Baryta carbonica. Terra pesante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Baryta carbonica. Terra pesante"

Transcript

1 Baryta carbonica Terra pesante

2 Pa Ping Nel 1930, nella regione del Kiating, in Cina, il dr. Alexander Stewart Allen ebbe modo di osservare un malessere piuttosto comune tra la popolazione residente. In molti casi, le persone si presentavano ai locali ospedali per nausea, vomito e diarrea, cui seguiva un quadro clinico neurologico, caratterizzato da paralisi ascendente, denominata Pa Ping, la quale poteva anche provocare la morte. 2

3 Via alimentare Il dr. Allen seguì 3 pazienti, tutti maschi, i quali non avevano una storia della malattia in famiglia, ma avevano mangiato di recente, prima della comparsa della paralisi. Allen stesso ammalò di Pa Ping, ma sopravvisse. Ne seguì un grande interesse nella comunità scientifica, che permise un serrato confronto dei dati in possesso dei medici, in Cina e nel Nord America. 3

4 Paralisi flaccida Il dr. Huang notò una stretta somiglianza tra il Pa Ping e la paralisi familiare periodica in 12 pazienti e riportò 2 pazienti trattati con K citrato, con il quale ottenne la remissione della sintomatologia neurologica. Il dr. Du analizzò un gruppo di malati osservati dal suo collega dr. Zhe Tung e trovò concentrazioni bario pari al 25,7%. Questi risultati furono confermati dalla somministrazione di bario agli animali, i quali svilupparono una sindrome identica a quella umana. 4

5 Ipokaliemia Sebbene Huang avesse correttamente annotato una sottostante deplezione di potassio, nei pazienti con Pa Ping, le osservazioni di Zhe Tung e Du stabilirono definitivamente che la ipokaliemia era dovuta a una intossicazione da bario. 5

6 Tossicologia del bario Del bario, un metallo pesante divalente alcalino, si conosce da tempo la tossicità nell uomo. La modalità più comune di intossicazione è la ingestione accidentale del sale carbonato, la quale sviluppa delle sequele neurologiche ad alta mortalità. Gli effetti sistemici del bario sono legati a due modalità d azione: stimolazione muscolare diretta (scheletrica, cardiaca, liscia) e ipokaliemia (blocca i canali del potassio, impedendone la diffusione passiva). 6

7 Una notte del Ramadan Una notte del novembre 2001, al dipartimento di emergenza del Chittagong Medical College Hospital (Bangladesh), arrivano 27 adulti maschi con dolori addominali, vomito, perdita dei movimenti, crampi e parestesie generalizzate, soprattutto agli arti, insorti 1-2 ore dopo l Iftar (il pasto serale concesso nel periodo del Ramadan), a base di verdure fritte, ricoperte di una pasta di fiori. 7

8 I 27 della polizia Al momento dell ammissione, 20 di loro sono irrequieti, agitati, 22 riferiscono astenia alle gambe e incapacità a camminare, 22 respirazione rapida, 10 mostrano ipotensione e 5 spasmi carpopodali. 12 di hanno ipokaliemia, 3 ipoglicemia, 3 segni di ipertrofia ventricolare sx all ECG e 4 un aumento del CPK. 8

9 Evoluzione e diagnosi 12 di questi pazienti muoiono tre ore dopo il ricovero per paralisi respiratoria, mentre gli altri gradualmente migliorano con terapie appropriate (ventilazione assistita e idratazione, con infusione di potassio) e conseguentemente dimessi, senza reliquati. Le analisi chimiche di vomito e sangue mostrano bario carbonato, presente nei fiori cotti per il pasto e contaminati con rodenticida contenente il metallo. 9

10 Paralisi flaccida La paralisi flaccida è una delle manifestazioni cliniche nella intossicazione del sale carbonato di bario, la quale esordisce in maniera acuta (spesso come quadriparesi o quadriplegia) ed è legata a una ridistribuzione del K dal compartimento extra- a quello intravascolare. La ipokaliemia che ne deriva provoca disturbi ad ampio raggio: cardiaci, renali, respiratori fra tutti. 10

11 Sindrome di Guillain-Barrè La quadriplegia da bario mima la sintomatologia della sindrome di Guillain-Barrè, riconoscibile per la areflessia in comune, come evidenziato in alcuni casi di avvelenamento. Il sospetto tossicologico deve essere sempre preso in considerazione, quando il quadro clinico esordisce in forma acuta con la paralisi flaccida. 11

12 Ecosistema e bario Alti livelli di contaminazione ambientale sono dovuti a fonti industriali. Sono state condotte analisi dell ecosistema in diverse zone, quali Sardegna, Colorado, Scozia, dimostrando elevate concentrazioni di bario nel suolo e nella vegetazione, proprio dove si evidenziava un alta morbilità per la sclerosi multipla. 12

13 Elettromiografia Esistono pochi studi elettrofisiologici, condotti su pazienti con paralisi da carbonato di bario, in tutti i casi sono state osservate importanti alterazioni della conduzione, alla elettromiografia, compatibili con una neuropatia assonale, per demielinizzazione prossimale. Ciò si verifica dal primo giorno dell avvelenamento e regredisce a seguito di infusione di potassio. 13

14 Demielinizzazione È stato proposto, a tale riguardo, che la contaminazione cronica di bario nel biosistema può innescare il processo patogenetico della malattia. Il bario, infatti, si coniuga ai solfati liberi, impedendone il legame con i proteoglicani, necessari all attivazione di FGF. Il fattore di crescita, infatti, permette agli oligodendrociti di mantenere l integrità strutturale e funzionale della mielina. 14

15 Sintomi citati da intossicazione cefalea; disartria; secchezza della bocca, costrizione della gola; vomito, diarrea, emorragia gastro-intestinale; ritenzione urinaria; sensibilità dei testicoli; debolezza generale, contrazioni muscolari, paralisi. 15

16 Terra pesante da Hahnemann Il cloruro cristallino della terra pesante è polverizzato finemente, cotto per un paio di minuti con 6 parti di spirito di vino, per eliminare l eventuale cloruro di stronzio, la polvere rimanente è disciolta in 6 parti di acqua distillata bollente e precipitata con ammonio debole (soluzione di carbonato di ammonio in acqua). Un gran di questa terra è dapprima portato alla attenuazione milionesima in polvere, come ho insegnato nella prima parte, sulla introduzione alla preparazione dei farmaci antipsorici secchi e poi diluito e potenziato in soluzione, fino alla decilionesima (X). 16

17 Antidoti Con questo farmaco si inumidiscono un paio di granuli finissimi, che, messi in una piccola quantità di lattosio, formano una dose, il cui effetto, se il farmaco è stato scelto in maniera omeopaticamente adatta al caso di malattia, dura per più di 40, 48 giorni, producendo effetti positivi. Odorare una soluzione di canfora si rivelò come mezzo mitigante per un effetto troppo forte e odorare una soluzione di zinco altamente potenziata elimina i sintomi fastidiosi del bario. 17

18 Per la prescrizione tendenza a piangere; ansia per affari di casa; timore di fronte a persone estranee, davanti alla società; mal di testa proprio sopra gli occhi; tendenza ad avere freddo della testa; eruzione cutanea alla testa; calvizie; eruzione cutanea alle orecchie e dietro le stesse; noduli dietro le orecchie; eruzione cutanea sul lobulo; ronzio e scampanellio davanti all orecchio; pressione negli occhi; infiammazione dei bulbi oculari e delle palpebre, con fotofobia; palpebre chiuse per la suppurazione; trame e e macchie nere sospese davanti agli occhi; visione debole, egli non può leggere; gli occhi vengono abbagliati dalla luce; 18

19 ancora croste sotto il naso; eruzione cutanea del viso; singole scosse nei denti; fitte brucianti nel dente cariato, quando vi giunge qualcosa di caldo; secchezza della bocca; sete continua; rigurgito dopo il pasto; rigurgito acido; afflusso di acqua alla bocca (water-brash, wurmerbeseigen, N.d.T.); nausea prolungata; pressione allo stomaco, anche dopo il pasto; mal di stomaco, a digiuno e dopo aver mangiato; mal di stomaco, toccando la fossetta epigastrica; defecazione difficile, con feci nodose; defecazione dura e non sufficiente; 19

20 poi stimolo a urinare e minzione frequente; debolezza della capacità sessuale; leucorrea, subito prima delle regole; rinite; secchezza fastidiosa del naso; tosse notturna; pienezza del petto, con tosse notturna; muco nel torace; palpitazioni, che possono essere avvertite per sè; dolori alla schiena; rigidità della schiena; rigidità della nuca; fitte nella nuca; dolore nel muscolo deltoide, sollevando il braccio; intorpidimento del braccio, quando vi si giace sopra; intorpidimento delle dita; 20

21 infine stiramento e lacerazione nelle gambe; ulcere nei piedi; sudore dei piedi maleodorante; tumefazione linfatica dolorosa al polpastrello dell alluce; spasmi e sussulti del corpo durante il giorno; pesantezza in tutto il corpo; mancanza di forza; debolezza generale dei nervi e del corpo; facilità a raffreddarsi; verruche; furia nel sonno; di notte, sussulti dei muscoli di tutto il corpo; sudore notturno. 21

22 Diffidenza Avvilito, egli non vuole parlare Avvilimento e timidezza (Neumann, Malattie della capacità di immaginazione, pag. 345) -Timidezza (Gr.) -Diffidenza, camminando per strada, le persone trovino da ridire su di lei e la giudichino male, cosa che la rende ansiosa, tanto da non avere coraggio di guardare verso l alto; non guarda nessuno e suda dappertutto (Gr.). 22

23 Ansia 5 -Umore triste (Gr.). Triste e ansioso; gli vengono in mente tutta una serie di pensieri torbidi sul suo destino futuro e si ritiene abbandonato del tutto; la sera (35 giorno) (Ng.). -Un brutto presentimento gli si presenta alla mente d'improvviso, come se ad esempio un amico potesse essere d un tratto malato fatalmente (Gr.). -Preoccupazione per ogni piccolezza (Gr.). -Grande esitazione e preoccupazione ansiosa (Gr.). 23

24 Ansia 10 -Lei è molto ansiosa e preoccupata per cose del tutto insignificanti, che di solito le risultano indifferenti (Gr.). -Preoccupato e facile a spaventarsi; un piccolo rumore sulla strada gli sembra simile all allarme per il fuoco; tanto si spaventa del fatto, che trasalein tutti gli arti (Gr.). -La più grande indecisione; si propone di fare un piccolo viaggio, ma quando si decide a compierlo, gli dispiace e preferisce rimanere a casa (Gr.). 24

25 Indecisione -Oscilla a lungo tra decisioni contrastanti (dopo più giorni) (Gr.). -Di giorno, prende la decisione di intraprendere la sera un determinato affare; non appena però è arrivato il tempo, le dispiace e lei, a causa dell indecisione, non sa cosa deve fare o lasciare (Gr.). 15 -Ogni fiducia in se stessa è scomparsa (Gr.). 25

26 Paura Grande paura e vigliaccheria. Estremamente avvilita e pusillanime; lei crede di dover morire, e piange (7-10 giorno) (Ng.). Pusillanimità e ansia (Neumann, a.a.o.). Grande noia e umore nero (Gr.). 20 -Svogliato, di malumore (Gr.) 26

27 Ira Mancanza di voglia di giocare, nei bambini (Neumann). -Di malumore, scontroso, non ha voglia di lavorare. Scontroso e invogliato a litigare (Ng.). -Umore fortemente contrariato, irritato; salta su per le sciocchezze (molto presto) (St.). 25 -Improvvisa, eccessiva, ma momentanea esplosione di rabbia e livore, anche di collera e anche per cause di poco conto, che giunge facilmente fino alla violenza (dopo più giorni) 27

28 Attenzione e memoria Mancanza di memoria (dopo 16 ore). Grande dimenticanza; non sa più cosa ha appena detto (dopo 27 giorni) (Ng.). -Dimenticanza; si dimentica la parola che ha in bocca (Gr.). 30 -Nel mezzo del discorso non riesce a prendere coscienza di una parola di uso comune (Gr.). Mancanza di attenzione del bambino, quando studia (Neumann, a.a.o.). 28

29 Torpore Ottusitànella testa. Oscuramento in testa, la mattina, svegliandosi e per tutta la mattina (dopo 27 giorni) (Ng.). 35 Intorpidimento della testa, stando seduto; scompare all aria aperta (20 giorno) (Ng.). -Intorpidimento della testa, che si estende verso la tempia e la fronte (Ad.). Intorpidimento e pesantezza della testa, la sera, con sonnolenza; la testa tende sempre a cadere in avanti; nello stesso tempo è di malumore e stanco (dopo 46 giorni) (Ng.). 29

30 Vertigini -Capogiro, con intorpidimento e tensione nella fronte e negli occhi, soprattutto agli angoli interni (Gr.). 40 Sensazione di barcollare in testa, tanto che doveva sedersi e tenersi a qualcosa, con nausea. Vertigine, la mattina dopo essersi alzata; tutto gira attorno lei, con nausea da svenimento nello stomaco (8, 11 giorno) (Ng.). Vertigine con nausea, piegandosi. Vertigine con mal di testa, piegandosi (dopo 25 giorni). 30

31 Vertigini 45 Vertigine, rialzandosi dalla posizione piegata (Ng.). Vertigine, tanto che non sapeva dove si trovasse, camminando su un piccolo sentiero ripido (Ng.). -Vertigine, muovendo il corpo (Ad.). Vertigine, tanto che tutto sembrava girare intorno, improvvisamente, sollevando le braccia (12 giorno) (Ng.). 31

32 Cefalea premente Mal di testa, la sera, durante il quale ogni rumore, soprattutto le voci di uomini, le faceva molto male nel cervello (5 giorno). 50 -Dolore premente nella tempia sinistra (dopo alcuni giorni) (Gr.). -Dolore premente attraverso la metà sinistra del cervello, dalla nuca fino alla bozza frontale (dopo 1 ½ora) (Htn.). Pressione nel cervello al di sotto della calotta, verso l occipite, svegliandosi dal sonno, con rigiditàdella nuca. 32

33 Cefalea premente -Dolore premente sordo nell osso occipitale, dalle vertebre cervicali, dietro l orecchio, di traverso fino all osso parietale; di pomeriggio, alle 4 e il giorno seguente alla stessa ora (Htn.). -Pressione stordente, sorda nella fronte, subito sopra la radice del naso (Gr.). 55 -Pressione dolorosa nella fronte, subito sopra l occhio destro. Dolore premente frontale, verso l esterno (12 giorno). -Colpo premente schiacciante nella tempia sinistra, verso l esterno (dopo 2 ½ ore) 33

34 Cefalea premente -Dolore premente, schiacciante, verso l esterno, in tutta la fronte, soprattutto nelle cavità oculari, di molto aggravato tenendo dritta la testa; si perde piegandosi (dopo 10 ore) (Htn.). -Violenta pressione in tutta la testa, come se dovesse esplodere; violenta soprattutto in entrambe le bozze frontali, sopra le orbite oculari (dopo 4 ½ ore) (Htn.). 60 Pressione, pesantezza, dal lato destro anteriore della testa. -Sensazione di pesantezza in tutto l occipite, soprattutto vicino alla nuca, con tensione nello stesso punto, ma senza rapporto con il movimento (dopo 4 ore) (Htn.). Senso di tensione attorno la cute di tutta la fronte, come se fosse troppo stretta; dopo pranzo (Ng.). 34

35 Cefalea Tensione, con bruciore su un piccolo punto dell osso parietale sinistro (dopo 1 ora) (Ng.). Compressione dolorosa della testa da entrambi i lati, come da avvitamento in una morsa, seguita da lacerazione in un piccolo punto dell osso parietale sinistro e poi nell occipite, a sinistra (Ng.). 65 Stiramento acuto sopra l occhio sinistro, che si estende partendo dal naso verso la tempia, di sera. -Improvviso stiramento, intensamente dolente, dall occipite, sopra l orecchio destro, fino alla mascella inferiore (Gr.). 35

36 Cefalea reumatica Lacerazione nella calotta (Htb.). Lacerazione sottile su un piccolo punto dell osso parietale destro, in profondità (Ng.). Lacerazione nel lato sinistro dell occipite, migliorato piegando indietro la testa (Ng.). 70 Lacerazione con sussulti, a piccoli tratti, in profondità nel cervello, dietro l orecchio destro, che si rinnova immediatamente attraverso lo sfioramento. Dolore reumatico nell occipite, con tumefazione delle ghiandole, nella nuca (Ng.). 36

37 Fitte Fitte violente, sorde, nella bozza frontale sinistra, piegandosi per lavare (Ng.). 75 Fitte acute in tutta la testa, che aumentano e diminuiscono (3 giorno). Fitte nei lati della testa, anche dopo pranzo e di sera, quando èpiùforte nel lato sinistro (Ng.). Fitte sorde sopra la tempia destra, la mattina, sbadigliando (Ng.). Fitte sorde nel lato sinistro della testa dall occipite fino alla bozza frontale, o alternativamente, ora qua ora là(ng.). 37

38 Fitte Fitte violente nel cervello, con calore e formicolio alla testa (dopo 15 giorni) (Ng.). 80 -Piccole forti fitte nella bozza frontale destra, verso l esterno (dopo 9 ore) (Htn.). Fitte prementi sulla corona, che si estendono a tutta la testa, quanto più frequentemente lei sta al sole (Ng.). -Una fitta che si estende lontano: comincia nel lato sinistro della testa, si muove lungo tutta la parte sinistra dell occipite e termina nelle vertebre cervicali (dopo 9 ore) (Htn.). 38

39 Fitte -Fitte tiranti, che peggiorano a tratti, nel processo mastoideo, in un piccolo punto, violentemente dolenti anche in seguito, soprattutto toccando e girando la testa (Gr.). Una fitta bruciante nella tempia destra (Ng.). 39

40 Cefalea pulsante 85 Battito, con fitte nel lato sinistro della testa (dopo 7 giorni) (Ng.). Pulsazione nell occipite, irradiata fino alla bozza frontale; la sera (5 giorno) (Ng.). Pulsazione violenta nella parte anteriore della testa, in profondità nel cervello, piegandosi (dopo 30 giorni) (Ng.). 40

41 Cefalea -Mal di testa scavante nella fronte e nelle tempie (Gr.). -Mal di testa scavante nella parte superiore e anteriore, quasi quotidianamente, la mattina dopo essersi alzato, che perdura durante la mattinata e tace di pomeriggio; scuotendo la testa, il cervello le sembra allentato e staccato (Gr.). 90 Sensazione di allentamento del cervello, che, movendo la testa, sembra cadere qua e là (dopo 45 giorni) (Ng.). 41

42 Testa Piegandosi, sensazione come se tutto dovesse cadere avanti, nella fronte (dopo 16 giorni) (Ng.). Urtando col piede, scuotimento nel cervello. Molto afflusso di sangue verso la testa; è come se il sangue si fermi all interno e non riesca a scorrere (dopo 27 giorni). Ronzio in testa, come di acqua che bolle (dopo 27 giorni). 95 Calura in testa, la mattina, alzandosi e fitte, come con coltelli (dopo 17 giorni) (Ng.). 42

43 Testa La mattina, svegliandosi, dapprima pesantezza, poi, dopo essersi alzata, calore in testa, con freddo a mani e piedi. Senso di freddo al lato destro della testa, come di ghiaccio, eppure contemporaneamente, sensazione di bruciore (Ng.). -Senza sentire freddo, un brivido scorre sul cuoio capelluto, come se i capelli si drizzassero (Gr.). 43

44 Cuoio capelluto -Il cuoio capelluto fa male ogni qualvolta viene sfiorato (Rt.). 100 Dolore come se i capelli venissero tirati verso l alto, su un piccolo punto dell osso parietale destro (Ng.). I capelli cadono, quando si pettinano (dopo 4 giorni) (Rl.). -Sul cuoio capelluto, fitte lente, sottili, qua e là, che costringono a grattare (Gr.). 44

45 Cuoio capelluto Prurito e logoramento sul cuoio capelluto e sulle tempie (dopo 3 giorni). Prurito, formicoli, qua e là, sulla testa, che scompare grattando. 105 Formicolio, come di formiche, su tutto il cuoio capelluto, la sera (Ng.). Piccoli brufoli ai lati del cuoio capelluto (Ng.). 45

46 Viso Piccolo foruncolo alla fronte (Ng.). Eruzione cutanea (simile a lichen?) in alto, sulla fronte, con sensazione più bruciante che pruriginosa. Un vecchio bernoccolo, finora non doloroso, sul cuoio capelluto, diventa più grande e inizia a far male, come infiammato al di sotto della pelle, quando viene sfiorato. 110 Nel sopracciglio destro, eruzione cutanea, che procura un dolore pungente, quando è sfiorata. 46

47 Dolore agli occhi I bulbi oculari sono dolenti (Htb.). Violenti dolori nell occhio sinistro e da lì, attraverso la tempia, fino all orecchio (dopo 20 ore). -Dolore e stanchezza degli occhi, con pressione all interno (Gr.). -Pressione in profondità negli occhi, che peggiora quando ferma lo sguardo su un punto o guarda in alto o di lato, ma che migliora battendo le palpebre o guardando in basso (dopo molti giorni) (Gr.). 47

48 Pressione agli occhi 115 -Pressione costante nei bulbi oculari (Gr.). -Pressione sorda nell occhio sinistro, dopo mal di testa sussultante nella tempia e nella cavità oculare sinistra, con sensazione come se l occhio volesse lacrimare e una sorta di debolezza, che la costringe a chiuderlo spesso; infine, la stessa cosa succede nell occhio destro. Pressione nell angolo oculare esterno, come se all interno vi fosse un granello di sabbia (Ng.). 48

49 Dolore agli occhi Pressione in entrambi gli occhi, con prurito, come di polvere (Ng.). Lacerazione negli occhi (Htb.). 120 Lacerazione sussultante nella palpebra destra superiore (Ng.). Fitte spasmodiche nell angolo oculare esterno (Ng.). Una fitta attraverso la palpebra sinistra superiore (Ng.). 49

50 Prurito e bruciore Prurito al margine della palpebra superiore (Ng.). Prurito negli occhi. 125 Prurito, bruciore, pressione, sensazione di ferita e secchezza nell occhio. Calore secco e pressione negli occhi (Htb.). Bruciore degli occhi, sforzandosi nel guardare (Ng.). Bruciore degli occhi, negli angoli interni e forte lacrimazione degli stessi (Ng.). 50

51 Occhi 130 Arrossamento infiammatorio interno delle palpebre. Arrossamento nel bianco dell occhio e un piccolo brufolo, vicino alla cornea (Htb.). Congiuntiva arrossata e lacrimazione degli occhi. Gonfiore delle palpebre, la mattina. Gli occhi la mattina sono gonfi. 51

52 Occhi 135 Pus esternamente nelle palpebre, soprattutto la mattina. Agglutinazione degli occhi, negli angoli esterni, di notte (Ng.). Gli occhi sono chiusi, per la suppurazione. Apertura difficile delle palpebre, la mattina. Chiusura degli occhi, la sera, nella penombra. 52

53 Occhi 140 -Rapida alternanza di dilatazione e contrazione delle pupille, durante la quale le stesse non sono completamente rotonde, ma appaiono con alcuni angoli ottusi (dopo 5 minuti) (Gr.). -Ogni cosa, per molti minuti, le sembra avvolto nella nebbia, quando, con un dolore premente nei bulbi oculari, chiude gli occhi e preme leggermente, con la mano, sui bulbi oculari (Gr.). Come un panno davanti gli occhi, la mattina e dopo i pasti. 53

54 Occhi Oscuramento frequente degli occhi. Macchie nere davanti agli occhi (dopo 24 ore). 145 La luce della candela ha un alone con i colori dell arcobaleno. Scintillio davanti agli occhi, nell oscurità. Scintille di fuoco davanti agli occhi e lacerazione all interno (Htb.). 54

55 Orecchio Dolore tirante nelle orecchie, una sorta di costrizione auricolare. Lacerazione dell orecchio sinistro, verso l'esterno (Ng.). 150 Lacerazione, scavare e tirante, nell osso, davanti all orecchio destro (Ng.). Lacerazione dietro l orecchio destro (Ng.). Fitte profonde nell orecchio sinistro (Ng.). Fitte violente nell orecchio, continue, per 2 giorni (dopo 28 giorni). 55

56 Orecchio -Fitte violente, tanto che deve gridare, più volte durante il giorno, sotto l orecchio destro, accanto al ramo della mascella inferiore (dopo 24 ore) (Gr.). 155Dolore nell orecchio destro, così violento, che lei vorrebbe gridare (Ng.). Pulsazione, come il polso, nell orecchio (sinistro), sul quale giaceva di notte (Ng.). Pulsazione e forte pressione, dopo mezzanotte, in profondità nell orecchio destro, sul quale lui giaceva e, girandosi sul lato sinistro, nell orecchio sinistro. 56

57 Orecchio Prurito nelle orecchie (dopo 24 giorni). 160 Forte prurito nell orecchio sinistro (Ng.). Formicolio e tremore nell orecchio sinistro (Ng.). Dolore formicolante nell osso, davanti all orecchio destro (Ng.). Eruzione cutanea alle orecchie. 57

58 Orecchio La ghiandola (parotide, N.d.T.) sotto l orecchio destro è tumefatta e fa male quando viene sfiorata. 165Scroscio nell orecchio, camminando a passo sostenuto, deglutendo, starnutendo, etc. Un suono schioccante in un orecchio, deglutendo, come se venisse rotto. Suono schioccante in entrambe le orecchie, deglutendo. Non poteva sdraiarsi sull orecchio sinistro, altrimenti gorgogliava all interno fino al destro, cosa che gli impediva il sonno (dopo 11 giorni). 58

59 Orecchio 170Rumore stordente nelle orecchie (dopo 2 giorni). Forte scampanellio nelle orecchie, che dura a lungo. Rumoree ronzio davanti alle orecchie (dopo 28 giorni). Violento rumore nelle orecchie, la sera, come suono di campane e vento di tempesta. Risuono nelle orecchie, anche inspirando, come una cassa armonica (dopo 2 giorni). Sensazione di sordità(rl.). Durezza di udito (i primi giorni). 59

60 Epistassi Sangue del naso, piùvolte durante il giorno (dopo 24 ore). Frequente sanguinamento dal naso. Frequente e forte sanguinamento dal naso (dopo 24 ore). 185Sanguinamento dal naso, la mattina, nel letto, di sangue rosso chiaro (Ng.). Soffiando il naso, ogni volta, giunge insieme un getto di sangue (Ng.). Il naso sanguina facilmente, soffiandolo e pulendolo. L odorato èmolto sensibile (Htb.). 60

61 Viso Fitte acute nel volto (Ng.) Fitte dolorose nel volto (Rl.). Tremore nel lato sinistro del viso (Ng.). Camminare o strisciare nella guancia sinistra (1 giorno) (Ng.). Senso di tensione in tutta la cute del volto (Ng.). -Tensione nel viso, che gli tira verso il basso le palpebre, con tendenza all espulsione di saliva (Gr.). 61

62 Viso 195 -Senso di tensione in tutto il viso, con disgusto ed evacuazione diarroica (dopo 1 ½ ora) (Htb.). -Sensazione come se tutta la cute del viso fosse ricoperta da ragnatele. -Sensazione estremamente sgradevole su tutta la pelle del viso, fin sopra il cuoio capelluto e, soprattutto, nella regione delle tempie, come se qualcosa fosse steso sopra, fissato, con sensazione di freddo al volto (molto presto) (St.). Sensazione di gonfiore nel viso (Ng.). 62

63 Viso -Sensazione, come se tutto il viso fosse gonfio, cosa che però si verificava in maniera insignificante, anche se le rughe del volto, di solito profonde, erano quasi del tutto scomparse e il viso sembrava liscio, per alcune ore opo ½ ora) (St.). 200 Gonfiore della guancia sinistra e della regione dietro l orecchio, con dolore nella tempia (dopo 30 giorni). 63

64 Viso -Sensazione di calore nel volto, senza rossore dello stesso (Htb.). Calore e arrossamento, spesso, di una guancia, con freddo dell altra. Arrossamento del volto, la sera (dopo 12 giorni) (Ng.). Forte arrossamento del volto, con labbra rossoporpora e forte ebollizione del sangue (immediatamente). 64

65 Labbra Le labbra, la mattina, dopo essersi alzati, sono secche (Ng.). Sensazione di secchezza alle labbra e alle gengive, contro cui non serve bere (Htb.). Bruciore su un piccolo punto, nella parte rossa del labbro inferiore (dura 17 giorni) (Ng.). 210Sensazione di gonfiore nel labbro superiore. -Sensazione nel labbro superiore, come se dovesse gonfiarsi, insieme a una sensazione come di bruciato o di turgore, nella superficie interna e nel palato (St.). 65

66 Labbra Gonfiore del labbro superiore, con dolore bruciante (Ng.). Labbro inferiore screpolato (Htb.). Screpolatura bruciante nel labbro inferiore (Ng.). 215Un gruppo di piccoli brufoli pruriginosi, con fondo rosso, sotto l angolo sinistro della bocca (Ng.). Una vescica sul labbro inferiore (Ng.). -Bruciore largo sul labbro superiore, sotto la pelle, molto doloroso quando viene sfiorato (Ad.). 66

67 Mascellari Sotto al mento, pressione, aumentato da sfiorare e muovere la mascella inferiore (Ng.). 220Lui non può chiudere la mascella inferiore senza grande dolore nell articolazione della mandibola. Una lacerazione nella mandibola (Ng.). Una fitta al centro della mandibola (Ng.). Rodimento doloroso nella mandibola sinistra (Ng.). Le ghiandole, nella mandibola, sono doloranti. 225Gonfiore delle ghiandole mandibolari (dopo 39 giorni). 67

68 Denti Mal di denti, la sera nel letto, non di giorno (dopo 8 giorni). Dolore tensivo e lancinante in tutta l arcata destra dei denti. Dolore minaccioso in un molare (Ng.). Lacerazione nei molari (Ng.). 230Rodimento doloroso nelle radici e nelle gengive dei molari (Ng.). Logoramento nei denti, come se esplodessero, quando entra qualcosa di freddo o di caldo in bocca. 68

69 Denti Dolori tiranti ai denti, sussultanti, battenti, come se qualcosa, che si trovasse sotto, tirasse fin all orecchio e alla tempia destra. Dolore pulsante, con grande sensibilità in un molare inferiore, la mattina dopo essersi alzato (Ng.). Dolore bruciante, ora in un dente superiore, ora in uno inferiore, del lato sinistro, con afflusso di molta saliva in bocca; non può rimanere sdraiato su questo lato perchéil lato della testa gli sembra come compresso e batte nell orecchio sinistro. 69

70 Denti 235 Bruciore formicolante nell arcata dentaria inferiore sinistra (dopo 36 giorni) (Ng.). Formicolio dolente nella corona dei denti, la sera (dopo 6 giorni) (Ng.). Mal di denti, come una ferita; lei non poteva sfiorare il dente. Un dente sano inizia a dondolare e fa male durante il pasto e per qualche tempo dopo. (Un dente si caria rapidamente). 70

71 Gengive 240 Forte sanguinamento dei denti, frequentemente. La gengiva sanguina e sembra ritirarsi dai denti. -Gonfiore e dolore nella gengiva di un molare destro della mascella superiore; sembra solo arrossato e in alto, accanto al dente, ha un sottile bordo rosso scuro; bevendo qualcosa di freddo, il dente fa male e i denti vicini sono sensibili (Gr.). 71

72 Bocca La cavità della bocca, al mattino, è come intorpidita (3 e 4 giorno) (Ng.). Tutta la bocca si riempie di vescicole infiammate, soprattutto nel palato e nella parte interna delle guance. 72

73 Lingua 245 Sulla lingua, la mattina, al risveglio, rugosità; se con questa arriva al palato, allora è come una lima (31 giorno) (Ng.). Durezza di una zona, nel mezzo della lingua, con bruciore quando la si sfiora, per più giorni (dopo 18 giorni) (Ng.). Screpolature, dal dolore bruciante, sulla punta della lingua (4 giorno) (Ng.). Una screpolatura, come lacerazione, nell angolo sinistro della lingua, che duole come una ferita. Dolore sul lato della lingua, come da vescicole. 73

74 Lingua 250 Vescicole appuntite al centro della lingua. Vescicole brucianti sulla punta della lingua, di lunga durata (dopo 6 giorni) (Ng.). Una vescicola sotto la lingua (Ng.). Lingua ricoperta di induito ispessito (Ng.). Secchezza della lingua, la mattina, con sensazione di gonfiore interno della gola, deglutendo. 74

75 Gola Raschiamento e ruvidezza in gola, più violenti dopo aver deglutito (2 giorno) (Ng.). Ruvidezza ed escoriazione in gola, dopo aver sudato la notte precedente, più dolorose deglutendo a vuoto, che deglutendo cibi soffici (dopo 48 ore). Mal di gola da escoriazione deglutendo, ma per lo più deglutendo a vuoto; contemporaneamente, il collo fa male esternamente, su entrambi i lati,quando viene toccato. 75

76 Gola 265 Mal di gola lancinante, deglutendo a vuoto e deglutendo cibi. Lancinazionein gola (dopo 14 giorni) (Ng.). Lancinazione in gola, con secchezza, più violenta deglutendo; la sera (6 giorno) (Ng.). Secchezza e forte lancinazione dolorosa, con pressione, come da gonfiore, dietro il lato sinistro del collo, solo deglutendo (4 giorno) (Ng.). Mal di gola premente, deglutendo. 76

77 Gola e tiroide 270 Soffocamento o compressione in gola, con interruzione del respiro, tanto che deve aprire i vestiti; durante il pranzo (26 giorno) (Ng.). Crisi di soffocamento in gola, dopo pranzo, stando seduto e scrivendo, con sensazione, come se la tiroide venisse premuta verso l interno; per questo, la respirazione è impedita (dopo 28 giorni). Contrazione in gola, con sensazione, deglutendo, come se un nodo fosse fermo nella zona del laringe; maggiormente di pomeriggio (Ng.). 77

78 Gola Sensazione nel laringe, come se una fogliolina sottile si trovasse davanti alle narici posteriori del naso, la mattina, al risveglio (2 giorno) (Ng.). Starnutendo, una sensazione nelle fauci, come se nella parte superiore della gola si fosse staccato un pezzo di carne, con bruciore della parte (4 giorno) (Ng.). 275 Sensazione come di molto muco nella gola e, quindi, stimolo forte a bere, per liberarsi dalla sensazione. Sensazione nelle fauci, dopo un pregresso raschiamento all interno, come se vi fosse un tappo nel faringe o vi si fosse fermato un boccone. 78

79 Gola Sensazione di gonfiore nella gola, la mattina, deglutendo, con secchezza della lingua. Gonfiore della tonsilla sinistra. Dopo freddo e calore, insieme a un senso di contusione di tutti gli arti, infiammazione della gola con forte gonfiore del palato e delle tonsille, che vanno in suppurazione; a causa di ciò, egli non riesce ad aprire la mandibola né parlare o deglutire; contemporaneamente, urina di colore marrone scuro e insonnia (dopo 18 giorni). 79

80 Gusto 280 Gusto perso del tutto per più giorni (Ng.). Gusto alterato in bocca, tutte le mattine, con lingua fortemente ricoperta. Gusto e odore alterati, amaro in bocca. 80

81 Sapore Lieve sensazione amara in bocca, con lingua ricoperta (6 giorno). Sapore acido in bocca, prima di mangiare, non dopo. Sapore acido in bocca, la mattina, dopo che si è alzato (48 giorno). Sapore dolce, dietro alla radice della lingua (dopo 19 giorni). Sapore salato in bocca e nella gola, di pomeriggio Sapore graffiante in gola, fumando (come d'abitudine) il tabacco (dopo ¾ ora) (Htn.). Insopportabile odore fetido dalla bocca, che lui stesso non sentiva (5 giorno) (Ng.). 81

82 Sete e appetito Sete, con secchezza in bocca (Ng.). Mancanza di appetito (Htb.). Appetito scarso, per piùgiorni (Ng.). 295 Mancanza di appetito, per 3 settimane (dopo 26 giorni). -Appetito scarso, anche se piace il sapore dei cibi; niente fame (Gr.). -Sazietà per tutto il giorno; ciò che assume, lo gusta senza fame (Gr.). 82

83 Appetito Fame già la mattina quando si alza (2 giorno) (Ng). Insaziabilità. 305 (Voglia di spiluccare). -Buon appetito, tutti i giorni, ma presto di nuovo fame, se lui si sazia solo con moderazione; nel caso in cui sia davvero sazio, sente una forte indisposizione e indolenza (Gr.). 83

84 Dopo il pasto -Dopo i pasti è prostrato, stanco, indisposto, con costante tenesmo e sensazione di ansia nella regione lombare, come a riposo (Gr.). 310 Dopo il pranzo ha molto caldo e si sente indisposto; sente anche una pressione nel lato destro sopra lo stomaco. Dopo il pranzo forte indolenza e nessuna voglia di lavorare (Htb.). Dopo i pasti ha come un velo davanti gli occhi. Dopo i pasti, forte stimolo a urinare. Dopo il pranzo, eruttazione incompleta, con conseguente dolore spasmodico, che contrae lo stomaco (7 giorno) (Ng.). 84

85 Eruttazioni 315 -Risale aria, con sensazione nella regione dello stomaco, come se questa si sforzasse di passarvi attraverso, per cui si forma dolore da ferita, finché in seguito si ha un rigurgito privo di sapore (Gr.). Eruttazione, dal pomeriggio a notte fonda, tanto da non riuscire ad addormentarsi (dopo 40 giorni). 320 Molte eruttazioni a vuoto, di pomeriggio (dopo 25 giorni). Eruttazione violenta, con pressione allo stomaco, come se una pietra risalisse insieme e cadesse giù di nuovo (Ng.). 325 Frequente eruttazione amarognola (Ng.). Eruttazione acidula, quotidianamente, poche ore dopo il pasto. 85

86 Nausea e vomito Nausea, la mattina a digiuno, con palpitazioni e ansia. Nausea come per stomaco alterato, la mattina (Ng.). -Sensazione di nausea attorno allo stomaco, disgusto Inclinazione al vomito; un malessere, con una sorta di disgusto (Gr.). -Inclinazione al vomito nello stomaco, camminando, rafforzato palpando la regione dello stomaco, senza afflusso di saliva (Ad.). Vomito di muco, di frequente. 86

87 Stomaco Dolori allo stomaco (Rl.). Sensibilità della fossetta epigastrica; poggiando forte il piede prova dolore nella stessa a ogni passo (Gr.). 340 Pienezza nello stomaco, dopo aver mangiato, come se avesse mangiato troppo (Htb.). Sensazione di eccessiva sazietà nello stomaco (Ng.). -Pesantezza nello stomaco, con nausea, la mattina, a digiuno; scompare dopo colazione (dopo più giorni) (Gr.). 87

88 Stomaco -Pesantezza nella fossetta epigastrica, come un peso, che rende difficile la respirazione; si alleggerisce respirando profondamente, ma peggiora trasportando un piccolo peso (Gr.). -Quando mangia anche poco, è subito sazia e sente una pesantezza dolorosa nello stomaco, come di una pietra, con dolore erosivo; il dolore migliora solo per breve tempo, stirandosi o piegandosi indietro; peggiora di molto stando seduti piegati (Gr.). 88

89 Stomaco 345 Pressione nello stomaco, come di una pietra, migliorata dalla eruttazione (Ng.). Forte pressione nello stomaco, con nausea dopo aver mangiato pane, non dopo cibi cotti; anche se mangia poco, con afflusso della saliva in bocca. Pressione e soffocamento nella parte destra dello stomaco, verso l'alto, fino al petto, come se un corpo duro fosse spinto avanti a fatica, dalla mattina fino al pomeriggio (Ng.). -Pressione nella fossetta epigastrica, con dispnea e sensazione di arresto del respiro, durante la respirazione profonda; contemporaneamente, voce rauca, che si perde per poco tempo schiarendo frequentemente la gola e peggioramento del dolore premente, assumendo una esigua quantitàdi cibo (Gr.). 89

90 Ulcera gastrica 350 Dolore da ulcerazione nello stomaco, premendovi sopra dall esterno. -Dolore da ferita nella fossetta epigastrica, premendovi sopra dall esterno e prendendo fiato (1 giorno) (Gr.). -Sensazione di dolore torcente nello stomaco, quando, durante il pasto, vi giunge dentro il boccone, come se lo stesso dovesse spingersi a fatica e colpisse parti ferite (Gr.). -La sensazione di ferita premente ed erosiva nello stomaco è più violenta stando in piedi e camminando e anche stando seduta piegata; in posizione supina, piegandosi in avanti o premendo con le mani sullo stomaco, sente solo una pressione dolorosa, ma non l'erosione (Gr.). 90

91 Fegato Dolore premente nella regione del fegato, che aumenta durante il movimento ed è più violento quando viene toccato Dolore premente su un piccolo punto, nella regione dell ipocondrio destro, solo inspirando, per lo più respirando profondamente; la parte è dolente anche premendovi sopra (2 giorno) (Htb.). Dolore tirante, dalla schiena in avanti, sotto le costole di destra, alzandosi da una posizione seduta e piegandosi in basso (per raccogliere qualcosa). Fitte brevi sotto gli ipocondri destri, senza rapporto con la respirazione (dopo ½ora) 91

92 Meteorismo Pienezza del basso ventre (dopo 19 giorni) (Ng.). Gonfiore del basso ventre. Gonfiore doloroso del basso ventre. 375 Sensazione nel basso ventre, come se all interno si fosse gonfiato qualcosa. Ventre duro, teso. Tensione del basso ventre con sensibilità della cute addominale, toccando (Ng.). 92

93 Spasmi 380 Contrazione su una zona, grande quanto una mano, nella parte sinistra dell epigastrio (2 giorno) (Ng.). -Improvviso dolore da contrazione nell epigastrio, sopra l'inguine, che peggiora a tratti e poi scompare di nuovo (dopo 5 minuti) (Gr.). -Improvviso dolore irrigidente, violento, nella regione del colon trasverso, come se vi aria con violenza (Ad.). Morsa nell'addome, con nausea. 93

94 Colica Colica tagliente, di notte. Dolore tagliente nell'addome, soprattutto attorno l ombelico, di sera (15 giorno) (Ng.). 390 Dolore tagliente nell'ipogastrio, di notte, con pressione sul retto, un dolore tirante verso l esterno negli intestini e pienezza sopra le ossa pubiche, come se tutto fosse occluso e l'addome, giacendo in posizione supina, dovesse esplodere; seguito da feci dapprima nodose, poi liquide, con forte stimolo e miglioramento dei dolori addominali; poi, bruciore nell ano (2 giorno) (Ng.). 94

95 Tenesmo -Violenta colica, come se dovesse formarsi diarrea, che muove qua e là, per tutto l'addome e, solo momentaneamente, è migliorata con un gorgoglio sonoro nel ventre (Ad.). -Sensazione nell'addome, come se dovesse sopraggiungere diarrea, con brividi di freddo (Gr.). -Sensazione ansiosa, con malessere e irrequietezza nella regione lombare, come tenesmo; solo momentaneamente viene eliminata con fuoriuscita di flatulenze o rigurgito di aria; alla fine segue evacuazione di feci morbide, a brevi intervalli (Gr.). 95

96 Fitte addominali Una fitta nel lato destro dell'addome e, contemporaneamente, nella schiena (2 giorno) (Ng.). Fitte improvvise sotto l ombelico (4 giorno) (Ng.). Fitte nel lato destro dell'addome, singhiozzando, girando il corpo, sbadigliando e respirando profondamente; non camminando. -Fitte acute improvvise nel lato destro dell'addome, tanto da farla gridare (Gr.). 400-Improvvisamente, una fitta violenta dal fianco destro che entra nel ventre, tanto da farla trasalire (Gr.). 96

97 Meteorismo A causa di flatulenze, molto malessere nell'addome, per cui fuoriescono i noduli venosi dell ano, che fanno male in posizione seduta. -Borbottio e gorgoglio addominali (Ad.). -Forte borbottio e gorgoglio nel ventre (Gr.). -Gorgoglio nel ventre, muovendolo, come a causa di molto liquido, anche se lei non ha bevuto nulla, di pomeriggio (Gr.). 410 Emissione di flatulenze fetide (Ng.). 97

98 Tenesmo -Frequente stimolo ad evacuare con dolore nella regione lombare e scorrimento del gelo sulla testa e nelle gambe, come nel caso di dissenteria; poi feci morbide a brevi intervalli, con dolori costanti nei lombi e ripetuto tenesmo (Gr.) Urgenza all'evacuazione, con dolore violento nell'addome, come se gli intestini si dilatassero; poi feci morbide, con conseguente tenesmo ripetuto (dopo 1 ora) (Htb.). 98

99 Diarrea Feci morbide, con impellenza molto urgente (dopo che le feci si erano già presentate dure) e conseguente bruciore e dilatazione nel retto (dopo 1 e 2 giorni) (Ng.). -Feci morbide, granulose, senza nessun malessere (Gr.). -Feci morbide e, alla fine, diarroiche (Ad.). Feci diarroiche (1 e 30 giorno) (Ng.). 420 Feci diarroiche, miste a sangue, in un bambino. 99

100 Ascaridi Espulsione di ascaridi. Espulsione di un ascaride, con la defecazione (Ng.). 100

101 Varici 430 Dopo l'evacuazione, varici umide. Nell ano, varici grandi come nocciole, con dolori da screpolatura e fitte. Emissione di sangue dall ano, frequentemente, con gonfiore dell'addome. Formicolio nell ano. Sensazione mordente nell ano. 435 Bruciore nell ano (Rl.). Dolore, come da ferita e bruciore attorno all ano, verso sera (Rl.). 101

102 Minzione imperiosa Stimolo ad urinare precipitoso; lei non riesce a trattenere l urina; la sorprende troppo bruscamente. 440Minzione frequente, a giorni alterni (dopo 29 ore) (Ng.). Urina aumentata; lei deve alzarsi ogni notte due volte, per urinare e ogni volta fuoriesce una grande quantità (dopo 19 giorni) (Ng.). -Aumentata emissione di urina (Ad.). -Urinare frequente e abbondante, la mattina a digiuno, senza che lui abbia bevuto qualcosa (Gr.). -Lui deve emettere spesso urina chiara come l acqua, eppure una scarsa quantitàogni volta (Stf.). 102

103 Genitale 450 Bruciore nel testicolo sinistro (dopo 13 giorni). Violento prurito nel lato destro dello scroto, tanto che non riesce a grattare abbastanza (Ng.). -Profusa sudorazione dello scroto (Ad.). -Una zona arrossata, priva di pelle, umida, calda in maniera bruciante, tra lo scroto e la coscia (Ad.). Un testicolo, tumefatto in precedenza, si gonfia di nuovo in maniera molto violenta (Ad.). 455 Intorpidimento degli organi genitali, per alcuni minuti (dopo 28 giorni). 103

104 Libido L istinto sessuale tace (i primi giorni). -Istinto sessuale ridotto (Ad.). Istinto sessuale molto aumentato (nell effetto consecutivo) (Rl.). Si addormenta durante il coito, senza emissione di seme (dopo 21 giorni). 460 Erezione lenta (dopo 9, 14 giorni). 104

105 Libido Erezione la mattina, prima di alzarsi, cosa che prima era rara (dopo 17 giorni) (Ng.). Erezioni tutte le notti (dopo 30 giorni) (effetto consecutivo?). La sera, erezioni improvvise, così forti, come non era da un anno, con brividi e tale violenza, che il coito diventava una necessità (dopo 10 ore). Polluzione in un uomo di una certa età e conseguente sensazione di secchezza per tutto il corpo (dopo 10 giorni). 105

106 Libido 465 Molte polluzioni in rapida successione, una dietro l altra (in un uomo sposato), con rilassamento successivo (dopo 35 giorni). Profuse polluzioni notturne, dopo un coito effettuato da poco (dopo 4 giorni). In una donna, istinto sessuale aumentato perdurante (effetto di guarigione). Tendenza aumentata al coito nella donna, con eccitazione e perseveranza maggiori (effetto di guarigione). 106

107 Genitale femminile Mestruazioni estremamente deboli. 470 La mestruazione fuoriesce molto lentamente e solo per un giorno, mentre di solito dura 2 fino a 3 giorni. -La mestruazione è un poco più copiosa e dura più a lungo del solito, e questa volta fuoriesce senza tutti i dolori soliti (effetto di guarigione?) (Gr.). La mestruazione comincia 2 giorni prima (Ng.). La mestruazione comincia prima e fuoriesce molto copiosa. 107

108 Genitale femminile Durante la mestruazione, una pressione, come un peso, sopra le ossa del pube, in ogni posizione (Ng.). 475 Durante la mestruazione, dolore tagliente e pinzettante nell'addome (Ng.). Durante le regole, dolore contusivo alla schiena (Ng.). Fuoriuscita di muco sanguinolento dalla vagina, con palpitazioni ansiose, irrequietezza nell'addome, dolori nella schiena e debolezza fino allo svenimento. Lacerazione dolente, sussultante, nei genitali, tanto che lei vorrebbe gridare, la sera (4 giorno) (Ng.). 108

109 Ostruzione nasale Starnuti, così violenti, che il cervello ne viene scosso, rimanendo una sensazione di capogiro (1 giorno) (Ng.). 480 Starnuti frequenti, in rapida successione, la sera (Htb.). Naso ostruito. Secchezza fastidiosa del naso (Rl.). Raffreddore tenace, con senso di ostruzione nel naso (dopo 15 giorni) (Ng.). 109

110 Rinite 485 Raffreddore colante, che sopraggiunge velocemente e scompare presto (Htb.). Raffreddore colante, con voce rauca, profonda e tosse secca, la mattina e durante il giorno, ma non la notte. Fuoriuscita frequente di muco dal naso (Ng.). Frequente stimolo a soffiare il naso, con secrezione di muco denso, cui segue, tutte le volte, un senso di secchezza (dopo 8 giorni) (Ng.). Fuoriuscita di muco denso, giallo, dal naso (Htb.). 110

111 Raucedine Raucedine, per 14 giorni. Raucedine o, piuttosto, afonia, per alcune settimane Voce roca, a causa di muco denso, che gli occupa quasi sempre il laringe e il faringe, per più giorni; schiarendo la gola ne fuoriesce solo una piccola quantità, con ciò riuscendo a rendere il suono piùpuro solo per breve tempo (Gr.). Raucedine in gola e, per questo, alcuni colpi di tosse (dopo 1 ora) (Ng.). 111

112 Tosse Solletichio in gola, che stimola a tossicchiare frequentemente (Ng.). Tosse, eccitata dal continuo parlare (dopo 35 giorni) (Ng.). Tosse, dopo mezzanotte (Ng.). 500Tosse secca, la mattina dopo essersi alzati, con sensazione conseguente, come se un corpo duro cadesse giùnel petto (dopo 20 giorni) (Ng.). Tosse secca, per 3 giorni, causata da un solletichio nella trachea e nella regione cardiaca; smette solo di notte e un poco dopo il pranzo (Ng.). 112

113 Tosse Tosse violenta, secca, di sera, con conseguente debolezza in testa (Ng.). Tosse soffocante. 505Tosse con secrezione di muco (Htb.). Tosse, provocata da una irritazione incessante, con secrezione mucosa (Ng.). Una tosse sciolta, con secrezione salata, simile all amido, che dura da 4 giorni, scompare (effetto di guarigione) (Ng.). 113

114 Paralisi respiratoria Arresto della respirazione, durante e al di fuori della tosse (9 giorno) (Ng.). 510 Pienezza nel petto, con fiato corto, soprattutto camminando verso l alto e con fitte nel petto, specialmente durante l inspirazione (Ng.). Pienezza nel petto e dolore, come contusione, sul lato sinistro (Ng.). 114

115 Dolore toracico Dolori al petto (Htb.). I dolori nel petto sono migliorati, in parte attraverso il rigurgito, in parte con impacchi caldi (Ng.). Pressione e solletichio nel petto, con tosse secca, scompaiono (effetto di guarigione) (Ng.) Pesantezza opprimente di traverso sul petto, che aumenta inspirando e poi causa dolore pungente sotto il margine superiore dello sterno (dopo ½ ora) (Htn.). 115

116 Dolore toracico Fitte nella parte sinistra del torace (dopo 4 ore). Piccole fitte nel lato sinistro del petto, durante ogni movimento respiratorio (dopo 19 giorni) (Ng.). Una fitta violenta nel lato sinistro del petto, sollevando un peso con entrambe le mani (dopo 20 giorni) (Ng.). Improvvisamente, fitte e bruciore, in profondità, nel lato sinistro del petto, tanto da trasalire, la sera (4 giorno) (Ng.). 116

117 Dolore toracico 520 Fitte fugaci nel lato destro del torace, da gridare, la sera (2 giorno) (Ng.). -Fitte sorde nel lato destro del torace, tra la sesta e la settima costola (Htn.). Fitte non acuminate sotto lo sterno, in profondità nel petto, con conseguente dolore frantumante della parte (1 giorno) (Ng.). Fitte, dal petto verso le spalle (Htb.). Dolore, come da ferita nel petto e, su questo, anche esternamente (Ng.). 117

118 Palpitazioni Battito, con dolore lancinante nel lato sinistro del petto, che, partendo dalla fossetta epigastrica, sale verso l alto (Ng.). Forti battiti cardiaci, a volte (nei primi 14 giorni). Sensazione di forte battito cardiaco, anteriormente, nel petto (Ng.). Palpitazioni, stando sdraiati sul lato sinistro. 530 Palpitazioni che si ripresentano quando vi pensa; poiché allora diventa ansiosa; di più verso mezzogiorno. 118

119 Colonna Mal di schiena (dopo 12 giorni). 535 Pesantezza nella schiena e nei lombi, come da infreddatura. Tensione dolorosa nella schiena, come se un corpo pesante tirasse verso il basso (6 giorno) (Ng.). Dolore tensivo nella schiena, peggiore la sera, tanto che non riusciva ad alzarsi dalla posizione seduta e non poteva piegarsi indietro. Fitte nella schiena, più forti in posizione seduta che durante il movimento (dopo 11 giorni). 119

120 Colonna Una fitta violenta nella regione della schiena (Ng.) Battito minaccioso nella parte bassa della schiena (Gr.). Mal di schiena, come se fosse stata coricata su qualcosa di troppo duro. Forte dolore nella parte laterale della schiena, coricandosi. Debolezza e rigidità nella colonna vertebrale; si sente accasciare, rimanendo in posizione seduta. 120

121 Scapole 545 Dolore da slogatura nella scapola sinistra. -Dolore crampoide improvviso, nella scapola sinistra (dopo ½ ora) (Htb.). Fitte sorde, attraverso la scapola sinistra, che si muovono in avanti verso il petto (3 giorno) (Ng.). -Fitta fugace sulla scapola sinistra e nel lato esterno della coscia destra (Htb.). Fitta bruciante nel margine esterno della scapola destra (2 giorno) (Ng.). 550 Bruciore alla parte superiore della scapola destra. 121

122 Lombalgia Bruciore ai lombi, che si muove di traverso sul ventre. Bruciore su un piccolo punto nel lato sinistro delle vertebre lombari e, contemporaneamente, nella parte inferiore della scapola sinistra, più forte quando si alza dalla posizione seduta; migliora camminando; anche di notte, così che può rimanere sdraiato solo su un fianco (17, 19 giorno) (Ng.). 122

123 Particolare Battito nella schiena, una forte pulsazione, per lo più a riposo e soprattutto dopo i cambiamenti dell umore (i primi 3 giorni). Battito, alternato a lacerazione, ora sulla spalla sinistra, ora tra le scapole; anche di notte (dopo 19 giorni) (Ng.) 123

Ammonium muriaticum. Indicazioni citate da Hahnemann nella prefazione (seguite dai corrispondenti effetti sperimentali)

Ammonium muriaticum. Indicazioni citate da Hahnemann nella prefazione (seguite dai corrispondenti effetti sperimentali) Ammonium muriaticum Indicazioni citate da Hahnemann nella prefazione (seguite dai corrispondenti effetti sperimentali) Umore piagnucoloso, nero, indifferente; 2 Angosciato e di animo cupo, come se cruccio

Dettagli

Alumina ansia vertigine eruttazione nausea frequente prurito all ano leucorrea dolori alla cervicale pesantezza nel braccio

Alumina ansia vertigine eruttazione nausea frequente prurito all ano leucorrea dolori alla cervicale pesantezza nel braccio Alumina Secondo Bute, bryonia dovrebbe dimostrarsi un antidoto agli effetti febbrili troppo forti della terra di allume. Altri danno camomilla e ipecacuana come antidoto. La terra di argilla si è dimostrata

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167 Stimola la riparazione dei tessuti Magnetoterapia BF 167 Illustrazioni esplicative per famiglie che intendono utilizzare trattamenti con Magnetoterapia BF 167: Illustrazione Descrizione Diffusori Frequenza

Dettagli

ALUMINA. Terra di argilla

ALUMINA. Terra di argilla ALUMINA Terra di argilla La terra di argilla si è dimostrata un importante antipsorico,, utile soprattutto ansia (vedi da 13 a 22) vertigine (vedi da 61 a 75) eruttazione (vedi da 437 a 448) nausea frequente

Dettagli

Dispnea, tosse secca incessante con sensazione di pizzicore e costrizione laringea,

Dispnea, tosse secca incessante con sensazione di pizzicore e costrizione laringea, Materia medica comparata delle sindromi respiratorie I.R.M.S.O. dott Alviani ISTITUTO DI RICERCA MEDICO SCIENTIFICA OMEOPATICA ACONITUM Dispnea, tosse secca incessante con sensazione di pizzicore e costrizione

Dettagli

INSURANCE TEAM di Farina & C. S.a.s.

INSURANCE TEAM di Farina & C. S.a.s. CONGELAMENTO E una lesione locale da freddo che interessa una o più parti del corpo, generalmente le estremità: mani, piedi, naso, orecchie. - Diminuito apporto di sangue nei tessuti interessati (colore

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Patologie da caldo. Collasso da calore o sincope da caldo. Colpo di calore. Ustione. Colpo di sole

Patologie da caldo. Collasso da calore o sincope da caldo. Colpo di calore. Ustione. Colpo di sole Patologie da caldo Patologie da caldo Collasso da calore o sincope da caldo Colpo di calore Ustione Colpo di sole permanenza prolungata e attività fisica in ambiente caldo, perdita elevata di acqua e sali

Dettagli

SINTOMI DI PSORA, ORDINATI CON NUMERAZIONE, RIGUARDANTI AGARICUS MUSCARIUS

SINTOMI DI PSORA, ORDINATI CON NUMERAZIONE, RIGUARDANTI AGARICUS MUSCARIUS SINTOMI DI PSORA, ORDINATI CON NUMERAZIONE, RIGUARDANTI AGARICUS MUSCARIUS 423. Rifiuto del lavoro, da parte di persone che, di solito, si danno da fare; non c è più lo stimolo verso qualsivoglia azione;

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CISPLATINO POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico

Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico Scopri la tua Prakriti/ Test Ayurvedico STRUTTURA FISICA V - Molto alto o molto basso, esile, ossuto P - Corporatura media K - Grosso, massiccio, struttura ampia PESO V - Leggero, con ossa sporgenti, variazioni

Dettagli

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente.

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi

Dettagli

Natrum carbonicum. HSV, mycoplasma e l erythema multiforme

Natrum carbonicum. HSV, mycoplasma e l erythema multiforme Natrum carbonicum HSV, mycoplasma e l erythema multiforme Cantani L abuso del sale esaurisce la forza digerente del succo gastrico e provoca catarro o ulcere nello stomaco e nell intestino, oltre alla

Dettagli

PHOSPHORUS. Antipsorico e oltre

PHOSPHORUS. Antipsorico e oltre PHOSPHORUS Antipsorico e oltre Phosphorus (da Penzoldt e Stintzing,, vol. II, pag. 84, 1897) necrosi fosforica della mandibola (più di rado il mascellare superiore) un dente cariato diventa doloroso, la

Dettagli

Questionario sulla salute della paziente affetta da endometriosi

Questionario sulla salute della paziente affetta da endometriosi Questionario sulla salute della paziente affetta da endometriosi Età: - Altezza: cm - Peso: Kg 1. A quanti interventi chirurgici per endometriosi è stata sottoposta? Numero: Specificare il tipo: endometriosi

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

Full version is >>> HERE <<<

Full version is >>> HERE <<< Full version is >>> HERE

Dettagli

In che misura hai avuto nell ultima settimana i seguenti disagi e/o disturbi? :

In che misura hai avuto nell ultima settimana i seguenti disagi e/o disturbi? : In che misura hai avuto nell ultima settimana i seguenti disagi e/o disturbi? : Esempi di valutazione dell intensità dei disagi e/o dei disturbi Per niente: il disagio non è mai stato presente nel corso

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

Forme secondarie di psora

Forme secondarie di psora 1 Forme secondarie di psora per in età giovane e in stato di cause di poco conto benessere fisico e psichico (dieta, rabbia, freddo, etc) si può arrivare a conseguenze drammatiche coliche, polmoniti, febbri

Dettagli

REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO

REFLUSSO GASTRO-ESOFAGEO Diagnosi differenziale sulla base della clinica sintomatologica riferita alla gastrite da H. Pylori confrontata con i sintomi sperimentali e le indicazioni cliniche di Calcarea carbonica, Phosphorus, Sulphur

Dettagli

AURUM FOLIATUM. 26 Alcune persone gli ripugnano in massimo grado. 27 Ha voglia di arrabbiarsi e litigare.

AURUM FOLIATUM. 26 Alcune persone gli ripugnano in massimo grado. 27 Ha voglia di arrabbiarsi e litigare. AURUM FOLIATUM L effetto dell oro in dosi non molto piccole, dura almeno 21 giorni. Odorare un preparato potenziato di caffè grezzo, e soprattutto, odorare della canfora, si è rivelato l antidoto per effetti

Dettagli

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE

DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE CAPITOLO 5_e 1 OBIETTIVI DEFINIRE LE PRINCIPALI PATOLOGIE MEDICHE RICONOSCERE I SEGNI CHE DIFFERENZIAMO LE VARIE PATOLOGIE MEDICHE IDENTIFICARE I SEGNI DI GRAVITÀ E LE MANOVRE DI SOSTEGNO 2 ALTRE PATOLOGIE

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Congestione passiva pelvica con secchezza e calore ano-rettale, sensazione di spine nel retto

Congestione passiva pelvica con secchezza e calore ano-rettale, sensazione di spine nel retto PATOLOGIA GASTROINTESTINALE MATERIA MEDICA CLINICA I.R.M.S.O. ISTITUTO DI RICERCA MEDICO SCIENTIFICA OMEOPATICA ACONITUM Per problemi acuti, immediati, con dolori a fitta,taglienti, spesso accompagnati

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

Epistassi : il sangue dal naso

Epistassi : il sangue dal naso Epistassi : il sangue dal naso L'epistassi (sangue dal naso) è un fenomeno molto comune durante l'infanzia, tanto che vostro/a figlio Si verifica di solito per la secchezza della mucosa nasale, cui si

Dettagli

Iperestesia tattile di tutta la superficie corporea, intolleranza agli indumenti stretti, soprattutto intorno al collo. Lateralità sinistra.

Iperestesia tattile di tutta la superficie corporea, intolleranza agli indumenti stretti, soprattutto intorno al collo. Lateralità sinistra. LACHESIS E un rimedio che influenza il sistema nervoso, il sangue, la circolazione ed il fegato. Fase di eccitazione e di depressione fino ad un estrema debolezza generale. Il sangue subisce importanti

Dettagli

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO I.P. UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO QUESTO OPUSCOLO È STATO REALIZZATO PER FORNIRE UTILI CONSIGLI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI. FAVORISCI LA SUA DIFFUSIONE TRA LE FASCE DI POPOLAZIONE IN ETÀ PIÙ AVANZATA. GRAZIE.

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

ARNICA MONTANA. dal I volume, 3 edizione, 1830

ARNICA MONTANA. dal I volume, 3 edizione, 1830 ARNICA MONTANA dal I volume, 3 edizione, 1830 2 Cantani (Manuale di farmacologia Clinica, 1887) la pelle e le mucose cui viene applicata offrono iperemia, turgescenza e aumento di calore La polvere dei

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

HEPAR SULPHUR. Fegato di zolfo calcareo

HEPAR SULPHUR. Fegato di zolfo calcareo HEPAR SULPHUR Fegato di zolfo calcareo Lime sulphur Quello che gli anglossassoni denominano lime sulfur è una miscela di polisolfuri di calcio. Piuttosto che una formula chimica definita, consiste in CaSx,

Dettagli

i percorsi della mente e del fisico

i percorsi della mente e del fisico i percorsi della mente e del fisico L ammoniaca, anche sotto forma di carbonato, provoca una gastroenterite tossica, qualora sia introdotta in grandi quantità nell intestino, attraverso l ingestione. I

Dettagli

Corso Base Emorragie Shock Ustioni

Corso Base Emorragie Shock Ustioni Corso Base Emorragie Shock Ustioni Le ferite Lesione che provoca la rottura della continuità della pelle Escoriazione Sfregamento o graffio che interessa lo strato superficiale della pelle Ferita da taglio

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it A.N.P.A.N.A. (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura e Ambiente) Sezione Provinciale di Cosenza e COMUNE DI PAOLA PROVINCIA DI COSENZA presentano ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

Prefazione... 7 Che cosa offre questo libro... 13 Esecuzione dello... 29

Prefazione... 7 Che cosa offre questo libro... 13 Esecuzione dello... 29 Indice Prefazione...7 Che cosa offre questo libro...13 Che cos è lo Yoga Nidra?... 17 Swami Satyananda Saraswati... 19 Effetti dello Yoga Nidra... 20 A chi serve?... 22 Che cosa succede di preciso?...

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

SULPHUR. Dallo specifico all aspecifico

SULPHUR. Dallo specifico all aspecifico SULPHUR Dallo specifico all aspecifico In generale Sebbene lo zolfo inorganico non sia strettamente necessario nella dieta, tuttavia l aminoacido metionina è essenziale e indispensabile per tutte le specie

Dettagli

STUDIO DI ODONTOSTOMATOLOGIA (dal Trattato delle Malattie Croniche) AMMONIUM CARBONICUM

STUDIO DI ODONTOSTOMATOLOGIA (dal Trattato delle Malattie Croniche) AMMONIUM CARBONICUM STUDIO DI ODONTOSTOMATOLOGIA (dal Trattato delle Malattie Croniche) AMMONIUM CARBONICUM INDICAZIONI CLINICHE: prolungato allentamento dei denti. 193. Violenta odontalgia la sera, non appena va a letto,

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra

AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA. Il tuo Pediatra AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Il tuo Pediatra Il tuo Pediatra Gentili Genitori, abbiamo realizzato questa guida Il tuo Pediatra per presentare in modo semplice e comprensibile l

Dettagli

Disordini del sistema gastroenterico

Disordini del sistema gastroenterico Capitolo 10 Disordini del sistema gastroenterico Milza e stomaco sono fondamentali nel processo di digestione. Localizzati nel jiao medio, 1 costituiscono la «radice del qi del Cielo posteriore»: lo stomaco

Dettagli

Corso Passo dopo passo RESPIRO

Corso Passo dopo passo RESPIRO I Corsi di 1 Corso Passo dopo passo RESPIRO Per mantenere una salute radiosa, una mente bilanciata e una buona energia per ritrovare pace, serenità e allegria 2 QUANDO IL RESPIRO E IRREGOLARE ANCHE LA

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Asilo Nido ME AGAPE SCHEDE DI PRIMO SOCCORSO PER EDUCATORI D INFANZIA

Asilo Nido ME AGAPE SCHEDE DI PRIMO SOCCORSO PER EDUCATORI D INFANZIA Asilo Nido ME AGAPE SCHEDE DI PRIMO SOCCORSO PER EDUCATORI D INFANZIA Primo Soccorso per ASILI NIDO CODICE ROSSO EMERGENZA SANITARIA - 118 (AVVISARE SEMPRE CHE SI TRATTA DI UN MINORE) CODICE GIALLO PEDIATRA

Dettagli

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA CERVICALGIA ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Esercizi di fisioterapia Il tratto cervicale è la prima parte della colonna vertebrale. Quando si parla di cervicalgia si intende un dolore a livello del collo che

Dettagli

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso 6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso In qualità di assistente è possibile trovarsi nelle condizioni in cui è necessario avere alcune nozioni di pronto soccorso. Un modo per apprendere queste competenze

Dettagli

Additional details >>> HERE <<<

Additional details >>> HERE <<< Additional details >>> HERE

Dettagli

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: fluorouracile, acido folinico, oxaliplatino Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

dott. Andrea Pelosi Cartella Clinica Paziente: GPS - Global Postural System - Rel.4.6.68 Pag. 1 di 11

dott. Andrea Pelosi Cartella Clinica Paziente: GPS - Global Postural System - Rel.4.6.68 Pag. 1 di 11 Cartella Clinica Paziente: GPS - Global Postural System - Rel.4.6.68 Pag. 1 di 11 Anamnesi Paziente: Legenda No Occasionale Farmaci Mai Più di una volta al mese Più di una volta alla settimana Tutti i

Dettagli

Comprendere il processo del decesso

Comprendere il processo del decesso Governo dell'australia occidentale Ministero della Salute WA Cancer and Palliative Care Network (Rete sulla cura del cancro e le cure palliative dell'australia occidentale) Comprendere il processo del

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEB POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: cisplatino, etoposide, bleomicina. Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

INCONTRI DELLA SALUTE

INCONTRI DELLA SALUTE INCONTRI DELLA SALUTE TERZO APPUNTAMENTO 16.10.2014 CONTR-ATTACCO CARDIACO: ELEMENTI DI PRIMO SOCCORSO CARDIACO Relatore: Dott.ssa Marcella Camellini Dirigente Medico Cardiologia Ospedale di Sassuolo APPUNTI:

Dettagli

Levotuss 60 mg compresse levodropropizina

Levotuss 60 mg compresse levodropropizina Levotuss 60 mg compresse levodropropizina LEGGA ATTENTAMENTE QUESTO FOGLIO PRIMA DI PRENDERE QUESTO MEDICINALE PERCHÉ CONTIENE IMPORTANTI INFORMAZIONI PER LEI. Prenda questo medicinale sempre come esattamente

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. VFEND 200 mg polvere per soluzione per infusione Voriconazolo

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. VFEND 200 mg polvere per soluzione per infusione Voriconazolo Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore VFEND 200 mg polvere per soluzione per infusione Voriconazolo Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene informazioni

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA Indicazioni Generali Gli esercizi Consigli utili Indicazioni generali Questo capitolo vuole essere un mezzo attraverso il quale si posso avere le giuste informazioni

Dettagli

NATURA DELLE MALATTIE CRONICHE. Elementi clinici

NATURA DELLE MALATTIE CRONICHE. Elementi clinici NATURA DELLE MALATTIE CRONICHE Elementi clinici 2 KRÄETZE vescicole Dermatosi squamose MIASMA contagio Persone sane IL CONTAGIO NON SI VERIFICA NELLE FORME SECONDARIE DI PSORA 3 Sintomi secondari della

Dettagli

Sequenza Disintossicante

Sequenza Disintossicante Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga HTTP://WWW.LEVIEDELDHARMA.IT 1 Sequenza Disintossicante Lezioni e suggerimenti pratici di Kundalini Yoga Detoxification Sequenza

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Corso di Primo Soccorso. Dolore. Gonfiore. Turgore. Calore. Funzione lesa. Corso di Primo Soccorso. contrazione in eccentrica

Corso di Primo Soccorso. Dolore. Gonfiore. Turgore. Calore. Funzione lesa. Corso di Primo Soccorso. contrazione in eccentrica Patologie dell apparato locomotore Traumatologia Traumatologia Ossa Fratture Definizioni Per trauma si intende una lesione fisica di natura violenta che si manifesta in maniera più o meno improvvisa. Articolazioni

Dettagli

Semecarpus anacardium. Anacardium orientalis

Semecarpus anacardium. Anacardium orientalis Semecarpus anacardium Anacardium orientalis Conoscenza sommaria Semecarpus anacardium è molto usata nella medicina ayurvedica, soprattutto nella cura dell artrite reumatoide, del diabete, delle iperlipidemie

Dettagli

ISSQoL. questionario per la valutazione della Qualità della Vita in persone con infezione da HIV

ISSQoL. questionario per la valutazione della Qualità della Vita in persone con infezione da HIV ISSQoL questionario per la valutazione della Qualità della Vita in persone con infezione da HIV 1 Codice Centro Num. Paziente Data visita 1. Nelle ultime 4 settimane si è sentito/a limitato/a nello svolgimento

Dettagli

Aspetti clinici e terapeutici. Carla Padovan

Aspetti clinici e terapeutici. Carla Padovan Aspetti clinici e terapeutici Carla Padovan ASS6 Diabete giovanile (insulino dipendente) Allergia/Anafilassi Crisi convulsive Malattia metabolica dovuta alla mancata produzione di insulina da parte del

Dettagli

More details >>> HERE <<<

More details >>> HERE <<< More details >>> HERE http://urlzz.org/hbritalian/pdx/palo1445/ Tags:

Dettagli

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Corso Base. Convulsioni Crisi convulsiva isterica Ipotermia Ipertermia Avvelenamenti Intossicazioni

Corso Base. Convulsioni Crisi convulsiva isterica Ipotermia Ipertermia Avvelenamenti Intossicazioni Corso Base Convulsioni Crisi convulsiva isterica Ipotermia Ipertermia Avvelenamenti Intossicazioni Convulsioni Sono movimenti involontari, scoordinati e violenti degli arti, della testa o dell intero corpo

Dettagli

PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE COLPO DI CALORE. deplezione IDRICA.

PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE COLPO DI CALORE. deplezione IDRICA. PRIMO SOCCORSO EMERGENZE MEDICHE PATOLOGIA DA CALORE CRAMPI DA CALORE ESAURIMENTO DA CALORE deplezione SALINA deplezione IDRICA COLPO DI CALORE CRAMPI DA CALORE Insorgono in seguito ad una giornata di

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

MOSCHUS MOSCHIFERUS. Il muschio di ruminan8a cervina

MOSCHUS MOSCHIFERUS. Il muschio di ruminan8a cervina MOSCHUS MOSCHIFERUS Il muschio di ruminan8a cervina Tossicologia La specie dei cervidi con muschio (Moschidae) rappresenta una delle risorse maggiori delle montagne cinesi del Funiu, sia per le condizioni

Dettagli

Come trattare raffreddore e influenza col Tuina

Come trattare raffreddore e influenza col Tuina Come trattare raffreddore e influenza col Tuina Nella Medicina Tradizionale Cinese (MTC) le patologie possono essere provocate da cause esterne o interne. Gli agenti patogeni esterni o climatici nella

Dettagli

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib)

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema comprende i seguenti farmaci: cisplatino, imatinib. Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

Informazione sul processo di morte

Informazione sul processo di morte Informazione sul processo di morte Se non avete mai visto qualcuno morire, potreste temere ciò che accadrà, ma il momento della morte è solitamente tranquillo. Questa brochure è stata progettata per aiutarvi.

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA. M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Crisi epilettiche Crisi ipoglicemiche CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO PROVINCIALE DI ROMA M.Grazia Fabbri VdS ROMA NORD Obiettivi Imparare a conoscere i diversi tipi: 2.CRISI EPILETTICHE 3.CRISI IPOGLICEMICHE

Dettagli

Ammonium carbonicum. i percorsi della mente e del fisico

Ammonium carbonicum. i percorsi della mente e del fisico Ammonium carbonicum i percorsi della mente e del fisico Intossicazione da ammoniaca L ammoniaca, anche sotto forma di carbonato, provoca una gastroenterite tossica, qualora sia introdotta in grandi quantità

Dettagli

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare

Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e. trauma oculare Lesioni apparato locomotore, politrauma, trauma cranico e vertebrale,trauma toracico, trauma oculare APPARATO LOCOMOTORE Composto da ossa, articolazioni e muscoli Serve a: sostenere l organismo proteggere

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli