Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Emissione imposte di circolazione e di navigazione 2012"

Transcript

1 Sezione dea circoazione, Camorino 1 Emissione imposte di circoazione e di navigazione 2012 L importo totae fatturato per anno 2012 è di: Frs. 120'788' Così suddiviso: imposte di circoazione Frs. 117' imposte di navigazione Frs. 3' Occorre rievare che non vi è stato un aumento reae dee imposte. I maggior fatturato, %, deriva da aumento dee immatricoazioni rispetto a anno precedente, a maggior parte dee quai in sostituzione anche con veicoi più potenti, con maggiore ciindrata e peso (fatture emesse: ). Basi egai Con i 1 gennaio 2009 è entrata in vigore a modifica dea Legge sue imposte e tasse di circoazione che ha introdotto i concetto de imposta di circoazione differenziata in base a appartenenza ad una determinata categoria di efficienza energetica (secondo i principi dea etichettaenergia ). I sistema di bonus/maus premia gi acquirenti dee automobii più efficienti e penaizza gi acquirenti di quee scarsamente efficienti e più inquinanti. Legge sue imposte e tasse di circoazione dei veicoi a motore Regoamento di appicazione dea Legge sue imposte e tasse di circoazione dei veicoi a motore de modifica In particoare: Ecoincentivi ed esoneri 1. standard minimi Art. 1a 2. coefficiente di motipicazione a) definizione Art. 1b a) Etichetta Ogni auto deve avere un etichetta energetica, daa quae risuta, fra atro a categoria energetica (base egae federae). La categoria viene stabiita sua base di una formua che tiene conto soprattutto di peso e consumo. Ogni anno a scaa di riferimento viene modificata, così che è possibie che un veicoo cambi categoria. L adeguamento dea scaa di riferimento (inasprimento) è indispensabie per far sì che venga mantenuto i passo con i continui migioramenti tecnoogici. In caso contrario, quaora cioè i parametri non vengano modificati, ne giro di quache anno a maggior parte dee auto dovrebbe essere inserita nee categorie migiori.

2 Sezione dea circoazione, Camorino 2 b) Garanzia de bonus L imposta di circoazione cantonae viene definita sua base anche dea categoria energetica. Visto che si tratta di un incentivo si è vouto evitare che uno che ha acquistato un veicoo nuovo poco inquinante (cat. A) per beneficiare de bonus, anno successivo a seguito de cambiamento di categoria intervenuto (vedi punto precedente / ett. a) si veda privato de bonus. Detto in atro modo si è vouto fare in modo che i bonus fosse garantito per ameno anno di immatricoazione + i due successivi (anche se ne frattempo auto in oggetto cambiasse categoria e quindi di principio non avrebbe più diritto a bonus). Bonus/maus in base aa categoria energetica (secondo i regoamento citato in precedenza) Da 1 gennaio 2009, ogni automobie nuova è associata ad una etichetta energetica. Etichetta A = 50% in meno de imposta di circoazione (bonus) Etichetta F = 20% in più de imposta di circoazione (maus) Etichetta G = 50% in più de imposta di circoazione (maus) Etichette B-C-D-E = non ci sono né sconti né aggravi Tutti i veicoi immatricoati prima de , escusi i veicoi d epoca (30 anni d età in perfetto stato) = 30% in più de imposta di circoazione. Cambiamenti Ne giugno 2011 i Consigio federae ha deciso di modificare a vigente base egae federae su etichettaenergia (Ordinanza su energia e reativa Ordinanza DATEC concernente e indicazioni de etichettaenergia per e nuove automobii). I nuovi vaori sono entrati in vigore i 01 gennaio 2012 ed hanno un impatto diretto sua cassificazione di mote automobii sia già in circoazione che di nuova immatricoazione. Le principai modifiche egai sono e seguenti: - nea formua per a determinazione dea categoria di efficienza energetica è stata aumentata importanza de fattore consumo; - adeguamento de etichetta avverrà annuamente ed entrerà in vigore a 01 gennaio di ogni anno. A seguito di queste nuove norme numerose automobii cambieranno a oro categoria energetica di appartenenza, con conseguente modifica de imposta di circoazione. A quando risae utima modifica dea Legge L utima modifica dea Legge sue imposte e tasse di circoazione risae a con a formua tassa base + fattore, in particoare frs peso totae (kg) x potenza (kw DIN)./. 560.

3 Sezione dea circoazione, Camorino 3 Statistica veicoi nuovi immatricoati da a in base aa etichettaenergia Etichetta A = veicoi Etichetta B = veicoi Etichetta C = 4'208 veicoi Etichetta D = 2'095 veicoi Etichetta E = 1'595 veicoi Etichetta F = 322 veicoi Etichetta G = 773 veicoi veicoi Informazioni generai su fatturato 2012 La modifica introdotta ne 2009 riguarda soo e automobii, tutti gi atri generi di veicoi non sono interessati. Termini di pagamento I termine scade i A fine marzo, emissione di un primo richiamo A fine aprie, emissione di un secondo richiamo Maggio, decisione / diffida termine cinque giorni per i pagamento Cambiamenti d indirizzo postae In occasione de emissione de imposta di circoazione, ogni anno sono ritornate aa nostra Sezione centinaia di buste, causa a mancata notifica dei cambiamenti di recapito. Ricordiamo che a base egae prevede che i detentore deve notificare quasiasi modifica dei documenti ufficiai entro 14 giorni. La sostituzione dea icenza di circoazione per a modifica de indirizzo è gratuita. Aegato a emissione dea fattura de imposta 2011 (ottava edizione de info) - Tema Fyer 2012: La sicurezza dei pedoni resta priorità - Intervento de Direttore de Dipartimento dee istituzioni, Signor Norman Gobbi su tema: Usiamo a testa e saviamo dee vite! - Priorità: i dati di ungo periodo confermano che e priorità d intervento sono rivote aa categoria dei motocicisti e dei pedoni, con un occhio vigie anche su resto dee categorie. - Ecoincentivi: sito web

4 Sezione dea circoazione, Camorino 4 Prevenzione La prevenzione deve vaere per tutti gi utenti dea strada; evitare di penaizzare una determinata categoria. Sito web dea Sezione dea circoazione Invitiamo a voer consutare i nostro sito a indirizzo: Troverete informazioni importanti riguardanti tutti i settori di attività dea Sezione, e procedure guidate, modui e formuari da compiare, stampare e trasmettere direttamente ai servizi competenti, nonché i modui per acune pratiche che possono essere effettuate onine. L'Aggiunto e Sostituto Caposezione: A. Barboni Nota Per uteriori informazioni di dettagio contattare Ado Barboni, Sezione dea circoazione - Te. no Aegati - Tabea fatturato imposta di circoazione / navigazione Grafico fatturato imposta di circoazione e di navigazione da 2002 a 2012, grafico parco veicoi da 2002 a 2011 (costante aumento ineare) - Copia documento aegato a emissione dea fattura imposta di circoazione 2012 Camorino, 03 gennaio 2012/de

5 Sezione dea circoazione, Camorino 5 FATTURATO Imposta di circoazione e di navigazione da 2002 a Diff.% 2011 Diff.% 2010 Diff.% 2009 Diff.% 2008 Diff.% 2007 Diff.% 2006 Diff.% 2005 Diff.% 2004 Diff.% 2003 Diff.% 2002 IMPOSTA DI CIRCOLAZIONE CHF IMPOSTA DI NAVIGAZIONE CHF , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , TOTALE CHF , , , , , , , , , ,

6 Sezione dea circoazione, Camorino 6 Fatturato imposta di circoazione / navigazione % % % % % % % % % % Veicoi immatricoati da 2002 a 2011 (costante aumento ineare) % % % % % % % % %

7 I 32 partner di Strade più sicure Usiamo a testa e saviamo dee vite! Associazione Lungoago - Ascona Porto-Ronco Brissago Associazione Svizzera dei Trasportatori stradai - Sezione Ticino (ASTAG) Associazione Svizzera Maestri conducenti Moto (ASMM) Associazione Svizzera Maestri Conducenti Ticino (ASMCTI) Associazione Traffico e Ambiente (ATA), Sezione dea Svizzera Itaiana Automobi Cub Svizzero - Sezione Ticino (ACS) Camera ticinese degi agenti generai di assicurazione, (membro dea Fed. svizzera FSAGA) Consigio per a Sicurezza Stradae (CSS) Eco - Drive ESA - Società Cooperativa di compera de'unione professionae svizzera de'automobie Federazione Cantonae Ticinese Servizi Autoambuanze Federazione Ticinese Integrazione Andicappati (FTIA) Gruppo per a moderazione de traffico dea Svizzera itaiana GMT-SI Infove - Veicoi eettrici eggeri Ingrado - Servizi per e dipendenze Istituto Educazione Stradae (IES) La Posta Svizzera - AutoPostae - Centro Regionae Ticino Mauro Baestra ing. auto REGA Mobiità pedonae - associazione svizzera dei pedoni Nez Rouge Ticino Poizia Cantonae Radix RASS Istituto SA, Ricerca Aggiornamento Sicurezza Stradae Safe Driving SA SAPSI Scuoa Autisti Professionisti dea Svizzera Itaiana Segretariato Cantonae ATTE Studio di ingegneria Massimo Daessi Touring Cub Svizzero - Sezione Ticino(TCS) Ufficio per a Prevenzione degi Infortuni - Regione 5 (UPI) Ufficio segnaetica stradae e impianti pubbicitari Unione Professionae Svizzera de'automobie - Sezione Ticino (UPSA) Unitas Con piacere porto i mio primo sauto a tutte e tutti i destinatari de opuscoo di Strade più sicure, i programma di prevenzione de Dipartimento dee istituzioni in coaborazione con a Poizia cantonae e a Sezione dea circoazione. Da anni Strade più sicure si (pre)occupa di informare e sensibiizzare ampia utenza dee nostre strade. In Svizzera, i Cantone Ticino detiene infatti i primato di veicoi per abitante. È quindi decisivo far comprendere aspetti importanti quai a sicurezza e a prudenza, come pure attenzione da dedicare agi atri utenti dee nostre sempre più trafficate strade. Con questo servizio informiamo, sensibiizziamo e rammentiamo che vi sono dei controi e dee norme che vanno rispettate. Su fronte dei controi di poizia, spesso mi accade di incontrare persone che recamano per e mute ricevute e i oro ammontare, oppure per a pesantezza dea punizione ricevuta (ritiro dea icenza di condurre). Se a norma esiste, essa va rispettata. È compito deo Stato sensibiizzare, prevenire e anche reprimere; se ci viene comminata una sanzione (come peratro successo anche a sottoscritto), questo avviene perché si stavano infrangendo dee regoe messe in vigore per garantire a sicurezza di tutti. Questa poitica de sensibiizzare, prevenire e sanzionare è appagante, come ci conferma a statistica de utimo decennio. I 2011 mostra cifre nettamente migiori rispetto a media de utimo decennio per quanto riguarda i totae degi incidenti, dee persone coinvote, dei feriti eggeri e gravi e de numero di morti. Magrado ciò e nostre strade mietono ancora troppe vittime, soprattutto fra i pedoni e i motocicisti! Scopo e anima de programma di prevenzione Strade più sicure non hanno dunque perso di attuaità, e i risutati vanno uteriormente migiorati. Risutati che dipendono ancora moto da aumentata intensità de traffico sue nostre strade, in cui non va dimenticato come distrazioni e stress infuenzino a nostra attenzione e percezione. Un sms può uccidere un automobiista, come pure un pedone che viene travoto, ma anche un pedone che entra imprudentemente su campo stradae distratto da suo sms. Le norme sono utii e importanti, ma personamente prediigo a regoa fondamentae de buon senso e dea capacità di prevenire fatti ed eementi che possono avere tragici effetti. I migioramento generae su fronte dea sicurezza stradae va ne interesse di tutti, dai pedoni agi automobiisti, dai motocicisti agi autotrasportatori. E questo richiede impegno di tutti! Norman Gobbi Consigiere di Stato Direttore de Dipartimento dee istituzioni No.8 - Dicembre , meno incidenti, meno vittime, savo i pedoni in controtendenza partner, insieme per strade più sicure Editoriae La sicurezza dei pedoni resta una priorità L aria cambia... con e scete giuste!

8 info mobiità responsabie La sicurezza dei pedoni resta una priorità Attraversamento in sicurezza Le cifre Dati generai per i primi 10 mesi di ogni anno, Fonte: Poizia cantonae In termini generai, i 2011 mostra cifre nettamente migiori aa media de decennio, confermando quindi un costante migioramento dea situazione generae su fronte dea sicurezza stradae. Da quache anno Strade più sicure pone accento su tema dea sicurezza dei pedoni e questo sua scorta essenziamente dee cifre riportate dae statistiche ufficiai dea Poizia. Anche i dati 2011, seppur ancora parziai, confermano i trend in atto da acuni anni. Prima di presentare e cifre, è bene specificare che a causa de introduzione de sistema federae di gestione dee statistiche sugi incidenti, è possibie offrire un confronto imitato ai primi 10 mesi dei vari anni presentati, rispetto agi 11 mesi de passato. In effetti i criteri di immissione dei dati impongono una maggiore diazione tra i momento in cui incidente avviene e quando esso può essere immesso nea banca dati con tutti i dettagi che o concernono. Questa immagine sostanziamente positiva, non concerne però i pedoni e questo è dimostrato dae cifre reative ae vittime suddivise per utente de traffico. Dati per utente de traffico per i primi 10 mesi, Da punto di vista dei pedoni Partiamo da una premessa fondamentae: avere ragione e finire con e ossa rotte non serve a nua. Quando si è un utente dea strada deboe (senza carrozzeria o airbag) è ancora più importante ispirare i proprio comportamento aa prudenza e aa garanzia dea sicurezza. E aora, come si attraversano e strade? 1. Su passaggio pedonae ( strisce giae ): entro i raggio di 50 m da un passaggio pedonae, questo va usato per attraversare a strada (art. 47 de Ordinanza sue norme dea circoazione stradae - ONC). Le strisce pedonai concedono di principio a precedenza a pedone, ma questi non deve accedervi a improvviso; in particoare attraversamento va compiuto con prudenza: non ci si può avvaere dea precedenza se i veicoo in arrivo non ha più tempo per fermarsi (art. 49 dea Legge sua circoazione stradae LCStr e art. 47 ONC). Quindi ecco e tre regoe da seguire: ALT! Fermarsi sempre davanti a passaggio. GUARDA! Controare che non vi siano auto in arrivo o che queste si fermino; cercare intesa visiva con i conducente in arrivo è i migior modo per garantirsi a sicurezza necessaria. I maintesi possono costare caro! VAI! Attraversare unicamente se non vi è pericoo. Purtroppo essere daa parte dea ragione non sava a vita... Da punto di vista dei conducenti di veicoi Anche qui una premessa: in caso di scontro tra un veicoo e un pedone, soo i 5% dei pedoni ne esce senza un graffio i 95% resta ferito o nei casi peggiori muore. Non si deve mai dimenticare che un imprudenza aa guida può costare a vita di una persona! E aora, come guidare i proprio veicoo in presenza di pedoni? 1. In presenza di passaggi pedonai: i conducenti devono agevoare i pedoni ne attraversamento dea strada, moderare per tempo a veocità e devono cedere a questi a precedenza se stanno già attraversando o intendono faro (art. 33 LCStr; art. 6 ONC). La sanzione in caso di inosservanza de obbigo di dare a precedenza sui passaggi pedonai (art. 33 LCStr, art. 6 ONC) è di fr ; in caso di messa in pericoo de pedone, può aggiungersi a revoca dea patente. Per a sicurezza di tutti, e regoe da rispettare sono sempici: CONTROLLA! Sguardo che si muove a radar per percepire a presenza dei pedoni e eventuai pericoi. RALLENTA! Ridurre a veocità in presenza di pedoni. FERMATI! Cedere a precedenza a chi vuoe attraversare e fare un cenno d intesa. 2.In generae, in zone con moti pedoni: nea circoazione a interno degi abitati, in caso di una forte presenza di pedoni, a conducente di veicoo è richiesta particoare prudenza e un attenzione che permetta di percepire per tempo i pericoo. In caso di traffico incoonnato, anche in assenza di passaggi pedonai, i conducente deve fermarsi quaora i pedoni aspettino di attraversare a strada (art. 6 ONC). Fonte: Poizia cantonae Nea categoria dei pedoni, nei primi 10 mesi di ogni anno, tra i 2002 e i 2011 si sono avuti in media 103 feriti e 4 decessi; pur se moto ieve, vi è una tendenza aa crescita dei feriti. Per quanto attiene ai decessi, a media è mantenuta ata dai due anni peggiori: i 2005 con 4 decessi e soprattutto i 2010 con ben 9 decessi nei primi 10 mesi. La segnaetica Un uteriore eemento che moto ha fatto e fa discutere, in reazione aa sicurezza dei pedoni, è queo dea segnaetica, con particoare riferimento a tema dei passaggi pedonai. Sua scorta de impegno già avviato precedentemente e prendendo spunto da eevato numero di incidenti mortai con pedoni di inizio 2010, i Di partimento de territorio (DT) ha dato avvio ad una fase di forte acceerazione dei avori di verifica e messa a norma dei passaggi pedonai su strada cantonae. Degi otre 700 passaggi pedonai situati sue strade cantonai, i DT ha dato a priorità a quei ubicati sue strade maggiormente trafficate (ca. 500). Ognuno di essi è stato esaminato e fino ad ora sono stati eseguiti gi interventi necessari su circa a metà dei passaggi pedonai. I avori sono tuttora in corso e i casi rimanenti saranno sistemati entro a primavera de 2012, in seguito saranno affrontate e strutture su strade secondarie. Vi è ancora una percezione diffusa e radicata, ma purtroppo pericoosa, che consiste ne considerare e strisce giae sicure per definizione. Tra gi interventi risoutivi, in acuni casi vi è infatti pure a oro soppressione. Ciò avviene quando e condizioni minime tecniche e egai non sono soddisfatte, ad esempio una visibiità insufficiente, dee veocità troppo eevate o un numero di attraversa- Otre aa giustificazione data dae cifre qui presentate, i tema dei pedoni resta centrae soprattutto perché a definizione pedone tocca a maggioranza dea popoazione, dai bambini più piccoi agi anziani. menti troppo scarso. Quest utimo criterio è controverso e spesso ma compreso, ma a norma (egamente vincoante) si basa su concetto che a scarsità di pedoni induce disattenzione nei conducenti e così maggior pericoo. Nonostante si tenda a credere i contrario, anche a canceazione di passaggi pedonai è una misura a favore dea sicurezza de pedone. Prima di procedere a eiminazione vengono esaminate e possibii aternative, quai o spostamento in zona idonea o attraversamento in due fasi mediante a posa di un isoa spartitraffico, senza strisce pedonai. Per poter trovare e souzioni più adeguate, a coaborazione con i Comuni è essenziae. A questo scopo e per migiorare informazione su tema, i DT organizzerà nea prima metà de anno prossimo una serie di incontri con gi enti ocai. 2. Senza passaggio pedonae: a strada può essere attraversata anche in assenza di un passaggio pedonae, ma qui a prudenza deve essere ancora maggiore, in quanto i pedone non gode de principio dea precedenza. Restano sempre vaide e regoe già iustrate: ALT!, GUARDA!, VAI! unicamente se non vi è pericoo. In presenza di un isoa sava-vita a centro dea carreggiata, i passi descritti vanno compiuti per una corsia aa vota; questo aumenta a sicurezza de attraversamento. 3. Se accompagno un bambino: i bambini imparano mote cose guardando esempio dei propri genitori e degi atri aduti di oro riferimento. È inutie insegnare ai propri figi di comportarsi con prudenza quando camminando ungo e strade, se poi vedono i propri genitori attraversare a strada sevaggiamente con i semaforo per i pedoni su rosso, senza guardare, ecc. 4. Se chiacchiero a teefono: a teefonia mobie ha indubbiamente grandi pregi, ma quando si cammina ha pure i difetto di distogiere attenzione de pedone da traffico che o circonda. Quando si intende attraversare a strada, megio interrompere un attimo a teefonata e dedicare tutta attenzione ae regoe base: ALT! GUARDA! VAI! 3. I caso speciae dei bambini e degi anziani: i bambini sono meno consapevoi dei pericoi, più difficii da scorgere e più imprevedibii. Gi aduti aa guida di un veicoo devono ridurre a veocità e, se necessario, fermarsi se i bambini non prestano attenzione a traffico (art. 4 cpv 3 ONC). Per migiorare a sicurezza dei bambini, soprattutto per i percorso casa-scuoa, da quache anno è attivo i progetto Megio a piedi (www.megioapiedi.ch), sostenuto da Consigio di Stato. Per quanto riguarda gi anziani, essi possono soffrire di disturbi motori che i rendono più enti, così come di probemi aa vista e/o a udito che rende più difficotoso per oro percepire i sopraggiungere di un veicoo. Anche in questi casi, i conducente deve assumere un atteggiamento particoarmente prudente. In questo ambito è in atto anche in Ticino i progetto A piedi senza imiti di età (www.a-piedi.ch), sostenuto anche da Strade più sicure. 4. Se chiacchiero a teefono: conversare, inviare SMS, controare agenda o a posta eettronica tramite i proprio teefonino tutte attività che motissimi compiono durante a guida. È bene ricordare che teefonare senza gi appositi dispositivi mani ibere rappresenta un infrazione punita con fr di muta (Ordinanza sue mute discipinari - OMD). Ancora più importante è però sapere che concentrarsi sua teefonata porta a distrarsi daa guida (art. 3 cpv 1 ONC) e a commettere errori che possono costare a vita, soprattutto ai pedoni. Per tutti usiamo a testa e saviamo dee vite! Per sopravvivere nea giunga d asfato, devi avere i cerveo acceso e i sensi pronti: rispetto, attenzione e prudenza! Su questi temi e in particoare sua necessità di un intesa tra pedone e automobiista si sono incentrate numerose campagne di sensibiizzazione e controo svote da Strade più sicure, in coaborazione con i Dipartimento de territorio, a Poizia cantonae e mote Comunai.

il DM 27012004 "Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia

il DM 27012004 Modifiche al Regolamento recante norme concernenti l'autonomia carica presso a sede de'università; e La Federazione CONFAL-UNSA Coordinamento Nazionae Beni Cuturai (di seguito denominata Federazione) con sede c/o Ministero per i Beni e e AttivitA Cuturai. Via de Coegio

Dettagli

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II

Risoluzione di travature reticolari iperstatiche col metodo delle forze. Complemento alla lezione 43/50: Il metodo delle forze II Risouzione di travature reticoari iperstatiche co metodo dee forze ompemento aa ezione 3/50: I metodo dee forze II sercizio. er a travatura reticoare sotto riportata, determinare gi sforzo nee aste che

Dettagli

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE

Un mondo di vantaggi. Un offerta personalizzata. Là dove i Papi vanno in vacanza CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL TECNOLOGIA PER IL CLIENTE ECONOMIA CULTURA SOLIDARIETÀ TERRITORIO SPORT PLEIADI N 62 - Semestrae - Aprie 2013 CREVALMAGAZINE SOCIOINCREVAL Un mondo di vantaggi TECNOLOGIA PER IL CLIENTE Un offerta personaizzata CASTELLI ROMANI

Dettagli

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare

Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiliare Provincia di Pistoia Economato, Provveditorato e Patrimonio Mobiiare Convenzione fra 'Amministrazione provinciae di Pistoia e a PROD. 84 di Pistoia (PT) ai sensi de'art. 5 Legge 381191 e S. di puizia dei

Dettagli

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato

Atto costitutivo dell'associazione di volontariato Esente da imposte di boo e registro ex artt. 6-8 Legge 266/1991. Atto costitutivo de'associazione di voontariato ART. 1 - È costituita fra i suddetti comparenti 'associazione di voontariato costituita

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE I TRASPORTI 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: vie di comunicazione... mezzi di trasporto... autostrada...

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE

SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE Focus TU Articoo SICUREZZA ELETTRICA: LE NOVITÀ PER IL DATORE DI LAVORO SUGLI IMPIANTI E SULLE APPARECCHIATURE di Fausto Di Tosto, primo tecnoogo, Sezione Impianti e apparecchiature eettriche - ISPESL

Dettagli

SEZIONE 1 INTRODUZIONE

SEZIONE 1 INTRODUZIONE SEZIONE 1 INTRODUZIONE Sezione 1 INTRODUZIONE Gi argomenti trattati in questa sezione sono Veicoi commerciai Cassi, autorizzazioni e imitazioni dea patente di guida per uso commerciae Requisiti per a patente

Dettagli

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori

Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Ricerca Aviva sui comportamenti dei consumatori Contenuto 1. Prefazione di Amanda Mackenzie OBE,Direttore Marketing e Comunicazione, Aviva pc. (p3) 2. Principai evidenze (p4) 3. CAS 2004 - uno sguardo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 PROVINCIA DI ASTI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 8258 OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE 20/62 L anno duemiasei i giorno trenta de

Dettagli

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012

PIANO DI LAVORO. docente: Lancellotti Canio. classe: 5^ A IGEA. disciplina: ECONOMIA AZIENDALE. consegnato in data: 11 dicembre 2012 ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI Istituto Statae d Istruzione Superiore Vincenzo Manzini di San Daniee de Friui Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine)

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... VOLUME 2 CAPITOLO 5 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE LA POPOLAZIONE 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: popoazione... uogo di provenienza... immigrato...

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm

Isolamento termico. Gamma di prodotti basso emissivi Pilkington. Pilkington K Glass Pilkington Optitherm Isoamento termico Gamma di prodotti basso emissivi Pikington Pikington K Gass Pikington Optitherm Pikington Optitherm S3 Introduzione a vetro basso emissivo I vetro è uno dei materiai da costruzione più

Dettagli

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011

Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Ballesio Dott. I. Bertini. Dott. E.Paolini. Tirrenia, 09/12/2011 Prof. M. Giampietro Dott.sa M. Baesio Dott. I. Bertini Dott sa E.Ebner Dott.sa E Ebner Dott. E.Paoini Tirrenia, 09/12/2011 Med Sci Sports Exerc. 2009 Mar; 41(3):709Ǧ31 JADA. 2009 Mar; 109 (3): 509Ǧ527.

Dettagli

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una

Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento vuol dire contemplare una Articoo In arrivo una nuova norma per a quaificazione dee imprese Le procedure di avoro per garantire a sicurezza negi ambienti confinati Fare riferimento ad ambienti confinati e sospetti di inquinamento

Dettagli

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA

Guida all uso 3283. Cenni su questo manuale. Indice. Guida generale. Indicazione dell ora. Cronometro MO1106-IA MO1106-IA Guida a uso 3283 Cenni su questo manuae (Luce) A seconda de modeo di oroogio, a visuaizzazione de testo appare sotto forma di caratteri scuri su sfondo chiaro o sotto forma di caratteri chiari

Dettagli

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII IMPRESAPERTA IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII Un modo migiore di avorare, attraverso un coinvogimento che iberi energie, capacità e potenziaità per a crescita dea motivazione, dea partecipazione e dea

Dettagli

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE -~ ' UNIVERSITÀ AREA AFFARI GENERAU mtuzionali E LEGAU Ufficio Ediizia Universitaria e Contratti prot SòeaA dei cd?;\ o:t..wx::. G278 AVVISO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ART, -OGGETTO, 1. L'Università

Dettagli

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91

Contenuti. Espresso 1 8. Espresso 2 23. Prefazione 4. Indice delle attività 6. Materiale fotocopiabile 37. Soluzioni 91 Contenuti Prefazione 4 Indice dee attività 6 Espresso 1 8 Espresso 2 23 Materiae fotocopiabie 37 Souzioni 91 3 Prefazione Le attività presentate in questo voume offrono agi insegnanti nuovi spunti per

Dettagli

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I

DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generale delle Risorse Materiali, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I MOD. 40/255 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I LETTERA CIRCOLARE Ai Proweditori Regionai LORO SEDI AUfficio

Dettagli

Lexmark Print Management

Lexmark Print Management Lexmark Print Management Ottimizzate a stampa in rete e create un vantaggio informativo con una souzione di gestione dee stampe che potrete impementare in sede o attraverso coud. Riascio stampe sicuro

Dettagli

Guida alle applicazioni ESF Lexmark

Guida alle applicazioni ESF Lexmark Guida ae appicazioni ESF Lexmark Aiutate i vostri cienti a sfruttare a massimo e stampanti e e mutifunzione Lexmark abiitate per e souzioni Le appicazioni Lexmark sono state progettate per consentire ae

Dettagli

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti

La bonifica dei siti contaminati è un tema sul quale, da diversi anni, si confrontano soggetti Tra i tanti, acque di fada e terre e rocce, MISE e Conferenza dei Servizi Bonifiche in siti produttivi: quai gi aspetti più critici? La bonifica dei siti contaminati è un tema su quae, da diversi anni,

Dettagli

La Carta della statistica pubblica svizzera

La Carta della statistica pubblica svizzera La Carta dea statistica pubbica svizzera Fritz Faser, Ufficio di statistica de Canton Argovia La Carta I frontaieri I 24 maggio 2002 a Conferenza svizzera degi uffici regionai di statistica (CORSTAT) ha

Dettagli

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo

Pilkington Optilam Pilkington Optiphon Linee guida per l utilizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Linee guida per utiizzo Pikington Optiam Pikington Optiphon Introduzione I vetro stratificato è prodotto assembando due o più astre di vetro foat con uno o più intercaari.

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011

COMUNE DI SPINO D ADDA LISTA PROGETTO PER SPINO PAOLO RICCABONI SINDACO PAOLO RICCABONI SINDACO. ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 COMUNE DI SPINO D ADDA ELEZIONI COMUNALI 15/16 Maggio 2011 LISTA PROGETTO PER SPINO Disponibiità a servizio Metteremo i singoi cittadini e a coettività a primo posto quai destinatari de nostro avoro. Tutti

Dettagli

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4

Determinazione nr. 3 -i del 21 APR. 20!4 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA AMBITO 27 egge 328/00 Determinazione nr. 3 -i de 21 APR. 20!4 N 3't L; de Registro Generae de 2 3 APR. 2014 Oggetto: Tirocinante Di Maio Serena : autorizzazione ad effettuare

Dettagli

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali

74 Quadro RF. Unico 2009 Società di capitali ed enti commerciali 74 Per i beni mobii registrati, con costo ammortizzabie ai fini fiscai in un periodo non inferiore a dieci anni, a cui utiizzazione richieda un equipaggio di ameno sei persone, quaora siano concessi in

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO Newsetter n.7 - (1/2014) CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER IL PERSONALE DELL ISTITUTO BANCARIO SAN PAOLO DI TORINO presente numero dea newsetter dea Cassa iustra una rapida situazione de andamento de

Dettagli

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014;

Ordine del Giorno. 2. Esame ed approvazione della bozza di bilancio di esercizio chiuso al 3 1.12.2014; UNGAS DSTRBUZONE S.R.L. - VA LOMBARDA N. 27-24027 NEMBRO (BG) - C.F. P..V.A. 03083850168 LBRO DELLE DECSON DEGL AMMNSTRATOR VERBALE DEL CONSGLO D AMMNSTRAZONE DEL 26 FEBBRAO 2015 Oggi, 26 febbraio 2015,

Dettagli

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20ll SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 64 DEL 11.07.20 SCHEDE DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE VALUTAZIONE ANNO DIPENDENTE: CATEGORIA: B (amministrativo)

Dettagli

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO

RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU ELEZIONI DEL 3-4-5 MARZO 2015 BREVI NOTE SULLA CONTRATTAZIONE D ISTITUTO RSU eezioni de 3-4-5 marzo 2015 3 Caendario e tempistica dee procedure eettorai e termine per e adesioni 13 gennaio 2015 annuncio

Dettagli

Le pensioni dal 1 gennaio 2014

Le pensioni dal 1 gennaio 2014 Argomento A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna n. 1 gennaio 2014 Le pensioni da 1 gennaio 2014 Perequazione automatica 2014 pensioni, assegni e indennità civii assistenziai importo aggiuntivo per anno 2013

Dettagli

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti

Il Preposto. Stress da lavoro correlato, gestanti, sicurezza negli uffici. Materiale didattico per la formazione dei Preposti Materiae didattico per a formazione dei Preposti I Preposto Stress da avoro correato, gestanti, sicurezza negi uffici Cutura dea sicurezza patrimonio comune de mondo de avoro: impresa, avoratori e parti

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE

U.N.I.T.A.L.S.I. REGOLAMENTO GENERALE REGOLAMENTO ELETTORALE U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai REGOLAMENTO GENERALE * * * * REGOLAMENTO ELETTORALE * * * * SECONDA EDIZIONE INDICE GENERALE PREFAZIONE ALLA

Dettagli

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme

Insiemi e funzioni CAPITOLO 1 1. GLI INSIEMI CON DERIVE. Come creare un insieme CAPITOLO 1 Insiemi e funzioni 1. GLI INSIEMI CON DERIVE Come creare un insieme I modo piuá sempice per creare un insieme con Derive eá queo di eencare i suoi eementi racchiudendoi a'interno di una coppia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Direzione Generale Ufficio 4 Ministero de struzione, de Università e dea Ricerca Ufficio Scoastico Regionae per a Sardegna Direzione Generae Ufficio 4 AOODRSA.REG.UFF. prot. n. 7373 Cagiari, 9 maggio 206 Ai Dirigenti Scoastici Direzioni

Dettagli

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999

D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 D.M. 23 LUGLIO 2009 E ASCENSORI: PIÙ SICUREZZA PER LE INSTALLAZIONI ANTE D.P.R. N. 162/1999 di Laura Tomassini Dipartimento Tecnoogie di Sicurezza ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni con i Pubbico

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali

RPE X - HPE X 5 17 Refrigeratori e pompe di calore aria/acqua con ventilatori assiali RPE X HPE X 5 7 Caratteristiche tecniche e costruttive mod. RPE X 5 HPE X 5 mod. RPE X 0 HPE X 0 GS ECOLOGICO FUNZIONE UTODTTIV SCMITORE PISTRE VENTILTORI SSILI MONOFSE 5 8,5 MONO E TRIFSE 0 7 LT EFFICIENZ

Dettagli

Giovani e NEET in Europa: primi risultati

Giovani e NEET in Europa: primi risultati Fondazione europea per i migioramento dee condizioni di vita e di avoro Giovani e NEET in Europa: primi risutati > Sintesi < Se i giovani non hanno sempre ragione, a società che i ignora e i emargina ha

Dettagli

Consiglio Regionale Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 539. iw OZIONE. dei Consiglieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM

Consiglio Regionale Atti C onsiliari VII LEGISLATURA ATTO N. 539. iw OZIONE. dei Consiglieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM ]REGIONE DELLWMBRIA Consigio Regionae Atti C onsiiari VII LEGISLATURA ATTO N. 539 iw OZIONE dei Consigieri CRESCIMBENI, LA FFRANCO, LIGNANI MARCHESANI e ZAFFIM Riconoscimento dei dirith de popoo tibetano

Dettagli

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE

LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE SUI LAVORI ELETTRICI SOTTO TENSIONE di Fausto Di Tosto dipartimento Certificazione e Conformità dei Prodotti e Impianti INAIL, ex ISPESL Osservatorio a cura de Ufficio Reazioni

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI INFORMAZIONI GENERALI SEDE Ergife Paace Hote Roma Via Aureia, 619-00165 ROMA Come raggiungere a sede IN AEREO: Da Aeroporto Internazionae Leonardo da Vinci di Fiumicino a km.25 taxi treno Fiumicino/Roma

Dettagli

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA

QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA Osservatorio CEI Articoo QUADRI ELETTRICI BT: GARANTIRE LA SICUREZZA CON LA CONFORMITÀ ALLA NORMATIVA TECNICA di Cristina Timò diret tecnico - CEI Angeo Baggini membro comitato - CEI Con i 2012 i periodo

Dettagli

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico

La solarità nelle varie zone italiane per il fotovoltaico Energia e Ambiente La soarità nee varie zone itaiane per i fotovotaico Modena 5 marzo 2008 Gianni Leanza Energia e Ambiente QUANTA ENERGIA ARRIVA DAL SOLE? Da Soe, si iberano enormi quantità di energia

Dettagli

Speciale Reggio Emilia

Speciale Reggio Emilia A cura deo Spi-Cgi de Emiia-Romagna Speciae Reggio Emiia donne & diritti articoo 18 biancio sociae fratei cervi amore In primo piano I Diritti dea Cgi e i rovesci di Monti h Maurizio Fabbri Segretario

Dettagli

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente

FAX Canon B230C FAX Canon B210C. Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuale per l utente FAX Canon B230C FAX Canon B210C Suite FAX Canon Versione 3.10 Manuae per utente Copyright 1999 Canon, Inc. Tutti i diritti riservati. Non è consentito riprodurre i presente manuae in acuna forma, competa

Dettagli

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15

PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scolastico 2014-15 PIANO ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE anno scoastico 2014-15 CORSO: DOCENTE COORDINATORE: DOCENTE SOSTEGNO: ASSISTENTE FISICA: 8 9 10 11 12 14 15 16 17 1. ORARIO DEFINITIVO DELLA CLASSE(in giao:orario

Dettagli

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue

Costi del ciclo di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per le acque reflue WHITE PAPER Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Giugno 215. Costi de cico di vita (LCC) dei sistemi di pompaggio per e acque refue Questo white paper si prefigge o scopo

Dettagli

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa

Guida alla gestione d'impresa. Governare un'impresa Guida aa gestione d'impresa Governare un'impresa Edizione 2010 Copyright 2010 Berardino & Partners S.r.. Via Morosini 19 10128 Torino Diritti di riproduzione, con quasiasi mezzo, concessi aa Camera di

Dettagli

Personal Mastery Report

Personal Mastery Report Persona Mastery Report Profio base Esempio nome società Esempio dipartimento Esempio posizione avoro Mario Esempio 28 aprie 1 Report di Mario Esempio - 28 aprie 1 Indice 1 Persona Mastery Report 3 11 omprendere

Dettagli

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE

SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Gim 41 Cutrtt ""mare d s.a ; ~rmrr ~,.,,tj,,mi~:u Finauiario 'rofocoo N. 'i. 8 DI C 2011 CITTA' DI CASTELLAMMARE DI STABIA Provincia di Napoi SEITORE POLITICHE GIOVANILI E PUBBLICA ISTRUZIONE Determinazione

Dettagli

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori

Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionali a colori Lexmark OfficeEdge Stampanti e dispositivi MFP professionai a coori La nuova generazione dea stampa aziendae. La serie OfficeEdge è una nuova categoria di dispositivi progettata con componenti professionai

Dettagli

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~

~~~(!?d;ne Jf/~~. @rouffu.~~.e @r~.j~ ~~~(!?d;ne Jf/~~ @rouffu~~e @r~j~ Jt~U&?o r~/if:~/m::u r 96~"g~ 96ur: n o ~ 30110/2009 4228/2009 AS/amp Ai Sigri Presidenti degi Ordini Provinciai dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestai Ai Sigri Presidenti

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis

Domande e risposte inerenti il cambio di piano della Cassa pensione Novartis CASSA PENSIONE NOvArtIS basiea, giugno 2010 Domande e risposte inerenti i cambio di piano dea Cassa pensione Novartis 1 Domande generai... 3 1.01 Quai sono e differenze principai tra i primato di prestazioni

Dettagli

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva

ENERGYMETER MID U1281/U1289/U1381/U1387/U1389 Contatori elettronici di energia attiva e reattiva 3-349-617-10 10/12.14 Contatore di energia eettrica per sistemi a 2, 3, 4 fii con inserzione diretta 65 A o tramite TA 1 A, 5 A Casse di accuratezza B per uso industriae e commerciae nonché per esigenze

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO 1tEGIONiì CAABR ~~~."fscoastico Regionae ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE DELL'INFANZIA, PRIMARIE, SECONDARIE DI 1 GRADO DI AMENDOLARA, ORIOLO E ROSETO CAPO SPULICO Via Roma, 1-87071- AMENDOLARA (CS) I PROT.

Dettagli

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI La sicurezza ne azienda agricoa e nei cantieri forestai Le opportunità per i dottori agronomi e forestai SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Prof. Danio MONARCA Art. 26 Obbighi connessi ai contratti

Dettagli

AVEIRO: A Veneza Portuguesa

AVEIRO: A Veneza Portuguesa AVEIRO: A Veneza Portuguesa Posizione La città di Aveiro si trova nea parte settentrionae de Portogao (tra Porto e Coimbra) e si affaccia su Oceano Atantico Come raggiungere Aveiro Tramite RYANAIR con

Dettagli

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali

BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO. Standard Internazionali di Valutazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) calcolo dei prezzi marginali BLOCCO TEMATICO DI ESTIMO Standard Internazionai di Vautazione (IVS) Market Comparison Approach (MCA) cacoo dei prezzi marginai Docente: geom. Antonio Eero CORSO PRATICANTI 205 I PREZZI MARGINALI I prezzo

Dettagli

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015

SETTORE : AMBIENTE. DETERMINAZIONE N. 0 s-- DEL '2.3 GEN. 2015 CITTÀ DI CASTELLAMMARE DI STABIA (Provincia di Napoi ) SETTORE AMBIENTE Via De Turris n.16 "Paazzo S.Anna" Te. 081 3900212 Fax 081 39005382 PEC: ambiente.stabia@asmepec.it SETTORE : AMBIENTE DETERMINAZIONE

Dettagli

TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. lmm. PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE

TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. lmm. PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE Arch. Favio Contardo Via Baretti 36 ~0125 Torino TRIBUNALE DI TORINO Sezione Esec. mm. Giudice dott. Moroni R.G. Bg/2015 Attore: Xxx Convenuto: Yyy PERIZIA PER ESECUZIONE IMMOBILIARE Con atti des/n/zo4,

Dettagli

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive

RPE X - HPE X 5 17. Refrigeratori d acqua e pompe di calore. Caratteristiche tecniche e costruttive RPE X HPE X 5 7 Refrigeratori d acqua e pompe di caore mod. RPE X HPE X 0,5 con parametri di funzionamento secondo e condizioni di carico de impianto mod. RPE X HPE X 5 Panneatura in acciaio inox compreso

Dettagli

Il rimborso dei prestiti

Il rimborso dei prestiti I rimborso dei prestiti Obiettivi individuare e caratteristiche dei diversi tipi di rimborso saper stendere un piano di ammortamento saper cacoare a rata di un ammortamento comprendere e caratteristiche

Dettagli

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano

MESA entra all Università: al Politecnico di Milano www.mesa-sic.com www.mesa-nord. com Anno 0 - numero 3 SETTEMBRE 2014 Dir. Resp. Orietta Mavisi Moretti MESA entra a Università: a Poitecnico di Miano a Mesa Group ampia a propria attività formativa rivota

Dettagli

COMUNE DI OSILO Provincia di Sassari Via Sanna Tolu, n.30 07033 Osilo T el. 079 3242211-3242200 - 324221 O - Fax 079 3242245

COMUNE DI OSILO Provincia di Sassari Via Sanna Tolu, n.30 07033 Osilo T el. 079 3242211-3242200 - 324221 O - Fax 079 3242245 COMUNE DI OSILO Provincia di Sassari Via Sanna Tou, n.30 07033 Osio T e. 079 32422-3242200 - 32422 O - Fax 079 3242245 I presente documento, inviato via Pec agi indirizzi Pec dei Comuni e Provincia sottoindicati

Dettagli

Buccinasco 28/05/2014

Buccinasco 28/05/2014 Prot. N. AoU.t ou s:4kj) /2dtr Buccinasco 28/05/2014 ORDINANZA SINDACALE N.1Q_/2014 Oggetto: Ordinanza Sindacae per a prevenzione dei fenomeni aergizzanti correati aa diffusione dea ianta "Ambrosia artemisiifoia"

Dettagli

Children in Crisis Italy

Children in Crisis Italy Chidren in Crisis Itay Istruzione per i bambini piu indifesi a mondo Chidren in Crisis Itay è un associazione non profit (Onus), fondata in Itaia ne 1999 ed originariamente ne Regno Unito ne 1993, per

Dettagli

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015

Provincia di Terni DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Repertorio Generale delle Determinazioni dirigenziali n. 114 del 27/02/2015 Tit. SETTRE: DIRIGENTE: SERVIZI: Ambiente e Difesa de Suoo Arch. Donatea Venti Gestione amm.va contabie Repertorio U.. dee determinazioni dirigenziai n. 2 de 26/01/2015 GGETT: Piano di Azione Ambientae

Dettagli

NUOVA SIRIO 25. Libretto istruzioni ed avvertenze. Installatore Utente Tecnico

NUOVA SIRIO 25. Libretto istruzioni ed avvertenze. Installatore Utente Tecnico NUOVA SIRIO 5 Cadaie a basamento con accumuo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturae IT Libretto istruzioni ed avvertenze Instaatore Utente Tecnico corre daa data dea verifica stessa. I certificato

Dettagli

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015)

Sistemi di gestione per la qualità UNI EN ISO 9001. (edizione 2015) Sistemi di gestione per a quaità UNI EN ISO 9001 (edizione 2015) 1 4) CONTESTO DELL'ORGANIZZAZIONE 4.1 Comprendere 'organizzazione e i suo contesto L'organizzazione deve determinare i fattori esterni ed

Dettagli

Introduzione alla spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa

Introduzione alla spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa 12 12 Introduzione aa spettroscopia. Spettroscopia infrarossa e spettrometria di massa Neo studiare a chimica organica, abbiamo finora dato per scontato che, quando si isoa da una reazione un composto

Dettagli

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1

tni. 1994-2002 Costituzione istituto A. Cleopatra - -' Istituto di formazione professionale aut. Reg. Campania LR. 19/87 1 Curricuum Vitae : Europass i! Informazioni personai ; Nome(i) Cognome(i) ; Antonio Ceopatra ndirizzo(i)! -Pomigiano darco Na!-..:=-- Teefono(i) i~ Ceuare i_.swii-.._. E-mai i "p L 1: &Hbffi Qiìijit Codice

Dettagli

GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008

GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008 DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Direzione Generae dee Risorse Materiai, dei Beni e dei Servizi Ufficio I - Sezione I M IRIRIRIR IY IIIIIIII GOAP.0263931.2006 ~~-~~~~-5000-08/08/2008-0263931-2008

Dettagli

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software

Lexmark Solutions Platform: soluzioni software Lexmark Soutions Patform Lexmark Soutions Patform: souzioni software Lexmark Soutions Patform è i framework d appicazione creato e sviuppato da Lexmark per fornire efficienti e accessibii souzioni software

Dettagli

NUANCE The experience speaks for itself

NUANCE The experience speaks for itself NUANCE The experience speaks for itsef Confronto dee souzioni PDF - Riepiogo sintetico FUNZIONI DI COMPATIBILITÀ Compatibiità con Microsoft Windows XP (a 32 bit), Vista (a 32 e 64 bit), Windows 7 (a 32

Dettagli

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita...

Le grandi imprese. nascono da piccole opportunita... Le grandi imprese nascono da piccoe opportunita... CHI SIAMO Direzione Lavoro è una Società speciaizzata in Ricerca & Seezione, Formazione e Gestione Risorse Umane. Nasce da unione di un gruppo di professionisti

Dettagli

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale

Caldaia Murale a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitale La nuova dimensione de caore Cadaia Murae a CONDENSAZIONE Miniaturizzata Digitae MARCATURA DI RENDIMENTO (92/42/CE) La nuova cadaia a condensazione miniaturizzata con tecnoogia eettronica digitae di STEP.

Dettagli

C12-C32-C42-C52 25 10,5 24,4 26,9 10,1 10,7 97,6 108,7 2,643 3,0745 1,97 1,941 20/25 20 29 37 70 47 8 190 (classe 2) 2,8 0,2 0,5 42,09

C12-C32-C42-C52 25 10,5 24,4 26,9 10,1 10,7 97,6 108,7 2,643 3,0745 1,97 1,941 20/25 20 29 37 70 47 8 190 (classe 2) 2,8 0,2 0,5 42,09 DATI TECNICI Tipo Portata Termica Nominae rif. PCI (80/60) Portata Termica Minima rif. PCI (80/60) Potenza Nominae rif. PCI (80/60) Potenza Nominae di condensazione rif. PCI (50/30) Potenza Minima rif.

Dettagli

Windows. Per il Servizio assistenza clienti mondiale di ArcSoft Inc. contattare:

Windows. Per il Servizio assistenza clienti mondiale di ArcSoft Inc. contattare: Windows Per i Servizio assistenza cienti mondiae di ArcSoft Inc. contattare: Nord America 46601 Fremont Bvd. Fremont, CA 94538 Te: 1-510-440-9901 Fax: 1-510-440-1270 Website: www.arcsoft.com Emai: feedback@arcsoft.com

Dettagli

U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali STATUTO

U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali STATUTO U.N.I.T.A.L.S.I. Unione Nazionae Itaiana Trasporto Ammaati a Lourdes e Santuari Internazionai STATUTO INDICE PRESENTAZIONE...pag. 5 APPROVAZIONE CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA...pag. 7 CAPO PRIMO: PRINCIPI...pag.

Dettagli

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16

E ANTROPOLOGIA ESISTENZIALE Anno accademico 2015-16 COME RAGGIUNGERE L ATENEO n In treno Da stazione Termini, prendere i treno direzione Civitavecchia e scendere a stazione Aureia. Proseguire a piedi per un breve tratto fino ad arrivare in via de Bazo e

Dettagli

www.alldigitalexpo.it Con il patrocinio di In collaborazione con COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO

www.alldigitalexpo.it Con il patrocinio di In collaborazione con COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO www.adigitaexpo.it In coaborazione con Con i patrocinio di COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO ALL DIGITAL da vent anni è evento fieristico itaiano di riferimento per instaazione professionae - tv digitae

Dettagli

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni

Definizione Statico-Cinematica dei vincoli interni Definizione Statico-Cinematica dei vincoi interni Esempi deo schema strutturae di una struttura in cemento armato e di due strutture in acciaio in cui sono presenti dei vincoi interni cerniera. Vincoo

Dettagli

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali

Elementi di modellazione e programmazione di contenuti digitali Eementi di modeazione e programmazione di contenuti digitai Corso di Laurea Magistrae in Metodoogie informatiche per e discipine umanistiche Ing. Michea Paoucci Department of Systems and Informatics University

Dettagli

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI

I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI I NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI CIGO, CIGS, CdS, Fondi biaterai Roberto Benagia - Giugno 2015 Lavoratori beneficiari Operai, impiegati, quadri + apprendisti in professionaizzante per Cigo e Cigs crisi aziendae

Dettagli

BANCA POPOLARE FRIULADRIA ALLEGATO DELL'ACCORDO 17 MARZO 201 0 COSTITUZIONE DELLA RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI PER SICUREZZA IN FRIULADRIA

BANCA POPOLARE FRIULADRIA ALLEGATO DELL'ACCORDO 17 MARZO 201 0 COSTITUZIONE DELLA RAPPRESENTANZA DEI LAVORATORI PER SICUREZZA IN FRIULADRIA REGOLAMENTO PER L'ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUI LUOGHI DI LAVORO ("RRLLSS") BANCA POPOLARE FRIULADRIA SPA (aegato a'accordo 17 marzo 2010) Art 1 - INDRIONE

Dettagli

Per far risolvere un'equazione a Derive basta scriverne il testo nella finestra di Algebra e poi usare il comando

Per far risolvere un'equazione a Derive basta scriverne il testo nella finestra di Algebra e poi usare il comando CAPITOLO Le equazioni. LE EQUAZIONI CON DERIVE Per far risovere un'equazione a Derive basta scriverne i testo nea finestra di Agebra e poi usare i comando Risovi/Espressione oppure usare 'icona corrispondente.

Dettagli

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento

BANDO DI GARA D' APPALTO. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale Dipartimento , ROMA CAPTALE '21M~ BANDO D GARA D' APPALTO SEZONE ) AMMNSTRAZONE AGGUDCATRCE. N PUBBLCAZONE DAL~...1:Jj~jM.~ A L _.2 /~L-MZ: = 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitae Dipartimento

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... IL SOLE VOLUME 3 CAPITOLO 1 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Paroe per capire Aa fine de capitoo scrivi i significato di queste paroe nuove: Soe... fotosintesi corofiiana. stagioni... pianeti... orbita...

Dettagli

Unità. KW Kcal/h KW Kcal/h % KW KW % m 3 /h. Kg/h Kg/h. mbar mbar mbar mbar. C % % % % Nm 3 /h. C C l l bar bar bar l 1,2 7 0,7 0,4 3 150.

Unità. KW Kcal/h KW Kcal/h % KW KW % m 3 /h. Kg/h Kg/h. mbar mbar mbar mbar. C % % % % Nm 3 /h. C C l l bar bar bar l 1,2 7 0,7 0,4 3 150. DATI TECNICI Tipo Portata Termica Nominae Portata Termica Nominae Potenza Nominae Potenza Nominae Rendimento Utie Portata Termica Minima Potenza Minima Rendimento a carico ridotto (0 di Pn) PORTATA GAS

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA art.. 146 Decreto Legisativo 22/01/200 n. 42 AL COMUNE DI FARRA DI SOLIGO SPORTELLO UNICO EDILIZIA RESIDENZIALE SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO ATTIVITÀ

Dettagli

OTTAVIO SERRA. Consentirà anche di collegarci ai temi di informatica e di sperimentare sul campo questioni relative alla propagazione degli errori.

OTTAVIO SERRA. Consentirà anche di collegarci ai temi di informatica e di sperimentare sul campo questioni relative alla propagazione degli errori. OTTAVIO SERRA GEOMETRIA PROBABILITA INFORMATICA Reazione tenuta nea Saa consiiare de Comune di Diamante i 7 giugno 000 Ne ambito de Convegno su L insegnamento dea matematica:quae, Perché, Come Organizzato

Dettagli

Guida all uso 4723. Introduzione. Guida generale. Indicazione dell ora atomica radiocontrollata MO0701-IB

Guida all uso 4723. Introduzione. Guida generale. Indicazione dell ora atomica radiocontrollata MO0701-IB MO0701-IB Guida a uso 4723 Introduzione Congratuazioni per avere sceto questo oroogio CASIO. Per ottenere i massimo dee prestazioni da questo acquisto, eggere con attenzione questo manuae. Avvio de movimento

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero dee Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, a Navigazione ed i Sistemi Informativi e Statistii Direzione Generae per i Trasporto Stradae e per Intermodaità Pubbiazione periodia

Dettagli

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione

Per la gestione automatica. delle forniture telematiche. Tante forniture un unica soluzione TuttoTe Per a gestione automatica Tante forniture un unica souzione dee forniture teematiche. La souzione competa per e forniture teematiche di dichiarazioni e deeghe. Per gestire in maniera automatica

Dettagli

Sistemi di fissaggio Knauf 07/2011. Sistemi di fissagio Knauf. Fissaggio semplice di carichi perpendicolari

Sistemi di fissaggio Knauf 07/2011. Sistemi di fissagio Knauf. Fissaggio semplice di carichi perpendicolari Sistemi i fissaggio Knauf 07/2011 Sistemi i fissagio Knauf Fissaggio sempice i carichi perpenicoari Cucine Forster Sistemi i fissaggio Knauf quari e scaffai Questo opuscoo iustra come fissare iversi carichi

Dettagli