Cosa propone un operatore pubblico: IL QUOZIENTE PARMA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa propone un operatore pubblico: IL QUOZIENTE PARMA"

Transcript

1 CONVEGNO Torino, 12 Febbraio 2011 COMUNI A MISURA DI FAMIGLIA Sindaci, Assessori, Esperti,Associazioni, Famiglie insieme per un fisco più solidale Cosa propone un operatore pubblico: IL QUOZIENTE PARMA A cura di Cecilia Maria Greci Delegata del Sindaco all Agenzia per la Famiglia del Comune di Parma 1

2 Comune di Parma Agenzia per la Famiglia Questo è il nostro progetto: INSIEME PER UNA CITTA A MISURA DI FAMIGLIA Un percorso condiviso da famiglie e cittadini con la collaborazione di un intera città. 2

3 A PARMA SIAMO COSI : POPOLAZIONE RESIDENTE AL 31 DICEMBRE MASCHI FEMMINE STRANIERI ,9 % 3

4 IN GIUNTA SIAMO COSI : Sindaco Vice Sindaco 13 Assessori Assessorati 4 Delegati del Sindaco Agenti Agenzie tra queste, da luglio 2007 L AGENZIA PER LA FAMIGLIA la prima in Italia

5 ma la nostra storia, come tutte le storie belle, inizia tanto tempo fa Era il 2004, quando + Sindaco Presidente del Forum del Comune di Parma delle Associazioni Familiari PROTOCOLLO DI INTESA E CONSULTA COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI e arriva il Un nuovo Sindaco per Parma Un nuovo Presidente per il Forum UN NUOVO ACCORDO E UN NUOVO SPAZIO DI COLLABORAZIONE, L AGENZIA PER LA FAMIGLIA e così, insieme

6 abbiamo scelto di: promuovere la Famiglia come risorsa responsabile far crescere l Associazionismo Familiare lavorare assieme in una prospettiva trasversale, con gli Assessorati e le Agenzie portare innovazione attraverso la valorizzazione dell esistente svolgere un ruolo di governance rispetto alle forze sociali ed economiche del territorio avere al nostro fianco quattro partners: Comitato Scientifico ( CSWF) Forum delle Associazioni Familiari Consulta Comunale delle Associazioni Familiari Forum Solidarietà (Centro Servizi per il Volontariato di Parma) governance, sussidiarietà, responsabilità sociale, nel 2007, alla città abbiamo iniziato a spiegarle così 6

7 1. con una proposta concreta di partecipazione Un Progetto per TUTTI. Un Progetto di comunità per scoprire la bellezza di pensare, stare e fare INSIEME Prima occasione per l intera città di mettersi in rete a fianco dell Agenzia per la Famiglia, partecipando una proposta, educativa, sussidiaria, di solidarietà. 7 insieme abbiamo dato vita a

8 tre mostre interattive per parlare a grandi e piccoli di diritti e valori Pinocchio nel Paese dei Diritti Piccolo Principe, dove sei? per fare esperienza di Momo, non ho tempo! AMICIZIA ACCOGLIENZA SERVIZIO DONO VALORE DELLE RELAZIONI IMPORTANZA DEI LEGAMI FAMILIARI DIRITTI DELL INFANZIA SOLIDARIETA DIALOGO VALORE DEL TEMPO e abbiamo scoperto che solo insieme si fanno cose grandi!! 8

9 e per mettere la famiglia al centro delle scelte amministrative, ci siamo mossi così 2.LA FAMIGLIA AL CENTRO DEL WELFARE DI COMUNITA Percorso formativo per la Giunta Comunale: temi, Famiglia e Sussidiarietà, Famiglia e Lavoro, la conciliazione dei tempi famiglia/ lavoro/ città. (Nov Mar.2008.) Docenti: Francesco Belletti, Riccardo Prandini, Giovanni Daverio. Documento Linee di Indirizzo Parma una città a misura di Famiglia: la famiglia al centro del Welfare di Comunità, approvato all unanimità in Consiglio Comunale. (Del. C.C. 20 Nov.2008). Convegno La sfida di una città a misura di Famiglia, politiche locali e welfare sussidiario (Parma, 21 Nov. 2008). Percorso formativo per dirigenti L azione istituzionale per la qualità del welfare comunitario: la famiglia al centro, (Apr. - Giu. 2010). Docenti: Pierpaolo Donati, Luigi Campiglio, Giulio Salerno, Francesco Belletti. Percorsi formativi / informativi rivolti ai dipendenti dell Amministrazione Comunale sui progetti dell Agenzia. e ora lavoriamo seguendo il nostro manuale di bordo 9

10 le Linee di Indirizzo Parma una città a misura di Famiglia: La Famiglia al centro del Welfare di Comunità Il documento propone una prospettiva culturale e operativa innovativa di medio-lungo periodo per orientare le politiche del Comune di Parma e realizzare UN WELFARE SUSSIDIARIO LOCALE A MISURA DI FAMIGLIA. 10

11 la nostra scelta strategica e innovativa ASSUMERE LA FAMIGLIA come [ PRISMA INTERPRETATIVO PER LEGGERE OGNI AMBITO DI VITA DELLA COMUNITÀ [ PARTNER PROGETTUALE NELLO SVILUPPO DI POLITICHE COMUNALI A MISURA DI FAMIGLIA [ SOGGETTO ATTIVO, RISORSA 11

12 e ora i nostri lavori in corso per [SOSTENERE LA NATALITA [PROMUOVERE EQUITÀ FISCALE [QUALIFICARE IL TEMPO DELLE FAMIGLIE [ TANTO ALTRO ANCORA buone politiche comunali a misura di Famiglia 12

13 prima però alcuni dati Dall analisi statistica sulla popolazione di Parma Serie storica della popolazione residente a Parma SERIE STORICA POPOLAZIONE RESIDENTE

14 Dall analisi statistica sulla popolazione di Parma Indicatore: indice di natalità ( rapporto tra il numero di nati nell anno ed il totale della popolazione residente moltiplicato per 1000 ) 10,00 9,50 9,00 8,50 8,00 7,50 7, tasso di natalità Tasso di natalità nell anno 2010 A Parma 9,60 In Italia 9,20 14

15 Dall analisi statistica sulla popolazione di Parma Numerosità famiglie con figli Famiglie con figli Totale famiglie con 3 o più figli Famiglie con 3 o più figli <26 anni Totale famiglie con 2 figli Famiglie con 2 figli <26 anni Totale famiglie con 1 figlio Famiglie con 1figlio <26 anni Totale famiglie con figli Totale famiglie con figli <26 anni Numero medio figli per donna nell anno 2010 A Parma 1,41 In Italia 1,40 In Francia > 2,02 15

16 Dall analisi statistica sulla popolazione di Parma Popolazione residente (anno 2010) PIRAMIDE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE ANNO 2010 Classi di età > M F

17 e queste sono le Azioni progettuali dell Agenzia per la Famiglia 1.PER EDUCARE UN FANCIULLO SERVE UN INTERO VILLAGGIO 2.LA FAMIGLIA AL CENTRO DEL WELFARE DI COMUNITA 3.LABORATORI: FAMIGLIA, COMPITI, GIOCO 4.PARMA FAMILY CARD 5.FAMILY FRIENDLY 6.TARIFFE E FISCALITA / QUOZIENTE PARMA 7.CONCILIAZIONE DEI TEMPI FAMIGLIA-LAVORO-CITTA 8.COMUNICAZIONE /INFORMAZIONE /PARTECIPAZIONE 9.NETWORK ITALIANO E NETWORK EUROPEO DI CITTA PER LA FAMIGLIA 10.PARMA CITTA EDUCANTE 17

18 3. LABORATORIO FAMIGLIA Il Laboratorio Famiglia è un luogo informale, dove le famiglie hanno l opportunità di incontrarsi, conoscersi, sostenersi e insieme far crescere amicizia, solidarietà, reciprocità, ben-essere. 18

19 Il laboratorio Famiglia è coordinato dalla Consulta Comunale delle Associazioni Famigliari in collaborazione con l Agenzia per la Famiglia del Comune di Parma. 19

20 Le attività proposte hanno lo scopo di promuovere le relazioni, i percorsi di integrazione, i processi di mutuo-aiuto tra persone, famiglie, generazioni diverse, favorendo il protagonismo di tutti, lo scambio di conoscenze ed abilità, la condivisione di bisogni e fatiche, risorse ed energie. 20

21 A tutti e in qualsiasi momento è possibile partecipare e portare il proprio contributo: 21

22 le attività hanno programmazione trimestrale e sono aperte alla collaborazione di cittadini, associazioni, imprese, istituzioni e realtà dei Quartieri. 22

23 Insieme, con piccoli gesti, si possono mettere in moto energie positive e dar vita ad una rete forte, sicura ed accogliente, garanzia di un futuro più sereno per tutti. 23

24 LABORATORIO FAMIGLIA Obiettivi Azioni progettuali Partners Luoghi [ FARE COMUNITÀ, favorendo le relazioni di prossimità, rendendo famiglie e associazioni nella realtà di quartieri, attivamente partecipi. [ Promuovere il ben-essere delle famiglie, favorendo l INTEGRAZIONE, la COESIONE e la solidarietà. [ Creare LUOGHI di INCONTRO, spazi aperti alle famiglie e ai cittadini, gestiti da associazioni familiari della Consulta [ Sviluppare attività e OCCASIONI di INCONTRO, di SCAMBIO, di ACCOGLIENZA [ Programmare e organizzare LABORATORI di creatività, di arte, momenti informali, serate tematiche. [ Consulta comunale delle Associazioni Familiari [ Forum delle Associazioni Familiari [ Forum Solidarietà (Centro servizi per il volontariato) [ Laboratorio Famiglia in Oltretorrente, inaugurato il 4 Aprile 2009 [ Laboratorio Famiglia al Portico, inaugurato il 5 Aprile 2009 [ Laboratorio S. Martino, inaugurato il 2 ottobre

25 6.TARIFFE E FISCALITÀPER UN EQUA APPLICAZIONE FAMILIARE ANNO 2008 Obiettivi Azioni progettuali in campo dal 2008 Destinatari [ Rafforzare, con misure economiche più eque, la capacità delle famiglie di espletare al meglio le proprie funzioni alla cura, all educazione, al sostegno, all accoglienza. Agevolazioni per famiglie affidatarie e famiglie numerose (agevolazioni per il trasporto pubblico e per la frequenza ai servizi per l infanzia, la scuola e l extrascuola) Abbattimento dell Irpef locale Modificazioni e Integrazioni al regolamento per l applicazione della Tariffa Rifiuti (TIA Tariffa Igiene ambientale) E stato costituito un tavolo tariffe per l elaborazione di un quoziente Parma [ Famiglie con figli 25

26 6. QUOZIENTE PARMA Anno 2009/2010 Descrizione Motivazioni Tavolo Tariffe [ Elaborazione di un Quoziente Parma per rendere più eque ed omogenee le tariffe del Comune di Parma, rafforzando la capacità economica delle famiglie. [ Studi avviati per prima applicazione: politiche educative NIDI D INFANZIA politiche sociali SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE [ Riconoscimento della Famiglia e del suo valore sociale [ I carichi familiari ad oggi non vengono considerati adeguatamente (Ogni figlio riduce la capacità contributiva del 25%). [ Il sistema a scaglioni fa si che ci siano sperequazioni. [ Settori del Comune [ Università di Parma [ Fondazione Forum delle Associazioni Familiari [ Ass.ne Nazionale Famiglie Numerose 26

27 I PRINCIPI DEL QUOZIENTE PARMA Il punto di partenza è il riconoscimento e la promozione della famiglia, come la più grande risorsa vitale della società (luogo della solidarietà, ambiente privilegiato per la nascita e la formazione della persona, etc.). vedi articoli 29, 30 e 31 della Costituzione. Principio del valore dei figli: questi rappresentano il futuro della nostra società, la nuova linfa del nostro Paese, soprattutto alla luce dell inverno demografico in cui stiamo entrando con le inquietanti conseguenze di carattere sociale, previdenziale, economico, e culturale che potrebbero abbinarsi a scenari con bassa natalità. Principio della sussidiarietà: la famiglia rappresenta il soggetto fondamentale anche nel sostenere le condizioni dei propri membri non autosufficienti e/o disabili. Affiancandola con la dovuta attenzione si valorizza e si prolunga l efficacia del suo ruolo. Principio dell uguaglianza: l ISEE dovrebbe misurare la reale capacità economica della famiglia, senza penalizzare quelle con il maggior numero di figli e quelle più esposte nelle responsabilità di cura. Ad oggi, i carichi familiari non vengono considerati adeguatamente.

28 IL PERCORSO PER ARRIVARE AL QUOZIENTE PARMA SETTEMBRE 2008 MAGGIO 2009 GIUGNO 2009 LUGLIO 2009 AGOSTO- SETTEMBRE 2009 OTTOBRE 2009 MARZO 2010 costituito un tavolo Tariffe tecnico-politico composto da: - Amministratori e Dirigenti del Comune di Parma (Settore Famiglia, Settore Economico- Finanziario, Settore Educativo, Settore Welfare, Servizio Disabili) - Rappresentanti della Consulta Comunale delle Associazioni Familiari (Ass.ne Famiglie Numerose) e del Forum delle Ass.ni Familiari (Ass.ne Famiglie Italiane) - Rappresentante del CSWF (Comitato scientifico per un Welfare a misura di Famiglia) - Rappresentanti dell Università di Parma - Facoltà Economia e Commercio Elaborazione proposta Modello Quoziente Parma, quale esito del lavoro del Tavolo Tariffe tecnico-politico Acquisizione del parere della Consulta delle Associazioni familiari e del CSWF (Comitato scientifico per un Welfare a misura di Famiglia) sulla proposta Approvazione in GC del Progetto Definitivo Del. n. 926 del Confronto e negoziazione con le parti sociali Istituzione del Quoziente Parma con approvazione unanime in C.C. Del. n. 120 del Confronto e negoziazione con le parti sociali Approvazione unanime in C.C. del Regolamento Generale Attuativo del Quoziente Parma Del. n. 13 del Approvazione unanime in C.C. della modifica al Regolamento Servizi Educativi Del. n. 14 del

29 QUOZIENTE PARMA [ CAMPIONAMENTO [ SIMULAZIONI (modelli a confronto: ISEE, Forum) [ SISTEMA DI CORREZIONE modifica ISEE a valle Azioni Il Quoziente Parma è la somma dei coefficienti che riconoscono e attribuiscono un valore più equo alla condizione di figli, alla Condizione Lavorativa, alla Disabilità etc. Il Q.P.in valore % rappresenta lo sconto da applicare alla tariffa. [ La nuove modalità di calcolo supera la parametrazione per scaglioni a vantaggio di una CURVA LINEARE più equa 29

30 QUOZIENTE PARMA La curva applicata ai Nidi d Infanzia e ai Servizi Integrativi Caso: famiglia composta da due genitori (lavoratori dipendenti) e figli minori di anni 26 a carico. CONFRONTO fra vecchia e nuova tariffa Risultati Il modello proposto garantisce: equità per le famiglie, promuovendo soprattutto quelle con figli, sostenibilità economica per l Amministrazione Comunale tenuto conto delle risorse messe a bilancio a tal proposito. 30

31 COME SI CALCOLA LA TARIFFA CON IL QUOZIENTE PARMA

32 CRITERI E REQUISITI PER OTTENERE LE TARIFFE CON IL QUOZIENTE PARMA Il possesso dell ISEE; Il possesso della residenza da almeno un anno; Per i Cittadini stranieri il possesso dei documenti di soggiorno secondo la normativa vigente; La necessità che ISEE e Quoziente Parma siano attestati congiuntamente con la stessa durata o se rilasciati in tempi diversi con scadenza identica. 32

33 QUOZIENTE PARMA Tabella di confronto fra Scala di equivalenza ISEE e Quoziente Parma 33

34 QUOZIENTE PARMA 34

35 QUOZIENTE PARMA ESEMPI DI SIMULAZIONI: CONFRONTO TRA TARIFFA NORMA * E TARIFFA PARMA ** RELATIVO AI NIDI D INFANZIA del Comune di Parma * Tariffa Norma = tariffa attuale ** Tariffa Parma = tariffa dopo l applicazione del Quoziente Parma (CON DELIBERA DEL C.C. DEL IL QUOZIENTE PARMA VIENE APPLICATO ALLE TARIFFE COMUNALI PARTENDO DA ALCUNI SERVIZI EDUCATIVI. LA SUA APPLICAZIONE PROSEGUIRA POI AD ALTRI SERVIZI DELL AMMINISTRAZIONE SECONDO INTESE CONCERTATE) 35

36 QUOZIENTE PARMA 36

37 QUOZIENTE PARMA 37

38 QUOZIENTE PARMA 38

39 IMPATTO DEL QUOZIENTE RIFLESSIONI DALLE PRIME APPLICAZIONI CENTRI ESTIVI STANZIATO ANNO ,00 BUONI DI SERVIZIO PER CENTRI ESTIVI ANNO 2010 domande presentate 916 domande accolte 621 di cui: con richiesta QP 330 senza richiesta QP 291 STANZIATO ANNO 2009 BUONI DI SERVIZIO PER CENTRI ESTIVI ANNO 2009 domande presentate domade accolte , dettaglio delle domande accolte Isee fino a 6360,17 e richiesta QP 232 Isee oltre 6360,18 e richiesta QP 98 nessuna richiesta di QP ISEE entro 6.360, nessuna richiesta di QP ISEE oltre 6.360,

40 IMPATTO DEL QUOZIENTE RIFLESSIONI DALLE PRIME APPLICAZIONI SOGGIORNI VACANZA STANZIATO ANNO ,40 SOGGIOR NI VACANZA ANNO 2010 domande presentate 250 domande accolte 205 di cui: con richiesta QP 90 senza richiesta QP 115 STANZIATO ANNO 2009 SOGGIORNI VACANZA 2009 domande presentate domade accolte , dettaglio delle domande accolte Isee fino a 6360,17 e richiesta QP 66 Isee oltre 6360,18 e richiesta QP 24 nessuna richiesta di QP ISEE entro 6.360,17 99 nessuna richiesta di QP ISEE oltre 6.360,

41 LA NATURA DEL QUOZIENTE PARMA COME STRUMENTO PER SOSTENERE LE FAMIGLIE Il collegamento con l applicazione dell ISEE resta, pertanto, elemento essenziale del Quoziente Parma che, senza contraddirne i fondamentali, ne rappresenta solo l ulteriore miglioramento. Il Quoziente Parma può trovare applicazioni ulteriori anche fuori dal campo ISEE, da un lato, quando la famiglia viene considerata per la determinazione di imposte comunali e, dall altro, dove si ritenga di utilizzarlo come criterio di pesatura dei carichi di cura. In questi casi, il Quoziente Parma può operare senza l attestazione dell ISEE rivelando anche una sua funzionalità autonoma.

42 9.IL NETWORK ITALIANO DI CITTÀ PER LA FAMIGLIA Il Network italiano di città per la famiglia ha lo scopo di favorire il mutuo scambio di esperienze tra amministrazioni per progettare azioni di sostegno alla famiglia in ambito locale e delineare prospettive legislative da proporre in ambiti di governo superiore (regionale, nazionale e, nel caso, comunitario), ispirandosi ai suddetti principi e ponendosi gli obiettivi sopra richiamati. Con l adesione al Network, perciò, ciascuna città partecipante dichiara di riconoscersi intorno ai principi ispiratori e di condividere gli obiettivi del Network. Carta del Network, 21 maggio 2010

43 IL NETWORK ITALIANO DI CITTÀ PER LA FAMIGLIA Il Network italiano di Città per la Famiglia nasce il 21 maggio 2010 dalla riflessione di alcuni sindaci sulle nuove responsabilità dei Comuni, protagonisti in ottica sussidiaria della promozione delle politiche familiari. Il network riunisce oggi 54 Comuni oltre ai 4 fondatori ( Parma, Roma, Bari e Varese); decine di altri si sono dichiarati interessati ad aderire. Gli obiettivi del Network sono: Stimolare la condivisione di esperienze locali di politiche a misura di famiglia, promuovendo lo scambio di best practices Proporre occasioni di formazione scientifica per gli amministratori locali dei Comuni aderenti Collaborare con il governo centrale per l elaborazione di una politica nazionale a misura di famiglia.

44 I COMUNI ADERENTI AL NETWORK Alessandria Bra Cuneo Verbania Vercelli Parma Bologna Calestano Corniglio Ferrara Fidenza Neviano degli Arduini Noceto Pellegrino Parmense Polesine Parmense Reggio Emilia Rimini Sassuolo Sissa Solignano Soragna Tizzano Traversetolo Varese Monza Brescia Crema Bergamo Bareggio Monza Imperia Cagliari Lanusei.. Roma Alatri Frosinone Viterbo Catania Trapani Udine Livorno... Padova Schio Rovigo Venezia..... Ancona Ascoli Piceno Barchi Pesaro L Aquila Teramo Campobasso. Bari Andria Barletta Trani Cosenza Reggio Calabria Vibo Valentia.Comuni fondatori

45 COME ADERIRE AL NETWORK L adesione al Network avviene tramite il sito del Network, all indirizzo dove è possibile scaricare l Atto costititutivo e la Carta dei Valori del Network. Nella sezione Network, alla voce come aderire è disponibile il modulo di adesione, che deve essere inviato ( via mail o via posta) alla Segreteria organizzativa dopo la firma del Sindaco che dichiara la volontà di adesione al Network. Un referente interno designato dall Amministrazione si interfaccerà con il Network, come stabilito al punto 4 dell Atto Costitutivo (è necessario indicarne i riferimenti alla Segreteria Organizzativa). Ogni Comune aderente potrà pubblicare il logo del Network nella homepage del proprio sito istituzionale, dichiarando il proprio impegno e contribuendo così alla promozione del Network tramite un link alla pagina

46 IL NETWORK ON-LINE Oltre alla parte pubblica del sito, ogni città aderente al Network possiede le credenziali di accesso alla parte riservata dove scambiare i documenti relativi alle best practices. Sul sito, ogni Comune aderente o interessato può trovare: - Le informazioni riguardanti il Network e i Comuni già aderenti - Le News riguardanti il Network e i principali appuntamenti in programma -Alcuni spunti tematici relativi ai temi di famiglia, fisco e welfare -Le informazioni riguardanti il Network europeo delle Città per la famiglia

47 A VOI TUTTI, GRAZIE! 47

PRINCIPI, CRITERI ED ESITI DEL QUOZIENTE PARMA

PRINCIPI, CRITERI ED ESITI DEL QUOZIENTE PARMA CONVEGNO NAZIONALE Roma, 20 OTTOBRE 2010 LA CENTRALITA DELLA FAMIGLIA: CONTRATTAZIONE SOCIALE E RIFORMA FISCALE PRINCIPI, CRITERI ED ESITI DEL QUOZIENTE PARMA A cura di Cecilia Maria Greci Delegata del

Dettagli

COMUNE DI PARMA Agenzia per la Famiglia

COMUNE DI PARMA Agenzia per la Famiglia COMUNE DI PARMA Agenzia per la Famiglia INSIEME PER UNA CITTÀ A MISURA DI FAMIGLIA L Agenzia per la Famiglia del Comune di Parma, fortemente chiesta dalle Associazioni Familiari, nasce nel luglio 2007

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Provincia di Pordenone

Provincia di Pordenone REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI Regolamento Forum delle Fattorie Sociali della Provincia di Pordenone Art. 1 1. Con la finalità di sviluppare

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti

GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti Convenzione di Sovvenzione n. 2011/FEI/PROG-100781 CUP B53I12000030003 GLI IMMIGRATI IN PROVINCIA DI CREMONA Contesto, azioni, progetti CORRELARE: partnership ed esiti del progetto Rosita Viola Provincia

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare Nello scenario peggiore tutti i prodotti immobiliari fruttano il doppio dei Btp a 10 anni (2%) In Italia l investimento in immobili è sempre più

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 42 del 3 dicembre 2010 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e Forum Toscano delle Associazioni per i diritti della Famiglia -

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: i Comuni di Parma, Bari, Roma e Varese hanno proposto una piattaforma progettuale tra Città che scelgono di porre la famiglia al centro della propria azione amministrativa,

Dettagli

Gian Franco Giannini Guazzugli

Gian Franco Giannini Guazzugli SENATO DELLA REPUBBLICA 7ª COMMISSIONE ISTRUZIONE PUBBLICA E BENI CULTURALI Disegno di legge AS 1196 Norme per l'educazione alla Cittadinanza economica Intervento del Vice Presidente di ANASF Gian Franco

Dettagli

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato

Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Regolamento Consulta Comunale dell Associazionismo e del Volontariato Premessa Il Comune di Monte Urano riconosce, nelle numerose Associazioni e organismi di volontariato che senza fini di lucro operano

Dettagli

Programma Ore Preziose

Programma Ore Preziose Programma Ore Preziose Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale Servizio della Programmazione Sociale e dei Supporti alla Direzione Generale Cagliari, 9 marzo 2009 LA CONCILIAZIONE Conciliare

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato LIVIA TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3047 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato LIVIA TURCO Norme per la promozione della partecipazione dei giovani immigrati al servizio

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

GOVERNANCE DEL MONITORAGGIO: CHI PRODUCE INFORMAZIONI, CHI LE RICEVE, A COSA SERVONO. L esperienza di cooperazione del terzo settore

GOVERNANCE DEL MONITORAGGIO: CHI PRODUCE INFORMAZIONI, CHI LE RICEVE, A COSA SERVONO. L esperienza di cooperazione del terzo settore GOVERNANCE DEL MONITORAGGIO: CHI PRODUCE INFORMAZIONI, CHI LE RICEVE, A COSA SERVONO L esperienza di cooperazione del terzo settore Fondazione Paideia FONDAZIONE PAIDEIA - CHI SIAMO L attività operativa

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI REGIONE ABRUZZO Abruzzo SI SI NO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI SI NO SI Teramo SI SI DATI MARZO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI PARZIALI NO

Dettagli

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza La Festa dell Albero Festa dell Albero è la campagna di Legambiente per la tutela del verde e del territorio che quest anno si realizza nell ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, finalmente istituita

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 172/2009 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno Lunedì 23 del mese di Febbraio dell' anno 2009 si è riunita nella residenza di via Aldo Moro, 52 BOLOGNA la Giunta regionale con l'intervento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive

Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Nuove forme per l accoglienza familiare Firenze, 6 marzo 2013 Centro affidi e Centro adozioni: esperienze e prospettive Dott.ssa Sandra Di Rocco Responsabile P.O. Interventi per Minori e Famiglia del Comune

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO

LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO FEDERCONSUMATORI NAZIONALE C.R.E.E.F. - Centro Ricerche Economiche Educazione e Formazione LA TARIFFA SOCIALE NEL SERVIZIO IDRICO Mauro Zanini Federconsumatori Milano 13 Dicembre 2013 1 FEDERCONSUMATORI

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture Protocollo d intesa tra Amministrazione Provinciale di Modena Comune di Modena Associazione Servizi per il Volontariato Modena Associazione Casa delle Culture di Modena per la realizzazione del progetto

Dettagli

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA

IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA Progetto di gemellaggio Agire POR PON Governance e Assistenza Tecnica 2007-2013 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO REGIONEPUGLIA IL MODELLO DEL DISTRETTO FAMIGLIA Bari 25 settembre 2012 AGIRE POR - PROGETTO

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Alleanza contro la povertà

Alleanza contro la povertà Documento costitutivo della Alleanza contro la povertà - Tavolo regionale della Sardegna Le articolazioni regionali della Sardegna delle organizzazioni nazionali che aderiscono all Alleanza contro la povertà

Dettagli

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE.

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. TAGLIANDO DEL 30% I COSTI DELLA POLITICA DEI COMUNI SI TROVEREBBERO RISORSE PER 900 MILIONI PER ATTENUARE IL CARICO FISCALE PER LAVORATORI

Dettagli

CARTA DEI PRINCIPI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA

CARTA DEI PRINCIPI PER IL SOSTEGNO A DISTANZA ForumSaD Forum Permanente per il Sostegno a Distanza Onlus Segreteria: c/o Re Orient - Xa Me Vicolo Scavolino 61 00187 Roma Telefono 06.69759467 fax 06.69921981; e-mail: segreteria@forumsad.it C.F. 97351760588

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA 1 Gruppo di lavoro n.6 Famiglia ed Immigrazione Il gruppo di lavoro assegnatario del tema famiglia ed immigrazione si è riunito per due volte, in data 24 maggio ed

Dettagli

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Tel. 0392807521 0392807511 Gli under 30 italiani e la qualità della vita per provincia A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Nel capoluogo ligure gli under 30 hanno più opportunità a livello lavorativo e più

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore Ruolo, caratteristiche, criticità 1 La definizione Terzo Settore nasce per identificare tutto ciò che non appartiene né al Primo settore, ossia alla sfera pubblica (stato, regioni, enti locali, altri enti)

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: "MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E.

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: "MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E.A. DELLA PROVINCIA DI ROVIGO E IL POTENZIAMENTO DELLA

Dettagli

A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO

A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO TRA ACCONTI E SALDI SI PAGHERANNO 97 EURO MEDI CON PUNTE DI 139

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

GIOCARESPONSABILE. Un anno di attività. 1 novembre 2009-31 ottobre 2010. Umbertide, 4 dicembre 2010. Progetto sostenuto da

GIOCARESPONSABILE. Un anno di attività. 1 novembre 2009-31 ottobre 2010. Umbertide, 4 dicembre 2010. Progetto sostenuto da GIOCARESPONSABILE Un anno di attività 1 novembre 2009-31 ottobre 2010 Umbertide, 4 dicembre 2010 Progetto sostenuto da Mission Aumentare la consapevolezza del giocatore sui fattori di rischio eventualmente

Dettagli

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto:

Approvato con Deliberazione di G.P. n. 293 del 29/11/2005. Visto: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA PROVINCIA DI RIMINI, L AZIENDA USL, DELEGATA ALLA GESTIONE DELLE FUNZIONI IN MATERIA DI MINORI, E GLI ENTI AUTORIZZATI PER L ATTIVITA RELATIVA ALL ADOZIONE INTERNAZIONALE Approvato

Dettagli

La città e gli studenti

La città e gli studenti La città e gli studenti S E S S I O N E T E M A T I C A 4 CO- C H A I R S P R O F. M I C H E L E B U G L I E S I R E T T O R E U N I V E R S I T À C À F O S C A R I, V E N E Z I A M A R Z I A F O R O N

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia IX LEGISLATURA - ATTI CONSILIARI - PROGETTI DI LEGGE E RELAZIONI PROPOSTA DI LEGGE N. 12 Presentata dai Consiglieri Ritossa, Di Natale Presentata

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

Relatore: Paula Eleta

Relatore: Paula Eleta A scuola nessuno è straniero Firenze, 30 settembre 2011 Sessione: L integrazione comincia dai più piccoli Una scuola aperta che guarda al futuro Percorsi interculturali e di integrazione presso le Scuole

Dettagli

per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009

per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009 Bando di concorso per l assegnazione del premio Made NEW in Italy 2009 1. COS È Made NEW in Italy? Il Premio Made NEW in Italy, promosso dal Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI

ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI ASILI NIDO E OPPORTUNITA' REGIONALI A cura della Commissione Provinciale Pari Opportunità 17 maggio 2012 Le politiche di Le politiche per la rappresentano un importante fattore di innovazione dei modelli

Dettagli

PROTOTOLLO D INTESA FRA

PROTOTOLLO D INTESA FRA RGION PUGLIA MIUR PROTOTOLLO D INTSA FRA RGION PUGLIA UFFICIO SCOLASTICO RGIONAL PR LA PUGLIA CNTRO SRVIZI VOLONTARIATO NT PUGLIA 1/5 PROTOCOLLO DI INTSA TRA LA RGION PUGLIA ASSSSORATO AL WLFAR L UFFICIO

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS

Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS Formazione e sviluppo della professionalità attraverso i network scientifici. L esperienza dell ALASS Docente di diritto amministrativo e Legislazione sanitaria Monica De Angelis Presidente Membro del

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1

18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Comune di Beinasco Comune di Bruino 18 febbraio 2015 Xkè? il laboratorio della curiosità Torino, Via Gaudenzio Ferrari 1 Oltre i campi 0/6 CIdiS 1 Premessa Allo scopo di fornire un contributo, che auspichiamo

Dettagli

L Associazione Scientifica per la Promozione dell Invecchiamento Attivo e le Cure Integrate P.I.A.C.I. Programma

L Associazione Scientifica per la Promozione dell Invecchiamento Attivo e le Cure Integrate P.I.A.C.I. Programma L Associazione Scientifica per la Promozione dell Invecchiamento Attivo e le Cure Integrate P.I.A.C.I organizza 8 Corso per Assistenti Sociali LA CAPACITÀ TRASFORMATIVA DELL ASSISTENTE SOCIALE NEL LAVORO

Dettagli

Università e Ricerca, confermata dal Dirigente dell Ufficio riferisce quanto segue: A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge,

Università e Ricerca, confermata dal Dirigente dell Ufficio riferisce quanto segue: A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge, 15482 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 25-05-2011 A voti unanimi e palesi espressi nei modi di legge, DELIBERA - DI FARE PROPRIA la relazione dell Assessore alla Qualità del Territorio,

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

MIUR Regione Puglia Centro Servizi Volontariato Puglia net. Direzione Generale per gli Affari Internazionali PROTOCOLLO D INTESA 1/9

MIUR Regione Puglia Centro Servizi Volontariato Puglia net. Direzione Generale per gli Affari Internazionali PROTOCOLLO D INTESA 1/9 PROTOCOLLO D INTESA 1/9 PROTOCOLLO D INTESA tra Ministero dell Istruzione, Università, Ricerca Affari Internazionali dell Istruzione Scolastica, con sede a Roma, Viale Trastevere, 76, rappresentato da

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012

Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012 Deliberazione Giunta Esecutiva n. 34 del 24/09/2012 Oggetto: Approvazione Protocollo di Intesa tra Centro Affidi Comune di Firenze e il Coordinamento UBI MINOR Coordinamento Associativo per la tutela e

Dettagli

DGR 2889 DD. 26.9.2003

DGR 2889 DD. 26.9.2003 DGR 2889 DD. 26.9.2003 VISTO il documento di indirizzo programmatico per l anno 2003 predisposto, ai sensi dell art. 6 della L.R. 27 marzo 1996, n. 18 e successive modificazioni ed integrazioni, dalla

Dettagli

PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI

PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI PROGETTO RE.CA. - RETI CAPACI "Sistema di Giustizia Minorile Child Friendly" CUP J89B14000720007 CIG 57813221D7 Fondo Europeo per l'integrazione dei cittadini di Paesi terzi 2007-2013 Annualità 2013 Azione

Dettagli

Cari sindaci, volete farvi adottare da noi?

Cari sindaci, volete farvi adottare da noi? Coordinatori provincia di : Nicola Berti e Susanna Schiavon Via De Claricini, 3 35128 Elezioni Amministrative 2009 Cari sindaci, volete farvi adottare da noi? Il programma elettorale delle Famiglie Numerose

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 32 in data 29/07/2014 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: DISTRETTO 33: UN PROGETTO PER IL 2015 - PATROCINIO

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI FONDO CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO I progetti della cooperazione 16 Maggio 2012 - ore 9..00 Palazzo Cisterna Sala Consiglieri Via Maria Vittoria 12 - Torino QUALI PROGETTI E QUALI RISULTATI

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Settore non profit Attività del Cndcec

Settore non profit Attività del Cndcec Settore non profit Attività del Cndcec Domenico Piccolo Consigliere Nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili con delega all area Settore non profit Bergamo, 28 giugno 2011 1 Articolazione

Dettagli