Anno III - Numero Martedì 25 novembre 2014 Direttore: Francesco Storace Roma, via Giovanni Paisiello n. 40

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno III - Numero 274 - Martedì 25 novembre 2014 Direttore: Francesco Storace Roma, via Giovanni Paisiello n. 40"

Transcript

1 Anno III - Numero Martedì 25 novembre 2014 Direttore: Francesco Storace Roma, via Giovanni Paisiello n. 40 Politica Regionali, ecco il dopo (non) voto Vignola a pag 2 Esteri Obama licenzia capo Pentagono A pag 5 Sport La Roma in Russia cerca l'impresa Colosimo a pag 12 SOLIDARIETÀ DA BERLUSCONI, MELONI E MOLTI ESPONENTI DA DESTRA A SINISTRA DI FRONTE A QUELLO CHE SEMBRA UN VERO E PROPRIO ATTO DI REGIME di Francesco Storace MUTI Silenzio dal Colle dopo la sentenza sul vilipendio di Napolitano. Tace pure il nuovo eroe Matteo Salvini... Solidarizza invece il Pd alla Pisana Un mio caro amico dice zitti come le quaglie, ad indicare i silenti, gli imbarazzati, i pavidi, gli ipocriti, quelli che si fregano le mani. I menefreghisti. Mi hanno molto colpito i tanti attestati di solidarietà e stima provenienti dal mondo che ruota attorno al centrodestra. Tutta la destra - quella impegnata nella politica seria - si è fatta sentire, con telefonate e/o dichiarazioni. Diciamo che non mi hanno fatto sentire un pregiudicato per la condanna su un vilipendio inesistente di Napolitano. Ma il giudice ha stabilito che c era, viva la giustizia e la magistratura. Non sono mazzette, ma parole, e parole di fuoco leggo sulla rete, tutte verso il Colle. Boomerang. Forse ha ragione Berlusconi, quando domenica sera mi ha chiamato dicendomi che in fondo ti è andata bene, sono capaci di tutto ha aggiunto. E non ha torto. Altrimenti, Napolitano avrebbe magari dato retta nei giorni scorsi anche alla stessa Giorgia Meloni, che lo invitava a porre fine a questa storia con una presa di posizione chiara. Ma il Colle è senza voce. Tace. Stavolta sono rossi in viso perché l hanno fatta davvero grossa. A destra l unico a non essersene accorto è stato Matteo Salvini, l idolo della protesta che prende voti ma che non ha pronunciato una sola parola, ne sul processo ne sulla sentenza. Dicono che dice le cose che dovremmo dire noi, ma in questo caso non le ha dette. Ha avuto molto meno coraggio di altri. Oppure qualcuno gli avrà detto di stare zitto. In pratica, il comportamento osservato da Alfano, anche se quest ultimo almeno non ha osato mettere la mordacchia ai suoi che hanno voluto liberamente esprimere il loro pensiero a mio sostegno, da Cicchitto ad Augello, da Saltamartini e Sammarco, a tanti altri. La coraggiosissima lega dei popoli si ferma un secondo prima del Quirinale. Un passo avanti, complimenti, Napolitano è grato. Anche a sinistra in tanti, a iniziare da esponenti nazionali di rilievo, mi hanno chiamato e non solo in regione - dove pochissimi sono stati i silenti tra assessori e consiglieri di maggioranza, una stima che fa piacere - anche con pubbliche dichiarazioni. Ieri, alla Pisana, gli interventi del presidente della commissione cultura, Patane (Pd) e del presidente del consiglio regionale, Leodori (anch egli Pd), e subito dopo la De Nicolò per M5s, mi hanno lasciato senza fiato, emozionato. Hanno messo sotto accusa una legge e la sua applicazione. E questo mette ancora più in risalto l atteggiamento ipocrita del Pd al Senato, che ha osservato a partire da Zanda e Finocchiaro (quest ultima del resto ci aveva già abituato...) un vero e proprio comportamento di casta. Devo forse credere a chi mi ha suggerito all orecchio che dal Colle era partita una messinscena? A parole sì alla cancellazione del vilipendio, nei fatti la vendetta senza rumore, come era negli auspici di chi esigeva la mia condanna. Un ministro senza opinioni come Orlando ha fatto il resto. Ma in tutto questo, quello che più inquieta è proprio l atteggiamento di Giorgio Napolitano. Zitto. Non parla. Non dice una parola. Pare non rendersi conto della gravità di quanto accaduto, che la fine anticipata del suo secondo mandato - che si annuncia sempre come prossima - coincide con un atto che sa di regime. Ma non voglio far mutare il mio rispetto per il capo dello Stato - altrimenti non gli avrei mai scritto, all epoca, una lettera di chiarimento - e spero che una parola saprà trovarla. Anche perché da giovane parlamentare, quarant anni fa!, contestava il vilipendio come reato contro le opinioni critiche. Ha cambiato idea, evidentemente. Come sull Ungheria, dove l Urss portava la pace. Il mutamento di opinione sul vilipendio a me invece ha portato sei mesi di condanna. Degnissima. PRIMA ITALIANA NELLO SPAZIO UN ITALIANO SU 2 MANGIA GLI AVANZI DEL PASTO PRECEDENTE. PERCHÉ NON HA ALTRO Meno sprechi a tavola: fu vera gloria? di Igor Traboni IL SOGNO DI SAMANTHA Ceccarelli a pag 4 MEDICO CONTAGIATO IN SIERRA LEONE EBOLA TRA NOI Fruch a pagina 9 Sei italiani su dieci nel 2014 hanno diminuito o annullato gli sprechi domestici, secondo una tendenza che si e' accentuata con l'inizio della crisi. Così un po tutte le analisi sociologiche e di mercato (l ultima, cui fa riferimento questo dato, è proprio di ieri) mettono ora in risalto il lato positivo della crisi. Neanche ci fosse davvero, e sul serio, qualcosa di buono nel fatto che gli italiani sono sempre più poveri. Certo, gli sprechi vanno ridotti (ogni italiano pare che butti nei bidoni della spazzatura 76 chili di cibo all anno, anche se i numeri ci paiono un po esagerati), ma qui siamo ad un fatto di buona educazione alimentare. Se poi, come emerge anche da quest ultima analisi statistica, vien fuori che 1 italiano su 2 mangia al pasto successivo (anche) gli avanzi della cena o del pranzo prima, magari sarà lecito domandarsi se mangia solo gli avanzi, tanto per sopravvivere. Poi, continuano a menarcela con la storiella degli italiani più attenti quando fanno la spesa. Come no: attenti soprattutto al portafoglio, perché non si svuoti. E ancora: gli italiani comprano solo quello che realmente serve. Evviva: prima ci ingozzavamo di caviale e champagne, adesso solo mortadella. Magari il concetto andrebbe ribaltato: gli italiani comprano solo quello che riescono a comprare. Spesso neanche la mortadella. E i discount subiscono assalti fin dal primo mattino, soprattutto quando ci sono i prodotti ulteriormente scontati, perché è quello che ci si può permettere, mica altro: o mangio o pago l Imu. E c è tanta gente che, per senso civico, sceglie la seconda strada. O, per l appunto, cerca di infilarci anche la sporta della spesa, ma sempre più vuota. Determinate analisi sociologiche, poi, dovrebbero poggiare i piedi un po più sulla terra: chi scrive, abita in una media città italiana, in quella sana ma anche sempre più povera provincia. Dove molti supermercati hanno ridotto, anche fino al 50%, perfino la distribuzione giornaliera di pane e latte, per non lasciarli poi invenduti al banco frigo o a quello del panettiere.

2 2 Attualità REGIONALI PER POCHI INTIMI: ALLE URNE SI È PRESENTATO IL 37% DEGLI AVENTI DIRITTO Emilia-Romagna: rosso antico Il Pd primo ma perde la metà dei voti di maggio scorso. In picchiata i Cinque Stelle. Exploit della Lega, in Forza Italia scoppia un nuovo caso Fitto. Storace: Manca una destra che porti i cittadini alle urne di Robert Vignola Se c è una categoria che dal Pd di Renzi ha avuto qualcosa di più sostanzioso che non la chimera degli 80 euro, è quella degli scrutatori. Prima il week end da passare nei seggi era una fatica di Sisifo, oggi è una pacchia: si comincia con calma, si finisce che si può ancora andare a dormire senza la luce del sole, si becca il gruzzoletto e si aspetta la prossima tornata elettorale, spesso nel giro di pochi mesi. In tutto ciò, c è ancora una cosa che il premier può fare, magari con lo slogan meno soldi per le elezioni : far stampare la metà delle schede necessarie per tutti gli aventi diritto, che tanto basta e avanza, così presidenti di seggio e loro bracci operativi potranno ridurre anche i tempi del riconteggio di quelle avanzate. Le elezioni al tempo di Renzi, d altronde, non lo indignano neanche quando, come nel caso dell Emilia- Romagna, a votare ci va praticamente un elettore su tre. Macché, lui è contento: In otto mesi ci sono state cinque elezioni regionali che il Pd ha vinto 5 a 0. Di queste regioni, quattro erano in mano alla destra e sono andate alla sinistra. L Emilia Romagna invece è rimasta nelle nostre mani. Men che meno all ex sindaco di Firenze interessa dell affluenza, inchiodatasi al 37%. La non grande affluenza è un elemento che deve preoccupare ma che è secondario. Checché se ne dica oggi non tutti hanno perso: chi ha contestato le riforme può valutare il suo risultato. Già. Peccato che tra le dita del suo stesso partito, peraltro in una roccaforte come quella emiliana, siano sfuggite qualche centinaio di migliaio di schede, in termini assoluti: i 535mila voti raccolti in Emilia-Romagna sono meno della metà rispetto al milione e 200mila voti delle europee di maggio e persino rispetto ai 989mila voti delle politiche. Non solo: perché il Pd (arrivato al 44,5%) si ritrova in flessione rispetto al dato recente delle europee (52,5% dei consensi). Del tutto analogo il caso dei 5 Stelle. Beppe Grillo, sondaggi alla mano e consapevole del fatto che tra Fava e Pizzarotti in Emilia-Romagna sono già adulti rispetto al reale orizzonte evolutivo del suo MoVimento, si è tenuto alla larga dalla campagna elettorale. Ne aveva ben donde: è pur vero che i suoi adepti si sbracciavano sui social network a parlare di crescita (rispetto alle regionali del 2010 ). Ma se guardano le europee di sei mesi fa, quando presero 444mila voti, se ne ritrovano nel carniere 167mila. Non esattamente quella che si definirebbe tenuta del MoVimento E la Lega? Certamente l exploit di Salvini (e di Alan Fabbri, suo sparring partner durante una campagna elettorale assai presenzialista del leader del Carroccio) non può essere negato. Tant è che rispetto al solito dato europeo di maggio hanno raddoppiato i singoli voti (da 116mila a 233mila) raggiungendo il sostanzioso dato percentuale del 19,4%. Tuttavia, in termini assoluti, ha perso qualcosa rispetto alla performance del 2010 (regionali), che fu migliore (290mila voti). Certo, dalle urne è uscita una leadership leghista per molti versi aspettata, anche perché il calo di Forza Italia (ferma all 8,7%) sembra inarrestabile. Il che ha causato l alzata di voce di Fitto: Mi auguro che nessuno si azzardi a minimizzare o a cercare alibi per il nostro drammatico risultato in Calabria e in Emilia Romagna, regione in cui siamo stati addirittura doppiati dalla Lega. E sarà bene ricordare, passo dopo passo, tempi e modalità delle scelte che sono state compiute - con clamorosi errori - per definire le candidature e le alleanze. Non che vada meglio agli altri moderati (2,6%), raccolti attorno al Ncd. Anche Fratelli d Italia è ferma al 1,9%. Quanto è bastato a Francesco Storace, leader de La Destra, per tracciare una disamina drammatica quanto disincantata sullo stato dell arte nel centro-destra. Alle regionali di domenica, soprattutto in Emilia Romagna, è evidente quello che manca: una destra italiana che riesca a portare i cittadini alle urne. Se è vero il risultato della lega, va detto che è davvero drogato: alle regionali di quest anno, il Carroccio prende 233mila voti, 280mila l altra volta. È clamoroso semmai il dato di Forza Italia che lascia a terra 400mila elettori. Curiosità: i tre eletti di Fdi e Fi sono tutti ex An: Foti, Aimi e Bignami. Nel disastro la destra combatte: si dovrebbe ripartire da loro. Ce la fate a fare un gruppo unico? Prima gaffe del neogovernatore emiliano Bonaccini in un'intervista a Repubblica: l'astensione e' colpa delle inchieste. No, è colpa dei ladri. In effetti, agganciandosi all ultimo passaggio, (commento alla dichiarazione di Stefano Bonaccini: È mancato un pezzo di Pd che è rimasto a casa perché tanto sapeva che si vinceva e ha pesato molto l inchiesta sulle spese dei consiglieri ), ecco trovato chi sta peggio: chi abita da Piacenza a Rimini, che si ritrova come presidente di Regione uno capace di rilasciare queste dichiarazioni, dopo un dato astensionistico del genere. IL SUCCESSO DI OLIVERIO, SCUOLA PCI, CHIAMATO A FARE I CONTI CON LA DISOCCUPAZIONE: AI MASSIMI LIVELLI In Calabria vince un antirenziano di Bernald Shehaj Deputato per 4 legislature successive, già presidente della Provincia di Cosenza per 10 anni, Mario Oliverio è il nuovo governatore della Calabria. Scuola Pci e quindi certamente non un renziano della prima ora come da pronostico s è aggiudicato la tornata elettorale andando oltre il 60% dei consensi. Un dato sporcato dalla bassissima affluenza alle urne che s è fermata soltanto al 44,1% contro il 59,9% del Arrivato alla candidatura a governatore del centrosinistra dopo aver vinto le primarie di coalizione contro il renziano Gianluca Callipo, adesso è chiamato a cambiare la Calabria. Un successo scontato il suo. Su cui hanno giocato un ruolo fondamentale 2 elementi: il primo è quello relativo all ampio schieramento a suo sostegno (8 liste) che andava dai centristi di Bruno Tabacci alla sinistra di Sel e Pdci. Il secondo è invece la profonda frattura nel centrodestra calabrese presentatosi diviso. Da una parte Fi-Fdi-Casa della Libertà, al fianco di Wanda Ferro che ha racimolato meno del 25% dei consensi. Dall altra Udc e Ncd che hanno rinforzato la candidatura del senatore Nino D Ascola che ha addirittura lottato per superare l asticella dell 8%. Partita durissima per gli altri 2 candidati alla guida della regione, al di sotto della soglia di sbarramento. Il M5s di Grillo, con Cono Contelmi s è attestato al 4%, facendo registrare un crollo netto non solo rispetto alle politiche, ma anche alle europee. Quando aveva fatto segnare risultati buoni. Soltanto il 2% delle preferenze, invece, per la lista della sinistra L altra Calabria. Lo slogan con cui s è presentato agli elettori Oliverio è mutuato da quello obamiano, #sipuòfare. Tant è, alla corte del vincente arrivano anche numerosi esponenti già vicini all ex presidente Scopelliti. Abile tessitore di alleanze, ha saputo affilare bene le proprie armi. Ma ha dovuto fare già i conti con la disaffezione dilagante dei cittadini verso la politica. Con la sua regione che è ai massimi livelli di disoccupazione. Ed è proprio questo il primo fondamentale problema da risolvere. E non di poco conto. Anche per la Chiesa quello dell astensione è un dato preoccupante, da non sottovalutare. Un commento che ieri ha accomunato alcuni dei movimenti cattolici, i cui responsabili sono stati contattati dal Sir, il servizio di informazioni religiose. L astensionismo alle regionali è un dato profondamente negativo, che evidenzia una mancanza di responsabilità e sensibilità rispetto a una cultura disciplinata attiva. Ovvero la possibilità che le persone hanno di partecipare alla vita democratica con il proprio voto, dichiara Sonia Mondin, presidente del Movimento adulti scout cattolici italiani (Masci). Come mondo Scout promuoviamo una cultura di attenzione alla politica, perché riteniamo che sia il miglior metodo di partecipazione democratica. Secondo il Masci, il dato non è direttamente imputabile ai recenti scandali che hanno coinvolto le regioni: DISAFFEZIONE MA NON SOLO Il non voto preoccupa anche Chiesa e movimenti Il buono e cattivo tempo ci sono sempre, in ogni stagione politica. Purtroppo siamo all interno di una depressione sociale con conseguente crescita di sfiducia dei cittadini rispetto alle istituzioni Il dato sull astensionismo alle regionali di ieri parla chiaro: sono state elezioni con tanti vinti e nessun vincitore, aggiunge Matteo Truffelli, presidente nazionale di Azione Cattolica. La sconfitta principale è della politica, che non riesce a uscire dalla crisi di credibilità che la avvolge ormai da anni. Altro fattore determinante sono le polemiche legate alle indagini in corso, che hanno inciso inevitabilmente sulla percezione dei cittadini. L astensionismo è un dato preoccupante e bisogna ricercarne le ragioni prima e dopo il voto, commenta dal canto suo Rita Pilotti, presidente nazionale femminile della Fuci (Federazione universitaria cattolica italiana): È quanto mai necessario il ritorno di una formazione alla vita politica. Come Fuci siamo convinti della necessità di un cammino di sensibilizzazione soprattutto per i giovani, e tra loro degli universitari, al grande valore della testimonianza nel sociale che fa parte di quella che conosciamo come dottrina sociale della Chiesa. Via Giovanni Paisiello n Roma Tel Fax Direttore responsabile Francesco Storace Amministratore Roberto Buonasorte Direttore Generale Niccolò Accame Capo Redattore Igor Traboni Progetto grafico Raffaele Di Cintio Società editrice Amici del Giornale d Italia Sito web Per la pubblicità Responsabile Marketing Daniele Belli tel mail: Autorizzazione del Tribunale di Roma n 286 del

3 3 Attualità SABATO A MILANO L ATTESA MANIFESTAZIONE CHE SI STA PREPARANDO DA SETTIMANE Forza Italia riparte dal No Tax Day Berlusconi rilancia il ruolo di opposizione al governo Renzi del suo movimento di Valter Brogino All inizio fu la lettera a tutti i quadri del partito, in tutta Italia. Una presentazione che sapeva già di mobilitazione e in verità bypassava allegramente l appuntamento elettorale calabrese ed emiliano-romagnolo. Proprio questo particolare rende l idea di quanto la ripartenza di Forza Italia sia stata decisa dal Cav su una base nazionale. E forse proprio la sveglia di questa tornata amministrativa autunnale servirà al partito azzurro per compattarsi con forza sui temi economici, vero punto debole (almeno finché l annuncismo del premier non sarà smascherato dal tempo) del governo Renzi. E quale tema migliore se non quello della casa e delle tasse che vi gravano sopra, sempre più pesanti? Silvio Berlusconi, perciò, in attesa della scadenza del suo servizio sociale a Cesano Boscone, sta esortando la base a ritrovare il coraggio nei contenuti. Domenica si è collegato telefonicamente con la manifestazione contro le tasse del governo Renzi organizzata da Forza Italia a Treviglio, in provincia di Bergamo. La situazione è tale per cui ci troviamo di fronte a un diluvio fiscale su famiglie imprese e pensionati. Così non si può andare avanti.... Insomma, a dispetto del Patto del Nazareno è sul tappeto economico che il movimento azzurro sembra voler rappresentare l opposizione al Pd, da sempre al potere da quando nel novembre 2011 Berlusconi è stato esonerato dal governo con una manovra dai troppi lato ancora oscuri. Temi che l ex premier è tornato a toccare nella sua telefonata domenicale, battendo tuttavia con particolare veemenza proprio il tasso della fiscalità nazionale. In questo modo si sta mettendo in crisi il tessuto produttivo nazionale e noi reagiremo scendendo in piazza sabato 29 novembre per il nostro No Tax Day. Un appuntamento rimarcato anche dall eurodeputato Giovanni Toti: Renzi parla di un Paese più competitivo ma l unica competizione che sta vincendo l Italia è quella delle tasse più alte al mondo. Per dire no a questa disastrosa politica economica saremo tutti in piazza San Fedele a Milano il 29 novembre con il presidente Silvio Berlusconi. Ovviamente però la questione non si può circoscrivere alle sole imposte sugli immobili di proprietà, per quanto esse siano odiose, soprattutto in termini di prima casa. Qualcosa di estremamente simile sta anche avvenendo per il canone Rai, che rischia di essere inserito nella bolletta elettrica, proprio in un momento storico in cui il ruolo della televisione nella vita sociale degli italiani sta letteralmente scendendo in picchiata. Che Renzi chieda soldi a chiunque abbia un contatore, soldi da devolvere poi ai soliti noti dal cachet stratosferico sulla tv pubblica, è manovra vista né più né meno come un prelievo forzoso. E non a caso Forza Italia sta dando battaglia feroce anche su questa proposta. VANNO ESCLUSI BUS E FERROVIE Sciopero generale, i paletti dell Autorità Lo sciopero generale del 12 dicembre, proclamato dalla Cgil, dalla Uil e dall'ugl, non potrà riguardare i settori del trasporto aereo, ferroviario, a livello nazionale, e del trasporto pubblico locale, a livello territoriale. Lo ha deciso l Autorità di garanzia evidenziando l'irregolarità formale della proclamazione, ai sensi della legge 146 del 1990 e delle specifiche norme di settore. "Come già evidenziato- si legge in una nota-, infatti, nel trasporto ferroviario non verrebbe rispettata la regola dell¹intervallo minimo di dieci giorni tra scioperi nello stesso settore, a causa di una precedentemente proclamazione per il 13 e 14 dicembre prossimi. Quanto al trasporto aereo, è stata precedentemente comunicata un'azione di sciopero del personale Enav per il 15 dicembre prossimo, relativa al centro aeroportuale di Fiumicino, che, come è ben noto ai sindacati, è considerato dalla normativa di riferimento di rilievo nazionale e, dunque, preclusivo di altri scioperi ad un intervallo inferiore a dieci giorni. Per le medesime ragioni, legate a scioperi precedentemente proclamati, devono essere escluse dallo sciopero generale alcune città italiane, con riferimento al settore del trasporto pubblico locale (Cotral del Lazio, Ataf di Firenze, F.lli Romano di Crotone, Cotrab di Potenza, Ast della Sicilia, Trentino Trasporti di Trento). GRANDI MANOVRE IN ATTO SULLO SCACCHIERE DELL AREA EURO Politiche monetarie, la Bundesbank fa muro Weidmann gela Draghi: Ostacoli legali all acquisto dei bond da parte della Bce di Bruno Rossi tedesca contro Draghi è sempre meno sotto traccia. Una L ostilità ulteriore prova se n è avuta ieri, con il presidente della Bundesbank Jens Weidmann che non ha avuto alcuna remora nell imporre l alt al collega della Bce su quelle leve che l inquilino dell Eurotower vorrebbe azionare per combattere la spirale deflattiva in corso. E già, perché secondo Weidmann (che lo ha detto nel corso di un discorso all'annual Financial Convention a Madrid) i governi europei dovrebbero concentrarsi sulla crescita piuttosto che sull'acquisto di bond governativi. Una riedizione del vecchio motivetto sulle cicale mediterranee aggiornato, con parole e musica che comprendano anche gli annunci sul quantitative easing più volte partiti (ma mai seguiti dai fatti) dalla bocca di Draghi. Misure che, sostiene il numero uno della banca centrale tedesca, sono più difficili da attuare e incontrerebbero grossi ostacoli legali. Ad esempio quelli che potrebbe innalzare proprio l ultima sovranità nazionale rimasta, quella tedesca appunto, con la celebre sentenza della Corte di Karlsruhe che ha smascherato i reali rapporti di equilibrio esistenti sulla dilaniata terra del vecchio continente. Il numero uno della Bundesbank si è anche cimentato nell esercizio dell ovvio, spiegando come il principale problema dell'area sono le deboli prospettive di crescita. Per un certo verso, il problema è quello della domanda contenuta, dovuta principalmente agli aggiustamenti macroeconomici nei paesi che sono stati sotto stress negli ultimi anni. Questo parlare al passato è peraltro molto ottimistico, quasi irrealistico, giacché sembra che la crisi sia passata. Ma c è anche un altro punto nel quale Weidmann parla la stessa, tecnocratica,vellutata lingua di legno di Draghi. La domanda limitata e l'outlook sull'inflazione motivano un grado di accomodamento monetario senza precedenti. Il divario è altrove: la politica monetaria, pur potendo influenzare la domanda di breve termine, non può continuamente rafforzare la crescita. Lo stesso, sfortunatamente, vale per la politica fiscale anche se fosse reso disponibile un maggiore spazio di manovra. Tanto meglio allora puntare sulle riforme per migliorare innovazione e produttività e su una maggiore integrazione sul mercato dei capitali. L omicidio Rossi che non tutti vogliono vedere Nessuna nuova indagine da parte della Procura di Siena su circostanze che meritano quantomeno un approfondimento di Marcello Calvo LE RIVELAZIONI DI REPORT DETERMINANTI PER LA RIAPERTURA DEL CASO, SU CUI È CHIAMATO A FARE CHIAREZZA PURE IL VIMINALE Voci maligne sostengono che ormai neanche la Procura di Siena sia poi così convinta. Ma ormai probabilmente è troppo tardi per rimediare. David Rossi forse non s è suicidato, ma potrebbe essere stato ammazzato. Per la riapertura del caso rischiano di essere determinanti le rivelazioni di Report. Che ha sganciato una vera e propria bomba a orologeria, sulla quale adesso è chiamata a fare chiarezza pure il Viminale: l ex capo area comunicazione della banca rossa aveva un ufficio al ministero degli Interni, almeno dal A raccontarlo un suo amico che ha preferito rimanere anonimo. Una testimonianza tutta da provare, che avrebbe spiazzato pure gli inquirenti toscani. Durante la trasmissione un altro colpo di scena, con un monsignore a conoscenza delle vicende legate allo Ior che ha riferito come Mussari e Rossi si sarebbero recati spesso in Vaticano, dove sono stati aperti 4 conti coperti, nei quali forse hanno transitato parte dei soldi utilizzati da Mps per l acquisizione di Antonveneta dal Banco Santander nel Un operazione folle, che ha portato l istituto di credito più antico al mondo al tracollo. Intanto la vedova del giornalista, Antonella Tognazzi, ha affidato una perizia calligrafica sui biglietti, con messaggi a lei indirizzati, trovati nell ufficio di suo marito a Rocca Salimbeni la sera del 6 marzo Tra le ipotesi emerse da altre testimonianze, tra le quali un analista, anche lei anonima, il fatto che le Autorità di Vigilanza (Bankitalia e Consob) fossero a conoscenza da anni della situazione difficile del Monte. E che il presidente Profumo, oltre all amministratore delegato Viola, sapessero perfettamente delle difficoltà create dai derivati Alexandria e Santorini. Ben prima di trovare il contratto firmato con Nomura dall uomo forte del Pd, Mussari, per la ristrutturazione di Alexandria, nell ottobre Sono accuse pesanti, da dimostrare con i fatti e non con le parole. Ma che se confermate, potrebbero provocare un altro terremoto. Non solo giudiziario. Le perizie di parte hanno evidenziato incredibili incongruenze e lacune nelle indagini. Con i video delle telecamere di sorveglianza che mostrano come sia terribilmente errata, sempre secondo i tecnici della difesa, la dinamica della caduta ipotizzata dai pm. Dove si individuano la presenza di persone nelle vicinanze del cadavere del manager, sin dai minuti immediatamente successivi alla tragedia. Uomini, o donne, mai individuate dagli investigatori. Eppure la Procura di Siena ha archiviato l indagine nel marzo 2014 e lo scorso 10 novembre pure quella generale ha ribadito il diniego dei pm toscani toscani. L inchiesta di Report rischia di scoperchiare un verminaio mostruoso. Rispetto al quale, fino ad oggi, non c è stata alcuna nuova indagine da parte della magistratura toscana. Perché? Report resta nell anonimo, sì, ma sono troppe le cose che non tornano. Circostanze da verificare, certamente, ma che meritano quantomeno un approfondimento. Così come quel presunto e strano volo innaturale, all indietro di Rossi. Che ancora non trova una spiegazione.

4 4 LA CRISTOFORETTI È LA PRIMA ASTRONAUTA ITALIANA AD ANDARE IN MISSIONE Focus Samantha alla conquista dello spazio Il mondo intero ha seguito questa nuova impresa alla scoperta dell universo di Francesca Ceccarelli mamma, tutto benissimo, tutto bellissimo è ancora più bello di Ciao come lo avevo sempre sognato. Il volo è andato molto bene, nessun problema, anzi il comandante è stato così carino di spegnere le luce interne della Soyuz per far vedere meglio le stelle a me e a Terry. Poco prima di entrare nella stazione spaziale Anton mi ha detto di stare attenta che nei prossimi 10 secondi sarebbe cambiata la notte con il giorno. Ed è stata un alba meravigliosa, non si può descrivere il colore del sole in quel momento, si resta sbalorditi. Queste le prime parole di Samantha Cristoforetti l italiana astronauta impegnata nell ultima impresa spaziale partita domenica scorsa. Alle 22:01:13" del 23 novembre, puntuale come sempre, la Soyuz (TMA-15M, l'ultimo modello) si è alzata dalla sua rampa di lancio, la numero 31.Pochi secondi e la navicella con il razzo si erano già dileguati oltre le nuvole con a bordo i tre membri dell'equipaggio della ISS Expedition 42. Si tratta del comandante russo Anton Shkaplerov, l'ingegnere di volo americano Terry Virts e - in qualità di primo ingegnere di bordo e copilota - il capitano dell'aeronautica Militare e membro del Corpo Astronauti dell'esa Samantha Cristoforetti. Ancora una volta la partenza dalla base kazaka che è stata già protagonista di grandi imprese: nel '61 partì Juri Gagarin (primo cosmonauta uomo) e nel '63 Valentina Tereskova (prima cosmonauta donna). Ad oggi Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana a volare nello Spazio. Comincia così Futura, seconda missione di lunga durata targata ASI (nell'ambito dell'accordo bilaterale con la NASA del 1997), che impegnerà per sei mesi la come si firma sui social network, sulla Stazione Spaziale Internazionale. A Roma quasi 600 persone hanno assistito in diretta a tutte le fasi del lancio dalla sede ASI, collegata per l'occasione con Baikonur, nel corso di un grande evento a cui hanno preso parte il Presidente dell'agenzia Roberto Battiston, il Ministro dell Istruzione Università e Ricerca Stefania Giannini, il Direttore ESA dei Voli Spaziali Abitati Thomas Reiter e il Capo di Stato Maggiore dell Aeronautica Militare, Generale Pasquale Preziosa. "Sono stati gli otto minuti più emozionanti della mia vita" ha detto a caldo Battiston, commentando il liftoff e tutte le fasi successive fino al raggiungimento dell'orbita. "A Samantha - ha aggiunto - vorrei dire di godersi fino in fondo questo momento così unico; e le auguro di portare a termine con successo tutti gli esperimenti della missione". Samantha Cristoforetti è il secondo astronauta italiano a raggiungere la ISS con un 'volo rapido' della Soyuz, dopo Luca Parmitano nel maggio del 2013: solo sei ore, invece di due giorni, grazie ad una serie di innovazioni tecniche e al rinnovamento del piano di volo, che comprende 4 orbite intorno alla Terra per inseguire la si è preparata per quasi tre anni in previsione della missione sulla Stazione spaziale internazionale, addestrandosi a eseguire le procedure tecniche necessarie e allenando il suo fisico per affrontare la permanenza prolungata nell ambiente spaziale. Nel suo caso però, quest ultimo aspetto presenta alcune incognite. Se per gli astronauti maschi gli effetti dell assenza di gravita sulla salute sono più noti, esistono invece molti meno dati su quali siano i pericoli nel caso dell organismo femminile, visto il numero minore di donne che hanno partecipato a missioni spaziali. Se non volete perdere neanche un dettaglio della Missione Futura potete inoltre seguire il viaggio di Samantha Cristoforetti sui siti e social network: Esa, Twitter, Flickr, G+ e Facebook, Blog Esa. Tecnologia, innovazione, medicina, biologia e anche pausa caffè: a volare sulla Stazione spaziale internazionale insieme a Samantha Cristoforetti ci sono 10 esperimenti made in Italy, che miglioreranno la vita degli astronauti e daranno una mano anche alla ricerca scientifica sulla Terra. Nel dettaglio 'Nato' testerà le contromisure per l'osteoporosi lavorando sul tessuto osseo a livello di nanoparticelle. 'Drain brain' si occuperà invece di realizzare un nuovo strumento diagnostico per le malattie neurodegenerative, osservando in microgravità il ritorno venoso dal cervello al cuore. Si occuperà invece di variazioni sull'architettura cellulare 'Cytospace', "per osservare come la cellula si struttura nello spazio", spiega Cristoforetti, mentre 'Bone/Muscle check' ha il compito di "validare un sistema semplice e innovativo per quantificare lo stato di debilitazione ossea tramite un prelievo salivare". Una serie di esperimenti è espressamente volta alla cura e al miglioramento delle condizioni di vita degli astronauti a bordo della Iss. 'Wearable monitoring' si occupa di qualità del sonno, poiché "in orbita si verifica un influsso negativo sul sistema nervoso autonomo, forse per l'assenza di peso". Di equilibrio e movimenti si occuperà invece 'Blind and Imagined (Slink)', mentre 'Viable' monitorerà la presenza di funghi e batteri negli ambienti della Stazione. 'Orthostatic Tolerance' avrà il compito di sviluppare contromisure favorevoli alla salute dopo il rientro a Terra basate su allenamenti fisici specifici. Infine, l'esperimento maggiormente riconoscibile come italiano, cioè 'Isspresso', la macchinetta per il caffè 'spaziale', e la stampante 3D. 'Isspresso' è figlia della collaborazione con Argotec e permetterà di prendere il caffè a bordo, studiando la reazione dei liquidi ad elevate temperature e pressioni. 'Pop 3D' è invece la via italiana alla stampa tridimensionale in orbita. Il progetto è realizzato da Altran e prevede la fabbricazione di un oggetto di plastica in una sessione automatizzata. IL MESSAGGIO DALL EX COLLEGA LUCA PARMITANO Per ogni astronauta è difficile contenere l entusiasmo Samantha Cristoforetti è ormai nello Spazio e a chi resta sulla Terra rimane solo immaginare cosa si possa provare per tale impresa. A cercare di dare spiegazioni qualcuno che questa emozione l ha provata, Luca Parmitano : ''è come se al momento del lancio ci fossero due persone a bordo: l'astronauta e l'essere umano'', ha detto l astronauta dell'agenzia spaziale europea (Esa) e ambasciatore del semestre italiano di presidenza Ue, commentando in diretta streaming per l'agenzia ANSA la manovra di aggancio della Soyuz alla Stazione spaziale internazionale. ''Abbiamo visto una Samantha professionista, pronta, preparata e concentrata, e poi la persona Samantha, la sua parte più umana, scatenarsi con l'esclamazione nel quale ha sperimentato l'assenza di peso'', ha osservato ancora Parmitano. ''La scienza - ha osservato - è il core business della Stazione Spaziale, che è il laboratorio più moderno mai costruito, con oltre 60 ore di attività scientifiche settimanali. 'La giornata sulla Stazione Spaziale comincia alle 6 del mattino, circa un'ora per prepararsi e fare colazione, e poi la giornata inizia con teleconferenza con tutti i centri di controllo a Terra nella quale il comandante dà una descrizione della giornata'', ha raccontato l'astronauta, protagonista nel 2013 della missione 'Volare' dell'asi. Sei mesi da trascorrere nello spazio sono tanti? ''Passano in un istante'', ha detto Parmitano. ''C'è una distorsione temporale straordinaria: fra le stelle il tempo si restringe alla velocità con la quale ci mandano in orbita e si rientra con l'impressione che sia trascorso pochissimo pochissimo tempo."andare nello spazio è un privilegio" - Sono sicuro anche anche per Samantha sarà così''. Andare nello spazio, per Luca Parmitano, è un privilegio: ''Samantha è la 541/a persona ad andare in orbita in 60 anni di storia spaziale: è privilegio che va compensato condividendo il più possibile questa esperienza unica''. E' certamente un traguardo importante avere nello spazio la prima astronauta italiana, ha osservato ancora, ''anche se gli astronauti sono innanzitutto persone: non parliamo mai in termini di uomo o donna, ma di persone che si allenano insieme. Probabilmente quando parleremo di primo astronauta su Marte non faremo caso se sia uomo o donna, sarà una persona che fa questo lavoro''.

5 5 Focus IL REPUBBLICANO HAGEL COSTRETTO ALLE DIMISSIONI: TROPPO MORBIDO NELLA LOTTA ALL ISIS Obama fa fuori il capo del Pentagono di Igor Traboni Piccolo terremoto alla Casa Bianca dove ieri un po a sorpresa, ma mica poi tanto, il capo del Pentagono Chuck Hagel ha deciso d dimettersi e, nel giro di poche ore, Obama ha accettato le dimissioni. Era stato il New York Times ad anticipare la notizia sul suo sito, e poco dopo fonti autorevoli del ministero della Difesa hanno in effetti confermato. Hagel si è dimesso, dopo che lo stesso presidente Obama gli aveva comunque chiesto di lasciare. Il motivo consisterebbe tutto anche se i media americani non usano neppure il condizionale - nella differenza di vedute tra i due per quanto concerne la lotta contro i terroristi islamici dell Isis e le politiche gestionali a stelle e strisce nella regione mediorientale, dove anche la missione di combattimento in Afghanistan è stata di recente prolungata di un anno, non senza ulteriori polemiche. Hagel, un passato da veterano della guerra in Vietnam, era l unico repubblicano presente nell amministrazione. La sua conferma era stata molto osteggiata dai suoi stessi ex compagni di partito, ad iniziare dal potente senatore McCain, che gli rimproveravano di essere entrato in un governo nemico. Una volta entrato in carica, aveva incontrato molte difficoltà a farsi accettare dai leader militari e dunque il suo compito alla Difesa non era dei più semplici. Inizialmente Hagel avrebbe dovuto gestire il ritiro dall Afghanistan e operare i tagli alle spese della difesa, dunque con una scarsa popolarità tra gli influenti generali. La situazione però è completamente cambiata con l offensiva dell Isis in Iraq, che ha richiesto una risposta immediata sul terreno e l intervento americano. Anche i piani per l Afghanistan sono cambiati, e per evitare il ripetersi di una crisi simile, il presidente Obama ha ordinato alle truppe di continuare a combattere anche nel Hagel nelle settimane scorse ha criticato apertamente la strategia scelta dalla Casa Bianca, sottolineando che non si poteva separare l aspetto iracheno dell offensiva dell Isis da quello siriano, altro punto assai caldo nello scacchiere. Aveva pertanto chiesto di affrontare il problema Assad, ritenendo che con la sua permanenza al potere il leader siriano bloccasse ogni soluzione in quel paese. Il Consiglio per la Sicurezza Nazionale non ha apprezzato le critiche del ministro repubblicano, e da allora è cominciato un braccio di ferro con la Casa Bianca, che si è concluso con la decisione di Obama di chiedere ad Hagel di lasciare il delicato incarico. Sulla posizione di Hagel avrebbe inciso non poco anche la recente tornata elettorale di medio termine, con l avanzata repubblicana ovviamente mal digerita dal presidente statunitense. Ora inizia la caccia al sostituto di Hagel e, tra i possibili successori, vengono indicati gli ex vice segretari alla Difesa Michele Flournoy e Ashton Carter, e il senatore Jack Reed. VOTO DEL 2016 E Barack lancia la Clinton Hillary Clinton sarebbe un grande presidente, perché gli americani hanno bisogno di sentire l odore di una macchina nuova. Lo ha detto Barack Obama, in un intervista al programma This week sulla rete Abc, di fatto lanciando la volata della Clinton verso le presidenziali del Obama ha parlato anche di un certo numero di possibili candidati democratici che sarebbero dei magnifici presidenti, ma poi in realtà ha menzionato solo Hillary Clinton, dicendo che sarebbe una formidabile candidata e una grande presidente se decidesse di candidarsi per la seconda volta. Il presidente ha confermato di parlare regolarmente con Clinton e di considerarla un amica. Non ha ancora annunciato ufficialmente di voler correre per la Casa Bianca, per cui non voglio bruciare le tappe... Ma penso che la gente voglia guidare un auto nuova fuori dal parcheggio, una che non abbia tanto chilometraggio come me, ha aggiunto Obama Obama ha sottolineato che farà tutto il possibile per garantire che un membro del suo partito diventi il suo successore. Sono molto interessato a fare in modo di avere un candidato democratico per cui farò tutto il possibile, ovviamente, per aiutate il nostro candidato, ha chiosato l inquilino numero uno della Casa Bianca. LE BANCHE DI MOSCA FINANZIANO IL FRONT NATIONAL IN VISTA DELLE PRESIDENZIALI DEL 2017 La nuova rivoluzione francese passa per la Russia di Giuliano Castellino Ormai l'eurocrazia ha dichiarato "guerra" ai popoli europei che vogliono ribellarsi a Bruxelles. Ed usa ogni mezzo per "tappare la bocca" degli euroribelli, sempre più numerosi, da Mosca a Parigi, da Budapest a Roma. In Francia i sondaggi danno Marine Le Pen in testa per le presidenziali del "Siamo in piena crescita e le prossime scadenze stanno per arrivare - spiega il tesoriere del partito, Wallerand de Saint-Just - da adesso alle presidenziali del 2017 abbiamo bisogno di una cifra tra i 30 e i 40 milioni di euro". Che hanno già iniziato ad arrivare dalla Russia. Si, proprio da Mosca, perché le banche francesi e quelle sotto il controllo della Troika stanno già boicottando la "nuova rivoluzione francese", inversa ed opposto a quella più tristemente nota dell'89. Infatti, come rivelato dal quotidiano online Mediapart, il Front National ha appena ricevuto una prima tranche di due milioni di euro sui nove totali ottenuti in prestito dalla First Czech Russian Bank, l'istituto di proprietà di Roman Yakubovich Popov, banchiere vicino al premier Dimitri Medvedev e al presidente Vladimir Putin. "Il prestito è frutto di un lavoro tecnico che ho compiuto negli ultimi quattro mesi - spiega Wallerand - perché si tratta di persone molto minuziose". Si tratta, infatti, di una operazione regolare. "Avrei preferito una banca francese, o anche una europea per una questione di vicinanza e di lingua - continua il tesoriere del Front National - ma nessuna è più disposta a darci un centesimo". La scusa ufficiale è che le banche francesi non sono più disposte a concedere un solo centesimo di prestito dopo lo scandalo che investì Nicolas Sarkozy. Nel 2012, dopo che il Consiglio costituzionale gli bocciò i conti, l'ex presidente fu costretto a rinunciare a 11 milioni di euro di rimborsi pubblici. Ma le posizioni delle banche transalpine ci sembrano al quanto sospette e faziose e non spinte da un senso di giustizia o regolarità. Da qui la scelta di optare per un istituto russo, anche se Francois Hollande sta da tempo portanto avanti politiche in opposizione a Putin. L'attuale inquilino dell'eliseo si rifiuta, infatti, di consegnare le due navi da guerra Mistral prodotte nei cantieri di Saint-Nazaire che rientrano nel contratto firmato da Sarkozy nel "Meglio un prestito da una banca russa - chiosa Christian Bouchet dal quartier generale del Front National - che prendere i soldi come li prendeva Sarkozy". Inoltre, il fatto di rivolgersi a Mosca, oltre che una necessità, ci sembra anche una scelta geopolitica precisa. Da tempo il Fronte nazionale francese si è schierato con Putin contro Nato, finanza atlantica, Bce e Fmi, in nome della libertà dei popoli. Nonostante il Premier francese sia asservito al padrone d'oltre Oceano, la Le Pen ha già annunciato che in caso di vittoria la Francia si staccherà da Bruxelles per allearsi con Mosca. Anche sul conflitto ucraino-russo Marine non ha esitato a stare dalla parte di Putin. Il vento sta cambiando, i popoli europei stanno abbracciando la bandiera identitaria contro la dittatura della finanza e del relativismo e Mosca viene vista come una nuova "madre" pronta ad aiutarci a liberare dal dominio americano.

6 6 IL GIORNALE D'ITALIA E MUSSOLINI / 2 Storia I sucaini che osarono l inosabile Quella impresa tutta caratteristicamente nostra, come la definì Roberto Maltini, nelle cronache dell epoca di Emma Moriconi Il primo viaggio nel tempo che compiamo grazie al volume che abbiamo presentato ai nostri lettori nella scorsa puntata ci trascina all'11 maggio Si tratta di un'intervista all'on. Roberto Maltini. Di questo nome non si trova traccia sui libri di storia in uso a scuola, varrà dunque la pena almeno di dire che si tratta di un membro del direttorio nazionale del partito, capo dei Gruppi universitari fascisti, presidente della Sucai (la sezione universitaria del Cai) e presidente onorario della Confederazione Internazionale degli studenti. A 17 anni è andato volontario in guerra negli alpini e si è guadagnato una medaglia d'argento. Nel 1920 ha fondato i Fasci del Garda e ha partecipato alla Marcia su Roma. Il primo tema trattato dal Giornale d'italia dell'11 maggio è la spedizione al Polo che partirà il 15 maggio, la cui guida è stata affidata dal Duce a Gianni Albertini, già membro della spedizione dell'anno precedente, come esperto di sci e ambienti estremi. Nel 1928 infatti Umberto Nobile ha tentato una spedizione, decisamente sfortunata, che ha provocato dispersi. Ecco perché nel '29 parte la seconda: gli uomini di Albertini vanno a cercare i dispersi del '28. Partiranno appunto il 15 maggio, quattro giorni dopo la nostra intervista a Maltini, a bordo della baleniera Heimen, che Albertini rinomina "HeimenSucai". Ed ecco cosa scrive Il Giornale d'italia: "La spedizione polare dei Sucaini per la ricerca degli scomparsi dell'aeronave 'Italia' riempie di commozione e di orgoglio tutti gli Italiani. Agli otto valorosi che il 15 maggio inizieranno il viaggio di esplorazione a bordo della baleniera 'Heimen' il Segretario del Partito on. Turati ha fatto pervenire una fotografia con questa dedica autografa: 'Ai Sucaini perché osino l'inosabile'". Il quotidiano poi virgoletta: "Impresa caratteristicamente nostra", e prosegue: "Il Governatore di Roma ha inviato un gagliardetto coi colori dell'urbe e un nobile messaggio: 'Roma si onora d'inviare il suo augurale saluto - così ha scritto il Principe Boncompagni- Ludovisi - all'animoso manipolo che va a cimentarsi nelle desolate solitudini dell'artide, per ricercare gli sperduti dell'aeronave sventurata. E a nome di Roma sono orgoglioso di affidare all'on. Presidente dei Gruppi Universitari Fascisti il gagliardetto della fede, destinato ad essere custodito e sorretto, come simbolo e auspicio, dal vessillifero sucaino che, con i suoi giovani compagni di scuola e di eroismo, va a tentare di sciogliere il tragico mistero polare, non senza riaccendere la fiamma della speranza nel cuore d'ogni Italiano". Il quotidiano fornisce poi altre informazioni sulla spedizione e, infine, riporta l'intervista a Maltini, descritto come "uno dei maggiori organizzatori": "Essa è un'impresa caratteristicamente nostra - egli ci ha detto. Gli Universitari italiani l'hanno preparata nel silenzio, dando ad essa fatica, fede e speranza, e possono andare giustamente fieri di quanto hanno fatto. 'Super universos contra adversa Italia' è il motto della spedizione Sucai, di Gianni Albertini e dei suoi degnissimi compagni, e da esso è lecito trarre i migliori auspici". I giovani rimangono nell'artico sei mesi, è una prova durissima. Quando era partito Nobile, un anno prima, il 15 aprile, il Corriere aveva scritto: "[...] l'impresa di questo generoso manipolo [...] va accolta dal plauso riconoscente e dal voto augurale di tutti gli Italiani [...] noi possiamo accordare a questi giovani tutta la nostra fiducia. È anche questo un altro caratteristico segno dei tempi. Solo il Fascismo, che fu anzitutto passione e movimento di giovani, poteva assegnare a questi doveri e responsabilità nel vasto e complesso quadro della vita nazionale. Qualche anno fa non si sarebbe potuto, non diciamo attuare, ma nemmeno concepire un'impresa siffatta". Di quelle imprese resta un eccezionale resoconto fotografico: l'autore è il giovane ufficiale medico Carlo Felice Garbini, che tra i ghiacci riesce a documentare il viaggio di Nobile del 1928 e ad essere un prezioso testimone per i soccorritori del (... continua...)

7 7 Storia LA SOLITA STORIA: QUANDO QUALCUNO LI SBUGIARDA TENTANO DI STRONCARLO. SENZA RIUSCIRCI, PERÒ L Anpi boccia Belluco, che barba che noia Riempire le sale in cui viene proiettato Il Segreto di Italia diventa ancor più un dovere morale di Emma Moriconi Avrebbero potuto risparmiarsi la fatica di scriverlo, il comunicato stampa, i solerti reduci partigiani, pronti a scattare ad ogni mosca anticomunista che vola. Si, avremmo potuto scriverlo da noi, abbiamo imparato come si fa, dopo settant'anni che li leggiamo. Una noia mortale. Come si dice a Roma, da far calare il latte alle ginocchia. Che vecchiume, che barba, che monotonia. Avevano cominciato con le solite lagne prima ancora di vederlo, figurarsi. Il film è "esteticamente assai brutto" bla bla bla, "storicamente approssimativo" bla bla bla, "confuso e contraddittorio" e ancora bla bla bla. L'interpretazione degli attori è "approssimativa e dilettantesca", "la ricostruzione degli ambienti rurali degli anni '43- '45 improbabile" e, udite udite: "un coltivatore diretto di Codevigo che possiede la Balilla in tempo di guerra!" Accipicchia! Un mio zio di secondo grado che viveva in una piccola frazione di Amatrice, ben più piccola e rurale della piccola e rurale Codevigo, in quegli anni, faceva il coltivatore diretto. Ebbene, egli possedeva una Balilla! Certificato, mano sul fuoco! Oh, ma no, scusate, sono "storicamente approssimativa": non ricordo la cilindrata, è una mancanza irreparabile. Oh, c'è anche un termine che ricordo di aver già letto su una recensione "sinistra" relativa a Sangue sparso: "oleografico". Un termine che piace tanto, evidentemente. Che fa scena. Avrebbero potuto scrivere "banale", "convenzionale", ma volete mettere? "Oleografico" fa tutto un altro effetto. Persino la Power, secondo loro, è "ridicola" nel suo accento veneto (quello non è "oleografico", è solo "ridicolo"). E poi, come poteva mancare la ciliegina sulla torta: "escludiamo che tutte quelle vittime possano essere definite innocenti". Così è deciso, l'udienza è tolta. Il tribunale partigiano ha emesso la sua ultima sentenza. Aspettate, c'è un altro termine che ho già letto altrove: "melassa qualunquista". Mamma mia, nemmeno un po' di fantasia. È tutto così stereotipato, banale... "oleografico" direi. A proposito: quanti esperti di cinema e di critica annovera l'anpi tra le sue fila? Comunque è divertente. Dico davvero. Si, perché il livore che fuoriesce a grappoli dalle parole dei "partigiani" (ma quanti anni hanno, a proposito? Novanta? Cento? Ah no, questi che parlano sono gli "eredi", quelli che sono arrivati dopo, quelli che "hanno raccolto il testimone"... dunque conosceranno perfettamente gli ambienti rurali della Codevigo del 1945, loro)... dicevamo, il livore che esce da queste parole (e non le abbiamo citate tutte perché "che barba, che noia") rende perfettamente l'idea di come abbiano preso questo schiaffo in piena faccia che Antonello Belluco gli ha elegantemente mollato. Non si fa così, se si vuole colpire e affondare. Immaginiamo uno scenario diverso e più intelligente: se scrivo, per esempio, che "il film di Antonello Belluco è tecnicamente ben fatto, che gli attori sono degli interpreti eccellenti, che sono felice del ritorno di Romina Power in Italia ed esprimo grande soddisfazione nel vederla sul grande schermo"; se aggiungo che "la riproduzione degli ambienti è stata curata nei dettagli e che l'esposizione della realtà rurale di Codevigo è ben realizzata", poi posso anche scrivere qualcosa di negativo: chi legge ha la sensazione che io stia dicendo la verità. È un po' più intelligente di "oleografico" e di "melassa qualunquista". Per dirla come la penso sul serio, a dire il vero, credo che il lavoro di Antonello Belluco sia straordinario, sia in termini tecnici che artistici che storici. Credo che l'interpretazione degli attori sia stata sentita e professionalissima, a cominciare dalla dolcissima Gloria Rizzato, che con il suo sorriso che usciva persino dagli occhi ci ha regalato momenti di grande liricità; proseguendo con la scanzonata incoscienza giovanile, pura e vibrante del giovane Alberto Vetri, che si è calato nel ruolo di Farinacci Fontana aderendo al personaggio in maniera completa e profonda; seguitando con l'alone di mistero che ha saputo infonderci sin dalla prima inquadratura Fabrizio Romagnoli nell'interpretazione straordinaria di Mauro; non dimenticando le non comuni doti interpretative di Maria Vittoria Todeschini Casarotti, con la "sua" Ada a metà tra la malizia e l'innocenza; e la tragica figura di Franco Martin, così intensamente vissuta da Giovanni Capalbo; e l'ansia, e l'apprensione che così accoratamente ci ha trasmesso Elisabetta de Gasperi nel ruolo di Milena; e la sensazione di vuoto e di angoscia, magistralmente resa da Amedeo Gagliardi nella sua interpretazione di Sante Fontana; e ancora, il terrore della fine imminente, l'orrore delle sevizie subite, così verace negli occhi di Monica Garavello nel ruolo di Corinna Doardo. Credo, infine, che la Power abbia dato al suo pubblico un motivo in più per essere amata. Questa è la verità, ma la verità non si costruisce sul livore. Su quello malcelato ancor meno. "Una canzone fa più danni di diecimila volantini", si diceva una volta, quando i nostri pionieri della musica identitaria lottavano contro il mondo per cantare le loro canzoni. Quelle canzoni con cui intere generazioni sono cresciute, almeno nella metà destra del cielo. Ebbene, se una canzone fa più danni di diecimila volantini, un film cosa fa? Ecco perché tanto odio nelle parole dei soliti noti. Che - e forse non se ne rendono conto, accecati dal rancore che li perseguita - negando la verità non rendono un buon servizio alla storia, ma nemmeno a se stessi. Anche perché questo comunicato stampa sortirà certamente l'effetto-curiosità. Le sale dove viene proiettato Il Segreto di Italia registreranno il tutto esaurito, con buona pace dei bugiardi rancorosi in servizio permanente effettivo. E quando uscirà il prossimo film di Belluco dedicato a Norma Cossetto che faranno della loro bile? A proposito: "Mussolini ultimo atto" di Lizzani, quello si che era un film "storicamente approssimativo"... molto approssimativo. Ma serviva alla propaganda partigiana. È stato sbugiardato, nonostante l'imponente macchina da guerra per far sì che quella versione fosse la sola conosciuta al mondo. Le bugie hanno le gambe corte... lo capiranno, prima o poi. Ammettono per la prima volta che fu un crudele eccidio: per me è una vittoria (Foto Enrico Cesaro) LA RISPOSTA DEL REGISTA Ecco la replica in versione integrale letto il comunicato stampa «Avendo firmato dall'anpi di Padova/regione Veneto, esprimo la mia soddisfazione per il fatto di aver finalmente letto parole di condanna per una pagina abominevole dell'intera storia italiana. Evento che si è purtroppo riusciti a tenere nascosto per circa 70 anni a cominciare dai banchi di scuola fino alle pubblicazioni accademiche. Veder finalmente definito questo tipo di attività resistenziale (di cui Codevigo non fu caso unico) una "grande ingiustizia" e ciò che avvenne alla fine della Seconda guerra mondiale "una guerra civile crudele di cui l'eccidio di Codevigo è ingiusto - lo ripetiamo - sanguinoso esito" è per me come uomo e come italiano fonte di grande orgoglio. Di fronte ad una verità storica celata, la quale ho contribuito a svelare, il fatto che il mio film venga definito con epiteti come "esteticamente brutto" "storicamente approssimativo" e che si parli "di opera confusa e contraddittoria" non diminuisce questa mia grande soddisfazione. D'altra parte ho ricevuto i complimenti e gli elogi da ambienti culturalmente accreditati come quelli dei critici d'arte e delle personalità del mondo universitario. E' giusto che ciascuno pensi e dica ciò che crede! Sul tema delle carenze che l'anpi attribuisce al mio film, preferirei confrontarmi apertamente in un pubblico dibattito, che sia finalizzato non a ricondurre tutto a una soggettiva visione politica ma alla obbiettività e alla verità storica ed umana di questa tragedia». Antonello Belluco

8 8 Da Roma e dal Lazio IL CASO NAPOLITANO Vilipendio, altra solidarietà a Storace Il Pd esprime vicinanza politica al capogruppo de La Destra in Consiglio regionale. L'ex governatore del Lazio: Venerdì notte volevo dimettermi Altri attestati di stima e vicinanza nei confronti di Francesco Storace, condannato in primo grado a sei mesi per vilipendio al Capo dello Stato. E così, prima dell inizio della discussione della proposta di legge concernente il sistema cultura del Lazio durante la seduta di ieri del Consiglio regionale, il presidente della commissione Cultura Eugenio Patanè (Pd) ha voluto esprime la propria solidarietà umana e politica al capogruppo de La Destra, sorprendendo lo stesso Storace. Dismetto un attimo i panni di Presidente di Commissione per affermare un concetto. Certe volte, certe leggi anacronistiche purtroppo portano a decisioni sbagliate anche da parte della magistratura, esordisce il consigliere del Partito democratico, aggiungendo: Voglio esprimere quindi solidarietà politica al nostro collega, Presidente Storace, rispetto a una legge sbagliata e anacronistica che ha portato ad una sentenza altrettanto eccessiva, che si basa su presupposti incomprensibili, e rispetto alla quale invece portiamo solidarietà umana. Dopo di lui è intervenuto il consigliere Storace. Oltre a un approfondita analisi sulla proposta in discussione, il capogruppo de La Destra è tornato indietro con la memoria di qualche giorno, rivelando: Venerdì notte volevo dimettermi da consigliere regionale, perché capita che a un certo punto sei stanco, spiega Storace in un clima di silenzio tra i banchi della Pisana. Nel corso della sua carriera politica, Storace ha dovuto combattere e scrollarsi di dosso pesanti accuse a lui rivolte: dalla sanità regionale al Laziogate. In entrambi i casi, assolto con formula piena dalla giustizia ordinaria e dalla Corte dei Conti. Nel 2006 entrai in Senato e si abbatté su di me la vicenda di lady Asl, nel 2010, poi appena entrai in Consiglio regionale, ci fu la vicenda Laziogate, in entrambi i casi sono stato riconosciuto innocente, ricorda. Visibilmente commosso, prende fiato e prosegue: Da qui l idea di dire basta, non ce la faccio più. Poi però metti insieme altre cose, a partire da tutti voi consiglieri. Nessuno di voi lo sa, ma molti di voi singolarmente e pubblicamente mi avete fatto telefonate di solidarietà che mi hanno fatto capire che c è anche un sentimento, aggiunge. E ancora: Voi - afferma Storace, rivolgendosi alla maggioranza - fate riferimento a Napolitano e quindi è meno facile per voi sostenere le ragioni di uno che ha polemizzato col presidente della Repubblica. Poi è la volta dei ringraziamenti. Per questo - continua in consigliere de La Destra - vi ringrazio tutti, a cominciare dal presidente Zingaretti e dal presidente Leodori per le telefonate ricevute, il consigliere Patanè per il suo intervento in aula. Le parole che più mi hanno colpito sono state quelle del senatore Pd, Bruno Astorre, e del consigliere regionale di Sel, Gino De Paolis, che rappresenta quanto di più distante da me. Il senso delle istituzioni resta profondo, anche se c è una sentenza che contesto e non viene meno neanche il rispetto per la figura del presidente della Repubblica: mi dispiace non abbia detto una parola, ma sono sicuro troverà una maniera. Per questo, conclude Storace, la vostra considerazione mi impegna a servire con ancora maggiore lealtà le istituzioni e il popolo. Anche il presidente del Consiglio regionale, Daniele Leodori, ha voluto dimostrare al consigliere de La Destra la sua solidarietà e quella dei colleghi: Grazie, consigliere Storace. Le ribadisco, a nome dell Aula, la nostra vicinanza umana e politica per questa condanna che, al di là del merito della questione, è dettata da una legge assolutamente ingiusta e ormai ritenuta da tutti arcaica, spiega Leodori. Una sentenza che ha scosso il mondo politico, sia a destra che a sinistra. Giuseppe Sarra arriva dall Agenzia per il controllo e la qualità L attendibilità dei servizi di Roma Capitale. Non certo da un quotidiano o da un esponente politico di destra o di sinistra. I servizi della Capitale sono scadenti, in particolare i cittadini lamentano il trasporto pubblico locale (tpl) e l igiene urbana. Un analisi, quella dei romani, lucida e chiara che non lascia spazio a fraintendimenti. Un castello accusatorio che peserà nell azione amministrativa del centrosinistra? Vedremo. Certamente potrebbe rivelarsi l ennesima arma a doppio taglio per Pd romano, già lacerato dalle correnti interne. La relazione annuale sullo stato dei servizi pubblici locali e sull attività svolta - anno 2014, illustrata dal presidente vicario dell agenzia, Marco Penna, in Aula Giulio Cesare, evidenzia come il tpl deve fare i conti con una città che conta il più alto IL SONDAGGIO Tpl e igiene urbana, i romani bocciano ancora Marino Lo si evince dalla relazione annuale dell Agenzia per il controllo di Roma Capitale sullo stato dei servizi pubblici locali e sull attività svolta nel 2014 tasso di motorizzazione fra le peggiori città italiane con cattive abitudini nella sosta da parte dei conducenti che portano la città ad essere una fra le più congestionate della penisola con riflessi negativi sulla velocità commerciale dei mezzi di superficie. La realizzazione dei costi prosegue anche nell anno che sta per concludersi. L amministrazione Marino infatti ha l obiettivo di eliminare i servizi poco utilizzati e la sovrapposizione di linee. Per non parlare degli scioperi e delle chiusure per via del maltempo delle diverse stazioni della metropolitana che acuiscono, ancora di più, la percezione - si legge nella relazione che possiedono i romani sul trasporto pubblico. Un altro aspetto che balza subito agli occhi riguarda il dimezzamento delle risorse a disposizione della città: -667 milioni di euro (48%) in meno dal 2010 al Il giudizio dei romani non migliora neanche per la qualità del servizio di igiene urbana e l aspetto di decoro e pulizia della città. Bocciando senza mezzi termini le politiche portate avanti dall amministrazione comunale. L insufficienza è pesante: il voto medio è 4. Dal monitoraggio effettuato, secondo la ricerca, si evince che, dopo un primo trimestre 2014 in cui i livelli di qualità erogata del servizio risultano in linea con gli standard contrattuali minimi (alla faccia del cambiamento, verrebbe da dire) con un miglioramento per il decoro e pulizia dei marciapiedi e strade; il secondo trimestre 2014 invece vede un crollo degli indicatori che si sono collocati quasi al di sotto degli obiettivi fissati con il contratto di servizio. Criticità manifestate dai romani anche nel sondaggio anti-marino, condotto da Swg, su iniziativa dell ex capogruppo del Pd al Campidoglio, Francesco D Ausilio. G.S. LE PROTESTE Il Campidoglio spegne il Natale Da via dei Condotti all Eur, i commercianti romani manifestano contro il sindaco della Capitale Dal centro alla periferia. Problematiche differenti, ma il malcontento nei confronti del sindaco Marino aumenta di giorno in giorno. Stufi del degrado nel quartiere e della pedonalizzazione del Tridente, i commercianti dell Eur e di via dei Condotti alzano testa e sono pronti a dare battaglia. No all ipocrisia del tutto va bene, no al contrasto stridente tra le amate decorazioni natalizie e il degrado oltre i limiti che si è impadronito dell Eur e che velocemente sta trasformando uno dei quartieri più belli della Capitale in un luogo inaccessibile a chi lo ha vissuto in passato e ne ricorda l eleganza e la cura. E il monito dei commercianti di viale Europa, che mandano un chiaro messaggio al sindaco Ignazio Marino e all amministrazione comunale. Quest anno non verrà fatta nessuna illuminazione e decorazione natalizia. Insomma, gli esercenti dell Eur fanno sul serio, prendendo spunto dai colleghi di via dei Condotti che non hanno invitato Marino all inaugurazione delle luminarie, colpevole secondo loro di aver pedonalizzato il Tridente. Lo scontento è diffuso e non vorrei - spiega il presidente dell associazione di via dei Condotti, Gianni Battistoni - fossimo costretti a chiamare le forze dell ordine per i tanti che ci sarebbero a contestarlo. Ci dispiace aver dovuto agire in questa maniera ma solo così possiamo dare un altro forte segnale del nostro disagio, dicono in coro Massimo Cinti, Paolo Lampariello e Laura Pasetti, rispettivamente presidenti delle associazioni Commercianti Eur, Ripartiamo dall Eur e Laurentes. Proteste che hanno fatto scattare sulla sedia Stefano Pedica (Pd), il quale ha invitato il primo cittadino a convocare un tavolo in Campidoglio con tutte le associazioni dei commercianti del centro e della periferia. Marino affronti il problema a quattr occhi, osserva l esponente democratico. Ma il primo cittadino fa orecchie da mercante: "Userò il tempo dell'accensione delle luminarie di via dei Condotti per continuare a risolvere delle periferie, che in questo momento sono la priorità". Marco Compagnoni

9 9 Dall Italia ERA AL LAVORO PRESSO IL CENTRO PER MALATI DI LAKKA Ebola, contagiato il primo italiano Partite le operazioni di trasferimento dell uomo, medico di Emergency, dalla Sierra Leone allo Spallanzani di Roma. Arriverà stamattina. L associazione umanitaria assicura che è in buone condizioni colpisce, per la prima volta, anche un italiano. È un medico di Emergency che è risultato positivo al virus L ebola in Sierra Leone. Giungerà proprio stamani in Italia: arriverà in una speciale barella isolata, a bordo di un velivolo dell'aeronautica militare, che atterrerà all'aeroporto militare di Pratica di Mare. Il velivolo, un Boeing KC-76, riporterà in Italia il medico italiano - ha spiegato l'aeronautica militare - e il paziente, viaggerà all'interno di una speciale barella isolata avio-trasportabile, verrà assistito durante il volo di trasferimento da un team medico dell'aeronautica militare, specializzato in bio-contenimento. Ad attendere il medico a bordo pista ci sarà un'ambulanza dell'istituto Lazzaro Spallanzani di Roma, equipaggiata in biocontenimento. Si procederà quindi al trasbordo, sempre in stato di isolamento, del paziente dalla barella speciale a quella dell'ambulanza, che partirà, poi, alla volta dello Spallanzani. Ad annunciare il primo caso di contagio del virus di un italiano era stato ieri il ministero della salute, che aveva immediatamente allertato l'unità di crisi della Farnesina e l'aeronautica Militare. Rassicurazioni sono immediatamente giunte dal ministro Beatrice Lorenzin, d'intesa con il presidente del Consiglio, il ministro della Difesa, il ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale e il ministro dell'interno. Mi sento di rassicurare la famiglia che il nostro medico sta bene ha detto la Lorenzin non ha avuto febbre o altri sintomi durante la notte, stamattina (ieri mattina, ndr) ha fatto colazione e continua a bere in maniera autonoma, esprimo la mia vicinanza a lui e alla famiglia e assicuro che il governo italiano tutto è al fianco del nostro connazionale. Il ministro Lorenzin si augura altresì che non si crei né panico né caos davanti allo Spallanzani nel momento in cui il paziente farà il suo arrivo stamani nell istituto. Niente panico e auspico che non ci sia ressa fuori dallo Spallanzani. C è una persona malata che deve essere seguita, altri pazienti e medici che devono lavorare. Rispettiamo la privacy di tutti ha concluso il ministro. Il medico si trovava in Africa dal 18 ottobre. Sono 26 i medici italiani che fanno parte dello staff sanitario di Emergency per contrastare l epidemia in Sierra Leone. Per fare fronte ai contagi che in quella zona sono fuori controllo più che negli altri stati colpiti dell Africa Occidentale, Emergency ha aperto il 18 settembre un Centro per la cura dei malati di Ebola a Lakka, a pochi chilometri dalla capitale Freetown. È lì che si è ammalato il medico italiano. Si tratta di una struttura messa a disposizione dal ministero della Sanità locale, dove ci lavorano circa 110 persone tra medici, infermieri, logisti, ausiliari, personale delle pulizie. Il caso del medico italiano colpito dal virus sarebbe il ventunesimo tra quelli trattati fuori dall'africa Occidentale. Nella maggior parte dei casi si tratta di operatori rimpatriati dopo essersi ammalati prestando servizio nei paesi più colpiti, mentre pochissimi sono i contagi avvenuti su suolo europeo o statunitense. Negli Usa sono nove i pazienti trattati per aver contagiato il virus. In Spagna sono invece morti entrambi i missionari rimpatriati, uno dei quali è stato anche il primo caso di Ebola fuori dai confini africani. In Francia un operatore dell'unicef ricoverato a Parigi ai primi di novembre dopo il contagio in Sierra Leone è stato dimesso domenica ed ha già lasciato il paese. Anche in Germania sono stati trasportati tre pazienti. Due medici, uno guarito e uno ancora in trattamento, e un operatore dell'onu che invece è morto. Poco si sa dei trattamenti a cui questi pazienti sono stati sottoposti. Su quelli statunitensi è stato usato sicuramente almeno il plasma di persone guarite, mentre l'infermiera francese ha ricevuto dei non meglio specificati trattamenti sperimentali. Barbara Fruch POTENZA LA PROTESTA DI MICHELE SATRIANI Usura: imprenditore in sciopero della fame Dopo la richiesta di un mutuo, la sua azienda fallisce. Ora l uomo se la prende con il governo e la magistratura, incapaci di tutelare le ditte di fronte al sistema bancario Messo in ginocchio dalle banche a causa di tassi altissimi e mutui non concessi, ora punta il dito contro il governo e la magistratura. È l ennesima storia in tempi di crisi quella che arriva da Potenza, dove un imprenditore lucano, Michele Satriani, ha deciso di intraprendere lo sciopero della fame. Esasperato ieri mattina l uomo si è recato davanti alla sede del Palazzo di Giustizia per protestare contro i tassi usurai decisi dalle banche e sul fenomeno dell usura e sulla disattenzione nell applicazione della legge di riferimento in materia di usura bancaria da parte dell ordinamento giudiziario sia locale che nei vari Tribunali d Italia. Satriani, in particolare, ha spiegato che l obiettivo è di diffondere i fatti che mi sono successi a livello giudiziario dal 2007 a oggi, sulla mia vicenda di usurato bancario. La storia di Satriano, come riporta il sito blastingnews, inizia nel 1990, quando ha fondato una società nel campo delle telecomunicazioni di nome Socitel. Nel passato, l'azienda ha avuto la fortunata capacità di ottenere molti contratti e di espandersi sul mercato. Poi però c è stato il crollo. La ditta è entrata nel tunnel proprio quando è inciampata nel sistema delle banche a causa di una richiesta di mutuo nel L organismo dei tassi d'interesse e dei mutui, hanno portato la società nel 2007 al fallimento in quanto, a detta dell imprenditore, l azienda ha subito in modo passivo l'estorsione dei falsi calcoli degli interessi. Dopo la notifica del fallimento inizia quindi l iter giudiziario che porta, come spiega lo stesso Satriani, all assoluzione di uno dei direttori dell istituto di credito. L uomo è ora è deciso a ricorrere in Cassazione prima della scadenza dei termini ma la Procura Generale di Potenza scrive lo stesso Satriani in una lettera inviata al Prefetto e riportata da La Gazzetta del Mezogiorno non mi dà la possibilità di ricorrere alla Suprema Corte. Una storia, la sua, come lui stesso rende noto che è peggiorata al punto tale da condurre me e la mia famiglia in un baratro da cui è quasi impossibile uscire. Di qui la protesta e lo sciopero della fame, iniziato proprio ieri. Un azione eclatante dettata dalla disperazione dell uomo, che spera, così facendo, di ottenere l attenzione che merita. In una nazione messa sempre di più in ginocchio dal sistema bancario, chiede infatti innanzitutto al Governo la verifica dei tassi in particolar modo rispetto alla legge 108 del 1996, che riguarda il confine tra lecito e usura. In seconda battuta si rivolge alla magistratura, organo che dovrebbe essere più attento ai casi simili al suo. Come? Verificando tutti i conti correnti per salvare altri imprenditori che oggi combattono per non far fallire la propria impresa. Proprio come ha fatto lui. Persa la sua azienda non ha mai smesso di lottare, sperando che ciò, prima o poi, possa cambiare il sistema. Carlotta Bravo

10 810 NON CE L HA FATTA LA PICCOLA DI PALERMO Dall Italia Gettata nel cassonetto: muore neonata La bimba, di carnagione chiara e con il cordone ombelicale ancora attaccato, è stata trovata da un barbone. Aperta un inchiesta: si attendono i risultati dell autopsia di Francesca Ceccarelli Un dramma si è consumato a Palermo dove una neonata è stata trovata in un cassonetto in via Di Giorgi, nel quartiere Uditore, a due passi dalla circonvallazione. La piccola sarebbe stata gettata pochi minuti prima di essere trovata: inizialmente a segnalare la presenza della neonata nel cassonetto sarebbe stato un barbone che rovistava tra i rifiuti e che ha sentito piangere la piccola. La piccola, con il cordone ombelicale ancora attaccato, è stata trasportata all ospedale Civico di Palermo, dove i medici del reparto di neonatologia hanno cercato di rianimarlo ma è stato tutto inutile: la neonata è deceduta proprio mentre i medici la stavano intubando. Dopo successivi controlli i carabinieri hanno trovato nel cassonetto anche un tappeto sporco di sangue, una veste lunga nera e anche la placenta. Presumibilmente la piccola, che alle è arrivata col 118 all U.t.i.n. del Civico di Palermo e di cui è stato dichiarato il decesso alle 11.45, sarebbe stata abbandonata dopo le 6.30/7 del mattino, orario in cui in quella zona passano i camion per il ritiro dell immondizia. Gli agenti stanno passando al setaccio le telecamere dei negozi e delle banche della zona del cassonetto dei rifiuti per tentare di risalire alla persona che ha gettato la bambina. Secondo i carabinieri la piccola sarebbe stata gettata nel cassonetto tra le ore 8, quando è stato svuotato il cassonetto, e le 11, quando il barbone ha rinvenuto la piccola in via Ferdinando Di Giorgi, nei pressi dell ex Motel Agip. La neonata è di carnagione chiara. La piccola, apparentemente di nove mesi spiega il direttore sanitario di presidio Rosa Mancuso- è arrivata alle con un ambulanza del 118. I medici hanno continuato le manovre rianimatorie iniziate sul posto ma sono state inutili e alle ne hanno constatato il decesso. Avremmo preferito che su questa vicenda fosse chiesto il silenzio stampa soprattutto per tutelare la madre che se dovesse avere qualche complicanza dovuta al parto difficilmente adesso si recherà in un ospedale aggiunge la dottoressa Mancuso Voglio ricordare che al Civico abbiamo la culla per la vita che permette di lasciare il neonato mantenendo l anonimato. I carabinieri di Palermo, che conduco l inchiesta lanciano un appello a tutta la cittadinanza a collaborare alle indagini, affinché abbiano notato la presenza di persone sospette aggirarsi nei pressi di via Ferdinando Di Giorgi 1, mentre qualcuno gettava un borsone rosso nel cassonetto. Una rosa bianca è stata lasciata ai piedi del cassonetto dei rifiuti per ricordare la piccola nata e vissuta solo poche ore, morta con il cordone ombelicale ancora attaccato. Secondo una prima ispezione cadaverica del medico legale la bambina era formata, arrivata al nono mese di gravidanza. La Procura di Palermo intanto ha aperto un inchiesta. Il magistrato di turno ha disposto l autopsia sul cadavere. NAPOLI Pizzo e spaccio di droga: arresti nel clan Mazzarella I venditori all ingrosso e al dettaglio costretti a versare fino a 2500 euro al mese Estorcevano ai commercianti della zona, dietro la minaccia di violenza e rappresaglie, una vera e propria percentuale sui profitti d impresa, una Ires di camorra come l - hanno definita gli investigatori. È con l accusa di associazione mafiosa, estorsione e spaccio di stupefacenti che, dietro mandato del gip di Napoli Isabella Iaselli, sono finite ieri mattina in arresto cinque persone, tutte appartenenti al clan Mazzarella. Tra loro c è anche Vincenzo Mazzarella, detto Harry Potter, 32 anni, figlio del defunto Salvatore Mazzarella detto O cuntrario, a capo da tempo, insieme ai fratelli Ciro e Vincenzo, del clan Mazzarella, storico sodalizio operante nella zona della Maddalena, di Mercato, delle Case Nuove e di via Soprammuro di Napoli. Secondo quanto accertato dalle indagini dei finanzieri del Gruppo di Fiumicino (partite da episodi di pirateria audiovisiva e contraffazione marchi e condotte con un massiccio impiego di strumenti tecnici) i cinque indagati vendevano droga ed estorcevano denaro a rivenditori all ingrosso e al minuto di cd e dvd riprodotti illecitamente, facendosi pagare somme variabili dai 250 ai euro ogni mese, rimarcando ai negozianti che parte del ricavato sarebbe andato ai carcerati. Oltre al mercato della contraffazione e della pirateria audiovisiva, la cosca deteneva sul territorio il controllo del traffico di droga e del commercio di armi. Gli inquirenti hanno infatti accertato che esponenti del gruppo camorristico avevano pronta disponibilità di armi, tra le quali una pistola calibro 9 con matricola abrasa e due pistole mitragliatrici. I cinque affiliati avevano ruoli di spicco all interno dell organizzazione criminale e avevano preso parte ai vari gruppi di fuoco organizzati per affermare l egemonia sul territorio in opposizione agli altri clan. C.B. CATANIA - IL BLITZ DOPO GIORNI DI PEDINAMENTI Truffe al bancomat per rubare i codici: in manette due bulgari La banda, con sede operativa all estero, utilizzava lo skimmer, un apparecchio che permette di intercettare i dati delle carte di credito Arrestati dalla polizia di Catania due cittadini bulgari, di 40 e 29 anni, mentre tentavano di applicare su uno sportello bancomat di un istituto bancario del centro la cosiddetta skimmer, un'apparecchiatura permette di intercettare i dati e i codici delle carte di debito e di credito degli utenti. I due alloggiavano in un albergo a Catania vicino la banca per poter fare dei sopralluoghi prima di agire agli sportelli bancomat, inconsapevoli del pedinamento della Polizia orami sulle loro tracce. I malviventi possedevano diverse e sofisticate apparecchiature informatiche di ultimissima generazione e oltre a molti cappelli con visiera con i quali gli indagati tentavano di nascondere il volto per non essere ripresi dalla videosorveglianza degli istituti di credito. I banditi attraverso gli skimmers, apparecchi dalle piccole dimensioni tali da poter essere facilmente applicati agli sportelli Atm senza dare nell occhio, una volta applicati i marchingegni, dotati di una memoria all interno, immagazzinano i dati acquisiti dalle carte di pagamento degli ignari utenti. Contestualmente, tramite una microcamera nascosta dotata anche di rilevazione dei suoni, rilevavano il Pin digitato. I dati così illecitamente carpiti, consentivano di creare carte clonate in grado di essere utilizzate per prelievi e transazioni illecite all'estero. La polizia ritiene che gli arrestati possano essersi resi responsabili dell'applicazione di numerosi skimmer in altri sportelli bancomat in Sicilia, con prelevamenti all'estero per centinaia di migliaia di euro. Al momento le indagini continuano per identificare eventuali complici. La polizia postale di Catania seguiva da tempo i sospettati ritenendo che gli arrestati facciano parte di un'organizzazione internazionale che ha una 'centrale operativa' all'estero. Tra l altro i due bulgari possedevano anche banconote tailandesi, evidentemente prelevate in Tailandia, dove uno di loro si era recato recentemente utilizzando le carte di credito clonate in Italia. Skimmer e videocamere di ultimissima generazione così piccoli da renderli quasi invisibili questi i ferri del mestiere dei malviventi. Una volta piazzato l apparecchio si attende che si avvicini un cliente per il prelievo allo sportello. Lo stimme apprende i codici e li trasmette attraverso una banda magnetica, e, successivamente, la visione della ripresa della microtelecamera di individuare il Pin digitato dall'utente. Ottenuti i codici la banda clonerà il bancomat, e segandosi il Pin associato, per utilizzarlo in Paesi dove non ci sono controlli immediati, tanto da potere effettuare un maggior numero di prelievi possibili prima che il titolare della carta si accorga di essere vittima di una truffa. Chantal Capasso

11 11 Dall Italia TRAGEDIA NEL CAMPUS UNIVERSITARIO DI FISCIANO, A SALERNO Investita dall autobus, muore studentessa La vittima, Francesca Bilotti, 23 anni, è stata travolta dal mezzo mentre ripartiva Svenuta l amica che stava con lei. L autista non si sarebbe accorto di nulla di Barbara Fruch Tragedia nel campus universitario di Fisciano, a Salerno. Una studentessa di 23 anni, Francesca Bilotti, residente a Giffoni Valle Piana (Salerno), è morta investita da un autobus di linea. L episodio è avvenuto ieri mattina poco prima delle 9. Ancora da chiarire la dinamica dell accaduto ma dalle prime notizie sembrerebbe che la giovane sia morta dopo essere rimasta impigliata nelle portiere dell autobus della società di trasporti Sita nel momento in cui stava scendendo al terminal nel campus. Sarebbe accaduto tutto in pochi istanti tanto che il conducente non si sarebbe reso conto di quanto stesse accadendo. L autobus, ora sequestrato dai carabinieri, è quello della linea Battipaglia-Olevano sul Tusciano. Ad assistere all accaduto un amica della 23enne che è svenuta e l autista di un autobus della compagnia Cstp che ha cercato di attirare l attenzione del conducente, ma inutilmente. Ho urlato al mio collega alla guida del bus ma non ho potuto far nulla, ho visto quella povera ragazza morire ha raccontato M.D., 50enne autistadel Cstp, che ha assistito al momento dell'investimento - Il mio collega non è riuscito a vedere la ragazza dallo specchietto retrovisore allora ho urlato con tutte le mie forze, ma è stato troppo tardi. Ho preso un telo bianco e ho coperto il corpo ormai privo di vita - racconta in lacrime il testimone - sono senza parole. La tragedia si è consumata inoltre davanti a numerosi studenti che si accingevano a recarsi nelle aule per l inizio delle lezioni. Inutili i soccorsi, il decesso sarebbe stato causato dal fatto che ha battuto la testa a terra. L autista del pullman Sita, che tra cinque mesi andrà in pensione, è stato trasportato all ospedale Ruggi di Salerno per essere sottoposto ai test di rito per la guida, dove è stato ascoltato dai carabinieri della compagnia di Mercato San Severino. La salma della ragazza è stata invece portata all obitorio di Mercato San Severino. Secondo la ricostruzione fatta dai militari di Fisciano, intervenuti sul posto, la vittima si trovava in un autobus molto affollato. È stata l ultima a scendere e ha urtato con la spalla contro le porte che si stavano chiudendo. È così caduta a terra e l autista non vedendo nessuno dallo specchietto retrovisore, ha ripreso la sua corsa, investendola. Diversa, invece, la ricostruzione dei fatti fornita dal fidanzato al Mattino. All esterno della sala mortuaria, il giovane ha affermato di aver accompagnato la ragazza in auto fino alla rotatoria. Successivamente Francesca si sarebbe incamminata a piedi verso l università e in quell istante agganciata dal bus. Saranno le indagini in ogni caso a chiarire la dinamica dell accaduto, avvenuto in un area aperta al traffico pubblico dove gli autobus manovrano a passo d uomo. L area è dotata di sistema di videosorveglianza: le immagini sono state immediatamente messe a disposizione della magistratura e degli inquirenti per capire cosa sia realmente successo. All Università di Salerno, Francesca Bilotti studiava Lingue e Cultura Straniere. Oggi è un giorno triste per l intera comunità universitaria: stamattina (ieri, ndr), poco dopo le 8.30, Francesca Bilotti, una nostra studentessa del Corso di lingua e letterature straniera, è rimasta vittima di un tragico incidente ha dichiarato il Rettore Aurelio Tommasetti In questo momento siamo vicini alla famiglia cui va il nostro commosso cordoglio. L Università, è stato reso noto, sospenderà per lutto tutte le attività didattiche nel giorno delle esequie. Sotto choc la comunità di Giffoni Valle Piana, comune della vittima: il Sindaco Russomando ha proclamato il lutto cittadino. La notizia si è diffusa rapidamente sui social network generando incredulità e sgomento tra i tanti che conoscevano Francesca. Un episodio simile era avvenuto a gennaio a Reggio Emilia, dove Sylvester Agyemang, studente 14enne dell Itc Scaruffi, era rimasto schiacciato da un autobus davanti ai compagni. Il giovane, il 13 gennaio scorso alle 7.30, aveva sbattuto la testa mentre cerca di uscire mezzo in viale Piave, in zona Porta Santa Croce, dopo che il suo zaino era rimasto incastrato tra i battenti della porta. La fermata era molto trafficata e, anche in quel caso, l autista non si sarebbe accorto di nulla, proseguendo la corsa. Le sue condizioni erano subito apparse molto gravi, il giovane era deceduto subito dopo all ospedale Santa Maria Nuova. LA REQUISITORIA DEL PROCURATORE GENERALE NEL PROCESSO D APPELLO BIS Delitto di Garlasco, pg: Stasi va condannato a 30 anni Per Laura Barbaini l imputato è colpevole di omicidio con l aggravante della crudeltà ed ha ostacolato le indagini Per l accusa Stasi è colpevole e dovrà scontare la pena di 30 anni di reclusione. Nella nuova udienza del processo d'appello bis che vede imputato Alberto Stasi per l'omicidio di Chiara Poggi, avvenuto a Garlasco il 13 agosto del 2007, assistiamo alla requisitoria del pg Laura Barbaini nel quale viene accusato dell omicidio della sua fidanzata Chiara Poggi con l aggravante della crudeltà. Alla domanda del presidente della Corte d'appello Barbara Bellerio all'imputato se voleva dichiarare qualcosa, la risposta è stata negativa: Stasi non ha voluto lasciare dichiarazioni. L allora studente della Bocconi, è stato assolto in primo e secondo grado, ma la Cassazione ha annullato il verdetto di secondo grado e rinviato agli atti. Ora davanti alla corte d Assise d appello di Milano il processo d appello bis nel quale i giudici hanno deciso l acquisizione di prove e hanno nominato nuovi periti. Oltre gli elementi già noti, i giudici dovranno valutare la perizia sulla camminata; i graffi che il ragazzo aveva sul braccio quando fu interrogato dopo il ritrovamento del corpo e il mistero dei pedali di due biciclette (che per accusa e parte civile furono scambiati). Fra i nuovi esami disposti dalla Corte d'assise d'appello, nell'ambito della rinnovazione parziale del dibattimento, particolare attenzione la camminata sui due gradini che per gli esperti nominati dalla corte è quasi impossibile che Alberto non si fosse sporcato di sangue le suole delle scarpe. Tra l altro, secondo il pg, "Stasi riferisce dei particolari che solo l'assassino poteva sapere". Come a d esempio il giovane dice di aver notato il cadavere di Chiara Poggi all'altezza del sesto gradino, in realtà poi il corpo senza vita scivolò verso il fondo, quindi l imputato, sottolinea l accusa, "lo descrive come lo lasciò". A questo si aggiungono delle contraddizioni, come spiega Barbaini: "Stasi, interrogato 15 agosto e intercettato il 17 agosto al comando della compagnia di Vigevano, mentre parla con le cugine Cappa, descrive il viso di Chiara bianco quando invece era insanguinato con i capelli raggrumati". Il 22 agosto, l'imputato renderà dichiarazioni spontanee in Procura nelle quali spiegherà di essere stato agitato e di aver descritto ciò che credeva di aver visto. Il 27 novembre parlerà la parte civile. Per il 3 dicembre è prevista l arringa difensiva e il 17 dicembre, a cinque anni dal primo verdetto, sarà emessa la sentenza. Chantal Capasso TERRORE A BRESCIA Armato di fucile, si barrica in casa L uomo, un 49enne, che aveva preso in ostaggio la famiglia, è stato arrestato Si è barricato in casa e ha cominciato a sparare dalla finestra, ma all alba si è arresto. Notte di terrore a Pertica Alta, in provincia di Brescia. Il 49enne, originario del paese, è tornato a casa dopo un litigio con i vicini a sparare dalla finestra con un fucile. Poi si è barricato nell abitazione per ore dove c erano anche il figlio, la compagna e l anziana madre. Solo dopo una lunga trattativa i carabinieri di Salò (Brescia) sono riusciti a convincerlo a liberare il piccolo e consegnare le armi. A quel punto, verso le 4 del mattino, per lui sono scattate le manette. Il tutto è iniziato verso le 22 quando, come riportano i giornali locali, l uomo in preda ad un attacco d ira ha imbracciato uno dei nove fucili da caccia che deteneva illegalmente e ha iniziati a sparare dalla finestra, principalmente in aria, ma non solo, urlando insulti contro i parenti, con i quali aveva avuto a che dire per via di alcune proprietà. In casa con lui la compagna trentenne di origine albanese, il figlioletto dei due di appena un anno e la mamma 82enne. Dopo l allarme, sul posto sono arrivati in breve tempo una quarantina di carabinieri che hanno circondato la zona. Ad affiancarli anche un maresciallo negoziatore, arrivato da Verese. Sequestrati i parenti, a intervalli regolari, l'uomo si riaffacciava alla finestra e ricominciava a sparare. Fortunatamente, dopo diverse ore, il 49enne si è arreso. B.F.

12 12 Società CHAMPIONS - OGGI I GIALLOROSSI NEL GELO DI MOSCA CONTRO IL CSKA DEVONO VINCERE E SPERARE IN UN REGALO DEL BAYERN Roma e Juve cercano il pass per gli ottavi Prova del nove domani per i bianconeri a Malmoe, Allegri si affida al fenomeno Pogba di Federico Colosimo Aal duello scudetto alla Champions League. Juventus e Roma, tocca sempre a loro. In campionato comanda la banda Allegri con 3 punti di vantaggio, ma in Europa quella Garcia è messa decisamente meglio. Entrambe le squadre sono attese da un turno cruciale, decisivo. Nel gelo di Mosca stasera i giallorossi sognano di centrare la qualificazione agli ottavi con un turno di anticipo. I capitolini sono chiamati a battere il Cska per poi sperare in un regalo del Bayern Monaco, già qualificato, che dovrebbe fermare il City, almeno sul pareggio, a Manchester. Nemmeno il tempo di godersi la netta vittoria contro la Lazio, i campioni d Italia sono chiamati a un match fondamentale contro il Malmoe, in programma domani sera in Svezia. Ma con un fenomeno come Pogba, un altro francese dopo gli anni di Platini e Zidane, tutto è possibile. La vera mossa a sorpresa di Garcia potrebbe essere in difesa con Florenzi reinventato nel ruolo di terzino destro viste le assenze di Torosidis e Maicon, al centro di un vero proprio caso che sta facendo infuriare lo staff del francese. Che non ha praticamente alternative se non il giovane Somma che ha ben figurato sabato a Bergamo nell esordio in Serie A. In attacco salgono le quotazioni di Ljajic per il tridente con Totti e Gervinho, con il serbo che ormai ha effettuato il sorpasso su Iturbe, sempre più deludente. Il 5-1 dell andata è solo un ricordo. La Roma non può assolutamente permettersi il lustro di prendere sotto gamba la partita: si gioca nel freddo polare della capitale russa e la compagine di Leonid Sluckij è galvanizzata dal successo di Manchester. Il vantaggio è che si giocherà a porte chiuse e i padroni di casa non potranno contare sull aiuto del pubblico, caldissimo. Dopo le 2 sconfitte contro i bavaresi, ora è tempo di scendere in campo per vincere. Perché è l unico risultato che serve per passare il turno. Tutti Allegri in casa Juve. Ma il match con gli svedesi non si può assolutamente sbagliare. Anche perché un successo potrebbe dire nel caso l Atletico Madrid vincesse con l Olympiakos qualificazione quasi sicura. La Vecchia Signora è passata ormai stabilmente alla difesa quattro. Il cambiamento del tecnico toscano è stato morbido e graduale. Un operazione organizzata alla perfezione, accettata e condivisa dall intero gruppo. Un modulo che verrà riproposto anche domani, con gli ospiti obbligati a fare bottino pieno. Buone notizie per l ex trainer dei rossoneri, che quasi certamente avrà a disposizione Asamoah (reduce da un problema al ginocchio) ed Evra (ormai recuperato dai guai muscolari): i due si giocheranno una maglia da titolare, con il secondo favorito a ricoprire la fascia sinistra. Ancora panchina per Vidal e il solito ballottaggio in avanti tra Llorente e Morata. D obbligo adesso sarà fotocopiare la prestazione con la Lazio e riproporla in ambito europeo. Prova del nove per i bianconeri, visto che la rassegna continentale è sempre stato da 3 anni a questa parte il punto debole per la Juve. Che adesso deve dimostrare di non temere più i grandi palcoscenici. GRANDI FESTEGGIAMENTI A HOLLYWOOD PER LA DIVA AMERICANA Scarlett, trent anni di bellezza e successo La Johansson, al culmine della carriera, si prepara al secondo matrimonio Una bellezza fuori dal comune che la consacrata sex symbol internazionale. A soli trent anni, compiuti da poco, Scarlett Johansson si conferma una delle attrici più richieste e amate di Hollywood. Inizia tredicenne grazie a Robert Redford con L'uomo che sussurrava ai cavalli che disse di lei: "She's thirteen going thirty", "ha tredici anni, quasi trenta". Poi Lost in translation di Sofia Coppola in cui, appena diciannovenne, seduceva Bill Murray. Diventa la musa di Woody Allen che l ha definita una bellezza devastante dopo Match point la sua carriera è definitivamente decollata: da La ragazza con l'orecchino di perla a Captain America, sempre un successo. In tutto ben quaranta film all'attivo. Ma Scarlett si contraddistingue anche per una grande umanità e riservatezza: da settembre è anche mamma dopo aver avuto la sua prima figlia dal fidanzato Romain Dauriac. Un attrice d altri tempi, poliedrica, capace di rivestire qualsiasi tipo di ruolo alla perfezione. Richiesta da Hollywood anche per la sua voce inconfondibile come ha confermato l enorme successo del film Her di Spike Jonze in cui seduce, ma solo con la voce: e che voce, roca e sensuale. Il 4 settembre scorso, inoltre, una delle ultime dive è diventata mamma di Rose, la bimba avuta dal fidanzato, il giornalista francese Romain Dauriac. Da allora Scarlett si è fatta vedere poco in giro, per la precisione a un solo evento pubblico: la première de "La teoria del tutto", dove ha dimostrato di essere già tornata in forma, sfoggiando un taglio di capelli molto corto. Per il magazine Esquire è la donna più sexy del mondo: a giudicare dalle sue caratteristiche non ci sono dubbi. E l oggetto del desiderio di ogni uomo, sa di esserlo ma non ne approfitta, è questo il segreto del suo fascino. Ha interpretato a Brodway Maggie in La gatta sul tetto che scotta di Tennessee Williams, e non sfigurava nel ruolo che consacrò un'altra seduttrice curvy d'altri tempi, Liz Taylor. Spiegava, a chi la paragonava a Liz, "che l'etichetta di sex symbol non dura mai per sempre", ma lei fa eccezione. Il suo aspetto le piace, sebbene se la sia presa spesso con i mass media: "Prima ti puntano i riflettori addosso, sottolineano le imperfezioni i tuoi presunti difetti" ha spiegato a Vanity Fair "poi ti criticano perché hai cercato di sistemarli". Ma ha anche detto tante volte che è fortunata perché è cresciuta in una famiglia - padre architetto danese, mamma produttrice - "in cui si parlava di sesso con la massima libertà". Una ragazza libera e felice, la Scarlett adolescente, cresciuta col motto: "Fai quello che ti senti di fare". "Non ho mai scelto niente controvoglia". È stata sposata con Ryan Reynolds ( ) fidanzata con Joseph Gordon Levitt, ha frequentato assiduamente Sean Penn.L unico cruccio, se si può trovare alla bella Scarlett è un Oscar da tenere sul camino: ma non c è dubbio, le occasioni non mancheranno. TRISTE ANNUNCIO DELLA STAR Cher: Annullo il tour, sto troppo male Un virus impedisce all artista di esibirsi nelle prossime date Non le ha dato tregua anzi, l ha debilitata sempre più costringendola a prendere una sofferta decisione. Si parla delle condizioni di salute di Cher, cantante di fama internazionale, costretta ad annullare 22 date del suo tour. Il Dressed to Kill Tour doveva essere quella conclusiva per la cantante che si sarebbe ritirata, almeno parzialmente dalle scene. A causare lo stop forzato un'infezione virale per la quale non si trova una cura. Secondo quanto riferito dal suo staff il virus avrebbe colpito le sue funzioni renali e la situazione attuale non sarebbe per nulla buona. Alla posticipazione dei concerti, che sarebbero dovuti partire con l'inizio del nuovo anno, la cantante ha rilasciato un comunicato: In questo momento sono completamente devastata. Una cosa del genere non mi era mai capitata prima d ora e non saranno mai abbastanza le scuse per quei fan che hanno già acquistato i biglietti per i miei concerti. Sono orgogliosa dello show che avevo messo in piedi, questa serie di concerti sono stati i migliori della mia carriera. Spero sinceramente di riuscire a tornare in forma al più presto, per finire quello che avevamo cominciato. Pronti a dare forza alla propria beniamina i fan di tutto il mondo che attendono dunque il trionfale ritorno sul palco.

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA

Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA Europee 2014 Analisi del voto In Italia a cura di Ipsos PA Europee 2014 - commento La consultazione europea ha avuto l effetto di un terremoto che ha modificato il panorama politico in profondità. La nettissima

Dettagli

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini.

Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu. Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Tutti vogliono le primarie, forza con la Leopolda blu Dal nostro sondaggio molte sorprese, anche quella di Fini. Il nuovo sondaggio politico che abbiamo realizzato nell'universo del nostro indirizzario

Dettagli

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL

ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL ELEZIONI SUBITO? UN CATTIVO AFFARE PER IL PDL Simulazioni elettorali sulla base del più recente sondaggio sulle intenzioni di voto - A cura di Piercamillo Falasca, 9 dicembre 2010 SINTESI Le elezioni anticipate

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola

L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola L EMENDAMENTO Di Giorgio Mottola MILENA GABANELLI IN STUDIO Buonasera, l inchiesta di oggi è dedicata al centro unico di spesa di tutti gli uffici pubblici: se invece di comprare una sedia ne compro mille

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00

27/11. Il Mattinale. Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Speciale Manifestazione. ore 18.00 Il Mattinale Roma, mercoledì 27 novembre 2013 27/11 ore 18.00 a cura del Gruppo Forza Italia-Pdl alla Camera Speciale Manifestazione Al diavolo la decadenza BERLUSCONI: Riconquistiamo l Italia! Mentre

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA Il Gazzettino, 06.11.2012 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Racconti visioni e libri per rospi da baciare

Racconti visioni e libri per rospi da baciare febbraio 2008 Cari bambini e ragazzi che verrete al festival chiamato AIUTO, STO CAMBIANDO! Racconti visioni e libri per rospi da baciare a Cagliari dall 8 all 11 ottobre 2009 NOTA: questa la lettera originale,

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria Bozza provvisoria UMBERTO GUIDONI, Deputato al Parlamento europeo. Intanto ringrazio rapidamente il ministro, il presidente e tutto il gruppo del VAST, che ha avuto la sensibilità di organizzare questo

Dettagli

Elezioni Comune di Napoli 2011

Elezioni Comune di Napoli 2011 Elezioni Comune di Napoli 2011 Alcune riflessioni sulle tendenze emerse dai sondaggi elettorali a cura di Michele Caiazzo, componente Assemblea Nazionale PD / responsabile Centro Studi e Ricerche PD Campania

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani,

CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO. Cari castellani, CASTELLO NEWS N 1 SUBITO AL LAVORO Cari castellani, è la prima occasione utile per sentirci con un po' più di calma dopo queste due settimane, a parte qualche post su Facebook che ha tentato di dar conto

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO

Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO Elezioni Regionali 2015 ANALISI DEI FLUSSI DI VOTO 1 giugno 2015 Analisi dei flussi di voto in LIGURIA 1 giugno 2015 LIGURIA i flussi di voto tra 2014 e 2015 Come si sono mossi gli elettori liguri rispetto

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

45 Atlante Politico. Indagine Demos & Pi per la Repubblica

45 Atlante Politico. Indagine Demos & Pi per la Repubblica 45 Atlante Politico Indagine Demos & Pi per la Repubblica Rapporto, ottobre 2014 NOTA INFORMATIVA L'Atlante Politico è realizzato da Demos & Pi per La Repubblica ed è curato da Ilvo Diamanti, insieme a

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale

Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale LA CAMPAGNA ON-LINE PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2011 Fra i candidati sindaco, otto su dieci hanno un profilo su Facebook, e tre su cinque hanno un sito personale Su Facebook De Magistris e De Luca i

Dettagli

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre!

SPECIALE 2X1000. APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! SPECIALE 2X1000 APPELLO AL CETO MEDIO Destinate il vostro due per mille a Forza Italia entro il 30 settembre! PASSAPAROLA! Ti ricordiamo di indicare la quota del 2x1000 Irpef in favore di Forza Italia

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

VOLARE. MISSIONE NELLO SPAZIO! di Ada Fichera

VOLARE. MISSIONE NELLO SPAZIO! di Ada Fichera VOLARE. MISSIONE NELLO SPAZIO! di Ada Fichera 68 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 2/ 2013 Volare. Sogno utopistico dell uomo da secoli, missione primaria oggi di chi, da pilota in Aeronautica Militare, svolge

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Quirinale, grazia al Cav? 'Segno di analfabetismo'

Quirinale, grazia al Cav? 'Segno di analfabetismo' http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/daassociare/2013/03/19/pd-verso-speranza-zanda-capigruppo-camera-senato_8425205.html Pagina 1 di 5 Il sito Internet dell'agenzia ANSA Speciali Quirinale, grazia

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

All interno: VIDEO NOVITA + GUIDA PRATICA IL POTERE DEL MOMENTUM GUIDA COMPLETA!

All interno: VIDEO NOVITA + GUIDA PRATICA IL POTERE DEL MOMENTUM GUIDA COMPLETA! ROBBINS n. 4 Il Magazine Multimediale di Anthony Robbins, Formatore n. 1 al mondo 2009: L ANNO MIGLIORE DELLA TUA VITA All interno: VIDEO NOVITA + GUIDA PRATICA TONY IL POTERE DEL MOMENTUM GUIDA COMPLETA!

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

PARTITO DEMOCRATICO ZONA ADDA - MARTESANA

PARTITO DEMOCRATICO ZONA ADDA - MARTESANA La Federazione Metropolitana ha avviato un percorso di coinvolgimento dei territori, in vista della elezione nel 2016 del Sindaco di Milano e di tanti altri Sindaci in Comuni dell area metropolitana (per

Dettagli

Adozione nel 25 dicembre 2010 (mia mail a tutti gli utenti) Cari Amici, questi auguri contengono una bella notizia:

Adozione nel 25 dicembre 2010 (mia mail a tutti gli utenti) Cari Amici, questi auguri contengono una bella notizia: Associazione Canili Milano Onlus www.canilimilano.it Tel 338/83.60.753 e-mail info@canilimilano.it C/C BANCARIO Canili Milano BANCA SELLA IBAN IT 39 L 03268 01604 052847586490 CODICE FISCALE 974 6561 0158

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA "DALLAS BUYERS CLUB"

CA' NOSTRA NEWS NOTIZIE DA CA' NOSTRA DALLAS BUYERS CLUB CA' NOSTRA NEWS Numero 11, maggio 2016 Giornalisti: Giorgio, Bruno, Bruno, Elia, Mimmo, Roberto, Luigi, Evaristo, Julie, Leonardo e Andrea Redattrice: Federica NOTIZIE DA CA' NOSTRA " " Una penna e un

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

VERSO LE REGIONALI 2015

VERSO LE REGIONALI 2015 VERSO LE REGIONALI 2015 COMMITTENTE SOGGETTO CHE HA EFFETTUATO IL SONDAGGIO NUMEROSITÀ DEL CAMPIONE METODOLOGIA DATE IN CUI È STATO EFFETTUATO IL SONDAGGIO LIGURIA CIVICA DIGIS SRL 1.000 CASI CATI 13-14

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Ogg: ZITTI ZITTI, SI PRENDONO L'ORO DELLA BANCA D'ITALIA...!

Ogg: ZITTI ZITTI, SI PRENDONO L'ORO DELLA BANCA D'ITALIA...! Ogg: ZITTI ZITTI, SI PRENDONO L'ORO DELLA BANCA D'ITALIA... OGGI, LUNEDI' 23 DICEMBRE 2013, IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANKITALIA SI ASSEGNERA' DEFINITIVAMENTE LE RISERVE AUREE DEGLI ITALIANI,

Dettagli

1. La grande rimozione

1. La grande rimozione 1. La grande rimozione Ciliberto. Nel 2006 è iniziata una stagione che negli auspici di molti doveva durare almeno per tutta la legislatura e rimettere in sesto il paese. Non è andata così. Del presidente

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse.

Esatto. Perché non pagate le tasse? Perché non fate le cose giuste? Per loro non esiste non pagare le tasse. A proposito di tasse: parliamo di evasione fiscale in Italia. Siamo campioni anche in quello. Noi siamo sempre i primi quando si parla di illegalità. Sempre a mia moglie norvegese: quando ho cercato di

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO

CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO CAPITOLO DUE GESTIRE IL DENARO Sommario In questo capitolo scoprirà alcune cose su come - gestire il suo denaro - identificare alcune questioni economiche collegate al gioco - cominciare ad operare dei

Dettagli

Il voto di preferenza nelle sette regioni

Il voto di preferenza nelle sette regioni Il voto di preferenza nelle sette regioni Stefano Rombi 8 giugno 2015 Per quanto possa sembrare dissonante rispetto all ampio dibattito giornalistico, bisogna innanzitutto constatare che, se si escludono

Dettagli

Il Quotidiano in Classe

Il Quotidiano in Classe Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati dagli studenti sul HYPERLINK "../Downloads/ ilquotidiano.it"ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Laura Torelli Supervisione

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014 RASSEGNA STAMPA Sabato, Il Sole 24 Ore 1 Partecipate avanti, sanità alt La Repubblica 1 Fecondazione eterologa via libera in Liguria Cerchiamo donatori ticket in base al reddito Il Secolo XIX 1 Eterologa,

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Serie B. pizza incerti_nick.indd 7 12/06/12 17.30

Serie B. pizza incerti_nick.indd 7 12/06/12 17.30 Serie B Parma, lunedì 21 maggio 2012. Sono le 15.21 di un pomeriggio nuvoloso. Federico Pizzarotti, trentanovenne tecnico informatico nato e cresciuto nella città che fu di Maria Luigia, è appena giunto

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Amnistia-indulto, sondaggi a confronto

Amnistia-indulto, sondaggi a confronto Amnistia-indulto, sondaggi a confronto Dopo il messaggio del Capo dello stato Giorgio Napolitano alle Camere si è acceso il dibattito sull amnistia e sui provvedimenti di clemenza. Gli istituti di ricerca

Dettagli