Il buco nell ozono (E ITALIANO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il buco nell ozono (E ITALIANO)"

Transcript

1 homo ridens Il buco nell ozono (E ITALIANO) Giallo catanese in tre puntate, di Giuseppe C. Pappalardo Prima puntata Una sera, quando il signor Pompeo si vide comparire davanti la moglie Alfonsa in body nero e tacchi a spillo, in tutte le sue gt Ì...tine tremolanti, capì che c era da preoccuparsi. Per questo non la mandò subito ad affogarsi. Da un po di tempo la donna accusava disturbi strani. Invece di dire parlare o fare, diceva portare avanti un discorso ; citava i per7orsi di genere al femminile e il recupero della sessualità al femminile ; farciva le frasi di voglio dire e di diciamo. Era diventata, improvvisamente, un attimino bionda; e invece di usare come al solito, le lamette di Pompeo, comprava a giorni alterni e a costi stratosferici un minuscolo tubetto del depilatorio inglese The Kojack s wife. Ma il fenomeno più inquietante era l emissione di comunicazioni telegrafiche, simili a uno spot televisivo, con cui a tratti interrompeva il suo eloquio quotidiano: - Restàrè o tornare giovani? Si può. Anzi si deve! esclamava. Mattina e sera si spalmava con una quantità di strani, nauseabondi intrugli misteriosi. L edonismo, con tutti i suoi imperativi categorici bussava con prepotenza alla porta di quella casa. Pompeo cadde in ambascia. Divenne distratto: un giorno scambiò per l Alka Seltzer le pastiglie effervescenti per la pulizia della dentiera della vecchia. Eh sì, egli aveva ricevuto in dote una suocera. Che abitava sulla sedia a dondolo con servizi annessi. Telecomando appeso al collo e cuffia ha fai per timpani d epoca, la vegliarda stava davanti al video 24 ore al giorno. Sembrava un comandante di Boeing che, in collegamento con la torre di con.. )llo dell aldilà, seguiva sul monitor la rotta per l atterraggio definitivo. Per fortuna taceva; incrementava il fatturato Enel, ma taceva. Nello scenario geriatrico della casa c era anche la serva Cammilina. La sua origine risaliva ai nonni di Pompeo, i quali l avevano lasciata in eredità alla madre di Pompeo. Quest ultima a sua volta, mantenendone l usufrutto in vita, aveva passato la nuda proprietà di Cammilina al figlio per risparmiare sulle tasse di successione. Dentiere, busti, calze elastiche, lassativi e cinti erniari facevano dunque del loro meglio in quella casa: allo stesso tempo, TV e giornali ne bombardavano, con i loro sorridenti e freschi prodotti in scatola, gli indifesi abitanti. Irresistibili, potentissime, le armate televisive riportavano, falsificandoli, i giornalieri bollettini di guerra della quotidiana, estrema battaglia: quella contro il tempo. La sera, per non guardare la puntata di Più sani più belli, Pompeo immergeva gli occhi nella minestra e, di nascosto, la diluiva con qualche lacrima. Alfonsa, assidua lettrice di rotocalchi di moda e di attualità, ne studiava minuziosamente gli articoli e gli inserti scientifici. Un giorno, sventolando sul muso di Pompeo l inserto della settimana, un manuale di cosmesi, «Le mille e una po(si)zioni», lo apostrofò dicendo: - Pompeuccio caro... ma ti rendi un attimino conto che da molti anni a questa parte i soli rapporti fisici fra noi sono i pediluvi caldi di saltrati che facciamo in coppia nelle sere d inverno? A questo punto bisogna sapere che il fascino meraviglioso di quest uomo consisteva nella sua coscienza: la sua coscienza di cretino. Era un cretino cosciente. Oggi quasi tutti i cretini della vita quotidiana, che s incontrano ovunque, sul teleschermo, nelle università, nelle cene di lavoro, al caffè e via discorrendo, i cretini usuali insomma, si credono di essere persone assolutamente intelligenti e non hanno la coscienza esatta della propria idiozia. Pompeo, invece, l aveva. Ebbene, fu proprio in quel momento che a Pompeo mancò la sua coscienza di cretino. Si credette intelligente. E decise. Con occhialoni scurissimi, e finti baffoni neri appiccicati sotto il naso, egli si presentò al banco della farmacia di piazza Duomo. Dall insegna, che a chiare lettere diceva: «Farmacia dott. Vieni» (testuale, venire a Catania per credere, ndr), quella farmacia gli sembrava la più specializzata nella vendita del farmaco che cercava. Con fare circospetto cavò di tasca un foglietto dove c era scarabocchiato un nome e lo allungò alla laureata che svolgeva il semestre di tirocinio. La giovane afferrò il foglio e cominciò a leggere con difficoltà lo scarabocchio de medico: - Via..., viaaa... - e si fermò, per mandare uno sguardo al monumento al liotru. Pompeo fremeva e sudava freddo per paura che entrassero altri clienti. Po la ragazza riprese a sillabare: -... aa...grrr..., ah, Viagrande! Non è da questi parti. Chieda un attimino al vigile davanti al municipio qui accanto. Pompeo, indignato per essere stato scambiato per un turista, le strappò i foglio di mano e uscì con l intenzione di affogarsi nella vasca zampillante ai piedi dell elefante. Ma in città le cose eran cambiate. C erano i pub, e perciò la città diventava internazionale. Europea, a di poco. Per rilanciare le grandi opere pubbliche dal Palazzo degli elefanti era partito l ordine di restaurare il monumento. Per questo la fontana con gli zampilli che circondava il liotru non c era più: era stata tolta per riportare il monumento all antico-nuovo splendore. Pompeo rimase lì, a sbavare, appallottolando in tasca il foglietto con lo scarabocchio, e ammirando estatico dal basso in alto il pancione con accessori del possente liotru. Altro che Viagrande, pensò Pompei Lui, d estate, villeggiava a Trois Marrons (vulgo: Trecastagni, ridente paesino del Etna. Ma chissà perché tutti i paesini sono ridenti. Anche Viagrande, tutto sommato è ridente). Prima di allontanarsi mestamente, comprò all edicola un giornale specializzato. Lesse alcuni annunci più o meno economici. Fu sorpreso leggendone un Giovane ottima famiglia, distinto elegante, piacente, dirigente, incontrerebbe giovane donna (eventualmente coppia) di ottima qualità, ma soprattutto autoritaria. Abiti di cuoio. Gradita foto. Non faceva per lui. Quella sera Pompeo, durante la cena invece di seguire come al solito la puntata di «La malattia in diretta», densa di sintomi e di particolari

2 nauseabondi, cambiò canale. E si immerse nella contemplazione del programma che era un attimino secsi, intitolato Colpo grossissimo.egli seguì attento tutte le puntate di quel varietà: con gli occhi strabuzzati, mentre dalla sua dentiera sfuggiva un suono agghiacciante, simile a quello di una carrucola metallica arrugginita che sale e scende. Cammilina tremava di spavento. Alfonsa dava segni di nervosismo. Pompeo, che di solito a casa circolava con addosso i pantaloni del pigiama, in un telefilm vide uno che portava, del pigiama, soltanto la giacca. Pensò all eventualità che inesattezze simili accadessero a lui, uscendo di casa. E decise finalmente che era il momento di chiedere aiuto alla scienza ufficiale. Passarono mesi. E un giorno, Pompeo esaurito vociferò ad Alfonsa: - Medici? Sessuologi? Mi hanno imbottito di stimolanti e di rilassanti, e di pozioni spaventose; mi hanno ecografato, radiografato, fotografato in ogni parte e in tutte le pose; mi hanno prelevato e analizzato tutto ciò che secerno. Mi hanno messo cataplasmi, protesi, e perette fabbricate a Hong Kong; mi hanno fatto spalmare con pomate pestilenziali. Risultati, zero. Ma Alfonsa, prevedendo gesti di disperazione del marito, era attrezzata per l emergenza: gli sventolò sul muso un rotocalco patinato, e Pompeuccio, - gli disse prendendogli la mano e sorridendo, ovvero storcendo la bocca quel tanto che le consentiva il chirurgo plastico svizzero che le aveva riparato labbra, mento, sotto-mento e sottopancia qualche anno prima,- -non avere dubbi, anche noi saremo presto biutiful. Guarda, leggi! IL SEGUITO ALLA PROSSIMA PUNTATA PIENA DI AVVENIMENTI MISTERIOSI! QUALI SCONVOLGENTI CI ATTENDONO IN QUELLA CASA? AVVINCENTI COLPI DI SCENA VI ATTENDONO. NON PERDETE IL PROSSIMO NUMERO CON LA SECONDA PUNTATA DI QUESTO AVVINCENTE SECSI-THRILLER MOZZAFIATO E MOZZATUTTO.. Seconda puntata Pompeo afferrò il rotocalco e lesse. L articolo raccontava di un eminente scienziato che aveva scoperto l elisir di giovinezza. C erano sempre gare di solidarietà con raccolta di miliardi attraverso la no-stop televisiva Teletiè. Occorrevano fondi per la lotta contro i malanni del secolo: la bassa statura, la calvizie, l adipe, la morte subitanea e quella al rallentatore, la vecchiezza, i calli, la sterilità, la fecondità, e il cortocircuito della natura morta. Nel paese fiorivano geni compresi come quel grande scienziato che una volta al mese comunicava su quotidiani e rubriche televisive la scoperta contro la malattia più contagiosa di tutte: la vecchiaia. L articolo sul settimanale diceva: Con questo medico si può. E raccontava pure che quel generoso luminare, chiamato professore già quand era nella culla, emetteva il suo sapere anche in molti talchi-sciò e varietà televisivi. - Pompeuccio, squittì Alfonsa a bocca stretta per non scucirsela - è difficile avere un consulto, ma ci riuscirò. Poi andrai anche tu a farti prescrivere la terapia, e così saremo sempre più biutiful, caro -. E gli indicò la foto del luminare che poteva: il professor Kenarc Ison, un arzillo vecchietto di quarant anni che diceva di averne, biologicamente, trenta. Alfonsa, dopo aver pagato il consulto in anticipo, fu ricevuta. Le presentarono un televisore. Tutto per lei. E la cornetta di un telefono. Abituato com era allo studio allo studio televisivo, beninteso - quel taumaturgo visitava i suoi clienti soltanto in diretta. Lo schermo si accese e, preceduto dalle note di un pianoforte e da 6- baiadere-6 in camice bianco che dimenavano l osso sacro, il taumaturgo apparve sullo schermo. Superbo! Proprio lui, l inventore del sesso a batteria, del colpo della siringa nella penna stilografica, della pompetta spruzzaprofumo, del resuscitatore della natura morta! Scientifico! Incommensurabile! L ambiente era lo stesso della trasmissione Teledò, durante la quale egli dava risposte definitive ai seguenti insondabili misteri: la piramide di Cheope, la metafisica del non-essere, l autocombustione delle cosine durante la presa dell abbronzatura, il segreto della pila al Kronprinz, la depilazione del monte calvo, e il farmaco per vincere la traversata del Sahara in bicicletta. Telecamere mobili lo inquadravano da tutte le parti. Un infermiere vestito da conduttore televisivo (o viceversa, un presentatore travestito da infermiere) gli passò la comunicazione con la paziente Alfonsa di anni... anta e passa, sdraiata al di là del video. Parlò. Comprendo, signora disse marcando un sopracciglio e guardando la telecamera con occhio ispirato come un veggente il suo problema. Sì, dall età di 2 anni, per sfuggire ad oltre 270 cameriere e balie bionde innamorate di me fino alla follia, ho dovuto frequentare da allora tutte le università del mondo, dove sono stato amato in tutti gli idiomi, beninteso, e dove ho messo a punto le mie sensazionali scoperte che mi hanno portato al premio Snobel... Tre lunghi e simmetrici oh uscirono dalla trachea di Alfonsa: - Oh oh oh. -Dalla sintomatologia che lei riferisce proseguì il telescienziato mi accorgo che lei soffre di endocrinobioetaosi del cervello medio, con sindrome del superpiano flocculotrasmettitore e conseguente shock che le manda onde alla centrale termica. Meraviglioso! Emolliente! Il pubblico in sala applaudì. Alfonsa fiatava forte. E lui proseguì: Tutti sanno della mia età biologica trent anni. Ebbene, la possiedo da quando ero un bambino di sei anni. Invece adesso eseguirò su di lei l esperimento di e biologica reverse. Ah se sapesse! Dulbecco, Modigliani, Montalcini, Fo li ho inventati io. Con la pila... - Ma... - scandì Alfonsa, e precisò: - glu gglu glu. - Le spiego. Con la mia terapia le farò raggiungere immediatamente un età biologica di centovent anni, che potrò mantenerle inalterata per altri cinquant anni. Nel frattempo si presentò una segreta con la scollatura fin sotto ai ginocchi che annunciò: - C è altro consulto in linea. - Ho visto tutte le sue trasmissioni all ora di cena, La colite ci chiama! strepitò estatica Alfonsa. Ma lui imperterrito tagliò corto: Troverà all uscita i farmabracadabranti che le prescrivo per ripristino dell accensione a iniezione variante e conseguente fluidificazione dell indotto presfinteroippoassirofrenico

3 dell endocauterio di primo-talamo del cervello medio. Li pagherà alla cassa. E le mostrò la mano destra, messa a taglio, un po pendente verso il basso. Poi la scosse colpendola da sopra, con palmo piatto della sinistra, all altezza dell articolazione del polso. Ad ogni colpetto, la destra si levava e si metteva tesa, a bandiera, funzionando anche da freccia indicatrice di direzione. Scientifico ed anatomico segnale, bulbo-regolato dal cervello medio, per dire che ilconsulto era chiuso. La linea fu passata alla nuova paziente. La quale iniziò a parlare alitando sulla cornetta: - Prontooo..., sono Cittina, da dove chia... ah aah aah? Frattanto Alfonsa aveva già perduto l audio, il video, e il rimasuglio del bulbo del cervello medio. L elettroencefalo-gramma della sua zona di primotalamo era divenuto extra-piatto. Rientrò a casa in ambulanza e barella Cammilina, in segno di inossidabile fedeltà, cominciò a strapparsi quei capelli che di solito riservava per condire il brodo dei padroni. Pompeo fece finta di niente; fece finta di leggere il giornale e di guardare la tivvù; fece finta di aver capito. Il rimasuglio del suo cervello medio era un attimino fermo. Pensava che Alfonsa si sarebbe presto ripresa e che anche quella sera, all ora di andare a nanna, essa - al solito - avrebbe indossato l abbigliamento consigliato dalla rubrica della rivista femminile preferita: un paio di stivaloni neri a mezza coscia, un braccialetto da gladiatore, e nient altro; e che lui al solito - avrebbe detto le sue preghiere e si sarebbe addormentato. Al solito. Preso da questi pensieri non notò lo strano ticchettio; non si avvide dell aumentare della frequenza di oscillazione della sedia a dondolo con vegliarda, indicante che a bordo la comandante Campana era innervosita dall agitazione dei passeggeri del suo jumbo. Ebbene, fasten seat belts. Allacciatevi le cinture. Anche le scarpe, le fibbie, tutto. Le mutande chi le ha. L indomani mattina, dopo una notte piena di sogni su pozioni miracolose ed unguenti rivitalizzanti, Alfonsa e Pompeo trovarono la sedia a dondolo vuota. Ancora oscillante. Sì, vuota! La vecchia non c era più. Volatilizzata. La confezione di pannoloni fu trovata intatta al suo posto. Il cornetto acustico giaceva abbandonato a terra, in un angolo, come pure la cuffia ahi - fai e il telecomando. Malgrado le ricerche della polizia scientifica, l Interpol, le trasmissioni di Chi l ha visto?, i paragnosti e i chiromanti, un consulto del mago Silvan, della vecchia con le cerniere arrugginite non si ebbe più notizia. Scomparsa. Dissolta nel nulla. Terza e ultima puntata Passarono alcuni anni da quando la vecchia si era volatilizzata. La sua sedia a dondolo con servizi fu messa all asta nella gara di solidarietà televisiva < Teledò >, e il suo cornetto acustico fu destinato alla raccolta di offerte per la missione umanitaria Fregabaleno abbinata alla trasmissione < Teletiè >. I nostri due eroi avevano abbandonato ogni speranza di ritrovarla, ma non demordevano sul fronte del restauro del secsappill. Quando imperversava la calu-ra estiva, rigagnoli grigiastri, nerastri, bluastri, rossastri, giallastri si spargevano sul loro volto decorandolo come quello di un Maori. Il sudore scendeva da fronte, tempie, occhi, naso, labbra, attaccando e sciogliendo tinture, maskara, rimmel e unguenti vari; e creando, con deodoranti e dopobarba, una sinfonia di odori estivi. Sedute di fittness, di bodibbudding e, a casa, di aerobbica, non si contavano. Alfonsa si era fatta i polpacci di Maradona e i bicipiti di Tyson, mentre nelle parti restanti mostrava il proprio scheletro all atterrito Pompeo. Questi portava ogni mattina la sua pancia montata su due gambette corte a fare futingh; e la sera tornava stanco dal quotidiano massaggio che prometteva: Nudo sarai bello!. Pompeo aspirava il brodo dalla punta del cucchiaio per non fare scolorire i baffetti tinti. Alfonsa, invece, il brodo lo beveva con la cannuccia, a causa delle labbra che, per le cuciture del chirurgo svizzero, si aprivano soltanto a fischietto. E così ogni sera, a tavola, essi comunicavano in un loro codice segreto, fatto di grugniti, gorgoglii, suono di masticazione di sedano crudo. Ormai colloquiavano col televisore soltanto. Un giorno telefonarono in diretta a Giucas Casella per fargli ipnotizzare il gatto di casa. Ma una sera, mentre essi erano intenti a trasmettersi i loro messaggi cifrati, si udì il trillo del campanello di casa. Chi è mai a quest ora? si domandarono. La fedele Cammilina andò ad aprire. Poi si udì un guaìto, come quello di un cane al quale pestino la coda. E per annunciare la visita, nella sala da pranzo, anziché l intera Cammilina, rientrarono per primi i suoi occhi, tanto erano strabuzzati. Poi la serva arrivò, completa. Disse: - Hauiiiooohhhuuuiii!!-. Gesticolò freneti-camente emettendo fischi, suoni rauchi, qualche singulto seguito da sibili, mentre a gambe aperte e piegate, ella si batteva le mani sulle cosce. Sembrava un giocattolo di latta caricato a molla. Poi eseguì due danze tirolesi, si sventolò con le vesti, squittì, sbavò, e finalmente, dopo avere salmodiato una serie di Uh ih ah ah! - stramazzò a terra, stecchita. A questo punto si consiglia ai signori lettori, ansiosi di conoscere la sorprendente piega che hanno preso gli eventi, una pausa dall estetista. Oppure alle ascine, per fare futingh. Si udì la voce dell ospite inatteso dire: - Conosco, hum hum, la strada, hum hum. Ed entrò. Con tutto il corpo di profilo. E la criniera rossa. E la traccia di vestito, il perfido, che, casualmente aperto su un fianco, dall ascella all inguine, copriva la rimanente mercanzia del melodioso corpo di girl. Ella aveva labbra che sembravano il bordo di un canotto rosso fuoco. Per questo quando parlava sembrava ciucciasse una enorme caramella, e faceva uhm uhm. Alfonsa e Pompeo rimasero con cannuccia e cucchiaio a mezz aria, a bocca aperta, e con gli occhi spiritati. La fatale dimenò il duodeno, scosse la criniera, mostrò la faccia di tre quarti verso la platea dei due esterrefatti telespettatori, adoperò il sorriso numero ventuno bis ammortizzato, e si sedette. In maniera, bisogna precisare, tecnicamente perfetta. Accavallò le gambe! Pompeo si riprese dalla paralisi. E divenne un diluvio di cachinni; un vero delirio. Respirava come se

4 soffocasse. Sgocciolava. Alfonsa assunse l aria del barbagianni. Fece pressappoco così: - Hau u u u, - poi sventolò col tovagliolo Cammilina. La quale aprì un occhio, poi l altro, scattò in piedi e applaudì. Sì, per chi non lo avesse capito era lei, seduta sullo sgabello e con le gambe accavallate. La quale, avendo accavallato le gambe, poteva attaccare a parlare. E lo fece. - Sì, miei cari, sono io, Alba, hum hum, l autentica, esclusiva Alba italica, la Parietti, uhm uhm, - chiocciò, accatti-vante, mentre con il silicone a forma di labbra imbronciate cominciava a degustare l inesistente caramella. Espettorante, declamatoria. E proseguì: - Ma su, andiamo, non mi avete ancora riconosciuta? Pompeo la scrutò e cominciò a emettere il suo caratteristico gemito agghiacciante di carrucola arrugginita. Sbavava. - Sì, sono Alba ma ero ero indovinate - disse lei capovolgendo la criniera e scoprendo un lembo di pelle sulla nuca che, premuto un pulsante segreto, si aprì come il coperchio di una scatoletta a molla. Apparve una pelle raggrinzita e una voglia di cozze. La sola che l avesse era - La nonnaaa a a a! echeggiò Alfonsa, diventata bluastra. Pompeo si dimenava come un ballerino di tango. E poi voleva sapere. Era chiaro che il segreto della nonnetta costituiva la sua ragione di vita. Scoprirlo era il solo scopo della sua esistenza. Ero la nonna, sei anni fa, - proseguì la fulgida, - ma adesso sono io, l autentica, esclusiva Alba italica. Una trasforma-zione? Macché. Ho ritrovato il mio self, il mio essere donna, il mio genere ; ho compiuto un percorso di genere al femminile. - Tu? La rossa che fa smaniare gli italiani? Ma se sembri un viado! Ah, la vecchiaccia! vociferò invidiosa Alfonsa che non aveva ancora recuperato un minimo controllo del self. - Eh sì, - replicò la fatale, facendo un assolo di labbrone imbronciate: - Hum hum. - Ma ci dica, - disse Pompeo, trascurando l occhiataccia torva della moglie, - ci dica, quale nuova opera prepara? - Non posso parlare, per ora. - Segreto? - No, mi cadono le labbra, - disse. Fece una pausa per iniettarsi una siringa di silicone nel fiammeggiante bordo di gommone sotto il naso, e aggiunse: - Hum, hum, è la necessaria manutenzione giornaliera. Ma sono ancora in garanzia. Essa aveva compreso l ansia di conoscenza di Pompeo. Gli lanciò lo sguardo numero 43 bis rinforzato, con inclusa sistemazione di un pendulo boccolo rosso della chioma. E continuò a dire: - Sono stata nella famosa clinica di Noom Màda Kaskar, dove opera il professor Guardhomar Q uantebel, il quale, scuci di qui, taglia di là, ricuci di lì, tira per qua, mi ha restituito il mio fascination. Poi prese un altra siringa, la conficcò, si siliconò la scollatura, e riprese a dire: - Dopo altri lavori di restauro a Noom Màdak Askar, tornata in Italia, appena compiuti trentuno anni, che ho da novantadue anni, ho iniziato la carriera in TV. Lo studio fatto sulla sedia a rotelle mi è servito a capire tutti i segreti del mestiere. Pompeo, ormai preda della più scatenata frenesia, ansimò: - Cosa fanno a Nooomm come si chiama quel paese? - Noom Màdak Askar, appresso Hong Kong e lo stretto dei Sargassi - essa rispose. E sfoderò per lui, con l intento di liquefarlo, il sorriso con sguardo in-corporato numero due turbo-modificato: il grande slam per cretino che ha perso la coscienza di cretino. - Nella clinica essa continuò a dire sfornano almeno tre Alba come me e fino a due coppie di sorelle Carlucci ogni anno, per l esportazione nei paesi sottosviluppati. Fabbricano anche tanti Mino Damato che vendono nell isola di Pasqua, dove li usano come totem al posto dei veri totem di pietra, tutelati dall ente turistico nazionale. Gli indigeni li sottopongono alla prova del fuoco nelle notti di luna piena trasformati in Mino Damianto; oppure, spacciandoli come totem autentici, li riservano ai turisti imbecilli e cesellatori, i quali possono liberamente inciderli sulle chiappe, a pun-ta di temperino, col loro nome, cognome, indirizzo, data di nascita e data della visita, o con cuoricino trafitto da freccia. Fabbricano pochi Biscardi biondi, ormai poco richiesti anche dal Ghana, ma molto adoperati nella stessa clinica per il controllo di qualità dei prodotti. Infatti servono per collaudare la tenuta delle suture del lifting di viso e labbra: basta mostrare e far parlare un Biscardi, e nemmeno una mummia egizia può esimersi dallo sganasciarsi dalle risate. Per questo ogni esemplare di segnorina uscito dalle magiche mani del professor dottor commendator Guardhomar Q uantebel è sottoposto alla prova Biscardi : se tiene e non si rompono le cuciture è buono e si consegna. Che tecnica, che organizzazione hum hum. Pompeo voleva sapere qualcosa sul luminare che con ago e crine di cavallo aveva trapunto una parrucca naturale sulla teca del noto ancor-man e sciò-man televisivo Peep Bawoodd. Ma per mostrarsi spettatore televisivo disinteres-sato, balbettò: - E Raff raff - Uffa, la Carrà? - essa rispose con aria di sufficienza - Da quando fuggì dalla casa di riposo, trent anni fa, e si è rifatta l ombelico, è fuori produzione. I fondi di magazzino rimasti servono a qualche paese socialista. Mancano perfino i pezzi di ricambio,. Alfonsa tremava in tutte le sue gelatine. Indignata. Mamà! La diroccata delle meningi, la vecchiaccia, ah!, con la cuffia. Eccola qua, eccola là sul video, tutta rossa fuoco, che parla, parla, che dà le sue opinioni, opinionista dei miei stivaliii! sbraitò. Essa aggiunse altre vituperie prima di essere interrotta dalla fatale che sussiegosa disse: - Ma Alfonsa, che ti prende? E questo il ringraziamento per la mia visita? Oggi riposo la mia intelligenza, come da libretto di manutenzione. Come avete ben appreso io sono molto, molto intelligente. Hum hum. Spargo opinioni. Opinionizzo su tutto. Pompeo intanto faceva tremare la sedia con la sua prostata. Disse: - Sì, sì, intelligente, intelligente sei! Sai tutto, parli di tutto, opinionizzi su tutto. Sei esperta su tutto. Il tuo è pensiero allo stato puro, inguinale; distilli dal tuo collant verità universali; sei una scuola d Atene, una corrente di pensiero, un abbeccedario dello scibile. Come fai? La sua calza sinistra ebbe un singulto. Rispose: - Semplice. Nel trattamento del professor Guardhomar Q uantebel è com-preso un cervello a svitamento centrifugo, con inserimento di grammofono

5 miniaturizzato. Tutta questione di micro-chips. Infatti sono programmata. Vuoi che dica la mia opinione sull aborto? Attivo il commutatore x2zy del circuito nascosto nella palpebra sinistra, e appena accavallo le gambe sinistrdestr il disco comincia a trasmettere fesserie sull aborto. Vuoi che io divenga esperta di calcio? Subito: basta che io inverta l accavallamento destrsinistr e tiri fuori la lingua di quanto ha millimetricamente stabilito il bisturi a Noom Màda Kaskar, uhm uhm, e io parlo di calcio Pompeo già batteva freneticamente i piedi. Era passato al tango. E al tu : con occhi sognanti, muovendo appena le labbra sussurrò alla fatale: - Dimmi cose di sinistraaa Alfonsa, inviperita, prima di piombare in deliquio nelle braccia della fedele Cammilina, parlò: - Bella, sì, opionionista, eeeee secsi, e, voglio dire, io lo eeeee sono ancora, diciamo, anzi eeeee di più voglio dire adesso. Tu ricorderai quanto, eeeee, da ragazzina, bella voglio dire io fossi (Alfonsa sfoggiò la sua preparazione televisiva, e mostrò come anche lei fosse capace di parlare allo stessa maniera delle attuali ministre della repubblica nelle interviste e nei talchisciò tv). Diciamo che scompariresti. Eeee vi farò vedere le mie fotografie di allora! - Menti! - chiocciò la vegliarda madre che a colpi di tinture, massaggi, tagli, cuciture e materiale plastico era stata trasformata in segnorina nella clinica del celebre Guardhomar. Finse di essere crucciata sotto la maschera astringente. - Sì, menti. Perché, quando tu eri bella, onorevole Alfonsa, la fotografia non era stata ancora inventata, ribadì Pompeo alla maniera di Bruno Vespa. E, ormai sbavante, guardò con un sorriso ruffiano da primo ebete della classe la pupa suocera per riceverne una sventolata di ciglia di approvazione. La pupa dalla solita, inesistente caramella in bocca gli sussurrò a labbra chiuse come se masticasse purea: - Dimmi cose di destraaa Poi mostrò la dentiera e proclamò: - Un uomo così intelligente, fra tanti intelligenti che circolano, non l avevo mai incontrato. Ed io, come ho detto nella mia recente intervista opinionistica, conosco soltanto la passione, non l amore. Infine gli lanciò un occhiata a 220 volts che per poco non le scaricò le batterie installate a Noom Màdak Askar. Alfonsa gemeva. Aveva perduto ogni controllo del self. Cammilina la cullava fra le sue braccia. Nel frattempo la rossa, essendo di casa, andò in cucina e riapparve a cavallo della scopa. Afferrò Pompeo, lo mise a cavalluccio dietro e s alzò; volò via per la finestra aperta. Traversò l aria, le nuvole. Il comandante Campana era decollato col suo jumbo. Responsabile dei servizi a bordo: Pompeo. Pompeo e la rossa divennero piccini piccini e poi scomparvero. Andarono lontano lontano. Per biodegradarsi nell in-finito, oltre le antenne e i ripetitori tv, al di là delle frequenze e dei canali. Spray planetario. Che bucò l ozono. Epilogo. Alfonsa ritrovò presto il suo self. Dopo aver partecipato ai viaggi oriental-esotici della Fesstours a prezzi stracciati, con borsetta a tracolla in finta pelle con logo Fesstours in omaggio, e dissenteria

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

DIMMI COME TI VESTI. Vestiti e accessori. Dizionario per immagini

DIMMI COME TI VESTI. Vestiti e accessori. Dizionario per immagini LIVELLO A1 LIVELLO A1 5 lezioni - Lettore CD - Un dado e delle pedine - Lavagna luminosa DIMMI COME TI VESTI La moda è in ogni paese non solo modo di vestire, ma in Italia lo è in modo particolare. Infatti

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Il piccolo pezzo di argilla

Il piccolo pezzo di argilla di iana Engel Su in alto, nella vecchia torre, c era un laboratorio. Era un laboratorio di ceramica, pieno di barili di smalti colorati, col tornio del ceramista, i forni e, naturalmente, l argilla. ccanto

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 2 2 La cucina dai sapori africani S O M M A R I O In Prima 1 Pulizie 2 Eventi 3 Manutenzione 3 Articolo 4 Fashion Pazzi di caffè 5 La cucina è il settore

Dettagli

Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti

Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti Il giardino segreto Progetto grafco di Mariagrazia Rocchetti Titolo originale: The Secret Garden Traduzione di Angela Restelli Fondelli 1956 Fratelli Fabbri Editori, Milano 2000 RCS Libri S.p.A., Milano

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna

33 poesie. una dedicata al calcio e una alla donna 33 poesie una dedicata al calcio e una alla donna Salvatore Giuseppe Truglio 33 POESIE una dedicata al calcio e una alla donna www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Salvatore Giuseppe Truglio Tutti

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

5. Le faremo sapere. Quand il me prend dans ses bras, il me parle tout bas je vois la vie en rose!

5. Le faremo sapere. Quand il me prend dans ses bras, il me parle tout bas je vois la vie en rose! 5. Le faremo sapere Caro diario, ti presento Assunta Buonavolontà, neolaureata ufficialmente entrata nel mercato del lavoro! Oggi è un giorno importante: ho il mio primo vero colloquio ufficiale. O quasi

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

Dai 7 anni. Le Risposte. Nei panni di...: a. Signor Bellometti; b. Desiderio; c. manichino del negozio di scarpe; d. commesso del negozio di scarpe.

Dai 7 anni. Le Risposte. Nei panni di...: a. Signor Bellometti; b. Desiderio; c. manichino del negozio di scarpe; d. commesso del negozio di scarpe. PIANO DI L ETTURA NESSUNO È PERFETTO EMANUELA NAVA Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Azzurra n 76 Pagine: 128 Codice: 978-88-384-3585-0 Anno di pubblicazione: 2005 Dai 7 anni L AUTRICE Emanuela

Dettagli

La strada che non andava in nessun posto

La strada che non andava in nessun posto La strada che non andava in nessun posto All uscita del paese si dividevano tre strade: una andava verso il mare, la seconda verso la città e la terza non andava in nessun posto. Martino lo sapeva perché

Dettagli

Fragili, come le ali di una farfalla. E, SULLE ALI DELLA SPERANZA IN COPERTINA

Fragili, come le ali di una farfalla. E, SULLE ALI DELLA SPERANZA IN COPERTINA IN COPERTINA SULLE ALI DELLA SPERANZA Fare conoscere una malattia rara come l Epidermolisi Bollosa. Raccogliere fondi per la ricerca e sostenere la sperimentazione. Trasformare i sogni e i desideri dei

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

Introduzione per il genitore o l educatore

Introduzione per il genitore o l educatore Introduzione per il genitore o l educatore Due approcci per gustare questa storia scritta con levità, realismo e poesia: introdurre i genitori e gli educatori a intravedere e rispettare il mondo interno

Dettagli

CANZONI: NIVEL INTERMEDIO: LAURA PAUSINI: NON C È

CANZONI: NIVEL INTERMEDIO: LAURA PAUSINI: NON C È ESCUELA OFICIAL DE IDIOMAS OVIEDO CENTRO DE AUTOAPRENDIZAJE IDIOMA: ITALIANO PRÁCTICA: COMPRENSIÓN ORAL NIVEL: NIVEL INTERMEDIO MATERIAL: CINTA / CUESTIONARIO / SOLUCIONES TEMA: PREPOSIZIONI/ LESSICO Grande

Dettagli

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/

http://www.infinitoteatrodelcosmo.it/2015/04/08/le-basi-della-relativita-ristretta-o-speciale/ Salve a tutti è un po che vedo e leggo su internet discussioni infinite sulla RR e sul paradosso dei gemelli, ma alla fine si gira sempre intorno al problema senza mai risolverlo e capirlo. Io non sono

Dettagli

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura

ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX. www.ecogiocando.it MESSAGGI ECOLOGICI PER I PIU' PICCOLI. Una favola scritta da Maura ENERGIE RINNOVABILI LE MAGNIFICHE STORIE DEL DOTTOR ENERGIX Una favola scritta da Maura Cari bambini, dovete sapere che il Dottor ENERGIX è un simpatico scienziato dall aria un po stralunata, sempre alle

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Traduzione di. Claudia Manzolelli

Traduzione di. Claudia Manzolelli Traduzione di Claudia Manzolelli Ai miei genitori, George e Elizabeth Introduzione...1 1. L inizio della fine...9 2. Ritorno all ovile...21 3. Il consulente geriatrico...37 4. Galapagos...43 5. La caduta...51

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti INVALSI. Anno Scolastico 2009 2010 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA. La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi

Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA. La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi Cristina Volpi BANDITI IN AZIENDA La nobile arte di sabotare gli altri rovinando se stessi INCENDI FRA CENTRO E PERIFERIA 6 «Visto i giornali di oggi?» esordì Marco Cantelli con i suoi due assistenti.

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Luisa Signorelli offre le risposte alle lettere che arrivano in redazione.

Luisa Signorelli offre le risposte alle lettere che arrivano in redazione. Lettere alla redazione In questa pagina Luisa Signorelli offre le risposte alle lettere che arrivano in redazione. Se avete qualche domanda o qualche dubbio sul mondo della danza scrivete a danza classica@danzaclassica.net

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli