M&T ITALIA S.r.l. MARKETING & TRADE. Dott. Gianfranco Lai Verona, 4 Aprile 2009 FOCUS GROUP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M&T ITALIA S.r.l. MARKETING & TRADE. Dott. Gianfranco Lai Verona, 4 Aprile 2009 FOCUS GROUP"

Transcript

1 Presentazione dei risultati dell indagine internazionale La percezione qualitativa del consumatore di vino in relazione ai diversi sistemi di tappatura Dott. Gianfranco Lai Verona, 4 Aprile FOCUS GROUP Obiettivi dell indagine Realizzare un indagine qualitativa sulle percezioni e le valutazioni del consumatore nel momento in cui stappa e utilizza una bottiglia di vino. In considerazione dell ampiezza del mercato del vino, le azioni conoscitive sono state condotte ad un livello internazionale, con dimensione europea, in Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna. 2 1

2 La metodologia della ricerca il Focus è stato condotto sul target degli utilizzatori abituali di vino, con specifico riferimento a chi effettua la scelta di acquisto nel settore retail e/o catering e provvede, di norma, all apertura della bottiglia. Rispetto alla segmentazione per fasce di età, il target è molto ampio ed è stato identificato con la fascia anni. La definizione dei gruppi è stata definita come segue: gruppo A: 8/10 partecipanti, di età 25/40 anni, uomini gruppo B: 8/10 partecipanti, di età 40/50 anni, uomini gruppo C: 8/10 partecipanti, di età 50/60 anni, uomini gruppo D: 8/10 partecipanti, di età 25/45 anni, donne single 3 FOCUS GROUP La metodologia della ricerca Sono stati condotti 20 gruppi di discussione nei 4 paesi con il coinvolgimento di circa 200 intervistati. La discussione è stata condotta e moderata da un senior research specialist; ciascun partecipante è stato sollecitato ad esprimere la sua opinione e le sue percezioni su sette batterie di domande/argomenti che riguardavano le modalità di acquisto e consumo del vino, le sensazioni nel momento dell apertura, i giudizi sui diversi sistemi di chiusura, i giudizi sulla degustazione del vino (blind test). 4 2

3 FOCUS GROUP La metodologia della ricerca Il test di assaggio (blind test) è stato condotto facendo degustare lo stesso vino imbottigliato in bottiglie neutre (senza etichetta e con capsule identiche) ma con diverse chiusure, ossia con tappo in sughero naturale monopezzo, tappo in sughero agglomerato birondellato e tappo sintetico. 5 FOCUS GROUP ARTICOLAZIONE ED ARGOMENTI DELLA DISCUSSIONE 1) Attivazione del gruppo sul vissuto del vino e sulle motivazioni di consumo e di scelta della tipologia. 2) Far emergere e valutare le modalità d acquisto del vino, ed in particolare se e quanto è influente nell acquisto la modalità di chiusura della bottiglia. 3) Far emergere le modalità, le aspettative e le valutazioni relative all apertura / chiusura di una bottiglia di vino. 4) Presentare le bottiglie di vino con le differenti chiusure presenti sul mercato e far emergere le valutazioni e le problematiche relative alle varie tipologie di chiusura. 5) Attivare i partecipanti ad una prova pratica di apertura della bottiglia, sequenzialmente per ciascuna tipologia. 6) Attivare una degustazione del vino contenuto nelle bottiglie con differenti chiusure (attenzione il vino è uguale per tutte le bottiglie a prescindere dalla chiusura utilizzata) e rilevare l eventuale influenza della chiusura nel giudizio sul vino. 7) Chiudere l incontro facendo emergere la propensione dei partecipanti alla scelta/utilizzo delle alternative di chiusura delle bottiglie di vino. 6 3

4 FOCUS GROUP La Struttura della ricerca 1. L analisi del vissuto del vino 2. I criteri di scelta e di acquisto di vino 3. L apertura del vino 4. La percezione e la valutazione spontanea dei diversi tipi di tappi 5. La prova pratica di apertura 6. Il blind test 7. Considerazioni finali 7 FOCUS GROUP I Risultati della ricerca 1. L analisi del vissuto del vino 2. I criteri di scelta e di acquisto di vino 3. L apertura del vino 4. La percezione e la valutazione spontanea dei diversi tipi di tappi 5. La prova pratica di apertura 6. Il blind test 7. Considerazioni finali 8 4

5 Il vissuto del vino Il consumo di vino si rivela portatore di valori e di emozioni ricche e condivise, tanto è vero che i suoi consumatori abituali, trasversalmente nei mercati considerati, per età e in parte al sesso, concordano infatti nel considerarlo: un complemento e un arricchimento del cibo, soprattutto a cena (il pasto più importante, rilassato, conviviale, soprattutto per un target cittadino e lavorativamente attivo) completa il piatto cucinato dà sapore a quello che si mangia a tavola è un piacere lo scelgo in funzione di quello che preparo col vino il pasto è più succulento 9 Il vissuto del vino un prodotto emotivamente caldo, piacevole, non solo per il palato (ricchezza di sapori, profumi, bouquet...), ma anche perché si condivide, si offre, si regala è piacere, mi scalda ogni vino ha un gusto diverso lo bevo insieme al mio compagno il vino chiede un tempo lento di consumo: ti siedi, ceni, chiacchieri è complicità, prendersi cura dei tuoi ospiti 10 5

6 Il vissuto del vino un facilitatore di relazioni, per il suo contenuto di alcool, ma anche perché porta emozione nelle situazioni conviviali (piacere, curiosità, rilassatezza...) è relax, compagnia scioglie il dialogo al ristorante con amici aiuta all'allegria un buon bicchiere di vino ti fa sentire meglio 11 Il vissuto del vino un prodotto naturale, genuino (più genuino della maggior parte degli alcolici che si consumano oggi) che ha un origine agricola, contadina, oggi di nuovo in auge sull onda di un recupero di valori alimentari più naturali e autentici è salute, è meglio di tante schifezze è naturale è meno trattato degli altri alcolici Per i più esperti, è un prodotto vivo, che matura, cambia, respira 12 6

7 Il vissuto del vino Nonostante questa trasversalità di valori, il rapporto con il vino e il suo vissuto sono cambiati nel tempo. Nei mercati più tradizionali (Italia e Francia) se una volta infatti il vino era un consumo diffuso e radicato nelle abitudini quotidiane, perché legato alla cultura contadina e alle produzioni locali, come testimoniano tuttora i comportamenti degli uomini più maturi.. col decrescere dell età il vino si allontana progressivamente dal suo legame con la terra e la cultura contadina, per acquisire una dimensione più cittadina e più mediata da codici culturali e stili di comportamento moderni 13 Il vissuto del vino Nei mercati di più recente tradizione enologica (Gran Bretagna e Germania) il vino si richiama ai valori tradizionali del legame con la terra e la cultura contadina, ma più come evocazione di moda che come riferimento vissuto, e con codici di comportamento legati alla dimensione cittadina e mediati da abitudini e stili di consumo emozionali. 14 7

8 Il vissuto del vino All interno di questo quadro generale, entrando più in dettaglio nei sub target: gli uomini 50/60, nei mercati tradizionali hanno un rapporto col vino fondato su esperienza e consuetudine. Il vino mantiene un forte legame con la sua origine agricola e territoriale e ciò si traduce p. es. in acquisti anche abituali all ingrosso, direttamente dai produttori. l vissuto è più quotidiano e funzionale, prevalentemente legato all accompagnamento del cibo, il consumo è prevalentemente indoor, con l eccezione del ristorante, dove c è anche più voglia di sperimentazione. Nei mercati non tradizionali il vissuto è simile a quello del segmento 40/50, ma con una maggiore propensione alla spesa per vini di qualità superiore, da consumare outdoor o in occasioni conviviali 15 Il vissuto del vino Gli uomini 40/50, in modo trasversale su tutti i mercati mostrano una consuetudine al vino che va allontanandosi dal legame con la terra e la cultura contadina. Il consumo di vino resta prevalentemente funzionale, legato quindi all accompagnamento del cibo (ma nel complesso bevono meno e in modo meno abituale dei più maturi), ma il vino acquisisce un vissuto più cittadino. Da un lato è un consumo più colto; c è voglia di acquisire una cultura sul vino attraverso la sperimentazione e la frequentazione di corsi specialistici, da un altro più commerciale, sempre più mediato dai supermercati, più sperimentale, anche più modaiolo, condizionato dalla pubblicità e dalle tendenze 16 8

9 Il vissuto del vino Gli uomini 25/40 in modo trasversale su tutti i mercati evidenziano un vissuto che non ha conosciuto in larga parte le origini rurali e contadine del vino, ma grazie all attuale ritorno in auge del consumo di vino, viene recuperata come valore e come cultura cui ispirarsi. Solo in parte il consumo resta tradizionale, a pasto e indoor, ma più spesso è un consumo occasionale, conviviale e soprattutto più outdoor, connotato quindi anche da emozionalità, ludicità, moda. Ciò da origine a comportamenti diversi: a volte lo sforzo di imparare i canoni del buon bevitore, attento agli abbinamenti e alle formalità, a volte invece una sperimentazione maggiore e anche più disinvolta; si beve per piacere, curiosità, emulazione, più che per ottemperanza a criteri di abbinamento col cibo 17 Il vissuto del vino In questo target, il modo di trattare il vino, compreso il tappo e l apertura della bottiglia, diventa a volte un rituale da esibire in compagnia, con gesti formali, più estetici che concretamente motivati Fra i più giovani, si coglie qualche segnale di eccesso formale o di trasgressione alla tradizione (i vini australiani, i tappi colorati...) 18 9

10 Il vissuto del vino Le donne 25/45 in modo trasversale in tutti i mercati, evidenziano che per le donne il consumo di vino resta mutuato da una cultura e competenza maschili, di cui si sono appropriate solo in parte. Formalità e rituali di consumo sono ereditati o emulati da figure maschili e spesso delegati all uomo, mentre diventa territorio (anche) femminile la gestione del vino nel contesto del pasto (la cucina è di competenza femminile e il vino si adegua al cibo), l emozionalità del consumo condiviso, che nelle donne assume tonalità più avvolgenti (un prodotto che seduce con la sua anima maschile, ossia calore, piacere, eleganza, fascino) 19 FOCUS GROUP I Risultati della ricerca 1. L analisi del vissuto del vino 2. I criteri di scelta e di acquisto di vino 3. L apertura del vino 4. La percezione e la valutazione spontanea dei diversi tipi di tappi 5. La prova pratica di apertura 6. Il blind test 7. Considerazioni finali 20 10

11 I criteri di scelta e di acquisto di vino Il campione ha evidenziato in modo trasversale rispetto ai diversi mercati e ai diversi target che una larga parte preferisce bere, soprattutto in casa, il vino rosso. Il vino bianco, preferito solo da alcune donne e da qualche uomo giovane, ha un vissuto più etereo e formale: legato all aperitivo (spumante) o all abbinamento tradizionale con il pesce. Il vino viene acquistato prevalentemente nei supermercati, che oggi hanno un offerta di qualità e anche interessante nel prezzo a volte dal produttore (soprattutto uomini maturi nei mercati tradizionali) più sporadicamente in enoteca (per cene più importanti o da parte di bevitori più selettivi e competenti). 21 I criteri di scelta e di acquisto di vino I criteri di scelta del vino sono prevalentemente qualitativi. (soprattutto oggi, che il consumo quantitativo è associato a comportamenti datati o trasgressivi) Le esigenze qualitative però, sono sempre condizionate dal prezzo, e variano in funzione dei comportamenti e delle occasioni di consumo: per il consumo quotidiano si cerca una qualità accettabile e accessibile (solo alcuni bevitori più occasionali si concedono sempre vini di pregio); c è chi per risparmiare acquista direttamente dal produttore, moltissimi scelgono e acquistano secondo le offerte al supermercato. per le occasioni, invece, si cerca una qualità più alta, un vino conosciuto come buono, sia per sottolineare meglio la situazione conviviale, sia (ancor più) per fare bella figura con gli ospiti 22 11

12 I criteri di scelta e di acquisto di vino La valutazione qualitativa del vino si basa o sulla competenza o su codici qualitativi riconoscibili anche dal profano. In particolare: i criteri basati sulla competenza sono, tradizionalmente: - il vitigno, il nome del vino - la zona di provenienza - e più selettivamente (solo intenditori) la cantina e l annata - i codici DOC, DOCG 23 I criteri di scelta e di acquisto di vino i codici qualitativi che guidano i meno competenti (ma non solo) sono: - la fascia di prezzo, che rappresenta sempre un codice importante nella scelta del vino, soprattutto quando non si tratta di un prodotto abituale (primariamente per scartare vini low profile, ma anche per scegliere un buon vino) Il prezzo del vino acquistato abitualmente varia dai 4/5 euro (Italia, Francia) fino a 8/10 euro (Gran Bretagna, Germania) a bottiglia. In occasione di cene con o da amici, il prezzo può salire anche oltre i 10 euro a bottiglia 24 12

13 I criteri di scelta e di acquisto di vino - l esperienza pregressa con un prodotto, il passaparola fra amici ma anche (per i meno competenti) - la bottiglia (bottiglioni e brick in cartone sono quasi sempre banditi!) l etichetta un po particolare, informativa e a volte, già a livello spontaneo, anche il tipo di tappo: o per esclusione (Italia, Francia: mai un tappo a vite!) o perché in sughero un diktat per vini di un certo prezzo e comunque un segno di qualità e tradizione che rassicura sul vino, indipendentemente dalla competenza e dalle effettive motivazioni che lo supportano 25 FOCUS GROUP I Risultati della ricerca 1. L analisi del vissuto del vino 2. I criteri di scelta e di acquisto di vino 3. L apertura del vino 4. La percezione e la valutazione spontanea dei diversi tipi di tappi 5. La prova pratica di apertura 6. Il blind test 7. Considerazioni finali 26 13

14 L apertura del vino C è tutta una ritualità nell apertura del vino, che ai più piace e anticipa il piacere del consumo (in modo trasversale in tutti i gruppi, ma in modo particolare nel target 40/50, meno funzionale dei maturi e più competente dei giovani) E una ritualità che non crea ansia né apprensione, ma che anzi: resta più sottotono nel consumo quotidiano, ma si amplifica in situazioni conviviali, dove la gestualità e le regole di bon ton nel trattare il vino vengono seguite con grande cura (e piacere), anche per sottolineare il valore del vino che viene stappato per alcuni più giovani, che recuperano il piacere del vino anche attraverso la reiterazione dei suoi gesti e codici tradizionali, la ritualità diventa spettacolo, esibizione esteriore di una competenza non sempre effettiva. 27 L apertura del vino Entrando più in dettaglio nel rito di apertura del vino: La bottiglia si apre quasi sempre a tavola, tassativamente in presenza di ospiti, come segno di rispetto, garanzia che offri proprio quel vino ed anche per condividere il momento piacevole o un po per esibizione. c è una storia di rumori che accompagnano piacevolmente l apertura della bottiglia: soprattutto il plop del tappo che esce, citato pressoché in ogni gruppo in tutti i paesi, ma per qualcuno anche il gnic gnic del cavatappi che penetra nel tappo. è prassi annusare il tappo, una volta estratto, indipendentemente dal fatto di intendersene o meno. qualcuno mette il salvagocce o il tovagliolo per mescerlo dalla bottiglia senza sporcare. per i vini che lo richiedono e solo in situazioni conviviali, si travasa nel decanter (più fra gli uomini 40/50, con un approccio più colto al vino) 28 14

15 FOCUS GROUP I Risultati della ricerca 1. L analisi del vissuto del vino 2. I criteri di scelta e di acquisto di vino 3. L apertura del vino 4. La percezione e la valutazione spontanea dei diversi tipi di tappi 5. La prova pratica di apertura 6. Il blind test 7. Considerazioni finali 29 Percezione e valutazione spontanea dei diversi tappi In Italia e Francia, la percezione spontanea dei tappi usati per il vino si focalizza sul sughero (in generale) e sul sintetico. Sono assenti i riferimenti spontanei al tappo a vite, ad eccezione di qualche valutazione isolata in termini estremamente negativi, e quelli sul tappo in cristallo, pessochè sconosciuto. In Germania emerge una valutazione un po meno negativa sui tappi alternativi al sughero, grazie alla praticità d uso, soprattutto fra le donne. In Gran Bretagna, in tutti i gruppi erano presenti alcune persone che in prima istanza dichiaravano di preferire i tappi a vite ai tappi in sughero e sono state evidenziate le occasioni di consumo in cui il tappo a vite presenta chiaramente i suoi vantaggi (per es. picnic e berbeque). I tappi a vite vengono considerati più convenienti rispetto ai tappi di sughero per la praticità del poter aprire e richiudere una bottiglia di vino

16 Percezione e valutazione spontanea dei diversi tappi In Italia e Francia, la percezione spontanea dei tappi usati per il vino si focalizza sul sughero (in generale) e sul sintetico. Sono assenti i riferimenti spontanei al tappo a vite, ad eccezione di qualche valutazione isolata in termini estremamente negativi, e quelli sul tappo in cristallo, pessochè sconosciuto. In Germania emerge una valutazione un po meno negativa sui tappi alternativi al sughero, grazie alla praticità d uso, soprattutto fra le donne. In Gran Bretagna, in tutti i gruppi erano presenti alcune persone che in prima istanza dichiaravano di preferire i tappi a vite ai tappi in sughero e sono state evidenziate le occasioni di consumo in cui il tappo a vite presenta chiaramente i suoi vantaggi (per es. picnic e berbeque). I tappi a vite vengono considerati più convenienti rispetto ai tappi di sughero per la praticità del poter aprire e richiudere una bottiglia di vino. 31 Percezione e valutazione spontanea dei diversi tappi Le argomentazioni pro e contro i vari sistemi di tappatura emerse spontaneamente nel corso della discussione, si fondano, nella maggior parte dei casi, più su fattori psicologici e d immagine che su elementi concreti. Il sughero, nonostante i distinguo nei mercati meno tradizionali, appare comunque in modo trasversale come il tappo per eccellenza. I valori del sughero emergono soprattutto dagli uomini over 40 in Italia e Francia, con un rapporto più consolidato e familiare col vino, ma a livello valoriale e d immagine vengono condivisi grosso modo da tutti: è un materiale naturale, coerente con la natura viva del vino: lo lascia respirare, gli consente di maturare (solo i più competenti) esprime la tradizione, evoca la competenza dei maestri vinai che mettevano il vino nelle botti di legno e lo tappavano col sughero restituisce un immagine di qualità al vino, anche perché i vini di qualità elevata vengono tappati quasi solo col sughero 32 16

17 Percezione e valutazione spontanea dei diversi tappi Allo stesso modo, in negativo, i minus (trasversali e condivisi) emergono soprattutto dai giovani e dalle donne, che hanno un rapporto più inesperto e formale col vino il sughero ha l imprevedibilità e l invadenza fisica tipica di un materiale naturale, per cui se un tappo di sughero non è di buona qualità o è mal conservato, può tradire e rovinare un vino, magari costoso, dandogli sapore di tappo, oppure rompendosi / sbriciolandosi durante l apertura. rispetto al sintetico il sughero è percepito come più costoso (e c è chi sospetta che il motivo per cui si cerca di far passare il sintetico come migliore, dipenda solo dal fatto che costa meno) 33 Percezione e valutazione spontanea dei diversi tappi Il sintetico è percepito come un tappo surrogato, ma abbastanza pratico ed economico. Anche se dal punto di vista funzionale comincia a infrangere le resistenze soprattutto fra i giovani, resta ancora, per la maggior parte in tutti i mercati, un tappo emotivamente rifiutato. Infatti, in modo trasversale emerge che perde / tradisce la tradizione, la poesia, il calore del sughero evoca vini di bassa qualità (più per l idea industriale della plastica, che per motivazioni tecniche) è un tappo sintetico, artificiale, che mal si concilia (soprattutto a livello emotivo) con un prodotto naturale, vivo, delicato come il vino 34 17

18 Percezione e valutazione spontanea dei diversi tappi All interno del target dei giovani, ed in generale per le persone meno competenti, in misura maggiore nei mercati meno tradizionali, la sua diffusione come alternativa al sughero (anche per vini non di bassa fascia) induce un apertura di credito verso una soluzione che potrebbe essere pratica e moderna. In tali contesti emergono infatti alcune qualità di tipo funzionale, come per esempio: è un tappo che difficilmente si rompe, non dà sapore di tappo al vino; Viene percepito come capace di tappare in modo più ermetico (perché più compatto), conservando forse meglio il vino. Anche per alcuni fra i più competenti (soprattutto fra gli over 40) è un tappo con dei vantaggi pratici, che costa meno e si adatta a vini di rapido consumo, che non devono invecchiare in bottiglia 35 FOCUS GROUP I Risultati della ricerca 1. L analisi del vissuto del vino 2. I criteri di scelta e di acquisto di vino 3. L apertura del vino 4. La percezione e la valutazione spontanea dei diversi tipi di tappi 5. La prova pratica di apertura 6. Il blind test 7. Considerazioni finali 36 18

19 La prova pratica di apertura Il test di stappatura delle bottiglie viene eseguito sempre con grande diligenza e partecipazione. Tutti svolgono con cura tutta la ritualità del caso, si imbarazzano se non riescono a stappare subito con destrezza, annusano il tappo... Dal test sono emerse le seguenti valutazioni, in dettaglio sui singoli tappi: il tappo di sughero naturale conferma in tutto il campione, in modo trasversale rispetto ai target ed ai diversi mercati, il suo vissuto di qualità, tradizione, piacere, che si fonda in parte su fattori concreti (riconosciuti però solo dai più esperti di vino), ma soprattutto su fattori emozionali che spesso si attivano quando il materiale viene riconosciuto visivamente 37 La prova pratica di apertura (in positivo) - è soprattutto vero sughero (risulta evidente per tutti quando si confronta con gli altri), ed è percepito come un materiale naturale, più affascinante e caldo non solo dei tappi alternativi, ma anche del tappo birondellato - per moltissimi è anche il tappo che sembra soddisfare meglio la ritualità che accompagna la stappatura della bottiglia, dal modo in cui penetra il cavatappi, al plop di uscita, allo sniffamento che restituisce più profumo di vino - è il tappo più facile da estrarre, più morbido e fluido nella fase di uscita, 38 19

20 La prova pratica di apertura (in negativo) - Talvolta la facilità di estrazione ha indotto sensazione di scarsa tenuta del tappo nella bottiglia (un plus per le donne, che hanno difficoltà col cavatappi a leva) - Risveglia le ansie legate ai suoi lati più problematici di imprevedibilità e invadenza fisica a causa del possibile sbriciolamento 39 La prova pratica di apertura il tappo di sughero agglomerato non sempre immediatamente identificato come diverso (alcuni, soprattutto fra i giovani, lo capiscono solo maneggiandolo e nel confronto col sughero naturale) La sua funzionalità segmenta: (in positivo) - ha comunque alcuni vantaggi del sughero: è più naturale del sintetico, restituisce il profumo di vino (ma non affascina come il sughero naturale) - marginalmente dà l impressione di essere più compatto e duro del sughero naturale (che è più elastico, più facile all estrazione), suggerendo una tenuta maggiore 40 20

21 La prova pratica di apertura (in negativo) - rispetto al sughero naturale (e soprattutto nel confronto diretto, quando cioè l agglomerato viene stappato dopo il naturale) gli viene quasi sempre attribuita una qualità inferiore, che a volte sembra riflettersi anche sul profumo del vino (soprattutto uomini 40/50, più ricercati) non è puro sughero (è una pasta di sughero, un pressato, forse tenuto con collanti) si rompe più facilmente, può rilasciare dei frammenti nel vino In ogni caso un tappo che conserva in parte il vissuto del tappo in sughero naturale, rispetto al quale perde comunque in fascino e percezione qualitativa, ma che si giustifica con un costo inferiore 41 La prova pratica di apertura (in negativo) - rispetto al sughero naturale (e soprattutto nel confronto diretto, quando cioè l agglomerato viene stappato dopo il naturale) gli viene quasi sempre attribuita una qualità inferiore, che a volte sembra riflettersi anche sul profumo del vino (soprattutto uomini 40/50, più ricercati) non è puro sughero (è una pasta di sughero, un pressato, forse tenuto con collanti) si rompe più facilmente, può rilasciare dei frammenti nel vino In ogni caso un tappo che conserva in parte il vissuto del tappo in sughero naturale, rispetto al quale perde comunque in fascino e percezione qualitativa, ma che si giustifica con un costo inferiore 42 21

22 La prova pratica di apertura il tappo sintetico conferma la sua immagine più artificiale, ma anche una potenziale funzionalità che segmenta i giudizi (in positivo) - un tappo che ai meno competenti può risultare più rassicurante del sughero. È percepito infatti come molto compatto, stagno (esce con più fatica), forse più protettivo per il vino (soprattutto per chi non ha competenza sul processo di respirazione, invecchiamento). Ancora, un materiale asettico, che non rischia di contaminare il vino con frammenti o sapori (più donne / giovani) 43 La prova pratica di apertura (in negativo) - resistenze soprattutto emotive / d immagine: è un tappo finto, che evoca perdita di cura, competenza, tradizione (e di conseguenza un vino più low profile) Ed anche quando (soprattutto fra i giovani e i meno competenti) la sua funzionalità sembra premiarlo, le resistenze emotive e culturali impongono il rifiuto, perché la sua immagine è scorretta per un prodotto tradizionale, naturale e colto come il vino. Addirittura, per alcuni il fatto che sia più duro, difficile da stappare, è un ulteriore segnale di artificialità

23 La prova pratica di apertura il tappo a vite Ad eccezione della Gran Bretagna, conferma la sua immagine decisamente low profile, un tappo che non parla di vino oppure rimanda a vino scadente, a un uso più funzionale che edonistico Un tappo triste, perde la ritualità affascinante che accompagna l apertura di una bottiglia di vino, accettato in Gran Bretagna solo per un uso quotidiano o per le occasioni di consumo informali (barbeque, picnic), ma da evitare o nascondere in caso di occasioni conviviali o come regalo. 45 La prova pratica di apertura il tappo di cristallo suscita reazioni contrastanti (in positivo) - nell immediato stupisce per la sua novità e originalità - gli vengono riconosciute caratteristiche di eleganza, charme, che lo associano a occasioni di consumo un po speciali (d impatto piace molto alle donne, anche se viene comunque percepito non da vino) - (marginalmente) il vetro è un materiale pulito e compatibile con il vino ( 46 23

24 La prova pratica di apertura (in negativo) - non è un tappo da vino, non ne rispecchia i codici di naturalità, tradizione, autenticità - è anche un materiale freddo, duro, che non evoca la naturalità e il calore del vino, soprattutto rosso - esprime un originalità esibitoria, un po fashion - la tenuta è poco convincente, fa temere un rapido deterioramento del vino, una volta aperto 47 FOCUS GROUP I Risultati della ricerca 1. L analisi del vissuto del vino 2. I criteri di scelta e di acquisto di vino 3. L apertura del vino 4. La percezione e la valutazione spontanea dei diversi tipi di tappi 5. La prova pratica di apertura 6. Il blind test 7. Considerazioni finali 48 24

25 La prova pratica di apertura Il test di assaggio si rivela inevitabilmente difficile per un target non specialistico (in particolare per le donne e i meno esperti), ma ciò che più conta ai fini della ricerca è che tutti percepiscono delle differenze fra i vini assaggiati e le imputano al tappo diverso tuttavia tranne alcuni bevitori più esperti, in grado di dare un significato più ragionato alle differenze percepite nel vino, nella maggior parte dei casi l esito appare fortemente suggestionato dalle diverse aspettative proiettate sui tappi e quindi dalla loro immagine preconcetta 49 Il Blind Test Tipo di chiusura Percezioni del vino contenuto nelle bottiglie (prima della degustazione) Tappo sintetico Vino di qualità inferiore, in GB molti ritenevano che potesse provenire dal Nuovo Mondo In modo trasversale su tutti i mercati ed in tutti i gruppi: Probabilmente un vino di basso costo Un vino ordinario da supermarket, non invecchiato Sughero agglomerato Aspettativa di un vino di qualità migliore rispetto al precedente (ma non dello stello livello di quello con la chiusura in sughero naturale 100%) Se ha un tappo di sughero è più probabile che sia un vino più costoso 50 25

26 Il Blind Test Tipo di chiusura Tappo in sughero naturale Percezioni del vino contenuto nelle bottiglie (prima della degustazione) Vino più fine, più costoso, di qualità migliore Probabilmente un vino più invecchiato ed affinato Probabilmente, a giudicare solo dalla chiusura, il miglior vino tra tutti E il vino più caro e perciò deve essere il migliore, il più invecchiato si associa il sughero con un vino migliore, con più anni di invecchiamento Tappo a vite IN FR, GE e IT un vino scadente, di nessun pregio, da evitare. In GB un vino non così buono come quello tappato col sughero naturale. Probabilmente un vino del Nuovo Mondo o un vino giovane che deve essere consumato entro un arco di tempo breve 51 Il Blind Test Tipo di chiusura Percezioni del vino contenuto nelle bottiglie (prima della degustazione) Tappo di vetro Reazioni miste e un po di confusione minor certezza sul tipo di vino dovuta alla novità della chiusura Percepito come trovata commerciale, in GB associato ad un vino proveniente dal Nuovo Mondo, specialmente vino californiano Non va bene su un vino rosso, dal momento che si associa il vino rosso con l invecchiamento e con la tradizione e il tappo non si accorda con tutto ciò 52 26

27 Il Blind Test Dopo l assaggio, le valutazioni espresse in modo trasversale dai gruppi sono state: il tappo di sughero è quasi sempre enfatizzato come migliore e più valorizzante per il vino (circa 80% del campione), che anche ai meno competenti finisce per sembrare più ricco, morbido, profumato. Un po per competenza e un po per suggestione, parla di un vino che ha respirato, maturando un bouquet più caldo, ricco, morbido 53 Il Blind Test il tappo sintetico segmenta maggiormente, perché marca una differenza nel vino che non tutti sanno valutare in termini qualitativi la maggior parte ritiene che renda il vino più aspro e debole di sfumature, perché essendo troppo ermetico non lo lascia respirare, bloccandone il processo di trasformazione. Ma alcuni (più fra i giovani) lo percepiscono invece più forte e apparentemente più corposo, perché meglio sigillato il tappo di sughero agglomerato resta un po nel limbo, difficile da capire. Nel ranking di preferenza viene quasi sempre messo al secondo posto, come via di mezzo fra gli altri due 54 27

28 FOCUS GROUP I Risultati della ricerca 1. L analisi del vissuto del vino 2. I criteri di scelta e di acquisto di vino 3. L apertura del vino 4. La percezione e la valutazione spontanea dei diversi tipi di tappi 5. La prova pratica di apertura 6. Il blind test 7. Considerazioni finali 55 Conclusioni In definitiva, il tappo di sughero raccoglie un consenso molto elevato (quasi totale!) in tutto il campione, ma più per i suoi valori che per le sue caratteristiche funzionali, che solo alcuni conoscono, ma soprattutto che solo pochi sono in grado di riscontrare davvero all assaggio del vino, fortemente influenzato dall idea preconcetta sul tappo. Il vino, d altronde, è un prodotto che vive molto di valori, oggi ancor più che in passato, quando il legame con la cultura contadina lo rendeva un prodotto più familiare e quotidiano. Coerentemente, la forza del sughero sta proprio nella sua contiguità valoriale con il vino: è un materiale naturale, tradizionale, frutto di competenze antiche, che vive e respira insieme al vino, condividendone fascino e dignità qualitativa

29 Conclusioni Di conseguenza, un tappo di sughero è ritenuto imprescindibile (e anche valorialmente sinergico) in vini di qualità medio-alta, che ne giustificano il prezzo sia come incidenza sul costo del vino, sia come rapporto costo-beneficio per il prodotto. Tale associazione non appare invece scontata nei casi di tappature per i vini novelli, per quelli con una vita breve in bottiglia, o per i vini di bassa qualità, i quali dall uso del sughero non trarrebbero vantaggi palatali significativi ma solo vantaggi in termini di immagine e di suggestione nei confronti del consumatore finale. 57 Conclusioni Per contro gli altri tappi soffrono proprio di una povertà valoriale: il sintetico e il tappo a vite, per la loro artificialità, associata quasi sempre a vini più low profile (meno curati, tradizionali, affascinanti) o a vini giovani, che non hanno bisogno di maturare in bottiglia. Ma attenzione: il sintetico e, in alcuni mercati il tappo a vite, iniziano a rivelare anche un aspetto di modernità e praticità, che soprattutto ai giovani, può parlare di una funzionalità migliorata rispetto ai metodi antichi (più ermetico, più rassicurante rispetto all imprevedibilità del sughero, che può rompersi, lasciare sapore al vino...) 58 29

30 Conclusioni Sulla base di ciò, il tappo di sughero si rivela un potenziale ulteriore codice di qualità per il vino, che opportunamente valorizzato può marcare una differenza sia concreta (il vino respira, matura, si arricchisce di bouquet), che soprattutto emotiva (se ha il tappo in sughero, è un vino di qualità). Non a caso, una larghissima maggioranza del campione sarebbe favorevole a trovare indicato sulla bottiglia una indicazione sul sistema di tappatura utilizzato. Ma attenzione: deve essere tassativamente un sughero di buona qualità. Come più volte è emerso come codice negativo, un sughero di bassa qualità rischia di mettere allo scoperto i difetti connessi alla sua naturalità (porosità, cattiva tenuta, rottura, contaminazione del vino...) 59 M&T Italia Srl. C.so Duca Degli Abruzzi TORINO Dott. Gianfranco Lai TEL Fax

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

2012 Secondo Rapporto su. Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare. Anticipazione del Focus su Vino

2012 Secondo Rapporto su. Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare. Anticipazione del Focus su Vino 2012 Secondo Rapporto su Italiani, agricoltura e sicurezza alimentare Anticipazione del Focus su Vino 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini,

Dettagli

SONDAGGIO ECOSEVEN / 3. L acqua che bevono gli italiani RS 03.11 Maggio 2011

SONDAGGIO ECOSEVEN / 3. L acqua che bevono gli italiani RS 03.11 Maggio 2011 SONDAGGIO ECOSEVEN / 3 L acqua che bevono gli italiani RS 03.11 Maggio 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet (circa

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari. Sintesi dei risultati di ricerca

STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari. Sintesi dei risultati di ricerca STUDIO CONOSCITIVO Le donne e l alimentazione come strumento di salute per sé e i propri cari Sintesi dei risultati di ricerca SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA L Osservatorio Nazionale sulla salute della

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Tutela dell ambiente, abitudini delle famiglie e spreco alimentare

Tutela dell ambiente, abitudini delle famiglie e spreco alimentare Tutela dell ambiente, abitudini delle famiglie e spreco alimentare K N O W L E D G E F O R Waste Watcher - Knowledge for Expo Expo Milano 6 Giugno 2015 tutela preoccupazioni impegno Waste Watcher - Knowledge

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

IL MERCATO DEL VINO UN ANALISI SUI CONSUMATORI E NON SUL PRODOTTO. Una ricerca di NoLogoResearch

IL MERCATO DEL VINO UN ANALISI SUI CONSUMATORI E NON SUL PRODOTTO. Una ricerca di NoLogoResearch IL MERCATO DEL VINO UN ANALISI SUI CONSUMATORI E NON SUL PRODOTTO Una ricerca di NoLogoResearch Maggio 2010 Un sentimento diffuso Su uno dei migliaia di blog a tema vino, a fine novembre 2006, appariva

Dettagli

DIMENSIONI CRITERI INDICATORI

DIMENSIONI CRITERI INDICATORI Allegato 4 - Manerbio META EDUCATIVA: autonomia in ambito scolastico (classe 4/5 scuola primaria) DIMENSIONI CRITERI INDICATORI GESTIONALE OPERATIVA Uso degli strumenti Conoscere gli strumenti necessari

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN EMILIA ROMAGNA

LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN EMILIA ROMAGNA Osservatorio Commercio Osservatorio regionale del commercio N IT 231513 LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN EMILIA ROMAGNA ANALISI DELL ANDAMENTO DEI CONSUMI PRINCIPALI MUTAMENTI NELLE ABITUDINI

Dettagli

UN GRUPPO DI LAVORO EVOLVE

UN GRUPPO DI LAVORO EVOLVE GRUPPI DI LAVORO GRUPPO DI LAVORO Un gruppo di lavoro è costituito da un insieme di individui che interagiscono tra loro con una certa regolarità, nella consapevolezza di dipendere l uno dall altro e di

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011

Oggetto: relazione su analisi dei dati dei questionari di verifica relativi al progetto Mettiamoci nei loro panni - 2011 Società Cooperativa Sociale CRISALIDE - ONLUS Sede Legale: Via Europa n. 228-24069 Luzzana (BG) cell. 3316643586-3298954439 - 3298885363 fax: 035 19962686 www.cooperativacrisalide.it - info@cooperativacrisalide.it

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008

AUDIMOVIE: fase periodica. Maggio e Dicembre 2008 Maggio e Dicembre 00 AUDIMOVIE: fase periodica Maggio e Dicembre 00 Maggio e Dicembre 00 Obiettivi La ricerca estensiva periodica sul cinema svoltasi nei mesi di Maggio e di Dicembre 00 ha inteso esplorare

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m

O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE. w w w. o s m v a l u e. c o m O P E N S O U R C E M A N A G E M E N T PILLOLE DI TEST COMPRENSIONE w w w. o s m v a l u e. c o m COMPRENSIONE (RELAZIONI) Qualità generale delle relazioni. Capacità della persona di costruirsi relazioni

Dettagli

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta.

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. Parlare di sessione online è ormai obsoleto: oggi non si va più online, si vive

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Da Sempre è Fonte di Piacere

Da Sempre è Fonte di Piacere Fonte di Piacere Da Sempre è Fonte di Piacere L Acqua di Nepi, Fonte di Piacere, sgorga dalle sorgenti dei monti Cimini nei pressi del paese che le ha dato il nome, un luogo dalla natura protetta e incontaminata.

Dettagli

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi

www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi www.servizisocialionline.it SEZIONE ARTICOLI Assistenza Domiciliare Minori: una buona prassi innovativa in provincia di Brescia di Silvia Clementi Si affronta qui un tema delicato per gli operatori che

Dettagli

Riassunto secondo focus (lettori forti)

Riassunto secondo focus (lettori forti) Riassunto secondo focus (lettori forti) Il focus group si è svolto sabato 8 maggio tra le 10.00 e le 11.30, avendo come partecipanti dei lettori forti, vale a dire, persone che leggono più di 20 libri

Dettagli

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento

L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento L Olio Extravergine di Oliva, un alimento di qualità non un semplice condimento Le cose da dire sull olio sono tante, durante i miei corsi di degustazione le persone rimangono affascinate nel conoscere

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

A.S. 2015/2016 Scuola dell Infanzia Fondazione Maria Luisa Gallassi

A.S. 2015/2016 Scuola dell Infanzia Fondazione Maria Luisa Gallassi A.S. 2015/2016 Scuola dell Infanzia Fondazione Maria Luisa Gallassi ATTORNO ALLA TAVOLA IL RACCONTO DELLA VITA Il cibo è conoscenza, incontro e, prima di tutto, condivisione. Dentro il cibo e attorno alla

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA

CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Comune di BRESCIA CUSTOMER SATISFACTION SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI BRESCIA Indagine condotta su bambini, ragazzi e genitori delle Scuole Primarie Maggio 2015 L indagine in forma

Dettagli

Come vivi il rapporto con il tuo corpo?

Come vivi il rapporto con il tuo corpo? Come vivi il rapporto con il tuo corpo? Come vivi il tuo corpo? Per alcuni è fonte di disaggio altri invece lo ostentano senza problemi. Questo test ci svela una parte intima di noi stessi, e ci fa capire

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

PROGETTO ASTERIX. Promosso da

PROGETTO ASTERIX. Promosso da PROGETTO ASTERIX Promosso da AUSL Ferrara Distretto CENTRO-NORD : SERT - SPAZIO GIOVANI in collaborazione con Comune di Ferrara: PROMECO - AREA GIOVANI ( Giovani Operatori: P.Lascari (Sert), I.Galleran

Dettagli

GAS Gruppi d Acquisto Solidali

GAS Gruppi d Acquisto Solidali GAS Gruppi d Acquisto Solidali Una proposta per un modo diverso e possibile Acquistare insieme per vivere bene Da una parte abbiamo i consumatori critici che cercano prodotti etici e compatibili, dall

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

E NATALE FATE UN REGALO AL PIANETA!!

E NATALE FATE UN REGALO AL PIANETA!! LEZIONE 3 Rivolta a tutti i ragazzi delle scuole dell infanzia, primaria e secondaria di primo grado. Per i docenti: sviluppate la traccia della tematica sotto presentata, adattandola con parole e iniziative,

Dettagli

Crescere figli con autostima

Crescere figli con autostima Crescere figli con autostima Come infondere fiducia in se stessi e autostima nelle varie fasi della loro vita (sotto i 3 anni, dai 3 agli 8 anni, dagli 8 ai 13, dai 13 in poi) IlTuoCorso - Ermes srl Via

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

La vocazione turistica del territorio della provincia di Salerno. La percezione degli italiani. Settembre 2011

La vocazione turistica del territorio della provincia di Salerno. La percezione degli italiani. Settembre 2011 La vocazione turistica del territorio della provincia di Salerno. La percezione degli italiani Settembre 2011 Universo di riferimento Popolazione italiana non residente in Campania Numerosità campionaria

Dettagli

tav. n 1 - CRITERI ESPOSITIVI DEL VINO NELLA GDO Totale citazioni

tav. n 1 - CRITERI ESPOSITIVI DEL VINO NELLA GDO Totale citazioni tav. n 1 - CRITERI ESPOSITIVI DEL VINO NELLA GDO Totale citazioni Q13 - Parliamo del modo in cui è o potrebbe essere organizzata la presenza dei vini nel Supermercato Ipermercato in cui Lei acquista più

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione

Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione Trend alimentari in primo piano Un iniziativa Coop con la collaborazione specializzata della Società Svizzera di Nutrizione Tema «Mangiare sano e veloce» Giugno 2009 Coop Thiersteinerallee 14 Casella postale

Dettagli

Roma. Esploratori cercansi. Volete unirvi a noi?

Roma. Esploratori cercansi. Volete unirvi a noi? Roma Esploratori cercansi. Ci consideriamo dei ricercatori di sapori nuovi e di nuovi modi di proporre i sapori più tradizionali. Volete unirvi a noi? Il mondo DOC Le persone DOC Alessandro Moretti - Il

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Acquisto di cibo : uno sguardo critico sui consumi

Acquisto di cibo : uno sguardo critico sui consumi Piste per l educazione allo sviluppo sostenibile (ESS) Manifesto 1024 Sguardi Acquisto di cibo : uno sguardo critico sui consumi Tema: Alimentazione e consumo Livello: 1 ciclo (1-4 HarmoS) (1-4 HarmoS)

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

P.Iva: 05974470964 Tel e Fax: (0039) 02.82.40.321 - Mobile: (0039) 338.45.34.114 www.e-ventimediterranei.it - info@e-ventimediterranei.

P.Iva: 05974470964 Tel e Fax: (0039) 02.82.40.321 - Mobile: (0039) 338.45.34.114 www.e-ventimediterranei.it - info@e-ventimediterranei. LA STORIA, I PROFUMI, I COLORI, I SAPORI DELLE NOSTRE TERRE RICERCHIAMO LE MIGLIORI PRODUZIONI ENO E AGRO ALIMENTARI ITALIANE OFFRIAMO SUPPORTO ALLE AZIENDE AGRICOLE E ARTIGIANE DI ECCELLENZA REALIZZIAMO

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

Come chiamare il nostro studio legale? Sembra

Come chiamare il nostro studio legale? Sembra DIMMI COME TI CHIAMI E TI DIRÒ CHE STUDIO SEI di mario alberto catarozzo * Come chiamare il nostro studio legale? Sembra facile, ma solo a parole. Un tempo, gioco forza, lo studio prendeva il nome del

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1 PROGETTO EDUCATIVO Gruppo Scout CHIARI 1 Un esploratore è attivo facendo il bene, non passivo contentandosi di essere buono (B.P.) PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO Il progetto educativo descrive gli obiettivi

Dettagli

IL CALORE NON E TEMPERATURA

IL CALORE NON E TEMPERATURA IL CALORE NON E TEMPERATURA Il progetto è nato dalla collaborazione di una rete di scuole supportate dalla competenza scientifica della dott.ssa Paola Bortolon. L idea era quella di stimolare negli allievi

Dettagli

I SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA

I SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA Awarded I SERVIZI PUBBLICI LOCALI DI RILEVANZA ECONOMICA 20129 MILANO Via Benvenuto Cellini, 2/A Tel +39 02 54123098 Fax +39 02 5455493 00186 ROMA Via di Ripetta, 39 Tel +39 06 32110003 Fax +39 06 36000917

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager

La mente nella Peak Performance. Come gestire la nostra energia. Marzio Zanato HR & Performance Manager La mente nella Peak Performance Come gestire la nostra energia Marzio Zanato HR & Performance Manager Fisiologia della Performance 2 Marzio Zanato HR & Performance Manager Velocità del processo (frequenza)

Dettagli

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari Cosa è il BULLISMO Il termine bullismo è utilizzato per designare un insieme di comportamenti in cui qualcuno

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 L Isola che non c è Asilo Nido Via Dublino, 34 97100 Ragusa Partita Iva: 01169510888 Tel. / Fax 0932-25.80.53 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 Prima unità di apprendimento: Settembre

Dettagli

UFE Utenti Familiari Esperti

UFE Utenti Familiari Esperti XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Empowerment della persona come strategia di promozione della salute nei luoghi di cura, nell integrazione socio-sanitaria e nella comunità UFE Utenti Familiari

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini)

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini) Come scoprire i significati della comunicazione non verbale per sedurre gli uomini. IlTuoCorso - Ermes srl Via E.De Amicis

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

L autonomia in ambito scolastico

L autonomia in ambito scolastico META EDUCATIVA TRASVERSALE L autonomia in ambito scolastico DIMENSIONI CRITERI- INDICATORI RUBRICHE VALUTATIVE DEI 3 ORDINI DI SCUOLA uso degli strumenti autonomia gestionale operativa uso del tempo uso

Dettagli

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati

Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati ebook pubblicato da: www.comefaresoldi360.com Guadagnare Con i Sondaggi Remunerati Perché possono essere una fregatura Come e quanto si guadagna Quali sono le aziende serie Perché alcune aziende ti pagano

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA ISTITUTO SAN GAETANO SUORE ORSOLINE GANNO ANNO SCOLASTICO 2009 / 2010 PROGETTO EDUCAZIONE ALLA CITTANANZA L elevamento dell obbligo di istruzione a dieci anni intende favorire il pieno sviluppo della persona

Dettagli

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia

I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia I FIORENTINI E LA TRANVIA Indagine conoscitiva sull utilizzo della linea 1 della tranvia Introduzione 1. Obiettivi e caratteristiche dell indagine L indagine è progettata dal Settore Pianificazione Integrata

Dettagli

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo.

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. 13 marzo 2012 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Gli alimenti sani non sono tutti uguali: imparare a riconoscerne

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELAZIONALI DEL PERSONALE INTERNO A CONTATTO CON IL CLIENTE La qualità del servizio passa attraverso la qualità delle persone 1. Lo scenario In presenza di una concorrenza

Dettagli

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013

Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Lombardia Indagini Flash N 0 / 3 marzo 2014 Condizioni di salute e stili di vita in Lombardia - Anno 2013 Nel corso del 2013 Éupolis Lombardia ha effettuato, su richiesta della Direzione Generale Salute

Dettagli

Proposte didattiche A. S. 2009-2010

Proposte didattiche A. S. 2009-2010 Proposte didattiche A. S. 2009-2010 2010 La cooperativa Altrospazio AltroSpazio sorge dalla cooperativa Spaccio Acli A. Grandi nata nel 1949 a Lainate. La prima Bottega del Mondo di AltroSpazio apre a

Dettagli

LA RISTORAZIONE ITALIANA ALL ESTERO CONCORRENZA E CONTRAFFAZIONE CONSIDERAZIONI

LA RISTORAZIONE ITALIANA ALL ESTERO CONCORRENZA E CONTRAFFAZIONE CONSIDERAZIONI LA RISTORAZIONE ITALIANA ALL ESTERO CONCORRENZA E CONTRAFFAZIONE CONSIDERAZIONI Tra il 5 e il 14 febbraio 2011 è stata effettuata una rilevazione CAWI che ha investito un campione di 152 RISTORANTI ITALIANI

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Considerare l olocausto dal punto di vista dei diritti umani: il primo studio a livello di Unione europea sull istruzione

Dettagli

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.?

Consapevolezza sui propri problemi di studio. Obiettivi.? Emozioni Consapevolezza sui propri problemi di studio Obiettivi.? Quali emozioni si provano nello studio? Come rilevato anche nel nostro gruppo di ricerca, le emozioni provate mentre si studia sono molteplici

Dettagli

Alimentazione e Nutrizione

Alimentazione e Nutrizione Alimentazione e Nutrizione Dr. Augusto Innocenti, PhD Biologo Nutrizionista Prof. a contratto Università di Parma Perfezionamento in Biochimica e Biologia Molecolare Phd in Neurobiologia e Neurofisiologia

Dettagli

VINI PIEMONTESI. PROPOSTA DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI MERCATO.

VINI PIEMONTESI. PROPOSTA DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI MERCATO. VINI PIEMONTESI. PROPOSTA DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI MERCATO. VINI PIEMONTESI. UN OFFERTA UNICA DA CONTINUARE A VALORIZZARE. Il Piemonte ha circa 48.000 ettari di superficie coltivata a vite, l 88% della

Dettagli

Costruisci e allena il tuo stile!: workshop 2 giornate Linea di servizi Casual Donna

Costruisci e allena il tuo stile!: workshop 2 giornate Linea di servizi Casual Donna Costruisci e allena il tuo stile!: workshop 2 giornate Linea di servizi Casual Donna Questo workshop fa per te se vuoi avviare un cambiamento di immagine, stile personale e look, perché: - ritieni di avere

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli