al nostro amico Fernando

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "al nostro amico Fernando"

Transcript

1

2 al nostro amico Fernando

3 Hai appena trovato questo piccolo libro per strada. Stai leggendo le prime righe per capire se merita un po di attenzione. Forse lo cestinerai appena girato l angolo. Sarebbe un peccato. Perché se decidi di portarlo con te, scoprirai che non è un caso. Nel senso che volevamo fossi proprio tu a trovarlo. Ragiona un attimo. Pensa al tuo passato più recente. C è una persona che sino a ieri ha fatto parte della tua vita. Forse per te non è stata importante. Ma tu, per lei, sì. Per lei, le tue parole avevano un peso. Non puoi neanche immaginare quale. In breve: ti stimava. Poi cos è accaduto? Rifletti. Che cosa è accaduto l ultima volta che vi siete incontrati? Ecco, ora inizi a capire. E se quella persona non ti avesse mai perdonato? Se non avesse dimenticato la frase con cui le hai spaccato la testa? D altronde lo sapevi che era vendicativa. Prima o poi te l avrebbe fatta pagare. Bene. Quella persona ha deciso che la sua vendetta inizia oggi. Per questo ti ha seguito. Si è nascosta tra le persone in attesa del momento giusto. A dirti tutta la verità, è esattamente una settimana che ti pedina. Voleva verificare che tu non avessi modificato le abitudini. Vuoi ridere? Per paura che tu la riconoscessi, si è infilata pure una parrucca. C è stato un momento, oggi, che eravate così vicini da potervi sfiorare. Pensi che sia uno scherzo? No. Non lo è. 2

4 Ripeto: la sua vendetta inizia oggi. Come ti ho detto, si è nascosta tra le persone in attesa del momento giusto. Quando è arrivato, ti ha preceduto di pochi passi e ha lasciato cadere questo libro. Sapeva esattamente dove farlo. E sai perché ha scelto proprio quel punto? Per essere sicura che tu lo raccogliessi. Voleva vedere con i propri occhi l inizio della vendetta. Non poteva tornare a casa con il dubbio. Ora è tranquilla. Lontana da te. Eppure, se per un attimo immaginassi il suo volto, ci sarebbe un sorriso. Sorride perché sa che tu hai due alternative: leggere sino in fondo queste pagine oppure no. In ogni caso, la sua vendetta sarebbe compiuta. Se finirai di leggere, scoprirai il meccanismo della sua trappola. Se non lo finirai, sarebbe lo stesso. Anzi. Sarebbe meglio. Perché sapere che tu hai deciso di non sapere aumenta la sua soddisfazione. E consapevole che il tarlo della curiosità e della paura ti roderà sino all osso. Sì. Paura. Quella che hai in mano non è l unica copia. C è una precisa lista di persone che oggi e domani mattina riceveranno il libro. Loro saranno gli strumenti più affilati. Alcuni li conosci. Ti dirò di più. Alcuni li hai presentati proprio tu a quella persona che adesso sorride e guarda le lancette. Dovranno trascorrere 72 ore. 3

5 Allora, ti sarà tutto chiaro. Perché non c è vendetta senza ricatto. Ricordalo. Ecco. Questo dovrebbe essere l inizio del libro! esclamò il dirigente del DarkSide, una cellula clandestina e illegale di agenti radiati dai Servizi, chiudendo, con un colpo secco, la cartella rossa dove aveva riposto il foglio appena letto. Come in un film senza fantasia, un lampo illuminò per un istante la sala. Siamo nella Churchill Room, al quinto piano del Ark Royal Hotel, lungo la tangenziale est di Milano. Intorno a un tavolo di mogano siedono dodici persone. Le pareti sono interamente rivestite di radica e tutto l arredamento è in stile navale. Persino i paralumi hanno la forma di due piccole vele affiancate. L ampia vetrata rettangolare si apre su un cielo grigio e acquoso. Sembra veramente di essere sospesi in mezzo al mare. La sala è stata prenotata dal DarkSide attraverso una società fittizia. Per il personale dell albergo, quella è una tipica riunione vendite di una ditta dell hinterland. Dunque signori! riprese il dirigente prima di sottoporre alla vostra attenzione i particolari dell operazione AM, ritengo utile ricordare gli obiettivi del SISDE, nostro nemico, così come appaiono sul sito pubblico Leggo testualmente: Compito dei Servizi di informa- 4

6 zione e di sicurezza è quello di operare, sul piano informativo, in difesa preventiva della sicurezza interna ed esterna dello Stato. Nel perseguire questo obiettivo, i Servizi debbono contrastare varie forme di minaccia, che sono costituite non solo dallo spionaggio tradizionale quello che si dedica alla ricerca di notizie segrete di ordine militare, politico ed economico ma anche da altre più sofisticate e subdole forme di offesa: la disinformazione, il sabotaggio, l ingerenza straniera in ambito politico, economico e culturale. Per il raggiungimento degli obiettivi, i Servizi di sicurezza devono assumere un doppio atteggiamento operativo: acquisire quante più informazioni sulle possibili minacce; impedire che si acquisiscano informazioni sul proprio conto. L atteggiamento offensivo consiste tra l altro nel costituire una rete di informatori negli ambienti di interesse, in quegli ambienti, cioè, nei quali sussistano elementi che lascino ipotizzare insidie per la sicurezza. In generale, lo scopo è quello di ottenere informazioni che il detentore non prevede vengano intercettate. L efficacia è strettamente legata alla segretezza: l utilità dell informazione dipende dal fatto che l avversario non si accorga della compromissione. In caso contrario, esso può agire per sminuire il valore o, comunque, prendere le contromisure del caso. 5

7 Per questo è spesso necessario creare delle fonti alternative, per impedire che l avversario scopra, dall uso di una data informazione, chi possa averla fornita. Gli informatori, in generale, a prescindere dalle ragioni per le quali si prestano a fornire notizie e spesso agiscono per motivi di particolare valore morale hanno assoluto bisogno di segretezza sulla loro identità e sul compito che svolgono. Grazie a loro si possono scoprire le trame occulte che si tessono nell ambiente in cui si trovano inseriti: possono perciò spesso correre gravi rischi. In alcuni ambienti, come quelli mafiosi, la divulgazione del nome di un confidente può precedere di poche ore l esecuzione di una condanna a morte. Se si vuol rendere sterile un servizio, non si deve far altro che rendere sterili le sue fonti confidenziali. Terminata la lettura, il dirigente gettò una rapida occhiata a tutti i presenti. Un tuono lontano fece vibrare leggermente la vetrata. L operazione AM riprese nasce come laboratorio di prova. La dirigenza del nostro gruppo ha scelto la sezione di Milano del DarkSide per realizzarla. L obiettivo è triplice: creare uno strumento nuovo per comunicare con i nostri infiltrati. Lanciare messaggi a quanti orbitano intorno ai Servizi, soprattutto il mondo dei media. E diffondere sconcerto e insicurezza tra la popolazione di Milano. Su quest ultimo punto, una precisazione, per quelli tra voi che possono ancora nutrire qualche scrupolo. Siamo in guerra. 6

8 Una guerra silenziosa, ma cruenta quanto quella fatta con le bombe. Cellule dormienti di terroristi islamici sono pronte a colpirci al primo segnale. Dobbiamo ottenere il consenso della popolazione. Come ai tempi delle Brigate Rosse, il nostro compito è quello di attuare una serie di attentati, scaricandone la colpa sull avversario. In questo caso, non useremo azioni violente, ma piccole incursioni di guerriglia psicologica. La gente comune deve percepire la paura. Quando è in metropolitana. In coda al supermercato. Dentro a un cinema. Sempre. Ovunque. La paura è il cemento della democrazia. Il progetto AM vuole produrre una piccola scossa tellurica per permettere al DarkSide di soccorrere i feriti. In concreto: dobbiamo stampare e distribuire in modo non convenzionale un libro che conterrà una serie di messaggi in codice. Per la precisione: cinque. L autore si chiamerà Anonimo Milanese, da qui il nome di tutta l operazione. Il materiale ci è già stato fornito da Roma. Con una raccomandazione fondamentale: l iter di produzione del libro, assemblaggio del testo, stampa e distribuzione, deve essere eseguito da una persona completamente estranea al DarkSide. Una persona che non saprà mai né l identità del committente né i reali obiettivi. In una parola: non dovrà mai sospettare l esistenza dell operazione AM. Uno strumento inconsapevole nelle nostre mani. Nessuno 7

9 dei fornitori coinvolti nella stampa del libro dovrà mai risalire all esistenza del DarkSide E come è possibile? interruppe uno dei presenti. Da circa tre anni continuò il dirigente senza guardare chi aveva posto la domanda abbiamo focalizzato la nostra attenzione su dieci persone: cinque uomini e cinque donne. Li chiamiamo i ratti. Età: 20/30 anni. Da tre anni controlliamo ogni piega della loro vita: telefonate, abitudini, vacanze, relazioni sentimentali, lavoro, spazzatura Qui ho i dossier digitali di ciascuno. Il compitino di oggi è quello di selezionare il nostro candidato ideale. La sala venne oscurata e su uno schermo al plasma iniziarono a girare fotografie e filmati dei ratti. A ogni presentazione, il dirigente elencava le caratteristiche salienti. Età, professione, stile di vita, inclinazioni sessuali e politiche. Al termine, il dirigente tirò la tenda, lasciando scoperta l ampia vetrata. Fuori continuava a piovere. Iniziò quindi il confronto per la selezione del migliore candidato. Dopo circa due ore, la scelta si concentrava su due giovani maschi. Per me la soluzione è già pronta disse uno dei presenti, picchiettando l estremità di una penna sul tavolo. Ha bisogno di un invito formale? gli chiese il dirigente senza nascondere la stizza. Mi scusi disse l interlocutore, raddrizzandosi sulla sedia dicevo che per me la soluzione è già 8

10 pronta, perché il primo ratto è sieropositivo da circa due anni, anche se ancora non lo sa. Ho paura che la sua malattia rappresenti un limite operativo e possa quindi compromettere in qualche modo l intera operazione. E un punto interrogativo che ci porteremmo addosso tutto il tempo. Un rischio evitabile. Per esclusione, vi invito a riflettere sul secondo candidato. Voi cosa ne pensate? chiese il dirigente. Dopo un attimo di silenzio, uno dei presenti, con voce calma e bassa, disse approvo. Approvo fece eco il vicino. E così tutti gli altri. AM aveva finalmente un nome e un volto. 9

11 PRIMO MESSAGGIO E se Am fossi tu? Tu che hai trovato il libro per strada? Se fosse tutto vero? Quello che hai tra le mani è il compimento del progetto. Ricorda: il nostro obiettivo è diffondere insicurezza. Tu sei uno dei ratti. Non lo sapevi. Ora è tempo di verità. Da tre anni seguiamo ogni tuo passo. Conosciamo particolari della tua vita che non immagini. Ogni parola che leggi è stata soppesata con attenzione dal DarkSide. Al suo interno, infatti, esiste una piccola divisione dedicata alla stesura di testi anonimi. Sapevi che una lettera anonima può rovinare un esistenza? Ebbene, ora ti insegno il trucco. E semplice ed efficace. Lo conoscono solo gli appartenenti al Servizio. E nemmeno tutti. Figurati che alcuni infiltrati lo ignorano. In breve: tu odi una persona. La odi come odia te chi ti ha fatto raccogliere questo libro. La persona che nascosta tra la folla ha atteso il momento giusto. Per procurare la morte civile e morale al tuo nemico, seguilo. 10

12 Annota sopra un taccuino i cognomi sul citofono della sua abitazione. Osserva dove compra le sigarette, il pane, il giornale Qual è la sua farmacia e il supermercato per la spesa. Cerca di scoprire l identità dei colleghi. Se non puoi, segna almeno i cognomi posti sul citofono del palazzo in cui lavora. Spedisci a tutti loro una lettera anonima. Ora ti spiego come fare. Scrivere un testo anonimo non è un gioco da Totò e Peppino. Prima regola: conquista subito la fiducia del lettore. Per ottenerla, inizia con una frase che abbassi subito le difese psicologiche. Tipo: Gentile Sig. Rossi, è la prima volta nella mia vita che scrivo una lettera anonima. Mai avrei immaginato di farlo, e per questo mi scuso in anticipo. Questo è un ottimo incipit. Perché l autore ammette la bassezza del gesto compiuto ma, al contempo, traspare il senso di colpa mai avrei immaginato e l atto di umiltà verso il destinatario e per questo mi scuso che si ritrova automaticamente in una posizione di superiorità. Adesso, ce l hai in pugno. Hai abbassato le sue difese e innalzato il suo ego. Seconda regola: stuzzica la curiosità. 11

13 Per centrare l obiettivo, prosegui in questo modo: la gravità delle informazioni in mio possesso e la mia coscienza di padre mi obbligano a parlare. Fantastico! Vero? Hai detto poco. Quasi niente. Eppure, adesso, l aspettativa è enorme. Prova a rileggere. Con calma. La gravità delle informazioni in mio possesso e la mia coscienza di padre mi obbligano a parlare. Hai creato attesa. La frase ambigua promette torbidi sviluppi. Terza regola: scegli l accusa più infamante. Per esempio, la pedofilia. Ecco la formula: faccia attenzione al Sig. X (qui scrivi il nome del tuo nemico) perché è stato condannato per abusi sessuali contro il figlio. E in questo stabile, vivono tanti bambini. E per loro che mi sono deciso ad uscire allo scoperto. Quarta regola: sii credibile. A tal proposito, inventa il numero di protocollo del processo e la sua data. Senti come suona vero: Sì, il Sig. X è stato condannato il 12/09/1987 presso il tribunale di Milano (fascicolo N /BC NVZ). Adesso il tuo nemico è morto. La conseguenza più beffarda di questo trucco è che non importa se il destinatario della lettera ci creda 12

14 oppure no. L importante è aver gettato il seme del dubbio. Il tuo nemico è spacciato. Ovunque vada. Nessuno lo guarda come prima. Per qualche tempo, il tuo nemico non saprà perché le persone che lo circondano hanno cambiato atteggiamento. Chi potrà mai confidargli il contenuto di una lettera anonima che lo accusa di pedofilia? Eppure, lentamente, le voci iniziano a girare. Gli inquilini dello stabile in cui vive, soprattutto quelli con figli adolescenti, si scambiano confidenze a voce bassa nel buio dell androne. I colleghi, padri di famiglia o madri premurose, rileggono la lettera durante la pausa del pranzo. I sospetti, gli sguardi imbarazzati, o maligni, lo seguono per le scale. Lungo la strada. In ufficio. Dentro casa. Alla fine, il tuo nemico avrà solo due possibilità: cambiare città o il suicidio. Rifletti. Chi scrive le parole che hai appena letto rivela una conoscenza diretta del sistema. Forse fa parte della divisione DarkSide che compone testi anonimi. E stato incaricato di divulgare un libro in codice con 13

15 un triplice obiettivo. Comunicare con gli infiltrati. Lanciare messaggi a quanti orbitano intorno ai Servizi, soprattutto i media. Diffondere confusione e insicurezza. Sì. Confusione e insicurezza. Quindi, paura. E la paura è il cemento della democrazia. C è un altra possibilità. Chi ha scritto il libro è un ex agente. Un rinnegato. Un cane sciolto. Un uomo, o una donna, che ha subìto un torto e pretende giustizia. Ma la giustizia che cerca non si trova nei tribunali. Deve procurarsela con le proprie forze. La giustizia privata si chiama vendetta. La sua vendetta è quella di sputtanare il DarkSide, così come il DarkSide ha sputtanato lui, o lei. Questo libro è un primo segnale. Chi ha orecchie per intendere, intenda. I bersagli del cane sciolto sanno che non scherza. Comprendono alla perfezione il messaggio in codice. Ciò che a te sembra bianco, è nero. E questo lo sanno. Tu non comprendi. Ma loro sì. Sono consapevoli delle conseguenze. Con questo primo messaggio, sono stati avvertiti. Occhio per occhio. Dente per dente. 14

16 Solo una persona addestrata poteva stampare clandestinamente un libro e distribuirlo in modo non convenzionale. E se fosse invece opera di un servizio segreto straniero? Anche questo un segnale. Un avvertimento. Su tale ipotesi non è necessario soffermarsi oltre. Cane sciolto e servizio straniero si equivalgono. Ma esiste un ultima possibilità. Più semplice. Reale. Anonimo Milanese non è altro che uno scrittore fallito. Ha deciso di buttare gli ultimi soldi nella stampa di questo libro. Un disperato tentativo per far parlare di sé. Ha gettato per terra le copie come bottiglie nel mare. Forse qualcuno apprezzerà il meccanismo della sua operazione. Un piano di marketing concepito per lanciare sul mercato un nuovo autore. Ecco: dietro a tutto questo non c è uno scrittore, ma una casa editrice spregiudicata che vuole emergere sulle pagine dei giornali. Anonimo Milanese è lo pseudonimo dietro al quale si nasconde un gruppo editoriale. 15

17 Il CONTATTO La mansarda si trovava a Quinto Sole, una piccola frazione a sud di Milano. Tre case e qualche osteria. Am si alzò dal letto verso le 7. Fuori continuava a piovere. Una pioggia polverosa. Quasi sussurata. AM aveva 27 anni ed era iscritto, fuori corso, alla facoltà di Lettere Classiche presso l Università Statale. Quel giorno avrebbe dovuto affrontare il suo ultimo esame: Storia della lingua eleusina. Era andato a dormire molto tardi per ripassare un libro particolarmente ostico. Mentre si preparava il caffè in un angolo cottura, ricavato da un antico ripostiglio, continuavano a balenargli in testa radici indoeuropee, sostantivi greci, implicazioni semantiche che si perdevano nella notte dei tempi. Ad ogni pensiero, seguiva l ansia di collocarlo con esattezza nel piano di studio. Il professore avrebbe potuto chiedergli proprio quello. Oppure il nesso basco caucasico, scoperto da un tal professor Trombetta. Che buffo cognome. Se non fosse stato così teso, AM avrebbe potuto anche sorriderne. Il programma della giornata era semplice: dare l esame e poi rilassarsi. Magari da Ricordi. Il mega store in C.so Vittorio Emanuele. Am adorava gironzolare tra gli scaffali e vedere le copertine dei cd. Soprattutto quelli degli anni 70. In pochi passi si concentrava la 16

18 musica che aveva segnato la storia. E poi sarebbe entrato in una libreria. Aveva voglia di leggere qualcosa per pura curiosità. Senza l incubo di ricordare ogni particolare per ottenere una promozione. Che tristezza i libri letti per dovere! Avrebbe concluso la giornata in un pub con Francesca. La sua fidanzata ormai da quattro anni. Caspita! Quattro anni! Il suo record personale. Ecco, il pensiero di Francesca lo tranquillizzò per qualche minuto. Prima che l ansia lo facesse di nuovo prigioniero. Per un comprensibile masochismo, amava il dolore, quasi fisico, che precedeva ogni esame. Gli permetteva di non pensare a sua madre, morta da oltre quattro anni in un incidente stradale. Suo padre si era consolato presto. Dopo sei mesi dal funerale, si era già trovato un altra compagna di vita. Probabilmente stavano insieme prima della tragedia. AM era giunto a questa amara conclusione spiando una telefonata. Nel giro di qualche settimana, la sua vita cambiò in modo radicale. Si ritrovò solo in una mansarda sulle labbra della periferia. Gli unici contatti con suo padre, nel frattempo trasferitosi a Roma, erano la telefonata del mercoledì e il bonifico di 600 euro a fine mese. Nell attesa del tram che lo avrebbe portato all università, AM pensava al modo di arrotondare le entrate anche questa volta. Servizio ai tavoli nell osteria sotto casa. Traduzioni in inglese per una rivista di settore. Ripetizioni di greco per il figlio scemo della vicina. In 17

19 effetti, con 600 euro, non c era da stare allegri. La pioggia continuava a cadere. In lontananza, il fumo grigio della fabbrica di materie plastiche. Lungo la banchina, impiegati e studenti nervosi scrutavano l interno delle proprie cartelle. Una volta sul tram, AM si accomodò vicino all uscita. Appoggiò la fronte contro il finestrino, concentrando lo sguardo sulle automobili che passavano. Dopo qualche minuto, si sedette accanto a lui una persona vestita di nero. AM non lo vide mai negli occhi. Percepiva l odore di un gradevole dopo barba. Si sentiva osservato, ma non ebbe la forza di girare lo sguardo. Chiuse gli occhi e immaginò di essere in un altro mondo. Lungo la spiaggia di un pianeta ancora sconosciuto. I suoi passi lasciavano orme leggere nella sabbia. Era l ora del tramonto. Nessuna forma di vita nel cielo o sopra la terra. Solo AM. Sottile profilo sul filo del nulla. Con una curva affilata, il tram si fermò in Piazza Fontana. L uomo vestito di nero era scomparso. Una volta in strada, AM si accese una sigaretta, sistemando lo zaino dietro la schiena. Comprò una copia di Repubblica nell edicola davanti alla fermata. I rumori del centro lo assalirono con violenza. Dopo un attimo di esitazione, si diresse verso via Bergamini che portava dritto alla Statale. Come abitudine, prima di affrontare un esame, entrò nel bar d angolo per bere un cappuccino. Dentro al 18

20 locale, si respirava un delizioso profumo di arance e cacao. AM andò a sedersi al tavolino in fondo alla sala. Vicino all ampia vetrata che dava sulla strada. Mario, mi porti un cappuccio? chiese al cameriere prima di aprire il giornale davanti a sé. Agli ordini! rispose quello dietro al bancone, con saluto militare. AM lesse la stessa merda del giorno precedente. Autobomba a Baghdad. Elezioni anticipate. La solita madre che uccide il figlio. Il solito figlio che uccide il padre Ecco il tuo cappuccio e un biglietto disse Mario, appoggiando la tazza e una piccola busta sopra il tavolino. Che biglietto? Me lo ha portato Ràvas, il vùcumprà che staziona sempre qui davanti. Mi ha detto che è per te. AM si guardò intorno perplesso, mentre il cameriere era già tornato alla macchina del caffè. Aprì la busta, dopo averla osservata in contro luce, e iniziò a leggere un testo scritto a macchina. Solo un vùcumprà può scrivere ancora a macchina nel 2006 pensò con un vago senso di irritazione. Si accorse subito, però, che Ràvas non era l autore del messaggio. Ma solo il postino. Ti starai chiedendo era scritto perché non abbiamo voluto consegnarti direttamente questa busta. Il motivo è semplice: noi non ci dovremo mai incontrare. Seguiranno altri contatti al momento opportuno. 19

21 Oggi ti assegniamo un compito. Terminato l esame, recati in via Lanterna al numero 32. Troverai un citofono con una piccola pulsantiera. Per la precisione ci sono tre nominativi un po particolari: fuoco, terra, vento. Premi in sequenza: terra, fuoco, vento, vento, fuoco, terra. E un numero telefonico. Risponderà una voce che ti fornirà le indicazioni per muoverti. In questo momento ti stai chiedendo due cose. E uno scherzo? E perché dovresti seguire il compito assegnato? No. Non è uno scherzo. E se farai ciò che ti chiediamo, effettueremo un bonifico a tuo favore di 250 mila euro entro domani. Altri 250 mila euro al termine del lavoro. Non devi né uccidere né rubare né commettere reati. Solo ubbidire. Per sciogliere il tuo scetticismo, desideriamo fornirti un paio di prove della nostra serietà. Primo: ieri hai terminato il ripasso per il tuo esame alle 2 di notte. Hai navigato in Internet sino alle 2 e 45, visitando quattro siti: mi.it. Secondo: oggi, durante l esame, il professore ti chiederà di analizzare la teoria di Trombetta. Il linguista che scoprì un nesso tra gli idiomi delle popolazioni nord africane e quelle basche. Ma, a questo proposito, pensiamo che tu ne sappia più di noi. Vero? Ricorda: via Lanterna numero 32. AM ripiegò il foglio, gettando ancora un occhiata oltre la vetrata. Ràvas era proprio davanti a lui. Stava cercando di vendere un accendino a una ragazza bion- 20

22 da e carina che scuoteva la testa decisa. Quando lo raggiunse, la ragazza era già lontana. Senti un po iniziò brusco chi ti ha dato questo biglietto per me? e gli sventolò davanti al naso la busta. Un mio amico rispose Ràvas con un sorriso bianchissimo, quasi accecante. Che amico? Quale amico? lo incalzò AM. Il suo volto era tirato. Il tono della voce alto. Ràvas si strinse nelle spalle Uno del mio paese, spiegò vende collane in Piazza Fontana. Mi ha detto che un uomo gli ha dato la busta, raccomandando di darla a me. L uomo ha detto che la consegna era qui al bar. A nome tuo. Com era vestito quest uomo? Di nero? chiese AM, strattonando il vùcumprà. Ma che ne so io? piagnucolò Io non ho fatto niente di male. Ci ha dato 10 euro. Io devo mangiare AM rimase immobile sotto la pioggia ad osservare Ràvas che si allontanava gesticolando. Allora, sei pronto? AM si risvegliò dal torpore e guardò in faccia chi gli aveva fatto la domanda. Era Giorgio, un suo compagno di corso. All improvviso, si ricordò dell esame. Si incamminarono insieme verso l ingresso dell ateneo. E AM si propose di non pensare a quanto accaduto sino al termine dell interrogazione. Una volta dentro, AM si isolò, con una scusa, nell attesa di essere chiamato. 21

23 Si sedette nella fila più alta dell emiciclo. Voleva osservare dall alto l aula. Quella posizione gli dava un vago senso di sicurezza. Quando il suo nome echeggiò nell aria, scese con lentezza i gradini senza pensare a nulla, sedendosi, infine, davanti al professore. Che cos è l Indoeuropeo? AM accolse con sollievo la prima domanda. Gli offriva la possibilità di spaziare. Non era una domanda tecnica. Una di quelle trappole che ti mettono con le spalle al muro. Aveva la possibilità di muoversi tra filosofia e glottologia. Creare collegamenti semantici. Mischiare grammatica e intuizione. In una parola: improvvisare. Ma con consapevolezza e abilità. Mentre parlava, e il professore annuiva, si ricordò per un istante del messaggio al bar. Gli sembrava tutto assurdo. L unica spiegazione era quella di uno scherzo. Sicuramente qualche amico. In definitiva, che cosa occorreva per conoscere l ora in cui aveva terminato il ripasso? Bastava stare in macchina davanti a casa sua. Magari fumandosi una canna, e la radio sintonizzata su Lifegate. Quando la luce si spegneva, si guardava l orologio e il gioco era fatto. Poteva essere Giorgio. Sì, chiamarlo amico era un po esagerato, ma negli ultimi mesi si erano frequentati molto. In più, Giorgio non poteva certo definirsi una persona normale. Era 22

24 bello strano. E poi, guarda un po che coincidenza: Giorgio era subito lì, dopo la consegna del messaggio. Quasi volesse godersi lo spettacolo da vicino. E i siti visitati? Anche qui niente di miracoloso. Basta un trojan da quattro soldi, magari inviato con una banale e mail, per entrare nel pc di chiunque e farsi i fatti suoi. Giorgio in questo genere di cose era proprio un mago. AM aveva deciso. Al termine dell interrogazione lo avrebbe affrontato di petto. C è un limite a tutto. Giorgio aveva esagerato. Allora? chiese il professore AM lo guardò stupito. Solo in quel momento si accorse che gli aveva posto una domanda. Ma la sua mente era stata altrove negli ultimi secondi. Mi scusi sussurrò AM, sistemandosi meglio sulla sedia può ripetere? Dicevo: mi parli della teoria di Trombetta e del nesso basco caucasico AM rimase perplesso. Senza parole. Poi, lentamente, iniziò a rispondere. Voleva solo terminare quell agonia. Passare l esame e fumarsi una sigaretta. Non intendeva certo importunare il professore con domande assurde. E in definitiva, che cosa poteva chiedergli? Più tardi, con calma, avrebbe cercato una risposta razionale a quanto accaduto. Terminato l esame, AM si diresse verso uno dei chiostri interni. Mentre camminava, incrociò più volte lo sguardo degli altri studenti. 23

25 Ogni viso gli sembrava ostile e lontano. Si distese lungo un muretto sotto le arcate ad ogiva. La schiena appoggiata contro una delle colonne che ritmavano lo spazio. Rilesse il messaggio almeno una decina di volte, continuando a fumare. Infine, sistemata la busta nella tasca posteriore dei jeans, raggiunse l uscita. Decise di trascorrere il resto della giornata come programmato. Avrebbe raggiunto via Lanterna. Ma non subito. D altronde, nella lettera non era specificato alcun orario preciso. Voleva arrivarci con calma. All inizio della sera. Confuso e perplesso, continuava a camminare per le vie del centro. Senza meta. Il trillo del suo cellulare lo risvegliò dal torpore. Ehi! Ma che fine hai fatto? esclamò una voce frizzante al suo orecchio. Ciao Francesca rispose AM con tono dimesso. Che entusiasmo! Devo dedurre che non l hai passato? No. E andata bene. Senti, piuttosto.questa sera non ce la faccio. Sono proprio stravolto. Vorrei andare a dormire presto Che ora hai fatto sta notte? chiese la ragazza con giocosa preoccupazione. Le due Ma va tutto bene? Certo la tranquillizzò AM, cercando di ritrovare la 24

26 solita voce. Va beh, concluse Francesca dimmi almeno quanto hai preso 30 e lode. Poi ti racconto. Scusami Francesca, ma sono troppo stanco. Sono sicuro che se continuiamo la conversazione, mi innervosisco e finisce che litighiamo. Ti chiamo domani mattina. Un bacio e terminò la chiamata. Francesca rimase ad osservare il cellulare per qualche istante. Poi si strinse nelle spalle e continuò a mettersi lo smalto sulle unghie. Era abituata agli sbalzi d umore di Am. Soprattutto quando la fine del mese si avvicinava e i soldi iniziavano a scarseggiare. In questi momenti, bisognava avere solo un po di pazienza. Già immaginava la telefonata dell indomani, e le scuse del suo ragazzo per la fretta con cui aveva interrotto la comunicazione. Intanto, AM era arrivato in Corso Vittorio Emanuele. Davanti all ingresso del megastore Ricordi. Quel pomeriggio era particolarmente affollato. Ragazzini pieni di piercing, e col cavallo dei pantaloni quasi alle caviglie, vociavano allegri ovunque. Nell aria danzava una fragranza di pane lontana. AM raggiunse il piano seminterrato attraverso la scala mobile. Si aggirò poco convinto tra gli scaffali della musica caraibica. Dopo qualche minuto di attesa, davanti ai totem degli ultimi arrivi, si mise le cuffie per ascoltare qualche 25

27 pezzo. Non provava, però, le solite emozioni. Non riusciva a lasciarsi andare. Il messaggio continuava a martellargli la testa. Rimase in quel negozio per circa tre ore, cercando invano di scacciare un sottile senso di angoscia. Di nuovo per strada, gustò il freddo di quel pomeriggio quasi invernale, prima di entrare in una libreria. Era come se cercasse la soluzione della sua ansia nella copertina di un cd o nel titolo di un libro. Le persone intorno sembravano moltiplicarsi ad ogni secondo. AM sentiva la loro soffocante presenza. La loro invadenza fisica quasi lo penetrava. Gomiti nei fianchi. Spinte decise. Mani sulle spalle. Odore di sudore. Un recinto umano gli recludeva ogni uscita. Provò un forte senso di nausea e, per un minuto intero, rimase ad occhi chiusi abbracciando un libro per bambini. Una commessa stupita scambiò un sorriso di intesa con la collega del reparto vicino. Quando uscì, era ormai buio. Nelle strade, lucide di pioggia, gli ultimi passanti rincasavano frettolosi. AM raggiunse a piedi via Lanterna. Erano circa le 11 di sera quando arrivò davanti al numero civico 32. Proprio all angolo con via Leviatan. Un palazzo scuro di fine ottocento dall aspetto inquietante. Sotto una minuscola tettoia, alle cui estremità ghignavano teste di demoni in pietra, trovò il citofono 26

28 descritto nel messaggio. Ad ognuno dei tre pulsanti corrispondeva una scritta: fuoco, vento e terra. Compose la sequenza che ormai conosceva a memoria. Con lentezza, premette terra, fuoco, vento, E ancora: vento, fuoco, terra. Nell attesa di una risposta, trattenne il respiro. Il picchiettìo della pioggia si fece più insistente. Una macchina frusciò sull asfalto bagnato alle sue spalle, scomparendo veloce. Il citofono emise brevi suoni metallici. Simili a quelli di un telefono, dopo aver digitato i numeri. Sei stato saggio ad accettare il nostro invito disse infine una voce maschile. Chi siete? Poco più avanti continuò l uomo senza preoccuparsi di rispondere troverai una piccola piazza. Entra nella chiesa e inginocchiati al confessionale di destra. AM rimase ancora davanti al citofono, ma il suo interlocutore aveva ormai riagganciato. Si diresse verso la piazza, camminando lentamente. Era solo lungo la via. Davanti alla chiesa, campeggiava un cartello giallo che indicava l anno di costruzione e il nome dell architetto: M. Restri, La facciata in mattoni rossi richiamava la severità dello stile proto medievale. Guglie inaspettate si slanciavano agili al cielo. Intorno alle vetrate laterali, bianche cornici di gesso si arcuavano in forme arabeggianti. 27

29 Una strana miscela di romanico gotico con influenze orientali. Nell insieme era gradevole. Se ci si concentrava sui singoli dettagli, invece, il risultato era un inquietante smarrimento. Le piccole statue inserite nelle due nicchie intorno al portone, per esempio. AM notò con stupore un piccolo rigonfiamento sotto la veste dei santi. All altezza dell inguine. Lo scultore aveva accentuato volontariamente il dettaglio anatomico del pene. Ma un altro particolare attrasse la sua attenzione. Nella parete esterna dell abside laterale, lungo lo zoccolo di granito a livello del terreno, era scolpita una lunga teoria di segni identici: il numero 6 era ripetuto per tutto il perimetro della chiesa. La sua base poggiava sopra la sequenza della Bestia. AM salì la breve scalinata che portava all ingresso. Spinse con delicatezza il portone ed entrò nella chiesa. Solo le fiammelle dei ceri votivi illuminavano l interno. Al suo passaggio, tremolarono fragili, e i volti delle statue assunsero, per il riflesso, atteggiamenti innaturali. Alle pareti brulicavano ombre misteriose. AM aveva ormai percorso quasi tutta la navata destra verso il confessionale. I suoi passi rimbombavano nel tempio come tocchi di un pendolo impaurito. Una volta inginocchiato, rimase immobile nel silenzio più assoluto. Dopo qualche secondo, si aprì la feritoia davanti al suo viso. 28

30 Benché si sforzasse, non riusciva a intravedere alcun particolare attraverso i minuscoli fori di metallo. Come già detto sussurrò improvvisa una voce sei stato saggio ad accettare il nostro invito Chi siete? chiese subito AM, cercando invano di intuire le fattezze dell interlocutore. Prima regola: non fare domande rispose la voce con il timbro dell assassino nei film di paura. Trascorsero alcuni secondi, prima che la voce continuasse Vogliamo affidarti un compito. Ed è per questo che sei qui. E se io non accettassi? interruppe AM più per sfida che per reale convinzione. In tal caso, perderesti la possibilità di incassare 500 mila euro. Sarebbe davvero stupido da parte tua Che cosa dovrei fare? Questo è il primo di quattro contatti spiegò la voce ogni volta ti verrà consegnato un plico con materiale cartaceo. Il tuo compito è quello di assemblarlo in un libro E poi? Dovrai scegliere i fornitori e seguire tutto l iter di lavorazione sino alla stampa e oltre Cosa vuol dire oltre? Vuol dire che dovrai anche distribuirlo. Il suo titolo sarà: La persona che trovò un libro per strada. Una volta stampate 666 copie, le abbandonerai per terra lungo le vie di Milano che noi ti indicheremo al momento più opportuno. Chi mi dice che non sia tutto uno scherzo? 29

31 Domani controlla il tuo conto corrente. Noterai una piccola variazione rispetto al solito. I costi della pubblicazione non dovrebbero superare i 3 mila euro e sono compresi nella cifra che domani vedrai. E un anticipo sul lavoro. Esattamente la metà Ma se io Basta! lo zittì la voce Preoccupati di agire in modo discreto. Ricorda: ad ogni contatto riceverai i testi da pubblicare. Poni particolare attenzione ai fogli che portano il titolo messaggio. Essi rappresentano il cuore della nostra comunicazione. Ultima regola: nessuno, in alcun modo, dovrà mai conoscere l esistenza del nostro rapporto. Con un balzò improvviso, AM lasciò l inginocchiatoio, spalancando la tendina in velluto rosso del confessionale. L interno era vuoto. Sulla mensola di legno, accanto al sedile solitamente occupato dal prete, era fissato un microfono e una web cam. Credi davvero che siamo così ingenui? lo rimproverò la voce con un timbro da brivido, hai appena compiuto un gesto molto stupido. Ti consigliamo di contenere, per il futuro, la tua impulsività. Ora vattene. Prima, però, controlla l inginocchiatoio. AM rimase immobile per qualche istante davanti al confessionale vuoto. In quel momento, il suo inerlocutore poteva trovarsi ovunque. Anche in un altro continente. Infine, sollevò l imbottitura dell inginocchiatoio e, dal suo interno, estrasse una busta blù. Un silenzio profondo avvolse di nuovo il tempio. AM 30

32 si diresse verso l uscita con il plico sotto l ascella. Una volta in strada, alzò per qualche secondo il viso verso la pioggia. Solo e confuso, si incamminò nella notte alla ricerca di un tram. Erano ormai le due quando salì sull ultima corsa per Quinto Sole. A bordo c erano tre persone. Un travestito, un marocchino e un vecchio dallo sguardo perso. AM si accomodò nel fondo, appoggiando la fronte contro il finestrino. Fuori continuava a piovere. Davanti ai suoi occhi, sfilavano palazzi di periferia e luci lontane. Sembrava di osservare la costa dal mare. AM si ricordò, allora, di una breve crociera in barca a vela con i suoi genitori nelle Cicladi. Avrà avuto 6 o 7 anni. Suo padre era in grado di timonare da solo. Regatava sin da piccolo e possedeva la patente nautica da diporto. Al tramonto, gettavano l ancora in qualche deliziosa insenatura e raggiungevano la spiaggia con il canotto. Mentre sua madre stendeva la tovaglia sulla sabbia e disponeva il cibo, lui e suo padre andavano a nuotare. Perché avevano fatto solo quella breve crociera? Perché non possedeva molti altri ricordi della famiglia riunita? Forse i problemi tra i suoi genitori erano sorti prima di quanto pensasse. A quell estate ne seguirono altre trascorse solo con sua madre. AM non aveva mai pensato a lei come a una donna 31

33 che soffre. Chissà quante volte avrebbe voluto parlargli. Raccontare di un uomo freddo e distante. Forse aspettava che AM crescesse. Arrivato quel momento, lei era morta. E strano come due vite collegate, quella di una madre e di un figlio, possano viaggiare con ritmi così diversi. Su quel tram, per la prima volta dalla sua morte, AM pianse. Il travestito lo guardò con un sorriso per tornare poi a chiudere gli occhi. Tra le lacrime, AM iniziò a farsi molte domande. Non gli importava di trovare una risposta. Il solo fatto di porsele lo faceva sentire meglio. Chi erano? Come avevano fatto ad arrivare a lui? Conoscevano il numero del suo conto corrente. Quando spegneva la luce e quali siti visitava. Da quanto lo spiavano? E il professore era un complice? Quando ritrovò un po di lucidità, prese la busta tra le mani ed estrasse a caso un foglio che portava come titolo Messaggio. 32

34 SECONDO MESSAGGIO Milano. Via Lanterna. Numero civico 32. La piccola tettoia esiste. Accanto ai tre pulsanti, ci sono tre etichette: fuoco, vento, terra. Non ci credi? Prova ad andare. Verifica con i tuoi stessi occhi. La piazza si chiama S. Notturno. La chiesa è il santuario di Metul. Architetto: M. Restri. Anno di costruzione: Certo, il sospetto gonfiore in zona inguinale è uno scherzo. Ma il 31 ottobre 2005, al suo confessionale, si è svolto un incontro interessante. Diciamo francese, quasi provenzale. Vero polizia? Vero Digos? Quando arrivò la telefonata anonima, che avrebbe permesso l arresto del latitante, il Sig. Rossi (tu che leggi non capisci, ma il diretto interessato sì), non mosse un dito. Nella realtà, nessuno vuole indagare perché tiene famiglia o alla famiglia. Chi è preposto alla nostra sicurezza ride. Quando esplode un ordigno, ancor prima di conoscere il numero dei morti, fatti una domanda: cui prodest? La risposta è quasi sempre la stessa: giova allo Stato. In Italia non si muove foglia che la CIA non voglia. Nei momenti di crisi, quando la popolazione inizia a brontolare a voce troppo alta, il rischio è quello di per- 33

35 dere consenso. Nelle società plastificate, dove la democrazia è un abbaglio, il consenso della gente è l olio del motore. Già nel 50, Aldous Huxley avvertiva nei suoi saggi di sociologia: la dittatura del futuro non avrà più bisogno di megafoni. Nessun Hitler indemoniato ad arringare folle. Niente parate o raduni di Norimberga. Nel futuro, cioè adesso, la propaganda si è evoluta. Non urla. Non tortura negli scantinati come l Ovra e il Kgb. C è un filo rosso che collega Ezov, Laurenti Beria e l odierno Putin. Esistono strumenti più affilati di persuasione. I primi esperimenti con i messaggi subliminali si sono svolti alla fine degli anni quaranta nei cinema americani. Esiste una regia globale e occulta che decide quali film proiettare, quali libri esporre sugli scaffali della città. Non solo. Sceglie i registi, li sovvenziona. Così anche gli scrittori. I musicisti. Le star della musica che riempiono gli stadi. Apparentemente artisti contro. Contro il sistema. Contro la politica. Ricorda: per sembrare vera, la falsa democrazia ha bisogno che qualcuno canti fuori dal coro. In tal modo può dire: vedete, se ci fosse la dittatura, tutto ciò non potrebbe accadere. L economia sociale che la sinistra tentò di esportare nel mondo, ora gli si è ritorta contro. I no global sono comunisti. Non è buffo? Per comprendere la realtà, pensa sempre all incontrario: chi vince perde. Chi perde vince. Chi mette le 34

36 bombe è la stessa persona che piange e assicura giustizia. Piazza Fontana. Italicus. Stazione di Bologna. Cui prodest? O con noi o con le BR. E il popolo saggio, impaurito dagli attentati, si stringe al petto di mammastato. Oggi siamo al bivio. E loro lo sanno. Alcuni cittadini iniziano a sospettare. Pensano all incontrario. Il sommesso brontolìo diventa frase aperta. Accusa lucente. Loro stanno già correndo ai ripari. Come? In due modi. Primo: distolgono l attenzione dai veri problemi. Minimizzano. Mentre masse di miserabili premono ai confini e dilagano nelle città, ci parlano di sistema elettorale. L intolleranza, soprattutto di chi viene ospitato, divora come un cancro le carni del Paese. L egoismo, soprattutto di chi ospita, aumenta l odio degli immigrati. E loro ci spiegano che va tutto bene. Ci rincoglioniscono di grandi fratelli e partite di calcio. Panem et circenses. Niente di nuovo sotto il sole. Per combattere queste critiche, hanno inventato una parolina che non spiega, ma accusa: qualunquista. Ebbene, qua- 35

37 lunquista lo è chi per primo lo dà agli altri. Mentre il potere d acquisto delle famiglie italiane precipita, ci educano al cellulare. La priorità è cambiare modello e suoneria. Nuove finanziarie sorgono per pagare l illusione. La vacanza, il trattamento estetico. Con la pazienza della goccia, ci hanno educati al debito. Così, senza accorgerci, troviamo normale pagare la spesa a rate. Secondo: iniettano paura. Il ricatto nascosto è questo: solo con noi puoi essere tranquillo. Il telegiornale della sera, con immagini pietose, evita lo zoom sui corpi devastati. Si sofferma sulle lacrime delle vedove. Sui volti di pietra dei figli. Il nostro odio si gonfia. La razionalità muore. Il colpevole è lì. Davanti ai nostri occhi. Servito nel piatto della cena. Vi sono molti sistemi per iniettare la paura. Questo libro è uno di essi. Ma se fosse così, perché ti raccontiamo i retroscena? Perché sveliamo il trucco del sistema? La risposta è molto semplice: perché non tutto è come appare. Il bianco è nero. L innocente, colpevole. Come un gioco infinito di specchi, dove la soluzione è il continuo riflesso. Il nostro obiettivo è la tua paura. Fuoco, vento e terra sono gli elementi della purificazione. Milano. Via Lanterna. Numero civico

38 L INIZIO DEL GIOCO AM inserì un cd di J.J Cale nel lettore dell automobile. Il suono dolcissimo di magnolia si diffuse nell abitacolo. Francesca osservava i boschi e le vallate oltre il finestrino. Ad ogni tornante, un paesaggio sempre nuovo e identico. Sul bordo della strada, alcuni contadini, nodosi come legni d ulivo, trasportavano sulle spalle gerle colme di fieno. Poco più avanti, pastori dalle bocche rotte accompagnavano il passo dei muli. Erano partiti di mattina presto. Volevano arrivare verso mezzogiorno al Passo del Melogno, un posto sperduto nell entroterra ligure. Proseguirono per lunghi minuti senza parlare, mentre una leggera foschia danzava nell aria. Lenta. A cosa pensi? chiese infine AM A niente rispose Francesca, rannicchiandosi sul sedile mi lascio cullare dalla musica e dal verde Vedrai continuò AM, senza distogliere lo sguardo dalla strada E un posto molto particolare. Ci venivo da bambino a giocare insieme a mio nonno. Sei la prima ragazza che porto fin quassù! Dopo un breve rettilineo in salita, ecco una galleria di pietre grezze che tagliava un antica fortezza napoleonica. Ogni volta che vedo questi ruderi disse AM penso a tutti i soldati della guarnigione che ci hanno trascorso lunghi inverni. Mi ricorda un po l atmosfe- 37

39 ra nel Deserto dei Tartari di Buzzati. Questo era un avamposto strategico per impedire a un eventuale esercito, sbarcato sulla costa, di raggiungere il Piemonte attraverso le alpi e gli appennini Grazie professore! rise Francesca, dandogli un pizzicotto sulla guancia. Pizzica, pizzica, ignorantona! AM curvò a sinistra, proprio alle spalle della fortezza, e parcheggiò l auto in uno spiazzo davanti a una trattoria. Ecco esclamò tirando il freno a mano prima di gustare le delizie dell entroterra, ti propongo una romantica passeggiata nel bosco Un po inquietante, ma va bene. I due ragazzi si incamminarono lungo un sentiero sterrato che s infilava dritto nel bosco. Dopo qualche passo, erano circondati da migliaia di faggi altissimi. La luce del sole filtrava tra le foglie creando vaghe forme di malinconia. Sulle cortecce grigie e liscie brulicavano ombre e formiche. Giochiamo a nascondino disse all improvviso Francesca, lasciando la mano di AM. Si mise a correre, scomparendo dietro a una curva del sentiero. Dài, Francesca. Non ho voglia di correre E chi dice che devi correre? rispose una voce lontana. Per un istante, AM fu percorso da un brivido. Quella voce non era di Francesca. O forse, la distanza ne aveva distorto il timbro. All improvviso, AM notò una figura nascondersi die- 38

40 tro gli alberi. E poi un altra, esattamente dall altra parte. Non erano soli in quel bosco. AM continuò a camminare affondando i piedi in un tappeto di foglie sempre più spesso. Francesca, basta. Non è divertente Ma nessuno rispose. Percorse angosciato una cinquantina di metri. In lontananza, vedeva un oggetto per terra, ma non riusciva a capire cosa fosse. Più si avvicinava, più i contorni di quell oggetto diventavano sfuggenti. Era in parte ricoperto dagli sterpi. Finalmente vicino, lo raccolse. Era la borsa di Francesca. Un ombra alla sua sinistra. Un fruscìo. AM si volse di scatto e vide un braccio spuntare da un manto di foglie. Immobile. Francesca urlò disperato e l eco si perse tra gli alberi. Con furia, iniziò a togliere le foglie da quel corpo. Liberò il petto, il collo e, finalmente, il volto. Era quello di sua madre. Sfigurato dall incidente. Magnolia di J.J. Cale continuava dolcissima nella stanza. Con un colpo secco, AM interruppe la radiosveglia. Che cazzo di sogno! pensò mettendosi a sedere sul bordo del letto. Fuori continuava a piovere. All improvviso, ricordò tutto. Il biglietto. La chiesa. 39

41 La busta blù. Fuoco, vento, terra. E l esame appena superato. L unico contatto che gli avrebbe permesso di capire qualcosa era il professore. Non poteva essere certo una coincidenza la domanda sul nesso basco caucasico. Il biglietto lo aveva messo in guardia. Aveva previsto lo svolgimento del colloquio. Forse quell uomo non era un professore, ma uno di loro. Già. Ma loro chi? Dopo l incontro nel confessionale, l ipotesi di uno scherzo andava decisamente scartata. Nessuno dei suoi amici poteva arrivare a tanto. Mentre riponeva nel suo Eastpak le chiavi e il cellulare, decise di andarlo a cercare. Si chiamava Enrico Barzi. E, in effetti, il suo nome era inserito nel programma di studio. Aveva anche pubblicato due libri di Storia della lingua eleusina considerati la bibbia italiana sull argomento. Una volta dentro la Statale, iniziò a girovagare tra i chiostri. Solo studenti e mendicanti. Decise allora di proseguire più all interno verso la facoltà di Lettere Classiche. All ingresso, due ragazze grasse e con gli occhiali, così simili che sembravano riflettersi in uno specchio, ridacchiavano davanti a una copia di Novella AM passò tra loro colpendo con una spalla la ragazza di sinistra e, incurante delle sue rimostranze, puntò dritto alle scale. Fece gli scalini due alla volta. Il professor Barzi chiese a un bidello, scuotendolo dal suo torpore. Oggi non riceve rispose quello rimettendo gli 40

42 occhi sul giornale. Non ha un numero di cellulare. Un indirizzo? Anche se li avessi, non potrei darteli. C è la legge sulla privacy Da quando c è la legge sulla privacy sbottò AM tutti hanno iniziato a farsi i cazzi miei! Il bidello tornò a guardarlo perplesso, ma anche un po divertito. Senti gli disse infine prova al Bar Socrate. Di solito è lì a scrivere. E il suo terzo ufficio Il terzo? Sì. Il terzo. Dopo la facoltà e casa sua e questa volta si inchiodò per sempre al giornale. Il professore occupava un tavolino in fondo alla sala. Nel locale, c erano poche persone, per lo più studenti. AM rimase immobile, incerto sul da farsi. All improvviso, Barzi si accorse di lui e lo invitò ad accomodarsi con un leggero cenno della mano. Credo sia venuto qui invano, ragazzo mio disse con un sussurro, appena AM si fu seduto di fronte. Io Non è necessario spiegare o porre domande lo interruppe il professore e il motivo è semplice: so quello che vuoi dirmi, ma non posso risponderti. Ti prego di notare che ho detto non posso. Non posso perché non so nulla Almeno una cosa la sapeva, però, gli disse AM guardandolo negli occhi. Se ti riferisci alla domanda sul nesso basco cauca- 41

43 sico, hai ragione. Ma non posso dirti chi mi ha detto di fartela o perché. Non posso perché ignoro il chi e il perché Ma come è possibile? Non sei il primo studente a sedersi qui con me. E credo proprio non sarai l ultimo. Capita di rado. Direi una volta ogni quattro anni. E iniziato tutto vent anni fa. Esattamente il 17 settembre del Una data che non potrò mai scordare. Quella sera, trovai nella mia cassetta postale una busta. Nella busta una lettera. Nella lettera mi veniva chiesto di porre una precisa domanda a un preciso studente che avrebbe affrontato il giorno dopo l esame di Storia della lingua eleusina. Se lo avessi fatto, mi si assicurava diciamo una una ecco, una gratificazione professionale. Così ho fatto. Anche perché non avevo nulla da perdere Ho controllato il suo curriculum disse AM con tono di sfida lei è stato assistente fino al 1985 e ha ottenuto la cattedra nell inverno di quell anno Che coincidenza! esclamò Barzi. Lei è un corrotto. Io potrei denunciarla Senti ragazzino e puntò gli occhi di AM Non accetto né minacce né morali da uno come te. Se sei entrato in questo giro, avrai anche tu un tornaconto. Cosa ti hanno promesso? Soldi? Carriera? Forse l omicidio di un tuo nemico? e con una voce bassissima continuò vai alla polizia. Denunciami! Che cos - hai in mano? Te lo dico io: niente. Prima di alzarti e scomparire dalla mia vita, un piccolo avvertimento: gli studenti che ti hanno preceduto, quelli che crede- 42

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1

Test d Italiano T-1 Italian Introductory test T-1 Inserisci il tuo nome- Your Name: E-Mail: Data : Puoi dare questa pagina al tuo insegnante per la valutazione del livello raggiunto Select correct answer and give these pages to your teacher. Adesso scegli

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Primo Pilastro del Biker Vincente Domina ogni terreno con lo sguardo Qual è secondo te la differenza tra un biker vincente, (quelli che ti superano

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ ::

GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio :: OBIETTIVI GENERALI :: :: ATTIVITÀ :: GAS Cammino Formativo 2013 14 Scheda Attività Biennio Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it Data: ven 17 gennaio 2014 Tema MGS: Verso la Conquista Titolo: La Mia Anima Rimane

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Gabriele Battocchio, Filippo Celeghini, Giulio Iazzetta, Ottavia Persanti, Manuela Pisa, don Enrico

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO

VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS. Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO VADO A SCUOLA CON LO SCUOLABUS Servizi Scolastici Integrativi Comunali TRASPORTO SCOLASTICO Vado a scuola con lo Scuolabus Vado con lo Scuolabus alla scuola dell infanzia o alla scuola primaria Se non

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai:

Unità 6. Al Pronto Soccorso. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A1. In questa unità imparerai: Unità 6 Al Pronto Soccorso In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come funziona il Pronto Soccorso parole relative all accesso e al ricovero al Pronto Soccorso l uso degli

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli