Impressioni musicali senza scopo di mediazione artista / ascoltatore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impressioni musicali senza scopo di mediazione artista / ascoltatore"

Transcript

1

2 2 Decisi di recensire dischi non per l infantile bisogno di gettare fango o gloria sugli artisti e sulle loro creature bensì per giungere alla radice del mio gusto e soprattutto per sondare le mie aspirazioni artistiche. Non tutti i dischi recensiti sono egualmente importanti per me. Ho giudicato lavori anonimi, utili all ascolto, così come album storici, nel senso d una loro precisa collocazione nell universo dell arte sonora. Ad ognuno di essi ho cercato di assegnare un peso attraverso un metro di giudizio che mi giunge dall assiduo ascolto di musica e che, in questi pochi anni della mia vita, ho cercato di affinare con eleganza e sapienza. Non assurgo certo a critico, deplorevole mansione. Piuttosto ad audiofilo. Produco musica e tutto ciò che scrivo su di essa è influenza o tentativo di rivalsa. Francesco Mendozzi 2

3 3 Kraftwerk Electric cafe (01/06/06) Questo è un album che la critica liquida con un di transizione. Ma quale transizione? I Kraftwerk non dovevano andare da nessuna parte! Non servono mica a rinfoltire quella schiera di musicanti pseudoartistici! Electric cafe lo considero un ottimo album - certo, dura poco - ma quanto basta per concettualizzare alcune cose. Innanzitutto il futurismo, così fortemente vivo nella traccia Boing boom tschak, che assomiglia tanto a Zang tumb tumb del geniale Filippo Tommaso Marinetti. E poi ci sono i manifesti musicali del XXI secolo: Techno pop (titolo ingenuo perché inflazionato negli anni a seguire) e Musique non stop. Gli altri sono i pezzi della maturità pop (ovvero volk) della band dusseldorfiana. Sex Objekt e Der Telefon Anruf sembrano ottime per la radio a spalla, mentre Electric cafe dà l idea di un moderno bar dove discutere di arte politica, perché è così che la chiamano i robot tedeschi. Di certo è un lavoro diverso, forse perché non è un concept-album, ma non ho nessun problema a posizionarlo sullo stesso scaffale di Trans Europa Express, Die Mensch-Maschine, Computerwelt o Autobahn. Franco Battiato Campi magnetici (02/06/06) L opera elettronica per eccellenza di Franco Battiato (2000). Questo disco, composto per un avanguardistico balletto, contiene in sé innumerevoli geniali trovate. Innanzitutto il tema del movimento, che esso sia degli atomi, dei sentimenti, delle stagioni. In trance lo definirei lunatico e avrebbe bisogno di litio per stabilizzarsi, Corpi in movimento canta invece la fisica, associando a conduttori e magneti le interazioni tra due corpi vivi. Fulmini globulari e La corrente delle stelle sono retroscena musicali fatti di rumorismi digitali e improvvisazioni ambientali. The age of hermafrodites è un vero e proprio capolavoro: basta difatti soffermarsi sul titolo per capirne il progressismo, L era degli ermafroditi, e forse, invece di robot, diventeremo bisessuati. L ignoto e Suoni primordiali sono altre due tracce della regressione italiana di fine secolo scorso. L outro è La mer, interpretato da Manlio Sgalambro, difinibile lui come filosofo dell edonismo e la canzone come omaggio alla Francia che non c è più. Nel disco una citazione che vale la pena di ricordare: «I numeri non si possono amare». St. Germain Tourist (03/06/06) L album è di St. Germain, pioniere dell elettronica dance in Europa assieme a Laurent Garnier e Shazz. Tourist è il suo terzo lavoro dopo Boulevard e From Detroit to St. Germain ma è anche il suo vero e proprio capolavoro. Contiene tutte le istanze del nu-jazz, dell house, della deep, della chill-out. I pezzi più emozionanti sono sicuramente Pont des Arts, So flute e Rose rouge, ma minori non sono La goutte d or o Latin note. Tutto è ben amalgamato in questo album: lo si può ballare, lo si può godere sdraiati sul divano, lo si può lasciare in play mentre si fa l amore o lo si può utlizzare come sottofondo ad una cena galante. Inutile nascondere che la Francia dei DJ in tutto ciò è maestra e nel disco di St. Germain si annusa proprio quell odore di una Parigi retró che si gode la sua belle époque sulle panchine dei Campi Elisi. Sono oramai passati anche degli anni e St. Germain non si è più fatto vivo, ma noi che lo conosciamo bene aspettiamo febbrilmente un nuovo e scontato capolavoro di Ludovic Navarre. Nel frattempo, Tourist rimane comunque un album che può cambiare il modo di vedere la musica, oggi. 3

4 4 Daft Punk Human after all (05/06/06) Terzo lavoro di studio dei Daft Punk, Human after all lo si può considerare la risposta alle istanze dei Kraftwerk. E non una presa di distanze. Perché se è vero che la band di Düsseldorf sosteneva nel lontano 1978 che il robot (o l uomo-robot) era l essere perfetto, nel 2005 i Daft Punk rispondono che dopotutto noi siamo uomini e, come tali, perfetti di per sé. Non manca neanche in questo lavoro la critica alla televisione e a tutte le sue odierne degenerazoni (come in Television rules the nation e The brainwasher) che anzi risulta essere il minimo comun denominatore del disco. C è però anche la contaminazione rock come in Robot rock e alcuni brani risultano molto noise (Steam machine e The prime time of your life). Senza cambiar formula da Discovery, i francesini elettronici ci regalano due tracce di elettronica soft come Emotion e la strepitosa Make love. Il cambiamento musicale che molti aspettavano dai Daft Punk non c è stato ma il prodotto è all altezza della loro discografia e soprattutto della migliore elettronica continentale. E poi, per quale motivo avrebbero dovuto invertire la rotta? Gotan Project Lunático (06/06/06) Finalmente i Gotan Project sono tornati e hanno sfornato il loro secondo capolavoro. Dopo il sensazionale La revancha del tango e la riuscitissima compilation Inspiración - Espiración, questi tre produttori di Francia tornano con un nuovo capitolo di inetichettabile sound jazz/tango/rap/electro/house. I diamanti del disco sono sicuramente Notas, Diferente, La vigüela e Celos. L odore è a tratti quello della pampa Argentina e a volte quello dei boulevard parigini. Questo disco farà storia così come il suo precedente e la farà per almeno due motivi: innanzitutto i Gotan portano una totale ventata d aria fresca nel clima musicale internazionale, ormai viziato dal rap miliardario dei negri americani e dal rock elettronico che ci ha veramente avvilito; inoltre Lunático ha il buon proposito di mischiare in maniera egregia la dicotomia storica dell uomo, ovvero il passato col presente/futuro. Resta il fatto che la composizione del disco è come sempre matematica, nel senso che nulla è improvvisato in presa diretta, ma dimostra che saper fare la musica è una dote naturale. Disco assolutamente perfetto. Assalti Frontali Mi sa che stanotte (07/06/06) Nuovo album per gli Assalti Frontali, collettivo rap romano. Dopo lo splendido lavoro hip-hop Banditi e un album di rock contaminato, ecco finalmente un nuovo lavoro di rap militante. Stavolta i temi sono di un attualità sconvolgente e lo si capisce da pezzi come Che stress i Ros, Quasi come vivo o Ribelli a vita. La lotta armata contro il potere istituzionalizzato qui diventa guerra a suon di rime e di scratch, e il rifiuto dell amministrazione della mondializzazione viene gridata nei brani del disco. Digos e Ros vengono mandati a quel paese: Mi sa che stanotte è quindi un album contro. Gli Assalti Frontali lo hanno sempre sbandierato, già da quando muovevano i primi passi nello storico Forte Prenestino di Roma, portando i loro live in mezza Italia (o meglio, in capitale) con rime taglienti come coltelli. Il disco, nel complesso, è una conferma del grande talento hip-hop della band - certo nulla di più - però chi ama lo street-rap non rimarrà di certo deluso dall ascolto. Anche il loro rock presente in album come Hic sunt leones, Terra di nessuno o Conflitto è carico di significati ed è di discreta qualità. Bene così. 4

5 5 Vasco Rossi C è chi dice no (08/06/06) Questo è l album del 1987 del Vasco nazionale, sicuramente uno dei migliori, che vide trionfare il rocker in tutta Italia con un galattico tour. Nei brani del disco c è il Blasco provocatore, strafatto, sporcaccione e maledetto. Gioielli come C è chi dice no, Ridere di te, Brava Giulia e Lunedì sono pezzi di storia della musica italiana. E anche le sottovalutate Ciao e Non mi va sono quelle canzoni che inquadrano Vasco Rossi nell ambito degli artisti della gioventù sconvolta (come la chiama lui). Nel complesso questo album è davvero un capolavoro del rock, che come sempre regala anche perle di saggezza spiccia e di romanticismo esasperato. Oggi Vasco non è più così, impegnato com è a fare il moralista e il manipolatore di idee; ai suoi concerti sono sempre meno quelli che tirano di cocaina o che si sbronzano dieci ore. Più che sotto il palco dell Heineken Jammin Festival sembra di essere ad un incontro dei giovani di C&L. Tutti impegnati solo ed esclusivamente a cantare e urlare le canzoni degli ultimi dischi: quasi nessuno più che ricorda l animale Blasco, la leggenda, il mito, il maledetto Blasco. Aphex Twin drukqs (09/06/06) Che album questo del 2001 di Aphex Twin! Trenta tracce di sperimentalismo, di elettronica, di drum n bass, di elettroacustica. Bello davvero. Eppure la critica non lo vede di buon occhio perché - dice - troppo eclettico e sembra quasi che Aphex queste decine di tracce le abbia tirate fuori dal suo archivio su hard-disk. Pesano però come pietre Vord hosbn, Bbydhyonchord, Jynweythek o Gwarek 2; e basta scorrere i nomi dei brani per rimanere davvero sorpresi (neanche tanto perché AFX lo conosciamo bene). Si leggono infatti parole incomprensibili e non-sense nell inlet, esperimenti di pratica sonora elettronica che invece il senso ce l hanno: il senso della ricerca. E la ricerca del nuovo millennio è chiara: accanto ai frenetici beat Aphex tappezza la struttura sonora di melodie vecchie di secoli (almeno sembra) cosicché canzoni che paiono essere acide e cattive, si rivelano invece bonarie e romantiche. Questa sarà forse la vera indole del Beethoven di Cornovaglia, ed è così che ci piace, quando negli strepitosi Selected ambient works Richard D. James costruiva i fondamenti della nuova elettronica. AIR Premiers symptômes (10/06/06) Secondo album degli AIR dopo lo strepitoso debutto di Moon safari. Ma Premiers symptômes può, a differenza del precedente e dei successivi lavori, essere considerato un concept-album a modo suo e non solo perché tutte le sette tracce che lo costituiscono siano impregnate di lounge. I brani che, ad un attento ascolto, risaltano subito sono J ai dormi sous l eau e Le soleil est près de moi; mentre il ruolo di smuovere il disco tocca a Gordini mix di Alex Gopher e a Casanova 70. In questo album echeggiano suadenti vocoder, sensuali linee di basso e solidi riff di organo hammond. Oggi potrebbe sembrare la musica che Claude Challe, David Visan e Ravin hanno messo nel calderone delle compilation Buddha-Bar ma - fidatevi - Premiers symptômes è molto di più. È musica da salotto, da camera da letto, da hotel a cinque stelle. I due francesini ci abitueranno, negli anni a venire, all elettronica più daftiana con Cherry Blossom girl o Don t be light. Ma è questo il disco più sottovalutato della loro discografia e - guarda caso - l unico disco di perfetto French touch gainsbourgiano degli ultimi tempi. 5

6 6 Tosca Suzuki (11/06/06) Secondo album degli austriaci Tosca aka Dorfmeister & Huber. Suzuki è un album di dub lo-fi, il tutto mischiato nel nu-jazz. Straordinarie e molto evocative tracce come la title-track o Annanas, Busenfreund o Boss on the boat, The key o Orozco; i Tosca, con questo album, si confermano numeri uno nel genere. Avevano provato già con Opera ma il risultato era stato molto più ambient. Nel 2000, invece, Suzuki irrompe sulla scena artistica europea portando a galla tutte le istanze della bassa fedeltà, cioè linee di basso portentose e batterie jazzate, voci grevi condite di minimalismo di accordi. Di questo album uscirà in seguito anche una versione di remix dove gli eminenti Deadbeats, Cosmic Rocker, Philippe Lussan, dzihan & Kamien ecc. rivisiteranno tutti i brani del disco originale. I Tosca hanno poi ampliato con successo la loro discografia (con Dehli9 e J.A.C.) ma Suzuki, per originalità e creatività, rimane imbattuto. Bellissima la copertina con i fantasmi in accappatoio di Richard Dorfmeister e Rupert Huber. Disco storia, come la loro etichetta G-Stone Recordings. Klaus Schulze Dosburg online (12/06/06) Klaus Schulze, da solista, ha iniziato a fare musica nel lontano 1972 e da allora non ha mai smesso di suonare il sintetizzatore. Un maestro a tutti gli effetti. Dopo decine di album, nel 1997 dà alle stampe il lavoro Dosburg online, fortemente elettronico. Le nove tracce che lo compongono sono un amalgama perfetto di moog, sintetizzatore e drum machine. Brani come L age core, Requiem fürs Revier e Groove n bass contengono forti contaminazioni di dance elettronica mentre Get sequenced (sulle potenzialità del sequencer), The power of moog e Up, up and away ci ricordano invece il peso degli storici supporti della cultura moderna musicale. Inoltre, From dawn til dask e The art of sequencing fungono entrambe da sessioni di elettronica per DJ alle prime armi. Certamente Schulze è geniale ed è alquanto difficile prendere lezioni da lui ma, ascoltando la sua discografia, si può imparare almeno la progressione e l improvvisazione del synth. Brano bonus è Primavera, vero componimento danzereccio con un retroterra culturale di non poco conto. Il tutto può intitolarsi Lezioni di sintetizzatore. Paolo Conte Elegia (13/06/06) Ultimo lavoro di studio per Paolo Conte, prima del recentissimo live Arena di Verona. Elegia (2004) è uno dei suoi album più belli e contiene tutti gli elementi che hanno fatto di Conte uno degli artisti italiani più apprezzati all estero. Canzoni come India, Bamboolah, La vecchia giacca nuova, La nostalgia del Mocambo e Sandwich man sono tipiche della tradizione jazz/swing nazionalpopolare. Ed è proprio il tema della nostalgia quello predominante nel disco; una nostalgia atavica verso l Italia della dolce vita che usciva da quella sanguinosa guerra internazionale e civile che si concluse solo nel E non mancano certo i riferimenti all America dei ghetti neri e ai colonialismi vecchi e nuovi che hanno traumatizzato terre lontane. Insomma: Paolo Conte, con Elegia, ci ha regalato un altro dei suoi capolavori (assieme all omonimo del 1984, a Parole d amore scritte a macchina e Aguaplano) e chissà adesso quanto bisognerà aspettare per ascoltare un nuovo lavoro di studio; basti pensare che il precedente album di inediti (Una faccia in prestito) era uscito ben nove anni prima. 6

7 7 The Knife Silent shout (14/06/06) Bello davvero questo terzo album dei Knife. L elettronica è quella minimale ed elegante che sembra provenire dagli scantinati Kompakt, i vocals sono sfacciati e moderni e il mixaggio risulta perfetto. La Repubblica ha definito i Knife come il gruppo più kraftwerkiano del momento, ma sinceramente le analogie con i colleghi di Germania non sono molte. Alcuni passaggi melodici sono - a ragione - stati evoluti solo dai Knife; basti infatti pensare all album omonimo o a Deep cuts per trovare innovative soluzioni midi. Ma Silent shout stavolta contiene davvero di tutto. In primis la techno tedesca della title-track, poi il noise industriale di Neverland e We share our mothers health, le introspezioni gotiche di The captain e Na na na e ancora l electro di Like a pen e One hit. Bellissima Marble house, più che altro per la sua nordicità : sembra infatti più un brano dei Röyksopp che uno dei fratelli Dreijer. L album si chiude con gli esperimenti digitali di From off to on, Forest families e Still light. Nel complesso un disco davvero strepitoso e dall impatto sonoro immediato: buio, violento, incendiario. Fabrizio De André La buona novella (15/06/06) A mio avviso il più bell album di Fabrizio De André. Un disco che cambia la vita a chi lo ascolta. Ogni traccia contiene un infinita esplosione di umanità e solidarietà. La storia è quella di Gesù Cristo descritta nei vangeli apocrifi (non riconosciuti dalla Chiesa); e ascoltiamo così di un Dio umano, della disperazione di Maria e Giuseppe. I brani capolavoro sono Ave Maria, L infanzia di Maria, Il ritorno di Giuseppe, Tre madri e Il testamento di Tito; speciale risalto ha anche Laudate hominem dove la figura sacra di Gesù viene assimilata a quella di tutta quanta l umanità. Che dire? La buona novella va ascoltata per essere compresa e l ascolto che essa richiede non può essere superficiale. I testi vanno studiati, le melodie godute. E dopo decine di play incomincia a intravedersi un senso alto dell opera, forse lo stesso effetto che un libro sacro sortisce su di un seminarista. È questo il vero e proprio capolavoro di Fabrizio De André: un capolavoro che nessuno - e dico nessuno - al mondo è mai riuscito a portare a termine nella storia. Forse solo il signor Dante Alighieri circa settecento anni prima. Enigma Voyageur (16/06/06) Sono oramai quindici anni che la ciurma di Michael Cretu (mezzo romeno mezzo belga) sforna favolosi ed evocativi dischi sotto il nome di Enigma. Gli Enigma sono quelli che remixavano i canti gregoriani e che producevano tracce da spot tv. Ma l album Voyageur è forse la loro più bella creatura. Basta ascoltare From East to West, componimento per pianoforte e cori con beat mostruosi degni della migliore tradizione elettronica. E poi Page of cups, Incognito, Boum-boum e la title-track; tutte accomunate dai suoni suadenti ed eleganti provenienti dalla Mitteleuropa. Nel disco c è anche spazio per la house di Look of today e la world di The piano e Total eclipse of the Moon. Voyageur risulta quindi una strepitosa fatica, non superata ultimamente dal magnifico A posteriori (disco rinascimentale, in tutti i sensi). Ma l aria che si respirava - e si respira tuttora - con gli Enigma è del tutto gotica e medievale, o forse è solo frammento da lounge club. Fatto sta che gli Enigma sono troppo bravi e l hanno dimostrato dai tempi di MCMXC a.d. fino a questo Voyageur. Ottimo lavoro. 7

8 8 Baustelle Sussidiario illustrato della giovinezza (17/06/06) La musica italiana li stava aspettando da tempo questi Baustelle. Il Sussidiario illustrato della giovinezza è il loro primo lavoro discografico, prima de La moda del lento e de La malavita. Troviamo testi e musiche sconcertanti (anche se nulla più è sconcertante in arte), basi elettroniche e chitarrine brasiliane, testi d amore e di orgiastiche abbuffate di droga; brani come Sadik, Gomma o La canzone del riformatorio ispirerebbero bene i poeti del male. Questo primo album è davvero molto curato e i senesi Baustelle dimostrano una grande grinta e un grosso spunto creativo. Oggi in molti li etichettano, con troppa faciloneria, come ex band underground che oggi si gode il passaggio commerciale. Ma non è vero. Ancora oggi cantano di corvi neri (ovvero alienazioni), maniaci e skin, droga e nazisti. E infatti non si riesce proprio a capire quale sia il loro profilo ideologico. Fascisti depoliticizzati? Anarchici di professione? Menscevichi autoritari? O forse il loro è solo uno stile di vita, certo retró, futurista e 60 s, ma anche così sconvolgentemente moderno. Bravi, anzi bravissimi, Baustelle. Shazz In the light (18/06/06) Mi taccerete di esterofilia francesista, ma il mio è solo europeismo. Perché sono fermamente convinto che Francia, Italia e Germania non devono prendere lezioni - in arte e cultura - da nessuno. E Shazz, con il suo secondo album In the light lo dimostra a pieno titolo. Un disco fortemente jazz-house. E non è la solita solfa che ascoltiamo nelle compilation Montecarlo nights (Shazz è quasi sconosciuto), ma elettronica (se così possiamo definirla per via dei beat) che io chiamerei elitaria. Canzoni come In my life, Fallin in love, Leomeo o Hermosa Maria consiglio vivamente di ascoltarle durante una sana sessione di profusioni sentimentali col proprio partner. La Francia in tutto ciò è maestra, senza creare stereotipi o qualunquismi. Ed è proprio l erotismo il filo che lega tutte le undici tracce di questo In the light, a volte furioso a volte caldo e avvolgente. Due anni fa Shazz ha pubblicato un nuovo album, Beautiful, dove segue tutt altra strada (jazz suonato in studio) ma che continua a dimostrare l importanza dell applicazione elettronica al genere musicale che ha segnato il 900: il jazz. Yamo Time pie (19/06/06) La torta del tempo. Questo il nome dell unico e rarissimo album del progetto chiamato Yamo, composto per metà dall ex Kraftwerk Wolfgang Flür e, per l altra metà, da metà Mouse On Mars. Gioco di parole idiota. Ma Time pie è un disco bellissimo, anche se un filo comune concettuale non c è, le undici tracce di elettronica d alto bordo scorrono veloci. Le perle sono sicuramente Stereomatic, Mosquito, Guiding ray e Dr. U.G.L.Y.. In questa unica fatica discografica gli Yamo sembrano aver shakerato bene gli stili di provenienza: l elettronica robotica e la decostruzione popolare tedesche. Il pop ha distrutto l arte? Bene: distruggiamo - pezzo per pezzo, beat per beat - il pop e rimodelliamolo secondo i canoni della sua vittima. Il prodotto è questo. Da menzionare il fatto che Time pie contiene anche una bellissima traccia di elettronica ambientale cantata in italiano, dove una suadente voce indica i punti di energia posti fra testa e mano. Il resto del disco è produzione di ottima lega, con vocals, bassline, synth e drum machine davvero maestose. Introvabile e pregiatissimo. 8

9 9 Radici Nel Cemento Occhio! (20/06/06) Penultimo album delle Radici Nel Cemento, Occhio! contiene tutti gli elementi dello spaghetti-reggae. Divertenti i testi, a tratti intelligenti, bellissime le musiche. Ansai come ce piace e Er traffico de Roma sono degne della migliore tradizione live del Villaggio Globale (Spazio Boario) e, sinceramente, è proprio sul palco che le Radici danno il meglio di sé. Tre esilaranti uomini ai fiati (trombe), basso, chitarre, batterie, macchine digitali e voce. Ma nel disco c è anche la sovversiva La logica del profitto, contro il capitalismo rampante e l economia di mercato negli stati del mondo terzo. Sognando Jamaica è un ironica (nel senso pirandelliano) fotografia dell odierna Giamaica: da tutti enfatizzata ma nei fatti piena di problemi sociali. Belle Wandering, Balle!, Dalla terra e La logica del dub (versione lo-fi dell omonima). Da notare una specie di bonus-track finale interamente costruita con synth e sequencer, È la mia vita, che a tratti ricalca le gesta di band come i Subsonica. Nel complesso Occhio! è un divertissement di reggae romanesco per trascorrere un ora in alcolica allegria. Amedeo Minghi 1950 (21/06/06) Terzo album (1983) su una discografia fatta di ben ventiquattro dischi. Ma è questo uno dei migliori lavori di Amedeo Minghi. La collaborazione ai testi, allora, era ancora del poeta Gaio Chiocchio e lo si intuisce bene dalla ricercatezza delle canzoni. Sottomarino, La casa lungo il Tevere, Ladri di sole o 1950: tutti capolavori della musica italiana. Pianoforti, piccoli effetti campionati al sintetizzatore, archi, sassofoni e mandolini. Tutto appare stupendo in questo album, che contiene tra l altro perle sconosciute come Ciaccona (un romantico incontro nella Vienna dei grandi musicisti) e Rapidi movimenti degli occhi (la fase r.e.m. del sonno associata ad un rapporto sentimentale onirico). Stupenda St. Michel, evocativo luogo di Normandia in cui la marea pomeridiana inghiotte chilometri di spiagge e strade, e dove l isolamento del castello assume il senso dell alienazione, di un capriccio in mare aperto. L ultima canzone è Flash back, scritta come soundtrack per uno sceneggiato tv. Tutto è perfetto in 1950; un album davvero maestoso, di quando la musica leggera italiana era un vanto. Radiohead Kid A (22/06/06) Premetto che la musica inglese non mi piace. Non mi piace perché, in quaranta anni, non è riuscita quasi mai a staccare il cordone ombelicale col rock dei Beatles e degli Stones. In U.K. tutto è rock. Da quando l hanno inventato, vogliono farci credere che rock sia sinonimo di cultura moderna. Che ci vuoi fare? Sono inglesi! Per fortuna i Radiohead sono riusciti a portare un po di nuovo, specialmente con questo album, Kid A. Il loro, di rock, è alternativo e qui muta in elettronica sperimentale. Bellissima Everything in its right place, addirittura geniale Idioteque, nostalgica la title-track, ambientale Treefingers. Insomma, Kid A è davvero un bel disco che sembra uscito dalla mente di artisti continentali più che da una band rockettara isolana. La precedente e la successiva discografia dei Radiohead (The bends, My iron lung o I might be wrong e Hail to the thief) non sono all altezza - in termini di innovazione - di Kid A. Certo, discorso a parte merita Ok computer, ma in generale la fase sperimentale e rivoluzionaria dei Radiohead inizia e si conclude con Kid A. 9

10 10 dzihan & Kamien Orchestra Live in Vienna (23/06/06) Unico disco dal vivo della strana coppia dzihan & Kamien, mezzi turchi e mezzi austriaci. Questo Live in Vienna mi incuriosì moltissimo poiché non riuscivo a capire come d&k potessero suonare live le loro tracce piene di cuts. Questo album, che esce dopo Freaks & icons, Refreaked e Gran riserva, è la prova di cotanta realizzabilità. Brani come After, Thrill, Homebase, Before o Airport sono fedelmente suonati dalla dzihan & Kamien Orchestra: un coacervo di trombe, contrabbassi, chitarrine, keyboards, batterie e semplici drum-machine. Magnifiche, perché difficili da interpretare, Drophere e Ford Transit (il veicolo con cui i turchi d Austria tornano in Anatolia). La vocalist Madita in questo concerto dà il meglio di sé, con vocalizzi alti, continui e molto emozionanti. Da notare una versione rivisitata della traccia house Sliding (chiamata qui Slidub). Nel complesso, Live in Vienna può essere considerato il greatest hits della strana coppia, dato che contiene jazz, trip-hop, electro, acoustic, lounge, fusion. C è davvero tutto e tutto appare così magnificamente straordinario. Luciano Berio Sequenzas (24/06/06) Ecco le quattordici Sequenze di Luciano Berio. Ecco le basi e, allo stesso tempo l evoluzione, della dodecafonia italiana. Molti parlano di sperimentalismi, rumorismi, musica concreta. Ma com è davvero l arte musicale dodecafonica? Il pezzo dodecafonico si basa su un dato ordine - o serie - attribuito ai dodici suoni della scala cromatica. In questo modo si ottiene un altro ordine nella successione di determinati intervalli tra i suoni. I teorici definiscono con il simbolo O la serie originaria e con I la stessa serie invertita (nel senso che gli intervalli ascendenti diventano discendenti e viceversa); la serie può essere disposta dall'ultimo suono al primo, secondo un ordine retrogrado indicato con R, anch esso invertibile, contrassegnato con RI. C è assoluta equivalenza tra andamento melodico (un suono dopo l altro) e armonico (un suono in contemporanea ad un altro). La serie si può presentare anche sotto la forma di accordo di dodici suoni o come tre accordi di quattro suoni. Sequenzas, per flauti e voce, è tutto ciò senza dimenticare la tradizione di musica-colore che va da Sanguineti a Dallapiccola. Arte. Almamegretta Sciuoglie e cane (25/06/06) Ultimo album di studio per gli Almamegretta; il primo senza la voce di Raiz e l ultimo con D.RaD (morto un anno fa d incidente). Il cane da sciogliere è l odierna libertà, perché troppe catene stanno tenendo a bada le vite emarginate di poveri cristi. I testi dell album sono ricercatissimi e utilizzano rime e incastri del tutto nuovi in musica. Le vocalist e Gennaro T non ci fanno rimpiangere la dipartita di Raiz e le basi musicali, che vanno dal dub all hip-hop, dall electro al nu-jazz, aiutano nell impresa. Sembrava che senza la storica voce, gli Almamegretta fossero arrivati al capolinea e invece brani come Cinque dita, Nowhere home, O mare che puorte ncuorpo o Lo stesso vento non li troviamo nemmeno in capolavori quali Sanacore o Lingo. Unica pecca del disco è il leggero declino musicale delle ultime tre tracce, dove si sente il peso dei minuti, ma nel complesso Sciuoglie e cane è forse il più bel disco di questi partenopei che assieme a 99 Posse e 24 Grana, e a storici club come Metropolis, Loose e Fitzcarraldo, hanno concorso a fare grande il nome di Napoli sulla scena underground europea. 10

11 11 Röyksopp Röyksopp s night out (26/06/06) I lavori ufficiali del duo norvegese sono Melody a.m. e The understanding, entrambi riuscitissimi, sia per quanto riguarda la dimensione del clubbing, sia per quanto riguarda l ambito d ascolto. Röyksopp s night out è invece una specie di EP live che gli scandinavi hanno pubblicato solo in Giappone e contiene alcune chicche dal vivo. Innanzitutto c è What else is there?, ormai famosissima grazie a quel magnifico video (uno dei più belli della storia); poi troviamo una rivisitazione delle vecchie Poor Leno e Remind me, e ancora Only this moment, fino ad arrivare alla vera perla: Sparks, suonata col pianoforte. Infine alcuni inediti come Teppefall e Go with the flow. I Röyksopp dimostrano con questo piccolo live che ci sanno fare in studio come sul palco; certo le voci non sono perfette e la cura per il suono non è grandiosa. Ma l Europa adesso sa (se ce ne fosse ancora bisogno) che la Norvegia (e la Scandinavia tutta) sta facendo passi da gigante per recuperare il tempo perso in termini di elettronica. Ce lo ha dimostrato Björk, poi i Koop e adesso i magnifici Röyksopp. Piero Ciampi Andare camminare lavorare e altri discorsi (27/06/06) Piero Ciampi è morto relativamente giovane perché beveva e fumava troppo. Una specie di George Best della canzone italiana. Ma, a differenza di Best, il successo vero, Ciampi non lo ha mai conosciuto, forse perché oscurato dal mito di Gino Paoli. Ma quest album del 1975 contiene il meglio della sua produzione. Iniziamo dal capolavoro assoluto Ha tutte le carte in regola, storia di pittori ciechi, giocatori sfortunati, scrittori monchi e musicisti sordi; o 40 soldati 40 sorelle, che potrebbe gareggiare in antimilitarismo con La guerra di Piero di De André. Bellissima la storia squattrinata di L amore è tutto qui. Dandy, bohémien, poeta maledetto, giocatore d azzardo: questo era Ciampi. Abbandonato dalla moglie incinta, morirà da solo nel E come tutte le persone sole, disperato. Lo si intuisce dalle sue creature musicali (Il merlo, Il vino, Il giocatore, Te lo faccio vedere chi sono io). Mai una rivincita nella vita. Piero Litaliano (così si faceva chiamare) è sconosciuto ai più ma è ormai giunta l ora che la cultura lo ostenti sfacciatamente, perché siamo fieri d aver avuto un cantautore così. Massimo Morsello Punto di non ritorno (28/06/06) Massimo Morsello era fascista. Bisogna premetterlo. Lo è sempre stato. Ha fondato i N.A.R., è stato arrestato per le sue idee, è fuggito in terra inglese, è morto di tumore a cinquant anni. Ed ha lasciato cinque album di cantautorato italiano. Punto di non ritorno è il suo penultimo lavoro. Bellissimo. Morsello viene definito il De Gregori nero e, come il principe, i testi risultano ermetici ma non troppo. Nel disco canta della vergogna dell armistizio (Otto settembre), della barbara pratica dell aborto (Aborto), della morte (title-track), della bellezza delle donne (Donne), dell ideale mussoliniano (Canti assassini), dell ultimo onorevole capo fascista (Leon Degrelle). Morsello non va per forza condiviso a livello ideologico perché è innegababile il suo talento e la sua bravura. Le musiche sono dolcissime e non sembra di stare a sentire un nero. Basti pensare che l album La direzione del vento venne ingenuamente pubblicizzato anche da Il Manifesto. Tutto si risolse con le scuse pubbliche del direttore il quale, non conoscendo Morsello, ne aveva la schiettezza dei testi e le ineludibili verità. 11

12 12 Karl Bartos Communication (29/06/06) Uscito nel 1997 dallo storico gruppo tedesco dei Kraftwerk, Karl Bartos si lancia nella carriera solista. E, dopo Esperanto ed Electric Music, pubblica ad inizio terzo millennio Communication. Il tema del disco è proprio la comunicazione, da un punto di vista schiettamente sociologico. Ed ovviamente elettronico. Si balla sulla favola della privacy, chiaramente smascherata da The camera, su I m the message e Reality. Poi c è il netto riferimento alla profezia di Andy Warhol con 15 minutes of fame: tutti vogliono quel fottuto quarto d ora di celebrità, perché ormai la televisione ci ha distorti alla fonte. Le altre tracce hanno il pregio di portare avanti, leziosamente, la tradizione della Germania industriale. Nulla di rivoluzionario, però che belle Electronic apeman, Life, Cyberspace, Interview od Ultraviolet. Molti si domandano perché Bartos sia uscito dalla fortunata esperienza precedente. Forse perché non sanno che Schneider e Hütter sono poco inclini alle discussioni e, se c è da relegare un artista all eterno ruolo di percussionista, lo fanno. Ma Karl s è preso la sua rivincita. Meg Meg (30/06/06) Tutti la conoscono come la parte femminile dei 99 Posse, storica crew napoletana di rap comunista. Grande è il lavoro che Meg ha svolto negli anni precedenti, da Corto circuito a Cerco tiempo e La vida que vendrá. Deve però aver scelto di camminare sulle proprie gambe e, con il primo album omonimo, dimostra di saperlo fare benissimo. Sono stupende tracce come Simbiosi, Parole alate, Elementa, Olio su tela ed Audioricordi. Oltre alle macchine elettroniche di stampo partenopeo (Marco Messina), nel disco ci sono imponenti sessioni di würlitzer, clavette, tintinnii e carillon, eseguiti in blocco dall Orchestra degli Architorti. I testi, deliziosissimi, sono scritti dalla stessa cantante. E così il disco scorre fluido: i loop si alternano ai violini, i sample ai pianoforti; Meg sembra finalmente essersi sbarazzata di quell ingombrante carapace militante e fazioso che le copriva le spalle. Adesso è bella, calda, intima. Come primo disco è ineccepibile, ma pecca forse di un eccessivo sfruttamento della sezione orchestrale. Per fortuna che ci pensano i computer a fare il resto. Comunque magnifico. Luigi Tenco Ti ricorderai di me (01/07/06) Nel 1967, dopo la sua morte, venne dato alle stampe Ti ricorderai di me : una sorta di raccolta di 45 giri del geniale Luigi Tenco. Che dire? Tenco rimane una delle voci contro della musica italiana, i testi sono irriverenti, le storie umili e drammatiche, gli amori complessi e gli epiloghi provocatori. Il long play parte con Mi sono innamorato di te, canzone che Tenco s è portato dietro tutta la vita: una storia d amore iniziata per noia e finita per gioco. Angela è un capolavoro; indescrivibile la carica emozionale che possiede e inutile sviscerarne la storia. Bellissime In qualche parte del mondo ed Il mio regno. Dopo gli archi arrangiati da Reverberi arriva l altro capolavoro, Quello che conta, e anche qui le parole non sono in grado di spiegare le sensazioni. Perché Tenco era così. Era un intimista alla Bongusto ma poetico come Paoli, od anche un estremista alla De André ma giullare come Gaber. E questo amalgama è difficile da interpretare. I brani di Tenco sono gioielli impolverati: non danno nell occhio ma contengono al loro interno l inestimabile valore di una vita piena di rimorsi e delusioni. 12

13 13 Erlend Øye Unrest (02/07/06) Erlend Øye è la metà musicale dei Kings Of Convenience. È inoltre quello che canta alcune canzoni dei Röyksopp (Remind me o Poor Leno). Insomma è un DJ norvegese con la fissa dell elettronica. Unrest è il suo primo album da solista anche se ha già pubblicato qualcosa con altri pseudonimi. Potremmo definire Øye una specie di Thom Yorke di Scandinavia, con l importante differenza che quest ultimo fa un elettronica molto più seriosa ed esigente. Ma i brani di questo disco sono veramente ben fatti e pronti per il passaggio in radio o per il remixaggio. Sudden rush, Prego amore, Sheltered life, Every party has a winner and a loser, Ghost trains, sono tutte tracce della nuova corrente electro-pop nordeuropea. Certo, non si può parlare di elettronica d alto bordo però, strutturalmente, i brani sono davvero ineccepibili. E non accusatemi di seguire le mode del momento perché Erlend Øye è un artista che merita e, soprattutto, che farà parlare di sé negli anni a venire. Ottimo uso di drum machine, synth e vocoder ma soprattutto troppo curiosa l aria stralunata e scanzonata dell artista. Laurent Garnier Unreasonable behaviour (03/07/06) Laurent Garnier è uno di quegli artisti visionari e surreali tanto da farsi rispecchiare fedelmente dalle sue creature musicali. Unreasonable behaviour (uscito dopo gli storici Raw works e 30) è l album della completa maturità del francese. Gli stili sono talmente miscelati che è praticamente impossibile etichettare questo disco: c è attitudine sperimentale, razionalità techno, minimal, electro, a tratti ambient. City sphere è una sorta di breakbeat jazzato, Forgotten thoughts si basa invece su un doppio accordo di synth; poi arriva la techno di The sound of big balou, Cycles d oppositions e The man with the red face: il tutto condito da strani sax e trombe. La parte finale dell album si occupa prevalentemente dell aspetto elettronico (Greed e Communication from the lab). Che dire dell outro Last tribute from the 20th century? Un ammaliante cartolina digitale del secolo appena finito degna di partire su una navicella per approdare a orecchie aliene. Garnier qui si supera e lo farà ancora di più nei successivi lavori Excess luggage (DJ-set) e The cloud making machine. Gallia docet. Moloko Things to make and do (04/07/06) Album del 2000 e terzo della carriera degli inglesi Moloko. In fondo è un bel disco, che spazia dal funk al trip-hop, dalla house alla electro; tutto poi ben accomunato dalla splendida voce di Roisin Murphy. Accanto a pezzi spiccatamente funkeggianti quali Pure pleasure seeker (che bello il video quando uscì ), Absent minded friends o Remain the same, troviamo brani meno coloriti come Being is bewildering, A drop in the ocean e It s nothing. Discorso a parte merita quel gran componimento che è The time is now, dove le chitarre, il basso, la batteria e la voce della graziosa cantante, fanno da contraltare a quasi tutta le seconda parte di questo album. L ultima traccia è il remix houseggiante di Boris Dlugosch della storica Sing it back, contenuta in versione originale nel precedente LP I am not a doctor. I Moloko partoriranno pochi anni dopo la raccolta di rivisitazioni All back to mine e l ultimo album Statues. Roisin Murphy proverà invece la carriera solista nell ambiente dance ma - scusatemi - oggi non so proprio che fine abbia fatto lei e tutta quella ben composita band. 13

14 14 Nicola Conte Jet sounds (05/07/06) Nicola Conte è il nostro compositore jazz d avanguardia. Si fa per dire. Eppure questo pugliese è davvero troppo bravo nelle contaminazioni tanto che, al tempo di Jet sounds, ha portato una completa ventata d aria nuova nel logoro clima jazzistico italiano, ancora troppo legato alla dimensione strumentale del genere. In questo disco c è la bossa di Bossa per due, il nu-jazz della titletrack, l asian dub di Missione a Bombay, l acustica di Dossier Omega o la samba de Il cerchio rosso. Bello, bellissimo. L album si ascolta tutto d un fiato e, se si è appassionati di jazz storico, non si può rimanere delusi da Nicola Conte. Oltre al fatto che esiste una versione remixata del disco (Jet sounds revisited) che ha avuto molto più successo dell originale. Ultimamente Nicola Conte ha pubblicato Other directions, disco che, come premette il titolo stesso, si indirizza su altri sentieri musicali (soprattutto la mancanza di macchine elettroniche). Comunque questo Jet sounds risulta essere un ottimo lavoro, retró nell idea e nella grafica, ma infinitamente moderno, al pari del grande jazz che tutti conosciamo. Bran Van 3000 Glee (06/07/06) Se li ricorderanno in molti i Bran Van 3000, con quel video uscito - ormai molti - anni fa. C erano degli individui in tuta da lavoro o da austronauta che bevevano una speciale pozione. La canzone era Drinking in L.A. ed è contenuta nel loro primo album Glee. Il progetto nasce dal DJ canadese James Di Salvo e raggruppa sotto il nome di Bran Van 3000 una ventina di artisti (producer, rapper, DJ, chitarristi, batteristi ecc.). E si sente che Glee è un lavoro d oltreoceano: roba così americana da noi è difficile pensarla. Proprio l eterogeneità degli artisti coinvolti nella produzione porta questo album ad essere un calderone di stili diversi e a volte opponibili. Si va dal trip-hop fatboyslimiano di Couch surfer al rock rappato di Forest, dal dub lo-fi di Carry on all hiphop elettronico oakenfoldiano di Afrodiziak, dalla ballad Exactly like me alla house funkeggiante di Old school. Nel complesso possiamo ascrivere il disco ai circuiti underground pur restando un prodotto pronto per la fruizione commerciale. Nulla di travolgente né di appassionante ma una discreta pubblicazione per l ascolto. Antonello Venditti Lilly (07/07/06) Nel 1975 veniva dato alle stampe Lilly, quarto album dell allora giovane cantautore Antonello Venditti, mezzo molisano mezzo romano. La vocalità di Venditti era già nota dopo Roma capoccia anche se è con Lilly che l artista riesce a coniugare questa sua dote col pianoforte e con i testi sociali. La title-track è la storia di un eroinomane (pensate cosa significasse parlare di droga nell Italia perbenista di allora!), Compagno di scuola è l accusa mossa al suo amico Francesco De Gregori durante i moti del 68. Si parla poi di capitalismo con la metafora de Lo stambecco ferito, dove l animale (il socialismo) viene colpito dal cacciatore (il neoliberismo). Perle sconosciute ai più sono Penna a sfera, Santa Brigida, L amore non ha padroni e la splendida Attila e la stella, dove il rude capo unno rimane estasiato di fronte alla magnificenza della capitale. Nel complesso Lilly introdurrà Venditti nel giro del cantautorato pop e lo porterà a pubblicare bellissimi dischi futuri come Sotto il segno dei pesci, Buona domenica, Sotto la pioggia o Cuore. Tutti grandiosi. 14

15 15 Jazzanova In between (08/07/06) In between viene inserito fra i capolavori della musica rock (nel senso ampio) assieme a dischi dei Beatles, Kraftwerk, U2, Aphex Twin e tanti altri capolavori. Gli autori sono i tedeschi Jazzanova, collettivo elettro-jazz. Le tracce del disco sono sempre sospese fra antico e moderno; campioni vecchi di decenni vengono spezzettati e messi in loop, formando nuove composizioni (sia a livello autorale che musicale). L.O.V.E. and you & I è sicuramente una delle tracce che merita di più. Poi The one-tet, tutta costruita con cuts e breaks di pianoforte; e ancora Mwela, Mwela (here I am), dove la vocalist di turno intona note su un tappeto musicale sudamericano, a tratti esotico. Poi c è il lo-fi di Keep falling o il jazz sequenziato di Another new day. Nel complesso, In between è un album rivoluzionario, almeno per quanto riguarda l aspetto stilistico. Fissa i paletti per un nuovo tipo di composizione jazz, e di questa composizione ne sanno qualcosa Koop, Kyoto Jazz Massive, Gabin, tutto l Irma Group, Llorca ecc., senza contare l influenza sulla musica rap nelle acquitrinose terre d oltreoceano. Brian Eno Ambient 1: music for airports (09/07/06) La musica come arredamento. Gli ambienti come gigantesche scatole da riempire di suoni. La fine del concetto tradizionale di ascolto e la nascita di un nuovo genere di colonna sonora, studiata per accompagnare spazi, non immagini. È Brian Eno a completare la rivoluzione di Erik Satie. Con la serie Ambient nascerà l omonimo genere, destinato a fare scuola negli anni a venire (si pensi alle decompression room). Music for airports, che fa parte della su citata serie, è uno dei massimi capolavori del nonmusicista Eno. Quattro brani lunghi un eternità e definiti con numeri lasciano spazio a libere interpretazioni (la migliore quella dei Can). Il fine è quello di stemperare lo stress delle persone presenti negli aeroporti. Metafore di dinamismo, arrivi e partenze, genti in progressione. Music for airports potrebbe proseguire all'infinito e continuerebbe sempre a riservare qualche impercettibile sorpresa. Dietro le sue lente fluttuazioni, la calma ossessiva, i suoi pattern ipnotici, si cela l'attesa per un colpo di scena che pare non arrivare mai, ma che a ogni nuovo ascolto potrebbe invece sopraggiungere. Paolo Tofani & Claudio Rocchi Un gusto superiore (10/07/06) Trovai questo disco fra i vinili di mio padre e, al primo ascolto, mi colpì come pochi. Tutti quei sitar, quei testi strani, quelle immagini filosofico-religiose. Un gusto superiore (1980) nasce dalla collaborazione dell eclettico Claudio Rocchi con Paolo Tofani (degli Area). Allora i due facevano parte della congrega di Hare Krisna ed infatti la label del disco, la Iskcon, è anche l associazione italiana che si occupava della suddetta confessione. Bellissima Dio, sorta di invocazione ad una dimensione panteistica della divinità, oppure Muoiono, sui troppi decessi causati dalla vita moderna (aborti, incidenti, droghe) o ancora La macellazione, chiaramente contro il consumo di carne. Di forte impatto gli altri brani come O sei parte del problema o sei parte della soluzione o la title-track in cui, all imperante materialismo, viene contrapposta una visione della vita del tutto staccata dall aspetto esteriore delle cose. Dopo un intro c è un lunghissimo brano dal forte sapore indiano, Jiv jago (cioè Svegliatevi), in cui il cantante Srila Bhagavan Goswami enuncia una specie di manifesto della religione Hare Krisna. 15

16 16 Björk Drawing restraint 9 (11/07/06) Sarebbe stato troppo facile recensire Debut, Homogenic o Medulla. Questo strano lavoro di Björk è la colonna sonora dell omonimo film di Matthew Barney, marito della stessa. Lo stile di Björk è inconfondibile ed anche senza il suo nome sul disco, potrebbe riconoscersi tra mille. L'Islanda rivive in ogni nota, in ogni paesaggio sonoro, in ogni pizzico d arpa di Gratitude o sussurro di Pearl. Sono pochi i pezzi cantati nel disco e quelli cantati da Björk sono ancora meno, ma è impressionante come a distanza di così tanti anni dal suo debutto la piccola scandinava sembri ancora un fiume in piena o meglio un temporale di emozioni, come testimonia la straordinaria Storm, forse il pezzo più significativo del disco. Ma la parte predominante del album è rappresentata dalla musica, dai suoni e dai rumori, eccetto Bath, interamente cantata a cappella. L atmosfera che si respira è come sempre decadente, cupa ma intrisa di significato. Björk è ormai entrata nell olimpo della ricerca sonora e ogni sua composizione lascia senza parole, creando allo stesso tempo emozione e smarrimento. Fabrizio Moro Fabrizio Moro (12/07/06) Ci tengo a dire la mia su questo disco perché l artista in questione non ha avuto la gloria che meritava. Il romanissimo Fabrizio Moro (l album è omonimo) fa la sua comparsata a Sanremo (sezione giovani) nel 2000 col brano Un giorno senza fine, ovviamente snobbato dalla critica. Ma sembra di rivedere Vasco Rossi nel 1982 quando stonava Vado al massimo. Perché Moro è così. Si riempie le narici di cocaina e canta di puttane e goliardate, di casini con la polizia e matrimoni forzati. Provocatorio, irriverente e contro le regole proprio come Vasco. E forse la maledizione del suo scarso successo è proprio questa: le sue cose sono state già cantate da altri artisti, i quali oggi sono divenuti monumenti. Però che belli che sono brani come Situazioni della vita, Gli amplessi di Marta, 9096 Ro.La, Per tutta un altra destinazione o Canzone di campane. Traspare infatti dai suoi testi e dal suo rock all italiana tutta l alienazione della periferia (San Basilio), le torbide storie di ragazzi quasi trentenni e tutta la rabbia verso il mondo perbenista che della sua rabbia se ne frega altamente. Karlheinz Stockhausen Mantra (13/07/06) Karlheinz Stockhausen è il genio incontrastato della musica concreta e della musica elettronica mondiale. Tanti sono i lavori che meritano onore (Kontrapunkte, Klavierstücke, Gesang der Jünglinge ecc.) ma questo Mantra è uno dei lavori considerati minori sul quale vorrei invece soffermarmi io. Stockhausen ha a lungo riflettuto sulle idee innovative di Messiaen, elaborando una propria idea di composizione, basata sull accostamento di nuclei minimi di suoni, detti punti, da cui deriva il puntualismo musicale. Ogni punto ha una sua autonomia rispetto agli altri, in modo che non sia possibile determinare se ognuno di essi è premessa o conseguenza degli altri. Nel corso degli anni questa forma di composizione si evolverà, portando la scrittura a concentrarsi su microcosmi di suoni, detti gruppi, trattati dal compositore con gli stessi principi che avevano governato i punti. Vi si intravedono i rapporti con la musica aleatoria delle culture orientali e della spiritualità. Tutto questo è sfociato nel 1970 in Mantra. Le parole non possono però rendere la grandezza dell opera. Da studiare minuziosamente. 16

17 17 Marc Moulin Placebo sessions (14/07/06) Il belga Marc Moulin inizia negli anni 70 a jazzare con un gruppo che allora si chiamava Placebo. Dopo trent anni di ricerca e sintesi jazz, è approdato alla jazz-house degli ultimi lavori Top secret ed Entertainment. Parallelamente a tutto ciò, Moulin si dava da fare assieme ai Telex per competere con la Germania elettronica dei Kraftwerk. Tornando però ai lavori degli anni 70 troviamo, accanto a Sam Suffy, Placebo sessions Strepitoso perché è una sorta di raccolta (uscita da poco rimasterizzata) che di elettronico non ha nulla. Semplicemente un perfetto calderone di free-jazz da colonna sonora. Bellissime Aria, Phalene, Showbiz suite, Stomp, Plotseling o Dag madam merci. Trombe, contrabbassi, sassofoni, vibrafoni, chitarre: c è tutto il meglio della nuova ondata jazz europea in questo disco. Trovo poi Humpty dumpty il miglior componimento dell album che - piccola curiosità - è stato campionato dal bolognese Joe Cassano nella traccia hip-hop Dio lodato. Nel complesso queste sessioni ci lasciano addosso un incrollabile senso di allegria e un accennato sorriso sul viso. Subsonica Amorematico (15/07/06) Questa è l elettronica italiana. Amorematico dei Subsonica è uno degli album più importanti sotto il profilo electro-pop nostrano. Vero è che la band torinese si è cimentata spesso col rock ma, a loro detta, non è il genere congeniale. Nel disco troviamo Sole silenzioso, Dentro i miei vuoti e Nuvole rapide: tutti brani intrisi di una profonda solitudine. Magnifiche Ieri e Albascura, entrambe più ritmate e nettamente più sfacciate delle prime. Nell album ci sono anche tormentoni da dancefloor come Nuova ossessione o le tracce strumentali della serie Atmosferico. Ineccepibile poi Eva- Eva, piena di rabbia Questo domani, piacevolmete rumorosa Gente tranquilla. Ascoltato in tutti i suoi settanta minuti, Amorematico, con i suoi alti e bassi, risulta un disco esteticamente bellissimo, perché ben fatto per quanto riguarda la trama strutturale e ricercato sotto il profilo dei testi e degli arrangiamenti. Dopo la parentesi rockettara di Terrestre i Subsonica hanno annunciato di voler tornare alla loro anima digitale ed entreranno in studio al più presto per buttar giù nuove idee. Unici in Italia. The Funky Lowlives Somewhere else is here (16/07/06) Somewhere else is here (pubblicato dalla Outer Recordings) è il terzo album dei Funky Lowlives, duo electro (e non solo) londinese. Considerato a posteriori, per molti rappresenta la via che i Röyksopp avrebbero dovuto prendere, al di là di certe idee da club poco originali. Nella realtà invece i Funky Lowlives e, in particolare questo album, fanno parte di un filone a se stante. Risultano piacevoli, alternando brani leggeri e scorrevoli (a momenti ricordano i Penguin Café Orchestra) a brani più jazzati, elettronici, finanche pop. La chicca del disco è sicuramente Time to let you go - molto AIR - dove i tanti accordi di chitarra si vanno a posare su una tiepida base di beat elettronici. Senza mai stupire troppo e senza mai esagerare, il duo Whitehouse-Danks propone inoltre le divertenti Sail into the sun, Superlove, Another place e For her eyes. Certo, è vero che ci eravamo abituati male dopo la compilation omonima e l album Cartouche, grazie a canzoni storiche quali Notabossa, ma sono anche convinto che questo Somewhere else is here sia comunque un passo, seppur piccolo, in avanti. 17

18 18 LCD Soundsystem LCD Soundsystem (24/08/06) Fautori della vendetta (o ventata) electro-pop, gli LCD Soundsystem hanno da poco esordito con il loro album omonimo. Dalla copertina e dai titoli si capisce immediatamente il background del gruppo: elettronica, dance, pop-rock e funky. Insomma, un po Jamiroquai, un po Depeche Mode, un po Franz Ferdinand, un po Daft Punk. Proprio a quest ultimi è intitolata la prima stupenda Daft Punk is playing at my home; maledettamente affascinante è Tribulations, minimal-dance Too much love. Velocissima e acida Movement, molto beatlesiana la ballata Never as tired as when I m waking up, da febbre del sabato sera la seguente On repeat, marcatamante disco-dance Disco infiltrator, quasi rappata Thrills, ambientale e formidabile Great release. Impossibile skippare le tracce: tanta è la loro carica adrenalinica. Beat connection è houseggiante, Losing my edge consegue ottimi risultati elettronici, Give it up è rock d ultima generazione, Tired è noise, infine le due versioni di Yeah rispecchiano l anima ballerina di questi LCD Soundsystem. Per essere un debutto, accipicchia! The Chemical Brothers Come with us (02/09/06) Questo è un lavoro del tutto atipico per il duo inglese, in quanto rompe completamente con l elettronica rumorosa e ridondante dei precedenti lavori. Come with us contiene finalmente tutta la maturità dei Chemical Brothers. Impossibile non cogliere la personale elaborazione di Trans-Europe Express dei Kraftwerk nella hit Star guitar o l onda tribal-house di It began in Afrika. Anonimi ma piacevoli i brani Hoops, The state we re in, Denmark, The elastic eye, Galaxy bounce o Pioneer skies; molto più ricercata la seconda hit The test (corredata da un fantastico videoclip), in quanto concepita come esercizio in bilico fra acustica ed elettronica. Dopo la raccolta di singoli Singles i Chemical Brothers decideranno, sull onda del successo di questo Come with us, di darsi completamente al basso commercio (vedi Push the button) dimostrando sì grande talento ma smentendo ogni ambizione artistica. Una carriera fatta di tali grandi successi (su tutti Hey boy hey girl) e, al tempo stesso, di una grossa incoerenza nella scelta produttiva e nella direzione artistica. Le Orme Uomo di pezza (03/09/06) Le Orme sono state una delle migliori band progressive (anzi progressive-pop) italiane. La loro discografia parte con Ad gloriam del 1969 e sembra non terminare con L infinito del In mezzo a questi trentacinque anni c è Uomo di pezza (1972). Erano gli anni dei grandi sconvolgimenti nella musica italiota: la melodia si tramutava in ricerca popolare e le mode, fugaci come oggi, cercavano di farsi belle e di divenire il più durature possibile. Ma quest album de Le Orme contiene davvero un po di tutto. Gioco di bimba, Una dolcezza nuova e Figure di cartone sono psichedeliche ma leggere, merito del giusto equilibrio fra chitarra e moog, fra batteria e basso elettrico; Alienazione, La porta chiusa e Breve immagine sono invece più indirizzate alla tendenza allora dilagante del solismo sperimentale. Infine troviamo la splendida Aspettando l alba, sospesa fra l inconscio dell onirico e la meraviglia del reale. Le Orme si supereranno l anno dopo col capolavoro Felona e Sorona e negli anni a venire con Smogmagica (1975), Verità nascoste (1976), Storia o leggenda (1977) e Florian (1979). 18

19 19 The Rokes Che mondo strano (04/09/06) I Rokes sono i Beatles italiani. E forse anche di più. Perché se i quattro di Liverpool hanno inventato dal nulla il loro inconfondibile stile beat, i Rokes di Shapiro hanno italianizzato la lezione affiancando a musiche orecchiabilissime anche testi intelligenti. Che mondo strano è l album del 1967 e contiene alcune fra le loro più belle creazioni. È la pioggia che va e Se io fossi povero sono critiche verso la classe piccolo-borghese e a quell Italietta benpensante d allora come d oggi; la title-track e Dall altra parte ripercorrono invece i temi giovanili in voga (cantati già da Nomadi, Zero e Pooh); Finché c è musica mi tengo su e Ride on sono meravigliosi inviti al ballo scatenato e all importanza della musicalità. L unica influenza che i Rokes hanno ricevuto dalla tradizione musicale italiana è stata quello dell Equipe 84 di Maurizio Vandelli. Ma il ringraziamento che i Rokes meritano per aver operato una rottura col passato (mitigata poi da alcuni miopi discografici) va allargato a molti dei personaggi di quegli anni e soprattutto a temerari locali che rischiarono su di loro, primo fra tutti il Piper di Roma. Architecture In Helsinki In case we die (05/09/06) Questo è il secondo disco del pazzoide collettivo australiano denominato Architecture In Helsinki. La follia della band è evidente ascoltando i brani o guardando i clip. La loro immaturità è ben bilanciata dalla raffinata cura di cui godono le canzoni. Bellissime Wishbone e Do the whirlwind, fatte di batterie, congas, bonghi, tromboni, pianoforti e altri strumenti molto meno convenzionali. Nell album si respirano contemporaneamente Talking Heads, Buggles, Chicago e Frank Zappa: il tutto mescolato a mò di spot pubblicitario. Le canzonette (così le chiamerebbe Bennato) sono però talmente piacevoli ed originali che vanno benissimo per un viaggio in automobile. Certo non è indie duro e puro, ma almeno non annoia e resta in mente per giorni. Infine meritano una nota particolare Need to shout, What s in store e Maybe you can owe me per la loro capacità di evocare atmosfere degne di grandi nomi della musica internazionale come George Harrison, Alan Parsons e Roger Waters. Nel complesso, In case we die è uno spensierato lavoro consigliato per una rimpatriata fra vecchi amici. Groove Armada Goodbye country (hello nightclub) (06/09/06) I Groove Armada sono fra i pochi artisti americani che hanno qualcosa da dire e lo fanno in maniera del tutto originale. Il disco meglio riuscito è sicuramente questo Goodbye country (che ha per sottotitolo Hello nightclub). Ed è evidente già nel titolo la voglia di sprovincializzazione del proprio mood: un lento allontanamento dal circuito underground per inserirsi in un ambiente internazionale più eclettico. In quest album troviamo infatti brani house da dancefloor come Superstylin, Drifted e Healing, pezzi hip-hop come Suntoucher o il trip-hop un blueseggiante di Join my hands e My friend (tra l altro uno dei più bei videoclip dell ultima decade), od ancora l elettronica oldstyle di Fogma e Raisin the stakes. L amalgama diviene poi perfetto quando è condito da sana musica chill-out (Lazy Moon). Ammirevoli anche i lavori precedenti quali Vertigo e Northern star, un po meno l ultimo Lovebox, in cui sembra che i due producer d oltreoceano abbiano fatto un vero e proprio autogol, attraverso composizioni sempre talentuose ma poco originali, visto soprattutto il loro background artistico. Bravissimi. 19

20 20 I Ratti Della Sabina A passo lento (07/09/06) Non amo affatto il folk perché in tutti questi decenni non è mai riuscito a rinnovarsi, se non in piccola parte. Permangono ancora oggi fisarmoniche, violini, bufù, zampogne e tutti gli altri strumenti autoctoni. Permangono anche i testi sociali, i testi di lotta, i testi da balera. Ma sono contento di recensire l ultimo nato dei Ratti Della Sabina. Questo A passo lento è davvero un bell album, così come lo erano Circobirò, Cantiecontrocantincantina ed Acqua e terra. Questa band proviene dal Lazio più burino e, almeno come approccio al pubblico, non sbaglia una virgola. Simpatici e bravi musicisti questi Ratti, che si permettono anche di foraggiare giustamente la pirateria. E in questo disco ritroviamo ancora molti retaggi autorali del grande Gianni Rodari, per loro maestro di vita e di arte. Divertentissime La giostra, Chi arriva prima aspetta e Il suono del motore (dedicata al loro meccanico); molto romantiche A passo lento e A Oriente; evocativa L Abbatuozzo, legata al caro Monte Soratte e alle sue leggende. Insomma, la differenza tra i Ratti Della Sabina e i M.C.R. o i Folkabbestia! c è, per nostra fortuna. Depeche Mode A broken frame (08/09/06) Il secondo disco dei Depeche Mode, dopo Speak & spell, è il bellissimo A broken frame, contenente dieci brani di genuino electro-pop. Tanti sintetizzatori, tanti pad e tanti pattern elettronici: il tutto incatenato nella nuova forma canzone degli anni 80. Tanti si sono scagliati contro questo album, fondamentalmente perché era venuta a mancare la genialità dell autore Vince Clarke. Considerato uno dei peggiori lavori della discografia dei Depeche Mode, penso invece che abbia molto da dire, perlomeno sotto il profilo prettamente strutturale. Leave in silence vale tutto il prezzo del disco e viene ben completata dalle magnifiche A photograph of you e The meaning of love. Forse ridondanti See you, Satellite e Shouldn t have done that, ma non temono comunque il confronto con tutta l immondizia musicale che in quegli anni girava nei circuiti d Europa. La voce baritonale di Dave Gahan sa inoltre conquistare l ascoltatore attraverso leggeri sibili in cui le parole vengono semplicemente accennate (è il caso della stupenda Monument). Curiosità: la copertina vinse il premio come miglior artwork del Mario Panseri Adolescenza (09/09/06) Liberamente tratto dal romanzo Agostino di Alberto Moravia, il rarissimo disco di Mario Panseri ha concorso a rendere mitica la schiatta cantautorale italiana. Adolescenza è infatti la storia musicata (molto progressive) di un ragazzino alle prese con una madre sola. Il piccolo Agostino scopre così le amicizie di branco, scopre la sua sessualità attraverso la masturbazione, scopre il corpo femminile nudo, scopre la solitudine della mamma sfociata in squallide avventure sessuali. I testi di Panseri aiutano a creare quell atmosfera di inquietudine tipica dell età adolescenziale e la terza persona con cui spesso si esprime sembra fungere da grillo parlante. Infatti i titoli dei brani non fanno altro che definire gli stati d animo del ragazzo (Delusione, Il primo amico, Vicino alla mamma, La tua confusione ecc.); la storia si completa con la cruda fine dell innocenza adolescenziale e il dolce ingresso nella nuova fase della giovinezza (Non sei più quel ragazzo). Un disco bellissimo, unico. Mario Panseri è morto nel 1995 a soli cinquant anni, senza che la musica italiana gli abbia mai tributato gli onori dovuti. 20

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Alimentatore tuttofare da 10 A

Alimentatore tuttofare da 10 A IK0RKS - Francesco Silvi, v. Col di Lana, 88 00043 - Ciampino (RM) E_Mail : francescosilvi@libero.it Alimentatore tuttofare da 10 A E questa la costruzione di un alimentatore portatile che accompagna i

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Il broadcasting dalla radio alla Tv

Il broadcasting dalla radio alla Tv Il broadcasting dalla radio alla Tv Un nuovo tipo di comunicazione, verticale o discendente, che prevede una istituzione che elabora un messaggio complesso e un apparecchio ricevente che non può inviare

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Vince un Golden Globe per la canzone "BEN" e viene nominato agli Oscar.

Vince un Golden Globe per la canzone BEN e viene nominato agli Oscar. L'artista più premiato nella storia (405 premi, di cui 18 Grammy Awards). Secondo il Guinness World Records, è l'artista di maggior successo di tutti i tempi, avendo venduto, nel corso della sua carriera,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i

leonildo marcheselli omaggio a b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i omaggio a leonildo marcheselli b a l l a b i l i s e m p r e V e r d i d e l pa p à d e l l a F i l u z z i I n t e r p r e t a t I d a g r a n d I f I s a r m o n I c I s t I massimo budriesi tiziano

Dettagli