Nutrizione Artificiale Domiciliare: un intervento ad elevato contenuto clinico e sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nutrizione Artificiale Domiciliare: un intervento ad elevato contenuto clinico e sociale"

Transcript

1 284 Nutrizione Artificiale Domiciliare n. 6 Novembre-Dicembre Nutrizione Artificiale Domiciliare: un intervento ad elevato contenuto clinico e sociale I VANTINI 1, L BENINI 1, F DI IORIO 1-1. Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgiche, Medicina Interna A e Riabilitazione Gastroenterologica, Università degli Studi di Verona Nel corso del ventesimo secolo lo scenario della malnutrizione nei Paesi occidentali, con l eccezione dei periodi bellici, si è completamente modificato, passando da patologie da carenza nutrizionale e vitaminica (pellagra, beri-beri, rachitismo) diffuse negli strati più poveri della popolazione, ad un epidemiologia oggi quasi assente nella popolazione generale e correlabile soltanto a specifiche condizioni. Nonostante questa profonda variazione, la malnutrizione rimane un evento frequente nella popolazione ospedalizzata anche nel mondo occidentale. Tuttavia, si osserva quasi solo dopo prolungata degenza e/o come conseguenza di gravi patologie, anche benigne 1. Indipendentemente dall età, i pazienti malnutriti hanno degenze più lunghe 2, maggiore frequenza di complicanze 3,4, più elevato tasso di mortalità 5, guariscono più lentamente dalle ferite chirurgiche 6 e tutto ciò induce costi più elevati 2,7. Uno studio inglese ha rilevato che nel 34% dei pazienti ricoverati in unità chirurgiche, nel 46% di quelli presso le unità mediche e nel 43% nelle geriatrie sono presenti indici di malnutrizione per difetto 8, confermando tassi di malnutrizione riportati anche in ospedali di altre aree geografiche 9. In generale, i progressi della medicina e dell assistenza sanitaria hanno prodotto una maggiore aspettativa e qualità di vita, consentendo la sopravvivenza per numerose patologie che, fino a pochi decenni fa, avevano esito infausto, ma anche per nuove patologie che sarebbero state destinate a cattiva prognosi senza ulteriori interventi terapeutici (come nel il caso dell insufficienza intestinale cronica). I buoni risultati della Nutrizione Artificiale Domiciliare (NAD) dipendono strettamente dall osservanza di alcuni principi e comportamenti virtuosi che, pur all interno di un organizzazione più vasta e complessa vedono ancora una volta il Medico di Medicina Generale (MMG) in prima linea: il presente dossier intende fornire le indicazioni essenziali per una buona pratica proprio a coloro che maggiormente sono implicati nella gestione della NAD, con un attenzione privilegiata per la procedura più frequente, cioè per la Nutrizione Enterale (NE). Com è consuetudine per i dossier di Dialogo sui Farmaci, che si propongono essenzialmente finalità formative, la trattazione sarà per lo più articolata sotto forma di risposte semplici e prontamente fruibili ai quesiti che abitualmente si pongono gli operatori in questo ambito dell assistenza sanitaria. Il questionario di valutazione dell apprendimento relativo a questo dossier è disponibile sul sito (scadenza 15 maggio 2005). 1. Come identificare un paziente con malnutrizione La malnutrizione cronica si esprime più comunemente come malnutrizione protido-calorica ed è quella che più frequentemente viene trattata con Nutrizione Enterale o Parenterale. Essa si articola in 3 differenti forme: 1. malnutrizione tipo Kwashiorkor - caratterizzata da una estrema carenza di proteine, ma con tessuto adiposo relativamente conservato; 2. malnutrizione tipo Marasma - correlata a carenza cronica di substrati energetici e, nelle fasi avanzate, si manifesta la perdita pressoché completa di tessuto muscolare ed adiposo; 3. malnutrizione tipo misto - si verifica per carenza sia di apporto calorico che proteico. La malnutrizione è una malattia che può essere identificata con alcuni semplici criteri, applicabili realisticamente anche in medicina generale, e cioè: l aspetto complessivo e visivo del paziente che, nonostante possa apparire grossolano, in realtà rappresenta elemento sufficientemente sensibile; il Body Mass Index, BMI (valori normali: 18,5-25; malnutrizione lieve: 17-18,4; malnutrizione moderata: 16-16,9; malnutrizione grave: < 16); l indice di dimagrimento, in soggetti non obesi, è pari ad un calo ponderale del 5-10% (malnutrizione lieve), 11-20% (malnutrizione moderata) e > 20% (malnutrizione grave) in un periodo di circa 6 mesi; alcuni parametri bioumorali tra cui albumina e transferina: valori di 3,5-3,0 g/dl e mg/dl rispettivamente identificano una malnutrizione lieve; 2,9-2,5 g/dl e mg/dl malnutrizione moderata; 42,5 g/dl e < 100 g/dl malnutrizione grave. Va tuttavia sottolineato che un intervento di nutrizione artificiale (NA) ha anche l obiettivo di prevenire la malnutrizione ed va quindi attuato prima che essa prevedibilmente insorga 10.

2 n. 6 Novembre-Dicembre 2004 Nutrizione Artificiale Domiciliare 285 dossier 2. Storia recente della nutrizione artificiale, in ospedale e a casa Anche se le prime esperienze su singoli pazienti risalgono a molti decenni fa, solo a partire dai primi anni 60 è stata introdotta in clinica la NA. Viene definita come un supporto di calorie e di azoto somministrato attraverso una vena centrale, la Nutrizione Parenterale Totale (TPN), o mediante una sonda da Nutrizione Enterale (EN). Quest ultima, inizialmente realizzata mediante sondino naso-gastrico o naso-duodenale, si è successivamente avvalsa della gastrostomia perendoscopica (PEG). Inizialmente confinati in ambiente ospedaliero, alla fine degli anni 60 sono stati inviati al proprio domicilio i primi pazienti in nutrizione artificiale dando inizio alla NAD (Nutrizione Artificiale Domiciliare). Numerosi studi hanno descritto benefici e complicanze della NAD nonché l outcome a lungo termine sia in patologie benigne che maligne, delineandone un buon profilo di efficacia e di tollerabilità Oggi la NAD, largamente diffusa nei Paesi occidentali, prevede sistemi di organizzazione clinica, nutrizionale, logistica ed amministrativa variabili a seconda dei Sistemi Sanitari e di rimborso dei costi, ma essenzialmente si può presentare sotto 2 differenti forme: 1. gestione dei pazienti da parte di uno o più Centri di Riferimento che forniscono chiavi in mano ogni supporto; 2. sistema di rete, maggiormente radicato nel territorio che, per quanto riguarda il nostro Paese, fa riferimento alle ASL, ai Distretti ed all Assistenza Domiciliare Integrata (ADI). La seconda modalità è bene esemplificata dall organizzazione della Regione del Veneto, che nel 1999 ha approvato la legge per la NAD, istituendo anche i Team Nutrizionali (unità funzionali poli-disciplinari che, con la collaborazione del MMG, prendono in carico i pazienti). La NAD presenta una diversa organizzazione nelle Regioni italiane, che si sono andate modificando nel tempo. Ad esempio, la Regione Lombardia si avvale prevalentemente di services privati che affiancano i Team Nutrizionali e forniscono a domicilio tutto il necessario, così come in parte del Piemonte. Altre Regioni, ma solo per particolari patologie molto severe e croniche, hanno costituito come è il caso dell Emilia-Romagna- centri di riferimento che gestiscono i pazienti in NAD. In generale, tuttavia, il modello che ha al suo centro il Team Nutrizionale è quello più diffuso nel nostro Paese. L obiettivo della NAD, così organizzata, è quello di consentire una de-ospedalizzazione pianificata e protetta di pazienti che: non necessitino più di degenza ordinaria; presentino condizioni cliniche sufficientemente stabilizzate; necessitino per periodi non inferiori ai 3 mesi di supporto nutrizionale; siano assistibili nell ambito dell ADI. L obiettivo generale ed essenziale della NAD è quello di garantire una migliore qualità, e non solo una più lunga aspettativa di vita ai pazienti che possono giovarsene. Essenziali per il funzionamento sono: una corretta selezione dei candidati; l addestramento alla NA del paziente e/o di almeno un familiare o referente; la formazione alla NAD degli Operatori Sanitari (medici ed infermieri); la programmazione del follow-up; le facilitazioni nel contatto con i servizi connessi soprattutto alla gestione degli accessi nutrizionali (endoscopia digestiva per la PEG, anestesia e rianimazione per gli accessi venosi); il monitoraggio del processo nel suo complesso da parte dei Team Nutrizionali, che offrono supporto e consulenza qualificata. L esperienza oramai trentennale e la ricerca scientifica hanno consentito di definire indicazioni, materiali e tecnologie di somministrazione, modalità e linee guida di gestione degli accessi, identificazione e trattamento degli effetti indesiderati, rendendo diffusa e sufficientemente sicura la nutrizione enterale e quella parenterale 10,11. Sono disponibili linee-guida abbastanza condivise 10, che definiscono operativamente il sistema di NAD, concretizzando in un diritto ciò che in passato era solo una concessione ad personam (un buon esempio è rappresentato dalle Linee Guida emanate dalla Regione del Veneto con il DRG 2634 del 27/10/99, recepite dalle varie ASL ed Aziende Sanitarie). 3. Epidemiologia, sopravvivenza, dipendenza dalla NAD e qualità di vita Registri di NAD sono presenti in vari Paesi. In Italia, la Società Italiana di Nutrizione Parenterale ed Enterale (SINPE) ha promosso un registro nazionale, ma i dati raccolti non consentono di fornire un immagine epidemiologica affidabile per mancata registrazione dei dati da parte di numerosi utenti. Solo l introduzione di sistemi pubblici organizzati ha consentito, negli anni più recenti, di produrre una stima epidemiologica della NAD. Tuttavia, poiché l utilizzo della NAD si sta diffondendo ed è in incremento (sono quasi raddoppiati i nuovi casi dal 2000 al 2004), è probabile che le cifre siano destinate ad aumentare sensibilmente. A titolo puramente indicativo possono essere considerati i dati dell ASL 20 di Verona, i quali indicano un incidenza di 2,26 casi/ abitanti/anno, con una prevalenza media di circa 3,5 per residenti. Estrapolando tale cifra sulla popolazione Veneta ( al censimento 2001), si possono stimare nuovi casi/anno e una prevalenza stimata (ma non ancora misurata) attorno ai casi. Dati preliminari indicano un rapporto tra pazienti in nutrizione parenterale domiciliare (home parenteral nutrition, HPN) e quelli in enterale domiciliare (home enteral nutrition, HEN) di circa 1:9.

3 286 Nutrizione Artificiale Domiciliare n. 6 Novembre-Dicembre 2004 Vari studi hanno misurato la qualità di vita (quality of life, QOL) di gruppi di pazienti in NAD (soprattutto HPN) sia nell adulto che in età evolutiva, e in particolare nella malattia di Crohn. Il miglioramento negli scores degli indicatori di QOL segnala che i risultati più soddisfacenti si osservano nelle popolazioni di età inferiore ai 45 anni, mentre in quelle più anziane rimangono sensibilmente inferiori ai valori normali di riferimento. In età evolutiva la NAD consente di mantenere o di riprendere la scolarità, le relazioni con i coetanei, di consentire l accrescimento e lo sviluppo sessuale. Il social functioning, gli aspetti relazionali, la capacità di lavoro sono più compromessi oltre i 55 anni 17, 18. In ogni caso, la stessa de-ospedalizzazione è di per sé un evento positivo. Ciò configura la NAD complessivamente come un tipo di intervento terapeutico-riabilitativo finalizzato al raggiungimento della migliore indipendenza personale possibile. 4. Per quali pazienti è indicata e può risultare utile? Le condizioni che permettono la NAD sono formulabili in base a criteri clinico-patologici, nutrizionali e logistici. La NAD è proponibile qualora coesistano condizioni convergenti e favorevoli di questi 3 principali fattori: 1. prognosi: un criterio condiviso di esclusione è rappresentato da una stima di sopravvivenza inferiore ai tre mesi; in altri termini non sono eleggibili per la NAD i pazienti terminali (per i quali è indicato un differente approccio assistenziale); 2. condizioni cliniche e nutrizionali: debbono essere sufficientemente stabilizzate, così da non necessitare della permanenza del paziente in ospedale (o della sua ospedalizzazione); Box 1 - Condizioni e criteri di eleggibilità clinica e nutrizionale alla NAD 1. Incapacità di qualsiasi origine ad assumere gli alimenti per via naturale, in misura tale da compromettere lo stato nutrizionale e l aspettativa di vita. 2. Insufficienza intestinale cronica di qualsiasi origine, anche in fase di adattamento intestinale, che comprometta senza l intervento nutrizionale l aspettativa di vita. 3. Interventi maggiori a carico dell apparato digerente con compromissione dello stato nutrizionale, prevedibilmente capaci di impedire un adeguato stato nutrizionale e di compromettere qualità ed aspettativa di vita. 4. Pazienti oncologici non terminali e inseriti in un progetto di trattamento. 5. Pazienti affetti da Sindrome da Immunodeficienza Acquisita (AIDS) con compromissione dello stato nutrizionale. 6. Pazienti in attesa di trapianto. 3. realizzabilità dell intervento nutrizionale al domicilio del paziente: ciò richiede l idoneità strutturale del domicilio, l addestramento alla NAD del paziente e/o di almeno un referente, l attivazione dell ADI con coinvolgimento del Medico di Medicina Generale, del Distretto Socio-Sanitario di competenza e, infine, la fornitura dei substrati nutrizionali e delle attrezzature necessarie da parte della ASL (direttamente o mediante services privati). Le valutazioni di eleggibilità vanno effettuate - ove questo sia disponibile - dal Team Nutrizionale. Le condizioni e i criteri di eleggibilità clinica e nutrizionale alla NAD, mutuati dalle linee guida adottate dalle principali Società di Nutrizione Artificiale e dalla SINPE 10 (box 1), sono significativamente diverse dalle indicazioni classiche alla NA intra-ospedaliera. Le indicazioni 1 e 4 riportate nel box 1 rappresentano, almeno nella realtà di Verona, oltre l 80% dei casi; ciò dipende dalla prevalenza della patologia neurologica (sia su base vascolare che degenerativa) e di quella neoplastica in popolazioni la cui vita media si sia sensibilmente allungata. 4.1 Come preparare il paziente alla NAD? L avvio di un paziente alla NAD - sia esso in dimissione Box 2 - Il MMG e le tappe di preparazione del paziente alla NAD Formula una prognosi di aspettativa di vita in base alla patologia. Verifica la stabilità delle condizioni cliniche e nutrizionali. Informa il paziente e/o un referente sulle condizioni che rendono la NAD indispensabile, discute apertamente la situazione clinica e nutrizionale, informa sul sistema organizzativo. Supporta psicologicamente il paziente e promuove un atteggiamento positivo e attivo da parte del paziente e/o dei familiari o referenti. Riceve il consenso informato al trattamento in NAD da parte del paziente o di un legale rappresentante. Contatta il Team Nutrizionale per attivare la procedura di eligibilità (clinica, nutrizionale, logistica ed addestrativa). Prima delle de-ospedalizzazione addestra il paziente (o accertati che sia stato addestrato) con l ausilio di personale infermieristico esperto all uso della NA, al rilevamento e alla gestione di base delle principali complicanze della NA e verifica l apprendimento. Adotta eventuali manuali informativi. Offre e garantisce facilitazioni di accesso ai Servizi che potranno rendersi utili al pazienti in NAD, soprattutto nei casi in HPN, in quelli con PEG e nei pazienti in NAD a lungo termine.

4 n. 6 Novembre-Dicembre 2004 Nutrizione Artificiale Domiciliare 287 dossier dall ospedale, o già a domicilio - richiede una serie di procedure ben definite (box 2) la cui rilevanza è ovviamente maggiore quanto più intenso è l intervento (ad esempio HPN rispetto alla più semplice HEN). L osservanza di queste procedure condiziona l esito clinico complessivo, in particolare facilitando la gestione degli accessi nutrizionali (parenterale od enterale), allungando la loro sopravvivenza, riducendo le complicazioni, e migliorando lo stato nutrizionale complessivo, la QOL e quindi la stessa aspettativa di vita 18. La gestione di casi complessi, come la sindrome da insufficienza intestinale cronica, con l intervento di centri qualificati, rende le procedure di NAD sufficientemente sicure 19, Perché, quando e come prescrivere la NAD parenterale? La scelta tra la HPN e la HEN, può essere facilitata se si segue il principio universalmente accettato (valido anche per la NA intra-ospedaliera) secondo il quale l uso del tubo digerente per veicolarvi i nutrienti (non importa attraverso quale sonda) viene abbandonato solo ed esclusivamente quanto esso sia radicalmente impedito od incapace di svolgere le proprie funzioni 10,20,21, anche dopo tentativi di recupero ed adattamento funzionale 22. In tutti gli altri casi la HEN va preferita. Una mole rilevante di dati conferma infatti le seguenti evidenze: un intestino cronicamente deprivato dei nutrienti va incontro a rapida atrofia della mucosa ed è sede di contaminazione batterica, che comporta il rischio di traslocazione batterica, di infezioni, di stato catabolico e di potenziale insufficienza d organo; la HEN è in grado di fornire substrati (calorie, azoto, vitamine, elettroliti, oligoelementi) sovrapponibili per quantità e qualità alla HPN; la vasta gamma di preparazioni commerciali consente di garantire e di modulare gli apporti nutrizionali alle richieste specifiche; la HEN è gravata di minori e meno rilevanti complicanze rispetto alla HPN; la HEN è di più facile gestione domiciliare, specie se è presente la PEG; i costi per i substrati nutrizionali e per la gestione complessiva della HEN sono mediamente di 5 volte inferiori ai costi della HPN. Pertanto, la HPN va riservata solo ai pazienti nei quali questi vantaggi non siano in alcun modo ottenibili, e ciò giustifica come oltre l 80% dei pazienti in NAD segua un regime enterale. nali plurime, sindrome pseudo-ostruttiva cronica idiopatica e altre alterazioni neurogene o miogene gravi della motilità gastrointestinale); intolleranza o inefficacia (rara) alla nutrizione enterale per gravi sindromi di malassorbimento (esempio, atrofia congenita dei villi intestinali); impossibilità di creare un adeguato accesso alla nutrizione enterale (situazione molto rara). In definitiva la HPN è indicata solo nei pazienti nei quali l apparato digerente è totalmente impedito a ricevere i nutrienti. In pratica, si tratta di pazienti con insufficienza intestinale cronica (transitoria o permanente), nei quali tutti i tentativi di favorire l adattamento intestinale (compresi l iperalimentazione orale 21, l eventuale uso di farmaci capaci di aumentare il tempo di contatto dei nutrienti con la mucosa intestinale, o di farmaci in fase ancora sperimentale che correggano un deficit di fattori stimolanti l adattamento intestinale 22 ) non sono in grado di mantenere un adeguato stato nutrizionale (bilancio calorico, azotato e/o idroelettrolitico). Tale condizione si riscontra in non più del 10-15% dei pazienti in NAD. 5.1 Informazioni indispensabili per la gestione della NAD parenterale. Quali sono le complicanze più preoccupanti? I prerequisiti per l instaurazione della HPN sono sintetizzati nella box 3. Va sottolineato che la HPN rappresenta un intervento complesso e delicato, che richiede l intervento di un Team Nutrizionale esperto e la disponibilità di solidi riferimenti clinici per il paziente. Inoltre, richiede la formazione e l educazione del paziente e dei familiari, ma anche una loro motivazione e un atteggiamento attivo 20. Questi fattori, assieme alla scelta dell accesso venoso centrale, al posizionamento di un catetere sicuro e provvisto di un sistema antireflusso (catetere centrale a tipo Groshong), nonché di una cura adeguata dell accesso, condizionano la sopravvivenza e la qualità di vita dei pazienti in HPN. Infatti, se la sopravvivenza per patologia neoplastica è di circa il 30-40% ad un anno, quella per patologia benigna, in pazienti in HPN, è superiore al 70-90% a 5 anni. Pertanto, la maggior parte dei decessi è condizionata dalla malattia di base. Box 3 - Prerequisiti per l eleggibilità di un paziente in HPN Paziente metabolicamente stabile e con sopravvivenza stimata > 3 mesi. In pratica, la HPN è indicata nelle seguenti condizioni: insufficienza intestinale cronica grave, transitoria o permanente (come nell intestino ultracorto); situazioni insormontabili e permanenti di subocclusione intestinale (sindrome pluriaderenziale, mesenterite retrattile, enterite attinica con stenosi intesti- Predisposizione di un valido accesso venoso centrale adatto a lungo termine. Disponibilità e garanzia di fornitura di nutrienti pronti per l uso in unica confezione (sacca di TPN). Sistema di infusione semplice e di facile gestione.

5 288 Nutrizione Artificiale Domiciliare n. 6 Novembre-Dicembre 2004 Tabella 4 - Raccomandazioni semplificate per la gestione della HPN RACCOMANDAZIONI NOTE HPN a breve termine HPN a lungo termine Iniziare gradualmente la HPN. Limita il rischio di sindrome da refeeding. Non fornire troppe calorie calorie/die sono largamente sufficienti. Somministrare sia glucidi che lipidi e Previene alterazioni metaboliche ed epatiche. fornire un adeguato apporto di azoto. In genere sufficiente 1 g di N/Kg/die (con un rapporto calorie azotate/non azotate fra 1:150-1:200, salvo condizioni particolari). Coprire il fabbisogno di vitamine. - Pianificare attentamente i fabbisogni La frequenza del monitoraggio è in funzione calorici, azotati e vitaminici quotidiani. della patologia di base. In genere si tratta di pazienti stabilizzati ma che possono presentare variazioni Somministrare oliogoelementi ogni settimana. metaboliche anche rapide (specie idroelettrolitiche e di alcuni elementi come Na, K, Cl, Mg e P). Monitorare la funzione epato-biliare. - Monitorare il metabolismo osseo. - Dosare almeno una volta all anno vitamine Si raccomanda un controllo semestrale degli indici ed oligoelementi. di funzione epatica e una valutazione annuale della densitometria ossea (nei pazienti con intestino corto). L approccio nutrizionale può variare da una HPN completa ed esclusiva (come unica fonte di ogni fabbisogno), o come supplementazione calorica e idro-elettrolitica in un paziente non impedito all alimentazione anche orale (sia pure limitata), o solo supplementazione di fluidi ed elettroliti e, in rari casi, di soli oligoelementi (es. magnesio). In sostanza, la formulazione deve essere personalizzata, la più semplice possibile, la più breve da infondersi. Non vi sono tuttavia criteri aprioristici (se non in un setting sperimentale) per prevedere se, nel lungo termine, la formulazione inizialmente prescritta non possa essere modificata; l atteggiamento corrente è quindi quello di monitorare una serie di parametri nutrizionali e metabolici, oltre che il BMI, ed apportare di conseguenza le variazioni necessarie. L infusione dei nutrienti dev essere intermittente (quindi in genere per ore durante la notte) per limitare le complicanze epatiche (steatosi) e anche per consentire una certa indipendenza al paziente. In ogni caso, se non prescritto esplicitamente e secondo precise norme, non va fatta alcuna aggiunta alla sacca di nutrizione parenterale. Eccede i fini di questo dossier il dettaglio dei numerosi aspetti tecnici della HPN, ma alcune raccomandazioni pratiche possono essere fornite in modo semplificato (tabella 4). Sfortunatamente, la HPN è gravata da una serie di potenziali complicanze (tabella 5). La complicanza più frequente e gravata di una mortalità non trascurabile (riportata fino al 25%) è la sepsi per infezione da catetere centrale. Tabella 5 - Le principali complicanze della HPN Complicanza Frequenza stimata (e annotazioni) Infezione da catetere centrale Trombosi del catetere centrale 0,32/paziente/anno. 0,071/paziente/anno. Trombosi di una vena centrale 0,027/paziente/anno. Alterazioni epatiche (steatosi, steatofibrosi, Variabili nelle casistiche, in un range dall 1 al 15% sindrome colestatica, insufficienza epatica) dei casi (in media stimabili attorno al 6-7%). In alcuni casi gravi e irreversibili. Patogenesi non chiarita. Alterazioni del metabolismo osseo Solo in HPN a lungo termine; genesi plurifattoriale (osteopenia metabolica) (e non chiarita). Carenze di micronutrienti e/o di oligoelementi Solo per HPN a lungo termine, specie se non ben monitorata.

6 n. 6 Novembre-Dicembre 2004 Nutrizione Artificiale Domiciliare 289 dossier Una serie di protocolli di comportamento e soprattutto l addestramento dell utente servono a prevenire efficacemente tale complicanza, e la maggior parte dei pazienti vive senza dover sostituire il catetere centrale (che ha il valore un vero e proprio cordone ombelicale) anche per oltre 5-10 anni 20. L uso di cateteri totalmente impiantati (sottocutanei), più graditi esteticamente, è sconsigliabile nella HPN, in quanto sono dispositivi poco adatti al lungo termine e gravati di complicazioni più frequenti. 6. Quali sono le indicazioni e le controindicazioni della NAD enterale mediante PEG? Come è stato già detto, la HEN trova indicazione in tutte le condizioni in cui si renda necessaria un alimentazione artificiale, e che peraltro consentano l apporto degli alimenti attraverso l organo fisiologicamente a ciò deputato, cioè l intestino 10. I presupposti fondamentali per il confezionamento di una PEG in un soggetto con indicazione alla HEN sono oltre alla realizzabilità tecnica - la previsione di una ripresa di alimentazione orale oltre i 30 giorni e un aspettativa di vita maggiore di 3 mesi. Le condizioni più frequenti che richiedono la PEG sono: malattie neurologiche con compromissione permanente o protratta della funzione deglutitoria, le alterazioni gravi della masticazione, patologia neoplastica del cavo orale, della faringe e dell esofago, anoressia di qualsiasi origine e lo stato vegetativo permanente. Le controindicazioni specifiche della PEG sono invece rappresentate da: ulcera peptica; dialisi peritoneale; presenza di varici gastriche; gastroresezione ampia; pregressi interventi addominali maggiori. La PEG, oltre al vantaggio estetico (che consente al paziente l indipendenza personale e sociale), è gravata da una minore frequenza del rischio di aspirazione e di complicanze ab ingestis rispetto al sondino naso-gastrico e quindi va incoraggiata, specie nel paziente anziano. 6.1 Quali sono le competenze indispensabili per la gestione della NAD enterale? Raccomandazioni teorico-pratiche per la corretta gestione della NE sono diffusamente presenti in ottime review e documentazioni 10, 23. Per quanto attiene alla somministrazione dei nutrienti, buona norma, prima di somministrare i nutrienti, specie se in boli, è verificare che il ristagno gastrico non superi i 100 ml, nel qual caso è opportuno attendere circa 30 minuti. Durante le prime fasi di somministrazione dei nutrienti mediante pompa peristaltica, da iniziarsi non prima di 24 ore dal confezionamento della PEG, è bene infondere non oltre ml/ora, ma nel giro di 2-3 giorni si possono raggiungere ml/ora, via via verificando la tollerabilità dell infusione. Non è giustificato protrarre per giorni e giorni l incremento volumetrico, ad esempio di 10 ml al giorno, come spesso viene inutilmente fatto. Non sono ben definite le ragioni della scelta fra somministrazione in boli o con pompa peristaltica. Va tuttavia rammentato che l apparato digerente dell uomo è fisiologicamente adattato a un alimentazione intermittente (cioè con i pasti), alla quale sono preposti molti e sofisticati meccanismi regolatori neuroendocrini. Non è tuttavia stabilita una regola definita per la HEN. In linea generale, l infusione notturna con pompa consente la somministrazione di circa ml (pari a calorie per le formulazioni standard) cui possono associarsi boli diurni di ml in 30 minuti, raggiungendo così una quota calorica e idrica soddisfacente nella maggior parte dei casi e consentendo una certa indipendenza del paziente. In ogni caso, si sconsiglia la somministrazione continuativa durante tutte le 24 ore. È importante ricordare che i substrati nutrizionali (formulazioni commerciali) non vanno diluiti, né miscelati con farmaci, e neppure sottoposti ad altre manipolazioni (se non in casi del tutto particolari di sindrome dell intestino corto). Sono da preferirsi le miscele standard, eventualmente supplementate con fibre nei pazienti con colon in situ, riservando le miscele speciali solo a casi strettamente selezionati. 6.2 Quali sono le complicanze più frequenti della NAD enterale e come vanno prevenute e trattate? La procedura di confezionamento della PEG è sufficientemente sicura; tuttavia, nel formularne l indicazione non si debbono dimenticare una mortalità dello 0,3-1,3%, una morbilità compresa tra il 3 ed il 15%, con eventi maggiori nell 1,2 % dei casi e complicanze minori in circa il 10-12% dei pazienti (tabella 6). L aspirazione laringea e le infezioni ab ingestis sono prevenibili mantenendo il paziente in posizione inclinata di 25 o seduta, specie durante il sonno, ma anche per non meno di un ora dopo la somministrazione di un bolo nutrizionale, tenendo conto che anche brevi periodi di decubito supino (ad esempio solo per eseguire l igiene personale del paziente allettato) possono indurre un passaggio di contenuto gastrico nelle vie respiratorie. 6.3 Come gestire a domicilio la stomia Sono disponibili, presso i Team Nutrizionali, manuali specifici per la gestione corrente della stomia (accesso enterale), la sua pulizia, le procedure di prevenzione, di trattamento di eventuali occlusioni dell accesso e per la gestione complessiva del sondino nasogastrico e/o della PEG e ad essi è bene riferirsi per la corretta esecuzione di sorveglianza e manovre. Tuttavia, alcune semplici pratiche sono riportate in pillole nella tabella 7.

7 290 Nutrizione Artificiale Domiciliare n. 6 Novembre-Dicembre 2004 Tabella 6 - Complicanze maggiori e minori della PEG MAGGIORI Correlate alla manovra di posizionamento: emorragia digestiva peritonite ascesso addominale perforazione intestinale incarceramento sottocutaneo del sistema di accesso Meccaniche: migrazione della sonda rottura della sonda occlusione della sonda allargamento della stomia MINORI infezioni dello stoma e della regione peristomale granuloma della stomia deterioramento/usura della protesi diarrea crampi addominali stipsi reflusso gastroesofageo Nutrizionali: aspirazione e polmonite ab ingestis 7. Che cosa significa vivere con la NAD per il paziente e per i suoi familiari? Vivere con la NAD e adeguarsi ad essa implica la gestione di un profondo cambiamento fisico, psicologico, familiare e sociale. La NAD implica una serie di problemi quotidiani quali il fastidio degli accessi, la loro cura, la gestione dei sistemi d infusione, il trovare una posizione per un sonno soddisfacente, l esecuzione della toilette quotidiana, lo spostarsi in casa, la programmazione dei tempi e della velocità d infusione nonché dei ritmi di somministrazione dei boli enterali, la compatibilità di queste azioni con le altre attività della vita quotidiana, sociale ed eventualmente lavorativa. Timori e pregiudizi personali, familiari e sociali possono rendere sgradevole l immagine del proprio corpo e del proprio ruolo, limitando in grado mal sopportabile il desiderio di efficienza personale e le proprie prospettive e aspirazioni. Per questi motivi concreti e diffusi, risultano indispensabili in fase pre-dimissione, o comunque nella preparazione del paziente alla NAD, un serio investimento nell aiuto psicologico e un supporto fattivo nell assistenza domiciliare, che riducano la percezione di solitudine, di emarginazione e di minorazione, sia del paziente che della famiglia. Ciò richiede una specifica formazione degli operatori e la diffusione di una cultura che valorizzi le opportunità fornite dalla NAD, a fronte delle pur ovvie limitazioni. Anche se sono diffuse ancora troppo poco nel nostro Paese, le associazioni di consumatori e i testimonial (ad esempio pazienti in NAD da lungo tempo, capaci di iniziativa, intelligenza e capacità di comunicazione) rappresentano due elementi rilevanti per promuovere un miglioramento della QOL e una maggiore compliance al trattamento. Un indagine diffusa dalla Oley Foundation e promossa dalla National Family Caregivers Association negli USA segnala alcuni dati interessanti sui quali vale la pena meditare: la metà del personale di assistenza familiare è rappresentato dalle mogli dei pazienti; circa la metà di esse è impegnata a tempo parziale o a tempo pieno nell attività lavorativa; il 22% è coinvolto praticamente a tempo pieno in questa mansione assistenziale; il 60% non riceve aiuto dagli altri componenti della famiglia. La percezione più diffusa d impegno è data dal ruolo di supporto psicologico e da quello di guardianship. Tale carico di lavoro e di responsabilità induce spesso un sentimento di frustrazione per le modificazioni delle dinamiche familiari, che debbono far appello soprattutto alla forza interiore individuale. In Italia il SSN e i sistemi sanitari regionali, pur promotori e normatori della NAD, non possono considerare questo strumento finalizzato principalmente alla riduzione del tasso di ospedalizzazione, riversando sulla comunità e quindi sugli utenti e le loro famiglie il carico assistenziale, sia pure nell ambito dell ADI (ADI-Med-NAD). Al contrario, investimenti e risorse a supporto dei pazienti e delle loro famiglie dovrebbero essere valorizzati in modo crescente, in quanto è facilmente prevedibile che questo intervento riguarderà fasce sempre più ampie di popolazione, di età mediamente superiore ai 65 anni. 8. Quali risvolti economici, etici e medico-legali vengono evocati dal trattamento NAD? La valutazione del costo/beneficio della NAD dipende dai criteri di giudizio e dai termini di paragone. Infatti, la domanda che ci si deve porre è: quali alternative ci sono a questo tipo di trattamento? Le risposte sono solo due: la permanenza anche indefinita di questi pazienti in ospedale e la loro morte.

8 n. 6 Novembre-Dicembre 2004 Nutrizione Artificiale Domiciliare 291 dossier Tabella 7 - Come controllare e gestire la PEG - Verificare se la cute attorno alla stomia presenta arrossamenti, edema, irritazione, infezione (secrezioni, pus) al bordo della stomia. - Verificare se c è perdita di liquido dai bordi della stomia. - Controllare che il sistema di ancoraggio della sonda possa facilmente essere ruotato con le dita su se stesso (quindi non troppo fisso od aderente alla cute), ma non deve essere neppure troppo lasco (provare a tirare dolcemente o a spingere dolcemente la sonda). - Verificare che il palloncino interno sia gonfiato (per i modelli che ne sono provvisti) attraverso la via apposita. Un movimento eccessivo della sonda attraverso la stomia o una sua perdita possono essere legate a accidentale sgonfiaggio del palloncino interno. - Pulire la zona peristomale con acqua e sapone antibatterico; non usare disinfettanti se non ci sono segni di infezione del bordo stomale. - Detergere con acqua ossigenata e soluzione fisiologica se sono presenti incrostazioni attorno alla sonda, andando dal centro alla periferia. - Asciugare accuratamente con delle garze; la cute peristomale non deve essere umida. - Verificare periodicamente le condizioni del tubo di accesso alla stomia. In caso di deterioramento, va sostituito. - Irrigare con circa 30 ml di acqua l accesso alla stomia sia all inizio che alla fine di ogni sessione di somministrazione di nutrienti. Se non usato, ogni settimana il tubo di accesso va lavato con ml di acqua tiepida. Non è necessario usare liquidi frizzanti, effervescenti o Coca- Cola. - In caso di ostruzione del sondino, non esercitare mai un forte pressione. Usare 2-3 capsule di un enzima pancreatico, triturate in un mortaio, e disciolte in ml acqua tiepida, aggiungendo una punta di cucchiaino di bicarbonato di sodio (od una fiala). Somministrare senza forzare e lasciare in sede per una-due di ore. Provare poi con siringa da ml premendo progressivamente lo stantuffo alternando compressione ed aspirazione. Lavare poi con acqua tiepida usando una siringa più piccola. Se il paziente avverte dolore, sospendere la procedura. - Non usare mai alcool nella gestione della sonda (il materiale si può deteriorare) né disinfettanti sulla sonda e sulla cute (salvo il caso di evidente infezione del bordo della stomia). I costi della HEN e della HPN, stimabili rispettivamente in e in Euro/anno di costi diretti, vanno considerati in rapporto agli anni di vita salvati, e pertanto sono valutabili più efficacemente per la NAD a lungo termine. Stime attendibili indicano per la HPN un valore di 4,0 come quality adjusted life-year saved nei pazienti con insufficienza intestinale cronica e dipendenti dalla HPN. Questi valori vanno rapportati ai costi (in effetti all incremento dei costi) per anno di ospedalizzazione (non meno di Euro/anno) e ai costi relativi agli anni di vita non salvati, più difficili da valutare, ma comunque ragguardevoli. La NAD appare quindi relativamente poco costosa e vantaggiosa in termini di rapporto costi/benefici. Tale rapporto è particolarmente favorevole per la HEN, che è 4-5 volte meno costosa della HPN. La NAD, ove indicata correttamente e secondo linee guida condivise, è indispensabile per la sopravvivenza. È prescritta solo dal medico e come tale ha le connotazioni di un trattamento terapeutico. Pur necessaria, è gravata di alcune complicanze, e comunque richiede accessi artificiali e quindi esige l esplicitazione di un consenso informato, espresso solo da chi ne ha legale capacità (paziente, tutore o, in caso di loro incapacità od assenza, solo dal medico). Due considerazioni sembrano a questo proposito utili: 1. i nutrienti somministrati per via artificiale sono gli stessi che verrebbero altrimenti assunti per via orale; 2. chi li somministra non è il medico od altro operatore sanitario, ma il paziente stesso e/o i suoi familiari. Ciò implica che il rifiuto alla NAD può essere espresso validamente solo dal paziente finché è capace di esprimere il proprio consenso, e non da altri (sia pure congiunti); d altra parte il medico può autonomamente prescrivere la NAD come provvedimento atto a salvaguardare la vita, quando il soggetto sia impedito a formulare un consenso valido. Tuttavia, la mancata collaborazione dei familiari di fatto viene spesso a vanificare la realizzabilità di un progetto di NAD. Un investimento nel counselling sul paziente e sui familiari appare allora un approccio necessario e percorribile e, nella maggior parte dei casi, si rivela capace di modificare posizioni pregiudiziali. Infine, poiché la NAD non si rivolge al paziente terminale, non sussistono le connotazioni e le problematiche etiche e giuridiche proprie di questa situazione. Nonostante si possa discutere sull esistenza di un etica naturale universale, non possono trovarsi ragioni valide per negare o sottrarre il pane e l acqua a un essere umano, tanto più se si tratta di un soggetto particolarmente svantaggiato come sono coloro che abbisognano della NAD e possono giovarsene in modo insostituibile, trattandosi - specie la HPN - di una procedura salvavita, in grado di migliorare anche la qualità di vita dei pazienti. La sopravvivenza è indefinita ed è principalmente condizionata dalla patologia di base. Tuttavia, ciò presuppone una gestione corretta delle vie di accesso e il monitoraggio clinico-nutrizionale del paziente.

9 292 Nutrizione Artificiale Domiciliare n. 6 Novembre-Dicembre 2004 SITI CONSIGLIATI Sito della Oley Foundation. Informazioni, approfondimenti, esperienze, dialoghi con i pazienti, fonti bibliografiche, etc. Il miglior sito internazionale per la Nutrizione Artificiale. Sito ufficiale della Società Italiana di Nutrizione Parenterale e Enterale. Si possono trovare informazioni e riferimenti bibliografici sulla Nutrizione Artificiale e l opinione di esperti. BIBLIOGRAFIA 1. Detsky AS. Evaluating a mature technology: long-term parenteral nutrition. Gastroenterology 1995; 108: Christensen HS. Hospital wide screening increases revenues under prospective payment system. J Am Diet Assoc 1986; 86: Buzby GP et al. Prognostic nutritional index in gastrointestinal surgery. Am J Surg 1980; 139: Sullivan DH et al. Impact of nutritional status on morbidity in a population of geriatric rehabilitation patients. J Am Geriatr Soc 1994; 42: Sullivan DH et al. Impact of nutritional status in a selected population of geriatric patients. Am J Clin Nutr 1990; 51: Hendrikse J et al. Malnutrition in a children s hospital. Clin Nutr 1997; 16: Robinson G et al. Impact of nutritional status on DRG lenght of stay. JPEN 1987; 11: Mc Whirter JP et al. Incidence and recognition of malnutrition in hospital. BMJ 1994; 308: Comi D. L Hospital Malnutrition Italian Study (HOMIS) ed altre esperienze italiane. In: Malnutrizione. Una sfida del terzo millennio per la società post-industriale. Lucio Lucchin Ed, Il Pensiero Scientifico Publ, Roma 2000, pp Comitato SINPE per la nutrizione artificiale domiciliare: Linee guida per l impiego della nutrizione parenterale ed enterale nei pazienti adulti a domicilio. Riv Ital Nutrizione Parenterale ed Enterale 1998; 16: Howard L et al. Management of complications in patients receiving home parenteral nutrition. Gastroenterology 2003; 124: Shills ME et al. Long-term parenteral nutrition though external arteriovenous shunt. New Eng J Med 1970; 283: Howard L et al. Current use and clinical outcome of home parenteral nutrition and enteral nutrition therapies in the Unites States. Gastroenterology 1995; 109: Messing B et al. Long-term survival and parenteral nutrition dependence in adult patients with the short bowel syndrome. Gastroenterology 1999; 117: Vantini I et al. Survival rate and prognostic factors in patients with intestinal failure. Dig Liver Dis 2004, 36: Pironi L et al. Safety and efficacy of home parenteral nutrition for chronic intestinal failure: a 16 year experience at a single centre. Digest Liver Dis 2003; 35: Detsky A et al. Quality of life of patients on long-term total parenteral nutrition at home. J Gen Intern Med 1986; 1: Richards DM et al. Asessing the quality of life of patients with intestinal failure on home parenteral nutrition. Gut 1997; 40: Pironi L et al. Safety and efficacy of home parenteral nutrition for chronic intestinal failure: a 16 year experience at a single centre. Digest Liver Dis 2003; 35: Buchman AL et al. AGA technical review on short bowel syndrome and intestinal transplantation. Gastroenterology 2003; 124: Crenn P et al. Net digestive absorption and adaptive hyperphagia in adult short bowel patients. Gut 2004; 53: Jeppesen PB et al. Impaired meal stimulated glucagon-like peptide 2 response in ileal resected short bowel patients with intestinal failure. Gut 1999; 45: American Gastroenterology Association: Technical review on tube feeding for enteral nutrition. Gastroenterology 1995; 108: La redazione di Dialogo sui Farmaci provvederà a comunicare ai diretti interessati l avvenuta assegnazione di un abbonamento gratuito alla rivista per l anno 2005 (come annunciato in Dsf 5/2004 pag. 237)

GESTIONE GASTROSTOMIA

GESTIONE GASTROSTOMIA GESTIONE GASTROSTOMIA UN PO DI SIGLE N.A.: Nutrizione Artificiale N.E.: Nutrizione Enterale S.N.G.: Sondino Naso Gastrico P.E.G.: Gastrostomia Endoscopica Percutanea P.E.Y: Digiunostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI

GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA ASPETTI GESTIONALI Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Responsabile : Dr. Francesco Cupella Fondazione Salvatore Maugeri La Gastrostomia Endoscopica Percutanea

Dettagli

Guida all utilizzo della PEG

Guida all utilizzo della PEG Guida all utilizzo della PEG INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 COSA E LA PEG E A COSA SERVE PAG. 4 MATERIALE NECESSARIO PAG. 5 COME PROCEDERE PER L ALIMENTAZIONE PAG. 6 PREPARAZIONE DELLA NUTRIZIONE PAG. 7 AL

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE

FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE FOGLIO INFORMATIVO PER L UTENTE ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GASTROSTOMIA ENDOSCOPICA PERCUTANEA (PEG) PREMESSA L alimentazione artificiale si rende necessaria per il trattamento di molte condizioni patologiche.

Dettagli

La Nutrizione Enterale Domiciliare

La Nutrizione Enterale Domiciliare Dipartimento Malattie Digestive e Metaboliche U.O. Aziendale di Gastroenterologia e Dietetica Clinica U.O.S. Dietetica Clinica La Nutrizione Enterale Domiciliare Informazioni utili per il paziente e la

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE

L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE CONGRESSO REGIONALE ANIMO MARCHE Civitanova Marche, 31 maggio 2013 INF. ELISABETTA SANTINI U.O. NUTRIZIONE ARTIFICIALE Cos è la malnutrizione

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente

NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente NUTRIZIONE ENTERALE DOMICILIARE Manuale Per Il Paziente Team Nutrizionale per la Nutrizione Artificiale Domiciliare Struttura Complessa. Clinica Medica e Servizio di Dietetica Ospedale di Cattinara - 2

Dettagli

Nutrizione parenterale in Urgenza

Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Carmelo D'Amato M.D. 2 Nutrizione Parenterale Rientra nelle due forma di nutrizione artificiale Enterale Parenterale 2 3 Nutrizione Artificiale Somministrazione guidata

Dettagli

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica.

La gastrostomia può essere realizzata per via chirurgica, endoscopica, radiologica o laparoscopica. Gestione della PEG Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire, gli esercizi

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

SCHEDA DI INSERIMENTO

SCHEDA DI INSERIMENTO Dipartimento Sviluppo e Sussidiarietà A.S.S.I. Servizio Controllo del stema Socio-sanitario U.O. Accreditamento, Qualità e Appropriatezza del Servizi SCHEDA DI INSERIMENTO CERTIFICAZIONE DEL MEDICO CURANTE

Dettagli

Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG

Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG Pianificazione interventi Specialistici: sostituzione tracheocannula, emogasanalisi, prelievo ematico, sostituzione PEG Dott. A. Iuliano U.O.S. Pneumologia Subintensiva SISTEMA SANITARIO Organizzazione

Dettagli

SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA

SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA Palace Hotel Como 19 ottobre 2012 Comobrain 2012 4 Edizione SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA Dr Anna Toldi Medico Nutrizionista Responsabile del Servizio di Dietetica e Nutrizione clinica Ospedale Valduce

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia

Le vie di accesso per la nutrizione enterale. dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Le vie di accesso per la nutrizione enterale dott Elena Vecchi SC Gastroenterologia Indicazioni Garantire corretto apporto nutrizionale, o somministrazione di farmaci, o di acqua, a pazienti con apparato

Dettagli

- Apparato Cardiovascolare: cateteri venosi centrali / accessi vascolari a medio e a lungo termine, terapia anticoagulante;

- Apparato Cardiovascolare: cateteri venosi centrali / accessi vascolari a medio e a lungo termine, terapia anticoagulante; Allegato B Progetto formativo di educazione ai pazienti portatori di malattie croniche, rare o con percorsi di particolare complessità e ai rispettivi assistenti relativo alle eseguite a domicilio Il razionale

Dettagli

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL

SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL SICUREZZA DELLE CURE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Dr. Filippo Bauleo Responsabile Unità Gestione Rischio Clinico ASL2 Umbria Art. 14 Sicurezza del paziente e prevenzione del rischio clinico Il medico

Dettagli

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA Dott. Adolfo Affuso La nutrizione artificiale è parte integrante della terapia del paziente Un adeguato apporto nutrizionale migliora l outcome del malato INDICAZIONI ALLA

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera

L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia. Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera L Opportunità dell Assistenza Domiciliare Ospedaliera Integrata Giovanni Seccia Responsabile U.O.S. Assistenza Domiciliare Ospedaliera Ospedaliera Spesa complessiva del Servizio Sanitario Nazionale 2011

Dettagli

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale

ISTITUTO GERIATRICO VILLA DELLE QUERCE. Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale Prevenzione delle infezioni nel paziente di area critica: l igiene orale L Igiene orale La cura della bocca e dell igiene orale è una corretta pratica assistenziale E una funzione di cura che deve essere

Dettagli

Sonde per gastrostomia endoscopica percutanea

Sonde per gastrostomia endoscopica percutanea Sonde per gastrostomia endoscopica percutanea Sonda in materiale biocompatibile di lunga durata, radiopaca per il controllo del posizionamento; presenta un estremità smussa forata per lo stomaco e una

Dettagli

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE

1. VALUTAZIONE NUTRIZIONALE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER L ASSISTENZA SANITARIA N. 4 FRIULI CENTRALE Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE Partita IVA e Codice Fiscale 02801610300 ALLEGATO

Dettagli

OGGETTO: Regolamentazione della nutrizione artificiale domiciliare nella Regione Lazio. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO: Regolamentazione della nutrizione artificiale domiciliare nella Regione Lazio. LA GIUNTA REGIONALE Pagina 1 di 10 Pagina 2 di 10 OGGETTO: Regolamentazione della nutrizione artificiale domiciliare nella Regione Lazio. Su proposta dell'assessore alla sanità LA GIUNTA REGIONALE VISTO il D.lgs. n 502/92

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG

PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG PROTOCOLLO PER L ALIMENTAZIONE ENTERALE PEG O SNG Obiettivo: mediante l uso del PEG/SNG all ospite verrà somministrato un apporto dietetico per soddisfare le richieste corporee e promuovere la salute.

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA. A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione

PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA. A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione PRESENTAZIONE ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A cura di Ortensi Samuele Infermiere ADI Riccione SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ADI E' un servizio di aiuto e supporto alla persona fragile

Dettagli

La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra

La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra La PEG nel paziente anziano demente: il punto di vista del Geriatra Dr. A. Zurlo U.O. Geriatria e Ortogeriatria AOUFE Convegno L Appropriatezza in Endoscopia Digestiva Ferrara 25/11/2011 La letteratura

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Infezioni correlate all assistenza

Infezioni correlate all assistenza Infezioni correlate all assistenza Il problema Che cosa si intende per infezione correlata all assistenza Le infezioni correlate all assistenza sono infezioni acquisiti in ospedale o in altri ambiti assistenziali

Dettagli

LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA

LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA IPOTESI DI UNA PROPOSTA FORMATIVA: IL PARERE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Alberto Marsilio * Il tema della morte e più in generale quello della fine della vita

Dettagli

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici

La salute degli anziani: aspetti epidemiologici La salute degli anziani: aspetti epidemiologici Giorgi Daniela Dipartimento di Prevenzione - S.C. Epidemiologia e Screening ASL 2 Lucca Residenti in Toscana al 1/1/2012 3.749.813 (Istat) (m 48%, f 52%)

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso

Definizione trattamenti dietici. Prof. Bruno Cianciaruso 1 Definizione trattamenti dietici Prof. Bruno Cianciaruso Insufficienza renale cronica TERAPIA CONSERVATIVA Farmacologica Nutrizionale Terapia nutrizionale, perché? Prevenire e trattare segni, sintomi,

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Assistere l anziano a domicilio: il ruolo del badante

Assistere l anziano a domicilio: il ruolo del badante 9 Corso Multiprofessionale di Nursing L ASSISTENZA ALL ANZIANO: NUOVI PROBLEMI, NUOVE RISPOSTE Firenze, 27 Novembre 2008 Assistere l anziano a domicilio: il ruolo del badante C. Melchiori Coordinatore

Dettagli

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ;

IL PROGETTO: 1.1 Informazioni generali: Titolo del Progetto: PROGETTO SCUDO Servizio cure domiciliari per malati oncologici terminali ; Il PROGETTO SCUDO VALDICHIANA è un iniziativa delle Sezioni CALCIT della Valdichiana, dei Medici di Medicina Generale facenti parte della Cooperativa Etruria Medica, della USL8 e dei Comuni di Cortona,

Dettagli

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN

Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla lunghezza dell avambraccio BAPEN Calcolare l altezza dalla distanza ginocchio - tallone BAPEN MUST e BMI Step 1 Score Range BMI Categoria di peso Significato 2 < 18,5 Sottopeso

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

INTRODUZIONE. La nutrizione artificiale entrerale

INTRODUZIONE. La nutrizione artificiale entrerale INTRODUZIONE La nutrizione enterale domiciliare (NED) è una tecnica nutrizionale praticata e consolidata da diversi anni in medicina. Questo tipo di nutrizione è iniziata negli ospedali italiani dalla

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Il paradosso del Veneto

Il paradosso del Veneto Audizione in Quinta Commissione del Consiglio Regionale del Veneto Venezia, 12 Luglio 2013 Il paradosso del Veneto Enzo Bonora Presidente - Sezione Veneto Trentino Alto Adige Società Italiana di Diabetologia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale

a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale g u i d a p r a t i c a a cura della Commissione Nutrizionale Aziendale A cura di: Dott.ssa Laura EBBLI Dietista Dott. Giancarlo GOBBI Medico Dott.ssa Gianna NEGRO Farmacista Dott.ssa Valentina SGUERSO

Dettagli

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO

UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO CARTA DEI SERVIZI UNITA VALUTATIVA OPERATIVA ANZIANI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI MONTEBELLUNA CASTELFRANCO VENETO Sportello al pubblico presso il Servizio di Assistenza Domiciliare Castelfranco

Dettagli

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva

La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva La sindrome dell intestino irritabile post-infettiva Dr.ssa Chiara Ricci Università di Brescia Spedali Civili, Brescia Definizione La sindrome dell intestino irritabile Disordine funzionale dell intestino

Dettagli

Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer Viale Pieraccini, 24 - Firenze. Diploma di tirocinio Ospedaliero per diplomate Econome Dietiste

Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer Viale Pieraccini, 24 - Firenze. Diploma di tirocinio Ospedaliero per diplomate Econome Dietiste C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome FINA FIORELLA BELLI Indirizzo Telefono 055 5662555 E-mail f.belli@meyer.it Nazionalità Italiana Data di nascita 01.08.1955 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA

ALCOL E LAVORO. PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA ALCOL E LAVORO PROBLEMATICHE ED OBBLIGHI PER IL MEDICO DEL LAVORO 25 gennaio 2007 COMMENTO MEDICO-GIURIDICO DELLA RECENTE NORMATIVA Marco Chiaravalli, Laura Guzzetti, Mario Tavani PIANO D AZIONE EUROPEO

Dettagli

LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale

LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale QUALE TIPO DI NUTRIZIONE PARENTERALE (NP)? NP parziale NP

Dettagli

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete

1 - I bisogni e lo sviluppo della rete 1 - I bisogni e lo sviluppo della rete In Italia muoiono ogni anno oltre 159.000 persone a causa di una malattia neoplastica (ISTAT, 1998) e la maggior parte di esse, il 90% (143.100), necessita di un

Dettagli

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Organi deputati alla deglutizione 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Riconoscere i problemi della persona anziana con malattie croniche e/o disabilità ed i relativi interventi infermieristici,

Dettagli

Diabetologia e Ambulatorio Infermieristico all interno dello Studio di Medici di Medicina Generale in Associazione

Diabetologia e Ambulatorio Infermieristico all interno dello Studio di Medici di Medicina Generale in Associazione Diabetologia e Ambulatorio Infermieristico all interno dello Studio di Medici di Medicina Generale in Associazione Il tirocinio è articolato prevedendo la presenza dello studente in due servizi : presso

Dettagli

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali 49 Congresso della SIGG Firenze 3-7 novembre 2004 Fernando Anzivino Direttore UU. OO. di Geriatria

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti

TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA. Dietista Diplomata Giada Ponti TERAPIA DIETETICA IN RIABILITAZIONE ONCOLOGICA Dietista Diplomata Giada Ponti MALNUTRIZIONE NEL PAZIENTE ONCOLOGICO INTAKE FABBISOGNI 2 1. Inadeguato intake di energia e nutrienti Effetti locali provocati

Dettagli

ALIMENTAZIONE PERSONE DISFAGICHE E TRAMITE P.E.G.

ALIMENTAZIONE PERSONE DISFAGICHE E TRAMITE P.E.G. INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 13 1. OBIETTIVO... 2 2. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 3. FREQUENZA... 3 4. DOCUMENTI A SUPPORTO... 3 5. MODALITA OPERATIVA IN SOGGETTO

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

1. Premessa 1.1 Malnutrizione 1.2 Prevalenza della malnutrizione 1.3 Condizioni patologiche predisponenti o associate alla malnutrizione

1. Premessa 1.1 Malnutrizione 1.2 Prevalenza della malnutrizione 1.3 Condizioni patologiche predisponenti o associate alla malnutrizione Indice PRIMA PARTE 1. Premessa 1.1 Malnutrizione 1.2 Prevalenza della malnutrizione 1.3 Condizioni patologiche predisponenti o associate alla malnutrizione 2. Le fasi della presa in carico della persona

Dettagli

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI

NADIA PALLOTTA ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI NADIA PALLOTTA 128 L INTESTINO IRRITATO ALCUNI DATI EPIDEMIOLOGICI Nei paesi industrializzati, nel corso dell ultimo secolo, le migliori condizioni sociali, economiche e sanitarie hanno determinato una

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO

La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 APPROFONDIMENTO La Celiachia AIC - GUIDA ALL ALIMENTAZIONE DEL CELIACO EDIZIONE 2014 La celiachia è un intolleranza permanente al glutine presente negli alimenti. Il glutine è un complesso proteico presente in alcuni

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO»

GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» GIORNATA ATL «ONCOLOGIA PEDIATRICA E ALTRO» ASSISTENZA OSPEDALIERA/DOMICILIARE SIENA 8 NOVEMBRE 2014 A cura di Michela Vittori Veronica Di Maro DEFINIZIONE E CENNI STORICI L assistenza domiciliare è stata

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Luca Pantarotto Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Fisiologia della deglutizione atto complesso che implica l utilizzo coordinato e sincrono della

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

2 CONVEGNO DIABESITA

2 CONVEGNO DIABESITA 2 CONVEGNO DIABESITA La co-morbidità nel paziente con diabesità Dott. Roberto Gualdiero 7 Giugno 2014- CAVA DEI TIRRENI Diabesità è il neologismo coniato dall OMS per sottolineare la stretta associazione

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

Ospedale di Comunità

Ospedale di Comunità Casa della Salute di San Secondo Parmense Ospedale di Comunità Liguria DALL OSPEDALE AL TERRITORIO Genova 18 marzo 2014 Remo Piroli Il contesto normativo Delibera 14/03/2013 N.159 Oggetto : CASA DELLA

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano

L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano L anziano fragile nel modello organizzativo di un ospedale aperto al territorio in un grande contesto metropolitano Ernesto Palummeri Dipartimento Interaziendale di Gerontologia e Geriatria ASL 3 Genovese

Dettagli

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari

Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali di comunità, strutture residenziali ed Equipe domiciliari Convegno «La 975 alla prova» Accessibilità, Presa in carico e Continuità delle Cure Ospedale G. Fracastoro, San Bonifacio (VR), 13 dicembre 2013 Le Cure Intermedie La specialistica territoriale tra ospedali

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO

PROGETTO PER VOLONTARI FAMIGLIE e BADANTI PROMOSSO DA ASSOCIAZIONE DIRITTI ANZIANI TRENTO A.D.A. - Associazione Diritti Anziani Ente Nazionale a carattere assistenziale D.M. n 59/C24029(A)142 del 10/01/2001 Via Matteotti n 20/1-38100 Trento C.F. 96051750220 Tel. 0461/376114 Fax 0461/376199

Dettagli