Il trasporto dei solidi per brevi distanze rappresenta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il trasporto dei solidi per brevi distanze rappresenta"

Transcript

1 PROGETTAZIONE, COSTRUZIONE & INSTALLAZIONE Trasporto a umido dei solidi mediante pompe sommergibili Analisi della potenziale utilità delle pompe sommergibili, in diverse tipologie di applicazioni industriali Z. Czarnota, M. Fahlgren, ITT Flygt, Svezia M. Grainger, ITT Flygt, Australia Il trasporto dei solidi per brevi distanze rappresenta un fattore importante per l operatività di miniere, impianti di processo dei minerali, centrali termoelettriche alimentate a carbone e altri settori industriali di lavorazione dei minerali. In questi processi il trattamento e il trasporto a umido sono spesso vantaggiosi in quanto risultano più efficienti e meno impegnativi dal punto di vista lavorativo. Questi vantaggi possono però venire offuscati dalle difficoltà generate da questo tipo di trattamento: pozzi pieni di solidi, tubazioni intasate, pompe bloccate ed esondazioni sono fenomeni che si verificano in sistemi non progettati per far fronte agli speciali requisiti del trasporto combinato di liquidi e di solidi. Le conseguenze di questi fenomeni spaziano dal danneggiamento in parte o per intero del sistema che può comportare l interruzione del ciclo operativo degli impianti al semplice verificarsi di interruzioni più o meno costose; in ogni caso gli interventi di ripristino richiedono l impiego di personale dell impianto in operazioni lunghe e improduttive, almeno a livello di resa dell impianto. Diventa quindi fondamentale prevenire l insorgere di questi problemi, anche perché i rischi e le esperienze negative limitano oggettivamente la diffusione delle tecniche di trasporto a umido nonostante i loro evidenti vantaggi. Le pompe sommergibili sono potenzialmente utili per il trasporto e il trattamento a umido dei solidi in applicazioni industriali per vari motivi. Sono compatte, autonome e facili da installare. Possono essere facilmente spostate in un altro punto dell impianto o della miniera e quindi svolgere una quantità di compiti. E poiché sono pienamente sommergibili possono essere installate in fondo a un pozzo, migliorando l assorbimento dei solidi ed eliminando di conseguenza la necessità di rimuovere manualmente i solidi depositati. L uso di pompe sommergibili consente inoltre di realizzare dei pozzi più profondi, contribuendo a prevenire le tracimazioni o le vere e proprie inondazioni degli impianti. Dato che la pompa può essere interamente installata all interno del pozzo, l imboccatura può essere chiusa liberando spazio per altri usi. Questi vantaggi delle pompe sommergibili sono noti da anni, ma di recente queste macchine sono state ulteriormente perfezionate per il convogliamento di liquidi con alte percentuali di solidi sospesi. I problemi più sentiti riguardo il convogliamento di questi tipi di liquidi spaziano dalle modalità di aspirazione alla possibile riduzione delle prestazioni della pompa, senza dimenticare l aumento delle perdite di carico che questi liquidi generano in un sistema di tubazioni. Si tratta di problemi che, unitamente ad altri, vanno considerati nella progettazione di un sistema efficace e affidabile per il trasporto a umido dei solidi. Inoltre il pozzo va progettato in modo particolare per poter raccogliere i solidi e facilitarne la sospensione ai fini del pompaggio. Per la sospensione dei solidi possono rendersi necessari degli agitatori e dei miscelatori. La pompa e il sistema di tubazioni devono operare in buona armonia per fornire un trasporto a buon rendimento energetico e per eliminare il rischio di intasamento delle tubazioni. Questi compiti richiedono un ampia conoscenza della tecnologia di convogliamento dei fanghi, dei macchinari e delle attrezzature necessarie. Tecnologia delle pompe Qualunque tipo di solidi convogliato per mezzo di pompe centrifughe sotto forme di miscela liquido-solidi può influenzare negativamente le prestazioni della pompa. Questo fenomeno, conosciuto con il nome di «effetto solidi», riduce la prevalenza sviluppata dalla pompa e ne limita il rendimento. Dato che la densità del fluido è superiore a quella dell acqua, la potenza richiesta al motore per convogliare la miscela è maggiore in modo più o meno proporzionale alla densità. L effetto dei solidi sulle prestazioni della pompa viene schematicamente mostrato in fig. 1. Il grafico, mostra la riduzione della prevalenza e del rendimento di una pompa centrifuga, che funziona a velocità rotazionale costante dovuta alla presenza di solidi nel liquido. Al momento, l analisi del modo in cui questi solidi influenzano le prestazioni di una pompa non è sviluppata quanto l analisi sul modo in cui i solidi influenzano il flusso nelle tubazioni. Quest ultimo argomento è stato studiato in modo più diffuso (p.es. Wilson MANUTENZIONE, Tecnica e Management / APRILE

2 P [kw] η [-] H [m con fanghi] P w η w P m η m Pompaggio fanghi Pompaggio acqua pulita P w = Potenza assorbita con acqua P m = Potenza assorbita con fanghi η w = Rendimento della pompa con acqua η m = Rendimento della pompa con fanghi Prevalenza Curva della pompa Curva di sistema H w H m H w = Prevalenza con acqua H m = Prevalenza con fanghi Acqua pulita Fanghi Portata Fig. 1. Effetto dei fanghi sulle prestazioni della pompa e altri, 1992, Blythe, 1995). A confronto l influenza dei solidi sulle pompe centrifughe è poco conosciuta, specialmente sulle pompe con giranti di diametro inferiore a 0,3 metri. Inoltre, solo uno dei pochi studi disponibili è basato su dati riguardanti le pompe sommergibili (Grainger, 1995). Allo scopo di calcolare il punto d esercizio di una particolare applicazione è necessario individuare il punto d intersezione tra la curva di funzionamento della pompa e le curve del sistema di tubazioni. Dato che i fanghi tendono a influenzare negativamente sia le prestazioni della pompa che il flusso nelle tubazioni, la curva della pompa e quella del sistema cambieranno e il punto d esercizio dell applicazione cambierà come mostrato in fig. 2. Un accurata predizione dell effetto dei solidi su entrambi i componenti del sistema si rende dunque necessaria per stabilire il nuovo punto d esercizio ed evitare l insorgere di problemi come il blocco della pompa e delle tubazioni. Per quantificare l effetto dei solidi su una pompa e su un sistema di tubazioni in modo da calcolare il punto d esercizio è necessario calcolare la riduzione delle prestazioni della pompa per vari tipi di fanghi. Uno dei primi studi, il più influente, è quello di McElvain (1974), che ha utilizzato dati sperimentali ottenuti con giranti di diametro inferiore a 0,35 m. e varie concentrazioni di solidi per due tipi di silice e un tipo di minerale pesante. La sua serie di curve sulla riduzione delle prestazioni dovuta all effetto solidi pone in relazione il diametro medio delle particelle e il peso specifico dei solidi con un fattore di riduzione K. McElvain scoprì che il fattore di riduzione della prevalenza (RH) e il fattore di riduzione del rendimento (Rh) sono quasi uguali per le pompe centrifughe e che sono direttamente proporzionali alla concentrazione volumetrica dei solidi. Pertanto: C v R H = R n = K (2.1) 0,2 RH e Rn sono definiti come segue: R H = 1 H m / H w (2.2) R n = 1 N m / N w (2.3) Con le variabili definite in fig. 1. Dato che le diverse progettazioni delle pompe mostrano prestazioni caratteristiche diverse, il loro comportamento con i fanghi sarà Fig. 2. Intersezione delle curve della pompa e del sistema per acqua pulita e per fanghi diverso. Ricerche più recenti riguardo l effetto dei solidi sulle prestazioni delle pompe svolte da Grainger (1995), Sellgren e Addie (1993) e Warman International (1993) utilizzano dati ottenuti con pompe centrifughe dotate di giranti simili ma con progettazioni idrauliche diverse. La ricerca di Grainger comprende i dati di una pompa per fanghi ITT Flyght H5540 con girante chiusa a 3 pale di diametro pari a 0,25 m. I risultati sono stati confrontati con le curve di riduzione di McElvain per la sabbia (fig. 3). Grainger scoprì che il calo del rendimento è inferiore al calo della prevalenza, per cui K n < K h. Nel complesso i risultati delle pompe ITT Flygt sono migliori di quelli ottenuti con altre ricerche, come mostrato in fig. 3. La riduzione delle prevalenze equivale più o meno alla riduzione calcolata da Sellgren e Addie, e queste sono, a loro volta, inferiori a quelle calcolate da Warman International e da McElvain. I rendimenti delle pompe ITT Flygt non si riducono quanto quelli calcolati nello studio di Selgren e Addie e la riduzione si dimezza rispetto a quella calcolata da McElvain. La fig. 3 indica che le differenze di rendimento e di prevalenza per giranti di diametro simile possono essere notevoli. Il fattore più importante tra le varie cause è senza dubbio la progettazione della girante. L energia cinetica acquisita dai solidi nella girante non viene convertita in pressione con la stessa prontezza di quanto accade con i fluidi. Pertanto la progettazione più efficiente per la girante di una pompa per fanghi è quella in cui l accellerazione della miscela nella girante è bassa. Questo fenomeno può essere dimostrato tramite una semplice applicazione dell equazione di Euler. Per giranti di diametro uguale che funzionano alla stessa velocità, la prevalenza viene data da: N h UC H = u (2.4) g In cui N h è il rendimento idraulico, U la velocità circonferenziale e C u il componente circonferenziale della velocità assoluta. Una progettazione con minor rendimento richiede un valore di Cu più elevato per ottenere la stessa prevalenza di una progettazione a maggior rendimento. Dato che l accellerazione di una particella è proporzionale alle forze di resistenza che agiscono su di 30 MANUTENZIONE, Tecnica e Management / APRILE 2003

3 essa, e pertanto al quadrato della velocità, una girante a basso rendimento richiederà delle accellerazioni maggiori nei vani della girante. Le giranti progettate per il convogliamento di fanghi devono presentare dei vani lunghi e curvi nei quali il flusso segue da vicino le pale della girante; dopodichè i cambiamenti di direzione del flusso si verificano gradualmente dappertutto. In conseguenza del passaggio facilitato, il flusso lascia la girante ad angolo acuto. Per contro, le giranti radiali accellerano più bruscamente le particelle lungo i percorsi più brevi associati a un ampio angolo di uscita. Dato che un angolo di uscita più ristretto significa che il flusso compie un maggior spostamento tra l entrata e l uscita della girante, l accellerazione necessaria per portare il flusso alla prevalenza desiderata è minore di quella necessaria nelle progettazioni a flusso radiale e siccome l accellerazione di una particella presente nel flusso dipende dall energia cinetica che ha acquisito, le perdite di prevalenza sono minori. I risultati mostrati in fig. 3 riguardano fanghi con una gamma di particelle sospese alquanto ridotta. Questo tipo di fanghi è stato utilizzato per facilitare il confronto diretto con i risultati di McElvain, ma è risaputo che molti fanghi presenti nell industria hanno una distribuzione molto più ampia di particelle di varia grandezza. Studi di laboratorio compiuti dalla ITT Flygt e gli studi effettuati da Sellgren e Addie, tra gli altri, dimostrano che le riduzioni delle prestazioni di una pompa centrifuga sono inferiori in presenza di fanghi con una maggior presenza di particelle di vario formato. Pertanto i risultati mostrati in fig. 3 sono prudenziali se vengono applicati alla maggior parte dei fanghi industriali. Per ottenere dei risultati più accurati è però necessario procurarsi dei dati di laboratorio aggiuntivi. Progettazione del pozzo K - Fattori di riduzione di prevalenza e rendimento McElvain, 1974 Sellgren and Addie, 1993 Warman International, Dimensione particelle (micron) Le pompe sommergibili vengono in genere installate nei pozzi. Nelle applicazioni con fanghi, il pozzo serve generalmente due funzioni: 1) Ricevere il fango da una o più fonti; 2) Facilitare il flusso verso la pompa. Un pozzo per fanghi dev essere progettato per trattare efficacemente sia i solidi che il liquido. La maggior parte delle linee guida per la progettazione dei pozzi, come quelle tracciate da Prosser (1977), si basano su ricerche effettuate su liquidi puliti. Il loro obbiettivo principale è fornire delle buone condizioni d esercizio per le pompe, mentre per minimizzare gli effetti di possibili turbolenze nel flusso in arrivo alla pompa si raccomanda in genere un approccio che prevede convogliamenti orizzontali lunghi e diritti a bassa velocità (0,3 m/s o anche meno). Queste condizioni sono chiaramente inadatte al trasporto di liquidi con alte concentrazioni di solidi sospesi, poiché molte particelle solide tendono a sedimentare prima di arrivare alla pompa. Le linee guida convenzionali per gestire il flusso di liquidi risultano pertanto inappropriate. Per evitare la sedimentazione dei solidi nel pozzo è necessario eliminare dal sistema le zone a bassa velocità orizzontale. Inoltre i tratti orizzontali vanno sostituiti da tratti verticali o inclinati, con questi ultimi dotati di un inclinazione maggiore dell angolo naturale di sedimentazione dei solidi da convogliare. In pratica, l inclinazione dev essere pari ad almeno 45 rispetto al piano orizzontale. Qualsiasi sezione orizzontale del pozzo va limitata alle aree immediatamente a monte della bocca d aspirazione della pompa. In pratica il piano orizzontale del pozzo va limitato il più possibile. La fig. 4 mostra una geometria efficace per i pozzi destinati alle pompe sommergibili. In applicazioni particolari una parte significativa di solidi è troppo grande per essere pompata. In questo caso è opportuno prevedere un area inferiore aggiuntiva per consentirne la sedimentazione. Pareti verticali e una configurazione con piano rettangolare (fig. 5) sono le soluzioni più pratiche e ampiamente utilizzate. Il pozzo va però pulito regolarmente per impedire ai solidi accumulati di interferire con il normale funzionamento. Una possibile conseguenza in pozzetti troppo piccoli, è che il volume del fluido in transito, si riduca al punto da provocare degli avviamenti troppo frequenti della pompa. La frequenza degli avviamenti del motore non deve superare quella specificata dal produttore, limitata in genere a 15 avviamenti all ora. Il volume minimo richiesto al pozzo, Vreq, equivale a: T min Q V req = (3.1) 4 in cui T min è l intervallo minimo ammissibile tra gli avviamenti della pompa e Q la portata della pompa. Per fornire un sufficiente volume di liquido in transito e prevenire l accumulo di solidi sul fondo del pozzo, questi va progettato con pareti verticali o inclinate in modo da formare una vasca a tramoggia (fig. 5, varianti «b» e «c»). Agitatori K η ITT Flygt K H ITT Flygt S s = 2.65 Fig. 3. Paragone tra i precedenti studi di McElvain e le più recenti ricerche sull effetto dei solidi sulle prestazioni della pompa Quando una pompa sommersa funziona a intermittenza, rendendo quindi impossibile evitare un certo accumulo di solidi, le particelle che entrano nel pozzo durante i periodi di arresto del ciclo possono coprire la bocca d aspirazione della pompa. Questa va quindi dotata di un agitatore, cioè di un dispositivo di miscelazione installato sulla girante per consentire il pompaggio dei solidi in diverse circostanze. In molte applicazioni la quantità e la MANUTENZIONE, Tecnica e Management / APRILE

4 Entrata Mandata Fig. 4. Pozzo progettato per pompa sommersa per fanghi qualità dei solidi che entrano nel pozzo possono variare, rendendo quindi necessario l impiego di un agitatore per uniformare meglio la loro concentrazione. Anche la progettazione deve limitare le dimensioni massime delle particelle solide che entrano nella pompa. I grumi più grandi del passaggio della pompa devono essere frantumati dall agitatore, se possibile, oppure espulsi dalla zona che porta alla bocca d aspirazione della pompa. Se i solidi coprono la bocca d aspirazione della pompa, l agitatore dev essere in grado di disperderli in modo da ridurne la concentrazione in quell area. Se la pompa va installata in un pozzo pieno di solidi, l agitatore deve poter scavare nei solidi per rendere possibile il progressivo abbassamento della pompa nel pozzo. Dato che l agitatore è installato sullo stesso albero della girante ed è azionato dallo stesso motore, è essenziale che soddisfi le sopra citate necessità con un assorbimento di potenza accettabile, in modo da non limitare la potenza disponibile alla pompa. Sulla base di questi criteri, una squadra dell ITT Flygt Slurry Laboratory ha condotto delle prove su due diversi tipi di agitatori, uno con flusso radiale e l altro con flusso assiale. Quest ultimo è risultato più efficiente in quanto ha evidenziato una maggior capacità di spostamento solidi per unità di potenza assorbita. Miscelatori Gli agitatori sopra descritti non possono tuttavia sospendere solidi che si trovano a una certa distanza dalla bocca d aspirazione della pompa. Per pozzi o vasche di grandi dimensioni va quindi utilizzata una tecnica diversa, e dato che sarebbe estremamente scomodo spostare la pompa sul fondo della vasca o del pozzo si ricorre all utilizzo di miscelatori sommersi a getto. Un miscelatore sommerso a getto della ITT Flygt consiste di un elica a flusso assiale azionato da un motore elettrico protetto, una costruzione simile a quella di una pompa sommersa. Il mi- 32 MANUTENZIONE, Tecnica e Management / APRILE 2003

5 scelatore può essere posizionato e orientato come più opportuno. In questo modo è possibile creare il tipo di turbolenza necessaria a sospendere i solidi in un pozzo o una vasca di qualsiasi dimensione. Un miscelatore viene installato in un pozzo o in una vasca per i seguenti scopi: sospendere i solidi da un area del fondo molto più ampia di quella raggiungibile con l agitatore di una pompa miscelare i solidi sospesi abbastanza da consentire il loro trasporto alla bocca d aspirazione della pompa. Il concetto che sta dietro alla sospensione dei solidi è la formazione da parte del miscelatore di un getto che raggiunge il «Anche la progettazione si propone attivamente con lo scopo di limitare le dimensioni massime delle particelle solide che entrano nella pompa». fondo vasca a velocità tali da sollevare i solidi accumulati, un processo delineato da Karlsen nel Se necessario è possibile installare parecchi miscelatori nella stessa vasca. Il posizionamento del miscelatore è cruciale per un buon sollevamento dei solidi. Una indicazione generale molto utile, è posizionare il miscelatore in modo tale da consentire al getto di ricircolare la massa di liquido con un solo centro di rotazione. Un posizionamento scorretto del miscelatore può fornire forti capacità di sollevamento dei solidi in una parte della vasca e una miscelazione inadeguata in un altra parte della vasca. Le particelle solide si caratterizzano per la loro densità, gamma di dimensioni e velocità di sedimentazione. Questi parametri, unitamente alle correlazioni stabilite da Shields (Kennedy, 1995) e dalla ITT Flygt, consentono di calcolare la velocità del flusso necessaria alla sospensione dei solidi. Una volta determinato questo parametro, è possibile determinare la spinta assiale richiesta al getto e le dimensioni del miscelatore. Conclusioni Le pompe sommergibili per il convogliamento dei fanghi possono venir utilizzate per il pompaggio dei solidi, ovvero per il loro trasporto a umido, in molte applicazioni industriali e minerarie. Queste pompe offrono i vantaggi di altre pompe sommergibili usate con successo in molte applicazioni di prosciugamento. Se viene installata in un pozzetto idoneo, una pompa sommersa per fanghi può convogliare i solidi sospesi in modo efficace e con un buon rendimento. La progettazione ottimale di questo tipo di pozzo deve prevedere un fondo limitato, pari cioè all area necessaria per installare la pompa, mentre le pareti devono essere inclinate di almeno 45 rispetto al piano orizzontale. Se la pompa non può essere installata in un pozzo appositamente concepito, si possono utilizzare gli agitatori e i miscelatori sviluppati dalla ITT Flyt per la sospensione dei solidi, in modo da consentirne il convogliamento da pozzi e vasche di grandi dimensioni. Prevedere l effetto dei solidi sulle prestazioni della pompa è essenziale e i calcoli devono basarsi su prove di laboratorio effettuate con gli specifici fanghi e con le pompe da utilizzare. Le giranti vengono influenzate in modo diverso a seconda della loro progettazione: la progettazione più indicata è quella a pale lunghe e ricurve, come nel caso delle pompe ITT Flygt serie 5500, poiché è meno influenzata dalla presenza di solidi della progettazione a pale radiali. I metodi tradizionali per prevedere l effetto dei solidi sulle pompe sono prudenziali se applicati alle pompe ITT Flygt. Gli Autori Zbignew Czarnota, si è laureato al locale Politecnico con il master of science in ingegneria civile. Trasferitosi a Stoccolma ha conseguito il PhD in ingegneria idraulica al Royal Institute of Technology, università per la quale ha lavorato anche come Research Engineer. Entrato a far parte della Flygt nel 1985, ha lavorato alla progettazione di sistemi a idroturbine e agli schemi di pompaggio con pompe di grandi dimensioni. Attualmente dirige il gruppo di Ricerca Applicativa del settore Ricerca e Sviluppo della ITT Flygt. Murray Grainger, ha completato i primi tre anni del Bachelor of Mechanical Engineering all università di Sydney prima di trasferirsi nel 1994 a Stoccolma, città in cui ha completato gli studi. Durante il 1994 ha lavorato nei laboratori di ricerca della ITT Flygt, dove ha completato la sua tesi sull effetto dei solidi sulle prestazioni delle pompe ITT Flygt per fanghi. Nell anno successivo ha frequentato il Royal Institute of Technology di Stoccolma, dove si è laureato. È quindi rimasto in Svezia per un altro anno lavorando con il gruppo di Ricerca Applicativa della ITT Flygt prima di tornare in Australia, dove attualmente lavora come Product Manager delle pompe per fanghi e degli agitatori ITT Flygt. Magnus Fahlgren, ha conseguito il Master of Science poresso il Royal Institute of Technology di stoccolma. La sua collaborazione con la Itt Flygt è iniziata nel 1984 con una ricerca sullo sviluppo delle tecniche di misurazione condotta per il laboratorio di Ricerca e Sviluppo. Attualmente lavora alle applicazioni di pompe e miscelatori come esperto di reologia la scienza dei flussi e della deformazione della materia. MANUTENZIONE, Tecnica e Management / APRILE

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili READY, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili READY, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili READY, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive...4 Identificazione prodotto...6 READY 4...7 READY 8...9 READY 16...11 READY 4...13 Selezione del modello

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento.

Schema piezometrico di un generico impianto di sollevamento. La scelta della pompa da inserire in un generico impianto di sollevamento (Figura 9-) che debba sollevare un assegnata portata non è univoca se a priori non sono assegnati anche il tipo e il diametro delle

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli

Vasche volano di prima pioggia. Soluzioni automatizzate per un problema urbano

Vasche volano di prima pioggia. Soluzioni automatizzate per un problema urbano Vasche volano di prima pioggia Soluzioni automatizzate per un problema urbano IL CONCETTO Eliminare un rischio per l ambiente Qualunque siano la forma o le dimensioni di una vasca volano di prima pioggia....itt

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Vasche volano di prima pioggia. Soluzioni automatizzate per un problema urbano

Vasche volano di prima pioggia. Soluzioni automatizzate per un problema urbano Vasche volano di prima pioggia Soluzioni automatizzate per un problema urbano IL CONCETTO Eliminare un rischio per l ambiente Qualunque siano la forma o le dimensioni di una vasca volano di prima pioggia.

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 547/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 547/2012 DELLA COMMISSIONE L 165/28 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 26.6.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 547/2012 DELLA COMMISSIONE del 25 giugno 2012 recante modalità di applicazione della direttiva 2009/125/CE del Parlamento europeo

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile

L uso delle pompe negli interventi di Protazione Civile 1 Pompe Le pompe, più propriamente chiamate macchine idrauliche operatrici, sono quei macchinari che, opportunamente azionati da motrici di diverso tipo, comunicano energia ad un fluido per sollevarlo

Dettagli

SUPPORTO INFERIORE. lubrificazione. I principali vantaggi di questo supporto sono i bassi costi di investimento e di manutenzione.

SUPPORTO INFERIORE. lubrificazione. I principali vantaggi di questo supporto sono i bassi costi di investimento e di manutenzione. SUPPORTO INFERIORE Il supporto inferiore Landy Eco è concepito per impedire perdite di lubrificante nell acqua. Si tratta di un supporto autolubrificato e completamente chiuso. Non è necessaria alcuna

Dettagli

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE!

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! MANUALE TECNICO IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! Indice : - Introduzione - Come si forma il calcare? - Processo di nucleazione - Azione dell inibitore sulla formazione del calcare

Dettagli

PRODOTTI E TECNOLOGIE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE IN UN DEPURATORE CIVILE O INDUSTRIALE. A. Mariani

PRODOTTI E TECNOLOGIE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE IN UN DEPURATORE CIVILE O INDUSTRIALE. A. Mariani PRODOTTI E TECNOLOGIE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE IN UN DEPURATORE CIVILE O INDUSTRIALE A. Mariani Xylem Water Solutions Italia SOMMARIO All interno di un depuratore civile o industriale operano

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive...4 Identificazione prodotto...5 M 3068...6 M 3085...9 M 3102...12 M 3127...16 Selezione del modello

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Decantazione. Ne= f(re);

Decantazione. Ne= f(re); TUTTI I «PROCESSI» DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI SONO SUDDIVISIBILI IN «OPERAZIONI UNITARIE» DETTE OPERAZIONI RAPPRESENTANO I MATTONI E POSSONO ESSERE VALUTATE INDIPENDENTEMENTE DAL PROCESSO IN CUI SONO INSERITE

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili N 3000, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili N 3000, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili N 3000, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive, pompe piccole.4 Caratteristiche costruttive, pompe medie...5 Identificazione prodotto...6 N 3085...7

Dettagli

ANDRITZ Soluzioni per il pompaggio di acque e acque reflue

ANDRITZ Soluzioni per il pompaggio di acque e acque reflue ANDRITZ Soluzioni per il pompaggio di acque e acque reflue www.andritz.com/pumps ANDRITZ per la gestione idrica Soluzioni su misura Gestite impianti per approvvigionamento idrico o per la gestione di acque

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

POMPE RISOLVE I PROBLEMI

POMPE RISOLVE I PROBLEMI POMPE RISOLVE I PROBLEMI [130] costruzioni settembre 2008 Aseguito della diffusione dei sistemi nodig di ispezione e manutenzione delle condotte fognarie, si è resa sempre più frequente la necessità del

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza Classificazione Portata d acqua Salto lordo Potenza netta Piccola taglia < 10 m 3 /s < 50 m < 5 kw (pico centrali) < 100 kw

Dettagli

Underdrain: brevetto Leopold. Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione

Underdrain: brevetto Leopold. Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione Underdrain: brevetto Leopold 160 Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione Per rimuovere i solidi in sospensione che non si sono depositati nel decantatore dopo la flocculazione o per

Dettagli

Energia idroelettrica

Energia idroelettrica Energia idroelettrica L'energia idroelettrica è una fonte di energia alternativa e rinnovabile, che sfrutta la trasformazione dell'energia potenziale gravitazionale, posseduta da una certa massa d'acqua

Dettagli

Pompe di circolazione

Pompe di circolazione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe di circolazione

Dettagli

Non sempre la gravità è una buona idea

Non sempre la gravità è una buona idea Non sempre la gravità è una buona idea di Ralf Schomäcker, Product Manager Spostare enormi quantità di terreno. Posizionare i tubi di scarico e spostare i condotti fognari. Spaccare pavimenti di cemento

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

Generalità sulle elettropompe

Generalità sulle elettropompe Generalità sulle elettropompe 1) Introduzione Ne esistono diverse tipologie ma si possono inizialmente suddividere in turbopompe e pompe volumetriche. Le prime sono caratterizzate da un flusso continuo

Dettagli

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA Stefano Stoppa Definizione Le pompe sono componenti idrauliche che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono al liquido che le attraversa.

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

Produzione di energia elettrica. Elettroturbine. Sfruttare i salti idraulici

Produzione di energia elettrica. Elettroturbine. Sfruttare i salti idraulici Produzione di energia elettrica Elettroturbine Sfruttare i salti idraulici 68 ITT Water & Wastewater Italia Elettroturbine: un grande futuro L energia idroelettrica prodotta sfruttando le cadute dei corsi

Dettagli

Revision Date Description Paragraph TickRef 01 11-05-15 New release All #8416

Revision Date Description Paragraph TickRef 01 11-05-15 New release All #8416 Document Title Business Unit Product Line Controllo Multimotore Power Controls IRIS BLUE Revision Date Description Paragraph TickRef 01 11-05-15 New release All #8416 INDICE 1 Introduzione... 2 2 Controllo

Dettagli

Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice

Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice 58 Passaggio libero elevato e grande affidabilità Le pompe D vengono impiegate prevalentemente per il pompaggio di liquidi carichi anche abrasivi o nel

Dettagli

Regolazione delle Pompe Centrifughe. Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali

Regolazione delle Pompe Centrifughe. Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali Regolazione delle Pompe Centrifughe Dispense per il corso di Macchine e Sistemi Energetici Speciali Corso di Laurea in Scienze ed Ingegneria dei Materiali Aggiornamento al 19/09/2006 Ing Amoresano Amedeo

Dettagli

Indice. 8 novembre 2015. 1 La similitudine idraulica per le pompe 2. 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3

Indice. 8 novembre 2015. 1 La similitudine idraulica per le pompe 2. 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3 8 novembre 2015 Indice 1 La similitudine idraulica per le pompe 2 2 Esercizi sulla similitudine idraulica 3 3 Pompe inserite in un impianto Esercizi 5 1 1 La similitudine idraulica per le pompe L applicazione

Dettagli

CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE. Rösler Italiana srl. Maurizio Foppa Pedretti

CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE. Rösler Italiana srl. Maurizio Foppa Pedretti CENTRIFUGHE: UN METODO EFFICACE PER IL RICIRCOLO DELLE ACQUE DI PROCESSO NELLA FINITURA SUPERFICIALE Rösler Italiana srl Maurizio Foppa Pedretti Un po di storia : l uso delle centrifughe nella vibrofinitura

Dettagli

3. Igiene del lavoro 6. Impianti di ventilazione e aspirazione localizzata

3. Igiene del lavoro 6. Impianti di ventilazione e aspirazione localizzata Depuratore dell aria (Filtro) Dispositivo destinato a trattenere gli inquinanti trasportati dal fluido. Ha lo scopo di abbattere i materiali trasportati dall aria aspirata sotto forma sia di particolato

Dettagli

ACQUEDOTTICA ELETTROPOMPE

ACQUEDOTTICA ELETTROPOMPE , AUTOADESCANTI, LOWARA Per acque pulite. Portate e prevalenze di seguito indicate con aspirazione max. 8m da conteggiare nella prevalenza. Bocca di aspirazione assiale e bocca di mandata radiale all asse

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar.

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar. HQ3 Descrizione generale Pompa a palette a cilindrata fissa, idraulicamente bilanciata, con portata determinata dal tipo di cartuccia utilizzato e dalla velocità di rotazione. La pompa è disponibile in

Dettagli

Un controllo della temperatura in tutte le stagioni.

Un controllo della temperatura in tutte le stagioni. Un controllo della temperatura in tutte le stagioni. Comprendere il comfort personale Il comfort personale di un individuo è influenzato da fattori ambientali come la temperatura e l umidità dell aria.

Dettagli

I costi di esercizio negli impianti per le acque reflue - e come ridurli al minimo

I costi di esercizio negli impianti per le acque reflue - e come ridurli al minimo Grundfos Water Journal I costi di esercizio negli impianti per le acque reflue - e come ridurli al minimo Perché preoccuparsi dei costi di esercizio? Perché preoccuparsi dei costi di esercizio degli impianti

Dettagli

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996

SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 SOLUZIONE ESAME DI STATO ITIS INDIRIZZO MECCANICA - PROGETTO BROCCA ANNO 1996 PREFAZIONE AL TEMA Nella parte sottostante è rappresentato lo schema circuitale dell impianto idraulico, dove, vengono raffigurate:

Dettagli

NESSUN COMPROMESSO. Trattamento affidabile delle acque reflue

NESSUN COMPROMESSO. Trattamento affidabile delle acque reflue GAMME SE & SL DI GRUNDFOS POMPE PER ACQUE REFLUE SOMMERSE ED INSTALLATE A SECCO 0.9-30 kw 2, 4, 6 POLI 50 HZ NESSUN COMPROMESSO Trattamento affidabile delle acque reflue be think innovate gamma RINNOVATa

Dettagli

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione CORSO DI SPERIMENTAZIONE E PROVE SULLE MACCHINE Docente Prof. L. Postrioti UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione 1- Generalità La Norma descrive le procedure di prova delle

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Il circuito combustibile del motore comprende in realtà tre circuiti, precisamente: Circuito imbarco e travaso che provvede: All imbarco da terra o da bettoline del combustibile e a smistarlo nelle casse

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

CENTRIFUGAZIONE. Centrifugazione. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. (v =!

CENTRIFUGAZIONE. Centrifugazione. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. Forza centrifuga e caratteristiche costruttive. (v =! CENTRIFUGAZIONE Prof.ssa Silvia Recchia Centrifugazione Alle sospensioni viene applicato un campo gravitazionale artificiale attraverso la rotazione ad alta velocità (campo centrifugo). Per la separazione

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

POMPE DI PROSCIUGAMENTO. Pompe Pneumatiche

POMPE DI PROSCIUGAMENTO. Pompe Pneumatiche POMPE DI PROSCIUGAMENTO Pompe Pneumatiche POMPATE IL VOSTRO BUSINESS Una pompa pneumatica è la scelta ideale quando non si può fallire. È facile da usare, sicura ed è in grado di affrontare praticamente

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE PERFORAZIONE A PERCUSSIONE Attrezzature e funzionamento L impianto è costituito da: un sistema di sollevamento (coppia di argani con frizione, funi di acciaio e torre); una a sonda cilindrica cava munita

Dettagli

http://www.ecomacchine.it/documentazione/7-ispessimento.html

http://www.ecomacchine.it/documentazione/7-ispessimento.html ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it RASCHIATORI per ISPESSITORI L ispessimento è

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

SISTEMA DI ABBATTIMENTO POLVERI BREVETTATO

SISTEMA DI ABBATTIMENTO POLVERI BREVETTATO SISTEMA DI ABBATTIMENTO POLVERI BREVETTATO PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Esistono diverse tecniche di abbattimento delle polveri applicabili sugli impianti di frantumazione. La più frequente è quella dell

Dettagli

SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI

SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI BAIONI CRUSHING PLANTS SISTEMA DI TRATTAMENTO DEI FANGHI BAIONI CRUSHING PLANTS La protezione dell ambiente, la necessità di gestire al meglio i fanghi derivanti da scavi

Dettagli

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Macchine Operatrici Nel presente modulo si vogliono fornire cenni circa le principali macchine operatrici impiegate negli impianti

Dettagli

Impianti di produzione dell energia elettrica

Impianti di produzione dell energia elettrica Impianti di produzione dell energia elettrica Alberto Berizzi Dipartimento di Elettrotecnica, Politecnico di Milano e-mail: alberto.berizzi@polimi.it Energia e lavoro Lavoro è l atto di produrre un cambiamento

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO

IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO Vicenza, 8 Novembre 2013 Claudio Guareschi QUADRO NORMATIVO UNI 11446:2012 La progettazione

Dettagli

Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione

Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione Principi d impiantistica e consigli tecnici per realizzare un impianto di micro irrigazione Dott. Davide Canone Dipartimento di Scienze,Progetto e politiche del territorio Politecnico e Università di Torino

Dettagli

GUIDO CHIESA POZZI PER ACQUA. Perforazione - Completamento - Sviluppo - Indagini Guida alla progettazione. Seconda edizione

GUIDO CHIESA POZZI PER ACQUA. Perforazione - Completamento - Sviluppo - Indagini Guida alla progettazione. Seconda edizione GUIDO CHIESA POZZI PER ACQUA Perforazione - Completamento - Sviluppo - Indagini Guida alla progettazione Seconda edizione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Indice Prefazione alla prima edizione Prefazione alla

Dettagli

CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI

CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI CAPITOLO 4 IMPIANTI IDRAULICI 4.1. Introduzione In questo paragrafo verranno trattate le problematiche relative agli impianti idraulici, limitatamente al caso degli impianti di sollevamento acqua. Si parlerà

Dettagli

ANDRITZ Pompe per l industria della carta e della cellulosa

ANDRITZ Pompe per l industria della carta e della cellulosa ANDRITZ Pompe per l industria della carta e della cellulosa www.andritz.com/pumps ANDRITZ nell'industria della carta e della cellulosa Soluzioni su misura Siete responsabili dell operatività o della manutenzione

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione

PROBLEMA 1. Soluzione PROBLEMA 1 Prendendo come riferimento la pressione atmosferica di 1013 mbar agente sulla superficie libera di un corso d acqua, risulta che la pressione idrostatica sott acqua raddoppia a una profondità

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Procedura di Analisi del Guasto

Procedura di Analisi del Guasto Procedura di Analisi del Guasto Circolatori Elettronici (ETC, EFC, EFCG) 1) Applicazioni del circolatore Circolazione d'acqua in impianti di riscaldamento, condizionamento e refrigerazione Movimentazione

Dettagli

Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman

Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman Descrizione generale: La linea di smielatura professionale Lega può essere configurata per lavorare 52 favi Dadant-Blatt

Dettagli

articolo tecnico Misura della temperatura invasiva nei processi farmaceutici

articolo tecnico Misura della temperatura invasiva nei processi farmaceutici Misura della temperatura invasiva nei processi farmaceutici La temperatura è uno dei parametri di processo più importanti nella produzione farmaceutica. Essa gioca un ruolo importante sia nei processi

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100

Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100 man uale utente Italiano Hoefer SG15, SG30, SG50 e SG100 Gradiente makers mu SG100-IM/Italian/Rev.C0/08-12 Indice 1. Introduzione: Hoefer SG15, SG30, SG50, SG100 e produttori di gradiente...1 2. Generazione

Dettagli

Facile da pulire, sicuro e rispettoso dell ambiente.

Facile da pulire, sicuro e rispettoso dell ambiente. Facile da pulire, sicuro e rispettoso dell ambiente. Adatto al miglior comfort personale Il comfort individuale è influenzato da fattori ambientali quali la temperatura dell aria e l umidità. Questo può

Dettagli

MOVIMENTO DI GAS (ARIA)

MOVIMENTO DI GAS (ARIA) BONIFICA ACUSTICA: MOVIMENTO DI GAS (ARIA) Affrontiamo questo problema inizialmente esaminando un impianto RCV (raffreddamento, condizionamento, ventilazione) La generazione del rumore Le cause della rumorosità

Dettagli

pompe monoblocco con tenuta meccanica

pompe monoblocco con tenuta meccanica pompe monoblocco con tenuta meccanica centrifughe auto adescanti 1 - PRINCIPALI CARATTERISTICHE e sono, rispettivamente, una serie di pompe centrifughe e auto-adescanti, ad asse orizzontale, che offrono

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

Miglioramento dell'efficienza energetica nel ciclo delle acque. Marco Viganò Product Manager Inverter Omron Electronics S.p.A.

Miglioramento dell'efficienza energetica nel ciclo delle acque. Marco Viganò Product Manager Inverter Omron Electronics S.p.A. Miglioramento dell'efficienza energetica nel ciclo delle acque Marco Viganò Product Manager Inverter Omron Electronics S.p.A. Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre 2009 Agenda

Dettagli

Impianto di depurazione

Impianto di depurazione SCAVI RABBI DI RABBI GIORGIO & C. S.a.s. Località Buse, Valeggio sul Mincio (VR) Integrazioni a seguito richiesta Commissione VIA, verbale n 390 del 24/10/2014 Discarica rifiuti inerti e area terre rocce

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

http://www.ecomacchine.it/documentazione/3-dissabbiatori.html DISSABBIATORI e DISOLEATORI

http://www.ecomacchine.it/documentazione/3-dissabbiatori.html DISSABBIATORI e DISOLEATORI ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DISSABBIATORI e DISOLEATORI Il secondo trattamento

Dettagli

Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Tecnologia delle Giranti

Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Tecnologia delle Giranti Il Leader nella Tecnologia dell'agitazione Tecnologia delle Giranti Ricerca e Sviluppo La Chiave per Disegnare Giranti Efficienti Girante Lightnin A6000 in funzionamento nel laboratorio laser La chiave

Dettagli

Pompe. Testi di Riferimento. Versione: 2.0. Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014

Pompe. Testi di Riferimento. Versione: 2.0. Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014 Versione: 2.0 Pompe Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014 Testi di Riferimento Japikse, D. Centrifugal Pump Design and Performance, ISBN 0-933283-09-1 Pag. 1 Argomenti: Pompe centrifughe pompe assiali Potenza

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

Grundfos SOLOLIFT2 DRENAGGIO E FOGNATURA

Grundfos SOLOLIFT2 DRENAGGIO E FOGNATURA DRENAGGIO E FOGNATURA Grundfos SOLOLIFT2 Le stazioni di sollevamento Grundfos SOLOLIFT2 sono adatte a quei luoghi in cui non è possibile convogliare direttamente le acque reflue nella fognatura principale

Dettagli

Il trasporto dei liquidi

Il trasporto dei liquidi ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE G. MARCONI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI CLASSE 3ACH Il trasporto dei liquidi (PAG 159 DEL LIBRO DI TESTO) Prof. Roberto Riguzzi 1 INTRODUZIONE Il trasporto dei liquidi e

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

Pompa elettrica di alimentazione carburante

Pompa elettrica di alimentazione carburante Pagina 1/8 Pompe elettriche di alimentazione carburante Panoramica del prodotto per l utilizzo universale PRODuCT INFORMATION Veicolo/utilizzo Prodotto PIeRbuRg n. vedere catalogo/cd TecDoc Pompa elettrica

Dettagli

Progettazione e calcolo di

Progettazione e calcolo di Nicola Taraschi Progettazione e calcolo di * Calcolo delle reti aerauliche con il software CANALI * Le trasformazioni dell aria umida ed il software PSICRO * I ventilatori * Le batterie alettate ed il

Dettagli

Concetti basilari legati alla ventilazione

Concetti basilari legati alla ventilazione Concetti basilari legati alla ventilazione In questo capitolo è riportato il significato dei termini impiegati abitualmente in riferimento ai ventilatori o agli impianti di ventilazione. È la quantità

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

Attuatori oleodinamici

Attuatori oleodinamici Un sistema oleodinamico con regolazione di potenza utilizza come vettore di energia olio minerale, o sintetico, che in prima approssimazione può essere considerato incomprimibile. Un tale sistema comprende

Dettagli