LA SCHERMA DEL MAESTRO ETTORE GESLAO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SCHERMA DEL MAESTRO ETTORE GESLAO"

Transcript

1 LA SCHERMA DEL MAESTRO ETTORE GESLAO PREFAZIONE Quando nel maggio del 2011 mi sono recato a Rimini per seguire i ragazzi nel Gran premio giovanissimi, la trasferta forse più importante della stagione agonistica per gli atleti al di sotto dei quattordici anni, mi sono sorpreso nel vedere che l albergo dove alloggiavo ospitava gli esami per il conseguimento del titolo di Istruttore Regionale; per coincidenza io avevo bisogno di qualcuno che mi aiutasse a scegliere il titolo della mia tesi di maestro. Prima di quella fortuita coincidenza, avevo, in un primo momento, pensato ad un argomento che ponesse l accento sulla crescita tecnica dell atleta: Come far nascere e crescere uno schermitore spadista. Successivamente avevo immaginato un altro titolo: Come nasce un campione Olimpico : mi sarebbe piaciuto descrivere l alchimia che si crea quando si incontrano due talenti, maestro e allievo. Poi ancora: La ricerca della bellezza nella scherma e nella spada. Sentivo una spinta profondamente filosofica, che andava oltre 1

2 la scherma, l esigenza di un lavoro che mi interessava e completava. Avevo comunque molte perplessità, gli argomenti sembravano intrecciarsi nella mia mente, le immagini e i personaggi si sovrapponevano, mi resi ben presto conto che il secondo e il terzo titolo potevano in realtà fondersi nel: Come nasce un campione Olimpico ricercando la bellezza nella spada. Diversamente, a Rimini, in una sala di quell albergo adibita ad aula d esami, Luigi Campofreda mi suggerisce di fare una tesi sulla scherma del Maestro Geslao. Mentre confuso ed emozionato accetto la proposta, interviene il Maestro Saverio Crisci, caro amico del Maestro Geslao, che approva immediatamente la proposta, invitandomi a metterci il massimo impegno nella realizzazione del progetto. Luigi Campofreda diviene in quel momento il relatore di questa stessa tesi. Ho cominciato da questo episodio perché il mio vuole essere un libro d amore : non è semplice raccontare una storia dove il coinvolgimento sentimentale è totale. La mia necessità è quella di scrivere e provare a spiegare che cosa è stato, che cosa è e cosa rappresenta il Maestro Ettore Geslao per centinaia di persone che l hanno conosciuto. Ho pensato intere nottate sul tipo di taglio da dare a questa tesi. Inizialmente ho pensato che una descrizione quasi da cronista poteva apparire molto chiara e avrebbe schematizzato meglio le peculiarità tecniche. Tuttavia mi sono accorto, con il passare del tempo e mentre recuperavo il materiale che mi sarebbe servito, che mancava qualcosa, mancava un ingrediente che il maestro non avrebbe 2

3 mai trascurato: la passione. Quindi infine ho deciso di raccontare la mia storia con lui: un racconto fatto di episodi, aneddoti assolutamente reali, nei quali lui prova a trasmettermi la sua scherma e io provo a capire. Ero partito da tre idee: Come far nascere e crescere uno schermitore spadista, Come nasce un campione Olimpico e La ricerca della bellezza nella scherma e nella spada. Successivamente erano diventate due ed infine Luigi Campofreda, con l avvallo del Maestro Saverio Crisci, le avevano semplicemente sintetizzate ne La scherma del Maestro Geslao. I tre titoli che avevo immaginato come possibili lavori erano tutti dentro la sua scherma. La mia tesi era lì solo da scrivere e il Maestro, in qualche modo, a dettarla. Fig. 1 - Il Maestro ai tempi della nazionale 3

4 I LA STORIA DEL MAESTRO E DELLA SCHERMA I. I LA VITA Erano i primi di settembre e frequentavo la palestra da pochi giorni; quel lunedì ero fortemente in ritardo, il capo sezione mi aveva chiesto di terminare un lavoro urgente e preso dall impegno non mi ero reso conto del tempo che passava. Arrivo quindi in sala con mezz ora di ritardo, entro in spogliatoio e vengo accolto dallo stupore generale e da un sorriso del maestro: avevo dimenticato di cambiarmi, ero in divisa. Dove presti servizio? mi chiede subito il Maestro. A Treviso rispondo io. E che corso sei? mi chiede. Ottantesimo aggiungo. Io sono del terzo corso normale. Ero motorista e ho lavorato a Istrana. Quella è una base seria. Eravamo colleghi, avevamo qualcosa in comune, anche se io facevo parte dell Aeroporto di Treviso, considerato figlio di un Dio minore dagli avieri del glorioso 51 Stormo. Non sei veneto mi chiede. No maestro, sono nato a Napoli e poi, a causa del lavoro di mio padre, abbiamo girato l Italia per poi finire a Mestre. Quella sera il maestro non fa lezione ma parla 4

5 con me, forse perché il condividere la divisa ci fa sentire più vicini: con un po di nostalgia mi dice di essere molisano e di aver vissuto a Termoli. Mi racconta, ma solo un accenno, della guerra; forse non ricorda bene o forse ha rimosso i bombardamenti della sua città. Era un orfano di guerra e rimase solo con il fratello. Studiò a Foggia. Successivamente non si lasciò sfuggire la possibilità di entrare come volontario in aeronautica: era una prima occasione di riscatto dopo un infanzia così sofferta. Venne assegnato e prestò servizio al 51 Stormo dell Aeronautica Militare Italiana di Istrana (TV). Si trasferì pertanto molto presto a Treviso dove trascorse buona parte della sua vita. Maestro, ma quando ha incontrato la scherma? Resto stupito quando mi dice che il suo avvicinarsi al mondo schermistico avvenne in modo quasi fortuito e piuttosto inusuale. Contrariamente a molti grandi della scherma, lui incontrò questa disciplina dopo essersi arruolato, da adulto. Erano gli anni cinquanta ed fu proprio al lavoro che incontrò Antonio Annunziata, maestro d Armi e Maresciallo del 51 Stormo, allora gestito da Riccardo Marchese che successivamente indosserà i gradi di Generale. Il Maestro Antonio Annunziata era maresciallo, lei era maresciallo, io sono maresciallo. Sono un predestinato. dico in modo scherzoso e forse un po impertinente. E lui rivolto a me: Ne devi mangiare di pane! È arrivato Fra cazzo da Velletri! come a rivolgersi ad una platea di auditori. Avevo fatto un altra magra figura. Successivamente gli anziani della sala mi spiegano che la frase Fra cazzo da Velletri il maestro la utilizzava per indicare una persona un 5

6 po sbruffona e volgare che assumeva atteggiamenti presuntuosi. Credo l avesse tratta dal film L armata Brancaleone di Mario Monicelli. Chi poteva immaginare che quella frase mi sarebbe mancata così tanto? Torniamo al Maestro Antonio Annunziata, mi spiega il Maestro che fu proprio lui a trasmettergli la passione per la spada. Le prospettive economiche di un giovane, trasferitosi al nord negli anni successivi alla guerra, non erano molto rosee e non c erano certo grandi possibilità di svago. All epoca non avevo a disposizione molti denari e intravidi nell agonismo sportivo una buona occasione per poter rimediare qualcosa. Poi, grazie al Maresciallo Antonio Annunziata, iniziai a tirare di scherma con grande passione e, una volta entrato in questo mondo, mi venne quasi naturale approfondire la conoscenza della materia. Per me iniziò davvero un altra vita 1. Con il passare dei giorni cominciavo a comprendere che cosa intendeva per approfondire la conoscenza della materia. La passione del maestro lo portava a dedicarsi completamente allo studio dell arma triangolare, come amava definirla lui: parlava di scherma ovunque e a qualsiasi orario. Le sue risposte alle mie domande erano frutto di una dedizione meticolosa. Mi resi conto che durante il giorno, ma soprattutto la notte, studiava e scriveva, scriveva tantissimo e non era mai pienamente contento. Lo invidiavo molto per questa inquietudine così produttiva. Era questa la passione: lui credeva fino in fondo in qualcosa che gli piaceva da morire. Quindi non avendo una formazione culturale classica, 1 Dall intervista di Fabio Ugolini Passione Stoccata n

7 cominciai incuriosito a studiare il concetto di passione, partendo dall etimologia della parola. Passione deriva dal greco Pathos e ha in sé vari significati. Gli antichi greci forgiarono uno dei termini più complessi del linguaggio umano: amore, piacere, godimento ma anche sofferenza, dolore e patimento. Mi viene in mente una canzone che ascolto alla radio, dice: la passione rende amica la sofferenza Questa strofa sembra calzargli perfettamente: lui non sentiva la sofferenza. Inizialmente si avvicinò al fioretto come atleta e successivamente cominciò a manifestare una fortissima passione per lo studio della spada che, grazie ad uno scrupoloso apprendimento, lo portò a trasmettere per decenni i suoi mille segreti. L imperativo era studiare comunque sempre, osservando, rubando idee e rielaborandole a suo modo. Iniziò lentamente a costruire una metodologia d insegnamento completamente nuova e modernissima, cominciando proprio nel Circolo Schermistico Trevigiano. Qui conobbe il Maestro Volpini con cui cominciò un rapporto basato sul costante confronto didattico, entrando definitivamente nel mondo della spada. La spada mi incuriosì molto più delle armi convenzionali, poiché mi permise di esprimere con completezza le mie attitudini naturali e le mie esigenze professionali. E un arma che richiede sempre grandissima attenzione, meditata e ricca di sfumature, che per essere trasmessa in maniera efficace deve essere studiata con continuità. Più in generale non si può pensare di insegnare scherma senza un accurato percorso di 7

8 approfondimento didattico e di osservazione sul campo. Per arrivare ad essere dei veri Maestri, non solo di spada, è necessario affrontare un percorso d apprendimento molto lungo che non deve porsi dei limiti temporali 2. Nasceva così un Maestro straordinario che riusciva costantemente a trasmettere il suo entusiasmo ai ragazzi. Ben presto il suo impegno fu notato anche in ambito federale, in quegli anni il Presidente della Federazione Italiana Scherma era Nostini. Al Maestro fu assegnato dapprima il compito di lavorare con le rappresentative nazionali giovanili e poi finalmente arrivò la nazionale di spada femminile. Allora Fini era il solo commissario tecnico per le tre armi e la collaborazione tra i due Maestri durò per diversi anni. Con l abbandono di Renzo Nostini, anche il Maestro Geslao lasciò l ambito nazionale e rientrò a tempo pieno nella sua Treviso, dove ricominciò a dedicarsi esclusivamente alla sua sala. Nacquero allora Le Lame : con il suo forte ascendente sui ragazzi, riusciva a trasmettere non solo lo spirito sano dell agonismo schermistico ma anche a formare maestri altamente competenti e di grandissimo talento. Infatti la scherma trevigiana di oggi, al di là delle divisioni societarie, è formata esclusivamente da allievi del maestro: Francesca D Alessandri e Davide Cenedese rappresentano un importante eredità nel panorama magistrale del Veneto. Il patrimonio di conoscenza del Maestro, accumulato in oltre cinquanta anni di esperienza, ha dato quindi i suoi frutti sia in ambito magistrale 2 Dall intervista di Fabio Ugolini Passione Stoccata n

9 che agonistico. Tutto ciò nel rispetto delle basi della scherma classica e contemporaneamente studiando con costante curiosità il suo lento modificarsi in divenire. Fig. 2 - Le Lame della Marca Trevigiana I. II L INCONTRO Conoscevo da sempre il Maestro Geslao di nome ma non avevo mai avuto la fortuna di incontrarlo. Alle gare mi sembrava un po scuro in viso e con lo sguardo severo, quasi inavvicinabile; notavo tuttavia il contrasto tra la mia impressione e l atteggiamento affettuoso dei i suoi allievi. Lui si soffermava sempre a parlare con molti atleti della nazionale, li conosceva profondamente ed era evidente che loro lo 9

10 stimavano e gli erano molto affezionati. Purtroppo non sono stato un suo atleta, ho iniziato scherma in Sardegna con il Maestro Mineo, per poi trasferirmi prima a Reggio Calabria con il maestro Vavalà e infine a Mestre con il Maestro Livio Di rosa. Erano gli anni ottanta ed io avevo concluso il mio peregrinare nel posto, a mio avviso, migliore del mondo, schermisticamente parlando. Fu allora che lasciai la scherma. L adolescenza con le sue difficoltà, la nuova scuola e la mia immaturità mi resero incapace di sostenere il confronto con tanti campioni, tutti nello stesso momento storico e tutti nello stesso posto, e mi fecero abbandonare per molto tempo la scherma. Diversi anni dopo incontrai casualmente Maurizio Galvan, il più anziano degli allievi del Maestro Di Rosa, il quale mi invogliò a ricominciare a far scherma e in particolare la spada. Fortunatamente la riscoperta della spada mi avvicinò inevitabilmente al Maestro Geslao: in quel periodo infatti ho partecipato a diversi stage di spada, da lui tenuti, durante i quali ho fatto amicizia con Devis Brunello, suo allievo e istruttore, con cui ho iniziato inoltre il percorso di formazione magistrale. Inaspettatamente nel 2007 il Maestro mi chiamò a lavorare per lui, momento decisamente significativo per la mia vita. Ricordo perfettamente che dopo alcuni giorni, appena messo piede in sala, esordisce con: Chiariamo subito una cosa, se non fai la scherma che ti dico io, quella è la porta indicando le scale d uscita. Ottimo inizio penso io cominciamo bene. Mi fa scegliere una spada della sala ed io scelgo una con il manico francese, anche lui faceva 10

11 lezione con la francese, non avevamo solo l aeronautica in comune ma anche l impugnatura della spada. Mi rendevo conto di avere un enorme bisogno di riconoscermi in lui: trovare delle somiglianze mi dava sicurezza, non ero ancora pronto a camminare da solo, non ero pronto all indipendenza schermistica perché non avevo sviluppato ancora una spirito critico sui vari argomenti, al taglio del cordone ombelicale ci avrei pensato più avanti. Mi dice: Prendi pure quella spada ma ricordati che quella spada è mia Ed io: Maestro ma mi ha detto lei di sceglierne una E lui: È vero, usala ma ricordati che è mia. La prima sera rientrando a casa ero molto preoccupato, lo giudicai molto severo e un po burbero. La sera dopo rimanemmo a parlare fino a mezzanotte davanti casa sua, con una scusa mi aveva chiesto un passaggio in macchina e quella sera cominciò a insegnarmi la spada. Ricordati che il Maestro di scherma è la figura simbolo dell attività schermistica. Se vuoi fare questo mestiere devi onorarlo con grande impegno. Spesso per ragioni di opportunismo politico e prestigio gerarchico, il Maestro veniva confinato in un ruolo marginale invece si deve prendere coscienza del suo lavoro. I. III LA STORIA DELLA SCHERMA Il Maestro mi dimostrò ben presto che, per accrescere la sua cultura sulle origini della scherma, aveva letto libri sulle armi degli 11

12 antichi: da quelle di selce dei primitivi a quelle d oro degli egizi, da quelle di bronzo degli eroi omerici fino, finalmente, a quelle di ferro degli ittiti. Molte delle cose che mi raccontava le conoscevo già per ricordi scolastici o per racconti di mio padre, altro amante della scherma, tuttavia ascoltavo rapito ed ampliavo la mia cultura. L uomo, dalla sua comparsa sulla terra, ha sempre dovuto ingegnarsi per lottare e per conquistare ciò che desiderava: territorio, cibo e donna. Non essendo dotato di unghie, denti e corna come gli altri animali la sua difesa e conseguente offesa doveva affidarsi ad armi da lui costruite. L autorevole studioso di armi Ewart Oakeshott ritiene che le prime spade siano comparse fra il 1500 e il 1100 a.c. nella Creta di minoica e fra i celti stanziati in Inghilterra. Be presto furono utilizzate a fini sportivi. La più antica rappresentazione conosciuta di un incontro di scherma vero e proprio è un rilievo nel tempio di Madinat Habu, eretto intorno al 1190 a.c. da Ramsete III nel pressi di Luxor. 3 Solitamente si riconosce al re assiro Nino il merito di avere sviluppato la scherma come sport formale; fu anche il primo ad avvalersi di maestri professionisti per l insegnamento della disciplina ai suoi soldati. Spesso i cinesi, giapponesi, persiani, babilonesi e romani tiravano di scherma come passatempo, ma in genere lo facevano per prepararsi al combattimento. I greci credevano che non ci fosse bisogno di una speciale disciplina per imparare come maneggiare una spada. Il motivo principale era che solitamente le loro armi erano corte, a doppio taglio, 3 Cohen Richard (2003) 12

13 munite di elsa e con la lama rinforzata da un corrugamento che andava dalla punta alla traversa, utili soprattutto per i fendenti. Erano utili nel combattimento ravvicinato, solo dopo aver lanciato l asta, come ultima risorsa. I greci non si preoccupavano di insegnare le tecniche della spada che consideravano doti naturali dell uomo. A differenza dei greci, i romani ammiravano la maestria nella scherma. E i primi combattimenti fra gladiatori risalgono al 264 a.c. Il nome gladiatore deriva dal Gladio, una sorta di coltellaccio lungo circa 50 cm. che trovava la sua utilizzazione nei combattimenti ravvicinati. Dal gladio prendono nome i gladiatori, la cui attività è pianificata da un maestro chiamato Magister Gladiatorum il cui compito non era solo quello di addestrare i gladiatori ma anche i legionari. I Magistri, ex gladiatori o vecchi legionari che avevano accumulato grande esperienza in anni di combattimenti, erano tenuti in una certa considerazione. Il gladio era un arma di punta, in acciaio temperato, particolarmente adatta al combattimento ravvicinato era il compagno inseparabile del legionario e contribuì alla costruzione e al mantenimento del più grande impero di tutti i tempi. Il gladio lentamente acquisisce una netta prevalenza nell uso e la scherma diventa un arte a tal punto codificata che nelle maggiori città dell impero fioriscono le scuole di scherma. La tecnica schermistica viene insegnata ai giovani e ai non più giovani che attraverso l esercizio della scherma, avevano l opportunità di mantenersi efficienti nel fisico, in vista delle frequenti occasioni per battersi in guerra. A capo di ciascuna scuola c era il lanista, figura 13

14 che corrisponde all attuale maestro di scherma, che aveva il compito di addestrare i giovani alla gladiatura. Fig. 3 Gladiatori Successivamente le invasioni barbariche portarono inevitabilmente ad una evoluzione dell arte gladatoria; infatti le spade trovate nelle tombe dei Longobardi sono più lunghe e leggere di quelle dei romani. Le spade dei Franchi, mediamente più lunghe di quelle dei Longobardi venivano forgiate su misura e avevano una lunghezza che variava dai 90 ai 100 cm in rapporto con l altezza dell individuo, inoltre erano fabbricate in doppio strato di acciaio, più duro nella parte interna e più duttile nella parte esterna, risultando quasi indistruttibili 14

15 ed assumendo così, nella letteratura e nella leggenda, la funzione di compagna inseparabile alla quale veniva dato un nome come fosse una persona: Durlindana, Excalibur, ecc. Alla caduta dell impero romano la spada acquisì grande rilevanza simbolica diventando emblema di potere, Carlo Magno, ad esempio, non se ne separava mai. Con il sistema feudale nacque la figura del cavaliere che durante le giostre e nei tornei poteva fare sfoggio delle proprie capacità di combattente. La tecnica schermistica di quel periodo è quella tipica del Medio Evo: tesa a scardinare l armatura con violenti colpi di spada impugnata a due mani. La spada resta l arma del Gentiluomo: nella sua educazione ne apprende il maneggio, anche per la facilità che ha in incorrere in un duello. Intorno alla spada si svolge e si prepara la tecnica: variando di forma, secondo i luoghi e i tempi, rimane sempre comunque il perno della scherma. Così nel XV secolo sono già costituite le prime scuole di scherma e vengono prodotti i primi trattati in materia (di scherma). Nel 1409, alla corte di Niccolò d Este, come docente per la disciplina delle armi vi è il Maestro Fiore de Liberi di Premariacco, il cui trattato Flos Duellatorum dà inizio alla scherma scritta, su di esso sono costruiti tutti gli altri trattati. L arte di adoperare la spada, cioè la striscia, lo spadone e la spada da due mani, sorse a Bologna e si chiamò scuola di scherma italiana; questa ebbe vita prospera e rigogliosa, al suo interno nacquero numerosi trattatisti come Agrippa, Giganti, Fabbris e Bondi e con questi la scherma italiana fece molti passi in avanti. Importante è porre l accento sui trattati del

16 poiché è questo il periodo nel quale verranno gettate le basi di quella che sarà la scherma moderna. Con il rinascimento, l Italia diventa sempre più meta ambita di studenti stranieri provenienti da tutta Europa, non solo per colmare e affinare il loro sapere, ma anche per imparare a tirare di scherma. All università di Bologna, accanto all aula di diritto, c era la sala d armi che divenne ben presto centro della scherma italiana. Durante il rinascimento i maestri italiani vengono molto apprezzati presso le corti europee, per la loro abilità e fantasia che porta alla ricerca di nuove soluzioni tecniche. Già dal XIII secolo si parla di una scuola italiana che gode di grande prestigio, fioriscono le sale d armi e la cultura della scherma comincia con il tramandarsi di padre in figlio: è la nascita dei Maestri d armi. A quei tempi, stiamo parlando del XVI secolo, lo studio e il combattere di spada, per le classi nobili, era una necessità atta a rafforzare il carattere e la personalità del giovane rampollo. Fra i numerosi Maestri scrittori Achille Marozzo, considerato da molti il padre della scherma italiana, pubblica nel 1536 l opera l arte de l Armi, che appare completa sia sotto l aspetto tecnico che critico. Nel 600 la scuola italiana si divide in due tronconi: la scuola bolognese e la scuola napoletana. Intanto comincia a fiorire la scherma di scuola francese che si separa da quella italiana. I maestri francesi creano un arma leggera, lunga e dritta con la sezione rettangolare, destinata a colpire solo di punta. Il fioretto fu ideato verso la metà del XVII secolo ed è una trasformazione della spada in un arma più agile, 16

17 caratterizzata da una riduzione della coccia e da una maggiore flessibilità della lama, utilizzata come strumento propedeutico alla spada nella sala d armi per l insegnamento della scherma. Il metodo francese non si limita alla sola preparazione agonistica ma è rivolta alla preparazione fisica e mentale dello schermitore. I francesi, nostri eterni rivali, durante il combattimento, che diventava sempre più uno sport, per indicare una persona molto brava schermisticamente dicevano: Tira di scherma come un maestro italiano. Questo perché dagli inizi del 1700 molti maestri italiani erano emigrati in Francia, dove avevano aperto molte sale d armi frequentatissime dalla nobiltà franca. Erano i maestri italiani che, per meglio spiegare quale era l energia esatta nell impugnare l arma, dicevano: La spada va stretta come se si tenesse in mano una colomba; se la stringi troppo: la soffochi; se la stringi troppo poco: vola via. Intervengo io: Maestro parlavano della stretta in tempo? e lui: Certo, la stretta in tempo è l evoluzione di questo discorso, ovviamente la presa che esercitiamo sull impugnatura non può essere sempre la stessa, aumenta nel portare la stoccata, nelle battute, negli svincoli. Il 1600 e il 1700 sono due secoli d oro per la scherma italiana; italiani furono i migliori trattatisti e italiani furono anche i più bravi maestri di quell arte che diffusero ed imposero in tutta l Europa. Nell 800 fioriscono le Accademie che inizialmente sono organizzate da Maestri, per un utile confronto dei diversi metodi d insegnamento, ma poi divengono vere e proprie associazioni per lo studio dell arte 17

18 schermistica. Due ufficiali dell esercito italico, Rossarol Scorza e Pietro Grisetti, con il loro trattato Scienza della scherma (1803) danno un nuovo impulso alla nostra scherma. Successivamente il Maestro Ferdinando Masiello, con La scherma italiana, sfoltisce l assalto accademico da molte formalità e si comincia ad assistere alla scherma moderna. I contrasti con la scherma francese permangono per tutto il periodo napoleonico ma dopo la restaurazione, seguita al crollo dell impero, i due stili si amalgamano e viene adottato il fioretto italiano con impugnatura a croce. L utilizzo del fioretto favorisce il crescere e il moltiplicarsi delle sale d armi frequentate ad ogni livello, tirare di scherma diventa sinonimo di prestigio e costume della buona società. Con il moltiplicarsi delle sale di scherma crescono anche le rivalità, si avverte la necessità di convenzioni che unificano in senso teorico e pratico la scherma, rimane tuttavia il concetto dell arte della scherma di toccare senza essere toccati. Da qui trae origine L Accademia nazionale di scherma, sorta a Napoli nel 1861, punto di incontro fra i migliori insegnanti e i più promettenti allievi, provenienti da varie scuole e capaci di promuovere i valori raggiunti dalla scherma. Dall invenzione del fioretto, che era nato a cavallo del XVII e il XVIII secolo, passarono cento anni prima che la scherma assumesse una dimensione sportiva. Molto prima che la scherma si mostrasse ufficialmente in pubblico, nella sua entità sportiva, le esibizioni di fioretto, a carattere privato non erano affatto rare. La scherma proseguiva articolandosi sulle tre armi (fioretto, spada e sciabola), ma 18

19 proseguendo su tre binari: militare, sportivo e diremmo sociale. In campo militare con l avvento delle armi da fuoco, il fioretto rimase l arma per iniziare lo studio della scherma e per l allenamento; la sciabola divenne l arma bianca dei sottufficiali, ufficiali e cavalieri; la spada pur non facendo più parte della dotazione militare, ebbe notevole sviluppo nel sociale con il proliferare dei duelli. Questi ultimi si facevano anche alla pistola ma erano meno numerosi. Si creò un codice d onore, rimodernando le regole dell antica cavalleria, ma l abuso che se ne fece fu enorme. Ogni famiglia nobile o appena abbiente, metteva la scherma tra le discipline di studio dei suoi rampolli. In società ogni persona di un certo lustro come avvocati, politici, giornalisti, medici e mariti traditi si trovavano spesso in condizione di dover sfidare un avversario o essere sfidati, pena il disonore. Rare a quei tempi le querele, ma di positivo rileveremmo oggi solo dei tribunali meno affollati, ma quanti morti inutili e quanti soprusi da parte dei migliori schermitori. Ne ricordo uno su tutti: Felice Cavallotti, uomo politico e insigne letterato, amicissimo del Carducci, morto in duello, ne aveva sostenuti diversi, per futili motivi, con il Macola direttore della Gazzetta di Venezia. Queste questioni d onore condizionavano la società, quindi i duelli furono per legge proibiti, ma continuarono per molti anni di nascosto e se ne aveva notizia solo dopo che erano avvenuti. L ultimo duello alla spada in Italia è avvenuto, in Sicilia, nel 1967 tra un giornalista ed un imprenditore: fortunatamente la conclusione fu un graffietto sul braccio di uno dei due ed una 19

20 riconciliazione ai tavoli di una trattoria di campagna. Intervengo io e rivolgendomi al Maestro: A tal punto la società era succube dalla ragion d onore che mio padre mi racconta che mia nonna, sua madre, pur donna molto religiosa ma nata nel 1894, quando mio padre nel 1950 le disse che avrebbe iniziato a tirare di scherma, senza minimamente pensare allo sport, disse: Fai bene impegnati perché nella vita non si sa mai qualcuno potrebbe sfidarti. Il Maestro sorride e proseguendo: Con il tempo questi erano diventati dei pesanti doveri per i litiganti, che non volevano per un motivo spesso futile mettere a repentaglio la vita né uccidere. Fortunatamente, prima che cadessero naturalmente in disuso, furono i maestri di scherma che preparavano i duellanti prima della sfida, ad accordarsi ad allenare gli allievi al colpo al braccio avanzato e a far strappare la manica della camicia per ottenere una leggera ferita al primo sangue. In seguito, dopo la prima metà del XIX secolo, quando si incominciavano ad organizzare i tornei di scherma, l atmosfera intorno ai protagonisti rimase comunque da addetti ai lavori : la scherma, nella trasformazione a sport, riusciva a mantenere inalterata l immagine del duello e i tornei offrivano l opportunità di assistere a scontri tra formidabili campioni dalla tecnica potentissima, i quali, nell assalto, scaricavano tutta la loro forza ed il loro coraggio, come se fossero impegnati in un combattimento sul terreno, per imporre la loro personale capacità, ma anche una tradizione ed una scuola schermistica; sfoderavano tutta una serie di abilità che andavano 20

21 dall udito, al senso dell equilibrio, alla carica aggressiva, alla combattività, alla tenacia e alla pazienza. Iniziava la scherma moderna. Il Maestro fa una sospensione e poi aggiunge: Ti rendi conto di quanto è importante la figura del Maestro?. Io annuisco e penso a quanto è vasta la conoscenza del Maestro, sono davanti ad un grande studioso e ad uno storico della scherma. Fig. 4 - La scherma nel primi del

22 II COME FAR NASCERE E CRESERE UNO SCHERMITORE SPADISTA II. I GLI INIZI DI UNO SCHERMIDORE Appena entro in sala vedo il suo ultimo lavoro Come nasce uno spadista, quindi incuriosito chiedo: Maestro come nasce uno spadista? Ci guardiamo per un attimo, in quel momento comincia il suo testamento schermistico. A quanti anni si può iniziare la scherma? domando. Lui comincia con lo spiegarmi che dai cinque agli otto anni i bambini iniziano a sviluppare capacità motorie sempre più complesse e ad assimilare una memoria del movimento. Fino ad allora tutte le attività ludiche sono poco strutturate e di tipo egocentrico. L iscrizione in una sala di scherma può avvenire già a quest età, se la società è ben organizzata ed è pronta a soddisfare le esigenze che la crescita del piccolo schermitore impone. Pur essendo uno sport individuale, i giochi propedeutici alla scherma e la vita in sala contribuiscono a far comprendere l importanza del gruppo, vengono assegnati dei ruoli e il 22

23 bambino comincia a divertirsi all interno di una piccola società di suoi pari. Infatti intorno ai cinque/sei anni il bambino ha bisogno di regole elementari e molto chiare, pertanto il gioco in gruppo fra coetanei è fondamentale. Successivamente fino agli otto anni lo sviluppo motorio permette azioni più complesse. E richiesta una maggiore coordinazione nella corsa ed esercizi come tiro al bersaglio sono fondamentali. In questa fase la motricità è ancora impulsiva e il pensiero è concreto. A partire dagli otto anni il pensiero diventa reversibile, sviluppa la capacità di pensare più cose per volta, questo gli permette di poter svolgere attività di gioco basate sulla socialità inserendo connotazioni presportive alle attività in sala. Il bambino comincia ad affacciarsi alla vita sociale, basata su norme e ruoli, si allena a seguire un determinato copione e a sviluppare risorse di tolleranza e flessibilità verso gli altri. Il gioco non va sottovalutato, è molto più di un semplice divertimento: è fondamentale perché contribuisce alla crescita del bambino e stimola lo sviluppo della personalità. Capita alle volte di sentire: Sta solo giocando Invece va considerato che l esperienza del gioco educa il bambino e lo prepara alla vita. Il gioco con le sue rappresentazioni simboliche è un ottimo allenamento per scoprire e far suoi i meccanismi della vita reale. Pur essendo un esperienza protetta i giochi dei bambini non sono dei giochi, ma le loro azioni più serie 4 Quindi maestro a cinque anni possono iniziare scherma? E lui: No, meglio sette anni avendo 4 Montaigne ( filoso francese) 23

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER

COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER COSA CERCA UN CANE IN UN LEADER LEADER: 1. Colui che conduce o guida. 2. Colui che ha la responsabilità o il comando di altri. 3. Colui che ha influenza o potere. ESSERE LEADER: Innanzitutto avere una

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli