Le elettropompe sommergibili per acque reflue. Classificazione, problematiche funzionali e linee guida per la scelta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le elettropompe sommergibili per acque reflue. Classificazione, problematiche funzionali e linee guida per la scelta"

Transcript

1 Le elettropompe sommergibili per acque reflue Classificazione, problematiche funzionali e linee guida per la scelta

2 Schema costruttivo della elettropompa sommergibile STATORE e CONNESSIONI ELETTRICHE ROTORE e TENUTE DINAMICHE PARTE IDRAULICA L elettropompa sommergibile è realizzata accoppiando rigidamente sullo stesso asse una macchina motrice elettrica ed una macchina operatrice idraulica

3 Il motore delle elettropompe sommergibili è raffreddato a liquido, il calore prodotto dall avvolgimento dello statore viene dissipato per convezione naturale o per convezione forzata, in entrambi i casi l involucro deve essere assolutamente stagno Tenute statiche sui cavi elettrici Statore e connessioni elettriche Tenute statiche sulla carcassa La durata dello statore dipende unicamente da un sottile strato di vernice isolante che ricopre i conduttori delle bobine di induzione. Il rivestimento è soggetto ad un naturale invecchiamento che determina un inevitabile decadimento della sua rigidità dielettrica. L invecchiamento della vernice isolante è tanto più rapido quanto più alta è la temperatura di funzionamento e quanto maggiore è il numero di transitori di riscaldamento/raffreddamento subiti. Quando la macchina è in funzione, la mancanza di raffreddamento o un sovraccarico possono far aumentare la temperatura dell avvolgimento fino a raggiungere valori pericolosi in pochi secondi. Per questo motivo all interno delle bobine sono installati dei sensori di temperatura in grado di arrestare la macchina se la soglia di sicurezza viene superata. Le cosiddette pastiglie termiche possono però svolgere il loro compito di protezione solo se sono collegate ad un adeguato dispositivo elettromeccanico in grado di arrestare la macchina

4 Rotore e tenute dinamiche Il blocco rotore-tenute contiene i componenti più sollecitati della elettropompa sommergibile. Le tenute ed i cuscinetti. La tenuta frontale lato acqua è il componente più a rischio in quanto direttamente esposto alle impurità contenute nel liquido pompato. Piccole perdite sono inevitabili quando il liquido trasporta impurità come sempre avviene per le acque reflue. Quando il sensore di conduzione segnala la presenza di acqua anche la seconda tenuta rischia di essere danneggiata irrimediabilmente e dovrà essere sostituita. Il controllo della purezza dell olio deve essere fatto tanto più spesso quanto più il refluo è carico di impurità Tenuta frontale lato olio in grafiteallumina Sensore di conduzione segnala la presenza di acqua nella camera olio Tenuta radiale a labbro in nitrile Il colletto impedisce che l olio venga trascinato in rotazione dalla tenuta. La sua circolazione intorno alla tenuta è ottenuta attraverso appositi fori Tenuta frontale lato acqua in carburo di silicio Olio raffredda le tenute ed emulsiona eventuali infiltrazioni di liquido

5 Margini di sicurezza utilizzati nei motori sommergibili L albero di un motore sommergibile è sollecitato da una forza radiale dovuta alla spinta della girante e da tre forze assiali una dovuta alla girante, una al peso del rotore stesso e della girante che su di esso è calettata una alla molla di precarico del cuscinetto superiore. Queste forze sono supportate da due cuscinetti. Quello inferiore è bloccato radialmente ed assialmente pertanto sopporta gran parte della spinta radiale e tutta la spinta assiale. Quello superiore è bloccato solo radialmente e sopporta solo una parte della spinta radiale. Esso ha essenzialmente il compito di mantenere centrato il rotore rispetto allo statore, per evitare che l assenza di carico possa procurare un funzionamento rumoroso esso è spinto da una piccola molla di precarico assiale. Molla di precarico del cuscinetto superiore Prendendo a riferimento i cuscinetti montati su motori normalizzati IEC la capacità di carico dei cuscinetti utilizzati in motore sommergibile di pari taglia sono mediamente superiori dell 80% a fronte di carichi pari o inferiori a quelli ammissibili per i motori normalizzati. L eventuale rottura dei cuscinetti in un motore sommergibile dipende sempre o da contaminazione per ingresso di acqua od impurità dalle tenute dinamiche o da un eccessivo surriscaldamento del motore per mancato collegamento delle protezioni termiche Spinta radiale della girante Spinta assiale della girante Il prodotto p x v (pressione per velocità) al quale lavorano le facce delle tenute montate su un motore sommergibile è tenuto (anche nei motori a 2poli) almeno cinque volte inferiore a quello normalmente utilizzato per liquidi puri. Peso del rotore La eventuale perdita accusata dalla tenuta è sempre dovuta ai corpi in sospensione nel refluo

6 Il bilancio energetico del motore sommergibile Una macchina è un dispositivo realizzato per operare una trasformazione di energia. Sempre quando si opera una trasformazione parte della energia messa inizialmente a disposizione è inevitabilmente degradata in calore Il motore elettrico ad induzione è una macchina motrice che trasforma parte dell energia posseduta da un flusso di corrente elettrica in energia meccanica. Il rendimento di un motore elettrico a parità di ogni altra condizione dipende dalla taglia. Esso tende asintoticamente ad un valore limite man mano che le dimensioni del motore aumentano P1 Potenza assorbita dalla rete Perdite nel ferro Calore da scambiare con l esterno Perdite nelle bobine Andamento del rendimento e della P2 per la serie IEC 4poli 50Hz rendimento[%]-p2[kw] Potenza dissipata dalle tenute η=p2/p1 Il rendimento misura l efficienza della trasformazione di energia Potenza dissipata dai cuscinetti P2 Potenza resa disponibile all albero rendimento potenza

7 Se il motore è lasciato libero di ruotare senza richiedere potenza all albero la sua velocità di rotazione dipende dalla frequenza di rete e dal numero di poli secondo una semplice relazione Caratteristiche funzionali dei motori asincroni trifasi ad induzione n =60 f / (p/2) Numero di poli Frequenza di rete Velocità di rotazione in giri/min Zona instabile Zona stabile Quando si applica una coppia resistente all albero la sua velocità di rotazione scende leggermente ed in proporzione. Questo comportamento caratteristico è chiamato scorrimento ed è tanto più evidente quanto più piccola è la taglia del motore Scorrimento in % della velocità di sincronismo motori 4 poli Se richiediamo all albero coppie sempre maggiori il motore rallenta progressivamente Coppia [Nm] Variazione della coppia in funzione della velocità di rotazione per un motore grandezza IEC90 a 4 poli alimentato a 50Hz Il motore asincrono trifase è una macchina motrice stabile è cioè in grado di adattarsi automaticamente alle condizioni di carico Il motore asincrono raggiunge la velocità di sincronismo quando la coppia richiesta all albero è nulla Alimentando il motore con un dispositivo in grado di variare opportunamente la frequenza e la tensione la sua velocità di rotazione e quindi la sua potenza possono essere facilmente modificate INVERTER Velocità di rotazione [giri/min] Se alimentiamo il motore a frequenza costante la velocità di sincronismo è il massimo valore raggiungibile

8 Valutazione delle prestazioni dei motori asincroni trifase basati sulla serie IEC POTENZA 4poli 2poli 6poli 8poli La potenza erogata da un motore appartenete ad una serie omogenea caratterizzata dagli stessi parametri costruttivi dipende sia dalla taglia che dalla velocità di rotazione. Il costo di un motore della stessa serie dipende invece soprattutto dalla taglia che determina la massa del ferro e del rame necessarie alla costruzione. Il diagramma mostra che al crescere della taglia la potenza aumenta esponenzialmente ma in misura diversa a seconda del numero di poli Potenza nominale P2 [kw] poli 6poli 8poli Se riorganizziamo i dati del diagramma precedente confrontando per ogni taglia la P2 con quella del motore a quattro poli, tradizionalmente il più usato nelle elettropompe sommergibili, diventa evidente che. Tranne per il caso particolare della grandezza 180, i motori 2poli fino alla taglia 200 erogano a parità di costo una potenza dal 20 al 40% superiore del corrispondente quattro poli mentre il 6 e lo 8 poli una potenza molto inferiore variazione % P2 rispetto a 4poli

9 Valutazione delle prestazioni dei motori asincroni trifase basati sulla serie IEC 4poli 2poli 6poli 8poli POTENZA SPECIFICA Se calcoliamo per ogni taglia il rapporto tra la potenza nominale e la massa del motore troviamo che la densità di potenza cresce all aumentare della taglia a prescindere dalla velocità di rotazione. Per quanto possa sembrare strano il diagramma mostra che in un motore di piccola taglia le sollecitazioni meccaniche sono inferiori a quelle di un motore di grossa taglia. Potenza specifica [kw/kg] poli 2poli 6poli 8poli 300 Se costruiamo un diagramma simile calcolando per ogni taglia il rapporto tra la potenza dissipata in calore e la massa troviamo che nei motori di grossa taglia i flussi di calore per unità di massa sono molto più alti che nei piccoli. Anche in questo caso l affermazione può sembrare strana ma è più facile surriscaldare un motore grande che uno piccolo. Mentre a parità di taglia un 2 poli può incorrere più facilmente in un surriscaldamento accidentale che un 8 poli. Calore dissipato per unità di massa [W/kg]

10 Valutazione delle prestazioni dei motori asincroni trifase basati sulla serie IEC RENDIMENTO 4poli 2poli 6poli 8poli Il rendimento di un motore appartenete ad una serie omogenea caratterizzata dagli stessi parametri costruttivi dipende sia dalla taglia che dalla velocità di rotazione. Il diagramma mostra che al crescere della taglia il rendimento aumenta fino ad un valore limite poco superiore al 90% rendimento [%] poli 6poli 8poli Se riorganizziamo i dati del diagramma precedente confrontando per ogni taglia il rendimento con quello del motore a quattro poli, tradizionalmente il più usato nelle elettropompe sommergibili, diventa evidente che. Fino alla taglia 160 il rendimento di un motore 2poli è più alto di un quattro poli mentre il 6 e lo 8 poli hanno un rendimento inferiore Variazione % del rendimento rispetto a 4poli

11 Linee guida per la scelta del motore di una elettropompa sommergibile Abbiamo visto che I componenti più sollecitati in un motore sommergibile sono l albero ed i cuscinetti. Il componente che maggiormente risente delle impurità contenute nel liquido pompato è la tenuta lato acqua. A parità di costo il motore 2 poli è in grado di erogare una potenza superiore rispetto al 4poli Un motore di piccola taglia è meno sollecitato di un motore di grossa taglia anche nei confronti di un accidentale surriscaldamento. I motori a 2poli fino alla grandezza IEC 160 hanno un rendimento superiore dei corrispondenti motori a 4poli. Quindi 1)- Se il motore sommergibile a 2poli è stato adeguatamente dimensionato, la durata dei cuscinetti è la stessa di un motore a 4poli. 2)- Il rischio di perdita della tenuta lato acqua di un motore a 2poli è lo stesso di un motore 4poli in quanto dipende solo dal liquido pompato. 3)- Un motore 2poli è più economico di un 4poli ed è in grado di offrire un migliore rapporto potenza/peso 4)- Fino alla grandezza 160 un motore 2 poli è in grado di offrire un rendimento sensibilmente più elevato di un 4poli

12 La parte idraulica La macchina operatrice accoppiata al motore elettrico sommergibile è generalmente uno stadio di pompa centrifuga adattato alla movimentazione di un liquido carico. L adattamento consiste nell aumentare il più possibile il passaggio offerto al liquido cercando di rendere minimo il rischio di bloccaggio o di intasamento. Rispetto ad una girante per liquidi puri, una girante per pompa sommergibile ha in genere un basso numero di pale ed passaggio molto superiore a quello richiesto per erogare la portata di progetto. Queste modifiche determinano un sensibile abbassamento del rendimento rispetto a quello che si otterrebbe con un tracciato ottimale. Disco d usura posteriore: ha il compito di proteggere la tenuta lato acqua da corpi grossolani (in genere di dimensioni superiori a 0.5mm) permette anche l adattamento di più idrauliche allo stesso motore. Girante: è il componente che trasmette energia al liquido pompato attraverso la formazione di un vortice centrifugo ad alta velocità Voluta:incanala il vortice centrifugo prodotto dalla girante verso la bocca di mandata e converte parte della energia cinetica acquistata dal liquido in energia di pressione. Disco d usura anteriore: separa la zona di alta pressione dalla zona di aspirazione realizzando una tenuta dinamica a labirinto, in genere è regolabile.

13 Lo scambio di energia tra girante e liquido pompato La girante trasferisce energia al liquido che la attraversa costringendolo a ruotare in un vortice forzato (a velocità angolare costante). Il liquido lanciato in direzione centrifuga fuori dalla girante continua naturalmente a ruotare nella voluta in un vortice libero caratterizzato dalla costanza del prodotto tra la componente tangenziale della velocità ed il raggio misurato dall asse di rotazione. Il modello fisico che descrive il comportamento del liquido costretto ad attraversare una pompa centrifuga è stato enunciato da Leonard Euler nel La cosiddetta prevalenza di una pompa centrifuga misura la quantità di energia trasferita al liquido per unità di massa. Una semplice relazione lega le componenti medie della velocità assunte dal liquido all uscita della girante alla prevalenza. H=U2 Ct2 Il numero che si ottiene da questo prodotto ha le dimensioni di una energia per unità di massa [J/kg] che una volta diviso per la accelerazione di gravità g [m/s2] fornisce un nuovo numero con le dimensioni di una lunghezza [m] che è universalmente adottato per tracciare insieme alla portata ed alla velocità di rotazione la curva caratteristica della pompa. La prevalenza dipende solo ed esclusivamente dalla velocità di rotazione e dal diametro. A parità di prevalenza la velocità del vortice all interno di qualsiasi pompa è la stessa. Direzione del flusso rispetto alla voluta Senso di rotazione del vortice prodotto dalla girante Piano di rotazione del vortice prodotto dalla girante Direzione del flusso rispetto ai canali rotanti della girante Direzione di alimentazione della girante

14 La curve caratteristiche A differenza della pompa volumetrica la portata erogata da una pompa centrifuga dipende dalla pressione che agisce sulla sua bocca di mandata per questo motivo non ha senso riferirsi alla portata senza specificare a che pressione debba essere erogata. La pompa centrifuga può stabilire il suo punto di lavoro su qualsiasi punto della curva caratteristica, che raggiunge trovando automaticamente l equilibrio tra l energia specifica ceduta al liquido dalla girante e l energia specifica richiesta dall impianto. L energia richiesta dall impianto è la somma della energia potenziale richiesta per il sollevamento del liquido (altezza geodetica), l energia cinetica richiesta per mantenere in movimento il liquido all interno delle condotte e l energia dissipata per attrito sulle pareti delle condotte e in tutti gli eventuali componenti accessori disseminati lungo le condotte (curve, gomiti, raccordi, valvole, filtri etc ). La potenza trasferita al liquido è il prodotto della portata in massa [kg/s] moltiplicata per l energia specifica [J/kg], pertanto anche la potenza assorbita all albero varia al variare della portata. Il rendimento della pompa è il rapporto tra la potenza trasferita al liquido misurata sulla bocca di mandata e la potenza P2 erogata dal motore. Qualsiasi pompa centrifuga ha un solo punto di massimo rendimento. Il valore del rendimento tende a zero sia quando la pompa lavora con portate basse e prevalenze alte sia quando lavora con portate alte e prevalenze basse. Il rendimento dà una misura di quanta energia è dissipata internamente in calore Energia specifica disponibile sulla bocca di mandata L energia specifica è la quantità di energia ceduta ad ogni kg di liquido che attraversa la pompa Potenza assorbita all albero Rendimento della pompa Perdite di energia specifica interne alla pompa Potenza trasferita al liquido U2 ct2/g Hth Dhi1 Dha Dhb Dhe Dhf Dhg Hpdl Dh01 Dhd Q[m 3/h] Pidra Pass eta

15 Il bilancio energetico della pompa Anche la pompa è un dispositivo realizzato per operare una trasformazione di energia. Come nel caso del motore elettrico solo una parte della energia messa inizialmente a disposizione è ceduta al fluido La pompa centrifuga è una macchina operatrice in grado di cedere energia meccanica ad un liquido. Come nel caso del un motore elettrico il rendimento a parità di ogni altra condizione dipende dalla taglia. Esso dipende da un numero caratteristico che dipende dalla velocità di rotazione dalla portata e dalla prevalenza P2 Potenza disponibile all albero Rendimento Perdite per diffusione all imbocco ed all uscita della palettatura Portate in [m3/h] Numero caratteristico Nel caso della pompa le perdite di energia sono dissipate direttamente nel liquido pompato che si scalda Perdite per attrito viscoso nella girante Perdite per attrito viscoso nella voluta η=pi/p2 Anche in questo caso il rendimento misura l efficienza della trasformazione di energia Potenza dissipata dai trafilamenti interni di liquido Pi La potenza viene ceduta al liquido sia come energia di pressione sia come energia cinetica

16 Poca energia di pressione Molta energia di pressione Molta energia cinetica Poca energia cinetica Giranti radiali nq basso Giranti semiassiali nq medio Giranti assiali nq alto Numero caratteristico Velocità di rotazione [giri/min] Portata [m 3 /s] Asse di rotazione nq=n Q 1/2 H 3/4 Prevalenza [m] A parità di diametro il rendimento dipende dalla forma della girante Valore del numero caratteristico A parità di portata e prevalenza il numero caratteristico aumenta all aumentare della velocità di rotazione A parità di numero caratteristico il rendimento aumenta all aumentare delle dimensioni della pompa

17 Caratteristiche delle idrauliche utilizzate per realizzare elettropompe sommergibili Le idrauliche utilizzate nelle elettropompe sommergibili si differenziano notevolmente da quelle utilizzate nelle pompe per liquidi puri. Il problema spesso irrisolvibile è riuscire a movimentare un liquido che per definizione trasporta dei corpi solidi di natura concentrazione e dimensione più disparata ed incontrollabile. Quando entrano nel vortice prodotto dalla girante un granello di sabbia si comporta in maniera completamente diversa da un capello che si comporta in maniera differente di un pezzo di carta che a sua volta si comporta diversamente da un brandello di stoffa che non ha lo stesso comportamento di un brandello di polietilene. Non esiste una soluzione unica la probabilità di intasamento può essere resa caso per caso bassa ma mai completamente annullata. Nel tempo e solo sulla base dell esperienza diretta sono state selezionate delle forme costruttive che si comportano meglio o peggio di altre con i vari reflui che si incontrano nelle applicazioni reali. Ognuna delle idrauliche mostrate risolve alcuni problemi ma ne provoca di collaterali Girante monocanale Vantaggi:grande passaggio curva caratteristica ripida rendimento medio-alto. Svantaggi:l usura non uniforme provoca vibrazioni e sollecitazioni incontrollabili sul rotore Girante arretrata con basso numero di pale Vantaggi:grande passaggio curva caratteristica ripida rendimento basso insensibile all usura da sabbia. Svantaggi:intasabile da stracci Girante arretrata con alto numero di pale Vantaggi:grande passaggio rendimento medio-basso insensibile all usura da sabbia insensibile agli stracci. Svantaggi:curva caratteristica piatta

18 Caratteristiche delle idrauliche utilizzate per realizzare elettropompe sommergibili Girante a canali Vantaggi:rendimento alto. Svantaggi:sensibile ai corpi filamentosi passaggio limitato, curva piatta Girante con bordo di ingresso tagliente Vantaggi: rendimento medio passaggio ampio curva ripida permette di movimentare reflui zotecnici Svantaggi:sensibile alla sabbia ed agli stracci Girante a canali e trituratore Vantaggi:piccola portata con alta prevalenza Svantaggi:rendimento medio-basso, pericolo di bloccaggio del motore all avviamento

19 Il prolungamento del bordo di ingresso della palettatura verso l aspirazione migliora la capacità di pompare reflui con forte presenza di materiali filamentosi Giranti monocanale Bordo di ingresso prolungato Bordo di ingresso convenzionale Bordo di ingresso prolungato Bordo di ingresso convenzionale Bordo di ingresso prolungato Giranti a canali Bordo di ingresso convenzionale Giranti a vortice

20 Quando la portata si discosta dal valore che determina un angolo di uscita dalla girante uguale a quello costruttivo della lingua si sviluppano forti accelerazioni locali in quanto il liquido urta il ventre o il dorso della parete fissa ciò determina pulsazioni e perdite per sviluppo di scie vorticose Urto sul dorso a portate basse Angolo costruttivo della lingua La lingua della voluta è inevitabilmente percepita come un ostacolo dal liquido che si avvia ad alta velocità verso la bocca di mandata Bordo di uscita della palettatura Assenza di urto solo alla portata nominale Urto sul ventre a portate alte Evoluzione delle sezioni trasversali dalla lingua fino alla gola del diffusore Bordo di uscita della palettatura Il liquido che fuoriesce dalla girante tende a disporsi secondo un vortice libero per raccoglierlo e portarlo verso la bocca di mandata con un condotto che giace sullo stesso piano del vortice è necessario offrire sezioni di flusso via via più grandi in senso tangenziale Passaggio offerto dalla lingua Traccia del piano su cui si sviluppa il vortice

21 La soppressione della lingua della voluta permette di migliorare il comportamento dinamico della idraulica e la capacità di pompaggio di liquidi carichi Raggio dell anello di diffusione R 3 R 2 Raggio del bordo di uscita dalla girante La superfice di flusso offerta al liquido che esce dalla girante è priva di ostacoli Diffusore ad anello Mandata Bordo di uscita della palettatura All uscita della girante il liquido si dispone secondo un vortice libero e la componente tangenziale della velocità è direttamente proporzionale al raggio Aspirazione c u2 R 2 =c u3 R 3 Nel caso di idrauliche veloci con prevalenza bassa rispetto alla portata (alto numero caratteristico) uno schema costruttivo con diffusore ad anello disassato rispetto alla bocca di mandata permette di diminuire l ingombro radiale della macchina e la sua massa L integrazione in un unico componente dell anello di diffusione e del condotto di aspirazione permette di realizzare un sistema di regolazione fine del gioco particolarmente efficace ed economico

22 Linee guida per la scelta della idraulica di una elettropompa sommergibile Abbiamo visto che La prevalenza dipende dalla velocità del vortice prodotto dalla girante. A parità di prevalenza la velocità del fluido nella macchina è la stessa per qualsiasi pompa centrifuga Il rendimento della pompa ha un punto di massimo Il rendimento della pompa tende a zero sia a portate alte che a portate basse. La forma della girante è determinata dal tipo di refluo che deve essere movimentato e non dal punto di lavoro richiesto Quindi 1)- Non è possibile soddisfare un punto di lavoro con prevalenza alta e portata bassa con una idraulica mossa da un motore lento. 2)- A parità di portata e prevalenza l idraulica è attraversata dal liquido alla stessa velocità sia quando è dimensionata per un motore a 2poli sia quando è dimensionata per un motore a 4poli, l usura è perfettamente la stessa se le due giranti hanno la stessa forma. 3)- L unico modo per limitare le dissipazioni di energia è di scegliere il punto di lavoro in prossimità del punto di massimo rendimento. 4)- Il rischio di intasamento si riduce solo scegliendo una idraulica di forma adeguata al refluo da trattare.

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili M 3000, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive...4 Identificazione prodotto...5 M 3068...6 M 3085...9 M 3102...12 M 3127...16 Selezione del modello

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE

Classificazione delle pompe. Pompe cinetiche centrifughe ed assiali. Pompe cinetiche. Generalità POMPE CINETICHE CLASSIFICAZIONE Pompe cinetiche centrifughe ed assiali Prof.ssa Silvia Recchia Classificazione delle pompe In base al diverso modo di operare la trasmissione di energia al liquido le pompe si suddividono in: POMPE CINETICHE

Dettagli

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in MOTORI CORRENTE ALTERNATA: CARATTERISTICA MECCANICA La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in funzione della velocità di rotazione del rotore n r Alla partenza la C

Dettagli

Le pompe (Febbraio 2009)

Le pompe (Febbraio 2009) Le pompe (Febbraio 2009) Sommario Premessa 2 Classificazione e campi d impiego delle pompe 3 Prevalenza della pompa 4 Portata della pompa 6 Potenza della pompa 6 Cavitazione 6 Perdite di carico 6 Curve

Dettagli

UVO-UCA-UCB. POMPE SOMMERGIBILI Drenaggio e sollevamento acque cariche collettive 2 e 4 poli - 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

UVO-UCA-UCB. POMPE SOMMERGIBILI Drenaggio e sollevamento acque cariche collettive 2 e 4 poli - 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 360 m 3 /h Prevalenza fino a: 62 mc.a. Profondità d immersione max: 12,5 m DN attacchi mandata: 80/100/150 mm Granulometria max: Ø da 50 a 80mm* IP: 68 *a seconda dei modelli

Dettagli

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione)

SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) SISTEMA DI POMPAGGIO (introduzione) Si utilizzano le pompe, per il sollevamento dell acqua dai pozzi e per inviarla ai serbatoi o inviarla ad una rete di distribuzione e comunque per trasferire l acqua

Dettagli

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA)

COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) COMUNE DI CHIUSI (PROVINCIA DI SIENA) PROGETTO ESECUTIVO Depurazione di Chiusi, Sarteano e Cetona Ampliamento impianto di depurazione e collettori fognari al servizio della località Querce al Pino DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI

Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore. Lucia FROSINI Il motore asincrono (4 parte): avviamento, funzionamento da generatore Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it 1 Avviamento del

Dettagli

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento

Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D AnnunzioD Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe

Dettagli

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO.

DFP 13 100/112 ID POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA SERIE 20 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE TECNICHE SIMBOLO IDRAULICO. 3 00/ ID DFP POMPE A PALETTE A CILINDRATA FISSA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le pompe DFP sono pompe a palette a cilindrata fissa, realizzate in quattro diverse grandezze, divise a loro volta in cinque dimensioni

Dettagli

SETTORI DI APPLICAZIONE CIVILE, AGRICOLO, INDUSTRIALE.

SETTORI DI APPLICAZIONE CIVILE, AGRICOLO, INDUSTRIALE. Elettropompe centrifughe monogiranti Serie SETTORI DI APPLICAZIONE CIVILE, AGRICOLO, INDUSTRIALE. IMPIEGHI Convogliamento di acqua e di liquidi chimicamente e meccanicamente non aggressivi (*). Rifornimento

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in "!#%$& '( )* +-,./10 243#,5768)9;: / Nella presente trattazione verranno analizzate alcuni aspetti dell avviamento del motore asincrono trifase ed alcuni problemi relativi. L argomento trattato nella presente

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE c/o Schneider Electric S.p.A. Via Orbetello 140 10148 TORINO Stefano PANI Sommario 1. Consumo d elettricità 2. Il motore

Dettagli

FEKA VS - FEKA VX. DAB PUMPS si riserva il diritto di apportare modifiche senza obbligo di preavviso

FEKA VS - FEKA VX. DAB PUMPS si riserva il diritto di apportare modifiche senza obbligo di preavviso FEKA FEKA VS - FEKA VX Prodotto dal design innovativo e moderno Facilità e velocità di manutenzione Adattabile a qualsiasi tipologia di impiego Girante di ampia dimensione e alta efficienza Supporti cuscinetti

Dettagli

Servomotori Brushless Linearmech

Servomotori Brushless Linearmech I martinetti meccanici con vite a sfere possono essere motorizzati con i Servomotori Brushless di produzione Lineamech. Per questa gamma di servomotori, denominata serie BM, Linearmech ha deciso di utilizzare

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

Impianto di Sollevamento Acqua

Impianto di Sollevamento Acqua CORSO DI FISICA TECNICA e SISTEMI ENERGETICI Esercitazione 3 Proff. P. Silva e G. Valenti - A.A. 2009/2010 Impianto di Sollevamento Acqua Dimensionare un impianto di sollevamento acqua in grado di soddisfare

Dettagli

SILEA SpA - Via Collegio di Spagna 34-40064 Ozzano Emilia (BO) - Italy Tel +39 051 799229 Fax +39 051 799268 e-mail: info@silea.it web: www.silea.

SILEA SpA - Via Collegio di Spagna 34-40064 Ozzano Emilia (BO) - Italy Tel +39 051 799229 Fax +39 051 799268 e-mail: info@silea.it web: www.silea. GRUPPO ELETTRO SERIE 1056 Il Gruppo Elettropompa Silea, serie 1056, è composto da una pompa, da un motore e da una trasmissione meccanica, tutto su di un basamento. L impianto funziona tramite motore elettrico

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE

DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE DIMENSIONAMENTO DEL MARTINETTO PER RICIRCOLO DI SFERE Per un corretto dimensionamento del martinetto a ricircolo di sfere è necessario operare come segue: definizione dei dati del dell applicazione (A)

Dettagli

MINI-SVO. POMPE SOMMERGIBILI Acque cariche domestiche 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

MINI-SVO. POMPE SOMMERGIBILI Acque cariche domestiche 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 18 m3/h Prevalenza fino a: mc.a. Temperatura d esercizio: da 0 a +40 C Profondità d immersione max: 5 m DN attacchi mandata: R1 1/2 Granulometria max: Ø 35 mm* * Max. 60 C

Dettagli

AZIONAMENTI ELETTRICI

AZIONAMENTI ELETTRICI AZIONAMENTI ELETTRICI SORGENTE ENERGIA UTENTE SUPERVISORE PROCESSO C I R C U I T O D ' I N T E R F A C C I A CONVERTITORE STATICO CIRCUITO DI CONTROLLO SENSOR I \ \ MOTORE TRASMISSIO NE MECCANICA CARICO

Dettagli

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 Modelli: standard, portatile, automatica 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI VANTAGGI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 5 m 3 /h Prevalenza max: 50 mc.a. Pressione d esercizio max: 8 bar Altezza d aspirazione max: 8 m Temperatura fluido max: +35 C Temperatura ambiente max: +40 C DN Attacchi:

Dettagli

Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011. Ama Porter 5

Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011. Ama Porter 5 Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011 Ama Porter Scheda tecnica Descrizione Pompe sommergibili monofasi e trifasi per sollevamento di acque nere provenienti da scarichi fognari civili e industriali

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante

LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante IDRAULICA LEGGE DI STEVIN (EQUAZIONE FONDAMENTALE DELLA STATICA DEI FLUIDI PESANTI INCOMPRIMIBILI) z + p / γ = costante 2 LEGGE DI STEVIN Z = ALTEZZA GEODETICA ENERGIA POTENZIALE PER UNITA DI PESO p /

Dettagli

Capitolo 3 (71-108):Pag. 231/276 26-05-2008 10:03 Pagina 71. C a t a l o g o t e c n i c o C i r c o l a z i o n e D U E - 2 0 0 9

Capitolo 3 (71-108):Pag. 231/276 26-05-2008 10:03 Pagina 71. C a t a l o g o t e c n i c o C i r c o l a z i o n e D U E - 2 0 0 9 Capitolo (71-108):Pag. 21/276 26-05-2008 10:0 Pagina 71 C a t a l o g o t e c n i c o C i r c o l a z i o n e D U E - 2 0 0 9 Etanorm / Etanorm SYA Capitolo (71-108):Pag. 21/276 26-05-2008 10:0 Pagina

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili N 3000, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili N 3000, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili N 3000, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive, pompe piccole.4 Caratteristiche costruttive, pompe medie...5 Identificazione prodotto...6 N 3085...7

Dettagli

ACQUEDOTTICA ELETTROPOMPE

ACQUEDOTTICA ELETTROPOMPE , AUTOADESCANTI, LOWARA Per acque pulite. Portate e prevalenze di seguito indicate con aspirazione max. 8m da conteggiare nella prevalenza. Bocca di aspirazione assiale e bocca di mandata radiale all asse

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Tensione trifase di serie: 3x400 V / 50 Hz Versione speciale a richiesta: 3x460 V / 60 Hz POMPE CENTRIFUGHE ELETTRONICHE

Tensione trifase di serie: 3x400 V / 50 Hz Versione speciale a richiesta: 3x460 V / 60 Hz POMPE CENTRIFUGHE ELETTRONICHE POMPE CENTRIUGE ELETTRONICE KVCE POMPE CENTRIUGE PLURISTADIO AD ASSE VERTICALE CON INVERTER MCE/P DATI TECNICI Campo di funzionamento: da 1 a 12 m 3 /h con prevalenza fino a 110 metri. Liquido pompato:

Dettagli

Prima di analizzare i sistemi di compressione

Prima di analizzare i sistemi di compressione AO automazioneoggi appunti Un aria produttiva appunti L aria compressa è utilizzata in svariate applicazioni ma deve avere caratteristiche operative differenti a seconda della tipologia di impiego: ecco

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili READY, 50 Hz

Catalogo prodotto. Pompe sommergibili READY, 50 Hz Catalogo prodotto Pompe sommergibili READY, 50 Hz Indice Introduzione...3 Caratteristiche costruttive...4 Identificazione prodotto...6 READY 4...7 READY 8...9 READY 16...11 READY 4...13 Selezione del modello

Dettagli

DL 2105A SET DI DIAPOSITIVE 4 DL 2105 KIT PER IL MONTAGGIO DI UN MOTORE ASINCRONO 4

DL 2105A SET DI DIAPOSITIVE 4 DL 2105 KIT PER IL MONTAGGIO DI UN MOTORE ASINCRONO 4 INDEX DL 1010B BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE 2 DL 1010D COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO 2 DL 1012Z BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI 2 DL 2106 KIT PER IL MONTAGGIO DI 2 TRASFORMATORI 3 DL 2106A

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

Capitolo 8 (65-82):87-106 21-07-2008 12:03 Pagina 65. C a t a l o g o t e c n i c o D r e n a g g i o - 2 0 0 9. Amarex N 8

Capitolo 8 (65-82):87-106 21-07-2008 12:03 Pagina 65. C a t a l o g o t e c n i c o D r e n a g g i o - 2 0 0 9. Amarex N 8 Capitolo (65-2):7-106 21-07-200 12:03 Pagina 65 C a t a l o g o t e c n i c o D r e n a g g i o - 2 0 0 9 Capitolo (65-2):7-106 21-07-200 12:03 Pagina 66 Scheda tecnica Descrizione Pompe sommergibili trifasi

Dettagli

Procedura di Analisi del Guasto

Procedura di Analisi del Guasto Procedura di Analisi del Guasto Circolatori Elettronici (ETC, EFC, EFCG) 1) Applicazioni del circolatore Circolazione d'acqua in impianti di riscaldamento, condizionamento e refrigerazione Movimentazione

Dettagli

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con MOTORE ASINCRONO Il Motore Asincrono Trifase (MAT), venne per la prima volta realizzato da Galileo Ferraris nel 1885. Esso viene alimentato direttamente dalla rete di distribuzione, a tensione e frequenza

Dettagli

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 4 Versioni : standard, portatile, automatica e Hydromini 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI

JETSON. Pompa JET AUTO-ADESCANTI ACCIAIO INOX AISI 304 4 Versioni : standard, portatile, automatica e Hydromini 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI CAMPO DI IMPIEGO Portata fino a: 5 m 3 /h Prevalenza fino a: 50 mc.a. Pressione d esercizio: 6 bar Temperatura fluido max: + 35 C Temperatura ambiente max: + 40 C DN Attacchi: G1 Altezza d aspirazione

Dettagli

Filobus con marcia autonoma semplificata

Filobus con marcia autonoma semplificata Organizzato da Area Tematica - 2 (Veicolo) Filobus con marcia autonoma semplificata Autore: Menolotto Flavio Ente di Appartenenza: distribuzione energia elettrica Contatti: Tel. 0322 259715 Cell. 328 2154994

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Soluzione del prof. Paolo Guidi

Soluzione del prof. Paolo Guidi Soluzione del prof. Paolo Guidi Lo schema elettrico del sistema formato dalla dinamo e dal motore asincrono trifase viene proposto in Fig. 1; Il motore asincrono trifase preleva la tensione di alimentazione

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

LE VALVOLE TERMOSTATICHE

LE VALVOLE TERMOSTATICHE LE VALVOLE TERMOSTATICHE Per classificare ed individuare le valvole termostatiche si deve valutare che cosa si vuole ottenere dal loro funzionamento. Per raggiungere un risparmio energetico (cosa per la

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

SHS-SBS. POMPE SOMMERGIBILI Acque chiare, poco cariche e piovane SBS Bassa Pressione - SHS Alta Pressione 2 POLI - 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI

SHS-SBS. POMPE SOMMERGIBILI Acque chiare, poco cariche e piovane SBS Bassa Pressione - SHS Alta Pressione 2 POLI - 50 Hz CAMPO DI IMPIEGO APPLICAZIONI CAMPO DI IMPIEGO Portata max: 57 m 3 /h Prevalenza fino a: mc.a. Temperatura d esercizio: da +3 a +35 C* Granulometria max: Ø 1 mm Densità fluido max: 1,5 ph fluido: 6-11 Profondità d immersione max: 1

Dettagli

CONTROLLARE LE VIBRAZIONI

CONTROLLARE LE VIBRAZIONI Le vibrazioni sono un fenomeno ondulatorio, della stessa natura di quello dei suoni; a differenza di questi, che si propagano nell aria, le vibrazioni diffondono le loro onde nelle strutture solide. Le

Dettagli

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE)

MACCHINE IDRAULICHE Le macchine idrauliche si suddividono in. ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) ELEMENTI DI IDRODINAMICA (3 a PARTE) PERDITE DI CARICO NEI TUBI Le tubature comunemente utilizzate in impiantistica sono a sezione circolare e costante, con conseguente velocità del liquido uniforme e

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Pompe di circolazione

Pompe di circolazione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA Pompe di circolazione per gli impianti di riscaldamento Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Pompe di circolazione

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare

ITI M. FARADAY Programmazione modulare ITI M. FARADAY Programmazione modulare A.S. 2015/16 Indirizzo: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ed ELETTRONICA Classe: V A elettrotecnica settimanali previste: 6 INSEGNANTI: ERBAGGIO

Dettagli

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua

Servomeccanismi 1. Cassa. Albero. 1. Il motore elettrico in corrente continua Servomeccanismi 1 1. Il motore elettrico in corrente continua Descrizione fisica Il motore è contenuto in una cassa che in genere è cilindrica. Da una base del cilindro fuoriesce l albero motore; sulla

Dettagli

6.2 Pompe volumetriche

6.2 Pompe volumetriche 6.2 Pompe volumetriche Le pompe volumetriche sfruttano gli stessi principi di funzionamento degli omonimi compressori, in questo caso però il fluido di lavoro è di tipo incomprimibile. Si distinguono in

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice

Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice Flygt serie D e serie 8000 con girante a vortice 58 Passaggio libero elevato e grande affidabilità Le pompe D vengono impiegate prevalentemente per il pompaggio di liquidi carichi anche abrasivi o nel

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE

MACCHINA ASINCRONA TRIFASE MACCHINA ASINCRONA TRIFASE E una macchina elettrica rotante. Si chiama asincrona perché il rotore ruota ad una velocità diversa dal campo rotante. STRUTTURA. La struttura è la stessa di quella analizzata

Dettagli

*Valori relativi al senso di rotazione orario - antiorario guardando il giunto dal lato che viene azionato.

*Valori relativi al senso di rotazione orario - antiorario guardando il giunto dal lato che viene azionato. MINIFLEX Si tratta di giunti torsionalmente elastici particolarmente versatili ed economici. Sono disponibili due differenti tipi: Tipo LM Sono costituiti da un unica molla a spirale con sezione tonda,

Dettagli

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello

2.2.3 Comportamento degli organi che trasformano l energia meccanica 32 2.2.3.1 Effetti inerziali 32 2.2.3.2 Effetto della rigidezza e dello Indice Prefazione IX 1. Un nuovo approccio alla progettazione e costruzione di macchine 1 1.1 Sistemi tecnici nella costruzione di macchine: esempi 1 1.2 Concetti essenziali del nuovo approccio alla progettazione

Dettagli

Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011. Rotex 3

Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011. Rotex 3 Catalogo tecnico Pompe Drenaggio e Fognatura - 2011 Rotex Scheda tecnica Descrizione Pompe a gambo, con motore esterno al pozzetto di raccolta, per estrazione acque chiare e condensato Struttura della

Dettagli

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA

Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Introduzione alle Macchine Operatrici (macchine a fluido) IV A IPS M.CARRARA Macchine Operatrici Nel presente modulo si vogliono fornire cenni circa le principali macchine operatrici impiegate negli impianti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M334 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTROTECNICA E AUTOMAZIONE Tema di: ELETTROTECNICA (Testo

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto

Ventilatori. Generalità e classificazione VENTILATORI. Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto Generalità e classificazione Apparecchi per il trasporto degli aeriformi (pneumofore) e pompe da vuoto MACCHINE PNEUMOFORE BASSE P applicano energia cinetica Elicoidali In base al moto dell aria Centrifughi

Dettagli

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto pag. 1 PREMESSA Le prove di collaudo o di verifica delle macchine elettriche devono essere eseguite seguendo i criteri stabiliti dalle Norme CEI a meno che non vi siano accordi particolari tra le parti.

Dettagli

Motori Coppia. direct drive technology

Motori Coppia. direct drive technology Motori Coppia direct drive technology I perché dei Motori Coppia? Veloci ed efficaci La tecnologia dei motori coppia viene definita nella progettazione meccanica quale l uso di attuatori che trasferiscono

Dettagli

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2):

Descrizione della trasmissione idraulica CORIMA GROUP (Fig.2): www.barigelli.com www.corimacentrifughe.com ESPOSIZIONE ANALITICA DEI VANTAGGI DELLA TRASMISSIONE IDRAULICA NEI DECANTER CORIMA GROUP 1. REGOLAZIONE EFFICIENTE E UTILIZZO DI BASSI REGIMI DIFFERENZIALI

Dettagli

Generalità sulle elettropompe

Generalità sulle elettropompe Generalità sulle elettropompe 1) Introduzione Ne esistono diverse tipologie ma si possono inizialmente suddividere in turbopompe e pompe volumetriche. Le prime sono caratterizzate da un flusso continuo

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

Elettropompe sommergibili per acque sporche con dispositivo di triturazione Serie

Elettropompe sommergibili per acque sporche con dispositivo di triturazione Serie Elettropompe sommergibili per acque sporche con dispositivo di triturazione Serie DOMO GRI Le elettropompe della serie DOMO GRI sono equipaggiate con un sistema di triturazione estremamente efficiente

Dettagli

NESSUN COMPROMESSO. Trattamento affidabile delle acque reflue

NESSUN COMPROMESSO. Trattamento affidabile delle acque reflue GAMME SE & SL DI GRUNDFOS POMPE PER ACQUE REFLUE SOMMERSE ED INSTALLATE A SECCO 0.9-30 kw 2, 4, 6 POLI 50 HZ NESSUN COMPROMESSO Trattamento affidabile delle acque reflue be think innovate gamma RINNOVATa

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

Pompe. Testi di Riferimento. Versione: 2.0. Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014

Pompe. Testi di Riferimento. Versione: 2.0. Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014 Versione: 2.0 Pompe Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2014 Testi di Riferimento Japikse, D. Centrifugal Pump Design and Performance, ISBN 0-933283-09-1 Pag. 1 Argomenti: Pompe centrifughe pompe assiali Potenza

Dettagli

CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE

CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE 11.1 ATL 10 BSA 10 CARATTERISTICHE MOTORI CARATTERISTICHE MOTORI CORRENTE ALTERNATA TRIFASE Motori asincroni trifase in esecuzione ventilata, con rotore equilibrato dinamicamente. Per l attuatore ATL 10

Dettagli

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione

UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione CORSO DI SPERIMENTAZIONE E PROVE SULLE MACCHINE Docente Prof. L. Postrioti UNI 10531 Ventilatori Industriali: Metodi di prova e di accettazione 1- Generalità La Norma descrive le procedure di prova delle

Dettagli

ING-IND Ingegneria Elettrica

ING-IND Ingegneria Elettrica 1. Diamo subito utili richiami di Elettricità e Magnetismo in forma di formulario sinottico di uso professionale. Questi richiami verranno via via completati con successive aggiunte, a formare un HANDBOOK

Dettagli

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002

Esercizio 20 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 2002 Esercizio 0 - tema di meccanica applicata e macchine a fluido- 00 er regolare il regime di rotazione di un gruppo elettrogeno, viene calettato sull albero di trasmissione del motore un volano in ghisa.

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa

UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA. Stefano Stoppa UTILIZZO DELLE MOTOPOMPE IN EMERGENZA Stefano Stoppa Definizione Le pompe sono componenti idrauliche che, ricevendo energia meccanica da un qualsiasi motore, la trasmettono al liquido che le attraversa.

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento;

N 1 telaio in acciaio di sostegno gruppi completo di forature per l ancoraggio a pavimento; Caratteristiche tecniche relative a N 2 gruppi Turbina Elica Generatore Asincrono Trifase non regolante, Quadro Elettrico di automazione/parallelo gruppi. Dati di Impianto: Q max = 0,64 mc/s Hlordo=9,35

Dettagli

v. p. green Energy G3 30KW

v. p. green Energy G3 30KW v. p. green Energy G3 30KW costruzione molto robusta che si adatta a tutti venti manutenzione ridotta triplo freno a disco non necessita di inverter il migliore compromesso qualità/prezzo diametro del

Dettagli

Descrizione serie: Wilo-DrainLift XXL

Descrizione serie: Wilo-DrainLift XXL Descrizione serie: Wilo-DrainLift XXL Tipo Stazione di sollevamento per acque cariche con 2 pompe installate in luogo asciutto Impiego Stazione di sollevamento acque reflue per il drenaggio di edifici

Dettagli

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo 1 Prefazione Lo scopo principale di queste cabine è quello di ottenere

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

Electrical motor Test-bed

Electrical motor Test-bed EM_Test_bed Page 1 of 10 Electrical motor Test-bed 1. INTERFACCIA SIMULINK... 2 1.1. GUI CRUSCOTTO BANCO MOTORE... 2 1.2. GUIDE... 3 1.3. GUI PARAMETRI MOTORE... 3 1.4. GUI VISUALIZZAZIONE MODELLO 3D MOTORE...

Dettagli

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2012-2013 INTRODUZIONE Docente Francesco Benzi Università di Pavia e-mail: fbenzi@unipv.it Dispense in collaborazione

Dettagli

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar.

HQ03. pompa singola a palette tipo. 20 a 23 gpm) a 1000 rpm e 7 bar. HQ3 Descrizione generale Pompa a palette a cilindrata fissa, idraulicamente bilanciata, con portata determinata dal tipo di cartuccia utilizzato e dalla velocità di rotazione. La pompa è disponibile in

Dettagli

Impianti di sollevamento

Impianti di sollevamento Idraulica Agraria. a.a. 2008-2009 Impianti di sollevamento Idraulica Agraria-prof. A. Capra 1 Impianto di sollevamento Nel campo gravitazionale, per effetto del dislivello piezometrico esistente tra due

Dettagli