REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI 2"

Transcript

1 REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI ΙΑΛΕΚΤΟΣ ΚΟΙΝΗ (diàlektos koinè) BOLLETTINO INTERNO PERIODICO DI OSSERVAZIONI, RICERCHE CLINICO-EPIDEMIOLOGICHE, INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE SOCIO-SANITARIA ANNO IV Numero Prot. /7 Luglio 7 REDAZIONE E SEGRETERIA Centro Cefalee Tel e Fax 886 INDICE: Titolo: Aspetti psico-sociali di un atto legale..... pag. Prof.ssa Pennacchio, Dott. D Antonio, Dott.ssa D Antonio, Dott.ssa Monteforte Titolo: Tra travestitismo e transessualismo... pag. Dott. ssa Maria Maddalena Ligozzi Titolo: Lo stress pre-operatorio (.a parte).... pag. 6 Coord. San. Inf. Antonio Sasso Studio sugli ipotiroidismi.. pag. 8 Forum..... pag. Notiziario....pag. Lavori in corso di pubblicazione.. pag. Gli Autori sono direttamente responsabili di quanto da loro comunicato.

2 Aspetti psico-sociali di un atto legale parte prima Un pomeriggio di un giorno da compratore Prof. ssa Carmen Pennacchio, Facoltà di Giurisprudenza, Università di Napoli Dott. ssa Monteforte Immacolata, Avvocatessa, Human Resorces Management Un pomeriggio di non troppo tempo fa, mentre attendevano di essere ricevuti da un noto professionista, due vecchi amici si scambiavano, forse con massicce dosi di impudicizia e con toni da società segrete, qualche improbabile suggestione: perché non scrivere o, meglio, registrare per iscritto le sensazioni che si provano quando si è protagonisti (parti) di un fenomeno giuridico? Il progetto appare subito temerario, ma intrigante. La fatidica domanda - ancora uno scritto (breve) sull ansia? - non ci ha ancora abbandonati nel corso della stesura di queste poche, e ignote, righe. Cosa si prova a separarsi da un proprio bene? Come ci si atteggia di fronte ai moti ribelli dell anima che non vuol placare la sua sete di dominio? Queste, e simili a queste, erano le domande che affollavano la mente e le labbra dei due. La sede della discussione, comunque, aveva il suo peso ed in qualche modo influiva sul tenore della discussione. Era come un ansia che governava le parole. Infatti si palpava, nel fluire della discussione, una complessa combinazione di emozioni che includevano paura, apprensione e preoccupazione, spesso accompagnate da sensazioni fisiche come palpitazioni e respiro corto che sembrano sempre accompagnare ogni cliente che si avvale dell operato di un professionista per realizzare uno scopo a lui vantaggioso. Nel caso di specie ci riferiamo ad un ipotetica, e non smaliziata, parte acquirente in un contratto di compravendita di un immobile, la quale parte ha investito le sue energie per realizzare un piccolo sogno. Quali sono i suoi stati d animo al momento della stipula, o meglio, quanto il clima dello studio incide sul percorso formativo della fattispecie giuridica? In poche parole: cosa si prova? chi lo prova? Le parti in un negozio bilaterale offrono un immagine speculare della stessa condizione: il venditore non vorrebbe separarsi dal bene, nonostante la prospettiva dell immediato guadagno, ed il compratore non vorrebbe separarsi dal suo gruzzolo (anche se con la smaterializzazione del denaro e con il sopravvento degli ordini e delle operazioni di banca, la separazione ormai è meno avvertita). E proprio il pathos del distacco, fra il dominus e la res, che ingenera nelle due sfere di interesse due risposte uguali ma contrarie: entrambe esercitano una forza centrifuga rilasciando schegge impazzite, brandelli di reminiscenze affettive e pseudo legami, figli di cordoni ombelicari mai tagliati. Vien fuori così un quadro meno idilliaco delle negoziazioni, forse più vero e patologicamente realistico dove la componente cognitiva comporta aspettative di un pericolo diffuso e incerto. Dal punto di vista somatico, il corpo prepara l'organismo ad affrontare la minaccia: la pressione del sangue, la frequenza cardiaca e la sudorazione aumentano, il flusso sanguigno verso i più importanti gruppi muscolari aumenta e le funzioni del sistema immunitario e quello digestivo diminuiscono. Dal punto di vista emozionale, la situazione causa un senso di smarrimento, come di perdita di referenti; dal punto di vista comportamentale è un'emozione comune come la paura, la rabbia, la tristezza e la felicità, ed è una funzione importante in relazione alla sopravvivenza.

3 parte seconda Osservazione comportamentale Dott. Giovanni D Antonio, Neurologo, Psichiatra, Psicoterapeuta Dott. ssa Maria Giovanna D Antonio, Sociologa, Spec. nda in Comunicazione L articolo della Costituzione Italiana dice: Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Questo concetto di parità è esclusivamente teorico; ognuno di noi vive in funzione di utilità e benefici personali, i quali, anche se non condivisibili con gli altri, però ci procurano stabilità e sicurezza. Nel corso della nostra vita dovremmo cercare di sminuire questo comportamento egoistico, magari un po per indole o per educazione o per maturità. E moralmente auspicabile l eguaglianza, ma obiettivamente difficile, forse anche ingiusta perché, essendo ognuno di noi diverso dagli altri, non possiamo avere lo stesso dono o la stessa pena, lo stesso comportamento o lo stesso successo, la stessa vita o le stesse avventure, lo stesso corpo o la stessa religione, avendo ognuno di noi diverse esigenze, bisogni, necessità, motivazioni, aspettative; essa, però, si può pensare di applicarla non a tutti su tutto, bensì per fasce d età, per sesso, per livelli sociali, per territorio, per storie personali, ma comunque rimane difficile farlo; forse anche per questo spesso l uguaglianza non viene, né può essere, condivisa. Purtroppo, in questo modo, le variabili diventano talmente tante, ed alcune anche opinabili, per cui diventa difficile essere giusti; forse le persone più sfortunate hanno più diritti e le persone più fortunate hanno più doveri! Se l eguaglianza non può essere un prodotto che si applica, sicuramente può essere il risultato di un processo di valutazione che si deve applicare. Forse è anche meglio avere una diversità; la diversità produce variazioni, cambiamenti, evoluzione. I rischi di questo sarebbero le imprevedibilità e la mancanza di programmazione. Durante la stipula di un atto legale si trovano di fronte due personaggi con caratteristiche non simili; il bene che interessa entrambi i contraenti è oggettivato in un atto di compravendita. Su questa scena drammatica, dal punto di vista emozionale, si muovono gli attori: - principali: venditore, acquirente - secondari: notai, legali, giudici, amministrativi - comparse: familiari, parenti, amici, sostenitori, simpatizzanti La vendita si identifica con un atto di separazione, a volte di perdita; essa genera lutto, depressione, malinconia; viene tagliato un cordone ombelicale che unisce la madre al figlio, il padrone al bene; dal punto di vista psico-somatico essa non genera diarrea, cioè liberazione con piacere, come nell atto del donare. La compera si identifica con un atto di inglobazione, a volte di fagocitosi; essa genera esaltazione, smania, onnipotenza; si ricuciono pezzi perduti del sé; dal punto di vista psicosomatico essa non genera stipsi, cioè trattenere con dolore, come nell avarizia. Il venditore vuole esercitare un potere, detta le regole del gioco, si vendica a modo suo, si duole, prova rancore, gioca a rialzo; l acquirente mostra sudditanza, sottomissione, umiltà, gioisce di nascosto. Questo conflitto, che ha il suo epilogo al momento dell atto legale, se non è palese, è inconscio! Bibliografia: S. Freud, Opere, Ed. Boringhieri

4 Tra travestitismo e transessualismo Forme di identità di genere al bivio Dott.ssa Maria Maddalena Ligozzi Psicologa Clinica e Psicoterapeuta In questo contesto introdurrò una riflessione sul transessualismo, sul travestitismo e su altre forme di identità di genere che definirei al bivio per i disagi e le difficoltà di individui che non sentono di appartenere a categorie identitarie definite (maschio- femmina, eterosessuale-omosessuale). Transessualismo, transgenderismo e travestitismo sono fenomeni, disforie, sintomi molto eterogenei e complessi che tuttavia spesso nel linguaggio comune e nella cultura popolare e di massa vengono confusi e a volte sovrapposti nell uso del prefisso trans che accomuna le parole. Partirei proprio da trans: un prefisso talvolta abusato e utilizzato nel linguaggio comune per definire sia i travestiti che i transessuali, sia uomini effeminati, non sempre omosessuali, che donne dai caratteri mascolini, ma non sempre omosessuali. Il prefisso trans, di etimo latino, ha un significato che ruota attorno a tre nuclei di senso. Il primo indica un cambiamento come, ad esempio, nella parola trasformare. Il secondo esprime l idea di un attraversamento, ovvero l idea di un movimento da un punto ad un altro, così come viene suggerito dalla parola trasportare. Il terzo significato indica un oltre come suggerisce la parola transcutaneo. Nella prima accezione i trans sono coloro che modificano in modi diversi e a livelli diversi i loro corpi per adeguarli al vissuto di genere che sentono proprio, cambiando soprattutto da maschio a femmina, ma anche da femmina a maschio. In questa categoria rientrano i transessuali, che vivendo con disagio i caratteri sessuali del proprio corpo, decidono di cambiare a volte sottoponendosi a cure ormonali che inducano un cambiamento nei caratteri sessuali secondari, altre volte, più radicalmente, cambiando i propri organi genitali esterni e quindi rinunciando per sempre alla possibilità di procreare un bambino. Nella seconda accezione un soggetto trans sarebbe un individuo che attraversa ovvero si muove tra i generi sessuali senza il bisogno di adeguare i propri caratteri sessuali. In questa categoria potrebbero rientrare alcune forme di travestitismo: la condizione di persone che indossano abiti del sesso opposto al proprio e vogliono fare proprie le caratteristiche esteriori del genere opposto. Nei travestiti non c è l aspirazione al cambiamento di sesso, ma sembra prevalere il desiderio di potersi esprimere anche attraverso un genere diverso

5 dal proprio. Ne esistono due tipi: maschi eterosessuali o omosessuali che si travestono per poter esprimere il loro alter ego tenuto nettamente separato dalla loro vita quotidiana ed attraverso il quale riescono ad alleviare forme di sofferenza interiore e i maschi eterosessuali feticisti che traggono piacere ed eccitazione dall indossare abiti del genere opposto al proprio. Nella realtà del travestitismo ci sono tante possibili combinazioni che dipendono dal contesto socio-culturale di appartenenza e dalla storia di vita personale. La differenza sostanziale fra transessualismo e travestitismo è che nel travestitismo, che non evolve in transessualismo, non vi è quel senso di forte disagio e di rifiuto nei confronti del proprio sesso anatomico. Il transessuale indossa abiti di genere opposto al proprio non per soddisfare un desiderio sessualmente eccitante, ma perché vuole indossare abiti che sono più consoni all identità che sente di avere. Nella terza accezione, forse quella più radicale, un soggetto trans è uno che va al di là delle distinzioni di genere. In questa condizione rientra il transgenderismo. Con questo termine ci si riferisce a individui che pur vivendo un identità di genere opposta alla propria, tuttavia non intendono cambiare completamente il proprio corpo, ma chiedono di potersi sentire liberi di esprimere nelle relazioni personali il proprio sentirsi uomo o donna, al di là della loro struttura anatomica e senza volersi omologare. Rispetto alle definizioni date finora, l omosessualità sembra avere un assetto concettuale più definito. Essa si caratterizza per il prevalere di un orientamento sessuale verso membri del proprio sesso, senza che tuttavia vi sia un disturbo dell identità di genere. Gli omosessuali in genere sono contenti del proprio sesso e della propria identità di genere. L omosessualità è una questione di scelta oggettuale, ovvero gli omosessuali sono attratti da persone del loro stesso sesso. Il termine omosessualità effeminata fa riferimento a una forma di omosessualità di uomini che presentano comportamenti caratteristici del sesso opposto, oltre all orientamento sessuale per individui del loro stesso sesso. L omosessualità è stata eliminata dal DSM III (Diagnostic Statistic Manual III edition) perché nei soggetti omosessuali non si erano osservati disturbi mentali con frequenza maggiore rispetto a quanto osservato tra gli eterosessuali. Da questa rapida descrizione e definizione di termini, talora usati impropriamente rispetto alla complessità dei fenomeni che descrivono, è possibile avere un idea della difficoltà che si incontra nel tentativo di inserire in categorie definite comportamenti, sintomi e disturbi complessi e molteplici. In un panorama nel quale i confini tra le differenze di genere hanno subito e continuano a subire una notevole trasformazione, talvolta diventa difficile tracciare un confine tra disforie di genere, disagi esistenziali o comportamenti, che sono l espressione sintomatica della trasformazione - per alcuni degenerazione - socio-culturale della società che investe i costumi, gli usi, le mode, l estetica del corpo e in ultima analisi l identità delle persone e non solo quella di genere. Per feticismo si intende una deviazione del comportamento sessuale caratterizzata dalla presenza di impulsi sessuali, ricorrenti e intensi, connessi a fantasie eccitanti, evocate dalla presenza e o dal contatto con oggetti inanimati o con particolari parti del corpo.

6 STRESS E TREACHING PRE-OPERATORIO Antonio Sasso Coordinatore Sanitario Infermieristico Il ricovero e la prospettiva di essere operati sono eventi stressanti. Quanto il paziente sarà stressato dipende da vari fattori: )fattori di personalità che predispongono il paziente a reagire in maniera ansiosa ai fattori di stress; )la quantità di eventi stressanti che si sono verificati ultimamente nella vita del paziente o della sua famiglia; )la maniera in cui il paziente percepisce l esperienza dell ospedalizzazione e dell intervento chirurgico; )che significato ha l intervento per il paziente; )la qualità di fattori ignoti con i quali il paziente si deve confrontare; 6)il grado di autostima e l immagine che il paziente ha di sé, e,inoltre come percepisce l impatto che l intervento avrà sulla sua immagine corporea; 7)il sistema di credenze individuali e le convinzioni religiose del paziente. La tipica risposta fisiologica è un aumento della f.c e della forza di contrazione cardiaca. La stessa risposta neuro- ormonale genera anche un aumento della glicemia e diminuisce la produzione di insulina. La risposta comportamentale può avere effetti adattativi, ma anche non adattativi, vale a dire che il paziente può adattarsi ad in evento stressante preparandosi ad affrontarlo o ad eliminare il pericolo,ma può anche venire sopraffatto dalla situazione stressante. 6

7 Chi si trova a contatto terapeutico con questi pazienti, primo tra tutti l infermiere, avrà come obiettivo di determinare il livello di stress in un paziente, in modo da tentare di ridurlo:ciò ha un impatto positivo sul periodo intra operatorio, e favorisce anche un migliore decorso postoperatorio. Un protocollo di teaching preoperatorio: a)informare che verranno fatte delle indagini di laboratorioed una serie di indagini diagnostiche(ecg,rx torace, ecigrafie,ect.); b)descrivere la preparazione cutanea; c)informare su quando inizia il digiuno e come verrà fatta l eventuale preparazione intestinale; d)istruire sui farmaci che verranno sospesi, quelli per la preparazione preoperatoria, quelli che verranno iniziati e continuati prima, durante e dopo l intervento; f)spiegare come cambierà la dieta prima e dopo l intervento; g) istruire sugli esercizi respiratori; h)istruire sugli esercizi per le gambe e sulle calze elastiche; i)istruire nel come girarsi nel letto; l)illustrare come avverrà il trasporto in camera operatoria; m) descrivere e discutere che cosa sono il tubo endotracheale, il sondino n.g,il catetere foley, le linee endovenose, itubi di drenaggio e le medicazioni che si usano in fase post operatoria. n)illustrare come avverrà la somministrazione di ossigeno( cannula, maschera). Se il paziente non capisce la istruzioni, cerchiamo prima di tutto di identificare le capacità di apprendimento del paziente, poi usiamo parole differenti per spiegare le istruzioni, valutiamo il livello di stress del paziente per capire se è quello che sta interferendo con l apprendimento Rallentiamo la velocità con la quale forniamo le istruzioni, e forniamone di meno per ogni volta 7

8 RICERCA SULL IPOTIROIDISMO Medico: Cognome Nome Assistiti f. m. tot. Ipotiroidei f. m. tot. 8 aa f. m. tot. aa f. m. tot. oltre aa f. m. tot. Amicone Alberto Capezio Giuseppe Cecere Aniello Cimmino Antonio Di Girolamo Pietro Iacolare Filomena Maisto Angela Marrazzo Giuseppe Pianese Antonio Speranza Leopoldo TERRITORIO DI GIUGLIANO Pellecchia Armando TERRITORIO DI MELITO 6 Di Lorenzo Graziano 8 Territorio di Qualiano 8 6 Galdiero Gennaro Territorio di Villaricca Continua, con questo numero, la pubblicazione dello studio sulle malattie tiroidee del nostro territorio (per ora limitato agli ipotiroidismi) per cui si invitano tutti i colleghi a partecipare, come co-autori, a questa ricerca multicentrica prendendo contatto con la segreteria per avere notizie sul protocollo e per ritirare il modello. Intanto i colleghi già possono confrontare i propri dati. 8

9 F O R U M SI INVITANO I COLLEGHI A PRESENTARE IN QUESTO SPAZIO I PROPRI CASI CLINICI DEI QUALI SI DESIDERA DISCUTERE CON I COLLEGHI. I COLLEGHI CHE VOGLIONO SAPERE I CODICI E LE RELATIVE PATOLOGIE O FARMACI, POSSONO CHIEDERLO AL DOTT. GIOVANNI D ANTONIO PRESSO LA SEDE DEL BOLLETTINO. CATEGORIE: CODICI: MALATTIE PSICHIATRICHE CODICI INTERNAZIONALI DSM IV TR MALATTIE CEFALALGICHE CODICI INTERNAZIONALI IHS SPECIALITA MEDICINALI CODICI INTERNAZIONALI ATC MALATTIE RARE CODICI MINISTERIALI

10 NOTIZIARIO Si comunica che presso il Centro Cefalee si è organizzata una biblioteca cartacea e multimediale scientifica pubblica. Per informazioni: Centro Cefalee Tel. e Fax 886 Si comunica che presso il Dipartimento di Salute Mentale è attivo INFODOC (Centro di informazione e documentazione del DSM) consultabile ed utilizzabile da parte di tutti i Servizi dell A. S. L. Napoli. Per informazioni: Vito Luigi Dattolico Tel e Fax 876 Si comunica che la Scuola Media Statale Siani di Villaricca effettua, in collabolazione con l Associazione ALI di Villaricca, un attività di terapia occupazionale per gli alunni diversamente abili.

11 Nel prossimo numero di Ottobre 7: Titolo: La Dentizione Dott. V. P. Comune, Dott. G. D Antonio, Dott. G. Gaudieri Titolo: Sindrome epato polmonare Dott. ssa R. Cauteruccio, Dott. C. Cesaro, Stud. ssa C. Cesaro Titolo: Tutti sanno come muoiono, pochi sanno come vivono Ins. Vittoria Felicia Sequino LAVORI PROPOSTI: Titolo: Variabili della Coagulazione Dott. ssa Maria Palmina Monaco Titolo: Incidenza del Diabete di tipo II sul nostro territorio e differenze nazionali Dott. A. Cecere, Dott. G Marrazzo (Cooperativa COMEF)) Titolo: Nuove terapie dell Artrite Reumatoide Dott. D. Mantova (U. O. Medicina di Base) Titolo: Bilancio attività Ambulatorio Oftalmologia Pediatrica Dott. G. Cangeni, Dott. P. Grattagliano, Dott. B. Allegro (Presidio Lago Patria) Titolo: La Vertigine Emicranica Dott. Ettore Dell Anna (Ospedale Civile) Titolo: Fecondazione assistita Prof. ssa C. Pennacchio (Università degli Studi di Napoli) Titolo: Disabilità ed integrazione Dott. ssa T. De Carlo (U. O. Materno-Infantile) Titolo: Costo medio posti letto per presidio riferito al costo del personale Dott. V. Zollo (U.O. C. Organizzazione e Pianificazione Strategica) Titolo: La comunicazione istituzionale Dott. ssa M. A. D Anna (U. O. Assistenza Anziani) Titolo: Epidemiologia delle malattie del ricambio Dott. S. Selva, Dott. V. Basile, Dott. ssa S. Buonocore, Dott. V. Pugliese (Coop. Fut. Med.) Titolo: Agopuntura e sue applicazioni Dott. ssa P. Zulati (U. O. Agopuntura) Titolo: La legalità nell azienda sanitaria Dott. ssa A. Florio (U. O. C. Affari Legali) Titolo: Valutazione degli accordi per i nuovi contratti Rag. G. P. Porta (Posizione Organizzativa Trattamento Economico) Titolo: Il fotovoltaico e sue applicazioni sanitarie Arch. P. Mallardo Titolo: Didattica e strategie educative Prof. M. Sommello (Scuola G. Siani) Titolo: Farmaci biologici nella terapia della psoriasi Dott. A. Bocchino Titolo: La qualità nella scuola Prof. ssa Maria Carmela De Rosa (Scuola G. Siani) Titolo: Terapia delle neuropatie periferiche Dott. Eugenio Netto

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI 2

REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI 2 (diàlektos koinè) REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI BOLLETTINO INTERNO PERIODICO DI OSSERVAZIONI, RICERCHE CLINICO-EPIDEMIOLOGICHE, INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE SOCIO-SANITARIA ANNO IV Numero Prot. /7 Aprile

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE:

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: Convegno SIMPe SS La sfida del terzo millennio La Medicina delle Persone Sane LA SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: un progetto di intervento Prof. Roberta Giommi Direttore Istituto Internazionale di sessuologia

Dettagli

Omosessualità e normalità

Omosessualità e normalità INTERVENTO DI JOSEPH NICOLOSI PSICOLOGO Omosessualità e normalità Il dott. Joseph Nicolosi si occupa da diversi anni di terapia riparativa dell'omosessualità; è cofondatore e direttore dell'associazione

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

L importanza delle emozioni in psicoterapia

L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in terapia è condivisa da molti approcci Alexander parlava della terapia come di un esperienza emotiva correttiva,, che non ripetesse

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani

I sentimenti causati da perdita e separazione. Dr.ssa Barbara Ottaviani I sentimenti causati da perdita e separazione Dr.ssa Barbara Ottaviani Il confronto con la fine della vita - La morte fa ancora parte della nostra cultura? - Siamo ancora capaci di rappresentarla, di immaginarla?

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

Aspetti psicologici della vulvodinia. Dott.ssa Chiara Micheletti Consulente per la psicoterapia H San Raffaele - Resnati Milano. obiettivi Quando deve intervenire lo psicoterapeuta. Cosa deve fare. Cosa

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

La comunicazione medico-paziente

La comunicazione medico-paziente La comunicazione medico-paziente Prof.ssa Maria Grazia Strepparava Psicologia della comunicazione in ambito sanitario - aa 2004-2005 Competenze che si richiedono al medico Saper capire e spiegare al paziente

Dettagli

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI GIORNATE DI SUPPORTO ALLA FORMAZIONE DEI REFERENTI PER LA DISLESSIA DELLA LOMBARDIA 22 Aprile 2008 DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI Rosy Tavazzani Montani PERCHE L INSEGNANTE DOVREBBE

Dettagli

IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA

IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA Sabato 20 settembre 2014 Affrontare il dolore all Ipab di Vicenza: un progetto multidisciplinare

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

La dignità come valore di cura. Nunzia Zuccone Inf. Coordinatore USL 8 Arezzo

La dignità come valore di cura. Nunzia Zuccone Inf. Coordinatore USL 8 Arezzo La dignità come valore di cura Nunzia Zuccone Inf. Coordinatore USL 8 Arezzo Il sottoscritto Annunziata Zuccone ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo

Dettagli

L avversario invisibile

L avversario invisibile L avversario invisibile Riconoscere i segni della depressione www.zentiva.it www.teamsalute.it Cap.1 IL PERICOLO NELL OMBRA Quei passi alle mie spalle quelle ombre davanti a me il mio avversario la depressione

Dettagli

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza

Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza U.N.A.SA.M. www.unasam.it mail: unasam@unasam.it Bologna, 10 novembre 2011 Forum sulla non autosufficienza Il Bilancio di Salute, strumento per la qualità della cura: interventi personalizzati integrazionee

Dettagli

Tossicodipendenze: tra persona e necessità

Tossicodipendenze: tra persona e necessità Tossicodipendenze: tra persona e necessità Direttore Generale Dr. Enrico Desideri Direttore Amministrativo Dr. Moraldo Neri Direttore Sanitario Dr.ssa Branka Vujovic Direttore servizi sociali Dr.ssa Patrizia

Dettagli

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa

Accettazione della malattia diabetica e la famiglia. Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Accettazione della malattia diabetica e la famiglia Dott.ssa Annalisa Tintori Psicologa Malattia cronica Condizione patologica che dura tutta la vita Medico deviazione da una norma biologica. Oggettività

Dettagli

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE

REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE REGINA CETTOLIN INFERMIERA COMITATO OSPEDALE SENZA DOLORE U.O.S TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE U.O. ANESTESIA RIANIMAZIONE OSPEDALE CIVILE DI CONEGLIANO AZIENDA U.L.S.S N.7 REGIONE DEL VENETO IL DOLORE

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

CONTA SU DI ME. Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola)

CONTA SU DI ME. Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola) CONTA SU DI ME Volontari in emergenza (Ospedale, Domicilio, Scuola) CASINA DEI BIMBI Dal 2001 l Associazione Casina dei Bimbi Onlus opera nel territorio delle province di Reggio Emilia, Modena e Parma

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

Interventi sul caregiver del paziente affetto da demenza

Interventi sul caregiver del paziente affetto da demenza Interventi sul caregiver del paziente affetto da demenza Dott.ssa Amparo Ortega Ambulatorio di Neuropsicologia Dipartimento di Neurologia ASL 3 Genovese La malattia di Alzheimer è la più comune causa di

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia

7 domande sui tumori. Convivere con la malattia 1. 7 domande sui tumori 2. Convivere con la malattia Dott. Andrea Angelo Martoni Direttore Unità Operativa di Oncologia Medica Policlinico S.Orsola-Malpighi Bologna 1. Cosa sono i tumori? i tumori Malattia

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 9-1 La discriminazione del mercato del lavoro -Introduzione -Il coefficiente di discriminazione 1 Introduzione Nei capitoli precedenti abbiamo studiato come le differenze

Dettagli

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino

La Regione Toscana contro il dolore. Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino La Regione Toscana contro il dolore Il controllo e la cura del dolore sono diritti del cittadino Indice Insieme per curare il dolore inutile Misurare il dolore Controllare il dolore La morfina non è una

Dettagli

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1

prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 prof.sse SOMMA M.- PIAZZOLLA M. 1 Definizione dell adhd (Attention Deficit Hyperactivity Disorder) L ADHD è un disordine dello sviluppo neuropsichico dello studente caratterizzato da incapacità a mantenere

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

Bologna 22 ottobre. Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO

Bologna 22 ottobre. Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO Bologna 22 ottobre Dott. Angela Marina Codifava MMG di MO Job description del Medico generale 50-60 contatti die per 1300-1500 pz * Attività ambulatoriale 5-6 ore die visite generali 61,3%, accessi veloci

Dettagli

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11

Indice. n IntroduzIone...5. n LA.dIGeStIone...7. n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 3 Indice n IntroduzIone...5 n LA.dIGeStIone...7 n IL.SeCondo.CerVeLLo...11 n L APPArAto.dIGerente...15 Stomaco... 18 Intestino... 23 Ghiandole salivari... 29 Fegato... 30 Cistifellea... 32 n Le.CoMPLICAnze.deLLA.dIGeStIone...

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu

Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA. Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO COMPULSIVO. Prof.ssa Lorettu Università Degli Studi Di Sassari CLINICA PSICHIATRICA Dir. Prof. GianCarlo Nivoli DISTURBO OSSESSIVO- COMPULSIVO Prof.ssa Lorettu DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO Caratteristica essenziale di questo disturbo

Dettagli

IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE

IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE IL LAVORO D EQUIPE TRA LAVORO DI RETE E RETE SOCIALE Persone al centro Quarrata, 21 febbraio 2009 IL LAVORO DI RETE E un processo finalizzato/tendente a legare fra loro più persone tramite connessioni

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI 2

REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI 2 (diàlektos koinè) REGIONE CAMPANIA A. S. L. NAPOLI BOLLETTINO INTERNO PERIODICO DI OSSERVAZIONI, RICERCHE CLINICO-EPIDEMIOLOGICHE, INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE SOCIO-SANITARIA ANNO III Numero Prot. 5/6 Gennaio

Dettagli

La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo. Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia.

La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo. Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia. La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia.it Particolarità del mediatore familiare rispetto alle questioni

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

CHI E ALICe? Associazione per la Lotta all Ictus Cerebrale. QUANDO E DOVE E STATA FONDATA? 1997 ad Aosta da G. D Alessandro

CHI E ALICe? Associazione per la Lotta all Ictus Cerebrale. QUANDO E DOVE E STATA FONDATA? 1997 ad Aosta da G. D Alessandro CHI E ALICe? Associazione per la Lotta all Ictus Cerebrale QUANDO E DOVE E STATA FONDATA? 1997 ad Aosta da G. D Alessandro COME E STRUTTURATA? Federazione di Associazioni regionali CHI E IL PRESIDENTE?

Dettagli

Assistenza Dignity Oriented. Nunzia Zuccone

Assistenza Dignity Oriented. Nunzia Zuccone Assistenza Dignity Oriented Nunzia Zuccone Il sottoscritto Annunziata Zuccone ai sensi dell art. 3.3 sul Conflitto di Interessi, pag. 17 del Reg. Applicativo dell Accordo Stato-Regione del 5 novembre 2009,

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico

Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico Corso di formazione Sicurezza del paziente e gestione del rischio clinico La prevenzione del suicidio in Ospedale Dr. Maurizio Belligoni Direttore Generale Agenzia Regionale Sanitaria Definizione di evento

Dettagli

Educazione Emotiva. Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE

Educazione Emotiva. Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE Educazione Emotiva Dott.ssa Antonella De Luca Psicologa Psicoterapeuta - Ipnoterapeuta PhD Psicologia e Clinica dello Sviluppo Università di Roma TRE REBT = Rational Emotive Behavior Therapy Ideata da

Dettagli

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia

di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Le cause psichiatriche di perdita di conoscenza transitoria: diagnosi e terapia Alessandra Alciati U.O. Psichiatria I Ospedale Universitario L.Sacco, Milano L IPOTESI PSICHIATRICA DELLA Subentra quando

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

A S S O C I A Z I O N E D E M O C R A Z I A D A L B A S S O

A S S O C I A Z I O N E D E M O C R A Z I A D A L B A S S O M O D E N A A G O S T O 2 0 1 2 D I S P E N S A N 24 A S S O C I A Z I O N E che le cose siano cosi, non vuol dire che debbano andare così. Solo che quando si tratta di rimboccarsi le maniche e incominciare

Dettagli

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento.

LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. A CURA DI IGNAZIO LICCIARDI LEGGERE PEDAGOGICAMENTE Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (DDAI): un approccio pedagogico-clinico ai disturbi dell apprendimento. di Angelina Albano biblìon COLLANA

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà La Dignità L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà Essa pone la persona al centro delle sue azioni istituendo la cittadinanza dell Unione e

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

LA RICERCA INFERMIERISTICA

LA RICERCA INFERMIERISTICA Prof. ssa Eufemia Renzi LA RICERCA INFERMIERISTICA DIAPOSITIVA N. 2 IL SIGNIFICATO DI RICERCA INFERMIERISTICA La ricerca infermieristica opera su due grandi aree interdipendenti: quella teorica nursing

Dettagli

Differenze di genere e Assertività

Differenze di genere e Assertività Differenze di genere e Assertività 24 gennaio 2015, Portogruaro Maura Di Mauro Differenze di Genere e Assertività 2 Differenze di Genere e Assertività 3 Genere, o sesso? Differenze sessuali = differenze

Dettagli

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Le nuove sfide dell educazione Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Vivere le emozioni difficili La sofferenza nell età evolutiva Educare bambini e adolescenti al dolore emotivo

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza

Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Sintesi dei risultati di uno studio concernente l efficacia del dondolio nei pazienti con demenza Fonte: Nancy M. Watson, Thelma J. Wells, Christopher Cox (1998) Terapia con sedia a dondolo in pazienti

Dettagli

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA OVVERO IL TRAINING AUTOGENO. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non Sempre è facile come dirlo. Spesso abbiamo

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE

Mantova. Professione per la vita: L INFERMIERE Mantova Professione per la vita: L INFERMIERE Scegliere un lavoro che ti permette di essere protagonista nella vita vera, di essere un punto di riferimento per gli altri e di esercitare importanti responsabilità,

Dettagli

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società

Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Congresso Anep Italia 9 e 10 Giugno 2001 Palazzo delle Stelline, Milano Impatto della vita prenatale sull evoluzione dell individuo, della cultura e della società Relazione della Dott. ssa Francesca Malatacca

Dettagli

Riabilitazione e capacità produttive dei malati e dei guariti dal cancro

Riabilitazione e capacità produttive dei malati e dei guariti dal cancro Convegno LAVORARE DURANTE E DOPO IL CANCRO Una risorsa per l'impresa e per il lavoratore Riabilitazione e capacità produttive dei malati e dei guariti dal cancro Prof. Francesco Cognetti Direttore, Dipartimento

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli