I N G E G N E R E J O N A T A V I G N O L I N I V

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I N G E G N E R E J O N A T A V I G N O L I N I V"

Transcript

1 Tav. 22/29 Stato Sovrapposto (Stato concessionato / Stato di Progetto) Prospetti ; Tav. 23/29 Stato Sovrapposto (Stato concessionato / Stato di Progetto) Sezioni ; Tav. 24/29 Stato Sovrapposto (Stato Attuale / Stato di Progetto) Planimetria ; Tav. 25/29 Stato Sovrapposto (Stato Attuale / Stato di Progetto) Piante ; Tav. 26/29 Stato Sovrapposto (Stato Attuale / Stato di Progetto) Prospetti ; Tav. 27/29 Stato Sovrapposto (Stato Attuale / Stato di Progetto) Sezioni ; Tav. 28/29 Verifiche Urbanistiche ; Tav. 29/29 Verifiche Urbanistiche ; Del presente Piano di Recupero faranno parte integrante anche le seguenti relazioni: Relazione Generale; Relazione Geologica e di supporto al sistema di smaltimento acque reflue. Allegati di seguito alla presente relazione: Autorizzazione al passaggio in altra proprietà della tubazione per la rete locale idrica ed elettrica; Autorizzazione al passaggio in altra proprietà della tubazione di scarico nel fosso campestre; Schema della rete locale di adduzione idrica e di energia elettrica; Schema della tubazione di smaltimento acque reflue dalla sub-irrigazione drenata al fosso campestre ed il punto di immissione nella rete idrografica regionale. 50

2 Via Poppiano 43 MONTESPERTOLI (FI) - GELL 340/ Autorizzazione al passaggio in altra proprietà della tubazione per la rete locale idrica ed elettrica Il sottoscritto Aldemaro Vignolini, nato a Montespertoli (FI) in data 19/11/1943, CI VGN LMR F648P e la sottoscritta Anna Maria Ceccatelli, nata a Certaldo (FI) in data 16/11/1951, C.F. CCC NMR C540W, residenti in via Poppiano na3 Montespertoli (FI) e titolari della proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze Catasto Urbano e Terreni dal fg'. n.68 Parton.532/549/550, autorizzano il sig. Jonata Vignolini, nato a Firenze (FI) in data 14/05/1978, C.F. VGN JNT 78E14 D612W residente in via Poppiano na3 Montespertoli (FI) e titolare della proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze Catasto Urbano e Terreni dal Fg. n.68 Parto n.547 e 526 sub. n. 1, a passare con la necessaria tubazione della rete idrica ed elettrica nella proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze al Catasto Urbano e Terreni dal Fg. n.68 Parton.532/549/550. Montespertoli, 27 Marzo 2012 I titolari della proprietà Sig. Aldemaro Vigno/ini Firma~no/ Firma ~&.ll' Q'Ò <:> k<2-51

3 Via Poppiano 43 MONTESPERTOLI (FI) - GELL 340/ Autorizzazione al passaggio in altra proprietà della tubazione per la rete locale idrica ed elettrica /I sottoscritto Emiliano Vignolini, nato a Firenze (FI) in data 27/10/1970, C.F. VGN MLN 70R27 D612D e la sottoscritta Claudia Borghi Gentile, nata a Mazara del Vallo (TP) in data 22/02/1974, C.F. BRG CW 74B62 F061H, residenti in via Poppiano n.45 Montespertoli (F/) e titolari della proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze Catasto Urbana e Terreni dal Fg. n.68 Parton.531; autorizzano il sig. Jonata Vignolini, nato a Firenze (FI) in data 14/05/1978, C.F. VGN JNT 78E14 D612W e titolare della proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze Catasto Urbano e Terreni dal Fg. n.68 Parto n.547 e 526 sub. n.l, a passare con la necessaria tubazione della rete idrica ed elettrica nella proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze al Catasto Urbano e Terreni dal Fg. n.68 Parton.531. Montespertoli, 27 Marzo 2012 llitolari della proprietà Sig. Emi/iano Vigna/in; Firma 22?---====;. ~ ~.c-: c--: Sig.aClaudiaBorgh~'ile ~ 1\ -- ~ At<:r:) Q Firma_~ ~

4 NG E GN..ER.~.jE.'- "'J O N A;~~l':~AV. J G N O.t J.:N}f Via Poppiano 43 MONTESPERTOLI (FI) - CELL 340/ Autorizzazione al passaggio in altra proprietà della tubazione di scarico ne/losso campestre Il sottoscritto Aldemaro Vignolini, nato a Montespertoli (FI) in data 19/11/1943, C.F. VGN LMR F648P e la sottoscritta Anna Maria Ceccatelli, nata a Certaldo (FI) in data 16/11/1951, C.F. CCC NMR C540W, residenti in via Poppiano na3 Montespertoli (FI) e titolari della proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze Catasto Urbano e Terreni dal Fg. n.68 Parton.530, autorizzano il sig. Jonata Vignolin;, nato a Firenze (FI) in data 14/05/1978, C.F. VGN JNT 78E14 D612W residente in via Poppiano na3 Montespertoli (FI) e titolare della proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze Catasto Urbano e Terreni dal Fg. n.68 Part. n.547 e 526 sub. n.t, a passare con la necessaria tubazione di scarico, che dovrà andare dalla sub-irrigazione al più vicino fosso campestre, nella proprietà contraddistinta all'agenzia del Territorio della Provincia di Firenze al Catasto Urbano e Terreni dal Fg. n.68 Parton.530. Montespertoli. 27 Marzo 2012 llitolari della proprietà Sig. Aldemaro Vignolini Firma (ijqq. G~e~~!a{2f~, Firma ('-#dlw~ ti*'--p,l,sl-- 53

5

6

7 D) INQUADRAMENTO PAESAGGISTICO E SOSTENIBILITA AMBIENTALE D.1) Descrizione dei caratteri paesaggistici e ambientali dell area di intervento L area del Piano di Recupero è collocata nella parte Sud del comune di Montespertoli con accesso mediante strada privata, già esistente, che si dirama da via Poppiano all altezza del numero civico 43. L area in cui ricade il comparto in oggetto è prevalentemente a destinazione agricola con porzioni destinate a vigneto, oliveta ed altre seminativo arborato sulla quale insistono anche altri fabbricati destinati a civile abitazione e non oggetto del presente PdR. Il Piano di Recupero in oggetto si pone come un occasione importante di riqualificazione di una piccola porzione di area inserita in una più vasta area dalle grandi potenzialità paesaggistiche. Obiettivo primario e fondamentale del presente Piano di Recupero, ed in generale per ogni intervento edilizio consentito dagli strumenti urbanistici comunali, è quello di riportare l area dell intervento ed i relativi manufatti nell ambito delle risorse del territorio comunale di Montespertoli, ricostituendo un complesso architettonico adottando soluzioni progettuali che inseriscano armoniosamente le nuove opere nel contesto, che intervengano a ricucire i tessuti disgregati, che eliminino le superfetazioni incoerenti ed allo stesso tempo riqualifichino il contesto paesaggistico ambientale specifico mediante interventi sostenibili. I caratteri principali da preservare per qualsiasi tipo di intervento nella presente area sono: Le azioni di trasformazione del sistema insediativo dovranno prevedere elevati standard di efficienza energetica, accompagnati da progetti di architettura sostenibile improntati all uso di energie rinnovabili ed all impiego di materiali da costruzione innovativi e compatibili con l ambiente ed il paesaggio; Le azioni di trasformazione del sistema insediativo dovranno prevedere tipologie architettoniche compatibili con il contesto e dovranno essere utilizzati materiali, tecniche e tecnologie innovative con esse compatibili. Tutela delle specie vegetali autoctone presenti nel territorio; Tutelare il mosaico paesaggistico, delle caratteristiche di acclività e giacitura del suolo, in funzione dell elevato pregio ai fini della produzione agricola; 56

8 Salvaguardare e recuperare le testimonianze paesaggistiche caratterizzanti il territorio quali particolari sistemazioni agrarie (terrazzamenti e ciglionamenti), siepi, filari, alberi isolati e di confine, tabernacoli, abbeveratoi, vivai, strade poderali e percorsi storici; Conservare e valorizzare la viabilità minore originaria per favorire in particolare lo sviluppo dei circuiti turistici per il tempo libero; Preservazione dei corsi d acqua minori e delle sorgenti facendo assoluto divieto di movimento terra che possa deviare le falde che alimentano le sorgenti naturali. Per meglio comprendere l inserimento paesaggistico del comparto oggetto di intervento si guardi la tavola di progetto n.11/29, nella quale è presente una foto aerea, una cartografia e varie foto del paesaggio limitrofo. Cartografia 1: Permeabilità dei suoli Legenda Permeabilità dei suoli 57

9 Cartografia 2: Uso del suolo Legende Uso del suolo 58

10 Cartografia 3: Vagetazione Forestale Legenda Vegetazione Forestale 59

11 Cartografia 4: Sistema di approvvigionamento e distribuzione delle acque pubbliche Cartografia 5: Sistema di allontanamento e depurazione delle acque reflue 60

12 Legende cartografie 4 e 5 61

13 Cartografia 6: Visuali da Via Poppiano Cartografia 7: Visuali da Via Romita Legenda cartografie visuali 62

14 D.2) Analisi dei livelli di tutela L area alla quale appartiene il comparto, con inserito l edificio oggetto di recupero, ricade nell UTOE 5 Colli Virginio Pesa Sud. L UTOE in oggetto comprende gran parte del territorio comunale sud orientale: infatti la sua configurazione e determinata dal Sistema territoriale dei Colli Orientali, dal Sistema di Polvereto, e dal Sistema di Val Virginio con il Sottosistema dei mulini. Analizzando la cartografia e la normativa tecnica dell intero P.R.G. Piano Regolatore Generale si identifica l area secondo le seguenti classi e vincoli: Zona di protezione integrale P.I.3. Poppiano ; Zona sottoposta all art.21 Aree con testimonianza di particolari tecniche di lavorazione del suolo e di pregio paesaggistico ambientale e naturale. Analizzando la cartografia e la normativa tecnica dell intero Piano Strutturale si identifica l area secondo le seguenti classi e vincoli: Invarianti Strutturali: Tutela paesaggistica ed ambientale del territorio aperto, abitati minori ed edifici sparsi, art.7 PTCP; Tutele previste dal PIT per l Ambito di Paesaggio 17 Valdarno Inferiore e per l Ambito di Paesaggio 31 Val d Elsa; D.3) Rappresentazione fotografica del contesto paesaggistico Per meglio comprendere l inserimento paesaggistico del comparto oggetto di intervento si guardi la tavola di progetto n.11/29, nella quale sono inserite foto del paesaggio limitrofo. Per capire la situazione del contesto ristretto al comparto oggetto di intervento si faccia riferimento anche alla documentazione fotografica inserita nelle tavole di progetto n.3/29 e n.8/29. Nella presente relazione si faccia riferimento anche ai punti B.1 e B.8 del quadro conoscitivo. 63

15 D.4) Valutazione di compatibilità paesaggistica e sostenibilità ambientale Tutti i progetti dovrebbero contribuire a migliorare la sostenibilità ambientale. Nello specifico si dovrà fare riferimento a: efficienza energetica delle strutture progettate; riduzione dei consumi idrici; riduzione della quantità e della pericolosità dei rifiuti e loro recupero; prevenzione e riduzione delle emissioni di CO2 in aria e prevenzione e riduzione degli inquinanti in acqua e suolo; produzione di energia da fonti rinnovabili utilizzata per autoconsumo. D.4.1) Contestualizzazione dell intervento e delle modifiche introdotte sulle componenti ambientali D.4.1.1) Atmosfera / Impatto acustico La qualità dell aria viene valutata in rapporto ai fattori di inquinamento atmosferico, acustico, luminoso, elettromagnetico, dal sistema infrastrutturale viario principale, dagli elettrodotti e dagli impianti di teletrasmissione e di telefonia mobile. L imput normativo che vincola la realizzazione del presente PdR ai più moderni sistemi costruttivi e tecnologici impiantistici è servito come base di partenza dell intero studio architettonico per poter realizzare un edificio a bassissime emissioni di CO2. La progettazione di dettaglio e la realizzazione di tutto l immobile seguirà i principi della ecosostenibilità e biocompatibilità. L involucro edilizio dell immobile sarà progettato e realizzato con strutture e chiusure tali da poter avere una trasmittanza molto bassa e far si che dall analisi complessiva del fabbisogno energetico dell immobile, quest ultimo possa rientrare energeticamente in classe A. Mediante la realizzazione di un impianto fotovoltaico da 2,0/3,0kWp sarà prodotta energia rinnovabile che sarà sfruttata per il normale fabbisogno dell edificio e contribuirà a ridurre le immissioni nell area di CO2. Trattandosi di un normale edificio per civile abitazione non sono necessari particolari accorgimenti mirati alla riduzione dell impatto acustico. D.4.1.2) Suolo e sottosuolo Nel presente progetto di recupero si è cercato di mantenere il più possibile inalterati i caratteri geomorfologici, le condizioni drenanti e la permeabilità del comparto. Si precisa che trattandosi di 64

16 un intervento di recupero non siamo andati a consumare nuovo terreno per edificare ma bensì, nella particolare configurazione di progetto, è previsto un incremento della superficie permeabile. D.4.1.3) Rifiuti Trattandosi di edificio destinato ad una civile abitazione unifamiliare non saranno prodotti particolari rifiuti pericolosi; il sistema di raccolta e gestione dei rifiuti sarà quello previsto dal comune che attualmente prevede la raccolta differenziata porta a porta. D.4.1.4) Energia Per il nuovo edificio è prevista la connessione alla sola rete di energia elettrica. La progettazione di dettaglio e la realizzazione di tutto l immobile seguirà i principi della ecosostenibilità e biocompatibilità. L involucro edilizio dell immobile sarà progettato e realizzato con strutture e chiusure tali da necessitare di un fabbisogno energetico molto basso e che rientri energeticamente in classe A. Mediante la realizzazione di un impianto fotovoltaico da 2,0/3,0kWp sarà prodotta energia rinnovabile che sarà sfruttata per il normale fabbisogno dell edificio e porterà ad un livello bassissimo l energia che dovrà essere prelevata dalla rete. D.4.1.5) Vegetazione, flora e fauna Per quanto riguarda le essenze vegetali arboree presenti nel comparto, saranno tutte preservate ad eccezione di un Leccio che ostacola la realizzazione effettiva dell immobile. Allo stesso tempo è previsto un ampliamento delle aree a prato naturale, con naturale aumento della superficie permeabile del comparto in riferimento a quella originaria, ed una piantumazione di specie vegetali arboree prettamente autoctone. L intervento non ha nessun tipo di incidenza sulla fauna dell area. D.4.1.6) Paesaggio Durante tutte le fasi progettuali sono stati valutati i seguenti aspetti che interferiscono con il paesaggio circostante: 65

17 Mantenimento dell assetto morfologico originario realizzando dei movimenti di terra molto contenuti; Analizzando le visuali prospettiche si evince che il presente intervento non interferisce con le visuali da via Romita e con quelle da via Poppiano; nel primo caso il cono visivo non coincide con la localizzazione del nostro intervento, nel secondo caso il comparto e la costruzione risultano sulla traiettoria del cono visivo ma più bassi rispetto al punto di vista in conseguenza del terreno acclive presente sul fronte di via Poppiano. Inoltre sulla traiettoria visiva è presente una struttura che risulta di altezza superiore a quella di progetto e che pertanto fa da schermatura; Il recupero degli elementi delle strutture di relazione urbanistica ed architettonica è stato pensato attraverso l utilizzazione di un linguaggio basato sui caratteri tipologici e morfologici di una architettura sostenibile e compatibile con il paesaggio circostante. L intervento propone la riqualificazione dell area in oggetto attraverso una progettazione moderna, attenta al particolare contesto, conformazione e orientamento del lotto. Il progetto si inserisce all interno di un area dal notevole valore paesaggistico, pertanto è stato adottato un linguaggio architettonico contemporaneo caratterizzato da un cromatismo tenue delle facciate, pulizia dei fronti e una studiata proporzione dei volumi, allo scopo di ricercare un nuovo equilibrio con il contesto naturale circostante. Questa ricerca vuole che la realizzazione non prevarichi visivamente la forte presenza della vegetazione, caratteristica dell'intera area, ma vuole consolidare la permanenza di questo importante valore ambientale e della forte caratterizzazione che questo ha nei confronti dell intero contesto paesaggistico. Il presente intervento non và ad intaccare il contesto rurale circostante mantenendolo inalterato; Trattandosi di un intervento di recupero non siamo andati a consumare nuovo terreno per edificare ma bensì, nel particolare caso, nella configurazione di progetto è previsto un incremento della superficie permeabile; I nuovi spazi a verde sono previsti a prato naturale, e tutte le nuove specie vegetali piantumate saranno autoctone; 66

18 D.4.1.7) Viabilità Al comparto si ha accesso da una viabilità asfaltata già esistente; si precisa inoltre che le aree e le vie carrabili che si vanno a rimarcare sono quelle presenti originariamente nel comparto e nelle aree confinati senza introdurre modifiche all assetto esistente. D.4.1.8) Acque reflue / Acqua Nella zona oggetto di intervento non è presente alcun impianto di pubblica fognatura, pertanto è previsto la realizzazione di una sub-irrigazione drenata di smaltimento delle acque reflue. Le acque chiare meteoriche sono convogliate mediante una rete di gronde, doccie e tubazioni nella cisterna di raccolta acque piovane per un riutilizzo successivo. L approvvigionamento idrico avverrà dall acquedotto pubblico ed è previsto l utilizzo di apparecchiature per il risparmio idrico. D.5) Valutazione di compatibilità paesaggistica e sostenibilità ambientale D.5.1) Simulazione dello stato dei luoghi a seguito dell intervento Di seguito vengono inserite le foto riguardanti lo stato attuale e lo stato di progetto simulato mediante un foto inserimento. 67

19 I N G E G N E R E J O N A T A V I G N O L I N I V Via Poppiano 43 MONTESPERTOLI (FI) - CELL 340/ Foto 13: Stato attuale del comparto con vista da San Quirico in Collina Foto 14: Stato di Progetto con vista da San Quirico in Collina 68

20 I N G E G N E R E J O N A T A V I G N O L I N I V Via Poppiano 43 MONTESPERTOLI (FI) - CELL 340/ Foto 155: Stato attuale del comparto con vista da Ovest Sud Foto 166: Stato di Progetto con vista da Sud 69

21 I N G E G N E R E J O N A T A V I G N O L I N I V Via Poppiano 43 MONTESPERTOLI (FI) - CELL 340/ Foto 177: Stato attuale del comparto con vista da Sud - Est Foto 1818: Stato di Progetto con vista da Sud - Est 70

22 D.5.2) Previsione degli effetti di trasformazione L'effetto conseguente alla realizzazione dell'opera riferito all'attuale stato dei luoghi, va direttamente a sanare una situazione di degrado ed incuria generalizzata, riqualificando l'intera area oggetto di intervento. L imput normativo che vincola la realizzazione del progetto ai più moderni sistemi costruttivi e tecnologici impiantistici è servito come base di partenza dell intero studio architettonico. L intervento si propone la riqualificazione dell area in oggetto attraverso una progettazione moderna, attenta al particolare contesto, conformazione e orientamento del lotto. Il linguaggio architettonico contemporaneo attraverso il cromatismo tenue delle facciate, la pulizia dei fronti e la studiata proporzione dei volumi, ha lo scopo di ricercare un nuovo equilibrio con il contesto naturale circostante. Questa ricerca vuole che la realizzazione non prevarichi visivamente la forte presenza della vegetazione, caratteristica dell'intera area, ma vuole consolidare la permanenza di questo importante valore ambientale e della forte caratterizzazione che questo ha nei confronti dell intero contesto paesaggistico. Non si modifica lo skyline della zona e non si altera negativamente la percezione visiva del paesaggio, ma si cerca di mettere in evidenza i valori distintivi dell'ambiente. D.5.3) Opere di mitigazione Non vengono utilizzate particolari opere di mitigazione per poter meglio contestualizzare l intervento all area oggetto d intervento. Il linguaggio architettonico contemporaneo attraverso il cromatismo tenue delle facciate, la pulizia dei fronti e la studiata proporzione dei volumi, ha lo scopo di ricercare un nuovo equilibrio con il contesto naturale circostante. Per limitare l impatto visivo causato dall installazione di pannelli fotovoltaici sulla copertura del nuovo immobile, sono state adottate soluzioni architettoniche atte a creare una falda di copertura perfettamente esposta verso sud, dove posizionare gli stessi pannelli, ed eliminare completamente la vista degli stessi pannelli con elementi architettonici studiati opportunamente. Questi stessi elementi non snaturano la fisionomia estetica del progetto architettonico ma sono elementi essenziali, integranti ed imprescindibili per trasmettere allo stesso progetto architettonico quell armonia d insieme ed il carattere estetico ricercato e voluto dal progettista. 71

23 D.5.4) Descrizione della compatibilità paesaggistica e sostenibilità ambientale Il Piano di Recupero in oggetto si pone come un occasione importante di riqualificazione di una piccola porzione di area inserita in una più vasta area dalle grandi potenzialità paesaggistiche. Obiettivo primario e fondamentale del presente Piano di Recupero è quello di ricostituire un complesso architettonico adottando soluzioni progettuali che inseriscano armoniosamente le nuove opere nel contesto, che intervengano a ricucire i tessuti disgregati, che eliminino le superfetazioni incoerenti ed allo stesso tempo riqualificare il contesto paesaggistico ambientale specifico mediante interventi sostenibili. Anello fondamentale per la realizzazione di un progetto improntato sul principio dell ecosostenibilità sarà la realizzazione di un impianto fotovoltaico che unito alla realizzazione di un involucro dalla notevole efficienza energetica classe A, sarà in grado di coprire una grandissima parte del fabbisogno energetico totale. La produzione di energia rinnovabile che sarà sfruttata per il normale fabbisogno dell edificio contribuirà a ridurre consistentemente le immissioni nell area di CO2. Per facilitare la verifica della potenziale incidenza degli interventi proposti sullo stato del contesto paesaggistico e dell area, vengono qui di seguito indicati alcuni tipi di modificazioni che possono incidere con maggiore rilevanza: modificazioni della morfologia, quali sbancamenti e movimenti di terra significativi, eliminazione di tracciati caratterizzanti riconoscibili sul terreno (rete di canalizzazioni, struttura parcellare, viabilità secondaria,...) o usati per allineamenti di edifici, per margini costruiti, ecc / nel presente progetto di recupero si è cercato di mantenere il più possibile inalterati i caratteri geomorfologici presenti nell area e la viabilità è rimasta identica a quella originaria del comparto; modificazioni della compagine vegetale (abbattimento di alberi, eliminazione di formazioni riparali ecc ) / saranno preservate tutte le essenze vegetali arboree presenti nel comparto, ad eccezione di un Leccio che ostacola la realizzazione effettiva dell immobile. Allo stesso tempo è previsto un ampliamento delle aree a prato naturale ed una piantumazione di specie vegetali arboree prettamente autoctone; modificazioni dello skyline naturale o antropico (profilo dei crinali, profilo dell insediamento) / lo skyline che si viene a creare con l inserimento del presente progetto risulta 72

24 perfettamente contestualizzo ed in armonia con il contesto paesaggistico, non vengono alterati profili dei crinali e non si creano nuovi ostacoli ai coni delle visuali prospettiche di via Poppiano e via Romita; modificazioni della funzionalità ecologica, idraulica e dell equilibrio idrogeologica, evidenziando l incidenza di tali modificazioni sull assetto paesistico / il presente progetto non altera in nessun aspetto l assetto idrogeologico dell area; modificazioni dell assetto percettivo, scenico o panoramico / l intervento si propone la riqualificazione dell area in oggetto attraverso una progettazione moderna, attenta al particolare contesto, conformazione e orientamento del lotto. Il linguaggio architettonico contemporaneo attraverso il cromatismo tenue delle facciate, la pulizia dei fronti e la studiata proporzione dei volumi, ha lo scopo di ricercare un nuovo equilibrio con il contesto naturale circostante. Questa ricerca vuole che la realizzazione non prevarichi visivamente la forte presenza della vegetazione, caratteristica dell'intera area, ma vuole consolidare la permanenza di questo importante valore ambientale e della forte caratterizzazione che questo ha nei confronti dell intero contesto paesaggistico. Non si modifica lo skyline della zona e non si altera negativamente la percezione visiva del paesaggio, ma si cerca di mettere in evidenza i valori distintivi dell'ambiente; modificazioni dei caratteri tipologici, costruttivi, materici, coloristici, dell insediamento storico (urbano, diffuso, agricolo) / il linguaggio architettonico contemporaneo utilizzato nel progetto che si basa sull utilizzo di cromatismo tenue delle facciate, pulizia dei fronti e studiata proporzione dei volumi, permette di ottenere un nuovo equilibrio con il contesto architettonico e naturale circostante; modificazioni dell assetto fondiario, agricolo e colturale / il presente intervento ha lasciato perfettamente inalterato l assetto originario del fondo senza sottrarre terreno agricolo e senza alterare l assetto colturale presente. Non vengono evidenziati a seguito dell intervento edilizio effetti negativi alla compatibilità paesaggistica dell area ed inoltre l intervento risulta eco-sostenibe in relazione all autonomia energetica, senza comportare oneri a carico della collettività in ordine alle infrastrutture stradali di accesso ed altre opere pubbliche. 73

25 E) RISPETTO DEI PARAMETRI E DELLE TUTELE DEL P.S. Il presente Piano di Recupero, che si configura come Piano attuativo, viene redatto in riferimento dello strumento urbanistico comunale generale vigente, Parte Seconda Titolo V art.63 Interventi sugli edifici presenti nel territorio aperto e Parte Quarta art.98 Interventi sugli edifici del territorio aperto e loro pertinenze ; ed in riferimento allo strumento di pianificazione regionale L.R. 1/2005 e successive modifiche. Di seguito saranno evidenziate singolarmente tutte le rispondenze rispetto ai punti riportati negli articoli di competenza. E.1) Disciplina del territorio aperto L art.58 e 59 risultano rispettati per le seguenti motivazioni. Il presente progetto di recupero ha come base il perseguimento degli obbiettivi generali fissati dallo strumento urbanistico e nello specifico ha rispettato tutte le tutele e vincoli previsti per questa tipologia d intervento. Per perseguire gli obbiettivi generali del P.S., il concetto primario e fondamentale che il presente Piano di Recupero s è prefisso è stato quello di ricostituire un complesso architettonico adottando soluzioni progettuali che inseriscano armoniosamente le nuove opere nel contesto, eliminando le superfetazioni incoerenti ed allo stesso tempo riqualificando il contesto paesaggistico ambientale specifico mediante un intervento sostenibile. In particolare sono state adottate tutte le soluzioni architettoniche e tecnologiche al fine di realizzare un progetto sostenibile in relazione all autonomia energetica, senza comportare oneri a carico della collettività in ordine alle infrastrutture stradali di accesso ed altre opere pubbliche. Anelli fondamentali per la realizzazione di un progetto basato su queste peculiarità sarà la realizzazione di un involucro con struttura in legno di classe energetica A e la realizzazione di un impianto fotovoltaico che sia in grado di coprire una grandissima parte del fabbisogno energetico dell edificio. L intervento di recupero e riqualificazione risulta coerente con le invarianti strutturali e la tutela delle risorse territoriali. Inoltre non si è andati ad intaccare il mosaico paesaggistico, delle caratteristiche di acclività e giacitura del suolo, salvaguardando le testimonianze paesaggistiche caratterizzanti il territorio quali particolari sistemazioni agrarie, siepi, filari, alberi isolati e di confine, tabernacoli, abbeveratoi, vivai, strade poderali e comunque viabilità esistenti. 74

Comune di MONTESPERTOLI RELAZIONE GENERALE

Comune di MONTESPERTOLI RELAZIONE GENERALE Comune di MONTESPERTOLI RELAZIONE GENERALE Piano di Recupero Sostituzione Edilizia per demolizione di fabbricato rurale e ricostruzione di edificio unifamiliare di civile abitazione. RICHIEDENTE: JONATA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio D.Lgs. 22.01.2004, n. 42 art. 146, comma 2 D.P.C.M. 12.12.2005 La RELAZIONE PAESAGGISTICA è articolata

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto

gruppo argo PROGETTISTI: architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto PROGETTISTI: gruppo argo architettura urbanistica design studio architetti associati marco colla Gabriele ferrari Roberto pellino Gian luca perinotto Vicolo cilea 11 27029 vigevano pv tel - fax 0381 903221

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

Comune di Brenzone 1. RICHIEDENTE: 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO:

Comune di Brenzone 1. RICHIEDENTE: 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO: AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA 1. RICHIEDENTE: persona fisica società impresa ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

COMUNE DI...ACIREALE...

COMUNE DI...ACIREALE... COMUNE DI...ACIREALE... AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. (1) 1. RICHIEDENTE: (2)...COMUNE DI ACIREALE...

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1)

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica società impresa ente 2. TIPOLOGIA

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE

REGOLAMENTO DI SOSTENIBILITA AMBIENTALE Legge regionale 03 gennaio 2005, n. 1 Norme per il governo del territorio. Art. 01 - Oggetto e finalità della legge Comma 2. Ai fini di cui al comma 1, i comuni, le province e la Regione perseguono, nell'esercizio

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE AI SENSI DELLA LEGGE 12 LUGLIO 2011 N. 106 ART. 5 COMMA 9 PER LA RIQUALIFICAZIONE DI EDIFICI NON RESIDENZIALI DISMESSI SITI IN ROVIGO VIA PORTA A MARE N. 10 PROPRIETÀ:

Dettagli

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO

COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI. Il Sindaco ZENERE LINO COMUNE DI GAMBUGLIANO PROVINCIA DI VICENZA 2011 P.R.C. P.I. ALLEGATO II alle NTO del PI CONI VISUALI Il Sindaco ZENERE LINO Il Segretario Generale MICHELANGELO PELLÈ GENNAIO 2011 ALLEGATO CONI VISUALI

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

voto peso % voto pesato voto peso % voto pesato valore soglia minima Analisi del sito Analisi del sito

voto peso % voto pesato voto peso % voto pesato valore soglia minima Analisi del sito Analisi del sito SISTEMA DI PESATURA DELLE SCHEDE DEI REQUISITI Modalità di calcolo del punteggio pesato: 1 Voto del requisito x peso = Voto pesato del requisito 2 Somma dei voti pesati del requisito = voto dell'area di

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1)

RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2): persona fisica società impresa

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.

Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail. Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fa +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013

VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 2013 COMUNE DI SAN ROMANO IN GARFAGNANA Provincia di Lucca VARIANTE DI MINIMA ENTITÀ ALLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA VIGENTE PER L ELIMINAZIONE DI ALCUNI ERRORI MATERIALI NOVEMBRE 03 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTALCINO Provincia di Siena Parisi e Associati studio di progettazione Giannelli, Parisi, Rondini Via S. Saloni n. 49 53024 Montalcino (SI) Tel /Fa +39 0577 849245 posta@studio-progetti.com P.I. C.F. 01308570520 COMUNE DI MONTALCINO

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI TROVO Provincia di Pavia P.G.T. PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO RECEPIMENTO DELLE PRESCRIZIONI PREVALENTI DELLA PROVINCIA IN MERITO ALLA VERIFICA DI COMPATIBILITA CON IL P.T.C.P. ART.13 commi

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO)

COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) COMUNE DI PADERNO DUGNANO (MILANO) PIANO DI RECUPERO DE CAPITANI D ARZAGO DOCUMENTO DI SINTESI RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE PER VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO DI RECUPERO DI VIA GRAMSCI

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CURCURIS copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98; copia del certificato di destinazione

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA

COMUNE DI MASSA MARITTIMA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA P. DI R. A- REA COMPLESSO EDILIZIO MOLINO BADII U.T.O.E. DI MASSA M.MA E GHIRLANDA (P.A.12 M.G.3). COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO COMMITTENTE: SIG. FRANCO

Dettagli

PIANIFICARE LE CITTÀ DEL VINO

PIANIFICARE LE CITTÀ DEL VINO PIANIFICARE LE CITTÀ DEL VINO per un dialogo rinnovato tra sviluppo urbano e produzione vitivinicola Arch. Valeria Lingua Università di Firenze valeria.lingua@unifi.it PIANIFICARE LE CITTÀ DEL VINO LE

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

UFFICIO COMUNE DEL PAESAGGIO Comuni di Muggia e San Dorligo della Valle. SKUPNI URAD ZA KRAJINSKO NAČRTOVANJE Občin Milje in Dolina

UFFICIO COMUNE DEL PAESAGGIO Comuni di Muggia e San Dorligo della Valle. SKUPNI URAD ZA KRAJINSKO NAČRTOVANJE Občin Milje in Dolina UFFICIO COMUNE DEL PAESAGGIO Comuni di Muggia e San Dorligo della Valle SKUPNI URAD ZA KRAJINSKO NAČRTOVANJE Občin Milje in Dolina ALLEGATO ALLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI

Dettagli

f o green ro so o lar EcoroofEc

f o green ro so o lar EcoroofEc Ecoroof solar green La copertura di un edificio rappresenta uno degli elementi piu significativi della sua configurazione e funzionamento. Inoltre circa il 25% delle dispersioni totale di energia di un

Dettagli

Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139

Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139 STU-EDI-SEMPL/0 Pagina 1 di 5 Protocollo Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139 Il sottoscritto richiedente autorizzazione

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

P.A.P.M.A.A. con valenza di PIANO ATTUATIVO Loc. Le Cinque Vie Lucignano (Ar)

P.A.P.M.A.A. con valenza di PIANO ATTUATIVO Loc. Le Cinque Vie Lucignano (Ar) P.A.P.M.A.A. con valenza di PIANO ATTUATIVO Loc. Le Cinque Vie Lucignano (Ar) RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ai sensi della lettera c) comma 2 art.67 della L.R. 01/2005 Progetto per la realizzazione di una serra/ombrario

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

persona fisica società impresa ente

persona fisica società impresa ente SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2) : persona fisica

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI (eolico e fotovoltaico)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI (eolico e fotovoltaico) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI (eolico e fotovoltaico) Art. 1 Finalità Il presente regolamento intende offrire un valido

Dettagli

CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA

CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA CAPITOLO 3 LINEE GUIDA PER UN QUARTIERE ECOSOSTENIBILE 3.1 LINEE GUIDA Dopo lo studio dei vari quartieri ecosostenibili, europei ed italiani, ho notato diversità sia normative che di progettazione spostandosi

Dettagli

Relazione paesaggistica

Relazione paesaggistica Relazione paesaggistica TIPOLOGIA DELL OPERA E/O DELL INTERVENT0 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE MUNICIPIO E PARCHEGGIO MERCATO, MODIFICA VIABILITA OPERA CORRELATA A: X edificio X area di pertinenza

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) :

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) : U.T.A. - Ufficio Tecnico Associato Settore Urbanistica, Edilizia, SUE, SUAP e Ambiente Borgo Tossignano Casalfiumanese Castel Guelfo di Bologna Fontanelice P.zza Unità d Italia 7 P.zza A. Cavalli 15 Via

Dettagli

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso.

OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. OGGETTO: Progetto per la realizzazione di un fabbricato rurale in C/da Fosse Vill. Paradiso. DITTA: Minà Adalgisa PREMESSA La seguente relazione integrativa, si è resa necessaria per integrare la valutazione

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE PAESAGGISTICA RELAZIONE PAESAGGISTICA 1. Finalità II presente allegato ha lo scopo di definire la Relazione paesaggistica che correda l istanza di autorizzazione paesaggistica congiuntamente al progetto dell intervento

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

FAC SIMILE RELAZIONE PAESAGGISTICA REDATTA IN FORMA COMPLETA

FAC SIMILE RELAZIONE PAESAGGISTICA REDATTA IN FORMA COMPLETA FAC SIMILE RELAZIONE PAESAGGISTICA REDATTA IN FORMA COMPLETA TRACCIA RELAZIONE PAESAGGISTICA COMPLETA Redatta ai sensi del DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 12 dicembre 2005 e allegata

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI SOLARI E PANNELLI FOTOVOLTAICI PREMESSA C o m u n e d i M o m b e r c e l l i Piazza Alfieri, n.2-14047 Mombercelli - Provincia di Asti c.f. e p.i. 00206070054 - Tel. 0141 959.610 Fax 0141 959.756 REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto:

RELAZIONE TECNICA PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ E DEL LOTTO DI PROGETTO MOTIVAZIONE DELL INTERVENTO. Oggetto: Comune di Cividate al Piano Provincia di Bergamo RELAZIONE TECNICA Oggetto: Ampliamento attività industriale Via Cortenuova, Cividate al Piano (BG) Richiesta permesso di costruire mediante il procedimento

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE Provincia di Foggia Settore Assetto del Territorio SIT e Beni Culturali Sede: Via Telesforo, 25-71100 FOGGIA tel. 0881/791347 /401/351 fax 0881/791434 codice fiscale 00374200715 N. 3388 /7/Reg. Deter.

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1)

L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) L.R. del 27 maggio 2008 n 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati

Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Comune di Bologna Pianificazione comunale PSC / POC / PUA in applicazione dei piani sovraordinati Giovanni Fini Comune di Bologna Dipartimento Qualità della Città Settore Ambiente UI Valutazioni e Controllo

Dettagli

IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE

IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE IL SISTEMA DELLE DOTAZIONI PER LA GESTIONE DELLE ACQUE Interventi programmati sui depuratori acque reflue Base: copertura della rete fognaria LEGENDA Tavola di inquadramento generale Zone di rispetto dei

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA (RIF. D.P.C.M. 12.12.2005)

RELAZIONE PAESAGGISTICA (RIF. D.P.C.M. 12.12.2005) RELAZIONE PAESAGGISTICA (RIF. D.P.C.M. 12.12.2005) REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO A TERRA PER AUTOCONSUMO DI POTENZA NOMINALE COMPLESSIVA PROGETTATA DI 21 KWP. Richiedente: DOPPIA V s.r.l. con

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE RELAZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE A.T.R. N. 3-1 RELAZIONE CARATTERI TERRITORIALI DELL AMBITO CARATTERISTICHE AMBIENTALI L ambito di trasformazione residenziale in località San Gottardo, definito dal P.G.T.

Dettagli

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008

RAPPORTO PRELIMINARE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTIBILITÀ ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA (VAS) - ART. 12 D.L. N. 4/2008 AREE DI RIQUALIFICAZIONE URBANA DI CONNESSIONE DEI MARGINI URBANI CALISESE VIA MALANOTTE COMP. OVEST 08/10 AT2-AT5 COMMITTENTE: LA CALISESE IMMOBILIARE SRL SANTERINI GAETANO DI SANTERINI MARIA E C SAS

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

RELAZIONE PAESAGGISTICA (Ai sensi del d.p.c.m. 12 dicembre 2005, G.U. n 25 del 31 gennaio 2006)

RELAZIONE PAESAGGISTICA (Ai sensi del d.p.c.m. 12 dicembre 2005, G.U. n 25 del 31 gennaio 2006) Oggetto: Richiesta di autorizzazione paesaggistica delle opere il cui impatto paesaggistico è valutato mediante una documentazione semplificata, relativa alle opere di costruzione di un impianto fotovoltaico

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CONFORMITA A firma di tecnico abilitato. Il sottoscritto... CF/ PIVA nato a... il. Residente in... Con studio in...

RELAZIONE TECNICA DI CONFORMITA A firma di tecnico abilitato. Il sottoscritto... CF/ PIVA nato a... il. Residente in... Con studio in... RELAZIONE TECNICA DI CONFORMITA A firma di tecnico abilitato Il sottoscritto...... CF/ PIVA nato a...... il. Residente in.... Con studio in.... Tel/ e-mail/ fax..... Iscritto al ( Ordine/Collegio).....con

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art.1)Elenco degli elaborati che compongono la variante 1 al Piano di Lottizzazione 1. Relazione tecnica 2. Norme tecniche di attuazione 3. Considerazioni integrative sulla

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Parte 1: VERIFICA PROGETTO

Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1: VERIFICA PROGETTO Parte 1a: analisi aspetti ambientali Aspetto ambientale Impatto Rientra nel progetto Utilizzo di risorse idriche nelle proprietà Impoverimento risorse idriche dell ente Perdite

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

DELLA REPUBBLICA ITALIANA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2010, n. 420. Integrazione D.G.R. n. 105 dell 1 febbraio 2010.

DELLA REPUBBLICA ITALIANA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 marzo 2010, n. 420. Integrazione D.G.R. n. 105 dell 1 febbraio 2010. Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 17 del 14 aprile 2010 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli

GLI ALLEGATI DEVONO ESSERE PRODOTTI SU SUPPORTO INFORMATICO FIRMATI DIGITALMENTE E IN 4 COPIE CARTECEE

GLI ALLEGATI DEVONO ESSERE PRODOTTI SU SUPPORTO INFORMATICO FIRMATI DIGITALMENTE E IN 4 COPIE CARTECEE ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA CON PROCEDURA SEMPLIFICATA (ART. 1 DEL DPR. 139/2010) Marca da bollo da Euro 16,00 Spettabile Parco delle Groane Via Della Polveriera 2 20020 Solaro e mail protocolloparcogroane@promopec.it

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile Arch. Pietro Novelli L efficienza Energetica negli edifici.

Dettagli

SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto)

SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 (Finalità e oggetto) L.R. 27 Maggio 2008, n. 6 Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia (1) SOMMARIO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Finalità e oggetto) Art. 2 (Interventi di edilizia

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA

Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA 3 SETTORE EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE

Dettagli

CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici

CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici Cristina Lucca Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici delle Province di Torino, Asti,

Dettagli

L applicazione della disciplina toscana sulle APEA: metodologia e casi studio

L applicazione della disciplina toscana sulle APEA: metodologia e casi studio L applicazione della disciplina toscana sulle APEA: metodologia e casi studio Volume 2 Guida alle soluzioni che soddisfano i criteri prestazionali APEA Paola Gallo Dipartimento TAeD Facoltà di Architettura

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32

PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 Allegato B COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) PIANO DI LOTTIZZAZIONE FAVARETTO Z.T.O. C2/32 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Committente: Favaretto Giorgio Progettista: Arch. Zia Ermanno Via Terraglio

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

P.A.T. R 4. Relazione Sintetica. COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso. Elaborato

P.A.T. R 4. Relazione Sintetica. COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso. Elaborato COMUNE DI ZERO BRANCO Provincia di Treviso P.A.T. Elaborato R 4 Relazione Sintetica Elaborato adeguato all approvazione in sede di Conferenza di Servizi del 12/10/2010 REGIONE VENETO Direzione Urbanistica

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli