WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE"

Transcript

1 1 PRIMARY WOUND DRESSING 1PWD WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE

2 PHYTOCEUTICALS AG OVERVIEW E una compagnia svizzera fondata nel 2007 che si occupa di: Sviluppo di medicine basate su estratti naturali Applicazioni nel campo delle medicazioni avanzate per il Wound Care Prodotto di punta: 1 PRIMARY WOUND DRESSING (ONE) Spray formulato dalla combinazione protetta da brevetto internazionale di estratti oleosi di Neem e Iperico Registrazione come dispositivo medico IIb Posizionamento del prodotto: ONE semplifica la gestione del trattamento delle ferite acute e croniche (ONE + gestione dell essudato) e ne ottimizza il rapporto costo beneficio Consente di risparmiare e tempi e costi degli operatori sanitari del Wound care e semplificare il loro addestramento. Consente di ridurre i costi di gestione, Nel 2013 Phytoceuticals inizia la commercializzazione di 1 PWD in Italia a seguito dell acquisizione della licenza da ENEA, proprietaria dello stesso brevetto, per il territorio italiano.

3 1 PRIMARY WOUND DRESSING OVERVIEW ONE è una innovazione per la terapia delle ferite specificamente formulato da una combinazione di estratti oleosi di Neem e Iperico che non ha effetti sistemici. ONE ha funzioni terapeutiche per il trattamento del letto della ferita, dei margini perilesionali in tutte le fasi della cicatrizzazione dal trauma fino alla completa riepitelizzazione, senza necessità di affiancare altri dispositivi medici ad azione disinfettante antimicrobica/antibiotica. ONE è un prodotto semplice e naturale efficace per tutti I tipi di lesioni esterne con coinvolgimento di tutti gli strati sottostanti osso compreso in ogni stadio della lesione. ONE semplifica il protocollo di trattamento delle ferite di qualunque estensione e natura SIMPLE. NATURAL. EFFECTIVE

4 APPLICAZIONE 1. Agitare bene 2. Spruzzare sulla superficie pulita della ferita e sui margini Applicare ad ogni cambio di medicazione almeno due strati di olio su tutta la superficie 3. Coprire la ferita utilizzando in base al grado di essudazione : a. Garze non aderenti b. Assorbenti Ripetere l applicazione ogni 24 ore. Alla apparizione del margine di ri-epitelizzazione il trattamento può essere ridotto a tre volte alla settimana, coprendo le ferite come indicato

5 AVVERTENZE 1. Non utilizzare sul tessuto necrotico, cominciare ad utilizzare dopo sbrigliamento parziale o totale del letto della ferita 2. Non utilizzare disinfettanti per la detersione della ferita, One esercita un effetto antimicrobico che rende inutile la disinfezione specie durante la fase di granulazione, 3. Aumentare la frequenza di applicazione (anche due o tre volte al dì) nel caso di ferite acute essudanti e dolorose come ustioni di secondo grado parziali e a tutto spessore, applicando almeno due strati di olio su tutta la superficie. L applicazione lenisce il dolore causato dalle fibre nervose lesionate

6 MECCANISMO DI AZIONE ONE forma uno strato oleoso che mantiene il giusto grado di umidià sulla superfice lesa e agisce come barriera antimicrobica, nelle ustioni di secondo grado, isola le fibre nervose dal contatto doloroso con l aria ONE esercita le sue funzioni localmente e non ha effetti sistemici, viene utilizzato nei processi metabolici cellulari immunomodulatori, antiinfiammatori e ricostruttivi, non lascia residui e non deve essere rimosso al cambio di medicazione ONE previene l adesione al letto della ferita del dressing secondario ONE ha una specifica azione repellente antimicrobica ONE promuove il recupero degli annessi cutanei a partire dai frammenti residui promuovendo la formazione di isole di riepitelizzazione ONE mantiene detersi il letto della ferita e previene la macerazione della cute perilesionale, promuove la riepitelizzazione a partire dai margini ONE facilita il debridement autolitico, attiva la granulazione, regola l essudazione, consente un cambio di medicazione semplice e indolore e riduce tempi e costi di trattamento. E efficace su ogni tipo di ferita sia acuta che cronica dal momento del trauma alla chiusura completa.

7 ESEMPI DI FERITE CHE POSSONO ESSERE TRATTATE CON ONE

8 ESEMPI DI FERITE CHE POSSONO ESSERE TRATTATE CON 1PWD Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali Ustioni non cicatrizzanti Ustioni non cicatrizzanti Ustioni da causticanti (medusa) Ustioni da acqua bollente Piede diabetico con osteomielite Piede diabetico con flemmone e osteomielite Ulcere miste (artero-venose) Deiscenze chirurgiche Fallimento trapianto di cute dopo ustione Wound bed preparation per trapianto di cute Ulcera traumatica con tendine esposto Abrasione da asfalto

9 ESPERIENZA CLINICA Since CE notification 2011/ SORVEGLIANZA POST-MARKETING n = 105 case reports effettuati nel 2011 (225 casi fino a January 2013) CASE SERIES SCALP WOUNDS WITH EXPOSED BONE (n = 15) PILONIDAL SINUS (n = 21) BURN WOUNDS (n = 10) NON-HEALING WOUNDS (n = 10) AUDIT IN A NURSING HOME (casa di cura) Comparazione del protocollo esistente con protocollo ONE+ secondary dressing PILOT STUDY: SIMPLIFIED PROTOCOL OF CARE IN MID-SIZE HOSPITAL n = tutte le ferite trattate nell arco di 12 mesi (11/ /2013) CASE REPORTS: SIMPLIFIED PROTOCOL OF CARE IN A GP PRACTICE n = 5 STUDIO OSSERVAZIONALE PRESSO CTO, ROMA, AMBULATORIO FERITE DIFFICILE n = 115 (studio in corso)

10 2011/201 2 CASE SERIES SCALP WOUNDS WITH EXPOSED BONE (n = 15)

11 2011/2012 CASE SERIES PILONIDAL SINUS (n = 21) Start Week 2 Week 6 Week 8

12 Tipo di lesione: Cisti pilonidale paziente M-21 anni Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali Start Week 3 Week 6 Week X

13 Tipo di lesione: Ciste pilonidale paziente M-69 anni Start Week 4 Gentile concessione dott.ssa F. Carnevali e dr.m. Palombi Week 8 Week 10

14 2011/2012 CASE SERIES BURN WOUNDS (n = 10) Start Week 8 Week10

15 Ustione da contatto Persistente da 2 mesi, non rispondente ai trattamenti (connettivina, garze grasse, acido ialuronico) Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali Start Week 1 Week 2 Week 4

16 Ustione da fiamma non rispondente ai trattamenti dopo fallimento trapianto omologo, persistente da 4 mesi Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali Start Week 2 Week 6 Week 9

17 Ustione da acqua bollente (scald) Paziente pediatrico F-11 anni Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali e Dott.ssa Susanna Mainetti JWC, 2013, 22; Start Week 2 Week 4 Week 5

18 Fallimento trapianto omologo ustione da fiamma Paziente pediatrico M- 11 anni Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali e Dott.ssa Susanna Mainetti JWC, 2013, 22; Start Week 1 Week 2 Week 3

19 Ustione da contatto (medusa - jellyfish) Paziente M- 47 anni lesione persistente da una settimana, estremamente dolorosa, in fase infiammatoria acuta trattata con antibiotici locali e connettivina Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali Start Day 3 Week 2 Week 3

20 Abrasione da asfalto: paziente M16 anni Gamba Braccio Coscia Giorno 1 Giorno 3 Giorno 7 Giorno 14 Gentile concessione dott.ssa F. Carnevali e F. Castrignanò

21 Abrasione da asfalto: paziente F14 anni Gamba Spalla Seno Giorno 1 Giorno 3 Giorno 7 Giorno 14 Gentile concessione dott.ssa F. Carnevali e F. Castrignanò

22 Abrasione da asfalto: paziente M 46 anni Avambracci o Gentile concessione dott.ssa F. Carnevali e dr.m. Palombi Palmo e polso Dorso del Piede Giorno 3 Giorno 1 Giorno 1 Giorno 14 Giorno 7 Giorno 7 Giorno 30 Giorno 14 Giorno 21 Giorno 56

23 Abrasione da asfalto in paziente diabetico Decorso: 2 settimane Giorno 1 Scomparsa del dolore: 3 giorni Giorno 6 Controllo dell essudato: 1 settimana Giorno 17 Stesso decorso sia in pazienti giovani che in paziente diabetico Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali

24 2011/2012 CASE SERIES SCALP WOUNDS WITH EXPOSED BONE (n = 15) PILONIDAL SINUS (n = 21) BURN WOUNDS (n = 10) NON-HEALING WOUNDS (n = 10) Start Week 3 Week 5 Week 8

25 Deiscenza chirurgica laparotomica Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali e Prof. Maurizio Palombi Start Week 4 Week 8 Week 10 Follow up

26 Deiscenza laparotomica totale Ricostruzione chirurgica senza uso di betadine intraoperatorio e senza drenaggio post chirurgico Start Start Day 5 Day 40 Follow up Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali e Prof. Maurizio Palombi

27 CASO 4: TRAUMA OSSEO AL CALCAGNO DEISCENZA per infezione VITE DI FISSAGGIO Giorno 0: prima e dopo debridement chirurgico, è visibile la 3 settimane, l infezione è risolta, la vite di fissaggio vite è ancora visibile Gentile concessione dott.ssa F. Carnevali e dr.m. Palombi 2 mesi, la vite è ancora visibile 3 mesi, la cavità è completamente colmata e la vite coperta 4 mesi, epitelizzazione completa della lesione e copertura della vite

28 Ulcera vascolare Paziente maschio 67 anni, disturbi vascolari arteriosi gli arti. Trauma stradale al collo del piede persistente da 5 mesi con tendine esposto trattato con betadine, antibiotico, connettivina senza esito Dopo 15 giorni di trattamento con 1PWD: copertura del tendine Dopo 3 mesi Dopo 6 mesi: guarito Per gentile concessone Dott.ssa Fiorella Carnevali

29 Piede diabetico Paziente M-66 anni con neuropatia diabetica. Decorso 6 mesi Lesione traumatica cronicizzata, persistente da 5 mesi con osteomielite da P. aeruginosa. Rimozione di schegge ossee durante il decorso. Giorno 0 Mese 1 Mese 2 Mese 6 Per gentile concessione di dr.ssa Fiorella Carnevali, ENEA e prof. Palombi Maurizio CTO, Roma, responsabili studio osservazionale efficacia di 1PWD

30 Piede diabetico: flemmone Paziente M-50 anni. Decorso 3 mesi Flemmone purulento con osteomielite. Messa a piatto chirurgicamente, VAC therapy per una settimana in associazione a1pwd. Poi solo medicazione quotidiana con 1PWD fino a guarigione. Per gentile concessione di dr.ssa Fiorella Carnevali, ENEA e prof. Palombi Maurizio CTO, Roma, responsabili studio osservazionale efficacia di 1PWD

31 Piaghe da decubito: Trocantere sinistro in paziente Femmina, anni 76, non deambulante (sindrome di Alzheimer) Gentile concessione dott.ssa F. Carnevali e dr. F Castrignanò Persistenza della lesione: 6 mesi Dopo 15 giorni di trattamento Dopo un mese di trattamento Dopo tre mesi di trattamento Dopo quattro mesi di trattamento GUARIGIONE ( 20 mesi)

32 Piaghe da Decubito Piaghe da decubito: sacrale in paziente Femmina, anni 97, temporaneamente non deambulante per frattura del femore risolta con innesto di protesi anca Persistenza della lesione: 15 giorni Dopo 15 giorni Dopo un mese Dopo 2,5 mesi Dopo 3 mesi Dopo 4 mesi Gentile concessione dott.ssa F. Carnevali

33 Piaghe da decubito: calcagno paziente F-82 anni non deambulante Persistenza della lesione: 3 mesi Dopo 3 settimane Dopo due mesi: guarito

34 Piaghe da decubito: calcagno paziente F-76 anni non deambulante Persistenza della lesione: 2 mesi Dopo 5 settimane Dopo tre mesi: guarito

1 PRIMARY WOUND DRESSING 1 PDW WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE

1 PRIMARY WOUND DRESSING 1 PDW WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE 1 PRIMARY WOUND DRESSING 1 PDW WOUND CARE SEMPLICE ED EFFICACE PHYTOCEUTICALS AG OVERVIEW E una compagnia svizzera fondata nel 2007 che si occupa di: Sviluppo di medicine basate su estratti naturali Applicazioni

Dettagli

WOUND CARE IN VETERINARIA

WOUND CARE IN VETERINARIA WOUND CARE IN VETERINARIA SEMPLICE. NATURALE. EFFICACE. one VET one VET è una innovazione per la terapia delle ferite specificamente formulato da una combinazione di estratti oleosi di Neem e Iperico che

Dettagli

Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi

Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi Grande così Premi il pulsante arancione per una terapia a pressione negativa (NPWT) che dà certezza dei costi Sistema monouso per la terapia a pressione negativa Smith & Nephew è al tuo fianco per ridurre

Dettagli

LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA. Criteri di utilizzo Casi Clinici

LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA. Criteri di utilizzo Casi Clinici LA PRESSIONE TOPICA NEGATIVA Criteri di utilizzo Casi Clinici Cristian Nicoletti Responsabile Servizio Piede Diabetico e Vulnologia ( Vr ) Casa di Cura Dr Pederzoli Spa - Peschiera del Garda www.piede-diabetico.com

Dettagli

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso

FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE. Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso FRATTURE, LUSSAZIONI, DISTORSIONI E FERITE Aspetti concettuali e gestione del primo soccorso Elena Pedrotti - infermiera professionale Ortopedia e Traumatologia Ospedale S. Chiara Obiettivi formativi Valutare

Dettagli

Piaghe da decubito Approccio terapeutico

Piaghe da decubito Approccio terapeutico Piaghe da decubito Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali, eppure ogni ferita necessita delle condizioni

Dettagli

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v :

Pre r m e es e s s a s : O i b et e tivo v : Corso Lesione da Pressione Ottobre-Dicembre 2012 Regione Toscana Azienda USL n.3 Pistoia Assistenza Infermieristica nella Prevenzione e trattamento delle LDP Premessa: La prevenzione e il trattamento delle

Dettagli

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE

O VEGA Gel 3. Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE O VEGA Gel 3 Dispositivo Medico 0.373 PROPRIETA TERAPEUTICHE Dopo l applicazione di O3 VEGA Gel vengono liberati dal Dispositivo Medico perossidi oleosi in modo graduale e continuo per un periodo prolungato

Dettagli

Azienda Ospedaliera-Università di Padova

Azienda Ospedaliera-Università di Padova Azienda Ospedaliera-Università di Padova Dipartimento Interaziendale ad Assistenza Integrata dell Anziano Sezione di Clinica Chirurgica Geriatrica Direttore: Prof.Oreste Terranova U.O.S. Trattamento Chirurgico

Dettagli

Piaghe da decubito Approccio terapeutico

Piaghe da decubito Approccio terapeutico Piaghe da decubito Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali, eppure ogni ferita necessita delle condizioni

Dettagli

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I

PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLE ULCERE DA PRESSIONE SECONDO LA WOUND BED PREPARATION Stadio Detersione Medicazione Cadenza medicazione I II Soluzione fisiologica o Ringer lattato pellicola semipermeabile

Dettagli

APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT

APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT APPUNTI PER I PROFESSIONISTI ANT n. 2 Marzo 2013 1 TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA DECUBITO A cura di: Inf Barbara Boin Inf Lucia Campullu Inf Melissa Mazzetti Inf Elena Piccinelli Inf Angela Tenace 2 LESIONI

Dettagli

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE

LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE LA MEDICAZIONE DELLE PICCOLE FERITE La cute (pelle) è il tessuto che è posto a delimitare i confini del nostro corpo e a mediare gli scambi con l'ambiente esterno; è un tessuto estremamente vitale e in

Dettagli

FERITE APERTE DA MORSO

FERITE APERTE DA MORSO FERITE APERTE DA MORSO dal primo soccorso alla chirurgia ricostruttiva Dott. Roberto Pedrale Dott. Igor Valtorta - Dott. Filippo Boriani Istituto di Chirurgia Plastica Ricostruttiva Università degli Studi

Dettagli

Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali

Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali Gara a procedura aperta per l'affidamento triennale della fornitura di medicazioni speciali ********** Capitolato Tecnico I prodotti oggetto della presente procedura devono essere conformi alle normative

Dettagli

Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento

Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento U.O.S.D. di Chirurgia Vascolare A.O. Fatebenefratelli e Oftalmico Milano Responsabile: dr. MP Viani Le lesioni cutanee degli arti inferiori: principi fondamentali di trattamento Dott. Paolo Insalaco Dirigente

Dettagli

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD

PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD PROTOCOLLI DI TRATTAMENTO DELLE LDD Modulo 2 lezione 2 Le indicazioni al trattamento che seguono sono state tratte da: Indicazioni fornite da esperti nella gestione delle lesioni croniche (organizzazione

Dettagli

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE D Alicandro G, Infascelli R M, Aprea G, Silvestro M, Iuliano P SC di Anestesia, Rianimazione e Terapia Iperbarica A.O. Santobono-Pausilipon

Dettagli

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione Medicazioni avanzate Clinica Dermatologica Università di Pisa Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia Direttore : Prof. G.Cervadoro Medicazioni avanzate: definizione Materiale di copertura

Dettagli

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI

RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA DIAGNOSI DELLE LESIONI DALMASSO Anna Maria Cuneo Azienda Ospedaliera S.Croce e Carle Cuneo Audit clinico: marzo- giugno 2013 Le ulcere cutanee infette inquadramento diagnostico

Dettagli

LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO

LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO GIORNATA GERIATRICA REGIONALE CASERTA 16.10.2014 LA TERAPIA A PRESSIONE NEGATIVA DELLE ULCERE DA DECUBITO Dott. ANTONIO MAZZEI Specialista Chirurgo del Territorio Asl Na 2 Nord Vacuum Assisted Closure

Dettagli

Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione

Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Gestione delle Ulcere da Pressione OBIETTIVI Garantire l integrità

Dettagli

Le ulcere cutanee: l importanza dell approccio preparatorio della ferita per raggiungere la guarigione. Il debridement

Le ulcere cutanee: l importanza dell approccio preparatorio della ferita per raggiungere la guarigione. Il debridement Focus on Le ulcere cutanee: l importanza dell approccio preparatorio della ferita per raggiungere la guarigione. Il debridement Mario Marazzi Responsabile S.S. Terapia Tissutale, Centro di Riferimento

Dettagli

III Corso avanzato di aggiornamento LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CampolongoHospital - Marina di Eboli Ottobre 2004

III Corso avanzato di aggiornamento LA RIPARAZIONE TESSUTALE DELLE LESIONI CRONICHE CUTANEE CampolongoHospital - Marina di Eboli Ottobre 2004 LA CHIRURGIA PLASTICA DELLE ULCERE DIFFICILI: LE LESIONI DA DECUBITO Dott. Pasquale Ziccardi U.O. di Chirurgia Plastica -Fondazione S. Maugeri-IRCCS Istituto di Telese Terme (BN) III Corso avanzato di

Dettagli

Caso clinico: Gli accessi vascolari e lo stravaso di farmaco tra linee guida, protocolli e responsabilità dell infermiere. Bologna 10-11 Maggio 2014

Caso clinico: Gli accessi vascolari e lo stravaso di farmaco tra linee guida, protocolli e responsabilità dell infermiere. Bologna 10-11 Maggio 2014 Caso clinico: Gli accessi vascolari e lo stravaso di farmaco tra linee guida, protocolli e responsabilità dell infermiere Bologna 10-11 Maggio 2014 Antonio Negro 1 Il sottoscritto ANTONIO NEGRO ai sensi

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Wound management with modernity and innovation IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus

Dettagli

Gestione del rischio clinico. guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP]

Gestione del rischio clinico. guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP] Gestione del rischio clinico guida pratica alla prevenzione e trattamento delle lesioni da pressione [LDP] REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale salute, integrazione socio sanitaria, politiche

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management

IN MODALITÀ FAD DI FORMAZIONE PROPOSTA IN VULNOLOGIA. Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management PROPOSTA DI FORMAZIONE IN VULNOLOGIA IN MODALITÀ FAD Modernità ed innovazione nella gestione dell ulcera cutanea Innovative wound management IN COLLABORAZIONE CON intus ut in cute intus et in cute NUOVE

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016

OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 OFFERTA FORMATIVA AISLEC CATALOGO PRIMO SEMESTRE 2016 Associazione Infermieristica per lo Studio delle Lesioni Cutanee (AISLEC) P.zza della Chiesa 7, 27010 San Genesio ed Uniti (PV) Fax.: 0382-523203 Cell.

Dettagli

IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE

IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE LESIONI DA PRESSIONE IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE DELLE ULCERE CUTANEE ACUTE E CRONICHE IL TRATTAMENTO APPROPRIATO DELLE ULCERE DA PRESSIONE Angelo Iannace Nelle

Dettagli

attuale Numero 9/2013

attuale Numero 9/2013 Pagina 1 Casistica Utilizzo delle guaine di compressione per edemi di diversa natura La terapia elastocompressiva mediante tutori di compressione rappresenta un pilastro essenziale della terapia dell edema.

Dettagli

LESIONI DA DECUBITO. Casa di Cura VILLA PIA. Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau. Dott..

LESIONI DA DECUBITO. Casa di Cura VILLA PIA. Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau. Dott.. Casa di Cura VILLA PIA Reparto di L.D. Medica Post Acuzie Resp. Prof. Giorgio Migliau LESIONI DA DECUBITO Dott.. Sergio Barberini 1 Definizione Una piaga da decubito è una lesione tessutale con evoluzione

Dettagli

Advancis Medical, one of the world leading names in wound care

Advancis Medical, one of the world leading names in wound care Advancis Medical, one of the world leading names in wound care Advancis Medical è una società inglese che produce medicazioni avanzate e gode di una ampia reputazione in Inghilterra e nel mondo. La mission

Dettagli

La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate

La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate La mobilizzazione del paziente anziano Fondazione Madre Cabrini ONLUS Sant Angelo Lodigiano 24 ottobre 2014 La medicazione delle lesioni da pressione. Dalla tradizione al debridment con medicazioni avanzate

Dettagli

Tabella 1 - Confronto fra medicazioni tradizionali e avanzate

Tabella 1 - Confronto fra medicazioni tradizionali e avanzate Approfondimenti L uomo da sempre ha cercato di migliorare il naturale processo di guarigione delle lesioni ulcerative. Infatti fin dai tempi degli antichi greci e degli egizi, soluzioni di acqua e sale,

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

Fitodermocosmetico tutti per gli. animali

Fitodermocosmetico tutti per gli. animali Fitodermocosmetico tutti per gli animali - Azione antinfiammatoria e lenitiva per forme di irritazione ed edemosità della cute da trauma, ustione, eritema. - Azione astringente e curativa nelle forme di

Dettagli

Corso Integrato di Malattie Organi di Senso IV anno Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia

Corso Integrato di Malattie Organi di Senso IV anno Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Dipartimento di Specialita Medico- Chirurgiche Sezione di Chirurgia Plastica Direttore: Prof. F. Mazzoleni Corso Integrato di Malattie Organi di Senso IV anno Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Prof.

Dettagli

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica

Misericordia di Empoli Centro Formazione. Primo Soccorso. Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Misericordia di Empoli Centro Formazione Primo Soccorso Eventi e Lesioni di Origine Traumatica Il Trauma E detto trauma un evento violento che reca un danno psico-fisico ad un individuo. Incidente SI Infarto

Dettagli

LE ULCERE VASCOLARI INFERIORE

LE ULCERE VASCOLARI INFERIORE LE ULCERE VASCOLARI DELL ARTO INFERIORE 1 2 3 4 5 6 7 8 9 ARTO INFERIORE Struttura complessa dell apparato motorio Possiamo distinguere tre grandi aree Coscia Gamba Piede La gamba si caratterizza per problematiche

Dettagli

LESIONI SCHELETRICHE

LESIONI SCHELETRICHE LESIONI SCHELETRICHE LESIONI MUSCOLO - SCHELETRICHE Anatomia dell APPARATO SCHELETRICO Lo scheletro umano è costituito da 208 ossa di diversi tipi: OSSA BREVI (es.vertebre) OSSA PIATTE (es. SCAPOLA, BACINO)

Dettagli

èè una delle complicanze più temute del

èè una delle complicanze più temute del Nuove FRONTIERE Sostituti dermici, onde d urto e tutte le nuove terapie per curare il piede diabetico. èè una delle complicanze più temute del diabete e la parola amputazione è lo spauracchio di molti

Dettagli

ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL RAGGIUNGERE NEI CASI PIU GRAVI LA MUSCOLATURA E LE OSSA

ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL RAGGIUNGERE NEI CASI PIU GRAVI LA MUSCOLATURA E LE OSSA OSSERVAZIONE E TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE A cura di FASSIO ELISA PERONO MININO LAURA LESIONE DA PRESSIONE ALTERAZIONE TESSUTALE AD EVOLUZIONE NECROTICA, CHE INTERESSA LA CUTE, IL DERMA E GLI

Dettagli

II CONGRESSO INTERREGIONALE AIUC SEZIONE LOMBARDIA E TRIVENETO

II CONGRESSO INTERREGIONALE AIUC SEZIONE LOMBARDIA E TRIVENETO II CONGRESSO INTERREGIONALE AIUC SEZIONE LOMBARDIA E TRIVENETO Laboratorio Ulcere Cutanee Padova, 16-17 Aprile 2010 VENERDI 16 APRILE 09.00 09.20 PRESENTAZIONE E APERTURA DEL CONVEGNO 09.20-11.00 I SESSIONE

Dettagli

Evidenza clinica Cutimed Advanced wound care

Evidenza clinica Cutimed Advanced wound care Evidenza clinica Advanced wound care I prodotti di medicazione avanzata hanno dimostrato la loro effi cacia nella gestione di molte tipologia di ulcere diffi cili. Sul sito www.cutimed-sorbact.com è possibile

Dettagli

PELLICOLE TRASPARENTI (films)

PELLICOLE TRASPARENTI (films) PRESSIONE 1/11 PELLICOLE TRASPARENTI (films) NOMI COMMERCIALI Sono sottili membrane trasparenti di poliuretano con uno strato adesivo acrilico ipoallergico. Sono medicazioni non assorbenti, permeabili

Dettagli

www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive.

www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive. www.slidetube.it Cura e gestione delle lesioni cutanee; dalla tradizione alle medicazioni attive. Approccio terapeutico alle lesioni cutanee croniche deve seguire due direttive principali: Terapia locale

Dettagli

CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO

CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO CARATTERISTICHE E CRITERI PER LA SCELTA DI UNA MEDICAZIONE AVANZATA IN PREVISIONE DI UNA GARA D APPALTO A cura di: Cristinelli Carolina Moscatelli Annalisa Viola Annalisa Anno Accademico 2005/06 INDICE

Dettagli

SOS ULCERA formazione a distanza sulle lesioni cutanee

SOS ULCERA formazione a distanza sulle lesioni cutanee 1 Convegno ANIMO Formazione, ricerca e clinica in medicina interna: dalla teoria alla pratica SOS ULCERA formazione a distanza sulle lesioni cutanee Castelfranco Veneto 15 marzo 2013 Loris Zorzi- Responsabile

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Bari, 7-10 novembre 2013 Piede diabetico dalla teoria alla pratica

Bari, 7-10 novembre 2013 Piede diabetico dalla teoria alla pratica Piede diabetico dalla teoria alla pratica Ospedale Regina Apostolorum Albano Laziale (Rm) SC Endocrinologia Dott.ssa Rinaldi Roberta Coord. SC Pneumologia Buonomo Luana International Consensus on the Diabetic

Dettagli

Definizione di piaga da decubito

Definizione di piaga da decubito Definizione di piaga da decubito lesione tessutale con evoluzione necrotica, che interessa la cute, il derma, e gli strati sottocutanei, fino a raggiungere negli stadi più gravi i muscoli e le ossa Non

Dettagli

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC

LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC LINFODRENAGGIO PROFONDO CON DEEP OSCILLATION AESTHETIC DEEP OSCILLATION Il principio d azione Attrazione elettrostatica tra mano/applicatore e il tessuto del paziente Movimento = impulsi di attrazione

Dettagli

Training per l'incannulazione

Training per l'incannulazione Training per l'incannulazione Per tutte le controindicazioni, avvertenze, precauzioni, eventi avversi e per istruzioni complete, consultare le istruzioni per l'uso. 00274 IT Rev F 12Set2014 Introduzione

Dettagli

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167

Stimola la riparazione dei tessuti. Magnetoterapia BF 167 Stimola la riparazione dei tessuti Magnetoterapia BF 167 Illustrazioni esplicative per famiglie che intendono utilizzare trattamenti con Magnetoterapia BF 167: Illustrazione Descrizione Diffusori Frequenza

Dettagli

LA NUOVA FRONTIERA DELLA RIGENERAZIONE OSSEA

LA NUOVA FRONTIERA DELLA RIGENERAZIONE OSSEA LA NUOVA FRONTIERA DELLA RIGENERAZIONE OSSEA la Tecnologia incontra la Natura swiss made SmartBone è un nuovo sostituto osseo composito sviluppato specificamente per la rigenerazione ossea nella chirurgia

Dettagli

E.O. Ospedali Galliera di Genova

E.O. Ospedali Galliera di Genova E.O. Ospedali Galliera di Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) S.C. Farmacia/S.C.Chirurgia Vascolare/S.C.Malattie

Dettagli

cancro della mammella: tecnica e indicazioni

cancro della mammella: tecnica e indicazioni La radioterapia nel cancro della mammella: tecnica e indicazioni Incidenza e trattamento delle complicanze acute Taranto, 19.06.10 Relatore M. De Taranto Incidenza e trattamento delle complicanze acute

Dettagli

L AMBULATORIO VULNOLOGICO E LA CONSULENZA INFERMIERISTICA VULNOLOGICA, INSERIMENTO SUL TERRITORIO La vulnologia: la vulnologia è una disciplina della

L AMBULATORIO VULNOLOGICO E LA CONSULENZA INFERMIERISTICA VULNOLOGICA, INSERIMENTO SUL TERRITORIO La vulnologia: la vulnologia è una disciplina della L AMBULATORIO VULNOLOGICO E LA CONSULENZA INFERMIERISTICA VULNOLOGICA, INSERIMENTO SUL TERRITORIO La vulnologia: la vulnologia è una disciplina della medicina sorta circa una decina di anni orsono, l etimologia

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome AMATO TOMMASO Data di nascita 26/06/1959 Qualifica Dirigente medico I livello a rapporto esclusivo Chirurgia Generale Ospedale San

Dettagli

CHIRURGIA DELLA MANO

CHIRURGIA DELLA MANO CHIRURGIA DELLA MANO INDICE pag. Sindrome del canale carpale 1 Dido a scatto 2 Malattia di de Quervain 3 Rizoartrosi 4 Cisti del polso 5 Frattura 6 Malattia di Dupuytren 8 Artroscopia del polso della mano

Dettagli

tariffa ASP dal 1/1/2010

tariffa ASP dal 1/1/2010 codice terapia descrizione tariffa ASP dal 1/1/2010 8722 RADIOGRAFIA DELLA COLONNA CERVICALE 20,00 8723 RADIOGRAFIA DELLA COLONNA DORSALE 20,00 8724 RADIOGRAFIA DELLA COLONNA LOMBOSACRALE 20,00 8729 RADIOGRAFIA

Dettagli

Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER

Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER Nota Informativa PER IL TRATTAMENTO CON LASER Lo scopo di questo documento è di fornire ai pazienti informazioni sul trattamento laser e riguardo ai possibili effetti indesiderati o complicanze. PRIMA

Dettagli

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire la possibilità di donare tale sangue per uso allogenico

Dettagli

Trattamento delle lesioni da decubito

Trattamento delle lesioni da decubito Dossier http://aifa.progettoecce.it PROGETTO ecceinfad Informazioni dalla letteratura scientifica per una buona pratica infermieristica Trattamento delle lesioni da decubito Nonostante il trattamento delle

Dettagli

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori

Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Le lesioni traumatiche dei tendini flessori Lesioni frequenti ed esigenti dal punto di vista chirurgico gravate in passato da risultati funzionali talvolta modesti La prognosi oggi è notevolmente migliorata

Dettagli

Sindromi da dolore agli arti

Sindromi da dolore agli arti www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Sindromi da dolore agli arti Versione 2016 10. Osteocondrosi (sinonimi: osteonecrosi, necrosi avascolare) 10.1 Che cos è? La parola "osteocondrosi" significa

Dettagli

UN CASO DI PIEDE DIABETICO

UN CASO DI PIEDE DIABETICO UN CASO DI PIEDE DIABETICO DATI ANAMNESTICI DIABETE MELLITO DALL ETA DI 45 ANNI IPERTENSIONE ARTERIOSA DALL ETA DI 45 ANNI DISLIPIDEMIA TIPO IV INTERVENTO DI ANGIOPLASTICA CORONARICA A 49 ANNI RETINOPATIA

Dettagli

Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico

Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico Ulcere del piede diabetico Approccio terapeutico Cutimed Advanced wound care Advanced wound care Una guida per la corretta gestione delle Non esistono ferite uguali tra loro eppure ogni ferita necessita

Dettagli

Liberare risorse per una migliore cura del paziente

Liberare risorse per una migliore cura del paziente Liberare risorse per una migliore cura del paziente Deborah Simon Tissue Viability Specialist Nurse 5 Boroughs Partnership NHS Foundation Trust, Huyton, Knowsley, UK Le sfide attuali L obiettivo è risparmiare

Dettagli

L ulcera flebostatica degli arti inferiori

L ulcera flebostatica degli arti inferiori SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Scuola Medica Salernitana. Miniatura del Canone di Avicenna. L ulcera flebostatica degli arti inferiori Programma preliminare 7-8

Dettagli

www.mondialrelax.it - info@mondialrelax.it - Numero Verde : 800-911914

www.mondialrelax.it - info@mondialrelax.it - Numero Verde : 800-911914 La magnetoterapia è una forma di fisioterapia che utilizza il magnetismo terrestre, risorsa presente in natura necessario per tutte le forme di vita. La magnetoterapia può essere di bassa e alta frequenza

Dettagli

Il sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica a Trieste

Il sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica a Trieste Il sistema interaziendale della continuità assistenziale infermieristica a Trieste Struttura Complessa Servizio Infermieristico Aziendale Strutture Operative Distretto 1-2 - 3-4 Mislej M, Trabona R, Ballarin

Dettagli

Lesioni Da Pressione se le conosci le eviti!

Lesioni Da Pressione se le conosci le eviti! Lesioni Da Pressione se le conosci le eviti! Cosa sono le L.D.P.? Una LPD è una lesione localizzata alla cute e/o agli strati sottostanti, generalmente in corrispondenza di una prominenza ossea, quale

Dettagli

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA

Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA Dott.ssa Eva Pellegrini Carta Servizi ODONTOIATRIA CONSERVATIVA L integrità di un dente può essere compromessa da molte cause, tra cui le più comuni sono: carie, erosione/abrasione e traumi. La Conservativa

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO

INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO INTERVENTO DI ARTROPROTESI DI GINOCCHIO Accesso chirurgico al ginocchio Protesi posizionata 2 La protesizzazione del ginocchio consiste nel ricostruire chirurgicamente l articolazione formata dai condili

Dettagli

Tecniche e presidi per l immobilizzazione e la mobilizzazione atraumatica

Tecniche e presidi per l immobilizzazione e la mobilizzazione atraumatica Tecniche e presidi per l immobilizzazione e la mobilizzazione atraumatica Obiettivi Immobilizzare il rachide cervicale Immobilizzare la colonna in toto Immobilizzare segmenti osteo-articolari Consentire

Dettagli

Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia

Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia Gestione posizionamento del paziente in S.O. di Ortopedia Coordinatrice Stefania Laici Infermiere Strumentista Francesco Paniccià Infermiere Strumentista Riccardo Finucci Asur Marche Z.T. n8 Civitanova

Dettagli

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski.

Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Le lesioni trofiche degli arti inferiori: loro terapia con la camera distrettuale di Madeyski. Autori: Amato G., Madeyski P. Babbo G.A., Bartelloni A. Casa di cura Sileno e Anna Rizzola. S. Donà di Piave

Dettagli

Quale è il meccanismo di questo processo distruttivo?

Quale è il meccanismo di questo processo distruttivo? Video per conferenza stampa L utilizzo della cocaina è trasversale, per età e per classe sociale, ma oggi modalità di consumo e costi l hanno resa particolarmente accessibile anche ai più giovani. Vi mostreremo

Dettagli

PROVE D EFFICACIA DEL BENDAGGIO ELASTOCOMPRESSIVO IN AMBITO DOMICILIARE

PROVE D EFFICACIA DEL BENDAGGIO ELASTOCOMPRESSIVO IN AMBITO DOMICILIARE Distretto di Ravenna Dipartimento Cure Primarie u.o. Assistenza Infermieristica Domiciliare Ravenna 2007 PROVE D EFFICACIA DEL BENDAGGIO ELASTOCOMPRESSIVO IN AMBITO DOMICILIARE COMPONENTI GRUPPO di LAVORO

Dettagli

LE FERITE. Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione)

LE FERITE. Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione) LE FERITE Dea vallo della lucania PERLE,FATTI E.. MISFATTI IN URGENZA 14-15-2012 (inf. A.Angione) Il 5,4 % degli accessi in Ps è dovuto a ferite Le ferite traumatiche sono più frequenti alle mani al volto

Dettagli

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C

Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive. D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C Il dolore procedurale, la sua gestione e le medicazioni attive D.A.I.- Dott. Dario PALADINO Vice Presidente A.I.S.Le.C NOCICETTIVO NEUROPATICO MISTO DOLORE NOCICETTIVO È solitamente ben localizzato, acuto

Dettagli

Un nuovo approccio terapeutico alle ulcere da pressione (decubiti ) con espansori cutanei esterni a tensione costante.

Un nuovo approccio terapeutico alle ulcere da pressione (decubiti ) con espansori cutanei esterni a tensione costante. Un nuovo approccio terapeutico alle ulcere da pressione (decubiti ) con espansori cutanei esterni a tensione costante. MA Farina, D Mastrangelo, E Farina, V Gallicchio U.F. Chirurgia Vascolare ed Endovascolare,

Dettagli

Wound Bed Preparation:

Wound Bed Preparation: Wound Bed Preparation: evoluzione della pratica clinica secondo i principi del TIME A cura di: Piero Bonadeo Mario Marazzi Marco Masina Elia Ricci Marco Romanelli Piero Bonadeo, Dirigente medico Istituto

Dettagli

PROGETTO WOUND CARE 2013

PROGETTO WOUND CARE 2013 E.C.M. PROGETTO WOUND CARE 2013 Formazione, Informazione ed Aggiornamento Continuo 8 maggio 2013 Aula Magna Ospedale C.T.O. A. Alesini Dott. Gaetano Romigi Dott. Davide Bove Con il Patrocinio 8 MAGGIO

Dettagli

Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging

Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging Allegato al D.R. N. 943 del 28.09.2010 Università G. d Annunzio Chieti-Pescara Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze e Imaging MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN : ASSISTENZA

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento

Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento Associazione italiana ulcere cutanee A.I.U.C. Napoli 8/11 Novembre 2006 Nuove Esigenze Territoriali: La Scelta del Centro e del Medico di Riferimento Giuseppe Nebbioso DISTRETTO SANITARIO di BASE 53 Unità

Dettagli

UN SOLIDO ANCORAGGIO PER I DENTI

UN SOLIDO ANCORAGGIO PER I DENTI UN SOLIDO ANCORAGGIO PER I DENTI S traumann E mdogain per la rigenerazione parodontale Informazioni per i pazienti Parodontite Malattia di molti adulti Che cos è la parodontite? Fate attenzione in caso

Dettagli

Centro Polispecialistico Bondani

Centro Polispecialistico Bondani Centro Polispecialistico Bondani Radiologia Generale e Odontoiatrica Digitale Risonanza Magnetica MuscoloOsteoArticolare Ecografia Generale - Diagnostica CardioVascolare Medicina Fisica e Riabilitazione-Terapia

Dettagli

Poliambulatorio Specialistico OSTI. con Centro di Fisioterapia

Poliambulatorio Specialistico OSTI. con Centro di Fisioterapia Poliambulatorio Specialistico OSTI con Centro di Fisioterapia Gli specialisti Direttore sanitario Dott.ssa Raffaella Osti Medico chirurgo Specialista in ortopedia Specialista in fisioterapia Esperta in

Dettagli

Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine

Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine Per il trattamento di dermatite associata a incontinenza (IAD), lesioni da umidità, lesioni da decubito*, dermatite da pannolino e intertrigine Riduzione dei costi e versatilità di utilizzo, a cui si aggiunge

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE)

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE) INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: REVISIONE O SOSTITUZIONE DI DISPOSITIVO IMPIANTABILE (PACEMAKER O DEFIBRILLATORE) FINALITÀ DELL INTERVENTO La revisione o sostituzione del dispositivo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM PIANO DIDDATICO DEL MASTER IN CHIRURGIA TROPICALE E DELLE EMERGENZE UMANITARIE. A.A. 00-0 Denominazione Moduli Denominazione insegnamenti ORE di didattica frontale per insegnamento CFU tot. Per modulo

Dettagli

Crescita Guidata per la correzione di ginocchio valgo e ginocchio varo nei bambini

Crescita Guidata per la correzione di ginocchio valgo e ginocchio varo nei bambini INFORMAZIONI PER I PAZIENTI Crescita Guidata per la correzione di ginocchio valgo e ginocchio varo nei bambini Il sistema di Crescita Guidata eight-plate quad-plate INTRODUZIONE Così come i bambini richiedono

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli