LA SCHERMA DEL MAESTRO ETTORE GESLAO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA SCHERMA DEL MAESTRO ETTORE GESLAO"

Transcript

1 LA SCHERMA DEL MAESTRO ETTORE GESLAO PREFAZIONE Quando nel maggio del 2011 mi sono recato a Rimini per seguire i ragazzi nel Gran premio giovanissimi, la trasferta forse più importante della stagione agonistica per gli atleti al di sotto dei quattordici anni, mi sono sorpreso nel vedere che l albergo dove alloggiavo ospitava gli esami per il conseguimento del titolo di Istruttore Regionale; per coincidenza io avevo bisogno di qualcuno che mi aiutasse a scegliere il titolo della mia tesi di maestro. Prima di quella fortuita coincidenza, avevo, in un primo momento, pensato ad un argomento che ponesse l accento sulla crescita tecnica dell atleta: Come far nascere e crescere uno schermitore spadista. Successivamente avevo immaginato un altro titolo: Come nasce un campione Olimpico : mi sarebbe piaciuto descrivere l alchimia che si crea quando si incontrano due talenti, maestro e allievo. Poi ancora: La ricerca della bellezza nella scherma e nella spada. Sentivo una spinta profondamente filosofica, che andava oltre 1

2 la scherma, l esigenza di un lavoro che mi interessava e completava. Avevo comunque molte perplessità, gli argomenti sembravano intrecciarsi nella mia mente, le immagini e i personaggi si sovrapponevano, mi resi ben presto conto che il secondo e il terzo titolo potevano in realtà fondersi nel: Come nasce un campione Olimpico ricercando la bellezza nella spada. Diversamente, a Rimini, in una sala di quell albergo adibita ad aula d esami, Luigi Campofreda mi suggerisce di fare una tesi sulla scherma del Maestro Geslao. Mentre confuso ed emozionato accetto la proposta, interviene il Maestro Saverio Crisci, caro amico del Maestro Geslao, che approva immediatamente la proposta, invitandomi a metterci il massimo impegno nella realizzazione del progetto. Luigi Campofreda diviene in quel momento il relatore di questa stessa tesi. Ho cominciato da questo episodio perché il mio vuole essere un libro d amore : non è semplice raccontare una storia dove il coinvolgimento sentimentale è totale. La mia necessità è quella di scrivere e provare a spiegare che cosa è stato, che cosa è e cosa rappresenta il Maestro Ettore Geslao per centinaia di persone che l hanno conosciuto. Ho pensato intere nottate sul tipo di taglio da dare a questa tesi. Inizialmente ho pensato che una descrizione quasi da cronista poteva apparire molto chiara e avrebbe schematizzato meglio le peculiarità tecniche. Tuttavia mi sono accorto, con il passare del tempo e mentre recuperavo il materiale che mi sarebbe servito, che mancava qualcosa, mancava un ingrediente che il maestro non avrebbe 2

3 mai trascurato: la passione. Quindi infine ho deciso di raccontare la mia storia con lui: un racconto fatto di episodi, aneddoti assolutamente reali, nei quali lui prova a trasmettermi la sua scherma e io provo a capire. Ero partito da tre idee: Come far nascere e crescere uno schermitore spadista, Come nasce un campione Olimpico e La ricerca della bellezza nella scherma e nella spada. Successivamente erano diventate due ed infine Luigi Campofreda, con l avvallo del Maestro Saverio Crisci, le avevano semplicemente sintetizzate ne La scherma del Maestro Geslao. I tre titoli che avevo immaginato come possibili lavori erano tutti dentro la sua scherma. La mia tesi era lì solo da scrivere e il Maestro, in qualche modo, a dettarla. Fig. 1 - Il Maestro ai tempi della nazionale 3

4 I LA STORIA DEL MAESTRO E DELLA SCHERMA I. I LA VITA Erano i primi di settembre e frequentavo la palestra da pochi giorni; quel lunedì ero fortemente in ritardo, il capo sezione mi aveva chiesto di terminare un lavoro urgente e preso dall impegno non mi ero reso conto del tempo che passava. Arrivo quindi in sala con mezz ora di ritardo, entro in spogliatoio e vengo accolto dallo stupore generale e da un sorriso del maestro: avevo dimenticato di cambiarmi, ero in divisa. Dove presti servizio? mi chiede subito il Maestro. A Treviso rispondo io. E che corso sei? mi chiede. Ottantesimo aggiungo. Io sono del terzo corso normale. Ero motorista e ho lavorato a Istrana. Quella è una base seria. Eravamo colleghi, avevamo qualcosa in comune, anche se io facevo parte dell Aeroporto di Treviso, considerato figlio di un Dio minore dagli avieri del glorioso 51 Stormo. Non sei veneto mi chiede. No maestro, sono nato a Napoli e poi, a causa del lavoro di mio padre, abbiamo girato l Italia per poi finire a Mestre. Quella sera il maestro non fa lezione ma parla 4

5 con me, forse perché il condividere la divisa ci fa sentire più vicini: con un po di nostalgia mi dice di essere molisano e di aver vissuto a Termoli. Mi racconta, ma solo un accenno, della guerra; forse non ricorda bene o forse ha rimosso i bombardamenti della sua città. Era un orfano di guerra e rimase solo con il fratello. Studiò a Foggia. Successivamente non si lasciò sfuggire la possibilità di entrare come volontario in aeronautica: era una prima occasione di riscatto dopo un infanzia così sofferta. Venne assegnato e prestò servizio al 51 Stormo dell Aeronautica Militare Italiana di Istrana (TV). Si trasferì pertanto molto presto a Treviso dove trascorse buona parte della sua vita. Maestro, ma quando ha incontrato la scherma? Resto stupito quando mi dice che il suo avvicinarsi al mondo schermistico avvenne in modo quasi fortuito e piuttosto inusuale. Contrariamente a molti grandi della scherma, lui incontrò questa disciplina dopo essersi arruolato, da adulto. Erano gli anni cinquanta ed fu proprio al lavoro che incontrò Antonio Annunziata, maestro d Armi e Maresciallo del 51 Stormo, allora gestito da Riccardo Marchese che successivamente indosserà i gradi di Generale. Il Maestro Antonio Annunziata era maresciallo, lei era maresciallo, io sono maresciallo. Sono un predestinato. dico in modo scherzoso e forse un po impertinente. E lui rivolto a me: Ne devi mangiare di pane! È arrivato Fra cazzo da Velletri! come a rivolgersi ad una platea di auditori. Avevo fatto un altra magra figura. Successivamente gli anziani della sala mi spiegano che la frase Fra cazzo da Velletri il maestro la utilizzava per indicare una persona un 5

6 po sbruffona e volgare che assumeva atteggiamenti presuntuosi. Credo l avesse tratta dal film L armata Brancaleone di Mario Monicelli. Chi poteva immaginare che quella frase mi sarebbe mancata così tanto? Torniamo al Maestro Antonio Annunziata, mi spiega il Maestro che fu proprio lui a trasmettergli la passione per la spada. Le prospettive economiche di un giovane, trasferitosi al nord negli anni successivi alla guerra, non erano molto rosee e non c erano certo grandi possibilità di svago. All epoca non avevo a disposizione molti denari e intravidi nell agonismo sportivo una buona occasione per poter rimediare qualcosa. Poi, grazie al Maresciallo Antonio Annunziata, iniziai a tirare di scherma con grande passione e, una volta entrato in questo mondo, mi venne quasi naturale approfondire la conoscenza della materia. Per me iniziò davvero un altra vita 1. Con il passare dei giorni cominciavo a comprendere che cosa intendeva per approfondire la conoscenza della materia. La passione del maestro lo portava a dedicarsi completamente allo studio dell arma triangolare, come amava definirla lui: parlava di scherma ovunque e a qualsiasi orario. Le sue risposte alle mie domande erano frutto di una dedizione meticolosa. Mi resi conto che durante il giorno, ma soprattutto la notte, studiava e scriveva, scriveva tantissimo e non era mai pienamente contento. Lo invidiavo molto per questa inquietudine così produttiva. Era questa la passione: lui credeva fino in fondo in qualcosa che gli piaceva da morire. Quindi non avendo una formazione culturale classica, 1 Dall intervista di Fabio Ugolini Passione Stoccata n

7 cominciai incuriosito a studiare il concetto di passione, partendo dall etimologia della parola. Passione deriva dal greco Pathos e ha in sé vari significati. Gli antichi greci forgiarono uno dei termini più complessi del linguaggio umano: amore, piacere, godimento ma anche sofferenza, dolore e patimento. Mi viene in mente una canzone che ascolto alla radio, dice: la passione rende amica la sofferenza Questa strofa sembra calzargli perfettamente: lui non sentiva la sofferenza. Inizialmente si avvicinò al fioretto come atleta e successivamente cominciò a manifestare una fortissima passione per lo studio della spada che, grazie ad uno scrupoloso apprendimento, lo portò a trasmettere per decenni i suoi mille segreti. L imperativo era studiare comunque sempre, osservando, rubando idee e rielaborandole a suo modo. Iniziò lentamente a costruire una metodologia d insegnamento completamente nuova e modernissima, cominciando proprio nel Circolo Schermistico Trevigiano. Qui conobbe il Maestro Volpini con cui cominciò un rapporto basato sul costante confronto didattico, entrando definitivamente nel mondo della spada. La spada mi incuriosì molto più delle armi convenzionali, poiché mi permise di esprimere con completezza le mie attitudini naturali e le mie esigenze professionali. E un arma che richiede sempre grandissima attenzione, meditata e ricca di sfumature, che per essere trasmessa in maniera efficace deve essere studiata con continuità. Più in generale non si può pensare di insegnare scherma senza un accurato percorso di 7

8 approfondimento didattico e di osservazione sul campo. Per arrivare ad essere dei veri Maestri, non solo di spada, è necessario affrontare un percorso d apprendimento molto lungo che non deve porsi dei limiti temporali 2. Nasceva così un Maestro straordinario che riusciva costantemente a trasmettere il suo entusiasmo ai ragazzi. Ben presto il suo impegno fu notato anche in ambito federale, in quegli anni il Presidente della Federazione Italiana Scherma era Nostini. Al Maestro fu assegnato dapprima il compito di lavorare con le rappresentative nazionali giovanili e poi finalmente arrivò la nazionale di spada femminile. Allora Fini era il solo commissario tecnico per le tre armi e la collaborazione tra i due Maestri durò per diversi anni. Con l abbandono di Renzo Nostini, anche il Maestro Geslao lasciò l ambito nazionale e rientrò a tempo pieno nella sua Treviso, dove ricominciò a dedicarsi esclusivamente alla sua sala. Nacquero allora Le Lame : con il suo forte ascendente sui ragazzi, riusciva a trasmettere non solo lo spirito sano dell agonismo schermistico ma anche a formare maestri altamente competenti e di grandissimo talento. Infatti la scherma trevigiana di oggi, al di là delle divisioni societarie, è formata esclusivamente da allievi del maestro: Francesca D Alessandri e Davide Cenedese rappresentano un importante eredità nel panorama magistrale del Veneto. Il patrimonio di conoscenza del Maestro, accumulato in oltre cinquanta anni di esperienza, ha dato quindi i suoi frutti sia in ambito magistrale 2 Dall intervista di Fabio Ugolini Passione Stoccata n

9 che agonistico. Tutto ciò nel rispetto delle basi della scherma classica e contemporaneamente studiando con costante curiosità il suo lento modificarsi in divenire. Fig. 2 - Le Lame della Marca Trevigiana I. II L INCONTRO Conoscevo da sempre il Maestro Geslao di nome ma non avevo mai avuto la fortuna di incontrarlo. Alle gare mi sembrava un po scuro in viso e con lo sguardo severo, quasi inavvicinabile; notavo tuttavia il contrasto tra la mia impressione e l atteggiamento affettuoso dei i suoi allievi. Lui si soffermava sempre a parlare con molti atleti della nazionale, li conosceva profondamente ed era evidente che loro lo 9

10 stimavano e gli erano molto affezionati. Purtroppo non sono stato un suo atleta, ho iniziato scherma in Sardegna con il Maestro Mineo, per poi trasferirmi prima a Reggio Calabria con il maestro Vavalà e infine a Mestre con il Maestro Livio Di rosa. Erano gli anni ottanta ed io avevo concluso il mio peregrinare nel posto, a mio avviso, migliore del mondo, schermisticamente parlando. Fu allora che lasciai la scherma. L adolescenza con le sue difficoltà, la nuova scuola e la mia immaturità mi resero incapace di sostenere il confronto con tanti campioni, tutti nello stesso momento storico e tutti nello stesso posto, e mi fecero abbandonare per molto tempo la scherma. Diversi anni dopo incontrai casualmente Maurizio Galvan, il più anziano degli allievi del Maestro Di Rosa, il quale mi invogliò a ricominciare a far scherma e in particolare la spada. Fortunatamente la riscoperta della spada mi avvicinò inevitabilmente al Maestro Geslao: in quel periodo infatti ho partecipato a diversi stage di spada, da lui tenuti, durante i quali ho fatto amicizia con Devis Brunello, suo allievo e istruttore, con cui ho iniziato inoltre il percorso di formazione magistrale. Inaspettatamente nel 2007 il Maestro mi chiamò a lavorare per lui, momento decisamente significativo per la mia vita. Ricordo perfettamente che dopo alcuni giorni, appena messo piede in sala, esordisce con: Chiariamo subito una cosa, se non fai la scherma che ti dico io, quella è la porta indicando le scale d uscita. Ottimo inizio penso io cominciamo bene. Mi fa scegliere una spada della sala ed io scelgo una con il manico francese, anche lui faceva 10

11 lezione con la francese, non avevamo solo l aeronautica in comune ma anche l impugnatura della spada. Mi rendevo conto di avere un enorme bisogno di riconoscermi in lui: trovare delle somiglianze mi dava sicurezza, non ero ancora pronto a camminare da solo, non ero pronto all indipendenza schermistica perché non avevo sviluppato ancora una spirito critico sui vari argomenti, al taglio del cordone ombelicale ci avrei pensato più avanti. Mi dice: Prendi pure quella spada ma ricordati che quella spada è mia Ed io: Maestro ma mi ha detto lei di sceglierne una E lui: È vero, usala ma ricordati che è mia. La prima sera rientrando a casa ero molto preoccupato, lo giudicai molto severo e un po burbero. La sera dopo rimanemmo a parlare fino a mezzanotte davanti casa sua, con una scusa mi aveva chiesto un passaggio in macchina e quella sera cominciò a insegnarmi la spada. Ricordati che il Maestro di scherma è la figura simbolo dell attività schermistica. Se vuoi fare questo mestiere devi onorarlo con grande impegno. Spesso per ragioni di opportunismo politico e prestigio gerarchico, il Maestro veniva confinato in un ruolo marginale invece si deve prendere coscienza del suo lavoro. I. III LA STORIA DELLA SCHERMA Il Maestro mi dimostrò ben presto che, per accrescere la sua cultura sulle origini della scherma, aveva letto libri sulle armi degli 11

12 antichi: da quelle di selce dei primitivi a quelle d oro degli egizi, da quelle di bronzo degli eroi omerici fino, finalmente, a quelle di ferro degli ittiti. Molte delle cose che mi raccontava le conoscevo già per ricordi scolastici o per racconti di mio padre, altro amante della scherma, tuttavia ascoltavo rapito ed ampliavo la mia cultura. L uomo, dalla sua comparsa sulla terra, ha sempre dovuto ingegnarsi per lottare e per conquistare ciò che desiderava: territorio, cibo e donna. Non essendo dotato di unghie, denti e corna come gli altri animali la sua difesa e conseguente offesa doveva affidarsi ad armi da lui costruite. L autorevole studioso di armi Ewart Oakeshott ritiene che le prime spade siano comparse fra il 1500 e il 1100 a.c. nella Creta di minoica e fra i celti stanziati in Inghilterra. Be presto furono utilizzate a fini sportivi. La più antica rappresentazione conosciuta di un incontro di scherma vero e proprio è un rilievo nel tempio di Madinat Habu, eretto intorno al 1190 a.c. da Ramsete III nel pressi di Luxor. 3 Solitamente si riconosce al re assiro Nino il merito di avere sviluppato la scherma come sport formale; fu anche il primo ad avvalersi di maestri professionisti per l insegnamento della disciplina ai suoi soldati. Spesso i cinesi, giapponesi, persiani, babilonesi e romani tiravano di scherma come passatempo, ma in genere lo facevano per prepararsi al combattimento. I greci credevano che non ci fosse bisogno di una speciale disciplina per imparare come maneggiare una spada. Il motivo principale era che solitamente le loro armi erano corte, a doppio taglio, 3 Cohen Richard (2003) 12

13 munite di elsa e con la lama rinforzata da un corrugamento che andava dalla punta alla traversa, utili soprattutto per i fendenti. Erano utili nel combattimento ravvicinato, solo dopo aver lanciato l asta, come ultima risorsa. I greci non si preoccupavano di insegnare le tecniche della spada che consideravano doti naturali dell uomo. A differenza dei greci, i romani ammiravano la maestria nella scherma. E i primi combattimenti fra gladiatori risalgono al 264 a.c. Il nome gladiatore deriva dal Gladio, una sorta di coltellaccio lungo circa 50 cm. che trovava la sua utilizzazione nei combattimenti ravvicinati. Dal gladio prendono nome i gladiatori, la cui attività è pianificata da un maestro chiamato Magister Gladiatorum il cui compito non era solo quello di addestrare i gladiatori ma anche i legionari. I Magistri, ex gladiatori o vecchi legionari che avevano accumulato grande esperienza in anni di combattimenti, erano tenuti in una certa considerazione. Il gladio era un arma di punta, in acciaio temperato, particolarmente adatta al combattimento ravvicinato era il compagno inseparabile del legionario e contribuì alla costruzione e al mantenimento del più grande impero di tutti i tempi. Il gladio lentamente acquisisce una netta prevalenza nell uso e la scherma diventa un arte a tal punto codificata che nelle maggiori città dell impero fioriscono le scuole di scherma. La tecnica schermistica viene insegnata ai giovani e ai non più giovani che attraverso l esercizio della scherma, avevano l opportunità di mantenersi efficienti nel fisico, in vista delle frequenti occasioni per battersi in guerra. A capo di ciascuna scuola c era il lanista, figura 13

14 che corrisponde all attuale maestro di scherma, che aveva il compito di addestrare i giovani alla gladiatura. Fig. 3 Gladiatori Successivamente le invasioni barbariche portarono inevitabilmente ad una evoluzione dell arte gladatoria; infatti le spade trovate nelle tombe dei Longobardi sono più lunghe e leggere di quelle dei romani. Le spade dei Franchi, mediamente più lunghe di quelle dei Longobardi venivano forgiate su misura e avevano una lunghezza che variava dai 90 ai 100 cm in rapporto con l altezza dell individuo, inoltre erano fabbricate in doppio strato di acciaio, più duro nella parte interna e più duttile nella parte esterna, risultando quasi indistruttibili 14

15 ed assumendo così, nella letteratura e nella leggenda, la funzione di compagna inseparabile alla quale veniva dato un nome come fosse una persona: Durlindana, Excalibur, ecc. Alla caduta dell impero romano la spada acquisì grande rilevanza simbolica diventando emblema di potere, Carlo Magno, ad esempio, non se ne separava mai. Con il sistema feudale nacque la figura del cavaliere che durante le giostre e nei tornei poteva fare sfoggio delle proprie capacità di combattente. La tecnica schermistica di quel periodo è quella tipica del Medio Evo: tesa a scardinare l armatura con violenti colpi di spada impugnata a due mani. La spada resta l arma del Gentiluomo: nella sua educazione ne apprende il maneggio, anche per la facilità che ha in incorrere in un duello. Intorno alla spada si svolge e si prepara la tecnica: variando di forma, secondo i luoghi e i tempi, rimane sempre comunque il perno della scherma. Così nel XV secolo sono già costituite le prime scuole di scherma e vengono prodotti i primi trattati in materia (di scherma). Nel 1409, alla corte di Niccolò d Este, come docente per la disciplina delle armi vi è il Maestro Fiore de Liberi di Premariacco, il cui trattato Flos Duellatorum dà inizio alla scherma scritta, su di esso sono costruiti tutti gli altri trattati. L arte di adoperare la spada, cioè la striscia, lo spadone e la spada da due mani, sorse a Bologna e si chiamò scuola di scherma italiana; questa ebbe vita prospera e rigogliosa, al suo interno nacquero numerosi trattatisti come Agrippa, Giganti, Fabbris e Bondi e con questi la scherma italiana fece molti passi in avanti. Importante è porre l accento sui trattati del

16 poiché è questo il periodo nel quale verranno gettate le basi di quella che sarà la scherma moderna. Con il rinascimento, l Italia diventa sempre più meta ambita di studenti stranieri provenienti da tutta Europa, non solo per colmare e affinare il loro sapere, ma anche per imparare a tirare di scherma. All università di Bologna, accanto all aula di diritto, c era la sala d armi che divenne ben presto centro della scherma italiana. Durante il rinascimento i maestri italiani vengono molto apprezzati presso le corti europee, per la loro abilità e fantasia che porta alla ricerca di nuove soluzioni tecniche. Già dal XIII secolo si parla di una scuola italiana che gode di grande prestigio, fioriscono le sale d armi e la cultura della scherma comincia con il tramandarsi di padre in figlio: è la nascita dei Maestri d armi. A quei tempi, stiamo parlando del XVI secolo, lo studio e il combattere di spada, per le classi nobili, era una necessità atta a rafforzare il carattere e la personalità del giovane rampollo. Fra i numerosi Maestri scrittori Achille Marozzo, considerato da molti il padre della scherma italiana, pubblica nel 1536 l opera l arte de l Armi, che appare completa sia sotto l aspetto tecnico che critico. Nel 600 la scuola italiana si divide in due tronconi: la scuola bolognese e la scuola napoletana. Intanto comincia a fiorire la scherma di scuola francese che si separa da quella italiana. I maestri francesi creano un arma leggera, lunga e dritta con la sezione rettangolare, destinata a colpire solo di punta. Il fioretto fu ideato verso la metà del XVII secolo ed è una trasformazione della spada in un arma più agile, 16

17 caratterizzata da una riduzione della coccia e da una maggiore flessibilità della lama, utilizzata come strumento propedeutico alla spada nella sala d armi per l insegnamento della scherma. Il metodo francese non si limita alla sola preparazione agonistica ma è rivolta alla preparazione fisica e mentale dello schermitore. I francesi, nostri eterni rivali, durante il combattimento, che diventava sempre più uno sport, per indicare una persona molto brava schermisticamente dicevano: Tira di scherma come un maestro italiano. Questo perché dagli inizi del 1700 molti maestri italiani erano emigrati in Francia, dove avevano aperto molte sale d armi frequentatissime dalla nobiltà franca. Erano i maestri italiani che, per meglio spiegare quale era l energia esatta nell impugnare l arma, dicevano: La spada va stretta come se si tenesse in mano una colomba; se la stringi troppo: la soffochi; se la stringi troppo poco: vola via. Intervengo io: Maestro parlavano della stretta in tempo? e lui: Certo, la stretta in tempo è l evoluzione di questo discorso, ovviamente la presa che esercitiamo sull impugnatura non può essere sempre la stessa, aumenta nel portare la stoccata, nelle battute, negli svincoli. Il 1600 e il 1700 sono due secoli d oro per la scherma italiana; italiani furono i migliori trattatisti e italiani furono anche i più bravi maestri di quell arte che diffusero ed imposero in tutta l Europa. Nell 800 fioriscono le Accademie che inizialmente sono organizzate da Maestri, per un utile confronto dei diversi metodi d insegnamento, ma poi divengono vere e proprie associazioni per lo studio dell arte 17

18 schermistica. Due ufficiali dell esercito italico, Rossarol Scorza e Pietro Grisetti, con il loro trattato Scienza della scherma (1803) danno un nuovo impulso alla nostra scherma. Successivamente il Maestro Ferdinando Masiello, con La scherma italiana, sfoltisce l assalto accademico da molte formalità e si comincia ad assistere alla scherma moderna. I contrasti con la scherma francese permangono per tutto il periodo napoleonico ma dopo la restaurazione, seguita al crollo dell impero, i due stili si amalgamano e viene adottato il fioretto italiano con impugnatura a croce. L utilizzo del fioretto favorisce il crescere e il moltiplicarsi delle sale d armi frequentate ad ogni livello, tirare di scherma diventa sinonimo di prestigio e costume della buona società. Con il moltiplicarsi delle sale di scherma crescono anche le rivalità, si avverte la necessità di convenzioni che unificano in senso teorico e pratico la scherma, rimane tuttavia il concetto dell arte della scherma di toccare senza essere toccati. Da qui trae origine L Accademia nazionale di scherma, sorta a Napoli nel 1861, punto di incontro fra i migliori insegnanti e i più promettenti allievi, provenienti da varie scuole e capaci di promuovere i valori raggiunti dalla scherma. Dall invenzione del fioretto, che era nato a cavallo del XVII e il XVIII secolo, passarono cento anni prima che la scherma assumesse una dimensione sportiva. Molto prima che la scherma si mostrasse ufficialmente in pubblico, nella sua entità sportiva, le esibizioni di fioretto, a carattere privato non erano affatto rare. La scherma proseguiva articolandosi sulle tre armi (fioretto, spada e sciabola), ma 18

19 proseguendo su tre binari: militare, sportivo e diremmo sociale. In campo militare con l avvento delle armi da fuoco, il fioretto rimase l arma per iniziare lo studio della scherma e per l allenamento; la sciabola divenne l arma bianca dei sottufficiali, ufficiali e cavalieri; la spada pur non facendo più parte della dotazione militare, ebbe notevole sviluppo nel sociale con il proliferare dei duelli. Questi ultimi si facevano anche alla pistola ma erano meno numerosi. Si creò un codice d onore, rimodernando le regole dell antica cavalleria, ma l abuso che se ne fece fu enorme. Ogni famiglia nobile o appena abbiente, metteva la scherma tra le discipline di studio dei suoi rampolli. In società ogni persona di un certo lustro come avvocati, politici, giornalisti, medici e mariti traditi si trovavano spesso in condizione di dover sfidare un avversario o essere sfidati, pena il disonore. Rare a quei tempi le querele, ma di positivo rileveremmo oggi solo dei tribunali meno affollati, ma quanti morti inutili e quanti soprusi da parte dei migliori schermitori. Ne ricordo uno su tutti: Felice Cavallotti, uomo politico e insigne letterato, amicissimo del Carducci, morto in duello, ne aveva sostenuti diversi, per futili motivi, con il Macola direttore della Gazzetta di Venezia. Queste questioni d onore condizionavano la società, quindi i duelli furono per legge proibiti, ma continuarono per molti anni di nascosto e se ne aveva notizia solo dopo che erano avvenuti. L ultimo duello alla spada in Italia è avvenuto, in Sicilia, nel 1967 tra un giornalista ed un imprenditore: fortunatamente la conclusione fu un graffietto sul braccio di uno dei due ed una 19

20 riconciliazione ai tavoli di una trattoria di campagna. Intervengo io e rivolgendomi al Maestro: A tal punto la società era succube dalla ragion d onore che mio padre mi racconta che mia nonna, sua madre, pur donna molto religiosa ma nata nel 1894, quando mio padre nel 1950 le disse che avrebbe iniziato a tirare di scherma, senza minimamente pensare allo sport, disse: Fai bene impegnati perché nella vita non si sa mai qualcuno potrebbe sfidarti. Il Maestro sorride e proseguendo: Con il tempo questi erano diventati dei pesanti doveri per i litiganti, che non volevano per un motivo spesso futile mettere a repentaglio la vita né uccidere. Fortunatamente, prima che cadessero naturalmente in disuso, furono i maestri di scherma che preparavano i duellanti prima della sfida, ad accordarsi ad allenare gli allievi al colpo al braccio avanzato e a far strappare la manica della camicia per ottenere una leggera ferita al primo sangue. In seguito, dopo la prima metà del XIX secolo, quando si incominciavano ad organizzare i tornei di scherma, l atmosfera intorno ai protagonisti rimase comunque da addetti ai lavori : la scherma, nella trasformazione a sport, riusciva a mantenere inalterata l immagine del duello e i tornei offrivano l opportunità di assistere a scontri tra formidabili campioni dalla tecnica potentissima, i quali, nell assalto, scaricavano tutta la loro forza ed il loro coraggio, come se fossero impegnati in un combattimento sul terreno, per imporre la loro personale capacità, ma anche una tradizione ed una scuola schermistica; sfoderavano tutta una serie di abilità che andavano 20

21 dall udito, al senso dell equilibrio, alla carica aggressiva, alla combattività, alla tenacia e alla pazienza. Iniziava la scherma moderna. Il Maestro fa una sospensione e poi aggiunge: Ti rendi conto di quanto è importante la figura del Maestro?. Io annuisco e penso a quanto è vasta la conoscenza del Maestro, sono davanti ad un grande studioso e ad uno storico della scherma. Fig. 4 - La scherma nel primi del

22 II COME FAR NASCERE E CRESERE UNO SCHERMITORE SPADISTA II. I GLI INIZI DI UNO SCHERMIDORE Appena entro in sala vedo il suo ultimo lavoro Come nasce uno spadista, quindi incuriosito chiedo: Maestro come nasce uno spadista? Ci guardiamo per un attimo, in quel momento comincia il suo testamento schermistico. A quanti anni si può iniziare la scherma? domando. Lui comincia con lo spiegarmi che dai cinque agli otto anni i bambini iniziano a sviluppare capacità motorie sempre più complesse e ad assimilare una memoria del movimento. Fino ad allora tutte le attività ludiche sono poco strutturate e di tipo egocentrico. L iscrizione in una sala di scherma può avvenire già a quest età, se la società è ben organizzata ed è pronta a soddisfare le esigenze che la crescita del piccolo schermitore impone. Pur essendo uno sport individuale, i giochi propedeutici alla scherma e la vita in sala contribuiscono a far comprendere l importanza del gruppo, vengono assegnati dei ruoli e il 22

23 bambino comincia a divertirsi all interno di una piccola società di suoi pari. Infatti intorno ai cinque/sei anni il bambino ha bisogno di regole elementari e molto chiare, pertanto il gioco in gruppo fra coetanei è fondamentale. Successivamente fino agli otto anni lo sviluppo motorio permette azioni più complesse. E richiesta una maggiore coordinazione nella corsa ed esercizi come tiro al bersaglio sono fondamentali. In questa fase la motricità è ancora impulsiva e il pensiero è concreto. A partire dagli otto anni il pensiero diventa reversibile, sviluppa la capacità di pensare più cose per volta, questo gli permette di poter svolgere attività di gioco basate sulla socialità inserendo connotazioni presportive alle attività in sala. Il bambino comincia ad affacciarsi alla vita sociale, basata su norme e ruoli, si allena a seguire un determinato copione e a sviluppare risorse di tolleranza e flessibilità verso gli altri. Il gioco non va sottovalutato, è molto più di un semplice divertimento: è fondamentale perché contribuisce alla crescita del bambino e stimola lo sviluppo della personalità. Capita alle volte di sentire: Sta solo giocando Invece va considerato che l esperienza del gioco educa il bambino e lo prepara alla vita. Il gioco con le sue rappresentazioni simboliche è un ottimo allenamento per scoprire e far suoi i meccanismi della vita reale. Pur essendo un esperienza protetta i giochi dei bambini non sono dei giochi, ma le loro azioni più serie 4 Quindi maestro a cinque anni possono iniziare scherma? E lui: No, meglio sette anni avendo 4 Montaigne ( filoso francese) 23

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI

COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI COME LAVORA L ALLENATORE DEI GIOVANI PORTIERI di: DEFLORIO VITO Laureato in Scienze Motorie Preparatore dei Portieri INTRODUZIONE Questo lavoro e frutto della mia esperienza come allenatore dei giovani

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere!

Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! Luca d Alessandro COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO L INVESTIMENTO IMMOBILIARE ----------- O ----------- Strumenti chiari e strategie efficaci per Vincere! 2 Titolo COME VIVERE PROSPERANDO ATTRAVERSO

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it)

ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) A.E.D. ESERCIZI PER LA MOTRICITÀ FINE DELLA MANO a cura di Loredana Soldini (loredana.soldini@tiscali.it) La mano con la sua capacità di opporre il pollice all indice e alle altre dita rappresenta una

Dettagli

Metodi d allenamento

Metodi d allenamento Metodi d allenamento Pistola ad aria compressa Pistola libera Pistola sportiva (mirato) 8 1 2 destra 7 3 destra 6 5 4 destra Traduzione di Sabine Marta Unione Italiana Tiro a Segno Indice 1. Metodi generali

Dettagli

Insegnare il Basket - versione e book

Insegnare il Basket - versione e book Lezione n. 1 Metodologia d insegnamento: spiegazione, dimostrazione, correzione Introduzione La metodologia dell insegnamento è la base di una corretta crescita tecnica tattica e psicologica degli atleti.

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni

Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione. del Corso : Lavoro Dei Sogni Importante! Questo documento rappresenta solo le prime 3 sezione del Corso : Lavoro Dei Sogni Indice: INTRODUZIONE I 3Segreti Per Creare Un Business Online Di Successo Definisci Il Tuo Business Obiettivo

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Modulo 2. A Caccia di Risorse

Modulo 2. A Caccia di Risorse Modulo 2 A Caccia di Risorse FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di sviluppare negli studenti la capacità di analizzare le situazioni critiche della vita quotidiana al fine di renderli consapevoli

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO

IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO IL RISCALDAMENTO NELLA SEDUTA D ALLENAMENTO (Categoria Pulcini ed Esordienti) PREMESSA Il riscaldamento ha un ruolo fondamentale sia all interno della seduta di allenamento, che nei minuti precedenti la

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE.

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE. FIDUCIA IN AZIONE Se tratti un uomo quale egli è, rimarrà così com è. Ma se lo tratti come se fosse quello che potrebbe essere, egli diverrà ciò che potrebbe essere. J. W. Goethe PUOI AVERE TUTTI I DATI

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Colgo l'occasione per ringraziarla della Sua partecipazione e la invito a contattarci per qualsiasi esigenza.

Colgo l'occasione per ringraziarla della Sua partecipazione e la invito a contattarci per qualsiasi esigenza. Gentile signora, Egregio signore, mi auguro che il nostro incontro " Affascinare il Pubblico con Mastering Sales, l'abbia motivata a continuare questa meravigliosa esperienza. Il dono della parola è comune

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO CLAIRE (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA

A.S.D. PRO CALCIO ITALIA A.S.D. PRO CALCIO ITALIA Gioca a testa alta Stagione 2015-2016 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) PREMESSA L attività calcistica giovanile è regolata sulla base dei principi dalla Carta dei diritti dei

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

Il muro nel settore giovanile

Il muro nel settore giovanile 1 Il muro nel settore giovanile Il muro nel settore giovanile Parliamo del fondamentale più trascurato dagli allenatori delle squadre giovanili (e che nessuno si offenda per questa affermazione! Basta

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

APPORT ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI. L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio

APPORT ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI. L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio ASSOCIAZIONE ITALIANA PREPARATORI PORTIERI L importanza del preparatore dei portieri nell aspetto psicologico nelle scuole calcio di Matteo Bonavolontà preparatore portieri scuola calcio S.S. Lazio L aspetto

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA PREFAZIONE DI MAURO VENTOLA Ci troviamo in un particolare momento storico, in cui dobbiamo affrontare una nuova grande

Dettagli