Istituto MEME. associato a. Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles IL FETO E LA VITA SONORA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto MEME. associato a. Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles IL FETO E LA VITA SONORA"

Transcript

1 Istituto MEME associato a Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles IL FETO E LA VITA SONORA Scuola di Specializzazione: Musicoterapia Relatore: Dott.ssa Roberta Frison Contesto di Project Work: Consultorio Famigliare di Carpenedo VE Tesista Specializzando: Giorgia Pugiotto Anno di corso: Primo Modena: maggio 2009 Anno Accademico:

2 INDICE DEI CONTENUTI INTRODUZIONE 4 1 Capitolo. Analisi dello sviluppo dei cinque organi di senso durante la vita prenatale Il tatto l olfatto Il gusto l udito Lo sviluppo dell orecchio La vista 15 2 Capitolo. I cinque livelli di comunicazione presenti durante la gravidanza Livello fisiologico Livello comportamentale Livello emotivo Livello mentale Livello esistenziale La comunicazione intrauterina secondo Benenzon Il Principio dell ISO 22 3 Capitolo. Gli studi Gli effetti dell ascoltare musica durante la gravidanza e il travaglio di parto: Descrizione di un esperienza

3 3.2. Il canto nella preparazione alla nascita Capitolo. Il Project Work Premessa Materiali e metodi Il setting Lo strumentario Le tecniche La struttura ed organizzazione degli incontri I dati raccolti 77 CONCLUSIONI. 82 REPERTORIO MUSICALE BIBLIOGRAFIA E RIFERIMENTI SITOGRAFICI 86 3

4 INTRODUZIONE Il mio project work presenta l esperienza di tirocinio di musicoterapica realizzata con due gruppi di gestanti durante i corsi di preparazione alla nascita, nel Consultorio Familiare di Carpenedo in Provincia di Venezia dove presto servizio come volontaria ostetrica. Prima di intraprendere questa esperienza ho cercato alcune fonti che potessero essermi utili. La Musicoterapica in gravidanza è un tema che suscita grande curiosità ed interesse, come evidenzia la presenza dell argomento in convegni e congressi, (ad alcuni dei quali ho anche partecipato Famiglia, genitorialità e prenatalità - Padova; Musica e Vita Sassuolo) ma di cui si possiede una scarsa letteratura, per altro non strutturata. Due sono i libri che hanno dato inizio al mio percorso: - L abbraccio sonoro in gravidanza - Percorso innovativo di musicoterapica in acqua per future mamme di Paola Ulrica Citterio. - Musicoterapia e Gravidanza a cura di Raffaella Coluzzi. Il primo capitolo della mia tesi tratta lo sviluppo, durante la vita prenatale, dei cinque sensi che procedono secondo il seguente ordine: tatto, olfatto, gusto, udito e vista. Volendomi soffermare sull udito, ho ritenuto importante spiegare lo sviluppo della struttura dell orecchio dalla fase embrionale alla fase fetale. Nel secondo capitolo si descrivono i livelli di comunicazione presenti durante la gravidanza tra la madre ed il nascituro. Una particolare attenzione è stata data allo schema della comunicazione intrauterina proposta da Benenzon e al concetto di ISO ossia l insieme delle energie sonore, acustiche e di movimento, che appartengono a un individuo e lo caratterizzano. Il terzo capitolo pone l accento sugli studi realizzati (Piper, Salk, Fejoo, Gagnon, Milani Comparetti, Franco Fornari) sulle relazioni tra stimoli sonori ed attività del feto ed, essendo veneziana, ho voluto riportare per intero lo studio fatto da Pier Luigi Righetti (Venezia 1995) sugli effetti dell ascoltare musica durante la gravidanza e il travaglio di parto. Al termine del capitolo riporto le esperienze sull uso della voce in gravidanza: - il canto carnatico, tipico dell India; - la concezione del canto per Leboyer: 4

5 - gli studi di psicofonia di M. L Aucher e della sua studentessa Elisa Benassi. Nel quarto ed ultimo capitolo, illustro nel dettaglio il project work realizzato a Carpendo partendo dalla motivazione per cui ho deciso di fare questo progetto. Specifico, in dettaglio, il setting, gli strumenti di lavoro utilizzati, la metodologia, le tecniche di intervento e la struttura organizzativa degli incontri. Infine riporto, di sei gestanti, i dati clinici ed alcune osservazioni sulle attività musicali che sono emerse durante gli incontri. I mutamenti che avvengono a livello fisiologico e psicologico durante i nove mesi, sono talvolta accompagnati da ansia, stress, paura e affaticamento che possono impedire alla donna di vivere questo straordinario momento della vita. Con le tecniche di musicoterapia volevo far scoprire alle gestanti un ulteriore mezzo per vivere la nascita con consapevolezza e serenità: attenta e pronta ad assecondare i segnali provenienti dal suo corpo e dal suo bambino. 5

6 CAPITOLO 1 ANALISI DELLO SVILUPPO DEI CINQUE ORGANI DI SENSO DURANTE LA VITA PRENATALE Fino a poco tempo fa si pensava che il nascituro fosse una massa psichicamente indifferenziata sulla quale venivano a fissarsi le esperienze, i pensieri e le azioni solo dopo la nascita. Solo recentemente questa concezione statico/passiva è stata sostituita dalla concezione dinamico/attiva, orientata in senso evolutivo, che vede il neonato, nel suo primo impatto con il mondo, portare con sé una serie di vissuti già organizzati e strutturati sui quali formerà lo sviluppo successivo dell'io. Per essere più precisi, durante la gestazione, il nascituro sviluppa un Sé differente e differenziato, perfettamente individualizzato, come le impronte digitali, che ha così nitide e definite. La moderna neurologia ha scoperto, ad esempio, che a partire dal settimo/ottavo mese compaiono nel nascituro dei tracciati elettroencefalografici di diversi ritmi che consentono di comprendere se il piccolo è sveglio o dorme, se il suo sonno è profondo o se sta sognando. Questo è un dato di grande valore e significato perché è stato riconosciuto, a partire da Freud che riteneva il sogno la via regia dell'inconscio, che i sogni sono in stretta relazione con la vita interiore e con i contenuti della vita psichica fatta di bisogni, desideri, emozioni ecc. Le ricerche effettuate nel campo della vita prenatale hanno dimostrato l'esistenza di un attività neurosensoriale presente già fin da prima della nascita. Questo per dire che il feto, attraverso gli organi di senso, ha già a disposizione dei canali di comunicazione aperti verso il mondo esterno che incidono, a partire dalle prime esperienze, sulla propria crescita e quindi sulla propria organizzazione ed attività futura. Un'attenta analisi dello sviluppo neurosensoriale permette di comprendere lo sviluppo e il valore degli organi di senso che procede secondo il seguente ordine: 1) Tatto. 2) Olfatto. 6

7 3) Gusto. 4) Udito. 5) Vista TATTO La pelle è già completa dopo otto settimane di gravidanza. E' stato possibile stabilire che il feto presenta: - dall'8/9 settimana reazioni motorie e stimolazioni facciali centrate nella regione della bocca; - dalla 10/11 settimana si muove per oltre il 12% del tempo, comincia ad eseguire movimenti per la respirazione e talvolta sobbalza d'improvviso; inoltre inizia, o lo farà tra un paio di settimane al massimo, a bere liquido amniotico; - dalla 12/13 settimana in risposta ad uno stimolo chiude la bocca ed inghiotte; manifesta un ritmo di singhiozzo di singulti al minuto; - dalla 16 settimana ha ormai sviluppato il senso del gusto; si è rilevato che se il liquido amniotico viene dolcificato artificialmente ne inghiotte una dose doppia; se si illumina violentemente il ventre materno reagisce girando la testa mentre aumenta il battito cardiaco; - dalla 20 settimana muove il braccio su e giù ed è in grado di toccare ed afferrare qualcosa: un dito, un piede; possiede tutti i moduli di movimento della specie umana e ne ha di più perché con il passar del tempo se ne perde e non se ne acquisisce nemmeno uno ; - dalla 22 settimana comincia a fare precisi movimenti per succhiare; da questo momento in poi si osserverà un aumento del battito cardiaco ogni volta che si muove; - dalla 25 settimana può essere eccitato da forti e improvvisi rumori e calmato dalla madre quando gli parla dolcemente; - dalla 30 settimana sembra ascoltare il proprio cuore quasi per stabilire un proprio ritmo post-natale; - dalla 39 settimana, durante le fasi del sonno profondo (non-rem), muove la bocca ad intervalli che vanno dai 10 ai 20 secondi; nel sonno REM o sonno attivo si muove ogni 0,5-2,5 minuti, e muove la bocca per 0,5-3 minuti. In questo periodo dorme per il 95% del tempo. Grazie alla sua stretta relazione con l'attività mobile del feto il tatto è il primo e più 7

8 importante organo d informazione su noi stessi e sull'ambiente. Basta pensare il liquido amniotico che circonda il bambino, alla capacità dell'embrione e del feto di muoversi in questo liquido, ed alle sue mani molto vicine alla bocca per rendersi conto che la pelle è continuamente stimolata ed in contatto con l'ambiente Il tatto è l'organo della relazione e l'esperienza che ne deriva è destinata a condizionare le esperienze successive; quindi la pelle è l'organo della comunicazione primaria perché permette di comunicare anche quando le altre forme di comunicazione espressiva, gestuale, verbale, non sono presenti. Il processo del toccare è sempre reciproco e quindi la sua attivazione determina inevitabilmente una relazione. In Olanda esiste l'istituto per la Comunicazione Aptonomica (del toccare) diretto da Veldman F., che insegna ai genitori come toccare il feto durante la gravidanza. Questa tecnica consiste nel prendere, naturalmente con delicatezza, il contenuto del ventre con le mani e fare delle pressioni o massaggi. Già dal quarto mese è possibile notare una reazione del feto che al toccamento risponde attraverso il movimento. Questa pratica sviluppa nei genitori la consapevolezza che il nascituro ha concretamente una sua vita di relazione. Ciò rafforza il legame affettivo genitori/figlio, attenua la preoccupazione rispetto alla gestione della gravidanza e prepara alla relazione affettiva dopo la nascita. Inoltre l'esperienza aiuta a comprendere le preferenze e i rifiuti o meglio le tendenze del bambino. E' di fondamentale importanza trasmettere al bambino dei messaggi di compiacimento per averlo in grembo. La madre, mentre lo tocca, può parlargli con dolcezza e comunicargli il suo amore con il pensiero e con la parola, perché il bambino recepisce i messaggi ed ha una sua memoria inconscia. In questo modo il bambino sviluppa maggiormente la capacità di adattamento, di risposta e di relazione. Inoltre diventa più attivo, aumenta il tono della muscolatura e la capacità di provare emozioni OLFATTO 8

9 L'organo dell'olfatto entra in funzione durante il secondo mese di gravidanza. Le sostanze legate all'ambiente e al cibo possono, con i loro odori, diventare parte del liquido amniotico e produrre delle memorie olfattive importanti per lo sviluppo delle relazioni ed esperienze future. L'olfatto è in stretta relazione con l'intuizione, con l'orientamento spaziale e con la capacità di discriminazione: probabilmente alla nascita il bambino riconosce la madre anche grazie all'odore che emana. Inoltre l'odorato è in rapporto con la vita affettiva e sessuale, con il comportamento aggressivo ed affermativo, con il processo di maturazione, ed esercita in senso generale, un ruolo significativo nella formazione, nello sviluppo dell'identità personale e in tutta la vita di relazione interpersonale. Una tecnica di un certo interesse, consigliata alle donne in gravidanza, consiste nel far uso di essenze o profumi particolarmente graditi. Questi permettono, in modo del tutto naturale, di agire sul grado di risposta emotiva, di favorire un maggior senso di benessere e quindi di apertura e di adattamento: condizione importante per poter affrontare adeguatamente i problemi e le difficoltà della vita in armonia con sé e con il proprio figlio. I profumi, per semplicità, sono classificati secondo tre diversi tipi di note: Le prime sono le note di testa caratterizzate dagli aspetti volatili, schietti e poco duraturi; in genere rappresentano l'aspetto sensibile del profumo molto vicino alla volatilità del pensiero. Esse sono costituite in prevalenza da agrumi (limone, bergamotto, mandarino) o da labiate (salvia, rosmarino, issopo, menta). Vengono poi le note dominanti o note di cuore legate al mondo delle emozioni e queste determinano la personalità del profumo. Ritroviamo tra queste i profumi di rosa, gelsomino, caprifoglio e mughetto. E da ultime ci sono le note di fondo, dall'aroma intenso, che stimolano la vitalità come il patchouly, labdano, muschio di quercia, benzoino, incenso IL GUSTO 9

10 Il gusto entra in funzione verso il terzo mese. All'introduzione di sostanze dolci o amare nel liquido amniotico, il feto reagisce, rispettivamente, con momenti di suzione, di deglutizione o di smorfie, accompagnate al tentativo di chiusura della bocca dimostrando la capacità di discriminare le differenze. Nel liquido amniotico passano anche sapori di cibi che fanno parte dell'alimentazione della madre. A questo proposito un interessante ricerca è stata condotta in Francia, e più precisamente in Provenza, su alcuni gruppi di bambini. I figli di donne che durante la gravidanza e l'allattamento mangiavano molto aglio dimostravano, fin dai primissimi anni di vita, una spiccata predilezione per gli alimenti ricchi di aglio, sostanza che normalmente viene invece fermamente rifiutata dai lattanti. La memoria gustativa, ed in parte anche quella olfattiva, hanno un grande valore perché possono determinare le esperienze successive che il bambino farà con il cibo, specialmente durante la fase orale relativa al primo anno di vita, con l'allattamento e lo svezzamento e quindi le sue abitudini alimentari. Il gusto influenza le prime esperienze di accettazione o di rifiuto della realtà e svolge un ruolo importante nello sviluppo della capacità di adattamento e del senso di appartenenza. Alla gestante si consiglia un'alimentazione equilibrata con particolare attenzione alla quantità, ma soprattutto alla qualità nella scelta dei cibi. Ciò è estremamente importante per la salute della gestante, per l'andamento della gravidanza e per lo stato di nutrizione e sviluppo psicofisico del nascituro L'UDITO L'apparato uditivo completa la sua maturazione tra il secondo e il quinto mese di gravidanza, perciò dopo il 6 mese il feto ha la capacità di ascoltare per tutto il tempo. Gli stimoli sonori vengono percepiti, non solo attraverso l'apparato uditivo fetale, ma anche tramite la pressione delle vibrazioni sonore su tutto il feto passando attraverso il liquido amniotico. Tutto il processo di crescita convive in simbiosi con la madre attraverso: - le sue pulsazioni cardiache; - la sua voce; - il suo flusso ematico; 10

11 - il rumore delle pareti uterine; - i continui gorgoglii intestinali; - le sonorità connesse al volume dell'aria inspirata ed espirata; - il movimento ondulatorio del diaframma. I rumori di fondo intrauterini sono pari a 24 db (decibel), mentre la voce materna è pari a 60 db. Secondo le più recenti scoperte svolte da Versyp, nel 1985, la somma totale dei rumori interni è di circa 30 db. Il feto probabilmente tende ad abituarsi convivendo con questi suoni permanenti. La propagazione delle onde sonore nel liquido amniotico dà origine a una stimolazione di tipo energetico. Tutte queste sollecitazioni acustiche, provenienti dall'interno, determinano un coinvolgimento vibrotattile globale prima ancora che uditivo. Le percezioni fetali e neonatali dipendono anche dalle strutture geneticamente determinate, nelle quali la maturazione sembra derivare dalle stimolazioni esterne trasmesse dagli organi di senso. Gli stimoli, di origine esterna, provengono dai suoni, musiche, rumori e vibrazioni dell'ambiente esterno e vengono filtrati attraverso i tessuti della madre. I suoni maggiormente attutiti sono quelli acuti, mentre quelli bassi subiscono una minore attenuazione: sopra i 1000 e 2000 Hz l'attenuazione è di 30 db. I suoni che passano meglio (senza l'attenuazione di protezione) sono, quindi, intorno ai 1000 Hz anche se, d'altra parte, rischiano di essere più compromessi, meno nitidi a causa del rumore di fondo materno. Le sonorità endouterine hanno perciò un'intensità variabile da 6,3 a 80,5 db. La voce materna (per trasmissione ossee, per vicinanza e per le vibrazioni prodotte dall'apparato fonatorio) emerge fra tutte, filtrata. La voce paterna (per la vicinanza e per il suo tono grave) e la musica contribuiscono nella stimolazione dei suoni gravi. L'attenuazione dei rumori esterni proviene principalmente dal fatto che le onde sonore sono, in gran parte, riflesse dall'addome materno soprattutto per quanto riguarda i suoni acuti. Questi sono dunque quelli più debolmente percepiti rispetto a quelli gravi LO SVILUPPO DELL'ORECCHIO 11

12 L'orecchio è formato da tre parti anatomicamente diverse: L'ORECCHIO ESTERNO, formato dal padiglione auricolare, dal meato acustico esterno e dallo strato esterno della membrana timpanica. L'ORECCHIO MEDIO, che è formato da una catena di tre ossicini uditivi, che connettono lo strato interno della membrana timpanica con la finestra ovale dell'orecchio interno. L'ORECCHIO INTERNO, che è formato dall'organo vestibolo-cocleare, che è in rapporto sia con la funzione uditiva che con quella dell'equilibrio. Le parti esterne e medie dell'orecchio sono deputate alla trasmissione delle onde sonore all'orecchio interno, che converte le onde in impulsi nervosi e registra i cambiamenti di equilibrio. SVILUPPO DELL'ORECCHIO INTERNO L'orecchio interno è il primo delle tre parti anatomiche che inizia a svilupparsi. All'inizio della quarta settimana appare su ciascun lato del mielencefalo, la parte caudale del cervello posteriore, un ispessimento dell'ectoderma superficiale, il placode otico. Ciascun placode otico presto s invagina e affonda profondamente nell'ectoderma superficiale fino a raggiungere il mesenchima sottostante. Così facendo forma la fossetta otica. I bordi della fossetta otica si riuniscono e si fondono dando origine alla vescicola otica, il primordio del labirinto membranoso. Le vescicole otiche perdono i loro contatti con l'ectoderma superficiale e formano un diverticolo che si allunga dando origine al dotto e al sacco endolinfatico. A questo punto si riconoscono due regioni delle vescicole otiche: UNA PARTE UTRICOLARE dorsale, dalla quale hanno origine il dotto endolinfatico e i dotti semicircolari. UNA PARTE SACCULARE ventrale, che dà origine al sacculo e al dotto cocleare; questo dotto contiene l'organo spirale (del Corti). I tre diverticoli discoidali si accrescono al di fuori della parte utricolare del labirinto membranoso che si sta sviluppando. Presto le parti centrali di questi diverticoli si fondono e scompaiono. Le parti periferiche non fuse dei diverticoli diventano i dotti semicircolari. Dilatazioni localizzate, le ampolle, si sviluppano a ciascuna estremità del dotto semicircolare. Le 12

13 terminazioni nervose sensoriali - le creste ampollari - si differenziano in queste ampolle e nell'utricolo e sacculo. Dalla parte ventrale sacculare della vescicola otica si accresce un diverticolo tubulare - il dotto cocleare - che si avvolge su se stesso formando la coclea membranosa. Subito si forma una connessione tra la coclea e il sacculo, il dotto reuniente. L'organo spirale (del Corti) si differenzia dalle cellule della parete del dotto cocleare. Le cellule gangliari dell'ottavo nervo cranico migrano lungo l'avvolgimento della membrana cocleare e formano il ganglio spirale (ganglio cocleare). Processi nervosi si estendono da questo ganglio fino all'organo spirale, dove terminano nelle cellule capellute. Le cellule del ganglio spirale mantengono la condizione embrionale bipolare; cioè, esse non diventano unipolari come le cellule del ganglio spinale. Influenze induttive provenienti dalla vescicola otica stimolano il mesenchima che circonda la vescicola otica a condensarsi e a differenziarsi in una capsula otica cartilaginea. Mentre si ingrandisce il labirinto membranoso, appaiono vacuoli nella capsula otica cartilaginea che presto coalescono e formano lo spazio perilinfatico. Il labirinto membranoso è ora sospeso nella perilinfa (liquido dello spazio perilinfatico). Lo spazio perilinfatico relativo al dotto cocleare si divide in due parti, la scala del timpano e la scala vestibolare. La capsula otica cartilaginea successivamente si ossifica e forma il labirinto osseo dell'orecchio interno. L'orecchio interno raggiunge la sua dimensione e forma definitive alla metà del periodo fetale (da settimane). SVILUPPO DELL'ORECCHIO MEDIO La parte prossimale del recesso tubotimpanico forma la tuba faringotimpanica (tuba uditiva). La parte distale del recesso tubotimpanico si espande e diviene la cavità timpanica, che gradualmente avvolge gli ossicini dell'udito (martello, incudine e staffa). Durante l'ultima parte del periodo fetale, un espansione della cavità timpanica, dà origine all'antro mastoideo. L'antro mastoideo ha, alla nascita, dimensioni quasi definitive; tuttavia non sono presenti nel neonato cellule mastoidee. A due anni di età le cellule mastoidee sono ben sviluppate e producono proiezioni coniche delle ossa temporali, detti processi mastoidei. L'orecchio medio continua a crescere per 13

14 tutta la pubertà. SVILUPPO DELL'ORECCHIO ESTERNO Il meato acustico esterno si sviluppa dall'estremità dorsale del primo solco faringeo. Le cellule ectodermiche al fondo di questo tubo imbutiforme proliferano e formano una lamina epiteliale solida, detta tappo del meato acustico. Successivamente, nel tardo periodo fetale, le cellule centrali di questo tappo degenerano, formando una cavità che diviene la parte interna del meato acustico esterno. Questo meato è relativamente corto alla nascita; per questo, si deve avere cura di non ledere la membrana timpanica. Il meato acustico esterno raggiunge la sua lunghezza definitiva circa al nono anno. Il primordio della membrana timpanica è la prima membrana faringea, che separa il primo solco faringeo dalla prima tasca faringea. Mentre procede lo sviluppo, tra le due parti della membrana faringea, il mesenchima si accresce e si differenzia producendo e organizzando le fibre collagene della membrana timpanica. Il rivestimento esterno della membrana timpanica deriva dall'ectoderma superficiale, mentre il suo rivestimento interno deriva dall'endoderma del recesso tubotimpanico. Per sintetizzare, la membrana timpanica si sviluppa da tre parti: - dall ectoderma del primo solco faringeo; - dall'endoderma del recesso tubo timpanico; - dal mesoderma del primo e secondo arco faringeo. Il padiglione auricolare si sviluppa da sei aree mesenchimali proliferanti del primo e secondo arco faringeo. Le prominenze, dette tubercoli auricolari, circondano il primo solco faringeo. Mentre si sviluppa il padiglione auricolare, si riduce il contributo del primo arco. Il lobo (o lobulo) è l'ultima parte che si sviluppa. Il padiglione auricolare comincia a svilupparsi alla base del collo. Con lo sviluppo della mandibola, il padiglione auricolare si sposta verso la sua posizione definitiva ai lati della testa. L'orecchio esterno continua a crescere per tutta la pubertà. Le parti del padiglione auricolare derivate dal primo arco faringeo sono innervate dal nervo di questo arco il ramo mandibolare del nervo trigemino; le parti derivanti dal secondo arco, sono innervate dal ramo cutaneo del plesso cervicale; specialmente il piccolo nervo occipitale ed il nervo grande auricolare. 14

15 Il nervo facciale del secondo arco ha pochi rami cutanei; alcune di queste fibre contribuiscono all'innervazione sensoriale della pelle della regione mastoidea e, probabilmente, di piccole aree di entrambe le facce del padiglione LA VISTA L'organo sensoriale della vista funziona tra il quarto e il sesto mese mentre, prima della nascita, tutti i recettori sono completi. Il feto che si trova nell'utero materno non vive nell'oscurità ma all'interno di una variazione di tonalità luminose e cromatiche dipendenti dal clima, dalla stagione e dallo stile di vita della madre, alle quali reagisce. Se si appoggia una luce intensa sull'addome della madre il nascituro sembra notarla al punto che cerca di distogliere gli occhi girando la testa dall'altra parte. Per E. F. Baker, psicanalista reichiano, la zona oculare è il primo livello evolutivo e questa è in stretta relazione con le strutture fondamentali della psiche. Durante la gravidanza è importante vivere l'esperienza del vedere e non del semplice guardare in modo superficiale e distratto, così da partecipare coscientemente all'atto percettivo e dare valore e significato all'esperienza. Andrée Bertin, francese, presidente della A.N.E.P. (Association Nationale pour l'education Prénatale) propone alle madri in gravidanza di vestire e di tappezzare le pareti della casa con colori chiari, vivi e luminosi, questo perché hanno un effetto stimolante e benefico sulla crescita delle cellule e sugli organi del nascituro. Vediamo ora, sia pur a grandi linee, il significato simbolico e l'effetto fisiologico dei principali colori. 1) ROSSO: è il colore che rappresenta tutto ciò che concerne la vita e la sua affermazione attraverso l'azione, la lotta ecc. E' anche in relazione con l'autorità e la volontà. Inoltre rappresenta l'amore per gli esseri viventi. Interessa la muscolatura striata e volontaria e gli organi della riproduzione. 2) ARANCIONE: è il colore dell'estroversione sentimentale, della nobiltà, della sanità, della purezza e dell'unità della vita. Sviluppa il desiderio di perfezione, di benessere e di salute. E' in relazione al sistema circolatorio. 3) GIALLO: è il colore del sole e dell'oro. Simboleggia la luce, la gioia, l'ottimismo, la chiarezza, il cambiamento e l'energia. 15

16 Stimola l'esigenza di comprensione, di conoscenza e di riflessione. Gli organi del colore giallo sono il sistema nervoso simpatico e parasimpatico 4) VERDE: è il colore della crescita, dello sviluppo e dell'evoluzione. Il verde dona equilibrio e stabilità, però al tempo stesso è il colore della speranza e della ricchezza. Corrisponde all'apparato digerente e alla muscolatura liscia. 5) BLU: il colore blu è il colore della verità, della fede e della religiosità. Dona armonia, pace e serenità. Lo potremmo definire il colore dell'affettività, della tenerezza e della musicalità. Il suo organo è la pelle e influenza il sistema respiratorio. 6) INDACO: è il colore della forza interiore, della dignità, della regalità e della giustizia. Porta verso il mondo delle astrazioni e delle cause. Esso agisce sul sistema osseo. 7) VIOLA: è colore mistico, della creatività, della fantasia e della sensibilità. Rappresenta il coraggio, il sacrificio e la spiritualità. Il viola è in relazione con il sistema endocrino. 8) BIANCO: è espressione del dissolversi, della fuga e della liberazione. Rappresenta la libertà assoluta aperta a tutte le possibilità. E' il riflesso dell'assoluto. Manifesta anche la purezza e l'inizio di ogni cosa. 9) NERO: è il colore del blocco, della difesa e della negazione. Nero è anche il colore dell opposizione, del buio e della morte. In certi casi può essere in relazione con certe forme di eleganza. Il bianco stimola l'attività delle cellule dell'organismo mentre il nero le deprime. 16

17 CAPITOLO 2 I CINQUE LIVELLI DI COMUNICAZIONE PRESENTI DURANTE LA GRAVIDANZA La comunicazione madre-nascituro si sviluppa secondo cinque livelli diversi: 1) fisiologico; 2) comportamentale; 3) emotivo; 4) mentale; 5) esistenziale LIVELLO FISIOLOGICO Il livello fisiologico interessa tutti quei processi fisiologici che vanno dallo scambio di sangue, di ossigeno, allo scambio di sostanze nutritive ed ormonali. All'interno di questo livello sono del tutto assenti gli elementi coscienti, mentre è presente una notevole sensibilità nei confronti dei fattori emotivi ed ambientali. La carenza o l'eccesso di emozioni vissute dalla madre possono influire sulla attività metabolica dell'organismo e questo può incidere negativamente sul processo di crescita e sviluppo del nascituro. Fumare, bere, assumere droghe o medicinali in dosi eccessive altera la comunicazione ed il rapporto con il figlio LIVELLO COMPORTAMENTALE La comunicazione attraverso il comportamento riguarda tutte quelle azioni, i modi di fare e gli atteggiamenti che la madre assume durante la gravidanza, che di riflesso possono essere graditi oppure infastidire il piccolo. Dentro questo livello di comunicazione ritroviamo: - il ritmo di vita, nelle sue diverse espressioni di attività e riposo; - la postura, con i suoi diversi significati di adattamento e risposta, principalmente in relazione agli stati di tensione e rilassamento; - la gestualità ed il modo in cui vengono svolte le azioni ci dice molto su ciò che viene comunicato dalla madre al nascituro; 17

18 - il movimento lento o veloce è in relazione con il ritmo interiore e con la tendenza reattiva dell'individuo. Lo stress della vita quotidiana spesso ostacola ed impedisce la possibilità di vivere dei movimenti piacevoli di abbandono e di rilassamento. Invece questi vanno vissuti più spesso, in tutti i momenti consentiti, così da offrire al nascituro questo piacere che poi conserverà per tutta la vita. Potrebbe essere utile ascoltare musiche del repertorio medievale, barocco, classico, romantico, celtico, New Age, di musica leggera e di suoni della natura (onde, ruscelli, pioggia, canti di uccelli, vento ecc.) che evocano benessere e gioia. Il gusto musicale materno, dove possibile, deve essere tenuto in considerazione. Essa dovrebbe selezionare dal suo repertorio quelle musiche, canti e brani che le suscitano emozioni particolari. Dovrà comunque fare attenzione a non insistere nell'ascolto di quei brani nei quali la pulsazione ritmica è veloce, oltre i 60/80 battiti al minuto, perché risulterebbe fastidiosa e creerebbe nervosismo e senso di inadeguatezza anche nel feto. Sono sconsigliate tutte quelle musiche che attivano sentimenti depressivi, di solitudine, di scoraggiamento, di tensione, di ansia e di angoscia LIVELLO EMOTIVO Le emozioni, gli affetti ed i sentimenti sono espressioni del sentire. In ogni rapporto, che l'individuo ha con se stesso o con l'altro, è sempre presente una tonalità d'umore che lo contraddistingue. L'emozione oscilla tra il polo della gioia, del piacere e dell'amore, da una parte, ed il polo della sofferenza, del dolore e dell'odio, dall'altra. Il tono emozionale della madre agisce a cascata sull'attività biochimica nell'ambiente uterino ed influenza la formazione e lo sviluppo fisio-psichico del nascituro che reagisce con la sua proprietà di espansione e contrazione tipica della pulsazione biologica. Durante la gravidanza tutto quello che il nascituro riceve passa attraverso la madre e di conseguenza la relazione diventa, fin dall'inizio, una componente fondamentale per lo sviluppo del nuovo essere. Molti studiosi, fra i quali l'ostetrico americano L. W. Sontag, hanno studiato le possibilità presenti nel nascituro di apprendere le emozioni durante il periodo della gestazione, per spiegare molti comportamenti che si manifestano dopo la nascita. Le emozioni materne 18

19 negative quali l'ansia, lo spavento, la paura, l'angoscia, ecc. hanno delle serie conseguenze sull'equilibrio del bambino. Esse provocano movimenti fetali più frequenti e più forti. Inoltre, dopo la nascita, questi stessi bambini sono più irritabili, più iperattivi e spesso hanno problemi con il cibo, la digestione e anche di concentrazione. Un'accettazione immediata e serena, una relazione piena d'amore ed un atteggiamento corretto della madre durante la gravidanza, non solo aiutano lo sviluppo del bambino, ma favoriscono anche il lavoro educativo dei genitori. Infatti questi potranno, in avvenire, contare su un bambino più centrato ed equilibrato, con capacità di adattamento all'ambiente e dotato di maggior intelligenza ed anche meno nervoso 2.4. LIVELLO MENTALE A livello mentale appartiene tutto ciò che si riferisce al mondo delle idee e dei pensieri al quale viene attribuito il compito e la funzione di organizzare, in schemi logici ed attraverso i processi di analisi e di sintesi, i diversi campi di esperienza che l'essere umano percorre, dal pensiero, al sentimento, all'azione. Durante la gravidanza la madre offre un modello di funzionamento mentale al nascituro. Una carenza o al contrario un eccesso di attività mentale, dovuto ad esempio ad una logica di incomprensione e contrapposizione verso la realtà, attiva le difese, accresce l'autocontrollo e limita ogni tipo di esperienza relazionale. Una situazione di questo tipo non può che avere un effetto mortificante sul nascituro. Quindi è necessario fare uno sforzo per organizzare e mettere ordine alle proprie idee e pensieri, per conoscere la realtà ed i processi della vita e vivere in modo relazionale ed aperto l'esperienza. Una sana lettura non può che essere d'aiuto al nascituro per stimolare lo sviluppo dei processi cognitivi e di apprendimento. Essa va effettuata ad alta voce, con la consapevolezza che ci si rivolge a lui, in modo da favorire l'azione delle energie acustiche di tipo organizzativo formativo presenti all'interno del suono emesso. La lettura stimola lo sviluppo delle strutture mentali del linguaggio ed agisce beneficamente negli altri livelli di comunicazione. Degno di nota è l'originale sistema, basato sull'uso della memoria prenatale, messo a punto da Elen Ray, un'insegnante di origine scozzese. Essa propone alle madri, per rendere più facile l'apprendimento della lingua ai bambini appena nati, di ascoltare con la cuffia durante la gravidanza una cassetta registrata di musiche con paroline dolci nella lingua 19

20 prescelta LIVELLO ESISTENZIALE Il livello di comunicazione esistenziale si diversifica dai precedenti per il suo carattere globale e unitario. I contenuti del livello esistenziale riguardano la vita con i suoi significati e il problema della coscienza intesa come perenne intenzionalità verso i valori. La relazione esistenziale riguarda l'intuizione partecipante, l'empatia: cioè la capacità della madre di sentire, di vivere e soprattutto di essere con l'altro e quindi con il nascituro. Le tecniche quali la meditazione, l'ascolto ed il silenzio favoriscono l'apertura verso il mondo interno e danno la possibilità di entrare in contatto con la parte più profonda del proprio essere facilitando in questo modo il rapporto con il nascituro. Durante questo periodo la madre può far uso dell'immaginazione creativa e quindi usare la sua capacità per immaginare il figlio com è o come potrebbe essere a partire da quello che sente interiormente, in modo distinto dalla fantasticheria o fantasia, per incidere dal piano psichico sul suo processo formativo. In questo senso essa la può immaginare, indipendentemente dal suo sesso di appartenenza, di età più grande, già di uno o due anni o anche di più. Tutto questo è un chiaro messaggio di disponibilità perché la madre apre al figlio il suo mondo interiore, la sua coscienza offrendogli uno spazio carico di energie e di prospettive future LA COMUNICAZIONE INTRAUTERINA MADRE - FETO SECONDO BENENZON In uno schema preso da Benenzon (Benenzon, 1997), si nota una madre, il feto nel suo grembo e tre fonti vibro sonoro - musicali da cui il feto riceve lo stimolo della comunicazione. a) Una delle sorgenti è lo stesso corpo materno: il flusso del sangue, il ritmo del battito cardiaco, il rumore delle pareti uterine, i suoni della respirazione con il corrispondente movimento ritmico, il mormorio della voce materna con le sue inflessioni, i rumori intestinali, gli sfregamenti muscolari e articolari. Il ritmo del battito cardiaco materno è il più tipico degli stimoli, perché è l'unico che 20

Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio. Lezioni d'autore

Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio. Lezioni d'autore Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio Lezioni d'autore Anatomia dell'orecchio (I) Video: La sua rappresentazione e l'anatomia Anatomia dell'orecchio (II) L orecchio

Dettagli

Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino.

Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino. A.I.M.I SSO Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino. Il massaggio del bambino è un antica tradizione presente nella cultura di molti paesi. Recentemente è

Dettagli

Sviluppo psicomotorio

Sviluppo psicomotorio Sviluppo psicomotorio Sviluppo motorio Sviluppo percettivo sviluppo psicomotorio insieme delle acquisizioni del bambino dalla nascita all età scolare Sviluppo cognitivo L esame dello sviluppo psicomotorio

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti

L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L origine della vita si ha nell incontro tra due cellule specializzate: uno Spermatozoo (Maschile) e un Ovulo (Femminile), chiamati Gameti L ovulo prima del concepimento: solo uno di questi spermatozoi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

La sensorialità del bambino. La prossima volta che leggi un libro, fermati per un momento e ammira la straordinaria

La sensorialità del bambino. La prossima volta che leggi un libro, fermati per un momento e ammira la straordinaria La sensorialità del bambino La prossima volta che leggi un libro, fermati per un momento e ammira la straordinaria capacità del cervello di svolgere un compito intricato. Elaborare l informazione e coordinare

Dettagli

NATI PER LEGGERE L INSERIMENTO DI NATI PER LEGGERE IN CONSULTORIO AI COSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA E NEL SOSTEGNO POST PARTO

NATI PER LEGGERE L INSERIMENTO DI NATI PER LEGGERE IN CONSULTORIO AI COSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA E NEL SOSTEGNO POST PARTO NATI PER LEGGERE L INSERIMENTO DI NATI PER LEGGERE IN CONSULTORIO AI COSI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA E NEL SOSTEGNO POST PARTO Dott. ssa M.C.CEFFA D..M. I. ASL NOVARA Novara 04/12/2012 GENITORI PIU

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

I CINQUE SENSI SIMONE DUGHI FRANCESCO STUCCHI ALESSANDRO PEREGO MATTEO MASTANTUONO EMANUELE OSTI

I CINQUE SENSI SIMONE DUGHI FRANCESCO STUCCHI ALESSANDRO PEREGO MATTEO MASTANTUONO EMANUELE OSTI I CINQUE SENSI SIMONE DUGHI FRANCESCO STUCCHI ALESSANDRO PEREGO MATTEO MASTANTUONO EMANUELE OSTI INTRODUZIONE Il sistema nervoso ha la funzione di integrare le informazioni che arrivano dall'esterno con

Dettagli

Metodo Tomatis a 432 hz

Metodo Tomatis a 432 hz Difficoltà di apprendimento e problemi nel linguaggio Le difficoltà di apprendimento sono molteplici e sempre più diffuse, ma soprattutto è in aumento il numero di bambini che ne sono affetti. Queste difficoltà

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Nervoso. Il sistema nervoso. il testo:

SCIENZE. Il Sistema Nervoso. Il sistema nervoso. il testo: 01 Il sistema nervoso Il sistema nervoso è formato da tante parti (organi) che lavorano per far funzionare perfettamente il nostro corpo (organismo). Il sistema nervoso controlla ogni nostro movimento,

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Esercitazione teorico pratica

Esercitazione teorico pratica Esercitazione teorico pratica AUDIOMETRIA TONALE LIMINARE E OTOSCOPIA Cattedra di Medicina del Lavoro Università Cattolica del Sacro Cuore Direttore: Prof. Antonio Bergamaschi D.ssa G. Somma RUMORE Rumore

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

PROGETTO MUSICOTERAPICO. Introduzione

PROGETTO MUSICOTERAPICO. Introduzione "LUNA ONLUS DI VALGUARNERA " VIA S. ELENA N 28 94019 VALGUARNERA ( EN) TEL. 0935/958100, cell.3288466487 C.F. 91037450862 E-MAIL - lunaonlus@alice.it PREMESSA Proseguimento attività di anni precedenti

Dettagli

INFORMATICA MUSICALE. Docente. Renato Caruso

INFORMATICA MUSICALE. Docente. Renato Caruso INFORMATICA MUSICALE Docente Renato Caruso L'orecchio L orecchio è formato da: orecchio esterno, medio e interno. L'orecchio L'orecchio Nella coclea vi sono tre canali (rampa timpanica, vestibolare e cocleare)

Dettagli

RIPOSO-SONNO DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI

RIPOSO-SONNO DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI DOTTORESSA MONICA GIOVANNA IACOBUCCI DEFINIZIONE È uno stato in cui diminuisce la capacità di reazione agli stimoli e la capacità percettiva. DURATA MEDIA Sonno: 7-8 ore; Riposo: 30 minuti - 1 ora. VARIAZIONI

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

Percorso di Musicoterapia pre e post natale per gestanti

Percorso di Musicoterapia pre e post natale per gestanti Percorso di Musicoterapia pre e post natale per gestanti PROGETTO BENESSERE La Cooperativa Humanitas di Prato promuove il Progetto Benessere per neo mamme L iniziativa, offerta inizialmente come benefit

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA

CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA A.I.E.D Associazione Italiana Educazione Demografica Sezione Livia Bottardi Milani - Brescia CORSO DI PREPARAZIONE ALLA NASCITA Condotto da: Valentina Cornali, ostetrica Dott.ssa Nadia Ghirardi, psicologa

Dettagli

N 15 IL SISTEMA NERVOSO

N 15 IL SISTEMA NERVOSO N 15 IL SISTEMA NERVOSO Il sistema nervoso può essere distinto in due grandi parti: sistema nervoso centrale (SNC); sistema nervoso periferico (SNP), al quale appartiene una terza componente, il sistema

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura

ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO. Ost. Giovo Maura ANATOMIA E FISIOLOGIA DELL ALLATTAMENTO AL SENO Ost. Giovo Maura Come il latte va dal seno al bambino SESSIONE 6 2 Per aiutare una mamma con l'allattamento al seno bisogna sapere come è prodotto il latte

Dettagli

Massaggio al bambino un arte da scoprire e trasmettere

Massaggio al bambino un arte da scoprire e trasmettere Anna Marcon Massimo Carlan Massaggio al bambino un arte da scoprire e trasmettere Il Tocco Gentile INDICE 5 Indice Ringraziamenti 3 PrefazionI 13-15 Introduzione 17 Capitolo 1: Comunicare con il neonato

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1!

Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale. Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia! 1! Lo Sviluppo Fisico e Cerebrale Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1 Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 2 LO SVILUPPO FISICO-CEREBRALE Considerate

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUL RUMORE

NOTA INFORMATIVA SUL RUMORE NOTA INFORMATIVA SUL RUMORE VACCARI Via Alboino, 7 27100 Pavia Pagina 1 NOZIONI FONDAMENTALI Si ritiene opportuno riportare alcune nozioni fondamentali di acustica, onde permettere una più agevole interpretazione

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO

PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO PSICOMOTRICITÀ FUNZIONALE E SHINTAIDO Dott.ssa Stefania Capra Le Boulche e la Psicomotricità Funzionale. In occasione della tesi di laurea in Psicomotricità Funzionale ho sviluppato un progetto di intervento

Dettagli

Fecondazione Gestazione Nascita

Fecondazione Gestazione Nascita Lezione 9 Fecondazione Gestazione Nascita Fecondazione Fecondazione Fecondazione Gestazione Sviluppo prenatale Periodo germinale: fino alla II settimana Periodo embrionale: dalla III alla VIII settimana

Dettagli

LABORATORIO di MUSICA

LABORATORIO di MUSICA Pag. 1 di 6 LABORATORIO di MUSICA Anno Scolastico 2015/2016 CLASSI I A e B In-canto: magia dei suoni Scuola Primaria Messina EMISSIONE APPROVAZIONE REVISIONI FIRMA REFERENTE 1 Pag. 2 di 6 PRESENTAZIONE.

Dettagli

Lo yoga. Il metodo. Yama. Niyama. Âsana

Lo yoga. Il metodo. Yama. Niyama. Âsana Lo yoga «Yoga» è uno dei termini più conosciuti dell intero patrimonio culturale dell India, divenuto ormai di uso corrente anche nel mondo occidentale. Deriva dalla radice sanscrita yuj- («soggiogare»,

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica

LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica Pag. 1 di 5 LABORATORIO MUSICALE Anno Scolastico 2015/2016 Un mondo di Musica Scuola Primaria Messina "La musica è una rivelazione più profonda di ogni saggezza L. van Beethoven EMISSIONE APPROVAZIONE

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009 L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEL/LA ALUNNO/A AUDIOLESO/A 22.10.2009 Psicologa: Dr.ssa Bibiana Bonapace L organo dell udito L orecchio é suddiviso in tre parti: orecchio esterno orecchio medio orecchio interno

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Prodotto da CRISTINA&FRANCESCA

Prodotto da CRISTINA&FRANCESCA Prodotto da CRISTINA&FRANCESCA Vibrazioni e suoni Ricevitori di suoni e rumori Le nostre idee iniziali Propagazione di suoni e rumori Rumori dentro e fuori dal nostro corpo Produzione di rumori Per produrre

Dettagli

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA Presentazione della sezione: Diego 02/2009 Luca 01/2009 Jacopo 03/2009 Maria Beatrice 12/2009 Raul 12/2009 Virginia 06/2009

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

L'Importanza delle carezze

L'Importanza delle carezze L'Importanza delle carezze di Lao Po Spesso mi piace pensare che ciò che scrivo venga letto e susciti interrogativi e curiosità ma, riflettendoci bene, non mi importa se solo poche persone condividono

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

Importanza del movimento per lo sviluppo psicofisico

Importanza del movimento per lo sviluppo psicofisico Gioco e sviluppo cognitivo in soggetti diversamente abili di Eva Lucchesi Tagliabue Importanza del movimento per lo sviluppo psicofisico Per poter muovere il nostro corpo si deve innescare un preciso processo.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Asilo Infantile di Affori.

Asilo Infantile di Affori. Sintesi dell incontro LA GESTIONE DELLE EMOZIONI NELL INFANZIA Dott.ssa Marina Piccolo DEFINIZIONI Quando parliamo di emozioni spesso utilizziamo termini differenti che sono tuttavia associati ad esperienze

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006 Sistema nervoso Il sistema nervoso è suddiviso in "sistemi", che sono connessi fra loro e lavorano insieme il

Dettagli

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO Osservazione e primo approccio L accompagnamento e il distacco tra una madre e il suo bambino comportano per entrambi un grosso sforzo di AMBIENTAMENTO alla nuova situazione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Il sistema nervoso. Simpatico

Il sistema nervoso. Simpatico Il sistema nervoso Centrale Periferico Cervello Midollo spinale Somatico Autonomo Simpatico Parasimpatico Il sistema nervoso Periferico Somatico Autonomo Simpatico Parasimpatico Il sistema nervoso somatico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO SCUOLA PRIMARIA MATILDE DI CANOSSA A. S. 2004/05 e 2005/06 Insegnanti: Ferraguti Paola Bocchi Silvana 1 UNITA DI APPRENDIMENTO: CAPIRE CON IL CUORE Premessa L educazione

Dettagli

Dott.ssa Caterina Pidello Operatore di A.A.A. Ass. Soc. Centro della Memoria Biella

Dott.ssa Caterina Pidello Operatore di A.A.A. Ass. Soc. Centro della Memoria Biella Dott.ssa Caterina Pidello Operatore di A.A.A. Ass. Soc. Centro della Memoria Biella Una passione dalle lunghe orecchie ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI La pet-therapy utilizza animali d affezione, potrebbe

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile

Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Realizzato da: S.Abbinante G. Basile Struttura del sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da neuroni, cioè cellule nervose specializzate,che trasferiscono segnali nelle varie parti del corpo.

Dettagli

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause

GLI AUDIOLESI. La sordità e le sue cause Dal sito : A tutta scuola http://www.atuttascuola.it GLI AUDIOLESI Quando si parla di deficit uditivo è opportuno specificare la differenza tra i soggetti sordi e quelli sordomuti. Infatti, nel caso di

Dettagli

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 PRESENTAZIONE OBIETTIVI FINALITA Il corso di educazione al suono, al movimento ed all immagine si rivolge principalmente ai bambini delle scuole elementari.

Dettagli

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina.

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina. LO SVILUPPO FETALE DI SETTIMANA IN SETTIMANA Testo del dr. Massimiliano Monti (La Spezia) www.ginecolink.net Lo sviluppo fetale è un meraviglioso processo che, con tappe precise e finemente regolate, porta

Dettagli

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu

UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu LA LUNA AL GUINZAGLIO Presenta UGUALI MA DIVERSI In viaggio con La nuvola blu Laboratorio teatrale per le scuole primarie sul tema della tolleranza e della diversità DESCRIZIONE Ci sono molti modi per

Dettagli

L uso delle mani e del corpo

L uso delle mani e del corpo PARTE SECONDA 77 78 1 L uso delle mani e del corpo Il contatto: massimo Il contatto delle mani e, quando possibile, delle avambraccia sul corpo, deve essere pieno e senza interruzioni. Durante il massaggio

Dettagli

Comunicazione e Relazione

Comunicazione e Relazione Seminario di Comunicazione e Relazione Dott.ssa Isabella Fanelli Esperta nei Processi Formativi Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Psicologia Università degli Studi di Bari E-mail: l.fanelli@tin.it

Dettagli

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI

CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I TRAGUARDI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI CURRICOLO DI MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE I L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori, dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte. L alunno esplora diverse

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Training autogeno. Approccio occidentale. Approccio orientale Arti marziali. Il Benessere Nelle Organizzazioni Tecniche di rilassamento

Training autogeno. Approccio occidentale. Approccio orientale Arti marziali. Il Benessere Nelle Organizzazioni Tecniche di rilassamento Approccio occidentale Training autogeno Ipnosi Approccio orientale Meditazione guidata Arti marziali 1 Il training Autogeno IlTraining Autogeno è un metodo pratico che agisce sull unità psico somatica

Dettagli

Alexander Lowen. Considerazioni sull analisi bioenergetica

Alexander Lowen. Considerazioni sull analisi bioenergetica CentrodiPsicologia,PsicoterapiaeLogopedia ViadiSant Anna,16Roma 06.45597067 www.secondanavigazione.it Alexander Lowen Considerazioni sull analisi bioenergetica Un sostegno teorico all analisi bioenergetica

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Cristina Donnini Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Questo progetto è nato dalla richiesta delle maestre della scuola dell infanzia Sorelle Agazzi di La California (Livorno)

Dettagli

OTORADIOLOGIA. Tecnica ed Anatomia TC

OTORADIOLOGIA. Tecnica ed Anatomia TC OTORADIOLOGIA Tecnica ed Anatomia TC Tecnica TC orecchio La necessità di elevata risoluzione spaziale per lo studio delle piccole strutture anatomiche L elevato contrasto intrinseco delle diverse componenti

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Forme e classificazioni del movimento Movimento

Dettagli

Edvard Munch - Adolescenza (1894)

Edvard Munch - Adolescenza (1894) SESSUALITÀ IN ADOLESCENZA L adolescenza è una fase di transizione che ha inizio con una metamorfosi unica e irripetibile: quella del corpo (è la fase così detta della pubertà). Da sempre la pubertà segna

Dettagli

Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI

Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI Il pediatra di famiglia: mediatore di relazioni per un armonico sviluppo bio-psico-sociale del bambino MARZIA GUARNIERI Altana di Calenzano, 22 novembre 2008 MEDIAZIONE " processo per cui un soggetto neutrale

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello

Indice. Prima parte: La mente. Seconda parte: L arte. Prefazione. Introduzione. Capitolo 1: La creatività. Capitolo 2: Il cervello Indice Prefazione Introduzione Prima parte: La mente Capitolo 1: La creatività Capitolo 2: Il cervello Seconda parte: L arte Capitolo 3: L estetica La forma Capitolo 4: La percezione visiva Capitolo 5:

Dettagli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE È UNA TECNICA DI INTERVENTO MANUALE CHE AGISCE ATTRAVERSO I PIEDI E CONSENTE ALLA PERSONA DI RITROVARE L EQUILIBRIOL PSICO-FISICO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza.

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. CLASSE 1^ altri. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. Esprimersi attraverso la musica utilizzando diverse modalità. Cogliere all ascolto gli aspetti espressivi

Dettagli

PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI

PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI PERCORSO EDUCATIVO DIDATTICO : ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI ALLA SCOPERTA DEI CINQUE SENSI PERCORRE TUTTO L ANNO SCOLASTICO. LE ATTIVITA E LE ESPERIENZE, ACCOMPAGNANO I BAMBINI ALLA SCOPERTA DEI 5 SENSI,

Dettagli

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA OVVERO IL TRAINING AUTOGENO. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non Sempre è facile come dirlo. Spesso abbiamo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO TRAGUARDI FORMATIVI SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COLORI

IL SIGNIFICATO DEI COLORI IL SIGNIFICATO DEI COLORI Per scegliere il colore delle pareti di casa bisogna prima apprendere il significato di ognuno, questa guida ti aiuterà ad avere più consapevolezza sull effetto che si può ottenere.

Dettagli

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Keope MFV il modo più naturale per stare bene Keope MFV è una struttura ergonomica essenziale, che attraverso la vibrazione meccanica, con il corpo in completo

Dettagli

Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia

Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia Il ruolo fondamentale del pediatra nella promozione della musica in famiglia A cura di STEFANO GORINI Pediatra di famiglia, Rimini; Coordinamento Nazionale Nati per la Musica «La musica non privilegio

Dettagli