Istituto MEME. associato a. Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles IL FETO E LA VITA SONORA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto MEME. associato a. Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles IL FETO E LA VITA SONORA"

Transcript

1 Istituto MEME associato a Université Européenne Jean Monnet A.I.S.B.L. Bruxelles IL FETO E LA VITA SONORA Scuola di Specializzazione: Musicoterapia Relatore: Dott.ssa Roberta Frison Contesto di Project Work: Consultorio Famigliare di Carpenedo VE Tesista Specializzando: Giorgia Pugiotto Anno di corso: Primo Modena: maggio 2009 Anno Accademico:

2 INDICE DEI CONTENUTI INTRODUZIONE 4 1 Capitolo. Analisi dello sviluppo dei cinque organi di senso durante la vita prenatale Il tatto l olfatto Il gusto l udito Lo sviluppo dell orecchio La vista 15 2 Capitolo. I cinque livelli di comunicazione presenti durante la gravidanza Livello fisiologico Livello comportamentale Livello emotivo Livello mentale Livello esistenziale La comunicazione intrauterina secondo Benenzon Il Principio dell ISO 22 3 Capitolo. Gli studi Gli effetti dell ascoltare musica durante la gravidanza e il travaglio di parto: Descrizione di un esperienza

3 3.2. Il canto nella preparazione alla nascita Capitolo. Il Project Work Premessa Materiali e metodi Il setting Lo strumentario Le tecniche La struttura ed organizzazione degli incontri I dati raccolti 77 CONCLUSIONI. 82 REPERTORIO MUSICALE BIBLIOGRAFIA E RIFERIMENTI SITOGRAFICI 86 3

4 INTRODUZIONE Il mio project work presenta l esperienza di tirocinio di musicoterapica realizzata con due gruppi di gestanti durante i corsi di preparazione alla nascita, nel Consultorio Familiare di Carpenedo in Provincia di Venezia dove presto servizio come volontaria ostetrica. Prima di intraprendere questa esperienza ho cercato alcune fonti che potessero essermi utili. La Musicoterapica in gravidanza è un tema che suscita grande curiosità ed interesse, come evidenzia la presenza dell argomento in convegni e congressi, (ad alcuni dei quali ho anche partecipato Famiglia, genitorialità e prenatalità - Padova; Musica e Vita Sassuolo) ma di cui si possiede una scarsa letteratura, per altro non strutturata. Due sono i libri che hanno dato inizio al mio percorso: - L abbraccio sonoro in gravidanza - Percorso innovativo di musicoterapica in acqua per future mamme di Paola Ulrica Citterio. - Musicoterapia e Gravidanza a cura di Raffaella Coluzzi. Il primo capitolo della mia tesi tratta lo sviluppo, durante la vita prenatale, dei cinque sensi che procedono secondo il seguente ordine: tatto, olfatto, gusto, udito e vista. Volendomi soffermare sull udito, ho ritenuto importante spiegare lo sviluppo della struttura dell orecchio dalla fase embrionale alla fase fetale. Nel secondo capitolo si descrivono i livelli di comunicazione presenti durante la gravidanza tra la madre ed il nascituro. Una particolare attenzione è stata data allo schema della comunicazione intrauterina proposta da Benenzon e al concetto di ISO ossia l insieme delle energie sonore, acustiche e di movimento, che appartengono a un individuo e lo caratterizzano. Il terzo capitolo pone l accento sugli studi realizzati (Piper, Salk, Fejoo, Gagnon, Milani Comparetti, Franco Fornari) sulle relazioni tra stimoli sonori ed attività del feto ed, essendo veneziana, ho voluto riportare per intero lo studio fatto da Pier Luigi Righetti (Venezia 1995) sugli effetti dell ascoltare musica durante la gravidanza e il travaglio di parto. Al termine del capitolo riporto le esperienze sull uso della voce in gravidanza: - il canto carnatico, tipico dell India; - la concezione del canto per Leboyer: 4

5 - gli studi di psicofonia di M. L Aucher e della sua studentessa Elisa Benassi. Nel quarto ed ultimo capitolo, illustro nel dettaglio il project work realizzato a Carpendo partendo dalla motivazione per cui ho deciso di fare questo progetto. Specifico, in dettaglio, il setting, gli strumenti di lavoro utilizzati, la metodologia, le tecniche di intervento e la struttura organizzativa degli incontri. Infine riporto, di sei gestanti, i dati clinici ed alcune osservazioni sulle attività musicali che sono emerse durante gli incontri. I mutamenti che avvengono a livello fisiologico e psicologico durante i nove mesi, sono talvolta accompagnati da ansia, stress, paura e affaticamento che possono impedire alla donna di vivere questo straordinario momento della vita. Con le tecniche di musicoterapia volevo far scoprire alle gestanti un ulteriore mezzo per vivere la nascita con consapevolezza e serenità: attenta e pronta ad assecondare i segnali provenienti dal suo corpo e dal suo bambino. 5

6 CAPITOLO 1 ANALISI DELLO SVILUPPO DEI CINQUE ORGANI DI SENSO DURANTE LA VITA PRENATALE Fino a poco tempo fa si pensava che il nascituro fosse una massa psichicamente indifferenziata sulla quale venivano a fissarsi le esperienze, i pensieri e le azioni solo dopo la nascita. Solo recentemente questa concezione statico/passiva è stata sostituita dalla concezione dinamico/attiva, orientata in senso evolutivo, che vede il neonato, nel suo primo impatto con il mondo, portare con sé una serie di vissuti già organizzati e strutturati sui quali formerà lo sviluppo successivo dell'io. Per essere più precisi, durante la gestazione, il nascituro sviluppa un Sé differente e differenziato, perfettamente individualizzato, come le impronte digitali, che ha così nitide e definite. La moderna neurologia ha scoperto, ad esempio, che a partire dal settimo/ottavo mese compaiono nel nascituro dei tracciati elettroencefalografici di diversi ritmi che consentono di comprendere se il piccolo è sveglio o dorme, se il suo sonno è profondo o se sta sognando. Questo è un dato di grande valore e significato perché è stato riconosciuto, a partire da Freud che riteneva il sogno la via regia dell'inconscio, che i sogni sono in stretta relazione con la vita interiore e con i contenuti della vita psichica fatta di bisogni, desideri, emozioni ecc. Le ricerche effettuate nel campo della vita prenatale hanno dimostrato l'esistenza di un attività neurosensoriale presente già fin da prima della nascita. Questo per dire che il feto, attraverso gli organi di senso, ha già a disposizione dei canali di comunicazione aperti verso il mondo esterno che incidono, a partire dalle prime esperienze, sulla propria crescita e quindi sulla propria organizzazione ed attività futura. Un'attenta analisi dello sviluppo neurosensoriale permette di comprendere lo sviluppo e il valore degli organi di senso che procede secondo il seguente ordine: 1) Tatto. 2) Olfatto. 6

7 3) Gusto. 4) Udito. 5) Vista TATTO La pelle è già completa dopo otto settimane di gravidanza. E' stato possibile stabilire che il feto presenta: - dall'8/9 settimana reazioni motorie e stimolazioni facciali centrate nella regione della bocca; - dalla 10/11 settimana si muove per oltre il 12% del tempo, comincia ad eseguire movimenti per la respirazione e talvolta sobbalza d'improvviso; inoltre inizia, o lo farà tra un paio di settimane al massimo, a bere liquido amniotico; - dalla 12/13 settimana in risposta ad uno stimolo chiude la bocca ed inghiotte; manifesta un ritmo di singhiozzo di singulti al minuto; - dalla 16 settimana ha ormai sviluppato il senso del gusto; si è rilevato che se il liquido amniotico viene dolcificato artificialmente ne inghiotte una dose doppia; se si illumina violentemente il ventre materno reagisce girando la testa mentre aumenta il battito cardiaco; - dalla 20 settimana muove il braccio su e giù ed è in grado di toccare ed afferrare qualcosa: un dito, un piede; possiede tutti i moduli di movimento della specie umana e ne ha di più perché con il passar del tempo se ne perde e non se ne acquisisce nemmeno uno ; - dalla 22 settimana comincia a fare precisi movimenti per succhiare; da questo momento in poi si osserverà un aumento del battito cardiaco ogni volta che si muove; - dalla 25 settimana può essere eccitato da forti e improvvisi rumori e calmato dalla madre quando gli parla dolcemente; - dalla 30 settimana sembra ascoltare il proprio cuore quasi per stabilire un proprio ritmo post-natale; - dalla 39 settimana, durante le fasi del sonno profondo (non-rem), muove la bocca ad intervalli che vanno dai 10 ai 20 secondi; nel sonno REM o sonno attivo si muove ogni 0,5-2,5 minuti, e muove la bocca per 0,5-3 minuti. In questo periodo dorme per il 95% del tempo. Grazie alla sua stretta relazione con l'attività mobile del feto il tatto è il primo e più 7

8 importante organo d informazione su noi stessi e sull'ambiente. Basta pensare il liquido amniotico che circonda il bambino, alla capacità dell'embrione e del feto di muoversi in questo liquido, ed alle sue mani molto vicine alla bocca per rendersi conto che la pelle è continuamente stimolata ed in contatto con l'ambiente Il tatto è l'organo della relazione e l'esperienza che ne deriva è destinata a condizionare le esperienze successive; quindi la pelle è l'organo della comunicazione primaria perché permette di comunicare anche quando le altre forme di comunicazione espressiva, gestuale, verbale, non sono presenti. Il processo del toccare è sempre reciproco e quindi la sua attivazione determina inevitabilmente una relazione. In Olanda esiste l'istituto per la Comunicazione Aptonomica (del toccare) diretto da Veldman F., che insegna ai genitori come toccare il feto durante la gravidanza. Questa tecnica consiste nel prendere, naturalmente con delicatezza, il contenuto del ventre con le mani e fare delle pressioni o massaggi. Già dal quarto mese è possibile notare una reazione del feto che al toccamento risponde attraverso il movimento. Questa pratica sviluppa nei genitori la consapevolezza che il nascituro ha concretamente una sua vita di relazione. Ciò rafforza il legame affettivo genitori/figlio, attenua la preoccupazione rispetto alla gestione della gravidanza e prepara alla relazione affettiva dopo la nascita. Inoltre l'esperienza aiuta a comprendere le preferenze e i rifiuti o meglio le tendenze del bambino. E' di fondamentale importanza trasmettere al bambino dei messaggi di compiacimento per averlo in grembo. La madre, mentre lo tocca, può parlargli con dolcezza e comunicargli il suo amore con il pensiero e con la parola, perché il bambino recepisce i messaggi ed ha una sua memoria inconscia. In questo modo il bambino sviluppa maggiormente la capacità di adattamento, di risposta e di relazione. Inoltre diventa più attivo, aumenta il tono della muscolatura e la capacità di provare emozioni OLFATTO 8

9 L'organo dell'olfatto entra in funzione durante il secondo mese di gravidanza. Le sostanze legate all'ambiente e al cibo possono, con i loro odori, diventare parte del liquido amniotico e produrre delle memorie olfattive importanti per lo sviluppo delle relazioni ed esperienze future. L'olfatto è in stretta relazione con l'intuizione, con l'orientamento spaziale e con la capacità di discriminazione: probabilmente alla nascita il bambino riconosce la madre anche grazie all'odore che emana. Inoltre l'odorato è in rapporto con la vita affettiva e sessuale, con il comportamento aggressivo ed affermativo, con il processo di maturazione, ed esercita in senso generale, un ruolo significativo nella formazione, nello sviluppo dell'identità personale e in tutta la vita di relazione interpersonale. Una tecnica di un certo interesse, consigliata alle donne in gravidanza, consiste nel far uso di essenze o profumi particolarmente graditi. Questi permettono, in modo del tutto naturale, di agire sul grado di risposta emotiva, di favorire un maggior senso di benessere e quindi di apertura e di adattamento: condizione importante per poter affrontare adeguatamente i problemi e le difficoltà della vita in armonia con sé e con il proprio figlio. I profumi, per semplicità, sono classificati secondo tre diversi tipi di note: Le prime sono le note di testa caratterizzate dagli aspetti volatili, schietti e poco duraturi; in genere rappresentano l'aspetto sensibile del profumo molto vicino alla volatilità del pensiero. Esse sono costituite in prevalenza da agrumi (limone, bergamotto, mandarino) o da labiate (salvia, rosmarino, issopo, menta). Vengono poi le note dominanti o note di cuore legate al mondo delle emozioni e queste determinano la personalità del profumo. Ritroviamo tra queste i profumi di rosa, gelsomino, caprifoglio e mughetto. E da ultime ci sono le note di fondo, dall'aroma intenso, che stimolano la vitalità come il patchouly, labdano, muschio di quercia, benzoino, incenso IL GUSTO 9

10 Il gusto entra in funzione verso il terzo mese. All'introduzione di sostanze dolci o amare nel liquido amniotico, il feto reagisce, rispettivamente, con momenti di suzione, di deglutizione o di smorfie, accompagnate al tentativo di chiusura della bocca dimostrando la capacità di discriminare le differenze. Nel liquido amniotico passano anche sapori di cibi che fanno parte dell'alimentazione della madre. A questo proposito un interessante ricerca è stata condotta in Francia, e più precisamente in Provenza, su alcuni gruppi di bambini. I figli di donne che durante la gravidanza e l'allattamento mangiavano molto aglio dimostravano, fin dai primissimi anni di vita, una spiccata predilezione per gli alimenti ricchi di aglio, sostanza che normalmente viene invece fermamente rifiutata dai lattanti. La memoria gustativa, ed in parte anche quella olfattiva, hanno un grande valore perché possono determinare le esperienze successive che il bambino farà con il cibo, specialmente durante la fase orale relativa al primo anno di vita, con l'allattamento e lo svezzamento e quindi le sue abitudini alimentari. Il gusto influenza le prime esperienze di accettazione o di rifiuto della realtà e svolge un ruolo importante nello sviluppo della capacità di adattamento e del senso di appartenenza. Alla gestante si consiglia un'alimentazione equilibrata con particolare attenzione alla quantità, ma soprattutto alla qualità nella scelta dei cibi. Ciò è estremamente importante per la salute della gestante, per l'andamento della gravidanza e per lo stato di nutrizione e sviluppo psicofisico del nascituro L'UDITO L'apparato uditivo completa la sua maturazione tra il secondo e il quinto mese di gravidanza, perciò dopo il 6 mese il feto ha la capacità di ascoltare per tutto il tempo. Gli stimoli sonori vengono percepiti, non solo attraverso l'apparato uditivo fetale, ma anche tramite la pressione delle vibrazioni sonore su tutto il feto passando attraverso il liquido amniotico. Tutto il processo di crescita convive in simbiosi con la madre attraverso: - le sue pulsazioni cardiache; - la sua voce; - il suo flusso ematico; 10

11 - il rumore delle pareti uterine; - i continui gorgoglii intestinali; - le sonorità connesse al volume dell'aria inspirata ed espirata; - il movimento ondulatorio del diaframma. I rumori di fondo intrauterini sono pari a 24 db (decibel), mentre la voce materna è pari a 60 db. Secondo le più recenti scoperte svolte da Versyp, nel 1985, la somma totale dei rumori interni è di circa 30 db. Il feto probabilmente tende ad abituarsi convivendo con questi suoni permanenti. La propagazione delle onde sonore nel liquido amniotico dà origine a una stimolazione di tipo energetico. Tutte queste sollecitazioni acustiche, provenienti dall'interno, determinano un coinvolgimento vibrotattile globale prima ancora che uditivo. Le percezioni fetali e neonatali dipendono anche dalle strutture geneticamente determinate, nelle quali la maturazione sembra derivare dalle stimolazioni esterne trasmesse dagli organi di senso. Gli stimoli, di origine esterna, provengono dai suoni, musiche, rumori e vibrazioni dell'ambiente esterno e vengono filtrati attraverso i tessuti della madre. I suoni maggiormente attutiti sono quelli acuti, mentre quelli bassi subiscono una minore attenuazione: sopra i 1000 e 2000 Hz l'attenuazione è di 30 db. I suoni che passano meglio (senza l'attenuazione di protezione) sono, quindi, intorno ai 1000 Hz anche se, d'altra parte, rischiano di essere più compromessi, meno nitidi a causa del rumore di fondo materno. Le sonorità endouterine hanno perciò un'intensità variabile da 6,3 a 80,5 db. La voce materna (per trasmissione ossee, per vicinanza e per le vibrazioni prodotte dall'apparato fonatorio) emerge fra tutte, filtrata. La voce paterna (per la vicinanza e per il suo tono grave) e la musica contribuiscono nella stimolazione dei suoni gravi. L'attenuazione dei rumori esterni proviene principalmente dal fatto che le onde sonore sono, in gran parte, riflesse dall'addome materno soprattutto per quanto riguarda i suoni acuti. Questi sono dunque quelli più debolmente percepiti rispetto a quelli gravi LO SVILUPPO DELL'ORECCHIO 11

12 L'orecchio è formato da tre parti anatomicamente diverse: L'ORECCHIO ESTERNO, formato dal padiglione auricolare, dal meato acustico esterno e dallo strato esterno della membrana timpanica. L'ORECCHIO MEDIO, che è formato da una catena di tre ossicini uditivi, che connettono lo strato interno della membrana timpanica con la finestra ovale dell'orecchio interno. L'ORECCHIO INTERNO, che è formato dall'organo vestibolo-cocleare, che è in rapporto sia con la funzione uditiva che con quella dell'equilibrio. Le parti esterne e medie dell'orecchio sono deputate alla trasmissione delle onde sonore all'orecchio interno, che converte le onde in impulsi nervosi e registra i cambiamenti di equilibrio. SVILUPPO DELL'ORECCHIO INTERNO L'orecchio interno è il primo delle tre parti anatomiche che inizia a svilupparsi. All'inizio della quarta settimana appare su ciascun lato del mielencefalo, la parte caudale del cervello posteriore, un ispessimento dell'ectoderma superficiale, il placode otico. Ciascun placode otico presto s invagina e affonda profondamente nell'ectoderma superficiale fino a raggiungere il mesenchima sottostante. Così facendo forma la fossetta otica. I bordi della fossetta otica si riuniscono e si fondono dando origine alla vescicola otica, il primordio del labirinto membranoso. Le vescicole otiche perdono i loro contatti con l'ectoderma superficiale e formano un diverticolo che si allunga dando origine al dotto e al sacco endolinfatico. A questo punto si riconoscono due regioni delle vescicole otiche: UNA PARTE UTRICOLARE dorsale, dalla quale hanno origine il dotto endolinfatico e i dotti semicircolari. UNA PARTE SACCULARE ventrale, che dà origine al sacculo e al dotto cocleare; questo dotto contiene l'organo spirale (del Corti). I tre diverticoli discoidali si accrescono al di fuori della parte utricolare del labirinto membranoso che si sta sviluppando. Presto le parti centrali di questi diverticoli si fondono e scompaiono. Le parti periferiche non fuse dei diverticoli diventano i dotti semicircolari. Dilatazioni localizzate, le ampolle, si sviluppano a ciascuna estremità del dotto semicircolare. Le 12

13 terminazioni nervose sensoriali - le creste ampollari - si differenziano in queste ampolle e nell'utricolo e sacculo. Dalla parte ventrale sacculare della vescicola otica si accresce un diverticolo tubulare - il dotto cocleare - che si avvolge su se stesso formando la coclea membranosa. Subito si forma una connessione tra la coclea e il sacculo, il dotto reuniente. L'organo spirale (del Corti) si differenzia dalle cellule della parete del dotto cocleare. Le cellule gangliari dell'ottavo nervo cranico migrano lungo l'avvolgimento della membrana cocleare e formano il ganglio spirale (ganglio cocleare). Processi nervosi si estendono da questo ganglio fino all'organo spirale, dove terminano nelle cellule capellute. Le cellule del ganglio spirale mantengono la condizione embrionale bipolare; cioè, esse non diventano unipolari come le cellule del ganglio spinale. Influenze induttive provenienti dalla vescicola otica stimolano il mesenchima che circonda la vescicola otica a condensarsi e a differenziarsi in una capsula otica cartilaginea. Mentre si ingrandisce il labirinto membranoso, appaiono vacuoli nella capsula otica cartilaginea che presto coalescono e formano lo spazio perilinfatico. Il labirinto membranoso è ora sospeso nella perilinfa (liquido dello spazio perilinfatico). Lo spazio perilinfatico relativo al dotto cocleare si divide in due parti, la scala del timpano e la scala vestibolare. La capsula otica cartilaginea successivamente si ossifica e forma il labirinto osseo dell'orecchio interno. L'orecchio interno raggiunge la sua dimensione e forma definitive alla metà del periodo fetale (da settimane). SVILUPPO DELL'ORECCHIO MEDIO La parte prossimale del recesso tubotimpanico forma la tuba faringotimpanica (tuba uditiva). La parte distale del recesso tubotimpanico si espande e diviene la cavità timpanica, che gradualmente avvolge gli ossicini dell'udito (martello, incudine e staffa). Durante l'ultima parte del periodo fetale, un espansione della cavità timpanica, dà origine all'antro mastoideo. L'antro mastoideo ha, alla nascita, dimensioni quasi definitive; tuttavia non sono presenti nel neonato cellule mastoidee. A due anni di età le cellule mastoidee sono ben sviluppate e producono proiezioni coniche delle ossa temporali, detti processi mastoidei. L'orecchio medio continua a crescere per 13

14 tutta la pubertà. SVILUPPO DELL'ORECCHIO ESTERNO Il meato acustico esterno si sviluppa dall'estremità dorsale del primo solco faringeo. Le cellule ectodermiche al fondo di questo tubo imbutiforme proliferano e formano una lamina epiteliale solida, detta tappo del meato acustico. Successivamente, nel tardo periodo fetale, le cellule centrali di questo tappo degenerano, formando una cavità che diviene la parte interna del meato acustico esterno. Questo meato è relativamente corto alla nascita; per questo, si deve avere cura di non ledere la membrana timpanica. Il meato acustico esterno raggiunge la sua lunghezza definitiva circa al nono anno. Il primordio della membrana timpanica è la prima membrana faringea, che separa il primo solco faringeo dalla prima tasca faringea. Mentre procede lo sviluppo, tra le due parti della membrana faringea, il mesenchima si accresce e si differenzia producendo e organizzando le fibre collagene della membrana timpanica. Il rivestimento esterno della membrana timpanica deriva dall'ectoderma superficiale, mentre il suo rivestimento interno deriva dall'endoderma del recesso tubotimpanico. Per sintetizzare, la membrana timpanica si sviluppa da tre parti: - dall ectoderma del primo solco faringeo; - dall'endoderma del recesso tubo timpanico; - dal mesoderma del primo e secondo arco faringeo. Il padiglione auricolare si sviluppa da sei aree mesenchimali proliferanti del primo e secondo arco faringeo. Le prominenze, dette tubercoli auricolari, circondano il primo solco faringeo. Mentre si sviluppa il padiglione auricolare, si riduce il contributo del primo arco. Il lobo (o lobulo) è l'ultima parte che si sviluppa. Il padiglione auricolare comincia a svilupparsi alla base del collo. Con lo sviluppo della mandibola, il padiglione auricolare si sposta verso la sua posizione definitiva ai lati della testa. L'orecchio esterno continua a crescere per tutta la pubertà. Le parti del padiglione auricolare derivate dal primo arco faringeo sono innervate dal nervo di questo arco il ramo mandibolare del nervo trigemino; le parti derivanti dal secondo arco, sono innervate dal ramo cutaneo del plesso cervicale; specialmente il piccolo nervo occipitale ed il nervo grande auricolare. 14

15 Il nervo facciale del secondo arco ha pochi rami cutanei; alcune di queste fibre contribuiscono all'innervazione sensoriale della pelle della regione mastoidea e, probabilmente, di piccole aree di entrambe le facce del padiglione LA VISTA L'organo sensoriale della vista funziona tra il quarto e il sesto mese mentre, prima della nascita, tutti i recettori sono completi. Il feto che si trova nell'utero materno non vive nell'oscurità ma all'interno di una variazione di tonalità luminose e cromatiche dipendenti dal clima, dalla stagione e dallo stile di vita della madre, alle quali reagisce. Se si appoggia una luce intensa sull'addome della madre il nascituro sembra notarla al punto che cerca di distogliere gli occhi girando la testa dall'altra parte. Per E. F. Baker, psicanalista reichiano, la zona oculare è il primo livello evolutivo e questa è in stretta relazione con le strutture fondamentali della psiche. Durante la gravidanza è importante vivere l'esperienza del vedere e non del semplice guardare in modo superficiale e distratto, così da partecipare coscientemente all'atto percettivo e dare valore e significato all'esperienza. Andrée Bertin, francese, presidente della A.N.E.P. (Association Nationale pour l'education Prénatale) propone alle madri in gravidanza di vestire e di tappezzare le pareti della casa con colori chiari, vivi e luminosi, questo perché hanno un effetto stimolante e benefico sulla crescita delle cellule e sugli organi del nascituro. Vediamo ora, sia pur a grandi linee, il significato simbolico e l'effetto fisiologico dei principali colori. 1) ROSSO: è il colore che rappresenta tutto ciò che concerne la vita e la sua affermazione attraverso l'azione, la lotta ecc. E' anche in relazione con l'autorità e la volontà. Inoltre rappresenta l'amore per gli esseri viventi. Interessa la muscolatura striata e volontaria e gli organi della riproduzione. 2) ARANCIONE: è il colore dell'estroversione sentimentale, della nobiltà, della sanità, della purezza e dell'unità della vita. Sviluppa il desiderio di perfezione, di benessere e di salute. E' in relazione al sistema circolatorio. 3) GIALLO: è il colore del sole e dell'oro. Simboleggia la luce, la gioia, l'ottimismo, la chiarezza, il cambiamento e l'energia. 15

16 Stimola l'esigenza di comprensione, di conoscenza e di riflessione. Gli organi del colore giallo sono il sistema nervoso simpatico e parasimpatico 4) VERDE: è il colore della crescita, dello sviluppo e dell'evoluzione. Il verde dona equilibrio e stabilità, però al tempo stesso è il colore della speranza e della ricchezza. Corrisponde all'apparato digerente e alla muscolatura liscia. 5) BLU: il colore blu è il colore della verità, della fede e della religiosità. Dona armonia, pace e serenità. Lo potremmo definire il colore dell'affettività, della tenerezza e della musicalità. Il suo organo è la pelle e influenza il sistema respiratorio. 6) INDACO: è il colore della forza interiore, della dignità, della regalità e della giustizia. Porta verso il mondo delle astrazioni e delle cause. Esso agisce sul sistema osseo. 7) VIOLA: è colore mistico, della creatività, della fantasia e della sensibilità. Rappresenta il coraggio, il sacrificio e la spiritualità. Il viola è in relazione con il sistema endocrino. 8) BIANCO: è espressione del dissolversi, della fuga e della liberazione. Rappresenta la libertà assoluta aperta a tutte le possibilità. E' il riflesso dell'assoluto. Manifesta anche la purezza e l'inizio di ogni cosa. 9) NERO: è il colore del blocco, della difesa e della negazione. Nero è anche il colore dell opposizione, del buio e della morte. In certi casi può essere in relazione con certe forme di eleganza. Il bianco stimola l'attività delle cellule dell'organismo mentre il nero le deprime. 16

17 CAPITOLO 2 I CINQUE LIVELLI DI COMUNICAZIONE PRESENTI DURANTE LA GRAVIDANZA La comunicazione madre-nascituro si sviluppa secondo cinque livelli diversi: 1) fisiologico; 2) comportamentale; 3) emotivo; 4) mentale; 5) esistenziale LIVELLO FISIOLOGICO Il livello fisiologico interessa tutti quei processi fisiologici che vanno dallo scambio di sangue, di ossigeno, allo scambio di sostanze nutritive ed ormonali. All'interno di questo livello sono del tutto assenti gli elementi coscienti, mentre è presente una notevole sensibilità nei confronti dei fattori emotivi ed ambientali. La carenza o l'eccesso di emozioni vissute dalla madre possono influire sulla attività metabolica dell'organismo e questo può incidere negativamente sul processo di crescita e sviluppo del nascituro. Fumare, bere, assumere droghe o medicinali in dosi eccessive altera la comunicazione ed il rapporto con il figlio LIVELLO COMPORTAMENTALE La comunicazione attraverso il comportamento riguarda tutte quelle azioni, i modi di fare e gli atteggiamenti che la madre assume durante la gravidanza, che di riflesso possono essere graditi oppure infastidire il piccolo. Dentro questo livello di comunicazione ritroviamo: - il ritmo di vita, nelle sue diverse espressioni di attività e riposo; - la postura, con i suoi diversi significati di adattamento e risposta, principalmente in relazione agli stati di tensione e rilassamento; - la gestualità ed il modo in cui vengono svolte le azioni ci dice molto su ciò che viene comunicato dalla madre al nascituro; 17

18 - il movimento lento o veloce è in relazione con il ritmo interiore e con la tendenza reattiva dell'individuo. Lo stress della vita quotidiana spesso ostacola ed impedisce la possibilità di vivere dei movimenti piacevoli di abbandono e di rilassamento. Invece questi vanno vissuti più spesso, in tutti i momenti consentiti, così da offrire al nascituro questo piacere che poi conserverà per tutta la vita. Potrebbe essere utile ascoltare musiche del repertorio medievale, barocco, classico, romantico, celtico, New Age, di musica leggera e di suoni della natura (onde, ruscelli, pioggia, canti di uccelli, vento ecc.) che evocano benessere e gioia. Il gusto musicale materno, dove possibile, deve essere tenuto in considerazione. Essa dovrebbe selezionare dal suo repertorio quelle musiche, canti e brani che le suscitano emozioni particolari. Dovrà comunque fare attenzione a non insistere nell'ascolto di quei brani nei quali la pulsazione ritmica è veloce, oltre i 60/80 battiti al minuto, perché risulterebbe fastidiosa e creerebbe nervosismo e senso di inadeguatezza anche nel feto. Sono sconsigliate tutte quelle musiche che attivano sentimenti depressivi, di solitudine, di scoraggiamento, di tensione, di ansia e di angoscia LIVELLO EMOTIVO Le emozioni, gli affetti ed i sentimenti sono espressioni del sentire. In ogni rapporto, che l'individuo ha con se stesso o con l'altro, è sempre presente una tonalità d'umore che lo contraddistingue. L'emozione oscilla tra il polo della gioia, del piacere e dell'amore, da una parte, ed il polo della sofferenza, del dolore e dell'odio, dall'altra. Il tono emozionale della madre agisce a cascata sull'attività biochimica nell'ambiente uterino ed influenza la formazione e lo sviluppo fisio-psichico del nascituro che reagisce con la sua proprietà di espansione e contrazione tipica della pulsazione biologica. Durante la gravidanza tutto quello che il nascituro riceve passa attraverso la madre e di conseguenza la relazione diventa, fin dall'inizio, una componente fondamentale per lo sviluppo del nuovo essere. Molti studiosi, fra i quali l'ostetrico americano L. W. Sontag, hanno studiato le possibilità presenti nel nascituro di apprendere le emozioni durante il periodo della gestazione, per spiegare molti comportamenti che si manifestano dopo la nascita. Le emozioni materne 18

19 negative quali l'ansia, lo spavento, la paura, l'angoscia, ecc. hanno delle serie conseguenze sull'equilibrio del bambino. Esse provocano movimenti fetali più frequenti e più forti. Inoltre, dopo la nascita, questi stessi bambini sono più irritabili, più iperattivi e spesso hanno problemi con il cibo, la digestione e anche di concentrazione. Un'accettazione immediata e serena, una relazione piena d'amore ed un atteggiamento corretto della madre durante la gravidanza, non solo aiutano lo sviluppo del bambino, ma favoriscono anche il lavoro educativo dei genitori. Infatti questi potranno, in avvenire, contare su un bambino più centrato ed equilibrato, con capacità di adattamento all'ambiente e dotato di maggior intelligenza ed anche meno nervoso 2.4. LIVELLO MENTALE A livello mentale appartiene tutto ciò che si riferisce al mondo delle idee e dei pensieri al quale viene attribuito il compito e la funzione di organizzare, in schemi logici ed attraverso i processi di analisi e di sintesi, i diversi campi di esperienza che l'essere umano percorre, dal pensiero, al sentimento, all'azione. Durante la gravidanza la madre offre un modello di funzionamento mentale al nascituro. Una carenza o al contrario un eccesso di attività mentale, dovuto ad esempio ad una logica di incomprensione e contrapposizione verso la realtà, attiva le difese, accresce l'autocontrollo e limita ogni tipo di esperienza relazionale. Una situazione di questo tipo non può che avere un effetto mortificante sul nascituro. Quindi è necessario fare uno sforzo per organizzare e mettere ordine alle proprie idee e pensieri, per conoscere la realtà ed i processi della vita e vivere in modo relazionale ed aperto l'esperienza. Una sana lettura non può che essere d'aiuto al nascituro per stimolare lo sviluppo dei processi cognitivi e di apprendimento. Essa va effettuata ad alta voce, con la consapevolezza che ci si rivolge a lui, in modo da favorire l'azione delle energie acustiche di tipo organizzativo formativo presenti all'interno del suono emesso. La lettura stimola lo sviluppo delle strutture mentali del linguaggio ed agisce beneficamente negli altri livelli di comunicazione. Degno di nota è l'originale sistema, basato sull'uso della memoria prenatale, messo a punto da Elen Ray, un'insegnante di origine scozzese. Essa propone alle madri, per rendere più facile l'apprendimento della lingua ai bambini appena nati, di ascoltare con la cuffia durante la gravidanza una cassetta registrata di musiche con paroline dolci nella lingua 19

20 prescelta LIVELLO ESISTENZIALE Il livello di comunicazione esistenziale si diversifica dai precedenti per il suo carattere globale e unitario. I contenuti del livello esistenziale riguardano la vita con i suoi significati e il problema della coscienza intesa come perenne intenzionalità verso i valori. La relazione esistenziale riguarda l'intuizione partecipante, l'empatia: cioè la capacità della madre di sentire, di vivere e soprattutto di essere con l'altro e quindi con il nascituro. Le tecniche quali la meditazione, l'ascolto ed il silenzio favoriscono l'apertura verso il mondo interno e danno la possibilità di entrare in contatto con la parte più profonda del proprio essere facilitando in questo modo il rapporto con il nascituro. Durante questo periodo la madre può far uso dell'immaginazione creativa e quindi usare la sua capacità per immaginare il figlio com è o come potrebbe essere a partire da quello che sente interiormente, in modo distinto dalla fantasticheria o fantasia, per incidere dal piano psichico sul suo processo formativo. In questo senso essa la può immaginare, indipendentemente dal suo sesso di appartenenza, di età più grande, già di uno o due anni o anche di più. Tutto questo è un chiaro messaggio di disponibilità perché la madre apre al figlio il suo mondo interiore, la sua coscienza offrendogli uno spazio carico di energie e di prospettive future LA COMUNICAZIONE INTRAUTERINA MADRE - FETO SECONDO BENENZON In uno schema preso da Benenzon (Benenzon, 1997), si nota una madre, il feto nel suo grembo e tre fonti vibro sonoro - musicali da cui il feto riceve lo stimolo della comunicazione. a) Una delle sorgenti è lo stesso corpo materno: il flusso del sangue, il ritmo del battito cardiaco, il rumore delle pareti uterine, i suoni della respirazione con il corrispondente movimento ritmico, il mormorio della voce materna con le sue inflessioni, i rumori intestinali, gli sfregamenti muscolari e articolari. Il ritmo del battito cardiaco materno è il più tipico degli stimoli, perché è l'unico che 20

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale

PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale Pag. 1 di 5 PERCORSO NASCITA E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ: il progetto Adozione Sociale INDICE: : il progetto Adozione Sociale I gruppi pre-parto La favola della nascita: un viaggio tra fantasia e realtà

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Capacità Cognitive - Parte I

Capacità Cognitive - Parte I In questo articolo andremo ad analizzare la relazione che intercorre tra le capacità cognitive e le capacità tattiche, trattando in modo dettagliato una possibile progressione didattica realizzabile in

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori

Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori ISPESL Il rischio da rumore Informazione e formazione dei lavoratori DIPARTIMENTO DOCUMENTAZIONE INFORMAZIONE E FORMAZIONE L ISPESL favorisce la riproduzione di questa dispensa per la distribuzione a lavoratori

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli