Bologna, 5 febbraio 2013 Sala Bianca CCC via Marco Emilio Lepido 182/2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bologna, 5 febbraio 2013 Sala Bianca CCC via Marco Emilio Lepido 182/2"

Transcript

1 BRC project 1 Bologna, 5 febbraio 2013 Sala Bianca CCC via Marco Emilio Lepido 182/2 Workshop del progetto di ricerca e formazione Aspetti Sociali negli Appalti Pubblici nel Settore Edile Daniele Ganapini Area Qualificazione e sviluppo del Costruire di NuovaQuasco Progetto C5

2 BRC project 2 Introduzione Importanza degli appalti pubblici: l investimento dei committenti pubblici vale il 17% del PIL della UE. Scopo di «Buying Social» è supportare la creazione di un modello influendo sul mercato tramite gli appalti pubblici. La cornice giuridica di riferimento si basa su: -I principi del Trattato sul Funzionamento dell UE che normano la libera circolazione delle merci, di stabilimento e di prestazione dei servizi; - I principi che ne derivano: parità di trattamento,non discriminazione, riconoscimento reciproco, proporzionalità, trasparenza.

3 BRC project 3 Acquisti Sociali: Aspetti principali Appalti pubblici socialmente responsabili: SRPP Appalti che tengono conto di uno dei seguenti aspetti sociali (elenco non esaustivo degli esempi nella guida): - Opportunità di occupazione e parità di genere; - Promozione del «lavoro dignitoso»; - Rispetto dei diritti sociali e del lavoro; - «inclusione sociale» delle persone con disabilità; - Pari Opportunità, accessibilità e Design for All; - Sostenibilità e «commercio etico»; - Protezione contro le violazioni dei diritti umani; - Promozione delle PMI

4 BRC project 4 Approccio giuridico e politico Le Direttive sugli appalti 2004/17/CE e 2004/18/CE - Riportano modalità per incorporare considerazioni sociali come specifiche tecniche, criteri di selezione, criteri di aggiudicazione e clausole di esecuzione. (In particolare il considerando 1 delle 2004/18/CE che, relativamente ai criteri di aggiudicazione, indica «la possibilità di soddisfare le esigenze... in materia ambientale e sociale, purché tali criteri siano collegati all oggetto dell appalto»). - ma anche nei casi non esplicitamente ricadenti nelle Direttive si applicano i principi del mercato interno.

5 BRC project 5 Benefici del SRPP Il rispetto del diritto sociale e del lavoro; Stimolare mercati socialmente consapevoli; Dimostrare una Governance socialmente sensibile; Stimolare l'integrazione; Garantire una spesa pubblica più efficiente,

6 BRC project 6 Approccio normativo e strategico L Agenda sociale della UE rinnovata nel 2008; La Legislazione dell'ue; La comunicazione interpretativa COM (2001) 566 specifico sulla possibilità di integrare aspetti sociali negli appalti pubblici; Casi della Corte di giustizia; Direttive sugli appalti, adottate nel 2004; TFUE regole del mercato interno e dei principi.

7 BRC project 7 1: Sintesi aspetti sociali principali Appalti pubblici socialmente responsabili: una definizione «inclusiva». I vantaggi potenziali degli appalti pubblici socialmente responsabili: Supporto all osservanza delle disposizioni legislative sociali e lavorative; Stimolo ai mercati socialmente consapevoli; Dimostrazione di una governance sensibile agli aspetti sociali; Stimolo all integrazione; Garanzia di una maggiore efficacia della spesa pubblica. Gli appalti pubblici socialmente responsabili e il modello economicosociale della UE. L approccio normativo e strategico verso l RSPP nell UE: Sviluppo della dimensione sociale delle politiche e legislazione dell UE; L approccio normativo e strategico verso appalti socialmente responsabili nell UE; Servizi sociali di interesse economico generale; Piccole e medie imprese.

8 BRC project 8 Una scelta di approvvigionamento consapevole e responsabile Consapevole del proprio ruolo e delle proprie potenzialità; Capace di seguire i principi del mercato interno, orientati ad un «Agire corretto e leale»; In grado di individuare il miglior rapporto qualità-prezzo; ma in un quadro strategico e non occasionale, ovvero tramite:

9 BRC project 9 Uno sviluppo strategico degli appalti socialmente responsabili Identificare le priorità nazionali e locali pertinenti per gli appalti pubblici socialmente responsabili. Esaminare la strategia delle organizzazioni in materia di appalti e identificare le relazioni tra appalti pubblici socialmente responsabili e obiettivi e approcci principali. Identificare in che modo gli appalti pubblici socialmente responsabili possono contribuire al raggiungimento di questi obiettivi e alla creazione del miglior rapporto qualità/prezzo per l organizzazione.

10 BRC project 10 Differenti approcci al SRPP Quattro approcci di base per includere aspetti sociali: 1. Nella definizione dell'oggetto del contratto; 2. Nelle modalità di esclusione e selezione dei candidati; 3. Nei criteri di aggiudicazione dell'appalto; 4. In relazione alle modalità di esecuzione dell appalto; Gli approcci non sono alternativi e possono essere combinati nella stessa procedura di appalto.

11 BRC project Una strategia organizzativa RSPP Fornire impegno politico e leadership di alto livello per gli appalti pubblici socialmente responsabili. Identificare i prodotti e i servizi, tra quelli che costituiscono l oggetto degli appalti dell amministrazione aggiudicatrice, che comportano il rischio sociale più elevato e/o offrono le maggiori possibilità di potenziare gli esiti sociali. Sviluppare obiettivi e un piano d azione per aff rontare gli aspetti sociali negli appalti. Sensibilizzare le parti interessate in materia di appalti pubblici socialmente responsabili. Garantire che le prassi relative agli appalti siano aperte a organismi quali piccole e medie imprese e imprese dell economia sociale, del settore del volontariato e dell assistenza alla comunità, qualunque sia la loro forma giuridica.

12 BRC project 12 Identificare i bisogni Valutare le esigenze reali della stazione appaltante: - Cercare attivamente le opportunità per promuovere standard sociali coinvolgendo gli utenti, i decision makers, le parti interessate ecc.; - Garantendo opportuni livelli di flessibilità progettuale. Definire con precisione l'oggetto dell appalto: - Grande libertà di scegliere cosa acquistare, compresi i prodotti che soddisfano gli standard sociali, purché siano collegati all Oggetto e rispettino i principi del TFUE. - Valutando con grande attenzione la fase del ciclo di appalto nella quale inserire il criteri e clausole sociali.

13 BRC project 13 Esempi - Gli standard di accessibilità per disabili possono essere parte dell oggetto di un appalto per la costruzione di una scuola, in quanto descrizione di opere collegate. - D'altra parte, le condizioni di lavoro dei lavoratori che costruiranno la scuola non possono far parte dell oggetto del contratto, in quanto non collegate all'oggetto ma solo al modo col quale l appalto verrà eseguito. - Nei contratti di servizi, l'amministrazione aggiudicatrice può specificare nell oggetto dell appalto che i servizi forniti devono soddisfare le esigenze di tutte le categorie di utenti, incluse quelle socialmente svantaggiate.

14 BRC project 14 Pianificazione degli appalti Cosa acquistare - definizione dell oggetto del contratto Possibilità di riservare il diritto di partecipazione a un particolare appalto pubblico, per es. con le procedure di aggiudicazione per Laboratori protetti o Programmi di lavoro protetto (articolo 19-direttiva 2004/18). Condizioni: - Tale riserva deve essere prevista con Legge nazionale e non può essere adottata da singoli enti pubblici - Deve riguardare almeno il 50% delle persone occupate nei Laboratori protetti o nei Programmi di lavoro protetti.

15 BRC project 15 Un miglior accesso agli appalti Azioni positive sono permesse, ma nessun tipo di discriminazione (anche positivo) è ammesso; - Non è possibile riservare l'esecuzione degli appalti a determinate imprese; - Laboratori protetti / i programmi di lavoro protetti. Le azioni positive possono essere: - "Meet the Buyer", orientamento, trasparenza, informativa e di processo, divisione del contratto in lotti.

16 BRC project 16 PMI e cittadini Migliorare l accesso agli appalti garantendo condizioni di pari opportunità in modo che alle aziende fornitrici sottorappresentate vengano offerte le stesse opportunità di concorrere per gli appalti pubblici di cui dispongono gli altri fornitori qualificati (a condizione che ciò non determini forme di «discriminazione positiva»). Valutare il modo migliore per comunicare la politica dell amministrazione aggiudicatrice al mondo esterno, garantendo la massima trasparenza per i potenziali fornitori o prestatori di servizi e per i cittadini al cui servizio l amministrazione aggiudicatrice si pone.

17 BRC project Identificazione esigenze e RSPP Nelle singole procedure di appalto: Identificare le esigenze dell amministrazione aggiudicatrice ed esprimerle in modo appropriato. Valutare in che modo, e in che misura, i possibili obiettivi o obblighi di politica sociale sono adeguati all appalto. Applicare le verifiche di accessibilità economica e redditività, tra cui la valutazione dei benefici e dei costi associati all utilizzo degli appalti per il raggiungimento di obiettivi sociali. Identificare l oggetto dell appalto e in che misura gli obiettivi sociali devono o possono essere specificati nell ambito dell oggetto dell appalto Migliorare l accesso agli appalti delle PMI Valutare il modo migliore per comunicare la politica dell amministrazione

18 BRC project 18 Specifiche tecniche (I) Descrizione dettagliata e chiara, in modo che le offerte possono essere verificate rispetto a tutti i requisiti. Le specifiche devono essere collegate con l'oggetto e rispettare i principi del TFUE, ad es.: - Caratteristiche ergonomiche collegamento; - Le misure di sicurezza collegamento; - Modalità di amministrazione di una società - senza collegamento; - Etichette di standard sociali - senza collegamento. Gli ultimi due aspetti non possono quindi essere ritenuti specifiche tecniche.

19 BRC project 19 Specifiche tecniche (II) Vi è libertà di scelta tra standard tecnici e requisiti prestazionali / funzionale (art. 23 (3) direttiva 2004/18). In più: - sono consentiti spazi per sostenere innovazione e creatività di mercato; - ma occorre essere estremamente chiari per consentire una corretta e giustificabile valutazione.

20 BRC project 20 Specifiche tecniche (III) Le specifiche possono anche includere requisiti riguardanti il prodotto e il processo Esempi: - misure di sicurezza in cantieri di costruzioni - ma i processi produttivi non riguardano, in questo caso, le condizioni di lavoro, che non sono appunto specifiche tecniche nel senso indicato dalle Direttive ma prescrizioni operative e che, come tali, possono essere inserite anche in gare con offerta di solo prezzo.

21 BRC project 21 Specifiche tecniche (IV) Quando è possibile, è necessario considerare i criteri di accessibilità per portatori di handicap e per la progettazione per tutti (art. 23 direttiva 2004/18). Esempi: - accessibilità agli edifici pubblici e, in generale, all ambiente costruito (vedi Final Joint Report CEN CENELEC AENOR CEN/BT WG /11/2011); - accessibilità all'informazione e alla tecnologie per la comunicazione (es. siti internet).

22 BRC project 22 Specifiche tecniche (V) Consentire agli operatori partecipanti all appalto di proporre varianti socialmente responsabili, permettendo un confronto con le soluzioni standard (Art. 24, direttiva 2004/18): - Devono essere previste in modo esplicito indicando che le varianti verranno accettate; - Vanno indicati i riferimenti tecnici (sociali) minimi relativi alle singole specifiche a carattere «sociale»; - Entrambe le alternative (con e senza variante) saranno valutate secondo i criteri di aggiudicazione dell appalto.

23 BRC project 23 Specifiche tecniche (VI) Labels: - Divieto di menzionare una marca commerciale, un particolare processo di fabbricazione o una provenienza, brevetti, tipologie o particolari origini con l intento di favorire o escludere talune imprese o produzioni (Art. 23 (8) direttiva 2004/18/CE). - Non è quindi possibile richiedere una specifica etichetta ma occorre sempre consentire una dimostrazione di rispondenza ai requisiti.

24 BRC project 24 Specifiche tecniche (VII) Le amministrazioni aggiudicatrici che intendono acquistare prodotti di commercio etico: - dovranno indicare nei documenti di gara e per le fasi appropriate del procedimento, gli specifici requisiti sociali / etici; - possono prevedere che le etichette soddisfino tali requisiti ma anche in questo caso devono sempre consentire altri mezzi di dimostrazione di rispondenza.

25 BRC project 25 4.a. Definizione dei requisiti d appalto Redigere specifiche tecniche chiare e precise. Assicurarsi che le specifiche siano collegate all oggetto dell appalto, riflettano tutti i requisiti sociali appropriati e siano trasparenti e non discriminatorie. Basarsi sulle «migliori prassi» di altre amministrazioni aggiudicatrici. Utilizzare il networking per acquisire e diffondere informazioni. Utilizzare specifiche prestazionali o funzionali per promuovere off erte socialmente responsabili innovative. Considerare gli aspetti sociali nei metodi e nei processi di produzione. In caso di dubbi in merito all effettiva esistenza, al prezzo o alla qualità dei prodotti socialmente responsabili, è possibile chiedere varianti. Nei casi appropriati, prendere in considerazione la riserva dell appalto a laboratori protetti o riservarne l esecuzione nel contesto di laboratori di programmi di lavoro protetti. Assicurarsi di includere tutti gli esiti previsti poiché non sarà possibile aggiungerli in una fase successiva del processo.

26 BRC project 26 Selezione dei fornitori (I) Criteri di esclusione: elenco completo dei casi quando un offerente può essere escluso dalla procedura di appalto (Art. 45 (2) direttiva 2004/18). Esempi: - mancato pagamento dei contributi sociali (regolarità); - reato che incide sulla moralità professionale: condanna con sentenza (art. 45 (2) (c)), ad es. lavoro clandestino, salute e norme di sicurezza); - Grave colpa professionale (accertato con qualsiasi mezzo, art. 45 (d) (e), ad esempio lavoro minorile o forme di discriminazione (pari opportunità).

27 BRC project 27 Selezione dei fornitori (II) Criteri di selezione (capacità tecnica): - Capacità tecniche degli offerenti relazionate ai requisiti specificati per la gara; - Obbligo di rispetto dei principi del TFUE; - Collegamento all oggetto del contratto di appalto: i requisiti sociali possono essere inclusi nei criteri di selezione solo se il contratto richiede uno specifico "know-how" nel campo sociale (es. esigenza di disporre di personale qualificato in una attività per i servizi sociali) - Evidenza - rispetto completo delle prescrizione delle direttive (Art. 48, direttiva 2004/18),

28 BRC project 28 4.b. Selezione dei fornitori Valutare la potenziale capacità dell imprenditore di eseguire l appalto specifico in questione. Stabilire criteri di selezione basati sull elenco completo defi nito nelle direttive sugli appalti. L appalto richiede capacità sociale (ad es. competenze specifiche, formazione o attrezzature idonee per gestire gli aspetti sociali dell appalto)? In tal caso, includere criteri sociali per dimostrare la capacità tecnica di esecuzione dell appalto. La valutazione della capacità tecnica deve correlarsi alla capacità del candidato di eseguire l appalto. Laddove appropriato, valutare i risultati ottenuti in passato dai fornitori per l esecuzione di appalti simili in relazione agli standard sociali richiesti. Valutare la possibilità di escludere gli off erenti se ricorrono le condizioni indicate nelle direttive sugli appalti che consentono tale esclusione.

29 BRC project 29 Affidamento dell appalto (I) Criteri di aggiudicazione, ivi compresi quelli di natura sociale, debbono: (Considerando 46, articolo 53, direttiva 2004/18) - Essere collegati alla materia oggetto del contratto; - Non conferire una libertà incondizionata di scelta dell amministrazione aggiudicatrice; - Essere espressamente menzionati nel bando di gara e nel capitolato; - Rispettare i principi fondamentali del diritto comunitario (Trasparenza, non discriminazione, ecc ).

30 BRC project 30 Affidamento dell appalto (II) Due opzioni: - Confrontare le offerte esclusivamente sulla base del prezzo; - L'offerta economicamente più vantaggiosa (MEAT). - Quest ultima può includere criteri sociali, se collegati; - Garantire un livello migliore di un minimo richiesto; - Determinare il miglior rapporto qualità-prezzo; - Considerare aspetti giurisprudenziali CGUE.

31 BRC project 31 Affidamento dell appalto (III) Possibilità di escludere le offerte anomale (Art. 55 della direttiva 2004/18), che può essere correlata al mancato rispetto delle disposizioni in materia di tutela dell'occupazione e delle condizioni di lavoro. - Occorre chiedere l'offerente interessato una nota esplicativa prima di potere rifiutare l'offerta; - Vi è la possibilità di richiedere informazioni supplementari da terzi (per es. i sindacati).

32 BRC project 32 4.c. Aggiudicazione e Valutazione Definire i criteri di aggiudicazione: laddove venga scelto il criterio dell «offerta economicamente più vantaggiosa», è possibile inserire criteri sociali pertinenti per un analisi compativa tra le offerte di elementi sociali attribuendo a essi un determinato punteggio. I criteri di aggiudicazione sociali (nonché economici o ambientali): devono essere collegati all oggetto dell appalto; non devono conferire una libertà incondizionata di scelta; devono essere espressamente menzionati nel bando e atti di gara; devono essere conformi col diritto UE (inclusi i principi TFUE); devono contribuire a identificare l offerta caratterizzata dal miglior rapporto qualità/prezzo per l amministrazione aggiudicatrice; devono essere coerenti con le norme pertinenti delle direttive appalti. Valutare se l offerta è «anormalmente bassa» per effetto della violazione di standard sociali da parte dell offerente.

33 BRC project 33 Aspetti contrattuali (I) La fase di esecuzione di un appalto è generalmente la fase più appropriata della procedura per includere clausole sociali relative all occupazione e alle condizioni di lavoro dei lavoratori coinvolti. Per es. in merito al rispetto del CCNL (come avvenne in passato in Italia la clausola sociale riferita alla bilateralità).

34 BRC project 34 Aspetti contrattuali (II) Le clausole contrattuali manifestano la loro particolare efficacia quando agiscono nella fase di realizzazione del contratto (art. 26 della direttiva 2004/18): - Devono essere accettate dall'aggiudicatario; - Non devono essere mascherate da specifiche tecniche, né avere un ruolo nella selezione o nella fase di aggiudicazione. - La conformità con le clausole di esecuzione dell'appalto può essere verificata soltanto durante l'effettiva realizzazione dell incarico.

35 BRC project 35 Aspetti contrattuali (III) Le clausole di natura esecutiva devono: - Essere collegate alla prestazioni contrattualmente previste (vale a dire che possono riguardare solo il personale coinvolto nello svolgimento dell appalto e non riguardano l intera politica aziendale e sociale del contraente); - Essere inserite nel bando di gara o nel capitolato. - Rispettare il diritto comunitario (inclusi i principi fondamentali).

36 BRC project 36 Aspetti contrattuali (IV) Clausole contrattuali: Esempi - garantire livelli di salario minimo per i lavoratori coinvolti nell'esecuzione dell appalto; - obbligo di assumere per le attività oggetto del contratto di appalto un certo numero di disoccupati o, ad es. - rispettare le convenzioni dell'oil nel corso della esecuzione del contratto. Vedi anche gli esempi di cui ai punti 33 e 44 della direttiva 2004/18/CE.

37 BRC project 37 Aspetti contrattuali (V) Le leggi, i regolamenti e gli accordi collettivi vigenti in materia di occupazione, condizioni di lavoro e sicurezza sul lavoro, sia a livello nazionale che comunitario, si applicano all esecuzione dell appalto pubblico, fornendo le modalità di applicazione conformi al diritto comunitario. - Esempio, il caso Rüffert; - Informazioni sul diritto nazionale nei documenti di gara.

38 BRC project 38 Aspetti contrattuali (VI) Gestione della supply chain: le clausole di esecuzione possono riguardare anche i subfornitori. Esempi: - divieto del lavoro minorile, salari minimi, "Lavoro dignitoso" in tutta la catena di fornitura; - Obbligo del committente di fornire la prova di rispetto della clausola e delle normative vigenti.

39 BRC project 39 Aspetti contrattuali (VII) Gestione dei contratti / monitoraggio. I termini per la valutazione delle prestazioni erogate: - Obiettivi misurabili con precisione; - Remunerazione dei subfornitori o per specifici avanzamenti; - Condizioni di pagamento (specificate nel contratto); - Disincentivi finanziari per scarso rendimento e incentivi per il superamento degli obiettivi di base.

40 BRC project 40 4.d Condizioni, gestione e controllo Le clausole di esecuzione dell appalto costituiscono in genere la fase della procedura più appropriata per l inclusione di aspetti sociali correlati all occupazione e alla condizioni di lavoro del personale coinvolto nell esecuzione del contratto. Assicurarsi che le clausole di esecuzione dell appalto siano: collegate all esecuzione dell appalto; coerenti in termini di miglior rapporto qualità/prezzo; incluse negli atti di gara; compatibili con il diritto dell UE (inclusi i principi fondamentali TFUE). Assicurarsi che la conformità con le condizioni dell appalto possano essere controllate in modo efficace. Collaborare con il fornitore per gestire l esecuzione e ottimizzare il raggiungimento degli obiettivi e della conformità con le condizioni dell appalto.

41 BRC project 41 4.d Condizioni, gestione e controllo Tenere appositi registri relativi alle prestazioni di fornitori, imprenditori e prestatori di servizi. Utilizzare clausole sulle varianti per definire modifiche contrattuali che possono essere necessarie nel corso del tempo, a condizione che siano compatibili con le disposizioni delle direttive sugli appalti e con il principio di trasparenza. Collaborare con i fornitori per un miglioramento continuo, su base volontaristica, e tenersi informati sugli sviluppi del mercato in generale. In particolare, collaborare con i fornitori per agevolare il rispetto dei principi del lavoro dignitoso e della responsabilità sociale di impresa lungo la catena di fornitura.

42 BRC project 42 Questi sono i principali elementi per considerare gli aspetti sociali negli appalti pubblici e per favorire il raggiungimento di ulteriori standard sociali in UE.. Grazie a tutti i presenti per l attenzione.

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DI PERSONE CON DISABILITA ATTRAVERSO LE PROCEDURE CONTRATTUALI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità

Dettagli

ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE

ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE Guida operativa ITACA per l utilizzo del criterio d aggiudicazione dell offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici di sola esecuzione ROMA, giovedì 20 GIUGNO 2013 1 Le condizioni

Dettagli

Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde. Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde

Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde. Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde Green meeting e CSR: un futuro verde o al verde Green meeting e CSR: Elementi ambientali negli appalti pubblici un futuro verde o al verde secondo la normativa contrattuale Stefano Manetti Hotel NH Touring

Dettagli

OPEN GROUP TANDEM. Sistemi di gestione e qualificazione ambientale dei fornitori di beni/servizi. Bologna, 31 gennaio 2008

OPEN GROUP TANDEM. Sistemi di gestione e qualificazione ambientale dei fornitori di beni/servizi. Bologna, 31 gennaio 2008 OPEN GROUP TANDEM Sistemi di gestione e qualificazione ambientale dei fornitori di beni/servizi Lorenza Bitelli ERVET, Camillo Franco Sogesca 1 Il quadro di riferimento Il Dlgs n. 163/2006 si applica agli

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Nuove direttive appalti pubblici 2014

Nuove direttive appalti pubblici 2014 Nuove direttive appalti pubblici 2014 L uso strategico degli appalti pubblici per un economia sostenibile Palazzo Chigi, Roma, 25 novembre 2014 Jaroslav Kračún DG Mercato interno e servizi Unit C3 Criteri

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

I riferimenti ai sistemi di gestione ambientale negli appalti pubblici

I riferimenti ai sistemi di gestione ambientale negli appalti pubblici GPPnet Forum Cremona, 10-11 maggio 2006 Laboratorio GPP: gli aspetti tecnici e giuridici degli acquisti verdi I riferimenti ai sistemi di gestione ambientale negli appalti pubblici Simone Ricotta ARPAT

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 23 luglio 2015 rev.2 settembre 2015 Indice Art. 1 Oggetto e

Dettagli

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI

Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck. Sandro Picchiolutto. Comitato Termotecnico Italiano, CTI L efficienza energetica nell industria: una leva per il rilancio competitivo delle imprese Assolombarda Via Chiaravalle 8 - Milano Sala Falck La normativa tecnica come strumento Sandro Picchiolutto Comitato

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo

Carta dei Valori. agriturismo Corte San Girolamo Carta dei Valori agriturismo Corte San Girolamo LA MISSION PRODUCIAMO VALORE ATTRAVERSO I VALORI L Agriturismo Corte San Girolamo, gestito con familiarità e cortesia, desidera offrirvi un soggiorno di

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL

I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL I processi amministrativi del SGQ di UTFUS TF-GQL Generalità I processi amministrativi (interessano tutti i processi fondamentali) sono: - Gestione del personale (Procedura PSO 01); - Gestione degli approvvigionamenti

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

Al signor Sindaco del comune di Tradate

Al signor Sindaco del comune di Tradate ALLEGATO 2 Modulo B.1 (Istanza) Lì,... Al signor Sindaco del comune di Tradate OGGETTO: Richiesta di partecipazione alla gara per l aggiudicazione della gestione di centro per persone disabili in Gornate

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Città di Minerbio Provincia di Bologna LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DI APPALTI PUBBLICI CHE FACILITINO INSERIMENTI LAVORATIVI DELLE PERSONE IN CONDIZIONE DI SVANTAGGIO Approvato con deliberazione

Dettagli

Qualità e certificazioni

Qualità e certificazioni 13 Qualità e certificazioni 13.1 La certificazione di qualità La qualità è intesa come l insieme delle caratteristiche di un entità materiale (prodotto) o immateriale (servizio) che le conferiscono la

Dettagli

Questionario semplificato di monitoraggio della conformità a standard sociali minimi

Questionario semplificato di monitoraggio della conformità a standard sociali minimi All. G Questionario semplificato di monitoraggio della conformità a standard sociali minimi Premessa Il questionario è parte integrante della documentazione relativa al contratto di affidamento, riguardante

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

CARTA DEI VALORI. Rev. 1

CARTA DEI VALORI. Rev. 1 CARTA DEI VALORI Rev. 1 PALLADIO GROUP La Carta è il documento che riflette la cultura aziendale di Palladio Group e si applica a tutti dipendenti ed a tutte le attività gestite dall azienda. La Palladio

Dettagli

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V.

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. Presidente Giovanni Catellani MOG-231 Pagina 1 di 8 INDICE Introduzione 3 Destinatari 3 Principi e regole di condotta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Denominazione ufficiale: Numero di identificazione nazionale: 2

Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Denominazione ufficiale: Numero di identificazione nazionale: 2 Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea Info e formulari on-line: http://simap.ted.europa.eu Bando di gara Direttiva 2014/24/UE Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice I.1) Denominazione

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI 1 di 5 ARTICOLO 1 FINALITÀ 1. L Associazione Curia Mercatorum, (di seguito denominata

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000

POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 POLITICA PER LA RESPONSABILITÀ SOCIALE SA8000 L Enpacl sostiene l importanza dei valori d etica d impresa, sia per l impatto che questa ha nel contesto sociale in cui è inserita, sia per quello ambientale

Dettagli

Revisione febbraio 2014

Revisione febbraio 2014 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE NEI SETTORI SPECIALI (ai sensi dell art. 206 del D.lgs. 163/06 e della direttiva 2004/17/CE) Modifica dir. CEE 2004/17/CE e 2004/18/CE nuove

Dettagli

Politica di Acquisto di FASTWEB

Politica di Acquisto di FASTWEB Politica di Acquisto di FASTWEB Edizione Settembre 2012 Editoriale Innovare per crescere ed essere sempre i primi, anche nell eccellenza con cui serviamo i nostri Clienti. Questo il principio ispiratore

Dettagli

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l.

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l. NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l. SEDE LEGALE Via Umberto I, 13-73100 LECCE SEDE OPERATIVA Z.I. Ex Consorzio SISRI - 73100 LECCE Codice Fiscale e Partita IVA 04157000755 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL

Dettagli

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la

1 Art. 19 della Direttiva 2004/18 in tema di Appalti riservati: Gli Stati membri possono riservare la LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI APPALTI RISERVATI INTRODUCE NELLA LEGISLAZIONE ITALIANA LA FIGURA DEL LABORATORIO PROTETTO QUALE NUOVA FORMA DI IMPRESA SOCIALE Con l emanazione, in attuazione delle direttive

Dettagli

Il Green Public Procurement a Cinisello Balsamo

Il Green Public Procurement a Cinisello Balsamo COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Il Green Public Procurement a Cinisello Balsamo Green Public Procurement a Cinisello Balsamo Definizione: Sistema di acquisti di prodotti e servizi ambientalmente preferibili

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale;

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale; Legge Regionale 17 febbraio 2005, n. 9 "Norme sulla cooperazione sociale" B.U.R. 4 marzo 2005, n. 10 Art.1 (Oggetto e finalità) 1. Con la presente legge la Regione riconosce il rilevante valore e la finalità

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO

Codice Etico v 1.0 del 09/12/2014 CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO CODICE ETICO Sommario DESTINATARI DEL CODICE... 3 ETICITA DEL LAVORO... 4 ETICITA VERSO IL MERCATO... 5 ETICITA VERSO L AMBIENTE... 7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO... 8 DESTINATARI DEL CODICE

Dettagli

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I

REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I REQUISITI FUNZIONALI DELLE PROCEDURE ELETTRONICHE PER GLI APPALTI PUBBLICI NELL UE VOLUME I GENNAIO 2005 eprocurement pubblico Clausola di esclusione della responsabilità Commissione europea Original document

Dettagli

Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Denominazione ufficiale: Numero di identificazione nazionale: 2

Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea. Denominazione ufficiale: Numero di identificazione nazionale: 2 Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea Info e formulari on-line: http://simap.ted.europa.eu Sezione I: Amministrazione aggiudicatrice Servizi sociali e altri servizi specifici Appalti

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani Prot. n. 870/VI/10 Venezia-Mestre, 3 marzo 2016 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs. 12 aprile 2006,

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora, Gentile Signore troverà in allegato la candidatura di [nome del prestatore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse MARKT/2006/02/H nel settore

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI

GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI GRUMO APPULA COMUNE CAPOFILA COMUNE DI GRUMO APPULA - CAPOFILA GESTORE DELL AREA SALUTE MENTALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DISABILI MENTALI 1) STAZIONE APPALTANTE: AMMINISTRAZIONE COMUNALE-PIAZZA

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento APAM esercizio spa 1 CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Indice 1. PREMESSA BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI 2.1 Contenuto e finalità del codice etico pag. 4 2.2 Destinatari del codice

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona All. 1 alla delibera di C.C. n. del REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE DI VOLONTARIATO

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Ediz. MQ 00 Pag. 1 di 8 REVISIONI N REV. DATA APPROV DESCRIZIONE RIFERIMENTO PARAGRAFO RIFERIMENTO PAGINA 00 10-01-06 1A EMISSIONE TUTTI TUTTE 01 25-09-09 ADEGUAMENTO ALLA NORMA UN EN ISO 9001:2008 TUTTI

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI (adottato ai sensi dell articolo 18, comma 2, del Decreto Legge n. 112/2008, convertito in Legge n. 133/2008)

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per le petizioni COMUNICAZIONE AI MEMBRI PARLAMENTO EUROPEO 2004 Commissione per le petizioni 2009 21.10.2008 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Petizione 1285/2007, presentata da Giovanni Maria Turra, cittadino italiano, a nome della Società Centro

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Ufficio Amministrativo

SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Ufficio Amministrativo CITTÀ DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Ufficio Amministrativo BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO A LUNGO TERMINE DI N.2 AUTOVEICOLI

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 MAGGIO 2014 236/2014/A AVVIO DI UNA PROCEDURA DI GARA APERTA, IN AMBITO NAZIONALE, FINALIZZATA ALLA STIPULA DI UN CONTRATTO DI APPALTO AVENTE AD OGGETTO LO SVOLGIMENTO DI SERVIZI DI TRADUZIONE

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Premessa pag. 3 Destinatari ed Ambito di applicazione pag. 4 Principi generali pag.

Dettagli

COMUNE DI CHIETI BANDO DI PROJECT FINANCING. Affidamento della concessione di progettazione, realizzazione e gestione del nuovo

COMUNE DI CHIETI BANDO DI PROJECT FINANCING. Affidamento della concessione di progettazione, realizzazione e gestione del nuovo COMUNE DI CHIETI BANDO DI PROJECT FINANCING Affidamento della concessione di progettazione, realizzazione e gestione del nuovo Parcheggio Multipiano di Via Ciampoli nel Comune di Chieti SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Obiettivi e finalità delle nuove direttive appalti pubblici. Paola Zanetti, DG Mercato interno e servizi

Obiettivi e finalità delle nuove direttive appalti pubblici. Paola Zanetti, DG Mercato interno e servizi Obiettivi e finalità delle nuove direttive appalti pubblici Paola Zanetti, DG Mercato interno e servizi 28/03/2014 L'adozione passo dopo passo... Preparazione delle nuove direttive dicembre 2011: la Commissione

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

LINEE GUIDA PREMESSO

LINEE GUIDA PREMESSO LINEE GUIDA PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO, DEL SOSTEGNO ALL'OCCUPAZIONE E DELLA ECOSOSTENIBILITÀ NELL'AMBITO DELL AFFIDAMENTO DI SERVIZI SANITARI E SOCIALI DI CUI ALLA CAT. 25 DELL'

Dettagli

Bando di gara Servizi di pubblica utilità

Bando di gara Servizi di pubblica utilità Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea Info e formulari on-line: http://simap.ted.europa.eu Bando di gara Servizi di pubblica utilità Direttiva 2014/25/UE Sezione I: Ente aggiudicatore

Dettagli

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti In base all'art. 18 della Legge n. 133 /2008, le società a partecipazione pubblica totale o di controllo sono tenute all'adozione, con propri provvedimenti, di criteri e modalità per il reclutamento del

Dettagli

Sistema di Gestione Integrato Ambiente e Sicurezza GESTIONE FORNITORI

Sistema di Gestione Integrato Ambiente e Sicurezza GESTIONE FORNITORI GESTIONE FORNITORI Questa Procedura è di proprietà della società Tarros S.p.A.. Ogni divulgazione e/o riproduzione e/o cessione di contenuti a terzi deve essere autorizzata dalla Società medesima la quale

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI

-CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI -CERTIFICAZIONE DI SISTEMA UNI EN ISO 9001- STRUMENTO DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE NEGLI APPALTI PUBBLICI Norma ISO 9001 e sue applicazioni Iter di certificazione e sistema di accreditamento Sistemi

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

I-Bolzano: Quadri di distribuzione 2011/S 166-274944 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture

I-Bolzano: Quadri di distribuzione 2011/S 166-274944 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI. Forniture 1/5 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:274944-2011:text:it:html I-Bolzano: Quadri di distribuzione 2011/S 166-274944 BANDO DI GARA SETTORI SPECIALI Forniture SEZIONE I: ENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIALI, SOCIO- SANITARI E EDUCATIVI DEL SISTEMA INTEGRATO Art.1 Finalità e oggetto La presente regolamentazione definisce, in attuazione di quanto previsto all

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI Art. 1 Oggetto e finalità. Il presente regolamento disciplina l affidamento dei servizi socio-assistenziali erogati dal Piano di Zona Ambito

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI

REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI REGOLAMENTO PER LE SPONSORIZZAZIONI Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina l attività di sponsorizzazione, da parte di soggetti terzi, di eventi, progetti, iniziative e attività promossi,

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

L AMMINISTRATORE UNICO

L AMMINISTRATORE UNICO CUALBU S.R.L. Sede in Cagliari Via Galassi n.2 Capitale sociale euro 1.560.000,00 i.v. Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro Imprese di Cagliari 00264500927 e R.E.A. 84787 Si dà atto che in data

Dettagli