Angela P. G. Diventare genitori. vivere bene con il vostro bambino dalla nascita a 3 anni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Angela P. G. Diventare genitori. vivere bene con il vostro bambino dalla nascita a 3 anni"

Transcript

1 Angela P. G. Diventare genitori vivere bene con il vostro bambino dalla nascita a 3 anni 1

2 2

3 Angela P. G. Diventare genitori vivere bene con il vostro bambino dalla nascita a 3 anni 3

4 Diventare genitori di Angela P.G Stampato da ilmiolibro.it II edizione settembre

5 INDICE 1. Prima del parto 2. La nascita 3. A casa 4. Il sonno 5. L alimentazione 6. L igiene e la salute 7. Piccoli progressi 8. Il gioco 9. Pericoli e rimedi 10. Un mondo fuori dalla porta 5

6 6

7 Nella vita quotidiana ci sono situazioni dove il senso pratico è decisamente richiesto, insieme all organizzazione, ad una buona dose d ironia, d allegria e soprattutto di tranquillità. Diventando genitori questi elementi basilari dovrebbero essere sempre all ordine del giorno. L affetto e gli ormoni provvedono a sviluppare dei sensi che servono a proteggere la prole. Diventata mamma, durante le vacanze natalizie mi è piaciuto raggruppare (e possibilmente vorrei condividere) le mie riflessioni, scrivendo degli appunti di ciò che mi ha aiutata nell iniziare l esperienza dell essere genitore. Questo è il mio punto di vista, quello che abbiamo scelto per risolvere con mio marito i piccoli problemi pratici nella cura della bambina e crescere con lei, con i dubbi e le paure che, per fortuna, non siamo soli a provare. Il titolo di questa raccolta di pensieri ricorda un gioco che facevo da piccola divertendomi e a volte nelle pagine ci sono accenni alla gioco perché la nascita di una bambina fa ritornare tutti piccoli come quando si ascoltavano le fiabe. Per quanto sia bello andare con la testa tra le nuvole e giocare, è importante tenere i piedi per terra, perché la realtà può essere migliore dei sogni. Vorrei che in futuro fosse utile a qualcuno che ha appena iniziato l esperienza di mamma o papà. Forse servirà a rendere meno misterioso e complicato, per i nuovi addetti, il mondo 7

8 delle pappe e dei pannolini, quando, come noi, vorranno intraprendere il mestiere più impegnativo del mondo, cioè quello di genitori. Lo dedico a mio marito, che è un ineguagliabile papà e a mia figlia Elisa, la nuova ragione per la quale mi piace sorridere alla vita, ringraziandoli per averla trasformata. Sarebbe bello se un giorno, rileggendo alcune pagine della nostra storia, lei sorridesse pensando agli anni di cui si ricorderà poco ma che rivedrà attraverso le parole di una mamma ed di un papà, che si sentono semplicemente felici e speciali per ogni istante insieme alla loro piccola principessa. Lo dedico anche alle persone che hanno valorizzato la realizzazione del nostro sogno: a mia mamma, che è stata la prima a intuire che stava per diventare due volte mamma, cioè nonna della sua pescottina, e che per l esempio e l esperienza potrebbe scrivere in breve un enciclopedia insieme al mio grande e meraviglioso papà. A mia suocera, che gioca instancabile quando c è sua nipote e si diverte anche lei come fossero due bambine della stessa età. A mio suocero che ci segue dall alto e sentiamo presente nelle somiglianze con sua nipote. Che, comunque, ha riacceso una luce. Lo dedico agli zii che l ascoltano, la seguono e la viziano un po, insieme all altra piccola adorabile monella. Agli amici di sempre che cambiano e crescono con noi, alcuni con i loro frutti e quelli nuovi che la piccola calamita attira. Dice un vecchio proverbio che gli amici veri sono come il muro e l edera: insieme stanno in piedi e insieme cadono. Non scriverò ogni cosa che facciamo tutti i giorni, anche perché dice saggiamente una signora diventando mamme ci si dimentica dal naso alla bocca. 8

9 Vorrei consultare tutti i miei ricordi e farli apparire nella sfera di cristallo tutti insieme, nuvole comprese, ma ops. mi sono dimenticata come si fa! Questo è un racconto di una parte della nostra storia, di com è cambiata con l arrivo della nostra bambina. Non è facile, e se fosse una favola, per noi, sarebbe al più bella, ricca della nostra realtà quotidiana, che è magica perché fatta anche di tante cose belle e piccole coccole. Per concludere questa prefazione, vorrei conservare questa poesia mi ha colpita guardando su internet e che rileggerò ancora quando mi chiederò di cosa ha bisogno mia figlia: I bambini imparano ciò che vivono I bambini imparano ciò che vivono. Se un bambino vive nella critica impara a condannare. Se un bambino vive nell'ostilità impara ad aggredire. Se un bambino vive nell'ironia impara ad essere timido. Se un bambino vive nella vergogna impara a sentirsi colpevole. Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino vive nell'incoraggiamento impara ad avere fiducia. Se un bambino vive nella lealtà impara la giustizia. Se un bambino vive nella disponibilità impara ad avere una fede. Se un bambino vive nell'approvazione impara ad accettarsi. Se un bambino vive nell'accettazione e nell'amicizia impara a trovare l'amore nel mondo. Doret's Law Nolte Merate, gennaio

10 10

11 1. PRIMA DEL PARTO Da ragazze, a donne, a mamme Ogni anno in tutta Italia le aziende sanitarie locali organizzano corsi pre-parto, così mentre la mia pancia lentamente lievitava ho accolto l invito, per curiosità e per socializzare. Alcuni parenti e curiosi mi chiedevano il riassunto degli incontri e se avremmo mimato il travaglio con le classiche inspira-espira (viste nel film con l attore bello del momento). Della mia gravidanza vorrei raccontarvi questa esperienza, tenendo per noi i motivi che la precedono, gli acquisti, i regali, gli esami, la fatica di prendere peso mentre lei giocava con il suo cordone ombelicale, gli sbalzi di umore, le mie preoccupazioni o fissazioni. Mi piace condividere questa opportunità che, scegliendola, mi ha aiutata a crescere e che mi sento di consigliare ad altri futuri genitori. Naturalmente una parte del corso era pratica: l ostetrica ci insegnava le posizioni più adatte per rilassarci durante la gravidanza e il parto, ma anche teorica con la spiegazione delle trasformazioni psicologiche e biologiche delle donne in gravidanza, del parto e dei neonati. 11

12 E stata molto paziente di fronte alle nostre domande, anche le più strane, e vorrei cogliere l occasione, quando si presenterà, per ringraziarla di nuovo per essere riuscita a rendere le nostre ansie più ragionevoli, trasformando gli e se.. in se magari pensassi.. o se facessi così... Io non riuscivo ad immaginarmi come sarebbe stata la mia piccola, ma mi piaceva l idea di tenerla in braccio e la gravidanza era una cosa che avevo desiderato molto. Ed è certo che il cambiamento di una donna in attesa non è solo nel corpo che si adatta per accogliere il nuovo essere facendogli spazio, ma avviene insieme anche nella testa. All inizio degli incontri i nostri discorsi della pausa giravano per lo più intorno al lavoro e alle ferie, eravamo abbastanza chiuse nei nostri problemi. Poi, mentre le pance crescevano abbiamo iniziato a parlare del girovita ingombrante e quindi del suo contenuto, dei lui o lei che vi abitavano. Così si diceva: sai che ho già lavato i pupazzetti di quando ero piccola? oppure mio marito gli ha già comprato la maglia di Pinco Pallino da calcio e anche stanotte non mi ha fatta dormire o devo alzare gli oggetti più pericolosi dalla cucina, inoltre sei già andata allo spaccio di articoli per neonati?, mentre nella testa si faceva concreta l idea che non saremmo tornate indietro da questo cambiamento. L incontro con i papà è stato bello per confrontare con loro quello che significava la gravidanza, il parto e diventare genitori, parlandone insieme condividevamo i nostri pensieri con altre persone che stavano vivendo le stesse emozioni. I più coraggiosi si dichiaravano disposti a seguire senza problemi le mogli in sala parto, qualcuno rifiutava categoricamente l idea, la maggioranza accettava per compiacere la consorte e per incontrare quell idea che vedevano crescere ma con la quale non 12

13 vivevano ancore un contatto diretto. Inoltre, per loro, diventava realtà anche l idea che non sarebbero stati più l unico centro di attenzioni e delle coccole. Abbiamo fatto pure le prove generali del travaglio, mimando comicamente, alla Twister, come potevano aiutarci. Gli esercizi per il pavimento pelvico possono avere un lato comico, se per esempio noi mamme dovevamo immaginare di scrivere con una matita infilata tra le gambe il nome di nostra figlia (per fortuna abbiamo scelto un nome corto..). La visita alle sale parto è stata invece una doccia fredda, specialmente quando abbiamo visto la sala con il lettino e gli strumenti medici, utili ma gelidamente statici. Passando tra le camere e i tavolini della sala pranzo ci siamo guardate un po spaurite, cercando di non sentire una mamma in travaglio che urlava trovavamo la forza di non pensarci chiedendo informazioni. Se aspetti un bambino non preoccuparti, dopo passa e quando terrai tuo figlio o tua figlia tra le braccia svaniranno tutti i dolori del mondo! A me del corso piaceva tanto anche la fase del rilassamento, quando ballavamo ondeggiando le pancione o quando, sdraiate sui materassini, ascoltavamo per qualche minuto la musica new age, lasciando i pensieri intricati per ascoltare la voce della nostra ostetrica che ci guidava verso la meta del viaggio. Poi, il taglio più adatto di capelli, il viso più stanco per il mal di schiena o perché la notte si dormiva meno e il numero di noi che diminuiva mentre l ostetrica ci aggiornava sulle nascite. 13

14 2. LA NASCITA Ci sono anch io! Alla nascita dei figli i novelli genitori trovano tra i pacchetti dono per la neonata alcune confezioni dall ospedale. Insieme a bacchetta, filtri e formule magiche regalano un paio di antenne, con le quali si assicurano che capteranno i segnali per aiutare la crescita armoniosa e serena dell infante. In realtà il parto è il completamento di un percorso di attese: del bambino, che vive subito da protagonista insieme ai genitori e li accoglie con naturale, fiducioso abbandono (anche i più incapaci tra loro), forse per apprezzare e ringraziare dell immenso dono della vita. Di nonni e zii che si danno alla pazza gioia in lavori artigianali per la culla, sferruzzamenti ed acquisti, che si riempiono d orgoglio all idea di una nipote e vanno in un brodo di giuggiole ogni volta che ne parlano con parenti ed amici. Nonostante il carico d aspettative e di tensioni la bambina finalmente vede la luce e dorme beata nel suo lettino al nido. La principessa fa i suoi primi piccoli sogni nel mondo e senti la gioia di parenti ed amici intorno a voi. 14

15 Per mia figlia io volevo subito l istinto materno migliore, invece mi sentivo confusa. Ripensavo al parto che non era andato come desideravo e volevo il morale su, ma, può capitare, non è sempre così. Inoltre la guardavo e non mi ritrovavo al 100% come madre, mi metteva in crisi perchè piangeva e non sapevo cosa fare. Sembrava una delle bambine viste dietro al vetro andando a trovare le amiche che avevano partorito, non ci credevo che fosse per noi, perché dopo tutta quella faticaccia non l avevo vista venire al mondo. La guardavo imbambolata con lui, come si guarda qualcosa di meglio di un gioiello luccicante. Mi sentivo bloccata da una responsabilità grande, volevo sparire e qualche lacrima scendeva mentre m incoraggiavano a fare, ma ognuno in modo diverso, perché siamo unici. Quel vuoto sembrava interminabile, quando pensavo che, avendo prodotto qualcosa di buono, avevo già fatto e dato tutto. Poi, ringraziando il cielo, qualcuno ti scuote: la famiglia, l ostetrica che forse vede in te una figlia e ti dà una scrollata, quella che non parla ma che si prende cura di te sorridendo con rispettosa attenzione. E ci sono i parenti, l amica dottoressa, gli amici che con il loro affettuoso calore sanno essere vicini. E ci sono le mamme, che hanno vissuto come te le stesse emozioni, a distanza di poche ore e imparano come te che, come diceva anche la Tatangelo in una canzonetta, questa vita nella vita nascendo ha dei bisogni primari, di latte, di cambiare il pannolino, di ninna nanne, di coccole e di tanto amore. Spingendo culle di plexiglas c incontravamo, ognuna con qualche illusione di meno e scambiamo frasi d incoraggiamento con le nostre amiche di pancia ed i loro neonati. 15

16 Se guardavo la mia, così piccola, mi sembrava una fragile bambolina; ogni volta che la vedevo il mondo intorno sembrava svanire di fronte alla sua, per noi, meravigliosa, incantevole, piccola bellezza. La prima magia l ha realizzata lei, quando ritornata in me, sono diventata per lei una neomamma a tutti gli effetti e con tutti i difetti. Dopo qualche altro sfogo liberatorio, lasci correre le idee di perfezione e le paranoie perché vuoi dedicarti a lei. Hai capito che la gravidanza termina con il parto, appunto, ma che questo vuol dire partenza, inizio, anche per te, nel darle insieme a lui, oltre la possibilità di nascere, il meglio di voi stessi ogni giorno. La nascita di nostra figlia è diventata partenza per tutti, insieme, con i suoi piccoli ritmi ed i suoi problemi. 16

17 3. A CASA Riti e regole Un rito sacro è una scelta alla quale aderisci per convinzione, fiducia, educazione, condivisione di valori positivi che credi abbiano un origine superiore, speranza che va al di là dei limiti della finitezza umana, un dono e un opportunità alla quale vuoi che tua figlia si avvicini perché desideri che faccia parte anche della sua vita. I riti famigliari sono quell insieme di abitudini che fanno bene ai genitori e ai figli. Danno tranquillità, aiutano i genitori ad organizzare meglio giornata con un pizzico di personalità, aiutano i bambini a sentire il ritmo continuo che c è nella vita, come il pulsare rassicurante del cuore della mamma di quando abitavano nel suo pancione. La ripetizione delle azioni stabilite insieme, inoltre, permette ai bambini avere un po di controllo su quello che avviene, perché è bello che ci sia sempre qualcosa da scoprire, ma è meglio sapere ogni tanto quello che si farà dopo e non avere sorprese sgradevoli. I riti famigliari in questo senso hanno per me qualcosa di sacro, perché ogni famiglia li costruisce insieme secondo le preferenze 17

18 del bambino e le necessità dei genitori, adattandosi reciprocamente nel rispetto di regole comuni e formando così l unicità di ogni nucleo famigliare. La casa si costruisce con un mattone per volta ed è formata da molti elementi. Parliamo, per esempio, dei riti della buona notte: noi abbiamo deciso che quando è ora di andare a fare la nanna il papà ha il compito di insegnarle a lavare i denti e metterle il pigiama. Dopo, qualche volta, guardano insieme un cartone o leggono una favola e si danno un bacio grande. Poi lui accende la luce bassa, quindi io le faccio bere il latte con il biberon, che spesso è solo una piacevole abitudine, diciamo le preghiere insieme e spenta la luce la coccolo e canto finchè non si addormenta. Questa è stata la nostra scelta, dettata da ragioni pratiche e dalle nostre personali preferenze, ma il bello è che ogni famiglia ha la possibilità di scegliere. Anche se sembra difficile, offre un infinità di soluzioni in risposta alla domanda: come facciamo per addormentare la bambina? Non è detto che ci sia un metodo migliore degli altri, i riti famigliari non sono standard e non vanno seguiti alla lettera ogni volta come una prescrizione medica, possono essere ampliati. Similmente ogni bambina ha le sue abitudini nei giochi e, anche se si diverte a lanciarli dappertutto è contenta quando il giorno dopo li ritrova in ordine. Significa che qualcuno si sta preoccupando di farla sentire a suo agio. Penso che anche per questo i riti piacciono molto ai bambini, che adorano le filastrocche e le frasi in codice quando incontrano i nonni. E loro, imparando a fare un uso sapiente del tempo, gli insegnano anche ad allenare la memoria. 18

19 Il rapporto che lega nonni e nipoti è speciale, penso perché rivedono in loro i figli e rinascono, di riflesso questa volta, come genitori. Spesso si sentono meno assillati da problemi di varia natura che hanno avuto nell allevare i figli. Poi i nonni sanno dare ai nipoti, soprattutto, quello di cui hanno veramente bisogno, cioè il tempo e la capacità di ascoltarli, perché i bambini amano le favole ma anche chi impara a volare con la loro fantasia. I nipoti piccoli ricambiano questi doni con gesti di confidenza e di semplice affettuosità che dedicano solo ai nooni e possono involontariamente dare spazio a sentimenti di malcelata gelosia nei genitori, me compresa, che vorrebbero i figli solo per sé. Per allontanare quest idea ripensavo che una bambina piccola capisce chi le vuole bene ed è capace di distribuire affetto, senza fare distinzione, ad ogni componente della famiglia, perché per lei è importante il ricambiare con istintiva naturalezza i gesti. Non credo che sia uno sbaglio essere sensibili. Sa anche bene da chi in quel momento proviene l amore ed è in grado di distinguere tra nonni e genitori, ciò bastava per me a chiarire che il legame tra me e lei non sarebbe stato alterato. Detto questo, spero, senza eccessi di fiducia, che dei genitori in grado di allevare bene dei figli siano altrettanto bravi nell accudire qualche volta la nipotina. Comunque, come per giocare bene bisogna stabilire dall inizio delle regole, così dovrebbe essere nella vita familiare, che non è un gioco. Per noi chiarire alcune cose, per esempio preferiremmo che nostra figlia non mangiasse gli spuntini dopo una certa ora, è stato utile per diminuire infelicità e mal di pancia. 19

20 E sicuramente bene stabilire alcune regole, perchè se la rigidità nell attuarle può essere la causa di aggressività e problemi d incomprensione, l assenza ne può creare di peggiori. L elasticità è la prima parola, credo, che un genitore dovrebbe mettere nel suo vocabolario. Non è facile da attuare, così come rispondere in pratica alla domanda: è più semplice e opportuno trovare un alternativa interessante perché finisca di strillare come una sirena o dirle di no? Diciamoli pure questi no, qualche volta, se è comunque rispetto per una persona che cresce.. Infatti, mentre cerchiamo una risposta a questo quesito la bambina comunque cresce. Se proviamo a darle ascolto quando cerca, a modo suo, di far emergere le sue opinioni, scuramente ne vale la pena. E non sarebbe lo stesso amore di bimba senza qualche capriccio. 20

21 4. IL SONNO Un bel ricordo? La prima figlia è decisamente una svolta nella vita delle persone che vogliono farsi stravolgere. Il primo cambiamento è che, ancora prima di poggiare il seggiolino auto con il suo prezioso contenuto in casa, tutto ruota intorno a lei. Quando apre quei suoi occhietti da cerbiatta riesce a catalizzare l attenzione, perfino del più distratto e indifferente degli osservatori, con lo sguardo magnetico di una stella appena caduta dal cielo. Mentre tutti l ammirano lieti ed estatici, la piccola non fa molto di più che mangiare e dormire, dormire, dormire, producendo a volte buffi rumorini e flautolenze varie. Ti meravigliano perché ti chiedi come faccia una cosina così piccola a produrre suoni tanto corposi (che da grande potranno essere tacciati di maleducazione). Per fortuna, il suo è un papà molto affettuoso e premuroso, come il mio, e tra padre e figlia si è stabilito fin dall inizio un amorevole accordo, anche sonoro. Prima dello svezzamento, prepararsi a trascorrere la notte non era difficoltoso e il sonno notturno regolare conciliava la ripresa dell energie. In pratica parlando del sonno devo dire che nei 21

22 primi mesi, sinceramente, le notti in bianco non sono state molte, ma il latte artificiale è sostanzioso e aiuta dormire. Inoltre dopo un parto cesareo con anestesia totale, chiudiamo un occhio Il problema del sonno, effettivamente, non aveva influito molto e le nostre vite non erano stravolte, perché tutto sommato la nostra piccola meraviglia aveva appena cominciato a cambiarci dentro. Devo dire che la signorina tutto pepe aveva tentato all inizio di tenerci svegli tutta la notte. Quando la pargola reclamava, anche dopo le ventitré, che non voleva dormire, ci sarebbe piaciuto spiegarle che anche noi avevamo diritto al sonno, ma avevamo fatto conoscenza diretta da poco e inoltre non parlavamo ancora la stessa lingua. Da quando abbiamo iniziato a comunicare meglio, invece, se non ha voglia di dormire, non ascolta. Per raggiungere il risultato della pace notturna abbiamo tentato diverse strategie. Le passeggiate al chiaro di luna, stagione permettendo (mai dimenticare il ciuccio o il biberon con l acqua) sono molto romantiche spingendo una carrozzina che sta per esplodere. Poi le canzoncine melodiche di ogni tipo, le gocce per le colichine e tanta calma e i massaggi sul pancino, di cui racconterò parlando dei malanni. Cercavamo di mettere a suo agio la nuova arrivata per la notte abbassando luci e voci, poi ci siamo accorti che per quanto insistessimo non dormiva più di quanto lei decideva di avere bisogno. Inoltre, a volte si addormentava più volentieri con i Gun s Roses ed i Metallica che con le classiche ninnananne. Insomma ci stava insegnando che anche lei, come noi d altronde, aveva le sue preferenze per il sonno e per ogni altra scelta. 22

23 In breve, dalle undici di sera siamo passati alle dieci e poi più presto, piano piano si stava ambientando, regolandosi in base ai nostri ritmi. La piccola stella si addormentava in braccio ed io allenavo la memoria nel ricordare le ninna nanne di quando ero piccina. Poi l adagiavo nel lettino con il suo coniglio di pezza e uscivo gattonando all indietro per non svegliarla. Le ore attive, minime all inizio, erano un opportunità per conoscere meglio, osservandoli con attenzione, i componenti della famiglia, i parenti e le tende, i tappeti, i quadri ed andare a trovare altri neonati. Al mattino ci siamo regalate delle belle passeggiate in centro con la carrozzina, accogliendo i consensi e i complimenti di molte signore del paese. Verso gli undici mesi la pargola ha deciso che al mattino aveva di meglio da fare che dormire, ma nel pomeriggio i pisolini, prima due poi solo uno, erano un occasione del riposino anche per la mamma, oppure per fare progetti e confezionare con le mie manine cose carine, da farle indossare e da regalare. Dopo i dieci mesi abbiamo deciso che, per quanto fosse gratificante, potevamo tenere in braccio la cicciotta anche in altri momenti del giorno e abbiamo iniziato a farla addormentare nel lettone. In pratica dovrebbe essere utile per quando inizierà a dormire nel suo letto, perché comunque starò con lei prima che si addormenti con i riti della buona notte. Spesso accade, quando sembra che stia già dormendo profondamente da qualche ora, che si risvegli chiedendo di essere presa in braccio. Personalmente, non mi sembra che sia stata inventata una formula magica, una soluzione unica a questa situazione che accomuna tanti genitori. Perché ogni notte è diversa dalle altre ed ogni bimbo è unico. 23

24 Quando si sveglia nel cuore della notte, se non si calma con dei suoni simili a quelli per richiamare il gatto, la prendo in braccio e il silenzio con alcune coccole è ricuorante, ci basta per sollevare il morale di entrambe. Spesso in questo modo si riaddormenta. Altre volte sto vicino a lei in silenzio, oppure le dico che ci sono le stelline o che è tardi e tutti dormono, ma così mi ripete i nomi dei parenti e si sveglia del tutto. Alzare la voce è inutile. Se insiste per essere tenuta in braccio svegliandosi più volte, le tengo la mano stringendola forte nella mia in modo che capisca che comunque le sono accanto oppure dorme per un po con noi. Quando si addormenta nel lettone, ancora adesso alcune mosse di karate o il sedere sulla mia faccia ci ricordano che cerca di definire i suoi spazi per il sonno. Ma prima di dormire, mentre canto, a volte, la sua manina cerca il mio viso e, come per incanto, quella semplice carezza mi fa sentire la mamma più felice della terra, dandomi la carica per affrontare le prossime impegnative giornate. 24

25 5. L ALIMENTAZIONE Il latte, le pappe, il pasto Misurini di latte artificiale, calibrati con la precisione del nonno chimico e disciolti in acqua, avevano fornito il sostegno liquido adeguato della neonata e dalla bilancia venivano conferme che stavamo agendo bene. Non ho avuto la fortuna di dare a mia figlia il mio latte che per poche gocce,ma mi consolo pensando che cresce sana e cicciotta. Il problema più discusso dei primi mesi era comunque quando e quanto deve mangiare sta figliola? Troppo, troppo poco, troppo spesso, a richiesta, a orario. Abbiamo scelto l orario flessibile, cioè calcolato in base alla crescita e l attenzione alle richieste e al buon senso. Poi siamo passati alle pappe. La neonata diventa lattante quando non è ancora bambina, ma non è più cosi piccola da nutrirsi solo di latte. Nella fase dello svezzamento, il passaggio alle famose pappe, la pediatra ci ha consigliato un suo ricettario con alcune indicazioni per la preparazione dei cibi. Mi è servito per non 25

26 sentirmi smarrita nella ricerca di una soluzione adeguata per questo delicato problema. Diciamo che non brillo sempre in cucina, mi piace preparare dei manicaretti particolari quando ho qualche idea e mi dispiaceva che mia figlia iniziasse male il rapporto con il cibo, dato che il gusto per la buona tavola è fonte di piaceri oltre che di sostentamento. Trascrivo il menù, sottolineando, come ha scritto la dottoressa, che sono consigli per una corretta alimentazione (dal 6 mese). L allattamento al seno è il modo migliore per nutrire il vostro bambino fino al 6 mese di vita, non associando alimenti o bevande. Dal 6 mese si potrà iniziare lo svezzamento introducendo elementi diversi dal latte materno o artificiale. Non aggiungere sale e zucchero prima dell anno di vita, non introdurre latte vaccino (neanche diluito) prima dell anno di vita. Brodo vegetale: in un litro d acqua far bollire per circa un ora 1 patata, 1 zucchina, 1 carota; lasciar riposare dieci minuti quindi filtrare. La prima pappa: Sciogliere in ml di brodo vegetale caldo 2 cucchiai di crema di riso + 1 cucchiaio d olio extravergine d oliva + un cucchiaio di parmigiano. Dopo alcuni giorni sarà possibile aggiungere ¼ di omogeneizzato di carne (iniziare preferibilmente con carni bianche dal sapore più delicato come tacchino, pollo, vitello) ed un cucchiaio di verdure passate. Incrementare gradualmente la quantità di carne fino ad un intero vasetto nell arco di alcuni mesi, Come proseguire: Dopo circa un mese introdurre la seconda pappa, sostituendo la carne con il formaggio (formaggini ipolipidici per l infanzia, ricotta fresca, crescenza, robiola). La crema di riso potrà essere alternata con semolino, mais e tapioca o multicereali. Si potrà anche introdurre la frutta a fine pasto (mela, pera, banana). Il brodo vegetale potrà essere arricchito con verdura di stagione (sedano e spinaci dopo il 9 mese, pomodoro dopo i 10 mesi di vita). 26

27 Nella preparazione della pappa potrà essere utilizzato il passato di verdura invece del brodo (se utilizzate mixer o frullatore il passato deve riposare almeno 30 minuti). A 10 mesi si possono iniziare con le pastine micro ed introdurre il pesce (iniziare con sogliola, platessa, trota) e i legumi. A 12 mesi si può introdurre il tuorlo ed a 13 l albume, a 12 mesi s introdurrà anche il latte vaccino. Si tratta di cucinare seguendo regole di corretta alimentazione da non dimenticare man mano che il bambino cresce. Non tutti i bambini hanno gli stessi gusti, né tutte le famiglie le stesse abitudini alimentari. (..) Il brodo vegetale si prepara con verdure fresche di stagione adatte al bambino: patate, carote, fagiolini, piselli, spinaci, sedano, carciofi, coste, bietole, zucchine, zucca e tutte le varietà di insalate. Inizialmente utilizzarne solo alcuni tipi (patata, carota e zucchina), poi progressivamente aggiungere una verdura nuova tutte le settimane. Così facendo si abitua pian piano il bambino a nuovi sapori e si valuta se le novità sono ben tollerate (reazioni allergiche, peggioramento delle scariche, ecc.). Sono da evitare cavoli, cavolfiori, verze, cipolle che hanno aromi troppo forti, spesso sgraditi al bambino e il pomodoro, che può essere potenzialmente allergizzante. Le verdure disponibili devono essere ben pulite, lavate e bollite per un'ora circa in un litro di acqua non salata. Il brodo così preparato può essere conservato in frigorifero, ben tappato, per 1-2 giorni. Per le prime pappe si utilizza solo il brodo filtrato, scartando le verdure bollite. Nelle settimane successive le verdure utilizzate si passano (o si frullano) e se ne aggiungono 1-2 cucchiai al brodo vegetale. In ½ litro d acqua far bollire le patate sbucciate, le carote grattate e la zucchina per 1 ora, a gr. di brodo filtrato aggiungere 2-3 cucchiai di crema di riso o mais e tapioca e 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva. Dopo 3-4 giorni aggiungere ½ liofilizzato o omogeneizzato di carne di agnello, dopo una settimana pollo, poi tacchino e coniglio. Dopo 3-4 giorni aggiungere 2 cucchiaini di passato di patate e di carote e 1 cucchiaino di parmigiano grattugiato. Arricchire quindi il brodo aggiungendo uno per volta lattuga, erbette, zucchine, coste, sedano. 27

28 Dopo la pappa 50 gr. di mela o pera grattugiata con limone. La seconda pappa, dopo 4 settimane dallo svezzamento, si prepara come la prima pappa, sostituendo alla carne 20 grammi di parmigiano gratuggiato, ricotta, grana, formaggino Penso che sia utile ed in questo mi ritengo fortunata rispetto ad altre mamme alle quali non è capitato così. Capisco che i gusti variano molto ed esiste il problema delle intolleranze alimentari, ma mi sembrerebbe più logico se noi mamme avessimo delle linee comuni, con la possibilità di variare sul tema, secondo le abitudini famigliari. La pesca e la fragola omogeneizzate sono digeribili per un stomachino di sei mesi? Possibile che nel 2008 alcune mamme debbano cercare queste cose su Focus o Wikipedia? Rischiamo di perdere la sostanza cercando delle risposte a domande simili. Già coinvolgere una figlia quando non vuole mangiare è una bella faticaccia, il genitore per imboccarla si dimentica spesso del pasto, mangia poco e male.così abbiamo rispolverato le vecchie glorie dei nostri cartoni animati, intonando anche le colonne sonore delle favole Disney, con lo Zecchino d Oro alternato alle più belle degli anni e via cantando. Per diversi mesi, inoltre, il tavolo del seggiolone è stato popolato di giochini: obiettivamente si capisce quanto può essere gratificante per un genitore vedere la figlia che, mentre mangia, impara a stringere il sonaglio e a muoverlo. Quando lo tira milioni di volte dal seggiolone guardandoti e ridendo sotto i baffetti di yogurt ed esclamando oh,oh, capisci che forse dovresti cambiare tattica e optare per qualcos altro. Dato che in casa nostra per scelta a pranzo, e a volte anche a cena, la televisione è spenta, i libri sono un ottimo aiuto nel 28

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

RICETTARIO PER LE MAMME

RICETTARIO PER LE MAMME RICETTARIO PER LE MAMME TANTE RICETTE SEMPLICI, GUSTOSE E NUTRIENTI PER SBIZZARRIRSI E CREARE DELIZIOSE PAPPE PER IL TUO BAMBINO Scopri come variare ogni giorno il menù del tuo piccolo, in base alle sue

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Alimentazione al Nido d Infanzia

Alimentazione al Nido d Infanzia L ALIMENTAZIONE AL NIDO D INFANZIA L alimentazione riveste un ruolo importante nella vita di ognuno e sicuramente deve essere particolarmente attenta quando si rivolge a bambini piccoli come gli ospiti

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Problemi legati all'alimentazione:

Problemi legati all'alimentazione: Problemi legati all'alimentazione: Il rigurgito: si associa spesso al ruttino ed è solitamente fisiologico. PREVENZIONE DEL RIGURGITO: Mantenere il bambino in posizione seduta o semiseduta dopo il pasto;

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta

Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta Programmazione 2014/15: Scuola dell Infanzia Santa Marta IL GUSTO DI CRESCERE INSIEME NELLA GIOIA. Per l anno educativo 2014/15 proponiamo ai bambini un viaggio nel mondo dell alimentazione: partendo dalla

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Livello: A2 Gruppo 1 Autori: Betto Michela, Camozzi Laura, Ros Laura Destinatari: Alunni di 2-3 elementare con conoscenza dell italiano di livello A2 Tempi

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Asia. Sun. Mike. Bud. Moon. Venus. Tommy. Pegasus. cioccolata. soltanto poche parole. raro! piace molto anche la. gli piace parlare, usa

Asia. Sun. Mike. Bud. Moon. Venus. Tommy. Pegasus. cioccolata. soltanto poche parole. raro! piace molto anche la. gli piace parlare, usa Kelly Jim Bill Mat Anni: 1 Anni: 1 Anni: 1 Anni: 1 A Kelly piace veramente stare sulla sua amaca. Quando si trova su un amaca e qualcuno canta per lei, sta in silenzio, calma e affascinata e osserva il

Dettagli

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Centro d Infanzia Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE COCCINELLE Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato A cura dell Educatrice: Moranduzzo Monica 1 PROGETTO

Dettagli

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani!

cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione veloci, gustosi e sani! Cereali e legumi a rapida cottura facili idee di preparazione Le Gusto ti permette di fare una scelta facile e veloce,

Dettagli

Educazione alla salute

Educazione alla salute Viva il movimento! Fai sport e movimento per sentirti più contento, segui una sana alimentazione fin dalla prima colazione. A merenda mangia un panino e poi muoviti un pochino. Con gli amici gioca a pallone

Dettagli

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE

UNA GRANDE EMOZIONE TANTE POESIE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A.COSTA Scuola dell infanzia G.B.Guarini Scuole primarie A.Costa G.B.Guarini A.Manzoni Scuola secondaria di 1 grado M.M.Boiardo Sezione Ospedaliera Sede: Via Previati, 31 44121

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento

La Famiglia P. Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento La Famiglia P Trasmissione intergenerazionale del modello di attaccamento Segnalazione 14/02/2012 Ospedale Pediatrico Meyer La piccola G. (2 mesi e 7 giorni) si trova ricoverata al reparto di Terapia Intensiva

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE Ciao Mario come stai? Abbastanza bene, grazie. Ti presento il mio amico John. Da dove viene John? John è Canadese ed è in Italia

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Test : " Sai giocare con il tuo bambino?"

Test :  Sai giocare con il tuo bambino? Test : " Sai giocare con il tuo bambino?" Il test che segue ti aiuterà a scoprire se sai giocare con il tuo bambino nel modo giusto, cioè favorendo lo sviluppo della sua creatività e della sua autonomia,

Dettagli

ANNIVERSARIO IN ARRIVO?

ANNIVERSARIO IN ARRIVO? ANNIVERSARIO IN ARRIVO? Scopri chi può aiutarti a sorprenderla! 1 CON QUESTA GUIDA SCOPRIRAI: > Perché festeggiare un anniversario di nozze > Quali sono le coppie più felici > I momenti che ricorderai

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Ad Armando Sanna Cover Mapei

Ad Armando Sanna Cover Mapei Introduzione: Ci sentiamo verso le 22 non so bene come iniziare, in fondo è un ragazzo. Un ragazzo dal viso pulito. - Pronto ciao sono Armando- - Ciao mi chiamo Gilberto, lo sai che domenica, mentre trionfavi,

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

continuamente metodi nuovi che possano accompagnarli nella crescita in modo sereno e felice.

continuamente metodi nuovi che possano accompagnarli nella crescita in modo sereno e felice. Cari mamma e papà, mi chiamo Miriam (Mima per il mio papà ed i miei bambini), sono la presidente, la coordinatrice e una delle Tagesmutter dell Associazione Barbafamiglie. Dopo aver conseguito l abilitazione

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

LE FILASTROCCHE DI SPAZIO GIOCO E COCCOLE

LE FILASTROCCHE DI SPAZIO GIOCO E COCCOLE Le filastrocche hanno il potere di calmare e rassicurare, creano un piacevole contenimento sonoro che accompagna il gioco del bambino e scandiscono i tempi dell'incontro. Gli adulti che cantano tutti insieme

Dettagli

CONCORSO : REGOLIAMOCI

CONCORSO : REGOLIAMOCI CONCORSO : REGOLIAMOCI Per studenti tra gli 8 e i 13 anni. Sceneggiatura film : IL SOLE I.C. Marino S. Rosa Napoli Classe II E IL SOLE Nella reception di una clinica molto famosa Christian che ha subito

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO?

LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? LA PATERNITÀ NASCE COL NEONATO? Convegno IRIS Non c è 2 senza 3 - Milano, 8 febbraio 2010 Alberto Pellai, Medico PhD, Psicoterapeuta dell Età Evolutiva Dipartimento di Sanità Pubblica Facoltà di Medicina

Dettagli

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti

Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti Disturbi del ciclo dell urea e acidurie organiche Guida per i giovani pazienti www.e-imd.org Che cosa sono i difetti del ciclo dell urea/le acidurie organiche? Gli alimenti che mangiamo vengono scissi

Dettagli

Progetto italiano Junior 1- Test di progresso

Progetto italiano Junior 1- Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità introduttiva) 1) Trasforma al plurale i seguenti sostantivi: a) pizza b) spaghetto c) chiave d) cane e) casa 2) Completa il mini dialogo correttamente. Buongiorno Laura, (1)...

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

MOSTRISCHIO ha paura dei bimbi e delle persone sveglie, attente, che sanno capire e vedere dove si nasconde prima che faccia danni; ha paura perché

MOSTRISCHIO ha paura dei bimbi e delle persone sveglie, attente, che sanno capire e vedere dove si nasconde prima che faccia danni; ha paura perché Questa mattina le nostre insegnanti per avviare questa attività ci hanno accompagnato nell aula ATELIER e sorpresa ci siamo trovati davanti due nostre mamme: mamma Doris e mamma Sara. Lo stupore più grande

Dettagli

Sommario. Introduzione... 5. Le mie ricette... 6 Antipasti... 9 Primi... 31 Secondi... 59 Piatti unici e contorni... 87 Dolci... 111. Indice...

Sommario. Introduzione... 5. Le mie ricette... 6 Antipasti... 9 Primi... 31 Secondi... 59 Piatti unici e contorni... 87 Dolci... 111. Indice... Antipasti Sommario Introduzione... 5 Le mie ricette... 6 Antipasti... 9 Primi... 31 Secondi... 59 Piatti unici e contorni... 87 Dolci... 111 Indice... 139 Benvenuti nel mio libro! Introduzione Antipasti

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

TEST di italiano. Completa con le preposizioni semplici mancanti: Completa il brano con i seguenti pronomi possessivi:

TEST di italiano. Completa con le preposizioni semplici mancanti: Completa il brano con i seguenti pronomi possessivi: TEST di italiano Verifica il tuo livello! Copia e incolla il test, completa le frasi e invialo a info@linguaincorso.com (Non ti preoccupare se non riesci a completare tutti gli esercizi!!!!) Completa con

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Le 4 fasi della dieta Dukan

Le 4 fasi della dieta Dukan Assistente Virtuale Le 4 fasi della dieta Dukan 1 L'introduzione alla Dieta Dukan: la Bibbia di chi vuole dimagrire Menu tipo della Dukan per la prima e la seconda settimana Fase 1 : Attacco La dieta Dukan

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO

PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI PROGETTO MUSICALE CON LALLO IL CAVALLO Laboratorio bambini di 4/5 anni ANNO SCOLASTICO 2010-11 UNITA DI APPRENDIMENTO: LABORATORIO MUSICALE CON IL CAVALLO LALLO

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA

SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA SCUOLA DELL INFANZIA: VIA C. ALBERTI VIA DEL GINESTRINO PROGETTO ACCOGLIENZA 1 Il suddetto progetto consiste in una serie di proposte atte a promuovere un graduale inserimento alla Scuola dell Infanzia

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali)

ALLEGATO TECNICO N. 7. (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) ALLEGATO TECNICO N. 7 (Specifiche tecniche relative ai menù ed alle diete speciali) I menù di seguito riportati sono quelli attualmente in vigore ed approvati dal Servizio di Igiene e Nutrizione dell ASL

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:...

PALSO ESAMI DI LINGUA ITALIANA LIVELLO A2 MAGGIO 2006. Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI. Nome:... Cognome:... Nome:... Cognome:... ESAMI DI LINGUA ITALIANA PALSO LIVELLO A2 Certificazione riconosciuta dall ICC ISTRUZIONI MAGGIO 2006 Scrivi il tuo nome e cognome (in questa pagina, in alto). Non aprire questo fascicolo

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri 26/3/2015 Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri È un dato di fatto: rispettare il prossimo e fare azioni positive nei confronti degli

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi

guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi che cosa significa essere au pair? Il programma au pair permette alle ragazze di 18-26 anni di vivere presso

Dettagli

Cerchi d acqua e policromie cristalline

Cerchi d acqua e policromie cristalline Cerchi d acqua e policromie cristalline Entriamo nella casa del lago. Vanni scruta l ambiente da esperto. Apre le grandi finestre, lasciando entrare l aria fresca e pulita. Un odore d antico c investe.

Dettagli

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO

ALCUNI SUGGERIMENTI RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE FRITTATA DI DI VERDURA AL FORNO RISO BASMATI PILAF ALLE VERDURE ALCUNI 12 cucchiai di verdure stufate 6 tazzine piccole di riso Basmati 12 tazzine di acqua calda 3 cucchiai da tavola di parmigiano grattugiato 1 cucchiaio di olio extravergine

Dettagli

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli