DIPARTIMENTO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Piano di Lavoro 2011 Assessorato Territorio ed Ambiente Dipartimento dell Ambiente Ufficio di Staff del Dirigente Generale Controllo interno di Gestione Dirigente Responsabile Tiziana Lucchesi Collaboratori: Maria Bianco, Giovanna Rubino, Adele Belvedere, Paolo Cacioppo 1

2 Premessa In osservanza al comma 4 art. 91 del CCRL- Quadriennio giuridico che recita testualmente: Il piano di lavoro va predisposto dalla struttura di massima dimensione entro il 31 dicembre dell anno precedente a quello di riferimento, sulla base della programmazione ordinaria è stato redatto il Piano di lavoro del Dipartimento Territorio e Ambiente per l anno Esso è sviluppato in adempimento della Direttiva Assessoriale emanata con D.A. n. 162/GAB. del , confermata dall Assessore con nota prot. n. 11 del , che decreta la redazione del Piano di lavoro come una delle azioni che il Dirigente Generale dovrà realizzare entro il per perseguire l obiettivo di Miglioramento della performance operativa. La Direttiva Assessoriale recepisce ed indirizza gli obiettivi strategici emanati dalla Direttiva Presidenziale del 7 agosto 2009 la quale, a sua volta, orienta in maniera più puntuale gli obiettivi strategici contenuti nella precedente Direttiva del 6 marzo Essa indirizza l attività amministrativa e la gestione in un percorso che è certamente pluriennale; a tal fine, ed essendo stata emanata nel mese di settembre 2010, costituisce riferimento per l individuazione degli obiettivi da perseguire anche nel Gli obiettivi che la Direttiva ha assegnato al Dirigente Generale sono strettamente connessi a quelli che il D.G. assegna ai Dirigenti delle strutture organizzative del Dipartimento di competenza; lo stesso principio è valido per i piani di lavoro previsti nell ambito del FAMP del personale del comparto e ciò viene confermato dal fatto che i criteri di valutazione della dirigenza prevedono quale elemento di valutazione il grado di completamento del piano di lavoro. Il Servizio 7 della Segreteria Generale della Presidenza della Regione Siciliana Coordinamento controlli di gestione della Segreteria Generale ha trasmesso a tutti i Dipartimenti una scheda-tipo di rilevazione di quelli che saranno gli oggetti della programmazione, monitoraggio e valutazione. Tale scheda effettua una distinzione fra gli Obiettivi dirigenziali e le Attività di maggior rilievo, rappresentando, con semplicità, ciò che la vigente normativa (CCRL) definisce Piano di Lavoro, ovvero l insieme delle attività di ogni struttura che, al fine della corresponsione del FAMP, devono essere estese al personale del comparto non dirigenziale. È opportuno definire che per Attività di maggior rilievo si intendono tutte quelle funzioni che non discendono da uno specifico Programma di governo, ma che rappresentano l attività istituzionalmente espletata all interno della struttura. Fra queste, si evidenzia la decisione, da parte della Segreteria generale, di inserire nel costruendo Sistema Informativo la voce standard Attività amministrative e manuali di supporto. Tale voce consentirà di effettuare in maniera semplificata la valutazione delle prestazioni di tutto il personale non impegnato in attività riconducibili agli obiettivi e alle altre attività di maggior rilievo (archivisti, commessi, operai e simili). Pertanto, nel presente Piano di Lavoro, vengono elencati sia gli obiettivi operativi e gestionali ovvero gli obiettivi individuati nella Direttiva Assessoriale 2009 e quelli che risultano inseriti nei contratti individuali di lavoro di ciascun dirigente, sia le restanti attività che si svolgono in ciascuna struttura e che non comprendono azioni finalizzate al raggiungimento di un obiettivo. 2

3 Sia gli obiettivi che le attività di maggior rilievo vengono comunque sviluppati in opportune fasi di lavoro azioni che, a loro volta, vengono approfondite in prodotti o attività che costituiscono gli elementi necessari al monitoraggio per il loro conseguimento. Ai sensi del comma 5 dell art. 91 del CCRL: Ogni struttura organizzativa sede di contrattazione ai sensi dell art. 4, comma 4, lettera B in cui si articola la struttura di massima dimensione, definisce il proprio piano di lavoro che oltre alle linee di indirizzo di cui al comma 2 terrà conto delle direttive di cui al comma 4. La predisposizione del piano di lavoro è obbligatoria, così come è obbligatoria la partecipazione al piano di lavoro dei dipendenti in servizio presso la struttura (c. 6 art.91). All interno del piano di lavoro vanno programmate tutte le attività lavorative svolte dalle unità di personale in servizio (c. 8 art. 91). L art. 91 del CCRL del personale con qualifica non dirigenziale, al comma 1, cita testualmente: Il piano di lavoro è il documento unico di programmazione all interno del quale il responsabile della struttura di massima dimensione individua, per tutte le attività di competenza, i livelli di risultato attesi coerentemente con le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili. Il piano di lavoro, al quale sono destinate parte delle risorse finanziarie del Fondo di Amministrazione per il Miglioramento delle Prestazioni (FAMP) sulla base del principio di valorizzazione delle professionalità individuali, deve essere improntato al perseguimento di canoni di efficienza e di efficacia che siano in grado di garantire: a) la semplificazione e l accelerazione dei procedimenti; b) la semplificazione della modulistica; c) la migliore informatizzazione dei servizi con ampio ricorso alle soluzioni orientate all accesso tramite internet realmente interattive; d) la migliore organizzazione per le relazioni con l utenza; e) la più diffusa erogazione di servizi all utenza di riferimento; f) la massima riduzione dei tempi dedicati alle attività interne non correlate alla fornitura dei servizi istituzionali. Si riporta, quindi, di seguito la proposta di Piano di Lavoro delle singole strutture (Aree, Servizi e Unità Operative) del Dipartimento Regionale dell Ambiente per l'anno in corso con l'indicazione: della struttura; del dirigente responsabile della struttura; del funzionigramma; degli obiettivi individuati, delle azioni e dei prodotti attraverso i quali si perseguiranno tali obiettivi; delle attività di maggior rilievo, anch esse declinate in prodotti; delle risorse umane assegnate e delle mansioni attribuite. Per la partecipazione al piano di lavoro viene riconosciuto un compenso i cui destinatari sono individuati tra il personale di cui all art. 1 del CCRL Il ritardo con cui viene proposto il presente Piano di lavoro è dovuto principalmente alle difficoltà derivanti dall attuazione della Riforma amministrativa regionale che ha comportato modifiche nel funzionigramma e nell organigramma del Dipartimento, nonché nel conferimento degli incarichi dirigenziali. Occorre precisare, altresì, che la scrivente è stata incaricata quale Responsabile dell U.O. di Staff Controllo di Gestione nel febbraio

4 STRUTTURA: Unità Operativa di Staff n. 1 Coordinamento e indirizzo attività dipartimentali DIRIGENTE: Maria Busetta FUNZIONIGRAMMA: Supporto per l attività di coordinamento del Dirigente Generale, per gli atti di indirizzo interni di competenza del Dirigente Generale e per le questioni di carattere normativo e regolamentare; contrattazione decentrata per le modifiche al funzionigramma del Dipartimento; coordinamento per la definizione degli schemi dei provvedimenti normativi ed amministrativi; atti di indirizzo amministrativi di competenza del Dirigente Generale; attività art. 31 L.R. 10/2000 (delega di funzioni agli enti locali); verifica degli atti posti alla firma del Dirigente Generale. Segreteria del Dirigente Generale: movimentazione fogli vettore e corrispondenza del Dirigente Generale. 4

5 PIANO DI LAVORO U.O. di Staff 1 Numero progressivo Ob.1 Obiettivo Scadenza Azioni Peso azioni Ottimizzazione dell'organizzazione Ob.2 Coordinamento attività dipartimentali Ob.3 Aggiornamento delle strutture di diretta collaborazione dell organo politico delle attività ed iniziative poste in essere dal Dipartimento Atti derivanti dall'attuazione della legge 19/ Atti di indirizzo interni al Dipartimento 3.1 Rapporti formali e informali. Report,, trasmissione atti Prodotti n. 3 Istruttorie proposte modificative al DP Reg n.370/area 1 ^/S.G. 30 ore per Relazioni sindacali 100% Predisposizione atti derivanti dall'attuazione della legge 19/ % Movimentazione fogli vettore Attività di segreteria ore Corrispondenza del Dirigente generale e predisposizione atti conseguenti -300 ore 100% di quelli richiesti Peso obiettivo Totale pesi obiettivi

6 Numero progressivo Attività di maggior rilievo Scadenza Azioni Prodotti a1 - Protocollo 200 ore a a2 -Archivio 50 ore Attività amministrative e manuali di a3 -Distribuzione posta 200 ore supporto a4 -Gestione presenze 50 ore a5 Controllo interno di gestione 30 ore b Attività di supporto al Dirigente Generale b1 - Redazione documenti, note, attuazione disposizioni ecc. b-2-implementazione e tenuta data base fogli vettore 1000 ore b.3- Attività di segreteria 6

7 MANSIONI Nome Cognome Qualifica Piano di Lavoro U.O. Staff 1 Coordinamento e indirizzo attività dipartimentali Attuazione del Piano di Lavoro Risorse Data di strumentali assegnazione Mansioni svolte assegnate Maria Busetta Dirigente work station Anna Lo Dico Istruttore work station Eleonora Campione Istruttore work station Francesco Pitti Collaboratore cat.g.b Coordinamento della srtruttura, Riunioni ed incontri con il D. G., con personale interno e con utenza esterna, in supporto all'azione del D.G., per il coordinamento ed indirizzo delle attività dipartimentali, controllo di gestione, Conferimento incarichi dirigenziali, Corrispondenza del Dirigente generale e predisposizione atti conseguenti. Predisposizione circolari ed atti di indirizzo. Relazioni sindacali per l organizzazione e la dirigenza. Supporto logistico, archivio, protocollo, corrispondenza del dirigente generale, controllo di gestione Supporto logistico, movimentazione fogli vettore, protocollo, attività di segreteria del Dirigente generale Supporto logistico, movimentazione fogli vettore, protocollo, attività di segreteria del Dirigente Riferimento numerico agli obiettivi e/o azioni generale Rosario Gravanti Istruttore Supporto logistico e servizio uscerile 2a, 2b Rosaria Brandi Ex PIP Supporto logistico e servizio uscerile 2a, 2b 1,2,3 2a,2b 2a,2b 2a, 2b 7

8 Dal 15 febbraio 2011 Piano di Lavoro U.O. Staff 1 Coordinamento e indirizzo attività dipartimentali Attuazione del Piano di Lavoro Data di Risorse Nome Cognome Qualifica assegnazio strumentali Mansioni svolte ne assegnate Maria Busetta Dirigente Anna Lo Dico Istruttore Eleonora Campione Istruttore Francesco Renzo Pitti Di Maio Collaboratore cat.g.b Collaboratore cat.g.b work station 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station Coordinamento della srtruttura, Riunioni ed incontri con il D. G., con personale interno e con utenza esterna, in supporto all'azione del D.G., per il coordinamento ed indirizzo delle attività dipartimentali, controllo di gestione, Conferimento incarichi dirigenziali, Corrispondenza del Dirigente generale e predisposizione atti conseguenti. Predisposizione circolari ed atti di indirizzo. Relazioni sindacali per l organizzazione e la dirigenza. Supporto logistico, archivio, protocollo, corrispondenza del dirigente generale, controllo di gestione Supporto logistico, movimentazione fogli vettore, protocollo, attività di segreteria del Dirigente generale Supporto logistico, movimentazione fogli vettore, protocollo, attività di segreteria del Dirigente generale Corrispondenza del Dirigente generale e predisposizione atti conseguenti. Supporto per le attività di indirizzo con particolare riferimento al PO FESR Riferimento numerico agli obiettivi e/o azioni 1,2,3 a1.a2.a3.a4.a5, b1 e b2 2a,2b,2c, 3b 2a, 2b, 2c,3b 2c, 1b, 4b, 3 8

9 STRUTTURA: Unità Operativa di Staff n. 2 Valutazione della dirigenza DIRIGENTE: Tiziana Lucchesi FUNZIONIGRAMMA: Supporto al Dirigente Generale per la valutazione del personale con incarico dirigenziale ex art. 5 D.lgs. 286/99, per la contrattazione individuale dell area della dirigenza, per la stipula dei contratti individuali di lavoro ed, in generale, per i rapporti con la dirigenza. Predisposizione atti per la contrattualizzazione dei dirigenti. Predisposizione atti per la valutazione del Dirigente generale. 9

10 PIANO DI LAVORO U.O. di Staff 2 Numero progressivo Ob.1 Ob.2 Obiettivo Scadenza Azioni Peso azioni Prodotti Peso obiettivo Miglioramento della performance amministrativa Ottimizzazione dell'organizzazione Miglioramento del processo di valutazione della dirigenza Atti derivanti dall'attuazione della legge 19/ Esame delle relazioni finali dei dirigenti, contraddittorio e predisposizione atti per la loro valutazione 2010 Predisposizione atti per 35 la valutazione del Dirigente Generale anno 2010 Contatti e corrispondenza con il Se.Pi.Co.S. Corrispondenza con Dip. Funzione Pubblica relativamente al capitolo (artt. 83 e 84) 15 Predisposizione ulteriori contratti Riproposizione decreti di approvazione contratti Totale pesi obiettivi 50 10

11 Numero progressivo Attività di maggior rilievo Scadenza Azioni Prodotti a1 - Protocollo 200 ore a2 -Archivio 50 ore a Attività amministrative e manuali di supporto a3 -Distribuzione posta 200 ore a4 -Gestione presenze 50 ore a5 Controllo interno di gestione 30 ore b1 - Valutazione schede di valutazione Creazione gestione database per la valutazione per n. 57 dirigenti b dei dirigenti e per l indennità. b2 - Fabbisogno economico 1 database indennità dirigenti c Attività di supporto al Dirigente Generale c1 - Redazione documenti, note, attuazione disposizioni, controllo carpette alla firma, riunioni con 400 ore le strutture ecc. 11

12 MANSIONI Piano di Lavoro U.O. Staff 2 Valutazione della dirigenza Nome Cognome Qualifica Attuazione del Piano di Lavoro Risorse Data di Riferimento strumentali assegnazione Mansioni svolte numerico agli assegnate obiettivi e/o azioni Attività di coordinamento dell U.O. e controllo di gestione, rapporti con Dip. Funzione Pubblica per budget, consulenza ai dirigenti, elaborazione relazioni e schede di Tiziana Lucchesi Dirigente work station valutazione dei dirigenti; supporto al D.G., 1, 2, a4, a5, b, c rapporti con il Se.Pi.Cos e adempimenti direttiva con definizione obiettivi operativi dei dirigenti; relazione e schede di valutazione finale del D.G., contratti dei dirigenti e decreti di approvazione. Supporto logistico, archivio, protocollo, controllo di gestione, consulenza, Giovanna Rubino Contrattista work station inserimento dati nelle schede di valutazione, 1, 2, a1, a2, a3, a4, b collaborazione alla valutazione dei dirigenti e del D.G.. Adele Belvedere Ex P.I.P work station Supporto logistico, archivio, protocollo, collaborazione nella stesura schede di 1, 2, a1, a2, a3, a4, b valutazione dei dirigenti. Paolo Cacioppo Ex P.I.P work station Supporto logistico, inserimento dati nelle schede di valutazione. a, b 12

13 STRUTTURA: Unità Operativa di Staff n. 3 Controllo interno di gestione DIRIGENTE ad interim: Tiziana Lucchesi FUNZIONIGRAMMA: Supporto al Dirigente Generale per le questioni inerenti il controllo di gestione ex art. 4 D.lgs.286/99 in raccordo con gli uffici istituzionali interni ed esterni. Procedure di determinazione degli obiettivi gestionali e dei soggetti responsabili. Redazione del Piano di lavoro dipartimentale. Controllo interno di gestione. Rapporti con il servizio di valutazione e controllo strategico per la programmazione annuale e la verifica delle attività amministrative. 13

14 PIANO DI LAVORO U.O. di Staff 3 Numero progressivo Ob. 1 Obiettivo Scadenza Azioni Peso azioni 1.2 Qualificazione del processo di programmazione 20 delle attività Miglioramento della performance amministrativa Applicazione delle direttive sul controllo di gestione* 1.4 Monitoraggio della produttività 5 25 Prodotti 1 Piano di Lavoro 2011 Linee guida Formazione referenti Consulenza per le attività del controllo di gestione Relazione finale 2010 Piano dei conti Report quadrimestrali 2011 Totale pesi obiettivi Peso obiettivo Azione subordinata ad eventuali direttive della Segreteria Generale della Presidenza della Regione. 14

15 Numero progressivo Attività di maggior rilievo Scadenza Azioni Prodotti a1 -Protocollo 200 ore a2 - Archivio 50 ore a Attività amministrative e manuali di a3 - Distribuzione posta 200 ore supporto a4 - Gestione presenze 50 ore a5 Controllo interno di gestione 30 ore Creazione e gestione database per il b1 - Report controllo di Allegato n. 1 alla b Controllo di Gestione Report e per il Piano gestione relazione finale dei Conti b2 -Piano dei Conti Allegato n. 2 alla relazione finale 2010 c Attività di supporto ai dirigenti e ai referenti per la definizione del Piano di Lavoro e dei report del Controllo di Gestione Attività di consulenza espressa in ore 500 ore 15

16 MANSIONI Nome Cognome Qualifica Tiziana Lucchesi Dirigente ad interim Piano di lavoro U.O. di Staff 3 Controllo interno di gestione Attuazione del Piano di Lavoro Risorse Data di strumentali assegnazione Mansioni svolte assegnate Febbraio work station Maria Bianco Contrattista work station Attività di coordinamento dell U.O. e controllo di gestione, consulenza ai dirigenti e ai referenti, elaborazione relazioni, monitoraggio produttività, rapporti con il Se.Pi.Cos Supporto logistico, archivio, protocollo, controllo di gestione, consulenza, inserimento dati nelle schede di valutazione, stesura contratti dei dirigenti, collaborazione alla valutazione dei dirigenti e del D.G.. Riferimento numerico agli obiettivi e/o azioni 1.02, 1.03, 1.04, a5, b, c 1.02, 1.03, 1.04, a, c 16

17 STRUTTURA: Unità Operativa di Staff n. 4 UMC - Unità di monitoraggio e controllo dei fondi strutturali e dei livelli di attuazione della spesa comunitaria DIRIGENTE: Rosario Manno FUNZIONIGRAMMA: Attività residuali relative al POR : Monitoraggio dei fondi comunitari; attività connesse ai controlli di 1 livello; attività di analisi e rendicontazione delle Misure del POR ; monitoraggio interventi strutturali PO FESR 2007/2013 di competenza del Dipartimento. Validazione dei dati finanziari, procedurali e fisici. Controlli in loco Certificazione PO FESR 2007/2013. Previsioni di spesa. Programma dei Controlli. Piste di Controllo. Certificazione e rendicontazione Controlli in loco Monitoraggio semestrale e rendicontazione A.P.Q. ed altri interventi extra-regionali 17

18 PIANO DI LAVORO U.O. Staff 4 Numero progressivo Ob.1 Ob.2 Obiettivo Scadenza Azioni Peso azioni Ottimizzazione della spesa comunitaria e fondi extra regionali FAS e CIPE Monitoraggio interventi strutturali PO FESR 2007/2013 di competenza del Dipartimento, sulla base delle informazioni presenti nel Sistema informativo Caronte;piste di controllo, certificazione Miglioramento del processo di monitoraggio Periodico accesso al sistema Informativo Caronte per validazioni 2.2 Predisposizione ed invio con nota Dirigente Generale dei reports dati Monitoraggio sulla base delle informazioni presenti nel Sistema Informativo Caronte per le Linee d Intervento e dei dati comunicati dagli UCO 8 Prodotti Raccolta anche tramite internet ed esame dei manuali (del monitoraggio,,del sistema Caronte etc.) e della normativa di competenza della UO 8 1 Aggiornamento decreto UCO,a firma DG 4 segnalazioni a firma DG dei profili RAPM, 8 RIO,RAP,REO del sistema Caronte Supporto al RAP del sistema Caronte 50 accessi annuali al sistema informativo Caronte per la validazione degli impegni via via inseriti dagli uco Corrispondenza, anche tramite , con UCO,, Aree e Servizi responsabili Linee d Intervento, con Dipartimento Reg.le Programmazione,etc 18 Peso obiettivo 32 48

19 8 4 elaborazione reports monitoraggio con il Sistema Informativo Caronte Ob Predisposizione certificazione di spesa per firma del D.G. ed invio all autorità di certificazione 2.4-Predisposizione Piste di controllo e del relativo DDG Predisposizione rapporti per il DG e note di invio dei reports al Dip.Programmazione 1 proposta Nota di certificazione 2 proposte piste di controllo decreti a firma del DG 2 rapporti con proposte note di notifica a firma DG Totale pesi obiettivi 80* *Il dirigente non ha personale del comparto 19

20 Numero progressivo Attività di maggior rilievo Scadenza Azioni Prodotti a1 - Protocollo 60 ore a2 -Archivio 200 ore a3 -Distribuzione posta 150 ore a4 -Gestione presenze 50 ore a Attività amministrative e manuali di supporto a5 Controllo interno di gestione a6- dattilografia elaborazione e stampa testi 40 ore 100 ore a7 - fotocopiatura atti 200 a8 - servizio di usciere 850 a9 - stampa files reports 200 b Sistemazione Archivio arretrato b1 - sistemazione archivio 400 ore c Attività di supporto al Dirigente Generale c1 - Redazione documenti, note, attuazione disposizioni ecc. 200 ore 20

21 STRUTTURA: Area 1 Affari Generali e Comuni DIRIGENTE: Salvatore Di Martino FUNZIONIGRAMMA: Affari del Dipartimento e gestione delle risorse umane; gestione logistica del personale; missioni; gestione presenze del personale; riepilogo assenze. Repertorio del Dipartimento; archivio storico; rapporti con la Ragioneria Centrale; Vigilanza sull attività istituzionale dell Agenzia Regionale per la protezione dell ambiente e esercizio sugli indirizzi programmatici anche in raccordo con i servizi del Dipartimento. Predisposizione delle proposte di bilancio della Regione e relative variazioni, monitoraggio della gestione delle risorse finanziarie; bilancio e contabilità relativi alla gestione dei canoni concessori e degli indennizzi di cui al cap del Bilancio della Regione, a norma del D.P.R. 684/77 e dell art. 7 della L.R 15/05; Coordinamento dell attività relativa alle interrogazioni parlamentari e dell attività ispettiva dell ARS. Coordinamento generale in materia di attuazione di piani, programmi, accordi di programma, intese definiti in base alla legislazione vigente; verifica dello stato di avanzamento dei piani e dei programmi di competenza del Dipartimento. Gestione contributi per ricerche e studi sull assetto del territorio e la tutela dell ambiente, comprese pubblicazioni, convegni e seminari. Responsabile RUP e Responsabile locali. Servizio uscierile e portineria. Acquisto di beni e servizi. Gestione delle utenze. Attività del Consegnatario. Servizio per adempimenti sicurezza lavoratori. 21

22 PIANO DI LAVORO Area 1 Numero progressivo 1 Obiettivo Scadenza Azioni Peso azioni Prodotti Affari del Dipartimento e gestione delle risorse umane 31/12/11 Repertorio e Protocollo del Dipartimento 1 20 ore Archivio storico 1 10 ore Rapporti con le Organizzazioni Sindacali 1 Riunioni n. 10 Coordinamento Attività inerenti la logistica del Dip.to ore Attività di RUP ore Attività di Cassa 1 n. 5 DDG, n. 5 OO.AA. Servizio uscierile e portineria ore Missioni 1 n. 20 DDG, n. 250 Mandati Assegnazione e Distribuzione Posta Gestione capitolo contrattisti 2 Gestione presenze del personale ore 2 n. 5 DDG, n. 5 OO.AA., n. 400 Mandati, Calcolo INPS e TFR, n. 400 Buste paga n. 900 Inserimento/Controlli ore, n. 5 Comunicazioni/Circolari, n. 25 Prospetto statistico Peso obiettivo 15 22

23 Vigilanza ARPA Sicilia Monitoraggio Risorse Finanziarie Coordinamento Attività Ispettiva ARS Coordinamento Generale attuazione Piani, Programmi, Accordo di programma e Intese del Dip.to Adempimenti Sicurezza e acquisti di beni e Servizi 31/12/11 31/12/11 31/12/11 31/12/11 31/12/11 Vigilanza ARPA Sicilia Rapporti con la Ragioneria Centrale Predisposizione delle proposte di bilancio della Regione e relative variazioni Monitoraggio della gestione delle risorse finanziarie Interrogazioni Parlamentari 3 Attività Ispettiva dell ARS 2 Impegno e trasferimento somme del bilancio reg.le ai 2 conti di tesoreria Approvazione piani, 2.2 programmi, ecc n 1670 Controllo delibere 1620 ore 6 40 ore 5 40 ore 6 Richiesta pareri autorizzazioni 1.8 Acquisto Beni e Servizi e 5 n. 150 DDG, n. 25 OO.AA., n. 150 Gestione Mandati Attività di Prevenzione e n. 25 Sorveglienza sanitaria tramite 12 2 Sicurezza medico competente Attività del consegnatario ore Totale peso obiettivo

24 Numero progressivo a) Attività di maggiore rilievo Attività amministrative e manuali di supporto Scadenza Azioni Prodotti a1 Report controllo interno di gestione 3380 ore b) Attività di front office b1- Funzionamento della struttura 270 ore c1 - Supporto 170 ore c) Attività di supporto ai vertici istituzionali (Dirigente Generale) c2 - Cordinamento PIP c3 - Gestione APQ Carlo Alberto dalla Chiesa 50 ore 30 ore d) Aggiornamento d1 Consultazione Siti Normativa GURS GURI 600 ore 24

25 MANSIONI Nome Cognome Qualifica Data di assegna zione Salvatore Di Martino Dirigente Salvatore Paola Sebastiano Sergio Donatella Vincenzo Gregorio Giuseppe Chiommino Gentile Grippi La Marca Li Mandri Lo Re Porcaro Rappa Funzionario Funzionario Funzionario Funzionario Funzionario Funzionario Funzionario Funzionario Risorse strumentali assegnate 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station Attuazione del Piano di Lavoro Mansioni svolte Dirigente Responsabile dell Area 1 RUP vigila sula esecuzione dei lavori interni al dipartimento VIGILANZA ARPA controllo ed istruttorie su delibere CONSEGNATARIO gestione dei beni e dei servizi dell assessorato PREVENZIONE E RISCHI istruttorie ed attività relative alla sicurezza del personale CONTRATTISTI istruttoria, determinazione di impegni, pagamenti e resoconti sul personale contrattista AFFARI ECONOMICI, rapporti con la ragioneria, istruttorie su attività economiche del dipartimento PREVENZIONE E RISCHI istruttorie ed attività relative alla sicurezza del personale CASSIERE istruttorie e gestione OO.AA. dell Assessorato Riferimento numerico agli obiettivi e/o azioni TUTTO , , 3.2,

26 Giuseppe Tagliavia Funzionario Fulvio Alfano Istruttore Gaspare Culcasi Istruttore Giovanni Galati Istruttore Maria Lo Voi Istruttore 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station 1 work station Inserimento dati, Controllo Presenze dei Dipendenti PREVENZIONE E RISCHI istruttorie ed attività relative alla sicurezza del personale CdG COMUNICAZIONI gestione e trasmissione circolari di interesse generale Servizio Uscerile 1.7 Inserimento dati, Controllo Presenze dei Dipendenti

27 STRUTTURA: Unità Operativa A1.2. Affari Generali e Comuni DIRIGENTE: Diego Greco FUNZIONIGRAMMA: Affari del Dipartimento e gestione delle risorse umane; gestione logistica del personale. Repertorio del Dipartimento; archivio storico. Coordinamento generale in materia di attuazione di piani, programmi, accordi di programma, intese definiti in base alla legislazione vigente; verifica dello stato di avanzamento dei piani e dei programmi di competenza del Dipartimento. Coordinamento dell attività relativa alle interrogazioni parlamentari e dell attività ispettiva dell ARS. 27

28 PIANO DI LAVORO U.O. A1.2 Numero progressivo Obiettivo Scadenza Azioni Peso azioni Prodotti Peso obiettivo 1 Affari del Dipartimento e gestione delle risorse umane 31/12/11 Repertorio e Protocollo del Dipartimento 9 Registrazione Decreti n. 800, Registrazione Impegni n. 600, prot. Informatico entrata n uscita n. 1347, Protocollo interno entrata DTA 1306 Area , inserimento dati archivio n Archivio storico ore Coordinamento Attività inerenti la logistica del Dip.to e gestione risorse umane ore 30 Assegnazione e Distribuzione Posta ore 28

29 4 5 Coordinamento Attività Ispettiva ARS Coordinamento Generale attuazione Piani, Programmi, Accordo di programma e Intese del Dip.to 31/12/11 31/12/11 Interrogazioni Parlamentari Attività Ispettiva dell ARS Approvazione piani, programmi, ecc Richiesta pareri autorizzazioni Istruttorie n. 90, richieste informazioni n. 90, trasmissione note n ore Totale peso obiettivo 50 5 Numero progressivo Attività di maggiore rilievo Scadenza Azioni Prodotti a) Attività amministrative e manuali di supporto a - Report controllo interno di gestione 75 ore c) Attività di supporto ai vertici istituzionali (Dirigente Area 1, Dirigente Generale) c1 - Supporto c2 - Cordinamento PIP 300 ore 150 ore d) Aggiornamento d1 Consultazione Siti Normativa GURS GURI 315 ore 29

30 MANSIONI Piano di Lavoro Unità Operativa A1.2 Affari Generali e Comuni Nome Cognome Qualifica Data di assegnazio ne Risorse strumentali assegnate Attuazione del Piano di Lavoro Mansioni svolte Riferimento numerico agli obiettivi e/o azioni Diego Greco Dirigente work station Dirigente Responsabile dell U.O. tutti Rosaria Billeci Istruttore 1 work station Repertorio Decreti Dipartimento Protocollo Informatico e cartaceo della DRA e dell Area 1 Repertorio Decreti Dipartimento Rosa Messina Istruttore 1 work station Protocollo Informatico e cartaceo della DRA e dell Area 1 Repertorio Decreti Dipartimento Eleonora Vaccaro Istruttore 1 work station Protocollo Informatico e cartaceo della DRA e dell Area 1 Logistica dell U.O. Collabora al Laura Maniscalco collaboratore 1 work station coordimento, all assegnazione posta, alle interrogazioni parlamentari e attuazione Piani, Programmi 4, 1.1 e 1.2 4, 1.1 e 1.2 4, 1.1 e 1.2 2, 4, 1.4, 1.10, 4.1, 4.2, 5.2 e

31 STRUTTURA: Area 2 Coordinamento programmi comunitari DIRIGENTE: Giandomenico Maniscalco FUNZIONIGRAMMA: Programmazione e coordinamento delle strategie ambientali e territoriali inerenti la Programmazione Unitaria con riguardo ai processi di integrazione, complementarietà, demarcazione dei Programmi Operativi FESR, FEARS, FEARS-PSR, POIN, PAIN; coordinamento delle attività di assistenza tecnica a valere dei Programmi comunitari, nazionali e regionali; studio e programmazione degli interventi in materia ambientale inerenti lo sviluppo sostenibile, le eco innovazioni, la programmazione dei regimi di aiuto; programmazione e coordinamento delle attività inerenti la cooperazione internazionale (INTERREG, P.O. MED, ENPI) e il programma LIFE in coerenza con le strategie e gli obiettivi della Programmazione Unitaria Coordinamento delle attività di predisposizione delle domande di candidatura a valere dei singoli bandi e promozione delle reti partnerariali; organizzazione, diffusione ed assistenza alla compilazione dei Format di candidatura; partecipazione ai lavori del gruppo misto GICT per la formulazione delle proposte di candidature alla Giunta di Governo: monitoraggio delle attività discendenti dai progetti finanziati all Assessorato, sia come capofila che come partner; organizzazione e standardizzazione di procedure per l attivazione di progetti finanziati; raccolta e diffusione dei prodotti esitati dai responsabili o gruppi di progetto incaricati dell attuazione degli stessi. Indirizzo e coordinamento delle attività di attuazione della Programmazione Unitaria e supporto alle Direzioni dell Assessorato e ai Servizi competenti per materia in ordine a: Processi di demarcazione e complementarietà delle operazioni contenute nei programmi della Programmazione Unitaria (PO FESR, PAR FAS, PO FEARS, PO FSE); progettazione, attività e realizzazione dei Piani di sviluppo del POIN PAIN; progettazione integrata e attività dell Asse VI del PO FESR (PIST, PISU). Indirizzo e coordinamento delle attività attinenti l attuazione dei regimi di aiuti e supporto alle Direzioni e ai Servizi competenti per materia; supporto alle Direzioni in ordine alla progettazione e applicazione dei progetti eco innovativi nelle produzioni e nei prodotti, con particolare riferimento all attuazione dei regimi di aiuti. Attività di promozione e coordinamento di programmi, progetti e processi finalizzati allo sviluppo sostenibile attraverso l implementazione di politiche ambientali: ISO EMAS, Agenda 21 locale, GPP Acquisti verdi, ecc. Attività connesse alle funzioni di segreteria del coordinamento regionale delle Agende 21 locali in Sicilia; rapporti con il coordinamento nazionale. Processi di Agenda 21 locali (delibera CIPE ) ad esclusione dei progetti ricadenti nelle aree ad elevato rischio di crisi ambientale. 31

32 PIANO DI LAVORO Area 2 N.ro progr Ob.1 Ob.2 Obiettivo Scadenza Azioni Coordinamento Attività inerenti l attuazione del PO Fesr Corrispondenza Ob e15.02 Dir. 162 del 15/09/2010 Assistenza tecnica all attuazione del PO Fesr: Asse III Rete Ecologica Corrispondenza Ob e15.02 Dir. 162 del 15/09/ Coordinamento proceduralefinanziario delle attività inerenti l attuazione delle Linee d intervento (target bimestrali avanzamento spesa) Coordinamento proceduralefinanziario per l attuazione delle Linee d intervento in capo a PIST-PISU Programmazione e avvio dei Piani Integrati POIn-PAIn Redazione e Avvio Accordi di Programma (linee ) Redazione Direttive e Bandi Regimi d aiuto 2.3- Avvio e gestione attività Linee A.T. Asse VII PO Fesr Peso azioni Prodotti Reports di avanzamento bimestrale per il DG e l AdG del PO Fesr Modifiche alle Linee d intervento per procedure scritte al PO elaborate Documenti per la rimodulazione di metà periodo del PO redatti Reports per il DG sull avanzamento delle procedure di selezionefinanziamento PIST-PISU Long List: organizzazione e gestione del data base Piani Integrati di POLO elaborati/avviati Database, processi partenariali per: costruzione e implementazione attività inerenti l Accordo di Programma Accordi di Programma istruiti/ avviati Direttive assessoriali redatte Bandi redatti Tavoli tecnici per l avvio dei bandi e costruzione delle procedure di selezione delle operazioni organizzati Bandi Assistenza Tecnica RES Asse VII PO redatti Peso Ob

33 Ob.3 Assistenza tecnica implementazione Rete Ecologica Corrispondenza Ob e15.02 Dir. 162 del 15/09/ Gestione percorsi di approvazione delle Norme di salvaguardia (tavoli tecnici) e redazione provvedimenti finali 3.2- Coordinamento Attività Assistenza tecnica PON GAT 8 2 Redazione Norme di salvaguardia e misure di conservazione Documenti per la gestione e il coordinamento delle Risorse umane 10 Totale pesi obiettivi 50 Numero progressivo Attività di maggior rilievo Scadenza Azioni Prodotti a 1 - Supporto logistico ore 840 a 2 - Archivio ore 800 a Attività di supporto alla struttura a 3 - Protocollo ore 420 a 4 - Gestione presenze ore 700 a 5 - Acquisizione beni e servizi ore 30 b Coordinamento struttura c Attività di supporto al Dirigente Generale d Coordinamento delle strategie ambientali e territoriali svolte dalle Unità Operative in capo all Area, in coerenza con le attività programmate per l anno b 1 - Programmazione attività Piano di Lavoro 2011 b 2 - Controllo di gestione interno c 1 - Attuazione procedure amministrative d 1 Programmazione attività U,O,A2.1 e U,O, A2.2 Relazione finale 2010 Reports Controllo di Gestione Reports e predisposizioni atti a firma del Dirigente Generale Partecipazione tavoli tecnici 33

34 MANSIONI Piano di Lavoro Area 2 Coordinamento programmi comunitari Attuazione del Piano di Lavoro Risorse Data di Riferimento Nome Cognome Qualifica strumentali assegnazione Mansioni svolte numerico agli assegnate obiettivi e/o azioni Giandomenico Maniscalco Dirigente Maria Provvidenza Antonio Leopizzi Alicata Funzionario direttivo Task Force Rete Ecologica Siciliana Conferimento incarico D.D.G.n 530 del 04/08/10-1p.c., 1 stampante b/n, 1 postazione tel. fisso, 1 tel. mobile aziendale 1p.c., 1 stampante b/n, 1 postazione tel. fisso, 1 tel. mobile aziendale - 1p.c.portatile Programmazione e coordinamento delle strategie ambientali e territoriali inerenti la Programmazione Unitaria. Studio e programmazione degli interventi in materia ambientale inerenti lo sviluppo sostenibile. Programmazione dei regimi d aiuto. Programmazione e coordinamento delle attività inerenti la cooperazione internazionale. Coordinamento delle attività di assistenza tecnica a valere dei programmi comunitari, nazionali e regionali. Coordinamento strategie programmazione unitaria. Programmazione regimi d aiuto. Coordinamento attività assistenza tecnica Elaborazione linee guida sul monitoraggio di habitat e specie di interesse comunitario. Misure di salvaguardia e aggiornamento dei perimetri dei siti della rete Natura Realizzazione del nodo pubblico di osservazione della biodiversità per la tutela e la fruizione delle risorse naturali Ob : 1, 2, 3 Az.: 1.1, 1.2, 1.3, 2.1, 2.2, 2.3, 3.1, 3.2 Altre attività: b1, b2, c1, d1 Ob : 1,2,3 Az.: 1.1, 1.2; 2.2, 2.3; 3.2 Altre attività: c1 Ob : 3 Az.: 3.1 Altre attività: c1 34

35 Antonino Paolo Danilo Giorgio Dario Carmela La Mantia Valentini Colomela Occhipinti Gueci Filì Task Force Rete Ecologica Siciliana Task Force Rete Ecologica Siciliana Task Force Rete Ecologica Siciliana Task Force Rete Ecologica Siciliana Task Force Rete Ecologica Siciliana Task Force Rete Ecologica Siciliana p.c.fisso 1 p.c portatile, 1 postazione tel. fisso, 1p.c.fisso 1 p.c portatile, 1 stampante,1 postazione tel. fisso, 1p.c.fisso 1 p.c portatile - 1 p.c portatile - 1 p.c portatile - 1 p.c portatile, 1 stampante Elaborazione linee guida sul monitoraggio di habitat e specie di interesse comunitario. Misure di salvaguardia e aggiornamento dei perimetri dei siti della rete Natura Gestione del materiale informatico dei Piani di gestione dei siti della rete Natura 2000 Realizzazione del nodo pubblico di osservazione della biodiversità per la tutela e la fruizione delle risorse naturali Misure di salvaguardia e aggiornamento dei perimetri dei siti della rete Natura Esame dei Piani di Sviluppo Locale (PSL) di interesse per la rete Natura Valutazione degli interventi dei Piani Integrati di Sviluppo Territoriale (PIST) e di Sviluppo Urbano (PISU). Esame delle proposte progettuali dell Accordo di programma (AdP) tra il Dipartimento, i Parchi e le Riserve, l ARPA- Sicilia e gli Istituti di ricerca. Valutazione degli interventi dei Piani Integrati di Sviluppo Territoriale (PIST) e di Sviluppo Urbano (PISU). Esame delle proposte progettuali dell Accordo di programma (AdP) tra il Dipartimento, i Parchi e le Riserve, l ARPA- Sicilia e gli Istituti di ricerca. Collaborazione alle attività di progettazione integrata del programma POIn. Collaborazione alle attività di progettazione integrata del programma POIn. Ob : 3 Az.: 3.1 Altre attività: c1 Ob : 3 Az.: 3.1 Altre attività: c1 Ob : 1,2 Az.: 1.2; 2.1 Altre attività: c1 Ob : 1,2 Az.: 1.2; 2.1 Altre attività: c1 Ob : 1 Az.: 1.3 Altre attività: c1 Ob : 1 Az.: 1.3 Altre attività: c1 35

36 Gabriella Valentina Daniele Marco Anna Maria Patrizia Cassarà Velis Arnò Corona Ferla Schiavone Task Force Rete Ecologica Siciliana Task Force Rete Ecologica Siciliana Task Force Rete Ecologica Siciliana Task Force Rete Ecologica Siciliana Istruttore direttivo Istruttore - 1 p.c portatile p.c portatile, 1 stampante, 1 telefono fisso 1 p.c portatile, 1 stampante, 1 telefono fisso - 1 p.c portatile - - 1p.c., 1 stampante b/n, 1 postazione tel. fisso, 1 tel. mobile aziendale 1p.c., 1 postazione tel. fisso, 1 tel. mobile aziendale Pianificazione procedurale e finanziaria per l attuazione delle linee di intervento del PO FESR 2007/2013. Pianificazione procedurale e finanziaria per l attuazione delle linee di intervento del PO FESR 2007/2013. Realizzazione del nodo pubblico di osservazione della biodiversità per la tutela e la fruizione delle risorse naturali. Attuazione delle linee di intervento del PO FESR 2007/2013 in materia di aria e suolo. Supporto al coordinamento delle attività della Task Force. Attività di comunicazione inerenti le reti partenariali (AdP, POIn, Agenda 21, ecc.). Gestione presenze personale, supporto redazione Piano di Lavoro 2011, supporto Controllo di Gestione Archivio, Protocollo, Acquisizione beni e servizi Ob : 1 Az.: 1.1; 1.2 Altre attività: c1 Ob : 1 Az.: 1.1; 1.2 Altre attività: c1 Ob : 1, 2, 3 Az.: 1.1; 2.1; 3.1 Altre attività: c1 Ob : 2,3 Az.: 2.3; 3.1 Altre attività: c1 Altre attività: a4, b1, b2 Altre attività: a2,a3,a5 Antonino Chiaramonte ex PIP - _ Supporto logistico alla Struttura Altre attività: a1 36

37 STRUTTURA: Unità Operativa A2.1 Cooperazione Territoriale DIRIGENTE: Matilde Fiore FUNZIONIGRAMMA: Programmazione e coordinamento delle attività inerenti la cooperazione internazionale (INTERREG, P.O. MED, ENPI) e il programma LIFE in coerenza con le strategie e gli obiettivi della Programmazione Unitaria Coordinamento delle attività di predisposizione delle domande di candidatura a valere dei singoli bandi e promozione delle reti partnerariali; organizzazione, diffusione ed assistenza alla compilazione dei Format di candidatura; partecipazione ai lavori del gruppo misto GICT per la formulazione delle proposte di candidature alla Giunta di Governo: monitoraggio delle attività discendenti dai progetti finanziati all Assessorato, sia come capofila che come partner; organizzazione e standardizzazione di procedure per l attivazione di progetti finanziati; raccolta e diffusione dei prodotti esitati dai responsabili o gruppi di progetto incaricati dell attuazione degli stessi. 37

38 PIANO DI LAVORO U.O. A2.1 N.ro progr. Obiettivo Scadenza Azioni Coordinamento attività per candidatura di progetti a valere sui programmi di CTE e sul programma LIFE+ in coerenza con le strategie e gli obiettivi della Programmaz. Unitaria Regionale. Corrispondenza Ob Dir. 162 del 15/09/ Elaborazione di idee progettuali e/o istruttoria istanze per adesione del DRA a proposte progettuali Ob Attuazione delle procedure di candidatura delle proposte secondo le prescrizioni dei programmi europei di cui all Ob Aggiornamento professionale di settore Peso azioni Prodotti Idee progettuali elaborate Istanze di adesione a proposte progettuali istruite Tavoli tecnici staff DRA e/o partenariali effettuati per la strutturazione delle proposte progettuali Format tecnici, amministrativi e finanziari compilati per la candidatura di proposte Proposte progettuali candidate Partecipazione a convegni, seminari, ecc. Peso Ob

39 Ob.2 Coordinamento attività per l attuazione dei progetti finanziati al DRA sia come capofila che come partner. Corrispondenza Ob Dir. 162 del 15/09/ Attuazione delle procedure amministrative per l attivazione dei progetti eletti a finanziamento 2.2 Attuazione della gestione tecnica e della gestione amministrativofinanziaria per l implementazione dei progetti eletti a finanziamento 2.3 Aggiornamento professionale di settore 8 8 Integrazioni trasmesse alle commissioni di valutazione dei progetti candidati anno 2010 e 2011 Atti amministrativi per l attivazione dei progetti eletti a finanziamento Report tecnici e format amministrativi e finanziari redatti e compilati secondo le prescrizioni dei programmi europei per l implementazione dei progetti finanziati Tavoli tecnici staff DRA e/o partenariali effettuati per l implementazione dei progetti finanziati Organizzazione e/o partecipazione eventi previsti dai progetti finanziati 4 Partecipazione a corsi, seminari, ecc. 20 Ob.3 Attuazione degli adempimenti necessari ai lavori del Gruppo Interdipartimentale per la Cooperazione Territoriale (GICT) Corrispondenza Ob Dir. 162 del 15/09/ Compilazione format per la presentazione di idee progettuali 3.2 Partecipazione alle riunioni del GICT su delega del Dirigente Generale 2 3 Schede idee progettuali da candidare redatte per la loro presentazione ai Comitati nazionali dei programmi di CTE 5 Proposte da candidare ai bandi dei programmi di CTE presentate per la loro sottoposizione alla Giunta Regionale Totale pesi obiettivi 50 39

40 Numero progressivo Attività di maggior rilievo Scadenza Azioni Prodotti a 1 - Supporto logistico ore 300 a 2 - Archivio ore 150 a Attività di supporto alla struttura a 3 - Protocollo ore 120 a 4 - Gestione presenze ore 150 a 5 - Acquisizione beni e servizi ore 30 b Coordinamento struttura c Procedimenti amministrativi collegati all attività della struttura b 1 - Programmazione attività Piano di Lavoro 2011 b 2 - Controllo di gestione interno c 1 - Attuazione procedure amministrative Relazione finale 2010 Reports Controllo di Gestione Reports e predisposizioni atti a firma del Dirigente Generale 40

41 MANSIONI Nome Cognome Qualifica Matilde Fiore Dirigente Maria Provviden za Leopizzi Funzionario direttivo Piano di Lavoro U.O. A2.1 Cooperazione Territoriale Risorse Attuazione del Piano di Lavoro strumentali assegnate Mansioni svolte Data di assegnazione Conferimento incarico D.D.G.n 575 del 27/08/2010 _ 1p.c., 1 stampante b/n, 1scanner, 1 postazione tel. fisso, 1 tel. mobile aziendale 1p.c., 1 stampante b/n, 1 postazione tel. fisso, 1 tel. mobile aziendale Coordinamento attività per la progettazione e candidatura di proposte a valere sui singoli bandi dei programmi di CTE e del programma LIFE+ in coerenza con le strategie e gli obiettivi della Programmazione Unitaria Regionale. Cura delle relazioni istituzionali per la costruzione di reti partenariali europee. Attuazione dei progetti finanziati al Dipartimento Ambiente, sia come capofila che come partner. Partecipazione ai lavori del GICT per la sottoposizione delle proposte alla Giunta di Governo e presentazione ai Comitati nazionali dei progr di CTE Collaborazione alle attività per la progettazione e candidatura di proposte a valere sui singoli bandi dei programmi di CTE e del programma LIFE+ in coerenza con le strategie e gli obiettivi della Programmazione Unitaria Regionale. Coordinamento per l attuazione amministrativo-finanziaria dei progetti finanziati al Dipartimento Ambiente sia come capofila che come partner Riferimento numerico agli obiettivi e/o azioni Ob : 1, 2, 3 Az.: 1.1, 1.2, 1.3, 2.1, 2.2, 2.3, 3.1, 3.2 Altre attività: b1, b2, c1 Ob : 1, 2, Az.: 1.1, 1.2, 1.3, 2.1, 2.2, 2.3 Altre attività: c1 41

42 Cesare Ivana D Agostin o Silvestri Funzionario direttivo Funzionario direttivo Ordine di servizio Area 2 n 1623 del 11/01/2011 Ordine di servizio Area 2 n 1623 del 11/01/2011 Collaborazione per l attuazione delle procedure amministrative per la candidatura e attuazione di proposte a valere sui singoli bandi dei programmi di CTE e del programma LIFE+ in coerenza con le strategie e gli obiettivi della Programmazione Unitaria Regionale. Collaborazione per l attuazione delle procedure finanziarie per la candidatura e attuazione dei progetti finanziati al Dipartimento Ambiente, sia come capofila che come partner. Ob : 1, 2, Az.: 1.1, 1.2, 1.3, 2.1, 2.2, 2.3 Altre attività: c1 Ob : 1, 2, Az.: 1.1, 1.2, 1.3, 2.1, 2.2, 2.3 Altre attività: c1 Danilo Giorgio Paolo Gabriella Anna Maria Patrizia Antonino Colomela Occhipinti Valentini Cassarà Ferla Schiavone Chiaramo nte task force rete ecologica Istruttore direttivo Istruttore ex PIP 4p.c., 1 stampante b/n, 2 postazioni tel. fisso 1p.c., 1 stampante b/n, 1 postazione tel. fisso, 1 tel. mobile aziendale 1p.c., 1 postazione tel. fisso, 1 tel. mobile aziendale _ Collaborazione per la progettazione e candidatura di proposte a valere sui singoli bandi dei programmi di CTE e del programma LIFE+ in coerenza con le strategie e gli obiettivi della Programmazione Unitaria Regionale. Gestione presenze personale, supporto redazione Piano di Lavoro 2011, supporto Controllo di Gestione Archivio, Protocollo, Acquisizione beni e servizi Supporto logistico alla Struttura Ob : 1, 2, Az.: 1.1, 1.2, 1.3, 2.1, 2.2, 2.3 Altre attività: a4, b1, b2 Altre attività: a2,a3,a5 Altre attività: a1 42

43 STRUTTURA: U.O. A2.3: Promozione e implementazione delle politiche ambientali DIRIGENTE: Francesco Picciotto FUNZIONIGRAMMA: Attività di promozione e coordinamento di programmi, progetti e processi finalizzati allo sviluppo sostenibile attraverso l implementazione di politiche ambientali: ISO EMAS, Agenda 21 locale, GPP Acquisti verdi, ecc.attività connesse alle funzioni di segreteria del coordinamento regionale delle Agende 21 locali in Sicilia; rapporti con il coordinamento nazionale. Processi di Agenda 21 locali (delibera CIPE ) ad esclusione dei progetti ricadenti nelle aree ad elevato rischio di crisi ambientale. 43

44 PIANO DI LAVORO U.O.A2.3 N.ro progr. Ob.1 Ob.2 Obiettivo Attività di promozione e coordinamento di programmi, progetti e processi finalizzati allo sviluppo sostenibile attraverso l implementazione di politiche ambientali: ISO EMAS, Agenda 21 locale, GPP Acquisti verdi, ecc Corrispondenza ob.n e15.02 Dir. 162 del 15/09/2010 Attività connesse alle funzioni di segreteria del coordinamento regionale delle Agende 21 locali in Sicilia Corrispondenza ob.n e15.02 Dir. 162 del 15/09/2010 Scadenz a Azioni 1.1 Promozione e coordinamento attività inerenti Agende 21 Locali 1.2 Promozione e coordinamento attività inerenti GPP Acquisti Verdi 1.3 Promozione e coordinamento attività inerenti ISO ed EMAS 2.1 Gestione della segreteria propositiva Peso azion i Prodotti Ideazione ed elaborazione proposte progettuali Partecipazione tavoli tecnici Patecipazione a convegni, seminari, ecc. Ideazione ed elaborazione proposte progettuali Partecipazione tavoli tecnici Patecipazione a convegni, seminari, ecc. Partecipazione a convegni, seminari, ecc. Incontri ed attività di coordinamento con la segreteria tecnica Incontri ed attività di coordinamento con il coordinamento, il direttivo e l'assemblea regionali Peso Ob

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO DEL LAVORO PISTA DI CONTROLLO INDICE 1. SCHEDA ANAGRAFICA...3 2. ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE...4 3. MACRO PROCESSO GESTIONALE...5

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana Assessorato Territorio ed Ambiente Dipartimento dell Ambiente. Relazione. Controllo interno di Gestione

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana Assessorato Territorio ed Ambiente Dipartimento dell Ambiente. Relazione. Controllo interno di Gestione REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Territorio ed Ambiente Dipartimento dell Ambiente Relazione Controllo interno di Gestione Anno 2011 Sommario Sommario...2 Premessa...4 1.Quadro Normativo...5

Dettagli

5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI

5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI 5 - AREA AFFARI GENERALI, RISORSE UMANE, SERVIZI COMUNI E FLUSSI DOCUMENTALI Responsabile: Dott. Parrinello Antonio Giuseppe Tel.: 0917076039 E-mail: agri1.areaaffarigenerali@regione.sicilia.it Assegnazione

Dettagli

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue.

L Assessore degli Affari Generali, Personale e Riforma della Regione riferisce quanto segue. Oggetto: Definizione dell assetto organizzativo della Direzione generale della Protezione Civile e modifica dell assetto organizzativo della Direzione generale del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale.

Dettagli

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21)

COMPETENZE DEI SERVIZI. 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) COMPETENZE DEI SERVIZI 1.1. Servizio Pianificazione strategica e Comunicazione (DL 21) a) la partecipazione, su delega dell Autorità di Gestione, ai Comitati di Sorveglianza nazionali e regionali, ai gruppi

Dettagli

NUCLEI DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (UNITA TECNICHE DI CUI ALL ART.1 DELLA LEGGE N.144/1999)

NUCLEI DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (UNITA TECNICHE DI CUI ALL ART.1 DELLA LEGGE N.144/1999) NUCLEI DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (UNITA TECNICHE DI CUI ALL ART.1 DELLA LEGGE N.144/1999) Questionario di rilevazione relativo alla situazione dell anno 2003. Il questionario

Dettagli

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente:

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente: CURRICULUM VITAE dati anagrafici: Giuseppe DAIDONE nato a NOTO (SR) il 28 ottobre 1962 residente a AUGUSTA, in via Siracusa, 14 mail: g.daidone@plemmirio.it cell.: 3357702907 studi: - ha conseguito la

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI

PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Normativa di riferimento per il nuovo periodo di programmazione 2007-2013 PRINCIPALI ATTORI COINVOLTI NEI PROGRAMMI OPERATIVI IN CUI L UVER È AUTORITÀ DI AUDIT E RELATIVI COMPITI Il sistema dei Controlli

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Il Direttore del Servizio

Il Direttore del Servizio DETERMINAZIONE N. 46130 6087 Oggetto: Avviso pubblico Impresa Donna - procedura a sportello per la concessione di contributi per favorire l imprenditoria femminile - POR FSE 2007/2013, Asse II Occupabilità,

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 1485/ARL DEL 01 ottobre 2015

DETERMINAZIONE N. 1485/ARL DEL 01 ottobre 2015 Sistemi del Lavoro DEL 01 ottobre 2015 Oggetto: APPROVAZIONE DELL ELENCO PARZIALE DEI BENEFICIARI DEL PROGRAMMA FLEXICURITY ANNUALITA 2015 BONUS OCCUPAZIONALE UPB S02.03.001 CAP SC02.0002 IL DIRETTORE

Dettagli

Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale

Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale In applicazione dell art. 7 del D. Lgs. 150/2009 recante Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore 5, Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE (ASSUNTO il 14/05/2014

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756. standard professionali, intesi come caratteristiche

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756. standard professionali, intesi come caratteristiche 30334 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 113 del 21 08 2014 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO FOR MAZIONE PROFESSIONALE 5 agosto 2014, n. 756 P.O. PUGLIA F.S.E. 2007/2013 Asse V TRANSNA ZIONALITÀ

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014

Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Decreto Dirigenziale n. 437 del 20/06/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE (Assunto il 11/05/2016 prot. n.1361) Registro

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013. Dal 01.01.2013 al 31.10.2013

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013. Dal 01.01.2013 al 31.10.2013 PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 Dal 01.01.2013 al 31.10.2013 Segretario Generale Dott. Antonina Liotta Caltanissetta, 30 Gennaio 2014 1 Provincia Regionale

Dettagli

F-1-FSE-2011-169 Prot.N. 8521 dell 11/10/2011

F-1-FSE-2011-169 Prot.N. 8521 dell 11/10/2011 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. GALILEI Vico Carducci, 9 74123 TARANTO - tel. 099.4706866 tel. e fax 0994707447 Codice Fiscale 80010490730 Codice meccanografico: taic802004 www. scuolagalilei.it e-mail:

Dettagli

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03

Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Riunione del Comitato di gestione Monitoraggio APQ - 18/12/03 Roma, 18 dicembre 2003 Agenda dell'incontro Approvazione del regolamento interno Stato di avanzamento del "Progetto Monitoraggio" Prossimi

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013

Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013 Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013 A.G.C. 13 Turismo e Beni Culturali Settore 3 Beni Culturali Oggetto dell'atto: P.O. F.E.S.R. CAMPANIA 2007-2013. ASSE 1 - OBIETTIVO OPERATIVO 1.9 - ATTIVITA' "A".

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE Industria, Commercio Artigianato

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE Industria, Commercio Artigianato REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE Industria, Commercio Artigianato DECRETO (ASSUNTO IL 30/04/2015 PROT. N. 654) " Registro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Presidenza Settore Cooperazione, Internazionalizzazione, Politiche di sviluppo euro-mediterranee DECRETO DEL DIRIGENTE DEL SETTORE (ASSUNTO il / prot. n.

Dettagli

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 Allegato A Al Programma Triennale per la 2015-2017 Di seguito i dati oggetto di pubblicazione, ai sensi di quanto previsto dalla normativa sulla di cui al 33 del 2013.

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) 6 Via Giacomo Puccini 85100 Potenza Telefono(i) 0971 52920 Cellulare: 331 8531646 E-mail agnese.lapetina@alice.it Cittadinanza

Dettagli

AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE IL DIRETTORE

AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE IL DIRETTORE AGENZIA REGIONALE DI SANITÀ TOSCANA DECRETO DEL DIRETTORE n. 10 del 05/05/2008 Oggetto: Approvazione profili professionali del personale dipendente dell Agenzia. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI

U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI U.O. PATRIMONIO GARE E CONTRATTI Determinazione nr. 1061 Trieste 07/04/2014 Proposta nr. 762 Del 03/04/2014 Oggetto: Regolamento Regionale n.116/pres. dd. 28/05/2010 - Fondo Sociale Europeo Obiettivo 2

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA Allegato alla Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 8 del 15 settembre 2010 AREA AFFARI GENERALI Compiti di segreteria del Direttore Attività di segreteria

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali. c.vesselli@provincia.roma.it

PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali. c.vesselli@provincia.roma.it PROVINCIA DI ROMA Servizio I Gestione dei rifiuti Dipartimento IV Servizi di tutela ambientali c.vesselli@provincia.roma.it Protocollo interno del Servizio I N 36 del 24/10/2007 UFFICIO DETERMINAZIONI

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

Servizio di Assistenza Tecnica e gestionale all attuazione degli interventi dell ASSE 2 del PON FESR Ambienti per l Apprendimento 2007-2013 MIUR

Servizio di Assistenza Tecnica e gestionale all attuazione degli interventi dell ASSE 2 del PON FESR Ambienti per l Apprendimento 2007-2013 MIUR Palermo 19 ottobre 2012 Servizio di Assistenza Tecnica e gestionale all attuazione degli interventi dell ASSE 2 del PON FESR Ambienti per l Apprendimento 2007-2013 MIUR Modalità operative di erogazione

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO COMPETENZE PER LO SVILUPPO

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO COMPETENZE PER LO SVILUPPO Prot. n. 3528/D81 Napoli, 5 giugno 2014 PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO SOCIALE EUROPEO COMPETENZE PER LO SVILUPPO AVVISO PROT. N. 11547 del 8/11/2013- ANNO SCOLASTICO 2013/14 ATTUAZIONE POR REGIONI

Dettagli

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata

I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata I Fondi strutturali e i fondi a finalità strutturali europei in Basilicata La Regione Basilicata ha attivi sul proprio territorio 3 Programmi di investimento delle risorse comunitarie per un ammontare

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 )

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO. (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO ATTIVITÀ PRODUTTIVE SETTORE 1 DECRETO (ASSUNTO IL 04 dicembre 2014 PROT. N.631 ) " Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria " N. 14806 del

Dettagli

IL DIRIGENTE GENERALE

IL DIRIGENTE GENERALE D.D.G. n. 857 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato regionale dell agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento regionale per l Agricoltura Ex Dipartimento degli

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013

POR CALABRIA FESR 2007/2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 COMITATO DI SORVEGLIANZA Agenda dei Lavori (23 giugno 2009) 1 AGENDA DEI LAVORI Ore 9.00 Apertura dei lavori Introduzione

Dettagli

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Dipartimento per gli Affari Generali e della Contabilità : Svolge le attività di autoamministrazione dell Agenzia, funzionali

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 1090 DEL 5 AGO 2015 Prot. n 12339

DETERMINAZIONE N. 1090 DEL 5 AGO 2015 Prot. n 12339 Servizio Beni Culturali e Sistema Museale 11-01-03 DETERMINAZIONE N. 1090 DEL 5 AGO 2015 Prot. n 12339 Oggetto: PO FESR 2007-2013 Asse IV - Obiettivo operativo 4.2.3, Linea di Attività 4.2.3.a: interventi

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 Stralcio di pari opportunità: L AUTORITA PER L UGUAGLIANZA ( ) ( ) 5.2.7

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 14/10/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 82 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 7 ottobre 2014, n. 647 Istituzione dell'osservatorio regionale per l'attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 «Disposizioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

DIRETTORE AREA. Promocommercializzazione

DIRETTORE AREA. Promocommercializzazione ALLEGATO A - Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del direttore AREA Contabile-amministrativa AREA Promocommercializzazione AREA Studi, Innovazione e Statistica ALLEGATO

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI Prot. 7845C/44 Marcianise 03/12/2015 All albo dell istituto tecnico Guido Carli Casal di Principe e pc All albo dell istituto capofila del polo tecnico professionale ISISS P.S. LENER DI MARCIANISE BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

INFORMAZIONI ESPERIENZA. Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607

INFORMAZIONI ESPERIENZA. Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607 Nazionalità Italiana Luogo e data di nascita GENOVA, 25.04.1972

Dettagli

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato

BANDO. Progetti di formazione per il volontariato BANDO Progetti di formazione per il volontariato Anno 2016 1. Chi può presentare I progetti possono essere presentati da tutte le associazioni di volontariato con sede legale nel territorio della regione

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Emanuele Indirizzo Via del Ponte di Pantano, 25e Telefono 3299310050 Fax E-mail emanuele.morello@gmail.com Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 50601 Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO COM PETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI 22 dicembre 2014, n. 2487 FSC APQ Sviluppo Locale 207 2013 Titolo II Capo III Aiuti agli investimenti delle

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E. Rossella SALVATORI. Data e luogo di nascita : 11.11.1948, Ceccano (prov. Frosinone)

C U R R I C U L U M V I T A E. Rossella SALVATORI. Data e luogo di nascita : 11.11.1948, Ceccano (prov. Frosinone) C U R R I C U L U M V I T A E Rossella SALVATORI Dati Personali Nome e Cognome: Rossella Salvatori Data e luogo di nascita : 11.11.1948, Ceccano (prov. Frosinone) Nazionalità: italiana Indirizzo residenza

Dettagli

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE

Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Prot. n. 905/UD IL DIRETTORE Visto lo Statuto dell Agenzia delle dogane deliberato dal Comitato direttivo in data 5 dicembre 2000, modificato e integrato con delibere n. 5 del 14 dicembre 2000 e n. 10

Dettagli

Delibera. A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile. DE PAOLI Gaudenzio. FREIBURGER Gualtiero.

Delibera. A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile. DE PAOLI Gaudenzio. FREIBURGER Gualtiero. Delibera Assessorato ACP - AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA Direzione Settore A17000 - AGRICOLTURA A1705A - Programmazione e coordinamento sviluppo rurale e agricoltura sostenibile Num. Definitivo 29-2396 Num.

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento N. 10 Politiche del Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato DECRETO DIRIGENTE DEL SETTORE (Assunto il 09/9/2014

Dettagli

SECONDO ISTITUTO COMPRENSIVO

SECONDO ISTITUTO COMPRENSIVO Prot.n. 3168/B.28 SECONDO ISTITUTO COMPRENSIVO Via XXV LUGLIO - Tel. 0831/951160 72019 SAN VITO DEI NORMANNI (BR) cod. mecc. BRIC82200P e mail bric82200p@istruzione.it bric82200p@pec.istruzione.it San

Dettagli

M A N S I O N A R I O

M A N S I O N A R I O MA0 / Redazione e Verifica Direzione Generale Rev. del 05/08/20 Natura della modifica Approvazione Presidente Copia Controllata Copia Non Controllata Prima emissione Approvazione: Prima emissione : CDA

Dettagli

Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI SILVIA ARRIGHETTI VIA A. BERTAZZONI 100, 85100 POTENZA O971668080 ESPERIENZA LAVORATIVA

Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI SILVIA ARRIGHETTI VIA A. BERTAZZONI 100, 85100 POTENZA O971668080 ESPERIENZA LAVORATIVA Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono SILVIA ARRIGHETTI VIA A. BERTAZZONI 100, 85100 POTENZA O971668080 Fax 0971 668820 E-mail silviarrigh@gmail.com silvia.arrighetti@regione.basilicata.it

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Organismo Indipendente di Valutazione

Organismo Indipendente di Valutazione Commissione Enti Locali SEMINARIO FORMATIVO Organismo Indipendente di Valutazione Aspetti normativi e metodi di valutazione della performance Avellino, 7 febbraio 2011 Eraldo De Simone Decreto Legislativo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI

DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE POLITICHE AMBIENTALI, ENERGIA E CAMBIAMENTI CLIMATICI SETTORE ENERGIA, TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA E DALL'INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO E ACUSTICO Il Dirigente Responsabile:

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 156 DEL 23 SETTEMBRE 2010

DETERMINAZIONE N. 156 DEL 23 SETTEMBRE 2010 COMUNE DI LONGI Provincia di Messina AREA AMMINISTRATIVA DETERMINAZIONE N. 156 DEL 23 SETTEMBRE 2010 Servizio Sport Turismo e Manifestazioni Timbro dell UffIcio LA RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Maria Galati

Dettagli

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO

Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 STATO MEMBRO Bozza di linee guida sulle funzioni dell Autorità di Certificazione Struttura del sistema di gestione e controllo nella nuova programmazione 2007-2013 COMMISSIONE EUROPEA STATO MEMBRO Responsabili d Asse

Dettagli

Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO

Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO Manuale del sistema di gestione U.O. FUNZIONE PROGETTUALE DEDICATA ALLA GESTIONE DELLE EMERGENZE IN AMBITO SANITARIO Documento: GEN-ESP-MG-Strutturaattività-00 Data modifica: 12/02/2008 Data stamp:04.06.2008

Dettagli

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n.

VISTO il Regolamento (CE) n. 546/2009 del Parlamento e del Consiglio del 18/06/2009, che modifica il Regolamento (CE) n. ACCORDO TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E LA REGIONE LAZIO PER L ATTUAZIONE COORDINATA DELLE AZIONI RIFERIBILI AL PROGRAMMA DI INTERVENTI A COFINANZIAMENTO FEG EGF/2012/007 IT/VDC

Dettagli

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico

Descrizione del fabbisogno e definizione dell oggetto dell incarico Allegato n. 2 Fabbisogno Assistenza Tecnica AdG e AdC Fabbisogno di n. 26 esperti per l espletamento di attività di Assistenza tecnica indirizzata alla gestione, sorveglianza, valutazione, informazione

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LA RESPONSABILE DI P.O.

AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LA RESPONSABILE DI P.O. AREA SERVIZI AL CITTADINO U.O. POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Determinazione nr. 202 Trieste 29/01/2015 Proposta nr. 50 Del 28/01/2015 Oggetto: Regolamento di cui agli artt. 29, 30, 31, 32, 33 e 48 L. R.

Dettagli

ESPERIENZE PROFESSIONALI

ESPERIENZE PROFESSIONALI CARLA GOBBETTI ESPERIENZE PROFESSIONALI 1 Dicembre 2006 a tutt oggi in servizio presso la Segreteria del Direttore Generale per lo Spettacolo dal Vivo con funzioni di Capo Segreteria. Mansioni: - gestione

Dettagli

Progetto: codice: 2007.IT.051 PO.003/IV/I2/F/9.2.5/0940 dal titolo EXPLORER

Progetto: codice: 2007.IT.051 PO.003/IV/I2/F/9.2.5/0940 dal titolo EXPLORER Regione Siciliana Assessorato dell Istruzione e della Formazione Professionale Progetto: codice: 2007.IT.051 PO.003/IV/I2/F/9.2.5/0940 dal titolo EXPLORER A tutti gli interessati aventi titolo All Albo

Dettagli

Allegato n. 2 ATTI STRUTTURE AFFERENTI ALLO STAFF

Allegato n. 2 ATTI STRUTTURE AFFERENTI ALLO STAFF Ambito organizzativo proponente / estensore Oggetto atto Atto Direttore Generale Atto Dirigenziale (ove necessaria Determina del Dirig./note) Organizzazione protocollo aziendale Gestione Albo Pretorio

Dettagli

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito)

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito) 1936 Catanzaro e codice 33 TARGET di Crotone occorre assegnare nell immediato l attività formativa, per non far disperdere gli allievi che parteciperanno a tali attività e creare un ulteriore danno ai

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM BOZZA POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 Dec. C(2007) 6820 del 20/12/2007 DESCRIZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO ORGANISMO INTERMEDIO MATTM Aprile 2009 Il MATTM in qualità

Dettagli

Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE

Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE Comune di Lecce DETERMINAZIONE ORIGINALE SETTORE: Settore Programmazione Strategica e Comunitaria Dirigente: Dott. RAFFAELE PARLANGELI Raccolta particolare del servizio N DetDS 00011/2015-CDR V del 19/02/2015

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

366/98, DM 557/99, L.R.

366/98, DM 557/99, L.R. BILITÀ DI DELI BERAZI ONE UNTA REGI ONALE ionale della Sicurezza Stradale Variazione al Bilancio di previsione 2014 ai sensi dell art. 42 E GESTIONE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE 1 L Assessore alle Infrastrutture

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO 2014-2019 STRATEGIA 5.8 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE AVVISO PUBBLICO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALL'ACQUISIZIONE DI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Tecnico della Prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro. Posizione Organizzativa - Dipartimento di Prevenzione Medico

Tecnico della Prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro. Posizione Organizzativa - Dipartimento di Prevenzione Medico INFORMAZIONI PERSONALI Nome Poloni Mario Data di nascita 25/09/1953 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Tecnico della Prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro

Dettagli

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO

AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GALEOTTI UGO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE AREA DI COORDINAMENTO ORGANIZZAZIONE. PERSONALE. SISTEMI INFORMATIVI SETTORE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Il Dirigente Responsabile: GALEOTTI UGO Decreto

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

Il bando è disponibile sul sito internet http://www.unibo.it/portale/personale/concorsi/avvisiselezione/default.htm

Il bando è disponibile sul sito internet http://www.unibo.it/portale/personale/concorsi/avvisiselezione/default.htm Il bando è disponibile sul sito internet http://www.unibo.it/portale/personale/concorsi/avvisiselezione/default.htm Bando di selezione per soli titoli per il conferimento di un incarico di collaborazione

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO:

DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE. Registro dei decreti dei Dirigenti della Regione Calabria OGGETTO: REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO 7 SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI SETTORE 2 Procedure FESR, attività economiche: programmazione ed attuazione DECRETO DEL DIRIGENTE

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli