Angela P. G. Diventare genitori. vivere bene con il vostro bambino dalla nascita a 3 anni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Angela P. G. Diventare genitori. vivere bene con il vostro bambino dalla nascita a 3 anni"

Transcript

1 Angela P. G. Diventare genitori vivere bene con il vostro bambino dalla nascita a 3 anni 1

2 2

3 Angela P. G. Diventare genitori vivere bene con il vostro bambino dalla nascita a 3 anni 3

4 Diventare genitori di Angela P.G Stampato da ilmiolibro.it II edizione settembre

5 INDICE 1. Prima del parto 2. La nascita 3. A casa 4. Il sonno 5. L alimentazione 6. L igiene e la salute 7. Piccoli progressi 8. Il gioco 9. Pericoli e rimedi 10. Un mondo fuori dalla porta 5

6 6

7 Nella vita quotidiana ci sono situazioni dove il senso pratico è decisamente richiesto, insieme all organizzazione, ad una buona dose d ironia, d allegria e soprattutto di tranquillità. Diventando genitori questi elementi basilari dovrebbero essere sempre all ordine del giorno. L affetto e gli ormoni provvedono a sviluppare dei sensi che servono a proteggere la prole. Diventata mamma, durante le vacanze natalizie mi è piaciuto raggruppare (e possibilmente vorrei condividere) le mie riflessioni, scrivendo degli appunti di ciò che mi ha aiutata nell iniziare l esperienza dell essere genitore. Questo è il mio punto di vista, quello che abbiamo scelto per risolvere con mio marito i piccoli problemi pratici nella cura della bambina e crescere con lei, con i dubbi e le paure che, per fortuna, non siamo soli a provare. Il titolo di questa raccolta di pensieri ricorda un gioco che facevo da piccola divertendomi e a volte nelle pagine ci sono accenni alla gioco perché la nascita di una bambina fa ritornare tutti piccoli come quando si ascoltavano le fiabe. Per quanto sia bello andare con la testa tra le nuvole e giocare, è importante tenere i piedi per terra, perché la realtà può essere migliore dei sogni. Vorrei che in futuro fosse utile a qualcuno che ha appena iniziato l esperienza di mamma o papà. Forse servirà a rendere meno misterioso e complicato, per i nuovi addetti, il mondo 7

8 delle pappe e dei pannolini, quando, come noi, vorranno intraprendere il mestiere più impegnativo del mondo, cioè quello di genitori. Lo dedico a mio marito, che è un ineguagliabile papà e a mia figlia Elisa, la nuova ragione per la quale mi piace sorridere alla vita, ringraziandoli per averla trasformata. Sarebbe bello se un giorno, rileggendo alcune pagine della nostra storia, lei sorridesse pensando agli anni di cui si ricorderà poco ma che rivedrà attraverso le parole di una mamma ed di un papà, che si sentono semplicemente felici e speciali per ogni istante insieme alla loro piccola principessa. Lo dedico anche alle persone che hanno valorizzato la realizzazione del nostro sogno: a mia mamma, che è stata la prima a intuire che stava per diventare due volte mamma, cioè nonna della sua pescottina, e che per l esempio e l esperienza potrebbe scrivere in breve un enciclopedia insieme al mio grande e meraviglioso papà. A mia suocera, che gioca instancabile quando c è sua nipote e si diverte anche lei come fossero due bambine della stessa età. A mio suocero che ci segue dall alto e sentiamo presente nelle somiglianze con sua nipote. Che, comunque, ha riacceso una luce. Lo dedico agli zii che l ascoltano, la seguono e la viziano un po, insieme all altra piccola adorabile monella. Agli amici di sempre che cambiano e crescono con noi, alcuni con i loro frutti e quelli nuovi che la piccola calamita attira. Dice un vecchio proverbio che gli amici veri sono come il muro e l edera: insieme stanno in piedi e insieme cadono. Non scriverò ogni cosa che facciamo tutti i giorni, anche perché dice saggiamente una signora diventando mamme ci si dimentica dal naso alla bocca. 8

9 Vorrei consultare tutti i miei ricordi e farli apparire nella sfera di cristallo tutti insieme, nuvole comprese, ma ops. mi sono dimenticata come si fa! Questo è un racconto di una parte della nostra storia, di com è cambiata con l arrivo della nostra bambina. Non è facile, e se fosse una favola, per noi, sarebbe al più bella, ricca della nostra realtà quotidiana, che è magica perché fatta anche di tante cose belle e piccole coccole. Per concludere questa prefazione, vorrei conservare questa poesia mi ha colpita guardando su internet e che rileggerò ancora quando mi chiederò di cosa ha bisogno mia figlia: I bambini imparano ciò che vivono I bambini imparano ciò che vivono. Se un bambino vive nella critica impara a condannare. Se un bambino vive nell'ostilità impara ad aggredire. Se un bambino vive nell'ironia impara ad essere timido. Se un bambino vive nella vergogna impara a sentirsi colpevole. Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino vive nell'incoraggiamento impara ad avere fiducia. Se un bambino vive nella lealtà impara la giustizia. Se un bambino vive nella disponibilità impara ad avere una fede. Se un bambino vive nell'approvazione impara ad accettarsi. Se un bambino vive nell'accettazione e nell'amicizia impara a trovare l'amore nel mondo. Doret's Law Nolte Merate, gennaio

10 10

11 1. PRIMA DEL PARTO Da ragazze, a donne, a mamme Ogni anno in tutta Italia le aziende sanitarie locali organizzano corsi pre-parto, così mentre la mia pancia lentamente lievitava ho accolto l invito, per curiosità e per socializzare. Alcuni parenti e curiosi mi chiedevano il riassunto degli incontri e se avremmo mimato il travaglio con le classiche inspira-espira (viste nel film con l attore bello del momento). Della mia gravidanza vorrei raccontarvi questa esperienza, tenendo per noi i motivi che la precedono, gli acquisti, i regali, gli esami, la fatica di prendere peso mentre lei giocava con il suo cordone ombelicale, gli sbalzi di umore, le mie preoccupazioni o fissazioni. Mi piace condividere questa opportunità che, scegliendola, mi ha aiutata a crescere e che mi sento di consigliare ad altri futuri genitori. Naturalmente una parte del corso era pratica: l ostetrica ci insegnava le posizioni più adatte per rilassarci durante la gravidanza e il parto, ma anche teorica con la spiegazione delle trasformazioni psicologiche e biologiche delle donne in gravidanza, del parto e dei neonati. 11

12 E stata molto paziente di fronte alle nostre domande, anche le più strane, e vorrei cogliere l occasione, quando si presenterà, per ringraziarla di nuovo per essere riuscita a rendere le nostre ansie più ragionevoli, trasformando gli e se.. in se magari pensassi.. o se facessi così... Io non riuscivo ad immaginarmi come sarebbe stata la mia piccola, ma mi piaceva l idea di tenerla in braccio e la gravidanza era una cosa che avevo desiderato molto. Ed è certo che il cambiamento di una donna in attesa non è solo nel corpo che si adatta per accogliere il nuovo essere facendogli spazio, ma avviene insieme anche nella testa. All inizio degli incontri i nostri discorsi della pausa giravano per lo più intorno al lavoro e alle ferie, eravamo abbastanza chiuse nei nostri problemi. Poi, mentre le pance crescevano abbiamo iniziato a parlare del girovita ingombrante e quindi del suo contenuto, dei lui o lei che vi abitavano. Così si diceva: sai che ho già lavato i pupazzetti di quando ero piccola? oppure mio marito gli ha già comprato la maglia di Pinco Pallino da calcio e anche stanotte non mi ha fatta dormire o devo alzare gli oggetti più pericolosi dalla cucina, inoltre sei già andata allo spaccio di articoli per neonati?, mentre nella testa si faceva concreta l idea che non saremmo tornate indietro da questo cambiamento. L incontro con i papà è stato bello per confrontare con loro quello che significava la gravidanza, il parto e diventare genitori, parlandone insieme condividevamo i nostri pensieri con altre persone che stavano vivendo le stesse emozioni. I più coraggiosi si dichiaravano disposti a seguire senza problemi le mogli in sala parto, qualcuno rifiutava categoricamente l idea, la maggioranza accettava per compiacere la consorte e per incontrare quell idea che vedevano crescere ma con la quale non 12

13 vivevano ancore un contatto diretto. Inoltre, per loro, diventava realtà anche l idea che non sarebbero stati più l unico centro di attenzioni e delle coccole. Abbiamo fatto pure le prove generali del travaglio, mimando comicamente, alla Twister, come potevano aiutarci. Gli esercizi per il pavimento pelvico possono avere un lato comico, se per esempio noi mamme dovevamo immaginare di scrivere con una matita infilata tra le gambe il nome di nostra figlia (per fortuna abbiamo scelto un nome corto..). La visita alle sale parto è stata invece una doccia fredda, specialmente quando abbiamo visto la sala con il lettino e gli strumenti medici, utili ma gelidamente statici. Passando tra le camere e i tavolini della sala pranzo ci siamo guardate un po spaurite, cercando di non sentire una mamma in travaglio che urlava trovavamo la forza di non pensarci chiedendo informazioni. Se aspetti un bambino non preoccuparti, dopo passa e quando terrai tuo figlio o tua figlia tra le braccia svaniranno tutti i dolori del mondo! A me del corso piaceva tanto anche la fase del rilassamento, quando ballavamo ondeggiando le pancione o quando, sdraiate sui materassini, ascoltavamo per qualche minuto la musica new age, lasciando i pensieri intricati per ascoltare la voce della nostra ostetrica che ci guidava verso la meta del viaggio. Poi, il taglio più adatto di capelli, il viso più stanco per il mal di schiena o perché la notte si dormiva meno e il numero di noi che diminuiva mentre l ostetrica ci aggiornava sulle nascite. 13

14 2. LA NASCITA Ci sono anch io! Alla nascita dei figli i novelli genitori trovano tra i pacchetti dono per la neonata alcune confezioni dall ospedale. Insieme a bacchetta, filtri e formule magiche regalano un paio di antenne, con le quali si assicurano che capteranno i segnali per aiutare la crescita armoniosa e serena dell infante. In realtà il parto è il completamento di un percorso di attese: del bambino, che vive subito da protagonista insieme ai genitori e li accoglie con naturale, fiducioso abbandono (anche i più incapaci tra loro), forse per apprezzare e ringraziare dell immenso dono della vita. Di nonni e zii che si danno alla pazza gioia in lavori artigianali per la culla, sferruzzamenti ed acquisti, che si riempiono d orgoglio all idea di una nipote e vanno in un brodo di giuggiole ogni volta che ne parlano con parenti ed amici. Nonostante il carico d aspettative e di tensioni la bambina finalmente vede la luce e dorme beata nel suo lettino al nido. La principessa fa i suoi primi piccoli sogni nel mondo e senti la gioia di parenti ed amici intorno a voi. 14

15 Per mia figlia io volevo subito l istinto materno migliore, invece mi sentivo confusa. Ripensavo al parto che non era andato come desideravo e volevo il morale su, ma, può capitare, non è sempre così. Inoltre la guardavo e non mi ritrovavo al 100% come madre, mi metteva in crisi perchè piangeva e non sapevo cosa fare. Sembrava una delle bambine viste dietro al vetro andando a trovare le amiche che avevano partorito, non ci credevo che fosse per noi, perché dopo tutta quella faticaccia non l avevo vista venire al mondo. La guardavo imbambolata con lui, come si guarda qualcosa di meglio di un gioiello luccicante. Mi sentivo bloccata da una responsabilità grande, volevo sparire e qualche lacrima scendeva mentre m incoraggiavano a fare, ma ognuno in modo diverso, perché siamo unici. Quel vuoto sembrava interminabile, quando pensavo che, avendo prodotto qualcosa di buono, avevo già fatto e dato tutto. Poi, ringraziando il cielo, qualcuno ti scuote: la famiglia, l ostetrica che forse vede in te una figlia e ti dà una scrollata, quella che non parla ma che si prende cura di te sorridendo con rispettosa attenzione. E ci sono i parenti, l amica dottoressa, gli amici che con il loro affettuoso calore sanno essere vicini. E ci sono le mamme, che hanno vissuto come te le stesse emozioni, a distanza di poche ore e imparano come te che, come diceva anche la Tatangelo in una canzonetta, questa vita nella vita nascendo ha dei bisogni primari, di latte, di cambiare il pannolino, di ninna nanne, di coccole e di tanto amore. Spingendo culle di plexiglas c incontravamo, ognuna con qualche illusione di meno e scambiamo frasi d incoraggiamento con le nostre amiche di pancia ed i loro neonati. 15

16 Se guardavo la mia, così piccola, mi sembrava una fragile bambolina; ogni volta che la vedevo il mondo intorno sembrava svanire di fronte alla sua, per noi, meravigliosa, incantevole, piccola bellezza. La prima magia l ha realizzata lei, quando ritornata in me, sono diventata per lei una neomamma a tutti gli effetti e con tutti i difetti. Dopo qualche altro sfogo liberatorio, lasci correre le idee di perfezione e le paranoie perché vuoi dedicarti a lei. Hai capito che la gravidanza termina con il parto, appunto, ma che questo vuol dire partenza, inizio, anche per te, nel darle insieme a lui, oltre la possibilità di nascere, il meglio di voi stessi ogni giorno. La nascita di nostra figlia è diventata partenza per tutti, insieme, con i suoi piccoli ritmi ed i suoi problemi. 16

17 3. A CASA Riti e regole Un rito sacro è una scelta alla quale aderisci per convinzione, fiducia, educazione, condivisione di valori positivi che credi abbiano un origine superiore, speranza che va al di là dei limiti della finitezza umana, un dono e un opportunità alla quale vuoi che tua figlia si avvicini perché desideri che faccia parte anche della sua vita. I riti famigliari sono quell insieme di abitudini che fanno bene ai genitori e ai figli. Danno tranquillità, aiutano i genitori ad organizzare meglio giornata con un pizzico di personalità, aiutano i bambini a sentire il ritmo continuo che c è nella vita, come il pulsare rassicurante del cuore della mamma di quando abitavano nel suo pancione. La ripetizione delle azioni stabilite insieme, inoltre, permette ai bambini avere un po di controllo su quello che avviene, perché è bello che ci sia sempre qualcosa da scoprire, ma è meglio sapere ogni tanto quello che si farà dopo e non avere sorprese sgradevoli. I riti famigliari in questo senso hanno per me qualcosa di sacro, perché ogni famiglia li costruisce insieme secondo le preferenze 17

18 del bambino e le necessità dei genitori, adattandosi reciprocamente nel rispetto di regole comuni e formando così l unicità di ogni nucleo famigliare. La casa si costruisce con un mattone per volta ed è formata da molti elementi. Parliamo, per esempio, dei riti della buona notte: noi abbiamo deciso che quando è ora di andare a fare la nanna il papà ha il compito di insegnarle a lavare i denti e metterle il pigiama. Dopo, qualche volta, guardano insieme un cartone o leggono una favola e si danno un bacio grande. Poi lui accende la luce bassa, quindi io le faccio bere il latte con il biberon, che spesso è solo una piacevole abitudine, diciamo le preghiere insieme e spenta la luce la coccolo e canto finchè non si addormenta. Questa è stata la nostra scelta, dettata da ragioni pratiche e dalle nostre personali preferenze, ma il bello è che ogni famiglia ha la possibilità di scegliere. Anche se sembra difficile, offre un infinità di soluzioni in risposta alla domanda: come facciamo per addormentare la bambina? Non è detto che ci sia un metodo migliore degli altri, i riti famigliari non sono standard e non vanno seguiti alla lettera ogni volta come una prescrizione medica, possono essere ampliati. Similmente ogni bambina ha le sue abitudini nei giochi e, anche se si diverte a lanciarli dappertutto è contenta quando il giorno dopo li ritrova in ordine. Significa che qualcuno si sta preoccupando di farla sentire a suo agio. Penso che anche per questo i riti piacciono molto ai bambini, che adorano le filastrocche e le frasi in codice quando incontrano i nonni. E loro, imparando a fare un uso sapiente del tempo, gli insegnano anche ad allenare la memoria. 18

19 Il rapporto che lega nonni e nipoti è speciale, penso perché rivedono in loro i figli e rinascono, di riflesso questa volta, come genitori. Spesso si sentono meno assillati da problemi di varia natura che hanno avuto nell allevare i figli. Poi i nonni sanno dare ai nipoti, soprattutto, quello di cui hanno veramente bisogno, cioè il tempo e la capacità di ascoltarli, perché i bambini amano le favole ma anche chi impara a volare con la loro fantasia. I nipoti piccoli ricambiano questi doni con gesti di confidenza e di semplice affettuosità che dedicano solo ai nooni e possono involontariamente dare spazio a sentimenti di malcelata gelosia nei genitori, me compresa, che vorrebbero i figli solo per sé. Per allontanare quest idea ripensavo che una bambina piccola capisce chi le vuole bene ed è capace di distribuire affetto, senza fare distinzione, ad ogni componente della famiglia, perché per lei è importante il ricambiare con istintiva naturalezza i gesti. Non credo che sia uno sbaglio essere sensibili. Sa anche bene da chi in quel momento proviene l amore ed è in grado di distinguere tra nonni e genitori, ciò bastava per me a chiarire che il legame tra me e lei non sarebbe stato alterato. Detto questo, spero, senza eccessi di fiducia, che dei genitori in grado di allevare bene dei figli siano altrettanto bravi nell accudire qualche volta la nipotina. Comunque, come per giocare bene bisogna stabilire dall inizio delle regole, così dovrebbe essere nella vita familiare, che non è un gioco. Per noi chiarire alcune cose, per esempio preferiremmo che nostra figlia non mangiasse gli spuntini dopo una certa ora, è stato utile per diminuire infelicità e mal di pancia. 19

20 E sicuramente bene stabilire alcune regole, perchè se la rigidità nell attuarle può essere la causa di aggressività e problemi d incomprensione, l assenza ne può creare di peggiori. L elasticità è la prima parola, credo, che un genitore dovrebbe mettere nel suo vocabolario. Non è facile da attuare, così come rispondere in pratica alla domanda: è più semplice e opportuno trovare un alternativa interessante perché finisca di strillare come una sirena o dirle di no? Diciamoli pure questi no, qualche volta, se è comunque rispetto per una persona che cresce.. Infatti, mentre cerchiamo una risposta a questo quesito la bambina comunque cresce. Se proviamo a darle ascolto quando cerca, a modo suo, di far emergere le sue opinioni, scuramente ne vale la pena. E non sarebbe lo stesso amore di bimba senza qualche capriccio. 20

21 4. IL SONNO Un bel ricordo? La prima figlia è decisamente una svolta nella vita delle persone che vogliono farsi stravolgere. Il primo cambiamento è che, ancora prima di poggiare il seggiolino auto con il suo prezioso contenuto in casa, tutto ruota intorno a lei. Quando apre quei suoi occhietti da cerbiatta riesce a catalizzare l attenzione, perfino del più distratto e indifferente degli osservatori, con lo sguardo magnetico di una stella appena caduta dal cielo. Mentre tutti l ammirano lieti ed estatici, la piccola non fa molto di più che mangiare e dormire, dormire, dormire, producendo a volte buffi rumorini e flautolenze varie. Ti meravigliano perché ti chiedi come faccia una cosina così piccola a produrre suoni tanto corposi (che da grande potranno essere tacciati di maleducazione). Per fortuna, il suo è un papà molto affettuoso e premuroso, come il mio, e tra padre e figlia si è stabilito fin dall inizio un amorevole accordo, anche sonoro. Prima dello svezzamento, prepararsi a trascorrere la notte non era difficoltoso e il sonno notturno regolare conciliava la ripresa dell energie. In pratica parlando del sonno devo dire che nei 21

22 primi mesi, sinceramente, le notti in bianco non sono state molte, ma il latte artificiale è sostanzioso e aiuta dormire. Inoltre dopo un parto cesareo con anestesia totale, chiudiamo un occhio Il problema del sonno, effettivamente, non aveva influito molto e le nostre vite non erano stravolte, perché tutto sommato la nostra piccola meraviglia aveva appena cominciato a cambiarci dentro. Devo dire che la signorina tutto pepe aveva tentato all inizio di tenerci svegli tutta la notte. Quando la pargola reclamava, anche dopo le ventitré, che non voleva dormire, ci sarebbe piaciuto spiegarle che anche noi avevamo diritto al sonno, ma avevamo fatto conoscenza diretta da poco e inoltre non parlavamo ancora la stessa lingua. Da quando abbiamo iniziato a comunicare meglio, invece, se non ha voglia di dormire, non ascolta. Per raggiungere il risultato della pace notturna abbiamo tentato diverse strategie. Le passeggiate al chiaro di luna, stagione permettendo (mai dimenticare il ciuccio o il biberon con l acqua) sono molto romantiche spingendo una carrozzina che sta per esplodere. Poi le canzoncine melodiche di ogni tipo, le gocce per le colichine e tanta calma e i massaggi sul pancino, di cui racconterò parlando dei malanni. Cercavamo di mettere a suo agio la nuova arrivata per la notte abbassando luci e voci, poi ci siamo accorti che per quanto insistessimo non dormiva più di quanto lei decideva di avere bisogno. Inoltre, a volte si addormentava più volentieri con i Gun s Roses ed i Metallica che con le classiche ninnananne. Insomma ci stava insegnando che anche lei, come noi d altronde, aveva le sue preferenze per il sonno e per ogni altra scelta. 22

23 In breve, dalle undici di sera siamo passati alle dieci e poi più presto, piano piano si stava ambientando, regolandosi in base ai nostri ritmi. La piccola stella si addormentava in braccio ed io allenavo la memoria nel ricordare le ninna nanne di quando ero piccina. Poi l adagiavo nel lettino con il suo coniglio di pezza e uscivo gattonando all indietro per non svegliarla. Le ore attive, minime all inizio, erano un opportunità per conoscere meglio, osservandoli con attenzione, i componenti della famiglia, i parenti e le tende, i tappeti, i quadri ed andare a trovare altri neonati. Al mattino ci siamo regalate delle belle passeggiate in centro con la carrozzina, accogliendo i consensi e i complimenti di molte signore del paese. Verso gli undici mesi la pargola ha deciso che al mattino aveva di meglio da fare che dormire, ma nel pomeriggio i pisolini, prima due poi solo uno, erano un occasione del riposino anche per la mamma, oppure per fare progetti e confezionare con le mie manine cose carine, da farle indossare e da regalare. Dopo i dieci mesi abbiamo deciso che, per quanto fosse gratificante, potevamo tenere in braccio la cicciotta anche in altri momenti del giorno e abbiamo iniziato a farla addormentare nel lettone. In pratica dovrebbe essere utile per quando inizierà a dormire nel suo letto, perché comunque starò con lei prima che si addormenti con i riti della buona notte. Spesso accade, quando sembra che stia già dormendo profondamente da qualche ora, che si risvegli chiedendo di essere presa in braccio. Personalmente, non mi sembra che sia stata inventata una formula magica, una soluzione unica a questa situazione che accomuna tanti genitori. Perché ogni notte è diversa dalle altre ed ogni bimbo è unico. 23

24 Quando si sveglia nel cuore della notte, se non si calma con dei suoni simili a quelli per richiamare il gatto, la prendo in braccio e il silenzio con alcune coccole è ricuorante, ci basta per sollevare il morale di entrambe. Spesso in questo modo si riaddormenta. Altre volte sto vicino a lei in silenzio, oppure le dico che ci sono le stelline o che è tardi e tutti dormono, ma così mi ripete i nomi dei parenti e si sveglia del tutto. Alzare la voce è inutile. Se insiste per essere tenuta in braccio svegliandosi più volte, le tengo la mano stringendola forte nella mia in modo che capisca che comunque le sono accanto oppure dorme per un po con noi. Quando si addormenta nel lettone, ancora adesso alcune mosse di karate o il sedere sulla mia faccia ci ricordano che cerca di definire i suoi spazi per il sonno. Ma prima di dormire, mentre canto, a volte, la sua manina cerca il mio viso e, come per incanto, quella semplice carezza mi fa sentire la mamma più felice della terra, dandomi la carica per affrontare le prossime impegnative giornate. 24

25 5. L ALIMENTAZIONE Il latte, le pappe, il pasto Misurini di latte artificiale, calibrati con la precisione del nonno chimico e disciolti in acqua, avevano fornito il sostegno liquido adeguato della neonata e dalla bilancia venivano conferme che stavamo agendo bene. Non ho avuto la fortuna di dare a mia figlia il mio latte che per poche gocce,ma mi consolo pensando che cresce sana e cicciotta. Il problema più discusso dei primi mesi era comunque quando e quanto deve mangiare sta figliola? Troppo, troppo poco, troppo spesso, a richiesta, a orario. Abbiamo scelto l orario flessibile, cioè calcolato in base alla crescita e l attenzione alle richieste e al buon senso. Poi siamo passati alle pappe. La neonata diventa lattante quando non è ancora bambina, ma non è più cosi piccola da nutrirsi solo di latte. Nella fase dello svezzamento, il passaggio alle famose pappe, la pediatra ci ha consigliato un suo ricettario con alcune indicazioni per la preparazione dei cibi. Mi è servito per non 25

26 sentirmi smarrita nella ricerca di una soluzione adeguata per questo delicato problema. Diciamo che non brillo sempre in cucina, mi piace preparare dei manicaretti particolari quando ho qualche idea e mi dispiaceva che mia figlia iniziasse male il rapporto con il cibo, dato che il gusto per la buona tavola è fonte di piaceri oltre che di sostentamento. Trascrivo il menù, sottolineando, come ha scritto la dottoressa, che sono consigli per una corretta alimentazione (dal 6 mese). L allattamento al seno è il modo migliore per nutrire il vostro bambino fino al 6 mese di vita, non associando alimenti o bevande. Dal 6 mese si potrà iniziare lo svezzamento introducendo elementi diversi dal latte materno o artificiale. Non aggiungere sale e zucchero prima dell anno di vita, non introdurre latte vaccino (neanche diluito) prima dell anno di vita. Brodo vegetale: in un litro d acqua far bollire per circa un ora 1 patata, 1 zucchina, 1 carota; lasciar riposare dieci minuti quindi filtrare. La prima pappa: Sciogliere in ml di brodo vegetale caldo 2 cucchiai di crema di riso + 1 cucchiaio d olio extravergine d oliva + un cucchiaio di parmigiano. Dopo alcuni giorni sarà possibile aggiungere ¼ di omogeneizzato di carne (iniziare preferibilmente con carni bianche dal sapore più delicato come tacchino, pollo, vitello) ed un cucchiaio di verdure passate. Incrementare gradualmente la quantità di carne fino ad un intero vasetto nell arco di alcuni mesi, Come proseguire: Dopo circa un mese introdurre la seconda pappa, sostituendo la carne con il formaggio (formaggini ipolipidici per l infanzia, ricotta fresca, crescenza, robiola). La crema di riso potrà essere alternata con semolino, mais e tapioca o multicereali. Si potrà anche introdurre la frutta a fine pasto (mela, pera, banana). Il brodo vegetale potrà essere arricchito con verdura di stagione (sedano e spinaci dopo il 9 mese, pomodoro dopo i 10 mesi di vita). 26

27 Nella preparazione della pappa potrà essere utilizzato il passato di verdura invece del brodo (se utilizzate mixer o frullatore il passato deve riposare almeno 30 minuti). A 10 mesi si possono iniziare con le pastine micro ed introdurre il pesce (iniziare con sogliola, platessa, trota) e i legumi. A 12 mesi si può introdurre il tuorlo ed a 13 l albume, a 12 mesi s introdurrà anche il latte vaccino. Si tratta di cucinare seguendo regole di corretta alimentazione da non dimenticare man mano che il bambino cresce. Non tutti i bambini hanno gli stessi gusti, né tutte le famiglie le stesse abitudini alimentari. (..) Il brodo vegetale si prepara con verdure fresche di stagione adatte al bambino: patate, carote, fagiolini, piselli, spinaci, sedano, carciofi, coste, bietole, zucchine, zucca e tutte le varietà di insalate. Inizialmente utilizzarne solo alcuni tipi (patata, carota e zucchina), poi progressivamente aggiungere una verdura nuova tutte le settimane. Così facendo si abitua pian piano il bambino a nuovi sapori e si valuta se le novità sono ben tollerate (reazioni allergiche, peggioramento delle scariche, ecc.). Sono da evitare cavoli, cavolfiori, verze, cipolle che hanno aromi troppo forti, spesso sgraditi al bambino e il pomodoro, che può essere potenzialmente allergizzante. Le verdure disponibili devono essere ben pulite, lavate e bollite per un'ora circa in un litro di acqua non salata. Il brodo così preparato può essere conservato in frigorifero, ben tappato, per 1-2 giorni. Per le prime pappe si utilizza solo il brodo filtrato, scartando le verdure bollite. Nelle settimane successive le verdure utilizzate si passano (o si frullano) e se ne aggiungono 1-2 cucchiai al brodo vegetale. In ½ litro d acqua far bollire le patate sbucciate, le carote grattate e la zucchina per 1 ora, a gr. di brodo filtrato aggiungere 2-3 cucchiai di crema di riso o mais e tapioca e 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva. Dopo 3-4 giorni aggiungere ½ liofilizzato o omogeneizzato di carne di agnello, dopo una settimana pollo, poi tacchino e coniglio. Dopo 3-4 giorni aggiungere 2 cucchiaini di passato di patate e di carote e 1 cucchiaino di parmigiano grattugiato. Arricchire quindi il brodo aggiungendo uno per volta lattuga, erbette, zucchine, coste, sedano. 27

28 Dopo la pappa 50 gr. di mela o pera grattugiata con limone. La seconda pappa, dopo 4 settimane dallo svezzamento, si prepara come la prima pappa, sostituendo alla carne 20 grammi di parmigiano gratuggiato, ricotta, grana, formaggino Penso che sia utile ed in questo mi ritengo fortunata rispetto ad altre mamme alle quali non è capitato così. Capisco che i gusti variano molto ed esiste il problema delle intolleranze alimentari, ma mi sembrerebbe più logico se noi mamme avessimo delle linee comuni, con la possibilità di variare sul tema, secondo le abitudini famigliari. La pesca e la fragola omogeneizzate sono digeribili per un stomachino di sei mesi? Possibile che nel 2008 alcune mamme debbano cercare queste cose su Focus o Wikipedia? Rischiamo di perdere la sostanza cercando delle risposte a domande simili. Già coinvolgere una figlia quando non vuole mangiare è una bella faticaccia, il genitore per imboccarla si dimentica spesso del pasto, mangia poco e male.così abbiamo rispolverato le vecchie glorie dei nostri cartoni animati, intonando anche le colonne sonore delle favole Disney, con lo Zecchino d Oro alternato alle più belle degli anni e via cantando. Per diversi mesi, inoltre, il tavolo del seggiolone è stato popolato di giochini: obiettivamente si capisce quanto può essere gratificante per un genitore vedere la figlia che, mentre mangia, impara a stringere il sonaglio e a muoverlo. Quando lo tira milioni di volte dal seggiolone guardandoti e ridendo sotto i baffetti di yogurt ed esclamando oh,oh, capisci che forse dovresti cambiare tattica e optare per qualcos altro. Dato che in casa nostra per scelta a pranzo, e a volte anche a cena, la televisione è spenta, i libri sono un ottimo aiuto nel 28

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

SVEZZAMENTO. Ideale iniziare lo svezzamento tra i 4 e i 6 mesi (non prima del 120 giorno di vita)

SVEZZAMENTO. Ideale iniziare lo svezzamento tra i 4 e i 6 mesi (non prima del 120 giorno di vita) SVEZZAMENTO Lo svezzamento rappresenta il momento in cui si introducono gradualmente nell'alimentazione del bambino alimenti di tipo solido diversi dal latte. È consigliabile iniziare lo svezzamento in

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita

Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Suggerimenti ai genitori sulla lettura ai bambini dal primo anno di vita Il bambino, il suo sviluppo e la lettura Queste brevi indicazioni ti possono servire a seguire e comprendere lo sviluppo del tuo

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto.

Per quelle che stanno per ore con i loro bambini che piangono in braccio cercando di dare loro conforto. Poesia per le mamme Questo è per le madri che stanno alzate tutta la notte tenendo in braccio i loro bambini ammalati dicendo "è tutto a posto tesoro, la mamma è qui con te". Per quelle che stanno per

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì!

Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Due nonne di Forlì correvan sempre tutto il dì. Un giorno caddero ridenti e si spaccaron tutti i denti. Che sbadate le due nonne di Forlì! Limerik di Ettore (nipotino grande) 9 PREFAZIONE È stata un emozione

Dettagli

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Introduzione... 7 Ti lascio una ricetta... 9 Ottobre... 13 Novembre... 51 Dicembre... 89 Gennaio...127 Febbraio...167 Marzo... 203 Aprile... 241

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2

TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 Cognome e nome:. Data:.. TEST DI ITALIANO L2 LIVELLO A2 1. Scrivi i nomi sotto le immagini............. 1 2. Completa le frasi. Prendo due chili di Per fare la torta devo comprare anche le Per favore,

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E

IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E IL NOSTRO AMICO GULLIVER, VIAGGIANDO IN MONGOLFIERA, ARRIVO IN UN PAESE CHE SI CHIAMAVA CARTAPAES E AL SUO RITORNO, GULLIVER CI HA PREPARATO UNA SORPRESA GULLIVER DAL CARTAPAESE CI HA PORTATO UN SACCO

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA SCUOLA PRIMARIA ALDA COSTA FERRARA CLASSE IV A A.S. 2014/15 PARTECIPIAMO AL CONCORSO Luciana Albieri Edizione2015 Associazione Dammi la Mano SON TUTTE BELLE LE FAMIGLIE

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

Lo svezzamento. Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati

Lo svezzamento. Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati Lo svezzamento Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati Come introdurre i cibi nello svezzamento per evitare allergie Vedere il proprio bimbo sorridere e giocare è una delle cose

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

RICETTARIO PER LE MAMME

RICETTARIO PER LE MAMME RICETTARIO PER LE MAMME TANTE RICETTE SEMPLICI, GUSTOSE E NUTRIENTI PER SBIZZARRIRSI E CREARE DELIZIOSE PAPPE PER IL TUO BAMBINO Scopri come variare ogni giorno il menù del tuo piccolo, in base alle sue

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk!

Videók forgatókönyve. 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! Videók forgatókönyve 1. Videó: Eszem-iszom 2. Videó: Mosolygós jó reggelt 3. Videó: Gyere, játszunk! 1. Videó: Eszem-iszom Videók forgatókönyve további információ a www.littlepim.hu oldalon Little Pim

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

La cura dei denti. Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili

La cura dei denti. Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili La cura dei denti Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili Anna Maria Fratangelo, insegnante di scuola primaria C. è una bambina di otto

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata

Io sono una porta semplice, aperta a metà ma capisco che sono fatta per essere spalancata Accogliente, aperta: magari un po a volte mi chiudo ma solo se sono stata distratta a cedere alla routine del quotidiano, non pecco di presunzione solo mi piace avere la disponibilità ad aprire la mia

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin Lettura della storia La famiglia Ratti vive in un ripostiglio di una bella casa. In questa famiglia i ruoli sono chiari: il padre va a lavorare ogni mattina e la

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

NANNA E PAPPA: AIUTAMI A ESSERE AUTONOMO! Dott.ssa Arianna Di Natale 17 Marzo 2015 arianna.dinatale@email.it

NANNA E PAPPA: AIUTAMI A ESSERE AUTONOMO! Dott.ssa Arianna Di Natale 17 Marzo 2015 arianna.dinatale@email.it NANNA E PAPPA: AIUTAMI A ESSERE AUTONOMO! Dott.ssa Arianna Di Natale 17 Marzo 2015 arianna.dinatale@email.it L INAPPETENZA Mio figlio NON MI MANGIA! Clima del pasto conflittuale e frustrante! Pur di farlo

Dettagli

Il Pediatra e la scuola per una corretta alimentazione: Dott. Alberto Ferrando

Il Pediatra e la scuola per una corretta alimentazione: Dott. Alberto Ferrando Il Pediatra e la scuola per una corretta alimentazione: Dott. Alberto Ferrando Pediatra di Famiglia Past Pres. SIP Liguria Vicepresidente APEL Pres. Fed. Reg. Ordini dei Medici della Liguria In un ambiente

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI SOPRA E SOTTO

I DIRITTI DEI BAMBINI SOPRA E SOTTO Questo testo ė l'occasione per riflettere sul fatto che diritti e doveri sono inseparabili: stanno come il sopra e sotto della mano... MINI TESTO PER UNA MINI RAPPRESENTAZIONE TEATRALE. I DIRITTI DEI BAMBINI

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15

Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15 Scuola d infanzia statale sezione C - a.s. 2014-15 Ricordi di viaggio Ecco siamo arrivati alla fine di questo anno di scuola. Abbiamo fatto un viaggio nel tempo: le ore, i giorni, le stagioni; i nostri

Dettagli

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice

U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008. Codice U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione PROGETTO DI PREVENZIONE 2007/2008 Dimmi come mangi Codice 1 2 3 1. Inserisci qui l iniziale del nome di tua mamma 2. Inserisci qui le ultime tre cifre del

Dettagli

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA

Proposta di attività di educazione socio-emotiva SUPSI / DFA Progetto Chiamale Emozioni Jone Galli. Lo scialle magico PAURA Jone Galli Lo scialle magico PAURA Esprimere, in forma ludica ed espressiva, le proprie emozioni riguardo il tema della paura. 20-30 minuti Lo scialle magico, I. Mylo e M.J. Sacré, Ed. Arka Uno scialle,

Dettagli

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C

PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE SCUOLA PRIMARIA DI BORGO VALSUGANA A.S. 2011 2012 CLASSE 3 C IN COLLABORAZIONE CON Le esperte dell Azienda Provinciale Servizi Sanitari Dott.ssa Ramona Camellini e Marilena

Dettagli