Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione"

Transcript

1 Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione Dott. Davide Canone Dipartimento di Scienze,Progetto e politiche del territorio Politecnico e Università di Torino tel: L IRRIGAZIONE IN FRUTTICOLTURA: risparmio idrico e principi d impiantistica 7 marzo 2014 Manta (CN)

2 Contenuti Nozioni di idraulica e definizione dei principali termini impiegati. Descrizione dell impianto di irrigazione. Dimensionamento delle condotte. Scelta degli erogatori. Dimensionamento delle ali gocciolanti o aspergenti. Dimensionamento dell impianto di sollevamento. La filtrazione.

3 PORTATA E VELOCITÀ MEDIA Il volume d acqua che nell unità di tempo attraversa un data sezione è definito come la portata attraverso quella sezione. La portata si esprime in m 3 /s (l/s, l/min, m 3 /h, ecc.) e si indica con il simbolo Q. All interno di una sezione la velocità è diversa per ogni punto. Voler considerare queste diverse infinite velocità v, nelle formule e nei calcoli, porterebbe ad eccessive complicazioni. In genere si considera una velocità media V, definita come il rapporto Portata/Sezione, cioè: V Q A in cui l area della sezione A è l area bagnata. La velocità media così definita è quella che si introduce nei calcoli.

4 PERDITE DI CARICO CONTINUE E LOCALIZZATE Il moto dei liquidi avviene con perdite d energia (perdite di carico) distinte in: -perdite di carico continue dovute alle resistenze al moto interne al liquido (attrito interno) e verso le superfici al contorno (attrito esterno); -perdite di carico localizzate dovute a fenomeni localizzati quali un restringimento o un allargamento della condotta, un cambiamento di direzione, una saracinesca, un contatore, ecc.

5 MOTO UNIFORME IN LUNGHE CONDOTTE A SEZIONE CIRCOLARE Si dicono "lunghe" le condotte aventi lunghezza (L) alcune migliaia di volte superiore al diametro (D). Nelle lunghe condotte le perdite di carico continue assumono valori elevati, motivo per cui sono trascurabili le perdite di carico localizzate. Le perdite di carico localizzate sono dovute a bruschi cambiamenti di sezione, imbocco da serbatoi, sbocco all'aria, bruschi cambiamenti di direzione, apparecchiature varie, ecc.

6 PERDITE DI CARICO CONTINUE NELLE CONDOTTE IN PRESSIONE

7 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE NELLE CONDOTTE IN PRESSIONE Nella pratica idraulica le correnti fluide in pressione si muovono entro condotte cilindriche. Fanno eccezione alcune situazioni particolari, riguardanti per lo più di brevi raccordi fra un tratto di condotta cilindrica e il successivo. L'importanza dello studio di queste situazioni sta nel fatto che esse sono caratterizzate da un intensa dissipazione di energia e quindi da un brusco abbassamento della linea dei carichi totali. La causa di tale dissipazione è il distacco della vena fluida dalla parete, con formazione di zone dove ha luogo un intensa agitazione di masse fluide sottratte al movimento generale di trasporto.

8 Esempi tipici sono quelli schematicamente rappresentati nelle figure seguenti, dove sono state segnate le zone occupate dai vortici, subito a valle dei punti di distacco della vena.

9 INFILTRAZIONE La conducibilità idraulica è una caratteristica dei suoli ed è uno dei parametri che definisce la velocità con cui l acqua attraversa il suolo. La conducibilità idraulica varia da suolo a suolo e di solito è espressa in mm/h, cm/h o m/d. L intensità di precipitazione è l altezza d acqua che cade in un dato tempo, viene impiegata anche per calcolare i volumi apportati da organi aspergenti e si misura in mm/h. L'infiltrazione è il processo col quale l'acqua entra nel terreno attraverso la superficie che lo delimita superiormente, che s indicherà come superficie d infiltrazione. Il tasso d infiltrazione è normalmente espresso come velocità, nella stessa unità di misura della conducibilità idraulica a saturazione e dell'intensità di precipitazione e prende il nome di velocità d'infiltrazione.

10 La capacità d infiltrazione di un suolo è una proprietà dinamica che varia fortemente in base: al contenuto idrico del suolo; alla temperatura (la viscosità dell'acqua si dimezza se la temperatura passa da 0 a 25 C); alla copertura vegetale. Mantenendo sulla superficie del terreno uno strato d acqua di modesto spessore (alcuni mm), si osserva che la velocità d infiltrazione diminuisce col tempo e tende a raggiungere entro alcune ore valori simili a quelli della conducibilità idraulica a saturazione. Il valore finale della velocità d infiltrazione detto velocità d'infiltrazione a regime, non dipende dal contenuto idrico iniziale del terreno, mentre da tale parametro dipendono i valori precedenti che sono tanto più bassi quanto più il terreno è inizialmente umido.

11 Tipo di terreno vinf a regime (mm/h) Sabbioso >40 Franco-sabbioso Franco Franco-argilloso 3-15 Argilloso <5 La conoscenza dei valori della velocità d infiltrazione serve, ad esempio, per determinare alcuni parametri irrigui al fine di evitare perdite d acqua per ruscellamento superficiale.

12 PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO DI MICROIRRIGAZIONE Un impianto di microirrigazione, a differenza di altri impianti a pressione, distribuisce l acqua in prossimità della pianta. La progettazione degli impianti di microirrigazione si differenzia da quella degli impianti di aspersione per gli effetti della distribuzione localizzata dell acqua, può essere lineare o puntiforme. A differenza di altri metodi irrigui, l uniformità di distribuzione dell acqua non dipende dalle caratteristiche del suo moto sulla superficie del campo o nell atmosfera, ma solo dal movimento dell acqua nel suolo. Quest ultimo dipende da alcune caratteristiche del suolo, quali la conducibilità idraulica, la tessitura, la struttura. La progettazione dell impianto di microirrigazione deve pertanto partire dalla corretta scelta degli erogatori e della loro interdistanza sull ala.

13 SCELTA DEGLI EROGATORI La scelta degli erogatori deve avvenire in base alle caratteristiche climatiche, del suolo e della distribuzione radicale delle piante da irrigare. Le caratteristiche climatiche da prendere in considerazione sono principalmente la temperatura e la velocità del vento, che evaporazione e deriva dell acqua e di fatto impediscono l uso degli spruzzatori. La caratteristica del suolo di maggior importanza è la tessitura, che influenza la ritenzione idrica e la ridistribuzione dell acqua. In suoli a tessitura molto grossolana la ritenzione e la ridistribuzione dell acqua sono basse e di conseguenza è sconsigliabile l uso dei gocciolatori. 13

14 DIMENSIONAMENTO DELLE CONDOTTE E DELLE ALI EROGATRICI Due condotte di diametro diverso sottoposte allo stesso carico faranno defluire portate diverse. Se nella condotta di diametro minore si volesse far transitare la stessa portata che si ha in quella di diametro maggiore, sarebbe necessario che la corrente nella prima condotta avesse una velocità media maggiore. Ciò determinerebbe perdite di carico più elevate e quindi la necessità di un carico maggiore nella sezione iniziale.

15 Il dimensionamento delle ali gocciolanti dipende direttamente dal volume di adacquamento che s intende apportare a ogni pianta durante un intervento irriguo. Il volume irriguo per pianta e il numero di piante irrigate dall ala gocciolante determinano il volume di acqua che deve essere erogato dall ala durante l intervento irriguo e di conseguenza la portata dell ala stessa. Il diametro della condotta che costituisce l ala gocciolante dovrà quindi essere scelto in base alla portata, in modo tale che la velocità della corrente nell ala sia tanto bassa da determinare un adeguata differenza di carico lungo l ala. La differenza di carico lungo l ala non deve essere troppo elevata, in modo tale da consentire un erogazione dell acqua in modo uniforme. Una volta dimensionata l ala erogatrice e di conseguenza stabilita la sua portata, si potrà determinare il numero massimo di ali appartenenti a uno stesso settore, che dipenderà dalla portata dell impianto di approvvigionamento idrico.

16 La portata in un dato tratto di condotta è determinata dal numero di irrigatori che si trova a valle, pertanto la portata cresce man mano che si prosegue da valle verso monte. Al fine di mantenere costante la velocità nella condotta, il diametro dovrebbe crescere ogniqualvolta si aggiunga un irrigatore ottenendo la condotta schematizzata in figura.

17 Nella pratica ciò non avviene perché ci si troverebbe a dover installare molti tratti brevi di condotte di diametro diverso e ciò comporterebbe costi di installazione molto alti. Di conseguenza si tende ad uniformare la condotta per l intera lunghezza dell ala, ponendo attenzione a dimensionare la condotta in funzione della portata maggiore che deve transitarvi, che corrisponde alla portata dell intera ala. Una volta dimensionata l ala erogatrice e di conseguenza stabilita la sua portata, si potrà determinare il numero massimo di ali appartenenti a uno stesso settore, che dipenderà dalla portata dell impianto di approvvigionamento idrico. Le condotte di grado superiore saranno dimensionate seguendo i medesimi criteri esposti per le ali gocciolanti, ma le portate degli erogatori saranno sostituite da quelle delle ali o dei settori.

18 In figura è riportato un esempio di un dimensionamento reale delle condotte. Si può notare che la condotta mantiene lo stesso diametro per tutta la lunghezza di una data ala. La figura mostra anche l impiego di condotte di diametro crescente con il numero di ali collegate a valle.

19 Al fine di un corretto dimensionamento delle condotte non è sufficiente la valutazione delle portate, è necessario valutare correttamente anche la pressione. La prima valutazione della pressione prevede la determinazione della pressione idrostatica a livello della valvola generale dell impianto. Il valore della pressione idrostatica a cui l acqua viene fornita è spesso fornito dalla società che gestisce la rete di distribuzione dell acqua. Al fine di ottenere la pressione idrostatica in corrispondenza della valvola generale dell impianto e necessario sottrarre o sommare la pressione persa o guadagnata a seguito di eventuali dislivelli tra la condotta dell acquedotto e la valvola. Nel caso in cui tale informazione non sia reperibile oppure non ci si rifornisca tramite una rete di distribuzione in pressione, il valore della pressione idrostatica può essere misurato tramite un manometro.

20 La pressione idrostatica serve come dato iniziale per il calcolo della pressione dinamica che è la reale pressione di cui si dispone nell impianto durante l esercizio, cioè quando l acqua è in movimento. Quando l acqua inizia a muoversi si generano perdite di carico nella condotta di servizio che collega la rete di distribuzione al contatore, si hanno perdite di carico nel contatore stesso e nel tratto di condotta che collega il contatore alla valvola generale dell impianto. Le perdite di carico devono essere valutate e sottratte alla pressione idrostatica al fine di ottenere la pressione dinamica in corrispondenza della valvola generale dell impianto. In seguito si devono valutare le perdite di carico distribuite, lungo la condotta, e localizzate, dovute alle valvole alle curve e a qualsiasi altro dispositivo presente nell impianto.

21 In tal modo sarà possibile valutare la pressione dinamica in corrispondenza del primo e dell ultimo irrigatore di ogni settore e di conseguenza stabilire se la pressione in corrispondenza dell ultimo irrigatore è sufficiente e se il divario di pressione tra il primo e ultimo irrigatore non è tale da pregiudicare l uniformità di distribuzione a livello di settore. Nel caso in cui le pressioni dinamiche così determinate non siano idonee al funzionamento dell impianto, si possono aumentare i diametri delle condotte al fine di ridurre la velocità e di conseguenza le perdite di carico e far aumentare la pressione agli estremi dell impianto o vice versa si possono ridurre i diametri delle condotte per ridurre la pressione. Nel caso, poco comune, in cui la pressione in corrispondenza della valvola generale dell impianto sia troppo elevata, si può ricorrere ad un riduttore di pressione.

22 Nel caso in cui la pressione dinamica non fosse sufficiente si può suddividere l impianto in un maggior numero di settori di dimensioni più piccole. Nel caso in cui non fosse possibile adeguare la dimensione dei settori alla pressione dinamica, si può ricorrere ad una pompa di rilancio per elevare la pressione nell impianto.

23 IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO Lo schema più semplice di un impianto di sollevamento è rappresentato dal caso di innalzamento dell acqua da un recipiente a pelo libero di tipo qualunque (lago, corso d acqua, canale, cisterna, pozzo freatico, ecc.) per alimentare un altro recipiente a pelo libero, posto a quota maggiore.

24 Osservando, nel verso del moto idrico, l impianto schematizzato in figura, esso risulta costituito da: una succhieruola con funzione di filtro; una valvola di fondo (valvola di ritegno) per impedire lo svuotamento della condotta di aspirazione e della camera della girante (la pompa centrifuga non è auto-adescante); una tubazione aspirante; un gruppo motore-pompa (una pompa comandata dal relativo motore); una tubazione di mandata; pezzi speciali idraulici (curve, manometri, valvole d intercettazione e di ritegno, ecc.). Per trasferire l acqua dal recipiente inferiore a quello superiore occorre fornire energia al liquido, mediante l impiego di pompe idrauliche. La quantità di energia da fornire dipende dalla portata del flusso idrico (Q) e dalla prevalenza totale dell impianto (Ht).

25 Prevalenza totale dell impianto La prevalenza totale dell impianto di sollevamento (H t ) si esprime normalmente in metri di colonna d acqua, così come il carico idraulico, e la sua espressione generale è data da: H t H H P C dove: H 1 (m) = carico idraulico totale del liquido in una posizione scelta opportunamente a monte (dal punto di vista idraulico) della pompa. H 2 (m) = carico idraulico totale del liquido in una posizione scelta opportunamente a valle (dal punto di vista idraulico) della pompa. Σ P.C. = somma delle perdite di carico idraulico (continue e localizzate) tra le due posizioni individuate per la determinazione di H 1 ed H 2, escluse le perdite di carico interne alla pompa, che sono contabilizzate nell efficienza della pompa medesima.

26 Curva caratteristica prevalenza-portata Per una data portata (Q) dell impianto prossima a zero, le perdite di carico continue e localizzate sono anch esse prossime a zero e quindi il valore di H t è un minimo. Aumentando Q aumentano, più che linearmente, le perdite di carico e quindi con analogo andamento aumenta il valore di H t. A parità di portata, e di altre caratteristiche dell impianto, le perdite di carico continue e localizzate sono direttamente proporzionali alla velocità del liquido. Ne deriva l importanza di un corretto dimensionamento delle condotte e delle altre parti componenti l impianto, con un ragionamento di tipo tecnico-economico in quanto a maggiori costi di investimento (costruzione dell impianto) corrispondono minori costi di esercizio (energia per il funzionamento dell impianto).

27 Pompe centrifughe Le pompe sono macchine idrauliche operatrici che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono al liquido che le attraversa. Le pompe si possono suddividere in due grandi categorie: a moto rotatorio; a moto alternativo. Queste ultime, che si riducono sostanzialmente al tipo a stantuffo, sono destinate a pochi impieghi specifici. Fra le pompe rotative figurano quelle centrifughe, quelle ad ingranaggi, ecc. Le più diffuse sono le pompe centrifughe, praticamente le uniche impiegate per aumentare la quota e/o la pressione dell acqua negli impianti d irrigazione.

28 La pompa centrifuga è composta essenzialmente da una parte rotante munita di alette, detta girante, e da una parte fissa, detta cassa o corpo della pompa. L'acqua entra nel corpo della pompa attraverso il tubo di aspirazione e quindi viene inviata nel tubo di mandata, per effetto della forza centrifuga impressale dalla girante. In altre parole, imprimendo alla girante, per mezzo di un motore, un rapido movimento rotatorio, l energia meccanica fornita all asse del rotore della pompa centrifuga si trasferisce nel liquido contenuto nella pompa sotto forma di energia cinetica e di pressione. L acqua viene così spinta verso la tubazione di mandata e nel contempo altra acqua viene richiamata nel condotto di aspirazione ottenendo un flusso continuo. Pompa centrifuga di superficie, monocellulare, ad asse orizzontale: (1) Tubo di aspirazione; (2) Tubo di mandata; (3) Girante.

29 Le pompe centrifughe, in funzione della disposizione dell'albero che muove la girante, si distinguono in: pompe orizzontali; pompe verticali. Con riferimento alla posizione del corpo della pompa rispetto all acqua si distingue tra: pompe di superficie (corpo della pompa fuori dall acqua); pompe sommerse (corpo della pompa immerso nell acqua). Con riferimento al numero delle giranti si hanno: pompe monocellulari o monostadio (una sola girante); pompe pluricellulari o pluristadio (sono composte da due o più giranti). In questo caso la prevalenza della pompa è data dalla somma delle prevalenze delle singole giranti.

30 Le pompe centrifughe ad asse orizzontale sono generalmente pompe di superficie accoppiate direttamente al motore e, a seconda che questo sia ad alimentazione elettrica o a combustione interna, sono chiamate elettropompe o motopompe. Sono pompe molto versatili, di dimensioni e peso contenuti, facilmente trasportabili. Il limite delle pompe centrifughe di superficie è la profondità massima d'aspirazione. Poiché è la pressione atmosferica che spinge l'acqua nel tubo d'aspirazione, la profondità massima teorica da cui è possibile aspirare l'acqua da un contenitore a pelo libero è pari a 10,33 m. In realtà, a causa delle perdite di carico, non è possibile sollevare l'acqua da una profondità maggiore di 5-6 m rispetto alla girante della pompa. Le pompe centrifughe ad asse verticale ovviano a questo inconveniente in quanto tutto il gruppo pompa può essere sommerso, vale a dire calato nella vasca o pozzo da cui estrarre l'acqua, riducendo a zero l'altezza d'aspirazione.

31 Pompa centrifuga sommergibile, pluricellulare, ad asse verticale.

32 Scelta della pompa e del motore Per gli impianti nuovi, o per il rinnovamento degli impianti già esistenti, è tecnicamente ed economicamente conveniente procedere all acquisto di un gruppo motore-pompa completo (fa eccezione il caso in cui si utilizzi il motore di una trattrice aziendale). In questo modo, tra l altro, non è necessario procedere al calcolo della potenza assorbita dalla pompa ed al successivo dimensionamento del motore, perché queste operazioni sono condotte direttamente dai costruttori (o assemblatori). Questo vale sia per il caso delle elettropompe, sia per quello delle motopompe. Il problema si riduce pertanto all analisi delle caratteristiche dell offerta commerciale sulla cui base si sceglie in funzione della portata e della prevalenza totale dell impianto di sollevamento da servire.

33 Esempio di caratteristiche tecniche di una serie di elettropompe, fornite dal costruttore.

34 Esempio curve portata-prevalenza per una serie di elettropompe, fornite dal costruttore.

35 I FILTRI Particolare importanza riveste la filtrazione, in funzione delle ridotte sezioni idriche che presentano molti erogatori (anche inferiori ad 1 mm 2 ) al fine di evitare o ridurre l'intasamento dei medesimi. Nell'ordine saranno presenti, in successione, uno o più dei seguenti tipi di filtro: - filtro a vortice o idrociclone, il quale sfrutta la forza centrifuga per separare le particelle di sabbia ed altre con densità superiore a quella dell'acqua;

36 - filtro a graniglia o a sabbia, destinato a trattenere le sostanze organiche in sospensione ed altre; - filtro a cartuccia o a dischi, il quale trattiene le particelle solide aventi dimensione superiore a quelle dei passaggi interni del filtro. La scelta di uno o più tipi di filtro da impiegare dipende dalla qualità dell'acqua e dal tipo d erogatore cui l'acqua è destinata. I filtri, inoltre, devono essere dimensionati in funzione della portata da filtrare, al fine di evitare eccessive perdite di carico e rapido intasamento.

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile 1 Pompe Le pompe, più propriamente chiamate macchine idrauliche operatrici, sono quei macchinari che, opportunamente azionati da motrici di diverso tipo, comunicano energia ad un fluido per sollevarlo

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Generalità sulle elettropompe

Generalità sulle elettropompe Generalità sulle elettropompe 1) Introduzione Ne esistono diverse tipologie ma si possono inizialmente suddividere in turbopompe e pompe volumetriche. Le prime sono caratterizzate da un flusso continuo

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio

ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio ESERCITAZIONE N. 1 (11 Ottobre 2007) Verifica di un impianto di pompaggio È dato un pozzo con piano campagna H posto a 90 m s.l.m., dal quale l acqua è sollevata verso un serbatoio il cui pelo libero H

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi

In uno scenario di aumento dei costi analisi dei costi di esercizio Come scegliere il rotolone più adatto alle proprie esigenze di Giuseppe Taglioli, Giulia Villani, Matteo Boscarato In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Pompe di circolazione

Pompe di circolazione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe di circolazione

Dettagli

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza Classificazione Portata d acqua Salto lordo Potenza netta Piccola taglia < 10 m 3 /s < 50 m < 5 kw (pico centrali) < 100 kw

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Docente: Ing. Demetrio Antonio Zema Lezione n. 11: Generalità sugli impianti irrigui Anno Accademico 2011-2012 2012 1 Metodi irrigui 2 Metodi irrigui Modalità

Dettagli

IMPIANTO DEL VIGNETO

IMPIANTO DEL VIGNETO IMPIANTO DEL VIGNETO Irrigazione R.Genovesi L irrigazione del vigneto, in climi nei quali le precipitazioni arrivano a coprire una parte rilevante dei fabbisogni idrici delle piante, può assumere il significato

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI ENERGETICA E MACCHINE Impianti di accumulo mediante pompaggio: caratteristiche generali e peculiarità funzionali Piero Pinamonti 1 Potenza efficiente degli

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio

MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio MACCHINE Lezione 7 Impianti di pompaggio Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Un impianto di pompaggio ha la funzione

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010

MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 MECSPE FIERE DI PARMA 26 marzo 2010 PNEUMATICA L efficienza negli impianti e nei sistemi pneumatici Guido Belforte, Gabriella Eula Politecnico di Torino Dipartimento di Meccanica CONDIZIONI DI RIFERIMENTO

Dettagli

LA PREVALENZA DI UNA POMPA

LA PREVALENZA DI UNA POMPA LE POMPE Le pompe sono macchine idrauliche operatrici che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono, nella misura consentita dal rendimento del gruppo pompa-motore, motore, al

Dettagli

Uso: USO DELLE POMPE. di Segna Simone. CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_

Uso: USO DELLE POMPE. di Segna Simone. CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_ CORSO per Volontari Operativi Rischio idrogeologico CCV-MI _2012_ di Segna Simone Corso di formazione USO DELLE POMPE Relatore: Simone Segna OBIETTIVI 1. Fornire agli operatori indicazioni teoriche sul

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Macchine Operatrici Nel presente modulo si vogliono fornire cenni circa le principali macchine operatrici impiegate negli impianti

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 PREFAZIONE AL TEMA Nella parte sottostante è rappresentato lo schema circuitale dell impianto idraulico, dove, vengono raffigurate:

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA 1 PREMESSA La presente relazione dimensiona e verifica le opere idrauliche relative alle fontane direttamente connesse con la realizzazione delle opere di Completamento dell area adiacente alla Cascina

Dettagli

Dimensionamento di un ADDUTTORE

Dimensionamento di un ADDUTTORE Dimensionamento di un ADDUTTORE L adduttore è una parte fondamentale dello schema acquedottistico, che nella legislazione definito come impianto di trasporto: si intende il complesso delle opere occorrenti

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI

RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI RELAZIONE TECNICA CALCOLO IMPIANTI OGGETTO: RIFACIMENTO DELLA RETE IDRICA DI VIA P. UMBERTO E CORSO UMBERTO I Acquedotto La rete idrica, è composta da condotte in pressione, poste a 1 m sotto il piano

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità Roma, 8-9 Ottobre 2015 FORO ITALICO GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELL ACQUA IN PISCINA

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

Elementi di base sulle pompe per impianti di irrigazione e sulla utilizzazione delle acque sotterranee tramite pozzi.

Elementi di base sulle pompe per impianti di irrigazione e sulla utilizzazione delle acque sotterranee tramite pozzi. Provincia di Livorno Laboratorio Nazionale dell Irrigazione Elementi di base sulle pompe per impianti di irrigazione e sulla utilizzazione delle acque sotterranee tramite pozzi. Marcello Bertolacci, Pasquale

Dettagli

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81

Miglioramenti Energetici Solare Termico. Aslam Magenta - Ing. Mauro Mazzucchelli Anno Scolastico 2014-2015 81 Miglioramenti Energetici Solare Termico Scolastico 2014-2015 81 Sostituzione Generatore di Calore Sostituzione adeguamento sistema di Distribuzione Sostituzione del sistema di emissione Installazione Solare

Dettagli

DISPENSA DI PNEUMATICA

DISPENSA DI PNEUMATICA DISENS DI NEUMTIC 1 RESSIONE La pressione è una grandezza fisica derivata dal rapporto tra forza e superficie. L unità di misura internazionale della pressione è il ascal, anche se è più comodo utilizzare

Dettagli

Energia idroelettrica

Energia idroelettrica Energia idroelettrica L'energia idroelettrica è una fonte di energia alternativa e rinnovabile, che sfrutta la trasformazione dell'energia potenziale gravitazionale, posseduta da una certa massa d'acqua

Dettagli

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno

Sommario. Generalità sugli acquedotti. Posizionamento del serbatoio cittadino. Scelta del tracciato dell acquedotto esterno Anno Accademico 2008 2009 CORSO DI SISTEMI IDRAULICI URBANI Ingegneria per l ambiente ed il territorio N.O. Prof. Ing. Goffredo La Loggia Esercitazione 1: Progetto di un acquedotto esterno e di un serbatoio

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI

Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI Ente Scuola Edile Taranto IMPIANTI IDRICI E ELETTRICI IMPIANTI IDRICI Nello specifico gli elementi tecnici per sviluppare un buon impianto idrico possono essere sintetizzati in questo modo: - allacciamenti;

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione

PROBLEMA 1. Soluzione PROBLEMA 1 Prendendo come riferimento la pressione atmosferica di 1013 mbar agente sulla superficie libera di un corso d acqua, risulta che la pressione idrostatica sott acqua raddoppia a una profondità

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

H2O ACCADUEO 2014. Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche

H2O ACCADUEO 2014. Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche H2O ACCADUEO 2014 Acqua e produzioni alimentari: scenari, tecnologie, politiche IL PUNTO DI VISTA DEI PRODUTTORI Sala Madrigale Bologna Fiere 23 Ottobre 2014 Giampiero Reggidori APOCONERPO-OP Filiera dell

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015

SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015 SOLUZIONE ESAME DI STATO TEMA NR.1 TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI ANNO 2015 PREFAZIONE AL TEMA Nella parte sottostante è rappresentato lo schema circuitale dell impianto idraulico, dove, vengono raffigurate:

Dettagli

Attuatori Pneumatici

Attuatori Pneumatici Gli attuatori pneumatici sono organi che compiono un lavoro meccanico usando come vettore di energia l aria compressa con indubbi vantaggi in termini di pulizia, antideflagranza, innocuità e insensibilità

Dettagli

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar.

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar. HQ3 Descrizione generale Pompa a palette a cilindrata fissa, idraulicamente bilanciata, con portata determinata dal tipo di cartuccia utilizzato e dalla velocità di rotazione. La pompa è disponibile in

Dettagli

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA Stefano Stoppa Definizione Le pompe sono componenti idrauliche che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono al liquido che le attraversa.

Dettagli

4SR Elettropompe sommerse da 4"

4SR Elettropompe sommerse da 4 4SR Elettropompe sommerse da 4" CAMPO DELLE PRESTAZIONI Portata fino a 375 (22.5 ) Prevalenza fino a 45 m LIMITI D IMPIEGO Temperatura del liquido fino a +35 C Contenuto di sabbia massimo 15 g/m³ Profondità

Dettagli

RETE DI DISTRIBUZIONE

RETE DI DISTRIBUZIONE Impianti centralizzati di riscaldamento ad acqua calda La quasi totalità degli impianti di riscaldamento impiega, come fluido di trasporto del calore dalla generazione all'utenza, acqua calda in circolazione

Dettagli

TESTO. Art. 2. Sono abrogati i decreti ministeriali 10 gennaio 1950 e 2 agosto 1956. ALLEGATO

TESTO. Art. 2. Sono abrogati i decreti ministeriali 10 gennaio 1950 e 2 agosto 1956. ALLEGATO Decreto del Presidente della Repubblica n 1208 del 05/09/1966 Modifiche alla vigente disciplina normativa in materia di apparecchi di alimentazione per generatori di vapore aventi potenzialità specifica

Dettagli

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano

Statica e dinamica dei fluidi. A. Palano Statica e dinamica dei fluidi A. Palano Fluidi perfetti Un fluido perfetto e incomprimibile e indilatabile e non possiede attrito interno. Forza di pressione come la somma di tutte le forze di interazione

Dettagli

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 5 m 3 /h Prevalenza max: 50 mc.a. Pressione d esercizio max: 8 bar Altezza d aspirazione max: 8 m Temperatura fluido max: +35 C Temperatura ambiente max: +40 C DN Attacchi:

Dettagli

CENTRIFUGAZIONE. Centrifugazione. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. (v =!

CENTRIFUGAZIONE. Centrifugazione. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. (v =! CENTRIFUGAZIONE Prof.ssa Silvia Recchia Centrifugazione Alle sospensioni viene applicato un campo gravitazionale artificiale attraverso la rotazione ad alta velocità (campo centrifugo). Per la separazione

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

IDRAULICA PER L A.I.B.:

IDRAULICA PER L A.I.B.: IDRAULICA PER L A.I.B.: IDRAULICA: Principi Fondamentali IDRAULICA: disciplina che studia il comportamento dei corpi allo stato liquido. In particolare per la lotta agli incendi boschivi ci si interessa

Dettagli

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE

MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 1 di 5 Impianto di produzione e distribuzione Acqua alta Qualità FONTANELLO ACQUA CR-ISTAL MANUALE DI CONDUZIONE E MANUTENZIONE Rev. 07 del 03/02/2015 Pag. 2 di 5 1. INTRODUZIONE

Dettagli

www.raccoltaacquapiovana.it

www.raccoltaacquapiovana.it DRENAGGIO IL DRENAGGIO Drenaggio è un termine tecnico derivato dal verbo inglese to drain prosciugare. Il drenaggio sottosuperficiale o drenaggio, in idraulica agraria, è il complesso dei sistemi naturali

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO FORMATI DA TUBI SPIRALATI IN HDPE SGK

SISTEMI DI ACCUMULO FORMATI DA TUBI SPIRALATI IN HDPE SGK Integrated 1 CALOTTA PER SERBATOI FORMATI DA TUBO SPIRALATO SGK Tubo spiralato in HDPE Norma DIN 16961 Diametri da ID1000 a ID2500 mm Le giunzioni degli elementi saranno eseguite a mezzo di apposito bicchiere

Dettagli

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto a cura di Giuseppe Pia, Renzo Peretto, Luigi Petillo. Cos è la subirrigazione a goccia. La subirrigazione a goccia, altrimenti

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

Pompa elettrica di alimentazione carburante

Pompa elettrica di alimentazione carburante Pagina 1/8 Pompe elettriche di alimentazione carburante Panoramica del prodotto per l utilizzo universale PRODuCT INFORMATION Veicolo/utilizzo Prodotto PIeRbuRg n. vedere catalogo/cd TecDoc Pompa elettrica

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Elettropompe Centrifughe Multistadio Verticali Serie SV2, 4, 8, 16 NUOVA TECNOLOGIA LASER

Elettropompe Centrifughe Multistadio Verticali Serie SV2, 4, 8, 16 NUOVA TECNOLOGIA LASER Elettropompe Centrifughe Multistadio Verticali Serie SV2, 4, 8, 16 NUOVA TECNOLOGIA LASER APPLICAZIONI TIPICHE Approvvigionamento idrico Trasferimento e distribuzione da acquedotti Pressurizzazione in

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Il trasporto dei liquidi

Il trasporto dei liquidi ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. MARCONI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI CLASSE 3ACH Il trasporto dei liquidi (PAG 159 DEL LIBRO DI TESTO) Prof. Roberto Riguzzi 1 INTRODUZIONE Il trasporto dei liquidi e

Dettagli

Filtri immersi in aspirazione. Serie HF 410 / HF 412

Filtri immersi in aspirazione. Serie HF 410 / HF 412 Filtri immersi in aspirazione Serie HF 410 / HF 412 IL VALORE DI UNA BUONA FILTRAZIONE La causa principale delle anomalie nei sistemi oleodinamici è da attribuire alla presenza di elementi contaminanti

Dettagli

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave è un sistema per dare pressione a un impianto idrico

Dettagli

02 Componenti per impianti solari pag.

02 Componenti per impianti solari pag. 02 02 Componenti per impianti solari pag. Miscelatore termostatico - Valvola di zona deviatrice - Raccordo 3 Pezzi 8 Gruppo solare 9 Valvola sfogo aria - Valvola di sicurezza - Disaeratore 62 Raccorderia

Dettagli

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi

Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Compressori volumetrici a) Compressori alternativi Il parametro fondamentale per la valutazione di un compressore alternativo è l efficienza volumetrica: η v = (Portata volumetrica effettiva) / (Volume

Dettagli

POMPE RISOLVE I PROBLEMI

POMPE RISOLVE I PROBLEMI POMPE RISOLVE I PROBLEMI [130] costruzioni settembre 2008 Aseguito della diffusione dei sistemi nodig di ispezione e manutenzione delle condotte fognarie, si è resa sempre più frequente la necessità del

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

ELEMENTI DI IDROSTATICA IDROSTATICA L'idrostatica (anche detta fluidostatica) è una branca della meccanica dei fluidi che studiailiquidi liquidiin instato statodi diquiete quiete. Grandezze caratteristiche

Dettagli

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria

Movind S.r.l. Macchine speciali e sistemi vibranti per l'industria Impieghi Test di resistenza Collaudo componenti elettronici Simulazione trasporto merci Emulsionamento Agitazione e miscelazione prodotto Compattazione entro stampi Caratteristiche tecniche principali

Dettagli

Impianto idroelettrico

Impianto idroelettrico Opere idrauliche Alberto Berizzi, Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Milano 1 Impianto idroelettrico Permette di sfruttare un salto e una portata per azionare un motore idraulico (turbina),

Dettagli

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo. PALI Si distinguono: 1. pali di piccolo diametro se D/L0,05 Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

Dettagli

Elettropompe per giardino BP 3 Casa. Dati tecnici

Elettropompe per giardino BP 3 Casa. Dati tecnici Elettropompe per giardino BP 3 Casa La potente pompa BP 3 Casa con un contenitore di compensazione della pressione integrato, pompa automaticamente acqua di servizio in tutta la casa. Nr. cod.: 1.645-365.0

Dettagli

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 4 Versioni : standard, portatile, automatica e Hydromini 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 4 Versioni : standard, portatile, automatica e Hydromini 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI CAMPO DI IMPIEGO Portata fino a: 5 m 3 /h Prevalenza fino a: 50 mc.a. Pressione d esercizio: 6 bar Temperatura fluido max: + 35 C Temperatura ambiente max: + 40 C DN Attacchi: G1 Altezza d aspirazione

Dettagli

RISCHI IGIENICO SANITARI NELLE PISCINE : NUOVE PROSPETTIVE E CRITICITA

RISCHI IGIENICO SANITARI NELLE PISCINE : NUOVE PROSPETTIVE E CRITICITA RISCHI IGIENICO SANITARI NELLE PISCINE : NUOVE PROSPETTIVE E CRITICITA 9-10 OTTOBRE 2014 FORO ITALICO ROMA I.S.S. Gli impianti di trattamento dell acqua Colaiacomo geom. Maurizio Federazione Italiana Nuoto

Dettagli

Indice. 8 novembre 2015. 1 La similitudine idraulica per le pompe 2. 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3

Indice. 8 novembre 2015. 1 La similitudine idraulica per le pompe 2. 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3 8 novembre 2015 Indice 1 La similitudine idraulica per le pompe 2 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3 3 Pompe inserite in un impianto Esercizi 5 1 1 La similitudine idraulica per le pompe L applicazione

Dettagli

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA

2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare di gara 2. RELAZIONI TECNICHE SPECIALISTICHE 2.7 RELAZIONE IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE DI PISCINA Pagina 1 DEFINITIVO di cui al punto10.1.c) del disciplinare

Dettagli

I Applicazione. I Principio di funzionamento. I Disegno e caratteristiche. I Materiali

I Applicazione. I Principio di funzionamento. I Disegno e caratteristiche. I Materiali I Applicazione La gamma dei Dissolutori Triblender si utilizza per la dissoluzione di solidi nei liquidi. Offrono una soluzione ideale nell'industria alimentare per la ricostituzione di latte in polvere,

Dettagli

Prese d aria supersoniche [1-14]

Prese d aria supersoniche [1-14] Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale Insegnamento di Propulsione Aerospaziale Anno accademico 2011/12 Capitolo 4 sezione a2 Prese d aria supersoniche

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

Amplificatori Audio di Potenza

Amplificatori Audio di Potenza Amplificatori Audio di Potenza Un amplificatore, semplificando al massimo, può essere visto come un oggetto in grado di aumentare il livello di un segnale. Ha quindi, generalmente, due porte: un ingresso

Dettagli