PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R. 11 DICEMBRE 1992, N 6935

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R. 11 DICEMBRE 1992, N 6935"

Transcript

1 REGIONE VENETO PROVINCIA DI VERONA CITTA' DI LEGNAGO PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE APPROVATO CON D.G.R. 11 DICEMBRE 1992, N 6935 P.R.G. - VARIANTE GENERALE Adottato con delibere n 92 e 93 del 17 e 18 dicembre 2002 dal Consiglio Comunale PARZIALE RIADOZIONE DESCRIZIONE ELABORATO COMPARATIVA N-1 Regolamento edilizio ELAB. n. 5a CODICE FILE ORIGINE CODICE STAMPA 03dc d.doc 03dc d.pdf DATA EMISSIONE CONTROLLATO PROGETTAZIONE COMUNE DI LEGNAGO - SETTORE 3 LL.PP. ED URBANISTICA VIA XX SETTEMBRE N. 29 TEL 0442/ FAX 0442/ DIRIGENTE I PROGETTISTI ING. GIANNI ZERBINATI Servizio 1 pagina 1 di 64

2 INDICE TITOLO I... 6 DISPOSIZIONI GENERALI... 6 Art. 1 - Contenuti e obiettivi del Regolamento Edilizio 6 Art. 2 - Responsabilità dei committenti, progettisti, direttori ed assuntori dei lavori 6 TITOLO II... 7 IL DIRIGENTE - LA COMMISSIONE EDILIZIA... 7 Art. 3 - Competenze e attribuzioni della Commissione Edilizia 7 Art. 4 - Composizione 7 Art. 5 - Durata 8 Art. 6 - Attività di indirizzo 8 Art. 7 - Regolamentazione interna 8 Art. 8 - Il Dirigente 8 TITOLO III... 9 DEFINIZIONI... 9 Art. 9 - Definizione di elementi urbanistico-edilizi 9 Art Definizione di distanze 12 Art Definizione di elementi architettonici - glossario 13 Art Destinazione d uso 16 Art Tipologie di intervento 17 Art Manutenzione ordinaria 18 Art Manutenzione straordinaria 18 Art Risanamento conservativo 19 Art Ristrutturazione edilizia 19 Art Ristrutturazione urbanistica 20 Art Nuova costruzione ed ampliamento 20 Art Demolizione 20 Art Urbanizzazione 20 Art Cambio di destinazione d uso 20 TITOLO IV ATTI DI COMPETENZA COMUNALE Capo I - Certificazioni e pareri Art Certificato di destinazione urbanistica 21 Art Modalità di richiesta del certificato di destinazione urbanistica 21 Art Richiesta di pareri, nulla osta, certificazioni e autorizzazioni 21 Art Parere preventivo 21 Art La Conferenza dei Servizi 22 P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina II di 64

3 Capo II - Concessioni e autorizzazioni Art Interventi liberi 22 Art Opere soggette a denuncia di inizio attività 23 Art Opere soggette ad autorizzazione 23 Art Opere soggette a concessione 24 Art Opere pubbliche comunali 24 Art Opere in regime di diritto pubblico 24 Capo III - Procedimenti Art Concessione e dell'autorizzazione edilizia, denuncia di inizio attività 25 Art Validità della concessione 25 Art Evidenza della concessione, autorizzazione del progetto 25 Capo IV Presentazione dei progetti Art Formulazione della domanda 26 Art Asseverazione 26 Art Obbligatorietà degli elaborati tecnici 26 Art Indicazione degli elaborati tecnici 27 Capo V - Oneri Art Onerosità della concessione edilizia 31 Art Scomputabilità degli oneri di urbanizzazione 31 Capo VI - Esecuzione e controllo delle opere Art Punti di linea e di livello 32 Art Inizio e termine dei lavori 32 Art Conduzione del cantiere 33 Art Occupazioni e manomissioni di suolo e sottosuolo pubblico 34 Art Vigilanza sulle costruzioni 34 Art Varianti in corso d opera 34 Art Provvedimenti per opere eseguite in assenza o in difformità dal titolo 35 Art Sospensione dei lavori 35 Art Decadenza della concessione o autorizzazione 36 Art Annullamento della concessione o della autorizzazione edilizia 36 Art Poteri eccezionali 37 Art Tolleranze 37 Art Certificato di abitabilità e agibilità 37 TITOLO V CARATTERISTICHE DEGLI EDIFICI E DEGLI SPAZI SCOPERTI Art Cortili 39 Art Cavedi e chiostrine 39 Art Lastrici solari 40 Art Impianti tecnologici 40 Art Decoro degli edifici 40 Art Parcheggi privati e spazi scoperti 40 Art Recinzioni 41 Art Elementi che sporgono dalle facciate ed aggettano sul suolo pubblico o ad uso pubblico 41 Art Altezza minima della falda del tetto 42 Art Comignoli, antenne, mensole e sovrastrutture varie 42 Art Coperture 42 Art Scale esterne 43 Art Marciapiedi 43 Art Portici pubblici o ad uso pubblico 43 Art Apertura di accessi e strade private 43 Art Indicatori stradali, apparecchi per i servizi collettivi e cartelli pubblicitari stradali 43 P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina III di 64

4 TITOLO VI NORME IGIENICO SANITARIE Capo I - Prescrizioni igienico costruttive Art Igiene del suolo e del sottosuolo 45 Art Fondazioni: tipo, materiali e dimensioni 45 Art Muri perimetrali 45 Art Misure contro la penetrazione di animali 45 Art Protezione dall'umidità 46 Art Convogliamento delle acque meteoriche 46 Art Isolamento termico 47 Art Impianto di riscaldamento 47 Art Requisiti acustici passivi 47 Art Requisiti dell'illuminazione esterna 47 Art Approvvigionamento idrico 47 Capo II - Fognature Art Condotti e bacini a cielo aperto 48 Art Condotti chiusi 48 Art Depurazione degli scarichi 48 Art Allacciamenti 48 Art Fognature degli strumenti urbanistici attuativi 48 Art Fognature singole 49 Art Prescrizioni particolari 49 Art Immondizie 49 Capo III - Ambienti interni Art Requisiti degli alloggi 49 Art Altezze minime nuove costruzioni e ampliamenti 50 Art Altezze minime edifici esistenti 50 Art Superfici minime 51 Art Dotazione degli alloggi 52 Art Ventilazione ed aerazione 52 Art Condizionamento: caratteri generali degli impianti 53 Art Installazione di apparecchi a combustione 54 Art Impianto elettrico 54 Art Dotazione dei servizi igienici 54 Art Scale, ascensori, ringhiere e parapetti 55 Art Piani seminterrati e sotterranei 57 Art Volumi tecnici 57 Art Recupero ed utilizzazione dei sottotetti a scopo abitativo 58 Capo IV - Costruzioni a destinazione speciale Art Edifici e locali di uso collettivo 59 Art Barriere architettoniche 59 Art Stabilimenti industriali, depositi, magazzini, autorimesse 60 Art Edifici residenziali nelle zone destinate ad usi agricoli 60 Art Impianti al servizio dell'agricoltura 60 Capo V - Prevenzione dai pericoli di incendio Art Locali per la lavorazione di materiali combustibili 61 Art Impiego di strutture lignee 61 Art Conformità del progetto alle norme tecniche di prevenzione incendi 61 Art Collaudo di competenza dei Vigili del Fuoco 61 Art Particolari prevenzioni cautelative 62 Art Uso di gas in contenitori 62 P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina IV di 64

5 Capo VI - Cautele da osservare nell'esecuzione dei lavori Art Scavi e demolizioni 62 Art Movimento ed accumulo dei materiali 63 Art Rinvenimenti di carattere archeologico o storico-artistico 63 Art Sicurezza e funzionalità delle opere, stabilità del territorio 63 P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina V di 64

6 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Contenuti e obiettivi del Regolamento Edilizio 1. Il Regolamento Edilizio disciplina l attività edilizia e di trasformazione urbanistica del suolo nonché le altre opere che modificano l aspetto del territorio e del paesaggio. 2. Il Regolamento Edilizio dà le principali definizioni edilizie ed urbanistiche, precisa i metodi di misurazione; indica gli elaborati tecnici da predisporre per ciascun tipo di intervento, definisce, per la materia, i compiti del Dirigente o del Responsabile dell ufficio o del servizio, d ora in avanti il Dirigente; definisce la composizione e le attribuzioni della Commissione Edilizia; descrive la procedura dei provvedimenti di competenza comunale; disciplina l esecuzione degli interventi ed il collaudo delle opere; indica le modalità per il controllo e la vigilanza che gli uffici comunali esercitano durante l esecuzione dei lavori; definisce i requisiti di sicurezza ed igienico - sanitari rispetto ai diversi usi cui sono destinati gli immobili e le caratteristiche edilizie ed abitative delle costruzioni. 3. Stante la sua natura di fonte normativa secondaria, il Regolamento obbliga in quanto non contrasti con atti normativi primari. 4. I richiami alla legislazione riportati, devono intendersi riferiti al testo di legge in vigore al momento dell applicazione. Art. 2 - Responsabilità dei committenti, progettisti, direttori ed assuntori dei lavori 1. La responsabilità dei committenti, progettisti, direttori ed assuntori dei lavori è stabilita dalle LL. 47/85 e 662/96, nonché dalle altre disposizioni vigenti in materia. In particolare il progettista, in qualità di persona esercente un servizio di pubblica necessità ai sensi degli artt. 359 e 481 c.p., è responsabile delle affermazioni rese in sede di asseverazione, nonché della correttezza e veridicità dei dati contenuti negli elaborati progettuali. In caso di dichiarazioni non veritiere il Dirigente ne dà comunicazione alle Autorità giudiziarie ed al competente Ordine Professionale per l'irrogazione delle sanzioni disciplinari. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 6 di 64

7 TITOLO II IL DIRIGENTE - LA COMMISSIONE EDILIZIA Art. 3 - Competenze e attribuzioni della Commissione Edilizia 1. La Commissione Edilizia è l Organo Tecnico Consultivo del Comune in materia di edilizia e territorio. 2. La Commissione esprime il proprio parere nelle seguenti ipotesi: a) Interventi edilizi soggetti a richiesta di concessione e autorizzazion ; b) Approvazione di progetti di pianificazione esecutiva; c) Interpretazione delle NTA e del regolamento edilizio in caso di norme contradditorie. 3. Può altresì essere sentita su loro richiesta dagli organi comunali o dal Dirigente nei casi di particolare rilevanza architettonica o paesaggistica dell'intervento. 4. La Commissione Edilizia esprime il proprio parere con riferimento agli aspetti architettonici e compositivi degli interventi proposti, verificandone l inserimento nell ambiente e nel contesto paesaggistico o figurativo in cui gli interventi ricadono. 5. L acquisizione del parere della Commissione Edilizia Integrata, prevista al successivo art. 4, 3 comma, è obbligatoria nei casi previsti dalle leggi vigenti. Art. 4 - Composizione 1. La Commissione Edilizia è composta da membri di diritto ed elettivi. Sono membri di diritto il Sindaco o un Assessore suo delegato, che funge da Presidente e il Dirigente o un suo delegato nell ambito dello stesso settore. 2. I membri elettivi sono scelti dal Consiglio Comunale che nomina n. 6 esperti della materia, con voto limitato ad uno, assicurando la presenza di almeno un componente indicato dalla minoranza. 3. Nelle ipotesi previste dall art. 4 della L.R. 63/94, la Commissione è integrata, con le modalità di cui all art. 7 della citata legge, da due esperti pure essi nominati dal Consiglio Comunale scelti tra laureati in architettura, ingegneria, urbanistica, agraria, materie ambientali e storico-artistiche. Il Consiglio Comunale ha altresì facoltà di nominare con le medesime modalità i rispettivi sostituti. 4. La qualificazione di esperto va documentata dal curriculum professionale allegato alla delibera di nomina. 5. Assiste alle sedute con funzioni di segretario e senza diritto di voto, redigendo i verbali e sottoscrivendo i pareri assieme al Presidente, un impiegato a ciò preposto dal Dirigente. 6. Ai componenti della Commissione spetta un gettone di presenza la cui entità è determinata dal Consiglio Comunale. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 7 di 64

8 Art. 5 - Durata 1. La Commissione Edilizia dura in carica per un periodo non superiore alla durata del Consiglio Comunale che l ha nominata; dopo la scadenza del Consiglio Comunale, la Commissione Edilizia esercita le proprie funzioni secondo quanto previsto dal D.L. 293/94 convertito in L. 444/94. Il componente nominato in sostituzione di altro deceduto, dimissionario o dichiarato decaduto, rimane in carica fino alla scadenza normale dell intera Commissione. 2. Per le cause di ineleggibilità, incompatibilità, decadenza e astensione si applicano le disposizioni previste per i Consiglieri Comunali. Art. 6 - Attività di indirizzo 1. La Commissione Edilizia può definire in un documento di indirizzi i criteri cui attenersi nell ambito delle proprie attribuzioni. Art. 7 - Regolamentazione interna 1. La convocazione della Commissione Edilizia è disposta dal Presidente, con avviso ai componenti fatto pervenire almeno tre giorni prima della riunione. 2. Per la validità delle sedute è richiesta la presenza del Presidente e della metà dei componenti. Le riunioni non sono pubbliche; la Commissione Edilizia, tuttavia, può ammettere l'audizione di professionisti o di privati. La Commissione Edilizia può svolgere sopralluoghi se risulta utile per un più approfondito esame dell intervento per il quale è stato richiesto il parere. 3. Il parere è espresso a maggioranza dei componenti presenti alla seduta della Commissione. 4. Nella ipotesi in cui operi in composizione integrata, la Commissione Edilizia esprime i pareri con la necessaria presenza di entrambi i componenti esperti in bellezze naturali e di tutela dell ambiente. La loro presenza modificherà il numero dei componenti per dichiarare regolare la seduta ed esprimere i pareri. 5. Il parere degli esperti in bellezze naturali e di tutela dell ambiente va verbalizzato anche se favorevole. Le loro valutazioni vanno puntualmente indicate anche nell autorizzazione, di cui all'art. 151 del D. Lgs. 490/99, da trasmettere alla Soprintendenza ai Beni Architettonici e Ambientali. Art. 8 - Il Dirigente 1. Il Dirigente è responsabile del procedimenti ai sensi dell art. 5 della L. 241/90 come modificato dall art. 6 della L. 127/97. In Particolare al Dirigente competono tutte le funzioni disciplinate nel presente Regolamento Edilizio e ogni altra azione o provvedimento ritenza necessario adottare nell ambito della sua competenza. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 8 di 64

9 TITOLO III DEFINIZIONI Art. 9 - Definizione di elementi urbanistico-edilizi 1. Superficie fondiaria (Sf): è la superficie suscettibile di edificazione diretta, risultante dalla superficie territoriale (St) come definita dalla NTA del PRG, con la detrazione delle superfici per opere di urbanizzazione primaria e secondaria. Nel caso di intervento diretto, la superficie fondiaria corrisponde alla superficie del lotto a cui applicare l indice di densità fondiaria. Nel caso di aree edificate, la Sf relativa agli edifici è quella di loro pertinenza. E ammessa una tolleranza massima del 2% rispetto alla corrispondente superficie catastale; nei casi di differenza superiori deve essere allegata al progetto copia della domanda di variazione della superficie inoltrata al competente Ufficio del territorio 2. Superficie coperta (Sc): è la proiezione sul piano orizzontale, ad esclusione degli aggetti senza sovrastanti corpi chiusi con sbalzo fino a 1,50 m, (misura massima complessiva di ogni eventuale elemento accessorio), delle scale aperte e scoperte, ma compresi i portici delimitati da pilastrature e le tettoie, indipendentemente dalle loro dimensioni. Sono esclusi dal computo gli elementi di arredo degli spazi scoperti residenziali, di modesta entità quali pergolati, gazebo, tende fisse, attrezzature sportive che non costituiscano volume e simili fino ad un massimo del 20% della superficie coperta dell edificio, e fino a un massimo di 25 mq; per gli edifici ricadenti in zone produttive sono esclusi dal computo gli impianti tecnologici quali silos, macchinari, cabine elettriche, pensiline esterne all edificio a protezione di veicoli, carrelli, vasche di depurazione e simili. 3. Superficie lorda di pavimento (Slp) o anche denominata superficie utile lorda (Sul) 1 : è la superficie data dalla somma delle superfici di tutti i piani fuori terra, misurati al lordo delle strutture murarie perimetrali: Dal computo della superficie lorda sono esclusi: a) i porticati e le gallerie pubblici o di uso pubblico; b) i portici privati e le logge rientranti non più di 1,50 m.; le misure eventualmente eccedenti tale rientro verranno computate ai fini del calcolo della superficie lorda; c) i balconi con sbalzo fino a 1,50 m.; d) le autorimesse, le cantine, i locali tecnici e di servizio alla residenza interrati; e) i manufatti tecnologici così come definiti nel Regolamento Edilizio, e i volumi tecnici emergenti oltre la quota dell intradosso dell ultimo solaio (torri scale, ascensori, camini, abbaini e simili); f) sottotetti non utilizzabili come definiti al successivo punto 10. lettera c). 2 Per gli edifici ricadenti in aree produttive sono esclusi dal computo: gli impianti tecnologici quali silos, depositi sostanza pericolose, depuratori, e simili che necessitano di installazione separate dall edificio principale o che si rendono necessari per adeguamenti a normative speciali. 1 P.R.G-VARIANTE GENERALE. PARZIALE RIADOZIONE: E stata aggiunta la seguente frase: o anche denominata superficie utile lorda (Sul) 2 P.R.G-VARIANTE GENERALE. PARZIALE RIADOZIONE. E stato modificato il punto : Sono inclusi dal computo della Slp f) La quota dei sottotetti utilizzabile, calcolata dal punto in cui l altezza di all intradosso del solaio di copertura è maggiore di m. 1,50. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 9 di 64

10 5. Superficie utile (Su): è la superficie di pavimento misurata al netto di: murature, pilastri, tramezzi, sguinci, vani di porte e finestre, e di eventuali scale interne, di logge e balconi con misura inferiore a mt 1,50 ed al netto della superficie accessoria; comprende attici e sottotetti utilizzabili, nonché corpi a sbalzo chiusi. 6. Superficie accessoria (Sa) è la superficie netta di: cantinole, soffitte, depositi, lavanderie, locali motore ascensore, cabine idriche, centrali termiche ed altri locali al servizio delle residenze o delle attività principali, autorimesse singole e collettive, androni d ingresso, porticati, logge e balconi, sottotetti non abitabili, seminterrati e interrati non abitabili; 7. La superficie di vendita (Sv) è l area degli esercizi commerciali destinata alla vendita, dove ha accesso il pubblico, al netto delle murature, compresa quella occupata da vetrine, banchi, scaffalature, camerini e simili. Non costituisce superficie di vendita quella destinata ad attività di supporto dell esercizio dove non accede il pubblico, quali magazzini, depositi, locali di lavorazione, uffici amministrativi dell azienda non aperti al pubblico, servizi igienici, zone di passaggio tra le casse e l ingresso e di deposito dei carrelli nei supermercati dove non è esposta la merce. Non si considera altresì superficie di vendita l esposizione di prodotti in locali chiusi, a scopo pubblicitario, dove gli stessi siano visibili attraverso vetrine e senza contatto del pubblico con gli operatori. 8. Altezza dei vani: l altezza interna dei locali si misura dal pavimento all intradosso del soffitto o controsoffitto: nel caso di soffitto a travatura a vista, l altezza va misurata all intradosso del solaio se lo spazio tra le travi è maggiore di due volte la larghezza del trave stesso, e all intradosso delle travi nel caso la distanza sia inferiore (fig. 1); Figura 1 nel caso di vani con solai inclinati l altezza del vano è la media delle altezze (fig. 2); limitatamente ai locali con destinazione residenziale l altezza utile media è calcolata dividendo il volume utile del sottotetto di altezza superiore a mt. 1,80 per la relativa superficie utile; Figura 2 P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 10 di 64

11 nel caso di vani ad altezze diverse l altezza è verificata per ciascuna parte del vano (fig. 3). Figura 3 9. Altezza dell edificio: è l altezza dell edificio corrispondente alla differenza tra la quota di riferimento 0,00 e il punto costituito dall intersezione dell intradosso del solaio di copertura con il filo esterno della muratura perimetrale. Nel caso di tetti o quote campagna con misure variabili l altezza deve essere rapportata ai valori medi. Sono comunque fatte salve le deroghe previste dalla L.R n 21. I piani urbanistici attuattivi devono individuare le quote di campagna di riferimento per l intero ambito di riferimento. 10. Volume lordo dell edificio: è il volume del solido emergente dal terreno. Quando il solaio di copertura è inclinato l altezza è data dalla media ponderale delle altezze lorde. Ai fini del calcolo del volume fuori terra, l altezza del fabbricato sarà determinata come al precedente comma 9. Qualora tale solaio non sia piano, andrà considerata la quota media ponderale del vano astrattamente abitabile o agibile.sono esclusi: a) I porticati ad uso pubblico; b) le logge rientranti per una profondità massima di m. 1,50; c) i sottotetti non utilizzabili, per la parte al disopra della quota corrispondente all altezza del fabbricato, i cui muri perimetrali non superano i cm 60, che non presentano i requisiti di abitabilità e che abbiano una copertura sovrastante con pendenza non superiore al 35%; 3 d) balconi, sporti, cornicioni, gronde, aggetti, pensiline, e simili; e) i locali tecnici strettamente necessari per centrale termica, elettrica, extracorsa ascensore, montacarichi e relativi vani tecnici, impianti tecnologici, silos, e simili, con un limite massimo comunque pari al 2% del volume di ogni edificio; f) le scale di sicurezza interne ed esterne di qualunque altezza quando imposte da norme di sicurezza o prevenzione incendi; g) gli elementi decorativi e di arredo in genere, gli impianti non computabili come superficie coperta; h) per gli edifici ricadenti in aree produttive: gli impianti tecnologici quali silos, depositi sostanza pericolose, depuratori, e simili che necessitano di 3 P.R.G-VARIANTE GENERALE. PARZIALE RIADOZIONE: E stato modificato parzialmente il punto c): c) i sottotetti non utilizzabili, per la parte al disopra della quota corrispondente all altezza del fabbricato, i cui muri perimetrali non superano i cm 50, che non presentano i requisiti di abitabilità e che abbiano una copertura sovrastante con pendenza non superiore al 30%; P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 11 di 64

12 installazione separate dall edificio principale o che si rendono necessari per adeguamenti a normative speciali. i) gli elementi indicati al successivo art. 10 comma 4 l) le tettoie o costruzioni simili che non sono state computate come volume negli originari progetti autorizzati o concessionati. Nel caso di trasformazioni edilizie o funzionali sono computabili come volume nel limite massimo del 20%. 4 Art Definizione di distanze 1. Distanze dalle strade: È la distanza misurata a partire dal confine stradale fino al perimetro della superficie coperta del fabbricato, misurata in direzione perpendicolare. Le distanze minime sono stabilite dalle specifiche norme di ciascuna zona urbanistica. All interno dei centri storici e nelle zone residenziali di completamento gli edifici possono allinearsi agli edifici esistenti su lotti contigui, in deroga alle distanze minime nei casi dalla strada. Nel caso di edifici preesistenti, sorgenti su più lotti, che non rispettino la distanza minima dalla strada l'allineamento in atto è determinato: dalla distanza dalla strada, riferita alla edificazione prevalente sul tratto stradale considerato, qualora vi siano due o più edifici posti in allineamento; dalla media delle distanze dalla strada, riferite alla edificazione esistente, qualora non vi siano edifici posti in allineamento 2. Distacchi tra edifici e distanza dai confini: i distacchi tra gli edifici sono quelli stabiliti dal D.M. 1444/1968 e vengono misurati in direzione perpendicolare alle due superfici opposte, in modo che ogni fronte rispetti la distanza minima prescritta; le distanze dai confini vengono misurate radialmente rispetto alla sagoma dell edificio in modo che ogni punto della sagoma rispetti la distanza prescritta. Le distanze sono definite e precisate dalle norme tecniche di attuazione per ogni zona territoriale omogenea. Sono ammesse deroghe ai distacchi tra edifici nelle zone residenziali di completamento, nei modi stabiliti dalle norme tecniche di attuazione. In tutte le zone di completamento e nelle zone rurali sono ammesse distanze inferiori dai confini, mediante assenso del confinate, nella forma di atto di servitù, registrato e trascritto 5 3. Distanza tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti: È la distanza, tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti, misurate perpendicolarmente. La distanza si applica anche quando solo una delle due pareti sia finestrata 4. Distacchi e distanze particolari: la disciplina relativa ai distacchi ed alle distanze, fatti salvi i diritti di terzi, e quanto previsto dalla L.R. 21/96, non si applica: 4 P.R.G-VARIANTE GENERALE. PARZIALE RIADOZIONE. E stato introdotto il punto l) 5 P.R.G-VARIANTE GENERALE. PARZIALE RIADOZIONE: E stato aggiunto il seguente capoverso: Le distanze sono definite e precisate dalle norme tecniche di attuazione per ogni zona territoriale omogenea. Sono ammesse deroghe ai distacchi tra edifici nelle zone residenziali di completamento, nei modi stabiliti dalle norme tecniche di attuazione. In tutte le zone di completamento e nelle zone rurali sono ammesse distanze inferiori dai confini, mediante assenso del confinate, nella forma di atto di servitù, registrato e trascritto P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 12 di 64

13 a) ai manufatti per impianti tecnologici di modesta entità a servizio del territorio (cabine elettriche, impianti telefonici, cabine di decompressione della rete del gas, impianti di sollevamento delle fognature, e simili); b) alle strutture di arredo (chioschi, gazebo, pensiline, pompeiane, pergolati, cabine telefoniche, opere artistiche, e simili); c) ai manufatti completamente interrati, i quali possono quindi essere realizzati, fatte salve le comuni norme di sicurezza, anche in aderenza ai confini; d) alle pensiline e ai box prefabbricati al servizio di strutture di arredo stradale; e) ai muri di recinzione di altezza inferiore a 1,80 mt e relativi manufatti per gli accessi; f) alle strutture di sostegno di pergolati, tendoni, strutture temporanee, ed elementi similari; g) agli ascensori e montacarichi o altri interventi su fabbricati esistenti, finalizzati al superamento delle barriere architettoniche; h) agli impianti tecnologici di modesta entità al servizio di fabbricati esistenti (box antincendio, gruppo di spinta, motocondensanti, ed elementi similari); i) alle scale di sicurezza esterne quando imposte da norme di sicurezza o prevenzione incendi, limitatamente agli edifici esistenti; j) le casette in legno per il gioco dei bimbi, i depositi per gli attrezzi da giardino, le legnaie, ed elementi similari, con altezza massima non superiore a mt 2,00; k) i barbecue; l) le fontane e vasche d acqua d arredo e piscine private scoperte; m) ai manufatti relativi alla rete dei percorsi pedonali e ciclabili, quali sovrappassi, rampe, scale mobili e percorsi sopraelevati; n) per gli insediamenti produttivi, agli impianti tecnologici quali silos, depuratori che necessitino di installazione separate dall edificio principale o che si rendano necessari per adeguamento a normative speciali, ed elementi similari o) alle distanze dai confini delle zone territoriali omogenee agricole. 6 Art Definizione di elementi architettonici - glossario 1. AGGETTO: aggetto o sporgenza orizzontale (balcone, pensilina, mensola, torretta, ecc.) o elemento sporgente (cornicione, doccione, gronda, ecc.) a sbalzo sulla muratura; 2. APPARTAMENTO o ALLOGGIO: insieme di ambienti ad uso residenziale fra loro relazionati. L appartamento indica l alloggio indipendente entro edificio a più piani. 3. BALCONE: struttura orizzontale sorretta da mensole o a sbalzo dalla facciata accessibile da portafinestra, con ringhiera, parapetto o balaustra, in legno, ferro o pietra. Può essere coperto. Se lo sbalzo è maggiore si parla di terrazza. 4. BALLATOIO: balcone molto lungo da cui si accede ad unità edilizie. 6 P.R.G-VARIANTE GENERALE. PARZIALE RIADOZIONE: E stato aggiunto il punto o) P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 13 di 64

14 5. CAVEDIO, CHIOSTRINA: spazi a cielo libero delimitati da pareti continue lungo tutto il perimetro, destinato esclusivamente ad illuminare ed areare locali accessori quali ripostigli, servizi igienici, bagni, lavanderie, centrali termiche e garage. 6. CORTILE: spazio delimitato da fabbricazione lungo il perimetro, destinato ad illuminare e ventilare locali abitabili 7. COSTRUZIONE: edificio od opera assimilabile che, indipendentemente dai tipi di materiale, dalle tecniche costruttive, dalle modalità di appoggio ed ancoraggio, costituisca una modifica all assetto urbanistico dell area preesistente, destinata a soddisfare esigenze perduranti nel tempo. 8. CONFINE STRADALE: limite della proprietà stradale come risulta dagli atti di acquisizione o dalle fasce di esproprio del progetto approvato; in mancanza, il confine è costituito dal ciglio esterno del fosso di guardia o della cunetta, ove esistenti, o dal piede della scarpata se la strada è in rilevato o dal ciglio superiore della scarpata se la strada è in trincea. 9. LASTRICO SOLARE: copertura piana e praticabile di un edificio. 10. LOGGIA: spazio coperto situato al piano terra o ai piani superiori di un edificio, aperto su uno o più lati, compreso all'interno della proiezione planimetrica dell'edificio stesso, che si determina per effetto dell'arretramento di uno o più locali rispetto al fronte del fabbricato. 11. LOCALI UTILIZZABILI: spazi coperti, delimitati anche parzialmente da pareti, ove si svolgono, con presenza continuativa di persone, le attività qualificanti la destinazione d uso attribuita all immobile. 12. LOCALI AGIBILI: locali ad uso speciale che richiedono la verifica di standards prestazionali diversi da quelli abitabili secondo normative specifiche, quali negozi, laboratori, industrie ecc. 13. ORGANISMO EDILIZIO: insieme delle unità immobiliari progettate unitariamente con caratteristiche di continuità fisica ed autonomia funzionale dotate di infrastrutture e/o attrezzature di propria pertinenza. 14. PERTINENZE : spazi e manufatti destinati in modo durevole a servizio di edifici esistenti, anche se non funzionalmente contigui. 15. PIANO FUORI TERRA: piano il cui pavimento si trova in ogni suo punto perimetrale ad una quota uguale o superiore a quella della quota di riferimento 0,00 e/o piano nel quale l intradosso del soffitto si trova ad una quota superiore a mt 1,60 rispetto al piano di riferimento 0,00. Sono considerati piani fuori terra le porzioni di un piano il cui pavimento si trovi nelle condizioni di cui sopra. 16. PIANO SEMINTERRATO : piano di un edificio nel quale l intradosso del soffitto si trova in ogni suo punto perimetrale ad una quota compresa tra mt 1,00 e m 1,60 rispetto a quella della quota di riferimento 0,00. Nel caso di differenza superiore a mt. 1,60 il locale è assimilabile a quello fuori terra, mentre nel caso di differenza inferiore a mt. 1,00 il locale è definito interrato. 17. PIANO INTERRATO: piano di un edificio nel quale l intradosso del soffitto si trova in ogni suo punto perimetrale ad una quota non maggiore di mt 1,00 rispetto a quella della quota di riferimento 0,00. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 14 di 64

15 18. PORTICO: spazio aperto su almeno due lati, con funzione di passaggio, che si determina per discontinuità dei locali al piano terra ovvero per l'edificazione su pilastri di tutto l'edificio o di un suo corpo. 19. PORTICATO: portico che si estende in lunghezza lungo una strada. La larghezza dei porticati viene misurata tra il paramento interno degli elementi di sostegno ed il filo esterno del muro di fondo Nel caso di copertura a volta l altezza sarà verificata sulla corda. 20. QUOTA DI RIFERIMENTO 0,00 : piano di campagna calcolata come quota media del terreno naturale prima di ogni opera di sistemazione dello stesso o costruzione di manufatti, riferita all area di sedime dell edificio. Entro una fascia di 30 metri dalla strada la quota di riferimento è quella della strada stessa o del marciapiede, se esistente. La quota di riferimento rimane quella del terreno naturale od eventualmente sistemato nei casi questa risulti comunque più bassa di quella stradale. 21. SAGOMA: involucro esterno dell edificio costituito dall insieme delle figure piane delle facciate e delle falde del tetto quando costituisce elemento architettonico rilevante per la tipologia edilizia, con esclusione delle sporgenze e di tutti gli elementi che non concorrono alla definizione di superficie coperta. 22. SERRA: costruzione, di solito con pareti e soffitto di vetro, adibita esclusivamente alla coltura forzata di fiori o piante in condizioni climatiche particolari. 23. SOTTOTETTO: volume sovrastante gli edifici destinati in tutto o in parte a residenza; in particolare è quello spazio denominato anche soffitta, attico, etc., compreso tra l ultimo solaio ed il tetto. Il sottotetto è utilizzabile a fini residenziali qualora presenti i requisiti prescritti dall art. 104 del presente regolamento. 24. SUPERFETAZIONI: costruzioni a carattere precario o consolidate, aggiunte o indipendenti rispetto all edificio principale, che non risultano integrate compiutamente con l edificio e il contesto. 25. TERRAZZA: copertura piana, di solito praticabile, dotata di parapetto, con inclinazione idonea allo smaltimento della pioggia. L orditura si identifica in genere con quella del solaio sottostante; su di essa sono posati strati di isolante, impermeabilizzazioni e pavimentazioni. Si definisce inoltre terrazza: un pavimento esterno impermeabile; qualsiasi superficie piana o artificialmente spianata dinanzi o intorno ad un edificio (parterre, criptoportico) o in un parco (belvedere, rotonda, ecc.). 26. TERRAZZO o TERRAZZINO: un ripiano in aggetto, sinonimo di balcone, terrazzino. 27. TETTOIA: spazio coperto, con copertura a forma di tetto, delimitato da elementi verticali puntuali, aperto su quattro lati, quando è isolata, su tre lati quando è addossata ad un edificio. 28. VERANDA: balcone coperto aperto o chiuso da vetrate. 29. VETRATA: pannello a chiusura di finestre o spazi. 30. VOLUME TECNICO: somma dei volumi atti a contenere macchinari e impianti tecnologici strettamente funzionali all uso dell edificio. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 15 di 64

16 Art Destinazione d uso 1. Le destinazioni d uso sono l insieme delle diverse funzioni alle quali può essere o è adibito un edificio o un area. 2. Per quanto attiene agli immobili esistenti, all immobile singolo o alla singola unità abitativa, la destinazione d uso risulta dalla licenza o concessione edilizia, e in subordine da altri titoli abilitativi. 3. Ai fini del presente regolamento sono definite le seguenti destinazioni d uso degli immobili: a) Residenziale: qualsiasi edificio o parte di edificio destinato in maniera stabile ad abitazione. Vanno compresi anche gli spazi di pertinenza. In questa destinazione rientrano gli alloggi di servizio o annessi a strutture produttive. b) Produttiva: comprende gli edifici destinati ad attività produttive classificabili come industriali o artigianali o del settore primario; c) Artigianale di servizio: comprende gli immobili destinati ad attività finalizzate alla produzione di servizi necessari ad altre funzioni (residenziali o produttive), in particolare quelle connesse alla cura della persona o dei beni di uso personale e comune, nonché alla manutenzione della casa (arredo, impianti) o degli edifici produttivi. Si considerano quindi di servizio le attività artigianali concernenti: - la cura della persona (parrucchiere, manicure, pedicure, massaggiatore, sarto, rammendatrice, calzolaio, lavanderia, stireria, lavasecco, ecc.) - la cura della casa o, più in generale, dell edificio (elettricista, idraulico, verniciatore, imbianchino, mobiliere, tappezziere, muratore, piastrellista, ascensorista, fuochista, tecnico radio TV, falegname, giardiniere, seggiolaio, ecc.); - la cura dei beni di consumo durevole (meccanico, ciclista, gommista, elettrauto, autoradio, ecc). Il carrozziere ed il verniciatore d auto sono però da considerarsi come attività artigianali ritenute incompatibili con la residenza e con talune funzioni particolari (scuole, ospedali, acc.). L artigianato di servizio è generalmente compatibile con la residenza purchè non sia molesto o pericoloso; può quindi localizzarsi nelle zone residenzili, rispettando eventuali specifiche previsioni. d) Turistica: comprende gli immobili e le aree destinate a: le strutture ricettive disciplinate dalla L. 217/83, e dalla L.R. 26/97 e L.R. 56/99 ad eccezione degli alloggi agri - turistici disciplinati dalla L.R. 9/97; i campeggi e i villaggi turistici come definiti dalla L.R. 56/99; le strutture ricettive extra alberghiere definite dalla L.R. 49/99; e) Commerciale, comprende gli immobili destinati a: - le attività di cui al D. Lgs. 114/98 e alla L.R. 37/99; - di somministrazione e vendita di alimenti e bevande; - bar e simili; - agenzie e sedi di rappresentanze commerciali; P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 16 di 64

17 - uffici annessi ad attività commerciali; - autorimesse pubbliche, - locali di pubblico spettacolo; - locali per attività artistiche, culturali e sociali; - chioschi, edicole, stazioni di servizio; - palestre ed impianti sportivi e ricreativi; - scuole private di ogni tipo. f) Direzionale: comprende gli immobili destinati a: - uffici pubblici e privati; - sedi o succursali di banche, socità enti o istituti; - cliniche ed ambulatori medici; - studi professionali. e) Rurale: locali, costruzioni, impianti e spazi destinati ad attività legate alla coltivazione del fondo e all agriturismo. f) Di servizio: campi ed impianti sportivi; discariche controllate ed impianti di trattamento dei rifiuti e di depurazione delle acque; le strutture di cui all art. 74 della L.R. 61/85; le attrezzature e gli impianti di interesse generale opere di urbanizzazione di cui all'art. 4 L. 847/ Le pertinenze e i locali funzionalmente connessi si considerano aventi la stessa destinazione delle parti principali, fatta eccezione per gli edifici ad uso residenziale annessi ad edifici produttivi, destinati ad alloggio del proprietario o custode. Art Tipologie di intervento 1. Le categorie d intervento riguardanti le aree e gli immobili non ricompresi nelle zone A del PRG, sono così definite: a) manutenzione ordinaria; b) manutenzione straordinaria; c) risanamento conservativo; d) ristrutturazione edilizia; e) ristrutturazione urbanistica; f) nuova costruzione ed ampliamento; g) demolizione; h) urbanizzazione; i) cambio di destinazione d uso; P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 17 di 64

18 Art Manutenzione ordinaria 1. Costituiscono interventi di manutenzione ordinaria quelli che riguardano le opere di riparazione, rinnovo e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad integrare o mantenere in efficienza gli impianti tecnologici esistenti. 2. Tali opere, destinate a mantenere in efficienza l aspetto formale dell edificio, non possono comportare modifiche o alterazioni di alcun genere alle strutture ed agli elementi architettonici, e devono essere adeguate nelle tecniche e nei materiali alle caratteristiche del manufatto. 3. Rientrano in tale categoria i seguenti interventi: a) pulitura, riparazione anche con sostituzione parziale, tinteggiatura dei singoli elementi dell edificio (intonaci, pavimenti, pareti, infissi, impianti, coperture ecc.), tinteggiatura dell edificio; b) sostituzione di elementi accessori o ornamentali quali: pluviali, scossaline, grondaie, rivestimenti esterni ecc.; c) costruzione di arredi fissi interni anche con modesti interventi in muratura; 4. Non rientrano in ogni caso l'alterazione dei prospetti, l eliminazione o la realizzazione di aperture verso l esterno. Art Manutenzione straordinaria 1. Costituiscono interventi di manutenzione straordinaria le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire, con impiego di materiali eguali o diversi dai precedenti, parti anche strutturali fatiscenti o cadenti degli edifici nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico - sanitari e gli impianti tecnici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni d uso. 2. Rientrano in tale categoria: a) gli interventi di adeguamento tecnologico che comportano la realizzazione di volumi tecnici indispensabili per l installazione degli impianti; b) gli interventi volti al superamento delle barriere architettoniche e al risparmio energetico, senza aumenti dei volumi e delle superfici utili delle singole unità immobiliari; d) spostamento di porte interne o di chiusura e apertura delle stesse; c) gli interventi di consolidamento di strutture di fondazione o in elevazione, ripristino di solai di calpestio, di murature, di scale e di coperture. d) la demolizione e costruzione di pareti divisorie purché le opere non comportino modifiche al numero degli alloggi e all impianto distributivo salvo il caso di spostamenti per la creazione di servizi (bagni, cucine, etc.). e) l apertura, chiusura o modificazione di porte esterne o finestre quando tale intervento non sia conseguente e concomitante con modifiche distributive interne. 3. Per gli edifici industriali ed artigianali costituiscono interventi di straordinaria manutenzione anche le opere e le modifiche necessarie al rinnovamento degli impianti e quelle finalizzate all adeguamento tecnologico. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 18 di 64

19 4. Con riferimento alle aree scoperte, la manutenzione straordinaria comprende collocazione di elementi di arredo, movimenti di terreno superficiali, pavimentazioni di nuovi percorsi. Art Risanamento conservativo 1. Per risanamento conservativo si intende il complesso di operazioni volto a conservare gli elementi costitutivi principali dell organismo edilizio e che nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell organismo stesso, ne consentano destinazioni d uso con esso compatibili. 2. Rientrano in tale categoria i seguenti interventi: a) conservazione e ripristino delle facciate dei prospetti principali, dei volumi esistenti, degli andamenti e delle sporgenze dei tetti; b) conservazione e ripristino dell impianto strutturale originario; i solai possono essere sostituiti per motivate ragioni statiche, o traslati nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e delle dimensioni dei fori sulle facciate principali; c) conservazione e ripristino dei collegamenti originari verticali e orizzontali, se legati alla tipologia fondamentale dell edificio; d) Riordino delle aperture su tutte le facciate con apertura di nuove bucature per necessità illuminotecniche nel rispetto delle forme, posizioni e dimensioni delle aperture originarie; e) aggregazione o suddivisione delle unità immobiliari, nel rispetto dei caratteri architettonici e della struttura tipologica di base; f) eliminazione e creazione di tramezzature; g) Inserimento di scale, ascensori e montacarichi ed altri impianti tecnologici che non compromettano la morfologia e tipologia e la struttura dell edificio; h) Utilizzazione di soffitte e sottotetti; i) apertura di lucernari a raso sulle falde di copertura; Art Ristrutturazione edilizia 1. Gli interventi di ristrutturazione edilizia sono quelli rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente. 2. Tali interventi comprendono la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell edificio, l eliminazione, la modifica e l inserimento di nuovi elementi ed impianti. 3. La ristrutturazione edilizia può prevedere la totale demolizione dell edificio solamente nel caso in cui ne sia prevista la ricostruzione nel rispetto della sagoma e del sedime dell edificio esistente. 4. Gli interventi di ristrutturazione non devono pregiudicare i caratteri architettonici o ambientali del contesto né comportare incremento di volume fatti salvi quelli per l adeguamento dei requisiti igienico sanitari. 5. La ristrutturazione può comportare la ricomposizione dei volumi per l accorpamento organico all edificio principale di accessori, pertinenze e superfetazioni con conseguente modifica parziale della sagoma e del sedime. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 19 di 64

20 Art Ristrutturazione urbanistica 1. Gli interventi di ristrutturazione urbanistica sono quelli rivolti a sostituire l esistente tessuto urbanistico - edilizio con altro in tutto o in parte diverso, mediante un insieme sistematico di interventi edilizi anche con la modificazione del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale. Art Nuova costruzione ed ampliamento 1. Le opere edilizie volte a realizzare un nuovo edificio od un nuovo manufatto, ovvero ad ampliare o sopraelevare un fabbricato esistente sia fuori che entro terra costituiscono nuova costruzione. Art Demolizione 1. La demolizione è un intervento volto a rimuovere in tutto o in parte un manufatto. Art Urbanizzazione 1. Le opere necessarie ad attrezzare a fini edificatori le aree edificabili costituiscono interventi di urbanizzazione e consistono nella realizzazione di: viabilità, impianti a rete, aree per servizi pubblici, elementi di arredo urbano, ecc. Art Cambio di destinazione d uso 1. Il cambio di destinazione d uso consiste nell adibire un immobile ad un utilizzo diverso, anche parziale, rispetto a quello di cui al precedente art. 12, 2 comma. Il cambio di destinazione può essere effettuato con o senza opere a ciò preordinate. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 20 di 64

21 TITOLO IV ATTI DI COMPETENZA COMUNALE CAPO I - CERTIFICAZIONI E PARERI Art Certificato di destinazione urbanistica 1. Il Comune rilascia un certificato di destinazione urbanistica che, in relazione alle opere previste, specifica per l immobile oggetto della richiesta le disposizioni degli strumenti urbanistici territoriali, generali e attuativi vigenti e/o adottati, in particolare: a) le modalità di intervento con riferiti i limiti parametrici e volumetrici; b) le destinazioni d uso ammissibili; 2. Il certificato va rilasciato dal Comune nel termine di 30 giorni dalla richiesta e conserva validità fino a che non intervengano modificazioni nella disciplina vigente e comunque non oltre dodici mesi dal rilascio. Art Modalità di richiesta del certificato di destinazione urbanistica 1. Il richiedente dovrà dichiarare: a) tutti gli elementi utili per identificare l immobile oggetto dell istanza; b) il recapito; c) estratto catastale con evidenziati gli immobili oggetto della richiesta; Art Richiesta di pareri, nulla osta, certificazioni e autorizzazioni 1. L'avente titolo richiede autonomamente il rilascio di autorizzazioni, nulla osta, pareri o certificazioni ad altre Pubbliche Amministrazioni, previsti dalle leggi vigenti. 2. Alla domanda di concessione o di autorizzazione, il richiedente allega gli atti di cui al primo comma o, riservandosi di produrli successivamente, le ricevute attestanti l avvenuta richiesta formulata alle predette Amministrazioni. Di tali atti l'interessato deve essere in possesso allorquando presenti D.I.A. Art Parere preventivo 1. Il privato interessato alla realizzazione di un progetto che risulti particolarmente impegnativo o che presenti comunque problemi di inserimento urbanistico o paesaggistico o che sia condizionato da concessioni già rilasciate o in istruttoria, può chiedere al Dirigente una preliminare valutazione. 2. A tale fine, il privato fa pervenire senza particolari formalità gli studi preliminari, gli elaborati di progetto, plastici, schizzi ed una relazione tecnica, idonei ad inquadrare P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 21 di 64

22 l opera nel contesto urbanistico ed ambientale, prospettando le possibili soluzioni progettuali, i materiali utilizzati e l inserimento finale. 3. Il parere della Commissione Edilizia e la relazione del Responsabile del Procedimento si limiteranno ad indicare le questioni tecniche e progettuali affrontate, le valutazioni espresse, le prescrizioni particolari alle quali la progettazione esecutiva dovrà fare riferimento e preciseranno quali elaborati tecnici, oltre a quelli definiti dal presente regolamento come obbligatori, devono essere presentati per rispondere alle questioni tecniche sopra indicate. 4. Il parere espresso sul progetto presentato non è vincolante ai fini dell'esame del progetto definitivo, ma qualora il richiedente si sia adeguato alle indicazioni fornite in sede di valutazione preventiva, dovranno essere specificamente indicati i motivi di un'eventuale determinazione difforme sul progetto definitivo. Art La Conferenza dei Servizi 1. La Conferenza dei Servizi, disciplinata dall'art. 14 della L. 241/90, è presieduta dal Responsabile del procedimento, ed è convocata dal medesimo anche su richiesta dell interessato. 2. Il verbale della conferenza è sottoscritto da tutti i rappresentanti delle Amministrazioni partecipanti, salva espressa dichiarazione a verbale dei presenti con la quale delegano il solo Presidente alla sottoscrizione. CAPO II - CONCESSIONI E AUTORIZZAZIONI Art Interventi liberi 1. Gli interventi di manutenzione ordinaria e gli altri interventi descritti al 3 comma dell'art. 76 della L.R. 61/85 non richiedono alcuna preventiva domanda, denuncia o comunicazione e non necessitano di alcuna autorizzazione o concessione edilizia, ferma restando la necessità di acquisire il parere del competente servizio della ULSS, qualora si vadano a modificare i parametri igienico sanitari. 2. Analogamente non richiedono domanda, comunicazione o denuncia, né concessione od autorizzazione le opere prescritte da ordinanze dirigenziali e quegli interventi di assoluta urgenza che si rendano necessari per evitare pericoli alla pubblica incolumità; per questi ultimi, entro 5 giorni deve essere data comunicazione al Comune delle circostanze che hanno resa necessaria la loro esecuzione assieme alle indicazioni dei lavori in atto, al nominativo del Direttore dei lavori e della ditta esecutrice. 3. Le circostanze di pericolo o di pubblica incolumità legittimano solo gli interventi strettamente necessari, richiedendosi comunque il rispetto delle norme fissate dal presente Regolamento per ciascun tipo di intervento edilizio, in quanto applicabili. P.R.G. VARIANTE GENERALE. RIADOZIONE Pagina 22 di 64

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

AGGIORNATO SECONDO PRESCRIZIONI REGIONALI DELIBERE GIUNTA REGIONALE VENETO

AGGIORNATO SECONDO PRESCRIZIONI REGIONALI DELIBERE GIUNTA REGIONALE VENETO Comune di: PROVINCIA DI PADOVA MEGLIADINO SAN FIDENZIO P.R.G. VARIANTE N. 3 AGGIORNATO SECONDO PRESCRIZIONI REGIONALI DELIBERE GIUNTA REGIONALE VENETO N. 3860 del 03 LUGLIO 1990 N. 5346 del 08 NOVEMBRE

Dettagli

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti :

22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : 22.06.2011 Risposte ad ulteriori quesiti posti : - le tavole della proposta progettuale dovranno essere possibilmente su supporto cartaceo normale; - la relazione di fattibilità economica ed il preventivo

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA

COMUNE DI OLBIA ELABORATO: TAVOLA All. B. Norm e di Attu a zion e APPROVAZIONI. PROGETTIS TA In g. Da n ilo Ma n zottu S CALA COMUNE DI OLBIA Provin cia di Olbia - Te m pio OGGETTO: PROGETTO DI VARIANTE NON S OS TANZIALE AL COMPARTO DI ZONA AH OS PEDALIERA S ITA IN COMUNE DI OLBIA, LOCALITA' TANNAULE. ELABORATO: Norm e di Attu

Dettagli

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO * Definiscono gli interventi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che nel rispetto

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti AGGIORNAMENTO DEI CRITERI DI STIMA DEL VALORE COMMERCIALE DELLE AREE FABBRICABILI DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMU PER L ANNO 2013 E PRINCIPI PER L ACCERTAMENTO ANNI PRECEDENTI

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA

La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA Comune di Jesi Sportello Unico Edilizia Incontro con i professionisti 26 maggio 2015 La Legge Regionale 20 aprile 2015 n. 17 RIORDINO E SEMPLIFICAZIONE IN MATERIA EDILIZIA LEGGE REGIONALE 20 APRILE 2015

Dettagli

COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015

COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015 COMUNE DI MALCESINE aggiornato a dicembre 2015 Si evidenzia che: PRONTUARIO DEGLI INTERVENTI EDILIZI E DEI TITOLI ABILITATIVI - Tutte le modifiche dell aspetto esteriore dello stato dei luoghi necessitano

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA DETERMINAZIONE SETTORE : 3 N 241 del Reg. Sett Data 19/11/2004 AREA TECNICO - MANUTENTIVA N 1501 del Reg. Gen. Al Responsabile Settore FINANZIARIO Al Segretario

Dettagli

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia Il sottoscritto cognome e nome nato/a a provincia il

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni Al fine di rendere più agevole la procedura si elencano gli interventi previsti dall art. 5 del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO

COMUNE DI CASTELBELLINO COMUNE DI CASTELBELLINO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P.zza S. Marco 15 60030 Castelbellino e.mail urbanistica.castelbellino@provincia.ancona.it Protocollo ALLEGATO C AL PERMESSO DI COSTRUIRE Ditta: Oggetto:

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa

COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno. COSTRUZIONI ACCESSORIE: tipologie e normativa COMUNE DI AURONZO DI CADORE Provincia di Belluno versione gennaio 2006 1 VOLUMI ACCESSORI Sono considerati volumi accessori le strutture di modeste dimensioni, a carattere precario, non adibite a residenza,

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEGLI INTERVENTI Art.31 L.457/1978 Allegato L.R. 31/2002 IDENTIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI Titolo abilitativo Dichiarazione sostitutiva

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI COMUNE DI REGGELLO PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI MANUFATTI LEGGERI (APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 33 DEL 01.04.2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI FOLIGNO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI Servizio Sportello Unico Edilizia Servizio Edilizia Via dei Molini, 20/a Corso Cavour, 89 MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE

CONSULTA INTERASSOCIATIVA DEI PROFESSIONISTI DELL IMMOBILIARE STANDARD UNICO PROVINCIALE PER LA MISURAZIONE DEL METRO QUADRO COMMERCIALE 1 Nel novembre 2008 viene costituita la "Consulta Interassociativa dei Professionisti dell'immobiliare" inizialmente per rispondere

Dettagli

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate -

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate - D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - presentate - N. d'ordine Servizio Oggetto Contenuto Soggetto Presentatore Estremi di presentzione

Dettagli

Variante al Reg. Edilizio Testo vigente

Variante al Reg. Edilizio Testo vigente CITTA DI ERACLEA PROVINCIA DI VENEZIA VARIANTE PARZIALE AL PRG N. 37 ai sensi dell art. 48, comma 1, della L.R. 11/04 Variante al Reg. Edilizio Testo vigente ART. 6 - OPERE NON SOGGETTE A PERMESSO DI COSTRUIRE

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2 Mod. A.E.L.2 pratica n. Al Comune di TICINETO Servizio Edilizia COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA D.P.R. 380/2001 e s.m.i., art. 6 comma 2 Il sottoscritto residente a via n. telefono in qualità

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli 3.1.7 e 3.1.8 del R. L. I. Comune di Agnadello Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento: P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli

Dettagli

Attività edilizie e titoli abilitativi

Attività edilizie e titoli abilitativi Attività edilizie e titoli abilitativi quando, dove e come rr 27 luglio 2012 rev 1.01 Attività edilizia libera interventi edilizi per i quali non è richiesto alcun titolo abilitativo, né è prevista alcuna

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

(Provincia di Mantova)

(Provincia di Mantova) TITOLO I - NORME PROCEDURALI CAPO I - L iniziativa Sezione I - Soggetti Articolo 1 - Provvedimenti abilitativi, Denuncia di Inizio Attività e Segnalazione Certificata di Inizio Attività Articolo 2 - Autorizzazione

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR

San Martino Buon Albergo 5HJRODPHQWR(GLOL]LR 7,72/2,,,ƒ '(),1,=,21, $UW±'HILQL]LRQHGLHOHPHQWLXUEDQLVWLFRHGLOL]L 1. 6XSHUILFLH7HUULWRULDOH: è la superficie di territorio comprendente la superficie fondiaria e le aree per l'urbanizzazione primaria

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO

CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO CITTA DI GORGONZOLA PROVINCIA DI MILANO SETTORE GESTIONE E PIANIFICAZIONE URBANISTICA SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Piazza Giovanni XXIII, n. 6 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PREMESSA Ai

Dettagli

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono:

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono: (C.E. per ristrutturazione) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per ristrutturazione. Il sottoscritto..,

Dettagli

Art. 101 Volume dell'edificio

Art. 101 Volume dell'edificio Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006 In vigore

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione CASISTICA DEGLI INTERVENTI E RELATIVO REGIME AUTORIZZATIVO OPERA INTERVENTO REGIME ALBERATURE - piantumazione o abbattimento - potatura (*) AMPLIAMENTO EDIFICI opere di ristrutturazione e di modifica che

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

Definizione degli indici e parametri.

Definizione degli indici e parametri. Estratto dal Regolamento Edilizio Tipo - articolo 13 - Regolamento Edilizio Tipo: Reg. 14 settembre 1989, n. 23 (1). Pubblicato nel B.U. Marche 14 settembre 1989, n. 100-bis. Regolamento Edilizio Tipo

Dettagli

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico

Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Approvazione definitiva Norme Tecniche d Attuazione del Regolamento Urbanistico Obiettivi : Semplificazione (100 pag. invece di 400) Adeguamento alle nuove Leggi Superamento difficoltà d interpretazione

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona. Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA Provincia di Ancona Il Responsabile dell Area Gestione del Territorio Geom. Donato Carbonari Il Sindaco Santicchia Angelo Il Segretario Comunale Dott. Bonetti Angelo Approvato

Dettagli

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84 Tabella H Costi edilizi di riferimento per il calcolo sommario del costo di costruzione riferito ad interventi su edifici esistenti o di nuova edificazione 1 NUOVA EDIFICAZIONE u.m. valore Edilizia residenziale

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO (ADEGUAMENTO 2004)

REGOLAMENTO EDILIZIO (ADEGUAMENTO 2004) REGOLAMENTO EDILIZIO (ADEGUAMENTO 2004) SOMMARIO PARTE PRIMA: DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... Pag 5 Art. 1 - Contenuti e obiettivi del Regolamento Edilizio Pag 5 Art. 2 - Responsabilità

Dettagli

PARERE IGIENICO SANITARIO

PARERE IGIENICO SANITARIO (C.E. per frazionamento) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per frazionamento. Il sottoscritto.., nato

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello

Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi. Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Il sistema autorizzativo degli interventi edilizi Docente: Prof. Stefano Stanghellini Collaboratore: Arch. Alessandro Mascarello Modalità di attuazione degli interventi edilizi Gli interventi edilizi devono

Dettagli

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I

S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AL COMUNE DI T O R T O N A S P O R T E L L O U N I C O P E R L E D I L I Z I A C O M U N I C A Z I O N E D I A T T I V I T A D I E D I

Dettagli

ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI

ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI TIPOLOGIA DESCRIZIONE STRUMENTO Abbaino Accorpamento di locali o altre unità immobiliari Adeguamento Antisismico Adeguamento igienicofunzionale Alberatura

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06.

COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA. NP 3534/10 Ferrara 15.06. COMUNE DI FERRARA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SERVIZIO QUALITÀ EDILIZIA SPORTELLO UNICO EDILIZIA NP 3534/10 Ferrara 15.06.2010 Agli Uffici del Servizio Qualità e del SUE OGGETTO Conversione in

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O

C O M U N E D I C A M B I A N O C O M U N E D I C A M B I A N O MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO INCARICO DEL 20/10/2014 RELAZIONE I Tecnici Incaricati Ing. Andrea BAUCHIERO Geom. Gianluigi PAGLIERO COMUNE DI CAMBIANO

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Il Servizio Edilizia privata si occupa di atti abilitativi e di controllo sui lavori edili eseguiti da parte di privati ed imprese su tutto il territorio cittadino, suddiviso

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI

COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI COMUNE DI ASCIANO PROVINCIA DI SIENA U.O. AREA URBANISTICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI EDILIZI MINORI (approvato con deliberazione consiliare n. 36 del 29.05.2008) 1 Indice

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER

REGOLAMENTO COMUNALE PER COMUNE DI SAN MARTINO DI VENEZZE PROVINCIA DI ROVIGO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSEDIAMENTO DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI D.Lgs. 114/98 e L.R. n. 37/99 Aggiornato al 5 dicembre 2001 Allegato alla deliberazione

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 2014 N. 30 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001, N. 24 (RECUPERO AI FINI ABITATIVI DEI SOTTOTETTI ESISTENTI) E ALLA LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO

Dettagli

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

(Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Comune di Sirolo (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 29.11.2010) CAPO I GENERALITA Art. 1 - Oggetto

Dettagli

INDICE ANALITICO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA CITTÁ DI TORINO. A cura di daniele capaldi e claudio canavese

INDICE ANALITICO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA CITTÁ DI TORINO. A cura di daniele capaldi e claudio canavese INDICE ANALITICO DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA CITTÁ DI TORINO A cura di daniele capaldi e claudio canavese Abbaini.. art.13 c.9 - art.39 Aerazione (illuminazione) art.36/c Agibilita ( richiesta certificato

Dettagli

Manutenzione ordinaria

Manutenzione ordinaria Manutenzione ordinaria Allarme (impianto) Androne Antenna Balconi Caldaia Caloriferi condizionatori Cancelli esterni Canna fumaria Cantine e Riparazione senza innovazioni o con sostituzione di alcuni elementi

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO 1.Lavoraresullacittàesistente 3.Immaginarenuoveretieconnessioni 2.Espandereilcentro REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO ALLEGATI ALLA PARTE I: DEFINIZIONI DOCUMENTAZIONE ISTANZE recepimento art. 50 L.R. A.1

Dettagli

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i.

COMUNE DI LIMENA. Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. COMUNE DI LIMENA Limiti e modalità applicative degli interventi previsti dagli articoli 2 e 3 della legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 e s.m.i. Approvate con la deliberazione di C.C. n. 33 del 28.09.2011

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA EDILIZIA LIBERA 12

MANUTENZIONE ORDINARIA EDILIZIA LIBERA 12 2 Al Comune di BARLASSINA SUAP SUE P.zza Cavour, 3 20825 BARLASSINA (MB) PEC / comune.barlassina@pec.regione.lombardia.it CIAL da compilare a cura del SUE/SUAP MANUTENZIONE ORDINARIA EDILIZIA LIBERA 12

Dettagli

COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI ROBECCO SUL NAVIGLIO PROVINCIA DI MILANO Al Sindaco del Comune di Robecco sul Naviglio Servizio di Edilizia Privata Protocollo generale MODULO PER DETERMINAZIONE CONTRIBUTI Art. 16 del D.P.R.

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona RICHIESTA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001) Pratica Edilizia N. 20 COMUNE DI ORDONA Provincia di Foggia protocollo AREA TECNICA Marca da bollo da 14,62

Dettagli

Luogo Data Il dichiarante 5

Luogo Data Il dichiarante 5 I dati acquisiti saranno trattati in conformità alla normativa sulla Privacy (D. Lgs. 196 del 2003). Si veda http://territorio.comune.bergamo.it/privacy P510 M002 REV.00 Ufficio Tecnico Gestione del territorio

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004

COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004 COMUNE DI ROVERE' VERONESE Provincia di Verona art. 17 L.R. 11/2004 elab. PARAMETRI EDILIZI E METODI DI MISURAZIONE PROGETTAZIONE STUDIO DI PROGETTAZIONE URBANA E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ANDREA E DANIEL

Dettagli

P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO

P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO P.A.C. 17/18 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DELLO STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE Art. 1 CONTENUTO DELLE NORME. Le presenti norme servono a regolamentare gli interventi edilizi all interno della zona inserita

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. Quarto video

Le agevolazioni fiscali per la tua casa. Quarto video Quarto video 1 Nel primo video abbiamo parlato di: Le agevolazioni fiscali per la tua casa 1. introduzione alle agevolazioni fiscali; 2. in cosa consiste 3. chi può usufruirne, 4. cumulabilità con altre

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Modello CA (01/02/2013) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 5 C O M U N E D I C A N D E L A (Provincia di Foggia) SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Cod. Fisc. 80035910712

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo

Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Documento programmatico per la progettazione di tre aree funzionali nel capoluogo Le opere oggetto del presente incarico saranno realizzate in tre distinti interventi funzionali nel capoluogo con la possibilità

Dettagli

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009

IL PIANO CASA DEL COMUNE DI BADIA POLESINE Dicembre 2009 1 INDICE TITOLO I DEFINIZIONI URBANISTICO EDILIZIE PER L APPLICAZIONE DEL PIANO CASA Articolo 1 IL CONCETTO DI PRIMA CASA DI ABITAZIONE Articolo 2 IL CONCETTO DI EDIFICI ESISTENTI Articolo 3 DEFINIZIONE

Dettagli

4.4. 4.4.6 Linee guida per un regolamento edilizio di tipo regionale. Lo scenario strategico. Linee guida regionali

4.4. 4.4.6 Linee guida per un regolamento edilizio di tipo regionale. Lo scenario strategico. Linee guida regionali Lo scenario strategico 4 4.4 Linee guida regionali 4.4.6 Linee guida per un regolamento edilizio di tipo regionale REGIONE PUGLIA - Assessorato all Assetto del Territorio 4 LINEE GUIDA* DESCRIZIONE Nome

Dettagli

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

159 - Zenit S.r.l. Treviso Piano di Lottizzazione C2/32 _ VARIANTE Località Marocco Mogliano Veneto (TV) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 - Oltre ai contenuti prescrittivi delle Tavv. 3 e 4 tutti gli interventi compresi nel perimetro del Piano di Lottizzazione sono soggetti alle norme di cui ai successivi articoli. ART. 2 - Ai fini

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

Comune di Gessate Provincia di Milano comune.gessate@legalmail.it Settore Tecnico

Comune di Gessate Provincia di Milano comune.gessate@legalmail.it Settore Tecnico All Ufficio Tecnico del Comune di GESSATE Comune di Gessate Provincia di Milano comune.gessate@legalmail.it Settore Tecnico P.zza Municipio 1-20060 Gessate (MI) Tel. 02.959299.551 -Fax 02.95382853 P.I.

Dettagli