Copertina: Drago e Associati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Copertina: Drago e Associati"

Transcript

1 Copertina: Drago e Associati

2 TREVOR PENSÒ: «ECCO IO FACCIO UN FAVORE ATRE PERSONE. ΡOI, QUANDO MI CHIEDONO COME POSSONO RICAMBIARE IL FAVORE, IO DICO LORO CHE DEVONO FARE UN FAVORE AD ALTRE TRE PERSONE CIASCUNO. TRE PER TRE... NOVE! COSÌ VENGONO AIUTAΤΕ NOVE PERSONE. E LORO DEVONO AIUTARNE VENTISETTE... POI OTTANTUNO... DUECENTOQUARANTATRÉ... E COSÌ VIA, GIORNO DOPO GIORNO. SAPETE CHE RISULTATO SI OTTERREBBE NEL GIRO DI UN MESE? L ASTRONOMICA CIFRA DI OLTRE 103 MILA MILIARDI DI BUONE AZIONI.» QUESTA È LA FORMULA DEL CUORE QUESTA È LA FORMULA PER CAMBIARE IL MONDO. «Pensate a un modo per cambiare il mondo, poi mettetelo in pratica.» È il compito che Reuben St. Clair, insegnante in una scuola media della provincia americana, assegna ai suoi giovani studenti. Trevor McKinney, 12 anni e una famiglia disastrata alle spalle, ha un'idea semplice, ma dalla logica ineccepibile: regalare tre buone azioni ad altrettante persone in difficoltà e in cambio chiedere loro di imitarlo, trovando ciascuno altre tre persone da aiutare. È la Formula del cuore. Trevor si dà da fare, anche perché non è certo difficile trovare gente che abbia bisogno d'aiuto: basta guardarsi intorno. C'è Jerry, per esempio, un giovane tossicodipendente in cerca di un'occasione di riscatto. O l'anziana signora Greenberg, che da sola non riesce più a tenere in ordine il giardino. O la stessa madre di Trevor, Arlene, che da troppo tempo non incontra un uomo capace di ridarle fiducia nell'amore... Le azioni di Trevor finiranno per toccare le vite - e i cuori - di persone diversissime fra loro, con conseguenze di portata straordinaria. Ε il mondo non sarà più quello di prima. Un romanzo coraggioso, divertente e indimenticabile, traboccante di storie appassionanti abilmente intrecciate da un'autrice di grande talento. CAΤΗΕRINΕ RΥAN ΗΥDΕ - Vive a Cambria, in California. Questo suo secondo romanzo ha ottenuto negli Stati Uniti un successo strepitoso. Prossimamente nelle sale italiane l'attesa versione cinematografica de La Formula del cuore, con un trio di attori da Oscar: Kevin Spacey, Helen Hunt e Haley Joel Osment, il bambino de Il Sesto senso.. 17,50 - L (*) (*) Questa cifra comprende un pasto caldo completo offerto ad una persona bisognosa dalla Comunità di Sant'Egidio. Perché questo si realizzi, basta inviare il buono che si trova all'interno.

3 CATHERINE RYAN HYDE LA FORMULA DEL CUORE Titolo originale dell'opera: Pay it forward γ Catherine Ryan Hyde Traduzione di: Stefano Bortolussi Redazione: Edistudio, Milano I Edizione EDIZIONI ΡIΕMMΕ Spa Casale Monferrato (AL) - Via del Carmine, 5 Tel. 0142/ Fax 0142/ Stampa: Mondadori Printing S.p.A. Stabilimento NSM - Cles (TN)

4 Per Vance PROLOGO Mi chiamo Chris Chandler e sono un giornalista. Un giorno, quasi per caso, ho scoperto che un ragazzino di dodici anni poteva cambiare il mondo. Grazie a una buona idea. Un'idea semplice, facile da mettere in pratica. Così è nata la Formula : la Formula del Cuore. Siete curiosi di sapere com'è andata veramente? Prima, lasciate che vi racconti una storia che mi è appena successa, perché comprendiate quanto il mondo sia davvero cambiato. Circa una settimana fa la mia automobile si è fermata a un incrocio nel traffico, e per quanto insistessi non ha voluto saperne di ripartire. Me ne stavo in mezzo all'incrocio a guardare nervosamente sotto il cofano, impresa inutile perché non ci ho mai capito niente di motori. In quel momento mi si è avvicinato uno sconosciuto, che mi ha sorriso. «Spingiamola sul ciglio della strada» si è offerto, «la aiuto io.» Dopo aver spostato l'auto a fianco della strada lo sconosciuto mi ha offerto le chiavi della sua macchina, una bella Acura color argento. «Prenda la mia» ha detto. «Facciamo cambio. Me la renderà quando si sarà procurato una macchina nuova.» Gli ho chiesto il perché di quel gesto. «Negli ultimi tempi ho ricevuto aiuto da una quantità di persone» mi ha risposto «così ho sentito l'impulso di offrirle in prestito la mia automobile.» Ecco che cos'è diventato il mondo. Un tipo mai visto prima può decidere all'improvviso di prestarti la sua automobile a tempo indeterminato. Il bello è che un'offerta così generosa da parte di un perfetto sconosciuto non è più un caso isolato, straordinario. Oggi la generosità è all'ordine del giorno. È diventata la norma. Non fa neanche più notizia. Io c'ero. Io ho visto come è iniziato tutto. Ma allora ero una persona diversa. Per me si trattava semplicemente di uno scoop. Vi confesso una cosa. Quando ho conosciuto Trevor, il ragazzino che ha inventato la Formula del Cuore, all'inizio neanch'io ho creduto che potesse davvero funzionare. Ho capito solo quando ho visto che la gente la metteva in pratica davvero. Perché la Formula è un'idea di rivoluzionaria semplicità. Così ho deciso quale fosse il mio compito. Ho scritto un libro, intervistando le persone che avevano conosciuto Trevor. L'ho intitolato Gli amici di Trevor raccontano, perché sono le loro voci, in prima persona, a raccontare questa esperienza unica. L'ho scritto perché volevo che tutti ricordassero che cosa è successo, e come, e perché, e quando. Perché tutti si convincessero che cambiare noi stessi e gli altri è davvero possibile. Non c'e bisogno di molto. Basta una buona idea, e un pizzico di fiducia negli altri. Leggete questo libro. Ε, se volete, parlate della Formula del Cuore con le persone che conoscete. Date alla Formula una possibilità: non deve rimanere imprigionata in un libro, ha bisogno di libertà, perché è viva. Ha solo bisogno di circolare nel mondo, per cambiarlo a poco a poco. Quando ho conosciuto Trevor, gli ho detto: «Anch iο voglio cambiare il mondo». Io l'ho fatto. Continuerò a farlo. Ε voi? Chris Chandler

5 REUBEN La segretaria sorrise tanto educatamente che lui se ne sentì offeso. «Mr St. Clair, avverto subito la preside Morgan. Certo le vorrà parlare.» Fece due passi, si voltò e aggiunse, quasi scusandosi: «Vuole parlare con tutti, naturalmente. Con tutti i nuovi insegnanti». «Davvero?» Ormai avrebbe dovuto esserci abituato. Tre minuti dopo, la segretaria uscì dall'ufficio della preside: aveva stampato sul volto un sorriso troppo amichevole. La gente ostentava sempre una benevolenza esagerata verso di lui quando si sentiva in imbarazzo. «Prego, Mr St. Clair, si accomodi.» La preside dimostrava una decina d'anni più di lui, era attraente, con folti capelli scuri raccolti sul capo. Le belle donne lo facevano sempre soffrire: una fitta acuta che si accendeva nel plesso solare e da lì s'irradiava in tutto il corpo. «Sono lieta di incontrarla faccia a faccia, Mr St. Clair.» Poi la donna subito si interruppe, come se pronunciare la parola faccia rappresentasse un'imperdonabile scortesia nei suoi confronti. Lui si sentì in dovere di dire qualcosa, qualsiasi cosa. «La prego, mi chiami Reuben.» «Reuben, certo. Ε io sono Anne.» Lo sguardo di lei era fermo e diretto, non tradiva alcuna particolare emozione. La sua segretaria doveva averla preparata. L'unica cosa capace di ferire Reuben più di una reazione spontanea era la sua studiata assenza. Anne indicò una sedia e lui si sedette. Accavallò le gambe. La piega dei suoi pantaloni era accuratamente stirata; la cravatta, scelta la sera precedente, s'intonava col vestito. Aveva l'ossessione dell'eleganza, anche se sapeva che nel suo caso tutta quella cura passava inosservata. Vestiva bene per se stesso, malgrado nessuno se ne accorgesse, ο forse proprio per quella ragione. «Non sono esattamente quello che si aspettava, vero, Anne?» Avvertì di nuovo la fitta, più acuta. Era davvero difficile parlare con una donna attraente. «In che senso?» «Non finga, la prego. Si renderà conto di quante volte io abbia già vissuto questa scena.» Lei abbassò gli occhi. «Capisco» disse. «Ne dubito», pensò lui. «È nella natura umana» aggiunse poi Reuben, «formarsi un'immagine mentale di qualcuno. Lei ha letto un curriculum e una domanda d'impiego e ha appreso che ho quarantaquattro anni, che sono un maschio di colore, un veterano del Vietnam con un'ottima istruzione. Ε poiché non ha pregiudizi, mi ha assunto perché insegni nella sua scuola. Ma ora che mi vede in faccia...» Anne si irrigidì. «Se crede che il suo nuovo lavoro sia in pericolo, Reuben, non ha alcuna ragione di preoccuparsi.»

6 Fa davvero questa chiacchierata con tutti i nuovi insegnanti?» «Naturalmente.» Una pausa. «Reuben, non trova anche lei che sia utile discutere insieme del... del periodo di adattamento iniziale?» «Lo dica pure. Con franchezza, la prego. Lei teme che il mio aspetto possa turbare gli studenti.» «Qual è stata la sua esperienza in passato?» «È sempre facile con i ragazzi, Anne. Loro mi sanno accettare. È questo il momento più difficile. Ogni volta.» «Capisco.» «Ne dubito. Dubito proprio che lei possa capire» disse lui, questa volta a voce alta. Nella scuola precedente, a Cincinnati, Reuben aveva un amico di nome Louis Tartaglia. Lou aveva elaborato una efficace strategia che metteva in atto ogni volta che affrontava una nuova classe. Entrava in aula, la prima mattina, reggendo in mano una stecca da un metro. All'inizio, si sa, agli studenti piace mettere alla prova un nuovo insegnante. Ε Lou rispondeva affrontando la situazione di petto. La stecca era sottile, economica, sempre la stessa marca acquistata nello stesso negozio. Lou chiedeva silenzio. Invariabilmente, la classe lo ignorava. Dopo aver contato fino a tre, Lou levava in alto la stecca e la calava sulla cattedra con una tale violenza da spezzarla in due. La metà libera volava in aria alle sue spalle, colpiva la lavagna e rimbalzava sul pavimento. Nell'attonito silenzio che seguiva, Lou mormorava semplicemente: «Grazie». Ε in seguito non aveva più alcun problema con la classe. Reuben era certo che un giorno ο l'altro una scheggia sarebbe volata nella direzione sbagliata e avrebbe colpito uno studente, causando un sacco di problemi, ma fino a quel momento il sistema aveva sempre funzionato. «Alla base di tutto c'è l'imprevedibilità» spiegava compiaciuto Lou. «Una volta che ti considerano imprevedibile, li hai in pugno.» Poi un giorno gli aveva chiesto cosa facesse lui per calmare una classe turbolenta. Reuben aveva risposto che il problema non gli si era mai presentato; veniva sempre accolto da un silenzio più che glaciale. «Ah. Certo» aveva mormorato Lοu, imbarazzato. Reuben si parò per la prima volta di fronte ai suoi alunni, grato e al tempo stesso risentito per il loro silenzio. Fuori dalla finestra, alla sua destra, c'era la California, un luogo in cui in passato non era mai stato. Gli alberi, i fiori erano diversi; il cielo non era di un grigiore invernale come quello di Cincinnati. Non provava alcuna nostalgia per il luogo da cui era partito, perché Cincinnati non era casa sua. Nemmeno la California lo sarebbe stata. Ma lui cominciava a essere stanco di sentirsi sempre un estraneo. Fece un rapido conto dei banchi in ogni fila e del numero di file. «Visto che siete tutti presenti» disse, «faremo a meno dell'appello.» Il fatto che avesse parlato sembrò spezzare un incantesimo, e gli studenti cominciarono ad agitarsi sulle sedie bisbigliando fra loro. Né meglio né peggio del solito. Reuben si voltò per scrivere il suo nome alla lavagna. Mr St. Clair. Poi lo scrisse per esteso, Saint Clair. Attese qualche secondo prima di tornare a voltarsi. «Bene» disse Reuben, «forse potremmo passare questa prima giornata semplicemente a chiacchierare. Possiamo cominciare parlando delle apparenze. Di che cosa proviamo nei riguardi degli altri a causa del loro aspetto. Non ci sono regole, non preoccupatevi. Potete dire quello che volete, anzi, vi invito a essere del tutto sinceri.»

7 A quanto sembrava non erano ancora disposti a fidarsi di lui, perché dissero le stesse cose che avrebbero potuto dire alla presenza dei loro genitori. Poi, nel tentativo di fare dello spirito, un ragazzino seduto nell'ultima fila gli chiese se fosse un pirata. «No» rispose lui, «non lo sono. Io sono un insegnante.» «Credevo che soltanto i pirati portassero una benda nera sull'occhio» commentò lui, ridacchiando. Reuben spiegò, impassibile: «Chi ha perso un occhio porta sempre la benda. Che sia un pirata ο no». Finalmente la classe usci. Lui udì un rumore e alzò gli occhi su un ragazzino in piedi davanti alla cattedra. Era bianco, gracile e molto scuro di capelli, forse in parte ispanico. «Salve» disse il ragazzino. «Ciao.» «Che cos'è successo alla sua faccia?» Reuben sorrise, una smorfia sbilenca che raramente si concedeva. Fece scivolare una sedia di fronte alla cattedra e il ragazzino vi si sedette senza esitare. «Come ti chiami?» «Trevor.» «Trevor e poi?» «Trevor McKinney. L ho offesa con la mia domanda?» «No, Trevor.» «Mia madre dice che non dovrei fare domande simili alla gente, perché potrebbe offendersi. Dice che dovrei imparare a tenere la bocca chiusa.» «Beh, Trevor, quello che tua madre non può sapere è che, anche se fai finta di non esserti accorto di niente, io capisco comunque che non è così. Ε a quel punto diventa strano che non parliamo del mio aspetto, visto che entrambi ci stiamo pensando. Capisci che cosa intendo?» «Credo di sì. Beh, allora, cosa le è successo?» «Sono stato ferito, in guerra.» «In Vietnam?» «Esatto.» «Anche mio padre è stato in Vietnam. Dice che era un posto infernale.» «Sono d'accordo con lui. Anche se io ci sono stato soltanto sette settimane.» «Mio padre ci è stato per due anni.» «È rimasto ferito?» «Ha un ginocchio che gli dà noia.» «Io dovevo rimanere per due anni, ma sono stato ferito gravemente e mi hanno rispedito a casa. Ε così, in un certo senso, io sono stato fortunato perché non sono stato costretto a restare, e tuo padre invece è stato fortunato perché non ha riportato delle ferite gravi. C'e sempre un aspetto positivo in ciò che ci succede, non trovi?» Il ragazzino sembrava perplesso per la sua conclusione, ma assentì. «Forse un giorno conoscerò tuo padre. Magari a un incontro con i genitori.» «Non credo. Non so dove sia ora mio padre. Che cosa c'è sotto la benda?» «Niente.» «Come è possibile?» È come se non ci fosse mai stato niente. Vuoi vedere?» «Ci può scommettere.» Reuben si tolse la benda nera. Nessuno sembrava capire cosa intendesse con niente finché non lo vedeva con i propri occhi. Nessuno era preparato al brutto colpo di un niente nel posto in cui tutti gli altri avevano un

8 occhio. Trevor lo osservò con interesse, quindi annuì tranquillo. Reuben rimise la benda a posto, sollevato: con i ragazzi era sempre più facile che con gli adulti. «Mi dispiace per la sua faccia. Comunque, l'altra metà ha un ottimo aspetto.» «Grazie, Trevor. Credo che tu sia il primo a farmi un simile complimento.» «Beh, arrivederci.» «Ciao, Trevor.» Reuben aspettò che il ragazzo uscisse dalla stanza. Poi raggiunse la finestra e guardò il prato davanti alla scuola. Osservò gli studenti formare capannelli, parlare e correre sull'erba, finché Trevor sbucò di corsa sulla scalinata. Reuben voleva vedere se Trevor si sarebbe precipitato dai suoi compagni per vantarsi della scoperta. Magari per incassare le vincite di una scommessa e raccontare una storia che Reuben, dalla finestra del primo piano, non avrebbe potuto udire ma soltanto immaginare. Ma Trevor superò trotterellando i compagni senza degnarli di uno sguardo. La prossima classe di Reuben stava per arrivare. Lui inspirò a fondo, per prepararsi a ripetere tutto da capo. Tutto da capo.

9 INTERVISTA A REUBEN DAL LIBRO GLI AMICI DI TREVOR RACCONTANO DI CHRIS CHANDLER REUBEN: tutte le mattine, allo specchio, fisso apertamente la mia faccia senza la benda nera, durante la rasatura. Eppure, non mi sono ancora abituato allo spettacolo. In totale, ho subìto undici interventi di chirurgia plastica, per riparare quella che un tempo era una lesione raccapricciante. L'area che un tempo era il mio occhio sinistro, l'osso e il muscolo spappolati sotto la guancia e la fronte, sono stati accuratamente ricoperti con epidermide prelevata dalla mia coscia. Gli interventi avevano l'unico scopo di rendermi un individuo più facile da guardare. Il risultato finale è la liscia, assoluta assenza di un occhio, come se non fosse mai esistito; un incavamento in corrispondenza della guancia e del collo; e un danno neurologico al lato sinistro della bocca. È morto, per così dire, e pende verso il basso. Ma dopo anni di terapia correttiva, il mio modo di parlare risulta finalmente comprensibile. Il mio braccio sinistro è rattrappito e assottigliato a causa dell'atrofia. Ma credo che la gente lo noti solo in un secondo tempo: ho una faccia troppo interessante. Sono insegnante, e ho lavorato in scuole dove persino un cerotto suscita commenti. «Richie, che cosa ti sei fatto alla mano?» Una semplice ingessatura diventa una storia da ripetere mille volte. «Capisci, ero su una scala, volevo appendere un quadro...» Per questo mi sembra strano che nessuno mi faccia mai domande. Se all'improvviso la situazione cambiasse e tutti volessero sapere, magari scoprirei che preferivo il silenzio. Ciò che mi infastidisce, a dire il vero, è perché non mi facciano mai domande, come se il mio aspetto rappresentasse una tragedia indicibile e sconvolgente anche per loro. Ε invece, è un problema solo mio. Che io so gestire benissimo. Di quando in quando il mio braccio attira un commento, sempre lo stesso. «Una fortuna che sia successo al sinistro.» Non sanno che prima dell'incidente ero mancino. Non sanno neppure che prima di andare in Vietnam avevo una fidanzata. Qualcuno penserà che lei avrebbe dovuto sposarmi ugualmente, che si sia dimostrata egoista e senza cuore. Non è andata così. La verità è che io e Eleanor eravamo talmente decisi a far finta di niente, a ignorare l'accaduto, che alla fine questo problema di cui non si parlava mai aveva finito con l'ossessionarci. Non riuscivamo a pensare a nient'altro. Per questo è finita. Sì, credo sia per questo.

10 Dal Diario di TREVOR Caro diario, un paio di giorni fa al telegiornale parlavano di un ragazzino in Inghilterra che ha una strana malattia... Pare che non senta il dolore fisico. Perciò porta sempre un casco e imbottiture sui gomiti e sulle ginocchia, altrimenti potrebbe farsi male. Senza accorgersene. All inizio ho pensato "Però, che fortuna!" Ma a ripensarci non ne sono più così sicuro. Una volta quand ero piccolo ho chiesto a mia madre perché esiste il dolore. Cioè, a che cosa serve? Lei ha risposto che il dolore insegna, per esempio, che non bisogna appoggiare le mani su una stufa bollente. Il dolore serve a insegnarci. Beh, adesso sono grande, e ho capito una cosa. Credo che anche mia madre abbia questa strana malattia. Ma dentro, nel cuore. È come se mia madre continuasse a toccare una stufa bollente, senza capire che si scorterà. Si fa del male senza accorgersene. Vorrei poterla aiutare.

11 ARLENE Ricky non tornò. L'unica cosa che le era rimasta di lui era il suo camioncino Ford Extracab, parcheggiato nel vialetto di fronte a casa. Per colpa di quel maledetto camioncino, che le ricordava i propri guai, Arlene continuava a rigirarsi nel letto ogni notte. Specialmente da quando era stata costretta a trovarsi un secondo lavoro, al Laser Lounge, proprio per rispettare i pagamenti di quel catorcio ammaccato, che non funzionava neanche più. Notte dopo notte il Ford Extracab la attirava alla finestra, a contemplare quasi ipnotizzata come la luce della luna scivolava sulla carrozzeria del veicolo. Il luccichio della sua superficie argentea si interrompeva nei punti in cui la vernice era saltata. Soltanto Ricky poteva conciare un camioncino a quel modo e filarsela abbandonandolo in mezzo alla strada. Lasciandole tutte le rate arretrate da pagare. Ma dov'era adesso Ricky? Probabilmente, seduto in un bar chissà dove, a mormorare paroline dolci all'orecchio di una biondina sprovveduta. Dov'era Ricky? Perché non chiamava? Forse era ferito, ο forse addirittura morto, troppo lontano da casa perché la notizia arrivasse fino ad Arlene... C'era la sua tomba da qualche parte? Arlene ritornò a letto, ma cadde vittima di un incubo in cui Ricky viveva da mesi e mesi fuori città con un'altra donna e non si era mai preso il disturbo di farglielo sapere. Si svegliò e ritornò alla finestra, a fissare con odio il maledetto camioncino che la teneva sveglia. «Bene,» fece l'uomo, aggressivo «e se arrivo a casa e scopro che la portiera è storta? Ho speso duecento dollari per niente?» «Hai appena detto tu stesso che il metallo è rinforzato, impossibile che si pieghi» fece notare Arlene. «Ehi, non prendertela. Dicevo così per dire.» «Ti faccio una proposta. Non incasso il tuo assegno prima di due ο tre giorni. Se non riesci a montare la portiera sul tuo camioncino, me la riporti e io ti rendo i soldi.» «Ε va bene. Centosettantacinque dollari.» «Mi prendi in giro?» «Okay, duecento.» Lui si appoggiò al cofano malconcio del Ford e si accese una sigaretta. Marlboro Red, le stesse che fumava Ricky, Arlene lo sapeva senza bisogno di controllare. Sembrava che la città di Atascadero fosse piena di uomini fatti della stessa pasta di Ricky. Suo malgrado, Arlene trovava attraente quel tizio, Doug, ο forse Duane, ο come diavolo lui aveva detto di chiamarsi. Ε lei sapeva che la ragione era quella somiglianza con Ricky. Immaginava che avrebbe trovato altre somiglianze se si fosse presa il disturbo di scavare in profondità. Sapeva che, se gli avesse

12 domandato di suo padre, lui avrebbe risposto che lo picchiava di santa ragione e che lui aveva dovuto imparare a badare a se stesso fin da quando era piccolo. Sapeva che, se si fosse tolto la maglietta sulla spalla, avrebbe esibito un tatuaggio con un nome sbiadito, il nome di una ragazza con cui era uscito quand'era troppo giovane per sapere che per sempre vale soltanto per le cicatrici. Sentirsi attratta suo malgrado da Doug (ο Duane) le dava un senso di stanchezza. Come diceva sempre a Loretta, la sua migliore amica: «Il mio istinto è infallibile: nessuna è più brava di me a scovare l'uomo sbagliato». Per il momento si accontentava di osservare le muscolose braccia di Doug (ο Duane) che svitava i bulloni della portiera, freddamente consapevole che stava contemplando il prossimo errore della sua vita prima ancora di aver sgombrato il vialetto di casa dai detriti dell'ultimo casino. Prima che Arlene potesse concludere quel pensiero scoraggiante, Cheryl Wilcox, l'ex moglie di Ricky, si materializzò di fronte a lei. Ε non erano neanche le nove del mattino. Arlene sospirò e si diresse verso lo scaffale della libreria, dove teneva nascosta una bottiglia di José Cuervo. L'assistente sociale l'aveva ammonita: non doveva assolutamente tenere alcool in casa finché non si fosse completamente disintossicata. Ma lei non aveva obbedito. «Prima ο poi dovrò imparare a controllarmi anche nelle vicinanze di una bottiglia» aveva protestato. «È ancora presto», aveva insistito l'assistente sociale, che si chiamava Bonnie. «Hai smesso di bere soltanto da cinque giorni.» Arlene prese due bicchieri dall'armadietto, uno per Cheryl e uno per se. L'assistente aveva anche detto che era giunto il momento che Arlene facesse pulizia nella sua vita, che affrontasse gli errori del passato. Per questo Arlene aveva invitato Cheryl, l ex moglie di Ricky, a casa sua. Per scusarsi di essere andata a letto con suo marito per circa dieci anni, mentre era ancora sposato con lei. «È da un bel po' che Ricky non si fa vedere. Ε credo che tu sappia dov'è» disse Cheryl seccamente. «Se sapessi dov'è, non sarei qui a vendere quel dannato camioncino un pezzo alla volta. Darei l'indirizzo di Ricky all'esattore dei crediti, così si arrangerebbe lui. Invece sono costretta a fare un doppio lavoro per finire di pagare le rate arretrate.» «Così impari a fidarti degli uomini» commentò Cheryl con astio. Arlene fece per ribattere, ma poi cambiò idea. Piuttosto si versò altre due dita del caro vecchio José Cuervo. L'unico uomo della sua vita che non le avesse mai raccontato storie. Sapeva sempre che cosa poteva aspettarsi da lui. «Cheryl, ti ho chiesto di venire qui per dirti che mi dispiace» mormorò quindi. «Già» rispose Cheryl. «Sei proprio una persona sensibile. Ecco perché venivi sempre a casa mia, proprio come una vera amica. Eri sempre così gentile con me... e intanto andavi a letto con mio marito.» Arlene rifletté qualche secondo su come essere stata gentile con Cheryl avesse addirittura peggiorato la sua posizione. «Perché sei convinta che io sappia dov'è Ricky? Se n'e andato, è evidente.» Cheryl parve per la prima volta a corto di parole. «Quando ho visto il camioncino qui davanti, io ho pensato... ho pensato...» balbettò. «Che cosa? Che ci fosse anche lui? Che fosse tornato da me?» «Forse.» Che cos'aveva Ricky di tanto speciale, da far sì che le donne da lui abbandonate lo rimpiangessero sempre, nonostante le lasciasse regolarmente nei guai? «Già. Lo vedo.»

13 La porta si apri e Trevor, il figlio di Arlene, fece irruzione in casa. Era spettinato, una tasca dei jeans era scucita e aveva le scarpe infangate, ma Arlene decise di lasciar perdere, almeno per il momento. «Trevor, dove sei stato?» «Da Joe.» «Ti avevo forse dato il permesso di andare da Joe?» «No» rispose Trevor a occhi bassi. Il ragazzo sapeva chi fosse la donna in salotto con la mamma, ma non la ragione per cui era lì. Ma era grande abbastanza da intuire che comunque non si trattava di una visita di cortesia. «Scusa, mamma.» Lo sguardo ora era fisso sul bicchiere di Arlene. Neanche l'ombra di un rimprovero, solo una silenziosa rassegnazione. Come se conoscesse bene le ragioni per cui gli adulti si sforzano di cambiare, nonostante siano maledettamente scarse le loro probabilità di farcela. «Ora esci. Va a fare un giro.» «Ma sono appena arrivato, mamma!» «Obbedisci, una volta tanto?» Trevor obbedì, senza fiatare. Arlene prese mentalmente nota di portarlo più tardi a prendere un gelato, tipico gesto compensatorio a cui lei ricorreva dopo ogni attacco di malumore. Il risultato era che Arlene e suo figlio mangiavano troppi gelati. Il rumore della porta che si chiudeva alle spalle di Trevor riaccese in lei per un attimo un dolore antico, come il taglio di un cordone ombelicale. Arlene riempi entrambi bicchieri. «Grazie di non aver detto niente di fronte al ragazzo, Cheryl» «Somiglia molto a Ricky» osservò Cheryl. «Non è suo. Non è figlio di Ricky.» È il suo ritratto» insistette Cheryl, in tono doloroso. «Trevor ha dodici anni. La mia storia con Ricky è cominciata soltanto dieci anni fa» mentì Arlene. Nello stordimento dato dall'alcool le parve che Βοnnie, l'assistente sociale, fosse dietro di lei, e che scuotesse la testa con disapprovazione. Arlene aveva appena detto una bugia. «Io vedo Ricky in quel ragazzo» insistette Cheryl. «Beh, tu stai vedendo qualcosa che non c'è» ribatté Arlene, ma capì la pena negli occhi dell'altra donna. Vedeva negli occhi di Trevor quello che aveva tanto desiderato per se stessa e non aveva mai avuto. Alle nove in punto di quella sera Bonnie si presentò senza preavviso alla sua porta. «So che non ci crederai» disse Arlene. «Ma stavo proprio per chiamarti.» «Ho pensato che forse ti andava di parlare. Tuo figlio mi ha lasciato un messaggio in segreteria.» Quella rivelazione la fece piangere, per ragioni che Arlene non riusciva a capire fino in fondo. Negli ultimi tempi le lacrime sembravano nascoste appena sotto la superficie dei suoi occhi, pronte ad affiorare alla minima occasione. Bonnie entrò in casa e abbracciò Arlene con i suoi centotrenta chili, in un impeto di affetto. Poi le due donne andarono a prendere la bottiglia di José Cuervo nascosta dietro lo scaffale e la vuotarono nel lavandino. «Ero così sicura che stavolta ce l'avrei fatta a smettere» piangeva Arlene. «Sta solo a te farcela. Ε ce la farai.» Arlene accompagnò Bonnie fino alla finestra della camera da letto e le mostrò il relitto del camioncino Ford illuminato dalla luna. Era come se Arlene, che non riusciva mai a trovare le parole giuste, volesse indicarle il problema. Il fantasma.

14 «Se tu fossi tormentata da uno spettro come quello, sei sicura che sapresti cavartela molto meglio di me?» Bonnie parve capire, e annuì lentamente. «Li senti, quegli alberi?» chiese Arlene. «Gli alberi?» «La notte sembrano cantare. Davvero. Talmente forte che non riesco a dormire. Cantano canzoni che parlano di Ricky. Giuro, prima che quel maledetto camioncino tornasse a casa non le cantavano, quelle stupide canzoni.» «È solo il vento, Arlene.» Bonnie la mise a letto. «Torno domattina a vedere come stai.» Ε la lasciò sola con gli alberi e la loro musica. Dopo un pο' Arlene si alzò e scivolò in camera di Trevor. Si sedette sul bordo del letto e gli scostò i ricci scuri dalla fronte. «Stai bene, mamma?» mormorò lui, nel dormiveglia. «Sei l'unica cosa buona che abbia mai fatto» disse Arlene. Glielo ripeteva spesso. «Dai, mamma» rispondeva sempre lui. Quando se ne andò Trevor rimase sveglio a lungo. Come se anche lui potesse sentir cantare gli alberi.

15 INTERVISTA AD ARLENE DAL LIBRO GLI AMICI DI TREVOR RACCONTANO DI CHRIS CHANDLER ARLENE: quella sera non presi precauzioni. Fu stupido e irresponsabile da parte mia. Ciò nonostante, sono felice di come andò a finire. Non dico che non mi fosse venuto in mente, durante la serata, di sollevare il problema, ma temevo di spezzare la magia dei momento. Ε se vuoi raffreddare un uomo, niente funziona meglio di: «Hai per caso un preservativo?» oppure «Ho dimenticato di dirti che non prendo la pillola!». Per di più, quello era un argomento molto delicato: era una vita che Ricky e sua moglie Cheryl desideravano avere un bambino. Ah, forse non l'ho ancora detto: lui era sposato... all'inizio. Sì, è una storia complicata. Comunque, una sera mi lamentai che non potevamo andare a ballare insieme perché lui era sposato. A New York sarebbe stato diverso; ma ad Atascadero non si poteva neanche parlarne. Perché tutti conoscevano tutti. «Vuoi andare a ballare?» sorrise lui. «Allora ti porto a ballare.» Andammo in un prato lungo la Cuesta Grande, da cui si vedevano brillare le luci della città. Era molto romantico. Scendemmo dalla sua vecchia berlina, poi lui accese i fari dell'auto. Quindi accese anche la radio, e si mise alla ricerca di un lento. Poi fu come se il mondo intero si concentrasse nelle sue braccia: al mondo non esisteva niente di più importante di quel contatto. Ε quando mi strinse più forte e sentii il suo respiro sul collo, era come se quel tepore mi avesse sempre accompagnato. Eravamo fatti l'uno per l'altra. Sentivo che io e Ricky esistevamo insieme da sempre, ed ero sicura che niente avrebbe potuto mai separarci. Ma sto divagando. Quando facemmo l'amore per la prima volta pensai che una notte così tenera, una notte così unica non poteva passare senza lasciarmi un ricordo speciale. Ε infatti fu così. Fu quella la notte in cui rimasi incinta di Trevor.

16 Dal Diario di TREVOR Caro diario, a volte mi viene il dubbio che mio padre non sia mai stato in Vietnam. Il padre di Joe è stato in Vietnam e ha tante storie da raccontare. Ascoltandole ti accorgi che ci è andato veramente. Ma ogni tanto penso che mio padre dica certe cose solo perché gli piace che la gente sia dispiaciuta per lui. Mia madre gli perdona tante cose per il fatto che è stato in Vietnam. <<Ecco perché ha dei problemi!» dice spesso. Per questo non le racconto che secondo me forse non c è mai andato. A proposito, Mr St. Clair mi piace tantissimo. È l unica persona che non si offende quando dico proprio tutto quello che penso.

17 JERRY In un cassonetto dei rifiuti dietro un'officina, a due isolati dal luogo dove doveva presentarsi il mattino seguente, Jerry trascorse la notte. Anche nel sonno, era conscio di un sottile filo di speranza. Una cosa che non gli succedeva da un pezzo. Ma al risveglio, lo prese lo sconforto. Era come se una parte di sé sapesse già come sarebbe andata. Un'ennesima delusione sarebbe andata ad aggiungersi a una lunga collezione. Rilesse l'annuncio un'altra volta. Era nel taschino della sua camicia: la carta di giornale era spiegazzata e imbrattata dal sudore. Cerco una persona che ha avuto sfortuna, per offrirle aiuto e denaro. L appuntamento è all'angolo di El Camino Real e Trafic Way, sabato mattina alle otto. Un tempo Jerry aveva la sensazione che ci fosse qualcuno ο qualcosa lassù in cielo a proteggerlo. Ε forse proprio perché da tempo non avvertiva più quella certezza si era lasciato cadere così in basso. «Quando il cielo ha dimenticato che esisti, che cosa ti rimane?» si chiedeva spesso. «Soltanto la schifosa parte di mondo che hai davanti al naso.» Da anni ormai le sue giornate erano tutte uguali, organizzate attorno alle stesse, squallide necessità. Cercare di mettere le mani su qualche soldo, sprecarlo sempre nello stesso modo. Ε ora, leggendo per la terza volta quel breve annuncio, rifletteva che, probabilmente, molti altri l'avevano letto come lui. Capiva che si sarebbe trovato di fronte una lunga fila di persone. Così, benché l'orologio segnasse soltanto le sei e mezza, decise di incamminarsi. Giunto all'incrocio, capì di essere in ritardo. Più in ritardo di quanto avesse temuto: c'erano già diciassette persone. Ε così, con una fastidiosa sensazione di rivalità che gli rodeva le budella come i denti aguzzi di un topo, si mise in attesa con gli altri, cercando di non incrociare lo sguardo di nessuno. Faceva un freddo dannato, ad Atascadero. Non sembrava neanche di essere in California. Durante il giorno si stava bene, ma di notte la temperatura scendeva fino allo zero. Alcune delle persone in attesa portavano i guanti, ma i suoi si erano consumati da tempo. Ε così incominciò a strofinarsi le mani per riscaldarle. Ε tenersi occupato. Intanto pensava, chissà se rimedio un pasto gratis. Un pasto caldo. In quella mattina fredda un buon pasto caldo gli pareva un miraggio. Erano quasi tutti uomini, notò; l'unica eccezione era una donna a cui mancavano i due denti davanti. Alcuni avevano un aspetto migliore del suo, altri peggiore.

18 O no? Dubitava della propria percezione di sé. Era passato troppo tempo dall'ultima volta che si era guardato allo specchio. All'improvviso capi. Si stava guardando allo specchio in quel momento: era uno di loro. Quel pensiero lo fece rabbrividire. Gli fece venir voglia di andarsene, e fu sul punto di farlo. Ma arrivarono altri tre disperati, e Jerry decise che aveva diritto quanto loro a un po' di beneficenza. Dovevano essere quasi le otto. All'angolo designato si erano radunate quarantotto persone, oltre a lui. Un ragazzino di circa dodici anni si avvicinò su una vecchia bicicletta. Il nuovo venuto osservò il gruppo. Li passò in rassegna uno a uno, contandoli, preoccupato. «Accidenti» esclamò infine. «Siete tutti qui per l'annuncio?» Qualche testa si sollevò, gli sguardi curiosi, non più chiusi e incollati al marciapiede. Alcuni annuirono. «Mamma mia» ripeté scuotendo il capo. «Io ne cercavo soltanto uno.» Un omaccione calvo gli si avvicinò minaccioso. «Ehi, ragazzo. Sei stato tu a mettere l'annuncio?» Jerry lo conosceva di vista. Era un barbone da cui tenersi alla larga, un tipo aggressivo. «Sì, sono stato io.» «Allora è tutto inutile» sbottò l'uomo. Per un attimo Parve che stesse per protestare con veemenza, poi fece un gesto di sconforto e se ne andò. La maggior parte delle persone si mosse per andarsene. Jerry li sentiva brontolare mentre gli sfilavano accanto. Ma lui non se ne sarebbe andato, non avrebbe tratto alcuna conclusione affrettata. Il ragazzino si limitò a starsene lì fermo. Pareva sollevato, pensò Jerry, perché ora erano rimasti soltanto in dieci ο undici. Jerry gli si avvicinò. Chiese gentilmente: «Allora, ragazzo, e uno scherzo?». «No, e una cosa seria. Io consegno i giornali, guadagno trentacinque dollari alla settimana. Voglio regalare i miei risparmi a qualcuno che non ha un lavoro perché riesca a rimettersi in pista. Immagino che i soldi gli serviranno per comprarsi qualcosa da mangiare, dei vestiti puliti, un paio di scarpe, biglietti per l'autobus...» Una voce alle spalle di Jerry domandò: «Già, ma chi sarà questo qualcuno?». Il ragazzino ci rifletté per qualche istante. Poi chiese a tutti quelli che erano rimasti di scrivere perché pensavano di dover essere scelti. Altri sei si girarono e se ne andarono senza una parola. «Chissà perché se ne vanno adesso» commentò il ragazzino. La donna sdentata replicò: «Che cosa ti fa credere che tutti sappiano scrivere?». Era chiaro, dall'espressione del ragazzino, che non ci aveva proprio pensato. Jerry sospirò. Chiese un foglio, una penna. Si sedette sul marciapiede e rifletté qualche minuto. Poi iniziò a scrivere. Scrisse a lungo. Beh, tanto per cominciare non dirò di meritarmelo più di chiunque altro. Chi può giudicare? Inoltre, tu hai detto nell annuncio che cercavi una persona sfortunata. Ma sai una cosa? La fortuna non centra un bel niente. Io sono, anzi ero, un drogato. Ma secondo me e soltanto colpa mia, di nessun altro. Non di mia madre, ο del governo. Non sono stati loro a infilarmi una siringa nel braccio. A causa della droga ho perduto tutto ciò che avevo: la mia macchina, il mio appartamento... Non riesco più a trovare un lavoro, anche se, te lo garantisco, sono un ottimo meccanico. Dovrei presentarmi pulito, in ordine. Ε invece, vedi come sono conciato. Per di più, a tutti i colloqui che ho fatto mi hanno dato

19 un modulo da compilare. Poi mi hanno detto: «Scrivi il tuo numero, ti chiameremo se avrai ottenuto l impiego». Ma il cassonetto dei rifiuti in cui dormo non ha il telefono. E così ogni volta ho dovuto rispondere che ero senza telefono perché avevo appena traslocato. «Allora segna il tuo indirizzo» ribattevano loro. «Ti spediremo un avviso.» Non potevo indicare nessun indirizzo. Ε a quel punto capivano che vivevo per strada. Fine del colloquio. Punto. Però adesso ho deciso di ricominciare tutto da capo. Ho solo bisogno di un piccolo aiuto. Per questo, se sceglierai me, non te ne pentirai. Credo proprio che sia tutto quello che ho da dire. Un altra cosa: grazie. Alla tua età i soldi che avevo in tasca li spendevo solo per me. Tu devi essere proprio un bravo ragazzo. Jerry Busconi

20 ARLENE Nοn erano nemmeno le sette del mattino, troppo presto per Arlene, perché il pensiero del maledetto Ford Extracab e delle rate da pagare l'avevano di nuovo tenuta sveglia tutta notte. Qualcuno le stava scuotendo la spalla, e pur senza essere del tutto cosciente lei sapeva che si trattava di suo figlio. «Mamma? Sei sveglia?» «Sì.» «Jerry può entrare a farsi una doccia?» Batté le palpebre e guardò la sveglia a occhi socchiusi. Le restava ancora mezz'ora di sonno. «Jerry?» «È un mio amico.» Non sapeva che Trevor avesse un amico di nome Jerry. «Okay. Sarò in piedi fra mezz'ora.» Si coprì il capo con il guanciale, e sprofondò nuovamente nel sonno fino al trillo della sveglia. Alcuni minuti dopo, mentre lei preparava la colazione a suo figlio, uno sconosciuto sbucò dal corridoio ed entrò in cucina. Arlene era pronta a strillare ma si trattenne quando vide Trevor sorridergli e fargli posto a tavola. L'estraneo doveva essere sulla quarantina; era piccolo, ben rasato, con l'attaccatura dei capelli alta, e indossava un paio di blue jeans nuovi di zecca e una camicia di cotone candida. «Posso sapere chi è lei?» L'uomo non fu abbastanza rapido a rispondere, perché Trevor lo precedette: «È Jerry, mamma. Ricordi? Hai detto che poteva venire a farsi una doccia». «Io ho detto questo?» «Sì.» «Ε quando?» «Quando ti ho svegliato.» Jerry non aveva ancora aperto bocca, ma a quanto pareva era abbastanza intelligente da capire quando e dove non era desiderato, perché cominciò a scivolare lentamente verso la porta. «Grazie mille, signora» disse con la mano sulla maniglia. Allora Trevor gli chiese se aveva bisogno di soldi per l'autobus. L'uomo gli fece vedere una manciata di spiccioli. Mostrò il mucchietto di monete da venticinque e dieci centesimi con orgoglio. «Li ho risparmiati, vedi? Dai soldi per i vestiti nuovi.» «Spero che troverai lavoro, Jerry. Buona giornata» gli augurò Trevor sorridendo. Quando la porta si richiuse Trevor alzò gli occhi su Arlene come se niente fosse. «Lo sai che hai la bocca aperta, mamma?» Quindi si chinò sui suoi cereali e si dedicò a mescolare latte e zucchero. «Trevor, si può sapere chi era quell'uomo?» «Te l'ho detto. Jerry.»

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere?

CANOVACCIO 6. In pausa pranzo nel parco Come evitare l avarizia quando si è dalla parte del potere? CANOVACCIO 6 Estratto da: L azienda senza peccati scagli la prima pietra! I sette peccati capitali dalla vita personale alla vita professionale. Il teatro chiavi in mano. In pausa pranzo nel parco Come

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

ANALIZZIAMO RACCONTI:

ANALIZZIAMO RACCONTI: ANALIZZIAMO RACCONTI: LE SEQUENZE a cura di Patrizia Vayola 1 PUZZLE DI RACCONTO: LA DIVISIONE IN SEQUENZE Con questo esercizio iniziamo l'analisi del racconto. La prima operazione sarà la divisione in

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1

A cura della redazione del sito www.testoeaccordi.it Pag. 1 INDICE 1 Va bene va bene cosi... 2 2 Colpa d Alfredo... 3 3 Deviazioni... 4 4 Fegato fegato spappolato... 5 5 Vita spericolata... 7 6 Ogni volta... 8 7 Albachiara... 9 8 Bollicine... 10 9 Siamo solo noi...

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet Melissa Hill Ti prego perdonami Traduzione di Roberta Zuppet Proprietà letteraria riservata 2009 Melissa Hill 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08132-0 Titolo originale dell opera PLEASE FORGIVE

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT

WWW.COPIONI.CORRIERESPETTACOLO.IT Aldo, Giovanni e Giacomo Sketch del controllore (da 'Tel chi el telun) Aldo: Non c è bisogno che tira perché non è che scappo. Giovanni: Intanto ha allungato il passo. Aldo: Ho allungato il passo perché

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

A proposito di valutazione

A proposito di valutazione A proposito di valutazione QUANTE COSE SAI? Figlia Papà, quante cose sai? Padre Eh? Uhm... so circa un chilo di cose. F. Non dire sciocchezze. Un chilo di quali cose? Ti sto chiedendo davvero quante cose

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Ciao a tutti! Volevo come scritto sul gruppo con questo file spiegarvi cosa è successo perché se non ho scelto la cucciola senza pedigree e controlli (e come sto per spiegare non solo) è anche grazie ai

Dettagli

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!»

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!» 1 SHOPPING SFRENATO Tom attraversò il vialetto a passo di lumaca, trascinando i piedi. Sua madre e sua nonna erano già sedute in macchina. «Sbrigati, Tom!» gridò la sua mamma sporgendosi dal finestrino.

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3

2010 Rob Buyea. 2012 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione BestBUR maggio 2014 978-88-17-07505-3 Titolo originale: Because of Mr. Terupt 2010 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2010 da Delacorte Press, un marchio di Random House Children s Books, una divisione di Random

Dettagli