4Luisa Moser. Insegnare la Preistoria. Scuole,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4Luisa Moser. Insegnare la Preistoria. Scuole,"

Transcript

1 Insegnare la Preistoria. Scuole, 4Luisa Moser L archeologia restituita ai cittadini. Percorsi nella Preistoria dalla scuola dell infanzia alla quarta età 90 Soprintendenza per i Beni culturali, Ufficio per i Beni archivistici e archeologici, Trento Abstract Sono ormai quasi vent anni che la Soprintendenza per i Beni culturali, Ufficio per i beni archivistici e archeologici della Provincia di Trento, ha attivato tramite i propri Servizi Educativi una ricca offerta di percorsi rivolta alla conoscenza e alla corretta fruizione del patrimonio archeologico trentino, nella consapevolezza che solo un adeguata opera di formazione e di educazione possa portare ad una cultura del rispetto. Uno dei compiti prioritari di una Soprintendenza è infatti, accanto all esercizio delle sue funzioni di tutela e conservazione, quello della valorizzazione del patrimonio e delle aree di interesse archeologico: programmando interventi e investendo fondi atti a far conoscere a tutti i cittadini i risultati delle azioni di tutela e di ricerca, l istituzione cerca di favorire e di assicurare le migliori condizioni di utilizzo e di fruizione del patrimonio stesso ad ogni pubblico, al fine di incentivarne la conoscenza. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco (Munari) I servizi educativi della soprintendenza di Trento Mettere in atto azioni educative in cui siano dichiarate intenzioni e obiettivi quali formare competenze, saperi e abilità trasferibili, organizzare processi di apprendimento, promuovere una fruizione ragionata partendo dal bene culturale, nel nostro caso il patrimonio archeologico, aiuta a creare un legame fra l utente e il bene che si spera poi duraturo nel tempo. Sicuramente i destinatari privilegiati dell azione educativa sono i cittadini in formazione quindi prioritariamente gli utenti della scuola. I Servizi Educativi della Soprintendenza hanno elaborato nel corso degli anni percorsi didattici variamente articolati e differenziati per grado scolastico, riguardanti le dinamiche storico-culturali che hanno interessato il territorio trentino dalla preistoria all età romana, oltre a laboratori specifici relativi alle metodologie dell indagine archeologica e alla musealizzazione e ad altri che riguardano le tecnologie in uso nell antichità. L offerta educativa rivolta alle scuole relativa alla pre-protostoria è assai varia e si articola in particolare in: laboratori di ricerca storica e tematici (Simulazione di scavo archeologico, Un metodo di ricerca storica: l indagine archeologica), laboratori sulle tecnologie in uso nell antichità (Sperimentare l argilla, Sperimentare tessendo, Dalla miniera al pugnale di rame), laboratori cronologici (Paleolitico-Mesolitico, Neolitico, La cultura retica) e uscite sul territorio presso le aree archeologiche di Acqua Fredda al Passo di Redebus, Montesei di Serso e Doss Castel a Fai della Paganella.

2 piccoli musei e territorio md Proporre alla scuola percorsi e laboratori di approfondimento che hanno come tema l archeologia, in particolare quella legata al territorio, quindi a scala locale, permette anche di lavorare in maniera multidisciplinare, di spaziare e di far interagire diverse discipline: l archeologia con la sua metodologia, le sue azioni e i suoi risultati, ma anche lo studio dell ambiente e del territorio, la geologia, la paleobotanica, l archeozoologia, l antropologia Lavorare con l archeologia permette inoltre di strutturare e proporre delle esperienze concrete quali appunto i laboratori di ricerca. I ragazzi, partendo dalle fonti, nel nostro caso i reperti, in copia o in originale, oppure dalle strutture (aree archeologiche sul territorio), osservano, analizzano, interrogano, confrontano, raccolgono dati, formulano domande e ipotesi, quindi riassumono ed espongono risultati. Gli alunni sono i protagonisti: simulano il lavoro dell archeologo apprendendo un metodo di indagine e di ricerca. Fanno un esperienza attiva e sono coinvolti emotivamente. Così facendo mettono in atto strategie e metodi, regole e prassi di lavoro che possono poi essere approfondite e implementate in ambito scolastico dall insegnante. Si vuole così fornire agli alunni un occasione di apprendimento diversa ma non separata e completamente avulsa da quanto normalmente svolgono in classe: l esperienza è calibrata ed adeguatamente inserita nel curricolo scolastico. I ragazzi si sentono in diretto contatto con il passato, vivono un momento unico, soddisfano diverse curiosità (osservano, toccano, annusano, manipolano). Inizialmente, a volte, se non sono abituati a questo metodo di indagine, sono un po disorientati, ma poi affinano le loro abilità e diventano esperti nell interrogare le fonti, nell individuare, ad esempio, come sono stati realizzati gli oggetti, a cosa potevano servire e poi, in un secondo momento, vogliono provare a fare. Con la fase della riproduzione e della creazione entrano in gioco altre abilità: il saper produrre seguendo delle azioni, mettendo in atto alcune sequenze che altri hanno già studiato, progettato e selezionato per loro 1. Dopo un attenta verifica e valutazione, si semplifica e si facilita l operatività predisponendo strumenti, materiali, tecnologie e prassi elementari: i passaggi troppo complicati o che prevedono l impiego di tempi più lunghi rispetto a quelli normalmente a disposizione per i percorsi proposti vengono raccontati o tralasciati. I laboratori didattici sono il frutto di una progettazione ragionata e sistematica, nonché di una continua sperimentazione e di confronti con archeotecnici e con i colleghi archeologi. I laboratori sono costantemente monitorati (gli educatori compilano al termine di ogni percorso una scheda di osservazione e controllo dell azione educativa) per verificare fattibilità, criticità e ricadute, grado di coinvolgimento e partecipazione, questo al fine di riprogettare e quindi riproporre, anche in altri contesti, i diversi laboratori. Questi in sintesi gli obiettivi che ci siamo prefissati nei laboratori proposti alle scuole: Imparare a conoscere il metodo di lavoro dell archeologo attraverso una simulazione di scavo e l analisi diretta dei reperti (fonti materiali). Fig. 1 Laboratorio di ricerca: Argilla che bel materiale (foto O. Michelon, Archivio Soprintendenza). Fig. 2 Visita al laboratorio di restauro con le classi della scuola primaria di Vela (foto Archivio Soprintendenza). 1. A tal proposito si sottolinea che l intento non è quello di proporre laboratori di archeologia sperimentale, che possono essere condotti solo dagli archeotecnici, gli specialisti nella disciplina. 91

3 Insegnare la Preistoria. Scuole, 4 Luisa Moser L archeologia restituita ai cittadini. Percorsi nella Preistoria dalla scuola dell infanzia alla quarta età Fig. 3 Esposizione dei lavori della scuola primaria di Vela (foto Archivio Soprintendenza). 92 Imparare ad interrogare il reperto tramite un attenta analisi delle sue caratteristiche principali attraverso delle schede semistrutturate; conoscere le potenzialità informative che può avere un reperto e imparare a ricavare informazioni dai reperti esaminati. Saper organizzare e rielaborare le informazioni e formulare delle ipotesi considerando gli elementi distintivi e caratterizzanti i reperti oggetto di analisi. Imparare a riconoscere le tecnologie usate per la produzione degli strumenti analizzati. Imparare a ricostruire, in base all analisi dei reperti e con l aiuto dell educatore, aspetti della vita dell uomo: economia, religiosità, modalità insediative, paesaggio, attività. Imparare a conoscere e poi ad utilizzare una terminologia specifica. Conoscere per i diversi periodi che di volta in volta sono argomento del laboratorio: i principali rinvenimenti in Trentino, le differenti tipologie di insediamenti e le manifestazioni artistiche presenti nella nostra regione nei periodi presi in esame. Recuperare la motivazione attraverso un esperienza di tipo operativo. Potenziare la capacità di concentrazione attraverso l analisi diretta delle fonti e la manualità: simulazione di scavo, la realizzazione di alcuni oggetti molto semplici (conchiglia forata, corda, tavoletta decorata, scortecciare con la selce dei noccioli, creazione di recipienti in argilla, preparazione di uno stampo per la fusione, filatura tramite fusaiola e tessitura con telaio orizzontale ecc ). Conoscere, in modo giocoso e partecipato, come è organizzato un museo e come è stato realizzato. Imparare a riconoscere, selezionare, utilizzare gli oggetti che possono servire per realizzare un esposizione. Formare una più consapevole cultura del rispetto e della salvaguardia dei beni culturali. In un laboratorio di ricerca quindi, partendo dall analisi dei reperti, secondo la metodologia propria dell indagine archeologica, gli alunni affrontano anche altre problematiche: si interrogano sulle dinamiche di occupazione del territorio, sui cambiamenti climatici, sul modo in cui l uomo si è rapporta-

4 piccoli musei e territorio md to con l ambiente in cui si è trovato a vivere, come ha modificato o come ha imparato a sopravvivere. Si iniziano quindi a comprendere e conoscere le trasformazioni che sono avvenute nel tempo, i grandi cambiamenti e le innovazioni tecnologiche, il modo di vivere e l economia degli uomini che sono vissuti in un determinato territorio in periodi lontani dai noi. Si impara quindi partendo dai dati materiali a fare inferenze, a fare collegamenti e a calare quanto appreso nel laboratorio didattico con quanto affrontato in classe: l esperienza su scala locale può poi aprire uno sguardo su un panorama più ampio e capire e conoscere cos è avvenuto in quello stesso periodo nel resto del mondo. I progetti didattici in partenariato Secondo quanto previsto dall accordo quadro del 20 marzo 1998 fra Ministero per i Beni Culturali e Ministero per la Pubblica Istruzione, i Servizi Educativi si sono anche attivati a realizzare progetti in partenariato con le scuole del territorio. Nel corso degli ultimi anni scolastici in particolare sono stati attuati progetti in zone dove si trovano aree archeologiche musealizzate o scavi archeologici di rilevanza particolare (Fiavè 2, Fai della Paganella 3, Vela 4, Mezzocorona 5, Sanzeno 6, Gardolo 7 ). I progetti didattici in partenariato sono inseriti nel curriculum scolastico e prevedono l approfondimento e la conoscenza degli aspetti caratteristici del territorio e l uso didattico delle risorse che lo stesso offre. Nei progetti sul territorio il patrimonio archeologico locale è al centro dell attività, diventa direttamente fruibile e godibile nonché un documento concreto e un luogo privilegiato attraverso cui acquisire un metodo di studio e d indagine. In questo modo gli alunni acquisiscono la percezione del bene culturale come ricchezza inestimabile della comunità, come bene a cui affezionarsi, da cui attingere informazioni, che va conosciuto, indagato, valorizzato e tutelato. Tutti i progetti didattici attivati hanno visto una progettazione condivisa, iniziale e in itinere, fra gli educatori museali della Soprintendenza e gli insegnanti partecipanti. I progetti erano articolati in più momenti che prevedevano attività con la presenza dell insegnante e/o dell educatore museale in classe, momenti di rielaborazione, uscite sul territorio e laboratori pratici. Per quanto riguarda i progetti con la scuola primaria di Vela, di Fai della Paganella e di Fiavé, abbiamo inizialmente effettuato un sopralluogo sul territorio per circoscrivere il campo d indagine, per motivare i ragazzi alla ricerca e far scaturire curiosità. È quindi nata nei ragazzi l esigenza di invitare un esperto in grado di rispondere alle loro molteplici curiosità. L educatrice, esperta di archeologia, è quindi intervenuta in classe per rispondere alle domande emerse durante il sopralluogo e per raccontare tramite alcuni oggetti, immagini e copie di reperti il lavoro dell archeologo che, attraverso lo scavo e l analisi dei reperti, riesce a ricostruire la vita dell uomo nel passato. Gli alunni hanno in questo modo conosciuto i diversi momenti di cui si compone uno scavo archeologico, con particolare riferimento alle ricerche effettuate nelle singole località e alla storia del sito. Al termine di questa prima fase è emersa naturalmente l esigenza di poter conoscere il viaggio che un reperto compie una volta riportato alla luce. La fase successiva si è quindi svolta presso il laboratorio di restauro della Soprintendenza, dove i restauratori e i disegnatori hanno guidato le classi alla scoperta e alla conoscenza del laboratorio, mostrando e spie- 2. Progetto didattico realizzato da Cecilia Cremonesi nell anno scolastico e da Luisa Moser nell anno scolastico Hanno partecipato al progetto tutte le classi della scuola primaria di Fiavè. 3. Progetto didattico realizzato da Francesca Bazzanella nell anno scolastico Hanno partecipato al progetto tutte le classi della scuola primaria di Fai della Paganella. 4. Progetto didattico realizzato da Cecilia Cremonesi nell anno scolastico Hanno partecipato al progetto tutte le classi della scuola primaria di Vela. 5. Progetto didattico realizzato da Francesca Bazzanella, M. Raffaella Caviglioli, Luisa Moser e Rosa Roncador con le insegnati Luisa Schonsberg e Fabrizia Trentini con due classi della scuola primaria di Mezzocorona negli anni Progetto didattico realizzato da Francesca Bazzanella, Mirta Franzoi, Michela Paoli e Rosa Roncador con tutta la scuola primaria di Sanzeno nell anno scolastico Progetto didattico realizzato da Francesca Bazzanella, M. Raffaella Caviglioli, Cecilia Cremonesi, Mirta Franzoi, Luisa Moser, Michela Paoli, Rosa Roncador e Elena Silvestri nell anno scolastico , con tutte le classi del secondo ciclo della scuola primaria di Gardolo, Meano e Vigo Meano. 93

5 Insegnare la Preistoria. Scuole, 4 Luisa Moser L archeologia restituita ai cittadini. Percorsi nella Preistoria dalla scuola dell infanzia alla quarta età Fig. 4 Uscita all area archeologica Dos de la Forca (foto Archivio Soprintendenza) Fascicolo 23: A scuola con l archeologia Il sito neolitico de La Vela di Trento. Progetto didattico con la scuola primaria San Vigilio di Vela Trento, anno scolastico A cura di Cecilia Cremonesi. 9. Fascicolo 24: A scuola con l archeologia - Alla scoperta dell abitato fortificato del Doss Castel di Fai della Paganella. Progetto didattico con la scuola primaria Don Luigi Rossi di Fai della Paganella - Trento, anno scolastico A cura di Francesca Bazzanella. gando tutte le fasi che un reperto segue una volta arrivato dallo scavo. In questo modo è stato possibile ammirare alcuni reperti originali rinvenuti a Vela, a Fiavè e a Fai Doss Castel, conoscere come sono stati restaurati, catalogati e disegnati. L uscita presso il laboratorio di restauro è stato un momento particolarmente interessante e coinvolgente per i ragazzi poiché hanno potuto vedere per la prima volta da vicino gli oggetti ritrovati nel territorio in cui vivono ed hanno inoltre conosciuto le diverse figure professionali che collaborano con l archeologo. Gli alunni hanno affrontato attraverso schede semistrutturate, che semplificavano le schede abitualmente usate dall archeologo, lo studio dei reperti, realizzati appositamente in copia per i progetti, in modo che potessero essere facilmente manipolati. Analizzandoli e descrivendoli nelle loro caratteristiche, hanno formulato ipotesi sulla realizzazione, sull utilizzo e sulla storia di ogni manufatto. Tutte le informazioni ricavate nel corso delle uscite e nei momenti di lavoro con l educatore museale sono state poi rielaborate e approfondite in classe dagli insegnanti che hanno anche lavorato autonomamente nelle diverse discipline (geografia, scienze, italiano, educazione all immagine) su alcuni aspetti. Momenti pratici ed esperienze operative nelle fasi finali del progetto sono risultati poi utili per riprendere e conoscere da vicino alcune tecnologie utilizzate nell antichità, oltre che per ricavare informazioni dalla sperimentazione diretta. Diversi sono stati gli esiti di questi tre progetti: libretti didattici che documentano il lavoro svolto dalle classi (a Vela 8 e a Fai della Paganella 9 ); una mostra didattica realizzata dai bambini all interno di un allestimento permanente sul territorio che documenta lo scavo archeologico alla Vela di Trento; pannelli didascalici che accompagnano il percorso di visita all area archeologica di Fai della Paganella; un racconto illustrato dai bambini che narra la storia del villaggio retico di Fagàn (a Fai della Paganella); un questionario somministrato dai bambini alla comunità di Fiavè e un modellino delle palafitte di Fiavè attualmente esposto presso il Museo delle Palafitte di Fiavè.

6 piccoli musei e territorio md Fig. 5 Laboratorio Acqua Fredda caldo metallo (foto Archivio Soprintendenza). Il progetto didattico con due classi della scuola primaria di Mezzocorona, della durata triennale, è stato articolato in diversi incontri che prevedevano per le diverse annualità una progressione di conoscenze, competenze, abilità e attività adatte alle diverse fasi di apprendimento dell alunno. Sono stati individuati i periodi da indagare testimoniati da tracce archeologiche significative sul territorio (per la classe terza il Mesolitico e il Neolitico; per la classe quarta le età dei metalli: Rame, Bronzo e Ferro; per la classe quinta: l età romana). Sono stati inoltre concordati i temi e gli aspetti su cui si voleva focalizzare l attenzione e che si intendevano sviluppare (economia e ambiente, insediamenti, religiosità e spiritualità/mondo dei morti) e sono state quindi accuratamente selezionate e individuate le fonti (materiali, iconografiche e scritte) da sottoporre all analisi e alla ricerca degli alunni per produrre informazioni. I ragazzi hanno operato e lavorato in diversi ambiti: sul territorio con l analisi diretta dell ambiente, del paesaggio, degli scavi archeologici (Mezzocorona Dos de la Forca), in aree archeologiche musealizzate (Fai della Paganella, spazio archeologico sotterraneo del Sas e Palazzo Lodron a Trento, Giontec e Drei Canè a Mezzocorona), in biblioteca (dove è esposto il calco della sepoltura mesolitica di Mezzocorona), in classe e in laboratori didattici (presso le aule della Soprintendenza). Gli alunni hanno costruito il loro percorso di ricerca e di conoscenza delle realtà archeologiche attraverso attività di ricerca-azione, laboratori pratici e lavori di gruppo (cooperative learning). Partendo dall osservazione e dall analisi dei reperti hanno affrontato le principali problematiche legate al lavoro dell archeologo e degli specialisti che operano sul campo. Hanno analizzato, letto, interpretato, operato confronti, incontrato diversi esperti e lavorato in modo interdisciplinare per ricostruire per ogni periodo indagato, attraverso le molteplici informazioni ricavate, un quadro completo della vita delle popolazioni che abitavano sul loro territorio e la funzionalità degli oggetti presi in esame. I laboratori pratico-sperimentali (costruzione di arco, frecce, oggetti ornamentali e decorativi, lavorazione dell argilla e del filo di rame, sbalzo di lamine di rame, affresco e laboratorio di cucina), l incontro con l archeotecnico Giorgio Chelidonio, specialista nella lavorazione della selce, sono stati momenti in cui i ragazzi hanno potuto riorganizzare e rielaborare le informazioni e le competenze precedentemente acquisite, attraverso un esperienza di tipo operativo. L uscita alle aree archeologiche, il contatto diretto con le strutture ancora in situ e con i manufatti che esse hanno restituito, anche attraverso l aiuto di schede operative appo- 95

7 Insegnare la Preistoria. Scuole, 4 Luisa Moser L archeologia restituita ai cittadini. Percorsi nella Preistoria dalla scuola dell infanzia alla quarta età 96 sitamente strutturate, di planimetrie e disegni ricostruttivi, si sono tradotti in una vera e propria ricerca sul campo, permettendo ai ragazzi di sperimentare in prima persona il metodo dell indagine archeologica. Dopo ogni incontro con l educatore, le insegnanti hanno rielaborato in classe e approfondito i temi affrontati. Le informazioni ricavate sono state riprese e visualizzate, mediante la realizzazione di disegni e testi scritti, su un lungo cartellone che rappresentava la linea del tempo e che è rimasto appeso in classe per la durata triennale del progetto. Gli alunni hanno fissato così, giorno dopo giorno, il risultato del loro lavoro di ricerca e hanno anche visivamente ricostruito la storia, sistemando con minuzia e attenzione le singole informazioni relative ad economia, ambiente, insediamenti, necropoli e religiosità per ogni periodo preso in esame, partendo dal proprio territorio per poi allargare lo sguardo verso panoramiche sempre più ampie. Questo approccio ha permesso alle insegnanti di poter approfondire le tematiche selezionate anche in senso diacronico, sottolineando lo sviluppo, il cambiamento e la diversificazione di alcuni aspetti nelle società antiche. Il progetto in partenariato svolto con la scuola primaria di Mezzocorona è documentato dalla pubblicazione Con l archeologia sulle tracce del passato. La Piana Rotaliana dalla preistoria all età romana. Progetto didattico 10 che è stato distribuito gratuitamente a tutti gli insegnanti dei due Istituti Comprensivi del territorio e a tutte le scuole della Provincia di Trento. La pubblicazione 11 intende diventare uno strumento per gli insegnanti da applicare nelle sue singole parti o nel suo complesso per poter affrontare lo studio della storia nelle diverse classi partendo dal territorio, così come suggerito anche dai piani di studio nazionali e provinciali che indicano fra i vari obiettivi del secondo biennio della scuola primaria: imparare a riconoscere gli elementi significativi del passato nel proprio ambiente di vita, imparare a riconoscere le tracce storiche presenti nel territorio e a comprendere l importanza del patrimonio storico artistico e culturale. Lavorare in partenariato con le scuole del territorio è stato particolarmente significativo poiché ha permesso ai diversi attori coinvolti di potersi costantemente confrontare sulle azioni e le prassi didattiche messe in atto. Sono stati inoltre condivisi saperi, competenze, metodologie e strategie e sono stati continuamente monitorati e valutati gli esiti e le ricadute delle singole azioni educative. Fig. 6 Archeologia sperimentale presso il Museo Retico di Sanzeno (foto Archivio Soprintendenza). 10. F. Bazzanella, M. R. Caviglioli, L. Moser, R. Roncador, Con l archeologia sulle tracce del passato, 2010, pp La pubblicazione racchiude tutti i momenti del progetto svolto per cui il lettore potrà trovare agevolmente le fasi di attuazione, gli strumenti e le metodologie impiegate, le procedure seguite, le attività e i prodotti realizzati dai ragazzi.

8 piccoli musei e territorio md Oltre la scuola, la formazione continua Negli ultimi anni, in seguito all esperienza maturata con il mondo scolastico, ad attività didattiche svolte in occasioni di importanti mostre archeologiche ed in concomitanza con la riflessione sui pubblici attuata a livello nazionale ed internazionale, è maturata la scelta di rivolgersi a fasce diverse di pubblico nel desiderio di sperimentare e promuovere la formazione permanente del cittadino, la cosiddetta lifelong learning, come avviene ormai in tutte le istituzioni che si occupano di educazione al patrimonio. Nella consapevolezza che per ogni pubblico è necessaria una ricerca e un analisi su motivazioni, bisogni e attese, si sono quindi pensati, elaborati e strutturati, nell ottica di una sperimentazione sistematica e verificabile, percorsi formativi diversi rispetto alle tradizionali visite guidate, rivolti a pubblici differenti per esigenze e fasce d età: famiglie, adolescenti diversamente abili, adulti singoli e gruppi di adulti. Una sperimentazione significativa, che ha portato risultati positivi, sia personali che anche di pubblico, è stato il progetto in partenariato rivolto ad un gruppo di adolescenti diversamente abili che frequentavano il centro Fig. 7 Piè zoppi man di fata le meraviglie di Vulcano presso area archeologica Acqua Fredda al passo di Redebus (foto Archivio Soprintendenza). 97 Fig. 8 L ultimo guerriero retico. Lettura interpretata presso il villaggio di Fai della Paganella (foto Archivio Soprintendenza).

9 Insegnare la Preistoria. Scuole, 4 Luisa Moser L archeologia restituita ai cittadini. Percorsi nella Preistoria dalla scuola dell infanzia alla quarta età 98 diurno Il Paese di Oz, che è localizzato in un palazzo adiacente alla nostra struttura. I ragazzi hanno partecipato ai laboratori adeguatamente strutturati per loro che avevano come tema la lavorazione dell argilla nell antichità, il mosaico, l affresco e la tessitura. Durante l estate sia presso il Museo Retico di Sanzeno, in concomitanza con esposizioni temporanee, sia presso le aree archeologiche di Fiavè, Acqua Fredda al Passo di Redebus, a Fai della Paganella, San Martino di Tenno e San Martino di Lundo si propongono laboratori didattici, spettacoli teatrali, performance musicali e laboratori di archeologia sperimentale condotti da esperti, rivolti a gruppi di famiglie e ad un pubblico diversificato. Le attività di laboratorio e di archeologia sperimentale sono pensate e progettate per fornire un momento formativo comune, partecipato e significativo: bambini e adulti lavorano fianco a fianco, condividendo conoscenze e competenze e mettendo in atto ciascuno le proprie abilità. Gli spettacoli teatrali e le performance musicali sono sempre legate al museo e/o all area archeologica che li ospita: gli eventi così raccontano la storia del sito, il museo e il patrimonio si integrano con ciò che viene proposto e sono contestualizzati e non diventano un mero contenitore dell evento in sé. Le attività promosse in particolare durante l estate sono organizzate in collaborazione con i diversi partner che operano sul territorio, in particolare aziende di promozione turistica, comuni, consorzi delle pro loco e associazioni. Le comunità in cui il bene archeologico è collocato vengono coinvolte direttamente nell azione di valorizzazione: in questo modo i cittadini si sen- Fig. 9 Laboratorio di ricerca nell ambito del progetto con la scuola primaria di Fiavè (foto Archivio Soprintendenza).

10 piccoli musei e territorio md tono responsabili, hanno un coinvolgimento attivo ed anche emotivo nella programmazione delle attività legate al patrimonio e metteranno in atto buone pratiche di tutela e conservazione. Riferimenti bibliografici F. Bazzanella, 2008, A scuola con l archeologia - Alla scoperta dell abitato fortificato del Doss Castel di Fai della Paganella. Progetto didattico con la scuola primaria Don Luigi Rossi di Fai della Paganella - Trento, anno scolastico Fascicolo 24. F. Bazzanella, M. R. Caviglioli, L. Moser, R. Roncador, 2010, Con l archeologia sulle tracce del passato. La Piana Rotaliana dalla Preistoria all epoca romana. Progetto Didattico. Soprintendenza per i Beni librari, archivistici e archeologici della Provincia Autonoma di Trento. C. Cremonesi, 2007, A scuola con l archeologia - Il sito neolitico de La Vela di Trento. Progetto didattico con la scuola primaria San Vigilio di Vela - Trento, anno scolastico Fascicolo 23. L. Moser, 2006, Long way. I 15 anni di esperienza dei Servizi Educativi della Soprintendenza. In «Archeoworks», n. 2. Esperimenti ed esperienze di archeologia a Fiavè e dintorni. Provincia Autonoma di Trento. 99 I servizi educativi L équipe di lavoro dei Servizi educativi costituita, oltre che da chi scrive, da educatrici museali laureate in archeologia con master di specializzazione in didattica museale e dell antico, con anni di esperienza nel campo della progettazione e della sperimentazione didattica, elabora laboratori e percorsi e svolge attività di ricerca al fine di rendere esplicita la valenza comunicativa e didattica di ogni oggetto del patrimonio archeologico. Operando all interno della Soprintendenza, abbiamo la possibilità di essere in contatto e di collaborare con gli archeologi, avendo quindi un costante aggiornamento delle attività di ricerca, di scavo e di tutela sul territorio. Lo staff dei Servizi Educativi lavora anche costantemente per aggiornare e ampliare la pubblicazione dei quaderni didattici A scuola con l archeologia: Si tratta di approfondimenti tematici e schede operative inerenti i percorsi proposti o i progetti realizzati in occasione di mostre temporanee o di esperienze in partenariato con le scuole del territorio. Tutte le iniziative dei Servizi Educativi vengono inoltre pubblicizzate tramite la distribuzione del materiale informativo A scuola con l archeologia per quelle attività che hanno come utenza il mondo della scuola, attraverso la stampa e la rivista Archeologos, per quelle proposte che si rivolgono a tutte le altre fasce di pubblico. Le educatrici museali che hanno lavorato in questi anni per i Servizi Educativi con competenza, professionalità ed entusiasmo sono: Francesca Bazzanella, M. Raffaella Caviglioli, Cecilia Cremonesi, Michela Paoli, Mirta Franzoi, Elia Forte, Costanza Miotello, Rosa Roncador ed Elena Silvestri, a cui rivolgo il mio personale ringraziamento per il lavoro di educazione al patrimonio che quotidianamente svolgono con le scuole e sul territorio.

MUSEIALTOVICENTINO per la

MUSEIALTOVICENTINO per la Città di Valdagno Assessorato alle Politiche Culturali Museo Museo Civico D. Dal Lago Civico Palazzo Festari - Corso Italia, 63-36078 Valdagno (VI) MUSEIALTOVICENTINO per la Orario di apertura: sabato

Dettagli

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO

IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO IN MUSEO DALL OGGETTO AL CON-TESTO SCUOLA: Istituto comprensivo di Crespellano (Valsamoggia, Bologna) MUSEO: Museo civico archeologico Arsenio Crespellani di Bazzano (Valsamoggia, Bologna) ALTRI PARTNER:

Dettagli

Attività destinata a raccogliere e a catalogare documenti con l'obiettivo di farli conoscere e diffonderli.

Attività destinata a raccogliere e a catalogare documenti con l'obiettivo di farli conoscere e diffonderli. DOCUMENTAZIONE Attività destinata a raccogliere e a catalogare documenti con l'obiettivo di farli conoscere e diffonderli. Attività di elaborazione, raccolta, organizzazione e diffusione di documenti.

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Proposte di attività con le scuole

Proposte di attività con le scuole In collaborazione con i Comuni di Cismon del Grappa, Valstagna, San Nazario, Campolongo sul Brenta, Solagna, Pove del Grappa, Romano d Ezzelino, Bassano del Grappa OP!IL PAESAGGIO È UNA PARTE DI TE Proposte

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Scuola dell infanzia paritaria Opera Pia G. Cavallini PROGETTO ANNUALE 2012-2013 L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Premessa Il nostro viaggio inizia da un posto a noi molto caro e vicino: la nostra biblioteca!

Dettagli

Archeologia a scuola

Archeologia a scuola Archeologia a scuola Progetto per attività didattiche archeologiche per le scuole primarie e secondarie proposto da: Museo di Archeologia per Roma UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA Piccoli Archeologi Progetto

Dettagli

sms museo d arte per bambini e servizi educativi

sms museo d arte per bambini e servizi educativi sms museo d arte per bambini e servizi educativi sms museo d arte per bambini Il Museo d arte per bambini apre l arte e la cultura artistica all infanzia facendo vivere sia lo spazio museale sia le opere

Dettagli

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone

I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE. a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO. Prof. Paola Perrone I.S.I.S.S. LUIGI SCARAMBONE a.s. 2010-2011 PIANO DI LAVORO F.S. AREA 3 ORIENTAMENTO Prof. Paola Perrone PREMESSA Nell attuale contesto storico, che ha acquisito la tematica europea dell orientamento lungo

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita.

PROGETTARE UNA GITA. A tale scopo i bambini dovranno ricercare la documentazione che permetta di scegliere la META della gita. PROGETTARE UNA GITA Prima di dare avvio al percorso è opportuno condividere con gli alunni tutto il progetto ed eventualmente modificare alcuni elementi in rapporto alla discussione. Gli alunni devono

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI STORIA FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nuclei tematici Uso delle fonti Organizzazione delle Traguardi per lo sviluppo delle competenze Riconosce elementi significativi del passato del suo

Dettagli

Il Museo per la scuola

Il Museo per la scuola MUE CVC D. D G l Museo per la scuola Museo Civico D. Dal ago Palazzo Festari - Corso talia, 63-36078 Valdagno rario di apertura: sabato dalle 16.30 alle 19.00; gli altri giorni su prenotazione. Chiuso

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012

SCUOLA dell' INFANZIA: FONTECHIARO Sez. B a.s. 2011-2012 SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012 Inss.: Masci Luana - Del Gatto Paola Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella

Dettagli

1) Orientarsi nella scuola, conoscenza di spazi e persona della scuola secondaria

1) Orientarsi nella scuola, conoscenza di spazi e persona della scuola secondaria PROGETTO ORIENTAMENTO La scuola secondaria di primo grado è per sua finalità orientativa in quanto favorisce l iniziativa del soggetto per il proprio sviluppo e lo pone in condizione di conquistare la

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Risultati e proposte per l a.s. 2014-2015

PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE. Risultati e proposte per l a.s. 2014-2015 PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Risultati e proposte per l a.s. 2014-2015 1. Il gruppo Contarina Spa 2. L educazione ambientale 3. Obiettivi dei progetti 4. Risultati raggiunti 5. Proposte per anno scolastico

Dettagli

Benevento, 3 e 4 marzo 2011

Benevento, 3 e 4 marzo 2011 Benevento, 3 e 4 marzo 2011 1 La funzione educativa è uno dei compiti caratterizzanti il museo, come dichiarato negli Statuti dell International Council of Museums (ICOM), riconosciuti da tutte le istituzioni

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE?

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE? P.A.I.S. La scuola elementare Manzoni Bolzano Mirella Tronca, assistente agli alunni in situazione di handicap PERCHE DOCUMENTARE? La documentazione è una scienza per conoscere e una tecnica per far conoscere.

Dettagli

I.C. GIOVANNI FALCONE SAN GIOVANNI LA PUNTA PROGETTO CONTINUITA ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015/2016

I.C. GIOVANNI FALCONE SAN GIOVANNI LA PUNTA PROGETTO CONTINUITA ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 I.C. GIOVANNI FALCONE SAN GIOVANNI LA PUNTA PROGETTO CONTINUITA ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LA SCUOLA CREA LE OCCASIONI PER LA CRESCITA DI CIASCUN ALLIEVO IO CREO IO APPRENDO Scuola dell infanzia

Dettagli

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta

Percorso di Storia e Geografia. per la classe seconda della Scuola Primaria. Insegnante: Di Nucci Nicoletta Percorso di Storia e Geografia per la classe seconda della Scuola Primaria Insegnante: Di Nucci Nicoletta Questo percorso è stato svolto nelle classi seconde, nell anno scolastico 2007/2008. In teoria

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Corrado Alvaro Chiaravalle Centrale. Progetto Coltivare. in continuità. Una favola d orto

Istituto Comprensivo statale Corrado Alvaro Chiaravalle Centrale. Progetto Coltivare. in continuità. Una favola d orto Istituto Comprensivo statale Corrado Alvaro Chiaravalle Centrale Progetto Coltivare. in continuità Una favola d orto Mai più le parole senza le cose, mai più le parole e le cose senza le azioni (Giuseppina

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI P R O G E T T O D I C I R C O L O NOI A SCUOLA DI RACCONTERIA PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI PREMESSA Com è possibile riuscire a far sì che

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Denominazione Ente: MART MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO Indirizzo: CORSO BETTINI, 43 38068 ROVERETO (TN) Recapito telefonico: 0464/454119

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Relazione finale del progetto

Relazione finale del progetto Relazione finale del progetto Un percorso nella Cappella Palatina DOL 2009 classe E_13 tutor Domenico Franzetti Corsista: Vincenza Saia Il progetto Un percorso nella cappella Palatina nasce dall esperienza

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone

Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone Giosue Carducci: audioguida on line per smartphone Istituzione scolastica capofila: Istituto comprensivo 12 di Bologna Scuola secondaria di primo grado Luigi Carlo Farini Museo: Biblioteca-archivio Casa

Dettagli

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI STORIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Individuare le tracce e usarle come fonti per produrre conoscenze sul proprio passato, della generazione degli adulti e della comunità di appartenenza.

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano

Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Cavriana Museo Archeologico dell Alto Mantovano Il Museo Archeologico dell Alto Mantovano, fondato nel 1967 e allestito a cura del Gruppo Archeologico Cavriana,

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

referente dr.ssa Paola Di Tommaso In collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Abruzzo

referente dr.ssa Paola Di Tommaso In collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Abruzzo referente dr.ssa Paola Di Tommaso In collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell Abruzzo referente dr. Andrea R. Staffa ispettore direttore coordinatore presentano Scavi Storia Sensazioni

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro!

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro! ADM Associazione Didattica Museale Progetto Vederci Chiaro! Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile del Dipartimento dei Servizi Educativi del Museo Civico di Storia Naturale

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

BREVE STORIA DEL PROGETTO VULCANOLOGIA

BREVE STORIA DEL PROGETTO VULCANOLOGIA BREVE STORIA DEL PROGETTO VULCANOLOGIA UNA STORIA LUNGA DODICI ANNI DIPARTIMENTO DI SCIENZE NATURALI DEL CANNIZZARO e ASSOCIAZIONE CULTURALE VULCANI E AMBIENTE DI PALERMO NATURA DELL INTERVENTO Nello specifico,

Dettagli

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA

L UOMO È CIÒ CHE MANGIA L UOMO È CIÒ CHE MANGIA Motivazione Oggi l alimentazione ha assunto un ruolo importante nella determinazione della qualità della vita: essa, pertanto, si configura quale strumento indispensabile per l

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI VARALLO ORDINE DI SCUOLA: SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: ARTE E IMMAGINE Competenze attese al termine delle classi: Prima/Seconda/Terza -Seguire con attenzione spettacoli di vario

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia

Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia Dall analisi del monitoraggio d Istituto effettuato nel maggio 2015 attraverso questionari somministrati agli alunni e ai genitori è emerso che sia gli alunni che i genitori apprezzano: - competenze e

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/2016 CLASSI QUINTE Disciplina: GEOGRAFIA

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/2016 CLASSI QUINTE Disciplina: GEOGRAFIA DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/2016 CLASSI QUINTE Disciplina: GEOGRAFIA Profilo d uscita L alunno: Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA INDICE Il piano dell offerta formativa:premessa Vision e mission dell Istituto2 Le nostre scuole Contesto di riferimento Analisi dei bisogni formativ Offerta formativa Scelte

Dettagli

Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA

Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA Plesso di COLLETORNESE Progetto Natale IL DONO Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVARO SCUOLA DELL INFANZIA Plesso di COLLETORNESE

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia

PROGETTO CONTINUITÀ. Anno scolastico 2015/2016. Docente referente: Franzosi Flavia PROGETTO CONTINUITÀ Anno scolastico 2015/2016 Docente referente: Franzosi Flavia PREMESSA Motivazione del Progetto La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno a un percorso

Dettagli

FIABE DALLA SCOZIA. Espone alla classe fiabe lette seguendo l ordine cronologico.

FIABE DALLA SCOZIA. Espone alla classe fiabe lette seguendo l ordine cronologico. UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Prodotti Competenze mirate FIABE DALLA SCOZIA TAM LIM, JANET E LA REGINA DEL PICCOLO POPOLO LA FIGLIA DEL MARE Tratte dal libro Il canto delle scogliere Luigi Dal Cin

Dettagli

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012

PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGRAMMA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 DI PALO IN PALAFITTA ALLA SCOPERTA DEL SITO ARCHEOLOGICO DEL LAVAGNONE DI DESENZANO E DELLA VITA IN UN VILLAGGIO PALAFITTICOLO DELL ETÀ DEL B RONZO. T IPOLOGIA Percorso

Dettagli

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley

PICENTINI IN LUCE. Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley PICENTINI IN LUCE Dall economia agricola all economia dell immaginario, dal Cinema Moderno a Giffoni Multimedia Valley Seminario di studio per insegnanti ed operatori culturali Laboratori didattici per

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI GEOGRAFIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO GEOGRAFIA Ambito disciplinare GEOGRAFIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Dettagli

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI

RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE COLLEZIONE ARCHEOLOGICA ASSICURAZIONI GENERALI PROGETTO DIDATTICO PROMOSSO DA ASSICURAZIONI GENERALI RADICI DEL PRESENTE Progetto promosso da Assicurazioni Generali Ideato e realizzato

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

Le attività si svolgono solo su prenotazione dal 1 settembre 2014 al 10 giugno 2015.

Le attività si svolgono solo su prenotazione dal 1 settembre 2014 al 10 giugno 2015. Orto Botanico di Catania Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali Università degli Studi di Catania Via A. Longo, 19 95125 Catania tel. 095-430902; e-mail: orto.scuola@yahoo.it L ORTO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI STORIA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 INSEGNANTI Sommavilla Patrizia IB Vitrone Valentina IA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione

Cittadinanza e Costituzione Cittadinanza e Costituzione Anno Scolastico 20010/11 Progetto di Cittadinanza e Costituzione Finalità Essere cittadini di un mondo in continuo cambiamento ha come premessa il conoscere e il porre in atto

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI II LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO LABORATORIO CONTENUTI: DURATA: 2 h

LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI II LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO LABORATORIO CONTENUTI: DURATA: 2 h LABORATORI DIDATTICI PER LA SCUOLA SECONDARIA DI II LIVELLO MUSEO ARCHEOLOGICO DI ARCINAZZO ROMANO VILLA DI TRAIANO INDICARE FASCIA SCOLASTICA DI LABORATORIO UN ARTE NATA MOLTO TEMPO FA: LA TESSITURA!

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015

Anno scolastico 2014-2015 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 17 CIRCOLO VIA CASTIGLIONE CAGLIARI POF Anno scolastico 2014-2015 VERIFICA E VALUTAZIONE DELLE ATTIVITA Nella cornice educativa delineata si è inserita la MACROPROGETTUALITÀ

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE Campo d Esperienza: IL SE E L ALTRO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CONOSCENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Manifestare il senso dell

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE Titolo: TURISTA CURIOSO TRA I TRULLI! Destinatari: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia. Risorse professionali: docenti dell ordine di scuola Compito unitario:

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF)

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) 1.1 Denominazione progetto Indicare denominazione del progetto Il Progetto, denominato Educare con l arte, si articola in due Sezioni :

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI

SPAZI PER BAMBINI E ADULTI PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE ISTRUZIONE, FORMAZIONE, LAVORO E POLITICHE SOCIALI allegato e Gruppo di Coordinamento Provinciale dei servizi integrativi SPAZI PER BAMBINI E ADULTI QUESTIONI, RIFLESSIONI

Dettagli

Il curricolo geografico nella scuola primaria

Il curricolo geografico nella scuola primaria Il curricolo geografico nella scuola primaria 1 La crisi dell insegnamento della geografia in Italia Curricolare (la geografia come transdisciplina) Epistemologica (quale sia il vero obiettivo dell insegnamento

Dettagli