In questo capitolo vengono descritti, analizzati ed elaborati i dati disponibili sulla situazione delle componenti ambientali del territorio del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In questo capitolo vengono descritti, analizzati ed elaborati i dati disponibili sulla situazione delle componenti ambientali del territorio del"

Transcript

1 129 In questo capitolo vengono descritti, analizzati ed elaborati i dati disponibili sulla situazione delle componenti ambientali del territorio del Mugello. Per semplicità di trattazione si è fatto riferimento a 4 macro-sistemi: il sistema acqua, le cui analisi hanno riguardato sia i consumi da acquedotto che la qualità delle risorse idriche superficiali e di falda; il sistema aria, rispetto al quale sono esaminati i livelli di inquinamento atmosferico, acustico e elettromagnetico; il sistema suolo e rischio idrogeologico, riguardo il quale è analizzato lo stato geologico dei terreni; il sistema paesaggio e biodiversità, che comprende la qualità del paesaggio e delle risorse vegetazionali, floristiche e faunistiche locali. Per le analisi si è fatto riferimento alle fonti informative più aggiornate e affidabili tra quelle disponibili, non necessariamente identiche a quelle utilizzate per le diagnosi ambientali già effettuate su territori più ampi, e in particolare per il Rapporto sullo Stato dell Ambiente provinciale. Come si vedrà, spesso qualità e quantità delle informazioni disponibili non hanno consentito di spingere l analisi a livello di singolo comune: in questo caso l analisi è stata necessariamente condotta considerando il territorio del Mugello preso nel suo complesso.

2 Sistema acqua Consumi da acquedotto Come in tutto il paese, anche in Toscana il settore dei servizi idrici ha subito un importante processo di riassetto organizzativo (legge Galli 36/94 e successiva L.R. 81/95) che ha portato all istituzione di 6 Ambiti Territoriali Ottimali (ATO), definiti sulla base della configurazione geografica dei bacini idrografici regionali. Agli ATO compete la responsabilità di gestire i servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, nonché di fognatura e di depurazione delle acque reflue. Il territorio del Mugello è interamente compreso nell ATO 3 Medio Valdarno che, rispetto agli attuali confini provinciali, comprende alcuni comuni della Provincia di Prato e Pistoia ed esclude l area empolese. Una prima informazione importante contenuta nel Piano di Ambito dell ATO è relativa ai livelli di copertura del servizio di acquedotto; nel 1996 il 91% della popolazione mugellana era servita da acquedotto, rispetto ad una

3 131 media di ATO significativamente più elevata (96%). In tutti i comuni la quota varia tra il 90% e il 100%, ad eccezione del centro montano di Marradi, fermo al 77%. Tabella Livelli di copertura del servizio di acquedotto 1996 Popolazione servita da acquedotto % sulla popolazione totale Barberino di Mugello % Borgo San Lorenzo % Firenzuola % Marradi % Palazzuolo Sul Senio % San Piero a Sieve % Scarperia % Vaglia % Vicchio % MUGELLO % Totale ATO % Fonte: Piano di ATO n. 3 "Medio Valdarno" Il Piano di Ambito contiene inoltre alcuni importanti elementi per la valutazione dei consumi idrici a livello locale. In particolare, essi consentono di valutare sia i consumi della popolazione residente, distribuiti per tipologia di uso (domestico, industriale, pubblico); sia i consumi dei fluttuanti, ovvero dei non residenti (turisti, pendolari, ecc.); anche in questo caso i dati sono relativi al 1996, dunque piuttosto datati. Il consumo totale di acqua da acquedotto, che considera insieme sia i residenti che i fluttuanti, nel territorio del Mugello era pari nel 1996 a 184 litri/giorno/pro capite; si tratta di un livello senz altro contenuto, soprattutto se confrontato con la media di Ambito, superiore dell 15% circa (211 litri/giorno/pro capite). In realtà, le situazione all interno dell area mugellana è assai variabile: il comune più parco nell utilizzo di acqua è Scarperia, con 151 litri di acqua consumati in media da ciascun individuo presente, seguito da Vicchio (157 litri) e San Piero a Sieve (173 litri). Al contrario, il livello di consumo più elevato si registra a Palazzuolo sul Senio (222 litri) e Firenzuola (215), unici comuni mugellani con utilizzo pro capite di acqua superiore alle medie provinciali: tutti gli altri 7 comuni registrano, infatti, un livello di consumo largamente inferiore alla media di Ambito (cfr. Figura 4.1).

4 132 Figura 4.1 Consumo idrico medio pro capite (residenti + fluttuanti). Litri/giorno Barberino di Mugello Borgo San Lorenzo Firenzuola Marradi Palazzuolo Sul Senio San Piero a Sieve Scarperia Vaglia Vicchio MUGELLO Totale ATO Fonte: Piano di Ambito ATO 3 Medio Valdarno Il Piano di Ambito sottolinea inoltre che, in alcuni periodi dell anno, si registrano situazioni critiche nel sistema di approvvigionamento idrico (da pozzi, da sorgenti o da acque superficiali), legate ad incrementi di presenze antropiche (dunque, principalmente, ai flussi turistici). Per quanto riguarda in particolare la macro-area Mugello Val di Sieve, il Piano segnala che il bilancio tra il fabbisogno idrico di punta e la disponibilità effettiva di risorse idriche è sempre positivo nei mesi invernali, mentre registra un deficit di 62 litri al secondo nei mesi estivi 1. È molto interessante anche osservare per quali impieghi vengano utilizzate le risorse idriche dalla popolazione residente nei singoli comuni. Ancora una volta le informazioni sono ricavate dal Piano di Ambito, che 1 Nel periodo estivo la disponibilità di acqua risulta infatti poco superiore all 80% di quella che si registra nei mesi invernali.

5 133 fornisce la distribuzione dei consumi, relativa al 1996, tra le tre principali utenze: domestica, industriale, pubblica, e ne consente il confronto con la media registrata nell intero territorio dell ATO (cfr. Tabella 4.2 che segue). Si tenga conto che i totali non corrispondono a quelli presentati nella tabella precedente, che considerava anche i consumi dei fluttuanti. Tabella Domanda di servizio di acquedotto della popolazione residente al 1996 Valori assoluti (litri/ab./giorno) e composizione % per macro-tipologia di utilizzo Usi Usi Usi Totale domestici industriali pubblici Barberino di Mugello % Borgo San Lorenzo % Firenzuola % Marradi % Palazzuolo Sul Senio % San Piero a Sieve % Scarperia % Vaglia % Vicchio % MUGELLO % Totale ATO % Fonte: ATO 3 del Medio Valdarno, Piano di Ambito La distribuzione dei consumi è strettamente dipendente dalla struttura socioeconomica dei singoli comuni, e dunque dalla presenza di strutture industriali e di servizio. In linea di massima, gli elementi di maggiore rilievo riguardano: a) l elevato sbilanciamento a favore dei consumi domestici (sia in termini assoluti che relativi, in confronto con la media dell ATO) nei comuni di Vicchio, San Piero, Scarperia e Vaglia; b) una concentrazione di consumi

6 134 industriali che solo a Marradi supera la media d Ambito, e che comunque interessa, ovviamente, le aree in cui è più forte la presenza di attività industriali; c) una elevata quota di consumi pubblici nei comuni montani di Firenzuola e Palazzuolo sul Senio. Il Piano di Ambito fornisce, infine, alcune importanti indicazioni relative ai livelli futuri di erogazione di acqua. Secondo le previsioni contenute nel Piano, il volume erogato complessivamente aumenterebbe nell intero territorio dell ATO 3 dai 91,6 milioni di mc/anno ai circa 102,5 milioni del 2021, per una variazione complessiva pari a +11,9% in 20 anni, ad un ritmo annuale di oltre litri, dunque piuttosto elevato Servizi di depurazione Alcune importanti indicazioni sul livello e sulla dotazione di impianti di depurazione nell area del Mugello possono essere ricavate dal confronto tra l offerta di servizi di depurazione disponibili e la domanda effettiva espressa dai cittadini e dalle imprese locali. Per quanto riguarda l offerta, è possibile fare riferimento al Rapporto sulla depurazione delle acque reflue urbane in Toscana 2001, pubblicato dall ARPAT 2, che contiene schede sintetiche con informazioni di dettaglio su tutti gli impianti di depurazione presenti sul territorio regionale e sulla capacità di ciascun impianto, espressa in abitanti equivalenti (Ab./Eq). In particolare, nel territorio del Mugello sono presenti 4 impianti di depurazione, tutti in fase di potenziamento, che dovrebbero coprire il fabbisogno di tutti i comuni del Mugello, ad eccezione di Palazzuolo sul Senio e Vaglia. Si tratta, in particolare, dei seguenti impianti: il depuratore di Marradi, gestito dalla AMI di Imola, con una capacità attuale di Ab./Eq e prevista di Ab./Eq, che serve il solo comune di Marradi; il depuratore di Vicchio, in località La Ginestra, gestito dalla ditta Ecoetruria di Milano, con una capacità attuale di Ab./Eq e prevista di Ab./Eq, che serve il solo comune di Vicchio; il depuratore di Firenzuola, in località Molin del Pepe, gestito dalla ditta AMI di Imola, con una capacità attuale di Ab./Eq e prevista di Ab/Eq, che serve il solo comune di Firenzuola; il depuratore di Borgo San Lorenzo, in località Rabatta, gestito dalla ditta Consiag, con una capacità attuale di Ab./Eq e prevista di I risultati del Rapporto sono illustrati e periodicamente aggiornati sul sito

7 135 Ab./Eq, che serve i comuni di Barberino di Mugello, Scarperia, San Piero a Sieve e Borgo San Lorenzo. Per quanto riguarda invece la domanda del servizio di depurazione, essa viene generalmente identificata dalla somma tra carico di origine civile e carico di origine industriale, misurati in BOD 5 (carico di inquinante organico) e quantificati in Ab./Eq. Per il Mugello, i carichi inquinanti sono specificati nel Piano di Ambito dell ATO 3 Medio Valdarno, a livello di singolo comune 3. La Tabella 4.3 che segue presenta sinteticamente i dati principali e il confronto tra domanda e offerta di servizi di depurazione. Tabella Domanda e offerta del servizio di depurazione (carico organico potenziale BOD 5 espresso in abitanti equivalenti) Domanda Capacità Capacità attuale attuale prevista (B) / (A) (C) / (A) (A) (B) (C) Marradi % 202% Vicchio % 126% Firenzuola % 79% Barberino di Mugello Borgo San Lorenzo San Piero a Sieve Scarperia % 207% Vaglia % 0% Palazzuolo Sul Senio % 0% Totale MUGELLO % 171% Fonte: Arpat, Rapporto sulla depurazione della acque reflue urbane in Toscana, 2001 e Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n. 3 del Medio Valdarno, 2002 È immediato verificare che, allo stato attuale, l offerta di servizi di depurazione arriva a coprire l 81% circa della domanda effettiva complessivamente presente nel territorio del Mugello. In dettaglio: il comune di Marradi è totalmente coperto; Firenzuola e i 4 comuni serviti dal depuratore di Borgo San Lorenzo sono prossimi al soddisfacimento della domanda; nei restanti comuni, invece, il servizio di depurazione attualmente non esiste, o si appoggia ad impianti esterni. Esso dovrebbe tuttavia essere garantito attraverso 3 ATO 3 Medio Valdarno, Piano di Ambito, Tabella 18 pag. 357; gli abitanti equivalenti sono ottenuti dalla somma tra i residenti e gli Ab./Eq industriali derivati.

8 136 la realizzazione degli interventi di potenziamento previsti nel Piano di Ambito del Medio Valdarno Qualità delle acque superficiali I principali corsi d acqua che attraversano il territorio del Mugello sono i fiumi Sieve e Santerno e i torrenti Stura, Senio e Borro di Valbuona. Per la valutazione dei relativi livelli di inquinamento si è fatto riferimento a indici sintetici (IBE, LIM e SECA) 4 calcolati da Ambiente Italia su dati rilevati e forniti dall Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT). I risultati delle analisi sono illustrati nella Tabella 4.4 che segue. Tabella Qualità dei principali corsi d'acqua del Mugello - Anno 2002 Corso d'acqua Comune Località LIM (*) IBE SECA (**) (***) Fiume Sieve Barberino di M. Ponte per Montecuccoli Fiume Sieve San Piero a Sieve Monte di San Piero Fiume Sieve Pelago Presa Acquedotto - S. Francesco Torrente Stura Barberino di M. Stura - Presa Acquedotto Barberino Fiume Santerno Firenzuola Confine Regionale Borro Di Valbuona Firenzuola Veccione-Badia di Moscheta Torrente Senio Palazzuolo sul S. Presa Acquedotto - Loc. Palazzuolo Fonte: elaborazioni Ambiente Italia su dati ARPAT (*) Valori LIM: 1 = ottimo; 2 = buono; 3 = sufficiente; 4 = scarso; 5 = pessimo (**) Valori IBE: 1 = non inquinato; 2 = poco inq.; 3 = inq.; 4 = molto inq.; 5 = fortemente inq. (***) Valori SECA: 1 = ottimo; 2 = buono; 3 = sufficiente; 4 = scarso; 5 = pessimo Come si nota, in nessuno dei corsi d acqua che attraversano il Mugello il livello di inquinamento assume valori allarmanti: la maggioranza dei fiumi considerati registra valori degli indici sintetici buoni per quanto riguarda il 4 L indice Biotico Esteso (IBE) si basa sull'analisi della struttura della comunità di macroinvertebrati che colonizzano le differenti tipologie fluviali, e si basa su Analisi semiquantitativa e tassonomica di un campione di benthos. Il Livello di Inquinamento dei Macrodescrittori (LIM) è un valore che si ottiene sommando il 75 percentile dei parametri riportati nella tabella 7 dell All.1 al D.Lgs 152/99, ed è finalizzato ad ottenere un livello di inquinamento per ciascun parametro e un suo punteggio. Infine lo Stato Ecologico dei Corsi d Acqua SECA è una classificazione dei corsi d'acqua effettuata incrociando i dati risultanti dai macrodescrittori LIM del Decreto 152/99 con quelli dell'ibe.

9 137 LIM e il SECA e poco inquinati per quanto riguarda l IBE. Fanno eccezione il fiume Sieve nella presa dell acquedotto in località San Francesco (peraltro nel territorio comunale di Pelago, esterno al Mugello) ed il torrente Stura alla presa dell acquedotto di Barberino del Mugello, per i quali i valori degli indici sintetici segnalano una situazione di inquinamento (indicata dal valore 3, evidenziato in corsivo), anche se controllata e non grave. Del resto la Sieve, pur soggetta a notevoli pressioni ambientali (peraltro ancora notevolmente inferiori a quelle rilevate nell Arno e in alcuni suoi affluenti), è un fiume dotato di buona capacità autodepurativa, legata sia alle caratteristiche idrogeologiche e morfologiche, che alle caratteristiche della portata, buona anche in periodi di magra. È importante, in chiusura, fare un breve accenno al Lago di Bilancino, l invaso artificiale realizzato negli anni recenti in seguito alla costruzione di una diga nel territorio di Barberino di Mugello. Il Lago ha assunto ruolo di grande importanza per il territorio: dal punto di vista idrogeologico, perché svolge una funzione di regolazione della portata minima del fiume Arno; dal punto di vista dei servizi, perché garantisce un costante approvvigionamento idrico per la città di Firenze, attraverso la captazione dell acqua dall Arno; dal punto di vista economico, perché in pochi anni è diventato un polo di attrazione turistica di notevole rilievo, con affluenze estive tipiche di una stazione balneare vera e propria. In ottica ambientale, il Lago caratterizzato da una profondità molto limitata - costituisce un sistema piuttosto fragile, caratterizzato da rischi potenziali di interramento, eutrofizzazione e perdita di risorsa idrica. L Arpat, attraverso il Servizio Mugello-Piana di Sesto, ha affrontato il problema con la costituzione di un Osservatorio Ambientale finalizzato alla tutela della qualità e della quantità (soprattutto in termini di stabilità della portata degli affluenti) delle acque dell invaso, gestito da un Supporto Tecnico che approfondirà i vari aspetti connessi con la salvaguardia del corpo idrico. È inoltre previsto un programma di analisi ad hoc, più approfondite e puntuali di quelle previste dalla norma, mirate in particolare all individuazione delle pressioni ambientali. Il Piano di monitoraggio sarà effettuato attraverso la realizzazione di 5 stazioni permanenti, una al centro del lago, le altre in corrispondenza delle affluenze dei torrenti Lora, Stura, Tavaiano e Sieve. Allo stato attuale non si rilevano dati o elementi che segnalino alterazioni o inquinamento delle acque dell invaso; è tuttavia importante ricordare che i lavori previsti per la realizzazione della Variante di Valico costituiscono un fattore di rischio potenziale, soprattutto in termini di alterazione del sistema

10 138 idrogeologico e di perdita di risorsa idrica; la realizzazione delle opere dovrà evidentemente essere costantemente controllata e monitorata, al fine di mantenere gli attuali livelli quantitativi e qualitativi delle acque Qualità delle acque di falda In applicazione del Decreto Legislativo 152/99 sono state recentemente effettuate dall ARPAT numerose analisi sui principali acquiferi della Toscana, i cui principali risultati, qui riportati, sono stati elaborati da Ambiente Italia e pubblicati nella Relazione sullo Stato dell Ambiente della Provincia di Firenze. In particolare, partendo dai risultati delle indagini realizzate da ARPAT tra maggio e giugno 2002, Ambiente Italia suddivide in tre classi il livello di qualità degli acquiferi (buona, sufficiente e scadente), sulla base dei 7 parametri di base previsti nel decreto 152/99 (conducibilità elettrica, cloruri, manganese, ferro, nitrati, solfati, ione ammonio), tralasciando gli altri inquinanti organici e inorganici 5. Sull acquifero di interesse per il Mugello, quello della Sieve, i dati ricavati segnalano una situazione buona nel 100% dei punti di indagine e delle rilevazioni; in provincia di Firenze, situazioni altrettanto positive si registrano nell acquifero carbonatico del Monte Morello e in quello del Valdarno Superiore, mentre risultano più allarmanti le condizioni rilevate nel Valdarno Fiorentino, per quello empolese e per l Elsa. Per quanto riguarda in particolare l acquifero della Sieve, si propongono nella Tabella 4.5 che segue i valori di concentrazione minimi e massimi risultanti da 10 misurazioni effettuate nel corso delle indagini effettuate dall ARPAT tra maggio e giugno Essi consentono di classificare il corpo idrico all interno di classi chimiche definite dal Decreto legislativo 152/99, a seconda dell impatto antropico. Nella Tabella, il valore soglia indicato è quello che definisce la classe 4 impatto antropico rilevante con caratteristiche idrochimiche scadenti (le classi 1, 2 e 3 definiscono invece impatti nulli o ridotti, oppure significativi ma senza effetti particolari sulle caratteristiche idrochimiche). 5 Si tratta di una classificazione che Ambiente Italia definisce come provvisoria, realizzata cioè al solo fine di illustrare in maniera semplificata e immediata i dati disponibili.

11 139 Tabella Qualità dell'acquifero della Sieve - Analisi maggio-giugno 2002 Valore minimo Valore massimo Condizione per rientrare nella classe 4(*), Allegato 1, Dlgs 152/99 Conducibilità µs/cm a 20 C 580,00 861,00 >2.500 Calcio mg/l 83,20 126,00 - Cloruri mg/l 12,10 51,60 >250 Magnesio mg/l 7,60 18,70 - Potassio mg/l 1,10 2,90 - Solfati mg/l 20,50 92,90 >250 Ione Ammonio mg/l NH4 <0,1 <0,1 >0,5 Ferro µg/l <0,05 0,32 >200 Manganese µg/l <0,05 0,20 >50 Nitrati mg/l NO3 2,00 13,80 >50 Fonte: elaborazioni su dati ARPAT (*) impatto antropico rilevante con caratteristiche idrochimiche scadenti Come è facile verificare, in nessuna delle 10 analisi i valori massimi registrati nell acquifero si avvicinano ai valori soglia; ciò indica, come già sottolineato, una condizione del principale corpo idrico del Mugello senz altro positiva, priva di elementi di criticità anche di tipo episodico Politiche di risposta Nelle diagnosi ambientali, le politiche di risposta tradizionalmente utilizzate per valutare le attività umane di mitigazione dei problemi ambientali connessi alle risorse idriche sono quelle relative a) alla capacità di depurazione degli impianti presenti su un determinato territorio e b) all attività di controllo e monitoraggio dei corsi d acqua superficiali e di falda. Il punto a) è stato discusso nel paragrafo 4.1.2, che ha messo in luce una capacità di depurazione buona, ma attualmente non sufficiente a soddisfare il fabbisogno; tale deficit dovrebbe peraltro essere colmato negli anni a venire, attraverso la realizzazione di nuovi impianti e il potenziamento di quelli esistenti. Per quanto riguarda invece l attività di monitoraggio, nel Mugello il bacino del fiume Sieve e dei principali affluenti è oggetto di controlli frequenti

12 140 effettuati dall ARPAT lungo tutto il suo percorso. Oltre ai controlli routinari 6, inoltre, l ARPAT ha condotto analisi specifiche finalizzate a due importanti obiettivi ulteriori: il primo è quello di rilevare eventuali effetti negativi sulla Sieve legati ai recenti lavori pubblici (opere di cantiere, escavazioni e agli scarichi dei campi-base) per la realizzazione della tratta Alta Velocità; il secondo obiettivo riguarda l esigenza di tenere continuamente sotto controllo tutti i corpi idrici le cui acque confluiranno nell'invaso di Bilancino, per conoscerne lo stato trofico delle acque e per individuare eventuali fenomeni di eutrofizzazione dell'invaso. Inoltre, ulteriori importanti fattori di diminuzione delle criticità ambientali della Sieve potranno derivare dall attività svolta dall impianto di depurazione di Borgo S. Lorenzo, cui saranno allacciate le fognature dei comuni di Barberino di Mugello, Scarperia, S. Piero a Sieve e Borgo San Lorenzo. In linea generale, è possibile comprendere in un discorso più ampio di politiche di risposta anche le attività in qualche modo finalizzate ad approfondire i problemi ambientali connessi alla risorsa acqua, a migliorarne la gestione, o ad informare e sensibilizzare i cittadini sulle tematiche della sostenibilità. La redazione di Piani Ambientali; la creazione di Ambiti Territoriali Ottimali per la gestione delle risorse idriche; la notevole e continua attività di controllo e monitoraggio delle acque reflue e di falda effettuate dall ARPAT; la realizzazione di numerose pubblicazioni, anche di carattere divulgativo, predisposte sia dall amministrazione regionale che provinciale sullo stato delle acque e sulla portata dei fiumi, o sulle attività di depurazione, cui si è fatto ampio uso anche per la redazione di questa RSA; le giornate di formazione ambientale o di educazione ambientale organizzate ormai dalla maggior parte dei comuni: tutte queste iniziative interessano in forma diretta, ovviamente, anche i 9 comuni del Mugello. In aggiunta, il territorio ha ritenuto opportuna la realizzazione di ulteriori iniziative a livello locale connesse con attività di salvaguardia delle risorse idriche; si fa riferimento, in particolare, al progetto Tutela delle Risorse Idriche nella Montagna Mugellana (TRIMM), promosso dalla Comunità Montana con l Università degli Studi di Firenze, l Istituto di Agrometereologia e Telerilevamento applicati all Agricoltura e l Istituto Nazionale per la Ricerca sulla Montagna; un breve approfondimento sui risultati della ricerca sono presentati nelle pagine dedicate ai dissesti idrogeologici (paragrafo 3.3). 6 Nel Rapporto sull attività di controllo ambientale di Arpat - Servizio Mugello e Piana di Sesto relativo ai primi 6 mesi del 2003 si rilevano 9 interventi di vigilanza sulle acque superficiali, in cui sono stati effettuati 9 sopralluoghi (nei comuni di Firenzuola, San Piero a Sieve e Barberino di Mugello) e 12 campionamenti.; risultano inoltre 12 sopralluoghi sui depuratori.

13 141 Vale la pena accennare infine al Progetto di monitoraggio del Fiume Sieve, realizzato nel corso del 2002 dagli alunni del Liceo Scientifico Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo, anch esso brevemente descritto nel paragrafo dedicato ai rischi idrogeologici.

14 Sistema aria Emissioni in atmosfera Non si dispone di dati aggiornati sulla qualità dell aria riscontrabile nei comuni del Mugello: la Rete provinciale di controllo della qualità dell aria, costituita da circa 15 centraline di rilevazione costantemente attive e consultabili, non interessa infatti nessuno dei territori dei 9 comuni del Mugello 7. D altra parte, è possibile considerare questa situazione come segnale indiretto della gravità tutto sommato relativa dei fenomeni di inquinamento atmosferico registrati nell area. 7 Una base informativo-statistica affidabile a livello comunale sarà diffusa solo con la seconda redazione dell Inventario Regionale delle Sorgenti di Emissione in Aria Ambiente (IRSE), prevista per la metà del Non si è ritenuto opportuno riportare qui i risultati della prima redazione, troppo datati (1995).

15 143 Per fornire un quadro generale della qualità atmosferica mugellana è tuttavia possibile fare riferimento alla ricerca Valutazione della qualità dell aria e classificazione del territorio regionale ai sensi del decreto legislativo 351/1999 elaborata dalla Regione Toscana e pubblicata nel settembre Lo studio non fornisce dati quantitativi a livello disaggregato, ma classifica ciascun comune regionale ai fini della protezione della salute umana e ai fini della protezione degli ecosistemi, della vegetazione e per il degrado dei materiali, secondo una scala di livelli di qualità che varia da A (qualità migliore) a D (qualità peggiore). La tabella 4.6 che segue illustra i livelli di qualità connessi alla presenza dei principali inquinanti per i Comuni del Mugello. Per l interpretazione dei dati è opportuno segnalare che: la presenza di Monossido di carbonio (CO) è legata principalmente al traffico stradale, ma anche agli impianti termici del settore terziario (ad esempio: impianti di riscaldamento) e alla combustione dei residui agricoli; la presenza di Ossido di Azoto (NO 2 ) è legata soprattutto ai trasporti agricoli e, in generale, alle sorgenti mobili; la presenza di Polveri fini sospese con diametro inferiore ai 10 micron (PM 10 ), deriva principalmente dagli impianti termici del settore terziario, dai trasporti stradali e dai processi di trasformazione dell industria la cui presenza di Ossidi di Zolfo (SO 2 ) è collegata soprattutto alle attività di combustione nell industria e nel terziario, oltre che nei trasporti; la presenza di piombo (Pb) e benzene (C 6 H 6 ) è infine legata soprattutto al traffico e alla mobilità stradale. Tabella Classificazione dei comuni mugellani ai fini della protezione della salute (A = qualità migliore; D = qualità peggiore) CO NO 2 PM 10 SO 2 Pb C 6 H 6 Barberino di Mugello A A B A A A Borgo San Lorenzo A A B A A B Firenzuola A A B A A A Marradi A A B A A A Palazzuolo Sul Senio A A B A A A San Piero a Sieve A A B A A A Scarperia A A B A A A Vaglia A A B A A A Vicchio A A B A A A Fonte: Regione Toscana, Valutazione della qualità dell'aria e classificazione del territorio regionale, settembre 2002.

16 144 Se si fa eccezione per le polveri fini sospese, presenti in quantità significativa, in tutti i comuni mugellani si riscontra un livello qualitativo dell aria buono, senza rischi per la salute derivanti dall inquinamento atmosferico; nel solo comune di Borgo San Lorenzo si rileva una presenza rilevante di benzene, connesso ai problemi di traffico. È importante specificare, inoltre, che in base alla classificazione del territorio per diffusività atmosferica (ovvero alla facilità di dispersione e diffusione degli inquinanti in atmosfera in base all intensità del vento e alla turbolenza atmosferica), sviluppata dal Laboratorio per la Metodologia e la Modellistica Ambientale (La.M.M.A.) in collaborazione con la Regione Toscana, tutti i comuni del Mugello rientrano nella categoria media diffusività ; ciò implica che le probabilità che un emissione inquinante possa avere impatti anche su aree distanti dalla sorgente sono, nel Mugello, non del tutto trascurabili. Tutti gli elementi sinora descritti, pur significativi, non sono tali da far considerare il Mugello come area con problemi significativi di inquinamento atmosferico; essi non escludono tuttavia l importanza di una continua azione di controllo e laddove possibile di mitigazione dei problemi episodici o chiaramente localizzati, soprattutto quando siano facilmente individuabili le cause. I fenomeni di criticità mugellani, in effetti, sono connessi in larga misura alla mobilità, e in particolare agli spostamenti privati: i livelli di inquinamento sono, infatti, strettamente legati alla diffusione di mezzi di trasporto su strada, che determina impatti significativi sia sulla qualità dell aria (attraverso emissioni in atmosfera di ossido di carbonio) che sul clima acustico (attraverso il rumore) Inquinamento acustico L inquinamento acustico è provocato dalla diffusione eccessiva di rumore in uno spazio limitato; per rumore si intende la propagazione di onde meccaniche originate dalla sorgente del rumore stesso 8. Le principali fonti di rumore che assumono rilievo in ottica ambientale sono i seguenti, secondo l ordine di importanza attribuita da ARPAT: il rumore da traffico (veicolare, ferroviario e aeroportuale); il rumore originato da attività industriali; il rumore originato da attività musicali e ricreative; 8 I brevi cenni che seguono sono tratti dal sito Arpat

17 145 il rumore originato da attività e fonti di rumore in ambiente abitativo. I valori, misurabili in decibel, che consentono di definire le soglie tollerabili (e dunque sostenibili, in termini di RSA) di rumore sono generalmente individuate da norme specifiche. In Italia l impianto normativo sull inquinamento acustico è stato definito dalla Legge Quadro 447/95, che ha sancito la ripartizione di competenze fra i diversi livelli istituzionali. In particolare, allo Stato spetta il compito di emanare i principi fondamentali ai quali è ispirata la normativa ed i limiti massimi della rumorosità; alle Regioni viene demandato il compito di disciplinare le modalità attraverso le quali tali limiti sono concretamente attuati sul proprio territorio; infine ai comuni è assegnata la responsabilità di svolgere concretamente l azione di tutela che la normativa richiede sia in fase di prevenzione, che in fase di controllo e repressione. Tra i principali compiti dei Comuni figura quello di suddividere il proprio territorio in zone acusticamente omogenee e di attribuire ciascuna di queste ad una delle sei classi di diversa tutela previste dalla Legge Quadro 447/95, con limiti via via più restrittivi a partire dalle aree esclusivamente industriali, fino alle aree protette. L ARPAT effettua regolarmente misure e controlli per l'applicazione della normativa vigente; in particolare, nel Rapporto sulle attività di controllo svolte da Arpat Servizio Mugello e Piana di Sesto risulta che nei primi 6 mesi del 2003 sono stati effettuati 6 sopralluoghi (3 a Borgo San Lorenzo, 3 a Scarperia) su fonti di rumore, in seguito a specifiche segnalazioni. Allo stato attuale non esiste, comunque, un sistema stabile di rilevazione di episodi di inquinamento acustico che interessi direttamente il territorio del Mugello. Alcune indicazioni a riguardo possono tuttavia essere ricavate dal Rapporto sullo Stato dell Ambiente provinciale, e in particolare dai giudizi in esso contenuti che si riferiscono all intero territorio della provincia di Firenze: i livelli sonori risultano sostanzialmente stabili, dunque non crescenti, a partire dal 1990; tuttavia si registrano frequenti superamenti dei valori limite soprattutto nelle ore notturne nelle aree caratterizzate da intensa attività umana. Per i comuni del Mugello è possibile affermare che, come nel caso dell inquinamento atmosferico, l origine principale di tali criticità sia da collegarsi al comparto dei trasporti su gomma e su ferrovia, mentre altre forme di generazione di rumore, considerata anche la scarsa presenza di grandi stabilimenti industriali, siano da considerare in larga parte episodiche (si pensi ad esempio all Autodromo del Mugello, o al tratto dell Autostrada A1 che interessa i comuni di Barberino e Firenzuola).

18 Inquinamento elettromagnetico 146 Un campo elettromagnetico è la propagazione nello spazio di campi elettrici e di campi magnetici variabili nel tempo 9. Ogni variazione di campo elettrico o di campo magnetico produce un campo elettromagnetico che si propaga a partire dalla sorgente; lo spettro elettromagnetico di un campo è l'insieme di tutte le radiazioni con frequenza diversa, ognuna delle quali è generata da un campo elettromagnetico con una determinata frequenza. In base alla frequenza, le radiazioni generate da un campo elettromagnetico si distinguono in: radiazioni ionizzanti (IR) con frequenze maggiori di 300 GHz (raggi ultravioletti, raggi X e raggi gamma), in grado di rompere i legami molecolari delle cellule e dunque di indurre mutazioni genetiche; radiazioni non ionizzanti (NIR) generate da un campo elettromagnetico con frequenza compresa tra 0 e 300 GHz, non in grado di rompere i legami molecolari delle cellule; essi producono principalmente effetti termici. In Italia solo di recente (febbraio 2001) è stato approvata la Legge Quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici (n. 36/201), la quale tuttavia non stabilisce limiti vincolanti, ma definisce soltanto alcuni principi di carattere generale, nonché la filosofia di approccio alla problematica. Prima che questa legge venisse definitivamente approvata dal Parlamento, il Ministero dell Ambiente - con il Decreto Ministeriale n 381 del 10 settembre 1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana - si è tuttavia preoccupato di fissare valori limite di esposizione delle popolazioni ai campi elettromagnetici connessi al funzionamento e all esercizio dei sistemi fissi delle telecomunicazioni e radiotelevisivi operanti nell intervallo di frequenza compresa fra 100 khz e 300 GHz. A livello regionale la Toscana, in attuazione del Decreto Ministeriale n. 381, ha recentemente approvato la L.R. 54/2000 la quale disciplina da un lato l autorizzazione all installazione e alla modifica degli impianti fissi per telecomunicazione e radiotelevisivi; dall altro le azioni di risanamento da intraprendere sugli impianti già esistenti al fine del graduale raggiungimento dei limiti e dei valori previsti dalle normative statali vigenti. Così come per quello acustico, anche per quanto riguarda l inquinamento elettromagnetico non sono disponibili informazioni che si riferiscono direttamente al territorio del Mugello. Per avere un indicazione di massima sul 9 I brevi cenni che seguono sono tratti dal sito Arpat

19 147 livello del problema è possibile fare riferimento ancora una volta al Rapporto sullo Stato dell Ambiente della Provincia di Firenze, che riporta i risultati dei controlli effettuati da ARPAT sui principali impianti radiotelevisivi della provincia. Il quadro che ne risulta è complessivamente positivo: tra gli 8 impianti oggetto di rilevazione nel 2002, solo 2 (Poggio Incontro e Monte Morello) risultano aver superato i limiti normativi di cautela, e solo uno di questi (Poggio Incontro) risulta aver superato i limiti normativi di esposizione, ma non in luoghi caratterizzati da una permanenza prolungata dell uomo. La conclusione che ne deriva è che nel territorio provinciale non emergono situazioni di rischio elettromagnetico, e che i superamenti delle norme sono di carattere episodico: ovviamente, tali valutazioni riguardano anche il territorio del Mugello Politiche di risposta Le politiche di risposta ai problemi di inquinamento atmosferico, acustico ed elettromagnetico generalmente analizzate nei rapporti ambientali fanno riferimento alla rete di monitoraggio, ovvero al numero delle centraline e alla frequenza/qualità dei controlli effettuati nei punti di maggiore rischio di inquinamento. In Toscana le amministrazioni pubbliche, a tutti livelli, si sono attivate per arginare i problemi del sistema aria (inquinamento atmosferico, acustico ed elettromagnetico) attraverso iniziative innovative e differenziate di controllo, monitoraggio e riduzione di emissioni inquinanti. La Provincia di Firenze, in particolare, ha attivato come già sottolineato - un sistema permanente per il monitoraggio della qualità dell aria ( Rete provinciale di controllo della qualità dell aria ), le cui rilevazioni sono consultabili praticamente in tempo reale sui siti Internet della stessa Provincia (al link Vediamo che aria tira ) e dell ARPAT. Tuttavia, nessuna delle circa 15 centraline di rilevazione in funzione mentre viene redatta la presente RSA interessa direttamente il territorio del Mugello: esse sono concentrate a Firenze, ovviamente, a Scandicci, a Montelupo Fiorentino, Calenzano ed Empoli. Allo stesso modo, come già precisato non esiste un sistema costante di rilevazione di episodi di inquinamento acustico o elettromagnetico che interessi direttamente il territorio del Mugello. Un dato importante relativo ad iniziative di risposta al problema del rumore è tuttavia costituito dal livello di zonizzazione acustica del territorio mugellano. Il Dpcm 01/03/1991 e la legge quadro sull inquinamento acustico (L. 447/95, recepita in Toscana con la L. R. 89/1998) obbligano tutti i comuni a classificare il proprio territorio in particelle omogenee alle quali sono associati valori limiti di emissione,

20 148 immissione e qualità del rumore per le ore diurne e notturne. Nel momento in cui viene redatta le presente RSA, la situazione dei comuni del Mugello è la seguente: nei comuni di Firenzuola e Scarperia la classificazione acustica è stata adottata ex L.R. 89/98 (20% circa della popolazione mugellana); nei comuni di San Piero a Sieve, Borgo San Lorenzo e Vicchio la classificazione acustica risulta approvata ex Dpcm del 01/03/1991 (46% circa della popolazione mugellana); nei comuni di Barberino di Mugello, Palazzuolo sul Senio, Marradi e Vaglia la procedura di classificazione, invece, ancora non risulta avviata (34% circa della popolazione mugellana). Complessivamente, dunque, circa 2 mugellani residenti su 3 sono interessati dal piano di zonizzazione acustica. Per quanto riguarda infine l inquinamento elettromagnetico, l ARPAT effettua regolarmente dei rilevamenti presso impianti radio-tv per verificare il raggiungimento di obiettivi di qualità o di cautela, pur non direttamente interessanti il territorio del Mugello; i risultati delle rilevazioni sono stati brevemente presentati nelle pagine precedenti.

21 Suolo e rischio idrogeologico Siti inquinati e caratterizzazione del suolo Non è naturalmente questa la sede adeguata per un analisi scientifica approfondita del sistema dei terreni del Mugello, che ne determini la conformazione geomorfologica, la stratigrafia, il reticolo idrografico, nonché i principali aspetti floristici, vegetazionali e forestali. In ottica di diagnostica ambientale, piuttosto, appare opportuno mettere in luce gli elementi che in misura maggiore possono costituire fattori di criticità per la situazione ambientale del territorio: a) presenza di siti inquinati (impianti industriali dismessi, cave, discariche, ecc.); b) esposizione a fenomeni alluvionali; c) esposizione a rischio di frana; d) esposizione a rischio sismico. A causa dell attuale indisponibilità di dati disaggregati, alcune delle considerazioni che seguono sono effettuate con riferimento all intero territorio del Mugello, anziché a livello di singolo comune.

22 150 Per quanto riguarda i siti inquinati 10 è possibile fare riferimento al Piano regionale delle bonifiche approvato dal Consiglio Regionale con Deliberazione n. 384 del 21 dicembre 1999, entrato in vigore il 1 marzo Il Piano è costituito da una parte dispositiva e da allegati che elencano i siti che necessitano di bonifica o ripristino ambientale classificati a seconda della priorità di intervento. Per quanto riguarda la Provincia di Firenze il Piano segnala la presenza di 11 : 14 siti da bonificare a breve termine, nessuno dei quali situato nel territorio dei 9 comuni del Mugello 12 ; 56 siti da bonificare a medio termine, di cui 11 nel territorio del Mugello, così distribuiti: 3 a Scarperia, 3 a Vicchio, 1 a San Piero a Sieve, 1 a Firenzuola, 1 a Borgo San Lorenzo, 1 a Barberino di Mugello, 1 a Vaglia; 12 siti oggetto di approfondimento, di cui 3 localizzati nel Mugello (a Scarperia, Marradi e Firenzuola); infine 12 siti con necessità di ripristino ambientale, di cui 5 nel Mugello (2 a Barberino, 1 a Palazzuolo sul Senio, 1 a Firenzuola e 1 a San Piero a Sieve). Il fatto che sul territorio in esame non sia previsto alcun intervento urgente di bonifica ambientale, e che dunque non vi siano rischi significativi di compromissione ambientale legati alla diffusione di situazioni di inquinamento, costituisce senz altro un elemento positivo; d altra parte, va sottolineato che la presenza di un sito inquinato, di una cava o di una discarica (tanto più se abusive) costituiscono nella maggior parte dei casi un fattore notevole di degrado del paesaggio. Per quanto riguarda in particolare le cave, dal PTCP (i cui risultati sono illustrati nella RSA provinciale) è possibile rilevare che in tutti e 8 i comuni del Mugello si registra una presenza piuttosto trascurabile: essa è infatti ovunque inferiore a 2 cave ogni 100 kmq e oltre, ad eccezione di Barberino (1 cava ogni kmq) e Firenzuola e San Piero a Sieve (1 cava ogni kmq). 10 Con tale termine si identificano quei siti che, come specificato nel Decreto Ministeriale 471/99, presentano livelli di contaminazione o alterazioni chimiche, fisiche o biologiche del suolo, sottosuolo, acque superficiali e sotterranee tali da determinare un pericolo per la salute pubblica o per l'ambiente naturale o costruito. 11 Informazioni più dettagliate su nome e località dei siti sono disponibili sulla rete Internet al sito: 12 Il rapporto sull Attività di controllo ambientale elaborato da Arpat Servizio Mugello e Piana di Sesto segnala tra i siti a breve termine una discarica nel comune di Scarperia, attualmente in fase di indagine.

23 151 Per quanto concerne invece l esposizione a fenomeni alluvionali, la RSA provinciale indica che il 97,1% del territorio del Mugello è costituito da aree non pericolose; il 2,2% da aree a pericolosità bassa o media; lo 0,3% da aree a pericolosità elevata; lo 0,4% da aree a pericolosità molto elevata. La situazione delineata per il Mugello riguardo ai rischi alluvionali è dunque senz altro positiva: le aree a rischio elevato o molto elevato sono largamente inferiori all 1% del territorio complessivo (per una popolazione coinvolta di poco superiore a unità), a fronte del 4,1% registrato in media a livello provinciale (oltre residenti interessati). Considerata l ampia porzione di territorio di tipo collinare e soprattutto montano, la situazione si modifica in misura significativa quando si considera l esposizione al rischio di frana. In questo caso, nel Mugello la RSA provinciale individua come non pericoloso o a media pericolosità solo il 49,2% del territorio, mentre è individuato come a pericolosità elevata il 44,6% della superficie (6.400 abitanti circa interessati) e a pericolosità molto elevata il 6,1% del territorio (oltre 661 abitanti coinvolti). In media provinciale, invece, queste due ultime percentuali risultano pari rispettivamente al 32,1% ed al 4,5% (per un totale di individui interessati). Il Mugello risulta dunque un area in cui il rischio di frane risulta molto elevato e costituisce un fattore di rischio di grande rilevanza per il sistema ambientale locale. Un breve accenno merita infine il rischio sismico: tutti i comuni del Mugello, ad eccezione di Vaglia, rientrano nell Elenco dei Comuni a maggior rischio sismico della Toscana, individuato con Delibera di Giunta Regionale n. 604 del 166/2003, modificata con la successiva Delibera n. 751 del 28/7/2003; il rischio di sismi, ovviamente collegato alla particolare morfologia del territorio, costituisce dunque nel Mugello un ulteriore rilevante fattore di rischio ambientale. Tra i fattori di pressione sul sistema idrogeologico mugellano, è infine necessario accennare ai lavori per la realizzazione del tracciato ad Alta Velocità tra Firenze e Bologna, che stanno provocando gravi dissesti, soprattutto in termini di portata di sorgenti e torrenti. Considerato il rilievo per il territorio mugellano, a questo tema oltre ad alcuni accenni nel paragrafo che segue - relativo alle politiche di risposta - viene dedicato uno specifico approfondimento nel paragrafo sul sistema dei trasporti (capitolo 4).

24 Politiche di risposta La Provincia di Firenze, e in particolare l Assessorato alla Pianificazione territoriale, ha recentemente pubblicato un rapporto 13 in cui sono messi in luce i notevoli sforzi finanziari e organizzativi realizzati sino ad oggi in attività di difesa del suolo e di prevenzione di rischi idrogeologici. Per i vari interventi di messa in sicurezza di fiumi e torrenti (realizzazione di casse di espansione, impianti idrovori, aree di laminazione, ecc.) sono stati spesi circa 5 milioni di euro tra il 1994 e il 1999, e impegnati altri 17 milioni circa per gli anni Allo stato attuale non risultano iniziative intraprese direttamente da comuni mugellani per la mitigazione dei fattori di rischio per le componenti ambientali connessi alle condizioni del suolo e a quelle idrogeologiche. Si tratta piuttosto di verificare, negli anni a venire, l effettiva applicazione ed efficacia di Piani predisposti ad hoc dalle amministrazioni regionali e provinciali; si fa riferimento, in particolare, al Piano regionale delle bonifiche del 2000 (e dunque all effettiva realizzazione almeno degli interventi di messa in sicurezza a breve termine di siti inquinati); al Piano regionale delle attività estrattive, attualmente in corso di approvazione; e al Piano stralcio Rischio idraulico del Bacino dell Arno, approvato nel 1999, che si pone l obiettivo della messa in sicurezza delle aree del bacino entro il Gli interventi strutturali collegati a quest ultimo piano, il cui costo totale viene previsto nella RSA provinciale in poco meno di 2 miliardi di euro, avranno in realtà effetti marginali o indiretti nel Mugello; gli interventi prioritari sono infatti previsti soprattutto nell area di Firenze, Signa, Figline Valdarno ed Empoli. Un elemento di rilievo, in termini più pratici, è costituito dalla costante attività di vigilanza svolta da Arpat, e in particolare dal Servizio Mugello Piana di Sesto; nel Rapporto sulle attività di controllo relativo ai primi 6 mesi del 2003 risulta ad esempio che l Arpat ha effettuato 28 sopralluoghi per bonifiche (di cui 15 nella sola Barberino, le altre distribuite tra Firenzuola, San Piero a Sieve, Scarperia e Vaglia) e 11 sopralluoghi su cave (6 a Borgo San Lorenzo, 5 a Firenzuola), cui vanno aggiunti ulteriori 15 sopralluoghi relativi ad attività produttive diffuse sul territorio. 13 Provincia di Firenze, Assessorato alla Pianificazione territoriale, Parchi e Aree protette, Difesa del suolo, Bonifica, Rapporto sull attività di Difesa del Suolo della Provincia di Firenze ( ), Firenze, ottobre 2003.

25 Paesaggio e biodiversità Morfologia e caratterizzazione del paesaggio Dal punto di vista paesaggistico e morfologico il territorio dei 9 comuni della Comunità Montana del Mugello può essere diviso in due macro aree: il Mugello vero e proprio, prevalentemente collinare, e la zona appenninica della Romagna Toscana. Il primo è costituito da un grande bacino circondato dai monti dell Appennino Tosco-emiliano, in cui si alternano rilievi collinari e montani attraversati in senso orizzontale dalla valle pianeggiante creata dal fiume Sieve. Il territorio della Romagna Toscana è formato invece da un sistema prevalentemente montano, situato sul versante appenninico a nord del Mugello, mai inferiore ai 300 metri di quota, che isola i tre centri abitati dal resto del territorio provinciale. Il sistema è attraversato trasversalmente da tre grandi vallate che confluiscono verso la pianura romagnola secondo il corso dei fiumi Santerno, Senio e Lamone.

26 154 Si tratta di un paesaggio di grande pregio e di grande bellezza, che l intensa attività agricola da un lato, e l attenzione e la sensibilità dei residenti dall altra, hanno contribuito notevolmente a disegnare e a mantenere; esso costituisce un vero e proprio marchio del territorio 14 ed è per questo una meta sempre più ambita dai turisti italiani e internazionali. In un ottica di sostenibilità ambientale, è possibile valutare la qualità del paesaggio e della biodiversità sulla base delle informazioni contenute nella RSA della Provincia di Firenze. Facendo sempre riferimento all intera area mugellana, anziché ai singoli territori comunali, gli elementi di principale interesse riguardanti il paesaggio sono così sintetizzabili: poco meno di ettari del territorio del Mugello, pari al 41% circa della superficie complessiva, vengono individuati come aree disturbate, ovvero aree che contengono elementi detrattori della qualità visiva del paesaggio (edifici, infrastrutture, supporti per la comunicazione, ecc.). Si tratta di una quota largamente inferiore a quella registrata in tutte le altre aree provinciali (si pensi che nel Chianti, altra zona il cui paesaggio è rinomato a livello mondiale, questa si attesta su di un valore pari al 75%), e in particolare alla media delle provincia di Firenze, pari al 60%; per quanto riguarda le infrastrutture del paesaggio, nel Mugello risultano relativamente più diffusi, rispetto alle medie regionali, gli arbusteti e i boschetti, mentre sono relativamente meno presenti le aree a riforestazione naturale, le formazioni riparie, i cespuglietti e le siepi; per quanto concerne il livello di diversità delle aree agricole, ovvero dell uso del suolo in base alla distribuzione delle colture agrarie sul territorio stimato attraverso la costruzione di un apposito indice (indice di Shannon), risulta che nel Mugello si registra la minore diversità colturale dell intera provincia (ad eccezione della Val di Sieve); tale risultato è tuttavia determinato dalla diffusa presenza di superfici boscate, e non è quindi il risultato di politiche agricole; le elaborazioni effettuate da Ambiente Italia sulla base della classificazione Corine Land Cover mettono in luce come il Mugello sia caratterizzato da una buona situazione del territorio in termini di diversità del paesaggio agro-forestale, che considera il grado di naturalità, di pressione antropica, di forme colturali e di uso del suolo; è cioè molto elevata la quota di territorio ad alto valore naturale, ma rimane piuttosto significativa anche la percentuale di paesaggio caratterizzato da un eccessivo sfruttamento di risorse. In particolare, il territorio è distribuito come descritto nel grafico che segue. 14 Ambiente Italia, Rapporto sullo stato dell ambiente della provincia di Firenze, 2003.

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 DELIBERAZIONE 8 febbraio 2010, n. 122

17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 DELIBERAZIONE 8 febbraio 2010, n. 122 17.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 7 DELIBERAZIONE 8 febbraio 2010, n. 122 D.G.R. n. 316/2007 relativa all accordo per la riduzione delle emissioni inquinanti e la prevenzione

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13

260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 260 26.3.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali Area di Coordinamento Prevenzione Integrata degli Inquinamenti e Programmazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Ditta : Società "I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI)

Ditta : Società I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI) Ditta : Società "I.M. s.r.l. Ubicazione intervento: Via I Maggio loc. Terrafino Comune di Empoli (FI) Indice Premessa................................................................................ 3 1.

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI. Firenze, 21 dicembre 2009

Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI. Firenze, 21 dicembre 2009 Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI Firenze, 21 dicembre 2009 I CFT Cosa sono: Una rete di risorse (Agenzie e strutture ) diffuse su tutto il territorio provinciale, delegate dalla Direzione Formazione,

Dettagli

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR Osservazioni dell ANEA al DCO 299/2014/R/idr dell AEEGSI del 19 giugno 2014 Definizione delle tariffe di collettamento e depurazione dei reflui industriali autorizzati in pubblica fognatura - Inquadramento

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti

10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti torna all Indice Capitolo 10 10 CRITERI DI SELEZIONE DEI SITI IDONEI 10.1 Localizzazione degli impianti di trattamento e smaltimento rifiuti I criteri, assunti dal Piano Territoriale di Coordinamento (PTC),

Dettagli

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI

INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI Introduzione INTRODUZIONE AI MODELLI CONCETTUALI I seguenti schemi vogliono rappresentare, per le principali componenti ambientali (aria, acqua, rumore, campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti)

Dettagli

CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS.

CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS. 1 Comune di Tarcento PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE UFFICIO TECNICO COMUNALE arch. Federico Canciani V A R I A N T E 3 5 (Zone D, I, O e norme di attuazione) CONTRODEDUZIONI A OSSERVAZIONI DEL ASS.

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso

Introduzione ai Programmi di intervento per l inquinamento diffuso CONVEGNO Contaminazione delle acque sotterranee e tecnologie innovative di bonifica in Lombardia LUNEDÌ 28 SETTEMBRE 2015, ORE 8.45 17.00 REGIONE LOMBARDIA, PALAZZO PIRELLI AUDITORIUM "GIORGIO GABER«Introduzione

Dettagli

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti RSA rovincia di Milano Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti L insieme di tutte le onde elettromagnetiche, classificate in base alla loro frequenza, costituisce lo spettro elettromagnetico, che

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

PROGETTO SOVRAGENDA 21

PROGETTO SOVRAGENDA 21 PROGETTO SOVRAGENDA 21 I DATI AMBIENTALI QUALI STRUMENTO DI CONOSCENZA DELTERRITORIO comune di Legambiente Circolo Udine associazione ambientale che è presente sul territorio udinese dal 1986 con innumerevoli

Dettagli

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema Il rumore è fra le principali cause del peggioramento della qualità

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione

Norme Tecniche di Attuazione COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO SETTORE SVILUPPO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA SERVIZIO AMBIENTE PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche

Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Convegno ASSISTAL Innovazione, tecnologia e sviluppo sostenibile del territorio: Le pompe di calore geotermiche Ing. Domenico Savoca Regione Lombardia, Direzione Generale Qualità dell Ambiente Rho, 14

Dettagli

PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI VICCHIO. COLABETON S.p.A. CAVA DI SABBIA E GHIAIA LOC. CISTIO-RIMAGGIO - COMUNE DI VICCHIO (FI)

PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI VICCHIO. COLABETON S.p.A. CAVA DI SABBIA E GHIAIA LOC. CISTIO-RIMAGGIO - COMUNE DI VICCHIO (FI) PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI VICCHIO COLABETON S.p.A. CAVA DI SABBIA E GHIAIA LOC. CISTIO-RIMAGGIO - COMUNE DI VICCHIO (FI) SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE IN CORSO D

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

Procedura del Sistema Qualità Ambiente

Procedura del Sistema Qualità Ambiente Procedura del Sistema Qualità Ambiente P 75 Individuazione e significatività degli aspetti ambientali Rev. 1 18/12/2008 Pag. 1 di 12 Revisione Natura della modifica Prima emissione 1 Modifica criteri valutazione

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine 4. ENERGIA Introduzione Limitatamente al sistema energetico, il XX secolo è stato caratterizzato da una tendenza di fondo sostanzialmente costante, cioè la fortissima crescita dei consumi energetici, e

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5.1 Obiettivi del Piano d Ambito Nel piano d ambito 2002 sono illustrati gli obiettivi generali della pianificazione d ambito (tecnico-impiantistici

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo

Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Piano di Gestione delle Acque: uso efficiente e sostenibile delle acque per uso agricolo Andrea Braidot Autorità di Bacino fiumi Alto Adriatico San Vito al Tagliamento, 12 maggio 2015 Cosa ci chiede la

Dettagli

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05

NEWSLETTER n. 41. Agosto 05 NEWSLETTER n. 41 a cura dell Ufficio del Portavoce Ufficio Stampa di ARPA Lombardia Giovanni Galgano Tel. 02.69666.362 Grafica ProgettoWEB ARPA Lombardia Sommario CHE ARIA TIRA A VARESE 2 IL CENTRO DI

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010.

Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette. 17 marzo 2010. Gli aspetti ambientali dei sistemi di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nelle aree protette 17 marzo 2010 Lucia Naviglio 17.3.2010 naviglio.lucia@gmail.com 1 parchi ed energia Promozione

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

Corso di formazione ambientale per esperti analisti in tema di OGM l Annuario dei dati ambientali APAT

Corso di formazione ambientale per esperti analisti in tema di OGM l Annuario dei dati ambientali APAT Corso di formazione ambientale per esperti analisti in tema di OGM l Annuario dei dati ambientali APAT Dr.ssa Mariaconcetta Giunta IAM-STA, APAT Roma, 13 Maggio 2005 Che cos è l Annuario? L Annuario è

Dettagli

Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni

Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni Qualità dell'aria nella Provincia di Lucca, monitoraggio, criticità, emissioni Il Ruolo della Provincia nel monitoraggio della qualità dell aria e nel coordinamento dei Piani di Azione Comunale LEGGE REGIONALE

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO

Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Capitolo 4 QUADRO CONOSCITIVO E SISTEMA DI MONITORAGGIO Presentazione Il capitolo riprende in modo organico gli aspetti metodologici e procedurali affrontati nel corso del lavoro con l obiettivo di definire

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici

IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici IL QUADRO NORMATIVO implicazioni progettuali per il rispetto della normativa sulla protezione acustica degli edifici Laboratorio di Fsica Ambientale per la Qualità Edilizia Università di Firenze Il quadro

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti. C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico

Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti. C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti C.2 Inquinamento acustico ed elettromagnetico Rapporto sullo stato dell ambiente del territorio di Collesalvetti C.2.1 Quadro conoscitivo

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013.

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. N. del OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che la Legge 28

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE Dati stagione balneare 2013

RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE Dati stagione balneare 2013 RAPPORTO SULLA QUALITÀ DELLE ACQUE DI BALNEAZIONE Dati stagione balneare 2013 Scenario di riferimento Il Ministero della Salute svolge a livello nazionale un ruolo di coordinamento per quanto riguarda

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N.

OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. OGGETTO: RICHIESTA DI FINANZIAMENTO REGIONALE PER LA PROSECUZIONE INTERVENTI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA APPROVATI CON D.G.C. N. 924 DEL 28.09.2006 IN ATTUAZIONE AL PIANO REGIONALE (D.C.R.

Dettagli

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it 1 Punti dell intervento: Rischio idrogeologica e fragilità territoriale Attività di Bonifica Il

Dettagli

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille.

- la circonvallazione Nord (asse Viale 1 Maggio, Via Cafiero, Viale di Vittorio); - Via Gramsci e viale dei Mille. 33. Sistema AMBIENTE Sub sistema: Rumore La Regione Toscana ha emanato a più riprese norme che incidono sistematicamente sulle varie fonti potenziali e sui requisiti per le opere di mitigazione e/o limitazione

Dettagli

Il ruolo delle Agenzie in Italia

Il ruolo delle Agenzie in Italia Il ruolo delle Agenzie in Italia Salvatore Curcuruto ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Riferimenti normativi LQ n.36/2001 ( Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS La localizzazione degli impianti di trattamento, recupero e smaltimento: proposta metodologica

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012

Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Minieolico Realizzazione di un caso pratico ROMA 15-16 MARZO 2012 Soluzioni realizzative e costruzione E importante valutare in fase di verifica preliminare del sito anche gli aspetti e le eventuali problematiche

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

1900 - BACINO DEL MARECCHIA

1900 - BACINO DEL MARECCHIA 19 - BACINO DEL MARECCHIA CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO E IMPATTO DELL'ATTIVITÀ ANTROPICA Superficie del bacino Portata media alla foce Carico generato nel bacino Carichi sversati nei corpi idrici

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

regionali: Il ruolo delle ARPA

regionali: Il ruolo delle ARPA Inquinamento luminoso e leggi regionali: Il ruolo delle ARPA Dr. Tommaso Aureli Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio Servizio Agenti Fisici unità campi elettromagnetici, inquinamento

Dettagli

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia

Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche sul risparmio energetico e le fonti rinnovabili di energia Sostegno alla progettazione e all adozione di politiche SOSTEGNO ALLA PROGETTAZIONE E ALL ADOZIONE DI POLITICHE SUL RISPARMIO ENERGETICO E LE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO

Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO Osservatorio Turistico di Destinazione Comune di CHIANCIANO TERME(SI) REGOLAMENTO PRINCIPI E FINALITA GENERALI 1. L Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Chianciano Terme (SI) (di seguito

Dettagli

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE 10. IL RUMORE

RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE DEL COMUNE DI SCANZOROSCIATE 10. IL RUMORE 10. IL RUMORE 10.1. Premessa L Unione Europea definisce il rumore ambientale come suoni indesiderati o nocivi generati dall attività umana in ambiente esterno, compreso il rumore emesso da mezzi di trasporto

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Aerospaziale Università di Palermo La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Prof.Ing.Gaspare Viviani gviv@idra.unipa.it LA NORMATIVA SUL GOVERNO

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli