ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE E. BARSANTI POMIGLIANO d ARCO (NA) - Via Mauro Leone, / /

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE E. BARSANTI 80038 POMIGLIANO d ARCO (NA) - Via Mauro Leone,105 081/8035106 081/8841350"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE E. BARSANTI POMIGLIANO d ARCO (NA) - Via Mauro Leone, / / CODICE FISCALE: CODICE SCUOLA: NATF CODICE SERALE: NATF040050C CERTIFICATO DI SICUREZZA: PROT. 354 del 25/01/2001 DIRIGENTE SCOLASTICO: Prof. Dott Mario Sorrentino SITO INTERNET: E mail Ufficio tecnico: presidenza Prot. n del 10/09/2010 1

2 Indice CAP STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEZIONE DOCENTI COMMISSIONI COLLEGIALI A.S.2010/ Dipartimenti Disciplinari Dipartimento DISCIPLINE AFFINI Area Funzionamento Progetti per il miglioramento dell'offerta formativa 10 PROGETTI - IDEI AIDEI 10 ANNO SCOLASTICO 2010/ FUNZIONI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Direttore dei servizi generali ed amministrativi è il Sig. Gennaro Schettino SEZIONE PERSONALE ATA Direttore dei servizi generali e amministrativi Assistente Amministrativo Segreteria Didattica Segreteria del personale Protocollo Segreteria amministrativa Magazzino Responsabile Ufficio Tecnico Assistente Tecnico (area funzionale dei servizi tecnici) Collaboratore scolastico (AREA FUNZIONALE DEI SERVIZI AUSILIARI Centralino telefonico 16 CAP CENNI STORICI 17 CAP PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA VOCAZIONE E FINALITÀ DELL ISTITUTO IL CONTESTO TERRITORIALE 21 CAP OFFERTA FORMATIVA FINALITÀ ISTITUZIONALI FINALITÀ FORMATIVE SCELTE CULTURALI E FORMATIVE METODOLOGICHE E DIDATTICHE ORGANIZZATIVE DELLA SCUOLA SCELTE CULTURALI E FORMATIVE PROGETTO QUALITÀ OBIETTIVI Strumenti PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DEL COLLEGIO DEI DOCENTI Impegni comuni: FINALITA EDUCATIVE FINALITÀ professionali Successo formativo La struttura dell iti La programmazione curricolare Formazione classi successive alla prima ed azioni di continuità ATTIVITÀ DI INDIRIZZO ELETTROTECNICA INFORMATICO ELETTRONICO Meccanico STAGE E TIROCINI FORMATIVI Organizzazione dell attività didattica SCELTE METODOLOGICHE E DIDATTICHE STANDARD MINIMI 44 2

3 3.8. LA VALUTAZIONE CRITERI DI AMMISSIONE CLASSI SUCCESSIVE ED ESAMI DI STATO DELIBERA COLLEGIO DOCENTI 9 SETTEMBRE 2009 VERBALE N RECUPERO DEL DEBITO FORMATIVO SISTEMA DEI CREDITI SCOLASTICI CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO 59 CAP AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA PROGETTI 63 CAP ATTIVITÀ DI SERVIZIO A SOSTEGNO DEGLI STUDENTI ORIENTAMENTO GESTIONE AREA OBBLIGO D ISTRUZIONE GLI ASSI CULTURALI OBBLIGO FORMATIVO RAPPORTI CON L UNIVERSITÀ CENTRO DI INFORMAZIONE E CONSULENZA (C.I.C.) PROGETTO CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO NUOVE TECNOLOGIE 90 CAP VISITE GUIDATE 93 VIAGGI DI ISTRUZIONE I VIAGGI VIAGGI DI ISTRUZIONE, VISITE GUIDATE E USCITE DIDATTICHE. NORME GENERALI ACCOMPAGNATORI ORGANIZZAZIONE E COSTI CLASSI, DURATA, DESTINAZIONI VISITE TECNICHE VALUTAZIONE 96 CAP PREVENZIONE 97 DELLA 97 DISPERSIONE SCOLASTICA PREMESSA INTERVENTI FINALIZZATI AL RECUPERO 99 CAP RISORSE 102 CAP FORMAZIONE 105 E 105 ATTIVITÀ DIDATTICA 105 CAP COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ L ASSETTO COMPLESSIVO E LA STRUTTURA DIREZIONALE Modalita organizzative e gestionali 108 3

4 Consiglio d'istituto Collegio docenti Dipartimenti Consiglio di classe Il Coordinatore del Dipartimento Le funzioni strumentali L Organigramma RAPPORTI CON GLI STUDENTI RAPPORTI CON LE FAMIGLIE FORMAZIONE DEI DOCENTI FORMAZIONE PERSONALE ATA FORMAZIONE PERMANENTE RAPPORTI CON IL TERRITORIO E PROSPETTIVE DI SVILUPPO 116 CAP SICUREZZA 123 CAP QUALITÀ 125 4

5 Cap. 0. STRUTTURA ORGANIZZATIVA 5

6 Organigramma anno scolastico 2010/2011 Il Consiglio di presidenza è formato dai collaboratori del Preside, dai responsabili di indirizzo, dalle funzioni obiettivo, dal responsabile del Corso serale, dal responsabile della sicurezza. Collaboratori dei Preside: collaboratore vicario: prof. Franzese Francesco Collaboratore : prof. Terracciano Rachele Funzioni strumentali: Area 1: prof. Di Gennaro Pasquale prof. Pecoraro Anna Carmela Area 2: prof. Amato Luigi prof. Incoronato Area 3: prof. Cervone Angelina_ prof. Mosca Carmela Area 4: prof. Di Palma Anna prof. Riccardo Mariano Responsabile Corso serale: prof. Spampanato Gennaro Supporto al Responsabile C.S. prof. Monda Antonio Responsabile Sicurezza: prof. Coppola Salvatore Responsabili Fumo prof. Mario Sorrentino,Direttore sga La Gala Felice, prof. Gifuni I compiti delle funzioni strumentali sono differenziati per area ma interconnessi e trasversali per consentire la realizzazione unitaria dell offerta formativa: Area 1: Area 2: Area 3: Area 4: Gestione del POF: Coordinamento e Valutazione delle attività del Piano; Qualità Sostegno Docenti, TIC, Sito Web Archivio didattico; biblioteca e attività culturali; accoglienza dei nuovi docenti; nuove tecnologie; Coordinamento delle attività extra curricolari; coordinamento e gestione delle attività di continuità, di orientamento e tutoraggio; coordinamento delle attività dicompensazione, integrazione, e recupero, attività di approfondimento; interventi e servizi per gli studenti e rapporti con le famiglie Coordinamento dei rapporti con enti pubblici o Aziende anche per la realizzazione di stage formativi; coordinamento della attività di scuola-lavoro e di stage formativi; coordinamento delle attività con la formazione professionale; CIPE.Responsabile sicurezza. 6

7 0.1. Sezione docenti COMMISSIONI COLLEGIALI A.S.2010/2011 1)COMMISSIONE COLLAUDO 2)COMMISSIONE ELETTORALE 3)COMMISSIONE GRUPPO H 4)COMMISSIONE CERTIFICAZIONE COMPETENZE *Potenziamento ed innovazione curriculare 5)Referente REGOLAMENTO DISCIPLINA *Statuto delle Studentesse e degli Studenti *Regolamento di Disciplina Alunni *Regolamento di Istituto *Organo di Garanzia 6)COMMISSIONE VISITE GUIDATE 8) COMMISSIONE GRUPPO SPORTIVO 9 COMMISSIONE TECNICO SCIENTIFICO PER ACQUISTI 10)COMMISSIONE PROGETTI PON-SUPPORTO ALL AREA 4 11)COMITATO DI VALUTAZIONE Dipartimenti Disciplinari a.s.2010/2011 Coordinatore del Dipartimento: Organizzazione Funzionale dei Dipartimenti e aggregazione delle discipline-struttura organizzativa di cui al D.M.139/07-DPR 88/10 (Riordino Istituti tecnici) e Direttiva 57/10(Linee guida Istituti tecnici:atto costitutivo e Regolamento del C.T.S.(Comitato tecnico scientifico) e C.T.D.(Comitato tecnico didattico: Gruppi di lavoro di supporto ai Dipartimenti disciplinari per Assi/aree-Ufficio Tecnico.ridefinizione del ruolo e delle funzioni:biennio: 1)Dipartimento -Asse linguistico-storico-sociale (Italiano,Storia,Cittadinanza e Costituzione,Diritto,Lingua Inglese,Religione,Docenti di sostegno AD02) 2)Dipartimento/Asse scientifico-tecnologico Biennio (Matematica,Scienze integrate,fisica,chimica,scienze Tecnologia e tecniche della rappresentazione grafica, Tecnologie informatiche, Scienze e Tecnologie applicate. TRIENNIO:Asse Logico-matematico, Asse linguistico-storico-sociale (comune a tutti gli indirizzi);asse scientifico-tecnologico ad indirizzo meccanico,elettrotecnico,elettronico,informatico e telecomunicazione MATERIA CHIMICA FISICA RELIGIONE MATEMATICA SCIENZE ELETTROTECNICA DIRITTO TECNOLOGIA E DISEGNO LETTERE- BIENNIO LETTERE -TRIENNIO MECCANICA EDUCAZIONE FISICA ELETTRONICA e Telecomunicazioni INGLESE INFORMATICA SOSTEGNO DOCENTE COORDINATORE Felice Gifuni Antonio Mazzocca Filomena Chiacchiarini Giovanni Incoronato Carmela Noli Mario De Luca Bosso Teresa Ercolanese Michele Di Gennaro Carmela Mosca Rachele Terracciano Aniello Aprile Vincenzo Luongo Mariano Riccardo Teresa Nanci Giuseppe Montesano Anna Sanseverino o Presiede, per delega del Dirigente Scolastico, le riunioni di dipartimento che ha la facoltà di convocare, previa informazione, al Dirigente Scolastico, anche in momenti diversi da quelli ordinari e ne organizza l attività integrando l odg con gli argomenti necessari o fissandolo per le sedute di sua iniziativa. 7

8 o Sollecita, in tale veste, il più ampio dibattito fra i docenti impegnando tutto il gruppo alla ricerca di proposte, elaborazioni, soluzioni unitarie in ordine a: progettazione disciplinare di unità didattiche; iniziative di promozione dell innovazione metodologico-didattica; individuazione dei criteri e dei metodi di valutazione degli alunni, per classi parallele; individuazione di soluzioni unitarie per l adozione dei libri di testo; ; strutturazione di percorsi di studio e ricerca per la realizzazione di Attività di progetto, programmazione attività di recupero, consolidamento, approfondimento e coerenza con il tempo scuola ; programmazione accoglienza alunni ed individuazione metodi e mezzi per l accertamento dei requisiti; orientamento. o I Dipartimenti disciplinari daranno indicazione in merito alle forme di verifica ai Consigli di Classe i quali, ai sensi dell art. 5 dell O.M. 92/07, stabiliranno le modalità in cui effettuare in modo documentabile le verifiche per il recupero dei Debiti e delle insufficienze. Esse potranno venire svolte anche nell ambito di una verifica che il docente ritenga valida per l accertamento degli apprendimenti ordinari, purché preavvisando lo studente. o Il saldo dei Debiti Formativi ed il superamento delle insufficienze dovranno essere comunicati dal docente al Consiglio di Classe o in riunione ordinaria o in seduta di scrutinio oppure (nel caso in cui detto docente non sia più in servizio nell Istituto), da altro docente della materia, con precedenza a quello titolare nella classe attualmente frequentata dall alunno. E fatto salvo il disposto del c. 6 dell art. 8 dell O.M. 92/07 per lo scrutinio finale. o Partecipa, su incarico del Dirigente Scolastico, a convegni, seminari ed iniziative di studio e formazione promosse da Enti ed Organizzazioni operanti nel settore. o Propone insieme al Responsabile di Laboratorio l acquisto di attrezzature, programmi, strumenti didattici, materiali, ( piano annuale di acquisto ) sollecitandone l utilizzo più ampio e diffuso da parte dei docenti. o Individuazione e realizzazione di attività di formazione e di aggiornamento per docenti. o Coordina l utilizzazione della struttura laboratoriale insieme al responsabile del laboratorio. o Cura la raccolta e l archiviazione dei materiali didattici insieme alla F.S. area 2. o Progettazione ed adesione a progetti integrati: PON, IFTS, POR ecc. o coordina e sovrintende le proposte di acquisto di attrezzature e di materiale di consumo sulla base delle risorse disponibili; o coordina le attività di manutenzione dei laboratori della specializzazione; o sottopone al D.S. eventuali problemi organizzativi sia di natura didattica che tecnica della propria specializzazione; o riunisce i coordinatori di classe della propria specializzazione per una migliore organizzazione e per una valutazione generale delle attività formative d intesa con il DS; Il coordinatore di dipartimento è nominato dal DS sulla base di un nominativo scelto in apposite riunioni da tutti i docenti della specializzazione all inizio di ogni anno scolastico Dipartimento DISCIPLINE AFFINI a.s.2010/2011 Sono stati costituiti secondo gli assi culturali previsti dall obbligo d istruzione. L individuazione di questa modalità organizzativa è stata la naturale conseguenza in funzione di una scelta didattica che parte dalla costruzione di un curriculo verticale che si fonda e si sviluppa in continuità con la scuola secondaria di primo grado. BIENNIO:Dipartimento -Asse linguistico-storico-sociale (Italiano,Storia,Cittadinanza e Costituzione,Diritto,Lingua Inglese,Religione, Docenti di sostegno AD02) 2) Dipartimento/Asse scientifico- Tecnologico Biennio (Matematica,Scienze integrate,fisica,chimica,scienze Tecnologia e tecniche della rappresentazione grafica, Tecnologie informatiche, Scienze e Tecnologie applicate. TRIENNIO: Asse Logico-matematico, Asse linguistico-storico-sociale (comune a tutti gli indirizzi) Asse scientifico-tecnologico ad indirizzo meccanico,elettrotecnico,elettronico,informatico e telecomunicazione. Accanto ai Dipartimenti ed agli Assi culturali, è stato istituito il Comitato tecnico Scientifico, che rappresenta un raccordo tra il mondo della scuola e il territorio (Lavoro ed Impresa) ed un Comitato tecnico didattico, formato dai docenti Funzioni Strumentali e dai Collaboratori del Dirigente Scolastico ed esperti di supporto ai dipartimenti. Il comitato tecnico scientifico:in attesa che venga affrontato il tema della governance nell ambito della riforma degli Organi Collegiali il regolamento per la Riforma della Istruzione Tecnica prevede: gli istituti tecnici costituiscono un comitato tecnico-scientifico, senza nuovi e maggiori oneri per la finanza pubblica, con una composizione paritetica di docenti e di esperti del mondo del lavoro, delle professioni e della ricerca scientifica e tecnologica, con funzioni consultive e di 8

9 proposta per l organizzazione delle aree di indirizzo e l utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità; ai componenti del comitato non spettano compensi a qualsiasi titolo dovuti. Gli obiettivi del CTS risultano così definiti: Ha funzioni consultive nei processi decisionali finalizzati all elaborazione del piano dell offerta formativa con particolare riferimento alle aree di indirizzo; ha funzioni consultive nei processi decisionali finalizzati all elaborazione del piano dell offerta formativa con particolare riferimento alla progettazione degli spazi di autonomia e di flessibilità; ha funzioni di raccordo tra gli obiettivi educativi della scuola, le esigenze del territorio e i fabbisogni professionali, educativi espressi dal mondo del lavoro, dal mondo della ricerca e dell università, favorendo quindi la realizzazione delle esperienze di alternanza degli allievi, di stages aziendali per i docenti, di rapporti più stretti, anche ai fini dell orientamento, con i centri di ricerca.la Giunta vista la delibera del Cd del 2 settembre 2010,delibera all unanimità dei presenti di proporre al CdI l approvazione dell Organizzazione Funzionale dei Dipartimenti e aggregazione delle discipline-struttura organizzativa di cui al D.M.139/07-DPR 88/10 (Riordino Istituti tecnici) e Direttiva 57/10(Linee guida Istituti tecnici:atto costitutivo e Regolamento del C.T.S.(Comitato tecnico scientifico) e C.T.D.(Comitato tecnico didattico: Gruppi di lavoro di supporto ai Dipartimenti disciplinari per Assi/aree-Ufficio Tecnico.ridefinizione del ruolo e delle funzioni: BIENNIO: 1)Dipartimento -Asse linguistico- ATTO COSTITUTIVO DEL C.T.S. -Visto l ART. 64 comma 4 D.L , n. 112;-Vista la L. del n. 133;Viene costituito presso l ITI E.Barsanti di Pomigliano d Arco Il presente Atto costitutivo del Comitato Tecnico Scientifico (d ora in avanti denominato C.T.S.) si compone di n. 5 articoli. ART. 1 Finalità e funzione del C.T.S. L Istituzione del C.T.S è finalizzata al raccordo sinergico tra gli obiettivi educativi dell Istituto, le esigenze del territorio e i fabbisogni produttivi. Il C.T.S ha funzioni consultive e di proposta per la organizzazione delle aree di indirizzo e l utilizzo degli spazi di autonomia e flessibilità nella organizzazione dell offerta didattica. In questo ambito avanza proposte o valuta quelle provenienti dai Dipartimenti (articolazioni del Collegio Docenti) in ordine a: 1. Curvatura degli Obiettivi Specifici di Apprendimento alle esigenze e caratteristiche del tessuto produttivo; 2. Utilizzo delle quote di flessibilità previste per la istituzione di nuove discipline di tipo opzionale; 3. Definizione dei criteri per la individuazione del personale appartenente al mondo della produzione e dei servizi per la istituzione di insegnamenti particolari l arricchimento dell offerta formativa di cui al comma precedente 4. Consulenza nei confronti del corrispondente organismo dei corsi EDA per la valutazione dei crediti formativi da riconoscere con certificazione valida a livello nazionale ai sensi dell art. 6 del DPR 257/ Il CTS avanza inoltre proposte e svolge attività di supporto in ordine alle esperienze di stage, Alternanza Scuola Lavoro, progetti di orientamento, fabbisogni professionali del territorio, partecipazione a Poli/Distretti formativi e alla Fondazione ITS, reperimento fondi, contributi per i laboratori, ecc.).monitora e valuta le predette attività. Il C.T.S. propone, nello specifico, programmi, anche pluriennali, di ricerca e sviluppo didattico/formativo, in rapporto al sapere, al mondo del lavoro e all impresa, sia per gli studenti che per i docenti dell istituto e ne propone l'attuazione al Collegio Docenti e al Consiglio d Istituto. 2. In particolare: Formula proposte e pareri al Consiglio di Istituto (CdI) ed al Collegio dei Docenti (CdD) in ordine ai programmi e alle attività.analizza gli aspetti tecnici e scientifici dei piani di innovazione. ART. 2 Composizione e nomina del CTS Il CTS è composto da 6 membri di diritto e da 6 membri rappresentativi oltre il Dirigente Scolastico. Sono membri di diritto : Il Dirigente Scolastico o un suo delegato; I quattro docenti coordinatori di indirizzo; 1 docente Funzione Strumentale Area 4; il Responsabile dell U.T.. Sono membri rappresentativi: 1 rappresentante dell Ufficio Scolastico Regionale; Assessore alla P.I della Regione Campania o un suo delegato; 1 rappresentante di Associazioni Imprenditoriali: Confindustria/API; Un rappresentante Collegio professionale periti industriali; il Presidente del CdI; Un rappresentante dell'università e/o di un Centro Ricerca. I membri di diritto sono in numero pari ai membri rappresentativi. Il CTS è presieduto dal Dirigente Scolastico in qualità di Presidente o da un suo delegato. La nomina dei componenti di diritto del 9

10 CTS è di competenza del D.S. Per quanto riguarda i rappresentanti esterni, essi vengono designati dall ente/associazione di appartenenza e nominati dal D.S. Nel caso di decadenza di un componente, il D.S. procede a nuova nomina con le stesse modalità. ART. 3 Durata e modalità di decisioni del CTS La durata del CTS è triennale e le decisioni sono assunte con maggioranza semplice e prevalenza del voto del Presidente in caso di parità. Possono essere chiamati a partecipare alle riunioni del CTS, a titolo consultivo, tutti gli specialisti/esperti di cui si dovesse ravvisare l opportunità. Le funzioni di Segretario verbalizzatore sono attribuite al DSGA dell Istituto o ad un suo delegato. Il CTS si riunisce almeno 3 volte l'anno e quando ne faccia richiesta almeno un terzo delle componenti. ART. 4- Riunioni del CTS 1. Il CTS si riunisce di norma 3 volte l anno a settembre, febbraio e giugno. 2. La convocazione è fatta dal DS, solitamente in orario serale con almeno 5 giorni di preavviso, con indicazione di odg e recapito della documentazione da discutere via e, in mancanza, via fax. 3. Alla seduta partecipa un assistente amministrativo con l incarico di segretario verbalizzatore. La seduta è chiusa. I documenti prodotti sono inviati direttamente ai destinatari. 4. Il DS, anche su proposta degli altri consiglieri, invita alle sedute, con diritto di parola ma non di voto, tutti gli esperti di cui si abbia necessità. ART. 5 Disposizioni finali Eventuali variazioni al presente regolamento verranno proposte dal CTS e deliberate dal Consiglio di Istituto Area Funzionamento 1. Primo Collaboratore: docente con deleghe specifiche da parte del Dirigente Scolastico e con funzione di sostituzione del Dirigente in caso di assenza; 2. Secondo Collaboratore: docente con deleghe specifiche e sostituzione del Dirigente Scolastico in caso di assenza, soltanto in assenza anche del Primo Collaboratore; 3. Responsabile del Corso Serale; 4. Secondo Responsabile del Corso Serale; 5. Responsabile della sicurezza (R.S.P.P.): ha il compito di collaborare con il Dirigente Scolastico con compito di coordinamento, supporto ed indirizzo delle attività di prevenzione e protezione ( T.U. n. 81/2008) Progetti per il miglioramento dell'offerta formativa PROGETTI - IDEI AIDEI Area scientifica e di Educazione alla salute : ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Area linguistico- letteraria e storica Progetti interdisciplinari Le Attività aggiuntive non di insegnamento sono previste dall'art. 43, comma 3, del CCNL 4/8/95 o dalla lettera C) dell'art. 86 del CCNL 24/7/03 e possono consistere nello svolgimento dì compiti relativi alle seguenti attività: a) valutazione del progetto d'istituto; b) particolari funzioni di coordinamento del collegio dei docenti e di eventuali articolazioni dello stesso, quali dipartimenti, gruppi di ricerca, e commissioni di lavoro, nonché particolari forme di coordinamento dei consigli di classe, interclasse, o intersezione; coordinamento o referenza o partecipazione a progetti con Associazioni ed Enti Esterni; progettazione di interventi formativi; c) didattica finalizzati ad un'utilizzazione collegiale; ogni altra attività deliberata nell'ambito delle risorse disponibili; innovazione didattica e sperimentazioni riferite al riordino degli istituti tecnici e nell ambito delle indicazioni ministeriali le attività eccedenti le 40 ore previste per la partecipazione alle riunioni del collegio dei docenti, ivi compresa l'attività di programmazione e verifica di inizio e fine anno e l'informazione alle famiglie sui risultati degli scrutini trimestrali, quadrimestrali, e finali. Sono a totale carico 10

11 del fondo d'istituto e la misura oraria lorda, prevista dalla Tabella 5 del CCNL 29/XI/2007, è pari a euro 17,50 l'ora. Le attività aggiuntive possono consistere, inoltre, nello svolgimento dei seguenti compiti: attività di aggiornamento e formazione in servizio da svolgersi oltre le 30 ore annue, senza esonero dagli altri obblighi di servizio; partecipazione a progetti comunitari, nazionali o locali, mirati al miglioramento della produttività dell'insegnamento e del servizio e al sostegno dei processi di innovazione, ad un maggiore raccordo tra scuola e mondo del lavoro; partecipazione ad attività realizzate sulla base di convenzioni con enti locali e con terzi, con oneri a carico degli stessi, aventi per oggetto prestazioni di servizi o utilizzazione di strutture e di personale per progetti aperti al territorio coerenti con le finalità di istituto; d) progettazione e di direzione di corsi di formazione, riconversione e aggiornamento. Sulla scorta dell esperienza maturata si è deciso di continuare ed intensificare gran parte delle iniziative già intraprese e di potenziare ulteriormente l offerta formativa della scuola, attraverso strategie sempre più mirate alla formazione globale del discente.la progettualità nel suo complesso, risponde ai criteri che ci si era prefissi: Varietà delle attività in modo da rispondere ai più diversi bisogni formativi dell utenza (allievi); Estensione delle attività ad allievi provenienti dal maggior numero di classi; Formazione di gruppi di apprendimento misti che superino lo stereotipo docente alunno della singola classe; Rapporto costo beneficio. Ciascun gruppo di apprendimento non potrà essere inferiore a quindici unità (si prescinde da tale rapporto solo in presenza di allievi diversamente abili o in presenza di attività molto particolari e con specifiche peculiarità). Ciascun progetto, sarà corredato da: progetto con l indicazione delle finalità, obiettivi, strategie educative, arco tempori attuazione, numero delle ore curriculari ed extracurriculari occorrenti ( tenendo conto del frazionamento di 4/12 della disponibilità finanziaria da settembre a Dicembre; di 8/12 relativi al periodo Gennaio- giugno); Elenco delle risorse umane, con l indicazione chiara delle ore da incentivare sia di insegnamento sia di attività aggiuntive non di insegnamento; Elenco analitico dei beni e dei servizi occorrenti; Tempi di realizzazione, prove di verifica in itinere e finali, monitoraggio (produzioni individuali o di gruppo, dibattiti, questionari, tests, saggi, spettacoli); Fogli delle firme di presenza degli alunni frequentanti per ciascuna delle attività; Fogli di presenza del personale, docente ed ATA impegnato; Relazione finale del responsabile; relazione finale del dirigente e della commissione POF finalizzata alla verifica del programma che si dovrà effettuare entro il 30/6/2011, corredata dalla relazione tecnicoorganizzativa del direttore. FINALITA E CARATTERISTICHE DEL FIS a.s. 2010/2011. Le priorità di intervento formativo dettate dal POF, e contenute nel piano delle attività delberato dagli OO.CC., si possono suddividere in varie categorie: a. INIZIATIVE DI RECUPERO DEL PROFITTO E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA, E DI ORIENTAMENTO- Fra le quali: i programmi di sostegno agli alunni in difficoltà, anche con l impiego delle nuove tecnologie informatiche; i programmi di orientamento verso i percorsi del post-diploma,i programmi di orientamento informativo agli alunni della terza media,patente veuropea per gli alunni delle classi 3^ del territorio;corsi di approfondimento e di potenziamento inerenti le discipline caratterizzanti i quattro indirizzi,catia,cisco,domotica,macchine a Controllo Numerico,Sicurezza,IFS, b. INIZIATIVE PER L INNOVAZIONE CURRICOLARE Si tratta di sperimentazioni, nell ambito dell autonomia scolastica, per differenziare i percorsi formativi, razionalizzando spazi e tempi della scuola, e per offrire il recupero ed il potenziamento delle capacità degli alunni. c. SERVIZI DI QUALITA PER GLI ALUNNI E LE FAMIGLIE Si citano in particolare: Il servizio di duplicazione, stampa, copia, la navigazione libera e gratuita in Internet per alunni e per il personale, L informazione sistematica alle famiglie su profitto, assenze, disciplina degli alunni,il Patentino a scuola, corso per tutti gli alunni dell istituto finalizzato al conseguimento del Patentino. d. L ATTENZIONE ALLA SICUREZZA Vivere sicuri vuol dire vivere bene; nell istituto l attenzione alla sicurezza trascende i meri vincoli normativi: è uno stile di vita che trova esemplificazioni costanti nei programmi e nel lavoro quotidiano. Il percorso sicurezza si articola in tre direzioni principali: informazione e formazione degli alunni (nei normali programmi di insegnamento),ammodernamento e acquisto di attrezzature rispondenti ai requisiti antinfortunistici. e. L EDUCAZIONE ALLA SALUTE ED ALLA CONVIVENZA CIVILE Le attività inserite in quest area sono volte a sviluppare il benessere individuale degli studenti, il loro star bene a scuola, l educazione alle problematiche attuali ed alla visione positiva della vita. Si ritiene infatti fondamentale che l Istituto spenda risorse ed energie al fine di sostenere o sviluppo psicofisico degli studenti in un momento di crescita delicata quale il periodo adolescenziale. Le attività programmate sono le seguenti: riciclaggio e smaltimento rifiuti,il progetto Nautilus in collaborazione con il SERT/ASL 3,CIC,Educazione alla legalità,all ambiente. f. L INTERFACCIA COL MONDO DEL LAVORO 11

12 Forte è l immagine dell Istituto nei confronti delle aziende, che riconoscono la qualità dei nostri diplomati. Due sono le iniziative : Gli stages aziendali, concordati con le aziende del territorio, e destinati agli alunni delle classi terminali, La fornitura dei dati riguardanti i diplomati alle aziende che offrono impiego. g. L EDUCAZIONE MULTIMEDIALE Rilevanti sono le iniziative dell istituto, che in questo campo si avvale di attrezzature strumentali sofisticate (rete di Istituto, aule multimediali, diffusione capillare dei personal computer). Le iniziative sostenute dal POF: Le procedure con relativo corso tenuto da docenti interni accreditati AICA per il rilascio della Patente Informatica Europea,L allestimento e la manutenzione della Rete di Istituto,La gestione del sito. La navigazione gratuita in Internet da parte di alunni e docenti, di cui si è già detto; Altre voci importanti di questo capitolo sono l informatizzazione dei servizi di segreteria e di gestione, e l uso quotidiano dell informatica nella didattica. h. LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE DEGLI ALUNNI In questo settore l offerta è molto varia ed articolata, e tende a valorizzare, in un ottica di centralità dell alunno il suo senso di appartenenza alla scuola e le sue personali attitudini o conoscenze. Qui ci si limita ad un elenco delle iniziative: Partecipazione a gare nazionali (Olimpiadi di Matematica, Informatica, Concorso Kangarou). i. L ATTIVITA SPORTIVA E costantemente seguita ed organizzata dai docenti della specializzazione, e riscuote grande interesse e partecipazione da parte degli alunni. In particolare: La partecipazione a gare sportive, Campionati Studenteschi,Tornei. l. VIAGGI DI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Fanno parte della programmazione didattica, e come tali vengono programmati dai Consigli di Classe nelle riunioni preliminari. m. ATTIVITA DI SUPPORTO Queste attività, importanti, si riferiscono all attività di supporto alla gestione della scuola 2 Collaboratori del D.S.,Responsabile del Corso Serale, Supporto al Responsabile del Corso Serale, al lavoro di elaborazione di nuovi programmi o commissioni:formazione classi,orientamento, docenti di supporto alle Funzioni Strumentale (n.12), disciplina per l applicazione del regolamento, particolari forme di coordinamento del CdC (tutor), tutors per docenti neo-immessi in ruolo, coordinatori dipartimenti, commissione viaggi, referente all immagine dell istituto e rapporto con la stampa, responsabile fumo, manutenzione software uffici e laboratori, coordinatori dipartimenti, commissione orario delle lezioni, responsabile Ufficio Tecnico, responsabile attività pomeridiane, responsabile della gestione dei corsi di recupero, progetti idei/aidei, partecipazione ai concorsi ed alle olimpiadi ecc. politica della qualità.tali attività trovano sostegno nel Fondo per il miglioramento dell offerta formativa. La Giunta visto il POF a.s. 2010/2011,visto il piano delle attività 2010/2011, vista la comunicazione del Direttore sga, all unanimità dei presenti delibera di proporre al CdI di approvare le attività da incentivare con il fondo di istituto a.s. 2010/ FUNZIONI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Le funzioni delegate al Consiglio di Classe per l A.S. 2009/10 sono le seguenti: con delega a presiedere l adunanza in assenza o impedimento del Dirigente Scolastico per tutto il corrente anno scolastico 2008/09 con i seguenti compiti: 1. Segnala alle F.S. area 3 (), allo Staff della Presidenza e alle famiglie per il tramite dell Ufficio di Segreteria Area Didattica, l assenza continuativa degli studenti sopra i 5 giorni di lezione e verifica la regolarità della frequenza scolastica degli alunni, informa la presidenza, e la F.S. area 3, qualora permanga una frequenza irregolare, cura lo svolgimento dei procedimenti disciplinari di competenza del consiglio, nel rispetto del regolamento di istituto, promuove tutte le iniziative previste dal piano di lavoro del CdC per limitare l abbandono e l insuccesso scolastico, convoca i genitori dei ragazzi in difficoltà, 2. È responsabile del monitoraggio e del controllo di efficacia delle attività e degli obiettivi programmati in raccordo con la Funzione Strumentale Area 1; 3. Svolge un controllo periodico del registro di classe, per rilevare l andamento di assenze e ritardi e, segnalare alla Presidenza le assenze prolungate e/o sospette e i ritardi reiterati; 4. Segue l evoluzione dello studio individuale degli studenti con particolari e gravi difficoltà di apprendimento; Risultati attesi: coinvolgimento delle famiglie riduzione della dispersione scolastica riduzione numero degli insuccessi scolastici riduzione della dispersione formativa ri-orientamento verso altre scuole e percorsi formativi paralleli miglioramento delle competenze di base e trasversali, oltre che disciplinari relative alle indicazioni ministeriali riguardanti i quattro assi culturali. riduzione dei conflitti fra pari e con gli adulti miglioramento della consapevolezza della propria scelta e del proprio percorso formativo 12

13 OBIETTIVI E COMPITI DEI SEGRETARI DEI CONSIGLI DI CLASSE Obiettivo: 1-documentare le attività del Consiglio di Classe; Compiti: -1 verbalizza le riunioni del C. di C. entro tre giorni dallo svolgimento; -2 verbalizza le riunioni di scrutinio il giorno stesso del suo svolgimento; 13

14 Direttore dei servizi generali ed amministrativi è il Sig. Felice Lagala Il personale ATA con l autonomia scolastica assume particolare importanza per il ruolo di supporto funzionale a tutte le attività dell Istituto relative gestione amministrativa, contabile e dei servizi tecnici e ausiliari. Si rende necessario, pertanto, l individuazione del personale al quale assegnare compiti specifici (ex funzioni aggiuntive) per la valorizzazione delle professionalità, che comportano l assunzione di ulteriori responsabilità. Tali funzioni verranno assegnate in base alle disponibilità ad assumere l incarico dichiarate dallo stesso personale Sezione personale ATA Direttore dei servizi generali e amministrativi Le funzioni sinteticamente sono: - organizzazione dei servizi amministrativi; - responsabilità diretta degli atti amministrativo-contabili e di economato; - coordinamento e vigilanza del personale addetto al servizi amministrativi e generali; - rilascio di certificazioni, di estratti e di copie; - predisposizione e cura tecnica del bilancio dell'istituto Assistente Amministrativo Le mansioni sinteticamente sono: - attività di diretta ed immediata collaborazione con il responsabile amministrativo; - archivio e protocollo; - predisposizione, istruzione e redazione degli atti amministrativo-contabili; - custodia, verifica, registrazione delle entrate e delle uscite del materiale di magazzino con relativa distribuzione; - rapporti con l'utenza; - supporto amministrativo al personale docente per: progettazione e realizzazione di iniziative didattiche decise dagli O.O.C.C.; - sostituzione del responsabile amministrativo in caso di assenza o impedimento Segreteria Didattica Nell'ufficio confluiscono tutte le procedure relative all'intero curriculum scolastico degli alunni e tutte le pratiche di supporto alla didattica. Sono individuati i tempi per le pratiche più comuni: - iscrizioni all'atto della presentazione della domanda; - rilascio certificati; Segreteria del personale L'ufficio si occupa della corretta gestione di tutte le pratiche inerenti il personale in servizio, compresa la gestione del controllo automatizzato delle presenze. Sono individuati i tempi per le pratiche più comuni: - certificati di servizio: entro tre giorni dalla richiesta; - Chiamata supplenti: nel più breve tempo possibile; - fascicoli personali: costantemente aggiornati; - assenze: il registro è costantemente aggiornato in modo da permettere un controllo immediato Protocollo Il servizio di protocollo non è solo semplice registrazione della posta in arrivo ed in partenza ma è strettamente collegato ai rapporti con l'utenza, con il personale e con gli uffici di controllo Segreteria amministrativa Nell'ufficio confluiscono tutte le esigenze amministrativo-contabili.inerenti il funzionamento dell'istituto compresa la gestione delle competenze al personale e la gestione delle pratiche del personale dal punto dì vista economico. Il personale addetto collabora con il Responsabile amministrativo per la corretta gestione dei bilancio. 14

15 0.2.7.Magazzino L'ufficio lavora in stretta collaborazione con l'ufficio tecnico e l'ufficio ragioneria ed ha contatti con tutto il personale docente e A.T.A. Si occupa della verifica, custodia, registrazione delle entrate e uscite del materiale Responsabile Ufficio Tecnico L'ufficio tecnico raccoglie e coordina le richieste di acquisto e manutenzione provenienti da tutti i settori dell'istituto; predispone i conseguenti piani di intervento finanziario da sottoporre alla Giunta Esecutiva ed al Consiglio di istituto, acquisisce i preventivi e prepara gli atti per la comparazione e il successivo acquisto. L'ufficio esprime pareri sulle materie dl propria competenza, raccoglie la documentazione in un "archivio tecnico" a disposizione dell'utenza. All'ufficio tecnico, che dipende direttamente dal Dirigente è preposto un docente diplomato dell'area elettronica con funzione di supporto ai docenti nella predisposizione dei piani acquisto, e di consulenza tecnica generale per l'attività mministrativo - gestionale della scuola. Sovrintende al piano acquisti Partecipa alle riunioni dei Responsabili di Dipartimento per le scelte operative di indirizzo tecnico (tagli alle richieste del piano acquisti ) Cura i rapporti con le ditte fornitrici per ottenere i preventivi dei costi delle attrezzature e del materiale Partecipa alle commissioni per gli acquisti e compila i verbali di scelta evidenziando la scelta più conveniente in funzione dei costi e delle prestazioni, a seguito esame del prospetto comparativo delle offerte, per la presentazione alla Giunta Esecutiva ed al Consiglio d Istituto Collabora con l Ufficio acquisti fornendo consulenza tecnica per gli acquisti ordinari o urgenti Coordina il lavoro degli Assistenti Tecnici Esegue i collaudi delle nuove apparecchiature con i Direttori dei laboratori e gli Assistenti tecnici per verificare, in particolare, il rispetto delle normative vigenti in materia antinfortunistica Provvede alla riparazione delle apparecchiature in Istituto o presso ditte esterne e vista i preventivi di spesa prima della compilazione del buono d ordine Controlla le licenze d uso del software e le garanzie delle nuove apparecchiature Redige il calendario per il controllo inventariale di tutti i reparti e partecipa allo stesso, ogni fine A.S.. Collabora con il Direttore di laboratorio per l apertura della procedura di radiazione di eventuali strumenti obsoleti Provvede al coordinamento per piccoli interventi di manutenzione dell edificio con il supporto dei Collaboratori scolastici o degli Assistenti tecnici E consegnatario della strumentazione a carico dell U.TE. (fotocopiatrici, televisori, strumentazione audio-visiva, etc), per quanto ogni fine A.S. firma le schede partitarie relativi. Segnala agli organi competenti della Provincia eventuali modifiche strutturali degli impianti da realizzare o interventi urgenti da effettuare Svolge attività di consulenza tecnica per il personale Docente e A.T.A. Partecipa, quando invitato dal Dirigente Scolastico, ai lavori della Giunta Esecutiva Partecipa al Collegio Docenti, in quanto Insegnante Tecnico Pratico distaccato annualmente presso l U.TE. E coadiuvato nell UTE da una figura aggiuntiva del personale ATA (Assistente tecnico) Assistente Tecnico (area funzionale dei servizi tecnici) Le mansioni sinteticamente sono: - attività di supporto tecnico alla funzione docente relativamente alle attività didattiche e alle connesse relazioni con gli studenti; - conduzione tecnica dei laboratori, officine e reparti di lavorazione garantendone l'efficienza e la funzionalità; - riordino e conservazione del materiale e delle attrezzature tecniche; - collaborazione con l'ufficio tecnico per acquisti attrezzature e loro collaudo Collaboratore scolastico (AREA FUNZIONALE DEI SERVIZI AUSILIARI Le mansioni sinteticamente sono: 15

16 - sorveglianza e vigilanza sugli alunni nelle aree comuni ed in caso di momentanea assenza dell'insegnante; - accoglienza e sorveglianza nei confronti del pubblico; - collaborazione con i docenti e gli uffici; - pulizia dei locali dell'istituto, degli spazi scoperti e degli arredi; - servizio di apertura e chiusura dell'istituto, portineria e centralino; - compiti di carattere materiale compresi piccola manutenzione e spostamento delle suppellettili; - servizi esterni; - accompagnamento degli alunni anche in luoghi esterni all'istituto Centralino telefonico Il servizio di centralino è garantito per l'intero orario di apertura, compreso il turno serale. L'Istituto assicura all'utenza la tempestività del contatto telefonico. L'addetto al centralino passerà le telefonate alla persona o all'ufficio in grado di fornire le informazioni richieste. 16

17 Cap. 1. Cenni storici 17

18 L'Istituto Tecnico Industriale "Eugenio Barsanti" nacque nel 1959 quando, con l'istituzione di due prime classi, venne creata a Pomigliano d'arco una sezione staccata dell' Istituto Tecnico Industriale "Leonardo da Vinci" di Napoli. La creazione di questa sede staccata derivava dalla necessita di offrire al territorio del maggior polo industriale del Mezzogiorno, un'istituzione scolastica che preparasse i tecnici per la rinata industria del dopoguerra in previsione di quello sviluppo che avrebbe portato al boom economico degli anni '60. L'Istituto divenne autonomo nell'a.s 1962/63 e i primi esami di maturità per periti meccanici furono brillantemente sostenuti dagli allievi dell'unica quinta nell'estate Con l'a.s, 1964/65 al corso diurno venne affiancato il corso serale per far fronte alle necessità delle locali industrie di qualificare maggiormente il proprio personale tecnico. Nell'a.s, 1966/67, all'indirizzo meccanico venne affiancato l'indirizzo elettrotecnico. Con l'a.s. 1978/79, l'amministrazione Provinciale portò a compimento la realizzazione dell'attuale sede in Via M. Leone che rappresenta, ancora oggi, una delle strutture architettoniche più valide realizzate nel corso degli anni sul territorio campano e nazionale. Nell'a.s. 1986/87, fu istituita la sezione elettronica per rispondere alle mutate esigenze dell'industria e per offrire ai giovani una scelta più ampia nel sempre più competitivo e difficile mondo del lavoro. Con l'a.s, 1994/95 sono stati istituiti corsi Post-Diploma aperti ai giovani diplomati degli Istituti Tecnici e Professionali, finalizzati ad una maggiore qualificazione della preparazione professionale. Nel corso degli anni l'istituto ha rappresentato, per la modernità e l'attualità dei laboratori, per la professionalità della classe Docente e per il costante riferimento all evoluzione tecnologica e alle esigenze anche sociali del territorio un riferimento certo per la preparazione dei giovani al mondo del lavoro e per la loro formazione umana e culturale. Le nuove opportunità offerte al Sistema-Scuola italiano, negli anni 1999/2000, dall'introduzione dell'autonomia (D.P.R. 275/99) in ogni parte della sua attività culturale, educativa e formativa, sono state colte dall'i.t.i.s. "E. BARSANTI" come possibilità di incremento delle proprie potenzialità interne, di allargamento della funzione di erogazione di servizi, nell ottica dei nuovi rapporti scuola-impresa che hanno aperto nuovi orizzonti e nuovi modi di interpretare la gestione scolastica. Infatti se consideriamo che i nuovi processi produttivi (teoria della flessibilità) hanno portato le industrie alla ricerca di nuovi quadri intermedi, capaci di ridurre i tempi nel passaggio dalla fase progettuale a quella produttiva e se, consideriamo che la scuola adeguerà i propri programmi in tempo reale, alle esigenze dettate dall'avanzamento tecnologico, allora possiamo realmente considerare la gestione scolastica in modo nuovo, cioè come scuola-impresa e in particolare come impresa di servizi avanzati a tutte le economie esterne e quindi all intero sistema economico-produttivo nazionale, con la programmazione di nuovi curriculi per nuove figure professionali. L'istituto è oggi impegnato ad orientare l'offerta Formativa, verso obiettivi che assumono le varie forme di domanda da parte del territorio in materia del sapere, del saper essere e del saper fare. Tale irreversibile direzione di marcia sta determinando una specifica "interpretazione" della formazione professionale, rendendola coerente con la flessibilità del lavoro, con i piani per l'occupazione dei giovani, con i settori economici emergenti. In riferimento ai nuovi rapporti con l esterno, l Istituto è diventato polo culturale di riferimento per le sue strutture e luogo di attrazione e di socializzazione sia per attività professionalizzanti, sia per attività extrascolastiche (teatro, lettura, musica...), ritenute funzionali al recupero dell'abbandono scolastico e necessarie a prevenire il disagio giovanile. A breve termine l Istituto si propone la riqualificazione degli spazi esterni mediante la ristrutturazione della copertura di tutto l edificio, destinato ad Aule / laboratorio. Tale ristrutturazione, secondo la normativa 626/94 sulla sicurezza, consentirà il recupero di ampi spazi nei quali sarà possibile operare pienamente nell ambito di tutte le Specializzazioni. STRUTTURA E RAGGIUNGIBILITA L Istituto ha un unica sede che ospita il Corso Diurno e il Corso Serale. Il complesso edilizio è formato da un corpo centrale comprendente un ampio spazio scenico con platea e gradinate, aule normali (N 47) aule speciali (N 10), Biblioteca con sala riunioni, uffici amministrativi, posto di ristoro, servizio di telefonia pubblica, infermeria. In un edificio a parte, ma con collegamento interno coperto, sono allocate due palestre coperte, recentemente ristrutturate, dotate di servizi igienici, docce, gradinate, regolamentari per lo svolgimento di gare ufficiali di pallavolo, pallacanestro, ginnastica, attrezzistica. 18

19 In un altro edificio sono allocati dieci laboratori di indirizzo (Elettronica e Telecomunicazioni, Elettrotecnica ed automazione, Meccanica), Museo didattico, Magazzino. Sito in via M. Leone,105, l Istituto è raggiungibile tramite il sistema stradale ed autostradale, la linea ferroviaria Circumvesuviana, i pullman CTP e della stessa Circumvesuviana. 19

20 Cap 2. Piano dell Offerta Formativa anno scolastico 2010/2011 Analisi ricognitiva : contesto territoriale contesto utenza 20

21 2.1. Vocazione e finalità dell Istituto L Istituto tecnico E. Barsanti rappresenta nel territorio una scuola moderna e al passo con i tempi, capace di offrire agli studenti una buona preparazione culturale e professionale, con la quale proporsi alla Società odierna in maniera produttiva ed immediatamente operativa sia rispetto all inserimento professionale e sia rispetto al proseguimento degli studi. La formazione tenderà a sviluppare la: Dimensione etico-sociale e formativa, promuovendo negli alunni la crescita di una dimensione umana, basata sul senso civico, sulla legalità e sul rispetto dei diritti fondamentali dell uomo e del cittadino. Dimensione culturale e professionale con l acquisizione di una preparazione di base spendibile, anche a livello europeo, sia per il proseguimento degli studi universitari sia per l inserimento nel mondo del lavoro con competenze gestionali, multimediali e di marketing. Pertanto le finalità che si intendono perseguire sono: Formazione di personalità aperte, flessibili, risolutive e capaci di automotivazione. Formazione di periti industriali, abili, competenti e competitivi per professionalità nel campo del lavoro. Acquisizione di una preparazione culturale solida e polivalente. Il percorso formativo è articolato in un biennio propedeutico al proseguimento degli studi tecnici e in un Triennio ad indirizzo specialistico, articolato in quattro corsi: Indirizzo meccanico Indirizzo elettrotecnico ed automazione Indirizzo elettronico e telecomunicazione Indirizzo Informatica progetto Abacus Il Collegio Docenti ha proposto ed approvato, inoltre, la specializzazione di Costruzioni Aeronautiche (corso diurno) e quello di Geometra (corso serale). Il Barsanti si caratterizza anche per la formazione rivolta agli adulti mediante il Corso Serale, ad indirizzo Elettrotecnico ed automazione, e la progettualità nel campo dell Educazione permanente. Il Piano dell Offerta Formativa di seguito sviluppato, continua e amplia l opera già intrapresa negli anni precedenti, confortata dai risultati positivi riscontrati nella formazione umana, civile e professionale dei giovani e dall incremento delle iscrizioni. I fattori di riferimento cui si è ispirata l azione educativa del P.O.F. ne risultano pertanto confermati e rafforzati: qualità contesto territoriale contesto utenza aspettative utenza contesto docenti organizzazione della vita scolastica La scuola si pone come servizio di formazione educativa, culturale e professionale e si rivolge a cittadini in fase di sviluppo e crescita fisica, psichica, affettiva, sociale e culturale. Pertanto la qualità a scuola investe il servizio inteso come attivazione del processo educativo, l organizzazione e le strutture attraverso cui il servizio si esplica. La nostra scuola ha come finalità peculiari l acquisizione di competenze ed abilità professionali spendibili nel mondo del lavoro. Da quanto premesso scaturisce per l ITIS Barsanti una prospettiva pedagogica di formazione di - personalità positive - verso sé, verso gli altri e verso le istituzioni, autonome cioè capaci di automotivazione, di problem solving, di gestione relazionale, in grado di proseguire gli studi al più alto livello e/o di entrare, con qualità ed impegno, nel mondo del lavoro Il contesto territoriale Il contesto territoriale in cui è inserito l Istituto Barsanti, è caratterizzato da una eterogeneità di elementi economici e sociali. I settori economici peculiari di Pomigliano d Arco e dei comuni limitrofi sono presenti tutti: settore agricolo che comprende i comuni viciniori Acerra e Casalnuovo dove ancora è prevalente; settore industriale, produttivo, competitivo, composto da piccole e medie imprese, con industrie a carattere internazionale, Alenia, Elasis, FIAT, Alfa Avio, Pirelli, Montefibre, ENEL, Simav ed Alfa Romeo (oggi in forte crisi occupazionale) e industrie indotte; settore terziario, che già è affermato ed in espansione sia a Pomigliano che in altri comuni viciniori. Tale settore si è ultimamente caratterizzato per la diffusione dei servizi di vendita ed assistenza di computers, di servizi di cancelleria, ma anche di animazione ricreativa; diffuso è inoltre il volontariato per l assistenza agli anziani, ai tossicodipendenti ed ai disabili; numerosi sono gli Istituti di credito. 21

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015

FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16. Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 FUNZIONIGRAMMA D ISTITUTO A.S. 2015-16 Approvato dal C.d.D. del 24/09/2015 Staff del Dirigente e Funzioni strumentali al POF 2 FS1 - Qualità e valutazione di sistema Gestisce la documentazione relativa

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0

Documento Tecnico DT 06 DT 06 Rev. 0 REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO Art.1 - Identità dell Ufficio tecnico L Ufficio tecnico: 1. ha la funzione di supporto e coordinamento delle attività di laboratorio e le esercitazioni previste dai Dipartimenti,

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "EMANUELE MORSELLI INDIRIZZI: CHIMICO - ELETTROTECNICA - MECCANICA E MECCATRONICA- AGRARIA,AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA ELETTRONICA- INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

COMITATO TECNICO SCIENTIFICO 1

COMITATO TECNICO SCIENTIFICO 1 COMITATO TECNICO SCIENTIFICO 1 Premessa La riforma dell'istruzione superiore, in via di attuazione, si articola su due aspetti strategici per gli Istituti Tecnici: l'aggiornamento delle metodologie didattiche

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE SANDRO PERTINI. Regolamento Dipartimenti Disciplinari e del Comitato Tecnico Didattico

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE SANDRO PERTINI. Regolamento Dipartimenti Disciplinari e del Comitato Tecnico Didattico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE SANDRO PERTINI Regolamento Dipartimenti Disciplinari e del Comitato Tecnico Didattico Regolamento generale per i Dipartimenti disciplinari e del Comitato Tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO

REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO PREMESSA L'art. 4, comma 3, dei regolamenti di riordino degli istituti tecnici e degli istituti professionali (d.p.r. nn. 87 e 88 del 15.3.2010) prevede che il settore

Dettagli

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO

Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Allegato 4 al PTOF PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO A.S. 2015/16 INDIRIZZO ALBERGHIERO Codice Meccanografico istituto principale: CLTD00701D Codice meccanografico secondario (risultante da organico) CLPS00701N

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

IPS S. D Acquisto Bagheria

IPS S. D Acquisto Bagheria IPS S. D Acquisto Bagheria Anno scolastico 2015 2016 PIANO DELLE ATTIVITÀ COLLEGIALI DEI DOCENTI CON RELATIVI IMPEGNI AL PERSONALE DOCENTE AGLI ALUNNI E LORO GENITORI AL DSGA INIZIO ANNO SCOLASTICO CLASSI

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO

REGOLAMENTO DELL UFFICIO TECNICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Luigi Russo Liceo Linguistico Tecnico Tecnologico Chimica, Materiali e Biotecnologie Sanitarie Tecnico Economico Amministrazione, Finanza e Relazioni Internazionali

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico

Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico Prot.7767/A01 Correggio, 09/09/2013 Il Dirigente Scolastico - Visto l art. 8, comma 7, del regolamento relativo all istruzione professionale (DPR 15/03/2010, n. 87) - Vista la Direttiva Ministeriale n.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013

Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013 Circolare interna n. 3 Bisceglie, 3 settembre 2013 Oggetto: Istanze FF.SS. a.s. 2013/2014 Ai Sigg. Docenti Al sito web All ALBO S E D I di BISCEGLIE E TRANI Si comunica che le istanze, corredate dai curricula,

Dettagli

Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015

Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015 Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015.

OGGETTO : Comunicato impegni inizio settembre 2015. Prot. N 4024/C23 Ariano Irpino 26/08/2015 A tutti i docenti dell IISS Ruggero II Loro sedi Per quanto di competenza alla DSGA Al personale ATA Al sito internet dell Istituto OGGETTO : Comunicato impegni

Dettagli

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO

Prot.n.2638 Palau 7 Ottobre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO M.I.U.R. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA ISTITUTO COMPRENSIVO Anna Compagnone SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA 1 GRADO Via del Faro N 1 0 7 0 2 0 P A L A U Tel. 0789-70 95 40 fax

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.

INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7. www.iacpignataromaggiore.it Proc.09 Stesura del POF INDICE 1.SCOPO 2.CAMPO DI APPLICAZIONE 3.RESPONSABILITÀ 4.DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5.INDICATORI DI PROCESSO 6.RIFERIMENTI 7.ARCHIVIAZIONI SCOPO Questa

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE Liceo delle Scienze Umane - Liceo Economico Sociale Vittorio Emanuele II - JESI -

LICEO CLASSICO STATALE Liceo delle Scienze Umane - Liceo Economico Sociale Vittorio Emanuele II - JESI - Prot. n. 5866/C16a Jesi, 13/10/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA

AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA Prot. n. 7937/FP del 20/11/2015 Genova, lì 16 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali

Compiti e funzioni delle Funzioni Strumentali AREA 1: Gestione del piano dell Offerta Formativa e delle azioni di Autovalutazione* Coordinamento, monitoraggio e valutazione delle attività del POF Coordina la stesura, la gestione, l aggiornamento,

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

Prot n.4230/a22 Brembate, 23/09/2015. e p.c. Al Consiglio d Istituto Ai genitori al DSGA al personale ATA Atti Sito web

Prot n.4230/a22 Brembate, 23/09/2015. e p.c. Al Consiglio d Istituto Ai genitori al DSGA al personale ATA Atti Sito web Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Brembate Sotto Via Oratorio n. 14 24041 BREMBATE (BG) Tel: 035 801047 035 801447 - Fax: 035 4874731 info@icbrembate.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA

+ Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA + Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo sviluppo dell istruzione PROTOCOLLO D INTESA tra il Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca, nel seguito denominato

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 4726/A19 Calolziocorte, 30/09/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE

REGOLAMENTO VIAGGI D ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE Prot. N.2208/C37 del 6/06/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FABRIZIO DE ANDRE Via Fucini, 48 56026 S. Frediano a Settimo (Pisa) Tel 050-740584 - Fax 050-748970 Codice fiscale 81002920502 PIIC83900T@istruzione.it

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

OPERATORE ELETTRONICO

OPERATORE ELETTRONICO CONSORZIO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE E PER L EDUCAZIONE PERMANENTE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, che organizza, in diversi settori

Dettagli

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità

Funzione Strumentale n. 1: P.O.F. / Diffusione della cultura della qualità Circolare n. 31 del 24/09/2014 Inoltro telematico a fiis00300c@istruzione.it in data 24/09/2014 Pubblicazione sul sito web (sezione Circolari / Comunicazioni DS) in data 24/09/2014 OGGETTO: Presentazione

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Volterra - Elia. Via Esino, 36-60126 Torrette - Ancona - C.F. 80011010420 C. Ministeriale: ANIS014007

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Volterra - Elia. Via Esino, 36-60126 Torrette - Ancona - C.F. 80011010420 C. Ministeriale: ANIS014007 R0 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Volterra - Elia Via Esino, 36-60126 Torrette - Ancona - C.F. 80011010420 C. Ministeriale: ANIS014007 Tel. 071883997 - Fax 071887184 - e-mail: direzione@istitutovolterraelia.it

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^

Istituto Tecnico Commerciale GUGLIELMO OBERDAN. 2. Competenze - Abilità - Conoscenze da acquisire in classe 3^ Format progetto Alternanza Scuola Lavoro Anno Scolastico 2011-12 Attività previste per il percorso da realizzare nella fase di sensibilizzazione per le classi 2^ L attività di alternanza è prevista su

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale

Investimento sull istruzione e formazione dei giovani Articolazione unitaria del sistema libertà di scelta Flessibilità strutturale Investimento sull istruzione e formazione dei giovani per favorire la crescita personale, culturale e professionale in linea con le politiche del capitale umano, assicurando loro conoscenze, abilità, capacità

Dettagli

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015

Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 Prot. n. 6408/C23 Viareggio 13 novembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO LINGUISTICO DI ATENEO (approvato nella seduta del CdA del 22 marzo 2011 - modificato con delibera n. 5 del S.A. del 08/05/2012) Art. 1 Definizione 1

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITA MODALITÀ DI RECUPERO Pag. 1 di 8 Modalità di recupero Copia N. controllata non controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto del

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PIANO DI PROGETTO Accoglienza e riorientamento Fucile Ornella (in collaborazione con Dario D'Andrea - dirigente scolastico) STUDENTI CLASSI PRIME; STUDENTI PROVENIENTI DA ALTRI PERCORSI

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PROGETTO OUT Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI Studentesse e studenti del IV e V anno dell Istituto DESTINATARI Docenti di scienze sociali

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

All'albo della scuola e sul sito web

All'albo della scuola e sul sito web Prot. n. 4684 Roma, 28 settembre 2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E p.c. Al Consiglio d istituto Alle famiglie Agli alunni Al personale ATA All'albo della scuola e sul sito web OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO DEL

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero

LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Legge 107 del 13 luglio 2015 - Elena Centemero LEGGE 107/2015 Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione 1 FINALITA Dare piena attuazione all autonomia Innalzare i livelli di istruzione e le competenze Contrastare le disuguaglianze Prevenire

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE

O.D.G. COMPONENTI SCANSIONE CALENDARIO ATTIVITA anno scolastico 2015-16 Suddivisione anno scolastico Primo quadrimestre: 14 settembre 23 gennaio Secondo quadrimestre: 25 gennaio 8 giugno DATA TIPO di RIUNIONE 1 settembre Collegio

Dettagli

Comitato di Valutazione

Comitato di Valutazione pag.1 di6 3.1- STRUTTURA ORGANIZZATIVA L' organizzazione dell Istituto, è illustrata nell organigramma riportato nella Fig. 3-1. I compiti e le responsabilità dei vari Enti-Funzioni sono definite nel paragrafo

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

I nuovi Istituti Tecnici

I nuovi Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti Tecnici ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla legge 6

Dettagli

Prot. 2168/B15 Magnago lì 20/09/2015

Prot. 2168/B15 Magnago lì 20/09/2015 Istituto Comprensivo Ada Negri Via Don Milani, 3 20020 Magnago (MI) C. F. 93018880158 cod. mec. MIIC84200D Tel. 0331658080 Fax 0331659612 Posta Elettronica Certificata: MIIC84200D@pec.istruzione.it Prot.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3

MANUALE DELLA QUALITA MQ SEZ. O5 Allegato 3 1 di 6 Alta Direzione (DS) DS, nell'ambito dei poteri conferitigli dalla normativa vigente, esercita un'attività di coordinamento dei servizi erogati dall Istituto, in esecuzione delle politiche e degli

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

VI. RISORSE PROFESSIONALI

VI. RISORSE PROFESSIONALI VI. RISORSE PROFESSIONALI 1. Il personale di Istituto Dirigente Scolastico Reggente: ing. Carlo Giustizia Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi: Elisabetta Riva Collaboratori del dirigente scolastico.

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI

ALLEGATO B. D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI ALLEGATO B D.I. n. 436/2000 artt. 1 e 4 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI 2 I PERCORSI FORMATIVI PER ADULTI OCCUPATI Le caratteristiche strutturali dei percorsi dell IFTS (modularità, unità capitalizzabili,

Dettagli

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013

I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri F. Brunelleschi Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 I.I.S. F. Brunelleschi - L. Da Vinci Istituto Tecnico per Geometri "F. Brunelleschi" Corso Serale SIRIO Frosinone A.S. 2012-2013 PRESENTAZIONE DEL CORSO SERALE PROGETTO SIRIO Il CORSO SERALE A partire

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi

REGOLAMENTO del Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Centro Territoriale di Supporto Alceo Selvi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PIAZZA MARCONI - VETRALLA P.

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA fra la Città di Torino e l Ufficio scolastico territoriale di Torino per lo sviluppo dei tirocini formativi e l avvicinamento all attività di alternanza scuola-lavoro L Ufficio scolastico

Dettagli

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI

5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI 5.3. INCARICHI E COMMISSIONI SCOLASTICHE INCARICHI FUNZIONI STRUMENTALI: Sono funzioni strategiche nell organizzazione della scuola autonoma, che vengono assunte da docenti incaricati i quali, oltre alla

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

PROCEDURA PIANIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) E DI PROGETTAZIONE

PROCEDURA PIANIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) E DI PROGETTAZIONE PROCEDURA E DI PROGETTAZIONE Pag. 1/13 LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0/000 16-02-04 01 01.10.09 Pag. 2/13 Indice della Procedura 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

PIANIFICAZIONE,EROGAZIONE E CONTROLLO SERVIZI

PIANIFICAZIONE,EROGAZIONE E CONTROLLO SERVIZI ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO PARITARIO (D.D. n. 799 dell 11.12.2003) Via Brambilla,15 21100 Varese TEL 0332-286367 FAX 0332-233686 www.istitutodefilippi.it www.defilippivarese.it segreteria@istitutodefilippi.it

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO ALLEGATA AL PROGRAMMA ANNUALE ANNO FINANZIARIO 2015 Il programma annuale è direttamente raccordato al Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) e traduce, in

Dettagli

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015

Oggetto: Convocazione Collegio dei Docenti Unitario n.1 e n.2 Settembre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORBOLO Via Garibaldi,29 43058 SORBOLO (PR) Tel 0521/697705 Fax 0521/698179 e-mail: pric81400t@istruzione.it pric81400t@pec.istruzione.it http://icsorbolomezzan.scuolaer.it codice

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

Circ. n. 38 Chivasso, 12/11/2015 Ai docenti dell istituto interessati alla presentazione domanda ammissione F.S.

Circ. n. 38 Chivasso, 12/11/2015 Ai docenti dell istituto interessati alla presentazione domanda ammissione F.S. Circ. n. 38 Chivasso, 12/11/2015 Ai docenti dell istituto interessati alla presentazione domanda ammissione F.S. Oggetto: Domanda disponibilità per FUNZIONE STRUMENTALE AL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS)

AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE DELLA QUALIFICA DI OPERATORE SOCIO SANITARIO (OSS) ASSESSORATO COORDINAMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ALLO SVILUPPO, SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITÀ E RICERCA, LAVORO AZIONI RIVOLTE AI DIPLOMATI TECNICO DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE POLO TECNICO DI ADRIA Comma 1 (finalità della legge): affermare il ruolo centrale della scuola nella societa della conoscenza innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone

Dettagli

CONVENZIONE tra l I.P.S. FILOSI. ... (nome dell azienda)

CONVENZIONE tra l I.P.S. FILOSI. ... (nome dell azienda) Terracina Prot. n CONVENZIONE tra l I.P.S. FILOSI E.... (nome dell azienda) Premesso che: L art.7 del D.P.R. 275/99 (Regolamento Autonomia delle istituzioni scolastiche), consente accordi, protocolli e

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

Liceo Scientifico A. Calini

Liceo Scientifico A. Calini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico A. Calini Via Monte Suello n. 2 - Brescia Prot. n. 3202/C22 Brescia, lì 01/10/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO

Dettagli

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera

Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto Murolo Laura Pennisi Angelo Petralia Venera Docenti: Gruppo N. 4 Gruppo di lavoro per la progettazione di Alternanza Scuola Lavoro costituito da: Scandura Rosaria Palazzo Agata Torrisi Silvana Portuese Ferdinando Giannotta Corrado Colombo Concetto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 ssmellon@scuole.pr.it www.itcmelloni.it ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "ANTONIO GRAMSCI" Albano/Pavona ANNO SCOLASTICO 2014/15 Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente PREMESSA La formazione e l aggiornamento

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli