volumi erogati (mc/anno) Vol. ceduti (mc/anno) volumi fatturati (mc/anno)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "volumi erogati (mc/anno) Vol. ceduti (mc/anno) volumi fatturati (mc/anno)"

Transcript

1 Ricognizione delle opere di acquedotto, fognatura e depurazione ENTE GESTORE Vol. prodotti (mc/anno) Vol. acquistati (mc/anno) Vol. ceduti (mc/anno) volumi erogati (mc/anno) volumi fatturati (mc/anno) Volumi domestici fatturati (mc/anno) abitanti serviti perdite lorde da erogato (%) perdite lorde da fatturato (%) dotaz. lorda (litri/ab giorno) dotaz. da mc domestici fatturati (litri/ab giorno) COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO COMUNE DI SAN GODENZO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE COMUNE DI TERRANUOVA BRACCIOLINI COMUNE DI VERNIO COMUNE DI VICCHIO CONSORZIO ACQUEDOTTO VALLE DEL LAMONE CONSORZIO AMAG-Agliana-Montale-Acqua- Gas CONSORZIO INTERCOMUNALE ACQUA GAS FIORENTINAGAS PUBLISERVIZI SPA SEABO srl TOTALE ATO Nota A livello di Ambito il volume acquistato da Gestori di Ambiti limitrofi è uguale a mc. Il volume ceduto è pari a mc, risorsa che il Consorzio acquedotto Valle del Lamone vende ai comuni romagnoli di Brisighella e Faenza. La somma dei volumi acquistati e ceduti ha quindi valore di sommatoria globale interna e il dato aggregato a livello di ambito perde il significato che ha a livello di singolo Gestore. In particolare: Fiesole acquista acqua da Firenze Figline Valdarno vende acqua a Incisa Valdarno Incisa compra acqua da Figline Valdarno e ne vende a Reggello Pian di Sco vende acqua a Reggello Rignano vende acqua a Bagno a Ripoli Sambuca compra acqua da SEABO (fuori ambito) Consorzio Acquedotto Valle del Lamone vende acqua a Brisighella e Faenza (fuori ambito) Fiorentina gas compra acqua da Firenze e Rignano sull'arno 20

2 Ricognizione delle opere di acquedotto, fognatura e depurazione Tabella 6 Volumi e utenze del servizio di acquedotto per ente gestore ENTE GESTORE A.M.I. - AZIENDA MULTISERVIZI INTERCOMUNALE utenze domestiche volumi domestici (mc/anno) utenze produttive volumi produttivi (mc/anno) utenze agricole volumi agricoli (mc/anno) altre utenze volumi altre utenze (mc/anno) TOTALE UTENZE VOLUMI TOTALI FATTURATI (mc/anno) ACQUE TOSCANE S.P.A AREA RAVENNA AZIENDA SERVIZI PUBBLICI COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOPRA COMUNE DI CAVRIGLIA COMUNE DI DICOMANO COMUNE DI FIGLINE VALDARNO COMUNE DI FIRENZE COMUNE DI INCISA VALDARNO COMUNE DI LONDA COMUNE DI LORO CIUFFENNA COMUNE DI MONTEVARCHI COMUNE DI PELAGO COMUNE DI PIAN DI SCO' COMUNE DI PONTASSIEVE COMUNE DI REGGELLO COMUNE DI RIGNANO SULL'ARNO COMUNE DI RUFINA

3 Ricognizione delle opere di acquedotto, fognatura e depurazione ENTE GESTORE COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO COMUNE DI SAN GODENZO utenze domestiche volumi domestici (mc/anno) utenze produttive volumi produttivi (mc/anno) utenze agricole volumi agricoli (mc/anno) altre utenze volumi altre utenze (mc/anno) TOTALE UTENZE VOLUMI TOTALI FATTURATI (mc/anno) COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE COMUNE DI TERRANUOVA BRACCIOLINI COMUNE DI VERNIO COMUNE DI VICCHIO CONSORZIO ACQUEDOTTO VALLE DEL LAMONE CONSORZIO AMAG-Agliana-Montale-Acqua-Gas CONSORZIO INTERCOMUNALE ACQUA GAS FIORENTINAGAS PUBLISERVIZI SPA SEABO srl TOTALE ATO

4 Ricognizione delle opere di acquedotto, fognatura e depurazione Tabella 7 Lunghezza delle reti di acquedotto per ente gestore ENTE GESTORE lunghezza totale adduttrici (Km) lunghezza totale rete distribuzione (Km) totale rete (Km) Popolazione Servita (da istat 96) metri rete/ab A.M.I. - AZIENDA MULTISERVIZI INTERCOMUNALE 133,3 146,4 279, ,4 ACQUE TOSCANE S.P.A. 58,4 59,2 117, ,8 AREA RAVENNA 11,0 8,0 19, ,2 AZIENDA SERVIZI PUBBLICI 37,8 700,0 737, ,5 COMUNE DI BARBERINO DI MUGELLO 35,4 57,8 93, ,4 COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOPRA 20,5 14,0 34, ,9 COMUNE DI CAVRIGLIA 61,3 80,9 142, ,3 COMUNE DI DICOMANO 17,0 34,0 51, ,7 COMUNE DI FIGLINE VALDARNO 23,8 64,7 88, ,1 COMUNE DI FIRENZE 119,4 900, , ,7 COMUNE DI INCISA VALDARNO 13,5 30,7 44, ,2 COMUNE DI LONDA 24,1 30,0 54, ,2 COMUNE DI LORO CIUFFENNA 51,8 33,6 85, ,9 COMUNE DI MONTEVARCHI 22,4 121,5 143, ,6 COMUNE DI PELAGO 49,9 49,9 99, ,4 COMUNE DI PIAN DI SCO' 17,9 42,0 59, ,6 COMUNE DI PONTASSIEVE 28,6 74,0 102, ,0 COMUNE DI REGGELLO 65,0 94,5 159, ,0 COMUNE DI RIGNANO SULL'ARNO 26,8 32,2 59, ,9 COMUNE DI RUFINA 18,5 54,2 72, ,9 COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE 33,9 19,5 53, ,3 COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO 0,9 52,0 52, ,2 COMUNE DI SAN GODENZO 43,6 27,5 71, ,2 COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE 14,3 28,7 43, ,5 23

5 Ricognizione delle opere di acquedotto, fognatura e depurazione ENTE GESTORE lunghezza totale adduttrici (Km) lunghezza totale rete distribuzione (Km) totale rete (Km) Popolazione Servita (da istat 96) metri rete/ab COMUNE DI TERRANUOVA BRACCIOLINI 17,1 52,3 69, ,5 COMUNE DI VERNIO 36,4 83,4 119, ,6 COMUNE DI VICCHIO 22,5 94,5 117, ,8 CONSORZIO ACQUEDOTTO VALLE DEL LAMONE 35,5 47,0 82, ,9 CONSORZIO AMAG-Agliana-Montale-Acqua-Gas 44,2 92,0 136, ,2 CONSORZIO INTERCOMUNALE ACQUA GAS 140, , , ,0 FIORENTINAGAS PUBLISERVIZI SPA 200,3 249,8 450, ,5 SEABO srl 0,0 0,9 0, ,0 TOTALE ATO 1.424, , , ,5 24

6 Ricognizione delle opere di acquedotto, fognatura e depurazione Normalmente, come è lecito attendersi, i valori di ml/ab aumentano all aumentare della popolazione dei comuni e della loro dispersione territoriale, per cui comuni collinari o montani risultano avere valori pro-capite di rete di gran lunga superiori delle grandi città o dei comuni di pianura. I valori più bassi, di circa 3 ml/ab servito si registrano per il comune di Firenze e per quello di S.Giovanni Valdarno. Normalmente i valori medi risultano essere compresi tra i 7 e i 20 metri per abitante servito, con un picco di 61 per il Comune di S.Godenzo legato alla presenza di ben 71 Km di rete (di cui solo 41 di adduttrici) a servizio di poco più di 1100 abitanti. Ancora più eclatante è il caso di 2 frazioni del comune di Marradi gestite da Area Ravenna a cui fanno capo 19 km di rete per servire circa 100 abitanti. Il dato di lunghezza pro-capite per abitante servito a livello di ambito risulta essere di circa 5.5 metri per abitante, valore che risente del forte peso che hanno i grossi agglomerati urbani della piana di Firenze, Prato e Pistoia rispetto al resto della popolazione disseminata nel territorio dell ambito. In tabella 8 è riportato, in riferimento alle reti di distribuzione, un valore medio pesato di età delle tubazioni che dà una prima indicazione sullo stato di vetustà delle tubazioni e quindi sul probabile stato di conservazione ed il relativo livello di efficienza strutturale. 13 comuni dell ambito, tra cui Firenze e Pistoia presentano l anno medio di costruzione delle tubazioni delle reti di distribuzione precedente al 1965 (1957 per Firenze e 1956 per Pistoia), avendo quindi un certo grado di vetustà mentre i comuni rimanenti presentano gli anni medi di realizzazione che variano dai primi anni 70 a metà degli anni 80. A livello di ambito, l età media delle reti di distribuzione è di circa 27 anni, essendo il 1971 l anno medio di costruzione. 25

7 Ricognizione delle opere di acquedotto, fognatura e depurazione Tabella 8 Anno medio di costruzione delle reti di acquedotto per ente gestore Comune Lunghezza rete di distribuzione (Km) anno medio di costruzione rete Agliana Bagno a Ripoli Barberino di Mugello Calenzano Campi Bisenzio Cantagallo Carmignano Castelfranco di Sopra Cavriglia Dicomano Fiesole Figline Valdarno Firenze Greve in Chianti Impruneta Incisa Valdarno Lastra a Signa Londa Loro Ciuffenna Marradi Montale Montevarchi Pelago Pian di Sco Pistoia Poggio a Caiano Pontassieve Prato Reggello Rignano sull'arno Rufina Sambuca Pistoiese San Giovanni Valdarno San Godenzo Scandicci Serravalle Pistoiese Sesto Fiorentino Signa Terranuova Bracciolini Vaglia Vaiano Vernio Vicchio Totale Ambito

8 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n. 3 Mediovaldarno Piazza Indipendenza, n 28 - FIRENZE Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura e depurazione Firenze giugno

9 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Indice 1. IL SERVIZIO DI FOGNATURA LA POPOLAZIONE SERVITA TIPOLOGIA DELLE RETI DI RACCOLTA CARATTERISTICHE DELLE RETI STATO DI CONSERVAZIONE IL SERVIZIO DI DEPURAZIONE LA POPOLAZIONE SERVITA GLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI...6 i

10 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura 1. Il servizio di fognatura 1.1. La popolazione servita Il dato sulla popolazione servita è di grande importanza, perché qualifica il livello di penetrazione raggiunto dal sistema delle fognature dinamiche; è quindi un buon indicatore della qualità del servizio. Nel valutare tale dato occorre tenere comunque conto delle diverse caratteristiche del territorio e dei differenti modelli di insediamento della popolazione. La Tab. 1.1 riporta la percentuale di copertura del servizio così come desunta dalle schede della ricognizione; si è al dato sulla popolazione residente al 1996 affiancata la percentuale di abitanti in case sparse rilevata dal Censimento ISTAT Essendo il grado di copertura del servizio allo stato attuale un dato di stima, esso può essere affetto da un certo margine di errore. Il confronto tra la percentuale di copertura del servizio e quella relativa agli abitanti in case sparse ci offre una prima valutazione sulla attendibilità di quanto emerso. E infatti assai improbabile che i residenti in case sparse siano tutti allacciati alla pubblica fognatura; è piuttosto verosimile che essi siano dotati di sistemi privati di smaltimento dei propri reflui. Ciò significa che esistono per taluni Comuni ragionevoli dubbi sull effettivo grado di copertura del servizio. Il valore medio a livello di Ambito è comunque secondo i dati rilevati pari all 87%. Ricordiamo che uno studio preliminare PROAQUA del 96 sul territorio dell ATO valutava i serviti da fognature nell 82% dei residenti. Rilevazioni svolte recentemente nelle Province di Rimini, Ravenna e Forlì hanno fornito le seguenti percentuali di popolazione servita: 88,5% - 83,5% - 73,3% Tipologia delle reti di raccolta Lo sviluppo complessivo delle reti di raccolta ammonta a circa 3200 Km. Si tratta in prevalenza di reti miste; l 88% delle lunghezze censite si riferisce a reti di raccolta di acque nere e bianche (Tab. 1.2). Solo in alcuni Comuni è sensibile la presenza di reti separate: Agliana, Firenze, Montevarchi, Pistoia, Prato, Quarrata, Serravalle Pistoiese, Sesto Fiorentino. Ricordiamo che è in atto una tendenza allo sviluppo di sistemi separati anche nelle zone già in precedenza coperte da fognature miste. 1

11 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Al di là di motivazioni di tipo tecnico, questa politica si traduce spesso nel mantenere il controllo da parte dei gestori aziendali sulle condotte delle sole acque nere; l allontanamento delle acque bianche rischia di entrare in una zona d ombra in cui le competenze (e gli oneri di gestione) vedrebbero Comuni e Consorzi di bonifica coinvolti con ruoli non chiaramente definiti. Questa tendenza è emersa di recente in alcune aree della Romagna dove le aziende si gestione hanno perseguito una forte politica di separazione delle reti; nella provincia di Rimini il 41% della lunghezza delle reti è relativa a fognature separate, in quella di Forlì il 36%. Ricordiamo che ai sensi del DPCM 4 Marzo 1996 le fognature separate si devono prevedere di norma, salvo ragioni tecniche, economiche ed ambientali contrarie, nelle zone di nuova urbanizzazione e nei rifacimenti di quelle preesistenti. Rispetto a tale indicazione riteniamo si debbano porre almeno due questioni: 1. il raccordo tra la gestione del servizio idrico integrato e gestione idraulica del territorio; 2. la valutazione delle ricadute sulla tariffa che importanti trasformazioni dell attuale sistema fognario avrebbero nei confronti degli utenti Caratteristiche delle reti Oltre alla estensione della rete di raccolta sono state censite le lunghezze dei collettori fognari, che allontanano i reflui dalle aree urbane e li convogliano allo scarico. La lunghezza di rete e collettori è sull intero territorio dell ATO pari a 3700 Km con una dotazione media di 3,2 metri per abitante residente (Tab. 1.3). Studi svolti su ambiti della Toscana indicano valori similari nell ordine di 3,4-3,5 m/ab, mentre indagini più recenti condotte in Romagna hanno portato alla rilevazione di dotazioni più consistenti, di 5 m/ab a Forlì, 5,4 a Rimini e 6,4 a Ravenna. Questi maggiori valori unitari sono da correlare in parte ad una maggiore capillarità del servizio, ed in parte al già citato fenomeno di separazione delle reti. Rileviamo come per taluni Comuni i valori siano ampiamente al di sopra della media; la natura dei territori e la tipologia delle abitati può in taluni casi giustificare tali scostamenti, in altri, trattandosi di lunghezze derivate da stime, può porsi un problema di correttezza del dato. Sull intero Ambito il diametro pesato per le reti è di 549 mm; si tratta di un valore elevato ma congruente con la prevalente natura mista delle reti. 2

12 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Anche in questo caso il dato medio essendo frutto nella gran parte dei casi di stime, risente della diversa affidabilità con cui queste sono state effettuate dai tecnici locali. La successiva Tab. 1.4 aiuta ulteriormente a caratterizzare la struttura delle reti di raccolta. Si tratta innanzi tutto di sistemi fognanti che mantengono la prerogativa di un funzionamento a gravità, ed in cui le condotte in pressione riguardano tratti limitati, presenti in circa un terzo dei comuni dell ATO. Ricordiamo che le reti in pressione ancorchè necessarie rappresentano quasi sempre un elemento di complicazione gestionale, sia per i costi energetici aggiuntivi, sia per la maggiore onerosità delle manutenzioni. Importante è anche il dato relativo alla tipologia degli spechi, che identifica l assetto prevalente delle opere anche secondo un criterio di specializzazione. Circa il 6% dei Km di rete censiti sono stati classificati nella tipologia dei canali; in tre Comuni sono segnalati consistenti lunghezze, Campi Bisenzio, Pistoia e Prato. In questi casi è possibile che esistano tratti di rete che utilizzano fossi e scoli di campagna, in cui vi è quindi ancora commistione con l assetto idraulico del territorio. E possibile che si tratti anche di canali che nel corso del tempo sono stati oggetto di interventi di copertura, anche se rimangono dubbi sulla funzionalità e sulla correttezza con cui questi interventi sono chiamati a rispondere alla luce delle attuali normative (DPCM 4 Marzo 1996) Stato di conservazione La Tab. 1.5 riporta il giudizio qualitativo che i gestori hanno espresso sullo stato di conservazione delle reti esistenti. Il quadro che emerge permette le seguenti considerazioni: a livello di Ambito, per circa il 7% della lunghezza delle reti viene fornito un giudizio di insufficienza. Una decina di Comuni segnalano questo stato per oltre il 20% della estensione delle proprie reti, evidenziando un livello di criticità che andrà prioritariamente recepito dal piano degli adeguamenti; sempre a livello di Ambito, circa il 37% della lunghezza delle reti è considerata in buone condizioni; non dovrebbero porsi quindi nell immediato problemi di manutenzioni o ristrutturazioni significative; per il 55 % delle reti lo stato attuale di conservazione viene considerato sufficiente, pur con situazioni che si diversificano all interno dei singoli Comuni; in nessun Comune viene segnalata una condizione di ottimalità nella conservazione delle reti. 3

13 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Nell intero Ambito la vita media delle reti, pesata rispetto alla loro lunghezza, è di 42 anni; su questo risultato incide in maniera rilevante la rete di Firenze, che datata come anno medio 1930, incide per oltre il 20% della lunghezza delle reti sull intero Ambito. Non sempre è possibile riscontrare una buona sovrapposizione tra il giudizio sulla conservazione delle reti ed il loro periodo di realizzazione. Se ad oggi il giudizio sull intero parco fognario è dunque soddisfacente, questo stesso giudizio, che però non è di eccellenza, ci porrà il problema di come nei prossimi anni intervenire su queste opere perché il loro stato di conservazione non decada, ma anzi si possa migliorare. Vedremo nel piano degli adeguamenti che il problema della riabilitazione e del mantenimento delle reti fognarie è destinato ad assumere una importante incidenza nel bilancio dei costi del servizio. 4

14 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura 2. Il servizio di depurazione 2.1. La popolazione servita E stato richiesto nella fase di ricognizione ai diversi gestori di indicare se le reti fognarie censite fossero prima dello scarico finale soggette a depurazione completa o in forma parziale, o se del tutto prive di qualsiasi trattamento. La Tab. 2.1 restituisce secondo il diverso grado di depurazione i dati relativi a numero delle reti censite, lunghezza e popolazione servita. Questi dati offrono complessivamente un quadro di larga insufficienza nello smaltimento dei reflui urbani; l impressione che si deriva è quella di uno sforzo fin qui incentrato sull allontanamento degli scarichi dagli insediamenti civili, ma non concluso attraverso idonee opere di trattamento finale. I dati generali a livello di ATO indicano come solo il 30% delle reti censite sia soggetta a depurazione completa: a queste reti sono associati rispettivamente uno sviluppo di circa il 20% dei Km ed una popolazione di residenti (22% della popolazione servita da reti fognarie). Un altro 8% delle reti è soggetto a depurazione parziale: ad esso corrisponde il 18% dei Km censiti e il 17% circa della popolazione servita da fognatura. La questione rilevante è dunque relativa a ciò che oggi non subisce alcun tipo di depurazione. Il 62% delle reti censite giunge allo scarico senza alcun trattamento preliminare; queste reti presentano una estensione che raggiunge il 62% dell intera infrastruttura di raccolta e soprattutto su di esse insiste una popolazione di oltre abitanti (il 60% dei residenti serviti da fognatura non subisce alcun processo di depurazione dei propri scarichi). Questi dati pur se frutto di stime fornite dai gestori, e quindi soggetti ad imprecisioni che sono evidenti su taluni Comuni, complessivamente offrono un quadro verosimile che viene sostanzialmente confermato dalla successiva analisi sulle dotazioni impiantistiche Gli impianti di depurazione Sono stati censiti 113 impianti la cui potenzialità di progetto è valutata in circa Abitanti Equivalenti. Il carico che viene trattato da questi impianti è stimato nell ordine di A.E. L apparente buona capacità depurativa del parco impianti non deve tuttavia trarre in inganno. E noto infatti che ai depuratori di Figline, Prato, Vaiano e Vernio giungono importanti scarichi provenienti dall industria, e che vengono stimati in quasi A.E. 5

15 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura La capacità depurativa riservata al comparto dei reflui civili si può dire dunque che possa essere nell ordine dei A.E.. Questo dato non è dissimile da quello ricavato per altra via sugli abitanti che, serviti da pubblica fognatura, sono anche soggetti a depurazione (si veda la Tab. 2.1). In termini di prospettiva, quanto emerge lascia prevedere la necessità di un ingente sforzo volto a colmare il deficit attuale di potenzialità. Si ritiene che, stante la struttura socio-economica del territorio dell ATO la dotazione impiantistica dovrà evolvere in futuro verso il raddoppio della attuale capacità fino a raggiungere un rapporto di 2,2-2,3 tra Abitanti Equivalenti e Abitanti residenti, valore che in aree mediamente strutturate individua una sufficiente saturazione del fabbisogno ascrivibile alla componente civile ed alla quota di liquami industriali che recapitano in fognatura Caratteristiche degli impianti La Tab. 2.3 riassume alcuni dati che bene rappresentano l attuale assetto delle infrastrutture depurative. Prevalente è la tipologia degli impianti a fanghi attivi, con o senza nitrificazione: 75 unità realizzano una potenzialità di progetto pari a circa A.E. ed un carico trattato di A.E.. Limitati sono nel numero e nella potenzialità le vasche Imhoff ed i letti percolatori. Esistono inoltre alcuni impianti i cui indirizzi costruttivi non sono classificabili secondo una casistica tradizionale, ma la cui potenzialità è residuale rispetto a quanto descritto. Giova ricordare che ad oggi, in assenza dell impianto di Firenze - San Colombano, il depuratore di Prato - Baciacavallo concentra il 60% del carico trattato. Pertanto l attuale assetto di opere è costituito da impianti di taglia mediamente inferiore ai A.E., con i problemi conseguenti sul piano gestionale e dei controlli. La successiva Tab. 2.4 consente di caratterizzare ulteriormente il parco impianti. Le informazioni desumibili confermano sostanzialmente una certa povertà tecnologica delle strutture esistenti. I trattamenti terziari riguardano un numero limitato di impianti: l abbattimento delle sostanze azotate è segnalato in 12 impianti e quello del fosforo in soli tre impianti. La disinfezione delle acque in uscita dopo i trattamenti avviene in 21 unità. La presenza di apparecchiature di telecontrollo è localizzata su 13 depuratori, mentre una qualche forma di presidio, per lo più temporaneo del personale è indicata in 32 impianti. 6

16 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Queste caratteristiche sono peraltro congruenti con la struttura dell apparato depurativo, che come si è visto è costituito da un numero elevato di impianti di piccola taglia per i quali difficilmente è possibile prevedere un alto livello tecnologico e condizioni di monitoraggio adeguate. Considerazioni a parte vanno fatte per lo sviluppo della linea fanghi. Degli impianti censiti circa 30 sono interessati da un completamento della linea acque con trattamento dei fanghi per via aerobica o anaerobica. Per altri 40 impianti è segnalato il trasferimento dei fanghi ad altro impianto. Questo fatto va giudicato positivamente, in quanto mostra come le gestioni più evolute abbiano cercato di superare la frammentazione degli impianti con una centralizzazione del trattamento sulle unità di maggiori dimensioni. D altra parte questi dati confermano anche la precarietà del quadro esistente; per altri 40 impianti sono infatti segnalati trattamenti poco affidabili, o in taluni casi del tutto assenti. Questi casi riguardano evidentemente la realtà dei piccoli impianti, con potenzialità solitamente inferiori ai A.E. La vita media del patrimonio impiantistico in essere è di circa 12 anni; la maggior parte dei depuratori è stata realizzata a metà degli anni 80 in concomitanza con gli ingenti sforzi sostenuti in quel periodo grazie agli specifici finanziamenti previsti dal Fondo Investimenti Occupazione. Mediamente si può dire che il parco impianti si trova circa a metà del ciclo di vita utile e che nel prossimo decennio occorrerà adeguare e ristrutturare progressivamente quanto è oggi in attività. 7

17 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Popolazione servita da fognatura CC Comune Pop. Resid. abitanti copertura copertura nell'anno 1996 case sparse Lotti Proaqua 1 Agliana % 80% 92% 2 Bagno a Ripoli % 99% 67% 3 Barberino di Mugello % 90% 84% 4 Borgo San Lorenzo % 95% 82% 5 Calenzano % 100% 90% 6 Campi Bisenzio % 95% 92% 7 Cantagallo % 78% 67% 8 Carmignano % 100% 73% 9 Castelfranco di Sopra % 78% 73% 10 Cavriglia % 100% 77% 11 Dicomano % 81% 79% 12 Fiesole % 93% 77% 13 Figline Valdarno % 86% 90% 14 Firenze % 99% 79% 15 Firenzuola % 86% 53% 16 Greve in Chianti % 99% 54% 17 Impruneta % 100% 79% 18 Incisa Valdarno % 78% 91% 20 Londa % 75% 60% 21 Loro Ciuffenna % 80% 74% 22 Marradi % 90% 76% 23 Montale % 89% 72% 24 Montemurlo % 95% 99% 25 Montevarchi % 98% 90% 26 Palazzuolo sul Senio % 100% 59% 27 Pelago % 95% 76% 28 Pian di Sco % 92% 86% 29 Pistoia % 57% 74% 31 Pontassieve % 85% 86% 32 Prato % 90% 98% 33 Quarrata % 47% 61% 34 Reggello % 80% 76% 35 Rignano sull'arno % 85% 59% 36 Rufina % 91% 84% 37 Sambuca Pistoiese % 81% 60% 38 San Giovanni Valdarno % 99% 97% 39 San Godenzo % 68% 60% 40 San Piero a Sieve % 90% 81% 42 Scarperia % 70% 73% 43 Serravalle Pistoiese % 59% 53% 44 Sesto Fiorentino % 99% 96% 45 Signa % 95% 76% 46 Terranuova Bracciolini % 95% 64% 47 Vaglia % 92% 62% 48 Vaiano % 78% 76% 49 Vernio % 99% 78% 50 Vicchio % 83% 62% Totale % 87% 82% Nota. I comuni di Lastra a Signa, Poggio a Caiano e Scandicci non hanno fornito dati sul servizio di fognatura durante la ricognizione. Tuttavia si dispone del dato di copertura di PROAQUA pari rispettivamente all 86% per Lastra a Signa ( residenti Istat 96), 96% per Poggio a Caiano (8.329 residenti) e 96% per Scandicci ( residenti). Gli abitanti coperti dal servizio di fognatura a livello di Ambito sono in totale pari a secondo il dato di copertura PROAQUA. 8

18 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Tipologia delle reti di raccolta CC Comune n Reti Rete bianca Rete mista Rete nera Totale Rete (Km) (Km) (Km) (Km) 1 Agliana 4 5,3 46,8 15,9 68,0 2 Bagno a Ripoli 11 46,8-46,8 3 Barberino di Mugello 3-46,0-46,0 4 Borgo San Lorenzo 14-43,3-43,6 5 Calenzano 11-37,6-37,6 6 Campi Bisenzio 1-135,0-135,0 7 Cantagallo 7-24,1-24,1 8 Carmignano 7-33,6-33,6 9 Castelfranco di Sopra 5 2,2 8,9-11,1 10 Cavriglia 8-12,1-12,1 11 Dicomano 2-6,5-6,5 12 Fiesole 8 0,3 78,4 1,0 79,7 13 Figline Valdarno 7 0,6 36,7-37,3 14 Firenze 22 40,0 654,6 50,4 745,0 15 Firenzuola 6-18,6-19,6 16 Greve in Chianti 9 26,5-26,5 17 Impruneta 11 4,4 71,1 2,4 77,9 18 Incisa Valdarno 5-23,2-23,2 20 Londa 1-3,0-3,0 21 Loro Ciuffenna 21 0,6 75,9-76,5 22 Marradi 5-14,0-14,0 23 Montale 4 0,4 24,1 5,7 30,1 24 Montemurlo 3-57,0-57,0 25 Montevarchi 8 4,9 37,7 30,0 72,6 26 Palazzuolo sul Senio 1-3,5-3,5 27 Pelago 6 0,0 8,7-8,8 28 Pian di Sco 4-12,5-12,5 29 Pistoia ,5 74,0 287,2 31 Pontassieve 8 0,8 59,2 0,8 60,9 32 Prato 1 26,0 468,0 26,0 520,0 33 Quarrata 6-13,0 13,0 26,0 34 Reggello 12-53,5-53,5 35 Rignano sull'arno 10-13,9-13,9 36 Rufina 5-10,3-10,3 37 Sambuca Pistoiese 13-8,9-8,9 38 San Giovanni Valdarno 4 0,8 23,9 3,4 28,0 39 San Godenzo 4-5,9-5,9 40 San Piero a Sieve 1-11,4-11,4 42 Scarperia 5 1,2 37,2 1,2 39,5 43 Serravalle Pistoiese 6 26,0 5,5 23,0 54,5 44 Sesto Fiorentino 2 10,0 100,0 10,0 120,0 45 Signa 10-30,8-30,8 46 Terranuova Bracciolini 18 0,5 40,1 0,5 41,0 47 Vaglia 7-12,7-12,7 48 Vaiano 3-39,0-39,0 49 Vernio 6-25,2-25,2 50 Vicchio 9-51,9-51,9 Totale , ,0 257, ,2 9

19 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Caratteristiche delle reti di fognatura CC Comune Lungh. (km) Diametro Lungh. (km) rete+ rete medio (mm) collettori collettori m/ab.serv. 1 Agliana 68, ,7 71,7 6,2 2 Bagno a Ripoli 46, ,3 70,1 2,7 3 Barberino di Mugello 46, ,0 7,5 4 Borgo San Lorenzo 43, ,5 45,1 3,6 5 Calenzano 37, ,4 40,0 4,1 6 Campi Bisenzio 135, ,0 4,6 7 Cantagallo 24, ,0 39,1 18,2 8 Carmignano 33,6 1,5 35,1 3,4 9 Castelfranco di Sopra 11, ,8 11,9 7,2 10 Cavriglia 12, ,1 24,2 3,9 11 Dicomano 6, ,4 10,9 3,9 12 Fiesole 79, ,6 84,3 6,0 13 Figline Valdarno 37, ,1 40,4 14,0 14 Firenze 745, ,7 774,7 2,2 15 Firenzuola 19,6 49 5,2 24,8 13,5 16 Greve in Chianti 26, ,9 33,4 5,0 17 Impruneta 77, ,0 82,9 7,4 18 Incisa Valdarno 23, ,9 26,1 7,3 20 Londa 3, ,0 4,0 3,5 21 Loro Ciuffenna 76, ,8 87,3 26,2 22 Marradi 14, ,1 19,1 7,1 23 Montale 30, ,6 60,7 6,8 24 Montemurlo 57, ,0 72,0 4,3 25 Montevarchi 72, ,6 3,2 26 Palazzuolo sul Senio 3,5 6,5 10,0 6,5 27 Pelago 8, ,1 12,9 2,1 28 Pian di Sco 12, ,8 18,3 4,8 29 Pistoia 287, ,7 359,9 4,2 31 Pontassieve 60, ,1 69,0 3,9 32 Prato 520, ,9 598,9 3,9 33 Quarrata 26, ,0 1,2 34 Reggello 53, ,0 141,5 10,3 35 Rignano sull'arno 13, ,7 15,6 3,0 36 Rufina 10, ,3 12,5 2,0 37 Sambuca Pistoiese 8, ,3 15,2 17,4 38 San Giovanni Valdarno 28, ,3 43,3 2,6 39 San Godenzo 5, ,8 10,7 20,1 40 San Piero a Sieve 11,4 11,4 3,3 42 Scarperia 39, ,5 17,8 43 Serravalle Pistoiese 54, ,0 56,5 6,8 44 Sesto Fiorentino 120, ,0 2,4 45 Signa 30, ,5 31,3 2,3 46 Terranuova Bracciolini 41, ,7 54,7 6,3 47 Vaglia 12, ,7 4,2 48 Vaiano 39, ,0 45,0 5,9 49 Vernio 25, ,9 29,1 4,9 50 Vicchio 51, ,3 58,2 13,7 Totale 3.192, , ,2 3,7 10

20 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Caratteristiche delle reti CC Comune Funzionamento idraulico (Km) Tipologia spechi (Km) a gravità in pressione canali condotte 1 Agliana 66,2 1,8-68,0 2 Bagno a Ripoli 46, ,8 3 Barberino di Mugello 46,0-0,2 45,9 4 Borgo San Lorenzo 43, ,6 5 Calenzano 37, ,6 6 Campi Bisenzio 135,0-121,5 13,5 7 Cantagallo 24, ,1 8 Carmignano 33, ,6 9 Castelfranco di Sopra 10,5-2,2 8,9 10 Cavriglia 12, ,1 11 Dicomano 6, ,5 12 Fiesole 79, ,7 13 Figline Valdarno 36,9 0,4 0,6 36,7 14 Firenze 686,0 14,0-745,0 15 Firenzuola 15, ,6 16 Greve in Chianti 24,8 1,7-26,5 17 Impruneta 37, ,9 18 Incisa Valdarno 23, ,2 20 Londa 3, ,0 21 Loro Ciuffenna 76, ,5 22 Marradi 11,7 1,5-14,0 23 Montale 28,4 1,7-30,1 24 Montemurlo 57,0-3,0 54,0 25 Montevarchi 71,5 1,1 3,1 69,5 26 Palazzuolo sul Senio 3, ,5 27 Pelago 8,3 0,5-8,8 28 Pian di Sco 10, ,5 29 Pistoia 266,4 10,3 43,4 241,8 31 Pontassieve 60,2 0,8 6,7 52,7 32 Prato 494,0 26,0 26,0 494,0 33 Quarrata 20,9 4,8-25,7 34 Reggello 53, ,5 35 Rignano sull'arno 13, ,9 36 Rufina 10, ,3 37 Sambuca Pistoiese 8, ,9 38 San Giovanni Valdarno 28, ,0 39 San Godenzo 5, ,9 40 San Piero a Sieve 11, ,4 42 Scarperia 39, ,5 43 Serravalle Pistoiese 50,0 4,5-54,5 44 Sesto Fiorentino 119,0 1,0-120,0 45 Signa 30,8-1,8 29,0 46 Terranuova Bracciolini 40,6 0,5-41,0 47 Vaglia 12, ,7 48 Vaiano 39, ,0 49 Vernio 25, ,2 50 Vicchio 51, ,9 Totale 3.018,2 70,5 208, ,9 11

21 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Stato di conservazione delle reti di fognatura CC Comune Stato della rete (Km) anno medio insufficiente sufficiente buono ottimo di realizzaz. 1 Agliana 15,0-53, Bagno a Ripoli , Barberino di Mugello - 37,5 8, Borgo San Lorenzo - 43, Calenzano 5,8 3,9 28, Campi Bisenzio , Cantagallo 24, Carmignano , Castelfranco di Sopra - 6,0 5, Cavriglia - 3,7 8, Dicomano 0,5 3,0 3, Fiesole 57,6 16,1 5, Figline Valdarno 3,0 11,6 22, Firenze - 674,8 70, Firenzuola - 19, Greve in Chianti - 25,6 0, Impruneta - 0,2 77, Incisa Valdarno - 13,2 10, Londa 0,4-2, Loro Ciuffenna 4,8 68,9 6, Marradi 0,9 1,5 9, Montale - 14,1 16, Montemurlo - 28,5 28, Montevarchi 15,1 35,3 22, Palazzuolo sul Senio - 3, Pelago - 3,4 5, Pian di Sco - 6,6 5, Pistoia 10,7 51,9 224, Pontassieve 18,5 39,1 3, Prato - 390,0 130, Quarrata - 13,0 13, Reggello - 3,5 29, Rignano sull'arno - 10,6 5, Rufina 4,0 1,1 5, Sambuca Pistoiese 5,4 1,4 2, San Giovanni Valdarno - 19,0 9, San Godenzo 4,8 0,9 0, San Piero a Sieve - 11, Scarperia - 23,8 15, Serravalle Pistoiese - 36,5 18, Sesto Fiorentino - 50,0 70, Signa 15,4 13,9 1, Terranuova Bracciolini 1,8 22,5 15, Vaglia - 12, Vaiano - 1,8 37, Vernio 1,5 23, Vicchio 40,1 6,2 5, Totale 229, ,4 1190,

22 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Popolazione servita da depurazione Depurazione Depurazione completa Depurazione parziale Depurazione assente CC Comune n reti Km Abitanti n reti Km Abitanti n reti Km Abitanti 1 Agliana 1 18, , , Bagno a Ripoli 5 30, , , Barberino di Mugello 0 0, , , Borgo San Lorenzo 3 20, , , Calenzano 1 0, , , Campi Bisenzio 0 0, , , Cantagallo 0 0, , , Carmignano 1 1, , , Castelfranco di Sopra 0 0, , , Cavriglia 5 7, , , Dicomano 0 0, , , Fiesole 3 71, , , Figline Valdarno 5 35, , , Firenze 2 4, , , Firenzuola 6 19, , , Greve in Chianti 2 2, , , Impruneta 8 36, , , Incisa Valdarno 0 0, , , Londa 0 0, , , Loro Ciuffenna 0 0, , , Marradi 3 10, , , Montale 4 30, , , Montemurlo 1 30, , , Montevarchi 1 12, , , Palazzuolo sul Senio 1 3, , , Pelago 3 6, , , Pian di Sco 1 5, , , Pistoia 19 71, , , Pontassieve 3 47, , , Prato 0 0, , , Quarrata 6 26, , , Reggello 4 15, , , Rignano sull'arno 5 10, , , Rufina 0 0, , , Sambuca Pistoiese 0 0, , , San Giovanni Valdarno 3 25, , , San Godenzo 0 0, , , San Piero a Sieve 0 0, , , Scarperia 0 0, , , Serravalle Pistoiese 2 23, , , Sesto Fiorentino 0 0, , , Signa 0 0, , , Terranuova Bracciolini 5 5, , , Vaglia 2 1, , , Vaiano 1 35, , , Vernio 1 10, , , Vicchio 1 40, , ,7 959 TOTALE , , ,

23 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Impianti di depurazione censiti CC Comune Impianti Potenzialità di progetto (AE) Carico attuale (AE) 1 Agliana Bagno a Ripoli Borgo San Lorenzo Calenzano Carmignano Cavriglia Fiesole Figline Valdarno Firenze Firenzuola Greve in Chianti Impruneta Incisa Valdarno Lastra a Signa Marradi Montale Montevarchi Palazzuolo sul Senio Pelago Pistoia Pontassieve Prato Quarrata Reggello Rignano sull'arno Sambuca Pistoiese San Giovanni Valdarno Serravalle Pistoiese Terranuova Bracciolini Vaglia Vaiano Vernio Vicchio Totale

24 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Caratteristiche degli impianti Tipologia dell'impianto Impianti censiti Potenzialità di progetto (AE) Carico attuale (AE) Imhoff Letti percolatori Ossidazione senza nitrificazione Ossidazione con nitrificazione Totale

25 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura Tab Caratteristiche degli impianti CC Comune Impianti Linea acque con Linea acque con Linea acque con Linea fanghi con Linea fanghi con Telecontrollo Presidio censiti denitrificazione defosfatazione disinfezione digestione aerobica digestione anaerobica 1 Agliana Bagno a Ripoli Borgo San Lorenzo Calenzano Carmignano Cavriglia Fiesole Figline Valdarno Firenze Firenzuola Greve in Chianti Impruneta Incisa Valdarno Lastra a Signa Marradi Montale Montevarchi Palazzuolo sul Senio Pelago Pistoia Pontassieve Prato Quarrata Reggello Rignano sull'arno Sambuca Pistoiese San Giovanni Valdarno Serravalle Pistoiese Terranuova Bracciolini Vaglia Vaiano Vernio Vicchio Totale

26 17 Rapporto sullo stato attuale dei servizi di fognatura

27 Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n. 3 del Medio Valdarno FIRENZE Piazza Indipendenza, 28 Tel 055, Fax 055, Analisi della domanda attuale e futura dei servizi idrici - Sintesi 28 maggio maggio 1999 Analisi della domanda.doc 13 Data creazione. Data aggiornamento Nome del file pagine

28 Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n.3 del Medio Valdarno Analisi della domanda 1 Analisi della domanda.doc Rev. Pag 2di 13 indice 1 Introduzione La popolazione Idroesigenza industriale I carichi inquinanti Il turismo Le superfici irrigue Le proiezioni dei fabbisogni e dei carichi...10 Indice delle tabelle Tabella 1 - Acqua fatturata e stime degli usi (1996, 2007 e 2017)...11 Tabella 2-1 Carichi inquinanti attuali e prospettici, (1996, 2007 e 2017)...12 Tabella 3 - Carichi inquinanti in BOD (2007 e 2017)...13 Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n. 3 del Medio Valdarno

29 Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n.3 del Medio Valdarno Analisi della domanda 1 Analisi della domanda.doc Rev. Pag 3di 13 1 Introduzione L'indagine compiuta presso i comuni e gli enti acquedottistici ha permesso di raccogliere dati sui volumi fatturati per tutti i gestori dell'ambito e per i diversi usi, domestico produttivo agricolo e altri usi, per quasi tutti (non tutti) i gestori. Uno dei compiti principali della presente indagine è quello di riuscire a valutare il volume di risorsa attualmente consumato dagli abitanti residenti; volume a cui poi va aggiunto il consumo relativo agli altri usi: quello degli abitanti non residenti, quello delle attività produttive e dei servizi, gli usi pubblici. La determinazione più esatta possibile della dotazione giornaliera procapite è il momento chiave dell'analitica dei consumi, in quanto il consumo domestico può essere considerato l'anima del servizio acquedottistico, seguito dai consumi civili (servizi pubblici e privati) e dai consumi connessi alle attività urbane (commercio, artigianato, uffici, ecc.). Inoltre, dalla definizione più precisa possibile del consumo per abitante discende una migliore proiezione del consumo domestico ai diversi traguardi temporali. I dati restituiti dall'indagine sui gestori di acquedotto presentano alcuni problemi. Il primo, più vistoso, è che per le gestioni consortili (es, CONSIAG) o che interessano più comuni (es, Fiorentina Gas), è disponibile solo il dato globale e non il dato per comune. Per risolvere questo problema si sono utilizzate informazioni provenienti da altre indagini (relative al 1995), riguardanti però solo i volumi globali, e si sono costruite le stime dei diversi usi (turistico, attività e servizi). Il secondo problema riguarda la mancanza dell'informazione sui diversi usi, in presenza del dato generale dei volumi fatturati. Anche in questo caso abbiamo proceduto a stimare gli usi. Un terzo problema, meno visibile ma più radicale, è dato dal fatto che molti gestori che hanno fornito un'informazione dettagliata includono negli usi domestici i consumi delle case di vacanza (tutti) e molti consumi pubblici (caserme, scuole, ospedali, ecc.). Ciò falsa irrimediabilmente l'ammontare dei consumi domestici ed è stato necessario, là dove le dotazioni procapite sembravano troppo elevate rispetto a casi ben documentati, accertarsi, con ausilio delle stime teoriche, dell'entità delle presenze turistiche e dell'occupazione, 'aggiustando' conseguentemente i dati. Dotazioni ufficiali superiori, anche di molto, ai 150 l/ab/d non sembrano infatti credibili. A una verifica di questo problema presso CONSIAG, si è constatato infatti che abitualmente i gestori includono negli usi domestici, altri usi di tipo pubblico (certamente case di cura e ospedali) che alterano i risultati. CONSIAG, su nostra sollecitazione, ha fornito un dato di uso domestico 'ripulito' su tre comuni senza particolari presenze turistiche (seconde case): Prato, Sesto Fiorentino e Scandicci. In questi comuni, che secondo le schede di rilevazione risultavano possedere una dotazione per abitante pari a 150 l/ab/d, dopo la verifica i consumi risultano di circa 130 l/ab/d. Un'altra verifica presso il comune di Firenze ha consentito di attribuire un consumo annuo per abitazione di circa 132 mc. La composizione media di un nucleo familiare è di 2,48 persone, nell'ipotesi che un nucleo familiare corrisponda ad una abitazione la dotazione procapite sarebbe quindi di circa 146 l/d. Sappiamo però che circa l'8% delle abitazioni è 3

30 Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n.3 del Medio Valdarno Analisi della domanda 1 Analisi della domanda.doc Rev. Pag 4di 13 occupato da non residenti; la dotazione quindi andrebbe abbassata sottraendo il consumo idrico della popolazione non residente. Ulteriori problemi derivano da una certa confusione nelle cifre riportate sui volumi di acqua prodotta, erogata e fatturata non sempre logicamente coordinati. Per quanto riguarda fognatura e depurazione, le informazioni sui volumi da utenze produttive scaricati in rete sono in alcuni casi manchevoli e nel caso di Firenze poco credibili (circa doppi del fabbisogno idrico stimato per l'industria). Anche i dati sulla popolazione servita non sembrano sempre attendibili. Firenze con il 31,5% della popolazione residente fattura oltre il 41% dell'acqua venduta; seguono nella graduatoria gli altri capoluoghi di provincia Prato e Pistoia. La dotazione media nelle aree dell'ambito è di 132 l/ab/d, con una variabilità compresa fra i 100 e i 138 l/ab/d. Secondo le nostre stime gli usi domestici rappresentano il 62,3% dei volumi fatturati; quindi gli altri usi incidono ormai in maniera molto significativa sul complesso del consumo (e del fatturato). Nella fognatura i ricavi da utenze domestiche sono solo il 60,2% dei ricavi totali realizzati dai gestori dell'ambito, grazie soprattutto al comune di Firenze, senza di questo la percentuale salirebbe al 70,4%. Nella depurazione invece i ricavi domestici sono ancora minori, il 57,7% circa. Complessivamente il volume fatturato attualmente dai gestori è di circa 91,5 milioni di mc, così ripartiti in base ai dati dei gestori ritoccati dalle nostre stime: 55,5 milioni di mc/anno per gli usi domestici, 6,1 milioni di mc/anno per gli usi turistici, 30 milioni di mc/anno di altri usi (commerciali, terziari e industriali, servizi). Per quanto riguarda fognatura e depurazione i carichi inquinanti complessivi dell'ambito provenienti dai diversi 'produttori' sono stati valutati e in parte stimati e ammontano a 5,1 milioni di AE circa, di cui 1,074 milioni provenienti da abitanti residenti, 92mila dalle presenze turistiche (si è considerato il numero di presenze/giorno nel mese di punta), 3,8 milioni di AE dalle attività produttive e 161mila AE dai servizi. Si tratta di un carico notevole rispetto al quale la capacità di trattamento in impianti è molto limitata, solo 1,4 milioni di AE potenziali. Una parte di questo carico viene immessa in reti pubbliche di fognatura: il 90% per gli abitanti residenti e fluttuanti e per i servizi, il 30% per le attività produttive. Il resto, e cioè il 10% degli scarichi civili e il 70% degli scarichi industriali, viene quindi immesso direttamente nei corsi d'acqua o in altri in luoghi. 2 La popolazione La struttura demografica e insediativa tende ormai a smorzare le dinamiche e a raggiungere una certa stabilità (anche nel Pratese, più vivace sul piano demografico). I fenomeni di distribuzione della popolazione sono ancora particolarmente accentuati, ma si ritiene che i processi diffusivi non possano continuare con l'intensità degli anni passati, per i costi crescenti (sociali e individuali: ambiente, casa, trasporti) a carico della popolazione e delle 4

31 Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n.3 del Medio Valdarno Analisi della domanda 1 Analisi della domanda.doc Rev. Pag 5di 13 amministrazioni. Tuttavia, occorre dare per scontato l'ulteriore spostamento della popolazione in zone periferiche dove spesso le dotazioni idriche sono inferiori alla media. Negli anni 80 il numero dei nuclei familiari dell'ambito (che può essere assunto in via approssimativa come il numero di utenti dei servizi idrici) è cresciuto del 3,2% (oltre tredicimila nuclei in più) contro una diminuzione della popolazione dell'1,6%. Il numero medio dei componenti il nucleo familiare è passato da 2,91 a 2,78. L'incremento dei nuclei ha interessato quasi tutti i comuni dell'ambito, ad esclusione di alcuni centri maggiori (Firenze, Pistoia, San Giovanni Valdarno, Montevarchi) e di pochi comuni della collina-montagna a forte spopolamento e invecchiamento. Sviluppando la proiezione demografica ed introducendo un'ipotesi di ulteriore diminuzione del numero medio dei componenti il nucleo familiare, da 2,78 a 2,65, alla fine del periodo avremo nuclei familiari, circa 54mila nuclei familiari in più rispetto al La proiezione demografica è stata costruita facendo proseguire il calo della popolazione fino al 2003 di circa il 2,1% sul 1991 come applicazione del trend attuale e prevedendo una inversione nel periodo successivo (ripresa del saldo naturale abbinata allo stesso trend del saldo migratorio) pari allo 0,1% medio annuo. Gli abitanti in case sparse sono diminuiti nell'aretino dal 13,7% del 1981 all'11,5% del La diminuzione è generale ma fanno eccezione i comuni di San Giovanni Valdarno e di Pian di Sco. Analoga la diminuzione della popolazione dei nuclei (dal 3,3% al 2,3%); uniche e piccole eccezioni Castelfranco e Cavriglia. Nel Pratese la diminuzione degli abitanti in case sparse è altrettanto significativa, anche se la realtà insediativa è molto più polarizzata (dal 3% al 2%). Eccezioni sono Carmignano e Vaiano dove invece la popolazione si è distribuita sul territorio. L'evoluzione dei nuclei non è stata rilevante. Lievemente discordanti le tendenze in azione nella zona fiorentina dove nel decennio la popolazione in case sparse è rimasta pressoché invariata (dal 5,2 al 5,1%) e dove si registra una maggiore diffusione in molti comuni (Barberino, Calenzano, Impruneta, Lastra a Signa, Londa, Pontassieve, San Godenzo, San Piero a Sieve, Signa). Inoltre, è rilevante l'evoluzione degli abitanti dei nuclei che in assoluto sono da ritenersi stabili ma in termini relativi sono aumentati dall'1,9% al 2,1%; incremento che è modesto ma è il risultato di andamenti contrastanti: diminuzioni anche forti in alcuni comuni, forti incrementi in altri (Borgo San Lorenzo, Figline, Greve, Lastra, Pelago, Rignano). Anche nell'area Pistoiese gli abitanti in case sparse risultano stabili (dall'8,8 all'8,7%), grazie soprattutto ai comportamenti del capoluogo e del comune di Montale. Non paiono rilevanti, sebbene in diminuzione, le tendenze degli abitanti dei nuclei. I posti di lavoro sono nell'intero ambito aumentati del 5,2% nel passato decennio, in ogni zona ad esclusione del Pratese dove una buona crescita dell'occupazione nei servizi non è riuscita a compensare la forte diminuzione dell'occupazione industriale. In genere, la distribuzione dei posti di lavoro ha favorito lo sviluppo dei comuni di cintura e del Valdarno; i tre capoluoghi infatti, pur nella loro diversità e capacità attrattiva, perdono decisamente posizioni nell'occupazione industriale, ma anche nel commercio e nelle attività terziarie e di servizio, anche se mantengono (Firenze in particolare) la grande maggioranza degli addetti non industriali. 5

All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile. Provincia di Firenze. P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale

All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile. Provincia di Firenze. P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato C4 Analisi consumi e fabbisogni del settore civile Università degli Studi

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre periodo di riferimento: primo semestre

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE N. 1 REGIONE N. 2 Comuni di: FIRENZUOLA, LONDA, MARRADI, PALAZZUOLO SUL SENIO, SAN GODENZO Comuni di: PELAGO, REGGELLO BOSCO CEDUO 1816,00 SI 1743,00

Dettagli

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello COMUNE di EMPOLI Servizio Edilizia Privata Empoli, 07/07/2015 A: Comune di Bagno a Ripoli comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it Comune di Barberino di Mugello barberino-di-mugello@postacert.toscana.it

Dettagli

Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI. Firenze, 21 dicembre 2009

Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI. Firenze, 21 dicembre 2009 Il Progetto CENTRI FORMATIVI TERRITORIALI Firenze, 21 dicembre 2009 I CFT Cosa sono: Una rete di risorse (Agenzie e strutture ) diffuse su tutto il territorio provinciale, delegate dalla Direzione Formazione,

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia. Maggio 2012. Enia Reggio Emilia srl

IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia. Maggio 2012. Enia Reggio Emilia srl IL CICLO IDRICO INTEGRATO nella Provincia di Reggio Emilia Maggio 2012 Enia Reggio Emilia srl 3 Ciclo Idrico Integrato: gli assets Abitanti Residenti: 525.776 su 44 Comuni della Provincia di RE Acquedotto

Dettagli

Area tematica: Sviluppo delle attività economiche

Area tematica: Sviluppo delle attività economiche Area tematica: Sviluppo delle attività economiche o Sostenere i processi di innovazione e di riqualificazione Obiettivi Linee di azione della Provincia Riferimenti programmatici e finanziari Sviluppare

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5 50121 FIRENZE. Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269. www.casaspa.it

C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5 50121 FIRENZE. Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269. www.casaspa.it C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5 50121 FIRENZE Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269 www.casaspa.it Procedura di gara in economia mediante cottimo fiduciario, ex art. 125, D.lgs. 163/2006 e s.m. e i., da

Dettagli

C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5 50121 FIRENZE. Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269. www.casaspa.it

C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5 50121 FIRENZE. Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269. www.casaspa.it C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5 50121 FIRENZE Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269 www.casaspa.it Procedura di gara in economia mediante cottimo fiduciario, ex art. 125, D.lgs. 163/2006 e s.m. e i., da

Dettagli

C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5-50121 FIRENZE. Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269

C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5-50121 FIRENZE. Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269 C A S A S.p.A. Via Fiesolana n. 5-50121 FIRENZE Tel. 055/226241 - Fax 055/22624269 www.casaspa.it Procedura di gara in economia mediante affidamento diretto, ex art. 125, D.lgs. 163/2006 e s.m. e i., da

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Le funzioni statistiche dopo la riforma delle autonomie locali (legge 56/14) La funzione statistica tra Comuni e Città metropolitane aprile 2015 1 Sintesi Siamo in presenza di un innovazione straordinaria

Dettagli

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE

D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D LE INTERAZIONI TRA IL SISTEMA TERRITORIALE E QUELLO NATURALE ED AMBIENTALE D.1 LE RETI IDRICHE E GLI SPANDIMENTI SUL SUOLO AGRICOLO D.1.1 IL SISTEMA ACQUEDOTTISTICO Introduzione ed inquadramento generale

Dettagli

Profilo Sociale Città Metropolitana di Firenze

Profilo Sociale Città Metropolitana di Firenze Profilo Sociale Città Metropolitana di Firenze A cura dell Osservatorio Sociale della Città Metropolitana di Firenze, in collaborazione con l Università degli Studi di Firenze - Dipartimento di Scienze

Dettagli

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO ALBO PROVINCIALE PRO LOCO L.R. della Toscana n. 42 del 23 marzo 2000 Regolamento n. 18/R del 23 aprile 2001 Atto Dirigenziale della Provincia di Firenze n. 507 del 4 febbraio 2002 (aggiornato al 13 novembre

Dettagli

Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato

Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato Giugno 2015 Informiamo che in seguito alle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nelle Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato il giorno 5 marzo 2015, la Presidenza

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l.

ALTO TREVIGIANO SERVIZI s.r.l. 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. IL CALCOLO DEI CARICHI IDRAULICI AFFERENTI ALL IMPIANTO DI SALVATRONDA. 4 2.1 I COMUNI INTERESSATI DALL INTERVENTO DI PROGETTO... 4 2.2 PORTATE NERE TEORICHE... 4 2.3 PORTATE

Dettagli

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001

La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 La spesa della Regione Lazio per la protezione dell ambiente Anni 1995-2001 L Istat diffonde, per la prima volta, la serie storica dei dati relativi alle spese per la protezione dell ambiente di un amministrazione

Dettagli

Metodi e strumenti per l efficienza di settore

Metodi e strumenti per l efficienza di settore Metodi e strumenti per l efficienza di settore A cura di Yos Zorzi SINERGIA s.r.l. In sintesi Inquadramento sulle attività di smaltimento delle acque reflue urbane in Emilia Romagna I costi di depurazione

Dettagli

Il riassetto organizzativo-gestionale dei servizi idrici

Il riassetto organizzativo-gestionale dei servizi idrici Filippa Bellante Il riassetto organizzativo-gestionale dei servizi idrici ARACNE Copyright MMV ARACNE EDITRICE S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it 00173 Roma via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94.

Al momento attuale tutte le regioni con l esclusione del Trentino Alto Adige dove non trova applicazione hanno recepito la legge 36/94. Il riordino dei servizi idrici è stato avviato in Italia con la legge 36/94 (c.d. Legge Galli) che al fine di superare la frammentazione gestionale e ridurre i livelli di inefficienza produttivi ed infrastrutturali

Dettagli

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane

Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche urbane Giornata di Studio GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Milano - Palazzo Lombardia - Auditorium 21 novembre 2012 Indirizzi normativi per la riduzione dell impatto ambientale delle acque meteoriche

Dettagli

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR Osservazioni dell ANEA al DCO 299/2014/R/idr dell AEEGSI del 19 giugno 2014 Definizione delle tariffe di collettamento e depurazione dei reflui industriali autorizzati in pubblica fognatura - Inquadramento

Dettagli

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità

5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5 Verifica e ridefinizione degli obiettivi del Piano e criticità 5.1 Obiettivi del Piano d Ambito Nel piano d ambito 2002 sono illustrati gli obiettivi generali della pianificazione d ambito (tecnico-impiantistici

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

Longarone, 4 novembre 2011

Longarone, 4 novembre 2011 Acqua buona, città pulite, servizi di qualità, prezzi equi oggi e nel futuro nei Comuni che ci affidano la gestione dei servizi pubblici locali. Longarone, 4 novembre 2011 Il contesto in cui opera Etra

Dettagli

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna

Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze maturate dalle Autorità di Regolazione locale e dai gestori del S.I.I. dell Emilia Romagna Le proposte di A.E.E.G.S.I. sulle tariffe di fognatura e depurazione dei reflui industriali autorizzati in fognatura. Il punto di vista di A.T.E.R.S.I.R. Spunti e osservazioni derivanti dalle esperienze

Dettagli

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004

SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 SISTEMA CON CERTIFICAZIONE ISO 9001:2000 GN-004 INDICE: 1 PREMESSA... 2 2 Costi parametrici Servizio Acquedotto... 3 2.1 Costo nuove condotte di adduzione dell acquedotto... 3 2.2 Costo nuove condotte

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO

SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO SCHEDA 3.1 INFRASTRUTTURE PER L URBANIZZAZIONE DEL TERRITORIO E RETI TECNOLOGICHE DELL AMBITO PRODUTTIVO S. CARLO INFORMAZIONI INFRASTRUTTURALI AMBITO N 36 dotazioni di infrastutture rete gas metano si

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANAGIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE SETTORE OSPEDALE E GOVERNO CLINICO. Il Dirigente Responsabile/

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale

Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale Area tematica: Sviluppo di un welfare comunitario e solidale o Tutelare quantità e qualità delle prestazioni sociali di fronte alle trasformazioni del contesto politico e finanziario, e della struttura

Dettagli

Il Gruppo: valore per il territorio

Il Gruppo: valore per il territorio Il Gruppo AEB-Gelsia rappresenta una tra le prime multiutility in Lombardia per fatturato e clienti serviti e si colloca tra i primi 20 operatori a livello nazionale. Il Gruppo ha voluto ribadire il proprio

Dettagli

La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Valdarno

La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Valdarno Roma 17 gennaio 2008 La misurazione della qualità e delle prestazioni nel servizio idrico integrato: l esperienza dell AATO Medio Autorità di Ambito Territoriale Ottimale Medio Sommario L ATO Medio Il

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici.

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici. 5773/2207; DGR-8745/2008) riguardanti le prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti, sia nuovi (autorizzati successivamente al 1 gennaio 2010) che quelli oggetto di ristrutturazioni significative.

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

Durata tecnico-economica degli aquedotti: 40 anni

Durata tecnico-economica degli aquedotti: 40 anni Durata tecnico-economica degli aquedotti: 40 anni È prassi comune progettare e realizzare gli acquedotti per i fabbisogni idropotabili previsti per il 40 anno di funzionamento. Non è infatti economicamente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Alloggio Sociale: Il ruolo del Social Housing Pubblico

Alloggio Sociale: Il ruolo del Social Housing Pubblico Alloggio Sociale: Il ruolo del Social Housing Pubblico Il Patrimonio immobiliare di proprietà della ATER è attribuito ai Comuni nel cui territorio è ubicato. TUTTO IL PATRIMONIO E.R.P. E DI PROPRIETA DEI

Dettagli

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art.

Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. Il testo che segue,comprese le schede specifiche desunte ed integrate dalla VALSAT del PSC, costituiscono il RAPPORTO PRELIMINARE di cui all art. 12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, ai fini della VERIFICA

Dettagli

Il sottoscritto nato a DICHIARA. Che la ditta con sede legale in. di via n. recapito telefonico /, e-mail

Il sottoscritto nato a DICHIARA. Che la ditta con sede legale in. di via n. recapito telefonico /, e-mail Timbro con data e numero protocollo AL COMUNE DI ( LO ) DENUNCIA DEGLI ELEMENTI NECESSARI ALLA DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER I SERVIZI DI RACCOLTA, ALLONTANAMENTO, DEPURAZIONE E SCARICO DELLE ACQUE

Dettagli

Ing. Domenico Scamardella Quadrifoglio SpA - Direzione Pianificazione e Gestione Servizi

Ing. Domenico Scamardella Quadrifoglio SpA - Direzione Pianificazione e Gestione Servizi LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: SISTEMI DI RACCOLTA A CONTROLLO VOLUMETRICO Ing. Domenico Scamardella Quadrifoglio SpA - Direzione Pianificazione e Gestione Servizi LIFE+ WASTE-LESS IN CHIANTI: SISTEMI DI

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Chi sono? Marco Rusconi Ingegnere, responsabile del settore contratti di Idrolario Srl (project manager per l esecuzione degli interventi di piano d ambito e delle manutenzioni

Dettagli

Problematiche relative alla gestione dei conguagli dei volumi

Problematiche relative alla gestione dei conguagli dei volumi AEEGSI - 3 Conferenza Nazionale sulla regolazione dei Servizi Idrici 24/11/2014 - Milano A cura del Consorzio VIVERACQUA in rappresentanza di 11 aziende pubbliche del settore idrico dell area Veneta: Acque

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

L INVASO DEL CILLARESE L INVASO DEL CILLARESE Il comprensorio consortile del Cillarese è costituito dall invaso artificiale del Cillarese, realizzato mediante la costruzione di uno sbarramento in terra

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Il sottoscritto nato a DICHIARA. Che la ditta con sede legale in. di via n. recapito telefonico /, e-mail

Il sottoscritto nato a DICHIARA. Che la ditta con sede legale in. di via n. recapito telefonico /, e-mail Timbro con data e numero protocollo AL COMUNE DI ( ) DENUNCIA DEGLI ELEMENTI NECESSARI ALLA DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO PER I SERVIZI DI RACCOLTA, ALLONTANAMENTO, DEPURAZIONE E SCARICO DELLE ACQUE

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese

Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese in collaborazione con: Progetto di mappatura della Filiera Tessile Pratese Indagine sulla tessitura conto terzi RICERCA SULLA FILIERA TESSILE DEL DISTRETTO PRATESE Indagine sulle aziende di tessitura conto

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione

9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE. 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9 IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI PER I SERVIZI DI FOGNATURA E DEPURAZIONE 9.1 I costi utilizzati per i servizi di fognatura e depurazione 9.1.1 Costi di costruzione, ricostruzione e ripristino Di seguito

Dettagli

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI

PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI PIANO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. UNIACQUE DOCUMENTO DI SINTESI rev. 01 - gen. 2006 1 1 INQUADRAMENTO INQUADRAMENTO GENERALE GENERALE 22 OBIETTIVI

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N

SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N aggiornamento ottobre 2008 Pagina 1 di 6 SCHEDA IDENTIFICATIVA DELLO SCARICO DI ACQUE REFLUE URBANE PROVENIENTI DALLO SCARICATORE DI PIENA N 1 DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE PROPRIETARIO DELLE RETI FOGNARIE

Dettagli

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE

del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE FAC SIMILE Marca da bollo (1). 14,62 Ill.mo Sig. SINDACO del Comune di VARAZZE Viale Nazioni Unite, 5 17019 VARAZZE Spett.le ARPAL Dipartimento provinciale di Savona Settore Qualità delle Acque superficiali

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA

RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA TAVOLO TECNICO INTERAGENZIALE GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE IDRICHE RELAZIONE DI ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA Enio Decorte (Referente di ARPA Friuli Venezia Giulia nel Tavolo Tecnico) Quadro storico

Dettagli

ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE

ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE ALLEGATO C TARIFFE A CARICO DEI CLIENTI ED A FAVORE DEL GESTORE NEL PERIODO DI CUI ALL ART. 3, C.1 DELLA CONVENZIONE SISTEMA A MISURA Servizio Acquedotto 2012 USO ABITATIVO RESIDENTE tariffa agevolata

Dettagli

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili)

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) 1 I NUMERI DELLA DMO Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) Occupa oltre 450.000 dipendenti su 1.845.000 del commercio Investe ogni anno

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO 1 Rapporto 2007 sulla occupazione nelle imprese ricettive, di viaggi e di ristorazione della Provincia

Dettagli

A.T.O. NUOVA AUTORITA' PER IL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI TOSCANA CENTRO

A.T.O. NUOVA AUTORITA' PER IL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI URBANI TOSCANA CENTRO In data 28 dicembre 2011 è stata approvata la Legge Regione Toscana n 69 Istituzione dell autorità idrica toscana e delle autorità per il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani. Modifiche alle

Dettagli

6 Piano degli interventi

6 Piano degli interventi 6 Piano degli interventi 6.1 Metodologia per l individuazione degli interventi Nel Piano degli interventi si tende ad individuare gli investimenti, intesi come nuove opere o azioni di ripristino di opere

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

Le violazioni alla direttiva si verificano quando un agglomerato > 2.000 Abitanti equivalenti presenta una o più delle seguenti criticità:

Le violazioni alla direttiva si verificano quando un agglomerato > 2.000 Abitanti equivalenti presenta una o più delle seguenti criticità: La Direttiva 91/271/CEE «concernente il trattamento delle acque reflue urbane» per tutelare le risorse idriche dispone che il territorio sia adeguatamente servito da reti fognarie e da impianti di depurazione.

Dettagli

FIRENZE NOTA TERRITORIALE. a cura dell Ufficio Provinciale di FIRENZE Sergio Mongelli (referente OMI)

FIRENZE NOTA TERRITORIALE. a cura dell Ufficio Provinciale di FIRENZE Sergio Mongelli (referente OMI) FIRENZE NOTA TERRITORIALE a cura dell Ufficio Provinciale di FIRENZE Sergio Mongelli (referente OMI) Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale con la collaborazione della Direzione

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA

RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA RELAZIONE TECNICA DELLA FOGNATURA RELATIVAMENTE ALLE ACQUE NERE E METEORICHE INERENTI IL PROGETTO DI P.U.A., IN ZONA D3.1, AD INIZIATIVA PRIVATA Il presente Piano Urbanistico Attuativo, si pone l obbiettivo

Dettagli

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG).

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Osservazioni a seguito della relazione di ARPA Lombardia e della disponibilità SEI alla cogenerazione.

Dettagli

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI

SCHEDA - TIPO DEI PROGETTI Sezione 1 - Informazioni generali 1.0 Codici d'identificazione del progetto 2 4 1 0 5 F 1 7 1.1 Denominazione del progetto Separazione reti fognarie dei comuni dell area AVS 1.2 Settore d'intervento Captazione

Dettagli

PIANO D AMBITO. Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI

PIANO D AMBITO. Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Regione dell Umbria Provincia di Perugia PIANO D AMBITO Approvato con Deliberazione dell Assemblea consortile n.9 del 20/07/2007 RELAZIONE AL PIANO DEGLI INVESTIMENTI Sommario 1 Introduzione... 2 2 Piano

Dettagli

Alla cortese attenzione di

Alla cortese attenzione di E C O U R B XVIII - B1 - A P li Alla cortese attenzione di OGGETTO: RICHIESTA DATI ACQUE POTABILI ANNO DI RIFERIMENTO: ANNO 2010 AREA DI RIFERIMENTO: TERRITORIO COMUNALE Egregio, LEGAMBIENTE e Il Sole

Dettagli

Consiglio di Quartiere 4. Assessorato all Ambiente. Assessorato alla Partecipazione democratica. e ai rapporti con i Quartieri

Consiglio di Quartiere 4. Assessorato all Ambiente. Assessorato alla Partecipazione democratica. e ai rapporti con i Quartieri Consiglio di Quartiere 4 Assessorato all Ambiente Assessorato alla Partecipazione democratica e ai rapporti con i Quartieri In collaborazione con ARSIA Acqua e paesaggi Cultura, gestione e tecniche nell

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

- Analisi dei Costi di Gestione -

- Analisi dei Costi di Gestione - Commissario Delegato O.P.C.M. n. 4022 del 9 maggio 2012 e Ocdpc. n. 16 del 10 agosto 2012 Situazione di criticità in impianti di depurazione di Acerra, Marcianise, Napoli Nord, Foce Regi Lagni e Cuma nel

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

Figura 1. Schema metodologia integrata

Figura 1. Schema metodologia integrata Metodologia per la stima dei fabbisogni in agricoltura a cura dell'università degli Studi di Firenze (Centro Interdipartimentale di Bioclimatologia) Il calcolo dei fabbisogni idrici delle principali colture

Dettagli

L analisi degli investimenti

L analisi degli investimenti Corso di Laurea in Produzione dell Edilizia Corso di Economia e Gestione delle Imprese 9^ lezione L analisi degli investimenti 3 maggio 2005 Prof. Federico Della Puppa - A.A. 2004-2005 Dalla teoria alla

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

COMUNE di BAGNO A RIPOLI

COMUNE di BAGNO A RIPOLI COMUNE di BAGNO A RIPOLI (Provincia di FIRENZE) Bando Pubblico con invito a manifestare interesse per la gestione del progetto di marketing territoriale PORTICO anche attraverso il portale internet www.firenzelecolline.it

Dettagli

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società Firenze, 18 settembre 2013 OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico alla Società Consortile Energia Toscana. Esito gara. Il giorno 14 Agosto 2013, si è formalmente chiusa

Dettagli

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile

La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Aerospaziale Università di Palermo La gestione delle risorse idriche a uso idropotabile Prof.Ing.Gaspare Viviani gviv@idra.unipa.it LA NORMATIVA SUL GOVERNO

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato

Dettagli

La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI.

La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI. La TABELLA allegata riporta tutte le informazioni di riepilogo del Piano d Ambito organizzate per AGGLOMERATI. In tabella sono stati inseriti i seguenti dati: 1) AGGLOMERATI Fabbisogno depurativo totale

Dettagli

VISITA GUIDATA AI PROGETTI

VISITA GUIDATA AI PROGETTI VISITA GUIDATA AI PROGETTI LAVORI EDILI DI COMPLETAMENTO E ACQUISTO MACCHINARI DI UNA CANTINA DELL ISOLA. PROVINCIA DI CAGLIARI struttura esistente e completare la zona adibita alla lavorazione dei prodotti,

Dettagli

Fattori economici. 1 Costi di manutenzione. Costi di Manutenzione

Fattori economici. 1 Costi di manutenzione. Costi di Manutenzione Fattori economici 1 Costi di manutenzione Totale Life Cycle Cost (costo globale) 611 Manutenzione 296 Gestione operativa (costi di esercizio) 215 Costruzione 100 0 100 200 300 400 500 600 700 Costi di

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

IL SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTI REGIONALI PEGASO Indagine 2014

IL SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTI REGIONALI PEGASO Indagine 2014 IL SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTI REGIONALI PEGASO Indagine 2014 A cura di D.G. Organizzazione Settore sistema informativo di supporto alle decisioni. Ufficio regionale di statistica e D.G. Politiche mobilità,

Dettagli

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato

Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato Come leggere la bolletta del Servizio Idrico Integrato La tariffa dell acqua Il D.L. n.201/2011, convertito nella Legge n. 214/2011, ha disposto il passaggio delle competenze relative alla regolazione

Dettagli