dell Istituto di Istruzione Superiore Biagio Pascal (con Centro Territoriale Permanente per l Educazione degli Adulti)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dell Istituto di Istruzione Superiore Biagio Pascal (con Centro Territoriale Permanente per l Educazione degli Adulti)"

Transcript

1 Unione Europea Repubblica Italiana Ministero Istruzione università Ricerca Direzione Generale Regionale per il Piemonte Ufficio Scolastico Provinciale di Novara Distretto Scolastico n. 52 CARTA DEI SERVIZI dell Istituto di Istruzione Superiore Biagio Pascal (con Centro Territoriale Permanente per l Educazione degli Adulti) Capofila amministrativo della Rete regionale Europa dell Istruzione Socio fondatore del Consorzio Scuola Comunità Impresa di Novara Socio dell Associazione delle Scuole Autonome del Piemonte Edizione 3 rev. 1 Approvata dal Consiglio d Istituto in data 30/10/2013 DS RQA. ed. 3 rev. 1 p. 1 di 16

2 PREMESSA La Carta dei Servizi è la presentazione all utenza dell IIS Pascal. La presente è la dodicesima edizione, redatta in base al D.P.C. 7/6/1995, raccordata al Manuale per la Qualità, alla normativa vigente, e da cui discende il Piano dell Offerta Formativa annuale. Consta del presente fascicolo, che viene pubblicato sul sito web e distribuito a tutti gli utenti che ne facciano richiesta ed al personale della scuola, e di vari allegati disponibili per la consultazione presso la segreteria. E organizzata secondo il seguente schema: 1. Principi fondamentali. 2. Area didattica Progetto educativo d Istituto Identità dell Istituto Programmazione educativa Programmazione didattica Regolamento d Istituto Orario delle lezioni Formazione classi Assegnazione docenti alle classi Vigilanza degli alunni Comportamento Assenze, ritardi, uscite anticipate Sanzioni Studenti maggiorenni Iscritti al CTP Democrazia Norme relative all uso dei servizi. 3. Area funzionale Organizzazione interna Regolamento del Consiglio d Istituto Organismi consultivi 3.2. Condizioni ambientali L edificio Dotazioni Trasporti Informazione. 4. Procedura dei reclami. 5. Sistema Gestionale per la Qualità. ed. 3 rev. 1 p. 2 di 16

3 1. PRINCIPI FONDAMENTALI (D.P.C.M. 7/6/1995) La carta dei servizi ha come fonte di ispirazione fondamentale gli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana Uguaglianza. Nessuna discriminazione nell erogazione del servizio scolastico può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio-economiche Imparzialità e regolarità I soggetti erogatori del servizio scolastico agiscono secondo criteri di obiettività ed equità La scuola attraverso tutte le sue componenti e con l impegno delle istituzioni collegate, garantisce la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative, anche in situazioni di conflitto sindacale, nel rispetto dei principi e delle norme sanciti dalla legge e in applicazione delle disposizioni contrattuali in materia Accoglienza e integrazione La scuola si impegna con opportuni ed adeguati atteggiamenti ed azioni di tutti gli operatori del servizio a favorire l accoglienza dei genitori e degli allievi, l inserimento e l integrazione di questi ultimi, con particolare riguardo alla fase di ingresso alle classi iniziali e alle situazioni di rilevante necessità. Particolare impegno è prestato per la soluzione delle problematiche relative agli studenti lavoratori, agli stranieri, a quelli degenti negli ospedali, a quelli in situazione di handicap, a quelli presenti nelle istituzioni carcerarie Nello svolgimento della propria attività ogni operatore ha pieno rispetto dei diritti e degli interessi dello studente Obbligo scolastico e frequenza. L obbligo scolastico, il proseguimento degli studi superiori e la regolarità della frequenza sono assicurati con interventi di prevenzione e controllo dell evasione e della dispersione scolastica da parte di tutte le componenti interne ed esterne coinvolte, che collaborano tra loro in modo funzionale ed organico Partecipazione, efficienza e trasparenza Istituzioni, personale, genitori, alunni, sono protagonisti e responsabili dell attuazione della Carta, attraverso una gestione partecipata della scuola, nell ambito degli organi e delle procedure vigenti. I loro comportamenti devono favorire la più ampia realizzazione degli standard generali del servizio, fissati nel SGQ L istituzione scolastica, tramite anche gli enti locali, nazionali e sovranazionali e le risorse del territorio, si impegnano a favorire le attività extrascolastiche che realizzino la funzione della scuola come centro di promozione culturale, sociale e civile, consentendo l uso degli edifici e delle attrezzature fuori dell orario del servizio scolastico L attività scolastica, ed in particolare l orario di servizio di tutte le componenti, si informa a criteri di efficienza, di efficacia, flessibilità nell organizzazione dei servizi amministrativi, dell attività didattica e dell offerta formativa integrata Per le stesse finalità, la scuola garantisce ed organizza le modalità di aggiornamento del personale in collaborazione con istituzioni ed enti culturali, nell ambito delle linee di indirizzo e delle strategie di intervento definite dall amministrazione Libertà di insegnamento ed aggiornamento del personale La programmazione assicura il rispetto delle libertà di insegnamento dei docenti e garantisce la formazione dell alunno, facilitandone le potenzialità evolutive e contribuendo allo sviluppo armonico della personalità, nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e comunitari, generali e specifici, recepiti nei piani di studi di ciascun indirizzo L aggiornamento e la formazione costituiscono un impegno per tutto il personale scolastico e un compito per l amministrazione, che assicura interventi organici e regolari. ed. 3 rev. 1 p. 3 di 16

4 2. AREA DIDATTICA Progetto educativo d Istituto Identità dell Istituto Storia. L IIS Pascal nasce come Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere Biagio Pascal, su richiesta dell Amministrazione provinciale e del Distretto Scolastico n. 52, con Decreto istitutivo del 6/6/1984, mediante la fusione delle due sezioni staccate dell ITC Mossotti e dell ITC Bermani di Novara, con i due corsi, rispettivamente, di Ragioneria e di Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere. Nei primi quattro anni si sono susseguiti i presidi Micheletti, Paschetta, De Alessi e Ciccolo. Dall 88/89 è in servizio l attuale Dirigente Scolastico. Dall 89/90 è stato introdotto il Piano Nazionale per l Informatica, dal 90/91 il progetto ERICA, dal 96/97 i nuovi programmi di Ragioneria (IGEA), dal 01/02 il Centro Territoriale Permanente per l Educazione degli Adulti, precedentemente aggregato all Istituto Comprensivo Calvino di Galliate, dal 06/07 il Liceo Scientifico e il percorso integrato di Ragioneria in Alternanza Scuola Lavoro e dal 10/11, in attuazione della riforma dei cicli il corso ragioneria e quello ERICA dalla prima sono stati attribuiti all indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing e il corso di Liceo Scientifico si è differenziato con la prima di Liceo scientifico base e la prima di Liceo Scientifico opzione Scienze applicate Contesto e bisogni formativi. L area in cui sorge l IIS è caratterizzata da una ricca diffusione di aziende medie e piccole industriali e, soprattutto, commerciali. L importanza economica dell agricoltura è andata sempre più diminuendo, mentre è cresciuto il settore terziario. La presenza di pozzi petroliferi e di industria petrolifera è un ulteriore caratteristica della zona. Tale zona non è tuttavia distinta economicamente da quella della città di Novara e dei sui dintorni, a sua volta correlata alla vasta area economica del milanese. La scelta dell istituzione dell allora ITC Pascal rispondeva soprattutto alla necessità di alleggerire la pressione degli studenti sulle insufficienti strutture della città di Novara. Anche la scelta del tipo di indirizzi di studio da collocare nel nuovo edificio di Romentino ha risentito dell esigenza di diminuire l affollamento in alcuni Istituti di Novara. Una ricerca condotta dal Distretto Scolastico 52 nel 1980 confermava che i bisogni formativi del territorio erano principalmente di carattere tecnico commerciale ed industriale, ad integrazione ed arricchimento dell offerta formativa espressa dagli Istituti di Novara. L esistenza nel territorio di varie aziende con molti rapporti con l estero e la vicinanza dell aeroporto della Malpensa hanno successivamente condotto il Pascal ad incrementare la formazione linguistica nell ambito aziendale e l educazione interculturale. La crescita dell affluenza ai Licei Scientifici di Novara ha convinto l amministrazione provinciale ad aprire al Pascal anche questo tipo di corso, che si è voluto caratterizzare in modo più marcatamente scientifico rispetto ai licei di Novara Offerta formativa. L offerta formativa dell Istituto è costituita da corsi curricolari, corsi integrativi, attività elettive, corsi post-diploma ed Educazione degli Adulti. I corsi curricolari sono per: Amministrazione Finanza e Marketing (AFM) che sostituisce nel biennio i corsi di Ragioniere e Perito Commerciale ad Indirizzo Giuridico Economico Aziendale (IGEA) e il corso di Perito Aziendale e Corrispondente in Lingue Estere, secondo il progetto assistito ERICA (Educazione alla Relazione Interculturale nella Comunicazione Aziendale) per il biennio e, nel triennio il primo di questi. Relazioni Internazionali per il Marketing (RIM), che sostituisce il corso ERICA nel triennio, dopo il biennio comune AFM. Liceo Scientifico base con doppia lingua straniera. Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate. Gli obiettivi generali di questi corsi sono quelli previsti dalla riforma dei cicli. Con la quota del 20% di autonomia si introducono la seguente modifica: ed. 3 rev. 1 p. 4 di 16

5 - nel Liceo Scientifico base, si introducono 2 ore di seconda Lingua straniera in tutti i 5 anni del corso con riduzioni dell orario di altre discipline, principalmente Latino e prima Lingua straniera. Rimangono validi gli obiettivi e la strutturazione dei precedenti indirizzi di Ragioneria, Erica e Liceo Scientifico nelle quinte come descritti nella versione 9 della Carta dei Servizi. Per tutti gli indirizzi, lo sforzo di raccordare le varie discipline, dominare la complessità, l educazione interculturale, lo stimolo all autonomia di apprendimento, l attitudine al lavoro di gruppo, la riflessione sull organizzazione del proprio lavoro sono perseguiti dando un peso rilevante ad attività multidisciplinari (progetti congiunti fra due o più discipline), interdisciplinari (scambio internazionale di classe, area di progetto) ed extrascolastici (stage aziendali in Italia e all estero). Nell orario curricolare si inseriscono le attività di accoglienza, orientamento, educazione alla salute, educazione stradale, educazione interculturale, educazione all ambiente, iniziative di socializzazione e spettacolo ed aree di progetto (attività espressamente descritte al capo ). Le lingue straniere offerte sono (v. anche p ): - l Inglese per tutti; - una seconda lingua per tutti, escluso il LS opzione SA, a scelta (previa verifica di numeri adeguati) tra Francese, Tedesco e Spagnolo; - per il triennio Erica una terza lingua che dipenderà dal numero delle richieste e dalla possibilità di attuazione. I corsi integrativi di arricchimento sono offerti in orario pomeridiano a quegli studenti che vogliano approfondire particolari aspetti della propria preparazione e vengono specificati nel POF annuale. Le attività elettive, in orario pomeridiano, sono direttamente gestite dagli studenti con l eventuale aiuto di insegnanti. L Istituto è stabilmente aperto dal lunedì al venerdì anche in orario pomeridiano fino alle 15.50, con libero accesso degli studenti alle attività di sportello, di sostegno, di recupero, di arricchimento ed elettive, con l uso delle strutture (palestra, biblioteca, aula multimediale). L istituto può offrire inoltre, in convenzione con altre istituzioni, corsi postdiploma. Il CTP offre educazione per adulti in orari che vanno dal mattino al pomeriggio e alla sera fino alle 22,45 con: - corsi di alfabetizzazione per stranieri, con rilascio di attestato; - corsi per il conseguimento della Licenza Media; - corsi di alfabetizzazione funzionale (corsi brevi da 30 ore), soprattutto di Lingue e Informatica; - corsi POLIS per il conseguimento della qualifica di Operatore Marketing (con l ENAIP di Oleggio) e del diploma di Ragioniere e Perito commerciale. Il CTP si occupa anche di certificazioni per stranieri in accordo con la Prefettura di Novara Reti e rapporti particolari. L Istituto è socio fondatore del Consorzio Scuola Comunità Impresa, ente formatore accreditato presso la Regione Piemonte, che raccoglie scuole superiori, università, imprese ed enti locali interessati allo sviluppo della qualità della formazione dei giovani. Col CSCI, l Istituto svolge attività di progettazione e disseminazione europea, corsi e stage di formazione. L Istituto è socio dell ASAPI (Associazione delle Scuole Autonome del Piemonte) L Istituto presenta progetti con scuole ed enti europei per la partecipazione al programma Long Life Learning. L Istituto è capofila amministrativo della rete regionale Europa dell istruzione. L Istituto partecipa alla Rete regionale dei CTP. L Istituto è accreditato come ente formatore alla Regione Piemonte e certificato UNI EN ISO 9001:2008 (n. 602:2009, valido fino al 3/1/2013) Risorse. L offerta formativa è garantita dalle risorse umane e materiali di cui dispone l Istituto Risorse umane. ed. 3 rev. 1 p. 5 di 16

6 La condivisione degli obiettivi dell offerta formativa da parte di tutte le componenti dell Istituto è necessaria al raggiungimento delle finalità; in questo senso sono risorse umane: il Dirigente Scolastico, rappresentante legale dell Istituto, cui è affidato il coordinamento di tutte le attività, con logiche di efficienza ed efficacia; il RAQ (Responsabile per l Accreditamento e la Qualità) che gestisce il SGQ (Sistema Gestionale per la Qualità); gli altri 4 docenti che svolgono le funzioni strumentali al POF e collaboratori del DS, che formano, col DS, il RAQ e la DGSA, lo staff di direzione, organismo di gestione che si riunisce eventualmente anche con altri docenti responsabili di altre attività; i docenti, cui è affidata la progettazione, la realizzazione e la valutazione degli interventi formativi; la DSGA (Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi), cui è affidata la gestione del PA (Programma Annuale), che costituisce il bilancio d Istituto, e che sovrintende ai servizi amministrativi ed ausiliari e coordina il relativo personale; gli assistenti amministrativi, cui è affidato il lavoro di segreteria; gli assistenti tecnici, cui è affidata la conservazione, manutenzione e assistenza per l utilizzo del materiale scientifico; i collaboratori scolastici, con compiti di portineria, di pulizia, di vigilanza e piccola manutenzione; gli allievi, soggetti protagonisti della propria formazione; i genitori al contempo utenti e partecipi del processo formativo dei figli. Altre risorse umane sono: Risorse materiali. Sono risorse materiali: personale di enti e ditte che intervengono per la manutenzione dell edificio e delle attrezzature; esperti, che intervengono in occasione di particolari attività; classi e docenti stranieri in occasione degli scambi; l edificio, di proprietà dell Amministrazione Provinciale, descritto al capo 3.2. i mezzi finanziari, distinti in contributi: - dello Stato, di entità variabile di anno in anno; - della Regione Piemonte per l assistenza e particolari progetti; - della Provincia di Novara per telefono, materiale di pulizia, piccola manutenzione, arredi e per particolari progetti; - delle famiglie, come contributo volontario e per quote per viaggi, visite d istruzione e spettacoli; - dell Unione Europea per progetti internazionali; - saltuariamente, ed in misura assai ridotta, di qualche ente e azienda. la strumentazione scientifica descritta al capo 3.2 la biblioteca descritta al capo Programmazione educativa Obiettivi formativi. L I.I.S. Pascal si propone di perseguire le seguenti finalità: - dotare i giovani di una formazione culturale solida che favorisca una lettura critica della realtà ed un inserimento attivo e consapevole in una società sempre più complessa e articolata; ed. 3 rev. 1 p. 6 di 16

7 - fornire agli studenti e alle studentesse una professionalità di base, intesa come acquisizione di una preparazione professionale flessibile e polivalente che risponda alle richieste del mondo del lavoro e si adatti ai mutamenti tecnologici, o, quantomeno, un orientamento per le scelte a livello universitario. Ritiene dunque che un processo educativo autentico e completo debba tendere a: - formare giovani sensibili al mondo che ci circonda, capaci di coglierne la complessità, di pensare per modelli differenti, di operare scelte autonome in seguito a riflessione critica; - promuovere e consolidare la cultura della legalità, perché gli allievi e le allieve diventino cittadini attivi, capaci di esercitare responsabilmente i propri diritti ed i propri doveri; - stimolare i ragazzi/e alla ricerca costante del dialogo con l altro/a ed alla comprensione del diverso, sviluppando un atteggiamento interculturale; - preparare uomini e donne che, cercando un rapporto armonioso con se stessi/e, con gli altri e con l ambiente, imparino a conoscere il proprio corpo, i propri bisogni, a valutare le proprie risorse, a coltivare ed approfondire interessi, anche nella gestione del tempo libero. Per il raggiungimento delle scelte educative sopra esposte, la programmazione didattica dei singoli Consigli di classe è integrata dalle iniziative promosse con i seguenti progetti attivati tutti gli anni: Welcome per l accoglienza ed il sostegno al fine del successo scolastico nelle classi prime (all. 1); Welcome back per le classi seconde (all. 1); Interventi di educazione alimentare e sessuale (all. 2) Scambi internazionali di classi; Aree di Progetto per le classi quarte e quinte (all. 3); Centro di Informazione e Consulenza (all. 4); Educazione stradale e corso di primo soccorso (all. 5); Orientamento e stages aziendali in Italia e all estero (all. 6); Visite, viaggi di istruzione e spettacoli (all. 8); Iniziative di socializzazione (all. 8); Oltre che negli allegati indicati, parte dei contenuti di alcuni progetti elencati sono contenuti nei fascicoli di programmazione didattica dei Consigli di ciascuna classe Criteri di valutazione. La verifica relativa agli obiettivi formativi viene effettuata dal Collegio dei Docenti e dai Consigli di Classe e diviene parte integrante della valutazione dei singoli alunni/e, unendosi a quella sull apprendimento dei programmi e sulle competenze specifiche delle varie materie. Nella valutazione degli allievi/e si tiene conto inoltre della situazione di partenza, verificata attraverso i test d ingresso e delle condizioni personali, famigliari e sociali del singolo/a. Per la valutazione dell apprendimento nelle varie materie, vengono utilizzate verifiche parziali, relative agli obiettivi e alle competenze specifiche delle singole discipline, sia di tipo analitico-oggettivo (test a risposte chiuse con punteggio, interrogazioni scritte, ecc.), sia di tipo sintetico (temi, relazioni orali, saggi brevi, ecc.). I risultati sono esplicitamente motivati e indipendenti dal giudizio sulla condotta. Tutte le verifiche sono effettuate dall insegnante per il controllo del proprio lavoro, per l osservazione dell effettivo apprendimento della classe e per fornire all alunno/a delle indicazioni sullo stato della sua preparazione, al fine di farlo/a progredire nella sua formazione umana, culturale e professionale. Le verifiche vengono corrette e valutate in tempi ragionevolmente brevi (entro un massimo di l5 giorni, salvo impedimenti imprevisti) e consegnate agli allievi/e prima di un ulteriore verifica dello stesso tipo. Le verifiche corrette e valutate vengono consegnate agli alunni/e e rese disponibili alle famiglie, in modo che i genitori possano seguire regolarmente i risultati scolastici dei figli. E compito degli studenti informare la famiglia e restituire all insegnante gli elaborati in buone condizioni. Ogni allievo è fornito di un libretto di comunicazione scuola-famiglia per la giustificazione delle assenze, dei ritardi e delle uscite anticipate, per la comunicazione dei voti e per altre comunicazioni. ed. 3 rev. 1 p. 7 di 16

8 Nelle votazioni parziali e complessive e sulle pagelle si adotta l intera scala dall 1 al 10. I giudizi verbali sintetici, utilizzati in varie occasioni, seguono la scala: Ottimo (9-10) Buono (8) Discreto (7) Sufficiente (6) Insufficiente (5) Gravemente insufficiente ( ). I voti attribuiti, riportati sui registri elettronici dei singoli docenti sono consultabili da parte dei genitori come pure eventuali comunicazioni del singolo docente o classe possono inviare comunicazioni ai genitori nei casi di andamento negativo e nell evenienza di scarsa presenza degli stessi alle udienze. Per la conduzione degli scrutini finali, salvo modifiche che il CD può adottare a maggio, si segue la seguente procedura. Ogni docente motiverà la proposta di voto con un giudizio che tenga conto degli obiettivi cognitivi e non cognitivi da scrivere sul registro, a fianco del voto proposto e del voto finale attribuito dal Consiglio di classe; in caso di presentazione con voto di almeno 6/10, il giudizio potrà essere omesso, intendendo che gli obiettivi del corso sono stati raggiunti dall allievo. Il consiglio di classe in presenza di insufficienze ne valuterà la gravità complessiva al fine di decidere la soluzione più efficace per il miglior prosieguo possibile del processo formativo dell allievo: promozione, sospensione del giudizio con attribuzione di debiti formativi, non promozione con indicazione di ripetenza, non promozione con giudizio orientativo verso tipi di formazione diversi da quello frequentato. Tale valutazione collegiale terrà conto del progresso rispetto alla situazione di partenza; dell affidabilità nel recupero; della capacità di lavoro autonomo e dell efficacia del metodo di studio; dell impegno e della partecipazione. Si prevedono attività di recupero estivo e due sessioni di prove per i debiti, a luglio e a settembre. Per gli scrutini del triennio, il punteggio del credito scolastico verrà attribuito a giugno per i promossi ed eventualmente a settembre, in caso di sospensione del giudizio, a partire dalla media dei voti, tenendo conto dell eventuale valutazione dell IRC, del livello di partecipazione ad iniziative scolastiche decise dai CdC e a quelle elettive decise dal CdI e dei crediti formativi valutabili, relativi all anno in corso. Le attività degli studenti che definiscono un credito sono distinte in tre categorie: 1) attività decise dal CdC per l intera classe (es. scambio, area di progetto) 2) attività elettive decise dal CD e dal CdI (es. stage, corsi di arricchimento) 3) attività elettive svolte al di fuori dell Istituto e non organizzate da esso (crediti formativi) Le prime e le terze vengono riportate sul certificato ministeriale che accompagna il diploma. Le seconde verranno riportate in un ulteriore certificato dell Istituto da consegnare all allievo al termine del quinto anno. Ai fini del punteggio da attribuire (credito scolastico) l importanza relativa, a parità di qualità dell attività, è fissato nell ordine esposto, in modo da premiare innanzitutto l impegno nelle attività comuni di classe, in secondo luogo l impegno nelle attività gestite direttamente dall Istituto ed infine quelle attività che l Istituto, tramite i CdC, si limita solo a riconoscere (crediti formativi). L ammissione all esame di stato è vincolata alla valutazione positiva di ciascuna materia: tali valutazioni sono di competenza del CdC nel suo complesso. Negli scrutini del biennio troveranno applicazione le disposizioni in materia di obbligo scolastico e formativo. I risultati finali vengono pubblicati mediante tabellone esposto il giorno stesso della ratifica da parte del Collegio Docenti. Non vengono indicati i voti degli allievi non promossi Programmazione didattica. ed. 3 rev. 1 p. 8 di 16

9 La programmazione didattica consiste nell indicazione dei contenuti, dei metodi e degli strumenti programmati per l attività di ciascuna classe nell anno scolastico. Per ogni classe è disponibile per la consultazione, in segreteria, un fascicolo contenente la programmazione del Consiglio di classe e le programmazioni individuali di ciascun insegnante. La programmazione didattica discende dalla programmazione educativa e costituisce il patto formativo tra l Istituto che offre il servizio e l utente che ne usufruisce Regolamento d Istituto. Regolamento di istituto Orario delle lezioni L orario di funzionamento dell Istituto va dal lunedì al venerdì ed è determinato dagli orari dei mezzi di trasporto. L inizio delle attività è fissato alle 8.15 e quello delle lezioni alle Il termine delle lezioni è dalle alle a seconda delle classi. Un intervallo è da 10 minuti, l altro pure il martedì, giovedì e venerdì, di 30 minuti il lunedì e il mercoledì. Le attività del CTP terminano entro le 23,00. Gli insegnanti devono recarsi in classe alle 8,15 e gli allievi alle 8,20. I docenti sono in servizio anche durante gli intervalli di 10 minuti. In caso di assenze non sostituibili degli insegnanti, il Preside può ridurre l orario giornaliero della classe, dandone preventivo avviso agli studenti sul registro elettronico di classe. La stesura dell orario settimanale è affidata ad una commissione del Collegio Docenti che opera con criteri didattici di distribuzione equilibrata delle materie nell arco della settimana e di abbinamento di ore di determinate materie e, in subordine, tenendo conto delle esigenze dei singoli insegnanti Formazione classi. Le classi prime vengono formate dalla segreteria col vincolo imposto dalle lingue straniere. Data la dimensione dell Istituto e la presenza di tre differenti indirizzi di studio, tale vincolo determina quasi sempre automaticamente l attribuzione dell allievo alla classe. La prima lingua è l Inglese. La seconda e la terza lingua viene determinata in base alla richiesta dei genitori ed alla possibilità di costituire gruppi linguistici, come prevede la normativa, di almeno 12 studenti e di non più di 32. In caso di richieste che portano a gruppi linguistici di consistenza insufficiente, saranno prioritariamente completati i gruppi più numerosi. Se si rendesse necessario un adeguamento del numero di allievi in ciascun gruppo, anche a causa del numero totale di gruppi che non può superare quello delle classi di riferimento, si procederà a sorteggio. Per quanto rimasto possibile dalla divisione per lingue, si curerà, a richiesta dei genitori, di collocare almeno due studenti dello stesso comune di provenienza nella stessa classe. L allievo che ripete l anno ha diritto, se possibile, a scegliere la sezione. Il Pascal oltre ai propri iscritti può accettare la frequenza alle attività didattiche dell istituto di persone che si trovino nelle seguenti condizioni: studenti di altre scuole in scambio; singoli studenti stranieri accolti per un periodo di studi all estero; persone aggregate ad una determinata classe quinta per iscrizione come privatisti all esame di stato; giovani prefrequentanti, cioè già iscritti per l anno successivo ad una determinata classe o gruppo, con o senza la condizione del superamento di esami di idoneità o integrativi Assegnazione docenti alle classi. Il criterio fondamentale è la continuità del docente sulla classe, ma si deve ottemperare alla necessità di formare cattedre a 18 ore. In caso di concorrenza, al criterio di continuità si affianca anche quello di anzianità di servizio dei docenti aspiranti. In questa materia tuttavia è salvaguardata la discrezionalità del Dirigente Scolastico Vigilanza degli alunni. ed. 3 rev. 1 p. 9 di 16

10 I docenti presenti in Istituto devono vigilare affinché sia salvaguardata l integrità fisica delle persone e delle cose. Al momento dell ingresso, la vigilanza è affidata agli insegnanti della prima ora. Alla fine delle lezioni, la sorveglianza è affidata agli insegnanti dell ultima ora. Durante l intervallo, l assistenza è affidata ai docenti dell ora precedente per i primi 5 minuti e della successiva per i restanti 5. Il personale ATA è tenuto a collaborare nell opera di vigilanza. A norma della L. 626/94 anche agli studenti compete l obbligo di collaborare per i fini sopraindicati e per contribuire alla sicurezza Comportamento. I rapporti tra docenti ed allievi devono essere improntati al massimo rispetto reciproco ed alla collaborazione cordiale. L autorità del docente risiede in primo luogo nell esempio di dedizione alla propria opera educativa, nella puntualità e qualità dei giudizi. Gli allievi sono invitati ad assumere un atteggiamento e ad usare un linguaggio corretti e consoni all ambiente. E severamente vietato fumare all interno dell edificio scolastico (atri, corridoi, servizi, etc.). A tal fine si applicano le modalità di prevenzione e di sanzione di legge. Non è consentito, sia agli studenti sia al personale docente, tenere accesi i telefoni cellulari durante le ore di lezione. E consentito ai docenti il sequestro temporaneo del cellulare Norme di comportamento degli alunni. Gli allievi sono tenuti al rigoroso rispetto dell orario di inizio delle lezioni e devono trovarsi in aula al suono del campanello. La frequenza alle lezioni, alle esercitazioni e alle visite didattiche è obbligatoria. I ritardi di qualunque natura devono essere annotati, a cura del docente, sul registro di classe. Non sarà consentito l accesso in aula dopo dieci minuti dall inizio delle lezioni senza una seria motivazione. Il perdurare di un comportamento non rispettoso dell orario è sanzionabile. Gli studenti possono, durante le ore di insegnamento e solo per giustificati motivi, lasciare l aula chiedendo l autorizzazione all insegnante. Nel cambio d ora, gli studenti sono tenuti a rimanere nelle rispettive aule, o nelle immediate vicinanze, tenendo un comportamento atto a non recare disturbo alle classi adiacenti. Così pure le classi che, per esigenze didattiche, si devono recare in aule diverse, sono tenute ad effettuare lo spostamento rapidamente e senza disturbare. Non è di regola consentito il consumo di bevande, panini ed altro nelle aule durante le ore di lezione. Gli allievi sono responsabili della conservazione dei locali, dell arredamento e del materiale didattico a loro disposizione. In caso di danni, gli allievi responsabili saranno tenuti al risarcimento. In caso non sia possibile individuare i responsabili del danno, saranno ritenuti responsabili gli studenti della classe o dell intero istituto. Gli studenti sono tenuti a rispettare l ambiente evitando di sporcare corridoi, aule, servizi e il cortile con rifiuti di ogni genere, e ad utilizzare i contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti Norme di comportamento dei docenti. Il comportamento dei docenti è dettato dall apposito Codice. I docenti sono tenuti di norma a consegnare gli elaborati delle prove svolte in classe agli studenti per la visione e permetterne la riproduzione fotostatica. Sarà cura degli studenti provvedere a riconsegnare tempestivamente gli elaborati. Nel caso gli elaborati andassero smarriti, gli studenti, o i loro genitori se minorenni, dovranno rilasciare dichiarazione di smarrimento sottoscritta con accettazione della valutazione conseguita. Gli studenti, per qualsiasi problema sia esso personale o di classe, possono rivolgersi al coordinatore di classe o a qualunque altro insegnante per esaminare e valutare le possibili soluzioni Assenze, ritardi, uscite anticipate. Le assenze, dovute a qualsiasi causa, devono essere giustificate dai genitori il giorno del rientro. Le eventuali assenze, non per motivi di salute, per periodi protratti di tempo devono essere preannunciate dalla famiglia. Il docenti avranno cura di annotare sul registro di classe le assenze, le giustificazioni e i ritardi rispetto all orario di ciascuna ora, come pure i rientri in aula eccessivamente protratti dopo una uscita autorizzata. Per ritardi superiori ai 10 minuti gli studenti dovranno utilizzare il libretto firmato dai genitori. In caso di mancata giustificazione l allievo dovrà portarla il giorno successivo al docente della prima ora. ed. 3 rev. 1 p. 10 di 16

11 Non sono in alcun modo giustificabili assenze dovute ad arbitrarie astensioni dalle lezioni (scioperi). L uscita anticipata dalle lezioni, di regola, non è consentita. Nel caso di provata necessità, i genitori sono tenuti a presentarsi di persona in segreteria per accompagnare l allievo, tranne che per i maggiorenni e per specifiche richieste via fonogramma da parte dei genitori. Va utilizzato il libretto dello studente per la giustificazione. Le entrate e le uscite dalla classe avvengono di norma solo al cambio dell ora. Il c. 7 dell art. 14 del DPR 22/6/2009 n. 122 prevede la non ammissione allo scrutinio degli allievi che abbiano superato il 25% di assenza dall orario annuale personalizzato, che per le varie classi ammontano a: ore per i corsi dell istituto tecnico ore per i primi due anni del liceo ore per terze e quarte liceo ore (da 50 minuti) per la quinta liceo. Nel conteggio: a) sono compresi i contributi orari derivanti da entrate posticipate o uscite anticipate; b) sono esclusi i periodi in cui lo studente è assente per attività d Istituto; c) sono esclusi i periodi di frequenza presso altri Istituti; d) sono esclusi i periodi per i quali il CdC avrà attivato modalità alternative alla frequenza in classe del singolo allievo per la sua formazione e la sua valutazione Sanzioni Comportano l applicazione di sanzioni disciplinari le violazioni delle norme contenute nel presente regolamento, in particolare: comportamenti scorretti verso il personale della scuola e i compagni (bullismo); non avere con sé il libretto individuale; mancata giustificazione tempestiva delle assenze; mancata giustificazione dei ritardi; rientri posticipati dopo l intervallo; uscite non autorizzate al cambio dell ora; ritardi nel rientro in aula dopo uscite autorizzate o spostamenti Le autorità competenti ad erogare le sanzioni sono: il corpo docenti; il coordinatore di classe, il DS; il Consiglio di Classe; la Giunta Esecutiva. L applicazione delle sanzioni contenute nel presente regolamento non esclude, ove ricorressero gli estremi, l accesso alle procedure penali e civili eventualmente attivate d ufficio o da chi ne avesse interesse. A secondo della gravità della violazione si applicano le seguenti sanzioni individuali: Sanzione A In caso di mancanze non gravi è prevista una sanzione disciplinare che deve essere annotata sul libretto personale da parte dell insegnante che la irroga e trascritta sul registro di classe. Si possono ricevere al massimo quattro sanzioni di questo tipo poi si riceverà la sanzione più grave seguente. Sanzione B Uno o più giorni di sospensione dall attività didattica, irrogata dal Consiglio di Classe. L allievo a cui sia stata inflitta una sanzione disciplinare di tipo B potrà chiedere al Dirigente Scolastico che questa sia convertita in attività a favore della comunità scolastica. Il capo di istituto, tenuto conto della gravità del fatto e dell affidabilità dell allievo, stabilisce l attività che l allievo dovrà svolgere, che può anche essere presso strutture esterne. Una volta prestata con successo l attività assegnata, la sanzione precedentemente irrogata perderà ogni effetto (pur rimanendo agli atti come indicatore del numero di sanzioni ricevute) e ciò verrà annotato nel registro di classe e nel libretto personale da parte del coordinatore di classe. Le attività socialmente utili saranno da svolgersi al di fuori delle ore curricolari, quindi al pomeriggio o alle ultime ore, quando non impegnate, e dovranno essere legate, quanto possibile, al tipo di sanzione ricevuta; potranno altresì essere svolte presso strutture esterne convenzionate con l Istituto. Non sono da considerarsi sanzioni disciplinari punibili come precedentemente indicato, le mancanze riguardanti le singole materie (non ha fatto i compiti di, non ha il materiale per ) che saranno gestite dall insegnante all ed. 3 rev. 1 p. 11 di 16

12 interno della propria disciplina ed utilizzando eventualmente anche il libretto di comunicazione con la famiglia, e le sanzioni collettive, il cui peso sarà da valutarsi all interno dei singoli consigli di classe. Contro le sanzioni disciplinari inflitte è ammesso ricorso da parte degli studenti entro 15 giorni dalla comunicazione della loro irrogazione all organo di garanzia della scuola: la Giunta Esecutiva. Verrà fornito alla famiglia, all atto dell iscrizione, il libretto delle giustificazioni, e, appena possibile, l accesso al sistema informativo d Istituto. E compito dei coordinatori vigilare sul numero delle assenze, dei ritardi, delle uscite anticipate e delle sanzioni, valutando all occorrenza l opportunità di comunicare con la famiglia anche tramite , sms, telefono o in presenza. Le annotazioni sul registro di classe riguardanti l alunno che non ha giustificato un assenza o il ritardo il giorno successivo potranno portare ad una sanzione disciplinare se la mancanza non si risolve entro il terzo giorno di frequenza dall annotazione iniziale Studenti maggiorenni. Il presente regolamento vale anche per gli studenti maggiorenni. Ad essi, all atto dell iscrizione o nel primo giorno di lezione in maggiore età, sarà sottoposto il Mod. 58 nel quale dovranno dichiarare se intendono autorizzare l Istituto a procedere come per i minorenni nei rapporti con le famiglie oppure no. Nel secondo caso tutti i riferimenti ai genitori e alle famiglie, contenuti nel presente regolamento ed in altri atti connessi, devono intendersi rivolti agli studenti maggiorenni stessi. In questo stesso caso nei colloqui con i genitori tutto il personale dovrà comunicare solo le procedure, le metodologie, gli obiettivi e le attività che li coinvolgono, ma non gli aspetti disciplinari e di profitto degli studenti. Lo studente maggiorenne ha facoltà di revocare in qualunque momento la scelta operata, compilando un nuovo Mod. 58. In ogni caso la firma del maggiorenne è valida per le giustificazioni di assenze, ritardi ed uscite anticipate Iscritti al CTP. Per gli iscritti al CTP il regolamento generale d Istituto è modificato nei seguenti punti. Studenti maggiorenni. Il regolamento è applicabile solo nella parte relativa al corretto comportamento e alla rifusione dei danni eventualmente arrecati. L Istituto si riserva la facoltà di non accettare iscrizioni o di allontanare persone che siano di turbativa all attività. L organo competente è la Giunta Esecutiva, sentiti i docenti del corso. Studenti minorenni. Stante l attuale normativa nazionale, possono essere iscritti solo allievi il cui anno di nascita è precedente a quello dei giovani che, avendo seguito un curriculum regolare, frequentano la seconda superiore. All atto dell iscrizione va versata la quota per l assicurazione scolastica. La frequenza è comunicata alla famiglia tramite il libretto personale dello studente. In caso di assenza prolungata, l Istituto provvede, su iniziativa dei docenti del corso, ad informarsi presso la famiglia della motivazione, in via telefonica o per iscritto. Le sanzioni disciplinari in caso di scorretto comportamento sono le stesse degli altri studenti. Per la sanzione A è competente il gruppo di docenti del corso; per la B la competenza spetta al DS, sentiti i docenti del corso Democrazia. Le varie componenti della scuola hanno diritto a riunirsi in assemblea nei locali dell Istituto. Le assemblee degli studenti possono essere: a) di classe b) di istituto. Le assemblee di classe vengono convocate su richiesta dei rappresentanti della classe con almeno tre giorni di anticipo. Nella richiesta devono essere indicati gli argomenti all o.d.g. e comparire le firme dei docenti in orario. Gli studenti devono provvedere a redigere un verbale dell assemblea che in copia deve essere consegnato al coordinatore. E ammessa non più di un assemblea al mese per non più di due ore da svolgersi in orari e giorni differenti. E consentita la convocazione di assemblea al di fuori dell orario delle lezioni previa richiesta scritta alla Dirigenza. ed. 3 rev. 1 p. 12 di 16

13 L assemblea d Istituto, in relazione al numero degli allievi e alla disponibilità di locali può articolarsi in assemblea di gruppi di classi. E consentita un assemblea d Istituto al mese per un massimo di quattro ore di lezione. L assemblea d Istituto è convocata su richiesta alternativamente: a) dei Rappresentanti di Istituto; b) della maggioranza del Comitato studentesco; c) del 10% degli studenti. La richiesta della convocazione, da presentare al DS con almeno due giorni di anticipo, deve contenere l o.d.g. e deve essere redatto verbale che in copia va consegnato al DS. Alle assemblee d Istituto possono partecipare esperti di problemi sociali, culturali, artistici e scientifici e rappresentanti di forze politiche ed economiche. La partecipazione di soggetti esterni deve essere autorizzata dalla Giunta Esecutiva. Non possono aver luogo assemblee nel mese conclusivo delle lezioni. Alle assemblee di Istituto e di classe possono assistere il DS e gli insegnanti. Il DS, nel caso di constatata impossibilità di ordinato svolgimento delle assemblee ha il potere di sospenderle. Il personale docente ed ATA può riunirsi sul luogo di lavoro secondo le disposizioni di legge vigenti a cui si rinvia. I genitori possono riunirsi nei locali di Istituto, previo accordo col DS per gli spazi necessari e gli orari. Gli studenti hanno la facoltà di affiggere stampati, disegni, manoscritti negli spazi a ciò destinati. Ogni forma di comunicazione deve riportare in modo chiaro e leggibile i nomi dei proponenti che si assumono la responsabilità penale e civile dei contenuti. Il visto del DS con la data di scadenza deve essere comunque apposto prima dell affissione. Non è consentita l affissione di materiale pubblicitario e di materiale relativo alla propaganda politica elettorale. E presente in Istituto l albo sindacale dei docenti e del personale ATA, oltreché albi delle comunicazioni, delle funzioni, del SGQ Norme relative all uso dei servizi I Laboratori e la Biblioteca sono strumenti indispensabili di lavoro al servizio della comunità scolastica. La Biblioteca d Istituto raccoglie, conserva e distribuisce in lettura: libri, videotape, riviste e pubblicazioni di vario genere, al fine di istruire ed informare, ampliare e completare il patrimonio culturale degli utenti. Per l accesso alla Biblioteca esiste un apposito regolamento. Gli allievi possono accedere ai laboratori di fisica e chimica solo se accompagnati dai docenti. E assolutamente vietato l uso di strumentazione di laboratorio in assenza del docente. Al Laboratorio di Informatica gli allievi possono accedere solo se accompagnati da un docente. E fatto divieto di utilizzare e caricare su hard disk software di qualunque natura. Altre norme di comportamento sono contenute nell apposito Regolamento del Laboratorio di Informatica. 3. AREA FUNZIONALE 3.1. Organizzazione interna Sono organi deliberanti ciascuno con le a) Il Consiglio d Istituto b) Il Collegio Docenti c) Il Consiglio di Classe d) Il Comitato di Valutazione degli insegnanti. E organo esecutivo: la Giunta Esecutiva. Sono organi tecnico-didattici e tecnico-amministrativi: proprie competenze: a) Il Dirigente Scolastico b) Lo staff di dirigenza c) La Direttrice dei Servizi Generali e Amministrativi. Sono inoltre organi di sistema il Responsabile per l Accreditamento e la Qualità ed il Reponsabile per la Prevenzione e Sicurezza. ed. 3 rev. 1 p. 13 di 16

14 Per le attribuzioni dei vari organismi si fa riferimento alle norme vigenti e al Manuale della Qualità e relativi allegati, tra cui gli organigrammi e il funzionigramma Chi fa cosa esposti Regolamento del Consiglio d Istituto. Il Consiglio d Istituto è l organo rappresentativo di tutte le componenti scolastiche. Per le competenze attribuite al C.d.I. si fa riferimento alle norme di legge vigenti. Il Consiglio di riunisce di norma nella sede della scuola. Il Consiglio è convocato dal Presidente, che è un genitore, ogni qual volta lo ritenga opportuno, e, normalmente nel periodo delle lezioni, una volta al mese. La convocazione del Consiglio deve indicare l o.d.g. e deve essere comunicata per iscritto ai membri del Consiglio almeno quattro giorni prima dell adunanza. La convocazione del Consiglio può essere richiesta anche da due consiglieri o dal Collegio Docenti o da un Consiglio di Classe. Nella richiesta deve essere indicato l o.d.g. In caso di necessità ed urgenza, può essere convocata un adunanza straordinaria del Consiglio, dando preavviso di convocazione di almeno due giorni. Copia della convocazione deve essere affissa all albo della scuola, in quanto la riunione del Consiglio è pubblica. Le sedute del Consiglio sono valide se è presente almeno la metà più uno dei consiglieri in carica. Le deliberazioni sono adottate a maggioranza assoluta dei voti validamente espressi. In caso di parità prevale il voto del Presidente. Le sedute sono presiedute dal Presidente, o, in caso di impedimento, dal Vice Presidente o, in assenza di quest ultimo, dal Consigliere anziano per età. Decadono dalla carica i consiglieri che effettuano tre assenze consecutive senza fornire giustificazione Organismi consultivi. Esistono nell Istituto due organismi consultivi: il Comitato Studentesco, formalizzato con atto del Preside, composto dai 3 membri del CdI, i 2 rappresentanti nella Consulta provinciale, e altri membri designati in rappresentanza dei corsi e degli anni di corso; il Comitato dei Genitori, costituito su base volontaria Condizioni ambientali L edificio L IIS Pascal è totalmente ospitato nell edificio della Strada Provinciale per Novara di proprietà dell Amministrazione Provinciale. L Amministrazione Provinciale è responsabile della manutenzione e dell arredo dell edificio. Per la piccola manutenzione la Provincia assegna un contributo economico per la gestione diretta dell IIS. L edificio, terminato nel 1982, ha le certificazioni di agibilità dei Vigili del Fuoco e dell ASL. L edificio non presenta barriere architettoniche per l accoglienza di persone in situazione di handicap: è dotato di ascensore e di servizi speciali. La planimetria dell edificio e della vasta area verde circostante recintata è contenuta nell allegato 12. Alla pulizia della palestra provvede la società sportiva AS di Romentino. Esiste il documento di valutazione dei rischi (L. 626/94) comprendente un piano di evacuazione e di asserragliamento, testato ogni anno, ed il servizio di prevenzione e protezione (allegato 13) Dotazioni Le dotazioni dell Istituto sono analiticamente descritte nel Registro dell inventario. Le più importanti sono: ed. 3 rev. 1 p. 14 di 16

15 attrezzature informatiche: 78 personal computer multimediali, di cui 10 collegati in rete di segreteria, 55 collegati in rete didattica, 12 stampanti, 3 scanner, 3 modem, 2 PC portatile; 4 punti di connessioni WI-FI (internet on air). attrezzature video: 3 LIM, televisori, videoregistratore, lettore DVD, videoproiettore, proiettore diapositive. biblioteca: circa 4000 volumi, 250 cassette video, 200 cassette audio, 300 diapositive, 300 CD, 10 abbonamenti a riviste e pubblicazioni. palestra: attrezzature per basket, pallavolo, calcetto, atletica e ginnastica artistica Trasporti La gran parte degli studenti usufruisce delle linee SUN SpA, che prevedono corse scolastiche appositamente dedicate agli studenti in arrivo e in partenza per Cameri e Galliate Sozzago, Cerano e Trecate Novara Gli studenti provenienti da Turbigo e comuni vicini utilizzano la Trenord fino a Galliate, dove trovano coincidenza con la linea SUN. Gli studenti provenienti da Magenta e comuni vicini utilizzano Trenitalia fino a Trecate, dove trovano coincidenza con la linea SUN. Gli studenti provenienti da Vigevano utilizzano una linea STAV fino a Trecate e successivamente la linea SUN. Gli studenti provenienti da Oleggio ed altri comuni della provincia utilizzano Trenitalia fino a Novara e la linea SUN Informazione L Istituto assicura all utente la tempestività del contatto telefonico, indirizzando alla persona richiesta o a quella in grado di fornire l informazione richiesta. E attivo il servizio informativo d Istituto per genitori e docenti. Nell edificio sono predisposti spazi per l informazione riguardanti: orario di lezione organigramma degli uffici organigramma degli organi collegiali funzionigramma Chi fa cosa organico del personale docente, amministrativo ed ausiliario regolamento d istituto albi d istituto tabelloni settimanali delle attività speciali dell Istituto bacheca sindacale bacheca studentesca bacheca dei genitori. Presso l ingresso è disponibile il servizio di portineria che fornisce all utenza le prime informazioni per la fruizione dei servizi. Gli operatori scolastici indossano il cartellino di identificazione durante l orario di lavoro. 4. PROCEDURA DEI RECLAMI Chiunque ritenga sia stato leso può presentare un reclamo secondo le modalità del SGQ. All insorgere del problema, prima di attivare la procedura del reclamo, il personale, ciascuno per le proprie funzioni, è disponibile per fornire spiegazioni di merito e di metodo all utenza. ed. 3 rev. 1 p. 15 di 16

16 5. SISTEMA GESTIONALE PER LA QUALITA La valutazione del servizio riguarda l adeguatezza del servizio reso rispetto ai fattori di qualità di ciascuna area della Carta e del Manuale della Qualità, con particolare riferimento alle articolazioni del Piano dell Offerta Formativa. I principali indicatori di qualità sono quelli descritti nel SGQ per la parte organizzativa e di funzionamento, per la qualità dell apprendimento da parte degli studenti si seguono gli indicatori dell INVALSI. ELENCO ALLEGATI 1 WELCOME E WELCOME BACK 2 EDUCAZIONE ALLA SALUTE 3 AREE DI PROGETTO 4 C.I.C. 5 EDUCAZIONE STRADALE 6 ORIENTAMENTO E STAGES AZIENDALI 9 CODICE DI COMPORTAMENTO 10 REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA 11 REGOLAMENTO DEI LABORATORI DI INFORMATICA 12 PLANIMETRIA DELL EDIFICIO 13 PIANO DI EVACUAZIONE ed. 3 rev. 1 p. 16 di 16

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento Carta dei Servizi Scolastici ITI Buonarroti Trento PREMESSA La Carta dei Servizi dell I.T.I. Buonarroti è il documento che riassume i principi ispiratori delle attività della scuola e rende esplicite tali

Dettagli

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO Parte I - PRINCIPI FONDAMENTALI CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi del Liceo Artistico Scuola del Libro di Urbino trae i suoi principi fondamentali dagli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Dettagli

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana. ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PRINCIPI FONDAMENTALI

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GALLARATE LICEO SCIENTIFICO STATALE Leonardo da Vinci GINNASIO LICEO CLASSICO "Giovanni Pascoli" LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI Principi fondamentali La carta dei servizi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Anno scolastico 2014-2015

CARTA DEI SERVIZI. Anno scolastico 2014-2015 M.I.U.R. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I. Morra Codice Meccanografico: MTIS009001 Servizi Socio-Sanitari - Servizi Commerciali Produzioni Industriali e Artigianali - Chimica, Materiali e Biotecnologie

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

Istituto "Michele Giua" - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI

Istituto Michele Giua - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PREMESSA Articolo 1 L Istituto considera finalità generali del proprio operare pedagogico i principi di cui agli artt. 3, 33, 34, della Costituzione Italiana. Articolo 2 La seguente carta

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UGUAGLIANZA

CARTA DEI SERVIZI UGUAGLIANZA Liceo Classico Statale "Pitagora" Piazza Umberto I, 15 0962/905731 Fax 0962/20922 Cod. Fisc. 81004910790790 e-mail: KRPCO2000L@istruzione.it sito web www.liceopitagoracrotone.it 88900 CROTONE CARTA DEI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CENTALLO VILLAFALLETTO Scuola dell infanzia Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado Via delle Scuole 8-12044 Centallo (CN) Tel. 0171214049 fax 0171214049 email cnic84300r@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola.

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER. Oggetto : Informazioni e disposizioni sulla vita della scuola. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE P. HENSEMBERGER ISTITUTO TECNICO : Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Meccatronica LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE Via Berchet 2-20900 Monza 039324607 - Fax 039322122

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. 0332400737 e-mail scuolavo@libero.it C è qualcosa di più

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834

LICEO CLASSICO STATALE SALVATORE QUASIMODO Via Volta 25-20013 MAGENTA Tel. 02/9794892 Fax 02/9784834 Estratto del Regolamento d Istituto TITOLO VI ALUNNI PREMESSA Lo Statuto degli Studenti, entrato in vigore col DPR 24/06/1998 n.249, introduce importanti garanzie riguardanti la vita all'interno della

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale

REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale REGOLAMENTO INTERNO PER I CFP DI ABF corsi di qualifica e diploma professionale Questo documento contiene le norme che regolano la vita interna dei Centri di Formazione Professionale di ABF; tutti devono

Dettagli

VADEMECUM DEL DOCENTE

VADEMECUM DEL DOCENTE Istituto di Istruzione Superiore S. Ceccato P.le Collodi, 1 36075 Montecchio Maggiore (VI) VADEMECUM DEL DOCENTE Assemblee di classe: Sono autorizzate dal Dirigente Scolastico compilando l apposita modulistica

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI DIREZIONE DIDATTICA STATALE SEREGNO 1 CIRCOLO PIAZZALE CADORNA, 3 20038 SEREGNO MILANO Tel/fax: 0362 231325 SCUOLA DELL INFANZIA NOBILI, SCUOLA PRIMARIA CADORNA CARTA DEI SERVIZI PREMESSA La presente Carta

Dettagli

Istituto Canossiano Madonna del Grappa Viale Europa, 20 31100 Treviso CF e PI 00517380267 CARTA DEI SERVIZI

Istituto Canossiano Madonna del Grappa Viale Europa, 20 31100 Treviso CF e PI 00517380267 CARTA DEI SERVIZI Istituto Canossiano Madonna del Grappa Viale Europa, 20 31100 Treviso CF e PI 00517380267 CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi è la dichiarazione degli impegni che l Istituto Canossiano Madonna del Grappa

Dettagli

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE

LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO TORNO PER LA VALUTAZIONE FINALE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G. TORNO Indirizzi Tecnici Settore Economico e Tecnologico Indirizzi Liceali Scientifico e Scienze Umane LA NORMATIVA MINISTERIALE E LE PROCEDURE DELL ISTITUTO

Dettagli

COMUNICAZIONE PER I DOCENTI

COMUNICAZIONE PER I DOCENTI Elettronica ed Elettrotecnica - Informatica e Telecomunicazioni - Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate C.so Venezia, 29 10147 TORINO Tel. 011 2293811 Fax 011 2161239 http://www.peano.it e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL LICEO

REGOLAMENTO DEL LICEO REGOLAMENTO DEL LICEO Indice generale: 0. RIFERIMENTI NORMATIVI 1. PERSONALE DOCENTE 2. PERSONALE A.T.A. 3. ALUNNE E ALUNNI 4. GENITORI DELLE ALUNNE E DEGLI ALUNNI 5. ENTI E ORGANIZZAZIONI ESTERNE 6. CONTRATTAZIONE

Dettagli

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE

SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE ISTITUTO COLLEGIO DIMESSE PADOVA SCUOLE D INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA COMUNITÀ EDUCANTE Premessa. Le scuole dell Istituto sono una comunità educante impegnata a collaborare con le

Dettagli

IL CONSIGLIO DI ISTITUTO DELL I.T.C. BONELLI DI CUNEO

IL CONSIGLIO DI ISTITUTO DELL I.T.C. BONELLI DI CUNEO IL CONSIGLIO DI ISTITUTO DELL I.T.C. BONELLI DI CUNEO VISTO il DPCM del 7 giugno 1995 VISTA la direttiva del 21 luglio 1995 n. 254 VISTA la C.M. del 4 ottobre 1995 n. 317 con il riconoscimento della necessità

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione.

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA. Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Il presente regolamento è in aggiornamento da parte di un apposita commissione. Premessa Le norme del presente regolamento si ispirano ai principi dello Statuto delle studentesse

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PRINCIPI FONDAMENTALI

CARTA DEI SERVIZI PRINCIPI FONDAMENTALI ISTITUTO COMPRENSIVO V. MONTI VIA BOLDORINI, 2 62010 POLLENZA MC Tel/fax. 0733/549800 Codice ISTITUTO MCIC817008 CF. 80007300439 E-MAIL: mcic817008@istruzione.it POSTA PEC: mcic817008@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 1 PREMESSA Il presente regolamento, ai sensi di quanto previsto dal D.P.R. 24 giugno 1998, n. 249 (Statuto delle studentesse e degli studenti)

Dettagli

Anno scolastico 2005-2006

Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Norme generali per i docenti Anno scolastico 2005-2006 1. Premessa. Il presente documento (Norme generali per i docenti) riporta le informazioni necessarie allo svolgimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

Via S. Esuperanzio, 2 62011 CINGOLI Tel. 0733602314 E-mail: mcic811009@istruzione.it C.F.:80006120432 cod. mecc. MCIC811009

Via S. Esuperanzio, 2 62011 CINGOLI Tel. 0733602314 E-mail: mcic811009@istruzione.it C.F.:80006120432 cod. mecc. MCIC811009 ISTITUTO COMPRENSIVO E. MESTICA Via S. Esuperanzio, 2 62011 CINGOLI Tel. 0733602314 E-mail: mcic811009@istruzione.it C.F.:80006120432 cod. mecc. MCIC811009 CARTA DEI SERVIZI A.s. 2014/2015 Premessa La

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ALANNO (PE) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado, Istituto Tecnico Agrario Statale, Istituto

Dettagli

ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE

ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE ISTITUTO MARIA AUSILIATRICE Via Caronda, 224 - Catania Carta dei servizi della scuola INDICE Indice...2 Nota Preliminare...3 Servizi Amministrativi...4 Condizioni ambientali della scuola...5 Fattori di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438

ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 ISTITUTO TECNICO "E. SCALFARO" Settore Tecnologico P.zza Matteotti, 1-88100 Catanzaro - Distretto n. 1 Tel. (0961) 745155-Fax (0961)744438 REGOLAMENTO D'ISTITUTO Premessa La Scuola è una comunità organizzata

Dettagli

Istituto Tecnico Turistico Statale "Andrea Gritti"

Istituto Tecnico Turistico Statale Andrea Gritti Carta dei Servizi A.S. 2004 / 2005 Istituto Tecnico Turistico Statale "Andrea Gritti" Via Muratori, 7 - Mestre (VE) Tel. 041/5350505 E-mail: segreteria@istitutogritti.it http://www.istitutogritti.it CARTA

Dettagli

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo.

Eventuali uscite anticipate dal semiconvitto devono essere richieste da un genitore su apposito libretto ed autorizzate dal personale educativo. Educandato Statale SS. Annunziata Firenze Liceo Classico Europeo - Liceo Scientifico Brocca - Liceo Linguistico Brocca 1. Vita della comunità scolastica Regolamento di Istituto La scuola è luogo di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI ISTITUTO PROFESSIONALE DI ENOGASTRONOMIA E OSPITALITA ALBERGHIERA CON I PERCORSI: ACCOGLIENZA TURISTICA, CUCINA, SALA-BAR ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO Sede Amministrativa:

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "ALBERT EINSTEIN" ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI e SCIENTIFICO TECNOLOGICO PERFEZIONAMENTO ENERGETICO-AMBIENTALE CORSO SERALE e EDUCAZIONE PER ADULTI 00168 ROMA -

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1. VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria

ISTITUTO COMPRENSIVO 1. VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO 1 VADEMECUM PER IL DOCENTE - Scuola Primaria A.S. 2014/2015 PREMESSE Le seguenti disposizioni hanno lo scopo di richiamare le indicazioni normative per quanto attiene i doveri connessi

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 47 DISTRETTO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FOSCOLO - OBERDAN Cod. MPI NAIC8E900C - Piazza del Gesù Nuovo, 2-80134 - NAPOLI tel. e fax 081/5524731; www.scuolafoscoloberdan.gov.it ; naic8e900c@istruzione.it;

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA , 20060 (MI) - Segreteria: 029566167 e Fax 029567005 -Fax Fax REGOLAMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art.1. La scuola in collaborazione con le famiglie, svolge un azione educativa volta a dotare gli alunni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

PROTOCOLLO ORGANIZZATIVO C.T.P. 32 DI LATINA ANNO SCOLASTICO 2013 2014

PROTOCOLLO ORGANIZZATIVO C.T.P. 32 DI LATINA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 PROTOCOLLO ORGANIZZATIVO C.T.P. 32 DI LATINA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 UNA RETE TERRITORRIALE DI SERVIZIO Il 32 CTP ha un ruolo di centralità nel territorio di Latina e borghi limitrofi grazie alla sua

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI

Istituto Comprensivo di Cologno al Serio SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. G. BRAVI Istituto Comprensivo di Cologno al Serio Via Rosmini, 12 24055 Cologno al Serio (BG) Tel. e Fax 035896031-0354872415 e-mail ministeriale: bgic89900p@istruzione.it http://www.iccolognoalserio.gov.it SCUOLA

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DUCA DEGLI ABRUZZI CATANIA Viale Artale Alagona, 99 Tel. 095.6136225 - Fax 095.6136224 REGOLAMENTO D ISTITUTO A.S. 2015/2016 1 Tutti gli studenti dovranno munirsi

Dettagli

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero

Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Guida alla riforma Tratto dal sito del ministero Scuola materna Possono iscriversi alla scuola dell infanzia anche i bambini di 2 anni e mezzo. stradale Cittadinanza e Costituzione È la nuova disciplina,

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA Statuto degli Studenti e delle Studentesse ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA I GRADO Centro Territoriale Permanente per l Educazione e la Formazione in età adulta Via San Giovanni Bosco, 5-23014 DELEBIO (SO) tel.

Dettagli

Asilo infantile T. A. GALIMBERTI

Asilo infantile T. A. GALIMBERTI La scuola dell Infanzia T.A. Galimberti ha come fine l educazione integrale dei bambini. Per un miglior funzionamento dei diversi momenti dell attività scolastica, riteniamo opportuno esplicitare alcune

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro.

REGOLAMENTO INTERNO. Il tempo dell intervallo va trascorso nelle rispettive aule. Non è consentito spostarsi da un piano all altro. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CALUSCO D ADDA 1 REGOLAMENTO INTERNO Entrata Gli alunni sono tenuti a presentarsi a scuola sia al mattino, sia al pomeriggio almeno cinque

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA La CARTA DEI SERVIZI delle scuole elementari e medie dell'istituto Comprensivo Pietrocola Mazzini di Minervino Murge si fonda sui seguenti articoli della Costituzione: art.

Dettagli

Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI

Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI L Istituto Comprensivo Gentile da Foligno si compone della scuola primaria (plesso di Fiamenga, via Lago di Cecita) e della scuola secondaria di

Dettagli

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16

Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 Circolare n. 6/15 Cesena, 12/09/2015 ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO Oggetto: Disposizioni di inizio anno scolastico 2015/16 - Agli studenti e per loro tramite ai genitori E p.c.: ai Docenti dell Istituto

Dettagli

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi

Art.22. Premesse. Art.23. Criteri generali. Art.24. Assegnazione ai plessi Capo 3. Funzionamento delle scuole Art.22. Premesse a) Il processo di realizzazione dell autonomia deve essere inteso come l acquisizione graduale, da parte di tutti i plessi dell Istituto, di responsabilità

Dettagli

Multimediale e Informatico

Multimediale e Informatico M.I.U.R. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto d Istruzione Superiore U.Midossi Via F. Petrarca s.n.c. 01033 Civita Castellana (VT)

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Galileo Ferraris REGOLAMENTO INTERNO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "Galileo Ferraris" REGOLAMENTO INTERNO Parte I - Alunni ART. 1 FINALITA Il fine della scuola è quello di favorire la formazione e lo sviluppo delle attitudini dei giovani

Dettagli

Richiamo verbale. Richiamo ufficiale con annotazione sul registro di classe. Richiamo verbale. Annotazione registro di classe

Richiamo verbale. Richiamo ufficiale con annotazione sul registro di classe. Richiamo verbale. Annotazione registro di classe ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO San Domenico Savio MATTINATA Premessa La scuola è luogo di crescita civile e culturale della persona. E quindi ad essa, oltre che alla famiglia, che spetta

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO

REGOLAMENTO D ISTITUTO MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA, DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE A. LABRIOLA Via Capo Sperone 50 00122 - Roma 065662275 fax 065662340 rmps010004@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori Con sezioni di: ISTITUTO TECNICO settore ECONOMICO e TECNOLOGICO LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO - LICEO CLASSICO Via S. Antonio Abate,

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO

SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE REPUBBLICA DI SAN MARINO REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ART. 1 NORME DI COMPORTAMENTO OGNI ALUNNO È TENUTO AL MASSIMO RISPETTO DELLE PERSONE E DELL AMBIENTE

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

Padova, 22.09.2012. Agli alunni dell Istituto. Ai genitori degli alunni. Ai docenti dell Istituto. Al personale ATA dell Istituto

Padova, 22.09.2012. Agli alunni dell Istituto. Ai genitori degli alunni. Ai docenti dell Istituto. Al personale ATA dell Istituto ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n. 57-35123 PADOVA tel.

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA

Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA Istituto di Istruzione Superiore del COSSATESE e VALLE STRONA LICEO SCIENTIFICO COSSATO & VALLEMOSSO LICEO DELLE SCIENZE UMANE COSSATO LICEO LINGUISTICO COSSATO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO 2 MONTESARCHIO Ad indirizzo musicale Via Vitulanese, 48 Montesarchio ( BN) Segreteria tel./fax 0824834094 bnic855006@istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA AL PROGRAMMA ANNUALE 2014

RELAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA AL PROGRAMMA ANNUALE 2014 RELAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA AL PROGRAMMA ANNUALE 2014 A) PREMESSA I- Il Liceo Classico - Linguistico Virgilio di Mantova è frequentato, ad oggi, da 785 studenti distribuiti in 35 classi di cui 304

Dettagli

LICEO REGINA MARGHERITA

LICEO REGINA MARGHERITA LICEO REGINA MARGHERITA Indirizzi: Linguistico Scienze Umane Economico Sociale - Scienze Applicate Tel 089224887 fax 089250588 Via Cuomo n.6 84122 -SALERNO Cod. mecc. SAPM050003 C. F. 80027420654 e-mail

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado

Regolamento Alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto Comprensivo Statale E. Fermi Via E. Fermi 400 21044 Cavaria con Premezzo (Va) Tel: 0331/212640-216284 Fax: 0331/217400 Sedi : scuole dell infanzia, primarie e secondarie 1 grado di Albizzate e

Dettagli

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento

Finalità. Comportamenti configuranti mancanze disciplinari. Classificazione delle sanzioni disciplinari diverse dall allontanamento MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ELSA MORANTE C.M.RMIC805003 C.F. 971980000586 Via A. Volta, 41-00153 ROMA - /Fax

Dettagli

Scuola Paritaria LAURA SANVITALE

Scuola Paritaria LAURA SANVITALE Scuola Paritaria LAURA SANVITALE N.B. A VOLTE TRA PARENTESI SONO INDICATE LE CLASSI O I SETTORI SPECIFICATAMENTE INTERESSATI, ALTRIMENTI RIGUARDANO TUTTI. 1 VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE ( nella secondaria

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A.

Istituto Comprensivo Luigi Valli di Narni Infanzia, Primaria e Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente E.D.A. 1 Indice Premessa...3 Tipologia degli interventi...3 Iscrizioni...3 Accoglienza...4 Ore di ricevimento...4 Costi a carico dell'utenza...4 Frequenza delle lezioni...4 Certificazioni rilasciate...4 Smarrimenti

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26

6. LA VALUTAZIONE. Liceo Classico Dante Alighieri Latina P.O.F. Pagina 26 6. LA VALUTAZIONE La valutazione è momento centrale nella pratica educativa e nel processo di apprendimento degli studenti, e riguarda molti aspetti della vita scolastica. Il Collegio dei Docenti indica

Dettagli

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 9. MP 2 Formazione curricolare

Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 9. MP 2 Formazione curricolare Manuale di gestione della scuola Pagina 1 di 9 2 FORMAZIONE CURRICOLARE 2.0 DESCRIZIONE In questo capitolo si descrivono analiticamente tutte le attività connesse alla missione principale del liceo: la

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO DI ISTITUTO SCUOLA PRIMARIA Entrata 8.10 8.15 Chiusura cancelli: 8.20 Ingresso Gli alunni non possono accedere nei locali scolastici se non 5 minuti prima dell inizio delle lezioni. L ingresso

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA COMUNALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 13.01.1998 Revisioni: NOTE: 1 TITOLO I FINALITA DELLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ART. 1 - FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA Pag. 1 di 5 SCUOLA D INFANZIA E PRIMARIA Il presente regolamento fa riferimento al testo Regolamento dell attività scolastica, redatto da CIOFS SCUOLA, aggiornato al 06 settembre 2008, depositato presso

Dettagli

Circ. n.223 - Allegato Porto Cesareo, 02/06/2015

Circ. n.223 - Allegato Porto Cesareo, 02/06/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PORTO CESAREO Via Piccinni, 10 Tel. e Fax 0833-569105 C.F. 91012680756 mail leic831006@istruzione.it mail certificata leic831006@pec.istruzione.it sito: www.icportocesareo.gov.it

Dettagli

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto Indicatori e descrittori per l attribuzione del voto relativo al comportamento di ciascuno studente VOTO 10 9 8 7 6 5 Rapporto con persone e con l istituzione scolastica, rispetto del Regolamento d Istituto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI Via Gardenghi 5 44012 Bondeno (FE) Tel.: 0532 898077 Fax: 0532 898232 feic802005@istruzione.it www.icbonatibondeno.gov.it REGOLAMENTO USO DEL CELLULARE E DEI

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA

PIANO OFFERTA FORMATIVA PIANO OFFERTA FORMATIVA La scuola Falcone Borsellino appartiene all Istituto comprensivo Arbe Zara SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FALCONE BORSELLINO scuola PRIMARIA S.T.Fabbri di viale Zara 96 ISTITUTO

Dettagli

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni TITOLO K ORGANI COLLEGIALI I - COLLEGIO DOCENTI Art. K 1. Competenze e composizione Il Collegio docenti ha le competenze ad esso attribuite dalla legge (D.l.vo n. 297/1994 e successive modificazioni).

Dettagli

Ministero dell Istuzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istuzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. Spedito il 8 settembre 2011 Roma, 8 settembre 2011 Alla c.a. Ministro On.le Avv. Mariastella GELMINI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca E p.c. Direttore Generale Dott.

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO CARTA DEI SERVIZI A.S.2012/2013 La carta dei servizi esplicita gli standard qualitativi del servizio scolastico offerto dall'istituto Professionale Statale Industria e Artigianato "DALMAZIO BIRAGO" di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA

REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI DI TRENTO. (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Allegato D delibera n. 5/2006 REGOLAMENTO DISCIPLINARE DELL I.T.I. M. BUONARROTI (secondo quanto previsto dal D.P.R. 249 del 24 giugno 1998) PREMESSA Il presente Regolamento si articola secondo la struttura

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado. Piazza della Sapienza 82021 APICE (BN) Con sede distaccata a Paduli Tel.-fax- 0824-922063- C.M. BNIC81700B- Web- http://www.icapice.gov.it CARTA

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI

I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI a.s. 2010/2011 REGOLAMENTO LABORATORI DI INFORMATICA (Sede Lecce) I laboratori di informatica sono uno strumento indispensabile e privilegiato per lo svolgimento

Dettagli

ai docenti al personale ATA

ai docenti al personale ATA Carate Brianza, 11 settembre 2015 Circolare interna n. 16 agli studenti e ai loro genitori ai docenti al personale ATA Oggetto: Comunicazioni per l anno scolastico 2015-2016 1. FORME DI COMUNICAZIONE Tutte

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.)

Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Regolamento di Disciplina (approvato in data 18-09-2013 C.d.I.) Premessa Il rispetto di norme, regole e principi garantisce la civile convivenza e contribuisce a valorizzare, attraverso il dialogo ed il

Dettagli

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ Dis. n. 216 La Carta dei Servizi UGUAGLIANZA Si accettano le domande d iscrizione prescindendo da qualunque forma di esclusione per motivi sociali o familiari. Si accolgono

Dettagli

PREMESSA I - PRINCIPI FONDAMENTALI. Articolo 1 (Uguaglianza e imparzialità)

PREMESSA I - PRINCIPI FONDAMENTALI. Articolo 1 (Uguaglianza e imparzialità) PREMESSA La presente Carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art. 149 del Trattato dell Unione Europea e costituisce un documento di

Dettagli