CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Gestione di servizi integrativi al nido-spazio bambini bambine PAC Primo Riparto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Gestione di servizi integrativi al nido-spazio bambini bambine PAC Primo Riparto"

Transcript

1 COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) ISTITUZIONE SOCIALE BAIANESE VALLO di LAURO Organismo di gestione del Piano di zona sociale L.n. 328/00 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Gestione di servizi integrativi al nido-spazio bambini bambine PAC Primo Riparto CAPITOLO I ASPETTI PROCEDURALI art.1 Oggetto dell'appalto Costituisce oggetto del presente capitolato la gestione di attività educative a favore dei minori residenti nei Comuni afferenti all Ambito A6 della Regione Campania. L'appalto è finanziato con le risorse derivanti dal Piano di Azione Coesione, Piano di intervento servizi di cura per l infanzia primo riparto del programma servizi di cura. Le relative attività dovranno essere attuate secondo i criteri generali di intervento di cui alle ulteriori modalità e specifiche tecniche di seguito definite. L importo complessivo dell'appalto a base d asta ammonta a ,98 al netto di IVA 4%. Nella somma a base d asta vanno incluse: spese per gli operatori impegnati e le spese per oneri gestionali ed organizzativi. Il servizio verrà affidato in presenza e nei limiti dei finanziamenti P.A.C. (Primo riparto). art. 2 Tipo di gara Il sistema di affidamento della gestione del servizio è quello di cui al Codice dei contratti pubblici approvato con D.Lgs. n.163/2006, in conformità agli artt. 5 e 6 del DPCM 30/3/2001, fermo restando quanto stabilito dall art. 11 della L.328/2000, secondo gli indirizzi emanati dalla Regione Campania con la deliberazione di Giunta Regionale n del 15/03/2002, sulla base della valutazione della formazione, qualificazione ed esperienza professionale degli operatori, nonché dell esperienza maturata nel settore e nei servizi di riferimento, tenendo conto della qualità economica, della qualità organizzativa e della qualità del servizio previsto in progetto. art. 3 Corrispettivi e modalità di pagamento I corrispettivi saranno erogati con apposito provvedimento a firma del Direttore dell Istituzione sociale Baianese-Vallo di Lauro mediante mensilità posticipate dietro presentazione di idoneo documento contabile con allegata distinta delle prestazioni effettuate recante l indicazione delle ore effettuate e di quelle residue. Il Direttore dell Istituzione procederà alla liquidazione con apposita determina entro 30 gg. dalla presentazione della suddetta documentazione, fatti salvi gli accrediti da parte del Ministero dell Interno relativamente ai fondi derivanti dalla misura P.A.C. Nei corrispettivi si intendono compresi e compensati tutti gli oneri di cui al presente Capitolato, tutto incluso e nulla escluso, per l esecuzione del servizio in parola. Nei costi sono compresi: Retribuzione del lavoro degli operatori; Spese generali, ecc.; acquisto beni strumentali. art. 4 Durata dell appalto 1

2 La durata del servizio è dalla data di affidamento fino al 30 giugno 2016 presso la sede messa a disposizione dall Ambito A6. Il rinnovo contrattuale sarà consentito in conformità alle norme vigenti. Eventuali ritardi nell inizio delle attività, conseguenti alle necessarie procedure amministrative, non potranno, ad alcun titolo, essere fatti valere dall organismo aggiudicatario. art. 5 Organismi ammessi a partecipare Sono ammessi a partecipare esclusivamente i soggetti del terzo settore di seguito indicati, come individuati nella citata delibera n.1079 della G.R. della Campania : organismi della cooperazione ; cooperative sociali; fondazioni; enti di patronato; tutti, comunque, aventi come finalità statutaria gli interventi di natura sociale e/o assistenziale e senza fini di lucro. Non possono concorrere direttamente al presente appalto le organizzazioni del volontariato di cui alla legge quadro n.266/1991 ed alla L.R. della Campania n.9/93. art. 6 Requisiti necessaria per partecipare alla gara I soggetti che intendono partecipare alla gara devono, a pena di esclusione, possedere i seguenti requisiti: a) L iscrizione all Albo regionale delle Cooperative sociali; b) Iscrizione per idonea attività alla C.C.I.A.A; c) Solidità economica e finanziaria, certificata dal bilancio o da idonea garanzia bancaria da correlarsi alla natura e alle dimensioni dei servizi da affidare in gestione; d) Fatturato complessivo dell ultimo triennio, in servizi analoghi, pari almeno all importo a base di gara; e) Disponibilità delle figure professionali richieste per l espletamento del servizio f) Impegno a stipulare polizze assicurative per la responsabilità civile delle attività prestate; g) L inesistenza delle cause di esclusione di cui all art. 38 del D.Lgs n.163; Per i Consorzi: Nel caso in cui non intenda svolgere direttamente il servizio il Consorzio dovrà, a pena di esclusione, indicare quale consorziata eseguirà il servizio. Quest ultima dovrà, pertanto, possedere tutti i predetti requisiti. Per le A.T.I.: In caso di partecipazione in ATI, i predetti requisiti, devono essere posseduti singolarmente da ciascun partecipante all ATI stessa, ad accezione del requisito di cui alla lettera e) che può essere possedutoe documentato dal solo soggetto capofila. Alla presente gara è applicabile l istituto dell avvalimento nel rigoroso rispetto delle condizioni e della procedura di cui all art. 49 del D.Lgs. 163/2006. art. 7 Aggiudicazione dell appalto Il servizio sarà affidato mediante procedura aperta tenendo conto dei detti elementi: qualità economica, qualità organizzativa, qualità del servizio previsto nel progetto. L ente aggiudicatario resta vincolato fin dal primo momento all osservanza dell appalto, impegnandosi a stipulare il definitivo contratto alla data che gli sarà comunicata. L ente aggiudicatario, nel partecipare alla gara per l appalto in parola, si dichiara pienamente a conoscenza dei procedimenti amministrativi che il Responsabile del procedimento è tenuto a seguire a norma delle vigenti leggi, fino al perfezionamento dell atto finale. art. 8 Cauzione Gli Enti e/o gli Organismi, che parteciperanno all appalto, dovranno depositare cauzione provvisoria pari a 2% dell importo complessivo dell appalto. Le cauzioni provvisorie verranno restituite agli organismi non selezionati, mentre quelle dell Ente selezionato verrà trattenuta sino alla costituzione della cauzione definitiva, quantificata nella misura del 10% dell ammontare dell appalto. E consentita la costituzione della cauzione provvisoria mediante: 2

3 fideiussione bancaria presso istituti di credito autorizzati dal Ministero dell'industria e del Commercio ai sensi del D.Lgs.n.385/1993; polizza assicurativa rilasciata da impresa di assicurazione debitamente autorizzata all'esercizio del ramo cauzioni; In entrambi i casi dovrà contenere dichiarazione di impegno a sottoscrivere la cauzione definitiva in caso di aggiudicazione. Le spese contrattuali, bolli, diritti e spese di registrazione, salvo esenzioni previste dalle leggi vigenti in materia, cedono a carico degli enti aggiudicatari e dovranno essere versate unitamente alla documentazione per il contratto nel termine perentorio di giorni venti (20) dalla richiesta, pena la decadenza dall appalto. Lo svincolo della cauzione avverrà dopo la risoluzione di ogni eventuale pendenza e dopo l avvenuta regolare esecuzione del servizio. In caso di inadempimento l'ente aggiudicatario sarà considerato decaduto ed il servizio sarà aggiudicato automaticamente all offerta immediatamente successiva, fatte salve eventuali azioni di risarcimento danni nei confronti dell inadempiente. art. 9 Commissione giudicatrice Le offerte saranno valutate da apposita Commissione giudicatrice, presieduta dal Direttore dell Istituzione e composta da due esperti nominati con determinazione dal medesimo Direttore. Il giudizio della Commissione sarà emesso previa valutazione tecnico-economica delle offerte, sulla scorta dei criteri prestabiliti indicati nel bando e nel presente Capitolato speciale. art. 10 Criteri di valutazione e relativi parametri L apposita Commissione potrà attribuire un massimo di 100 punti e valuterà le offerte pervenute secondo i seguenti elementi: qualità economica: max 15 punti; qualità organizzativa : max15 punti; qualità del servizio previsto in progetto : max 40 punti. Prezzo: max 30 punti A. QUALITA ORGANIZZATIVA DELL IMPRESA: Max Punti Dotazione strumentale Punti 3 2. Curriculum della cooperativa o consorzio Punti 5 3. Qualificazione della compagine sociale (professionalità dei soci attestato da curricula) Punti 5 4. Certificazione di qualità secondo le regole UNI ISO per le attività oggetto del servizio Punti 2 B. QUALITA DEL SERVIZIO: Max Punti Capacità progettuale Punti 8 2. Esperienze e attività documentate nella gestione di servizi analoghi Punti 3 3. Modalità di collaborazione con la rete dei servizi territoriali per gli interventi sul target previsto Punti 5 4. Lettura dei bisogni sociali del territorio Punti 5 5. Qualificazione delle figure professionali già operative all interno dell impresa e monte ore disponibile all implementazione del servizio Punti metodologia di coinvolgimento degli utenti Punti 5 7. Modalità e strumenti di monitoraggio e valutazione delle attività e del grado di soddisfacimento dell utenza Punti 4 C. QUALITA ECONOMICA: Max Punti Fatturato complessivo dell ultimo triennio per servizi analoghi Punti 8 (il punteggio verrà attribuito con metodo proporzionale, al fatturato più elevato max dei punti e a scalare di 2 punti per gli importi inferiori) 2. Compartecipazione da parte del soggetto erogatore in termini di costi di realizzazione ed apporto di mezzi, strumenti e strutture utili alla realizzazione delle attività, servizi aggiuntivi ritenuti coerenti con gli obiettivi del progetto. Punti 7 3

4 D. PREZZO : Max punti 30 Determinato come definito dal vigente Regolamento per l affidamento di Servizi e Prestazioni Sociali a soggetti terzi dell Ambito. All uopo, le offerte economiche dovranno essere predisposte indicando il ribasso sull importo posto a base di gara per gli oneri di gestione ed organizzazione. Ai fini del calcolo del punteggio da attribuire al prezzo per ciascuna proposta presentata, l Ambito Territoriale, adotta la seguente formula di calcolo: valore dell offerta migliore presentata x 30 / valore dell offerta considerata Il servizio sarà aggiudicato a favore del concorrente che avrà ottenuto il punteggio complessivo maggiore dato dalla somma dei singoli elementi dell offerta considerata. L Ambito territoriale si riserva di aggiudicare l appalto anche in caso di presentazione di una sola offerta valida purché ritenuta rispondente alle caratteristiche del servizio richiesto e congrua nei valori economici offerti. In caso di parità di punteggio finale, il servizio sarà aggiudicato al concorrente che avrà raggiunto il punteggio più alto per l offerta tecnica. In caso di ulteriore parità si procederà all individuazione del vincitore mediante sorteggio. L Ambito Territoriale si riserva in ogni caso la facoltà di non dar luogo all aggiudicazione definitiva ove lo richiedano motivate esigenze di interesse pubblico. art. 11 Variazione dell importo complessivo Qualora cambino le condizioni psicofisiche degli utenti in carico, siano necessari interventi di urgenza, si verifichino accadimenti particolari e/o intervengano progettualità innovative sulla base di leggi e normative nazionali e regionali non previste, è possibile concordare variazioni in aumento o in diminuzione, di natura temporanea o definitiva, delle prestazioni richieste e, perciò, della spesa complessiva dell'appalto. Tanto potrà definirsi a richiesta del Direttore dell Ufficio di Piano, senza che l'aggiudicatario possa sollevare eccezione e/o pretendere alcuna pretesa. CAPITOLO II ASPETTI GESTIONALI art. 12 Caratteristiche del servizio Costituisce obiettivo generale della Gestione dei servizi integrativi al nido Spazio bambini/bambine: la realizzazione di servizi complementari ai nidi dai quali si differenziano perché garantiscono una risposta flessibile e differenziata alle esigenze delle famiglie e dei bambini, con orari più ridotti rispetto ai servizi tradizionali (art. 3 e 5 della Legge 285/1997). Rientrano in queste tipologie, gli Spazi per bambini e bambine. Lo Spazio bambini e bambine è un servizio con caratteristiche educative e ludiche che offre assistenza ai bambini da 12 a 36 mesi per un tempo giornaliero non superiore alle 5 ore, privo di servizio mensa e di riposo pomeridiano. Le attività sono destinate alla popolazione minorile dell Ambito territoriale A6, e rappresentano, ad un tempo, opportunità di sviluppo umano, psicologico e sociale per gli utenti ed idoneo supporto alla vita e all organizzazione familiare. Obiettivo specifico primario delle attività è fornire alle famiglie con bambini nella età della prima infanzia 12/36 mesi la possibilità di affidarli, per alcune ore al giorno, ad una struttura qualificata che assicuri, oltre alle funzioni di assistenza e custodia, la eventuale realizzazione di un programma di attività. La predetta attività è, inoltre, espressamente finalizzata ad agevolare il recupero di ruoli lavorativi attivi da parte delle donne. Per tali attività è necessario assicurare: 1) la presa in carico del minore secondo protocollo operativo; 2) attività di osservazione finalizzata alla prevenzione e alla precoce individuazione di situazione di disagio o rischio psico/sociale; 3) la cura e l ottimizzazione dei rapporti soprattutto con le famiglie dei minori presi in carico, promovendo l assunzione di ruoli partecipativi dei genitori nella definizione e nella realizzazione delle attività; 4) il costante confronto con la rete dei servizi sociali territoriali; 4

5 5) l impegno alla formazione di reti di solidarietà sociale, puntando in particolare sul ruolo del Volontariato, a supporto dell intervento educativo; I servizi appaltati dovranno assicurare una capacità organizzativa e di funzionamento coniugata con un buon impianto educativo pedagogico che permetta agli operatori di realizzare un clima di benessere e di serenità del bambino, di attenzione ai suoi bisogni di cura fisica e di sviluppo psico fisico, armonizzati in attività giornaliere che colgano i ritmi del bambino e sappiano sapientemente dosare momenti di intimità e di relazioni da parte di piccoli gruppi ed in spazi appositamente predisposti. Gli operatori dovranno inoltre caratterizzarsi per la disponibilità alla collaborazione con i genitori nel delicato compito dell'educazione dei figli. In ambito gestionale ed organizzativo saranno apprezzate impostazioni di lavoro e modalità di relazione con genitori e in generale con il contesto territoriale, finalizzate a pratiche innovative di responsabilizzazione degli utenti e di coinvolgimento degli stessi nella gestione del servizio. Altrettanto positivamente saranno colte iniziative volte a favorire nuove aperture al territorio, e in particolare al collegamento con le altre agenzie socio educative con attenzione alla valenza educativa e relazionale degli interventi. L Amministrazione si riserva, fatte salve finalità, obiettivi e parametri di riferimento da rispettare, di ridefinire le strategie di lavoro, per esigenze espresse dagli utenti e per adeguare l offerta alle reali risposte del territorio, concordandone le modalità con gli organismi attuatori. art. 13 Articolazione del servizio e destinatari Le attività descritte nell articolo precedente vengono operativamente ricondotte all attivazione di servizi integrativi al nido. I servizi integrativi al nido Spazio bambini/bambine, denominate sono destinate ad accogliere minori in età da 12 a 36 mesi, residenti nei Comuni dell Ambito A6. Il servizio di cui al presente appalto prevede l avvio di 1 (uno) servizio integrativo al nido. Il Centro realizza attività antimeridiana, per un numero medio di almeno 25 ore/settimana, erogabili nei soli giorni feriali fino al 30 giugno 2016 salvo proroga tecnica. Oltre alle funzioni proprie dell affidamento di soggetti dipendenti (cura, assistenza, custodia, etc.), il Centro dovrà assicurare un programma di lavoro in cui devono essere previste e realizzate, a specifico beneficio dei bambini/e e dei genitori: attività ludiche, ricreative, educative; attività di socializzazione e di stimolo delle capacità comunicative; attività di educazione e promozione del ruolo genitoriale; attività dirette ad ottenere la co-partecipazione dei genitori nell organizzazione e nella realizzazione degli interventi diretti ai bambini/e. Vengono definiti utenti delle strutture i bambini iscritti e le loro famiglie. L assegnazione dei posti, la gestione della graduatoria, i ritiri e le sostituzioni competono al Servizio Sociale Professionale. l Appaltatore dovrà: a) fare precedere l inserimento di ogni bambino da colloqui individuali fra genitori ed operatori affinché possa instaurarsi un rapporto di reciproca conoscenza e fiducia; b) organizzare incontri periodici (almeno tre all anno) per discutere le tematiche riguardanti il gruppo dei pari che di volta in volta si riterranno maggiormente significative; d) promuovere la partecipazione dei genitori riguardo ai contenuti educativi, culturali e sociali dei servizi e provvedere ad organizzare momenti specificatamente dedicati a ciò. L accesso ai servizi avviene con iscrizione presso il servizio sociale professionale dell Ambito A6. Il Centro garantirà la realizzazione delle attività secondo la metodologia d intervento indicata all articolo precedente. L ente aggiudicatario dovrà pertanto assicurare la fornitura di tutte le prestazioni ritenute necessarie al raggiungimento degli obiettivi, generali e specifici, del presente appalto, così come descritte nel progetto proposto alla selezione. Per il personale impegnato deve essere rispettato il rapporto minimo così come previsto dal REGOLAMENTO di attuazione della L.R. 11/2007, prevedendo di impegnare due figure educative. Alle attività potrà, altresì, partecipare personale volontario. 5

6 Gli oneri per i servizi generali e le utenze delle sedi di svolgimento delle attività cedono a carico del Comune ove è ubicato il Centro. CAPITOLO III ASPETTI ORGANIZZATIVI art. 14 Obblighi dell aggiudicatario L aggiudicatario, all atto della comunicazione dell aggiudicazione e in ragione di eventuali sostituzioni di personale, dovrà trasmettere alla Direzione dell Istituzione sociale dichiarazione attestante curriculum professionale e formativo, nonché copia del libretto di idoneità sanitaria degli operatori assunti. L aggiudicatario ed il personale utilizzato sono tenuti alla massima riservatezza in ordine a dati personali ed eventuali altre notizie afferenti l utenza. L accesso e la visione di dati memorizzati o riportati nelle schede individuali è precluso agli estranei, fatta eccezione per l Ente committente. art. 15 Rapporti con l Amministrazione L aggiudicatario, a seguito della stipulazione del contratto, diventerà il diretto interlocutore dell Amministrazione per la gestione dei servizi, indirizzando ad essa conseguentemente ogni eventuale comunicazione, doglianza o pretesa. Qualunque danno in regime contrattuale dovesse derivare a persone, ivi comprese quelle fornite dall ente e/o dall organismo aggiudicatario, o a cose, causato dal personale dell affidatario nell esercizio del presente appalto, dovrà intendersi, senza riserve o eccezioni, interamente a carico dell ente e/o dall organismo appaltatore. In particolare, qualsiasi danno, diretto o indiretto, immediato o futuro, arrecato in qualsiasi modo e/o luogo al minore, ai suoi familiari o a qualsiasi persona presente durante il tempo in cui viene svolto il servizio, sarà completamente risarcito dall ente e/o dall organismo aggiudicatario, senza alcuna possibilità di rivalsa sull Amministrazione. Pertanto, l'ente aggiudicatario dovrà provvedere a stipulare a proprie spese, entro 15 giorni dall aggiudicazione, polizza assicurativa afferente la responsabilità civile terzi ovvero relativa a danni cagionati a terzi da utenti e/o operatori del servizio in parola - per un massimale non inferiore a quello stabilito dalle norme vigenti per danni a persone e/o a cose. L'aggiudicatario dovrà altresì provvedere a stipulare idonea copertura assicurativa per gli infortuni degli utenti, nonché copertura assicurativa infortuni per il personale ed eventuali altri operatori e volontari partecipanti alle attività progettuali. In caso di danni arrecati a terzi, l ente appaltatore sarà comunque obbligato a darne immediata notizia alla Direzione dell Istituzione, fornendo per iscritto dettagliati particolari. art. 16 Coordinamento L ente aggiudicatario, attraverso l'individuazione e la nomina di un proprio referente - denominato "Coordinatore del progetto" - dovrà garantire: le funzioni di coordinamento unico delle attività progettuali e del lavoro delle singole unità di personale impiegate; la funzione di interfaccia e referente tecnico per l Ambito A6 ed i servizi sociali di base; la puntuale e regolare compilazione di relazioni di aggiornamento sulla conduzione del servizio, e, più in generale, la continuità delle informazioni circa l'andamento dello stesso a vantaggio dell Ambito o degli Enti Territoriali interessati; la promozione di reti territoriali di servizi ed attività, definendo ogni possibile sinergia con altre progettualità ed agenzie educative, presenti nell'ambito territoriale; la definizione, secondo le richieste dell Ambito A6, di opportuni momenti di verifica della qualità del servizio erogato nonché dell'eventuale rimodulazione delle attività; il controllo degli adempimenti connessi alla puntuale registrazione delle presenze di utenti ed operatori ed al rispetto da parte di costoro delle consegne ricevute. 6

7 art. 17 Materiali impiegati L organismo selezionato non potrà richiedere all utente alcun corrispettivo per il servizio prestato e per i materiali utilizzati nell effettuazione del servizio. L aggiudicatario dovrà assicurare materiali a norma necessari allo svolgimento del servizio, inoltre giochi che stimolino i bambini in relazione all età e supporti informativi adeguati alle esigenze dei minori coinvolti nel progetto. Eventuali situazioni che evidenziassero obiettive difficoltà andranno sottoposte alla valutazione ed alle successive determinazioni assunte da parte dell Ambito A6. art. 18 Operatori e titoli professionali Per lo svolgimento del servizio l ente aggiudicatario dovrà avvalersi, anche nel caso di sostituzione sotto la propria, esclusiva responsabilità e senza che si possa in alcun modo prefigurare rapporto di lavoro subordinato con l Amministrazione di personale opportunamente qualificato ed esperto per gli interventi previsti, come da progetto e comunque nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento di attuazione della L.R. 11/07. L ente aggiudicatario dovrà dichiarare, sotto propria responsabilità, di osservare nei confronti del personale tutte le norme dei vigenti contratti di lavoro del settore, quelle che regolano le assicurazioni sociali e previdenziali derivanti da leggi e da contratti di lavoro, nonché le norme sul collocamento in quiescenza. L ente aggiudicatario è tenuto a fornire l elenco nominativo del personale impiegato nell espletamento delle attività, corredato di ogni dato necessario (anagrafe e residenza). L Ente aggiudicatario potrà inserire nel Servizio in parola volontari in misura complementare e comunque non sostitutiva rispetto all organico previsto, dandone comunicazione preventiva alla direzione del consorzio che ne verifica il congruo utilizzo. Il soggetto aggiudicatario dovrà assicurare, sempre e comunque, il numero sufficiente di operatori per lo svolgimento del servizio, restando a sua completa cura il pronto reperimento e la celere sostituzione in caso di assenze a qualsiasi titolo degli operatori stessi, con contestuale comunicazione all Ambito A6. Lo stesso soggetto aggiudicatario dovrà altresì curare il controllo orario e qualitativo del personale impiegato, e ciò in misura ordinaria e costante, fermo restando il diritto di verifiche e controlli in ogni momento da parte dell Ambito A6. Sarà cura del soggetto aggiudicatario provvedere regolarmente e mensilmente al pagamento delle spettanze in favore dei propri dipendenti e/o collaboratori, indipendentemente dalle erogazioni disposte in suo favore dall Ambito A6 e al fine di evitare disfunzioni, manchevolezze e malcontento da parte dei predetti operatori, a tutto danno degli utenti assistiti e del servizio stesso. art. 19 Rispetto del Codice sulla privacy D.Lgs.n.196/2003 L' Ente gestore è tenuto all'osservanza del D.Lgs.n.196/2003 e sue successive modifiche ed integrazioni ad indicare il responsabile della privacy. Esso procederà al trattamento dei dati attenendosi alle istruzioni impartite dall Ambito A6 secondo il vigente regolamento ed in particolare: - dovrà trattare i dati in suo possesso esclusivamente ai fini dell'espletamento del servizio appaltato; - non potrà procedere alla raccolta di dati presso le famiglie dei minori utenti (salvo casi eccezionali che riguardino l'incolumità o la sicurezza dei minori, previa autorizzazione del titolare o, in caso di urgenza, con successiva informativa al titolare); - non potrà comunicare a terzi (salvo casi eccezionali che riguardino l'incolumità o la sicurezza dei minori, previa autorizzazione del titolare o, in caso di urgenza, con successiva informativa al titolare) e diffondere dati in suo possesso, né conservarli successivamente alla scadenza del contratto di appalto; in quest'ultimo caso dovrà restituire tutti i dati in suo possesso all Ambito A6 entro il termine perentorio di 15 giorni; - dovrà adottare opportune misure atte a garantire la sicurezza dei dati in suo possesso. 7

8 Ai sensi del detto Codice sulla privacy, oltre alle ipotesi di responsabilità penale ivi contemplate, l Appaltatore è comunque responsabile per eventuali danni provocati agli interessati in violazione della detta normativa. art.20 Valutazioni, controlli e pagamenti I controlli sull'efficienza e sugli adempimenti relativi alle prestazioni fornite sono svolti di norma attraverso la Direzione dell Istituzione, che potrà avvalersi di modalità e strumenti operativi di monitoraggio che di volta in volta riterrà più idonei (visite, schede, somministrazione questionari, ecc.). art. 21 Divieto di subappalto E assolutamente vietato all aggiudicatario di subappaltare o comunque cedere in tutto o in parte il servizio, sotto pena dell immediata risoluzione del contratto, incameramento della cauzione e risarcimento dei danni. Non si considera subappalto il fitto di sedi spazi, attrezzature, automezzi, incarichi professionali specifici entro il limite massimo di 100 ore/uomo che persone qualificate potrebbero svolgere come operatori di altre organizzazioni. Sono altresì consentiti i pagamenti complessivi ad enti terzi per attività specifiche. art. 22 Efficacia del contratto Il contratto di appalto sarà impegnativo per l Ente aggiudicatario dalla data di aggiudicazione. Il Direttore dell Ufficio di Piano sottoscriverà il contratto solo dopo l iter procedurale previsto dalla normativa dell Istituzione. art. 23 Risoluzione del contratto L Amministrazione, in caso di gravi ed accertate inadempienze, può procedere alla risoluzione del contratto in qualsiasi momento e con semplice preavviso di 10 giorni, provvedendo al servizio direttamente o ricorrendo ad altro organismo, a spese dell Ente aggiudicatario, e trattenendo la cauzione definitiva. Costituiscono motivo di risoluzione del contratto i seguenti casi: 1)grave violazione e inadempimento degli obblighi contrattuali previsti nel presente Capitolato; 2)sospensione, abbandono o mancata effettuazione da parte dell aggiudicataria del servizio affidato; 3)impiego di personale inadeguato o insufficiente a garantire il livello di efficienza del servizio; 4) sostituzioni relative a personale in servizio con altro personale non in possesso della qualifica espressamente richiesta; 5)gravi azioni a danno della dignità personale degli utenti da parte degli operatori dell aggiudicataria. art. 24 Definizione delle vertenze Per la definizione delle controversie che possono insorgere in dipendenza dell'appalto e che non si siano potute risolvere in via amministrativa è competente il Giudice Ordinario. art. 25 Normativa da osservare L appalto sarà regolato dal presente Capitolato Speciale, per quanto in esso non contemplato si rinvia alle disposizioni di legge vigenti in materia. L aggiudicatario è tenuto all osservanza di tutte le leggi, decreti e regolamenti in vigore o che saranno emanati durante il periodo dell appalto, ivi comprese le disposizioni relative alla tutela infortunistica e sociale. 8

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI

BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO CENTRO SOCIALE POLIFUNZIONALE IN FAVORE DI PERSONE DIVERSAMENTE ABILI DI ETA COMPRESA TRA I 18-65 ANNI COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) AMBITO TERRITORIALE A6 ISTITUZIONE SOCIALE BAIANESE VALLO di LAURO Organismo di gestione del Piano di zona sociale L.n. 328/00 Prot. n. 2576 del

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE.

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO PER L'AFFIDAMENTO AREA DIVERSABILI TRASPORTO SOCIALE AI CENTRI DI RIABILITAZIONE. Art. l - PRINCIPI GENERALI Il presente capitolato ha per oggetto la gestione del servizio

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308

COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308 COMUNE DI SELARGIUS PROVINCIA DI CAGLIARI P.zza Cellarium, 1 - c.a.p. 09047 - tel. 070/8592349 fax 070/8592308 Area A2 - Socio Assistenziale CAPITOLATO SPECIALE Art. 1 OGGETTO Costituisce oggetto del presente

Dettagli

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale...

TRA LE PARTI. E Affidatario: Cooperativa sociale... nella persona... nato a.. il... e residente in.. via n. Codice Fiscale... COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia Settore Servizi Sociali 30031, Via Cairoli n.39 041.5121911 Fax 041.410665 www.provincia.venezia.it/comune.dolo e-mail comune.dolo@provincia.venezia.it P.IVA 00655760270

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto

CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013. Art. 1 Oggetto dell appalto CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEGLI INTERVENTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PERIODO 01.10.2011 30.06.2013 Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto l appalto della gestione di

Dettagli

C O M U N E D I P I A N O R O

C O M U N E D I P I A N O R O CAPITOLATO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA PER ALUNNI DISABILI Art. 1 - Oggetto e modalità di svolgimento del servizio Oggetto del presente capitolato è la gestione delle attività di

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 Comune capo-fila TAORMINA CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PIANI INDIVIDUALIZZATI DISABILI GRAVI Art.1 Oggetto del Capitolato La disgregazione e frammentazione territoriale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA. Contratto di appalto. L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento

Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA. Contratto di appalto. L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento Presidenza della Regione Siciliana Rep. n. REPUBBLICA ITALIANA Contratto di appalto L anno il giorno del mese di nella sede del Dipartimento Regionale della Programmazione della Presidenza della Regione

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente

ROMA CAPITALE Municipio 18 Roma Aurelio U.O.S.E.C.S. Servizi Sociali Il Dirigente CONVENZIONE Attività di ballo e ginnastica presso i Centri Anziani del Municipio 18 CIG n. 5110477308 Il giorno. del mese di. dell anno 2013 presso la sede del Servizio Sociale del Municipio 18 Roma Aurelio,

Dettagli

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato

IL COMUNE DI GENOVA, di seguito per brevità, denominato Comune, con sede in via Garibaldi 9, Codice Fiscale 00856930102, rappresentato CONTRATTO FRA IL COMUNE DI GENOVA E... PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO A FAVORE DI MINORI E NUCLEI DI NAZIONALITÀ STRANIERA SEGUITI DALL UFFICIO CITTADINI SENZA TERRITORIO PERIODO...

Dettagli

Art. 1 Oggetto e durata dell affidamento

Art. 1 Oggetto e durata dell affidamento COMUNE DI VILLAFRANCA IN LUNIGIANA Provincia di Massa Carrara All. 1) CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE Art. 1 Oggetto e durata dell affidamento

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione.

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Durata e canone. Modalità di aggiudicazione. QUADERNO D ONERI PER I SERVIZI DI SORVEGLIANZA ARMATA E DI TELESORVEGLIANZA MEDIANTE COLLEGAMENTO AL SISTEMA D ALLARME DEL MUSEO G. FATTORI PRESSO VILLA MIMBELLI E DELLA STRUTTURA ESPOSITIVA ATTIGUA EX

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO

CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI LIVORNO Durata : Dal 1 MAGGIO 2012 AL 30 APRILE 2015 PRESCRIZIONI SPECIFICHE E TECNICHE ART. 1 - OGGETTO L

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI DELL AMBITO A5 PIANO DI ZONA SOCIALE EX L.328/2000 - DIREZIONE

REGIONE CAMPANIA CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI DELL AMBITO A5 PIANO DI ZONA SOCIALE EX L.328/2000 - DIREZIONE REGIONE CAMPANIA CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI DELL AMBITO A5 PIANO DI ZONA SOCIALE EX L.328/2000 - DIREZIONE - Bando di gara per appalto integrato Procedura aperta 1) Il Consorzio dei Servizi Sociali

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L anno duemila. il giorno. del mese di. nella sede della stazione appaltante sita.., alla via.. n..., avanti a me dott, autorizzato a ricevere atti e contratti

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 1 DISTRETTO DELLA

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68

CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 CONTRATTO PER LA FORNITURA DI BUONI PASTO CIG 4430974B68 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann, 15 (cap. 26900) P.IVA 11125130150, nella persona del Segretario Generale f.f.,

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI

REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE DI MARTANO PIANO SOCIALE DI ZONA 2010-2012 REGOLAMENTO UNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI FORNITURE E LAVORI A SOGGETTI TERZI Approvato dal Coordinamento

Dettagli

BANDO PUBBLICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO PUBBLICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. Melfi, 23 novembre 2015 BANDO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DI DUE ESPERTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DESTINATARI DI INCARICO PER PRESTAZIONI PROFESSIONALI FINALIZZATE ALL INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä

VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä CAPITOLATO D ONERI PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA A MEZZO BUONI PASTO AL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI MARIGLIANO ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020

ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 ALLEGATO B: ATTO UNILATERALE DI IMPEGNO REGIONE LAZIO POR FSE 2014-2020 AVVISO PUBBLICO Interventi di sostegno alla qualificazione e all occupabilità delle risorse umane Approvato con D.D. n. del ATTO

Dettagli

Procedure di conferimento degli incarichi professionali

Procedure di conferimento degli incarichi professionali Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi Parte II Procedure di conferimento degli incarichi professionali Approvato con delibera della Giunta dell Unione di Comuni n. 88 del 23/10/2012 Modificato

Dettagli

OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO

OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO Si rende noto che il Comune di Castagneto Carducci intende procedere all affidamento dell incarico relativo

Dettagli

Allegato A Schema di contratto

Allegato A Schema di contratto Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze P.za Cavalleggeri 1/a 50122 Firenze Tel.: 055 249191 Fax 055 2342482 Allegato A Schema di contratto Allegato A Schema di contratto per la fornitura di 2 cluster

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA

C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA SERVIZIO DI GESTIONE DEI SINISTRI DI IMPORTO INFERIORE ALLA FRANCHIGIA CONTRATTUALE DI EURO 7.500,00, PREVISTA NELLA POLIZZA ASSICURATIVA RCT/RCO PERIODO 6.11.2012-6.11.2013.

Dettagli

OGGETTO :AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A :

OGGETTO :AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A : OGGETTO :AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A : N. 1 PSICOLOGO per il servizio Centro Famiglie N. 1 AVVOCATO per il servizio Centro Famiglie Ai sensi e per gli effetti della legge 10 aprile

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELL ASCENSORE MONTACARICHI INSTALLATO NELLA SEDE DELLA CCIAA DI LODI CUP B19H10000680005 FRA Camera di Commercio di Lodi, con sede in Lodi via Haussmann,

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA A1993/08-3 DISCIPLINARE DI GARA Allegato B) Alla determina n. del OGGETTO: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato. Art. 1 Procedura semplificata ai sensi degli

Dettagli

SERVIZIO CIVILE REGIONALE: Nuova normativa ed adeguamento degli enti iscritti all albo di servizio civile regionale

SERVIZIO CIVILE REGIONALE: Nuova normativa ed adeguamento degli enti iscritti all albo di servizio civile regionale SERVIZIO CIVILE REGIONALE: Nuova normativa ed adeguamento degli enti iscritti all albo di servizio civile regionale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di welfare regionale e cultura

Dettagli

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n.

Il giorno del mese di dell anno 2011 nella sede della ASL RM/A, - via Ariosto 3/5, in esecuzione della deliberazione n. C O N V E N Z I O N E PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA NON SANITARIA AGLI OSPITI DELLA STRUTTURA RESIDENZIALE A BASSA INTENSITA ASSISTENZIALE PER PAZIENTI PSICHIATRICI DEL 2 DISTRETTO DELLA

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

Allegato alla determinazione dirigenziale n. 8 del 24/11/2010 SETTORE SEGRETERIA GENERALE

Allegato alla determinazione dirigenziale n. 8 del 24/11/2010 SETTORE SEGRETERIA GENERALE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 8 del 24/11/2010 SETTORE SEGRETERIA GENERALE CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI NOVARA Durata : dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE. Tra

BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE. Tra BOZZA DI CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Tra La (P.A..)...in persona del...pro tempore, Sig... nato a...e residente in...qui di seguito denominato Ente affidante. e l impresa...in

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE

ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO ART. 2 CORRISPETTIVO ART. 3 MODALITA ATTUATIVE 3. 3 EROGAZIONE E GESTIONE DELLE ATTIVITA FORMATIVE CAPITOLATO D ONERI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE IN MATERIA DI SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

ASP Lazzarelli San Severino Marche

ASP Lazzarelli San Severino Marche CAPITOLATO SPECIALE APPALTO SERVIZIO TESORERIA ASP LAZZARELLI PERIODO 2015/2019 1. OGGETTO DELLA CONVENZIONE...2 2. ESERCIZIO FINANZIARIO...2 3. GRATUITÀ DEL SERVIZIO...2 4. INDICAZIONE DEI REGISTRI CHE

Dettagli

CIG 567040563B. 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel.

CIG 567040563B. 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel. BANDO DI GARA: APPALTO N. 1/2014 CIG 567040563B 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel. 02/88463.267 Fax 02/884.66.237 2.

Dettagli

con sede a.. via.n.. C.f.. rappresentato da... nato a.. il.. abilitato alla sottoscrizione del presente atto con... n... del.

con sede a.. via.n.. C.f.. rappresentato da... nato a.. il.. abilitato alla sottoscrizione del presente atto con... n... del. Schema di convenzione tipo tra Ente Pubblico e Cooperativa Sociale ai sensi dell'art. 5 legge 381/91 dellart. 7 paragrafo b) L.R. 16/93 dell'art.5 comma 5 L.R. 14/97 L Ente. al fine di creare opportunità

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018

CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. periodo dal 01/03/2016 al 31/12/2018 SEUS SICILIA EMERGENZA-URGENZA SANITARIA SCpA Sede Legale: Via Villagrazia, 46 Edificio B - 90124 Palermo Registro delle Imprese di Palermo Codice Fiscale e Partita Iva. 05871320825 CAPITOLATO D APPALTO

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Cagliari, 24 Marzo 2016 All Albo Pretorio dell Istituto Agli Atti Alle scuole di ogni ordine e grado Al sito Web www.17circolo.gov.it BANDO DI GARA PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MUSICABILMENTE DA SVOLGERE

Dettagli

CONSORZIO ISONTINO SERVIZI INTEGRATI C.I.S.I.

CONSORZIO ISONTINO SERVIZI INTEGRATI C.I.S.I. CONSORZIO ISONTINO SERVIZI INTEGRATI C.I.S.I. CONTRATTO DI APPALTO DEI SERVIZI ED INTERVENTI INERENTI LA GESTIONE DELLA COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI DI SAN CANZIAN D ISONZO FZ. BEGLIANO - PERIODO 01.02.2015-31.01.2018.

Dettagli

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI

COMUNE DI ANZIO. Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI COMUNE DI ANZIO Provincia di Roma c.f. 82005010580 P.IVA 02144071004 SERVIZIO DI PRELIEVO E RECAPITO POSTALE CIG Z511544602 CAPITOLATO D ONERI Art. 1 - OGGETTO L appalto ha per oggetto il servizio di prelievo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

L Acquisizione di beni e l affidamento della progettazione e/o realizzazione di servizi e interventi sociali

L Acquisizione di beni e l affidamento della progettazione e/o realizzazione di servizi e interventi sociali Regolamento per L Acquisizione di beni e l affidamento della progettazione e/o realizzazione di servizi e interventi sociali ( approvato con delibera di C.C. n. 17 del 29/07/05) Sommario SOMMARIO... 2

Dettagli

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa

R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa R E G I O N E S I C I L I A N A COMUNE DI BUCCHERI Provincia di Siracusa CAPITOLATO D ONERI FORNITURA MATERIALI A PIE D OPERA, TRASPORTI e NOLI OGGETTO : Cantiere di lavoro n. 1001467/SR-18 (Circolare

Dettagli

Il Responsabile del Procedimento

Il Responsabile del Procedimento AVVISO PUBBLICO di procedura comparativa per conferimento incarico di domiciliazione avanti il Tribunale di Roma nel procedimento di ingiunzione nei confronti del Ministero della Giustizia e successive

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI Art. 1 Oggetto e finalità. Il presente regolamento disciplina l affidamento dei servizi socio-assistenziali erogati dal Piano di Zona Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO

REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO REGOLAMENTO PER GLI INTERVENTI DI ASSISTENZA ECONOMICA A FAVORE DI SINGOLE PERSONE E FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO- ECONOMICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 28 febbraio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA

MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA MODELLO DI ISTANZA DI AMMISSIONE E DI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELLA DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA Spett.le Trasporti Pubblici Monzesi S.P.A. Via Borgazzi, 35 20052 MONZA. OGGETTO : Istanza di ammissione

Dettagli

C o m u n e d i B a r i

C o m u n e d i B a r i C o m u n e d i B a r i DISCIPLINARE DI GARA Servizi assicurativi polizze rischi: incendio, furto, rca/ard/infortuni, responsabilità civile patrimoniale dell ente, tutela legale, dal 1 gennaio 2012 al

Dettagli

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore

Istituto di Istruzione Secondaria Superiore LICEO "Francesco Crispi" TECNICO "Giovanni XXIII" PROFESSIONALE "A. Miraglia" Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Francesco Crispi" Via Presti, 2-92016 Ribera (Ag) Tel. 0925 61523 - Fax 0925 62079

Dettagli

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO

CIG: 1724479D13. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO ALL. B AFFIDAMENTO AI SENSI DEGLI ARTT. 19 E 27 DEL D. LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI CONSULENZA SPECIALISTICA PER L ELABORAZIONE DEL MODELLO DI FLUSSO DEGLI ACQUIFERI E DI DISPERSIONE DEGLI

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA Z.O. N. 8

COMUNITA MONTANA VALLE SERIANA Z.O. N. 8 BANDO PER L ACCREDITAMENTO DELLE UNITA DI OFFERTA SOCIALE PER LA PRIMA INFANZIA Art. 1 - Oggetto L Ambito Territoriale Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve, in attuazione della DGR n. 20943 del 16

Dettagli

Tariffa Oraria Accordo Quadro x Ore stimate per la realizzazione =

Tariffa Oraria Accordo Quadro x Ore stimate per la realizzazione = Spettabile (Ragione Sociale Impresa) (Indirizzo completo) (cap) (Città) (Sigla Provincia) Richiesta di offerta trasmessa a mezzo (PEC/fax) OGGETTO: APPALTO SPECIFICO NELL AMBITO DELL ACCORDO QUADRO STIPULATO,

Dettagli

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti In base all'art. 18 della Legge n. 133 /2008, le società a partecipazione pubblica totale o di controllo sono tenute all'adozione, con propri provvedimenti, di criteri e modalità per il reclutamento del

Dettagli

Rio Marina AVVISO PUBBLICO

Rio Marina AVVISO PUBBLICO Rio Marina Comune elbano AVVISO PUBBLICO OGGETTO : Avviso di gara di licitazione privata per l affidamento del servizio di assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti. Si rende noto che con

Dettagli

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI 1) STAZIONE APPALTANTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE-PIAZZA

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE G. QUARENGHI VIA DI VILLA SCARPELLINI - 00028 SUBIACO (RM) - DISTRETTO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI COMUNE DI SAMUGHEO PROVINCIA DI ORISTANO C.A.P. 09086 Tel. 0783/64023 64256 FAX 0783/64697 E.mail Comsam@Tiscali.it SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE CAPITOLATO SPECIALE D ONERI PER IL SERVIZIO INFORMAGIOVANI

Dettagli

Allegato alla determinazione dirigenziale n. 12 del 23/10/2009 SETTORE SEGRETERIA GENERALE

Allegato alla determinazione dirigenziale n. 12 del 23/10/2009 SETTORE SEGRETERIA GENERALE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 12 del 23/10/2009 SETTORE SEGRETERIA GENERALE CAPITOLATO D APPALTO PER I SERVIZI INERENTI AL TRATTAMENTO DELLA CORRISPONDENZA DEL COMUNE DI NOVARA Durata :

Dettagli

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE

BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE BANDO DI GARA INSTALLAZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI ED OPERE ACCESSORIE Cuggiono (MI) Via Ugo Foscolo e Scuola Media 1 SEZIONE I: ENTE AGGIUDICATORE 1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO: E.E.S.CO.

Dettagli

COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI AREA VIGILANZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI AREA VIGILANZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARIGLIANO PROVINCIA DI NAPOLI AREA VIGILANZA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Capitolato Speciale per programma di previdenza integrativa fondo pensione aperto - per il Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) tra

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) tra CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (Art. 10 L.R. n. 23/2006) L anno 2011, il giorno., del mese di tra l Amministrazione Comunale di Cavarzere, con sede legale in Cavarzere

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE BANDO DI GARA

COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE BANDO DI GARA COMUNE DI GUAGNANO PROVINCIA DI LECCE SETTORE SERVIZI SOCIALI via Emilia Romagna tel. 0832/704360 fax 0832/705009 E-mail: servizisociali@comune.guagnano.le.it BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L ACQUISTO

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D32 CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DEL PROGETTO MOBILITA SOCIALE Art.1 Oggetto del Capitolato Il progetto di mobilità sociale è uno strumento necessario per poter superare l estrema

Dettagli

GRIMANI BUTTARI Residenze per Anziani

GRIMANI BUTTARI Residenze per Anziani GRIMANI BUTTARI Residenze per Anziani Allegato al decreto del Direttore n. 28 del 04.02.2014 CONVENZIONE CON L ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AUSER DI OSIMO DISCIPLINANTE L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Acquisto di n. 1 mini escavatore da impiegare nei lavori di manutenzione delle strade SALERNO, 10 ottobre 2012 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO (ing. Bernardo Saja) Oggetto

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI

SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI 1 SCHEMA CONTRATTO DI APPALTO SERVIZI ASSISTENZIALI SANITARI E ALTRI SERVIZI AUSILIARI Codice CIG L anno duemila, il giorno del mese di nella sede della Casa per Anziani Umberto I - Piazza della Motta

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE DELLA TOSCANA BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEI VEICOLI DEL COMITATO REGIONALE CRI DELLA TOSCANA CIG: 28951999C9

Dettagli

Comune di Villa di Tirano

Comune di Villa di Tirano Comune di Villa di Tirano! "" #$% &' ( CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO 1. OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio

Dettagli

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737

UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737 PROT. N. _1815_ Li, 29/01/2016 BANDO DI GARA PER APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER QUATTRO ANNI DAL 01/04/2016 AL 31/03/2020 - CIG 6568371737 1. AMMINISTRAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI AUTOFINANZIAMENTO (emanato con D.R. n. 280 2013, prot. n. 6837 I/3 del 12.03.2013) Articolo 1 (Scopo e ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento ha

Dettagli

Allegato1. Area Educazione Università e Ricerca Servizi Educativi Integrati per l Infanzia, i Giovani e la Famiglia Prot. corr. n.

Allegato1. Area Educazione Università e Ricerca Servizi Educativi Integrati per l Infanzia, i Giovani e la Famiglia Prot. corr. n. Allegato1 Area Educazione Università e Ricerca Servizi Educativi Integrati per l Infanzia, i Giovani e la Famiglia Prot. corr. n.16-13/2-4/07- CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO per l affidamento mediante asta

Dettagli

AVVISO INDAGINE DI MERCATO

AVVISO INDAGINE DI MERCATO COMUNE DI SANT ANASTASIA ( PROVINCIA di NAPOLI ) Area Finanziaria - Servizio Tributi Ufficio TARI Piazza Siano n.2 80048 Sant Anastasia AVVISO INDAGINE DI MERCATO Per manifestazione di interesse a partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO 1 INDICE Art.1 Art.2 PREMESSA ISTITUZIONE ART.3 MODALITA DI ASSEGNAZIONE DELLE BORSE DI STUDIO ART.4 DISPOSIZIONI GENERALI DEL BANDO ART.5 OBBLIGHI DEL

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

L anno 2015, il giorno del mese di negli Uffici del Comune di.., siti in..., TRA

L anno 2015, il giorno del mese di negli Uffici del Comune di.., siti in..., TRA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI E IL CENTRO AUTORIZZATO DI ASSISTENZA FISCALE PER LA RACCOLTA DELLE DOMANDE DEI BENEFICIARI DEL CONTRIBUTO PER L INIZIATIVA STRAORDINARIA INERENTE IL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 83 del decreto

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Assessorato dei Trasporti. Società di Gestione SO.GE.A.OR. S.p.A.

Regione Autonoma della Sardegna. Assessorato dei Trasporti. Società di Gestione SO.GE.A.OR. S.p.A. Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Società di Gestione SO.GE.A.OR. S.p.A. - BANDO DI GARA PER PUBBLICO INCANTO - 1) Stazione Appaltante: Assessorato Regionale dei Trasporti con sede

Dettagli

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo

Servizio di somministrazione lavoro temporaneo CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO AFFIDAMENTO Servizio di somministrazione lavoro temporaneo Capitolato prestazionale - Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art.

Dettagli

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l.

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. 161/13 Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. Regolamento per l affidamento di incarichi professionali a soggetti esterni Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Presupposti e limiti...

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Prot. 235 Catanzaro, 23 gennaio 2016

Prot. 235 Catanzaro, 23 gennaio 2016 Istituto Comprensivo Catanzaro Est Via F. Paglia, 23 Tel. e fax 0961-725202 88100 CATANZARO Cod. Mecc. CZIC85900D. C.F. 80002240796 Web : www.iccatanzaroest.gov.it e-mail : czic85900d@istruzione.it - czic85900d@pec.it

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI INSEGNAMENTO Emanato con D.R. n. 128 del 06/05/2013 Modificato con D.R. n. 107 del 28/02/2014. TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

CONSIP S.p.A. Gara Buoni Pasto

CONSIP S.p.A. Gara Buoni Pasto ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA MEDIANTE BUONI PASTO Allegato 6 al Disciplinare di Gara Capitolato Tecnico Pagina 1 di 16 SOMMARIO 1. Indicazioni generali

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SUB A 2 SETTORE: RAGIONERIA-FINANZA-PROVVEDITORATO CED SERVIZIO ECONOMATO-PROVVEDITORATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI MANUTENZIONE, VERIFICA E RICARICA DEL PARCO ESTINTORI INSTALLATI NEGLI

Dettagli

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI

LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI LINEE GUIDA SUGLI INTERVENTI DI AFFIDAMENTO DI PERSONE ANZIANE E DISABILI ADULTI DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO Il servizio affidamento anziani e disabili adulti, costituisce un opportunità di alternativa

Dettagli