo l alternativa esatta. 1. Durante lo sviluppo embrionale lo stadio di morula avviene nella fase di: a. segmentazione; b. gastrulazione; c. neurulazione; d. organogenesi. 2. I tre foglietti embrionali si formano allo stadio di: a. zigote; b. morula; c. blastocisti; d. gastrula. 3. Le strutture che daranno origine al sistema nervoso si formano durante il processo di: a. segmentazione; b. gastrulazione; c. neurulazione; d. organogenesi. 4. Il feto assume anticorpi materni durante: a. i primi tre mesi di gravidanza; b. gli ultimi tre mesi di gravidanza; c. tutta la gravidanza; d. l ultimo mese di gravidanza. 9

10 Unità 2 La riproduzione 3 Cancella il termine sbagliato. Durante la fase di dilatazione/contrazione del parto il collo dell utero e la vagina/vulva si dilatano/ contraggono. Tale fenomeno è accompagnato da contrazioni ritmiche e dolorose della muscolatura addominale/uterina (doglie), provocate dall ossitocina/dopamina, un ormone secreto dalla neuroipofisi. 4 Segna con una crocetta le affermazioni esatte. a. Quando l uovo viene fecondato, si forma lo zigote che inizia lo sviluppo embrionale. X b. Verso il 7 giorno la morula, arrivata nella cavità uterina, effettua l annidamento. c. Dai tre foglietti embrionali hanno origine tutti i tessuti che a loro volta formeranno gli organi e gli apparati. X d. Dalla nona settimana di gravidanza in poi l embrione è chiamato feto. X e. L amnios è una membrana che circonda l embrione e dà origine alla placenta. f. Le ghiandole mammarie secernono latte subito dopo il parto. g. Il feto mantiene il collegamento con la placenta attraverso il cordone ombelicale. X 5 Collega con una freccia i termini tra i quali si può stabilire una relazione. Indica la relazione, come nell esempio. 1. Ghiandole mammarie 2. Gonadi 3. Pubertà 4. Secondamento 5. Endometrio a. caratteri sessuali primari b. caratteri sessuali secondari c. ossitocina d. colostro e. taglio cesareo f. placenta g. blastocisti h. gastrula Esempio: Le gonadi costituiscono i caratteri sessuali primari. Nei primi giorni dopo il parto, le ghiandole mammarie secernono il colostro. Durante la pubertà si manifestano i caratteri sessuali secondari. Durante la fase di secondamento del parto viene espulsa la placenta. Nell endometrio si annida la blastocisti. 10

11 Unità 2 La riproduzione 6 Individua le frasi sbagliate. a. Le ghiandole mammarie entrano in funzione subito dopo il parto. b. Appena nato, il bambino esegue il suo primo atto respiratorio con il pianto. c. Allo stadio di gastrula tutte le cellule sono totipotenti. d. L organogenesi termina verso la fine della dodicesima settimana di gravidanza. e. La segmentazione inizia dopo circa un ora dalla fecondazione. 7 Completa le frasi. Prima della pubertà, l ipofisi inizia a secernere le gonadotropine che hanno la funzione di portare a maturazione le gonadi, cioè i caratteri sessuali primari. La maturazione di tali organi si rende evidente nelle femmine con la comparsa delle prime mestruazioni e nei maschi con le prime polluzioni. Le gonadi, una volta mature, iniziano a loro volta a produrre gli estrogeni e gli androgeni. Sia l uomo sia la donna producono entrambi i tipi di ormoni sessuali, ma nella femmina prevale la produzione di estrogeni, mentre nel maschio quella di androgeni. Sono proprio questi ormoni che determinano i cambiamenti fisici che si osservano durante la pubertà e rappresentano i cosiddetti caratteri sessuali secondari. 11

12 mettiti alla prova Unità 3 Genetica ed evoluzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 1 - L ereditarietà dei caratteri 1 Completa ogni frase scegliendo l alternativa esatta. 1. Secondo Mendel la percentuale degli eterozigoti nella F1 è: a. 100%; b. 50%; c. 75%; d. 25%. 2. Un individuo che presenta entrambi gli alleli o dominanti o recessivi è detto: a. omologo; b. omozigote; c. ibrido; d. eterozigote. 3. La probabilità di avere figli maschi è del: a. 75%; b. 50%; c. 25%; d. 10%. 4. Grazie al Progetto Genoma si è scoperto che i geni umani che utilizziamo sono circa il: a. 2%; b. 10%; c. 50%; d. 95%. 2 Scrivi il termine esatto con cui si indica: a. l aspetto esteriore di un carattere: fenotipo b. caratteri che nascondono il manifestarsi di altri: dominanti c. individui eterozigoti della F 1 : ibridi d. individuo eterozigote sano che possiede l allele che provoca una malattia: portatore sano e. malattia ereditaria legata al sesso che si manifesta con gravi emorragie: emofilia 12

13 Unità 3 Genetica ed evoluzione 3 Osserva le figure e rispondi alla domanda. P F 1 F 2 F 1 75% di fiori viola 25% di fiori bianchi Come spiega Mendel la scomparsa di un carattere nella F 1 e la sua ricomparsa nella F 2? Secondo Mendel ogni carattere è determinato da una coppia di fattori e non da una sola entità; inoltre alcuni caratteri, che chiamò dominanti, coprono altri che chiamò recessivi. Egli dedusse che gli individui della F1 possedevano entrambi i fattori che determinavano il carattere, sia quello dominante che quello recessivo; in tal modo, incrociandoli tra loro, trasmettevano entrambi gli alleli e nella F2 poteva riapparire il carattere recessivo. 4 Collega tra loro le caselle della colonna di sinistra con quelle centrali e quelle di destra in modo da ottenere l esatta enunciazione delle tre leggi di Mendel. 1 Gli individui della F 1 sono tutti uniformi poiché uno dei due caratteri scompare. A Legge della segregazione dei caratteri. α Terza legge di Mendel. 2 Quando si formano i gameti, gli alleli di un carattere si distribuiscono indipendentemente dagli alleli dell altro carattere. B Legge dell uniformità degli ibridi della prima generazione. β Seconda legge di Mendel. 3 Ogni carattere è individuato da una coppia di fattori che si separano durante la formazione dei gameti. C Legge dell indipendenza dei caratteri. γ Prima legge di Mendel. 13

14 Unità 3 Genetica ed evoluzione 5 Considera il carattere colore del seme della pianta di pisello, con allele giallo (G) e allele verde (g) e compila i seguenti quadrati di Punnett. Scrivi, sotto ad ogni genotipo, il corrispondente fenotipo. Pianta a seme giallo G g Piante a seme verde g g Gg giallo Gg giallo gg verde gg verde Pianta a seme giallo G G Piante a seme verde g g Gg giallo Gg giallo Gg giallo Gg giallo Pianta a seme giallo G g Piante a seme giallo G g GG giallo Gg giallo Gg giallo gg verde Nei primi due casi si sono incrociate piante di pisello con semi verdi con piante di pisello con semi gialli: perché si sono ottenuti risultati diversi? Perché nel primo caso la pianta a semi gialli è eterozigote, mentre nel secondo caso è omozigote dominante. La pianta a semi verdi è necessariamente sempre omozigote recessiva. 6 Indica con una crocetta i caratteri mendeliani dell uomo. colore degli occhi X forma lobo dell orecchio X forma del naso X colore dei capelli altezza X forma degli occhi gruppo sanguigno X fossetta del mento colore della pelle Perché alcuni caratteri dell uomo sono detti mendeliani? Perché si presentano come alternativi e quindi possono essere dominanti o recessivi.

15 Unità 3 Genetica ed evoluzione 7 Completa le frasi. Il genoma umano è formato da 46 cromosomi, che si possono raggruppare in 22 coppie di cromosomi omologhi, detti anche autosomi, e una coppia di cromosomi sessuali. I cromosomi omologhi hanno la stessa forma e la stessa grandezza; inoltre, portano le informazioni per lo stesso carattere. I cromosomi sessuali nel maschio sono costituiti dal cromosoma X e dal cromosoma Y molto più corto e di conseguenza vengono indicati con XY. Nella femmina, invece, i cromosomi sessuali sono rappresentati da una coppia di cromosomi uguali: i due cromosomi X e vengono indicati con XX. 15

16 mettiti alla prova Unità 3 Genetica ed evoluzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 2 - Il DNA e le biotecnologie 1 Trascrivi ogni affermazione falsa correggendola. a. L RNA ha una catena doppia. singola b. L RNA ha come zucchero il glucosio. ribosio c. Le proteine sono sostanze prodotte dalle cellule. d. Gli enzimi di restrizione tagliano la molecola di RNA in punti specifici. DNA e. Il DNA ricombinante contiene DNA proveniente da cellule diverse. f. Per trasportare il DNA ricombinante si usano i cloroplasti. plastidi 2 Completa la frase scegliendo l alternativa esatta. 1. Il codice genetico è formato da: a. 4 triplette; b. 16 triplette; c. 32 triplette; d. 64 triplette. 2. Ogni tripletta o codon del codice genetico individua: a. una proteina; b. una vitamina; c. un amminoacido; d. un nucleotide. 3. Nella cellula sono presenti: a. 1 solo tipo di molecola di trna; b. 2 tipi di molecole di trna; a. 10 tipi di molecole di trna; a. più di 20 tipi di molecole di trna. 4. Il processo di formazione dell mrna è detto: a. traduzione; b. duplicazione; c. trascrizione; d. decodificazione. 16

17 Unità 3 Genetica ed evoluzione 3 Completa le frasi. Il modello di molecola di DNA, proposto da Watson e Críck, è costituito da una doppia catena avvolta a spirale, detta doppia elica. Le singole unità del DNA, cioè i monomeri, sono detti nucleotidi e sono costituiti da una base azotata, uno zucchero (deossiribosio) e un gruppo fosfato. Esistono quattro tipi di base azotata: l adenina, la citosina, la guanina e la timida. Le due eliche sono tenute assieme da legami che permettono l appaiamento delle basi azotate. L adenina può legarsi solo con la timina e la citosina solo con la guanina. Generalmente si indica ogni nucleotide con la lettera iniziale della base azotata che contiene. 4 Completa le frasi scritte in tabella. Mitosi La attuano le cellule somatiche per generare nuove cellule. Meiosi La attuano le cellule riproduttive per generare i gameti. Da una cellula madre si originano due cellule figlie. Le cellule figlie sono uguali tra loro e anche alla cellula madre. Le cellule figlie sono diploidi, cioè possiedono lo stesso numero di cromosomi della cellula d origine. Da una cellula madre si originano quattro cellule figlie. Le cellule figlie sono diverse tra loro e anche dalla cellula madre. Le cellule figlie sono aploidi, cioè possiedono la metà del numero di cromosomi della cellula d origine. 5 Metti nella giusta sequenza le fasi della duplicazione del DNA. A. I nucleotidi si uniscono tra loro formando un nuovo filamento di DNA e ogni vecchio filamento serve quindi come stampo per la formazione di uno nuovo. B. La doppia elica di DNA piano piano si svolge e si apre come una cerniera lampo. C. Le due catene, ognuna formata da un vecchio filamento (quello utilizzato come stampo) e da uno nuovo, ottenuto dall unione dei vari nucleotidi, si riavvolgono a spirale formando così due nuove molecole di DNA identiche all originale. D. Un enzima, la DNA polimerasi, appaia alle basi rimaste scoperte i nucleotidi che si trovano liberi nel nucleo. B D A - C 17

18 Unità 3 Genetica ed evoluzione 6 Metti nella giusta sequenza le fasi della sintesi delle proteine. A. L mrna si lega ai ribosomi e presenta la prima tripletta o codone alla quale si unisce l anticodone complementare di un trna che porta legato un particolare amminoacido, quindi alla seconda tripletta si unisce un secondo trna con agganciato il suo specifico amminoacido. B. Nel nucleo si forma una molecola di mrna su stampo di un tratto di DNA (trascrizione). C. L rrna favorisce il legame tra i due amminoacidi che rimangono legati al secondo trna, mentre il primo trna lascia il posto ad uno nuovo che possiede l aticodone complementare alla nuova tripletta presente nell mrna. D. L mrna esce dal nucleo e, entrato nel citoplasma, si dirige verso i ribosomi. E. Il processo si ripete, gli amminoacidi si uniscono seguendo la sequenza riportata dall mrna e in tal modo si forma la proteina. F. Le molecole di trna si agganciano agli amminoacidi specifici e si dirigono verso i ribosomi. G. Quando giunge la tripletta del mrna che corrisponde a un segnale di stop, poiché non corrisponde ad alcun anticodone portato dagli trna, la proteina si stacca dal ribosoma e termina il processo. B D F A C E - G 7 Spiega il significato dei seguenti termini. Cromosomi omologhi: cromosomi che portano gli stessi geni e sono simili nell aspetto. Aploidi: cellule che possiedono la metà del numero di cromosomi caratteristico della specie. Ingegneria genetica: tecnica che consiste nell isolare uno o più geni, cioè estrarli dai cromosomi di una cellula, e inserirli in una cellula diversa, di un individuo della stessa specie o di specie diversa, dove potranno duplicarsi ed esprimere la loro funzione nel nuovo ospite. Enzimi di restrizione: enzimi in grado di tagliare la molecola del DNA in punti specifici, cioè solo in corrispondenza di determinate sequenze di basi azotate. 18

19 mettiti alla prova Unità 3 Genetica ed evoluzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 3 - Le teorie evoluzionistiche e l origine delle specie 1 Trascrivi ogni affermazione falsa correggendola. a. Si può stabilire l età assoluta delle rocce per mezzo dei fossili in esse contenuti. relativa b. La selezione naturale favorisce la sopravvivenza degli individui più deboli. più adattati all ambiente c. La teoria di Darwin si basa sulle variazioni casuali e sull uso e spinta interna. selezione naturale d. Per Darwin una variazione casuale può essere trasmessa ereditariamente. e. Linneo era un sostenitore della teoria evoluzionista. fissista f. Secondo Lamarck le giraffe avevano, originariamente, tutte il collo corto. 2 Completa le frasi. Le teoria fissiste asserivano che i vari organismi, dall inizio della loro creazione ad oggi e fino alla fine dei secoli, non cambiano, quindi sono immutabili. Le teorie evolutive, viceversa, asserivano che gli organismi viventi, partendo da progenitori comuni, hanno subito delle modificazioni nel tempo per adattarsi all ambiente. 3 Completa la tabella in cui si confronta la teoria di Lamarck e quella di Darwin. Teoria di Lamarck Teoria di Darwin Tempo e velocità dell evoluzione lungo lenta e graduale lungo lenta e graduale Ruolo dell ambiente genera le variazioni seleziona le variazioni vantaggiose Ruolo dell organismo spinte interiori al cambiamento nessun ruolo 19

20 Unità 3 Genetica ed evoluzione 4 Completa le frasi. La teoria evoluzionistica espressa da Darwin si basa su due importanti osservazioni: all interno delle popolazioni avvengono delle variazioni casuali spontanee che sono in seguito trasmesse alle generazioni successive; i fattori ambientali selezionano quelle variazioni casuali che favoriscono l adattamento, e quindi la sopravvivenza, di una popolazione in quel determinato ambiente. 5 Segna con una crocetta quali, tra quelle elencate, sono prove a sostegno della teoria evolutiva. la presenza degli organi vestigiali x la forma del corpo un alimentazione simile lo sviluppo embrionale dei vertebrati x la presenza degli organi omologhi x le sequenze proteiche simili x i fossili x la presenza degli organi analoghi 6 Completa ogni frase scegliendo l alternativa appropriata. 1. L isolamento riproduttivo è all origine della: a. speciazione; b. identità; c. biodiversità; d. selezione naturale. 2. L evoluzione filetica si verifica quando una specie: a. si modifica nel tempo, porta ad un aumento del numero di specie e non si estingue; b. si modifica nel tempo e viene sostituita totalmente da una nuova; c. si modifica nel tempo, porta ad un aumento del numero di specie e si estingue; d. rimane sempre uguale e non si estingue. 3. Secondo la teoria degli equilibri punteggiati: a. la speciazione avviene in modo lento e graduale; b. quando una specie originaria si è scissa in due gruppi, questi si dividono alla stessa velocità; c. le nuove specie si sviluppano rapidamente; d. solo grandi popolazioni possono originare cambiamenti che conducono a nuove specie. 20

21 Unità 3 Genetica ed evoluzione 7 Scrivi il termine esatto con cui si indica: a. resto di una pianta (fusto, foglie, frutti) o di un animale (ossa, denti) o la loro impronta, conservati all interno di una roccia: fossile b. processo che favorisce la sopravvivenza e il perdurare nel tempo di quelle variazioni che si manifestano negli organismi e che meglio si adattano all ambiente: selezione naturale c. processo mediante il quale da una specie possono, nel tempo, formarsi specie diverse di organismi viventi: speciazione d. organi rudimentali, residui di quelli che in origine svolgevano una funzione ben precisa, ma andata persa: organi vestigiali e. organi con forma simile che, pur avendo struttura diversa, hanno la stessa funzione: organi analoghi f. organi che, pur avendo la stessa struttura, svolgono funzioni diverse: organi omologhi 21

22 mettiti alla prova Unità 3 Genetica ed evoluzione SCHEDA DI AUTOVERIFICA: LEZIONE 4 - L origine della Terra, le Ere geologiche e l evoluzione dell uomo 1 Trascrivi ogni affermazione falsa correggendola. a. Si ritiene che la vita sia iniziata nell Era Paleozoica. Periodo Precambriano b. Le Ere si suddividono in Periodi. c. Nell atmosfera primitiva non c era ossigeno. d. Le prime cellule erano aerobiche. anaerobiche e. Il genere Homo è comparso nell Era Cenozoica. Neozoica f. I primi anfibi compaiono nell Era Paleozoica. g. Le prime forme di vita si sono evolute nell aria. acqua h. Gli anfibi si diversificano dai rettili. pesci 2 Completa ogni frase scegliendo l alternativa esatta. 1. I fossili guida dell Era Paleozoica sono: a. i trilobiti; b. le nummuliti; c. le ammoniti; d. i dinosauri. 2. L Archaeopteryx costituisce l anello di passaggio tra: a. pesci e anfibi; b. pesci e rettili; c. rettili e uccelli; d. anfibi e dinosauri. 3. La catena alpina si forma durante l Era: a. Paleozoica; b. Mesozoica; c. Cenozoica; d. Neozoica. 4. Si sono intervallati periodi glaciali a periodi interglaciali durante l Era: a. Paleozoica; b. Mesozoica; c. Cenozoica; d. Neozoica. 22

23 Unità 3 Genetica ed evoluzione 3 Cancella il termine sbagliato. a. L Era Paleozoica è iniziata 570/350 milioni di anni fa e ha avuto termine 335/225 milioni di anni fa. b. Durante l Era Mesozoica si è formata/divisa la Pangea. c. Durante l Era Paleozoica prendono il sopravvento le conifere/felci. d. La Pangea si divise in Gondwana e Panthalassa/Laurasia. e. La conquista delle terre emerse avviene durante l Era Paleozoica/Mesozoica. 4 Scrivi il termine esatto con cui si indica: a. superfamiglia che comprende grandi scimmie come gibboni, orangutan, gorilla, scimpanzé: Ominoidi b. Ominoidi dai quali si ritiene si sia evoluto il genere Homo: Australopitechi c. scimpanzè pigmeo: bonobo d. contesa tra individui per occupare lo stesso spazio o per accaparrarsi lo stesso cibo: competizione ecologica e. invertebrati ritenuti i fossili guida dell Era Paleozoica: trilobiti f. camminare solo usando gli arti inferiori: bipedismo 5 Segna con una crocetta quali, tra quelle elencate, sono caratteristiche delle varie specie del genere Homo. Fisico robusto Statura 100/110 cm Statura 180/190 cm Riti funerari Linguaggio Uso del fuoco Utensili pietra Volume cranio 400/500 cm 3 Homo rudolfensis X Homo habilis X Homo ergaster X X X Homo erectus X X Homo heidelbergensis Homo neanderthalensis X X X X X X Homo floresiensis X X 23

24 Unità 3 Genetica ed evoluzione 6 Completa le frasi. L uomo moderno è il risultato di una lunga e graduale storia evolutiva che potrebbe essere iniziata circa tra i 6 e i 4 milioni di anni fa in Africa orientale. Durante il percorso evolutivo, nelle varie specie che si sono differenziate da un progenitore comune, sono apparse delle nuove caratteristiche nella struttura del corpo che sono state poi trasmesse alle generazioni successive poiché permettevano, a chi le possedeva, un maggiore e migliore adattamento all ambiente in cui vivevano. Le caratteristiche che si possono ritenere determinanti per l evoluzione dell uomo sono: la postura eretta, il bipedismo, la riduzione dei canini, l espansione del cervello e la conseguente abilità nel costruire utensili. 24

GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA SCIENZE CLASSE 3 a COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA DESCRITTORI di VOTO VOTO L energia

GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA SCIENZE CLASSE 3 a COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA DESCRITTORI di VOTO VOTO L energia GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA SCIENZE CLASSE 3 a COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA DESCRITTORI di VOTO VOTO L energia Lavoro, energia e calore. Calcolare lavoro, potenza ed energia Le forme dell energia.

Dettagli

GENETICA seconda parte

GENETICA seconda parte GENETICA seconda parte I cromosomi sono lunghe molecole di una sostanza l acido desossiribonucleico. DNA Il DNA è una lunga catena fatta da due lunghi fili avvolti su se stessi a doppia elica. Sembra una

Dettagli

La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra.

La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra. La riproduzione èl unicomezzochehaunorganismoperassicurarela sopravvivenza della sua specie sullaterra. Se l organismo per qualche causa non può più riprodursi o diminuisce la messa al mondo di nuovi esseri

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Obiettivi e finalità: Al termine del corso gli allievi dovranno essere in grado di:

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Statale «Via Silvestri 301» Programma di BIOLOGIA Classe 2 a A Indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA n.1 Titolo La cellula La struttura della cellula La teoria

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE La Terra, come ogni altro corpo dotato di massa, è circondata da un campo gravitazionale che attrae altri corpi. Siamo oggi in grado di determinare gli effetti della gravità,

Dettagli

La riproduzione cellulare

La riproduzione cellulare La riproduzione cellulare La riproduzione è una proprietà fondamentale dei viventi, che si manifesta a partire dalle singole cellule. Attraverso la riproduzione viene assicurata la continuità della vita.

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1

Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1 Il nucleo e la riproduzione cellulare: mitosi e meiosi 1 IL NUCLEO Il nucleo è la porzione di protoplasma racchiusa all interno della membrana nucleare. Il nucleo rappresenta il cervello della cellula,

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12 Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Testo in adozione: di: M. Di Stefano - S. Pederzoli - A. Pizzirani UNA INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Genetica umana. Storia. Storia. Storia. Storia. Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Genetica umana. Storia. Storia. Storia. Storia. Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org Genetica umana Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org P Anni 30: coperta dei difetti congeniti del metabolismo (difetto ereditario nei processi normali del metabolismo) P Anni 30-45:

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

CLASSI SECONDE. Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015

CLASSI SECONDE. Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015 1 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico Grafico a.s. 2014

Dettagli

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani

LE MOLECOLE INFORMAZIONALI. Lezioni d'autore Treccani LE MOLECOLE INFORMAZIONALI Lezioni d'autore Treccani Introduzione (I) I pionieri della biologia molecolare, scoperta la struttura degli acidi nucleici, pensarono di associare al DNA una sequenza di simboli,

Dettagli

Prof.ssa Gamba Sabrina. Lezione 7: IL DNA. Duplicazione e sintesi delle proteine

Prof.ssa Gamba Sabrina. Lezione 7: IL DNA. Duplicazione e sintesi delle proteine Prof.ssa Gamba Sabrina Lezione 7: IL DNA Duplicazione e sintesi delle proteine concetti chiave della lezione Costituzione fisico-chimica del DNA Basi azotate Duplicazione Concetto di geni Rna Trascrizione

Dettagli

L APPARATO RIPRODUTTORE

L APPARATO RIPRODUTTORE L APPARATO RIPRODUTTORE LA PUBERTA E I CARATTERI SESSUALI Responsabile della funzione biologica fondamentale che permette la conservazione della specie, responsabile cioè della riproduzione, è l'apparato

Dettagli

Genetica. Mendel e la genetica

Genetica. Mendel e la genetica Genetica Le leggi dell ereditarietà di Mendel Ereditarietà e cromosomi Estensioni della genetica mendeliana Applicazioni della genetica Genoma umano Mendel e la genetica Mendel 81822-1884), un monaco di

Dettagli

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri

LA GENETICA: DNA e RNA LA GENETICA. DNA e RNA. Prof. Daniele Verri LA GENETICA DNA e RNA Prof. Daniele Verri L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico che contiene le informazioni necessarie per la formazione di RNA e proteine. LA GENETICA:

Dettagli

unità C11. La riproduzione

unità C11. La riproduzione Gli animali a fecondazione interna si suddividono in base al tipo di sviluppo dell embrione ovipari ovovivipari vivipari lo sviluppo avviene all esterno del corpo della madre lo sviluppo avviene all interno

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2

IL SISTEMA SOLARE. Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 IL SISTEMA SOLARE Modulo facilitato e didattizzato per studenti stranieri con competenza linguistica di livello A2 A cura di Gaia Pieraccioni e Arianna Canu PER FARSI UN IDEA 1. Li riconosci? Sono,.. e..

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione.

LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. LA GENETICA scienza che studia i caratteri ereditari e i meccanismi che ne regolano la trasmissione. Gregor Jhoann Mendel (1822-1884) Mendel viveva nel monastero di Brum, a Brno in Repubblica Ceca, studiò

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE _I SEZIONE A DISCIPLINA: SCIENZE DOCENTE: _DE TOMMASO MARIANGELA

Dettagli

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà

GENETICA MENDELIANA. Per i suoi studi, Mendel utilizzò piante di pisello odoroso (Pisum sativum) Facilità di coltivazione. Disponibilità di varietà GENETICA: è la scienza che studia i caratteri ereditari degli organismi viventi, i meccanismi attraverso i quali si trasmettono ai discendenti e le modalità con cui si manifestano. La genetica moderna

Dettagli

RIPRODUZIONE E SVILUPPO EMBRIONALE

RIPRODUZIONE E SVILUPPO EMBRIONALE RIPRODUZIONE E SVILUPPO EMBRIONALE Il ponte di collegamento tra i genitori ed i figli, loro diretti discendenti, è molto stretto e consiste in una cellula uovo fecondata (lo zigote) che porta i materiali

Dettagli

Il sistema solare SOLE. Terra

Il sistema solare SOLE. Terra Il sistema solare SOLE Terra Il Sole, la stella a noi più vicina In quanti modi si può vedere il Sole? Luce bianca Luce da atomi di Calcio Luce da atomi di idrogeno Luce ultravioletta Raggi X Onde radio

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

La riproduzione non è fondamentale per la sola sopravvivenza dell INDIVIDUO, ma lo è per la sopravvivenza della SPECIE sulla Terra.

La riproduzione non è fondamentale per la sola sopravvivenza dell INDIVIDUO, ma lo è per la sopravvivenza della SPECIE sulla Terra. E non solo.. La riproduzione non è fondamentale per la sola sopravvivenza dell INDIVIDUO, ma lo è per la sopravvivenza della SPECIE sulla Terra. Sessuata la riproduzione sessuata o gamica avviene con l

Dettagli

La fertilità umana 1

La fertilità umana 1 La fertilità umana 1 La fertilità umana È la capacità per cui un uomo e una donna possono concepire un figlio in seguito ad un rapporto sessuale. Gli organi principali della fertilità sono l apparato genitale

Dettagli

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA

V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA V. TRASCRIZIONE E TRADUZIONE DEL DNA 0) CONCETTI BASE La trasformazione delle informazioni genetiche in proteine richiede due passaggi: la trascrizione del DNA in mrna e la traduzione dell mrna in una

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

X CICLO DI CONFERENZE

X CICLO DI CONFERENZE X CICLO DI CONFERENZE Professione Biologo Biologo della Fecondazione Assistita Giovedì 27 settembre 2012 Alessandro Miceli Promea S.p.A. - Torino alessandro.miceli@promea.net Dipartimento di Biologia Animale

Dettagli

Risposta: 2. Uracile. Risposta: 2. legami idrogeno. Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA.

Risposta: 2. Uracile. Risposta: 2. legami idrogeno. Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA. Risposta: 2. Uracile Adenina, Citosina e Guanina si trovano sia nell RNA che nel DNA. La Timina si trova soltanto nel DNA; l Uracile si sostituisce alla Timina nelle molecole dell RNA. Risposta: 2. legami

Dettagli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli Sistema Nervoso DISPOSITIVO DI RECEZIONE (AFFERENTE) SISTEMA DI ELABORAZIONE DISPOSITIVO DI TRASMISSIONE (EFFERENTE) SISTEMA

Dettagli

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni)

(ciclo vaginale) (azione degli ormoni estrogeni) Sistema Riproduttore Femminile (struttura e fisiologia) Il s.r.f. si compone di strutture atti alla produzione di gameti, le ovaie, e di una serie di organi che ne completano la funzionalità. L ovaio è

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio

LA GENETICA. Dott.ssa Valentina Terio LA GENETICA Dott.ssa Valentina Terio LLA GENETCA SCIENZA NATA CIRCA 150 ANNI FA GRAZIE AD UN STUDIOSO AUSTRIACO DI NOME MENDEL Pisello da giardino per la facilità di crescita e la possibilità di una impollinazione

Dettagli

Trasmissione del materiale ereditario

Trasmissione del materiale ereditario Trasmissione del materiale ereditario Confronto tra mitosi e meiosi: La mitosi consiste in una duplicazione dei cromosomi seguita da una regolare separazione Ciascun cromosoma si comporta indipendentemente

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel La Genetica Il monaco Gregor Mendel (1822-1884) fu il primo a studiare in modo rigoroso il fenomeno della trasmissione dei caratteri ereditari. Per questo, pur non avendo

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884)

La trasmissione dei caratteri ereditari. Le leggi di Mendel (1882-1884) La trasmissione dei caratteri ereditari Le leggi di Mendel (1882-1884) Le leggi di Mendel studiano la trasmissione di caratteri qualitativi prodotti da un singolo gene Procedimento sperimentale di Mendel

Dettagli

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi.

DNA - RNA. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. DNA - RNA Le unità fondamentali costituenti il DNA e l RNA sono i Nucleotidi. Nucleotide = Gruppo Fosforico + Zucchero Pentoso + Base Azotata. Esistono 4 basi azotate per il DNA e 4 per RNA Differenze

Dettagli

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Meccanismi di comunicazione cellulare Classificazione degli ormoni Tipologie di recettori ghiandola ormone/i principali azioni fisiologiche ipotalamo

Dettagli

Teoria della tettonica delle placche

Teoria della tettonica delle placche Teoria della tettonica delle placche Un po di storia L idea di una Terra mobile nasce nel 1910 ad opera di Wegener (pubblicazione in forma completa 1915) Egli osservò la concordanza delle coste atlantiche

Dettagli

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica

Meiosi Genetica. Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Meiosi Genetica Riproduzione sessuale Basi molecolari dell ereditarietà dei caratteri Variabilità genetica Batteri e altri organismi unicellulari si riproducono mediante divisione cellulare (riproduzione

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare

Bioinformatica e Biologia Computazionale per la Medicina Molecolare V Scuola di Ingegneria dell Informazione Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica II Scuola di Ingegneria dei Sistemi Laurea Magistrale in Ingegneria Biomedica Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dettagli

La storia della Terra

La storia della Terra Gli uomini, fin dai tempi antichi e in tutti i luoghi del mondo si sono fatti delle domande. Per esempio: come ha avuto origine la Terra? come hanno avuto origine il Sole e la Luna? come hanno avuto origine

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 CHIMICA LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore?

Soluzione: 2 ) Cosa si intende per calore? 1 ) Volendo calcolare di quanto è aumentata la temperatura di un corpo al quale è stata somministrata una certa quantità di calore, è necessario conoscere: A. Il calore specifico e la massa del corpo.

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

CLASSI SECONDE. Tecnico nel Turismo a.s. 2014/ 2015. 1 Dipartimento di Scienze KIT DI RECUPERO. Scienze Integrate BIOLOGIA

CLASSI SECONDE. Tecnico nel Turismo a.s. 2014/ 2015. 1 Dipartimento di Scienze KIT DI RECUPERO. Scienze Integrate BIOLOGIA KIT DI RECUPERO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico nel Turismo a.s. 2014/ 2015 1 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico Turistico a.s.

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTORE. realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di "Invito alla Biologia" ed. Zanichelli

SISTEMA RIPRODUTTORE. realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di Invito alla Biologia ed. Zanichelli SISTEMA RIPRODUTTORE UMANO realizzato da Irene Valorosi sulla base testuale di "Invito alla Biologia" ed. Zanichelli 1 GAMETOGENESI 2 Vaso deferente SPERMATOGENESI A partire dall adolescenza, e fino alla

Dettagli

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA

PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA PRINCIPALI TIPI CELLULARI DEL SISTEMA NERVOSO NEURONI (CELLULE NERVOSE ) CELLULE GLIALI, O GLIA Corteccia cerebrale ed aree associate: da 12 a 15 miliardi di neuroni Cervelletto: 70 miliardi di neuroni

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN SCIENZE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: SCIENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. SCIENZE TRAGUARDI ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1. POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA I MOTORI DELL EVOLUZIONE PT1 POMERIGGIO DI AGGIORNAMENTO 23.03.2011 PROF. M.A. ZORDAN, Ph.D UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA 1 GREGOR MENDEL 1822-1884 2 2 Grandi navigatori 3 3 Rotte commerciali per le

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA

LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA LA COSTRUZIONE DEL PEDIGREE NELLA GENETICA UMANA Un metodo di base di analisi genetica negli esseri umani è la costruzione di una storia familiare per seguire la trasmissione ereditaria di un carattere.

Dettagli

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it

Dott.ssa Renata Tisi. Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Dott.ssa Renata Tisi Dip. Biotecnologie e Bioscienze Ed. U4 Tel. 02 6448 3522 renata.tisi@unimib.it Il ruolo degli acidi nucleici è quello di custodire e trasmettere l informazione genetica nelle cellule,

Dettagli

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9.1 PROVA N. 1 Biologia TEST DI VERIFICA S O L U Z I O N I A P A G I N A 2 8 7 9 01 Il colon fa parte di: a intestino

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE. Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5. Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au

PROGRAMMA DI SCIENZE. Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5. Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5 Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au ASTRONOMIA: Nascita dell Universo Galassie Sistema solare Teoria geocentrica ed eliocentrica Leggi di Keplero Legge di

Dettagli

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica.

Si tratta di corpiccioli di natura ribonucleoproteica che nel citoplasma di tutte le cellule presiedono ai processi di sintesi proteica. I R I BOSOM I I RIBOSOMI sono organuli citoplasmatici presenti in tutte le cellule, sia procariotiche che eucariotiche. Sono visibili al M.O. solo quando presenti in gran numero, (come capita nelle cellule

Dettagli

cenni di anatomia del testicolo

cenni di anatomia del testicolo cenni di anatomia del testicolo Il gamete maschile è rappresentato della spermatozoo la produzione e maturazione del gamete maschile avviene nel testicolo Il testicolo fa parte dell apparato riproduttivo

Dettagli

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali

SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2. Domande concettuali SOLUZIONI AI PROBLEMI DEL CAPITOLO 2 Domande concettuali C1. Il lavoro di Mendel dimostrò che i determinanti genetici vengono ereditati con modalità dominante/recessiva. Questo era evidente in molti dei

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Giochi delle Scienze Sperimentali 2011

Giochi delle Scienze Sperimentali 2011 Associazione Nazionale degli Insegnanti di Scienze Naturali Giochi delle Scienze Sperimentali 2011 A - LA FUSIONE Ad una data pressione, la temperatura alla quale una sostanza fonde, cioè passa dallo stato

Dettagli

svolgimento del programma precedente M F totale

svolgimento del programma precedente M F totale PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 Docente:Cristina Marcon CLASSE 2A Materia: Biologia 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

Amminoacidi e Proteine

Amminoacidi e Proteine Amminoacidi e Proteine Struttura generale di un α-amminoacido R = catena laterale AMMINOACIDI (AA) CELLULARI Gli amminoacidi presenti nella cellula possono essere il prodotto di idrolisi delle proteine

Dettagli

La Genetica. Le leggi di Mendel

La Genetica. Le leggi di Mendel La Genetica Le leggi di Mendel Genetica: scienza che studia la trasmissione dei caratteri ereditari (che si trasmettono di generazione in generazione) Carattere: caratteristica esterna, interna o comportamentale

Dettagli

Le leggi della Genetica

Le leggi della Genetica Le leggi della Genetica La genetica studia le caratteristiche ereditarie e come esse si trasmettono attraverso le generazioni. Si tratta di un campo di indagine scientifica vastissimo che, sulla base di

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

TERRA. 2012 Copyright lamaestraenza.altervista.org

TERRA. 2012 Copyright lamaestraenza.altervista.org TERRA Terzo pianeta in ordine di distanza dal Sole, la Terra si è formata 4,5 miliardi di anni fa insieme a tutti gli altri corpi che popolano il sistema solare. Essa ha una forma quasi sferica a causa

Dettagli

La deriva dei continenti. Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani.

La deriva dei continenti. Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani. La deriva dei continenti Il geofisico Alfred WEGENER, nel 1915, formulò una teoria sulla formazione dei continenti e degli oceani. La deriva dei continenti Wegener presuppose che le terre attualmente emerse

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA a.a.2011-2012 11.10.2011 Lezioni N. 7 e 8 Ereditarietà Mendeliana Segregazione alleli, indipendenza geni, associazione, ricombinazione Dott.ssa Elisabetta Trabetti UN GENE =

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE.

IL GENOMA UMANO. Ogni cromosoma è suddiviso in regioni d informazione dette GENI. L informazione espressa da ciascun gene è detta CARATTERE. IL GENOMA UMANO Ogni cellula contiene nel nucleo una molecola chiamata DNA (acido desossiribonucleico) Tale molecola ha la forma di una lunghissima scala a chiocciola. I gradini che compongono la scala

Dettagli

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu L apparato circolatorio COME SIAMO FATTI? Il nostro corpo è composto da milioni e milioni di cellule. Le cellule che svolgono funzioni simili sono organizzate in tessuti. Un insieme di diversi tessuti

Dettagli

Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA

Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA 1 Struttura di una possibile serie di lezioni sull ereditarietà e sul DNA IL PERCORSO DIDATTICO Conosciamo noi stessi A chi assomiglio? Analisi dei caratteri ereditati Da dove derivano i caratteri? Costruiamo

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross.

Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un altro vulcano con un LAGO di LAVA all interno del cratere è l EREBUS situato in Antartide sull isola di Ross. Un SUPER VULCANO si nasconde non solo sotto i CAMPI FLEGREI ma anche sotto il meraviglioso

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 09 /09 /2014 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 09 /09 /2014 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I RISULTATI DI APPRENDIMENTO - al termine del percorso quinquennale - al cui raggiungimento contribuisce la disciplina MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli