GAIO VALERIO CATULLO MATERIALI PER L INTERROGAZIONE DI FEBBRAIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GAIO VALERIO CATULLO MATERIALI PER L INTERROGAZIONE DI FEBBRAIO"

Transcript

1 II CLASSICO GAIO VALERIO CATULLO MATERIALI PER L INTERROGAZIONE DI FEBBRAIO Carme 1, pag. 105 (endecasillabo falecio) Cùi donò lepidùm novùm libèllum àridà modo pùmic e èxpolìtum? Còrnelì, tibi: nàmque tù solèbas *meàs èss e aliquìd putàre nùgas, iàm tum c um àusus es ùnus ìtalòrum òmn e aevùm tribus èxplicàre chàrtis dòctis, Iùppiter, èt labòriòsis. Quàr e habè tibi quìdquid hòc libèlli, quàlecùmque quod ò patròna vìrgo plùs unò maneàt perènne saèclo. A chi dedicare questo grazioso, nuovo libretto appena ora levigato dall aspra pomice? A te, Cornelio; infatti tu eri solito considerare di un certo valore queste mie coserelle (nugae) già da quando osasti, unico tra gli Italici, illustrare la storia universale in tre libri grondanti scienza, per Giove,.. e sudore. Dunque, eccoti questo libretto, così com è, qualunque valore abbia; e tu, Vergine Musa, mia protettrice, (fa che) possa vivere più di una generazione. Nella poetica ellenistica, ispirata all epicureo vivi nascostamente, viene rifiutato l ideale tradizionale di gloria imperitura e si punta a panorami più quotidiani e familiari. Da qui deriva la supplica per una fama che superi almeno una generazione, non di più; da qui derivano anche l autoironia e l ironia con cui il topos dell invocazione e della dedica è trattato. Catullo è consapevole di sviluppare un genere minore, come l epigramma (le nugae): ciò non ostante sa anche che solo in questo genere letterario gli sarà possibile toccare i temi psicologici e personali che più gli stanno a cuore: l amicizia e l amore. Inoltre la brevità dei componimenti gli consente di raggiungere una perfezione formale impossibile da ottenere nel poema epico ( Anche Omero talora sonnecchia è appunto un detto ellenistico). Quanto all ironia, essa è tipica dei rapporti più intimi e sinceri, dove è consentito anche lo scherzo e persino lo sfottò. Anche in questo caso la motivazione deriva dall influenza epicurea, che ricerca una voluptas nei rapporti umani. Catullo quasi sempre domina questo strumento con grande raffinatezza, come qui (le chartae laboriosae!, che ispirano le sudate carte leopardiane o l opera d inchiostro ariostesca), anche se in altri componimenti l italum acetum dà vita a versi più violenti e beffardi. Carmi 2 e 5, pag 113 e 116. (end. falecio) Pàsser, dèliciaè meaè puèllae, quìcum lùdere, qu i ìn sinù tenère, cùi primùm digitùm dar e àdpetènti èt acrìs solet ìncitàre mòrsus, cùm desìderiò meò nitènti càrum nèscio quìd libèt iocàri èt solàciolùm suì dolòris, crèd o ut tùm gravis àcquièscat àrdor: tècum lùdere sìcut ìpsa pòssem èt tristìs animì levàre cùras! O passero, gioia della mia ragazza, col quale ella è solita giocare, che suole tenere tra le braccia, a cui suole offrire la punta del dito quando chiede (il cibo) e stuzzicare le beccate pungenti, quando al mio splendido amore piace scherzare non so che gioco caro e trovare un minimo sollievo al suo dolore, credo, per alleviare la passione molesta: oh, potessi anch io scherzare con te come fa lei e alleviare le cupe angosce dell animo! Lùget e, ò Venerès Cupìdinèsque, èt quantùmst hominùm venùstiòrum! pàsser mòrtuus èst meaè puèllae, pàsser, dèliciaè meaè puèllae, quèm plus ìll a oculìs suìs amàbat: nàm mellìtus eràt suàmque nòrat Piangete, o Veneri e Amorini, e tutti voi uomini che siete un po più sensibili! E morto il passero della mia fanciulla, il passero, delizia della mia fanciulla, che ella amava più dei suoi occhi. Infatti era delizioso (= dolce come il miele) e conosceva la sua padrona così bene

2 ìpsam tàm bene quàm puèlla màtrem, nèc ses e à gremi o ìllius movèbat, sèd circùmsilièns mod o hùc mod o ìlluc àd solàm domin am ùsque pìpiàbat. Quì nunc ìt per itèr tenèbricòsum ìlluc, ùnde negànt redìre quèmquam. àt vobìs male sìt, malaè tenèbrae Òrci, qu ae òmnia bèlla devoràtis: tàm bellùm mihi pàsserem àbstulìstis. Ò factùm male, ò misèlle pàsser: tùa nùnc operà meaè puèllae flèndo tùrgidulì rubènt ocèlli. come una figlia (conosce) sua madre, e non si muoveva dal suo grembo, ma saltellando ora qua ora là pigolava sempre (rivolto) alla (sua) sola padrona. Ora egli va per quel cammino tenebroso da cui dicono che non torni nessuno. Ma sia maledizione a voi, malvagie tenebre dell Orco che divorate tutte le cose graziose; mi avete portato via un passero così grazioso. Che disgrazia! O povero il mio passerotto! Ora per causa tua gli occhietti della mia fanciulla sono rossi e un po gonfi per il pianto. Nel mondo ellenistico era diffusa la vendita di cicale, grilli e uccellini come trastulli per i bambini, ma graditi anche agli adulti, che nelle metropoli ellenistiche sentivano la mancanza di un rapporto diretto con la natura. Vari poeti e poetesse alessandrini hanno trattato dei giochi infantili ispirati a questi animaletti o della loro morte. Catullo, pur traendo spunto da questa tradizione, arricchisce la tematica con un aspetto più personale e una lettura polisemica (cioè a diversi livelli di interpretazione, come in Dante). Tradizionalmente, il dono di un passero, animale totemico sacro a Venere, sanciva l unione di una nuova coppia. Le vicende e la morte del passero assumono così diversi significati: 1. il senso letterale dell epigramma vive della freschezza e dell immediatezza che promana dal quadretto intimo e familiare (tema caro all ellenismo). In tal senso sono da leggere anche i molti diminutivi, propri del linguaggio colloquiale (v. epistolario di Cic.); 2. la morte dell animale, poi, assume valore universale: diventa una meditazione sulla caducità della vita umana e sul carpe diem epicureo (altra tematica tradizionale); 3. l animale è emblema del rapporto tra Catullo e Lesbia: l atteggiamento disimpegnato e superficiale della donna verso il passero allude al rapporto contrastato con il poeta. Così la sua morte sembra divenire presagio della fine dei rapporti tra i due giovani (è questo l aspetto più innovativo e moderno, perché rende più soggettivo e personale il tema, indicando la via alla grande poesia elegiaca latina successiva). L EPIGRAMMA ELLENISTICO Di grande fascino sono le due raccolte di epigrammi greci sopravvissute al Medioevo: l Antologia Palatina (15 libri e 3700 componimenti!) e l Antologia Planudea, l unica conosciuta in epoca rinascimentale. Numerosi e di tutte le epoche gli autori che vi sono presenti. Tra i primi in ordine cronologico, compare la poetessa Anite, che fiorì intorno al 300 a. Cr. Ella canta il sentimento bucolico per una natura perduta (nei grandi centri ellenistici) ed esprime simpatia e amore per gli animali e per i bambini. Accanto ad epitafi reali, compose anche epitafi fittizi, tra cui quelli che qui ho citato. Leonida, nato a Taranto nel 320 a. Cr., fu poeta alla corte di Pirro, ma alla morte del suo protettore si diede a una vita errante e di miseria. Possediamo un centinaio di suoi componimenti. Celebre è quello riportato, che scherza con la sua miseria e con il povero topo penetrato nel suo tugurio: il tipo di autoironia qui rappresentato può ritrovarsi in Catullo nell epigramma dell invito a cena ( il borsellino del tuo Catullo è pieno di ragnatele ). Spesso però Leonida è solo un pedante versificatore che crea quadretti di genere, così come Aristone. ANITE (Ant. Pal. VII, 90) A un grillo, usignolo dei campi, e a una cicala, ospite delle querce, piangendo molte lacrime infantili, una tomba comune fece Miro. Ade crudele le strappò di colpo i suoi cari giocattoli. LEONIDA (Ant. Pal. 302) Via dalla mia tana, topo notturno: nella misera dispensa di Leonida c è poco. Una presa di sale e due pani d orzo: la dieta che i miei avi mi lasciarono; e di questa mi vanto. E allora perché piccolo goloso frughi in questo buco? Qui non ci sono avanzi di banchetti. ANITE (Ant. Pal. VI, 312) Misero briglie di porpora e un morso alla tua bocca ispida alcuni fanciulli, o capro, ed ora giocano alle corse dei cavalli davanti al tempio del dio. Vogliono che impari a portarli paziente mentre giocano. ARISTONE (Ant. Pal. VI, 303) Se siete usciti qui in cerca di pane, o topi, andate a fare un altro buco; la mia è solo una povera capanna. Formaggio grasso troverete altrove e fichi secchi, ed una buona cena con briciole abbondanti. E se tentate d affondare ancora i denti nei miei libri, piangerete

3 Fila in altra casa (io ho povere cose): là troverai grande abbondanza. poi per il vostro misero festino. Agli epigrammi antichi mi piace abbinare due liriche di Umberto Saba tratte da Trieste e una donna, perché anche in questo componimento leggo sentimenti di affetto, l esaltazione della semplicità e del mondo quotidiano, l amore profondo, che lega il poeta sia alla sua donna che agli animali domestici. Nella ricerca di sincerità, semplicità e immediatezza, il poeta triestino (in muta polemica col vate D Annunzio), fino al limite estremo della regressione all infanzia, esalta le similitudini più banali, quelle con gli animali da cortile (la gatta, la cagna, la gallina, la giovenca, la coniglia, la rondine, l ape). Sono i sereni animali che avvicinano a Dio, cioè che rispecchiano meglio la purezza e l innocenza originale del Creato. L effetto complessivo si avvicina molto a quello dell epigramma ellenistico, sia per il tema dell amore (qui però domina quello coniugale), sia per il quadretto domestico e quotidiano, sia per l approfondimento filosofico - religioso (qui prevale il secondo), che arricchisce il componimento. L apparente semplicità delle immagini poetiche cela invece la profonda sensibilità e l originalità del poeta, che sfrutta queste similitudini in modo inedito.

4 UMBERTO SABA da Trieste e una donna A MIA MOGLIE Tu sei come una giovane una bianca pollastra. Le si arruffano al vento le piume, il collo china per bere, e in terra raspa; ma, nell'andare, ha il lento tuo passo di regina, ed incede sull'erba pettoruta e superba. È migliore del maschio. È come sono tutte le femmine di tutti i sereni animali che avvicinano a Dio, Così, se l'occhio, se il giudizio mio non m'inganna, fra queste hai le tue uguali, e in nessun'altra donna. Quando la sera assonna le gallinelle, mettono voci che ricordan quelle, dolcissime, onde a volte dei tuoi mali ti quereli, e non sai che la tua voce ha la soave e triste musica dei pollai. Tu sei come una gravida giovenca; libera ancora e senza gravezza, anzi festosa; che, se la lisci, il collo volge, ove tinge un rosa tenero la tua carne. se l'incontri e muggire l'odi, tanto è quel suono lamentoso, che l'erba strappi, per farle un dono. È così che il mio dono t'offro quando sei triste. Tu sei come una lunga cagna, che sempre tanta dolcezza ha negli occhi, e ferocia nel cuore. Ai tuoi piedi una santa sembra, che d'un fervore indomabile arda, e così ti riguarda come il suo Dio e Signore. Quando in casa o per via segue, a chi solo tenti avvicinarsi, i denti candidissimi scopre. Ed il suo amore soffre di gelosia. Tu sei come la pavida coniglia. Entro l'angusta gabbia ritta al vederti s'alza, e verso te gli orecchi alti protende e fermi; che la crusca e i radicchi tu le porti, di cui priva in sé si rannicchia, cerca gli angoli bui. Chi potrebbe quel cibo ritoglierle? chi il pelo che si strappa di dosso, per aggiungerlo al nido dove poi partorire? Chi mai farti soffrire? Tu sei come la rondine che torna in primavera. Ma in autunno riparte; e tu non hai quest'arte. Tu questo hai della rondine: le movenze leggere: questo che a me, che mi sentiva ed era vecchio, annunciavi un'altra primavera. Tu sei come la provvida formica. Di lei, quando escono alla campagna, parla al bimbo la nonna che l'accompagna. E così nella pecchia ti ritrovo, ed in tutte le femmine di tutti i sereni animali che avvicinano a Dio; e in nessun'altra donna. UMBERTO SABA da Trieste e una donna LA GATTA La tua gattina è diventata magra. Altro male non è il suo che d amore: male che alle tue cure la consacra.

5 Non provi un accorata tenerezza? Non la senti vibrare come un cuore sotto alla tua carezza? Ai miei occhi è perfetta come te questa tua selvaggia gatta, ma come te ragazza e innamorata, che sempre cercavi, che senza pace qua e là t aggiravi, che tutti dicevano: E pazza. E come te ragazza. Carme 51 p. 120 (strofa saffica) Ìlle mì par èsse deò vidètur, ìlle, sì fas èst, superàre dìvos, quì sedèns advèrsus idèntidèm te spèctat et àudit dùlce rìdentèm, miserò quod òmnes èripit sensùs mihi: nàm simùl te, Lèsbi a, àspexì, nihil èst supèr mi <vòcis in òre;> lìngua sèd torpèt, tenuìs sub àrtus flàmma dèmanàt, sonitù suòpte tìntinànt aurès, geminà tegùntur lùmina nòcte. Òtiùm, Catùlle, tibì molèstumst: òti o èxsultàs nimiùmque gèstis: òti um èt regès prius èt beàtas pèrdidit ùrbes. Mi sembra che sia pari a un dio e, se è lecito dirlo,mi sembra che superi gli dei, quell uomo che, sedendo di fronte a te, ti contempla e ti ascolta sorridere dolcemente, e questa (visione) mi impedisce ogni sensazione; infatti, non appena ti vedo, o Lesbia, non mi resta un filo di voce, ma la lingua mi si paralizza, un fuoco penetrante scorre per le membra, le orecchie rimbombano di un ronzio interno, gli occhi sono avvolti da una duplice (impenetrabile) notte. L ozio, Catullo, ti fa male; è per l ozio che smani e troppo ti ecciti. Già altre volte l ozio ha mandato in rovina re e città felici. Delle due odi saffiche presenti nel liber, questa è quella che canta l emozione dell amore ai suoi inizi; l altra, Furi et Aureli, comites Catulli segna invece il duro e sdegnato commiato dall infedele Lesbia. Se Saffo aveva scandalizzato e affascinato con la confessione della sua passione attraverso l elenco delle sensazioni fisiologiche che l accompagnano, a Roma nessun poeta prima di Catullo aveva mai osato dichiarare con tanta sincerità e immediatezza i suoi sentimenti più intimi, rivelati dalla fisiologia dell amore. Il confronto con la lirica di Saffo è obbligato: vedi il libro. Il tema dell otium, tipicamente romano, arricchisce il finale catulliano, che per il resto è una traduzione, seppur libera, del modello greco (v. la poetica dell imitazione negli appunti): nell originale greco invece la poetessa esprime rassegnazione ( ma tutto bisogna sopportare ) Questa tematica si spiega forse contrapponendola alla mentalità ciceroniana (dove l otium è quello filosofico e letterario, ma strettamente correlato al negotium, cioè alla carriera forense, politica o militare) Nella concezione di Catullo e dei neoteroi, vivere è fare poesia e dedicarsi all amore, anzi è questo l unico modo di rendere la vita accettabile, in una forma di estetismo ante litteram; vengono così rifiutati gli impegni politici e istituzionali, secondo il dettame epicureo (lathe biosas). Tuttavia Catullo sente che questa vita bohémienne, sregolata e passionale, pur essendo l unica che egli si sente di intraprendere, lo consuma intimamente e rischia di portarlo alla morte. Carme 72 p. 125 (distico elegiaco) Dìcebàs quondàm solùm te nòsse Catùllum Dicevi un tempo che il solo Catullo tu volevi, o Lesbia, e che al mio posto non avresti voluto abbracciare neppure Giove.

6 Lèsbia nèc prae mè vèlle tenère Iovèm. Dìlexì tum tè non tànt um ut vùlgus amìcam, sèd pater ùt gnatòs dìligit èt generòs. Nùnc te cògnovì: quar e èts i impènsius ùror, mùlto mì tamen ès vìlior èt leviòr. Quì potis èst? inquìs. Quod amànt em iniùria cògit amàre magìs, sèd bene vèlle minùs. tàlis Allora ti amai, non soltanto come la gente fa con un amica, ma come un padre (che) adora i figli e i nipoti (generi). Ormai a fondo ti conosco: perciò, anche se ardo di un desiderio più intenso, pure sei per me molto più infida ed insignificante. Com è possibile, mi chiedi? Perchè una tale offesa costringe l amante ad amare di più, ma a voler meno bene! L epigramma è giocato sulle antitesi, che consentono di indagare meglio tra le sfumature di un sentimento intenso ed esacerbato. Io-tu; dicebas-cognovi (inteso come contrasto tra passato e presente, tra affermazioni soggettive e verità oggettive); tum-nunc; vulgus-pater; amica-gnati; magis-minus; amare-bene velle: delle varie antitesi, la più significativa è naturalmente l ultima, posta come punta epigrammatica. Dopo la lirica dedicata al foedus amicitiae (giuramento di tenerezza), questa accenna all iniuria (violazione del giuramento, offesa intima). E stato sottolineato che il tema della fedeltà al giuramento d amore rivela un sentimento tipico dell uomo romano, particolarmente sensibile a questo valore. Ancora un abbinamento con Saba, che tratta spesso del tema della gelosia (l abbiamo già citato nella sua lirica precedente). Di te mi parla una voce importuna sembra proprio una traduzione libera dell epigramma catulliano, anche se con premesse diverse: Catullo si scopre tradito, Saba solo deluso e amareggiato da un rapporto difficile che non offre tutta la gioia che inizialmente egli sognava. Anche qui l alternanza dei pronomi di 1, 2 e 3 persona sembra oggettivare sentimenti o atteggiamenti interiori dell animo del poeta stesso (la voce della ragione interroga il tu passionale). UMBERTO SABA NUOVI VERSI ALLA LINA Di te mi parla una voce importuna. Dice: Tu l ami, e non ne hai gioia alcuna. Solo il pensiero di lei ti consuma. Tu non l odii: perchè? La fede che le porti è ben tenace. Ma non l onesto, il torbido a lei piace. Che mai non ama più della sua pace? Tu non l odii: perchè? E bella sì, ma ne vediamo tante più leggiadre di lei, di lei men stanche. Dice: un amore come il nostro grande immortale, perchè? Carme 8 pag. 126 (trimetro giambico ipponatteo o scazonte) Misèr Catulle dèsinas inèptìre et quòd vides perìsse perditùm dùcas. Fulsère quondam càndidi tibì sòles cum vèntitabas quò puella dùcèbat amàta nobis quànt um amabitùr nùlla. Ib i ìlla multa tùm iocosa fìèbant, quae tù volebas nèc puella nòlèbat. Fulsère vere càndidi tibì sòles. Nunc i am ìlla non vult: tù quoqu e impotèns nòli nec quaè fugit sectàre, nec misèr vìve, sed òbstinata mènte perfer òbdùra. Infelice Catullo, smettila di fare follie, e ciò che vedi perduto, consideralo perduto. Brillarono un tempo per te splendidi giorni, quando tu correvi dove voleva la tua ragazza, amata da noi quanto nessun altra sarà amata. E là allora avvenivano quei molti giochi d amore che tu bramavi e che la ragazza non rifiutava. Davvero brillarono per te splendidi giorni! Ora ella non vuole più: anche tu, se non puoi, non volere, non continuare a cercare ciò che ella evita, non vivere infelice,

7 Valè puella. Iàm Catullus òbdùrat, nec tè requiret nèc rogabit ìnvìtam: at tù dolebis cùm rogaberìs nùlla. Scelèsta vae te, quaè tibi manèt vìta? quis nùnc t_adibit? cùi videberìs bèlla? Quem nùnc amabis?cùius esse dìcèris? quem bàsiabis? cùi labella mòrdèbis? At tù Catulle, dèstinatus òbdùra. ma con cuore ostinato sopporta, resisti! Addio, ragazza. Ormai Catullo resiste e non tornerà a cercarti, non ti supplicherà, se tu non vuoi: ma tu te ne dorrai, quando non sarai supplicata più! Maledetta, guai a te! Che (razza di) vita ti resta? Chi ora verrà da te? A chi sembrerai carina? Chi amerai ora? A chi si dirà che appartieni? Chi bacerai? A chi morderai le labbra? Ma tu, Catullo, ostinato, resisti! Il trimetro giambico scazonte fu scelto da Catullo per quel ritmo spezzato, come ad imitare il singhiozzo che ferma le parole in gola per la commozione. Il ricco gioco dei piani temporali (presente, passato e futuro) intensifica l emozione del poeta tradito e abbandonato, tanto più sofferente in quanto all inizio aveva conosciuto la felicità. Anche l uso del tu è significativo: il poeta sembra sdoppiarsi, per cui l io razionale consiglia al tu passionale di abbandonare un amore infelice. E il topos poi imitatissimo dell oggettivazione dei sentimenti. L epigramma termina con lo stilema ipponatteo dell αρα, la maledizione. Eppure, anche nel finale domina l eros deluso che si fa pensiero ossessivo, gelosia, follia della passione. Le anafore di pronomi e di intere frasi simboleggiano appunto il tornare sterilmente dei pensieri al passato perduto (perisse perditum). Il confronto più naturale con la letteratura italiana, in questo caso, mi pare quello con l episodio della follia di Orlando. Carme 85 pag. 130 Òd i et amò. Quar e ìd faciàm fortàsse requìris. Nèscio, sèd fierì sènti o et èxcruciòr. Odio ed amo. Perché faccia questo, forse ti chiedi. Non so, ma sento che avviene e mi tormento. Tornano ancora numerose antitesi, come emblema del dilemma interiore del poeta: odi-amo; ego-tu; faciam-fieri; requiris-nescio o requiris-sentio. Ragione e passione ancora una volta sono simboleggiate dai pronomi io-tu, in cui sembra che l animo del poeta sia scisso. Il verbo excrucior indica l esito finale del rovello interiore: un tormento doloroso che porta alla morte, come in croce. Molto interessante è il confronto con una delle liriche di Ungaretti dedicate al figlio morente (un appendicite mal curata durante il soggiorno brasiliano del poeta). Nel linguaggio essenziale ed ermetico, il gioco delle antitesi resta sottinteso, intuibile solo grazie al confronto col modello classico; compare invece solo uno dei termini, intensificato dall anafora: E t amo, t amo. Il pensiero sottinteso è T amo, ma non posso salvarti. L esito del dilemma insolubile è sempre un dolore devastante (lo schianto ). Che Ungaretti abbia ripreso il distico catulliano è giustificato dal fatto che questa lirica appartiene al secondo periodo, quello degli anni Trenta e Quaranta, in cui il poeta riscopre il valore della classicità, dopo il suo arrivo a Roma come insegnante. GIUSEPPE UNGARETTI da Il dolore (8) E t amo, t amo, ed è continuo schianto!... Carme 76 pag. 134 (distico elegiaco) Sìqua recòrdantì benefàcta priòra volùptas èst hominì, cum sè cògitat èsse piùm, nèc sanctàm violàsse fidèm nec foèder e in ùllo dìv um ad fàllendòs nùmin e abùs um hominès, mùlta paràta manènt in lòng a aetàte Catùlle, èx hoc ìngratò gàudi a amòre tibì. PREGHIERA AGLI DEI Se il bene compiuto dà qualche gioia nel ricordo (lett.: Se un qualche piacere c è per l uomo che ricorda le buone azioni del tempo passato), pensando di essere onesto, di non aver violato un sacro patto, né di aver invocato la potenza degli dei, in un patto giurato, per ingannare gli uomini,

8 Nàm quaecùmqu e hominès bene cùiqu am aut dìcere pòssunt àut facer e, haèc a tè dìctaque fàctaque sùnt; òmniaqu e ìngrataè perièrunt crèdita mènti. Quàre cùr te iàm àmplius èxcruciès? Quìn t u anim um òffirmàs atqu e ìstinc tèque redùcis èt dis ìnvitìs dèsinis èsse misèr? Dìfficilè_ e st longùm subitò depòner e amòrem. Dìfficilè e st, ver um hòc quà lubet èfficiàs. ùna salùs haec èst, hoc èst tibi pèrvincèndum (es. spondaico) hòc faciàs, siv e ìd nòn pote sìve potè. ò di, sì vestrùm e st miserèr e aut sì quibus ùmquam èxtremàm i am ips a ìn mòrte tulìstis opèm mè miser um àspicit e èt, si vìtam pùriter ègi, èripit e _hànc pestèm pèrnicièmque mihì, quaè mihi sùbrepèns imòs ut tòrpor in àrtus èxpulit èx omnì pèctore laètitiàs. Nòn i am illùd quaerò, contrà m e ut dìligat ìlla, àut, quod nòn potis èst, èsse pudìca velìt: ìpse valèr e opt o èt taetr um hùnc depònere mòrbum. ò di, rèddite m i hòc prò pietàte meà. allora, o Catullo, ti restano molte gioie già pronte per lungo tempo a venire a causa di questo sventurato amore. Infatti tutto ciò che di bene gli uomini possono dire e fare, è stato detto e fatto da te; e tutto è andato perduto, per essere stato offerto ad un anima ingrata. E allora perché dovresti tormentarti sempre più? perché non ti fai coraggio nell animo e non ti stacchi da lei (da qui) e non smetti di essere infelice contro il volere divino? E difficile troncare di colpo un lungo amore. Difficile: ma lo devi fare in qualunque modo. E l unica salvezza, devi vincere tu: fallo, sia che ci riesca, sia che non ci riesca! O dei, se è vostra prerogativa provare pietà, o se mai nel (giorno) estremo, proprio in punto di morte aiutaste qualcuno, volgete gli occhi verso me, infelice, e se davvero sono vissuto onestamente, sradicate dall animo questa peste che m annienta, che insinuandosi a fondo nelle carni, come un torpore, mi ha sottratto ogni gioia da tutto il mio cuore. Ormai non chiedo più che ella contraccambi il mio amore, né, cosa impossibile, che accetti di essere onesta: io voglio star bene e liberarmi da questo male orribile. O dei, accordatemi questa (grazia), in cambio della mia fede in voi! E forse il componimento più complesso, se escludiamo i carmina docta. Anche in questo caso lo spunto letterario fa capo a Saffo e alla sua splendida preghiera ad Afrodite. La struttura delle liriche è analoga, tipica degli stilemi eucologici: La preghiera inizia presentando in forma dubitativa e ipotetica i meriti passati del supplice (i bene facta, l essere pium, cioè fedele, non aver violato il foedus), Viene poi presentata la situazione dolorosa in cui si trova il poeta, per l ingratitudine di Lesbia. Seguono l invocazione diretta agli dei, esaltati per i loro meriti (la pietas, cioè la misericordia, e l aver donato salvezza in passato) e la richiesta di grazia (strappare dal cuore quella passione rovinosa). La precisazione che ormai ha rinunciato a chiedere la grazia di poter godere dell amore di Lesbia non suona come rimprovero agli dei, perché è cosa impossibile: è la donna ad essere insensibile (tuttavia sembra una preterizione: nell animo di Catullo forse alberga ancora un ultima speranza?). Il finale rivela il tipico sentimento religioso degli antichi: la religione è seguita per utilitarismo. Il do ut des, lo scambio di favori era alla base di questa mentalità abbastanza infantile e meschina. Saffo Frammento 1 O mia Afrodite dal simulacro colmo di fiori, tu che non hai morte, figlia di Zeus, tu che intrecci inganni, o dominatrice, ti supplico, non forzare l'anima mia con affanni né con dolore; ma qui vieni. Altra volta la mia voce udendo di lontano la preghiera ascoltasti, e lasciata la casa del padre sul carro d'oro venisti. Leggiadri veloci uccelli sulla nera terra ti portarono, dense agitando le ali per l'aria celeste. e che cosa un'altra volta invocavo, e che più desideravo nell'inquieta anima mia. " Chi vuoi che Péito spinga al tuo amore, o Saffo? Chi ti offende? Chi ora ti fugge, presto t'inseguirà, chi non accetta doni, ne offrirà, chi non ti ama, pure contro voglia, presto ti amerà." Vieni a me anche ora: liberami dai tormenti, avvenga ciò che l'anima mia vuole: aiutami, Afrodite.

9 E subito giunsero. E tu, o beata, sorridendo nell'immortale volto chiedesti del mio nuovo patire, Anche se i contenuti del carme sono analoghi a quelli della preghiera catulliana (invocazione agli dei, rievocazione dei meriti trascorsi del supplice e della divinità, richiesta di aiuto), si possono notare differenze sostanziali. 1. Catullo insiste sui suoi meriti: i bene facta e i bene dicta, l aver mantenuto la fides e la pietas, insomma l aver tentato tutto il possibile. Al contrario le benemerenze delle divinità (genericamente non specificate) sono citati in forma vaga ipotetica. Saffo invece si rivolge alla sola Afrodite, a cui ha dedicato la sua vita, ne magnifica la potenza e l aiuto, ne rievoca l apparizione miracolosa in un occasione precedente, ne accompagna il nome con epiteti affettuosi (mia, beata). 2. Catullo dice che gli dei non hanno risposto al suo desiderio più intimo, che Lesbia lo ami e gli sia fedele; Saffo invece ricorda l aiuto ricevuto in un occasione precedente e quindi il suo tono è più convinto ed entusiasta. 3. Per questo le due richieste sono di natura opposta: Catullo chiede di essere liberato dall amore, Saffo di ottenere l oggetto del suo desiderio. 4. Anche il fatto che Catullo non nomini alcun dio specifico rivela un atteggiamento di tipo epicureo: forse gli dei esistono, ma di essi l uomo non conosce nulla. E allora che senso assume la sua preghiera? Non mi pare che sia un atto formale, come quando ci si rivolgeva agli aùguri per tradizione, anche se non si credeva più alle loro capacità oracolari; piuttosto sembra addirittura un atto disperato, l ultimo tentativo di salvarsi da una passione malsana. La preghiera potrebbe anche sgorgare spontanea da un animo che per il dolore e la debolezza è regredito all infanzia, con le sue innocenti e spontanee manifestazioni; ancora, potrebbe essere motivata dal fatto che, essendo la passione un atto irrazionale, possa suscitare il desiderio di un gesto altrettanto irrazionale, cioè la preghiera (anche se il ragionamento di Catullo è perfettamente logico e suona come un sillogismo: se Catullo ha meritato un premio, se gli dei premiano chi se lo merita, allora Catullo deve essere esaudito!). Carme 46 pag: 140 (endecasillabo falecio) Iàm ver ègelidòs refèrt tepòres, iàm caelì furor aèquinòctiàlis iòcundìs Zephirì silèscit àureis. Lìnquantùr Phygiì, Catùlle, càmpi Nìcaeaèqu e ager ùber aèstuòsae; àd claràs Asiaè volèmus ùrbes. Iàm mens praètrepidàns avèt vagàri, Iàm laetì studiò pedès vigèscunt. Ò dulcès comitùm valète coètus, lònge quòs simul à domò profèctos dìversaè variaè viaè repòrtant. Già la primavera riporta i tepori che sciolgono le nevi, già l impeto tempestoso del clima equinoziale si placa ai dolci soffi dello Zefiro. Lascia, Catullo, le pianure della Frigia e il fertile suolo della torrida Nicea: voliamo verso le (più) famose città dell Asia! Già il cuore in affanno smania di viaggiare, già i piedi, lieti e ardimentosi, prendono vigore. O dolci compagnie di amici, addio! voi che, partiti insieme a me di casa, per terre lontane, diverse e varie strade riporteranno (pres.) indietro. E una delle liriche ispirate allo sfortunato viaggio nella Troade: rievoca il momento in cui Catullo saluta gli amici, provato nella salute fisica (e morale) proprio quando torna la bella stagione, che consente la navigazione. Sono presenti tre temi tradizionali: il ritorno della primavera, il viaggio di ritorno a casa e l addio agli amici. Il primo è presentato con un contrasto tra immagini invernali e primaverili (vi si può accostare l inizio del sonetto Alla sera del Foscolo). Il tema del ritorno a casa è sviluppato con immagini gioiose, dinamiche (volemus, vagari), percorse da una tensione verso la meta e sostenute da un ritmo incalzante. Nel finale si attenua la serenità del componimento per il pensiero della momentanea perdita degli amici: l addio, l aggettivo dulces, gli avverbi longe e simul, rendono il rammarico per l abbandono della compagnia da parte di Catullo, dopo le lunghe peripezie vissute insieme: diverse vie riporteranno tutti a casa. Il ritmo nel finale rallenta, fino quasi a spegnersi delicatamente nel verso conclusivo, grazie alle tre parole in rima e alle allitterazioni, che sembrano prolungare la durata del verso. Il confronto con il decadente Pascoli è scelto in base al finale, dove emerge, dopo la descrizione festosa della stagione rinnovata, un sentimento malinconico: il pianto della vite potata. La vite sembra esclusa dalla gioia e dalla festa di primavera, dal favellar sonoro delle api (simbolo dell umanità) e il suo pianto simbolicamente richiama l infelicità della vita, anche nei momenti di letizia, il senso di solitudine del poeta, la memoria dei lutti subiti che impedisce un totale e ubriacante abbandono alla stagione propizia.

10 Il sonetto del Foscolo è richiamato solo per la contrapposizione dei due aspetti della natura, quello sereno e lieto accanto a quello inquietante e tempestoso. Questa contrapposizione compare anche in una pagina celebre dell Ortis. Il tema del ritorno in patria potrebbe essere stato di ispirazione al Foscolo (in chiave negativa) anche per A Zacinto (vedi dopo). Primavera di Giovanni Pascoli Ed ecco che un susino bianco sbocciò sul verzicar del grano. Come un sol fiore gli sbocciò vicino un pesco, e un altro. I peschi del filare parvero cirri d'umido mattino. Uscìano le api. Ed or s'udiva un coro basso, un brusìo degli alberi fioriti, un gran sussurro, un favellar sonoro. Dicean del verno, si facean gl'inviti di primavera. Per le viti sole era ancor presto, e ne piangean, le viti, a grandi stille, in cui fioriva il sole. Alla sera di Ugo Foscolo Forse perché della fatal quiete tu sei l immago, a me sì cara vieni, o Sera, e quando ti corteggian liete le nubi estive e i zefiri sereni, e quando dal nevoso aere inquiete tenebre e lunghe all universo meni, sempre scendi invocata, e le secrete vie del mio cor soavemente tieni. Vagar mi fai coi miei pensier su l orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme delle cure onde meco egli si strugge; e mentre io guardo la tua pace, dorme quello spirto guerrier ch entro mi rugge. Carme 31 pag. 143 (trimetro giambico scazonte) Paenìnsularum, Sìrmi o insulàrùmque ocèlle quascumqu e ìn liquentibùs stàgnis marìque vasto fèrt uterque Nèptùnus, quam tè libenter quàmque laetus ìnvìso, vix m i ìpse credens Thìni am atque Bìthìnos liquìsse campos èt videre t e ìn tùto. O quìd solutis èst beatiùs cùris, cum mèns onus repònit ac perègrìno labòre fessi vènimus lar em àd nòstrum desìderatoqu e àcquiescimùs lècto. Hoc èst quod unum e st prò laboribùs tàntis. Salv e ò venusta Sìrmi o atqu e erò gàude gaudète vosqu e o Lìdiae lacùs ùndae: ridète quicquid èst domi cachìnnòrum. O Sirmione, perla di tutte le isole e le penisole, che su limpide acque e sul vasto mare sorreggono l uno e l altro Nettuno, con quanta gioia e quanto volentieri ti rivedo, a stento credendo a me stesso di aver abbandonato la Tinia e le terre bitiniche e di poterti contemplare al sicuro. Oh, che cosa c è di più divino di quando, dimenticati gli affanni, l animo depone il suo fardello (di dolori) e, stanchi per gli strapazzi del viaggio, torniamo a casa nostra e riposiamo nel nostro letto sospirato! Questo (mi) resta in compenso di tante fatiche! (Foscolo: Questo di tanta speme oggi mi resta) Ti saluto, mia bella Sirmione, rallegrati per il (ritorno del) tuo padrone; e gioite anche voi, onde lidie del lago; ridete con tutte le risate che la casa può contenere. Gli elementi tipici, non solo in Catullo, usati per celebrare il proprio luogo natale sono: 1. mettere in relazione il luogo con un mito, una divinità (uterque Neptunus) o un sentimento religioso; 2. celebrarne la bellezza e lo splendore naturali, il clima salubre; 3. la gioia del ritorno dopo un viaggio o la gioia di viverci; 4. l accoglienza festosa che si riceve, il fatto che la terra natale è nodo di affetti; 5. i ricordi d infanzia;

11 6. l allusione al fatto che la terra patria diventerà anche il luogo della sepoltura. Numerosissimi potrebbero essere i brani da accostare a questo celebre epigramma celebrativo della terra natale, che a sua volta riprende e perfeziona un topos diffusissimo. UGO FOSCOLO A ZACINTO Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l inclito verso di colui che l acque cantò fatali, ed il diverso esiglio, per cui bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. Tu non altro che il canto avrai del figlio, o materna mia terra; a noi prescrisse il fato illacrimata sepoltura. GIOSÙE CARDUCCI Traversando la Maremma toscana Dolce paese, onde portai conforme l abito fiero e lo sdegnoso canto e il petto ov odio e amor mai non s addorme, pur ti riveggo, e il cuor mi balza in tanto. Ben riconosco in le usate forme con gli occhi incerti tra l sorriso e il pianto, e in quelle seguo de miei sogni l orme erranti dietro il giovenile incanto. Oh, quel che amai, quel che sognai, fu in vano; e sempre corsi, e mai non giunsi il fine; e dimani cadrò. Ma di lontano pace dicono al cor le tue colline con le nebbie sfumanti e il verde piano ridente ne le piogge mattutine. V. CARDARELLI LIGURIA E la Liguria una terra leggiadra. Il sasso ardente, l argilla pulita, s avvivano di pampini al sole. E gigante l ulivo. A primavera appar dovunque la mimosa effimera. Ombra e sole s alternano per quelle fonde valli che si celano al mare, per le vie lastricate che vanno in su, fra campi di rose, pozzi e terre spaccate, costeggiando poderi e vigne chiuse. In quell arida terra il sole striscia sulle pietre come un serpe. Il mare in certi giorni è un giardino fiorito. Reca messaggi il vento. Venere torna a nascere ai soffi del maestrale. O chiese di Liguria, come navi disposte a esser varate! O aperti ai venti e all onde liguri cimiteri! Una rosea tristezza vi colora quando di sera, simile ad un fiore che marcisce, la grande luce si va sfacendo e muore. GIUSEPPE UNGARETTI Da L Allegria CASA MIA Sorpresa dopo tanto d un amore Credevo di averlo sparpagliato per il mondo In Foscolo i miti greci (omerici) hanno ampio spazio, mentre le tematiche del ritorno e della tomba Sono presentate in forma negativa: il né più mai iniziale, con la triplice negazione, è fortissimo. Il ricordo del tempo infantile, grazie al verbo giacque, allude già alla concezione pessimistica e all idea della morte illacrimata. Ungaretti propone due soli stilemi, come sempre concentrati nel giro di pochi versi: il ritorno e la sorpresa di trovare nel cuore uno speciale vincolo d affetti per la terra patria. Bisogna ricordare che il poeta si sente un po egiziano, un

12 po parigino, un po Italiano (legato ai luoghi dei sacrifici bellici, il Carso) e solo per tradizione toscano (v. I fiumi). Carducci propone una lirica più complessa dei quanto sembri a prima lettura: il dolce paese di Maremma è tale solo per chi ci è nato e cresciuto, mentre per tutti ha nomea di luogo duro e inospitale (v. i successivi termini fiero, sdegnoso, odio e in Dante Pia de Tolomei o i versi di Inf. 13 «Non han sì aspri sterpi né sì folti/quelle fiere selvagge che 'n odio hanno/tra Cecina e Corneto i luoghi colti.»). I ricordi d infanzia sono evocati in un clima di disperazione totale: sogni e amori giovanili sono andati perduti e la morte è ormai imminente. L unico sollievo sembra venire proprio dal rapporto con la natura e la terra natale. Cardarelli è il poeta che, nel suo tentativo di sintetizzare classicismo e modernità (fa capo alla rivista classicista La ronda, pubblicata fino al 1923), rielabora il tema in maniera quasi completa: sono presenti tutti gli stilemi tradizionali, venati da un sentimento semplice di affetto, ma anche di mistero. Si alternano toni epici ( è gigante l ulivo ) ad altri elegiaci (nel finale), temi mitici (la nascita di Venere, simbolo di fecondità e di potenza vitale) ad altri più oggettivi. Al poeta manca però, nello sforzo di comporre un opera perfetta sotto ogni aspetto, una partecipazione personale più intensa e partecipata: nella sua riservatezza, nulla egli ci dice della sua vita o della sua infanzia.

Saba e il Canzoniere. Lezioni d'autore

Saba e il Canzoniere. Lezioni d'autore Saba e il Canzoniere Lezioni d'autore Cenni biografici L infanzia Umberto Saba nasce a Trieste, importante centro della cultura mitteleuropea. La madre è di religione ebraica. Viene affidato fino all età

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

Umberto Saba e il Canzoniere

Umberto Saba e il Canzoniere Umberto Saba e il Canzoniere Cenni biografici Per comprendere pienamente la produzione poetica di Umberto Saba (a sinistra, dal sito www.goodmorningtrieste.it) è essenziale l indicazione di alcuni eventi

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Parafrasi Tu sei come una giovane e bianca gallina. Le piume le si scompigliano per il vento abbassa il collo per bere, e gratta il terreno con gli

Parafrasi Tu sei come una giovane e bianca gallina. Le piume le si scompigliano per il vento abbassa il collo per bere, e gratta il terreno con gli A mia moglie Tu sei come una giovane, una bianca pollastra. Le si arruffano al vento le piume, il collo china per bere, e in terra raspa; ma, nell'andare, ha il lento tuo passo di regina, ed incede sull'erba

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Educarsi per educare al perdono. Pietro Paolo Piras

Educarsi per educare al perdono. Pietro Paolo Piras Educarsi per educare al perdono Pietro Paolo Piras C arissimi tutti, A tutti i Genitori ed Amici dell'infanzia Lieta un saluto cordiale ed affettuoso dall'ospedale dove cercano di rimettere a nuovo il

Dettagli

CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014

CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014 CANTI PER LA SANTA MESSA DI NATALE 25 Dicembre 2014 ADESTE FIDELES Adeste fideles Læti triumphantes Venite, venite in Bethlehem Natum videte Regem angelorum Venite adoremus, Venite adoremus, Venite adoremus

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia

FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia FUNNEL POETICO - Un regalo stupendo ad una persona speciale Vortice di Mini ebook di Poesia Sauropoesie.com Sauro Pappi Tutti i diritti di questo mini ebook sono riservati a Sauro Pappi Ma sei libero di

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di.

Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Schede operative per fanciulli dai 3 ai 6 anni Libricino di. Le schede sono divise in due sezioni: La prima riporta la frase del Vangelo propria della domenica, il disegno da colorare relativo all opera

Dettagli

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me.

BEATO L UOMO. Camminiamo sulla strada. me l'hai detto, son sicuro, non potrai scordarti di me. BEATO L UOMO Beato l'uomo che retto procede e non entra a consiglio con gli empi e non va per la via dei peccatori, nel convegno dei tristi non siede. Nella legge del Signore ha risposto la sua gioia;

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia!

Introduzione. Ancora una volta... Grazie Poesia! Introduzione Le rime dell anima, è il titolo di questa raccolta di poesie; tre libri in uno, un universo di emozioni autentiche, scatenate dal cuore, rime suggerite dall anima. Io... voi... e poesia...

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

0I 4VIKLMIVI I PE 'SRJIWWMSRI

0I 4VIKLMIVI I PE 'SRJIWWMSRI PREGO COSÍ 1. Vieni, Signore Gesù Lieti aspettiamo la tua venuta: vieni, Signore Gesù. Tu che esisti da prima dei tempi, hai voluto farti uomo come noi. Attendiamo che ti riveli nella tua gloria, Gesù

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli