BILANCIO SOCIALE 2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO SOCIALE 2006"

Transcript

1 BILANCIO SOCIALE 2006

2 ITALIA LAVORO è una società per azioni, costituita nel 1997 in attuazione di una Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri, totalmente partecipata dal Ministero dell Economia e delle Finanze opera, per legge,come agenzia tecnica per conto del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale e delle altre Amministrazioni Centrali dello Stato nella promozione e nella gestione di azioni nel campo delle politiche del lavoro dell occupazione e dell'inclusione sociale CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente: Marco Fabio Sartori Amministratore Delegato: Natale Forlani Consiglieri: Marcello Amato, Franco Chinetti, Maria Lucia Galdieri, Gian Mario Selis, Alessandro Rivera COLLEGIO SINDACALE Presidente: Pietro Schinigoi Sindaci effettivi: Claudio Lenoci, Gianluca Orrù MAGISTRATO DELLA CORTE DEI CONTI Ivan De Musso 2

3 SOMMARIO La struttura...5 Modelli di riferimento...5 PARTE PRIMA - L IDENTITA AZIENDALE...7 La storia...7 Corporate Governance e sistemi di gestione...8 La missione di Italia Lavoro...11 Le priorità...11 Il rapporto con gli stakeholder...11 Gli obiettivi strategici raggiunti nel La strategia per il PARTE SECONDA - IL RENDICONTO SOCIO ECONOMICO Lo Stato Patrimoniale e il Conto Economico...15 La tabella degli impieghi...17 Il Conto Economico del Valore Aggiunto...19 La distribuzione del valore aggiunto...20 PARTE TERZA LA RELAZIONE SOCIALE Gli Stakeholder di Italia Lavoro...24 Italia Lavoro e gli Azionisti...28 I risultati economici, patrimoniali e finanziari...28 Italia Lavoro e i Clienti...35 I Progetti di Italia Lavoro S.p.A I principali risultati raggiunti nel Italia Lavoro e i Partner...50 Italia Lavoro e i Partner Istituzionali...50 Italia Lavoro e i Soci...51 Le società a capitale interamente pubblico per la gestione di servizi pubblici locali...51 Italia Lavoro e i Fornitori...57 I fornitori di beni e servizi...57 La procedura acquisti e l albo fornitori...58 Gli occasionali e i professionisti...59 Italia Lavoro e lo Stato...61 Italia Lavoro e le Risorse Umane...63 Linee politiche e valori di riferimento...63 Politiche di sviluppo e valorizzazione del personale...65 La Formazione...66 PARTE QUARTA - IL VALORE SOCIALE AGGIUNTO

4 BILANCIO SOCIALE 2006 PREMESSA 4

5 La struttura L Identità Aziendale Il Rendiconto Socioeconomico La Relazione Sociale Il Valore Sociale Aggiunto presenta in sintesi i valori guida e il profilo della Società rappresenta la congiunzione con il Bilancio di Esercizio illustra le interazioni con gli stakehoder della Società offre una stima del valore sociale aggiunto generato dagli interventi di Italia Lavoro Modelli di riferimento Il Progetto CSR SC: per l individuazione delle macrocategorie di stakeholder e per le linee guida e i criteri condivisi per la valutazione, la rendicontazione e la verifica delle pratiche di Corporate Social Responsibility. E stato elaborato dall Università Bocconi di Milano per il Ministero del Lavoro e presentato nel dicembre L AccountAbility 1000 (AA 1000): per lo standard di processo di elaborazione utilizzato; il modello è stato sviluppato dall'isea (Institute of Social and Ethical Accountability), che si articola in cinque fasi, Pianificazione; Accounting; Auditing e reporting; Incorporazione; Impegno verso gli stakeholder. Le Linee Guida del Global Reporting Initiative (GRI): per i principi a cui il documento si ispira e per i contenuti fondamentali che devono essere sviluppati all interno del documento. Il GRI è un istituzione internazionale, affiliata alle Nazioni Unite, che ha fornito alcune Linee Guida utili per dare una rappresentazione pubblica della performance economica, ambientale e sociale in relazione alle attività, ai prodotti ed ai servizi di una organizzazione. Il Modello GBS: per gli indicatori di performance economica, sociale ed ambientale, per la struttura del documento e il modello di rendiconto socioeconomico. Presentato nel maggio 2001 dal Gruppo di studio per il Bilancio Sociale fornisce uno standard riguardo ai principi di redazione, alla struttura e ai contenuti che dovrebbe avere un bilancio sociale. In particolare è stato standardizzato un modello di rendiconto socio economico che permette di calcolare il valore aggiunto globale netto creato dall azienda e ripartito agli stakeholder. 5

6 BILANCIO SOCIALE 2006 PARTE PRIMA L Identità Aziendale 6

7 PARTE PRIMA - L IDENTITA AZIENDALE La storia 13 maggio 1997 Italia Lavoro Spa nasce in attuazione della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del per la promozione, la progettazione la realizzazione e la gestione di attività ed interventi finalizzati allo sviluppo dell'occupazione sull'intero territorio nazionale, con particolare riguardo alle aree territoriali depresse ed ai soggetti svantaggiati del mercato del lavoro. 21 maggio 1998 Il Decreto Interministeriale Tesoro-Lavoro del individua Italia Lavoro spa quale organo tecnico specifico per fornire supporto agli enti locali al fine di attuare interventi di politiche attive del lavoro. 9 gennaio 1999 con il D.Lgs. 1/99 la partecipazione azionaria di Itainvest spa in Italia Lavoro spa è stata trasferita al Ministero dell Economia e delle Finanze, che esercita i diritti dell azionista su Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri d intesa con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. 28 dicembre 2001 La legge del 28 dicembre 2001, n. 448 (Finanziaria 2002) stabilisce che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali si avvale di Italia Lavoro spa per la promozione e la gestione di azioni nel campo delle politiche attive del lavoro e dell assistenza tecnica ai servizi per l impiego. In tale contesto normativo Italia Lavoro spa si configura come una in house agency per l amministrazione. 31 marzo 2005 La legge del 31 marzo 2005, n. 43 stabilisce che il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, nell'esercizio delle proprie funzioni in materia di politiche del lavoro, dell'occupazione, della tutela dei lavoratori, e delle competenze in materia di politiche sociali e previdenziali, si avvale di Italia Lavoro Spa, previa stipula di apposita convenzione. Per la promozione e la gestione di attività riconducibili agli ambiti di cui al comma 1, le altre amministrazioni centrali dello Stato possono avvalersi di Italia Lavoro Spa d'intesa con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, nel rispetto della convenzione di cui al comma 1. Per ciascuno degli anni 2005, 2006 e 2007, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali assegna a Italia Lavoro Spa 10 milioni di euro quale contributo agli oneri di funzionamento ed ai costi generali di struttura. 7

8 Corporate Governance e sistemi di gestione L azionista, il Ministero dell Economia, ha scelto per Italia Lavoro, in aderenza alla sua natura giuridica e come previsto dalla Direttiva istitutiva, l assetto tipico delle Società per Azioni. Conseguentemente Italia Lavoro è amministrata da un Consiglio di Amministrazione, composto da un minimo di tre ad un massimo di sette membri che durano in carica 3 anni e sono rieleggibili. Il Consiglio di Amministrazione ha i più ampi poteri per l ordinaria e straordinaria amministrazione della Società e, più segnatamente, ha la facoltà di compiere tutti gli atti di gestione che ritenga opportuni per l attuazione e il raggiungimento degli scopi sociali. Il collegio sindacale è composto da 3 sindaci effettivi. Gli stessi restano in carica per 3 esercizi e scadono alla data dell assemblea convocata per l approvazione del bilancio relativo al terzo esercizio della carica L ALTA DIREZIONE L attuale Consiglio di Amministrazione, nominato il 3 agosto 2005 e composto da 7 membri, è presieduto da Marco Fabio Sartori, consigliere dal 3 luglio Il Consiglio di Amministrazione, il 25 agosto 2005, ha confermato per la terza volta nella carica di Amministratore Delegato, attribuendogli i poteri della gestione, Natale Forlani, già Consigliere d Amministrazione della Società dal 14 luglio 1999 e Amministratore Delegato dal 19 maggio Il 18 settembre 2001 l Ing. Mauro Tringali è stato designato come Coordinatore di Gestione delle attività aziendali. 8

9 STAFF - I processi tipici di supporto dell azienda (affari legali, amministrazione, controllo di gestione, risorse umane, approvvigionamenti, sistema qualità, bilancio sociale, monitoraggio e valutazione ecc.) sono concentrati negli staff che sono al servizio dell Alta Direzione e dei progetti. DIVISIONI Le Divisioni Promozione e Gestione Partecipate e Innovazione delle Tecnologie e Metodologie si occupano rispettivamente di promuovere e gestire le società partecipate e di garantire lo sviluppo, la gestione e la promozione dell infrastruttura tecnologica della Società. UNITÀ TERRITORIALI - Italia Lavoro opera attraverso una struttura centrale con sede a Roma ed una rete di Unità Territoriali in quasi tutte le regioni d Italia, che rappresentano la Società sul territorio sviluppando contatti e iniziative commerciali locali, progettando e realizzando sul territorio i progetti regionali o le iniziative previste dai grandi progetti nazionali. SEDE DI BRUXELLES - La Società dispone inoltre di un ufficio di rappresentanza a Bruxelles per la promozione delle attività in sede UE e la costruzione di relazioni internazionali e partnership con soggetti europei per la promozione di progetti transnazionali. PROGETTI - I servizi di Italia Lavoro sono erogati attraverso un modello centrato sulla gestione delle attività produttive per progetti. Lo scopo principale è quello di orientare e focalizzare l attività al raggiungimento del risultato finale e di pianificare, realizzare e controllare tutte le risorse, da quelle economiche a quelle umane, in maniera tale da gestire gli interventi in maniera efficace ed efficiente. BRUXELLES MILANO VICENZA BOLOGNA TORINO GENOVA PERUGIA SPOLETO FIRENZE PESCARA BARI LECCE ROMA NAPOLI POTENZA RENDE PALERMO LICATA 9

10 Il Sistema di Gestione per la Qualità Da aprile 2005 Italia Lavoro è certificata alla norma UNI EN ISO 9001:2000. Il Sistema di Gestione per la Qualità di Italia Lavoro è stato ritenuto sostanzialmente conforme ai requisiti della norma ISO; è stato dato un giudizio generale estremamente positivo sullo stato dell Organizzazione, sul grado di applicazione del Sistema, sul livello di motivazione e coinvolgimento della struttura, sull interpretazione costruttiva del Sistema e sulla volontà espressa di miglioramento dei processi e degli strumenti di controllo. Il livello di maturità raggiunto dal Sistema di Gestione aziendale, è stato definito buono ed è utilizzato per migliorare i processi e le performance aziendali. E stata, inoltre, riscontrata una particolare attenzione e sensibilità della struttura sulle tematiche della qualità e sull importanza di gestire i processi sia produttivi che di supporto in maniera efficace ed efficiente. I punti di forza che sono emersi dalla verifica sono risultati: l adozione dal marzo 2001 dell approccio per processi, promosso dalla UNI EN ISO 9001:2000 punto 0.2, e della sua funzionalità e coerenza agli orientamenti di progettazione organizzativa adottati dall azienda; il fatto che il modello di processo a cui fa riferimento Italia Lavoro è lo stesso individuato dalla norma basato sul principio di Deming noto come PDCA (Plan Do Check Act) in quanto la Società, attraverso il Sistema di Gestione per la Qualità che ha implementato, gestisce i suoi processi produttivi pianificandoli, realizzandoli, controllandoli e adottando azioni per migliorarli; la peculiarità dei processi diretti di Italia Lavoro che: Ø hanno un articolata fase di promozione, pianificazione, realizzazione e rilascio; Ø sono controllati e ripianificati in fase di progettazione e realizzazione allorquando emergano particolari problematiche o esigenze; Ø sono gestiti adottando le stesse metodologie, strumenti e modelli di rappresentazione propri della cultura del project management al fine di strutturare ed ottimizzare la gestione dell'insieme delle attività necessarie per la realizzazione di ogni tipologia di progetto. L organismo di Vigilanza ex D. Lgs. 231/2001 e il Codice Etico Il Consiglio di Amministrazione del 23 marzo 2004 ha deliberato di costituire un Organismo di Vigilanza ai sensi degli art. 6 e 7 del D.Lgs. 231/2001 che introduce nell ordinamento italiano un regime di responsabilità amministrativa (riferibile sostanzialmente alla responsabilità penale) a carico degli enti per alcuni reati commessi, nell interesse o a vantaggio degli stessi, da persone fisiche in posizione apicale o sottoposte alla direzione o vigilanza di uno dei soggetti sopra indicati. L organismo di Vigilanza di Italia Lavoro, chiamato tra l altro a valutare l idoneità, il funzionamento e l osservanza del Modello di organizzazione e gestione necessario a prevenire la commissione dei reati richiamati dal D.Lgs., è composto da 2 membri del CdA, non aventi deleghe operative, e da un dirigente. Il 22 luglio 2004 il CdA ha approvato il Codice Etico. 10

11 La missione di Italia Lavoro Offrire servizi e svolgere azioni nell ambito delle competenze esclusive e concorrenti che la Costituzione assegna allo Stato in materia di lavoro Le priorità Diritti di cittadinanza e livelli essenziali di prestazioni I cittadini svantaggiati prima di tutto Welfare to work per superare le crisi occupazionali Verso l Europa dell Innovazione e della conoscenza La Borsa e la riforma del mercato del Lavoro Scuola e lavoro per l occupabilità Integrazione e inclusione sociale in una società più equa Il rapporto con gli stakeholder Rispondere con efficacia ed efficienza agli indirizzi degli azionisti Valorizzare le risorse umane Sviluppare rapporti strategici con i partner Erogare servizi di qualità ai clienti Rafforzare il rapporto fiduciario con i fornitori Assicurare allo Stato rapporti collaborativi e trasparenti Coltivare il dialogo con la comunità, contribuendo allo sviluppo economico e sociale del territorio 11

12 Gli obiettivi strategici raggiunti nel 2006 Sono proseguite le attività già avviate rivolte alle competenze in capo al MLPS, e altre sono state avviate, con un ulteriore rafforzamento del ruolo di Agenzia strumentale del Ministero e sono state confermate a pieno titolo le attività che Italia Lavoro SpA svolge per conto di ulteriori Ministeri (Ministero Attività Produttive, MIUR, Ministero dell Ambiente, Ministero della Salute, ecc.).. È migliorato il profilo dell assistenza tecnica verso altre amministrazioni, volto sia alla organizzazione di reti relazionali, sia al trasferimento di tecnologie e metodologie di intervento; diverse azioni possono essere catalogate come best practice anche a livello Europeo e sono, come tali, presentate in consessi internazionali. E stato progettato, finanziato e avviato un importante programma (FIXO) finalizzato al collegamento tra Università e mercato del lavoro, che prevede l assistenza a poco più di 60 Università per la realizzazione ed il potenziamento dei servizi di placement, collegati alla Borsa Lavoro. L avanzamento del programma rivolto alla creazione della Borsa Nazionale del Lavoro, in particolare il collegamento con la rete federata della Borsa del Lavoro e già avvenuto per quattordici regioni in diverse modalità;in particolare su sei Regioni è stata costituita la redazione delle attività e sono stati conferiti i dati per oltre imprese e oltre cittadini Nelle aree di attività Welfare to Work, scuola lavoro, mobilità del lavoro, inserimento disabili, si è giunti alla definizione di modelli di servizio in grado di rispondere sia alla promozione e realizzazione di policy, sia alla qualificazione di servizi e reti di servizi nel territorio nazionale, secondo standard qualificati. Si è riscontrato nel corso del 2006 un notevole miglioramento del sistema procedurale relativo agli affidamenti derivanti dalle Direzioni dell ex MLPS, in particolare relativo al Fondo Nazionale per l Occupazione e al F.S.E., ottenendo un accelerazione i tempi della messa a regime degli interventi. Si è rafforzato l impegno nella creazione e nel sostegno di reti di relazione e collaborazione tra istituzioni, e tra operatori pubblici e privati, osservabile sia dalle convenzioni sottoscritte, sia dai processi realizzativi dei programmi, che applicano un approccio partecipativo a tutto campo con gli attori interessati (sia nella fase programmatica che realizzativa), relativo agli specifici ambiti di intervento. 12

13 La strategia per il 2007 Lo sviluppo dei programmi relativi all area dei servizi per l incontro domanda e offerta di lavoro si pone per il 2007 sotto una particolare lente densa di significato strategico. La motivazione risiede nel fatto che il 2007 è l anno in cui si manifestano i risultati di importanti interventi ed è l anno nel quale occorre consolidare e valorizzare le esperienze maturate in funzione di scelte più idonee allo sviluppo futuro anche relativamente all utilizzo delle nuove risorse comunitarie. Obiettivi strategici per il 2007 consolidamento ulteriore del ruolo di assistenza tecnica verso le Istituzioni e le Amministrazioni centrali e periferiche, finalizzato alla predisposizione delle reti di servizi, della progettazione e coordinamento delle azioni di politica attiva del lavoro, della formazione degli operatori, delle reti relazionali e di cooperazione pubblico privata completamento della Borsa Lavoro attraverso l evoluzione degli standard operativi e dei sistemi informativi che integrano i tre livelli fondamentali che compongono il SIL: la Borsa Lavoro, il SIL locale e la PLUS (la piattaforma per l erogazione dei servizi del lavoro) messa a regime dei prototipi di servizio (tecnologie, metodologie, interventi verso la domanda e l offerta, standard operativi, valutazione e monitoraggio) rivolti al Welfare to Work, scuola lavoro, mobilità e flussi migratori, disabilità e della loro diffusione territoriale nell ambito dei programmi di attività progressiva integrazione europea dei singoli programmi progetti volta a creare infrastrutture e scambi sovranazionali, assistendo in questa direzione anche le Istituzioni locali. completamento delle aree di attività rafforzando in particolare quelle relative ai flussi migratori, alla cooperazione internazionale e alla inclusione sociale; con particolare riguardo la diffusione di servizi rivolti al reinserimento degli immigrati disoccupati presenti nel territorio nazionale definizione e adeguamento alla nuova programmazione delle risorse comunitarie per il periodo

14 BILANCIO SOCIALE 2006 PARTE SECONDA Il Rendiconto Socio Economico 14

15 PARTE SECONDA - IL RENDICONTO SOCIO ECONOMICO Il rendiconto socio economico rappresenta la principale congiunzione tra il Bilancio Sociale e il Bilancio di esercizio approvato dall Assemblea dei Soci; in particolare è una chiave di lettura del bilancio civilistico più funzionale alle finalità proprie del bilancio sociale Lo Stato Patrimoniale e il Conto Economico Lo Stato Patrimoniale e il Conto Economico della Società sono stati riclassificati per renderli più chiari e facili da leggere IMPIEGHI Stato Patrimoniale Stato Patrimoniale sintetico al FONTI DI sintetico al 31 dicembre 2006 FINANZIAMENTO 31 dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre 2005 Liquidità immediate Passività correnti operative Liquidità differite Passività correnti finanziarie - - Attività disponibili PASSIVITA' CORRENTI ATTIVO CORRENTE Passività consolidate operative Passività consolidate finanziarie - - Immobilizzazioni materiali PASSIVITA' CONSOLIDATE Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni finanziarie CAPITALE DI TERZI Crediti oltre l'esercizio succ ATTIVO IMMOBILIZZATO CAPITALE PROPRIO CAPITALE INVESTITO TOTALE DELLE FONTI

16 CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO al 31 dicembre dicembre dicembre 2005 ricavi delle vendite e prestazioni (1) variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti (2) variazioni dei lavori in corso (3) incrementi di immobilizzazioni immateriali (4) altri ricavi e proventi (5) = Valore della produzione del periodo (A) per mat. prime, suss., di consumo e di merci (6) variazione delle rimanenze di materie prime sussidiarie, di consumo e merci (11) 0 0 = Consumi di materie (Costo del Venduto) Consumi di servizi (7+8+14) = Consumi di materie e servizi (B) = Valore Aggiunto (A-B) Costi per il personale (9) = Margine operativo lordo ammortamenti e svalutazioni (10) Accantonamenti (12+13) = Risultato operativo Saldo della gestione finanziaria ( ) = Risultato della gestione ordinaria Saldo della gestione straordinaria (20-21) = Risultato prima delle imposte imposte sul reddito dell'esercizio = UTILE DELL'ESERCIZIO

17 La tabella degli impieghi La tabella degli impieghi permette di evidenziare i costi della produzione sostenuti per le attività svolte da Italia Lavoro nell esercizio 2006 nell ambito delle aree strategiche di intervento; la tabella permette di cogliere, cosa che la sola lettura del conto economico non consente, il reale significato e l effettiva portata delle attività di Italia Lavoro, la cui mission, pur essendo la Società un soggetto di diritto privato, è essenzialmente di tipo pubblico, sociale in particolare Dall analisi dei costi della produzione suddivisi per area strategica gli investimenti di Italia Lavoro sulle politiche per l occupabilità sono aumentati del 20% (rispetto all ammontare complessivo dei costi della produzione dell intero esercizio finanziario 2006) nell ultimo anno, attestandosi a un valore vicino ai 23 milioni di euro. Gli sforzi concentrati nell area strategica Servizi per l incontro domanda e offerta di lavoro sono stati pari a euro, passando dal 38% del 2004 al 18% del Le attività relative all area Politiche attive per il reinserimento delle categorie deboli nel mercato del lavoro hanno prodotto euro di costi passando dal 29% al 20% negli ultimi 2 anni. Area Strategica Servizi per l'incontro domanda e offerta di lavoro Politiche per il reinserimento fasce deboli e disoccupati di lunga durata progetti Costi della produzione 2006 numero % uro % 24 20, , , ,9 Politiche per l occupabilità 19 16, ,6 Politiche migratorie e cooperazione internazionale Politiche per i diversamente abili e per l inclusione sociale 19 16, ,0 3 2, ,6 Altro 19 16, ,1 Totale , ,0 17

18 3% % 20% 30% 8% 22% 3% % 26% 10% 7% 27% 1% % 29% 12% 7% 13% 0% 20% 40% 60% 80% 100% incontro D/O lavoro occupabilità diversamente abili e inclusione sociale reinserimento immigrati e coop.ne int.le Altro 18

19 Il Conto Economico del Valore Aggiunto La riclassificazione del Conto Economico in funzione del Valore Aggiunto Globale Netto, secondo il modello del Conto Economico del Valore Aggiunto studiato dal GBS 1 consente di quantificare il valore aggiunto (includendo esclusivamente partite che transitano in bilancio) prodotto da Italia Lavoro nell esercizio 2006 e distribuito ad alcuni stakeholder interni ed esterni che hanno contribuito a determinarlo CONTO ECONOMICO DEL VALORE AGGIUNTO 2004, 2005, dicembre dicembre dicembre 2004 ricavi delle vendite e prestazioni (1) variazioni delle rimanenze di prodotti in 0 corso di lavorazione, semilavorati e finiti (2) variazioni dei lavori in corso (3) incrementi di immobilizzazioni immateriali (4) altri ricavi e proventi (5) = Valore della produzione del periodo (A) = Costi intermedi della produzione = Valore Aggiunto Caratteristico Lordo (A-B) C) Componenti finanziari e straordinari + Saldo gestione finanziaria ( ) Saldo gestione straordinaria (20-21) = TOTALE (gestione accessoria + gestione stra.ria) = Valore aggiunto globale lordo (A-B+C) ammortamenti e svalutazioni (10) = Valore aggiunto globale netto Il valore aggiunto globale netto creato e distribuito agli stakeholder è pari a euro, di cui il 32% e il 45% è stato ripartito ai dipendenti e ai collaboratori, il 3% all impresa e il 20% allo Stato 1 I principi di Redazione del Bilancio Sociale GBS Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale, maggio

20 La distribuzione del valore aggiunto VALORE AGGIUNTO GLOBALE NETTO Dipendenti Stato salari e stipendi oneri sociali dip TFR oneri sociali coll altri costi imposte Impresa Finanziatori utili non distribuiti interessi e oneri fin accantonamenti Collaboratori emolumenti

21 Collaboratori 45% Dipendenti 32% Stato 20% Impresa 3% Stakehoder uro % uro % uro % Dipendenti , , ,0 Stato , , ,4 Impresa , , ,0 Finanziatori , , ,0 Collaboratori , , ,6 Azionisti 0 0,0 0 0,0 0 0,0 Valore aggiunto globale netto , ,% , Valore aggiunto globale netto

22 Dipendenti Stato Impresa Collaboratori 22

23 BILANCIO SOCIALE 2006 PARTE TERZA La Relazione Sociale 23

24 PARTE TERZA LA RELAZIONE SOCIALE Questa sezione contiene la descrizione qualitativa e quantitativa dei risultati ottenuti in relazione agli impegni assunti, ai programmi realizzati ed agli effetti prodotti sui singoli stakeholder. Oltre ai risultati economici desunti dal bilancio d esercizio e già indicati nel prospetto del valore aggiunto, Italia Lavoro ha prodotto e distribuito, in modo diretto o indiretto con maggiore o minore consapevolezza, altre utilità per i propri stakeholder, che qui si cercherà di identificare, descrivere e, fin dove possibile, misurare (valore sociale aggiunto) Prima Parte L Identità Aziendale Seconda Parte e Quarta Parte Rendiconto Socioeconomico e Valore Sociale Aggiunto Terza Parte La Relazione Sociale Valore aggiunto globale netto FORNITORI STATO RISORSE UMANE (FINANZIATORI) (IMPRESA) ITALIA LAVORO RELAZIONI Valore sociale aggiunto AZIONISTI CLIENTI PARTNER (COMUNITA ) Gli Stakeholder di Italia Lavoro Nel processo di elaborazione del documento Italia Lavoro ha prestato grande attenzione nell individuare i suoi interlocutori perché, proprio per la particolarità dell attività svolta e degli obiettivi sociali da conseguire, alcuni di loro non sono solo strategici ma fondamentali per il raggiungimento della mission aziendale. La mappa che è stata scelta per la loro rappresentazione evidenzia come Italia Lavoro ponga tutti i suoi stakeholder sullo stesso piano; la differenza sta nel diverso grado di coinvolgimento, dovuto ad una differente intensità di rapporti, che sarà illustrato più dettagliatamente nella Relazione Sociale. 24

25 Gli stakeholder individuati, con i quali la Società ha un intensità di rapporti maggiore rispetto agli altri, sono raggruppati in 7 categorie conformemente al modello CSR 2 (Corporate Social Responsibility), scelto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, e quindi fatto proprio anche da Italia Lavoro: azionisti (Ministero del Lavoro e Ministero dell Economia) risorse umane (dipendenti e collaboratori) clienti (committenti/concedenti e destinatari) partner (soci e partner istituzionali) fornitori (fornitori di beni e servizi, consulenti, prestatori d opera occasionali) Stato Comunità (collettività, generazioni future, opinione pubblica) Gli stakeholder individuati formano una sorta di sistema solare attorno a Italia Lavoro. La loro posizione nella figura non acquisisce particolari significati dalla vicinanza o lontananza dal centro, bensì dalla collocazione lungo i due assi cartesiani che propongono due principali dimensioni: 2. Il progetto CSR-SC (Corporate Social Responsability), consiste nello sviluppo di linee guida e criteri condivisi per la valutazione, la rendicontazione e la verifica delle pratiche di Responsabilità Sociale di Impresa SR, è stato inserito dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali tra le priorità del semestre di Presidenza italiana dell'unione Europea (2 semestre 2003) 25

26 la mappa degli stakeholder Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Alto potere decisionale e di indirizzo Governo AZIONISTI Ministeri Soci Partecipate Ministero dell Economia e delle Finanze PARTNER Regioni Provincie Committenti / Concedenti CLIENTI Comuni Imprese e Associ.ni Beneficiari non Diretti Istituzionali Giovani disoccupati Fasce deboli del mercato del lavoro Disabili e immigrati Beneficiari Diretti Dipendenti RISORSE UMANE Lavoratori socialmente utili Disoccupati di lunga durata Collaboratori FORNITORI STATO COMUNITA Basso potere decisionale e di indirizzo 26

27 ITALIA LAVORO E GLI AZIONISTI La MISSIONE verso lo stakeholder è: Rispondere con efficacia ed efficienza agli indirizzi degli azionisti Con riferimento alla MAPPA DEGLI STAKEHOLDER l Azionista è il Governo attraverso il Ministero dell Economia e delle Finanze, titolare del diritto di voto in Assemblea ed il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, titolare del potere di indirizzo 27

28 Italia Lavoro e gli Azionisti Italia Lavoro Spa è partecipata totalmente dal Ministero dell Economia e delle Finanze, che esercita i diritti dell azionista su Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri d intesa con il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali. (D.Lgs. 1 gennaio 1999) Nel rapporto con il Governo nella sua veste di azionista della Società, attraverso il Ministero dell Economia e delle Finanze, che possiede dal 1999 il 100% delle azioni di Italia Lavoro, e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, titolare del potere di indirizzo, l impegno della Società è rivolto essenzialmente verso il mantenimento ed il consolidamento della solidità economica, patrimoniale e finanziaria raggiunta in questi anni, perché l obiettivo indicato dagli azionisti, considerata la natura e la mission aziendale di Italia Lavoro, non è certamente quello di conseguire profitti da distribuire. I risultati economici, patrimoniali e finanziari Valore della produzione Margine Operativo Lordo EBITDA Margine Operativo Netto EBIT Utile d'esercizio Patrimonio Netto Capitale circolante netto Il valore della produzione, pari a euro e in linea con il trend di crescita delle attività aziendali, è aumentato di quasi 23 milioni di euro negli ultimi 4 anni. I costi della produzione sono stati pari a euro, quasi 13 milioni di euro in più rispetto al 2005, e determinano un margine operativo netto (EBIT) negativo per poco più di 630 mila euro. 28

29 Tale margine deriva dalle attività dei progetti svolti nell esercizio al netto dell apporto di alcune componenti positive e negative che derivano da fattori estranei e non ripetibili all attività caratteristica dell Azienda. Il core delle attività svolte dalla Società è rappresentato da progetti finanziati da Enti e Istituzioni, che non possono generare un margine operativo positivo in quanto il valore dei ricavi imputati a bilancio è pari a quello dei costi sostenuti Valore della produzione Costi della produzione Nonostante l EBIT negativo, l utile di esercizio si è attestato a una cifra pari a euro grazie all incidenza della gestione finanziaria netta per , di cui euro di proventi da partecipazioni dovuti alle plusvalenze realizzate dalle cessioni di partecipazioni azionarie, per circa mila euro, e a dividendi incassati dalle società collegate nel corrente esercizio per circa 640 mila euro Utile d'esercizio

30 Margine Operativo Lordo - EBITDA Risultato operativo - EBIT Il patrimonio netto della società al 31 dicembre 2006 pari a poco più di 92 milioni di euro registra un incremento di mila euro a seguito dell avanzo generato dalla fusione per incorporazione della società controllata SCO per mila euro e dell utile di esercizio che Italia Lavoro ovviamente non distribuisce destinandolo alle riserve di patrimonio netto per poco più di 369 mila euro Patrimonio Netto Confermando il trend di crescita dei costi della produzione relativi al personale, dovuto anche quest anno dall aumento del volume e della complessità delle attività di Italia Lavoro, i costi del 30

31 personale ammontano a euro con un incremento del 19% rispetto allo stesso valore del costi del personale

32 Analisi Economica MOL / Valore della produzione 31 dicembre dicembre dicembre dicembre ,9% 2,8% 0,2% 2,2% Debt/equity ratio 1,72 1,37 1,51 2,01 ROE (Return On Equity) ROI (Return On Investment) 6,4% 7,0% 1,0% 0,4% 1,3% 0,1% -0,9% -0,2% Per la natura e la mission di Italia Lavoro gli indicatori di redditività del Patrimonio Netto e degli investimenti, il ROE e il ROI, seppur indicativi non costituiscono un obiettivo per la Società ma, al più, un vincolo. Il Debt equity ratio nel 2006 si è attestato ad un valore di 2,01 mentre il rapporto tra margine operativo lordo e valore della produzione è pari a 2,2%. 12% 10% 9,9% MOL / Valore della produzione ROE (Return On Equity) 8% 7,0% ROI (Return On Investment) 6% 6,4% 4% 2% 0% -2% -4% 1,3% 2,8% 1,0% 2,2% 0,1% 0,2% 0,4% ,2% -0,9% 3 Debt/equity ratio 2,01 2 1,72 1,37 1,

33 Analisi Patrimoniale e Finanziaria Gli indicatori di natura patrimoniale rilevano un ottima solidità patrimoniale. In particolare dall'esame dei rapporti di composizione % degli investimenti e delle fonti di finanziamento emerge una struttura finanziaria fondamentalmente sana ed equilibrata in quanto il capitale proprio (33,2%) copre interamente l'attivo immobilizzato (11,8%) e parte dell'attivo corrente. Dal confronto con il bilancio 2005 emerge un incremento significativo dell attivo corrente dal 81,3% al 88,2% che copre tutte le passività correnti e parte di quelle consolidate ,2% 11,8% ,3% 18,7% ,0% 26,0% ,6% 24,4% 0% 20% 40% 60% 80% 100% attivo corrente attivo immobilizzato ,0% 2,8% 33,2% ,2% 3,0% 39,8% ,8% 6,1% 42,1% ,7% 7,5% 36,8% 0% 20% 40% 60% 80% 100% passività correnti passività consolidate capitale proprio 33

34 ITALIA LAVORO E I CLIENTI La MISSIONE verso lo stakeholder è Erogare servizi di qualità Con riferimento alla MAPPA DEGLI STAKEHOLDER i Clienti raccolgono i Committenti/Concedenti ossia tutti i soggetti pubblici o privati che affidano attività o incarichi a Italia Lavoro a fronte di un corrispettivo di tipo economico (Committenti) ovvero tutti i soggetti pubblici o privati che concedono contributi a fronte di progetti sviluppati da Italia Lavoro (Concedenti) e i Destinatari ossia sono i soggetti coinvolti direttamente e indirettamente nelle attività svolte dalla Società 34

35 Italia Lavoro e i Clienti Lo stakeholder clienti, come già anticipato nella prima parte del documento, raccoglie i Committenti/Concedenti e i Destinatari delle azioni e delle attività di Italia Lavoro. Per rendere efficace questa parte della relazione si ritiene opportuno rendicontare questa categoria di stakeholder per area strategica di intervento; tale scelta è significativa in quanto a ciascuna area strategica corrisponde un target specifico di destinatari diretti o indiretti delle attività realizzate nell ambito dei progetti della Società. I Progetti di Italia Lavoro S.p.A. I servizi di Italia Lavoro sono erogati attraverso l ideazione, la pianificazione e la realizzazione di progetti le cui finalità sono l individuazione, la promozione e il sostegno di possibili forme di stabilizzazione occupazionale delle fasce deboli del mercato del lavoro e lo sviluppo di servizi che facilitano l incontro tra la domanda e l offerta di lavoro tra le imprese e i cittadini. Dal punto di vista gestionale tutti i progetti adottano le stesse metodologie, strumenti e modelli di rappresentazione di project management al fine di strutturare ed ottimizzare la gestione dell'insieme delle attività necessarie per la realizzazione di ogni tipologia di progetto. Il processo, gestito da team completamente dedicati, è realizzato attraverso varie fasi articolate tra loro - promozione, pianificazione, realizzazione e rilascio - regolate da un apposita procedura aziendale e da output specifici da elaborare al termine di ogni fase (progetto esecutivo, report di avanzamento, etc.); ciascuna fase segue un percorso più o meno complesso, in funzione degli obiettivi da raggiungere e dell impegno economico ed organizzativo del progetto stesso. Tutti i progetti sono raggruppati in 5 aree strategiche di intervento (oltre a una sesta residuale) che corrispondono ad altrettante aree di intervento della società, riconducibili tutte alla mission aziendale. Area Servizi per l incontro domanda offerta di lavoro : Gli interventi di questa area, prevalentemente di assistenza tecnica per il miglioramento della qualità dei servizi rivolti all incontro domanda e offerta di lavoro, sono finalizzati a migliorare l efficacia dei servizi per l occupazione offerti dai Servizi per l Impiego, facilitare la creazione di un mercato del lavoro più efficiente ed aperto attraverso la Borsa Lavoro, favorire, con azioni di sostegno, la mobilità delle persone e delle imprese e sviluppare opportunità e condizioni che garantiscano l occupazione secondo standard di qualità e trasparenza. Area Politiche attive per il reinserimento delle fasce deboli e disoccupati di lunga durata (Welfare to Work) Gli interventi di questa area intendono, attraverso azioni integrate di riorientamento, formazione, sostegno al reddito e accompagnamento al lavoro, favorire l inserimento dei disoccupati di lunga durata e/o il reinserimento di lavoratori in cassa integrazione, mobilità, disoccupazione speciale, lavoratori socialmente utili Area Politiche per l occupabilità Gli interventi di questa area sono dedicati alla formazione permanente, che aumenta le possibilità di occupazione e la qualità dei lavori, o sono rivolti ai giovani disoccupati per prepararli e orientarli alla scelta professionale, 35

36 offrendo loro la possibilità di acquisire competenze specialistiche attraverso l'integrazione fra periodi di studio e di lavoro e aiutandoli a entrare nel mondo del lavoro attraverso l'attività di collocamento. Area Politiche Migratorie e Cooperazione Internazionale Gli interventi di questa area intendono favorire il regolare inserimento degli stranieri disposti a venire a lavorare nel nostro paese attraverso un sistema stabile di relazioni tra soggetti istituzionali e sociali nazionali e soprattutto in paesi esteri in cui è maggiore la pressione migratoria verso il nostro paese anche attraverso la realizzazione di un sistema informativo, formativo e di selezione che consenta l'incontro fra domanda e offerta di lavoro e la stima sempre più precisa del fabbisogno di manodopera straniera. Questi interventi intendono, inoltre, sviluppare servizi di assistenza tecnica per il trasferimento in altri paesi di know how e buone prassi italiane ed europee sui temi delle politiche attive per il lavoro e della creazione d impresa. Area Politiche per i diversamente abili e per l inclusione sociale Gli interventi di questa area intendono fornire servizi e strumenti che consentano alle imprese di semplificare la selezione e i conseguenti obblighi di collocamento delle persone diversamente abili e a quest ultime di facilitare il loro inserimento lavorativo. Area Altro Gli interventi di questa area, non direttamente collegati ad alcuna delle aree sopra citate, sono identificabili, in prevalenza, come progetti di comunicazione e sensibilizzazione sulle tematiche delle politiche del lavoro. I progetti attivi nel 2006 sono stati 104, di cui il 22,1% si riferiscono rispettivamente alle aree strategiche di intervento concernenti lo sviluppo dei servizi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro e il reinserimento delle categorie deboli nel mercato del lavoro. Importante è anche l area Politiche per l Occupabilità e Politiche migratorie e cooperazione internazionale che nel 2006 hanno visto attivi ciascuno 18 progetti pari al 17,3 % del totale. Più della metà del valore della produzione della Società (37,9%) è relativo a progetti che fanno riferimento all area strategica dei Servizi per l incontro domanda offerta di lavoro e a quella del Reinserimento, contro l 8,3% e il 2,6% rispettivamente dell Area Politiche Migratorie e Politiche per l inclusione sociale. Infine si segnala l aumento, sia come numero di progetti attivi (17) e sia come valore della produzione (20,9% del totale della produzione) della corrispondente voce Altro. 36

37 Area Strategica Servizi per l incontro Domanda e offerta di lavoro Politiche attive per il reinserimento delle categorie deboli nel mercato del lavoro progetti attivi 2006 valore della produzione 2006 numero % uro % 23 22,12% ,28 17,91% 23 22,12% ,39 20,66% Politiche per l Occupabilità 18 17,31% ,79 29,87% Politiche Migratorie e Cooperazione Internazionale Politiche per i diversamente abili e per l'inclusione sociale 18 17,31% ,12 8,14% 5 4,81% ,81 2,63% Altro 17 16,35% ,56 20,78% Totale progetti ,00% ,96 100,00% Nel 2006 sono stati avviati 20 nuovi progetti mentre ne sono terminati 14; di questi ultimi, 4 hanno iniziato le attività nel 2002, 10 nel 2003, 12 nel 2004, 9 sono i progetti iniziati e conclusi nel Area Strategica Servizi per l incontro Domanda e offerta di lavoro Politiche attive per il reinserimento delle categorie deboli nel mercato del lavoro progetti attivi 2005 progetti attivi 2006 numero % numero % 23 23,5% 23 22,1% 37 37,8% 23 22,1% Politiche per l Occupabilità 6 6,1% 18 17,3% Politiche Migratorie e Cooperazione Internazionale Politiche per i diversamente abili e per la inclusione sociale 15 15,3% 18 17,3% 2 2,0% 5 4,8% Altro 15 15,3% 17 16,3% Totale progetti ,0% ,0% Come risulta dal grafico la distribuzione del numero dei progetti per area strategica tra il 2005 e il 2006 (tranne che per l area Reinserimento fasce deboli e DLD e l area Occupabilità) è omogenea. 37

38 progetti attivi 2005 progetti attivi Incontro D/O di lavoro Fasce deboli e DLD Occupabilità Immigrazione e coop.ne int.le Disabili Altro Totale progetti 38

39 I principali risultati raggiunti nel Le Azioni rivolte agli Organismi del mercato del lavoro Nel 2006, sono complessivamente le azioni svolte dai programmi e progetti di Italia Lavoro che coinvolgono, con attività di networking o come azioni propedeutiche ad un coinvolgimento diretto, organismi di varia natura (enti e organismi istituzionali, imprese e associazioni datoriali, ecc.). La netta prevalenza delle azioni (il 66%) è svolto da progetti finalizzati all evoluzione dei servizi del mercato del lavoro (Area Servizi per l incontro domanda e offerta di lavoro, 34,4%) e dai progetti finalizzati al reinserimento delle categorie deboli del mercato del lavoro (Area Reinserimento categorie critiche, 31,7%), mentre il restante 34% è distribuito tra le altre aree strategiche, soprattutto dai progetti di Occupabilità e Politiche Migratorie. azioni che hanno raggiunto organismi del MdL per area strategica (2006) Disabilità; 0,6% Immigrati; 7,7% Altro; 1,0% Reinserimento; 31,7% Servizi incontro D/O; 34,4% Occupabilità; 24,5% Il 73% delle azioni (n ) ha raggiunto, in particolare, il sistema della domanda (imprese di varia tipologia, associazioni datoriali, ecc.). 3 I principali risultati raggiunti dai progetti di Italia Lavoro S.p.A. nel 2006 sono rappresentati dagli indicatori comuni di realizzazione, forniti allo Staff Monitoraggio e Valutazione della Società dai team di progetto. 39

40 azioni che hanno raggiunto organismi del MdL per tipologia (2006) Azioni su altri organismi; 26,9% Azioni su imprese e associazioni datoriali; 73,1% Sono invece le azioni che coinvolgono direttamente organismi di varia natura del mercato del lavoro realizzate prevalentemente dai progetti dell Area Sviluppo servizi D/O (4.448) seguita dall area Politiche per l Occupabilità con oltre azioni e dall area Servizi Reinserimento Categorie Critiche (3.562 azioni) e infine, con oltre 780 azioni dall area Politiche Migratorie e Cooperazione Internazionale. Servizi per l incontro Domanda e Offerta di lavoro Politiche attive per il reinserimento delle categorie deboli del MdL Enti/organismi istituzionali Imprese e associazioni datoriali Totale azioni che coinvolgono direttamente Organismi del MdL Politiche per l Occupabilità Politiche Migratorie e Cooperazione Internazionale Politiche per i diversamente abili e per la inclusione sociale Altro

41 Gli enti e organismi istituzionali (centrali, regionali e locali) sono stati coinvolti in 583 azioni prevalentemente dai progetti delle aree Reinserimento Categorie Critiche (236 azioni), Politiche Migratorie e Cooperazione Internazionale (111 azioni) e Disabilità (106 azioni). azioni che hanno coinvolto organismi del MdL per area strategica (2006) Disabilità; 0,8 Immigrati; 6,1 Altro; 1,2 Reinserimento; 27,6 Servizi incontro D/O; 29,8 Occupabilità; 34,5 Le azioni di politica attiva del lavoro, come tirocini, stage, azioni di reinserimento, ecc., che hanno coinvolto le imprese e le associazioni datoriali sono state (il 95% del totale), svolte prevalentemente nell ambito di progetti che fanno riferimento all area Servizi per l incontro domanda e offerta di lavoro (4.374), quella relativa alle Politiche per l Occupabilità (3.797) ed infine al Reinserimento delle categorie deboli nel mercato del lavoro (3.324). 41

42 azioni che hanno coinvolto organismi del MdL per tipologia (2006) Azioni su altri organismi; 4,5% Azioni su imprese e associazioni datoriali; 95,5% In particolare i Centri per l Impiego sono stati coinvolti in 684 azioni, di cui il 43% riguardano l area Politiche attive per il reinserimento delle categorie deboli nel mercato del lavoro e il 30% l area Servizi per l incontro Domanda e Offerta di lavoro. Gli operatori dei Centri per l Impiego coinvolti dai programmi e progetti di Italia lavoro sono stati 1.794, in prevalenza (il 67,4%) nell ambito delle attività che fanno riferimento all area Servizi per l incontro domanda e offerta di lavoro. Servizi per l incontro Domanda e Offerta di lavoro Politiche attive per il reinserimento delle categorie deboli nel MdL Azioni che hanno coinvolto CPI Operatori dei CPI coinvolti Politiche per l Occupabilità Politiche Migratorie e Cooperazione Internazionale Politiche per i diversamente abili e per la inclusione sociale Altro

43 azioni che hanno coinvolto i CPI per area strategica (2006) Immigrati; 2,2% Disabilità; 0,0% Altro; 2,3% Reinserimento; 43,1% Servizi incontro D/O; 30,3% Occupabilità; 22,1% Disabilità; 0,0% Immigrati; 4,1% Altro; 0,0% operatori dei CPI coinvolti per area strategica (2006) Reinserimento; 28,5% Servizi incontro D/O; 67,4% Occupabilità; 0,0% L analisi dell andamento delle azioni che hanno coinvolto gli organismi del mercato del lavoro negli ultimi 4 anni, tra il 2003 e il 2006, evidenzia un aumento di oltre unità nel 2006 rispetto al 2005 e di oltre unità rispetto al

44 azioni che hanno coinvolto organismi del MdL per anno (2003, 2004, 2005, 2006)

45 Le Azioni rivolte ai lavoratori Nel 2006, lavoratori sono stati coinvolti in azioni di politica attiva (orientamento, formazione, accompagnamento al lavoro, stage o tirocinio); per oltre il 70% ( soggetti) attraverso azioni a loro direttamente rivolte e per il restante 29,4% ( soggetti) attraverso attività di assistenza tecnica. Servizi per l incontro Domanda e Offerta di lavoro Politiche attive per il reinserimento delle categorie deboli nel MdL lavoratori coinvolti direttamente lavoratori coinvolti indirettamente totale lavoratori coinvolti Politiche per l Occupabilità Politiche Migratorie e Cooperazione Internazionale Politiche per i diversamente abili e per la inclusione sociale Altro Totale lavoratori coinvolti per area strategica (2006) Immigrati; 21,1% Reinserimento; 42,5% Servizi incontro D/O; 19,9% Occupabilità; 16,5% I soggetti coinvolti in percorsi di orientamento sono (in massima parte, soggetti, coinvolti nell ambito dei progetti dell Area Politiche attive per il reinserimento delle categorie deboli nel mercato del lavoro ) e in percorsi di formazione. 45

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

bilancio di previsione 2015

bilancio di previsione 2015 bilancio di previsione 2015 consulenti del lavoro ente nazionale previdenza assistenza bilancio di previsione 2015 3 Componenti Organi Ente consulenti del lavoro ente nazionale previdenza assistenza

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Gruppo Salini Costruttori TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011

Gruppo Salini Costruttori TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011 TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011 Situazione Contabile Consolidata INDICE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Cariche Sociali pag. 3 INFORMAZIONI SULLA GESTIONE Note di commento all andamento gestionale del trimestre

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 Il Preventivo Economico 2015, approvato dal Consiglio con delibera n.13 del 16/12/2014, è stato redatto secondo le indicazioni dettate

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA Invio Codice di Condotta ai fornitori Ricaduta sul territorio: il 62% dei fornitori ha sede nel distretto della Concia di Arzignano 54% Circa il 54% dei fornitori è dotato di

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE VIALE VIRGILIO 31-74121 - TARANTO (TA) Codice fiscale: 02775310739 Capitale sociale sottoscritto Euro 100.000 parte versata Euro 100.000 Registro Imprese n 02775310739

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015

Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2015 RISULTATI CONSOLIDATI Ricavi a 60,5 milioni (69,3 milioni nel 2014) EBITDA 1 a 2,9 milioni (0,4 milioni nel 2014) EBIT 2

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it

* * * Questo comunicato stampa è disponibile anche sul sito internet della Società www.sesa.it COMUNICATO STAMPA APPROVAZIONE DEL RESOCONTO INTERMEDIO CONSOLIDATO DI GESTIONE PER IL PERIODO DI 9 MESI AL 31 GENNAIO 2014 Il Consiglio di Amministrazione di Sesa S.p.A. riunitosi in data odierna ha approvato

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio DICEMBRE 2015 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Note Note Le tabelle con le

Dettagli

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008

CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 CONAFI PRESTITÒ Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di bilancio 2008 Approvata la proposta di autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie Margine di intermediazione consolidato

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello

Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Le regole e i contenuti della relazione sulla gestione della Dott.ssa Marina Torcello Abstract La relazione sulla gestione costituisce uno dei principali documenti allegati al bilancio d esercizio, il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

Comunicato Stampa. ricavi consolidati pari a 57,4 milioni contro 60,9 milioni al 31 dicembre 2012

Comunicato Stampa. ricavi consolidati pari a 57,4 milioni contro 60,9 milioni al 31 dicembre 2012 Comunicato Stampa In data 18 marzo 2014 si è riunito a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione del bilancio d esercizio e consolidato al 31 dicembre 2013:

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 Risultati del Gruppo FNM - Utile netto di Gruppo: 19,033 milioni di euro - EBIT: 17,144 milioni di euro

Dettagli

L analisi del bilancio di esercizio

L analisi del bilancio di esercizio L analisi del bilancio di esercizio 1 Le Fasi A. Raccolta dei dati di bilancio B. Riclassificazione del bilancio C. Determinazione ed utilizzo di uno schema di analisi D. Interpretazione dei risultati

Dettagli

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011

CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 CONAFI PRESTITO : APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2011 Margine di intermediazione consolidato pari a 5,68 milioni di euro (4,14 milioni di euro al IH2010) Risultato della gestione operativa

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: Approvato il Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2011

COMUNICATO STAMPA. Il Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: Approvato il Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2011 COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Enervit S.p.A.: Approvato il Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2011 Principali risultati consolidati del primo trimestre 2011: Ricavi: pari

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 Corso Matteotti, 9 Milano Tel. 02.780611 Partita Iva 03650800158 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 15 MAGGIO 2003 INDICE Organi societari Gabetti Holding S.p.A....

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007:

COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: COMUNICATO STAMPA APPROVATI DAL CDA I DATI AL 30 SETTEMBRE 2007: RICAVI AGGREGATI PRO-QUOTA * : 1.071,9 MLN DI EURO (+17%) RISULTATO OPERATIVO COMPRENSIVO DEI PROVENTI DA PARTECIPAZIONI: 164 MLN DI EURO;

Dettagli

Riclassificazione del bilancio d esercizio

Riclassificazione del bilancio d esercizio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 9 Riclassificazione del bilancio d esercizio Marcella Givone COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Individuare e accedere alla normativa pubblicistica,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2009 Valore della produzione pari a Euro 1.318 migliaia (Euro 612 migliaia nel 2008) Risultato Operativo Netto negativo

Dettagli

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003

Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Alerion Industries S.p.A. Relazione trimestrale al 31 marzo 2003 Indice pag. Premessa 3 Valore e costi della produzione consolidati 4 Posizione finanziaria netta consolidata 5 Note di commento 6 Stato

Dettagli

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE

CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO MEDIO TIRRENO IN LIQUIDAZIONE Sede in TORRE EUROPA - VIA ANNOVAZZI, 00053 CIVITAVECCHIA (RM) Codice Fiscale 03908900586 - Numero Rea RM 911152 P.I.: 01259061008 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma

Dettagli

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA

TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA TERNIENERGIA: UTILI DEL PRIMO SEMESTRE 2010 IN FORTE CRESCITA E POTENZA INSTALLATA RADDOPPIATA Ricavi pari a Euro 36,3 milioni: +76% rispetto al I semestre 2009 EBITDA pari a Euro 5,9 milioni: +109% rispetto

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

Milano, 31 marzo 2005

Milano, 31 marzo 2005 Spettabili: Milano, 31 marzo 2005 CONSOB Via della Posta 8 MILANO BORSA ITALIANA spa MILANO AGENZIE COMUNICATO STAMPA : CDA approva progetto bilancio BASTOGI SPA : CdA ha approvato il progetto di bilancio

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro. (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto)

Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro. (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto) Bilancio di previsione 2012-2014 del Consorzio Grosseto Lavoro (redatto ai sensi dell art. 18 comma 2 dello Statuto) Sommario Premessa... 2 1. La missione e gli obiettivi... 3 2. Il rapporto con gli Enti

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012

BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI DI AXA ASSICURAZIONI S.p.A. Iscritto al N. 1066 dell Albo dei Fondi Pensione Sezione Speciale I BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 Via Leopardi, 15 - Milano Organi

Dettagli

BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2007

BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2007 FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI AMMINISTRATIVI DELLE AGENZIE GENERALI MEDIO-PICCOLE INA-ASSITALIA 00187 ROMA (RM) Via del Tritone, 53 Iscritto all'albo Fondi Pensione Sezione Speciale I Fondi Pensione Preesistenti

Dettagli

La riclassificazione del bilancio d esercizio

La riclassificazione del bilancio d esercizio La riclassificazione del bilancio d esercizio Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani), Mc Graw-Hill 2001, cap. 4 1 Il bilancio pubblico. Il sistema informativo di bilancio secondo

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009

Comunicato Stampa. Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Comunicato Stampa Il consiglio di amministrazione di Investimenti e Sviluppo S.p.A. approva il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2009 Risultati consolidati al 31 marzo 2009: Ricavi netti pari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004

APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004 APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2004 PROPOSTA LA DISTRIBUZIONE DI DIVIDENDI 1. Attività del Gruppo Alerion nel 2004 Investimenti in partecipazioni strategiche o Enertad o Eurovision Dismissioni immobiliari

Dettagli

Dati di bilancio. Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A.

Dati di bilancio. Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A. Dati di bilancio Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A. Nel corso del 2004 è stato regolarmente ultimato l impegnativo programma di riorganizzazione internazionale del Gruppo Bayer, avviato nel

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Perdite pregresse

COMUNICATO STAMPA. Perdite pregresse COMUNICATO STAMPA ***** Consiglio di Amministrazione del 19 marzo 2013 approvato il Progetto di Bilancio al 31 dicembre 2012 e la Relazione sul Governo Societario; approvate la Relazione sulla Remunerazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007

Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007 Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007 Sommario i Ricavi del semestre sono pari a 101,5 milioni, in diminuzione del 6,9% rispetto a 109 milioni consuntivati

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2013 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013

Relazione sulla gestione al bilancio chiuso al 31.12.2013 AZIENDA SERVIZI STRUMENTALI S.r.l. Sede in Via della Resistenza n. 4-45100 ROVIGO Capitale sociale Euro 215.600 i.v. Codice Fiscale 01396160291 Reg.Imp. 01396160291 Rea 152660 RO Relazione sulla gestione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 Filatura di Pollone S.p.A. Sede in Pollone (BI), Via A. Botto n. 29 Capitale sociale: Euro 5.538.000,00 i.v. N.ro Reg. Imprese e Codice Fiscale 81020000022

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria

COMUNICATO STAMPA. 30/09/2011 30/06/2011 Diff.%le in Euro/ml Patrimonio Netto 11,07 10,50 5,38 Posizione (indebitamento) finanziaria Sommario COMUNICATO STAMPA Dati Economici Consolidati 01/07/2011 01/07/2010 Diff.%le Trimestrali 30/09/2011 30/09/2010 in Euro/ml Valore della Produzione 17,95 18,01 (0,36) Costi Operativi (20,99) (16,26)

Dettagli

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto

Attivo anno n+1 anno n Passivo anno n+1 anno n A) Crediti verso i soci per versamenti ancora dovuti. - - A) Patrimonio netto ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Analisi di bilancio per indici di Lucia BARALE Materie: Economia aziendale (Classe 5 a IGEA) La verifica consente di valutare le conoscenze e le abilità acquisite dagli studenti sulla

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici

Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 23 Riclassificazione del bilancio e analisi con indici Risultati attesi Saper fare: riclassificare lo Stato patrimoniale e il Conto economico;

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

Le riclassificazioni del Conto Economico

Le riclassificazioni del Conto Economico 1 Riclassificazione CE Le riclassificazioni del Conto Economico Sono volte alla determinazione del contributo al reddito d esercizio apportato dalle diverse aree di gestione riflesse nel Conto Economico.

Dettagli

Provvedimento n.1 Latina, 14 gennaio 2015

Provvedimento n.1 Latina, 14 gennaio 2015 Provvedimento n.1 Latina, 14 gennaio 2015 Oggetto: C.A.T. Confcommercio S.c.a.r.l., Latina.-Assemblea ordinaria: approvazione bilancio consuntivo 2013, approvazione bilancio preventivo 2015 e rinnovo organi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

Svolgimento Tema di Economia d azienda

Svolgimento Tema di Economia d azienda Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 10 Esame di Stato 2015 Indirizzi: Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Linguistico Tecnico della Gestione Aziendale ad Indirizzo Informatico Svolgimento

Dettagli

OPERA DELLA PROVVIDENZA SANT ANTONIO

OPERA DELLA PROVVIDENZA SANT ANTONIO OPERADELLAPROVVIDENZASANT ANTONIO ViadellaProvvidenzan.6835030Rubano BILANCIOESERCIZIO2015 (RAMOATTIVITÀONLUS) Opera della Provvidenza Sant'Antonio Sede legale Via della Provvidenza n. 68 35030 Rubano

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

il valore aggiunto Dati significativi di gestione il Valore Aggiunto 40 il valore aggiunto

il valore aggiunto Dati significativi di gestione il Valore Aggiunto 40 il valore aggiunto Dati significativi di gestione Riclassificazione dello stato patrimoniale e del conto economico degli ultimi tre esercizi Analisi di bilancio ultimi tre esercizi : indici, margini e percentage analysis

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015

FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 FONDO INVESTIMENTI PER LA PATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE LEGGE REGIONALE N 12/2011, art.1 DGR n. 4/14 del 27/01/2015 Allegato 1 alla domanda di finanziamento Piano di Sviluppo Aziendale - Proposta

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009

COMUNICATO STAMPA. Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 COMUNICATO STAMPA Nova Re: il CdA approva la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2009 Milano, 6 agosto 2009 Il Consiglio di Amministrazione di Nova Re S.p.A., riunitosi in data odierna, ha approvato

Dettagli

SILTGEST L OUTSOURCING SPECIALISTICO GLOBALE. SILTGEST SRL C.so di Porta Nuova, 15 20121 MILANO (Italy) Tel. +39 02 29063277 Fax +39 02 62086342

SILTGEST L OUTSOURCING SPECIALISTICO GLOBALE. SILTGEST SRL C.so di Porta Nuova, 15 20121 MILANO (Italy) Tel. +39 02 29063277 Fax +39 02 62086342 SILTGEST L OUTSOURCING SPECIALISTICO GLOBALE SILTGEST SRL C.so di Porta Nuova, 15 20121 MILANO (Italy) Tel. +39 02 29063277 Fax +39 02 62086342 Divisione Payroll Tel. +39 02 86984804 Cap. Soc. Euro 10.000,00

Dettagli

I modulo - Bilancio ed indicatori -

I modulo - Bilancio ed indicatori - I modulo - Bilancio ed indicatori - sommario INTRODUZIONE INTRODUZIONE Basics Basicssul sul bilancio bilancio Il Il bilancio bilancio XYZ XYZ e le le riclassificazioni riclassificazionidegli degli schemi

Dettagli

INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI

INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI INDICI PATRIMONIALI ED ECONOMICI Indice Immob. Nette 33.441.797 Capitale proprio 21.779.334 153,548% Indice di autonomia patrimoniale 21.779.334 77.740.030 28,016% Indice di copertura delle immobilizzazioni

Dettagli

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO

BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO BILANCIO CIVILISTICO E BILANCIO RICLASSIFICATO La riclassificazione del bilancio Lo schema di bilancio attualmente utilizzato nell'unione Europea non soddisfa interamente le esigenze degli analisti. E'

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio

7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7. Dalla Crisi di Wallstreet al Bilancio 7.1 Introduzione Una delle conseguenze più rilevanti sotto il profilo economico, del primo conflitto mondiale, è stata la crisi di Wallstreet; la quale trova fondamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

Proposta la distribuzione di un dividendo pari a 0,04 Euro per azione.

Proposta la distribuzione di un dividendo pari a 0,04 Euro per azione. Il CDA approva il progetto di bilancio al 31/12/2008. Proposta la distribuzione di un dividendo pari a 0,04 Euro per azione. Ricavi della produzione consolidati pari a 95,9 milioni di Euro (+ 45,7 % vs

Dettagli

Relazione sulla gestione e rendiconto dell esercizio 2011

Relazione sulla gestione e rendiconto dell esercizio 2011 FONDO PENSIONE DEL PERSONALE DOCENTE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Sede: Corso Umberto I Napoli 80138 Codice fiscale 95007180631 Iscritto al n. 1423 dell

Dettagli