L UNIVERSO DELLE SCIENZE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L UNIVERSO DELLE SCIENZE"

Transcript

1 BIG BANG_C_081-5_volumi 20/01/11 10:20 Pagina 1 9 mm Il corso Il Libro digitale Un manuale a misura di studente, in coerenza verticale con i contenuti acquisiti nella scuola primaria, in cui schemi e immagini costituiscono parte integrante dell apprendimento Un percorso orizzontale interdisciplinare di Educazione Ambientale, Educazione alla salute, Scienze applicate Laboratori semplici, facili da realizzare, dove si impara come fare guardando i video del Libro digitale Consente di utilizzare sullo schermo del computer e sulla LIM ogni pagina del volume Correda gli argomenti con video di approfondimento, filmati delle esperienze di laboratorio, gallerie di immagini, mappe ed esercizi interattivi Online su Animazioni e aggiornamenti L UNIVERSO DELLE SCIENZE L uomo Volume A Volume B Volume C Volume D La vita + Libro digitale A La materia e l energia + Libro digitale B L uomo + Libro digitale C Lo spazio e il tempo + Libro digitale D ISBN Guida per l insegnante ISBN Percorso semplificato di scienze ISBN Il Percorso semplificato è scaricabile gratuitamente dal sito Big Bang Vol. A + Libro digitale A + Vol. B + Libro digitale B + Vol. C + Libro digitale C + Vol. D + Libro digitale D (8 elementi indivisibili) ISBN C L uomo COMPOSIZIONE DEL CORSO L UNIVERSO DELLE SCIENZE Ezia Nicoletti - Paola Peretti - Gabriella Somaschi L uomo Ezia Nicoletti - Paola Peretti Gabriella Somaschi

2 Ezia Nicoletti - Paola Peretti Gabriella Somaschi L UNIVERSO DELLE SCIENZE L uomo

3 internet: Redattore responsabile: Tecnico responsabile: Progetto grafico: Copertina: Redazione: Impaginazione: Disegni: Francesca Rizzo Gianluigi Ronchetti Tiziana Pesce, Marco Ponsero (Capoverso srl, Torino) Tiziana Pesce Paolo Bianco, Valentina Caccavale (Capoverso srl, Torino) Filippo Cabiddu, Marco Ponsero, Andrea Coniglio, Maria Rita Cilia (Capoverso srl, Torino) Sonia Giubertoni, Giovanni Bertazzoli, Stefano Mazzola, Daniele Gianni Paolo Cassinis (Capoverso srl, Torino) Art Director: Nadia Maestri Proprietà letteraria riservata 2011 De Agostini Scuola SpA Novara 1ª edizione: febbraio 2011 Printed in Italy Le fotografie di questo volume sono state fornite da: Foto De Agostini Editore Picture Library; istockphoto; Corbis; Getty Images Foto e video dei laboratori: Gianni Oliva CEDAM Scuola è un marchio registrato e concesso in licenza da Wolters Kluwer Italia s.r.l. a De Agostini Scuola SpA. Illustrazioni di copertina: istockphoto cromosomi Sandra Baker/Getty Images, cellule, istockphoto Schede di Scienze applicate: Silvia Bencivelli L Editore dichiara la propria disponibilità a regolarizzare eventuali omissioni o errori di attribuzione. Nel rispetto del DL 74/92 sulla trasparenza nella pubblicità, le immagini escludono ogni e qualsiasi possibile intenzione o effetto promozionale verso i lettori. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del materiale protetto da questo copyright potrà essere riprodotta in alcuna forma senza l autorizzazione scritta dell Editore. Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, comma 4, della legge 22 aprile 1941 n.633. Le riproduzioni ad uso differente da quello personale potranno avvenire, per un numero di pagine non superiore al 15% del presente volume, solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO Corso di Porta Romana, Milano Eventuali segnalazioni di errori, refusi, richieste di chiarimento/funzionamento dei supporti multimediali o spiegazioni sulle scelte operate dagli autori e dalla Casa Editrice possono essere inviate all indirizzo di posta elettronica Stampa: Deaprinting (Novara) Ristampa Anno

4 Big Bang IL TUO VIAGGIO NELL UNIVERSO DELLE SCIENZE I quattro grandi temi delle scienze I volumi del tuo corso descrivono nel titolo i quattro grandi temi delle scienze: La vita (le caratteristiche degli esseri viventi e l ambiente in cui vivono) La materia e l energia (la struttura, le proprietà e le trasformazioni della materia e le leggi che regolano i fenomeni naturali) L uomo (le funzioni dell uomo e gli apparati che le svolgono) Lo spazio e il tempo (l universo, la Terra e la storia evolutiva) Ogni volume è articolato in itinerari; ciascuno di essi sviluppa un argomento in una o più unità. III

5 Leggere, osservare, imparare Ogni unità del tuo libro tratta un argomento specifico. Per ogni argomento ci sono: parole per descriverlo con un linguaggio scientifico; immagini, video e animazioni per vederlo ; esperimenti per verificare quello che viene affermato. Gli argomenti sono esposti in maniera semplice e schematica; gli esempi tratti dalla realtà quotidiana ti aiutano a comprendere anche i concetti più astratti. Le parole chiave sono evidenziate in neretto, le definizioni e i concetti principali in rosso. Zoom delle immagini trapezio deltoide bicipite gran pettorale obliquo esterno retto dell addome tricipite sartorio quadricipite adduttore lungo gastrocnemio L osservazione di fatti e fenomeni, anche attraverso la lettura delle immagini (che nel Libro digitale puoi ingrandire), consente di fissare i concetti scientifici. IV

6 Video Molte sono le cose da leggere e da imparare e ancor più sono le cose da scoprire e fare tue osservando. Nel Libro digitale i video e le animazioni ti aiutano a comprendere meglio gli argomenti trattati. Animazioni V

7 I LABORATORI La verifica sperimentale di quanto hai studiato è fondamentale per imparare a ragionare come uno scienziato. Attraverso l analisi di differenti situazioni problematiche, proposte sia con sequenze fotografiche sul libro cartaceo sia in formato video sul Libro digitale, potrai acquisire quella capacità di formulare ipotesi e proporre strategie risolutive che sta alla base del metodo scientifico. Video dei laboratori Verificare, rielaborare, applicare I sono momenti di sosta lungo il percorso che ti aiutano a memorizzare gli argomenti e a fissare i collegamenti logici attraverso il completamento di una mappa concettuale (che puoi fare anche sul Libro digitale). Per verificare la padronanza dei contenuti, la conoscenza dei linguaggi specifici, la capacità di osservare, rielaborare e applicare i concetti come fanno i veri scienziati, puoi esercitarti attraverso le numerose e diversificate attività. Le tue competenze Avrai notato che negli studi dentistici è affisso un cartello che avvisa le donne in gravidanza di segnalare al medico il loro stato prima di effettuare una radiografia. Sai dire perché? Le tue competenze Nel corso della trattazione, ti vengono suggerite riflessioni relative a situazioni e fenomeni della vita reale che ti invitano a formulare ipotesi e trovare risposte utilizzando le conoscenze e le abilità acquisite. Audiosintesi Esercizi in più Le audiosintesi delle unità e gli esercizi in più che trovi sul Libro digitale ti aiutano a ripassare e a prepararti alla verifica. VI

8 Diventare responsabili, progettare Le schede di Scienze applicate propongono l analisi di applicazioni delle conoscenze scientifiche in ambito tecnologico. Costituiscono un occasione per uscire dall astrazione del sapere scientifico e cogliere il collegamento tra le leggi del mondo della natura e il modo di pensare e progettare proprio del mondo tecnologico. Nella rubrica Ora tocca a te trovi proposte operative. Che cosa fai se 1 2 Che cosa mangi se hai fame nel pomeriggio? Che merenda consumi? Confronta la tua dieta con i consigli che hai letto. Quali comportamenti adotti, tra quelli elencati? ORA TOCCA A TE Leggi l etichetta della tua merendina: sono indicati additivi? Confrontali con gli additivi usati per fare una crostata in casa e rifletti sulle differenze. Le rubriche PER APPROFONDIRE sviluppano alcuni aspetti più complessi degli argomenti trattati. La scheda Tu e la salute ti propone spunti di riflessione e approfondimento per aiutarti ad acquisire comportamenti responsabili nei confronti dell ambiente e della salute. Ciascuna scheda si chiude con una rubrica, intitolata Che cosa fai se oppure Rifletti, che ti invita a esprimere le tue considerazioni in relazione a situazioni che ti si possono presentare nella vita di tutti i giorni. VII

9 VolC_Indice_BZ1_I-XIV :53 Pagina VIII Indice Il simbolo indica i materiali attivabili dalle pagine del Libro digitale. L uomo e il movimento 1 Il sostegno, il movimento e il rivestimento 1. Com è organizzato il corpo umano? 2 2. Il sostegno e il movimento 4 3. Il sistema scheletrico Quali funzioni svolge? Quali tessuti lo formano? Le ossa 7 5. Lo scheletro dell uomo Lo scheletro del capo Lo scheletro del tronco Lo scheletro degli arti superiori Lo scheletro degli arti inferiori 6. Le articolazioni VIDEO: Lo scheletro 11 Tu e la salute Proteggi il tuo scheletro 7. Il sistema muscolare Quali funzioni svolge? Quali tessuti lo formano? 8. I muscoli VIDEO: Le fibre muscolari VIDEO: I muscoli Muscoli volontari e muscoli involontari Tipi di muscolo Alcuni muscoli lavorano in coppia Il carburante dei muscoli Il rivestimento Quali funzioni svolge l apparato tegumentario? La pelle Gli annessi cutanei Le ghiandole cutanee I peli Le unghie 24 Tu e la salute Il sole è tuo amico 25 Scienze applicate Gli arti bionici 27 Scienze applicate Pezzi di ricambio 28 Scienze applicate I muscoli artificiali 29 Scienze applicate Vedere le ossa: la radiografia 30 Scienze applicate Manteniamo la temperatura 31 Scienze applicate Un altra pelle: trapianti e pelli artificiali 32 LABORATORIO 1 Scopri la composizione delle ossa 33 LABORATORIO 2 Costruisci un modello per ogni tipo di articolazione 34 LABORATORIO 3 Costruisci un modello dei muscoli antagonisti 35 LABORATORIO 4 Evapora e raffredda 35 LABORATORIO 5 Osserva le impronte digitali 36 VIDEO: La pelle VIDEO: Laboratorio VIDEO: Laboratorio VIDEO: Laboratorio AUDIOSINTESI DELL U NITÀ I N PIÙ: ESERCIZI INTERATTIVI VIII

10 VolC_Indice_BZ1_I-XIV :53 Pagina IX Indice L uomo e l energia 2 La nutrizione 1. Principi nutritivi e alimenti VIDEO: Principi nutritivi e alimenti Un alimentazione corretta Gli alimenti e l energia L apparato digerente Quali funzioni svolge? 3. La digestione Prima tappa: la bocca Seconda tappa: dalla faringe all esofago VIDEO: I denti L igiene e la cura dei denti Terza tappa: lo stomaco Ultima tappa: l intestino 52 Tu e la salute 4. L assorbimento Il fegato e il pancreas Fegato Pancreas Hai bisogno di energia! Mangia in modo sano Tu e la salute Hai letto l etichetta? Tu e la salute Come conservi i cibi? Scienze applicate Gli additivi alimentari Scienze applicate La tecnologia in cucina Scienze applicate Latte a prova di bacillo Scienze applicate Guardare dentro l apparato digerente LABORATORIO 1 Ricerca i principi nutritivi negli alimenti LABORATORIO 2 Che cosa succede nello stomaco? LABORATORIO 3 Emulsiona i grassi con la bile LABORATORIO 4 Solo alcune sostanze vengono assorbite Tu e la salute Tu e la salute VIDEO: Lo stomaco VIDEO: L intestino VIDEO: Laboratorio VIDEO: Laboratorio VIDEO: Laboratorio AUDIOSINTESI DELL U NITÀ I N PIÙ: ESERCIZI INTERATTIVI 3 La respirazione 1. Perché respiriamo? L apparato respiratorio VIDEO: La respirazione Quali funzioni svolge? Com è formato? La respirazione I volumi respiratori 4. Gli scambi dei gas respiratori IX

11 VolC_Indice_BZD_I-XIV :01 Pagina X Indice Il fumo uccide: difenditi Respiro in bomboletta LABORATORIO 1 Costruisci un modello dei polmoni LABORATORIO 2 Quante volte respiri? LABORATORIO 3 Misura la tua capacità respiratoria LABORATORIO 4 Confronta l aria inspirata e quella espirata Tu e la salute Scienze applicate VIDEO: Laboratorio VIDEO: Laboratorio VIDEO: Laboratorio AUDIOSINTESI DELL U NITÀ I N PIÙ: ESERCIZI INTERATTIVI 4 Il trasporto e la difesa 1. Il trasporto L apparato circolatorio Quali funzioni svolge? 3. Il sangue VIDEO: Il sangue I gruppi sanguigni Il fattore Rh I vasi sanguigni Il cuore Il ciclo cardiaco PER APPROFONDIRE Il funzionamento del cuore 6. La circolazione 7. Il sistema linfatico VIDEO: La circolazione Quali funzioni svolge? 8. La difesa Come si difende l organismo? 9. Il sistema immunitario La fagocitosi La produzione di anticorpi La memoria immunologica Il contagio. Come avviene? Come evitarlo? Tu e la salute Le vaccinazioni e la sieroprofilassi Tu e la salute Le allergie Scienze applicate Un cuore nuovo Scienze applicate L elettricità nel cuore Scienze applicate Le banche del cordone ombelicale LABORATORIO 1 Misura il tuo battito cardiaco LABORATORIO 2 Costruisci un modello del cuore e della circolazione Tu e la salute VIDEO: Laboratorio AUDIOSINTESI DELL U NITÀ I N PIÙ: ESERCIZI INTERATTIVI 5 L escrezione X VIDEO: Il cuore 1. L escrezione L apparato escretore 106

12 VolC_Indice_BZ1_I-XIV :54 Pagina XI Indice Quali funzioni svolge? I reni La struttura del nefrone 4. La depurazione del sangue PER APPROFONDIRE Quando i reni non funzionano bene AUDIOSINTESI DELL U NITÀ I N PIÙ: ESERCIZI INTERATTIVI Le funzioni di controllo e i cinque sensi 6 Il controllo e la percezione 1. Il sistema nervoso Quale tessuto lo forma? Come vengono trasmesse le informazioni? VIDEO: I neuroni VIDEO: Il sistema nervoso centrale e periferico 2. Il sistema nervoso centrale L encefalo Il midollo spinale Il sistema nervoso periferico Il sistema nervoso autonomo Il sistema endocrino 120 Che cosa sai sulle droghe? Tu e la salute Alcol? No grazie! Tu e la salute Il doping Tu e la salute La percezione dell ambiente esterno La vista VIDEO: La vista VIDEO: L udito L occhio Come funziona la vista? 8. L udito L orecchio Come funziona l udito? Il controllo dell equilibrio 9. Il tatto La pelle 10. L olfatto La mucosa olfattiva 11. Il gusto La lingua Due lenti sul naso Scienze applicate Sensi artificiali Scienze applicate VIDEO: L olfatto VIDEO: Il gusto XI

13 VolC_Indice_BZ1_I-XIV :54 Pagina XII Indice Il cervello che lavora Il cervello che dorme Leggi e ricorda Metti alla prova i tuoi riflessi Che cos è il punto cieco? Come si forma l immagine tridimensionale? Senti il rumore della sveglia? Fai la mappa della tua sensibilità Che cos è l assuefazione agli odori? Come riconosci gusti diversi? Il sapore è diverso? Scienze applicate Scienze applicate LABORATORIO 1 LABORATORIO 2 LABORATORIO 3 LABORATORIO 4 LABORATORIO 5 LABORATORIO 6 LABORATORIO 7 LABORATORIO 8 LABORATORIO VIDEO: Laboratorio AUDIOSINTESI DELL U NITÀ I N PIÙ: ESERCIZI INTERATTIVI La riproduzione e l ereditarietà 7 La riproduzione 1. La riproduzione L apparato riproduttore maschile I gameti maschili: gli spermatozoi 3. L apparato riproduttore femminile I gameti femminili: gli ovuli Il ciclo ovarico e il ciclo mestruale Il ciclo ovarico Il ciclo mestruale Come avviene la fecondazione? La gravidanza e il parto La gravidanza Il parto 7. Perché nascono i gemelli? La pubertà Tu e la salute I metodi contraccettivi Tu e la salute Le malattie trasmesse per via sessuale Scienze applicate Tecniche di fecondazione LABORATORIO 1 Ragazzi e ragazze Tu e la salute VIDEO: La fecondazione AUDIOSINTESI DELL U NITÀ I N PIÙ: ESERCIZI INTERATTIVI XII

14 VolC_Indice_BZ1_I-XIV :54 Pagina XIII Indice 8 La genetica 1. La nascita della genetica Che cosa studia la genetica? Gli esperimenti di Mendel Le leggi di Mendel La dominanza incompleta PER APPROFONDIRE Quali sono i caratteri dominanti nell uomo? La genetica moderna I cromosomi I geni 3. Come si riproducono le cellule? La mitosi La meiosi 4. Come si determina il sesso? Il DNA La struttura del DNA La duplicazione del DNA PER APPROFONDIRE Il test del DNA 6. Le mutazioni PER APPROFONDIRE PER APPROFONDIRE Che cos è la sindrome di Down? Le malattie ereditarie La diagnosi delle malattie genetiche Scienze applicate La copia di me Scienze applicate Le cellule staminali LABORATORIO 1 L uso delle tabelle in genetica LABORATORIO 2 Costruisci un modellino del DNA LABORATORIO 3 Come si può estrarre il DNA? Glossario 184 Indice analitico 187 Scienze applicate VIDEO: Laboratorio VIDEO: Laboratorio AUDIOSINTESI DELL U NITÀ I N PIÙ: ESERCIZI INTERATTIVI XIII

15

16 ITINERARIO L uomo e il movimento 1 Il sostegno, il movimento e il rivestimento METE DA RAGGIUNGERE CONOSCERE Le funzioni e la struttura dell apparato locomotore e dell apparato tegumentario SAPERE Classificare le ossa in base alla loro forma Distinguere i vari tipi di articolazione Spiegare il funzionamento di un muscolo Riconoscere i muscoli volontari e involontari Classificare le ghiandole cutanee

17 1 ist2_ Il sostegno, il movimento e il rivestimento 1. Com è organizzato il corpo umano? L uomo, come tutti gli esseri viventi, presenta una struttura che ha come unità fondamentale la cellula. Nel corpo umano esistono vari tipi di cellule, che si differenziano a seconda della funzione che svolgono e che si organizzano in tessuti. Due o più tessuti possono formare una struttura, detta organo, che svolge una specifica funzione. Più organi costituiscono un apparato; se gli organi sono costituiti da tessuti molto simili, il loro insieme viene detto sistema. Il complesso degli apparati e dei sistemi costituisce il corpo umano. Cellula. La cellula è l unità fondamentale degli esseri viventi. Nel corpo dell uomo ci sono molti tipi di cellule, che svolgono funzioni diverse. Tessuto. Un tessuto è l insieme di più cellule simili tra loro e specializzate a compiere una determinata funzione. Tessuto epiteliale Funzione di protezione Tessuto connettivo Funzione di riempimento e sostegno Tessuto nervoso Funzione di conduzione di stimoli Tessuto muscolare Funzione di movimento Ogni tipo di tessuto ha un compito ben definito: protezione, sostegno, movimento, conduzione degli stimoli. 2 cuore Organo. Un organo è una struttura formata da due o più tessuti che, nel loro insieme, svolgono una determinata funzione. Per esempio, il cuore è l organo che fa circolare il sangue in tutto il corpo.

18 Il sostegno, il movimento e il rivestimento 1 mano TESTA o CAPO cranio faccia avambraccio braccio ARTO SUPERIORE torace addome TRONCO coscia Corpo umano. Nel nostro corpo sono riconoscibili tre parti: la testa (o capo), il tronco e gli arti (due superiori e due inferiori). gamba piede ARTO INFERIORE Apparato o sistema. Apparati e sistemi sono formati da più organi che, nel loro insieme, concorrono allo svolgimento di una funzione complessa. Negli apparati gli organi sono costituiti da tessuti diversi, mentre nei sistemi da tessuti molto simili. L apparato circolatorio, per esempio, è formato dal cuore, dai vasi sanguigni e dal sangue, che insieme svolgono il compito di trasportare sostanze a tutte le cellule del corpo. Apparato circolatorio 3

19 L uomo e il movimento 2. Il sostegno e il movimento Il tuo corpo può mantenersi in posizione eretta, camminare, correre e saltare grazie all intervento di due sistemi di organi che svolgono le loro funzioni in collaborazione: il sistema scheletrico e il sistema muscolare. Il sistema scheletrico e il sistema muscolare vengono riuniti in un unico apparato: l apparato locomotore. APPARATO LOCOMOTORE Sistema scheletrico È formato dalle ossa, collegate tra loro da giunture dette articolazioni. Sistema muscolare È costituito da muscoli che, inseriti sulle ossa, ne permettono i movimenti. 3. Il sistema scheletrico Quali funzioni svolge? Il sistema scheletrico: sostiene il corpo; protegge organi interni come il cervello, il cuore, i polmoni; rappresenta una riserva di sali minerali (soprattutto di calcio), che vengono prelevati dall organismo quando ne ha necessità; produce cellule del sangue: il midollo osseo rosso contenuto all interno delle ossa svolge questa funzione. 4

20 Il sostegno, il movimento e il rivestimento 1 Quali tessuti lo formano? Il sistema scheletrico è formato da due tipi di tessuto: il tessuto osseo e il tessuto cartilagineo. Tessuto osseo. Le ossa sono organi vivi, formati da un tipo di tessuto connettivo, il tessuto osseo. Le cellule di tale tessuto, dette osteociti, sono contenute in piccole cavità della sostanza intercellulare, che è costituita da osseina e sali minerali. L osseina è una sostanza organica che dona elasticità al tessuto, mentre i sali minerali (soprattutto fosfato e carbonato di calcio) contribuiscono a rendere le ossa resistenti e solide. Il tessuto osseo è di due tipi: tessuto osseo compatto e tessuto osseo spugnoso. L osso è rigido o elastico? LABORATORIO 1 Tessuto osseo compatto È costituito da lamelle di sostanza intercellulare che formano anelli concentrici intorno ai canali di Havers, cunicoli nei quali sono contenuti le terminazioni nervose e i vasi sanguigni, necessari per il rifornimento di sostanze nutritive e per l eliminazione di sostanze di rifiuto. osteociti Tessuto osseo spugnoso È caratterizzato da un aspetto poroso. Le lamelle si intersecano formando un reticolo nel quale è contenuto il midollo osseo rosso, che ha la funzione di produrre le cellule del sangue. Questa struttura spugnosa, nella quale si alternano molti spazi vuoti, è il giusto equilibrio tra solidità e leggerezza. Se le ossa fossero piene, lo scheletro peserebbe quattro volte di più, rendendo difficile il movimento. lamelle canale di Havers tessuto osseo compatto tessuto osseo spugnoso Tessuto cartilagineo. Il tessuto cartilagineo è un tessuto connettivo le cui cellule, dette condrociti, sono immerse nella sostanza intercellulare, costituita per la maggior parte da collagene. La consistenza di tale tessuto, resistente ma flessibile, lo rende adatto alle parti dello scheletro che devono essere elastiche, come la parte anteriore della gabbia toracica, che deve adattarsi agli atti respiratori (nell inspirazione si dilata e nell espirazione si restringe). Nell embrione le ossa sono formate da tessuto cartilagineo, che viene progressivamente sostituito da tessuto osseo. collagene condrociti tessuto cartilagineo 5

21 L uomo e il movimento Ripasso attivo Leggi e completa inserendo i termini dati. condrociti sostegno del corpo spugnoso osseina cartilagineo osteociti... svolge le funzioni di protezione degli organi interni riserva di sali minerali Il SISTEMA SCHELETRICO produzione di cellule del sangue TESSUTO OSSEO che può essere formato da cellule dette... e sostanza intercellulare costituita da... e sali minerali è costituito da tessuto connettivo di due tipi TESSUTO OSSEO COMPATTO TESSUTO... TESSUTO OSSEO... formato da cellule dette... e sostanza intercellulare costituita da collagene Fai il punto su conoscenze e abilità 1 Completa la sequenza, che rappresenta l organizzazione del corpo umano. CELLULA... ORGANO... o... CORPO UMANO 2 3 Qual è la differenza tra apparato e sistema? Completa lo schema con i termini opportuni. TESTA CORPO UMANO TRONCO ARTI ARTO SUPERIORE ARTO INFERIORE Scegli la risposta corretta. A. I canali di Havers sono strutture presenti nel tessuto osseo a. compatto. b. spugnoso. B. All interno dei canali di Havers sono presenti a. terminazioni nervose e vasi sanguigni. b. midollo rosso. 5 6 Quale funzione svolge il midollo rosso e dove si trova?

22 Il sostegno, il movimento e il rivestimento 1 4. Le ossa Le ossa che formano lo scheletro sono circa 200 e hanno forma e dimensioni diverse a seconda delle funzioni che devono svolgere. Nello scheletro si distinguono tre tipi di ossa: ossa lunghe, ossa corte e ossa piatte. OSSA LUNGHE periostio: membrana che riveste l osso In queste ossa la dimensione della lunghezza prevale su larghezza e spessore. Presentano una parte centrale cilindrica, detta diafisi, e due estremità rotondeggianti, definite epifisi. Sono ossa lunghe le ossa degli arti superiori e inferiori. tessuto osseo compatto epifisi diafisi epifisi vaso sanguigno tessuto osseo spugnoso tessuto osseo spugnoso con midollo osseo rosso OSSA CORTE cavità ossea che contiene il midollo giallo, ricco di grassi OSSA PIATTE Hanno le tre dimensioni molto simili. Sono formate da due strati di tessuto osseo compatto che racchiudono uno strato di tessuto osseo spugnoso. Sono ossa corte le vertebre, il calcagno, le ossa della mano e del piede. calcagno Hanno lunghezza e larghezza quasi equivalenti e uno spessore ridotto. Sono costituite da due lamine di tessuto osseo compatto al cui interno si trova tessuto osseo spugnoso. Sono ossa piatte le ossa del cranio, le scapole e lo sterno. osso parietale vertebra scapola osso compatto osso spugnoso osso compatto osso spugnoso 7

23 L uomo e il movimento 5. Lo scheletro dell uomo Nello scheletro dell uomo si riconoscono tre parti fondamentali: il capo, il tronco, gli arti. Scheletro del capo È formato da: scatola cranica; ossa della faccia. CAPO scatola cranica ossa della faccia Scheletro del tronco È formato da: colonna vertebrale; gabbia toracica. TRONCO gabbia toracica colonna vertebrale ARTO SUPERIORE Scheletro degli arti Si divide in: scheletro degli arti superiori; scheletro degli arti inferiori. ARTO INFERIORE 8

24 Il sostegno, il movimento e il rivestimento 1 Lo scheletro del capo La scatola cranica è formata da ossa piatte perfettamente saldate tra loro che proteggono il cervello. osso frontale osso parietale Le ossa della faccia costituiscono la parte anteriore del capo. Sono anch esse saldate tra loro, a eccezione della mandibola, che è l unico osso mobile del capo. osso temporale osso occipitale vertebra atlante cavità orbitale ossa nasali cavità nasali mascella Le tue competenze Perché i motociclisti hanno l obbligo di indossare il casco? mandibola Lo scheletro del tronco La colonna vertebrale è formata da trentatré ossa corte, le vertebre, sovrapposte le une alle altre. La sovrapposizione dei fori presenti nelle vertebre forma il canale vertebrale, che contiene il midollo spinale. regione cervicale con 7 vertebre che formano il collo La gabbia toracica protegge il cuore e i polmoni ed è formata da dodici paia di costole (o coste), che si articolano nella parte posteriore con le vertebre e nella parte anteriore (solo le prime dieci) con lo sterno. Le ultime due paia di costole non si collegano allo sterno e sono dette libere. cervicali (7) dorsali (12) regione dorsale con 12 vertebre che si articolano alle costole cartilagine sterno costola lombari (5) regione lombare con 5 vertebre sacrali (5) coccige (4-5) regione sacrale con 5 vertebre fuse a formare l osso sacro regione coccigea con 4 o 5 vertebre prive di foro vertebrale vertebre dorsali costole libere La colonna vertebrale, osservata di lato, ha una forma simile a una doppia S. 9

25 L uomo e il movimento Lo scheletro degli arti superiori Lo scheletro degli arti superiori si articola a quello del tronco con due paia di ossa, scapole e clavicole, che formano il cinto scapolare. L osso del braccio è un osso lungo, detto omero. Lo scheletro dell avambraccio è costituito da due ossa: il radio e l ulna. Una caratteristica importante della mano è il pollice completamente opponibile: la capacità del pollice di muoversi lateralmente permette di afferrare gli oggetti con precisione. È proprio questa caratteristica che differenzia la mano dell uomo da quella di altri primati (per esempio il gorilla): lo sviluppo della funzionalità della mano è stato uno dei fattori determinanti nell evoluzione della nostra specie. braccio avambraccio mano clavicola scapola omero radio ulna cinto scapolare Il radio e l ulna si uniscono all omero nell articolazione del gomito. carpo metacarpo falangi Lo scheletro degli arti inferiori Lo scheletro degli arti inferiori si articola allo scheletro del tronco per mezzo del cinto pelvico, che è formato da tre ossa saldate insieme: ileo, ischio e pube. L insieme del cinto pelvico, dell osso sacro e del coccige costituisce il bacino. Le ossa del bacino presentano diversità nei due sessi: nel maschio sono più strette, mentre nella femmina sono più sviluppate in larghezza. La struttura del piede è diversa da quella della mano: nel corso dell evoluzione, con la conquista della stazione eretta, le dita si sono accorciate e il pollice ha perso la capacità di opporsi alle altre dita, mentre la pianta si è allungata e la curvatura dell arco plantare si è accentuata per sostenere il peso del corpo. cinto pelvico Le ossa del bacino vertebra ileo osso sacro pube ischio coscia gamba piede testa del femore femore Il perone e la tibia si uniscono al femore nell articolazione del ginocchio. perone tibia tarso metatarso coccige femore falangi 10

26 Il sostegno, il movimento e il rivestimento 1 6. Le articolazioni Le ossa sono unite per mezzo di giunture dette articolazioni. In base al movimento che permettono, si possono classificare in articolazioni mobili, semimobili e fisse. Come funzionano le articolazioni? LABORATORIO 2 Articolazioni mobili. Consentono alle ossa di effettuare ampi movimenti. Sono di questo tipo le articolazioni del ginocchio e del gomito. L articolazione del ginocchio è mobile. La zona di contatto fra le ossa è rivestita da cartilagine ed è avvolta da un involucro: la capsula articolare. Al suo interno il liquido sinoviale nutre la cartilagine e svolge azione lubrificante. Le ossa vengono tenute unite dai legamenti, strisce di tessuto connettivo resistente ed elastico. femore cartilagine rotula legamenti: tengono unite le ossa perone tibia Articolazioni semimobili. Consentono movimenti limitati per la presenza di legamenti e di capsule articolari che congiungono le ossa. Le vertebre hanno questo tipo di articolazione: in particolare, esse sono separate da un disco di cartilagine, detto disco intervertebrale, che funge da ammortizzatore. Articolazioni fisse o suture. Le ossa sono perfettamente incastrate tra loro e non consentono pertanto alcun movimento. È il caso delle ossa del cranio che, saldate insieme, formano la scatola cranica. vertebra disco intervertebrale 11

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO

CORPO UMANO. CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO ADDOME ARTI SUPERIORI AVAMBRACCIO BRACCIO ARTI INFERIORI MANO CORPO UMANO CAPO o TESTA TRONCO ARTI CRANIO FACCIA ARTI SUPERIORI ARTI INFERIORI TORACE ADDOME AVAMBRACCIO BRACCIO MANO COSCIA GAMBA PIEDE EPIDERMIDE Strato corneo Strato germinativo Ghiandole sebacee

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008

CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2. DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 CONOSCERE IL CORPO UMANO PARTE 2 DOCENTE: Prof. ssatozzi Carla CLASSE: 1G/Sport A.S. 2007-2008 24 APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano, formato da circa 206 ossa (circa il 20% del nostro peso corporeo),

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli.

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. LE FUNZIONI DEL CORPO UMANO Questo nuotatore ha la bocca aperta. Perché? Perché deve coordinare i movimenti del corpo con una

Dettagli

SCIENZE 1 IL CORPO UMANO PROGETTO STRANIERI. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano. A cura di Maurizio Cesca

SCIENZE 1 IL CORPO UMANO PROGETTO STRANIERI. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano. A cura di Maurizio Cesca Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI SCIENZE 1 IL CORPO UMANO A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni - Milano pag. 1 Il corpo

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

AUTORE : LUCIA PALLAVER

AUTORE : LUCIA PALLAVER IL CORPO UMANO AUTORE : LUCIA PALLAVER 2 NOTE DESTINATARI: Studenti stranieri della scuola secondaria di primo grado Questo lavoro è stato scritto nel corso di un Laboratorio all interno del corso di aggiornamento

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

Facciamo scienze Seconda edizione

Facciamo scienze Seconda edizione Federico Tibone Facciamo scienze Seconda edizione C Uomo Scheda-modello per le attività basate su esperimenti nome:... classe:... data:... TITOLO:... Obiettivo dell esperimento Materiali e strumenti usati

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili)

SINARTROSI (articolazioni fisse) ANFIARTROSI (articolazioni semi-mobili) DIARTROSI (articolazioni mobili) LE ARTICOLAZIONI Le ossa dello scheletro sono tenute insieme dalle articolazioni. Tali strutture consentono una mobilità più o meno ampia a seconda della loro conformazione e della modalità con cui vengono

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

More information >>> HERE <<<

More information >>> HERE <<< More information >>> HERE http://urlzz.org/osnbitaly/pdx/dcli1348/ Tags: 5 passi per apparire 10 anni piã¹ giovane product

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

MODULI DI ANATOMIA a.s. 2010-11

MODULI DI ANATOMIA a.s. 2010-11 MODULI DI ANATOMIA a.s. 2010-11 Classe 1 odontotecnico 1 quadrimestre MODULO 1: Concetti base- definizioni 1. Le si per lo studio dell anatomia e della fisiologia 2. Il concetto di salute e malattia. 3.

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it

LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI. www.slidetube.it LA FASCIA LATA, LA FASCIA CRURALE, LE VENE SUPERFICIALI ED I NERVI CUTANEI LA VENA GRANDE SAFENA LA VENA PICCOLA SAFENA LE VENE SUPERFICIALI, PERFORANTI E PROFONDE HANNO VALVOLE; SE LE VALVOLE NON SONO

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo POSTURE E MOVIMENTI DEL CORPO CHE CAUSANO DOLORI MUSCOLARI E ARTICOLARI Testo e disegni di Stelvio Beraldo La colonna vertebrale presenta delle curvature fisiologiche a livello cervicale, dorsale e lombare

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale. federazione italiana. per il superamento dell'handicap. onlus

Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale. federazione italiana. per il superamento dell'handicap. onlus Prevenzione delle Lesioni al Midollo Spinale federazione italiana onlus per il superamento dell'handicap PROGETTO SULLA PREVENZIONE DEI TRAUMI AL MIDOLLO SPINALE Su iniziativa dell Associazione Libera

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu

L apparato circolatorio. Prof.ssa Paola Sirigu L apparato circolatorio COME SIAMO FATTI? Il nostro corpo è composto da milioni e milioni di cellule. Le cellule che svolgono funzioni simili sono organizzate in tessuti. Un insieme di diversi tessuti

Dettagli

I vizi del portamento e le posture corrette

I vizi del portamento e le posture corrette I vizi del portamento e le posture corrette Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo I vizi del portamento 3 gradi di gravita : ATTEGGIAMENTO VIZIATO (nessuna alterazione osteo muscolare) PARAMORFISMO (alterazione

Dettagli

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione.

In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. In una ricca insalata di verdure sono contenute sostanze nutritive importanti per una sana e corretta alimentazione. L ALIMENTAZIONE E L APPARATO DIGERENTE Una dieta equilibrata è fatta di tutti gli alimenti

Dettagli

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE

SINDROME DI SJӦGREN IL RUOLO DI UNA CORRETTARESPIRAZIONE SINDROME DI SJӦGREN La riabilitazione nella sindrome di Sjӧgren svolge un ruolo fondamentale. Essa agisce direttamente sui distretti interessati dalla malattia e parallelamente sui danni secondari, risposte

Dettagli

Il metodo McKenzie Alessandro Aina e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie

Il metodo McKenzie Alessandro Aina  e sull esecuzione di esercizi appropriati diagnosi e trattamento Che cos è il metodo McKenzie Il metodo McKenzie Alessandro Aina fisioterapista, dip MDT, docente McKenzie Studio v. Spontini 3, Milano, via Ripalta 6A San Donato Mil.se, tel 02 29527326 Si basa essenzialmente sul mantenimento di posizioni

Dettagli

Postura e movimento PT

Postura e movimento PT FreeFind MedPop Web Vai altri Motori di ricerca MedPop Postura e movimento PT Anatomia e fisiologia locomotoria HOME.php.htm.pdf Postura e movimento indice (sopprimi) 1. Modelli 2. Tessuto connettivo intramuscolare

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

Manuale di riabilitazione cardiologica

Manuale di riabilitazione cardiologica CARDIOLOGIA Manuale di riabilitazione cardiologica Divisione di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE S.p.A. Divisione di Riabilitazione Cardiologica Manuale di Riabilitazione Cardiologica SAN RAFFAELE

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1 L apparato circolatorio Classe 5 A - Arezio Federico 1 Introduzione Per vivere ed esercitare le loro funzioni, i tessuti e gli organi del corpo abbisognano di un apporto costante di materiale nutritivo

Dettagli

La foto 1 mostra l'esecuzione corretta degli esercizi per stimolare i muscoli addominali.

La foto 1 mostra l'esecuzione corretta degli esercizi per stimolare i muscoli addominali. ADDOMINALI LUNGHI È importante allenarli,ma in modo corretto, altrimenti si rischia di ricavare più problemi che benefici. Come effettuarli evitando gli errori più frequenti e sfatando qualche luogo comune.

Dettagli

Strategia di Valutazione EHFA (EAD 03) Ragione sociale dell Ente di formazione:

Strategia di Valutazione EHFA (EAD 03) Ragione sociale dell Ente di formazione: Strategia di Valutazione EHFA (EAD 03) Ragione sociale dell Ente di formazione: Introduzione Standard della European Health and Fitness Association (Associazione Europea di Salute e Fitness - EHFA) Sono

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12 Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Testo in adozione: di: M. Di Stefano - S. Pederzoli - A. Pizzirani UNA INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale

Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale Esercizi per il rachide e per la stabilità posturale A cura di: Laboratorio Larin Casa di Cura Domus Salutis - Brescia ESERCIZI DA SUPINO 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. ESERCIZI IN POSIZIONE PRONA 1. 2. 3. ESERCIZI

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Scienze Livello: A2 Gruppo 3 Autori: Belfi Antonella, Bolzan Luana, Papi Michela Prerequisiti: comprensione linguistica livello A2 per alunni

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PREVENZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI APPARATO LOCOMOTORE COLONNA VERTEBRALE Vertebre cervicali 7 VII a vertebra cervicale Atlante Vertebre toraciche 12 Epistrofeo Vertebre lombari

Dettagli

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167 Stimola la riparazione dei tessuti Magnetoterapia BF 167 Illustrazioni esplicative per famiglie che intendono utilizzare trattamenti con Magnetoterapia BF 167: Illustrazione Descrizione Diffusori Frequenza

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI AMBULATORIALI. Radiologia Convenzionale. 8705 Dacriocistografia. 87061 Scialografia. 8707 Laringografia 4 proiezioni

ELENCO PRESTAZIONI AMBULATORIALI. Radiologia Convenzionale. 8705 Dacriocistografia. 87061 Scialografia. 8707 Laringografia 4 proiezioni ELENCO PRESTAZIONI AMBULATORIALI Radiologia Convenzionale 8705 Dacriocistografia 87061 Scialografia 8707 Laringografia 4 proiezioni 87091 Esame diretto ghiandole salivari 87091 Rinofaringe - Laringe -

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE

LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE LA FUNZIONE DELLA NUTRIZIONE Puoi immaginare il corpo umano come una macchina che ha bisogno di energia per muoversi, giocare, studiare, ma anche respirare, mangiare, difendersi dalle malattie, proteggersi

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI E TEMPI DI CONSEGNA

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI E TEMPI DI CONSEGNA Ecografia ECO(COLOR)DOPPLER FEGATO E V.B 43,38 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER PANCREAS 43,38 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER RENI E SURR. 34,09 Risposta immediata ECO(COLOR)DOPPLER DELLA MILZA

Dettagli

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo:

SCIENZE. Il Sistema Circolatorio. Chi sono? il testo: 01 Chi sono? Uno è piccolo come una mosca, l altro è grande come un giocatore di basket, ma in tutti gli esseri viventi il cibo che essi mangiano (assorbono) e l aria (ossigeno) che respirano devono andare

Dettagli

Jian Shen fa. del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE

Jian Shen fa. del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE METODO PER LA SALUTE ED IL BENESSERE Jian Shen fa del Maestro YUAN ZUMOU INTRODUZIONE Questo metodo, ispirato da An Chiao (auto-massaggio), da Tu Na (respirazione profonda) e dal Dao Yin (consapevolezza

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553

CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE DELLE ALTERAZIONI POSTURALI INDOTTE DAL CICLO DI VOGA. Tesi di Laurea di: CAUDULLO Claudio Matricola N 3809553 UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Facoltà di scienze della formazione Corso di Laurea in Scienze E Tecniche Delle Attività Motorie Preventive e Adattate CANOTTAGGIO: PREVENZIONE E RIEDUCAZIONE

Dettagli

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell

Manuale di. Anatomia. per lo stretching. A cura di Ken Ashwell Manuale di Anatomia per lo stretching A cura di Ken Ashwell 6 7 Sommario Prefazione 8 Come è organizzato questo libro 10 Anatomia generale 12 Regioni del corpo umano 14 Sistema muscolare 16 Sistema scheletrico

Dettagli

LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!!

LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!! LE VENE SISTEMICHE Modalità di ramificazione molto più variabile rispetto a quella delle arterie!!! Tutte le vene sistemiche (ad eccezione delle VENE CARDIACHE che drenano il loro sangue nel SENO CORONARIO)

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

Fabrizio Pisasale Siri Narayan Singh

Fabrizio Pisasale Siri Narayan Singh di Fabrizio Pisasale Siri Narayan Singh I rimedi proposti da Tao Yoga terapia, sono frutto di anni di studi e di insegnamenti lontani dai principi della scienza medica occidentale, e quindi difficilmente

Dettagli

Prefazione Presentazione dell edizione italiana

Prefazione Presentazione dell edizione italiana INDICE V Capitolo 28 Indice Autori Prefazione Presentazione dell edizione italiana XI XIII 1 LA CELLULA 1 La cellula 1 Nucleo 7 Citoplasma 17 Complesso di Golgi 21 Mitocondri 24 Lisosomi 28 Perossisomi

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

Statistica sinistri anni 2007, 2008, 2009, 01-03/2010 R.C.T.O. COMUNE DI PORTICI

Statistica sinistri anni 2007, 2008, 2009, 01-03/2010 R.C.T.O. COMUNE DI PORTICI Oggetto: procedura concorsuale Servizio di copertura assicurativa Comune di Portici per il periodo luglio 2010 gennaio 2012 art.8 Bando Disciplinare informazioni tecniche A seguito delle richieste di informazione

Dettagli

Tariffa Campania Lire. Pagina 1 di 7

Tariffa Campania Lire. Pagina 1 di 7 06.01 ASPIRAZIONE NELLA REGIONE TIROIDEA L. 95.200 49,17 70,00 40.19.1 AGOBIOPSIA LINFONODALE ECO-GUIDATA L. 91.840 47,43 70,00 40.19.2 AGOBIOPSIA LINFONODALE TC-GUIDATA L. 162.000 83,67 90,00 BIOPSIA

Dettagli

OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO TRASPORTO SANITARIO

OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO TRASPORTO SANITARIO TRASPORTO SANITARIO il Sistema Nervoso OGNI ESPRESSIONE DELLA NOSTRA PERSONALITÀ, PENSIERI, SPERANZE, SOGNI, DESIDERI, EMOZIONI, SONO FUNZIONI DEL SISTEMA NERVOSO 2 Obiettivi CONOSCERE I PRINCIPALI COMPONENTI

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Le fasi del massaggio ed effetti terapeutici

Le fasi del massaggio ed effetti terapeutici Stefania Pellecchia Le Origini L ayurveda è l antichissima medicina della tradizione indiana. La sua origine è descritta nei Veda, i testi ricchi di sapienza più antichi al mondo. Questa medicina olistica

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

Red! Edizioni presenta. di Benedetto Toso

Red! Edizioni presenta. di Benedetto Toso C O M U N I C A T O S T A M P A Red! Edizioni presenta LA NECK SCHOOL UN PROGRAMMA COMPLETO PER PREVENIRE E CURARE LA CERVICALGIA di Benedetto Toso Collana: STD 041 Formato: 17x24 cm Pagine: 142 Prezzo:

Dettagli

MASSAGGIO CONNETTIVALE

MASSAGGIO CONNETTIVALE MASSAGGIO CONNETTIVALE ESECUZIONE MANUALE Per effettuare la trazione del connettivo si appoggiano sulla cute il polpastrello del dito medio e dell anulare o del medio e dell indice prima a piatto, poi

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME OSTEOPATIA IV Osteopatia strutturale: l arto inferiore Piede: Test di mobilità e tecniche di riduzione di: o Astragalo o Calcagno o Scafoide

Dettagli

Il cervello siamo noi

Il cervello siamo noi SISSA PER LA SCUOLA Il cervello siamo noi Un gioco di neuroscienze per le scuole superiori Titolo: Il cervello siamo noi Area: Neuroscienze Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Bambini delle elementari

Dettagli

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi.

Esercizio 8) Posizione supina. Braccia distese lungo i fianchi e gambe semiflesse. Sollevare il bacino e mantenere alcuni secondi. Dr.Italo Paolini, Medico di medicina generale, Z.T.13 AP, ASUR Marche, Via Salaria 15-63043 Arquata del tronto (AP) Tel.0736809408E-mail: italopaolini@gmail.com TERAPIA DEL DOLORE Ti propongo una serie

Dettagli

Report Analitico "RICAVI" per Prestazioni Intermedie 2013

Report Analitico RICAVI per Prestazioni Intermedie 2013 RADIOLOGIA MONTEFIASCONE AREA DELLA RIABILITAZIONE 88.77.2 ECO(COLOR)DOPPLERGRAFIA DEGLI ARTI SUPERIORI O INFERIORI O DIST 4,0 43,90 175,60 88.76.1 ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO GASTROENTEROLOGIA - CHIRURGIA

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI

IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO IL SISTEMA NERVOSO I TRAUMI CRANICI E VERTEBRALI CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO V.d.S. I.P. Franco Onere ANATOMIA E FISIOLOGIA Il sistema nervoso si distingue

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo

IL CUORE NORMALE. La sua circolazione e il suo sviluppo CAPITOLO THE NORMAL HEART: Its circulation and development 1 IL CUORE NORMALE La sua circolazione e il suo sviluppo Il cuore e i polmoni sono situati nel torace, protetti dallo sterno, dalla gabbia toracica

Dettagli

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali Tessuto connettivo pr. detto Tessuto adiposo Cartilagine Osso Sangue

Dettagli

ASPIRAZIONE. Descrizione Onorario LP (es. 150,00 ) ASPIRAZIONE PERCUTANEA DI CISTI DELLA MAMMELLA ECO-GUIDATA DX

ASPIRAZIONE. Descrizione Onorario LP (es. 150,00 ) ASPIRAZIONE PERCUTANEA DI CISTI DELLA MAMMELLA ECO-GUIDATA DX RADIOLOGIA DOTT.SSA FURFARO DANY ASPIRAZIONE ASPIRAZIONE PERCUTANEA DI CISTI DELLA MAMMELLA ECO-GUIDATA DX ASPIRAZIONE PERCUTANEA DI CISTI DELLA MAMMELLA ECO-GUIDATA SX TC TC ORBITE (SENZA CONTRASTO) TC

Dettagli

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione.

Serie. Codice 30PA312. 30pa10000. 30pa10004cl. 30pa10013 30pa10012 30pa10015. Serie Percorso 16 staz. Codice 30PA316. Codice stazione. Percorso staz. Percorso staz. 0PA0 0pa000cl 0pa00 Percorso 0 staz. 0PA 0 0pa000cl 0pa000 0pa000 0pa00 0pa00 0pa00 0pa000 0pa000 Si tratta di un insieme armonico di stazioni per esercizi fisici, studiati

Dettagli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli Sistema Nervoso DISPOSITIVO DI RECEZIONE (AFFERENTE) SISTEMA DI ELABORAZIONE DISPOSITIVO DI TRASMISSIONE (EFFERENTE) SISTEMA

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 IL DANNO ALLA PERSONA IN RESPONSABILITÀ CIVILE

INDICE CAPITOLO 1 IL DANNO ALLA PERSONA IN RESPONSABILITÀ CIVILE Prefazioni alla seconda edizione............................ XI Prefazione alla prima edizione............................. XIX Introduzione....................................... 1 CAPITOLO 1 IL DANNO

Dettagli

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth

Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Terapia Manuale secondo il Concetto OMT Kaltenborn-Evjenth Corso sull arto inferiore Docente: Jochen Schomacher, PhD, PT-OMT Supplemento fotografico per completare il libro: Schomacher, J. Terapia manuale

Dettagli

Settimane 1-8 : comincia una nuova vita

Settimane 1-8 : comincia una nuova vita Settimane 1-8 : comincia una nuova vita È così emozionante Sei incinta e la tua vita non sarà più la stessa! Lo dirai al mondo o manterrai il tuo segreto ancora un po? (il conto delle settimane lo si inizia

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina.

3^ settimana dall'ultima mestruazione (U.M.) Fecondazione dell'ovocita, formazione dell'embrione e suo impianto in cavità uterina. LO SVILUPPO FETALE DI SETTIMANA IN SETTIMANA Testo del dr. Massimiliano Monti (La Spezia) www.ginecolink.net Lo sviluppo fetale è un meraviglioso processo che, con tappe precise e finemente regolate, porta

Dettagli

NOTE INFORMATIVE AD USO DEL CHIRURGO UTILIZZATORE PER OTTENERE DAL PAZIENTE IL CONSENSO INFORMATO

NOTE INFORMATIVE AD USO DEL CHIRURGO UTILIZZATORE PER OTTENERE DAL PAZIENTE IL CONSENSO INFORMATO NOTE INFORMATIVE AD USO DEL CHIRURGO UTILIZZATORE PER OTTENERE DAL PAZIENTE IL CONSENSO INFORMATO 1. CHE COSA VUOL DIRE TESSUTI DONATI A FINE DI TRAPIANTO? Le persone possono donare al momento della propria

Dettagli

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo)

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) L APPARATO DIGERENTE Tubo digerente (dalla bocca all ano) e ghiandole annesse; epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) Epitelio

Dettagli